The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee"

Transcript

1 The AR Factor Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee

2 Media Executive Summary Lo scopo di questa ricerca è valutare i vantaggi apportati dal finanziamento dei crediti commerciali (accounts receivable finance) alle quattro maggiori economie nazionali europee, oltre che alle singole aziende finanziate. Il presente report ha l obiettivo, per la prima volta, di quantificare come gli attuali livelli di finanziamento dei crediti commerciali contribuiscano alla produzione economica e di valutare come il loro maggiore utilizzo possa migliorare ulteriormente le prestazioni economiche dei paesi. L attuale valore del finanziamento dei crediti commerciali per le principali economie europee è significativo e il valore potenziale che potrebbe scaturire da una sua maggiore diffusione è ancora più elevato. I modelli econometrici adoperati per questa relazione rivelano che, al tasso corrente di crescita e utilizzo, nel 2020 quasi 59 miliardi di euro del PIL combinato di Francia, Germania, Italia e Regno Unito dipenderanno dall esistenza del finanziamento dei crediti commerciali. Cosa forse ancora più importante, se l utilizzo del finanziamento dei crediti commerciali dovesse aumentare a livelli di assunzione maggiori, l impatto sulla crescita futura sarebbe enorme. In questo scenario, per il 2020 il PIL combinato di queste quattro nazioni potrebbe aumentare di altri 53 miliardi di euro a trimestre. Il finanziamento dei crediti commerciali Cos è il finanziamento dei crediti commerciali? Il finanziamento dei crediti commerciali prevede l accesso al finanziamento da parte delle aziende attraverso la garanzia delle fatture o del portafoglio commerciale, oppure attraverso la cessione di tali fatture a terzi. I due tipi di finanziamento più noti sono: Sconto fatture: Lo sconto delle fatture consente all azienda di ottenere dei fondi a fronte delle fatture relative alle proprie vendite prima che il cliente ne abbia effettivamente eseguito il pagamento. Per fare ciò, l azienda prende a prestito una percentuale del valore del proprio libro vendite da una società finanziaria, usando di fatto le fatture di vendita non ancora incassate a titolo di garanzia collaterale per il prestito. Factoring: il factoring è uno strumento finanziario che consente ad una società di riscuotere le fatture in pochi giorni. Mette a disposizione delle aziende, solitamente PMI, il capitale circolante per poter svolgere la propria attività, pagare i fornitori e svilupparsi. Il factoring prevede la cessione delle proprie fatture con uno sconto per ottenere contante immediato. La società di factoring aspetta quindi di ottenerne il pagamento, mentre l azienda che usufruisce del factoring ottiene l uso immediato dei fondi. In totale, nel 2010 il volume del credito elargito tramite il finanziamento di crediti commerciali in tutta Europa è stato di milioni di euro 1. Secondo la Federazione per il factoring e la finanza commerciale della UE (EU Federation for Factoring and Commercial Finance), tale cifra rappresenta l 8,43% del PIL totale della EU nel Il finanziamento dei crediti commerciali offre una serie di netti vantaggi alle aziende rispetto alle forme di credito tradizionali. Questi comprendono: la concessione di finanziamenti a brevissimo termine senza che l azienda debba fornire delle garanzie supplementari; il miglioramento dei flussi di cassa grazie ai tempi inferiori di esecuzione nell ottenere nuova liquidità attraverso il finanziamento dei crediti commerciali; la flessibilità nei modi in cui viene usato il finanziamento, che consente così la possibilità di soddisfare dei bisogni immediati, e un più facile accesso attraverso una procedura ben più semplice di presentazione della domanda. Il finanziamento dei crediti commerciali costituisce inoltre una protezione verso le fatture non pagate. A livello industriale, il settore manifatturiero è un esponente di primo piano nell uso del portafoglio commerciale per finanziare la crescita e superare la crisi economica. Figura 1 - Penetrazione del finanziamento dei crediti commerciali Regno Unito Germania Francia Italia 15% 10% 5% 0% % PIL % PMI Benché venga riconosciuto sempre di più come un alternativa al credito bancario tradizionale, l uso del finanziamento dei crediti commerciali non è largamente diffuso se paragonato ad altri strumenti finanziari: Nel Regno Unito, l Asset Based Finance Association (ABFA) stima che PMI, su un milione di PMI presenti nel paese, si avvalgano del finanziamento dei crediti commerciali Ciò significa che, in termini di numero di aziende, la penetrazione nel Regno Unito è solo del 4,1% Tuttavia, se misurata come proporzione del PIL finanziata attraverso i crediti commerciali, la penetrazione è molto più elevata e si stima essere del 13,34% In Francia, aziende hanno usufruito di questo tipo di finanziamento nel 2010, ovvero il 3,1% di tutte le PMI francesi In Germania invece, benché il factoring rappresenti il 5% del PIL del 2010, soltanto aziende hanno utilizzato il factoring, Questo dato corrisponde a meno dell 1% di tutte le PMI tedesche In Italia, aziende (poco meno del 2% di tutte le PMI) fanno uso del finanziamento dei crediti commerciali, ma il 9,78% del PIL viene finanziato attraverso l uso del factoring In base ai dati per il 2009 del Department for Business, Innovation and Skills (Dipartimento per il commercio, l innovazione e le competenze), indicanti che nel Regno Unito le società con un numero di dipendenti fra 2 e 250 erano 1,02m 3 4 In base ai dati dell INSEE per il 2009 indicanti che in Francia le società con un numero di dipendenti fra 2 e 250 erano 1,19m 5 In base ai dati dell ifm Bonn per il 2009 indicanti che in Germania le società con un numero di dipendenti fra 2 e 250 erano 1,2m 6 In base ai dati dell ifm Bonn per il 2009 indicanti che in Germania le società con un numero di dipendenti fra 2 e 250 erano 1,2m

3 Metodologia Al fine di valutare i benefici del finanziamento dei crediti commerciali e quantificarne l impatto economico, GE Capital ha preso in esame i vantaggi economici di questa forma di finanziamento in quattro importanti mercati: Regno Unito, Francia, Italia e Germania. I risultati si basano su un analisi approfondita dei dati sul credito e sulle altre attività a base garantita, su statistiche di carattere economico e finanziario e sulle considerazioni offerte da governi e banche centrali, su dati di proprietà di GE Capital in relazione ai trend nell utilizzo delle varie forme di finanziamento dei crediti commerciali, su interviste con operatori nei settori commerciale e finanziario e con organizzazioni governative e, infine, su interviste con oltre 50 aziende che si avvalgono di questo tipo di finanziamento. Partendo da questi risultati e punti di vista, è stato elaborato, per ognuna delle economie prese in considerazione, un modello econometrico che quantifica i vantaggi economici derivanti dall utilizzo attuale e futuro del finanziamento dei crediti commerciali. Tre diversi scenari sono stati presi in esame, applicando il modello econometrico nel breve (3 anni), medio (5 anni) e lungo periodo (10 anni). I modelli alla base di quest analisi si basano su ampi database relativi ai dati economici, finanziari, aziendali, demografici e del mercato del lavoro per ciascuno dei quattro paesi europei. Un modello econometrico è stato quindi assegnato a ciascuno dei quattro paesi oggetto della presente relazione. I modelli operano attraverso la disaggregazione dei settori industriali, dei fattori di produzione, delle spese domestiche e pubbliche, oltre che del commercio estero e degli investimenti per ciascuno dei quattro paesi. Maggiori informazioni sulla creazione di questo modello e dei risultati dettagliati sono reperibili alla pagina 6 della presente relazione. THE AR FACTOR Vantaggi del finanziamento dei crediti commerciali Concessione di finanziamenti a brevissimo termine consente un finanziamento a brevissimo termine senza che l azienda debba fornire delle garanzie supplementari Miglioramento del flusso di cassa i tempi in cui si ottengono i fondi attraverso il finanziamento dei crediti commerciali sono inferiori rispetto alle forme tradizionali di credito Flessibilità nell utilizzo del finanziamento il factoring consente che i fondi vengano utilizzati per soddisfare qualsiasi bisogno immediato dell azienda Procedura più facile per la presentazione della domanda il numero di documenti necessari per ottenere il finanziamento dei crediti commerciali è solitamente ben inferiore rispetto al normale credito bancario. Protezione dal mancato pagamento delle fatture per il factoring il rischio del mancato pagamento viene interamente trasferito al factor Il valore del finanziamento dei crediti commerciali Oltre ad analizzare gli effetti positivi derivanti dall uso corrente dell AR finance e da un suo uso ancor più diffuso, lo studio esamina quanto le quattro economie dipendano dal finanziamento dei crediti commerciali per finanziare la crescita prevista del PIL. La nostra analisi dimostra che, se il finanziamento dei crediti commerciali cessasse di essere disponibile alle aziende nei paesi presi in esame e se i vantaggi derivanti dal suo utilizzo venissero rimossi, tutte le quattro economie ne risentirebbero in maniera critica e, in futuro, vedrebbero una crescita limitata. Per quantificare il valore del finanziamento dei crediti commerciali per le quattro economie esaminate nella presente relazione, abbiamo osservato l effetto che si avrebbe se tale finanziamento venisse immediatamente rimosso da ciascuna economia. Data la portata del finanziamento dei crediti commerciali e la sua importanza quale fonte di capitale d esercizio, e considerando anche la disponibilità di forme alternative di finanziamento, il nostro modello mostra che le maggiori economie europee subirebbero un impatto immediato e significativo: nelle quattro economie, si volatilizzerebbero 16,92 miliardi di euro dal PIL combinato nel quarto trimestre del

4 I vantaggi di una diffusione più ampia Sulla base dei risultati del modello, tutte le quattro economie europee potrebbero beneficiare di un vantaggio significativo da un uso più diffuso del finanziamento dei crediti commerciali. Esiste una serie di barriere alla diffusione più ampia del finanziamento dei crediti commerciali che hanno sinora limitato la penetrazione in tutta Europa. Se tali ostacoli dovessero essere superati, il numero di aziende che utilizzano questo strumento potrebbe triplicarsi nel caso della Francia ed essere ancor più elevato nel caso della Germania. Figura 2 - Situazione attuale e potenziale maggiore utilizzo del finanziamento dei crediti commerciali. No. di Aziende Regno unito Germania Francia Italia Attuale 42,000 12,000 35,000 37,000 Potenziale 105, , , ,000 In base alle consultazioni con le associazioni di factoring in ciascuno dei quattro mercati che si trovano al centro della presente relazione, risulta un consenso generale sul fatto che il 6-10% delle aziende in ciascun mercato che attualmente non utilizzano il finanziamento dei crediti commerciali potrebbero utilizzarlo traendone un beneficio. A questo dato corrisponderebbe il 15-20% di aumento in termini di PIL. Barriere ad una diffusione più ampia Come mostrano i risultati principali del modello, benché il finanziamento dei crediti commerciali stia già producendo un considerevole risultato economico, le opportunità sono ben maggiori, sia come numero di aziende che potrebbero avere accesso a questo finanziamento e ottenendone un impulso alla crescita, sia, di conseguenza, in termini di impatto economico complessivo che una maggiore adozione potrebbe generare. Ai fini del presente studio, l effetto generale di un adozione più ampia è un esercizio teorico. Ciononostante, queste maggiori opportunità esistono davvero e potrebbero concretizzarsi sia per le singole aziende che per l economia in generale, tramite il superamento di alcune delle principali barriere che sono state individuate nell ambito di questa ricerca. In particolare, la scarsa conoscenza e l immagine percepita sono delle barriere significative che potrebbero essere affrontate attraverso programmi educativi e di supporto provenienti da governi, associazioni commerciali e operatori del settore, e possibilmente da una collaborazione congiunta fra i tre. Questi due aspetti sono risultati essere le barriere più comunemente citate nelle nostre interviste con le aziende che già si avvalgono del finanziamento dei crediti commerciali. L ulteriore flessibilità di cui possono godere le aziende che utilizzano il finanziamento dei crediti commerciali comporterebbe la possibilità di portare migliori flussi di cassa e riserve di capitale d esercizio, che a loro volta consentirebbero alle aziende di soddisfare la domanda, espandersi e crescere in modo più efficiente. Questo avrebbe inizialmente un effetto modesto sulla situazione economica e occupazionale in ciascun mercato, ma tuttavia nel tempo contribuirebbe a creare un effetto positivo rilevante sugli utili netti. Entro la fine del 2015, l economia della Francia crescerebbe di altri 4,4 miliardi di euro ed entro il 2020 questo dato arriverebbe a 13,5 miliardi di euro in più a trimestre, il che significa che l economia crescerebbe di un ulteriore 2,8%. In Germania tale effetto sarebbe superiore a causa della penetrazione relativamente bassa dell utilizzo odierno del finanziamento dei crediti commerciali rispetto al Regno Unito e alla Francia, e in virtù di un aspettativa di crescita dell economia di un ulteriore 2,9% entro la fine del Crescita potenziale - impatto economico dell utilizzo ottimale del finanziamento dei crediti commerciali T T T (%)* (%)* (%)* Regno Unito 0.54mld 0.17% 2.77mld 0.75% 8.63mld 2.09% Germania 1.23mld 0.22% 6.12mld 1.03% 18.62mld 2.90% Francia 0.91mld 0.22% 4.42mld 0.99% 13.48mld 2.78% Italia 0.84mld 0.28% 4.06mld 1.27% 12.17mld 3.57% Totale 3.52mld 0.22% 17.37mld 1.01% 52.90mld 2.83% Regno Unito* ( ) 0.44mld 2.25mld 6.99mld *Come percentuale del PIL attualmente atteso *Conversione della sterlina inglese sulla base dei tassi effettivi di cambio reali all aprile

5 I seguenti grafici mostrano il valore del finanziamento dei crediti commerciali per le 4 economie europee tra il T e il T del finanziamento crediti per l'economia britannica (Previsione PIL, in miliardi di ) GBP aggiuntivo potenziale: 2,25 miliardi all'adozione attuale: 6,85 miliardi aggiuntivo potenziale: 7 miliardi all'adozione attuale: 10,67 miliardi 17,67 miliardi, 5,18% del PIL* aggiuntivo potenziale: 0,44 miliardi all'adozione attuale: 4,91 miliardi 270 aggiuntivo potenziale del finanziamento crediti del finanziamento crediti all'adozione attuale Previsione PIL togliendo il finanziamento 250 *Percentuale della previsione PIL ad utilizzo ottimale del finanziamento crediti del finanziamento crediti per l'economia italiana (Previsione PIL, in miliardi di ) EUR 360 aggiuntivo potenziale: 12,17 miliardi all'adozione attuale: 11,90 miliardi aggiuntivo potenziale: 4,06 miliardi all'adozione attuale: 6,25 miliardi 24,1 miliardi 6.82% del PIL* 320 aggiuntivo potenziale: 0,84 miliardi all'adozione attuale: 3,76 miliardi aggiuntivo potenziale del finanziamento crediti del finanziamento crediti all'adozione attuale Previsione PIL togliendo il finanziamento *Percentuale della previsione PIL ad utilizzo ottimale del finanziamento crediti del finanziamento crediti per l'economia francese (Previsione PIL, in miliardi di ) EUR 520 aggiuntivo potenziale: 13,48 miliardi all'adozione attuale: 15,50 miliardi aggiuntivo potenziale: 4,42 miliardi all'adozione attuale: 7,38 miliardi 28,9 miliardi, 5,8% del PIL* 460 aggiuntivo potenziale: 0,91 miliardi all'adozione attuale: 3,95 miliardi aggiuntivo potenziale del finanziamento crediti del finanziamento crediti all'adozione attuale Previsione PIL togliendo il finanziamento *Percentuale della previsione PIL ad utilizzo ottimale del finanziamento crediti 4

6 del finanziamento crediti per l'economia tedesca (Previsione PIL, in miliardi di ) EUR 520 aggiuntivo potenziale: 18,62 miliardi all'adozione attuale: 18,24 miliardi aggiuntivo potenziale: 6,12 miliardi all'adozione attuale: 7,62 miliardi 28.9bn 5.8% of GDP* 460 aggiuntivo potenziale: 1,23 miliardi all'adozione attuale: 3,15 miliardi aggiuntivo potenziale del finanziamento crediti del finanziamento crediti all'adozione attuale Previsione PIL togliendo il finanziamento *Percentuale della previsione PIL ad utilizzo ottimale del finanziamento crediti Barriere alla diffusione del factoring Scarsa conoscenza: Molte PMI hanno una conoscenza limitata degli strumenti finanziari legati ai crediti commerciali quale alternativa al finanziamento bancario o ad altre fonti di finanziamento del capitale circolante. Immagine: Vi è una percezione errata ma diffusa che questo tipo di finanziamento sia principalmente di utilità per le aziende che si trovano in difficoltà. Costo: Molte delle aziende intervistate ai fini di questa relazione hanno riportato che il costo del finanziamento dei crediti commerciali può essere un fattore limitante per dei livelli di utilizzo maggiori. Flessibilità verso il basso: Benché la flessibilità del finanziamento dei crediti commerciali sia uno dei suoi maggiori vantaggi, l ambito di utilizzo di tale finanziamento diminuisce in modo commisurato nel momento in cui il portafoglio ordini dovesse ridursi Svantaggi relativi al settore d attività: Le società finanziarie che erogano finanziamenti dei crediti commerciali impongono delle assicurazioni contro il rischio di insolvenza della clientelaalle singole aziende, e questo tipo di finanziamento potrebbe talvolta non essere disponibile per alcuni settori industriali. Complessità: Vi è la percezione che il factoring sia un meccanismo relativamente complesso che richiede un ulteriore investimento nei sistemi di gestione finanziaria. 5

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee The AR Factor Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee Sommario Media Executive Summary 1 1: Introduzione 6 2: Italia

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Il factoring tra finanza e servizi

Il factoring tra finanza e servizi Il factoring tra finanza e servizi Intervento di Antonio De Martini Firenze, 6 febbraio 2007 Introduzione: il factoring in Italia In Italia la prima società di factoring nasce nel 1963. Il mercato italiano

Dettagli

Codice Pagamenti Responsabili Value Proposition BNL. Roma, maggio 2014

Codice Pagamenti Responsabili Value Proposition BNL. Roma, maggio 2014 Codice Pagamenti Responsabili Value Proposition BNL Roma, maggio 2014 Agenda I. Descrizione e finalità dell iniziativa II. Commitment di BNL sull iniziativa 2 I. Descrizione e Finalità dell iniziativa

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

Il prodotto maturity. Factoring around Europe: Italia Espana Brescia, 20-21 settembre 2007

Il prodotto maturity. Factoring around Europe: Italia Espana Brescia, 20-21 settembre 2007 Il prodotto maturity Factoring around Europe: Italia Espana Brescia, 20-21 settembre 2007 Il prodotto maturity: le origini Nella seconda metà degli anni 80, Ifitalia lancia sul mercato italiano il prodotto

Dettagli

La pianificazione dell equilibrio finanziario

La pianificazione dell equilibrio finanziario La pianificazione dell equilibrio finanziario Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L ottimizzazione della gestione delle fonti di finanziamento richiede l analisi di una metodologia di calcolo del

Dettagli

Strumenti finanziari CIP. Programma per l innovazione e l imprenditorialità. Commissione europea Imprese e industria CIP

Strumenti finanziari CIP. Programma per l innovazione e l imprenditorialità. Commissione europea Imprese e industria CIP Strumenti finanziari CIP Programma per l innovazione e l imprenditorialità Commissione europea Imprese e industria CIP Strumenti finanziari CIP Programma per l innovazione e l imprenditorialità Quasi un

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Factoring Flessibilità per la gestione ottimale del capitale circolante

Factoring Flessibilità per la gestione ottimale del capitale circolante Factoring Flessibilità per la gestione ottimale del capitale circolante GE Capital è leader europeo nel settore del factoring: GE Capital è leader europeo nel settore del factoring: oltre 8.000 clienti;

Dettagli

L analisi degli investimenti

L analisi degli investimenti Corso di Laurea in Produzione dell Edilizia Corso di Economia e Gestione delle Imprese 9^ lezione L analisi degli investimenti 3 maggio 2005 Prof. Federico Della Puppa - A.A. 2004-2005 Dalla teoria alla

Dettagli

PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO. Reggio Emilia, 25 marzo 2015. Relatore: Rodolfo Baroni

PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO. Reggio Emilia, 25 marzo 2015. Relatore: Rodolfo Baroni PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO Reggio Emilia, 25 marzo 2015 Relatore: Rodolfo Baroni Export In un contesto domestico con prospettive incerte vendere sui mercati esteri continua ad essere

Dettagli

I beneficiari dei finanziamenti europei a gestione diretta

I beneficiari dei finanziamenti europei a gestione diretta I beneficiari dei finanziamenti europei a gestione diretta Anni 2009, 2010, 2011 Studio a cura di Matteo Lazzarini con la collaborazione di Isabella Pellegrino Camera di Commercio Belgo-Italiana Avenue

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

European Payment Report 2015

European Payment Report 2015 European Payment Report 2015 Il Gruppo Intrum Justitia Leader europeo nel settore dei servizi di Credit Management con uffici in 20 paesi europei Fondato nel 1923 Quotato al mercato NASDAQ OMX Stockholm

Dettagli

La congiuntura economica e finanziaria e il finanziamento delle piccole imprese

La congiuntura economica e finanziaria e il finanziamento delle piccole imprese La congiuntura economica e finanziaria e il finanziamento delle piccole imprese Valerio Vacca Banca d Italia Servizio Stabilità finanziaria Presentazione rapporto Fedart, 9 dicembre 2015 Vacca Congiuntura

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Cos'è. Questi servizi riguardano:

Cos'è. Questi servizi riguardano: UBI FACTOR Cos'è Il factoring è una combinazione di servizi finanziari e di gestione del credito che consentono ad una società di rafforzare sotto il profilo qualitativo e di valorizzare sotto quello finanziario

Dettagli

Italia: opinioni sulle commissioni interbancarie

Italia: opinioni sulle commissioni interbancarie Giugno 2014 Italia: opinioni sulle commissioni interbancarie Per i commercianti italiani American Express e Diners Club dovrebbero essere equiparate a Visa, MasterCard e circuiti nazionali nella proposta

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report I DATI DELLA BANCA D ITALIA CONFERMANO LA SITUAZIONE DI CRITICITA PER IL COMPARTO DELLE COSTRUZIONI. ANCE SALERNO: EDILIZIA, CREDITO SEMPRE DIFFICILE Le sofferenze sui crediti totali

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA NUMERI IN PILLOLE Roma - 08 maggio 2014 Sommario Il valore delle imprese che creano valore 3 Le piccole e medie imprese, esploratrici del mondo 8 Il dualismo del credito

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

L EFFICACIA DELLE MISURE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO REALIZZATE IN PROVINCIA DI TORINO NEL 2007-08

L EFFICACIA DELLE MISURE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO REALIZZATE IN PROVINCIA DI TORINO NEL 2007-08 1 La valutazione L EFFICACIA DELLE MISURE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO REALIZZATE IN PROVINCIA DI TORINO NEL 2007-08 Esiti occupazionali a 24 dalla partecipazione Vengono qui riassunti i risultati della

Dettagli

Il factoring tra finanza e servizi

Il factoring tra finanza e servizi in collaborazione con Factorit spa Il factoring tra finanza e servizi Giuseppe Nardone Resp. Sviluppo Affari e Canali e Distributivi Il factoring: definizione Il factoring è oggi il solo prodotto presente

Dettagli

Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE

Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE SINTESI DELLO STUDIO Marzo 2010 Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE TERA Consultants Lo studio è stato condotto da TERA

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

Indagine sul tasso di cambio: conseguenze dell apprezzamento del franco e reazioni delle imprese

Indagine sul tasso di cambio: conseguenze dell apprezzamento del franco e reazioni delle imprese Indagine sul tasso di cambio: conseguenze dell apprezzamento del franco e reazioni delle imprese Rete regionale di contatti della BNS Rapporto sottoposto alla Direzione generale della Banca nazionale svizzera

Dettagli

Factoring Liquidità assicurata

Factoring Liquidità assicurata Liquidità assicurata Più flessibilità grazie al factoring. Volete che la vostra azienda cresca con le sue forze? Desiderate espandervi all estero, oppure ampliare il vostro raggio di azione finanziario?

Dettagli

Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria

Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria Il caso Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria di Silvia Tommaso - Università della Calabria Nella scelta delle fonti di finanziamento, necessarie alla copertura del fabbisogno

Dettagli

Confcommercio su POS: serve una spending review della moneta elettronica

Confcommercio su POS: serve una spending review della moneta elettronica Argomenti: Sala stampa Comunicati stampa Confcommercio su POS: serve una spending review della moneta elettronica L'obbligo è un buon intendimento lasciato a metà, che sta solo generando confusione e nuovi

Dettagli

ASSOVETRO Il contributo economico, sociale ed ambientale al Paese

ASSOVETRO Il contributo economico, sociale ed ambientale al Paese ASSOVETRO Il contributo economico, sociale ed ambientale al Paese 26 gennaio 2015 Indice 1. L analisi in breve 2. Impatti socio-economici 3. Impatti ambientali 4. Conclusioni Indice 1. L analisi in breve

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

la banca italiana per l impresa CONVEGNO APIVERONA Finanza per le PMI : Come perché cedere i crediti nel 2011

la banca italiana per l impresa CONVEGNO APIVERONA Finanza per le PMI : Come perché cedere i crediti nel 2011 la banca italiana per l impresa CONVEGNO APIVERONA Finanza per le PMI : Come perché cedere i crediti nel 2011 Febbraio 2011 Finanza a supporto della crescita delle PMI Finanza a breve termine La capacità

Dettagli

Entrate Tributarie Internazionali

Entrate Tributarie Internazionali Entrate Tributarie Internazionali Giugno 2013 Ufficio 3 - Consuntivazione, previsione ed analisi delle entrate Numero 54 Agosto 2013 SOMMARIO Premessa... 3... 3 Imposta sul valore aggiunto... 4 Analisi

Dettagli

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA.

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. La spesa per redditi da lavoro dipendente rappresenta la remunerazione complessiva erogata ai propri

Dettagli

finnova Prodotti e Servizi

finnova Prodotti e Servizi finnova Prodotti e Servizi INDICE 1 Finnova Mission 2. Portafoglio Prodotti & Servizi Portafoglio Prodotti & Servizi 3. Scenario di Riferimento Ritardo di pagamento delle PA Le cause Ritardo di pagamento

Dettagli

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli SECONDA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla prima parte dell'intervento...

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli SECONDA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla prima parte dell'intervento... ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli SECONDA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla prima parte dell'intervento... 4 GLI INDICI DI LIQUIDITA L analisi procede con la costruzione

Dettagli

Modula. Perchè ogni impresa è diversa

Modula. Perchè ogni impresa è diversa Modula Perchè ogni impresa è diversa Troveremo la risposta giusta alle vostre esigenze Indipendentemente dalla natura e dalle dimensioni della vostra attività, sicuramente c è una cosa su cui sarete d

Dettagli

Analisi di bilancio - Grafici LA REDDITIVITA'

Analisi di bilancio - Grafici LA REDDITIVITA' Analisi di bilancio - Grafici LA REDDITIVITA' Margine Operativo Lordo ( MOL ) Il margine operativo lordo indica la capacità dell'azienda di generare reddito con la gestione caratteristica. 8 E' un dato

Dettagli

Conviene acquistare in Internet? Negozi fisici e negozi digitali a confronto

Conviene acquistare in Internet? Negozi fisici e negozi digitali a confronto Conviene acquistare in Internet? Negozi fisici e negozi digitali a confronto Complice il difficile contesto economico, le spese ai minimi storici e persino la contrazione del credito al consumo, la caccia

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

Software contraffatti e concorrenza sleale: il caso italiano

Software contraffatti e concorrenza sleale: il caso italiano Software contraffatti e concorrenza sleale: il caso italiano CReSV Centro Ricerche su Sostenibilità e Valore Milano, 23 gennaio 2013 Agenda Introduzione Descrizione del campione e metodologia di analisi

Dettagli

L entità della risorse

L entità della risorse Per l Europa: Becker et al. (2010) mostrano che i sussidi europei hanno accelerato la crescita del PIL pro capite di circa 1-1,5 punti percentuali nel corso di un periodo di programmazione di 7 anni. Busillo

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Il Management Consulting in Italia Primo Rapporto 2010. Prof. Corrado Cerruti Università di Roma Tor Vergata

Il Management Consulting in Italia Primo Rapporto 2010. Prof. Corrado Cerruti Università di Roma Tor Vergata Primo Rapporto 2010 Prof. Corrado Cerruti Università di Roma Tor Vergata Iniziare a comporre il puzzle Il Management Consulting è un settore dai confini non ben definiti, con basse barriere all'entrata

Dettagli

IL PIANO PER LO SVILUPPO DELL IMPRESA

IL PIANO PER LO SVILUPPO DELL IMPRESA Pag. 1 Direzione Comunicazione IL BUSINESS PLAN IL PIANO PER LO SVILUPPO DELL IMPRESA 1 Pag. 2 Il business plan È un documento organizzato. Il Business plan è il quadro di riferimento dei manager. Per

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Francesco Prota Piano della lezione Le funzioni della moneta La teoria quantitativa della moneta Inflazione La domanda di moneta Moneta, prezzi e inflazione I costi

Dettagli

INVESTIMENTI DI DIRECT MARKETING PRESENTAZIONE DEI RISULTATI

INVESTIMENTI DI DIRECT MARKETING PRESENTAZIONE DEI RISULTATI RICERCA SU SCENARIO E INVESTIMENTI DI DIRECT MARKETING IN ITALIA E IN EUROPA NEL 2003 PRESENTAZIONE DEI RISULTATI Milano, 20 aprile 2004 Obiettivi Obiettivi di scenario Ruolo, utenza e strumenti del Direct

Dettagli

Il costo delle auto blu: quali tagli sono possibili?

Il costo delle auto blu: quali tagli sono possibili? 177 idee per il libero mercato Il costo delle auto blu: quali tagli sono possibili? di Andrea Giuricin Le auto blu in Italia ritornano spesso nel dibattito politico. Sono state eseguite differenti stime

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

Credito su misura: il factoring quale soluzione finanziaria e gestionale per le Imprese e le Filiere produttive Direzione Marketing

Credito su misura: il factoring quale soluzione finanziaria e gestionale per le Imprese e le Filiere produttive Direzione Marketing AICS MEETING DAY 2014 Credito su misura: il factoring quale soluzione finanziaria e gestionale per le Imprese e le Filiere produttive Direzione Marketing 21 MAGGIO 2014 Agenda: Chi siamo Cos è il Factoring

Dettagli

Un Direttore Finanziario per la tua Impresa

Un Direttore Finanziario per la tua Impresa Un Direttore Finanziario per la tua Impresa Nelle imprese italiane la Direzione Finanza è gestita personalmente dall imprenditore e solo poche realtà hanno la possibilità di permettersi un Direttore Finanziario.

Dettagli

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI 10 settembre 2014 RAPPORTO TRA IMPRESE ITALIANE E SISTEMA BANCARIO I prestiti bancari

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società 1 importanza delle micro, piccole e medie imprese in Europa, sia in termini economici che sociali, negli ultimi anni ha trovato la sua principale affermazione con la Comunicazione della Commissione europea

Dettagli

L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario

L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario L analisi di bilancio si compone di due strumenti complementari per la valutazione delle condizioni di economicità delle aziende: gli indici ed il rendiconto

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

Il Piano di investimenti per l Europa

Il Piano di investimenti per l Europa Il Piano di investimenti per l Europa si propone di stimolare gli investimenti sostenendo progetti strategici in tutta l Unione europea. Il Piano consentirà di mobilitare investimenti del valore di almeno

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI LUNEDÌ 2 LUGLIO 2012 ORE 11.00 CENTRO CONSERVAZIONE E RESTAURO LA VENARIA REALE VIA XX SETTEMBRE 18 VENARIA REALE (TO) CONTESTO ECONOMICO

Dettagli

P o r me m t e ei e a/ci s a Link Ist s ituti t ona n l a Ad A vi v so s ry

P o r me m t e ei e a/ci s a Link Ist s ituti t ona n l a Ad A vi v so s ry Prometeia/CI spa: La confrontabilità dei bilanci è necessaria quanto l adozione di criteri contabili in grado di esprimere equilibrio tra resilienza nei momenti di crisi e trasparenza. Se non c è autoregolamentazione

Dettagli

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Informativa qualitativa La definizione a fini contabili delle esposizioni in default (sofferenza, incaglio, credito ristrutturato

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

Executive Summary Rapporto 2011/2012

Executive Summary Rapporto 2011/2012 Executive Summary Rapporto 2011/2012 In collaborazione con Anticipazione dei risultati Dati macro Il settore del Management Consulting rappresenta un mercato molto frammentato, dove sono presenti circa

Dettagli

Da vincolo a risorsa strategica

Da vincolo a risorsa strategica La gestione della tesoreria aziendale: Aspetti organizzativi, di previsione e di controllo della risorsa finanziaria Da vincolo a risorsa strategica Giuseppe Santoro 1 Finanza strategica Sotto questo aspetto

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Fatturazione elettronica: oltre le barriere affidando alla banca l intero processo

Fatturazione elettronica: oltre le barriere affidando alla banca l intero processo Fatturazione elettronica: oltre le barriere affidando alla banca l intero processo Roberto Gorlier Direzione Commerciale/Responsabile Trade Italia ed estero 1 Roma, 20 novembre 2007 Le fatture scambiate

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Michele Boccia Responsabile Istituzionali Italia Eurizon Capital Sgr Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Bilancio separato di Salini Impregilo S.p.A. al 31 dicembre 2014

Bilancio separato di Salini Impregilo S.p.A. al 31 dicembre 2014 25. Strumenti Finanziari e gestione del rischio Classi di strumenti finanziari La tabella seguente espone le classi di strumenti finanziari detenuti da Salini Impregilo ed evidenzia le valutazioni a associate

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

La regolazione delle reti elettriche in Italia

La regolazione delle reti elettriche in Italia La regolazione delle reti elettriche in Italia IEFE UNIVERSITA BOCCONI PROGETTO DI RICERCA PROMOSSO DA ANIE RAPPORTO FINALE, GIUGNO 2014 Michele Polo (IEFE, Dipartimento di Economia e eni Chair in Energy

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI BENEFICI Fondamento dell ANALISI COSTI BENEFICI è l idea che un progetto o una politica possono essere considerati validi dal punto di vista della società se i benefici

Dettagli

Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese. Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring

Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese. Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring Torino, 25 gennaio 2011 AGENDA Macroeconomia Factoring Ruolo del factoring

Dettagli

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Gianmarco Paglietti Consorzio Camerale per il credito e la finanza Cremona, 17 giugno 2013 L economia nel 2012 PIL

Dettagli