La Pianificazione Previdenziale dell'imprenditore post riforma Fornero. Presidente Comitato Tecnico Scientifico di Itinerari Previdenziali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Pianificazione Previdenziale dell'imprenditore post riforma Fornero. Presidente Comitato Tecnico Scientifico di Itinerari Previdenziali"

Transcript

1 post riforma Fornero Welfare, sfide e opportunità I riflessi della crisi economica e della transizione demografica; le sfide dei prossimi anni: spunti di riflessione D o c e n t e : Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico di Itinerari Previdenziali

2 La crisi del welfare state L attuale crisi economica, frutto delle bolle speculative e dei mercati assai poco regolamentati, iniziata nel 2008, avrà pesanti riflessi sulle politiche di welfare e sulla spesa pubblica. I casi di Grecia, Irlanda, Spagna e Portogallo, sono un esempio, purtroppo concreto e attuale; Inoltre la transizione demografica con il relativo aumento della speranza di vita ed il conseguente invecchiamento della popolazione, determinerà un incremento della spesa per pensioni, sanità, assistenza e non autosufficienza; attenzione: la demografia è già scritta Le proiezioni ci dicono che nel 2030, cioè poco più che domani per la domanda sociale, la somma delle spese per pensioni, sanità e LTC, sarà pari a circa il 26% del Pil.

3 La crisi del welfare state Cioè una somma quasi pari a quella che spendiamo oggi (28,4% ultimo dato Eurostat) per l intera protezione sociale, il che significa che per soddisfare le altre funzioni (famiglia, sostegno al reddito, disoccupazione, esclusione sociale, casa) si arriverà ad oltre un terzo del Pil. e tutto ciò Nel momento in cui l indice di dipendenza strutturale (rapporto tra pop > 65 anni e pop tra anni) si troverà oltre il 40% dall attuale 30,6% circa; l indice di invecchiamento della popolazione si attesterà oltre 180% dall attuale 143,1 (180 >65 x 100 <15 fonte Eurostat) E fin troppo evidente che nei sistemi pensionistici, sanitario e assistenziali, ci sarà un forte sviluppo delle forme integrative poiché è altrettanto evidente che la spesa pubblica difficilmente potrà far fronte a queste nuove esigenze che incrementano la spesa.

4 Spesa per la protezione sociale, anni 2000/2006 (in % del PIL) Unione Europea (27 countries) Unione Europea (25 countries) Unione Europea (15 countries) Euro area Belgio Danimarca Germania Spagna Francia Italia

5 Verso un welfare mix Per colmare l inevitabile incapacità dello Stato di fronteggiare questa delicata fase, in piena transizione demografica, occorrerà accelerare il passaggio dal tradizionale welfare state a un moderno welfare mix dove privato sociale, terzo settore e privato profit ( assicurazioni e operatori di mercato) offriranno schemi di protezione integrativi e complementari. quali previdenza complementare; forme di assistenza sanitaria integrativa; assicurazioni contro i rischi biometrici Prodotti e servizi di LTC Vediamo alcuni indicatori tendenziali

6 La transizione demografica e economica Indicatori demografici: Evoluzione della struttura della popolazione per età Tassi di fertilità Tassi di dipendenza Evoluzione della speranza di vita Indicatori economici Spesa per welfare pubblico Spesa per l assistenza Spesa per pensioni Le tre sfide future: proiezioni spesa/pil per pensioni, sanità e LTC

7 I cambiamenti in corso: l Europa invecchia Tabella 2 DISTRIBUZIONE DELLA POPOLAZIONE EUROPEA PER GRUPPI DI ETA (periodo ) 24,3% 100% 80% 1,2% 2,0% 3,4% 7,9% 10,7% 12,3% 15,2% 15,4% 17,2% 6,5% 16,2% 11,8% 18,5% 80 + anni 65 / 79 anni 48,8% 60% 40% 35,0% 32,7% 15,8% 15,5% 36,9% 21,3% 31,1% 18,5% 28,2% Serie6 50 / 64 Serie5 anni Serie4 Serie3 25 / Serie2 49 anni Serie1 20% 0% 13,0% 10,5% 9,7% 24,9% 23,7% 17,1% 14,4% 13,3% / 24 anni 0 / 14 anni Fonte: UN World Population Prospects (2002 Revision) and Eurostat 2004 Demografic Projectons (Baseline scenario)

8 Livello necessario per il ricambio generazionale I cambiamenti in corso: poche nascite Tabella 4 TASSO DI FERTILITA TOTALE (periodo )* Fonte: Eurostat (2005) * Dati 1970 Estonia e Lettonia

9 L Europa ha un tasso di fertilità attuale e prospettico inferiore a quello necessario per un pari ricambio generazionale TASSO DI FERTILITA ,0 2,5 2,0 1, Livello ricambio generazionale ,0 0,5 0,0 BE BG CZ DK DE EE IE GR ES FX IT CY LV LT LU HU MT NL AT PL PT RO SI SK FI SE UK Fonte: Eurostat 2010 w w w. P F A c a d e m y. i t

10 Il mondo invecchia TASSO DI DIPENDENZA ANZIANI Rapporto fra popolazione over 65 anni su popolazione anni 60% % 40% 30% 20% 10% 0% World Europe Northern America Latin America Asia Africa Oceania Italy Japan China India Fonte: UN - World Population Prospects Revision w w w. P F A c a d e m y. i t

11 REGIONE IDV (1) IDS (2) IDA (3) Piemonte 172,5 181,3 178,2 48,7 53,8 54,9 30,8 34,7 35,2 Valle D'Aosta 147,5 151,8 150,7 46,5 50,4 52,6 27,7 30,4 31,6 Lombardia 135,5 143,2 142,2 44,6 49,5 51,5 25,7 29,2 30,2 Trentino Alto Adige 104,9 109,3 114,0 48,7 51,2 52,4 24,9 26,7 27,9 Bolzano - Bozen 90,7 97,4 124,2 48,2 50,7 52,1 22,9 25,0 26,6 Trento 120,6 122,1 138,8 49,1 51,6 52,8 26,9 28,4 29,2 Veneto 134,3 138,5 186,4 45,6 49,4 51,1 26,2 28,7 29,7 Friuli Venezia Giulia 188,0 188,0 235,6 48,2 52,9 55,2 31,4 34,5 35,9 Liguria 238,4 240,3 172,3 55,0 60,6 61,5 38,7 42,8 43,2 Emilia Romagna 193,5 182,9 185,2 50,6 54,5 55,1 33,3 35,2 34,9 Toscana 189,8 192,0 180,4 50,8 54,8 55,7 33,3 36,1 36,2 Umbria 182,7 186,4 169,0 52,8 55,9 56,1 34,1 36,4 36,1 Marche 166,4 172,9 140,7 52,5 55,4 55,5 32,8 35,1 34,9 Lazio 123,0 137,6 161,8 45,9 49,3 50,7 25,3 28,5 29,7 Abruzzo 141,8 158,6 171,3 51,9 53,1 52,4 30,4 32,6 32,4 Molise 144,9 164,7 95,0 54,5 54,7 52,9 32,3 34,0 33,4 Campania 72,9 87,8 119,2 49,1 48,8 48,4 20,7 22,8 23,6 Puglia 90,6 110,2 146,4 48,1 49,2 49,4 22,8 25,8 26,9 Basilicata 113,7 137,8 128,7 51,7 52,4 51,0 27,5 30,4 30,3 Calabria 97,6 120,2 118,6 51,1 50,3 49,5 25,2 27,5 27,9 Sicilia 92,8 111,3 150,7 51,8 51,8 51,0 25,0 27,3 27,7 Sardegna 109,3 136,8 151,0 42,4 43,9 45,2 22,1 25,3 27,2 ITALIA 127,1 140,4 143,1 48,4 51,2 51,9 27,1 29,9 30,6 Nord 155,6 159,4 156,9 47,3 51,8 53,3 28,8 31,8 32,6 Centro 151,8 162,0 160,5 48,8 52,3 53,3 29,4 32,4 32,8 Mezzogiorno 91,5 110,3 118,3 49,5 49,8 49,5 23,7 26,1 26,8 Fonte: Istat Indicatori demografi Indicatori demografici distinti per regione (1) Rapporto percentuale tra la popolazione di 65 e più e la popolazione di 0-14 anni (2) Rapporto percentuale tra la popolazione in età non attiva ( 0-14 anni e 65 anni e più) e quella in età attiva ( anni) (3) Rapporto percentuale tra la popolazione di 65 e più e la popolazione in età attiva ( anni) w w w. P F A c a d e m y. i t

12 Le prospettive future: le aspettative di vita La corsa dall'800 ad oggi 74,4 71,9 69,8 70,5 66,1 68,3 69,2 65,5 60,5 57,7 54, ,2 78,9 F M F M 72,9 74,2 84,3 82, ,2 79,4 77,2 78,7 78, , ,3 37,1 43 aspettativa di vita alla nascita aspettativa di vita a 5 anni 33,

13 La spesa per welfare pubblico nel 2008 tipologia Oneri in mld di In % PIL spesa pubblica Spesa per pensioni 217,60 13,84% 30,0% Spesa per sanità 100,00 6, 36% 13,8% Spesa per assistenza + LTC 22,70 1,44% 3,13% Spesa per casa (*) 16,00 1,02% 2,2% Spesa per welfare enti locali (*) 4,00 0,25% 0,55% Spesa totale 360,30 22,90% 49,70% Fonti: Bilancio Inps; rapporto n. 10 della RGS; rapporto 2009 Nucleo di Valutazione della Spesa Previdenziale. - Pil 2008 pari a 1.572,22 MLD - Spesa statale totale 2008 pari a circa 725 mld (*) stima

14 Spunti di riflessione Sistema pensionistico italiano 2008 LA DIMENSIONE DEL PROBLEMA Sistema IVS Costo totale delle prestazioni (1) Totale entrate contributive (1) Saldo mil mil mil. 13,8 % del PIL Sistema Generale N dei lavoratori occupati (2) N dei pensionati (3) N delle pensioni (3) N abitanti residenti in Italia (2) Copyright di Alberto Brambilla; riproduzione vietata. Alberto Brambilla Importo medio annuo della pensione (3) Importo medio corretto pro capite (3) IX Congresso nazionale mil. degli attuari PIL (1) (valori a prezzi correnti) maggio 2010Torino 1,4 occupati per pensionato 1,4 pensioni per ogni pensionato 1 pensione ogni 2,5 abitanti (1) Nucleo di valutazione della Spesa Previdenziale Gli andamenti finanziari del sistema pensionistico obbligatorio (2) Istat demo.istat.it (3) Inps Casellario Centrale dei Pensionati

15 La spesa per l assistenza galoppa Tabella B.3 - Altre prestazioni assistenziali Numero Importo complessivo (mgl ) Pensioni invalidi civili * Pensioni ed assegni sociali * Indennità di accompagnamento * Pensioni di guerra ** dirette indirette Totale Altre prestaz. da Enti locali *** nd ,0 TOTALE * Fonte : bilancio Inps le pensioni invalidi civili e le pensioni-assegni sociali sono al lordo delle maggiorazioni, art 38 legge n.448/2001 ** Fonte: Casellario Centrale dei pensionati. Dati provvisori di stock al 31/12/2008 * ** Fonte: RGS Rapporto n. 10 "Le tendenze di medio e lungo periodo del sistema pensionistico e socio sanitario", anno Dato su spesa annua 2007.

16 % w w w. P F A c a d e m y. i t Spesa pubblica per pensioni in % del PIL aggiornata alla legge n. 11/2011 Monti Spesa pubblica per pensioni in % PIL Normativa vigente Normativa antecedente il DL 201/2011 Fonte: RGS. Previsioni aggiornate alla normativa al 31/12/2011

17 w w w. P F A c a d e m y. i t Evoluzione del rapporto spesa/pil negli ultimi 20 anni Grafico 1 - Spesa pensionistica in rapporto al Pil * 15,00 14,81 14,93 15,40 14,50 14,00 13,60 13,56 13,84 13,50 13,00 13,10 13,19 13,22 13,35 13,50 12,50 12,50 12,00 11,50 11,48 11, * i valori del 2009 e del 2010 sono stati stimati sulla base degli andamenti della spesa pensionistica e del PIL previsti nella RPP 2010

18 SPESA PUBBLICA PER LA SANITA Fig. A: confronto fra aggiornamento 2007 e Scenario nazionale base Spesa in rapporto al PIL Fig. A2: spesa pubblica per sanità(1) 10,0% 9,0% 8,0% 9,0% 8,6% 9,0% 7,0% 6,0% 5,0% Aggiornamento 2008 Aggiornamento 2007 Note: (1) Le previsioni scontano le ipotesi del pure ageing scenario.

19 SPESA PUBBLICA PER LA LONG TERM CARE Fig. A: confronto fra aggiornamento 2007 e Scenario nazionale base Spesa in rapporto al PIL Fig. A3: spesa pubblica per LTC(1) 5,0% 4,0% 3,0% 3,0% 3,3% 2,8% 2,0% 1,0% 0,0% Aggiornamento 2008 Aggiornamento 2007 Note: (1) Le previsioni scontano le ipotesi del pure ageing scenario.

20 Il welfare integrativo Ricapitolando: La grave crisi finanziaria, l invecchiamento della popolazione e l enorme debito pubblico, ci costringeranno a cambiare il nostro modello di welfare state, che avrà in futuro prestazioni inferiori a oggi; Diventerà sempre più importante quindi, tenere sotto controllo la propria posizione (pensionistica, sanitaria, assistenziale) e proteggersi dai rischi legati alla vita umana; Ciò che prima davamo per scontato: ci pensa lo Stato non sarà più così; come l acqua a cui non davamo il minimo valore ma scopriamo ogni giorno di più quanto è preziosa (e costa), così anche per il nostro futuro dovremo pensare a valorizzarlo e proteggerlo.

21 Il welfare integrativo Ricapitolando: Il nostro futuro prossimo sarà un ritorno alle origini, al manifesto di Beveridge, del 1942/44: Il benessere collettivo deve essere raggiunto attraverso una stretta cooperazione fra lo Stato e l individuo Non sarà più welfare state, ma si tenderà verso un nuovo welfare mix a tre dove Stato, Imprese e Individui opereranno insieme per migliorare il benessere sociale ; lo Stato dovrà agevolare fiscalmente parte delle retribuzioni in denaro o servizi; le Imprese offriranno non solo classiche retribuzioni ma anche servizi sociali; gli individui, non più soli, avranno più strumenti per migliorare il loro futuro.

22 CONVIENE INVESTIRE NEI FONDI PENSIONE? Motivazioni, vantaggi e come scegliere il fondo su misura Ci concentriamo ora sul nostro sistema pensionistico La prima domanda da porsi è: la mia pensione pubblica quanto sarà? Riuscirò a mantenere un minimo di tenore di vita? 22 w w w. P F A c a d e m y. i t

23 Il sistema pensionistico Le pensioni pubbliche e la previdenza complementare (i fondi pensione) I tassi di sostituzione della pensione pubblica Chi ha più bisogno di previdenza complementare I nuovi tassi di sostituzione Perché iniziare il prima possibile I vantaggi fiscali

24 Tassi di sostituzione netti della previdenza obbligatoria dipendenti privati - scenario nazionale base ipotesi base Fonte RGS, rapporto n.12. Ipotesi dal 2012 : tasso di crescita del PIL 1,57% tasso di inflazione 2% tasso di variazione della produttività 1,51%, retribuzione lorda per unità di lavoro dipendente ISTAT

25 Tassi di sostituzione netti della previdenza obbligatoria autonomi - scenario nazionale base ipotesi base Fonte RGS, rapporto n.12. Ipotesi dal 2012 : tasso di crescita del PIL 1,57% tasso di inflazione 2% tasso di variazione della produttività 1,51%, retribuzione lorda per unità di lavoro dipendente ISTAT

26 Fonte : elaborazione - ipotesi tasso di crescita del PIL 1,57% tasso di inflazione 2% tasso di variazione della produttività 1,51%, retribuzione lorda per unità di lavoro dipendente ISTAT pari a quella dei dipendenti privati w w w. P F A c a d e m y. i t Tassi di sostituzione netti della previdenza obbligatoria parasubordinati - scenario nazionale base ipotesi base

27 QUALE SARÀ LA MIA PENSIONE PUBBLICA? SARÀ SUFFICIENTE NELL ETÀ ANZIANA? qualche riflessione I tassi di sostituzione cioè il rapporto tra l ultimo reddito da attivo e la prima pensione, misurano in pratica quale potrà essere il tenore di vita possibile quando si sarà in pensione; Tuttavia per avere i tassi di sostituzione indicati, occorre che si verifichino: Le ipotesi alla base delle proiezioni della RGS: e cioè dal 2010 tasso di crescita del PIL nominale 3,5%, tasso di inflazione medio annuo 2% e quindi tasso di crescita del Pil reale 1,5%, tutto imputabile all aumento medio annuo della produttività. Infine, valore nominale del reddito nel 2005 = Ma il nostro è un Paese che da più di 15 anni cresce poco (negli ultimi anni meno del 1,5% di PIL reale previsto dalla Dini) e in cui la produttività è modesta (addirittura in qualche anno con crescita negativa)

28 QUALE SARÀ LA MIA PENSIONE PUBBLICA? SARÀ SUFFICIENTE NELL ETÀ ANZIANA? qualche riflessione Supponendo un discreto andamento economico, i dati dei grafici ci dicono comunque 2 cose: dopo tutte le riforme i tassi di sostituzione sono buoni; tra i più elevati dei Paesi sviluppati (eravamo battuti da Irlanda, Grecia, Spagna ma oggi è un altra storia); i paesi anglosassoni hanno tassi non superiori al 40%; anche così, la riduzione di reddito che si avrà il mese successivo la fine dell attività lavorativa sarà tra il 30% dei dipendenti e il 45% degli autonomi; emerge la necessità di di avere una previdenza complementare

29 In sintesi, riepilogando QUALE SARÀ LA MIA PENSIONE PUBBLICA? SARÀ SUFFICIENTE NELL ETÀ ANZIANA? I LAVORATORI PIU BISOGNOSI DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE a) i liberi professionisti, iscritti alle casse privatizzate di cui al D LGS n. 509/94 e 103/96 (dottori commercialisti, ragionieri, geometri, ecc.), quelli già inseriti nel metodo di calcolo contributivo; b) i lavoratori autonomi (artigiani, commercianti e imprenditori agricoli) con particolare riguardo a quelli che hanno iniziato l attività dal 1/1/1996; nonchè quelli con modeste anzianità contributive al c) i lavoratori iscritti alla gestione separata INPS (soci e/o amministratori di società di capitali, membri di CDA e collegi sindacali, co.co.co, co.co.pro., associati in partecipazione e lavoratori occasionali (con > euro annui). d) in generale tutti i lavoratori dipendenti neo assunti che hanno iniziato a lavorare dal 1/1/1996, o con poca anzianità contributiva (<18 anni al ); d) le carriere medie e forti: dinamica retributiva individuale > 2,5% annuo In generale tutti i lavoratori con basse % di contribuzione e inseriti nel metodo contributivo w w w. P F A c a d e m y. i t

30 Tassi di sostituzione netti della previdenza obbligatoria e complementare dipendenti privati scenario nazionale base ipotesi base Fonte RGS, rapporto n.12. Ipotesi dal 2012 : tasso di crescita del PIL 1,57% tasso di inflazione 2% tasso di variazione della produttività 1,51%, retribuzione lorda per unità di lavoro dipendente ISTAT contribuzione per la previdenza complementare 6,91 interamente deducibile

31 Tassi di sostituzione netti della previdenza obbligatoria e complementare - autonomi scenario nazionale base ipotesi base Fonte RGS, rapporto n.12. Ipotesi dal 2012: tasso di crescita del PIL 1,57% tasso di inflazione 2% tasso di variazione della produttività 1,51%, retribuzione lorda per unità di lavoro dipendente ISTAT contribuzione per la previdenza complementare 6,91 interamente deducibile w w w. P F A c a d e m y. i t

32 Tassi di sostituzione netti della previdenza obbligatoria e complementare lavoratori parasubordinati - scenario nazionale base ipotesi base Fonte : elaborazione - ipotesi tasso di crescita del PIL 1,57% tasso di inflazione 2% tasso di variazione della produttività 1,51%, retribuzione lorda per unità di lavoro dipendente ISTAT pari a quella dei dipendenti privati contribuzione per la previdenza complementare 6,91 interamente deducibile w w w. P F A c a d e m y. i t

33 INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER LA TUTELA DEI BISOGNI PREVIDENZIALI DATI DEI FONDI PENSIONE ITALIANI ANNO 2011 ISCRITTI FISSI (15 MILIONI) FLUSSI NETTI ANNUI 3, 7 MLD ( 24 MLD) INVESTIMENTO PRO CAPITE 664,00 /ANNO 1,8 (1.260 ANNUO 3,5 / GIORNO) PATRIMONIO ACCUMULATO (400 MILIARDI ) PATRIMONIO/PIL 5,9% (27%) TASSO DI CRESCITA 2010/11 iscritti +5,7% patrimonio +6,5% (+ 8,4%) La non grande diffusione è un problema di risorse economiche o di informazione e consapevolezza? E più un problema di informazione tesa alla consapevolezza e distribuzione offerta. Ecco cosa accade in Paesi con livelli di vita anche inferiori al nostro.

34 Rapporto patrimonio / PIL dei fondi pensione Paesi OCSE anno 2010 Netherlands Iceland Australia United Kingdom Finland United States Media Ponderata Chile Canada Denmark Ireland Israel Media Semplice Poland Hungary New Zealand Mexico Portugal Spain Norway Slovak Republic Czech Republic Austria Germany Italy Korea Belgium Slovenia Turkey France Greece 15,8% 14,6% 13,8% 12,6% 11,4% 7,9% 7,8% 7,4% 6,3% 5,3% 5,2% 4,6% 4,0% 3,8% 2,5% 2,3% 0,2% 0,0% 33,2% 90,9% 86,6% 82,1% 72,6% 71,6% 67,0% 60,9% 49,7% 49,0% 48,9% 123,9% 134,9% Fonte: OECD Global Pension Statistics w w w. P F A c a d e m y. i t

35 Hong Kong (China) El Salvador Rapporto patrimonio / PIL dei fondi pensione Paesi NON OCSE anno ,1% 34,7% Peru 20,0% Colombia Media Ponderata Uruguay Brazil 16,1% 15,3% 14,4% 14,4% Media Semplice 8,9% Bulgaria Dominican Republic Russian Federation Indonesia Romania Latvia China India Ukraine Pakistan 5,7% 4,1% 3,4% 1,6% 0,9% 0,9% 0,7% 0,2% 0,1% 0,0% Fonte: OECD Global Pension Statistics w w w. P F A c a d e m y. i t

36 . Perché è bene pensarci per tempo Percentuale di integrazione del reddito a 70 anni 10% 20% 30% 40% 50% Età Percentuale del reddito da lavoro da destinare all'investimento previdenziale 30 1,1 2,2 3,3 4,4 5,5 40 2,4 4,8 7,2 9, ,4 14,8 22,2 29, ,4 56,8 82,2 113,6 142

37 CONVIENE VERSARE IL TFR AI FONDI PENSIONE? SI, SOTTO IL PROFILO FISCALE. NOTA: Tutti i rendimenti del TFR sono al netto dell imposta del 11%

38 Aliquote Irpef OLTRE AL TFR, E CONVENIENTE VERSARE ANCHE IL CONTRIBUTO A CARICO DEL LAVORATORE 43% 39% 33% 23% IN GENERALE IL VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO A CARICO DEL LAVORATORE DIPENDENTE È CONVENIENTE, SIA PER LE AGEVOLAZIONI FISCALI IN FASE DI CONTRIBUZIONE, SIA PER LA TASSAZIONE FINALE; CERTO ALCUNE VALUTAZIONI SIA SULL ISCRIZIONE AI FPC E QUINDI SULLA DEVOLUZIONE DEL TFR E DEL PROPRIO CONTRIBUTO, VANNO FATTE SOPRATTUTTO IN BASE ALL ETÀ E ALLA ANZIANITÀ CONTRIBUTIVA DEL SOGGETTO, AGLI ANNI MANCANTI ALLA PENSIONE E ALLA SITUAZIONE OCCUPAZIONALE. LA FISCALITA DELLE PRESTAZIONI 15% Aliquote prestazioni 9% Anni di partecipazione a forme pensionistiche complementari Ogni anno è prevista una riduzione dello 0,30% fino al massimo del 6% w w w. P F A c a d e m y. i t

39 L enorme platea dei potenziali aderenti 5.164,57, massimo versamento annuo con deducibilità fiscale DESTINATARI: Tutti i lavoratori ; anche i già iscritti ai fondi di categoria I lavoratori di prima occupazione (incentivi contributivi) I già pensionati I dipendenti pubblici Le persone a carico Il vero regalo per i figli, alla nascita, alle ricorrenze

40 L enorme platea dei potenziali aderenti di detraibilità fiscale al 19% (massimale ) per tutte le protezioni collaterali Tutte le polizze collaterali per la copertura dei rischi di: Invalidità Premorienza LTC altro..

41 Protezione globale Dopo il fondo pensione, per completare la protezione TFM: per una tutela complessiva di soci, amministratori, sindaci e imprenditori; Coperture sanitarie: per tutti i lavoratori Polizze collettive, fondo pensione, protezione sanitaria: per tutte le PMI e i loro dipendenti e per il welfare aziendale. Un insieme di commissioni ricorrenti che diventano la pensione anticipata per i proponenti e un servizio sociale per i lavoratori e il Paese.

42 drinnn GRAZIE PER L ATTENZIONE

Welfare: sfide e opportunità. Prof. Alberto Brambilla Coordinatore Giornata Nazionale della Previdenza Itinerari Previdenziali

Welfare: sfide e opportunità. Prof. Alberto Brambilla Coordinatore Giornata Nazionale della Previdenza Itinerari Previdenziali Welfare: sfide e opportunità Prof. Alberto Brambilla Coordinatore Giornata Nazionale della Previdenza Itinerari Previdenziali Lo scenario della previdenza complementare in Italia La spesa e i numeri del

Dettagli

Apertura internazionale, ricerca e innovazione nell economia italiana

Apertura internazionale, ricerca e innovazione nell economia italiana Apertura internazionale, ricerca e innovazione nell economia italiana Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Corso per i poli regionali di innovazione ITA, Roma, 3 febbraio 2015 Sommario

Dettagli

IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES. Roma, 20 aprile 2010

IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES. Roma, 20 aprile 2010 OSSERVATORIO SULLA DIFFUSIONE DELLE RETI TELEMATICHE E DEI SERVIZI ON LINE IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES Roma, 20 aprile 2010

Dettagli

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI 1. Gap PIL pro-capite Italia vs. altri Paesi europei Valori %, anni 2000-2012

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia Bollettino Flash 17 marzo 2014 Confagricoltura ha espresso più volte la propria preoccupazione

Dettagli

PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013

PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013 PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013 PREZZO DEL PETROLIO (da Gennaio 2010 ) RAPPORTO DI CAMBIO /$ (da Gennaio 2010

Dettagli

ALLEGATI GRAFICI E TABELLARI

ALLEGATI GRAFICI E TABELLARI ALLEGATI GRAFICI E TABELLARI I dati sono aggiornati a settembre 2014. 50 miliardi di euro 130 Le previsioni di spesa sanitaria pubblica 125 120 DEF NA DEF DEF 2012 NA DEF 2012 115 NA DEF 2013 Def 2014

Dettagli

Dott. Simonpaolo Buongiardino

Dott. Simonpaolo Buongiardino Quali proposte per aumentare il «patrimonio previdenziale» dei Fondi Pensione, arricchendone le prestazioni finali? Spunti dal Master M.A.P.A. e dalla GNP2012 Dott. Simonpaolo Buongiardino Vice Presidente

Dettagli

II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI

II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI Un confronto tra Italia e resto d Europa alla luce dei cambiamenti del modello di distribuzione Milano, 29 giugno 2015 Contenuti Osservatorio 2015

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

LA DIFFUSIONE DELLA BANDA LARGA NEL PAESE

LA DIFFUSIONE DELLA BANDA LARGA NEL PAESE LA DIFFUSIONE DELLA BANDA LARGA NEL PAESE FORUM P.A. - 12 maggio 2005 François de Brabant BETWEEN 1 SUPERATA LA VETTA DEI 4,5 MILIONI DI ACCESSI IN ITALIA (Dic. 2004) Milioni accessi 5,0 4,5 4,0 3,5 3,0

Dettagli

Obiettivi dello studio

Obiettivi dello studio La riforma della finanza decentrata in Italia: prospettive attuali e future. L IRAP. Maria Pia Monteduro Se.C.I.T. Obiettivi dello studio Analisi della situazione attuale Osservazioni sul disegno di legge

Dettagli

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso,

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso, Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 213 Presentazione di J.M. Barroso, Presidente della Commissione europea, al Consiglio europeo del 14-1 marzo 213 La ripresa economica

Dettagli

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI - analisi, confronto e rafforzamento del sistema sanitario Stefano Scarpetta, Direttore della Direzione del Lavoro, Occupazione e Affari Sociali Il Lavoro dell

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

Efficienza Energetica: un nuovo paradigma nel mercato dell energia Mario Mauri

Efficienza Energetica: un nuovo paradigma nel mercato dell energia Mario Mauri Efficienza Energetica: un nuovo paradigma nel mercato dell energia Mario Mauri Milano, 13 giugno 2013 Uso: Confidential Enel oggi Operatore energetico internazionale Presenza in 40 paesi Capacità installata

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Obbligo per le Casse dei Professionisti di dimostrare la propria sostenibilità a 50 anni previa adozione di misure dirette ad assicurare l equilibrio tra entrate

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI inarcassa in Cifre Statistiche su iscritti e pensionati, redditi e volume d affari Ufficio Studi e Ricerche

Dettagli

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi Occupazione femminile e maternità Alessandra Casarico Università Bocconi Donne: nuove regole, nuove opportunità Roma, 25 maggio 2015 Temi I differenziali di genere nel mercato del lavoro Le ragioni dei

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

OCSE PISA 2009 Programme for International Student Assessment

OCSE PISA 2009 Programme for International Student Assessment 7 dicembre 2010 INVALSI OCSE PISA 2009 Programme for International Student Assessment Risultati nazionali La rilevazione OCSE PISA 2009 Quarta edizione del programma PISA (rilevazioni triennali). Obiettivo

Dettagli

NON-AUTOSUFFICIENZA E ALZHEIMER IN ITALIA E LOMBARDIA

NON-AUTOSUFFICIENZA E ALZHEIMER IN ITALIA E LOMBARDIA CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale NON-AUTOSUFFICIENZA E ALZHEIMER IN ITALIA E LOMBARDIA FOTOGRAFIA DEI LIVELLI DI BISOGNO E DEI GAP DI OFFERTA: QUALI POSSIBILI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro.

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro. Azimut Previdenza A ciascuno il suo futuro. con Azimut PrevidenzA il futuro tiene sempre il tuo stesso PAsso. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO.

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. CON AZIMUT PREVIDENZA IL FUTURO TIENE SEMPRE IL TUO STESSO PASSO. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

Fondi pensione ed economia Italiana

Fondi pensione ed economia Italiana Fondi pensione ed economia Italiana Mauro Marè Università della Tuscia e Mefop Previdenza privata e crescita economica: idee e prospettive LUISS, Roma 14 dicembre 2015 Outline 1. L industria dei fondi

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione. Primi risultati di PISA 2009

Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione. Primi risultati di PISA 2009 Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione Primi risultati di PISA 2009 Dicembre 2010 Questo fascicolo contiene una prima presentazione dei risultati di PISA

Dettagli

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Intervento del Direttore Generale Marcella Panucci SPESA PUBBLICA, PRIVATA E FINANZIAMENTO DEL SSN (Ministero della Salute e Istat, 2011) Valori assoluti

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

La pubblicità in cifre. 2006 totale anno

La pubblicità in cifre. 2006 totale anno La pubblicità in cifre 2006 totale anno PARTE 1 I MACRO INDICATORI ECONOMICI La crescita del prodotto interno lordo Dati a prezzi costanti 1995; variazioni percentuali medie annue. paesi 1994 1995 1996

Dettagli

Studio di un progetto di welfare integrativo

Studio di un progetto di welfare integrativo Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare PREVIDENZA E ASSISTENZA: PROPOSTE PER UN APPROCCIO INTEGRATO Studio di un progetto di welfare integrativo Attuario Attuario Indice Di

Dettagli

Tabella 1 - Spesa per i servizi per il lavoro pubblici in Europa ( LMP Category 1 ) Milioni di euro. Anni

Tabella 1 - Spesa per i servizi per il lavoro pubblici in Europa ( LMP Category 1 ) Milioni di euro. Anni Tabella 1 - Spesa per i servizi per il lavoro pubblici in Europa ( LMP Category 1 ) Milioni di euro. Anni 2005-2011 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 European Union (27 countries) 24.258,853 23.236,823

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche.

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. L Italia è il primo Paese europeo per presenza di cittadini e negli ultimi anni ha visto un aumento del 62%.

Dettagli

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013 INVESTIMENTI DEGLI ENTI TERRITORIALI E PATTO DI STABILITA INTERNO - L incompatibilità dei vincoli di finanza pubblica con una politica di sviluppo del territorio A cura della Direzione Affari Economici

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

Il Turismo nell area Euro-Adriatica

Il Turismo nell area Euro-Adriatica Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio Il Turismo nell area Euro-Adriatica In collaborazione con: 1 Il mercato del turismo europeo Fonte: WTO, 2006 2 I numeri dell Euroregione Adriatica

Dettagli

Venezia Venerdì 20 Novembre

Venezia Venerdì 20 Novembre Venezia Venerdì 20 Novembre LA PREVIDENZA PER IL MEDICO E L ODONTOIATRA: MIRAGGIO O REALTA Sala convegni dell OMCeO Venezia, Via Mestrina 86 - Mestre . Compito dell ordine professionale E anche stimolare

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Misurazione e valutazione della performance dei pubblici dipendenti: l'esperienza dell'ateneo fiorentino

Misurazione e valutazione della performance dei pubblici dipendenti: l'esperienza dell'ateneo fiorentino Misurazione e valutazione della performance dei pubblici dipendenti: l'esperienza dell'ateneo fiorentino Prof. Carlo ODOARDI Firenze, 16 aprile 2010 VALUTARE PER VALORIZZARE GLI INDIVIDUI E PROMUOVERE

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

Luca Paolazzi - Direttore Centro Studi Confindustria

Luca Paolazzi - Direttore Centro Studi Confindustria Frenata globale e premesse per la ripresa Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria La convergenza delle previsioni 2008 2009 CSC (giugno) 0,1 0,6 Prometeia (settembre) 0,1 0,6 OCSE (settembre)

Dettagli

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale VI Workshop UniCredit RegiosS Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali. I fattori di competitività territoriale La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011

Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011 Ordine Nazionale Attuari Seminario LA PREVIDENZA PUBBLICA NEI 150 ANNI DELL UNITA D ITALIA Cinzia Ferrara* Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011 (*) La relazione è svolta a titolo personale 150 D ITALIA

Dettagli

Reddito e diseguaglianza in Piemonte Santino Piazza Ires Piemonte 11 aprile 2013 Scaletta Reddito e diseguaglianza: prime, e incerte, verifiche sull impatto della crisi? Diseguaglianza dei redditi nelle

Dettagli

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni:

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: 1 Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: quante sono, a chi vanno, quanto rendono Rilevazioni sui trattamenti pensionistici condotta dall Istituto nazionale di statistica in collaborazione

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2011, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo

La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo Econpubblica - Centre for Research on the Public Sector La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo Giampaolo Arachi Università del Salento e Econpubblica Alberto Zanardi, Università di Bologna

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 Le Politiche Pensionistiche Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 In generale la pensione è una prestazione pecuniaria vitalizia

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum IL REDDITO DISPONIBILE DELLE FAMIGLIE: LIVELLI, DIFFERENZIALI

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

I Fondi Pensione. La scelta di oggi per la serenità di domani. Tarzo, 27 ottobre 2015 Mico Imperiali

I Fondi Pensione. La scelta di oggi per la serenità di domani. Tarzo, 27 ottobre 2015 Mico Imperiali I Fondi Pensione La scelta di oggi per la serenità di domani Tarzo, 27 ottobre 2015 Mico Imperiali Perché i Fondi Pensione? 2 / 36 Allarme pensioni Concesso troppo Baby Pensioni Demografia Trattamenti

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Docente: Alessandro Bugli

Docente: Alessandro Bugli Docente: Alessandro Bugli Rapporto patrimonio / PIL dei fondi pensione Paesi OCSE anno 2012 Fonte: OECD Global Pension Statistics - 2012 Rapporto patrimonio / PIL dei fondi pensione Paesi OCSE anno 2012

Dettagli

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002 HW Health World Ocse health data 2002 di Mario Coi e Federico Spandonaro Ceis Sanità, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei

Dettagli

SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE

SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale SVILUPPARE LE CURE DOMICILIARI SOCIO-SANITARIE RICOMPONENDO LE RISORSE Francesco Longo Bologna, 29 maggio 2015 1 Struttura della

Dettagli

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015 Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità Ferrara - Novembre 2015 1 Invitalia per la crescita e la competitività del sistema produttivo Sosteniamo la nascita di nuove imprese la realizzazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila).

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila). COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2010, a sei mesi dal termine di presentazione (settembre

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

BOOM DI MINI-JOBS ==================

BOOM DI MINI-JOBS ================== BOOM DI MINI-JOBS Nel 2014 la CGIA prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro: interessato un milione di persone. Commercio, ristorazione/turismo e servizi i settori più interessati ==================

Dettagli

EFFETTI DELLA RIDUZIONE DELL IVA NEI

EFFETTI DELLA RIDUZIONE DELL IVA NEI Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro Direttore responsabile: Edi Sommariva Numero 35-09 EFFETTI DELLA RIDUZIONE DELL IVA NEI PUBBLICI ESERCIZI A cura di L. Sbraga e G. Erba Il processo

Dettagli

Italia divisa: le disomogeneità territoriali nella gestione dell anziano fragile sul territorio

Italia divisa: le disomogeneità territoriali nella gestione dell anziano fragile sul territorio Simposio SIGG-AGE La fragilità della Geriatria Italia divisa: le disomogeneità territoriali nella gestione dell anziano fragile sul territorio Dott. Gianluca Isaia Nel 2011 gli ultrasessantacinquenni in

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015. Il mercato delle case per vacanza

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015. Il mercato delle case per vacanza OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015 Il mercato delle case per vacanza Roma, 29 luglio 2015 Previsioni di crescita del PIL (variazioni %) 2013 2014 2015 2016 Mondo 3,3 3,3 3,1 3,8 STATI UNITI

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA di Tommaso Di Nardo Sommario: 1. La pressione fiscale in Italia dal 1980 al 2014. 2. Pressione tributaria diretta e indiretta. 3. La pressione fiscale in Europa.

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI DEI CONSUMI DELLE FAMIGLIE NELLE REGIONI ITALIANE MARIANO BELLA LIVIA PATRIGNANI UFFICIO STUDI 9 AGOSTO 2010 L aggiornamento delle previsioni sull andamento

Dettagli

IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO

IL FEDERALISMO DIFFERENZIATO ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO UN TEMA COMPLESSO Le differenze fra gli statuti: 1. per i livelli di compartecipazioni

Dettagli

CORSO DI MACROECONOMIA

CORSO DI MACROECONOMIA CORSO DI MACROECONOMIA Prof. Giuseppe Travaglini Dott.ssa Elisa Lenti Anno accademico 2014-20152015 TEMI DI RIFLESSIONE MACROECONOMICA L Offerta: Il Pil, la Spesa Aggregata, la struttura produttiva delle

Dettagli

CeRGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale. Nuovi modelli per la Long Term Care?

CeRGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale. Nuovi modelli per la Long Term Care? CeRGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale Nuovi modelli per la Long Term Care? Giovanni Fosti Vercelli, 4 dicembre 2014 CeRGAS-Bocconi 2 Italia, Francia, Germania, Regno

Dettagli

Regione Detenuti presenti Agenti in forza. Totale 59.419 39.156

Regione Detenuti presenti Agenti in forza. Totale 59.419 39.156 Rapporto tra detenuti presenti e agenti in forza: situazione al 13 febbraio 2009 Regione Detenuti presenti Agenti in forza Abruzzo 1.741 1.306 Basilicata 563 490 Calabria 2.367 1.682 Campania 7.332 5.010

Dettagli

IL GENIO DEL SALVADANAIO

IL GENIO DEL SALVADANAIO IL GENIO DEL SALVADANAIO L importanza di un Fondo Pensione per i giovani. Al tuo fianco, ogni giorno 6 ANNI L ISCRIZIONE AL FONDO PENSIONE Chiara ha 6 anni e il padre ha deciso di regalarle il Genio del

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE?

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? QUESITI E SOLUZIONI SULLA PREVIDENZA INTEGRATIVA. SPECIALE LAVORATORI DIPENDENTI LA PREVIDENZA? È CAMBIATA Le modifiche introdotte dalla Riforma Dini

Dettagli

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA 25 maggio 2012 Contributo tecnico alla riflessione di Fiammetta Fabris (Direttore Operativo UniSalute S.p.A) 1 INDICE NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese 23 domande 23 risposte Oggi un progetto per il futuro Avvertenza: Il presente opuscolo ha carattere divulgativo e non

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali Il capitale territoriale: una leva per lo sviluppo? Bologna, 17 aprile 2012 Il ruolo delle infrastrutture nei processi di

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Quando si parla di previdenza del lavoro autonomo il riferimento normativo ancor oggi

Dettagli