MUD Confindustria Ravenna 27 marzo Servizio QSAE Confindustria Ravenna

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MUD 2015. Confindustria Ravenna 27 marzo 2015. Servizio QSAE Confindustria Ravenna"

Transcript

1 MUD 2015 Confindustria Ravenna 27 marzo 2015 Servizio QSAE Confindustria Ravenna

2 Riferimenti normativi Sulla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 è stato pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 17 dicembre 2014, recante «l approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2015». Anche quest anno, il MUD, sostituirà la dichiarazione Sistri. Tale modello dovrà essere utilizzato fino alla piena entrata in operatività del Sistri. fissata ad oggi al 1 gennaio 2016

3 Riferimenti normativi Il DLgs 152/2006 all art. 189 dispone l obbligo di comunicazione delle quantità e delle caratteristiche qualitative dei rifiuti per i soggetti indicati al medesimo articolo, secondo le modalità previste dalla L. 70/94. Le modifiche all art. 189 del DLgs 152/2006 apportate dal DLgs 205/2010, entreranno in vigore con la piena operatività del Sistri.

4 Perché un nuovo MUD? E stato necessario apportare alcune modifiche alla modulistica approvata lo scorso anno al fine di poter disporre di nuovi dati nonché di coordinamento con i dati indicati nel Sistri.. in particolare descrizione più analitica dello stato fisico; l obbligo di distinguere tra i rifiuti in attesa di essere avviati a recupero da quelli destinati allo smaltimento; la possibilità di indicare, nel modulo RE, i rifiuti prodotti da cantieri temporanei e mobili anche di bonifica.

5 Novità Come lo scorso anno non è possibile espletare gli adempimenti attraverso il SISTRI perché l operatività del sistema è rimasta sospesa per il Trasmissione solo in modalità telematica (ad eccezione delle comunicazioni semplificate) Stato fisico del rifiuto Sono stati aggiunti agli stati fisici già esistenti(solido polverulento, solido non polverulento, fangoso palabile, liquido) i seguenti stati fisici: vischioso e sciropposo e altro. E inoltre necessario dividere rifiuti con lo stesso codice Cer ma diverso stato fisico Inserimento della giacenza Il produttore dei rifiuti deve indicare la quantità di rifiuto in giacenza al 31/12/2014, distinguendo i rifiuti tenuti in deposito temporaneo in attesa di essere avviati a recupero da quelli in attesa di essere inviati a smaltimento.

6 Novità Modulo RT E statochiaritochenelcasoincuiigestoridirifiutieitrasportatoridirifiuticonto terzi gestiscano(nel primo caso) e/o trasportino(nel secondo caso) rifiuti prodotti da soggetti non individuabili come imprese o enti dovranno barrare la casella privati indicando anche il Comune di provenienza del rifiuto. Modulo RE Nel modulo, compilato dai soggetti che producono rifiuti fuori dalle proprie unità locali, oltre alle opzioni attività di bonifica amianto, manutenzioni e assistenza sanitaria è stata aggiunta la voce cantieri temporanei e mobili(anche di bonifica). Questa aggiunta comporta che anche per i rifiuti pericolosi da costruzione e demolizione e per i rifiuti derivanti da bonifica deve essere compilato unmoduloreperognicomuneincuisonostatiprodottitalirifiuti.

7 Articolazione del MUD Il NUOVO modello è articolato in 6 comunicazioni: 1. Rifiuti speciali 2. Veicoli fuori uso 3. Imballaggi 4. Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche 5. Rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione 6. Produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche

8 COMUNICAZIONE RIFIUTI Regole generali

9 Comunicazione rifiuti 1. SOGGETTI OBBLIGATI 2. UNITA LOCALE 3. COMPILAZIONE 4. TRASMISSIONE 5. SANZIONI 6. CASI PARTICOLARI

10 Soggetti obbligati Imprese produttrici iniziali di rifiuti pericolosi Imprese con più di 10 dipendenti che producono rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, artigianali o dal trattamento degli effluenti attività di potabilizzazione, trattamenti delle acque, depurazione delle acque reflue nonché abbattimento fumi. Imprese che effettuano operazioni di recupero e smaltimento rifiuti Commercianti ed intermediari di rifiuti senza detenzione.

11 Soggetti obbligati I soggetti che svolgono, a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti. I soggetti che svolgono attività di trasporto in conto proprio di rifiuti pericolosi. I gestori degli impianti e dei servizi portuali per la raccolta dei rifiuti prodotti dalle navi ed i residui di carico

12 Soggetti esclusi Produttori di rifiuti NON pericolosi derivanti da attività industriali ed artigianali e di gestione delle acque con meno di 10 dipendenti. Produttori di rifiuti NON pericolosi derivanti da attività: agricole, edili, commerciali, di servizio, sanitarie. Soggetti che svolgono attività di servizi alla persona, esclusivamente per il cer (aghi, ed oggetti taglienti). Trasportatori conto proprio di rifiuti NON pericolosi in possesso di iscrizione all Albo Gestori

13 Unità locale Per UNITA LOCALE s intende la sede presso la quale il dichiarante ha DETENUTO i rifiuti oggetto della dichiarazione, in relazione alle attività ivi svolte (produzione, deposito preliminare, messa in riserva, recupero/smaltimento). Deve essere presentato un MUD per ogni unità locale. Per ogni unità locale deve essere presentata un unica dichiarazione relativa a tutte le attività nella stessa svolte... per i trasportatori, gli intermediari e i commercianti si considera unità locale la sede legale dell impresa.

14 Compilazione e trasmissione regole generali 1. La scadenza per la presentazione è il 30 aprile La dichiarazione deve essere presentata solose nel corso dell anno di riferimento (ossia nel corso del 2014) il dichiarante ha effettivamente svolto almeno una delle attività per le quali è previsto il MUD (in nessun caso deve essere presentato un MUD in bianco)

15 Compilazione e trasmissione regole generali Il Mud può essere compilato: Supporto cartaceo -solo per la comunicazione Semplificata: utilizzando fotocopie su fogli bianchi in formato A4 dei moduli pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale, oppure scaricando l apposito modulo compilabile dal sito di ecocerved. Modalità informatica: utilizzando il software di compilazione predisposto da Unioncamere, disponibile sul sito di ecocerved

16 Compilazione e trasmissione regole generali Il Mud può essere consegnato: Mediante spedizione postale a mezzo raccomandata senza avvisodi ricevimento alla CCIAA territorialmente competente. Solo per la comunicazione Semplificata Mediante invio telematico Esclusivamente tramite il sito I soggetti dichiaranti devono essere in possesso di un dispositivo di firma digitale (smart card, cns, bussiness key)

17 Compilazione e trasmissione regole generali Diritti di segreteria 10 per le dichiarazioni su supporto informatico 15 per le dichiarazioni su supporto cartaceo Modifiche e correzioni/integrazioni possono essere apportate presentando una nuova dichiarazione completa anche dei dati già dichiarati. E necessario versare un nuovo diritto di segreteria. Il tutto deve essere effettuato entro la data di scadenza per non incorrere nelle sanzioni

18 Sanzioni omessa presentazione sanzione amministrativa pecuniaria da a euro incompleta o inesatta compilazione sanzione amministrativa pecuniaria da a euro denuncia incompleta o inesatta ma con informazioni ricostruibili sanzione amministrativa pecuniaria da 260 a euro

19 e per presentazioni in ritardo? ritardo nella presentazione (entro 60 gg, cioè entro il ) sanzione amministrativa pecuniaria da 26 a 160 euro

20 Casi particolari L azienda che ha esercitato l attività in due unità locali nel corso del 2014, deve compilare una dichiarazione MUD per ciascuna unità locale. L azienda che ha modificato la sede legale dove non viene svolta alcuna attività soggetta al MUD, deve presentare una sola dichiarazione relativa all unità locale soggetta all obbligo di dichiarazione. La sede legale che verrà indicata nella dichiarazione, sarà quella attiva al momento della presentazione. L azienda che ha cambiato P. IVA e non codice fiscale, non deve apportare alcuna modifica perché la P.IVA non ha alcun effetto sulla dichiarazione MUD.

21 Casi particolari Nel caso in cui un azienda B, nel corso del 2014 ha incorporato/acquisito un unità locale dell azienda A, devono essere presentate 2 dichiarazioni MUD per la stessa unità locale. Una a cura dell azienda A ed una a cura dell azienda B, ciascuna per il periodo di propria competenza. L azienda che ha cambiato solo la ragione sociale o la natura giuridica, non deve effettuare nessuna particolare comunicazione perché il cambio della ragione sociale o della natura giuridica non ha alcun effetto sulla presentazione della dichiarazione MUD.

22 COMPILAZIONE MODULISTICA DELLA COMUNICAZIONE RIFIUTI Dichiarazione semplificata

23 Comunicazione semplificata Gli obblighi della comunicazione rifiuti, possono essere assolti tramite la scheda rifiuti speciali semplificata dai soli dichiaranti per i quali ricorrono CONTEMPORANEAMENTE tutte le seguenti condizioni : 1. Sono produttori iniziali di non più di 7 rifiuti per i quali sussiste l obbligo di dichiarazione; 2. I rifiuti sono prodotti nell unità locale cui si riferisce la dichiarazione; 3. Per ogni rifiuto prodotto, il produttore non ha utilizzato più di 3 trasportatori e più di 3 destinatari diversi

24 Comunicazione semplificata La SEZIONE COMUNICAZIONE SEMPLIFICATA non può essere compilata da coloro che eseguono attività di gestione dei rifiuti e dai produttori di rifiuti che non ricadono nelle condizioni precedentemente elencate

25 Comunicazione semplificata Il contenuto informativo della comunicazione semplificata è assolutamente identico a quello della comunicazione rifiuti speciali. La semplificazione è riferita esclusivamente al fatto che possono presentarla soggetti che: - non sono in possesso di computer; - non hanno una firma digitale; - non sono in possesso di strumenti per il pagamento elettronico. La Comunicazione Rifiuti semplificata deve essere compilata utilizzando la modulistica cartacea disponibile sul sito mud.ecocerved.it oppure attraverso la nuova procedura di compilazione disponibile sul sito di Ecocerved. In questo caso il dichiarante inserirà i dati tramite apposita applicazione web e poi stamperà la Comunicazione. Ecocerved ha messo a disposizione un modulo con campi editabili di facile e rapida compilazione.

26 Comunicazione semplificata la presentazione DEVE avvenire mediante spedizione postale a mezzo raccomandata senza avviso di ricevimento alla CCIAA territorialmente competente per la provincia di Ravenna: CCIAA di Ravenna: viale Farini, Ravenna la modulistica deve essere spedita unitamente all attestazione (in originale) del pagamento dei diritti di segreteria ( 15) per la provincia di Ravenna : il pagamento di tali diritti deve avvenire mediante conto corrente postale n ; nella causale di versamento indicare il codice fiscale del dichiarante e la dicitura DIRITTI DI SEGRETERIA MUD (legge70/94) ;

27 Scheda Rifiuti Semplificata 1. E composta solo di 4 fogli: SRS1, SRS2, SRS3, SRS4 2. Può essere compilata solo dai produttori PRODUTTORE 3. Devono essere indicati i mesi di attività dell azienda 4. Deve essere inserito il codice ATECO2007 Rif.1 5. Deve essere inserito lo stato fisico del rifiuto 6. Deve essere inserita la giacenza al 31/12 7. Se il rifiuto è destinato all estero bisogna inserire la quantità in base alla destinazione finale del destinatario. E stato tolto il codice di Basilea 8. In caso di correzioni è stato prevista la dicitura «annulla e sostituisce la precedente presentata in data» SRS1

28 Scheda Rifiuti Semplificata Rif 4 TRASPORTATORE Rif 6 TRASPORTATORE DESTINATARIO DESTINATARIO Rif 5 TRASPORTATORE Rif 7 TRASPORTATORE DESTINATARIO DESTINATARIO SRS3 SRS4

29 Comunicazione semplificata sulla busta devono essere riportati i dettagli identificativi dell unità locale dichiarante

30 COMPILAZIONE MODULISTICA DELLA COMUNICAZIONE RIFIUTI Dichiarazione ordinaria

31 Comunicazione rifiuti speciali MUD 2015 anno 2014 PRODUTTORE (mittente) TRASPORTATORE (vettore) Sezione Anagrafica Scheda RIF Modulo TE Modulo DR Modulo RE se produce rifiuti fuori dall U.L. Sezione Anagrafica Scheda RIF Modulo DR Modulo RT rifiuto ricevuto da terzi SMALTITORE o RECUPERATORE (destinatario) Sezione Anagrafica Scheda RIF Modulo RT Modulo GESTIONE attività svolte sul rifiuto Scheda MAT ottenuti da attività di recupero

32 Dallo scorso anno è stata tolta la scheda di riepilogo e sostituita con la scheda autorizzazioni ATTENZIONE! La Scheda SA AUT-Autorizzazioni deve essere compilata solo nel caso in cu il Dichiarante sia tenuto anche alle Comunicazioni telematiche in materia di Gestione dei veicoli fuori uso e/o Gestione dei rifiuti elettrici ed elettronici RAEE

33 Dati necessari per la compilazione Dati anagrafici azienda (unità locale, n. dip., C.F.) Classificazione ISTAT (codice ATECO 2007) Tipologie rifiuti (CER, stato fisico) Quantità di rifiuti prodotti (espressi in T o Kg) Quantità di rifiuti smaltiti/recuperati (espressi in T o Kg) Dati dei trasportatori (C.F.) Dati dello smaltitore/recuperatore

34 Comunicazione rifiuti speciali - anagrafica - 1. E composta solo da 1 foglio 2. Questa sezione deve essere compilata solo telematicamente e firmata digitalmente 3. Devono essere indicati i mesi di attività dell azienda ed il numero degli ADDETTI 4. Deve essere inserito il codice ATECO2007

35 Comunicazione rifiuti speciali scheda RIF 1. Deve essere compilata una scheda RIF per ogni rifiuti speciale prodotto dal dichiarante nell U.L. a cui si riferisce la dichiarazione o fuori dall U.L., nell ambito 2. Deve essere inserita la giacenza al 31/12 3. E stato inserito un riquadro per i dati del trasporto: - se il dichiarante è un produttore indico solo i RP trasportati c/proprio; - se il dichiarante un è un trasportatore (professionista) indicare le q.tà di rifiuti trasportate 4. E stata modificato anche il riquadro per le attività di recupero/smaltimento. Devono essere inserite le quantità avviate rispettivamente a recupero e/o smaltimento. Solo per gestori di rifiuti

36 Comunicazione rifiuti speciali modulo DR 1. Deve essere compilato un modulo DR per ogni U.L. di destinazione del rifiuto 2. Per i rifiuti destinati all estero, è stato corretto il riferimento normativo (Reg 1013/2006, anziché Reg. 259/93) 3. Nel caso di rifiuto con destinazione estera riportare la quantità conferita, ripartita in base all attività del destinatario 4. Scompare il codice di Basilea

37 Comunicazione rifiuti speciali modulo RT 1. Deve essere compilato un modulo RT per ogni U.L. dalla quale si riceve il rifiuto 2. Nel caso in cui il rifiuti sia stato ricevuto da soggetti non individuabili come imprese o enti (studi medici, condomini ) barrare la casella «privati» indicare le quantità ricevute nell anno 3. Per i rifiuti destinati all estero, è stato corretto il riferimento normativo (Reg 1013/2006, anziché Reg. 259/93) 4. Scompare il codice di Basilea

38 Comunicazione rifiuti speciali modulo RE 1. Deve essere compilato un modulo RE per ogni rifiuto prodotto fuori dall U.L. 2. E stata inserita la voce «assistenza sanitaria» 3. Scompare la voce «attività di costruzione e demolizione», per le quali i produttori non devono presentare il MUD se non in presenza di rifiuti pericolosi

39 MUD TELEMATICO

40 Mud telematico tutti i soggetti che non ricadono nelle condizioni precisate per l utilizzo della modulistica semplificata devono presentare il MUD 2015 per via telematica attraverso il sito web i soggetti dichiaranti dovranno quindi essere in possesso di un dispositivo contenente un certificato di firma digitale valido al momento dell invio (Smart Card o Carta Nazionale dei Servizi o Business Key) il software di compilazione per il MUD telematico è disponibile sul sito

41 il pagamento dei diritti di segreteria ( 10 per ogni unità locale dichiarante) deve avvenire con sistemi elettronici di pagamento sicuri quali Carta di Credito o Telemaco Pay il soggetto che presenta le Dichiarazioni in nome e per conto dei soggetti obbligati effettua un pagamento cumulativo dei diritti di segreteria relativi all insieme dei MUD oggetto di ciascun invio telematico ogni Dichiarazione telematica può contenere più Comunicazioni; per esempio la Comunicazione rifiuti speciali oggetto di questo seminario e la Comunicazione RAEE- rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche

42 Produzione del file da trasmettere Il file da trasmettere può essere generato: dal prodotto informatico per la compilazione delle dichiarazioni su supporto informatico predisposto e distribuito da Unioncamere. da altre applicazioni, sempre nel rispetto delle specifiche riportate nell allegato al DPCM. In questo caso Unioncamere mette a disposizione un eseguibile per il controllo formale delle dichiarazioni rese su supporto informatico dai soggetti che utilizzano prodotti software diversi da quello predisposto da Unioncamere. Il software per produrre il file MUD e il software per il controllo del file MUD possono essere scaricati liberamente dal sito

43 43 Invio del file MUD Software gratuito della CCIAA produce: - File MUD No carta Invio con Firma Digitale Pagamento on-line Carta C. o Telemaco Pay MUD INVIO telematica, con strumento di FIRMA DIGITALE

44 44 Invio del file MUD La trasmissione avviene esclusivamente tramite il sito L'utente, preliminarmente all invio, deve, obbligatoriamente registrarsi tramite la procedura di registrazione disponibile sul sito stesso. In fase di registrazione vengono fornite le informazioni essenziali per la successiva produzione della fattura quali la Partita Iva e l'indirizzo mail alla quale verrà inviata (nel caso di pagamento con carta di credito). I soggetti già registrati negli anni precedenti potranno utilizzare le credenziali in loro possesso.

45 45 Cosa viene trasmesso Il file può contenere più dichiarazioni MUD appartenenti ad uno stesso soggetto dichiarante o a soggetti dichiaranti diversi. Il file dovrà contenere solo unità locali di competenza della medesima camera di commercio.

46 Inizio procedura invio 46

47 Caricamento file MUD Attenzione! Il file NON deve essere firmato digitalmente

48 48 Come si firma il file Una volta completato il trasferimento (dal proprio sistema al server e conclusi i controlli, il sistema presenta a video il modulo riepilogativo contenente l'elenco delle dichiarazioni contenute nel file e l'utente deve procedere a firmare digitalmente il documento. L apposizione della firma digitale può avvenire secondo due distinte modalità: in linea (solo per Internet Explorer e Chrome) o fuori linea. I soggetti dichiaranti che devono o che, intendono trasmettere il MUD per via telematica, debbono essere in possesso di un dispositivo di firma digitale (Smart Card o Carta nazionale dei Servizi o Business Key) dotato di certificato di sottoscrizione valido al momento dell'invio, emesso da una Autorità di Certificazione accreditata.

49 49 la firma digitale La firma digitale non deve necessariamente essere quella del dichiarante ma può essere quella di un soggetto al quale il dichiarante ha delegato la compilazione e la trasmissione del MUD o anche la sua sola trasmissione. Le associazioni di categoria e gli studi di consulenza possono inviare telematicamente i MUD compilati per conto dei propri associati e dei propri clienti apponendo cumulativamente ad ogni invio la propria firma elettronica sulla base di espressa delega scritta dei propri associati e dei clienti (i quali restano responsabili della veridicità dei dati dichiarati) che deve essere mantenuta presso la sede delle medesime associazioni e studi.

50 Firma file MUD in linea 50

51 Firma file MUD fuori linea 51

52 52 Quando si pagano i diritti? Una volta conclusa la procedura di firma del file, l'utente deve procedere al pagamento del diritto di segreteria. Il pagamento può essere effettuato tramite Carta di Credito (VISA, Diners, Master Card o Postepay VISAElectronics) Telemaco Pay La dichiarazione MUD si intende trasmessa solo una volta completato correttamente il pagamento. Carta di credito e contratto Telemaco Pay possono essere associati a soggetti diversi dal dichiarante o dal compilatore

53 Pagamento file MUD C.C. 53

54 Invio file MUD 54

55 Pagamento con Telemaco Pay 55

56 Pagamento con Telemaco pay 56

57 Pagamento con Telemaco pay 57

58 Quali controlli vengono eseguiti prima dell invio? 58 Il file viene sottoposto ad una serie di controlli per la verifica della correttezza formale. In particolare e a titolo non esaustivo, verranno verificati: rispondenza della struttura dati a quanto previsto dalle specifiche contenute in Allegato 4 al DPCM e successivamente pubblicate; presenza di tutte le informazioni previste. correttezza delle codifiche utilizzate (per esempio Catalogo Europeo dei Rifiuti, Classificazione ISTAT attività economiche). Qualora il file non superi i controlli non potrà essere trasmesso, il sistema fornirà un rapporto nel quale verranno indicati gli errori rilevati.

59 59 Conferma Invio - Stampa ricevute A conclusione della spedizione il compilatore riceve: Un messaggio tramite posta certificata proveniente dal sistema MudTelematico contenente in allegato la ricevuta attestante che l invio è avvenuto correttamente. Un messaggio tramite posta normale proveniente dal servizio bancario per i pagamenti telematici attestante l esito della transazione (solo se si tratta di pagamento con carta di credito). Un messaggio tramite posta normale proveniente da InfoCamere Scpa contenente in allegato la fattura relativa ad ogni singola transazione telematica eseguita. Il compilatore potrà immediatamente stampare la ricevuta delle dichiarazioni contenute nel file inviato

60 Contatti Confindustria Ravenna Servizio QSAE Davide Ceccato mail: tel Monica Gigli mail: tel

Presentazione alla CCIA I A

Presentazione alla CCIA I A Presentazione alla CCIAA 1 Compilazione Produttori Chi Cosa Come Produttori iniziali che, nella propria Unità Locale, producono non più di 7 rifiuti e, per ogni rifiuto, utilizzano non più di 3 trasportatori

Dettagli

Come ogni anno, la scadenza per la presentazione del MUD è il 30 aprile 2016. PRINCIPALI NOVITA DEL MUD 2016

Come ogni anno, la scadenza per la presentazione del MUD è il 30 aprile 2016. PRINCIPALI NOVITA DEL MUD 2016 CIRCOLARE N. 010 15.01.2016 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Modello Unico di Dichiarazione ambientale scadenza del 30 aprile 2016. Servizio di ANCE Bergamo per la compilazione e presentazione

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE MUD 2015

ISTRUZIONI OPERATIVE MUD 2015 Comunicazione Rifiuti speciali ISTRUZIONI OPERATIVE MUD 2015 I soggetti obbligati a presentare il MUD 2014 sono: chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti; commercianti

Dettagli

OGGETTO: La presentazione del MUD entro il 30 aprile

OGGETTO: La presentazione del MUD entro il 30 aprile Informativa per Comuni Consorziati Ai Responsabili Settore Ambiente Loro sedi OGGETTO: La presentazione del MUD entro il 30 aprile Spett.le Comune, con la stesura del presente documento informativo intendiamo

Dettagli

Circolare n. 20 del 15/04/2014 FC-fa. Ambiente MUD 2014. Approvato il modello di dichiarazione ambientale per l anno 2013.

Circolare n. 20 del 15/04/2014 FC-fa. Ambiente MUD 2014. Approvato il modello di dichiarazione ambientale per l anno 2013. 33 Circolare n. 20 del 15/04/2014 FC-fa Ambiente MUD 2014 Approvato il modello di dichiarazione ambientale per l anno 2013. E stato pubblicato sulla G.U. del 27/12/2013 n. 302, Supplemento Ordinario n.

Dettagli

Ambiente. Mud 2013. Approfondimenti.

Ambiente. Mud 2013. Approfondimenti. 11 Circolare n. 04 del 29/01/2013 FC-fa Ambiente Mud 2013 Approfondimenti. Il DPCM 20 dicembre 2012 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2013 ha abrogato e sostituito il

Dettagli

Istruzioni compilazione MUD 2015

Istruzioni compilazione MUD 2015 1 of 7 Premessa: Il DPCM 20/12/2012 stabilisce che la dichiarazione MUD, che comprende le Comunicazioni relative ai Rifiuti, deve essere trasmessa alla Camera di commercio via telematica. Il dichiarante

Dettagli

COMUNICAZIONE RIFIUTI SPECIALI

COMUNICAZIONE RIFIUTI SPECIALI COMUNICAZIONE RIFIUTI SPECIALI Comunicazione rifiuti speciali e semplificata Comunicazione rifiuti elettrici ed elettronici Comunicazione produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche Comunicazione

Dettagli

MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE 2008 PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2007

MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE 2008 PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2007 MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE 2008 PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2007 Imprese, enti, soggetti istituzionali responsabili del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani ed assimilati Premessa

Dettagli

MUD 2013 (DATI 2012)

MUD 2013 (DATI 2012) MUD 2013 (DATI 2012) E stato pubblicato il D.P.C.M. 20 dicembre 2012 "Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2013" (G.U. del 29 dicembre 2012) che stabilisce il modello e

Dettagli

MUD 2013 DICHIARAZIONE MUD PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2012

MUD 2013 DICHIARAZIONE MUD PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2012 MUD 2013 DICHIARAZIONE MUD PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2012 1 . MUD 2013 Normativa di riferimento Il D. Lgs. n.152/2006 all art. 189 dispone l obbligo di comunicare le quantità e le caratteristiche

Dettagli

Dichiarazione Ambientale 2015

Dichiarazione Ambientale 2015 Dichiarazione Ambientale 2015 PRESENTAZIONE DICHIARAZIONE MUD PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2014 Normativa di riferimento Il D.Lgs. n.152/2006 all art. 189 dispone l obbligo di comunicazione delle

Dettagli

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007 MUD 2015 RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MUD 2015 Normativa di riferimento Il D. Lgs. n.152/2006 all art. 189 dispone l obbligo di comunicare le quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti per

Dettagli

AZIENDA Loro Sede SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMUNICAZIONE RIFIUTI SPECIALI

AZIENDA Loro Sede SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMUNICAZIONE RIFIUTI SPECIALI Spett.le AZIENDA Loro Sede Trento, 01/02/2016 Oggetto: MUD 2016 - modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2016. Termine per aderire al servizio: 11/03/2016. È stato pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

DICHIARAZIONE MUD 2015 Scadenza MUD (dati 2014) al 30.04.2015

DICHIARAZIONE MUD 2015 Scadenza MUD (dati 2014) al 30.04.2015 Informativa del 05/02/2015 DICHIARAZIONE MUD 2015 Scadenza MUD (dati 2014) al 30.04.2015 AMBITO SEGNALAZIONE PAGINA Ambiente MUD 2015 3 Mondotecnico Srl Via Radici in Piano n 46 41049 Sassuolo (Mo) Tel.

Dettagli

Istruzioni compilazione MUD SISTRI 2011

Istruzioni compilazione MUD SISTRI 2011 1 of 10 Premessa: Come annunciato col circolare 2 marzo u.s del Ministero dell ambiente, i produttori di rifiuti possono presentare la dichiarazione inerente il 2010 in 2 modalità: compilazione e invio

Dettagli

COMUNICAZIONE ANNUALE MUD 2013 con riferimento all anno 2012 GUIDA ALLA COMPILAZIONE

COMUNICAZIONE ANNUALE MUD 2013 con riferimento all anno 2012 GUIDA ALLA COMPILAZIONE COMUNICAZIONE ANNUALE MUD 2013 con riferimento all anno 2012 GUIDA ALLA COMPILAZIONE Il MUD rifiuti speciali semplificato Qualora il produttore decida di avvalersi della facoltà di effettuare la comunicazione

Dettagli

Guida rapida utente. Indice generale. AmaAmbiente. Mud 2013. di Francesco Sgaravatti. Ultimo aggiornamento: 18 marzo 2013

Guida rapida utente. Indice generale. AmaAmbiente. Mud 2013. di Francesco Sgaravatti. Ultimo aggiornamento: 18 marzo 2013 AmaAmbiente Mud 2013 Guida rapida utente di Francesco Sgaravatti Ultimo aggiornamento: 18 marzo 2013 Indice generale 1. Introduzione...2 2. Unità locale del dichiarante...3 3. Registri...4 4. Causali...5

Dettagli

Il Catasto dei rifiuti con riferimento alle attività di C&D

Il Catasto dei rifiuti con riferimento alle attività di C&D Il Catasto dei rifiuti con riferimento alle attività di C&D ing. Mariella Bazzucco CATASTO RIFIUTI - MUD art. 189 - d.lgs. 152/2006 è articolato in una Sezione nazionale (ISPRA a Roma) e in Sezioni regionali/provinciali

Dettagli

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Comunicazione Rifiuti Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Soggetti obbligati / 1 I soggetti tenuti alla presentazione del MUD Sezione Rifiuti sono individuati dalla normativa seguente: dall articolo

Dettagli

D.P.C.M. 24.12.2002 Approvazione del nuovo modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2003

D.P.C.M. 24.12.2002 Approvazione del nuovo modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2003 D.P.C.M. 24.12.2002 Approvazione del nuovo modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2003 Pubblicato nella Gazz. Uff. 4 gennaio 2003, n. 3, S.O.Epigrafe Premessa 1. 2. Modello unico di dichiarazione

Dettagli

www.mudtelematico.it Utenti 2009 MUD Telematico Modalità di presentazione Telematica

www.mudtelematico.it Utenti 2009 MUD Telematico Modalità di presentazione Telematica www.mudtelematico.it Utenti 2009 Modalità di presentazione Telematica Produzione file da inviare Il programma MUD 2009, una volta installato e compilato, produrrà il File MUD2008.001: Produzione file da

Dettagli

ISTRUZIONI PER L ESPORTAZIONE DA SO.GE.R. PRO DEL FILE MUD2012.000 PER LA DICHIARAZIONE MUD 2013

ISTRUZIONI PER L ESPORTAZIONE DA SO.GE.R. PRO DEL FILE MUD2012.000 PER LA DICHIARAZIONE MUD 2013 ISTRUZIONI PER L ESPORTAZIONE DA SO.GE.R. PRO DEL FILE MUD2012.000 PER LA DICHIARAZIONE MUD 2013 Gentile Cliente, quelle che seguono sono le istruzioni per la corretta esportazione dal software So.Ge.R.

Dettagli

GUIDA alla compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD)

GUIDA alla compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD) Aprile 2009 GUIDA alla compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD) a cura del Servizio Ambiente CONFINDUSTRIA ANCONA - CONFINDUSTRIA FERMO - CONFINDUSTRIA MACERATA Inserto allegato

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA dati2014 2015 MUD Marzo 2015 Ultime novità sulla normativa ambientale SISTRI obbligatorietà contributo 2014 La legge 27/02/2015, n. 11, in sede di conversione del

Dettagli

Dichiarazione Ambientale 2015

Dichiarazione Ambientale 2015 Dichiarazione Ambientale 2015 PRESENTAZIONE DICHIARAZIONE MUD PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2014 Camere di commercio Regione Sardegna aprile 2015 Rifiuti Speciali e Rifiuti Urbani 1 2 Normativa di

Dettagli

MUD 2016 DICHIARAZIONE MUD PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2015. Rifiuti Speciali e Rifiuti Urbani

MUD 2016 DICHIARAZIONE MUD PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2015. Rifiuti Speciali e Rifiuti Urbani MUD 2016 DICHIARAZIONE MUD PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2015 Rifiuti Speciali e Rifiuti Urbani Normativa di riferimento Il D.Lgs. n.152/2006 all art. 189 dispone l obbligo del MUD per i soggetti indicati

Dettagli

Argomento Istruzioni Scheda

Argomento Istruzioni Scheda Comunicazione / Scheda / modello 0) Scheda Anagrafica autorizzazioni 1) Comunicazione rifiuti semplificata 1) Comunicazione rifiuti semplificata Scheda SRS 1/2/3/4 1) Comunicazione rifiuti semplificata

Dettagli

Struttura. Soggetti obbligati/1 Comunicazione Rifiuti CAPITOLO 1 - RIFIUTI CAPITOLO 1 - RIFIUTI E PRODOTTI IMMESSI SUL MERCATO. Comunicazione rifiuti

Struttura. Soggetti obbligati/1 Comunicazione Rifiuti CAPITOLO 1 - RIFIUTI CAPITOLO 1 - RIFIUTI E PRODOTTI IMMESSI SUL MERCATO. Comunicazione rifiuti MUD 2010 1 Premessa Sul supplemento ordinario alla G.U. n. 294 del 17 dicembre 2008 è stato pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 2 dicembre 2008, recante Approvazione del

Dettagli

COMUNICAZIONE ANNUALE MUD 2013 con riferimento all anno 2012

COMUNICAZIONE ANNUALE MUD 2013 con riferimento all anno 2012 COMUNICAZIONE ANNUALE MUD 2013 con riferimento all anno 2012 GUIDA ALLA COMPILAZIONE Sommario Premessa... 2 Contenuti del D.P.C.M. 20 dicembre 2012... 2 1. MUD RIFIUTI... 2 1.1 Soggetti obbligati alla

Dettagli

CAPITOLO 1 - RIFIUTI -

CAPITOLO 1 - RIFIUTI - CAPITOLO 1 - RIFIUTI - 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL CAPITOLO 1 - RIFIUTI - DEL MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE DEL 2003 SOGGETTI OBBLIGATI La Legge 70/1994 prevede che tutti gli obblighi di dichiarazione,

Dettagli

D.P.C.M. 24 dicembre 2002 (G.U. 4 gennaio 2003 n. 3) - Approvazione del nuovo modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2003

D.P.C.M. 24 dicembre 2002 (G.U. 4 gennaio 2003 n. 3) - Approvazione del nuovo modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2003 D.P.C.M. 24 dicembre 2002 (G.U. 4 gennaio 2003 n. 3) - Approvazione del nuovo modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2003 Il Presidente del Consiglio dei Ministri Vista la legge 25 gennaio

Dettagli

CIRCOLARE CLIENTI - N 07/2007

CIRCOLARE CLIENTI - N 07/2007 Tecnolario CIRCOLARE CLIENTI - N 07/2007 DATA: 12/02/2007 A/TO CA: Titolare dell attività / Responsabile Ambiente - Rifiuti DA/FROM: TECNOLARIO S.r.l. TEL/FAX N : 0341.494.210 # 0341.250.007 N PAG.: 2

Dettagli

Dichiarazione Ambientale 2014

Dichiarazione Ambientale 2014 Dichiarazione Ambientale 2014 PRESENTAZIONE: DICHIARAZIONE MUD PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2013 1 Normativa e soggetti obbligati 2 Normativa di riferimento Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n.152

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE APRIRE UN IMPRESA MODIFICARE I DATI DI UN IMPRESA CHIUDERE UN IMPRESA APPENDICI

PRIMA DI INIZIARE APRIRE UN IMPRESA MODIFICARE I DATI DI UN IMPRESA CHIUDERE UN IMPRESA APPENDICI Da oggi è possibile espletare tutti gli adempimenti per aprire un impresa con una singola comunicazione al Registro delle Imprese. Questa comunicazione contiene tutte le informazioni fiscali, previdenziali

Dettagli

Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD)

Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD) Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD) Entro il 30 aprile le imprese obbligate dovranno presentare il MUD utilizzando la modulistica pubblicata nel supplemento ordinario della Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Software Servizi Web UOGA

Software Servizi Web UOGA Manuale Operativo Utente Software Servizi Web UOGA S.p.A. Informatica e Servizi Interbancari Sammarinesi Strada Caiese, 3 47891 Dogana Tel. 0549 979611 Fax 0549 979699 e-mail: info@isis.sm Identificatore

Dettagli

Note funzionali Modello Unico Dichiarazione Ambientale MUD 2013

Note funzionali Modello Unico Dichiarazione Ambientale MUD 2013 AIRONE Vers. 6 Sistema Integrato per l Ambiente e la Sicurezza del Lavoro Note funzionali Modello Unico Dichiarazione Ambientale MUD 2013 Con la presente provvediamo a rilasciare il software del MODELLO

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE ALLEGATO 3 ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DEL MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE (MUD) MEDIANTE SUPPORTO INFORMATICO Nota Introduttiva Quanto descritto nel seguito si riferisce esclusivamente alle

Dettagli

Comunicazione Annuale MUD 2015 con riferimento ai dati del 2014

Comunicazione Annuale MUD 2015 con riferimento ai dati del 2014 Comunicazione Annuale MUD 2015 con riferimento ai dati del 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE 5 marzo 2015 0 Sommario Premessa... 1 1. Le comunicazioni del MUD 2015... 1 2. MUD rifiuti... 1 2.1. Soggetti obbligati

Dettagli

MUD Modello Unico di Dichiarazione ambientale 2010

MUD Modello Unico di Dichiarazione ambientale 2010 SCADENZA MUD Modello Unico di Dichiarazione ambientale 2010 Firenze 8 giugno 2010 Entro il 30 giugno 2010 i produttori e i gestori dei rifiuti, i gestori dei veicoli fuori uso, i produttori di AEE e le

Dettagli

GUIDA ALL ISCRIZIONE AL REGISTRO PRODUTTORI AEE

GUIDA ALL ISCRIZIONE AL REGISTRO PRODUTTORI AEE GUIDA ALL ISCRIZIONE AL REGISTRO PRODUTTORI AEE PV CYCLE 2014 INFORMAZIONI NORMATIVE Il decreto legislativo n. 49/2014 «Attuazione della direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed

Dettagli

Comunicazione Annuale - MUD 2014

Comunicazione Annuale - MUD 2014 Comunicazione Annuale - MUD 2014 con riferimento ai rifiuti prodotti e gestiti nell anno 2013 GUIDA ALLA COMPILAZIONE 20 marzo 2014 Sommario Premessa... 1 1. Le comunicazioni del MUD 2014... 1 2. Novità

Dettagli

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale Rosanna Laraia Il nuovo MUD Il DPCM 20 dicembre 2012 nasce dalla necessità di garantire l acquisizione delle necessarie

Dettagli

Comunicazione 02/2010

Comunicazione 02/2010 Carpi, 17/02/ Comunicazione 02/ Oggetto: Nuovo sistema di gestione rifiuti - SISTRI. Il Decreto del Ministero dell Ambiente del 17 dicembre 2009 ha introdotto una rivoluzione nelle modalità di gestione

Dettagli

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 1 Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 Relatore: Dario Trevisiol Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Pordenone

Dettagli

ADESIONE AL SISTRI PROCEDURE E INFORMAZIONI UTILI. Paolo Guazzotti

ADESIONE AL SISTRI PROCEDURE E INFORMAZIONI UTILI. Paolo Guazzotti ADESIONE AL SISTRI PROCEDURE E INFORMAZIONI UTILI Paolo Guazzotti 1 FASI DELL ADESIONE 1. Iscrizione (on-line, fax, telefonica, e-mail); 2. Versamento del contributo; 3. Consegna alla CCIAA/Sezione dell

Dettagli

MUD 2009 (DATI 2008) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE (LEGGE N. 70/94)

MUD 2009 (DATI 2008) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE (LEGGE N. 70/94) MUD 2009 (DATI 2008) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE (LEGGE N. 70/94) Sportello Ambiente Camera di Commercio di Verona 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL

Dettagli

DEPOSITO SITUAZIONE PATRIMONIALE DEL CONSORZIO E BILANCIO DEL CONTRATTO DI RETE DI IMPRESE

DEPOSITO SITUAZIONE PATRIMONIALE DEL CONSORZIO E BILANCIO DEL CONTRATTO DI RETE DI IMPRESE DEPOSITO SITUAZIONE PATRIMONIALE DEL CONSORZIO E BILANCIO DEL CONTRATTO DI RETE DI IMPRESE Ai sensi dell art. 2615 bis del codice civile, i consorzi, entro due mesi dalla chiusura dell esercizio, devono

Dettagli

LA COMUNICAZIONE UNICA

LA COMUNICAZIONE UNICA LA COMUNICAZIONE UNICA Come e quando nasce la Riferimenti normativi Il D.L. 31 gennaio 2007, n. 7 - art. 9 (Convertito, con modificazioni, dalla Legge 2 aprile 2007, n. 40) ha previsto e introdotto nel

Dettagli

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti SISTRI Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti Con l entrata in vigore del Decreto ministeriale 17 dicembre 2009 (SISTRI) molti aspetti riguardanti i rifiuti hanno subito una modifica. Il servizio da

Dettagli

GUIDA OPERATIVA COMUNICAZIONE INDIRIZZO P.E.C. (posta elettronica certificata) DI SOCIETÀ GIÀ ISCRITTE

GUIDA OPERATIVA COMUNICAZIONE INDIRIZZO P.E.C. (posta elettronica certificata) DI SOCIETÀ GIÀ ISCRITTE GUIDA OPERATIVA COMUNICAZIONE INDIRIZZO P.E.C. (posta elettronica certificata) DI SOCIETÀ GIÀ ISCRITTE AGGIORNATO AL 07/10/2011 Guida pubblicata nel sito www.pg.camcom.gov.it A cura dell Ufficio Registro

Dettagli

Modifiche al Modello unico di dichiarazione ambientale (MUD).

Modifiche al Modello unico di dichiarazione ambientale (MUD). Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 98 del 28 aprile 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE PRIMA

Dettagli

Carta della Qualità dei Servizi

Carta della Qualità dei Servizi Carta della Qualità dei Servizi Premessa La Team Posta svolge la propria attività in qualità di operatore postale, per le prestazioni dei servizi di raccolta, smistamento, distribuzione degli invii di

Dettagli

Dichiarazioni Ambientali 2012

Dichiarazioni Ambientali 2012 Dichiarazioni Ambientali 2012 PRESENTAZIONE: DICHIARAZIONE SISTRI DICHIARAZIONE MUD PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2011 CAMERA DI COMMERCIO di LATINA 11 APRILE 2012 Dichiarazione SISTRI Normativa Il

Dettagli

SISTRI. Gestione rifiuti,

SISTRI. Gestione rifiuti, SISTRI Gestione rifiuti, Il Decreto Ministeriale del 17 dicembre 2009 [ Ambiente ], pubblicato sulla GU del 13 gennaio 2010 [ in vigore dal 14/01/2010 ], che istituisce il SISTRI, il Sistema informatico

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Il registro di carico e scarico è un documento di tipo formale che deve contenere tutte le informazioni relative alle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti

Dettagli

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Bari, 15 settembre 2010 Fiera del Levante IV Giornata dell Energia Pulita Cos è il SISTRI? 2 Sistri è il nuovo sistema

Dettagli

Registrazione all area riservata e consultazione delle informazioni dell impresa. Manuale del 16/09/2015 Versione 1.50

Registrazione all area riservata e consultazione delle informazioni dell impresa. Manuale del 16/09/2015 Versione 1.50 Registrazione all area riservata e consultazione delle informazioni dell impresa Manuale del 16/09/2015 Versione 1.50 Indice 1. Registrazione area riservata del sito www.albonazionalegestoriambientali.it...

Dettagli

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 Osservatorio Rifiuti Provincia di Torino Pagina 116 Rapporto sullo stato del sistema di gestione dei rifiuti Giugno 2006 Capitolo 7 Quadro

Dettagli

MUD 2009. Incremento dei soggetti tenuti a presentare il modello unico di dichiarazione. Piccoli produttori di rifiuti unici soggetti agevolati

MUD 2009. Incremento dei soggetti tenuti a presentare il modello unico di dichiarazione. Piccoli produttori di rifiuti unici soggetti agevolati l Dichiarazione unica ambientale. Aumentati i moduli da compilare MUD 2009 Piccoli produttori di rifiuti unici soggetti agevolati Incremento dei soggetti tenuti a presentare il modello unico di dichiarazione

Dettagli

Manuale operativo per la gestione della procedura digitale di rendicontazione del

Manuale operativo per la gestione della procedura digitale di rendicontazione del Manuale operativo per la gestione della procedura digitale di rendicontazione del OccupaMI 2013: Bando contributi alle pmi per il sostegno all occupazione 1. Finalità delle procedure digitali La nuova

Dettagli

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27.

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27. Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27 dicembre 2013 Suppl. Ordinario n. 89) Rosanna Laraia IL DPCM 12 dicembre

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche)

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) RIG.ECO srl via dell artigianato 14 1di 9 INDICE 1. PREMESSA...1 2. DEFINIZIONI...3 3. SCOPO DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

La gestione dei rifiuti in edilizia

La gestione dei rifiuti in edilizia La gestione dei rifiuti in edilizia L Aquila, 26 febbraio 2008 ANCE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI Direzione Legislazione Mercato Privato 1 EDILIZIA E CODICE AMBIENTE NUOVA EDIFICAZIONE INTERVENTI

Dettagli

Di seguito vengono elencati i passi logici che verranno affrontati dalla procedura Comunicazione Unica:

Di seguito vengono elencati i passi logici che verranno affrontati dalla procedura Comunicazione Unica: Fino ad oggi le imprese ed i loro intermediari evadevano gli obblighi riguardanti il Registro delle Imprese, l Agenzia delle Entrate, l INAIL e l INPS con procedure diverse per ogni Ente e, soprattutto,

Dettagli

BANDI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

BANDI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI BANDI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Istruzioni per l invio telematico delle domande e degli allegati previsti dai Bandi pubblicati dalla CCIAA di Cosenza per la concessione di contributi -Edizione 2015-

Dettagli

La gestione dei rifiuti La teoria

La gestione dei rifiuti La teoria La gestione dei rifiuti La teoria Destinatario Formulario Registro C/S Sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi. I rifiuti vengono classificati in relazione

Dettagli

Invio telematico delle istanze all Albo nazionale gestori ambientali

Invio telematico delle istanze all Albo nazionale gestori ambientali Invio telematico delle istanze all Albo nazionale gestori ambientali AgestTelematico COS'E' UNA PROCEDURA TELEMATICA L'Albo Nazionale Gestori Ambientali ha messo a disposizione delle imprese un sistema

Dettagli

Appendice 2 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

Appendice 2 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Versione 1.0 Aggiornato al 29 Luglio 2009 www.to.camcom.it/guideregistroimprese Appendice 2 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA ANAGRAFE ECONOMICA - REGISTRO IMPRESE REGISTRO IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE DEI CONSORZI - ANNO 2015.

ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE DEI CONSORZI - ANNO 2015. Il Responsabile del Registro delle Imprese ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE DEI CONSORZI - ANNO 2015. 1) SOGGETTI TENUTI E TERMINE DI PRESENTAZIONE Il termine di presentazione della

Dettagli

Nuovo Elenco dei rifiuti

Nuovo Elenco dei rifiuti Nuovo Elenco dei rifiuti Il 18 dicembre 2014 la Commissione europea ha emanato la decisione 2014/955/UE che modifica la decisione 2000/532/CE relativa all elenco europeo dei rifiuti ai sensi della direttiva

Dettagli

MUD 2016 Guida alla compilazione. Comunicazione Annuale MUD 2016 con riferimento ai dati del 2015 GUIDA ALLA COMPILAZIONE

MUD 2016 Guida alla compilazione. Comunicazione Annuale MUD 2016 con riferimento ai dati del 2015 GUIDA ALLA COMPILAZIONE Comunicazione Annuale MUD 2016 con riferimento ai dati del 2015 GUIDA ALLA COMPILAZIONE aprile 2016 0 Sommario Premessa... 1 1. Le comunicazioni del MUD 2016... 1 2. MUD rifiuti... 1 2.1. Soggetti obbligati

Dettagli

Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro,

Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro, Come si possono smaltire le cartucce di stampa esauste?? Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE (M.U.D.)

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE (M.U.D.) 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE (M.U.D.) SOGGETTI TENUTI ALLA PRESENTAZIONE DEL MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE (MUD) La Legge 70/94 prevede che tutti gli obblighi di

Dettagli

La Comunicazione Unica Gli strumenti informatici. Marco Bordo Genova, 26 ottobre 2009

La Comunicazione Unica Gli strumenti informatici. Marco Bordo Genova, 26 ottobre 2009 La Comunicazione Unica Gli strumenti informatici Marco Bordo Genova, 26 ottobre 2009 Argomenti Pratica telematica concetti Prerequisiti tecnici per la C.U.: Firma digitale Accesso a registroimprese.it

Dettagli

Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI

Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI Pordenone lì 29/07/2014 CIRCOLARE INFORMATIVA N 10/2014 Oggetto: SISTRI - Riepilogo delle ultime modifiche normative relative al sistema SISTRI Fonte: Manuale Ambiente 2014, Unione Industriali Pordenone

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

CORSO COMUNICA APPLICATIVO STAR WEB

CORSO COMUNICA APPLICATIVO STAR WEB CORSO COMUNICA APPLICATIVO STAR WEB Novembre 2011 SOTTOSCRIZIONE DELLE PRATICHE TELEMATICHE AL REGISTRO IMPRESE E AL REA Soggetto legittimato alla presentazione delle istanze trasmesse per via telematica:

Dettagli

5. VALIDAZIONE E SCARICO DELLA PRATICA DISTINTA DI ACCOMPAGNAMENTO

5. VALIDAZIONE E SCARICO DELLA PRATICA DISTINTA DI ACCOMPAGNAMENTO 5. VALIDAZIONE E SCARICO DELLA PRATICA DISTINTA DI ACCOMPAGNAMENTO In questo capitolo tratteremo: a) dello scarico della pratica, b) della predisposizione della distinta di accompagnamento e c) di tutte

Dettagli

Fatturazione elettronica con WebCare

Fatturazione elettronica con WebCare Fatturazione Elettronica con WebCare 1 Adempimenti per la F.E. Emissione della fattura in formato elettronico, tramite produzione di un file «XML» nel formato previsto dalle specifiche tecniche indicate

Dettagli

La sottoscrizione del bilancio

La sottoscrizione del bilancio Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 159 26.05.2015 La sottoscrizione del bilancio Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Secondo quanto previsto dall articolo 2435,

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI COSA E' IL SISTRI Il SISTRI è il Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti che permette l'informatizzazione dell'intera filiera dei rifiuti

Dettagli

La Comunicazione Unica Impresa in un giorno. Verona, 19 aprile 2010

La Comunicazione Unica Impresa in un giorno. Verona, 19 aprile 2010 La Comunicazione Unica Impresa in un giorno Verona, 19 aprile 2010 La Comunicazione Unica Legge n. 40 del 2 aprile 2007 art. 9 Normativa di riferimento Origini: sportello polifunzionale Obiettivo: riduzione

Dettagli

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE ALLEGATO 1.A MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE -------- Dati anagrafici Il sottoscritto. nato a il. residente in via.... n.. cap... del Comune di Prov..... nella qualità di... dell

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 dicembre 2002. Approvazione del nuovo modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2003

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 dicembre 2002. Approvazione del nuovo modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2003 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 dicembre 2002 Approvazione del nuovo modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2003 G.U. 4-1-2003, n.3 - S.O. n.1 stato: norma vigente IL

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA TeamSystem ha rilasciato un nuovo modulo software e creato un servizio web per gestire in modo snello, guidato e sicuro l intero processo

Dettagli

LA FIRMA DIGITALE @PEC

LA FIRMA DIGITALE @PEC LA FIRMA DIGITALE @PEC Che cos è la Firma Digitale concetti La Firma Digitale o firma elettronica qualificata è un particolare tipo di firma elettronica che, nell'ordinamento giuridico italiano, ha lo

Dettagli

TRASMISSIONE TELEMATICA ISTANZE AGEST TELEMATICO

TRASMISSIONE TELEMATICA ISTANZE AGEST TELEMATICO TRASMISSIONE TELEMATICA ISTANZE AGEST TELEMATICO Sezione Albo Gestori Rifiuti Regione Friuli Camera di commercio di Trieste Corso Avanzato Utenti Albo giugno 2013 1 Ecocerved Scarl Sede di Bologna Assistenza

Dettagli

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA Gentile Cliente, Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA l art. 1, commi da 209 a 214, della legge 24 dicembre 2007 n. 244 (legge finanziaria 2008) ha introdotto l obbligo della

Dettagli

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA 15 Luglio 2014 Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA Gentile Cliente, l art. 1, commi da 209 a 214, della legge 24 dicembre 2007 n. 244 (legge finanziaria 2008) ha introdotto l

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI GESTIONE RIFIUTI: - - Normativa di Settore collegata: D.Lgs. 152/2006 e smi Parte IV DM, Manuale e Circolari SISTRI - Destinatari: Servizio HSE aziendale - Consulenti - Revisione Documento Informativo:

Dettagli

La Posta Elettronica Certificata

La Posta Elettronica Certificata La Posta Elettronica Certificata Cedacri S.p.A. Sede legale: Via del Conventino n. 1 43044 Collecchio (Parma) C.F./Partita IVA e Iscrizione al Registro delle Imprese di Parma: 00432960342 R.E.A.: 128475

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 dicembre 2011 www.sistri.it SEMPLIFICAZIONI Nell attuale versione vengono introdotte le seguenti semplificazioni:

Dettagli

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative Chiarimenti 1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative A distanza di tre anni dalla data di entrata in vigore del D.Lgs

Dettagli

Servizi on-line per le Aziende e i Consulenti disponibili su web INTERNET

Servizi on-line per le Aziende e i Consulenti disponibili su web INTERNET Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Direzione Centrale Organizzazione Servizi on-line per le Aziende

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08 (RAEE): pc, server, video e altre periferiche. Pag. 1/8 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 4 4.1 Diagramma di flusso gestione... 4

Dettagli

LA PREPARAZIONE E L INVIO TELEMATICO DEL BILANCIO D ESERCIZIO E DELL ELENCO SOCI CON L UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA O ALTRI PROGRAMMI COMPATIBILI

LA PREPARAZIONE E L INVIO TELEMATICO DEL BILANCIO D ESERCIZIO E DELL ELENCO SOCI CON L UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA O ALTRI PROGRAMMI COMPATIBILI LA PREPARAZIONE E L INVIO TELEMATICO DEL BILANCIO D ESERCIZIO E DELL ELENCO SOCI CON L UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA O ALTRI PROGRAMMI COMPATIBILI di Claudio Venturi Sommario: 1. Premessa. 2. Preparazione

Dettagli