Liceo Scientifico Cassini Esercizi di matematica, classe 5F, foglio3, soluzioni. normale parallelo a quello direzionale della retta sarà quindi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Liceo Scientifico Cassini Esercizi di matematica, classe 5F, foglio3, soluzioni. normale parallelo a quello direzionale della retta sarà quindi"

Transcript

1 Liceo Scientifico Cassini Esercizi di matematica, classe 5F, foglio3, soluzioni Problema1 x = y Dato il punto P(0,1,2), la retta r: y = z 2 ed il piano α: x 3y + z = 0 a) Trova il piano passante per P e perpendicolare a r b) Trova un piano passante per P e parallelo a r c) Trova il piano passante per P e parallelo ad α d) Trova un piano passante per P e ortogonale ad α Soluzione problema1 a) Esprimiamo la retta r in forma parametrica r: y = t z = 2 + t normale parallelo a quello direzionale della retta sarà quindi il piano cercato dovrà avere vettore 1(x-0)+1(y-1)+1(z-2)=0 x+y+z-3=0 b) I piani cercati sono infiniti, dobbiamo trovarne uno di questi. Se tale piano deve essere parallelo alla retta r allora i vettori direzionale della retta e nomale del piano che stiamo cercando devono essere perpendicolari. Basta quindi prendere un vettore perpendicolare al vettore direzionale della retta: (1,1,1). Ad esempio (1,-1,0). Un piano cercato sarà quindi 1(x-0)-(y-1)=0 x-y+1=0 c) Tale piano deve avere lo stesso vettore normale del piano α e deve passare per P 1(x-0)-3(y-1)+1(z-2)=0 x-3y+z+1=0 d) Ragioniamo come per il punto b) cerchiamo un vettore perpendicolare al vettore normale di α che è ad esempio (1,0,-1). Quindi il piano sarà 1(x-0)+1(y-1)-(z-2)=0 x+y-z+1=0 Problema2 x = 3t Dato il punto P=(0,1,2) e la retta r: y = 2 + t z = 1 t a) Trova la retta passante per P e parallela a r b) Trova una retta passante per P e perpendicolare a r c) Trova la retta passante per P, perpendicolare e incidente a r Soluzione problema2 x = 3t a) Tale retta è y = 1 + t z = 2 t b) Prendiamo un vettore nomale al vettore direzionale di r, ad esempio (0,1,1). Quindi scriviamo la x = 0 retta y = 1 + t z = 2 + t c) Troviamo il piano che passa per P ed è perpendicolare a r: 3(x-0)+1(y-1)-(z-2)=0 3x+y-z+1=0 Troviamo il punto A di intersezione tra tale piano e la retta r: 3 (3t)-2+t-1+t+1=0 11t=2 t= 2 A=( 6, 20, 9 ) La retta cercata sarà la retta che passa per P e per A:

2 x = 0 + ( ) t y = 1 + ( ) t z = 2 + ( ) t x = 2 11 t y = t z = t Problema3 x + y = 0 Data la retta r: x ay z = 0 sul piano ed il piano α: x+4y+z=0, trova per quali valori del parametro a la retta giace Soluzioni problema3 Scriviamo la retta in forma parametrica y = t intersechiamo tale retta col piano α z = (1 + a)t t+4(-t)+(1+a)t=0 (a-3)t=0 il valore cercato è a = 3 perche per tale valore l equazione è indeterminata Problema4 Dati i punti A(0,1,0) B(2,1,1) e C(0,-1,2) dimostra che non sono allineati e trova il piano che li contiene Soluzione problema4 x = 2t Per verificare se sono allineati troviamo la retta AB: y = 1 e verifichiamo se i punto C le appartiene: z = t 0 = 2t 1 = 1 essendo il sistema impossibile, il punto C non appartiene alla retta AB e quindi i tre punti non 2 = t sono allineati. Per trovare il piano usiamo il metodo algebrico ax+by+cz+d=0 b + d = 0 b = d b = d 2a + b + c + d = 0 2a c = 0 a = d con d=-2 si ottiene il piano x+2y+2z-2=0 2 b + 2c + d = 0 d + c = 0 c = d Problema5 x = y Trova il piano che contiene il punto P(1,0,3) e la retta x = 2 z Soluzione problema5 Prendiamo due punti della retta ad esempio A(0,02) e B(1,1,1). Il piano cercato è il piano passante per A Be P: c = d 2c + d = 0 2 a + b + c + d = 0 b = 3 d 4 2a + 3c + d = 0 a = 1 d 4 con d=4 si ottiene il piano x-3y-2z+4=0 Problema6 x = 1 + t Date la retta r: y = 2 + t z = 1 t x y 3 = 0 a) Dimostra che r è coincidente con la retta s: x + z 2 = 0 x = 2t b) Dimostra che r è parallela alla retta s: y = 3 2t e trova il piano che le contiene e la distanza tra z = 1 + 2t esse

3 x = 3 + 2t c) Dimostra che è incidente alla retta s: y = 1 + t trova il punto di incidenza e il piano che le z = 1 2t contiene d) Dimostra che è sghemba alla retta s: y = 0 e trova la comune perpendicolare e la distanza tra esse z = 0 Soluzione problema6 a) Se interseco la retta r con i due piani che compongono la seconda retta ottengo 1 + t + 2 t 3 = 0 che sono entrambe indeterminate. Quindi la retta r appartiene ad 1 + t + 1 t 2 = 0 entrambi i piani e quindi sono la stessa retta b) Il vettore direzionale di r è (1,1,-1), il vettore direzionale di s è (-2,-2,2). Essendo i due vettori paralleli le due rete sono parallele o coincidenti. Verifichiamo se la retta r passa per un punto di s: 0 = 1 + t 3 = 2 + t essendo il sistema impossibile le due rette non sono coincidenti. 1 = 1 t Per trovare la loro distanza possiamo intersecarle con un piano perpendicolare ad entrambe come ad esempio: x-y+z=0 che intersecato con r da 1+t+2-t+1-t=0 da cui t=4 e il punto è (5,2,-3) e intersecato con s da -2t-3+2t+1+2t=0 da cui t=1 e il punto è (-2,1,3) la distanza tra le due rette coincide con la distanza tra tali punti d= c) Per trovare il punto di incidenza si uguagliano le coordinate cambiando nome ad uno dei due parametri 1 + t = 3 + 2u u = t = 1 + u il punto di incidenza è quindi (1,-2,1) t = 0 1 t = 1 2u Per trovare il piano che le contiene facciamo il prodotto vettoriale tra i due vettori direzionali i j k v u = det ( 1 1 1) = ( 1,0, 1) Il piano cercato ha tale vettore normale e passa per il punto di intersezione delle due rette, quindi è: -1(x-1)-0(y+2)-(z-1)=0 x+z-2=0 d) I vettori direzionali delle due rette sono v =(1,1,-1) e u =(1,0,0) non sono proporzionali quindi le rette non sono parallele. Sono quindi o incidenti o sghembe. Vediamo se hanno punti in comune u = 1 + t 0 = 2 + t dato che il sistema è impossibile le rette non sono incidenti e quindi sono sghembe 0 = 1 t Per trovare la comune perpendicolare prendiamo il generico vettore che unisce il generico punto delle retta r al generico punto di s: generico punto di r: R=(1 + t, 2 + t, 1 t) generico punto di s: S=(u,0,0) generico vettore che unisce i punti di R ed S: R-S=(1+t-u,-2+t,1-t)

4 tale vettore deve essere contemporaneamente perpendicolare ad r e ad s quindi imponiamo che il prodotto scalare con i rispettivi vettori direzionali sia nullo: u (R S) = 0 v (R S) = t u = t u 2 + t 1 + t = 0 t = 1 + u I punti di minimo avvicinamento sono quindi Su r: A=(3/2,-1/2,1/2) e su s: B=(-1/2,0,0) u u = 0 t = x = t La retta che passa per essi è la comune perpendicolare y = t z = t 2 2 La distanza tra essi è la distanza tra le de rette sghembe 1 2 u = 1 2 D= = 9 2 Problema7 x + y 1 = 0 2x + y a = 0 Date le rette e trova per quale valore di a sono incidenti e per tali valori di x z = 0 x + z 2 = 0 a trova il piano che le contiene. Soluzione problema7 Mettiamo le rette in forma parametrica y = 1 t z = t e y = a 2t z = 2 t si cerca per quali valori di a le rette hanno un punto in comune t = u 1 t = a 2t t = 2 u t = u t = u da cui 1 u = a 2u u = a 1 u = 2 u u = 1 affinché sia compatibile deve essere a=2 Problema8 Dato il piano α:x-2y+z=0 ed il punto P(1,0,-1) ad esso appartenente x 2y + z = 0 a) Verifica che la retta r appartiene ad α e passa per il punto P x + z = 0 b) Trova una retta che appartiene al piano α ed è perpendicolare all asse x c) Trova la retta appartenente al piano α passante per P e parallela al piano 3x-z=0 Soluzione problema8 a) La retta passa per P perché P ne verifica le equazioni; inoltre la retta r è formata dal piano α quindi giace su esso b) Scegliamo un piano tangente all asse x come ad esempio x=0 e intersechiamo tale piano con il piano α x = 0 tale retta giace su l piano α ed è perpendicolare all asse x x 2y + z = 0 c) Cerco il piano parallelo a 3x-z=0 e passante per P: 3x-z+k=0 impostando il passaggio per il punto P 3+1+k=0 da cui k=-4 quindi il piano è quindi 3x-z-4=0. La retta cercata è quindi 3x z 4 = 0 x 2y + z = 0

5 Problema9 x 2y = 0 Dato il punto P(1,0,1) la retta r: ed il piano α: x-3y-z=0 z = 0 a) Trova la proiezione ortogonale di P su α b) Trova la proiezione ortogonale di P su r c) Trova la proiezione ortogonale di r su α Soluzione problema 9 x = 1 + t a) Cerchiamo la retta perpendicolare al piano α e passante per P: y = 3t z = 1 t retta col piano α e intersechiamo tale 1+t+9t-1+t=0 t = 0 il punto cercato è quindi (1,0,1) x = 2t b) Mettiamo r in forma parametrica y = t z = 0 Cerco il piano perpendicolare ad r e passante per P: 2(x-1)-3y=0 2x-3y-2=0 intersechiamo tale piano con la retta r: 4t-3t-2=0 t=2 il punto cercato è (4,2,0) c) Prendiamo due punti di r e proiettiamoli su α. Ad esempio A(0,0,0) (che giace su α) e B(2,1,0) le cui proiezioni su α sono: x = 2 + t y = 1 3t 2 + t 3 + 6t + t = 0 t = 1 8 B ( 17 8, 5 8, 1 8 ) z = t La retta cercata è la retta A B x = 17 8 t y = 5 8 t z = 1 8 t x = 17t che può essere scritta y = 5t z = t Problema10 x y = 0 Sulla retta r: z 3y + 1 = 0 Sia l origine degli assi trova un punto la cui proiezione ortogonale sulla retta s: x 2y = 0 z + x = 0 Soluzione problema10 Metto in forma parametrica la retta s: x = 2t y = t. Cerco il piano perpendicolare a s e passante per l origine z = 2t degli assi: 2x+y-2z=0 Il punto P cercato è dato dall intersezione tra la retta r e tale piano. Mettiamo la retta r in forma parametrica y = t z = 1 + 3t 2t + t + 2 6t = 0 t = 2 3 P(2 3, 2 3 1)

6 Problema11 x = y Trova la retta appartenente al piano α: x+2y+z=1 e perpendicolare e incidente alla retta r: x = z Soluzione problema11 Metto la retta in forma parametrica r: y = t che ha vettore direzionale v (1,1,1). La retta cercata ha il z = t vettore direzionale u perpendicolare a quello del piano e della retta, lo trovo facendo il loro prodotto vettoriale i j k u =det( 1 1 1)=(-1,0,1) Dovrà inoltre passare per il punto di intersezione tra r ed α: t+2t+t=1 t=1/4 P( 1, 1, 1 ) Quindi la retta cercata è: x = 1 t 4 y = 1 4 z = 1 + t 4 Problema12 Dati i piani x+2y-z+1=0 e 2x+4y-2z-2=0 verifica che sono paralleli e trova la distanza tra essi Soluzione problema12 Basta fare la distanza tra uno qualunque dei punti sul primo piano ed il secondo piano P(0,0,1) d= 2 = 2 = Problema13 x = y = 3y 2 Tra le rette incidenti le rette r: ed s:x z = 2 z + y = 0 a) Trova quella perpendicolare ad entrambe x = 3y b) Trova quella parallela alla retta h: z = x + 1 Soluzione problema 13 a) Mettiamo le rette in forma parametrica r: y = t z = 2 su r ed s x = 2 + 3u ed s: y = u z = u prendiamo i generici punti R(t,t,2) ed S=(-2+3u,u,-u). Considero il generico vettore congiungente le due rette R-S=(t-3u+2,t-u,2+u). trovo per quali u e t tale vettore è perpendicolare ad entrambe imponendo che il prodotto scalare con entrambe sia nullo 4 t 3u + t u = 0 t = 3(t 3u) + t u 2 u = 0 3 u = 2 i punti sono ( 4 3, 4 3, 2) e ( 4, 2 3, 2 3 ) 3 La retta cercata è quella passante per tali punti

7 x = 4 + ( 4 + 4) t 3 3 y = ( ) t z = 2 + ((2 2 3 ) t x = 3t b) Mettiamo la retta h in forma parametrica h: y = t z = 1 + 3t La retta h deve essere parallela al vettore R-S quindi k(3,1,3)=(t-3u+2,t-u,2+u) che porta al sistema 3k = t 3u = t u 3 = 2 + u R(2,2,2) S(1,1,-1) k = 1 3 che risolto da t = 2 u = 1 La retta cercata passa per tali punti x = 1 + t r: y = 1 + t z = 1 + 3t Quindi la retta cercata deve passare per i punti Problema14 Dati i punti nello spazio A(2,1,0) B(1,0,3) e C(0,1,1), a) Trova un quarto punto D che formi con A, B e C il vertici di un parallelogramma b) Trova l area del parallelogramma di lato AB e AC Soluzione problema14 a) Il quarto vertice si può ottenere imponendo che le diagonali di un parallelogramma si bisecano nel loro punto medio. Calcolo il punto medio di AB M=(3/2,1/2,3/2) tale punto deve essere anche punto medio di DC. Quindi D=2M-C=(3,1,4) b) Metodo1. Usando AB come base dobbiamo trovare l altezza relativa al lato AB: trovo il vettore A-B=(1,1,-3) trovo il piano normale ad A-B e passante per C: x+(y-1)-3(z-1)=0 x+y-3z+2=0 x = 2 + t trovo la retta AB y = 1 + t z = 3t trovo l intersezione H tre la retta AB ed il piano 2+t+1+t+9t+2=0 t=-5/11 H = ( 17, 6, 15 ) trovo l area del parallelogramma= AB CH = = Metodo2. L area per parallelogramma è data dal modulo del prodotto vettoriale dei vettori che formano due lati adiacenti: i j k (A B) (C B) = det ( 1 1 3) = (1,5,2) Area = (1,5,2) = 30 Problema15 Trova la retta r passante per il punto P(1,2,3) e parallela al vettore v = (0, 1,2). Determina poi i punti su essa che distano 1 da P.

8 Soluzione problema15 x = 1 Tale retta r è y = 2 t. Considero il generico punto su essa A=(1,2-t,3+2t). Impongo ora che la distanza z = 3 + 2t da P sia 1: PA=1 t 2 + 4t 2 = 1 t = ± 1 5. Quindi i punti cercati sono (1, 2 1 5, 3 ± 2 5 ) Problema16 Trova l equazione della sfera di centro (0,-1,2) e tangente al piano α: x + y + z = 0, trova quindi un piano parallelo ad α e anch esso tangente alla sfera Soluzione problema16 Per trovare il raggio della sfera calcolo la distanza tra il centro ed il piano tangente R = 1 3 quindi la sfera è: x2 + (y + 1) 2 + (z 2) 2 = 1 3 Per trovare l altro piano tangente parallelo ad α si cerca tra il fascio improprio di piani paralleli ad α quello che è posto ad una distanza pari al raggio: fascio improprio di piani paralleli ad α: x + y + z + k = k = k = 1 k = 0 k = 2 quindi il piano cercato è: x+y+z-2=0 Problema17 x + y = 0 Trova i punti di intersezione tra la retta r: 2x z = 0 tangente alla sfera in tali punti. e la sfera x2 + y 2 + z 2 4x = 0 e trova il piano Soluzione problema17 Esprimiamo la retta in forma parametrica: y = t z = 2t cerco i punti di intersezione tra la sfera e tale retta: t 2 + ( t) 2 + (4t) 2 4t = 0 t = 0 t = 2 9 A = (0,0,0) B = (2 9, 2 9, 4 9 ) Cerco il piano tangente in (0,0,0): il suo vettore normale sarà C-A dove C è il centro della sfera C-A=(2,0,0) quindi il primo piano è x = 0 C-B=(7/9,2/9,4/9) quindi il secondo piano è 7 9 (x 2 9 ) (y ) (z 4 9 ) = 0 Problema18 Data la circonferenza γ: x2 + y 2 + z 2 2x + 4y 2z = 0 x = y a) Trova il suo centro ed il suo raggio b) Trova la retta tangente a γ nell origine degli assi c) Trova la sfera che ha lo stesso centro e raggio di γ Soluzione problema18 Trovo il centro ed il raggio della sfera C(1, 2,1) R = 6 Trova la distanza centro-piano d= 3 2

9 x = 1 + t Trovo la retta r perpendicolare al piano e passante per C r: y = 2 t z = 1 Il raggio della circonferenza è = 3 2 Il centro A della circonferenza lo ottengo intersecando la retta r col piano: 1+t=-2-t t = 3 2 A = ( 1 2, 1 2, 1) Problema19 Trova l equazione della circonferenza di centro C(0,3,4) e raggio R=5 e giacente su un piano parallelo al piano xy. Soluzione problema19 Trovo la sfera di centro C(0,3,4) e raggio R=5: x 2 + (y 3) 2 + (z 4) 2 = 25. La circonferenza cercata sarà: x2 + (y 3) 2 + (z 4) 2 = 25 z = 0 Problema20 Trova la sfera tangente ai piani x+y+z+3=0 e x+y+z-3=0 ed avente centro sulla retta y = t z = t Soluzione problema20 Si osserva che i due piani sono paralleli. Il centro starà quindi nel punto medio delle intersezioni A e B tra la retta e i due piani ed il raggio sarà la semi-distanza tra i piani: cerco i due punti di intersezione: 3t + 3 = 0 t = 1 A = ( 1, 1, 1) 3t 3 = 0 t = 1 B = (1,1,1) Quindi il centro è (0,0,0) ed il raggio è R= 6 x 2 + y 2 + z 2 = 6

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA.

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. FOGLIO DI ESERCIZI 4 GEOMETRIA E ALGEBRA LINEARE 2010/11 Esercizio 4.1 (2.2). Determinare l equazione parametrica e Cartesiana della retta dello spazio (a) Passante per i

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D Marzo 2015 (manuale on-line, con aggiunte a cura di L. Tomasi) Questo articolo si riferisce a un componente della interfaccia utente di GeoGebra. Viste Menu Vista Algebra

Dettagli

Matteo Moda Geometria e algebra lineare Fasci. Fasci. N.B.: Questo argomento si trova sull eserciziario. Fasci di rette nel piano

Matteo Moda Geometria e algebra lineare Fasci. Fasci. N.B.: Questo argomento si trova sull eserciziario. Fasci di rette nel piano Fasci N.B.: Questo argomento si trova sull eserciziario Fasci di rette nel piano 1 Fasci di piani nello spazio 2 Matteo Moda Geometria e algebra lineare Fasci Date due rette r ed r di equazione: : 0 :

Dettagli

Prova scritta di Geometria 2 Prof. M. Boratynski

Prova scritta di Geometria 2 Prof. M. Boratynski 10/9/2008 Es. 1: Si consideri la forma bilineare simmetrica b su R 3 associata, rispetto alla base canonica {e 1, e 2, e 3 } alla matrice 3 2 1 A = 2 3 0. 1 0 1 1) Provare che (R 3, b) è uno spazio vettoriale

Dettagli

Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: e x. per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1 < x

Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: e x. per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1 < x FUNZIONI Esercizio 1 Studiare la funzione f(x) = ln ( ) x e disegnarne il grafico. x 1 Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: { e x per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1

Dettagli

Proiezioni Grafica 3d

Proiezioni Grafica 3d Proiezioni Grafica 3d Giancarlo RINALDO rinaldo@dipmat.unime.it Dipartimento di Matematica Università di Messina ProiezioniGrafica 3d p. 1 Introduzione Il processo di visualizzazione in 3D è intrinsecamente

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

Algebra Lineare e Geometria

Algebra Lineare e Geometria Algebra Lineare e Geometria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2013-2014 Prova d esame del 16/06/2014. 1) a) Determinare la matrice associata all applicazione lineare T : R 3 R 4 definita da

Dettagli

Laboratorio di Rappresentazione e Modellazione dell Architettura

Laboratorio di Rappresentazione e Modellazione dell Architettura Laboratorio di Rappresentazione e Modellazione dell Architettura Seconda Università di Napoli Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Architettura Laboratorio di Rappresentazione e Modellazione dell

Dettagli

Grandezze scalari e vettoriali

Grandezze scalari e vettoriali Grandezze scalari e vettoriali Esempio vettore spostamento: Esistono due tipi di grandezze fisiche. a) Grandezze scalari specificate da un valore numerico (positivo negativo o nullo) e (nel caso di grandezze

Dettagli

Parte Seconda. Geometria

Parte Seconda. Geometria Parte Seconda Geometria Geometria piana 99 CAPITOLO I GEOMETRIA PIANA Geometria: scienza che studia le proprietà delle figure geometriche piane e solide, cioè la forma, l estensione e la posizione dei

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

MOMENTI DI INERZIA. m i. i=1

MOMENTI DI INERZIA. m i. i=1 MOMENTI DI INEZIA Massa Ad ogni punto materiale si associa uno scalare positivo m che rappresenta la quantità di materia di cui è costituito il punto. m, la massa, è costante nel tempo. Dato un sistema

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 6/7 SIMULAZIONE DI II PROVA - A Tempo a disposizione: cinque ore E consentito l uso della calcolatrice non programmabile. Non è consentito uscire dall aula

Dettagli

ESERCIZI PER LE VACANZE CLASSE 4^A anno scolastico 2011-2012

ESERCIZI PER LE VACANZE CLASSE 4^A anno scolastico 2011-2012 ESERCIZI PER LE VACANZE CLASSE ^A anno scolastico 011-01 PROBLEMI SULLA RETTA: 1. Scrivi l equazione della retta passante per i punti A(-;-) e B(6;10). Determina la distanza del punto C(-1;) da tale retta.

Dettagli

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz:

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz: FUNZIONI DI PIU VARIABILI Esercizi svolti. Determinare il dominio delle seguenti funzioni e rappresentarlo graficamente : (a) f log( x y ) (b) f log(x + y ) (c) f y x 4 (d) f sin(x + y ) (e) f log(xy +

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche 2011-2012

Piano Lauree Scientifiche 2011-2012 Piano Lauree Scientifiche 2011-2012 «non si può intendere se prima non s impara a intender lingua, e conoscer i caratteri, nei quali è scritto. Egli è scritto in lingua matematica, e i caratteri sono triangoli,

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica Terzo Appello del corso di Geometria e Algebra II Parte - Docente F. Flamini, Roma, 7/09/2007 SVOLGIMENTO COMPITO III APPELLO

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali.

Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali. Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali. Nei capitoli precedenti abbiamo visto come realizzare dei modelli grafici costruendo le viste direttamente sui piani di proiezione ortogonali

Dettagli

LA GEOMETRIA ANALITICA DELLO SPAZIO. Liceo G. GALILEI - Verona Venerdì 10 Aprile 2015 CONVEGNO MATHESIS VERONA

LA GEOMETRIA ANALITICA DELLO SPAZIO. Liceo G. GALILEI - Verona Venerdì 10 Aprile 2015 CONVEGNO MATHESIS VERONA LA GEOMETRIA ANALITICA DELLO SPAZIO CONVEGNO MATHESIS Liceo G. GALILEI - Verona Venerdì 10 Aprile 2015 Perché Assenza di ogni riferimento alla geometria analitica dello spazio nel quadri di Mondrian La

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1)

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) Un ente (geometrico) è un oggetto studiato dalla geometria. Per descrivere gli enti vengono utilizzate delle definizioni. Una definizione è una

Dettagli

4. Proiezioni del piano e dello spazio

4. Proiezioni del piano e dello spazio 4. Proiezioni del piano e dello spazio La visualizzazione di oggetti tridimensionali richiede di ottenere una vista piana dell'oggetto. Questo avviene mediante una sequenza di operazioni. Innanzitutto,

Dettagli

15 febbraio 2010 - Soluzione esame di geometria - 12 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 2009-2010 COGNOME... NOME... N. MATRICOLA...

15 febbraio 2010 - Soluzione esame di geometria - 12 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 2009-2010 COGNOME... NOME... N. MATRICOLA... 15 febbraio 010 - Soluzione esame di geometria - 1 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 009-010 COGNOME.......................... NOME.......................... N. MATRICOLA............. La prova dura

Dettagli

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω GIROSCOPIO Scopo dell esperienza: Verificare la relazione: ω p = bmg/iω dove ω p è la velocità angolare di precessione, ω è la velocità angolare di rotazione, I il momento principale d inerzia assiale,

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

Elenco Ordinato per Materia Chimica

Elenco Ordinato per Materia Chimica ( [B,25404] Perché le ossa degli uccelli sono pneumatiche, cioè ripiene di aria? C (A) per consentire i movimenti angolari (B) per immagazzinare come riserva di ossigeno X(C) per essere più leggere onde

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1.

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 11 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 1 quesiti scelti nel questionario 1. PROBLEMA 1 Si considerino le funzioni f e g definite, per

Dettagli

ABCD è un parallelogrammo 90. Dimostrazione

ABCD è un parallelogrammo 90. Dimostrazione EQUISCOMPONIBILITÀ Problema G2.360.1 È dato il parallelogrammo ABCD: dai vertici A e B si conducano le perpendicolari alla retta del lato CD e siano rispettivamente E e F i piedi di tali perpendicolari

Dettagli

VERIFICA DI MATEMATICA. CLASSI TERZE (3AS, 3BS, 3CS, 3DS, 3ES) 2 settembre 2013 COGNOME E NOME.. CLASSE.

VERIFICA DI MATEMATICA. CLASSI TERZE (3AS, 3BS, 3CS, 3DS, 3ES) 2 settembre 2013 COGNOME E NOME.. CLASSE. VERIFIC DI MTEMTIC CLSSI TERZE (S, BS, CS, DS, ES) settembre COGNOME E NOME.. CLSSE. Esercizio In un piano cartesiano ortogonale determinare: a) l equazione della parabola con asse parallelo all asse,

Dettagli

I VETTORI. 1 Somma di vettori: metodo graco. 19 dicembre 2007. ESERCIZI Risolti e Discussi

I VETTORI. 1 Somma di vettori: metodo graco. 19 dicembre 2007. ESERCIZI Risolti e Discussi I VETTORI ESERCIZI Risolti e Discussi 19 dicembre 2007 1 Somma di vettori: metodo graco 1.0.1 Si considerino due spostamenti, uno di modulo 3 m e un altro di modulo 4 m. Si mostri in che modo si possono

Dettagli

Geogebra. Numero lati: Numero angoli: Numero diagonali:

Geogebra. Numero lati: Numero angoli: Numero diagonali: TRIANGOLI Geogebra IL TRIANGOLO 1. Fai clic sull icona Ic2 e nel menu a discesa scegli Nuovo punto : fai clic all interno della zona geometria e individua il punto A. Fai di nuovo clic per individuare

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli 3.5 Il toro 3.5.1 Modelli di toro Modelli di carta Esempio 3.5.1 Toro 1 Il modello di toro finito che ciascuno può costruire è ottenuto incollando a due a due i lati opposti di un foglio rettangolare.

Dettagli

LIVELLO STUDENT S1. S2. S3. S4. S5. S6.

LIVELLO STUDENT S1. S2. S3. S4. S5.  S6. LIVELLO STUDENT S1. (5 punti ) La figura mostra due quadrati uguali che hanno in comune esattamente un vertice. È possibile precisare la misura dell'angolo ABC? S2. (7 punti ) Negli usuali fogli (rettangolari)

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Si considerino le funzioni f e g definite, per tutti

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

13. Campi vettoriali

13. Campi vettoriali 13. Campi vettoriali 1 Il campo di velocità di un fluido Il concetto di campo in fisica non è limitato ai fenomeni elettrici. In generale il valore di una grandezza fisica assegnato per ogni punto dello

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corsi di Laurea in Ingegneria Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE Testi dei temi d esame ed esercizi proposti con soluzione breve Versione del 1 settembre

Dettagli

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva, matematicamente.it PROBLEMA Data una semicirconferenza di diametro AB =, si prenda su di essa un punto P e sia M la proiezione di P

Dettagli

Fig. 2. Proiezioni ortogonali di un parallelepipedo su piani esterni alla figura

Fig. 2. Proiezioni ortogonali di un parallelepipedo su piani esterni alla figura 3. LE PROIEZIONI ORTOGONALI Le proiezioni ortogonali sono originate dallo scopo di proiettare su un piano (il foglio della rappresentazione) un oggetto posto nello spazio, che conservi le stesse caratteristiche

Dettagli

Moti e sistemi rigidi

Moti e sistemi rigidi Moti e sistemi rigidi Dispense per il corso di Meccanica Razionale 1 di Stefano Siboni 1. Moto rigido di un sistema di punti Sia dato un sistema S di N 2 punti materiali P i, i = 1,..., N. Per configurazione

Dettagli

Punti notevoli di un triangolo

Punti notevoli di un triangolo Punti notevoli dei triangoli (UbiLearning). - 1 Punti notevoli di un triangolo Particolarmente importanti in un triangolo sono i punti dove s intersecano specifici segmenti, rette o semirette (Encyclopedia

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

Un portfolio è una raccolta dinamica, mirata e sistematica di elaborati che testimonia e riflette gli sforzi, i progressi e le prestazioni dello

Un portfolio è una raccolta dinamica, mirata e sistematica di elaborati che testimonia e riflette gli sforzi, i progressi e le prestazioni dello r.berardi Un portfolio è una raccolta dinamica, mirata e sistematica di elaborati che testimonia e riflette gli sforzi, i progressi e le prestazioni dello studente in un determinato ambito disciplinare

Dettagli

TEMA 1. 1. Della seguente matrice, calcolare i complementi algebrici e il determinante: a + b 1 a 2 S = a + b + 3 a + 2b. x = t. f = x 2 + 2xy 3y 2,

TEMA 1. 1. Della seguente matrice, calcolare i complementi algebrici e il determinante: a + b 1 a 2 S = a + b + 3 a + 2b. x = t. f = x 2 + 2xy 3y 2, Prova scritta di MATEMATICA B1 Vicenza, 17 marzo 008 TEMA 1 1 1 A = 1 0 1. 3 0 1. Stabilire se il seguente sottoinsieme di M(, R): {( ) a + b 1 a S = a, b R}, a + b + 3 a + b è un sottospazio di M(, R).

Dettagli

Versione 1.0-21 febbraio 2005

Versione 1.0-21 febbraio 2005 Corso di Laurea di I livello in Ingegneria Meccanica note alle lezioni di: Complementi di Meccanica Applicata alle Macchine, 3CFU Versione 1.0-21 febbraio 2005 Benedetto Allotta 1 Allotta Complementi di

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN FISICA ANNO ACCADEMICO 2013-14 PROVA DI INGRESSO

CORSO DI LAUREA IN FISICA ANNO ACCADEMICO 2013-14 PROVA DI INGRESSO CORSO DI LAUREA IN FISICA ANNO ACCADEMICO 2013-14 PROVA DI INGRESSO 20 Settembre 2013 Fisica 1. La figura è una vista dall alto di quattro scatole identiche, S 1, S 2, S 3, S 4, appoggiate su un piano

Dettagli

C.d.L. "Scienze della Formazione Primaria" Corso Integrato di Geometria e Algebra. Modulo di GEOMETRIA. A. Gimigliano, A.A.

C.d.L. Scienze della Formazione Primaria Corso Integrato di Geometria e Algebra. Modulo di GEOMETRIA. A. Gimigliano, A.A. C.d.L. "Scienze della Formazione Primaria" Corso Integrato di Geometria e Algebra Modulo di GEOMETRIA A. Gimigliano, A.A. 009/10 Note supplementari per il corso INDICE 0. INTRODUZIONE. 1. LA GEOMETRIA

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

I Giochi di Archimede-- Soluzioni triennio

I Giochi di Archimede-- Soluzioni triennio PROGETTO OLIMPIADI DI MATEMATICA U.M.I. UNIONE MATEMATICA ITALIANA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SCUOLA NORMALE SUPERIORE I Giochi di Archimede-- Soluzioni triennio 17 novembre 2010 Griglia delle

Dettagli

SIMULAZIONE QUARTA PROVA: MATEMATICA

SIMULAZIONE QUARTA PROVA: MATEMATICA SIMULAZIONE QUARTA PROVA: MATEMATICA COGNOME: NOME: TEMPO IMPIEGATO: VOTO: TEMPO DELLA PROVA = 44 (a fianco di ogni quesito si trova il tempo consigliato per lo svolgimento dell esercizio). PUNTEGGIO TOTALE

Dettagli

Appunti di Geometria

Appunti di Geometria ISTITUTO COMPRENSIVO N.7 - VIA VIVALDI - IMOLA Via Vivaldi, 76-40026 Imola (BOLOGNA) Centro Territoriale Permanente: Istruzione Degli Adulti - IDA Appunti di Geometria Scuola Secondaria di I Grado - Ex

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 2 CORSO DI ORDINAMENTO 2013. 8 4 + x 2, con dominio R (infatti x2 + 4 0 per ogni. 8 4 + ( x) = 8. 4 + x 2

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 2 CORSO DI ORDINAMENTO 2013. 8 4 + x 2, con dominio R (infatti x2 + 4 0 per ogni. 8 4 + ( x) = 8. 4 + x 2 SOLUZIONE DEL PROBLEMA CORSO DI ORDINAMENTO. Studiamo la funzione f(x) = x R). Notiamo che f( x) = 4 + x, con dominio R (infatti x + 4 per ogni 4 + ( x) = 4 + x = f(x), cioè la funzione è pari e il grafico

Dettagli

RICHIAMI SULLE MATRICI. Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come

RICHIAMI SULLE MATRICI. Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come RICHIAMI SULLE MATRICI Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come A = a 11 a 12... a 1n a 21 a 22... a 2n............ a m1 a m2... a mn dove m ed n sono le dimensioni di A. La matrice A può

Dettagli

Capitolo Sedicesimo CENNO SULLE SUPERFICI

Capitolo Sedicesimo CENNO SULLE SUPERFICI Capitolo Sedicesimo CENNO SULLE SUPERFICI 1. L A N O Z I O N E D I S U P E R F I C I E In tutto il Capitolo, chiameremo dominio un sottoinsieme di  2 che sia la chiusura di un aperto connesso. Sono tali,

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Sia la curva d equazione: ke ove k e

Dettagli

Capitolo 3. Il metodo visto nella geometria dello spazio duale. 3.1 Definizione di spazio duale

Capitolo 3. Il metodo visto nella geometria dello spazio duale. 3.1 Definizione di spazio duale Il metodo visto nella geometria dello spazio duale Nel precedente capitolo e stato esposto in linea generale il metodo a luce debolmente strutturata enfatizzando soprattutto la localizzazione temporale

Dettagli

Definizione DEFINIZIONE

Definizione DEFINIZIONE Definizione Funzione reale di due variabili reali Indichiamo con R 2 l insieme di tutti i vettori bidimensionali. Dato un sottoinsiemed R 2, una funzione f: D R è una legge che assegna a ogni punto (x,

Dettagli

VA. Vettori applicati

VA. Vettori applicati VA. Vettori applicati I ettori, considerati da un punto di ista matematico, engono tutti riferiti all origine degli assi, in quanto si considerano equialenti tutti i segmenti orientati di uguale direzione,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 In un piano, riferito

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree MODULO DI MATEMATICA di accesso al triennio Abilità interessate Utilizzare terminologia specifica. Essere consapevoli della necessità di un linguaggio condiviso. Utilizzare il disegno geometrico, per assimilare

Dettagli

I ESERCITAZIONE. Soluzione

I ESERCITAZIONE. Soluzione I ESERCITAZIONE 1. Moto rettilineo uniforme Un bagnino B è sulla spiaggia a distanza d B = 50 m dalla riva e deve soccorrere un bagnante H che è in acqua a d H = 100 m dalla riva. La distanza tra il punto

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni:

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni: FUNZIONI IN PIÙ VARIABILI 1. Esercizi Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni, specificando se si tratta di un insieme aperto o chiuso: 1) f(x, ) = log(x x ) ) f(x, ) = x + 3) f(x,

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 28 gennaio 2013 - A)

Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 28 gennaio 2013 - A) Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 28 gennaio 23 - A) Cognome: Nome: Nr.matricola: Corso di laurea: Esercizio. Nello spazio R 3, siano dati il piano e i punti P = (, 2, ), Q = (2,, ). π : x + 2y 3

Dettagli

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo 68 Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo 0) ircocentro 0) Incentro 03) Baricentro 04) Ortocentro Pagina 68 di 73 Unità Didattica N 8 Punti

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

la restituzione prospettica da singolo fotogramma

la restituzione prospettica da singolo fotogramma la restituzione prospettica da singolo fotogramma arch. francesco guerini francesco.guerini@gmail.com politecnico di Milano, Facoltà di Architettura e Società Laboratorio di Rappresentazione 1 Prof. Andrea

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico

Liceo G.B. Vico Corsico Liceo G.B. Vico Corsico Classe: 3A Materia: MATEMATICA Insegnante: Nicola Moriello Testo utilizzato: Bergamini Trifone Barozzi: Manuale blu.0 di Matematica Moduli S, L, O, Q, Beta ed. Zanichelli 1) Programma

Dettagli

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO Carlo Sintini www.matematicamente.it INDICE TAVOLE NUMERICHE Potenze e radici quadre e cube dei numeri fino a 200

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica

Esercizi di Analisi Matematica Esercizi di Analisi Matematica CAPITOLO 1 LE FUNZIONI Exercise 1.0.1. Risolvere le seguenti disuguaglianze: (1) x 1 < 3 () x + 1 > (3) x + 1 < 1 (4) x 1 < x + 1 x 1 < 3 x + 1 < 3 x < 4 Caso: (a): x 1

Dettagli

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Sessione straordinaria - a.s. 9- ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Tema di: MATEMATICA a.s. 9- Svolgimento a cura di Nicola De Rosa Il candidato risolva uno

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

CLASSE TERZA - COMPITI DELLE VACANZE A.S. 2014/15 MATEMATICA

CLASSE TERZA - COMPITI DELLE VACANZE A.S. 2014/15 MATEMATICA Risolvere le seguenti disequazioni: 0 ) x x ) x x x 0 CLASSE TERZA - COMPITI DELLE VACANZE A.S. 04/ MATEMATICA x 6 x x x x 4) x x x x x 4 ) 6) x x x ( x) 0 x x x x x x 6 0 7) x x x EQUAZIONI CON I MODULI

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Processo di rendering

Processo di rendering Processo di rendering Trasformazioni di vista Trasformazioni di vista Il processo di visione in tre dimensioni Le trasformazioni di proiezione 2 Rendering nello spazio 2D Il processo di rendering (visualizzazione)

Dettagli

.y 6. .y 4. .y 5. .y 2.y 3 B C C B. B f A B f -1

.y 6. .y 4. .y 5. .y 2.y 3 B C C B. B f A B f -1 Funzioni FUNZIONI Una funzione è una relazione fra due insiemi non vuoti e, che associa ad ogni elemento uno e un solo elemento. In simboli si scrive: = oppure. x 1. x..y B C.y 5 x 4..y 4 L elemento è

Dettagli

Capitolo 4. Funzioni di Più Variabili: Primi Elementi. 4.1 Coordinate Cartesiane in Tre Dimensioni.

Capitolo 4. Funzioni di Più Variabili: Primi Elementi. 4.1 Coordinate Cartesiane in Tre Dimensioni. Capitolo 4 Funzioni di Più Variabili: Primi Elementi L analisi delle funzioni di una singola variabile è fatta sostanzialmente sulla retta R enelpianor. Questi sono gli ambienti naturali per lo studio

Dettagli

L EQUILIBRIO UNIVERSALE dalla meccanica celeste alla fisica nucleare

L EQUILIBRIO UNIVERSALE dalla meccanica celeste alla fisica nucleare L EQUILIBRIO UNIVERSALE dalla meccanica celeste alla fisica nucleare Cap.4 giroscopio, magnetismo e forza di Lorentz teoria del giroscopio Abbiamo finora preso in considerazione le condizionidi equilibrio

Dettagli

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E).

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E). MATEMATICA 2001 66. Quale fra le seguenti affermazioni è sbagliata? A) Tutte le funzioni ammettono la funzione inversa B) Una funzione dispari è simmetrica rispetto all origine C) Una funzione pari è simmetrica

Dettagli

I sistemi lineari. 1. I sistemi di due equazioni in due incognite CAPITOLO

I sistemi lineari. 1. I sistemi di due equazioni in due incognite CAPITOLO I sistemi lineari CAPITOLO 0 TEORIA Internet Più della metà delle famiglie in Italia dispone di una connessione ADSL e il numero è in continua crescita. L offerta di tariffe e tecnologie dei gestori telefonici

Dettagli