COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015"

Transcript

1 COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

2 Quadro normativo Il Piano delle Azioni Positive si inserisce nell ambito delle iniziative promosse dall Amministrazione per dare attuazione agli obiettivi di pari opportunità mediante l adozione di Piani tendenti ad assicurare, nel loro ambito, la rimozione degli ostacoli che, di fatto, impediscono la piena realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini. Il D.Lgs. 198/2006, Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, emanato ai sensi dell art. 6 della Legge delega n. 246/2005, impone a ciascun soggetto della Pubblica Amministrazione di adottare un Piano triennale delle Azioni Positive. L art. 48 infatti, prevede che le Pubbliche Amministrazioni predispongano un Piano Triennale di Azioni Positive per la rimozione degli ostacoli che, di fatto, impediscono la piena realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra uomini e donne. La P.A. è inoltre tenuta ad adottare tutte le misure attuative delle direttive dell Unione Europea secondo le modalità di cui all art. 9 del D.Lgs. 165/2001 Pari opportunità, sulla base di quanto disposto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento Funzione Pubblica (art. 57, comma 2, D.Lgs.165/01). Inoltre, come previsto dall art. 57 del D.Lgs. 165/2001, comma 1: 1. Le pubbliche amministrazioni, al fine di garantire pari opportunità tra uomini e donne per l'accesso al lavoro ed il trattamento sul lavoro: a) riservano alle donne, salva motivata impossibilità, almeno un terzo dei posti di componente delle commissioni di concorso, fermo restando il principio di cui all'articolo 35, comma 3 lettera e); b) garantiscono pari opportunità alle lavoratrici ed ai lavoratori nonché l'assenza di qualunque forma di discriminazione e di violenza morale o psichica, conformemente alle direttive impartite dalla Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento della funzione pubblica; c) garantiscono la partecipazione delle proprie dipendenti ai corsi di formazione e di aggiornamento professionale in rapporto proporzionale alla loro presenza nelle amministrazioni interessate ai corsi medesimi, adottando modalità organizzative atte a favorirne la partecipazione, consentendo la conciliazione fra vita professionale e vita familiare; d) possono finanziare programmi di azioni positive e l'attività del Comitato Unico di Garanzia nell'ambito delle proprie disponibilità di bilancio. La Direttiva del Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella pubblica amministrazione emanata il 23 maggio 2007, si pone inoltre l obiettivo di promuovere e diffondere la piena attuazione delle disposizioni vigenti in materia di parità e di valorizzazione delle differenze nelle politiche del personale, aumentare la presenza delle donne in posizioni apicali, sviluppare culture organizzative di qualità tese a favorire la conciliazione tra i tempi di vita e di lavoro. Infine, l art. 21 della Legge 183/2010, modificando l art. 7 del D.Lgs. 165/2001, estende le garanzie previste per le discriminazioni legate al genere, anche ad ogni altra forma di discriminazione diretta ed indiretta che possa discendere da tutti quei fattori di rischio più volte enunciati dalla legislazione comunitaria: età, orientamento sessuale, razza, origine etnica, disabilità e lingua, estendendola al trattamento e alle condizioni di lavoro, alla formazione, alle progressioni di carriera e alla sicurezza. Lo stesso articolo prevede inoltre la costituzione, presso le Pubbliche Amministrazioni, del Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni, costituto dal Comune di Arcene, con deliberazione della Giunta Pag. 2 a 10

3 ù Comunale n. 76 del 3 ottobre 2013 e determinazione del Segretario Comunale n. 221 del 23 ottobre Fonti Legge n. 125 del 10/04/1991. D.Lgs. n. 196 del 23/05/2000. D.Lgs. n. 165 del 30/03/2001. D. Lgs. n. 198 del 01/04/2006 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna. D.Lgs. n. 183 del 04/11/2010. Direttiva del Parlamento e del Consiglio Europeo 2006/54/C riguardante l attuazione del principio delle pari opportunità di trattamento fra donne e uomini in materia di occupazione e impiego. Direttiva 23/05/2007 Misure per attuare pari opportunità tra uomini e donne nelle amministrazioni pubbliche. Introduzione Il Piano delle Azioni Positive è un documento mirato ad introdurre azioni positive all interno del contesto organizzativo e di lavoro che specifica chiaramente gli obiettivi, i tempi, i risultati attesi e le risorse disponibili per realizzare progetti mirati a riequilibrare le situazioni di non equità di condizioni fra uomini e donne che lavorano all interno di un ente. Le iniziative da adottare per promuovere le pari opportunità nelle pubbliche amministrazioni costituiscono oggetto di pianificazione, ed è tra queste iniziative che rientra il Piano delle azioni positive. Le azioni positive contenute nei Piani di Azioni Positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio di uguaglianza formale, mirano a rimuovere gli ostacoli alla piena ed effettiva parità di opportunità tra donne e uomini. Sono misure speciali, in quanto non generali ma specifiche e ben definite, che intervengono in un determinato contesto per eliminare ogni forma di discriminazione, sia diretta che indiretta e temporanee in quanto necessarie fintanto si rilevi una disparità di trattamento tra donne e uomini. La normativa italiana ha diversificato i modelli di azioni positive a seconda dell applicazione nel settore privato, oppure nella Pubblica Amministrazione. Nel settore pubblico il legislatore ha scelto di adottare un modello obbligatorio: le Pubbliche Amministrazioni devono redigere un piano triennale di azioni positive per la realizzazione delle pari opportunità (ai sensi dell art. 48 del Decreto legislativo n. 198 del 2006). La valorizzazione del ruolo esemplare che la Pubblica Amministrazione è chiamata a svolgere e a garantire nell ambito delle pari opportunità lavorative tra uomini e donne impegna infatti tutte le amministrazioni pubbliche ad attuare le politiche di pari opportunità quale leva fondamentale per il miglioramento della qualità dei servizi resi ai cittadini e alle imprese. Lo sviluppo della parità di genere è strettamente funzionale all'efficienza e all'efficacia dell'attività istituzionale e amministrativa, perché consente una migliore utilizzazione delle risorse umane. Affinché essa possa essere raggiunta si richiede innanzitutto un cambiamento culturale sia in tutto il personale che delle strutture politiche di riferimento. Pag. 3 a 10

4 Esse si connotano come elaborazione di programmi diretti ad eliminare ogni forma di discriminazione attraverso una più corretta gestione delle risorse umane e ad adeguare l organizzazione del lavoro all attuale contesto socio-culturale, economico e giuridico. Il Piano è predisposto nel rispetto delle vigenti normative e delle forme di partecipazione sindacale e di consultazione della Consigliera di parità territorialmente competente ed affronta le tematiche legate alla conciliazione tra famiglia e lavoro, all attenzione per le disuguaglianze di genere e alla partecipazione nel lavoro su un piano di parità. Le misure che facilitano la conciliazione lavoro-famiglia rappresentano uno strumento importante per il superamento delle criticità legate alla doppia presenza femminile e per il conseguimento dell effettiva parità di opportunità fra uomini e donne. Peraltro, il bisogno di conciliare i tempi del lavoro con gli altri tempi della vita ormai non è una questione esclusivamente femminile. La strategia delle azioni positive si occupa inoltre di rimuovere gli ostacoli che le persone incontrano in ragione delle proprie caratteristiche familiari, etniche, età, ideologiche, fisiche. Obiettivi generali del Piano Il presente Piano si pone i seguenti macro-obiettivi: 1. Favorire politiche di conciliazione tra responsabilità familiari e professionali attraverso azioni che prendano in considerazione le differenze, le condizioni e le esigenze di donne e uomini all interno dell organizzazione, ponendo al centro dell attenzione la persona, adattando le esigenze dell Ente con quelle delle dipendenti e dei dipendenti; 2. Rimuovere eventuali ostacoli che impediscono la realizzazione di pari opportunità nel lavoro per garantire il riequilibrio delle posizioni femminili nei ruoli e nelle posizioni in cui sono sottorappresentate promuovendo la cultura di genere attraverso il potenziamento della comunicazione e la diffusione di informazioni sui temi delle pari opportunità; 3. Favorire la formazione e la qualificazione professionale anche mediante percorsi di rinserimento nell ambito lavorativo del personale al rientro dal congedo per maternità/paternità, da congedi parentali o da lunghi periodi di assenza; 4. Tutelare l ambiente di lavoro da casi di molestie, mobbing e discriminazioni; 5. Promuovere il benessere organizzativo e la salute. L attuazione degli obiettivi prefissati è perseguibile mediante l adozione di: - Strumenti che riducono o articolano diversamente il tempo di lavoro. - Strumenti che liberano tempo. - Strumenti di tipo formativo. - Una diversa cultura del lavoro. - Monitoraggio costante dei dati relativi al personale. Pag. 4 a 10

5 Indice degli obiettivi 1. Descrizione degli obiettivi che si intendono realizzare definizione del piano d azione unitamente alle politiche per la realizzazione degli obiettivi individuati. 2. Portatori di interesse identifica i portatori di interesse verso i quali sussiste una ricaduta diretta o indiretta delle azioni individuate. 3. Azioni Positive indica le azioni attraverso le quali si intendono raggiungere gli obiettivi prefissati. 4. Soggetti e U.O./Aree coinvolte indica i soggetti, le U.O e le Aree implicate nella realizzazione delle azioni positive. 5. Periodo di realizzazione indica il periodo di tempo necessario per l attuazione di ogni singola azione o l arco di tempo in cui l obiettivo arriva a compimento. 6. Risorse finanziarie laddove è possibile quantifica il costo delle azioni e individua le eventuali fonti di finanziamento. 7. Schema riassuntivo: - Obiettivi; - Azioni programmate; - Soggetti e unità operative coinvolti; - Tempi e costi. Analisi delle risorse umane del Comune di Arcene Dall analisi dell attuale situazione del personale dipendente a tempo indeterminato, si evidenzia una preponderante presenza femminile, soprattutto per quanto concerne la categoria degli impiegati. Per la categoria delle posizioni organizzative non si evidenziano divari tra generi tali da richiedere l adozione di misure di riequilibro, salvo la facoltà di richiederne da parte del Comitato Unico di Garanzia, della RSU o della Consigliera di Parità. Il Segretario è un uomo. Il Piano delle Azioni Positive nel Comune di Arcene non si pone quindi come obiettivo primario quello di favorire il riequilibrio della presenza femminile nel personale dell Ente e nelle attività amministrative. Le azioni positive terranno conto della specificità del ruolo femminile sia nell ambito lavorativo sia all interno della famiglia e della società. In questa ottica, realizzare pari opportunità fra uomini e donne nel lavoro significa eliminare le conseguenze sfavorevoli in termini di carico complessivo di lavoro interno ed esterno all Ente di appartenenza, che derivano, ancora oggi, dalle differenze di ruolo tra uomini e donne. La funzione dell azione positiva, va intesa come strategia destinata, in questo caso a stabilire l uguaglianza non delle opportunità ma delle condizioni complessive di lavoro. Pag. 5 a 10

6 Obiettivi e azioni positive da avviare N. 1 CONCILIAZIONE TRA RESPONSABILITÀ FAMILIARI E PROFESSIONALI Il Comune di Arcene ha, a suo tempo, concesso il part-time alle/ai dipendenti che ne hanno fatto motivata richiesta, fatte salve le situazioni di oggettiva impossibilità e compatibilmente con le esigenze di servizio. È stato inoltre rimodulato l orario di lavoro in modo tale da consentire agli operatori di alcune aree di avere la giornata del sabato completamente libera. Esiste la piena consapevolezza che il problema della conciliazione non investe solo la sfera individuale, ma diventa oggetto di una specifica politica pubblica, che chiama in causa gli individui, le aziende e le istituzioni territoriali di riferimento, ed è intesa a raggiungere la migliore armonia tra il tempo dedicato al lavoro e quello riservato alla famiglia. Obiettivo: Favorire le politiche di conciliazione integrando le esigenze di organizzazione dell Ente con le esigenze dei cittadini e dei lavoratori attraverso interventi volti a progettare e fornire strumenti operativi idonei e concreti che consentano un miglior coordinamento tra tempi di vita e tempi di lavoro e l elaborazione del concetto di condivisione degli impegni familiari che rifletta un modello familiare moderno, basato sulla collaborazione di entrambi i genitori. Portatori di interesse: l Amministrazione comunale - Tutte le lavoratrici e i lavoratori - La cittadinanza. AZIONI: 1.1 Analisi dei bisogni delle lavoratrici e dei lavoratori dell Ente mediante somministrazione di questionari sui fabbisogni interni ed esterni all ambiente lavorativo. 1.2 Valutazione della possibilità di sperimentare il telelavoro e il part-time reversibile. 1.3 Creazione di una banca ore per controbilanciare le esigenze straordinarie di servizio con le necessità personali di ogni singolo lavoratore. 1.4 Definizione di un sistema di convenzioni, senza oneri per l Amministrazione comunale, che prevedano agevolazioni tariffarie per i servizi di assistenza alla famiglia e contestuale adozione di un sistema informativo in grado di orientare i dipendenti e le loro famiglie sulle offerte pubbliche e private di servizi e azioni di sostegno che accompagnino le famiglie nei diversi cicli di vita. (baby-sitter, RSA, servizio assistenza anziani, ecc.) Soggetti e U.O./Aree coinvolte: Ufficio Personale CUG Rappresentanza Sindacale Unitaria e Rappresentanze sindacali territoriali - Soggetti esterni all ente. N. 2 TUTELA DELLE PARI OPPORTUNITÀ e PROMOZIONE DELLA CULTURA DI GENERE Il Comune di Arcene ha avviato in questo ambito politiche di pari opportunità nominando il Comitato Unico di Garanzia ed approvandone il Regolamento. Ha dedicato alle tematiche trattate dal CUG apposita sezione nel proprio sito web istituzionale. La creazione di un contesto organizzativo che consenta ai lavoratori di esprimere nel modo migliore le rispettive potenzialità è coerente con gli obiettivi di miglioramento della Pag. 6 a 10

7 qualità dei servizi resi ai cittadini, pertanto un particolare riguardo delle differenze è un fattore indice di qualità dell azione amministrativa e può avere l effetto di innalzare il livello dei servizi, rispondendo con più efficacia ed efficienza ai bisogni degli utenti. Obiettivo: Promozione del principio di parità e di pari opportunità per tutto il personale dell Ente, di fondamentale importanza per la costruzione di un ambiente di lavoro costituito dal rispetto della libertà e della dignità personale delle lavoratrici e dei lavoratori. Sostegno dell uguaglianza sostanziale fra uomini e donne soprattutto per quanto riguarda le opportunità di lavoro e sviluppo professionale e valorizzazione delle caratteristiche di genere. Portatori di interesse: l Amministrazione comunale - Tutte le lavoratrici e i lavoratori - La cittadinanza. AZIONI: 2.1 Sviluppo della comunicazione e della diffusione delle informazioni sui temi delle pari opportunità e sviluppo della cultura della differenza di genere. 2.2 Avvio di azioni di sensibilizzazione e formazione della dirigenza sulle tematiche delle pari opportunità. 2.3 Raccolta dati mediante il monitoraggio costante dell organico dell Ente ripartite per genere e categorie. 2.4 Utilizzo in tutti i documenti di lavoro di un linguaggio non discriminatorio. 2.5 In caso di pari merito nelle graduatorie delle assunzioni/progressioni, obbligo di motivare la scelta del genere del candidato prescelto. 2.6 Programmazione di percorsi formativi rivolti alle/ai componenti del Comitato Unico di Garanzia sulle tematiche delle pari opportunità e delle discriminazioni. Soggetti e U.O./Aree coinvolte: Tutte le Aree CUG Rappresentanze sindacali. N. 3 FORMAZIONE, QUALIFICAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE L attività di formazione è sempre stata una realtà molto presente e attiva nell Ente. Le continue introduzioni e le modifiche normative rendono oggettivamente necessaria la costante partecipazione ai corsi di aggiornamento finalizzati alla piena attuazione di quanto previsto dalle normative. Alle/ai dipendenti è garantita la partecipazione ai corsi di formazione compatibilmente e nel rispetto dei i vincoli normativi posti alla possibilità di spesa per le attività di formazione. Obiettivo: realizzazione di interventi formativi specifici in un ottica di valorizzazione di genere. Programmazione di attività formative per tutti i dipendenti, senza distinzione alcuna, finalizzate alla piena realizzazione di un progetto organizzativo che alimenti la crescita delle competenze e aumenti la soddisfazione personale. Creazione di un ambiente lavorativo stimolante che migliori la performance individuale e dell Ente. Portatori di interesse: L Amministrazione comunale - Tutte le lavoratrici e i lavoratori La cittadinanza. AZIONI: 3.1 Adozione di un piano di formazione che favorisca un costante aggiornamento del personale dipendente, incoraggiando modalità di partecipazione volte a favorire la partecipazione delle donne (ad es. svolti durante l orario di lavoro e/o in house). Pag. 7 a 10

8 3.2 Sviluppo delle competenze e del potenziale professionale di donne e uomini attraverso il potenziamento delle singole prerogative e attitudini in un ottica di genere. 3.3 Attivazione di un supporto formativo per le persone in rientro dopo periodi di assenza prolungata dal lavoro mediante percorsi di aggiornamento professionale e formazione mirati e personalizzati in base alle singole esigenze e necessità. 3.4 Somministrazione di iniziative formative specifiche e personalizzate su richiesta di singoli o di gruppi, compatibilmente con le risorse finanziarie disponibili. 3.5 Definizione di un progetto di sostegno al personale con problemi di disabilità. Soggetti e U.O./Aree coinvolte: Ufficio Personale, Area Affari Generali, Area Servizi Finanziari. N. 4 TUTELA DA CASI DI MOLESTIE, MOBBING E DISCRIMINAZIONI Il Comune di Arcene si impegna affinché non si verifichino situazioni conflittuali sul posto di lavoro determinate da episodi di molestie sessuali, casi di mobbing, atti vessatori, forme di discriminazione. Obiettivo: Realizzazione di iniziative, anche di tipo formativo, volte a prevenire molestie e casi di mobbing sui luoghi di lavoro, definite d intesa con la R.S.U. e il CUG e adozione di codici e comportamenti attivabili nella lotta contro le molestie e le discriminazioni di ogni sorta e genere. Portatori di interesse: L Amministrazione comunale - Tutte le lavoratrici e i lavoratori La cittadinanza. AZIONE: 4.1 Redazione di un codice di condotta. 4.2 Realizzazione di uno sportello di ascolto e contestuale individuazione di figure di supporto(ad es.: Assistente Sociale e/o psicologi). 4.3 Indagine conoscitiva in forma anonima con raccolta di suggerimenti per prevenire eventuali fenomeni discriminatori e di molestie. 4.4 Divulgazione di materiale informativo e realizzazione di iniziative culturali sulle forme di discriminazione e sulle molestie. Soggetti e U.O./Aree coinvolte: Ufficio Personale Area Affari Generali (Servizi Sociali). N. 5 PROMUOVERE IL BENESSERE ORGANIZZATIVO E LA SALUTE Con il termine benessere organizzativo si intende l insieme dei processi organizzativi nei luoghi di lavoro che promuovono, mantengono e migliorano la qualità della vita e il grado di benessere fisico, psicologico e sociale dei lavoratori. Il Comune di Arcene si impegna, d intesa con la RSU, e/o il CUG, e/o la Consigliera di parità, a porre in essere tutte le iniziative atte a migliorare il clima organizzativo all interno dell Ente. Obiettivo: promuovere il tema della sicurezza sul lavoro e della salute in un ottica di genere. Sostenere interventi volti a migliorare il benessere organizzativo e la qualità dell ambiente di lavoro con azioni che intendono favorire il senso di appartenenza e di collaborazione e il coinvolgimento verso un progetto comune. Favorire una maggiore Pag. 8 a 10

9 collaborazione tra i singoli e tra i servizi e momenti di incontro tra/con i dipendenti. Migliorare la comunicazione, la trasparenza e la circolarità delle informazioni all interno dell ente. Elaborare proposte di intervento e individuare azioni correttive laddove si renda necessario. Portatori di interesse: L Amministrazione comunale - Tutte le lavoratrici e i lavoratori. AZIONI: 5.1 Analisi e successiva valutazione dell organizzazione dei luoghi di lavoro e dello stress da lavoro correlato, valutazione del contesto lavorativo così come concepito dalle/i dipendenti, mediante somministrazione di questionari, utilizzando adeguati indicatori di benessere e malessere e conseguente individuazione di azioni di miglioramento. 5.2 Predisposizione di una banca dati delle competenze per un migliore impiego delle risorse umane. 5.3 Iniziative di sensibilizzazione sulla salute mediante cicli di conferenze tematiche. 5.4 Adozione di un sistema informativo in grado di orientare i dipendenti e le loro famiglie sulle offerte pubbliche e private di attività e strumenti finalizzati alla salute e al benessere personale. 5.5 Programmazione di interventi di formazione rivolti alle posizioni organizzative sulla tematica della mediazione del conflitto in ambito organizzativo. 5.6 Realizzazione di apposita sezione consultabile da link sul sito istituzionale dell Ente che permetta un informazione preventiva sui diritti e doveri del dipendente in ordine agli aspetti contrattuali e regolamentari in forma schematica e pratica (es. : forma schematica di tutti i permessi a disposizione). Soggetti e U.O./Aree coinvolte: Ufficio Personale - Strutture di appartenenza delle lavoratrici e dei lavoratori coinvolti CUG Rappresentanze sindacali RSPP. IL PERIODO DI REALIZZAZIONE degli obiettivi è previsto nell arco di vigenza del presente Piano delle Azioni Positive, previa pianificazione dei compiti e delle competenze assegnate da ogni singolo obiettivo. Per l anno 2013 Oltre ad avviare la pianificazione di tutti gli atti necessari alla realizzazione delle azioni previste dal presente Piano delle Azioni Positive nel corso del triennio di vigenza e all individuazione dei soggetti interessati alla sua realizzazione, saranno avviate le azioni che non comportano assunzioni di impegno di spesa e ne consentono la realizzazione in economia. In particolare verranno predisposti e distribuiti i questionari sulle tematiche legate alla conciliazione casa-lavoro e al benessere organizzativo. Sulla base delle analisi dei dati emersi si verificherà la fattibilità e l eventuale avvio delle proposte presentate anche in una logica di sperimentazione. Per l anno 2014 Si procederà alla ricognizione delle convenzioni attive con l Ente al fine di verificare se sussiste reale possibilità di ottenere agevolazioni tariffarie per i servizi che potrebbero riguardare non solo servizi di assistenza ma anche il benessere personale delle/dei dipendenti comunali. Si procederà con la predisposizione di un avviso pubblico per l individuazione di soggetti e/o società, gruppi di acquisto, disponibili a proporre condizioni favorevoli e concorrenziali intese a sostenere le politiche di conciliazione e di benessere personale. Successivamente si procederà con l adozione di un canale informativo dove far confluire tutte le proposte pervenute. Pag. 9 a 10

10 Si porrà in essere la programmazione e l attivazione di tutti i percorsi formativi previsti nel presente Piano. A seguire: organizzazione di conferenze legate alla salute delle donne e iniziative di sensibilizzazione alla popolazione e ai dipendenti comunali contro la violenza sulle donne; proposta e approvazione di un codice di condotta contro le molestie, il mobbing e le discriminazioni e divulgazione di materiale informativo. Per l anno 2015 A seguito di valutazione e analisi dati di contesto, avvio dello sportello di ascolto con figure professionali di sostegno. Avvio della ricognizione sulle competenze e attitudini al fine di valorizzare le peculiarità e le potenzialità di ogni dipendente. Continuità della formazione programmata sulla base del piano di formazione. Si prevede inoltre la realizzazione di un ciclo di iniziative legate alla valorizzazione del ruolo femminile nel contesto cittadino. LE RISORSE FINANZIARIE sono ravvisabili nelle risorse dell Ente, compatibilmente con gli stanziamenti e le disponibilità di bilancio. Il Comune di Arcene si impegna affinché: 1. il piano triennale di azioni positive sia compreso nel bilancio di previsione dell Ente, rientrando a pieno titolo nelle linee programmatiche e strategiche di sviluppo dell Ente; 2. rientri tra gli indicatori di efficacia ed efficienza utilizzati dal Nucleo di Valutazione. A tale scopo provvederà: 3. a definire il budget annuale e triennale necessario alla sua realizzazione; 4. a verificare annualmente le azioni effettuate ed i risultati raggiunti, mediante il Comitato Unico di Garanzia. DURATA DEL PIANO Nel periodo di vigenza del presente Piano, saranno raccolti pareri, consigli, osservazioni, suggerimenti da parte del personale dipendente, delle organizzazioni sindacali e del CUG, utili a formulare elementi per l elaborazione di ulteriori azioni positive in modo da rendere lo stesso piano dinamico ed effettivamente efficace. PUBBLICAZIONE E DIFFUSIONE Il presente Piano sarà pubblicato all Albo Pretorio dell Ente, in apposita sezione del sito web istituzionale Il Comune di Arcene. Di esso verrà data informazione al personale dipendente, con invito ai Responsabili di Area di dare attuazione a quanto ivi previsto. Pag. 10 a 10

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 64 del 18/10/2013 Fonti Normative: La parità tra donne e uomini

Dettagli

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA COMUNE DI POLLENA TROCCHIA PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017 i (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 13 del 26.02.2015) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 Il presente Piano ha durata triennale e si sviluppa in obiettivi suddivisi a loro volta in azioni positive. PREMESSE Il Decreto

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198)

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198) 813830 COMUNE DI BONASSOLA Provincia della Spezia Via Beverino 1 cap 19011 tel 0187 81381 fax 0187 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs.

Dettagli

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2015-2017 DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

Dettagli

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) Premessa: Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo CO M U N E D I S A N V I T O Provincia di Cagliari Allegato A) alla delibera di Giunta Comunale N. 67 del 30/06/2014 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P)

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE a cura della Consigliera di Parità Avv. Maria Francesca Siclari INDICE Perché fare un piano triennale Premesse legislative Linee guida

Dettagli

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini

Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini Piano triennale 2013-2015 di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini PREMESSA Il presente Piano di Azione Positive per il triennio 2013/2015,

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse dal Comune di Jesi per dare attuazione agli obiettivi

Dettagli

COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO "Paese dell'ossidiana" PIANO DI AZIONI POSITIVE 2015/2017 Art. 48 D. Lgs. 11.04.2006, n. 198. L adozione del Piano Triennale di azioni positive risponde ad un obbligo

Dettagli

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Che cos è Il Comitato Unico di Garanzia, istituito ai sensi dell art.

Dettagli

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO COMUNE di LENTATE SUL SEVESO Provincia di Monza e della Brianza PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio 2015/2017 Riferimenti normativi: - Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198 «Codice delle pari opportunità

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013) CITTA DI CAIAZZO Provincia di Caserta Piazzetta Martiri Caiatini, n. 1 C.A.P. 81013 CAIAZZO Tel. 0823.61.57.28 Fax 0823.86.80.00 info@comune.caiazzo.ce.it www.caiazzo.gov.it PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Dettagli

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 - Direzione centrale personale e organizzazione - Sommario 1. Premessa... 3 2. I presupposti del

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA Provincia di Catania PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 Approvato con Delibera di G.M. nr. 178 del 20.12.2013 1 FONTI: Legge

Dettagli

PIANO POSITIVE 2014-2016. in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia

PIANO POSITIVE 2014-2016. in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste tel 040 6751 www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA RISORSE UMANE E SERVIZI AL CITTADINO PIANO DI AZIONI POSITIVE 2014-2016 a cura della

Dettagli

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 20 DEL 25.06.2014 Anno 2014 giorno 25 mese giugno alle ore 8.30 sede di Via dell'artigliere n. 9 a seguito di regolare convocazione si è riunito il C.d.A. dell'esu

Dettagli

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA TRIENNIO 2015/2017 (Art. 48 del D.Lgs. 198/2006) Approvato con deliberazione della Giunta comunale

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015 Servizio apicale Segreteria del Sindaco - Politiche di Sviluppo dell'organizzazione Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015 1. IL CONTESTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il contesto

Dettagli

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE L anno duemiladodici addì diciannove del mese di marzo alle ore 12.00 in Fabriano si è riunita la Giunta Comunale nel prescritto numero legale con l intervento dei Signori: Risultano PRESENTI: SORCI ROBERTO

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP)

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP) COMUNE DI ARNAD Frazione Closé, 1 11020 ARNAD (AO) C.FISCALE e P.IVA 00125720078 COMMUNE D ARNAD 1, hameau de Closé 11020 ARNAD (Vallée d Aoste) TEL. 0125966121-089 FAX 0125966306 e-mail: info@comune.arnad.ao.it

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale n 135 del 23/07/2015

Deliberazione di Giunta Comunale n 135 del 23/07/2015 COMUNE DI TODI PROVINCIA DI PERUGIA Deliberazione di Giunta Comunale n 135 del 23/07/2015 Oggetto: ORIGINALE APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2015-2017 L anno duemilaquindici, addì ventitre

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA Per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 RELAZIONE INTRODUTTIVA La legge n.

Dettagli

COMUNE DI MONTALCINO

COMUNE DI MONTALCINO COMUNE DI MONTALCINO ORIGINALE Deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 13/03/2015 ore 17:30 Presso il Palazzo Comunale di Montalcino Presiede NAFI ALESSANDRO Vicesindaco Assiste il Dott. DOTTORI

Dettagli

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CODICE ENTE 022012 COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: ragioneria@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COPIA DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N 191 del 20/06/2014 OGGETTO APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE GIUGNO 2014 - MAGGIO 2016 AI SENSI DELL' ART.48 DEL

Dettagli

COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza -------

COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza ------- N.97 reg COPIA DI IMMEDIATA ESEGUIBILITA COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza ------- VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE IN

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS

COMUNE DI MARACALAGONIS COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. DEL 59 OGGETTO: ARTICOLO 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198 "CODICE DELLE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 32 DEL 23.04.2015 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE. triennio 2015/2017

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 32 DEL 23.04.2015 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE. triennio 2015/2017 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 32 DEL 23.04.2015 Comune di Pompiano PIANO DELLE AZIONI POSITIVE triennio 2015/2017 -Approvato dal Comitato unico di garanzia per le pari opportunità,

Dettagli

Art. 1 Oggetto del Regolamento

Art. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente

Dettagli

Analisi dati del Personale

Analisi dati del Personale Allegato A Analisi dati del Personale L analisi dell attuale situazione del personale dipendente in servizio, presenta il seguente quadro di raffronto tra la situazione di uomini e donne lavoratori: FOTOGRAFIA

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 Comune di Cinisello Balsamo Allegato A) alla Deliberazione di Giunta comunale n. 112 del 28/05/2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Piano di Azioni Positive

Dettagli

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA TEL: 0422/831825 Via S. Pio X n. 15/17 31036 ISTRANA (TV) C.F. 80008050264 FAX 0422/831890 P.I. 00389970260 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------www.comune.istrana..tv.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina l attività del Comitato Unico

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 (Art. 48 D.Lgs. 11.4.2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della L. 28 novembre 2005, n. 246) Il tema delle pari

Dettagli

Città di Fabriano GIUNTA COMUNALE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE

Città di Fabriano GIUNTA COMUNALE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE Seduta del 23/01/2015 Delibera n. 4 L'anno duemilaquindici addì ventitre del mese di gennaio alle ore 09:00 in Fabriano si è riunita la Giunta Comunale nel prescritto numero

Dettagli

Pari Opportunità e performance nella PA

Pari Opportunità e performance nella PA Pari Opportunità e performance nella PA Enrica Castignola Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS (Alta Scuola Impresa e Società) Divisione Public Management Sommario 1. Le pari opportunità nella PA

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI RAVENNA 2014-2016

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI RAVENNA 2014-2016 COMUNE DI RAVENNA Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI RAVENNA

Dettagli

I NUOVI COMITATI UNICI DI GARANZIA A TUTELA DEI DIRITTI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI

I NUOVI COMITATI UNICI DI GARANZIA A TUTELA DEI DIRITTI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI I NUOVI COMITATI UNICI DI GARANZIA A TUTELA DEI DIRITTI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI Nella amministrazione

Dettagli

Piano triennale di azioni positive 2013-2015

Piano triennale di azioni positive 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA (D.LGS. 165/01, ART. 57, C. 01) Piano triennale di azioni positive Gennaio CRA via Nazionale, 82 00184 Roma COMITATO UNICO DI GARANZIA @ cug@entecra.it T +39-06-478361 F +39-06-47836320

Dettagli

ACCORDO DI COOPERAZIONE

ACCORDO DI COOPERAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ACCORDO DI COOPERAZIONE tra COMITATO UNICO DI GARANZIA e CONSIGLIERA DI PARITÀ REGIONALE ACCORDO DI COOPERAZIONE tra Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità,

Dettagli

C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO

C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO Regolamento di funzionamento del Comitato Unico di Garanzia per le Pari Opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora

Dettagli

COMUNE DI CANCELLARA

COMUNE DI CANCELLARA COMUNE DI CANCELLARA Via Salvatore Basile n. 1 C.A.P. 85010 PROVINCIA DI POTENZA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE REG. N. 7 DEL 05/03/2014 COPIA ALBO OGGETTO: APPROVAZIONE "PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI

Dettagli

Piano di Azioni Positive 2013-2015 approvato dal Comitato Unico di Garanzia con propria deliberazione n. 2 del 15 maggio 2013

Piano di Azioni Positive 2013-2015 approvato dal Comitato Unico di Garanzia con propria deliberazione n. 2 del 15 maggio 2013 Premessa Il Piano delle Azioni Positive - PAP, è documento programmatico redatto a norma dell'art. 48 del D.Lgs. 198/2006 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della legge

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017 PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017 Proposto dal Comitato Unico di Garanzia della Scuola Approvato dal Consiglio Direttivo nella seduta del 28 ottobre 2015 Piazza dei Cavalieri, 7 56126 Pisa-Italy

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014 Premessa Nell ambito delle finalità espresse dalla L. 125/1991 e successive modificazioni ed integrazioni, ossia favorire l occupazione femminile e realizzare

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO UNICO DI GARANZIA

REGOLAMENTO COMITATO UNICO DI GARANZIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI Introduzione L art. 21 della L. 04/11/2010

Dettagli

Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni REGOLAMENTO

Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni REGOLAMENTO Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni REGOLAMENTO Art. 1 Costituzione Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità,

Dettagli

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 III DIREZIONE GESTIONE DEL PERSONALE E SERVIZI INFORMATICI SERVIZIO GESTIONE GIURIDICA DEL PERSONALE Ufficio

Dettagli

1. Premessa 2. Normativa di riferimento Trattato di Roma Trattati di

1. Premessa 2. Normativa di riferimento Trattato di Roma Trattati di PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE 2012-2015 1 Sommario 1. Premessa 2. Normativa di riferimento 3. Le Azioni Positive 4. Analisi relativa alle risorse umane dell Università degli Studi del Molise 5. Il

Dettagli

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ART. 1 COSTITUZIONE 1.1 Con deliberazione

Dettagli

Prof.ssa Loredana Zappalà (Università degli Studi di Catania) Provincia Regionale di Catania, 30 marzo 2012 03/04/2012 1

Prof.ssa Loredana Zappalà (Università degli Studi di Catania) Provincia Regionale di Catania, 30 marzo 2012 03/04/2012 1 Prof.ssa Loredana Zappalà (Università degli Studi di Catania) Provincia Regionale di Catania, 30 marzo 2012 03/04/2012 1 Art. 21 della l. 183/2010 (cd. collegato lavoro) che ha modificato l art. 7, c.

Dettagli

COMUNE DI MONTEPULCIANO

COMUNE DI MONTEPULCIANO ALLEGATI N. COPIA COMUNE DI MONTEPULCIANO PROVINCIA DI SIENA Verbale di deliberazione della GIUNTA COMUNALE N. 232 Adunanza del giorno 30-09-2013 OGGETTO: PROGRAMMAZIONE PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P.)

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

L A G I U N T A P R O V I N C I A L E

L A G I U N T A P R O V I N C I A L E L A G I U N T A P R O V I N C I A L E L Anno duemilasette il giorno ventuno del mese di novembre si è riunita la Giunta Provinciale convocata per le ore 15,00 e presieduta da GIUSEPPA ROZZO in qualità

Dettagli

Comune di Como REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITÀ FRA UOMO E DONNA

Comune di Como REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITÀ FRA UOMO E DONNA Comune di Como REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITÀ FRA UOMO E DONNA INDICE Art. 1 Istituzione della Commissione Art. 2 Finalità Art. 3 Compiti Art. 4 Composizione Art. 5 Funzionamento

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

Ministero della Salute 6. il processo di redazione della relazione sulla performance

Ministero della Salute 6. il processo di redazione della relazione sulla performance 5 PARI OPPORTUNITÀ E BILANCIO DI GENERE La presente Relazione, oltre a contenere informazioni in merito ai risultati organizzativi e individuali raggiunti, rispetto ai singoli obiettivi programmati e alle

Dettagli

COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA. Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA. Deliberazione della Giunta Comunale COPIA COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA Deliberazione della Giunta Comunale n 53 in data 25-03-2016 Oggetto: Approvazione piano triennale 2016-2018 delle Azioni Positive ai sensi art. 48

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA (CUG)

REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA (CUG) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA (CUG) PER LE PARI OPPORTUNITÀ, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI 1 QUADRO NORMATIVO D.lgs.

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA TRIENNIO 2004-2006 LINEE GUIDA

LINEE GUIDA PER IL PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA TRIENNIO 2004-2006 LINEE GUIDA Pagina 1 di 6 LINEE GUIDA PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA TRIENNIO 2004- Pagina 2 di 6 1. Premessa Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse

Dettagli

Comune di Cimolais. Provincia di Pordenone VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Comune di Cimolais. Provincia di Pordenone VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Cimolais Provincia di Pordenone VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA ANNO 2014 N. 42 del Reg. Delibere OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE A FAVORE DELLE

Dettagli

Azienda Ospedaliera di Padova IL BENESSERE ORGANIZZATIVO: QUALI SCELTE STRATEGICHE?

Azienda Ospedaliera di Padova IL BENESSERE ORGANIZZATIVO: QUALI SCELTE STRATEGICHE? Azienda Ospedaliera di Padova IL BENESSERE ORGANIZZATIVO: QUALI SCELTE STRATEGICHE? Premessa L Azienda Ospedaliera di Padova ha adottato un approccio sistematico, centrato sia sull organizzazione sia sull

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro «Certo caro Socrate ci hai plasmato, come uno scultore, dei bei Governanti». «Ma caro Glaucone, se è per questo anche delle

Dettagli

Comitati per il contrasto al mobbing) i CUG sono previsti dalla legge(l.183/ 2010 che ha modificato il D.Lgs 165/ 2001art.57)

Comitati per il contrasto al mobbing) i CUG sono previsti dalla legge(l.183/ 2010 che ha modificato il D.Lgs 165/ 2001art.57) Carolina Pellegrini - Sono organism i INTERNI all am m inistrazione di riferim ento - E un obbligo del dirigente al vertice dell amministrazione o del responsabile del personale istituirli - Diversamente

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Piano triennale. delle azioni positive. in materia di. pari opportunità 2010-2012. Dicembre 2010. Pag. 1 di 19

Piano triennale. delle azioni positive. in materia di. pari opportunità 2010-2012. Dicembre 2010. Pag. 1 di 19 Piano triennale delle azioni positive in materia di pari opportunità 2010-2012 Dicembre 2010 Pag. 1 di 19 Arpa Emilia-Romagna Piano triennale delle azioni positive in materia di pari opportunità 2010-2012

Dettagli

SALUTE SUL LAVORO E BENESSERE ORGANIZZATIVO: OBBLIGHI ED OPPORTUNITÀ PER LE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE. IL RUOLO DEI CUG

SALUTE SUL LAVORO E BENESSERE ORGANIZZATIVO: OBBLIGHI ED OPPORTUNITÀ PER LE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE. IL RUOLO DEI CUG SALUTE SUL LAVORO E BENESSERE ORGANIZZATIVO: OBBLIGHI ED OPPORTUNITÀ PER LE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE. IL RUOLO DEI CUG Aldo Monea Avvocato e professore univers. a contratto Brescia, 23 settembre 2011

Dettagli

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere Piano triennale delle azioni positive 2011/2013 Il Piano triennale di azioni positive nasce dal lavoro svolto dal Comitato per le pari opportunità e è stato in seguito ratificato dal Comitato unico di

Dettagli

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI 16 luglio 2010 (I) INTRODUZIONE 1. Le presenti Linee guida mirano

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO COMUNE DI FLERO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO DEL C.U.G. (COMITATO UNICO PER LE PARI OPPORTUNITÀ, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

Dettagli

Mobbing e rischio psicosociale: una lettura giuridica contaminata

Mobbing e rischio psicosociale: una lettura giuridica contaminata Mobbing e rischio psicosociale: una lettura giuridica contaminata Laura Calafà, Coordinatrice del Corso di perfezionamento universitario per Consiglieri di fiducia Professore associato di diritto del lavoro

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA L Università degli studi di Messina In collaborazione con il Comitato Pari Opportunità Piano di Azioni positive triennio 2008/2011 Le azioni positive sono, com è noto, lo strumento fondamentale per l attuazione

Dettagli

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 18 del 18.05.05

Dettagli

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro Proposta di Intesa 27 novembre 2012 LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CGIL, CISL, UIL PREMESSO - che l espressione violenza nei confronti delle donne designa ogni

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE 2014 2016

PIANO AZIONI POSITIVE 2014 2016 pag. 1/9 PIANO AZIONI POSITIVE 2014 2016 Data applicazione: 04/12/2014 Elaborazione: Dott. Stefania Bertoldo - Presidente CUG Copia: CONTROLLATA Condivisione con i componenti del CUG, tramite e-mail il

Dettagli

Cittadinanza di genere

Cittadinanza di genere Proposta di legge n. 290 Cittadinanza di genere SOMMARIO PREAMBOLO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO, PRINCIPI E OBBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obbiettivi TITOLO II AZIONI PER LA CONCILIAZIONE

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI PERUGIA Comitato Unico di Garanzia per le Pari Opportunità, la Valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO DI AZIONI POSITIVE 2015-2017 INDICE

Dettagli

REGIONE PIEMONTE. Legge regionale 18 marzo 2009, n. 8.

REGIONE PIEMONTE. Legge regionale 18 marzo 2009, n. 8. REGIONE PIEMONTE Legge regionale 18 marzo 2009, n. 8. "Integrazione delle politiche di pari opportunità di genere nella Regione Piemonte e disposizioni per l'istituzione dei bilanci di genere". (B.U. 26

Dettagli

Stato dell arte a livello nazionale

Stato dell arte a livello nazionale Ogni anno il Dipartimento della Funzione Pubblica e il Dipartimento per le Pari Opportunità redigono un rapporto di sintesi sull attuazione della direttiva Misure per attuare parità e pari opportunità

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

DIRETTIVA SULLE MISURE PER ATTUARE PARI OPPORTUNITÀ NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

DIRETTIVA SULLE MISURE PER ATTUARE PARI OPPORTUNITÀ NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE DIRETTIVA SULLE MISURE PER ATTUARE PARI OPPORTUNITÀ NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto - Uffici del personale, dell organizzazione e della formazione Alle Aziende

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

RELAZIONE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE ISPRA - ANNO 2012

RELAZIONE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE ISPRA - ANNO 2012 RELAZIONE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE ISPRA - ANNO 202 La presente relazione costituisce la prima analisi della situazione del personale ISPRA effettuata dal CUG, riferita all anno 202, riguardante

Dettagli

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano Regolamento di istituzione e funzionamento del Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Provincia di Forlì-Cesena Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1 PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO

COMUNE DI GIOVINAZZO COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento per il funzionamento del comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Approvato dalla Giunta

Dettagli