La contabilità finanziaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La contabilità finanziaria"

Transcript

1 La contabilità finanziaria E il sistema contabile principale e fondamentale per i fini autorizzatori e di rendicontazione della gestione: rileva le obbligazioni attive/passive, gli incassi ed i pagamenti riguardanti tutte le transazioni poste in essere da un A.P. (anche se non determinano flussi di cassa effettivi) In applicazione del Testo Unico D.lgs. 267/2000 e fino al 31/12/2014 Le obbligazioni giuridiche perfezionate sono registrate nelle scritture contabili al momento della nascita dell obbligazione e danno origine ad accertamenti ed impegni. In applicazione del D.lgs. 118/2011, a partire dall 1/1/2015 Le obbligazioni giuridiche perfezionate sono registrate nelle scritture contabili al momento della nascita dell obbligazione e danno origine ad accertamenti ed impegni, i quali vengono imputati all esercizio in cui l obbligazione viene a scadenza. Economia delle Amministrazioni Pubbliche 1

2 Contabilità privata Contabilità pubblica Combinazione generale d azienda Valori numerari e non numerari generati nello scambio Reddito di esercizio e capitale di funzionamento Combinazione generale di azienda e combinazione e coordinazioni parziali Solo valori numerari (certi, assimilati o stimati) Fondo cassa e risultato di amministrazione Economia delle Amministrazioni Pubbliche 2

3 Confronto La contabilità finanziaria svolge l utile funzione di valutare in via preventiva l entità delle risorse a disposizione così da predeterminare la destinazione, di autorizzarne l impiego alla dirigenza, responsabilizzandola nei processi, di seguire l evoluzione giuridica del processo formativo delle obbligazioni e di registrarne la loro estinzione. Nel contesto degli enti pubblici è intesa, quindi, essenzialmente come contabilità autorizzatoria. La contabilità generale (o contabilità economico-patrimoniale), invece, è finalizzata alla determinazione del reddito di esercizio e del capitale di funzionamento e si basa sul principio dei diritti constatati, cioè sulla pertinenza di costi e ricavi all esercizio di riferimento (competenza economica). Le differenze fra i due sistemi contabili derivano, in primo luogo, dal fatto che i principi sui quali si basano sono profondamente diversi e dalla diversità dei concetti di competenza finanziaria ed economicopatrimoniale Economia delle Amministrazioni Pubbliche 3

4 Confronto Momento di rilevazione Contabilità Generale (economicopatrimoniale) Momento della variazione della moneta e del credito Contabilità Pubblica (finanziaria) Fasi decisionali dei processi di entrata e spesa Tecnica di rilevazione Partita doppia Partita semplice Tecnica di costruzione delle sintesi Finalità principale Ricorso a stime e congetture Osservazione della gestione Nessun ricorso a stime e congetture nella costruzione delle sintesi Funzione autorizzatoria Economia delle Amministrazioni Pubbliche 4

5 Contabilità pubblica Economia delle Amministrazioni Pubbliche 5

6 La contabilità finanziaria potenziata Finalità Profilo di osservazione Metodo contabile Tipologia delle rilevazioni Criterio di iscrizione in bilancio Autorizzatoria Entrate e spese Partita semplice Preventive e consuntive Competenza finanziaria Segue l evoluzione delle entrate e delle spese dal loro sorgere fino alla loro estinzione. Economia delle Amministrazioni Pubbliche 6

7 METODO DELLA PARTITA SEMPLICE Si fonda sulla rilevazione di un solo valore che: consente di identificare la natura della decisione; viene seguito nelle varie fasi in cui la decisione si sviluppa e produce i suoi effetti (fasi di entrata e spesa); confluisce nelle sintesi d esercizio senza rettifiche o integrazioni. 7

8 Il principio della competenza finanziaria Costituisce il criterio di registrazione delle operazioni di accertamento ed impegno con le quali vengono imputate agli esercizi finanziari le entrate e le spese derivanti da obbligazioni giuridicamente perfezionate attive e passive. Si applica solo a quei documenti di natura finanziaria che compongono il sistema di bilancio di ogni A.P. che adotta la contabilità finanziaria. Attua il contenuto autorizzatorio degli stanziamenti del bilancio di previsione. Economia delle Amministrazioni Pubbliche 8

9 La competenza finanziaria vigente al 2014 Fino al , nei bilanci degli enti locali, le obbligazioni erano imputate all esercizio finanziario in cui sorgevano; ciò comportava che il rendiconto degli enti locali non svolgeva pienamente la funzione conoscitiva che caratterizza la contabilità pubblica: gli impegni ed i residui passivi comprendono gli accantonamenti e i debiti futuri e non e possibile riconoscere i debiti effettivi nei confronti di terzi; gli accertamenti comprendono crediti futuri e non e possibile riconoscere i crediti di dubbia esazione; l equilibrio finanziario non considera la scadenza delle obbligazioni e consente l equilibrio tra obbligazioni attive a lungo termine con obbligazioni passive a breve termine. Economia delle Amministrazioni Pubbliche 9

10 La competenza finanziaria potenziata (1) Il principio contabile generale della competenza finanziaria cd. potenziata prevede che le obbligazioni giuridiche perfezionate siano registrate nelle scritture contabili al momento della nascita ed imputate all esercizio in cui giungono a scadenza. La scadenza è il momento in cui l obbligazione diventa esigibile (possibilità di esercitare il diritto di credito). Dunque, il rendiconto degli enti locali riacquista la fondamentale funzione conoscitiva che caratterizza i documenti contabili: gli accertamenti, gli impegni ed i residui rappresentano solo crediti e debiti dell ente scaduti (gli impegni esigibili negli esercizi successivi sono rappresentati in un documento contabile dedicato); e imposto l equilibrio tra debiti e crediti esigibili nel medesimo esercizio; le spese decise e non ancora attuate ed eseguite (che non hanno dato luogo ad obbligazioni ) sono oggetto di prenotazione e non sono rappresentate nel consuntivo. Economia delle Amministrazioni Pubbliche 10

11 La competenza finanziaria potenziata (2) CARATTERISTICHE rilevanza contabile alla dimensione temporale; natura autorizzatoria del bilancio pluriennale; rilevanza agli equilibri di cassa (non e un bilancio di sola cassa); obbligo della copertura finanziaria degli investimenti, a prescindere dall esercizio di imputazione della spesa. VANTAGGI rafforzare la programmazione di bilancio; conoscere i debiti effettivi delle A.P.; evitare l imputazione contabile di entrate future e di impegni inesistenti; favorire la modulazione dei debiti secondo gli effettivi fabbisogni. Economia delle Amministrazioni Pubbliche 11

12 La competenza economica In base al principio della competenza economica costi e proventi devono essere attribuiti all esercizio al quale si riferiscono, indipendentemente dalla manifestazione finanziaria. Ricavo il processo produttivo e terminato e/ o l erogazione del servizio e avvenuta; i proventi tributari e i trasferimenti si considerano conseguiti nell esercizio in cui l entrata e stata accertata Costo il fattore produttivo ha ceduto la sua utilità e/o e correlato al provento Il concetto di competenza economica pone in correlazione i ricavi relativi alla cessione dei servizi offerti nell esercizio ed i costi sostenuti per l acquisizione dei fattori produttivi utilizzati per la produzione dei servizi resi. Economia delle Amministrazioni Pubbliche 12

13 Confronto Si tratta di due principi profondamente diversi, che comportano l imputazione del costo (in contabilità economica) o della spesa (in contabilità finanziaria) in due momenti diversi: nel primo caso, nell esercizio di utilizzo del fattore produttivo, nel secondo caso nell esercizio in cui l obbligazione giuridica scade. (i due esercizi, nei quali si perfezionano i momenti della competenza economica e della competenza giuridico finanziaria, potrebbero essere e, molto spesso, sono diversi) La contabilità finanziaria, quindi, a differenza della contabilità economicopatrimoniale rileva solamente gli effetti finanziari degli eventi di gestione: non percepisce variazioni economiche che non generano contestualmente movimenti di cassa (ad es. ammortamenti, variazioni delle rimanenze). Di conseguenza non consente di misurare correttamente la consistenza del patrimonio dell ente, inteso come complesso di beni mobili ed immobili, diritti di credito e debiti. non consente inoltre alcuna valutazione in ordine all efficienza, efficacia e all economicità dell attività svolta. Non consente, cioe, la valutazione economica dei processi posti in essere dall ente, e la conoscenza in ordine alla capacità dello stesso ente di soddisfare le aspettative della collettività amministrata. Economia delle Amministrazioni Pubbliche 13

L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA

L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA PAOLA MARIANI UDINE 26 MARZO 2014 LA COMPETENZA FINANZIARIA VIGENTE Per gli enti che adottano la contabilità finanziaria,

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 4 L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA POTENZIATA (ottobre 2014) PRESENTAZIONE:

Dettagli

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Consiglio Comunale, 13 agosto 2015 VERSO UNO SCHEMA DI BILANCIO ARMONIZZATO.. L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI IL QUADRO NORMATIVO

Dettagli

2^ Giornata di Corso. Dr. PiersanteFabio

2^ Giornata di Corso. Dr. PiersanteFabio 2^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Dr. PiersanteFabio ARMONIZZAZIONE CONTABILE PER GLI ENTI SPERIMENTATORI NEL 2014 2015 2016 2017 Applicazione del Principio di competenza potenziato(all.

Dettagli

IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA PAOLA MARIANI

IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA PAOLA MARIANI IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA PAOLA MARIANI UDINE 26 marzo 2011 IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA Lo strumento individuato, dalla disciplina della sperimentazione, per impedire l accertamento

Dettagli

Il sistema contabile nel modello aziendalistico. Le amministrazioni pubbliche sono aziende

Il sistema contabile nel modello aziendalistico. Le amministrazioni pubbliche sono aziende Il sistema contabile nel modello aziendalistico Le amministrazioni pubbliche sono aziende Le aziende sono sistemi finalistici di input-output caratterizzati da flussi informativi Le informazioni descrivono

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA Allegato A/2 Allegato n. 4/2 al D.Lgs 118/2011 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA 1. Definizione Nelle amministrazioni pubbliche che la adottano, la contabilità finanziaria

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA 1. Definizione Nelle amministrazioni pubbliche che la adottano, la contabilità finanziaria costituisce il sistema contabile principale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254)

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254) REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254) INDICE TITOLO I NORME GENERALI CAPO I Principi e finalità Articolo 1 (Ambito

Dettagli

CORSO FORMAZIONE REVISORI

CORSO FORMAZIONE REVISORI CORSO FORMAZIONE REVISORI Strumenti, metodologie, tempistiche: regole contabili uniformi, piano dei conti integrato, schemi di bilancio, bilancio consolidato con enti, aziende e società, sperimentazione.

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Allegato PR PROVINCIA DI SAVONA BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Dott.ssa Patrizia Gozzi A cura del Servizio Bilancio e Programmazione Finanziaria Il Dirigente

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Settembre 2013 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FEDERALISMO FISCALE in attuazione dell art.

Dettagli

FORMAZIONE CONTINUA. IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs.

FORMAZIONE CONTINUA. IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. FORMAZIONE CONTINUA IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. 118/2011 Adempimenti 2015 Dispensa #2 Accertamento delle entrate 2015: Modalità

Dettagli

Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA

Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA ANNO 2015 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 NOTA TECNICA Premessa Il D.Lgs. 118/2011 come modificato ed integrato

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA FINANZIARIA 1. Definizione Nelle amministrazioni pubbliche che la adottano, la contabilità finanziaria costituisce il sistema contabile principale

Dettagli

LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA

LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA LA RIFORMA CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA D.LGS. 23 GIUGNO 2011 N. 118 CINZIA SIMEONE STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE: 1. LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA 2. IL

Dettagli

Regolamento per l'amministrazione, la Finanza e la Contabilità della Scuola Normale Superiore (in vigore dal 01.01.2014)

Regolamento per l'amministrazione, la Finanza e la Contabilità della Scuola Normale Superiore (in vigore dal 01.01.2014) Regolamento per l'amministrazione, la Finanza e la Contabilità della Scuola Normale Superiore (in vigore dal 01.01.2014) (emanato con Decreto del Direttore n. 420 del 09.10.2013, pubblicato in pari data

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

COEP e COAN NELLE UNIVERSITA STATALI: QUADRO NORMATIVO. A cura di Marco Magrini

COEP e COAN NELLE UNIVERSITA STATALI: QUADRO NORMATIVO. A cura di Marco Magrini COEP e COAN NELLE UNIVERSITA STATALI: QUADRO NORMATIVO 1 LE FONTI NORMATIVE Amministrazioni pubbliche in genere Legge 196/2009 detta i principi generali di riforma ed armonizzazione dei bilanci del sistema

Dettagli

IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI

IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI CINZIA SIMEONE 1 STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE: 1) DEFINIZIONE 2) IL FONDO PLURIENNALE NEL BILANCIO 3) IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE 4)

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RIFORMA FEDERALISTA E ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI CONTABILITÀ E BILANCIO PUBBLICI Torino, maggio 2013 MASTER in Management delle Aziende Pubbliche e delle Aziende

Dettagli

IL CONTROLLO SUGLI EQUILIBRI FINANZIARI IN RELAZIONE ALL ANDAMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO DEGLI ORGANISMI GESTIONALI ESTERNI

IL CONTROLLO SUGLI EQUILIBRI FINANZIARI IN RELAZIONE ALL ANDAMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO DEGLI ORGANISMI GESTIONALI ESTERNI IL CONTROLLO SUGLI EQUILIBRI FINANZIARI IN RELAZIONE ALL ANDAMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO DEGLI ORGANISMI GESTIONALI ESTERNI (P. Fiumara) 1 QUADRO DI RIFERIMENTO DEGLI EQUILIBRI FINANZIARI 1. Equilibrio

Dettagli

Investimento finanziato con alienazioni patrimoniali

Investimento finanziato con alienazioni patrimoniali Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Investimento finanziato con alienazioni patrimoniali a cura di Mauro Bellesia Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Premessa Il caso La

Dettagli

Il Fondo crediti di dubbia esigibilità. Michele Petrelli

Il Fondo crediti di dubbia esigibilità. Michele Petrelli Il Fondo crediti di dubbia esigibilità Michele Petrelli Indice - Il Fondo crediti di dubbia esigibilità: principi - Il Fondo crediti di dubbia esigibilità nel bilancio di previsione - Il Fondo crediti

Dettagli

- Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi -

- Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi - 71 - Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi - Il Titolo 3 delle uscite è costituito dai rimborsi di prestiti e dalle anticipazioni di cassa. La contrazione di mutui a titolo oneroso

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 LA PRESENTE NOTA RIEPILOGA IN FORMA SINTETICA INFORMAZIONI IN GRAN PARTE GIA RICOMPRESE NEI DOCUMENTI DI BILANCIO E, IN PARTICOLARE, NEL DOCUMENTO UNICO

Dettagli

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche 87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Sistema di bilancio delle Regioni Bilancio delle Regioni D.lgs. 28 marzo 2000, n.76: Stabilisce il concorso della finanza regionale al perseguimento

Dettagli

BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI 2015-2017 PROVINCIA DI VICENZA

BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI 2015-2017 PROVINCIA DI VICENZA BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI - PROVINCIA DI VICENZA Provincia di Vicenza - ESERCIZIO PARTE I - ENTRATA Pag.1 Titolo, Tipologia Fondo pluriennale vincolato per spese correnti Fondo pluriennale vincolato

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015 Convenzione tra Regione Siciliana e Formez PA del 23 marzo 2012 POR FSE 2007 2013 Regione Siciliana Asse VII Capacità Istituzionale Progetto AZIONI DI SISTEMA PER LA CAPACITÀ ISTITUZIONALE - LINEA COMUNI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ Emanato con Decreto Rettorale Reg. LII n. 172 in data 11 aprile 2014 INDICE TITOLO I NORME GENERALI pag. 4 CAPO I PRINCIPI E FINALITA.......

Dettagli

Relazione del Responsabile Servizio Finanziario su Bilancio di Previsione 2015 2016 e 2017

Relazione del Responsabile Servizio Finanziario su Bilancio di Previsione 2015 2016 e 2017 Relazione del Responsabile Servizio Finanziario su Bilancio di Previsione 2015 2016 e 2017 L art. 2 della Legge 196 del 31.12. 2009 ha avviato un complesso e articolato processo di riforma della contabilità

Dettagli

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio 3^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Relatore: Dr. PiersanteFabio Guida operativa D.Lgs. 118/2011 per l anno 2015 Enti NON Sperimentatori Riaccertamento dei residui e Gestione esigibilità

Dettagli

Emanato con DD 04047(308).I.3.18.11.13 Rep Albo on line 00289.I.3.18.11.13

Emanato con DD 04047(308).I.3.18.11.13 Rep Albo on line 00289.I.3.18.11.13 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITA REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITA... 1 Titolo I - FINALITA E PRINCIPI... 2 Articolo 1 - Principi Generali...

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica.

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento è adottato ai sensi della normativa

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 5 Il riaccertamento straordinario e il fondo pluriennale vincolato (ottobre 2014) STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE:

Dettagli

SPESA Fonte: Civetta Slides ( all. 4) IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO Il fondo pluriennale vincolato è un accantonamento di risorse già accertate destinate al finanziamento di obbligazioni passive

Dettagli

Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista

Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Premessa La Rubrica Rilevazioni contabili:

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi. Parma, 26 novembre 2012

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi. Parma, 26 novembre 2012 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi Parma, 26 novembre 2012 Dott. Luca Fornaciari luca.fornaciari@unipr.it 1 Il rendiconto

Dettagli

Giovanni Ravelli. L armonizzazione della contabilità pubblica Come strumento di governance tra i diversi livelli istituzionali

Giovanni Ravelli. L armonizzazione della contabilità pubblica Come strumento di governance tra i diversi livelli istituzionali Giovanni Ravelli L armonizzazione della contabilità pubblica Come strumento di governance tra i diversi livelli istituzionali Una premessa - il bilancio nella contabilità pubblica Innanzitutto la contabilità

Dettagli

C O M U N E D I B E D U L I T A

C O M U N E D I B E D U L I T A NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 La nota integrativa al bilancio costituisce allegato obbligatorio al documento di programmazione e viene redatta in conformità alle prescrizioni del

Dettagli

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile Capitolo 3: La programmazione 111 soggiace ai limiti degli stanziamenti indicati nell ultimo bilancio approvato, ove esistano. L ultimo comma dell art. 163 disciplina l ipotesi in cui la scadenza del termine

Dettagli

BILANCIO ECONOMICO RILEVAZIONI NEL SISTEMA CONTABILE

BILANCIO ECONOMICO RILEVAZIONI NEL SISTEMA CONTABILE BILANCIO ECONOMICO RILEVAZIONI NEL SISTEMA CONTABILE Lezione n 9-10 Maggio 2013 Alberto Balducci IL SISTEMA CONTABILE DELL AZIENDA A.S.L. 2 OBIETTIVI DELL IMPIANTO CONTABILE DELL AZIENDA ASL 1) RILEVARE

Dettagli

Salario accessorio del personale dipendente a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista

Salario accessorio del personale dipendente a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Salario accessorio del personale dipendente a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista : vecchia e nuova contabilità a confronto Premessa La rubrica : vecchia e nuova contabilità

Dettagli

I fondamenti dell armonizzazione contabile, i principi generali e applicati, l avvio della riforma

I fondamenti dell armonizzazione contabile, i principi generali e applicati, l avvio della riforma I fondamenti dell armonizzazione contabile, i principi generali e applicati, l avvio della riforma l principio della previa dimostrazione analitica dei crediti e delle somme da riscuotere, iscrivibili

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE DEGLI ENTI IN CONTABILITA FINANZIARIA

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE DEGLI ENTI IN CONTABILITA FINANZIARIA Allegato A/3 Allegato n. 4/3 al D.Lgs 118/2011 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE DEGLI ENTI IN CONTABILITA FINANZIARIA 1. Definizione L articolo 2 del decreto

Dettagli

Contributo regionale vincolato

Contributo regionale vincolato Azienditalia IPSOA, n. 3/2014 Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto. Contributo regionale vincolato a cura di Mauro Bellesia Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Premessa

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI BOLOGNA

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI BOLOGNA ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI BOLOGNA RENDICONTO GENERALE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31/12/2008 - Rendiconto Finanziario al 31/12/2008 - Conto Economico Consuntivo al 31/12/2008

Dettagli

LA CONTABILITA GENERALE

LA CONTABILITA GENERALE LA CONTABILITA GENERALE 1 LA CONTABILITA GENERALE SISTEMI DI RILEVAZIONE SISTEMI CONTABILI I sistemi contabili d azienda riguardano l oggetto e l estensione delle rilevazioni d azienda. I sistemi contabili

Dettagli

Fatturazione elettronica

Fatturazione elettronica Programma Webinar Fatturazione elettronica MODULO 3: IMPLICAZIONI CONTABILI E D.LGS. 118/11 ROBERTO JANNELLI: KPMG UNIVERSITÀ DEL SANNIO ARMANDO ORREI: KPMG VINCENZO DI SAURO: KPMG Sommario Premessa La

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE in collaborazione con Giornate Seminariali di Studi sul tema: Principi e metodologie del nuovo sistema contabile di Regioni, Province e Comuni di cui al D. Lgs. 23 giugno

Dettagli

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio 4. 1. Attività istituzionale Definizione. L Attività istituzionale è lo scopo per il quale l associazione si è costituita, uno scopo che non può essere di natura

Dettagli

ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA RENDICONTO GENERALE

ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA RENDICONTO GENERALE ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA RENDICONTO GENERALE BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 RELAZIONE DEL TESORIERE AL BILANCIO CONSUNTIVO 2014 Dalle risultanze del Rendiconto

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014

ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014 ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014 Introduzione Il Bilancio al 31 Dicembre 2014 è formato dallo

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VICENZA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VICENZA 1 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO DI CONTABILITA CAPO I FINALITÀ E CONTENUTO Art. 1 (Scopo ed ambito di applicazione) Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012

UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI Verbale n. 04 Sig. Presidente, Sigg. Consiglieri, RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 Il Revisore ha esaminato nel giorno 02 aprile 2013,

Dettagli

Armonizzazione dei sistemi contabili Parte entrata. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano

Armonizzazione dei sistemi contabili Parte entrata. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano Armonizzazione dei sistemi contabili Parte entrata di Elisabetta Civetta 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano Armonizzazione sistemi contabili: cosa fare 1. Riclassificare i bilanci 2. Conoscere i nuovi

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Torino, 20 maggio 2014

CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Torino, 20 maggio 2014 CORSO DI FORMAZIONE REVISORI ENTI LOCALI Armonizzazione dei sistemi contabili D.Lgs.118/2011 CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Torino, 20 maggio 2014 Cristina CHIANTIA dottori commercialisti Massimo STRIGLIA

Dettagli

D.Lgs 118/2011 Principi contabili generali Principi contabili applicati

D.Lgs 118/2011 Principi contabili generali Principi contabili applicati Materiale sull armonizzazione contabile aggiornato con l intesa del 3 aprile 2014 in Conferenza Unificata [Fonte sito Arconet] D.Lgs 118/2011 Principi contabili generali Principi contabili applicati Materiale

Dettagli

COMUNE DI AGRATE CONTURBIA. COMPOSIZIONE DELL'ACCANTONAMENTO AL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA'* Esercizio finanziario 2015

COMUNE DI AGRATE CONTURBIA. COMPOSIZIONE DELL'ACCANTONAMENTO AL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA'* Esercizio finanziario 2015 COMUNE DI AGRATE CONTURBIA Allegato c) - Fondo crediti di dubbia esigibilità COMPOSIZIONE DELL'ACCANTONAMENTO AL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA'* Esercizio finanziario 2015 TIPOLOGIA DENOMINAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E IL CONTROLLO

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E IL CONTROLLO REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E IL CONTROLLO EMANATO CON D.R. N. 16103 DEL 20 FEBBRAIO 2012 Regolamento di Ateneo per l Amministrazione, la Finanza e il Controllo SOMMARIO TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, LA CONTABILITA E LA FINANZA INDICE

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, LA CONTABILITA E LA FINANZA INDICE REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, LA CONTABILITA E LA FINANZA TITOLO I NORME GENERALI CAPO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità del regolamento Art. 2 - Principi contabili e postulati di bilancio CAPO

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 828 Prot. n. 7766 Data 14 marzo 2014 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTO il D.P.R. 11.07.1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia di formazione

Dettagli

Riaccertamento residui. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano

Riaccertamento residui. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano Riaccertamento residui di Elisabetta Civetta 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano Residui attivi e passivi Ai fini della formazione del rendiconto dell esercizio n-1, possono essere conservati: - tra

Dettagli

Sponsorizzazione per attività culturali Fondo pluriennale vincolato

Sponsorizzazione per attività culturali Fondo pluriennale vincolato Azienditalia IPSOA, n. 4/14 Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Sponsorizzazione per attività culturali Fondo pluriennale vincolato a cura di Mauro Bellesia Dirigente Comune

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI ALESSANDRIA DIREZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 Premessa

Dettagli

VERSO L ARMONIZZAZIONE : un percorso da affrontare insieme

VERSO L ARMONIZZAZIONE : un percorso da affrontare insieme VERSO L ARMONIZZAZIONE : un percorso da affrontare insieme Il D.Lgs.28 giugno 2011 n. 118 s.m.i Milano, 8 aprile 2014 www.dedagroup.it Relatori: Monica Bressa Flavio Brogi Alessandro Festa 1 Il D.Lgs.

Dettagli

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE ( 174 20/11/2012) Oggetto: VARIAZIONE AL BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 - ASSESTAMENTO GENERALE DI BILANCIO Premesso: IL - che con iberazione Consiglio Comunale n. 56 26/07/2012

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ D.R. REG. XXXI N. 443 DEL 8 OTTOBRE 2013 Pagina 1 di 28 Sommario TITOLO I NORME GENERALI... 5

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 NOTA INTEGRATIVA COMUNE DI LOREGGIA Provincia di (PADOVA) BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 NOTA INTEGRATIVA Premessa Il principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del D.Lgs. n.

Dettagli

FONDAZIONE DELL'ORDINE DEGLI INGEGNERI. Relazione sulla gestione alla relazione economico patrimoniale al 31/12/2014

FONDAZIONE DELL'ORDINE DEGLI INGEGNERI. Relazione sulla gestione alla relazione economico patrimoniale al 31/12/2014 FONDAZIONE DELL'ORDINE DEGLI INGEGNERI Sede in VIA CEFALONIA 70-25100 BRESCIA (BS) Fondo di Dotazione dell Ordine degli Ingegneri di Brescia Euro 51.661,00 I.V. Relazione sulla gestione alla relazione

Dettagli

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013 COMUNE DI PARABIAGO Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013 Relazione al Rendiconto della Gestione - anno 2013 Pagina 137 di 195 Relazione Tecnica al Conto del Bilancio -

Dettagli

VALUTARE GLI EQUILIBRI DELL IMPRESA

VALUTARE GLI EQUILIBRI DELL IMPRESA VALUTARE GLI EQUILIBRI DELL IMPRESA Quattro valori fondamentali per valutare una impresa sono: 1. Il Capitale Operativo Investito, che è dato dal Capitale Fisso (Costi pluriennali a lenta rotazione) +

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI & ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI Sede in VIA N. COLAJANNI 4-00100 ROMA Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 A) Immobilizzazioni I. Immateriali 24.229

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ Emanato con DR n. 982 del 30.03.2015 TITOLO I NORME GENERALI 4 CAPO I PRINCIPI E FINALITA 4 Art. 1 Principi generali 4 Art. 2 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ INDICE TITOLO I -PRINCIPI... 4 Art. 1 Principi generali... 4 Art. 2 Finalità del regolamento di Ateneo per la finanza e la contabilità, richiamo alle

Dettagli

OSSERVATORIO ENTI LOCALI Aprile 2015

OSSERVATORIO ENTI LOCALI Aprile 2015 OSSERVATORIO ENTI LOCALI Aprile 2015 LE LINEE DI INDIRIZZO DELLA CORTE DEI CONTI PER IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI a cura di Mara Oliverio Consiglieri Delegati CNDCEC

Dettagli

4.2 L armonizzazione dei bilanci regionali alla luce della modifica dell art. 117 Cost

4.2 L armonizzazione dei bilanci regionali alla luce della modifica dell art. 117 Cost 4.2 L armonizzazione dei bilanci regionali alla luce della modifica dell art. 117 Cost Le regole che governano i bilanci regionali sono interessati da importanti riforme connesse all operare congiunto

Dettagli

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di carattere informatico, per poter rilevare i fatti aziendali e quindi

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ENTRATE

CLASSIFICAZIONE DELLE ENTRATE CLASSIFICAZIONE DELLE ENTRATE Nel bilancio di previsione le entrate sono aggregate in titoli, tipologie categorie: i titoli rappresentano la fonte di provenienza delle entrate; le tipologie individuano

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 257 del 21.11.2012)

(Emanato con D.R. n. 257 del 21.11.2012) (Emanato con D.R. n. 257 del 21.11.2012) INDICE TITOLO I - NORME GENERALI Capo I - Principi e finalità Art. 1 - Principi e finalità... pag. 5 Art. 2 - Ambito di applicazione... pag. 5 Capo II - Struttura

Dettagli

Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011

Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011 ..... Bilancio e contabilità... Armonizzazione contabile degli enti territoriali Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011 di Stefano Ranucci

Dettagli

Gli strumenti di programmazione dell ente locale

Gli strumenti di programmazione dell ente locale I BILANCI ARMONIZZATI E LA FORMA DI GOVERNO LOCALE: IL RUOLO DELLA GIUNTA, DEL CONSIGLIO COMUNALE, DEI DIRIGENTI Seminario di studio Parma, 23 aprile 2015 Gli strumenti di programmazione dell ente locale

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 CONTABILITA ECONOMICO PATRIMONIALE

RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 CONTABILITA ECONOMICO PATRIMONIALE RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 CONTABILITA ECONOMICO PATRIMONIALE Relazione Conto economico e stato patrimoniale Maggio 2014 1 Relazione economica 2014 Il D.Leg.vo n. 77/1995 ha introdotto

Dettagli

Le nuove regole di contabilità

Le nuove regole di contabilità Le nuove regole di contabilità marzo 2015 Dott.ssa Daniela Ghiandoni PRINCIPI CONTABILI GENERALI ED APPLICATI All. DLGS 118 All. DPCM 18 principi contabili generali Principi contabili applicati -Programmazione

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI DELLA RIFORMA E SCHEMI DI BILANCIO: ENTI LOCALI E AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI DELLA RIFORMA E SCHEMI DI BILANCIO: ENTI LOCALI E AZIENDE SANITARIE PRINCIPI CONTABILI DELLA RIFORMA E SCHEMI DI BILANCIO: ENTI LOCALI E AZIENDE SANITARIE Torino, febbraio 2012 1 SPESA PRIMARIA E CONSOLIDATA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE (FONTE MEF) 2 FEDERALISMO (L.

Dettagli

La riforma della contabilità armonizzata

La riforma della contabilità armonizzata La riforma della contabilità armonizzata Oristano, 10 dicembre 2015 Dott. Carlo Raccosta La Riforma della contabilità negli Enti Locali e i nuovi adempimenti dei Revisori La nuova contabilità armonizzata

Dettagli

Comune di TRINITA' D'AGULTU E VIGNOLA RELAZIONE ECONOMICO PATRIMONIALE ALLA CONTABILITA' ECONOMICA 2009

Comune di TRINITA' D'AGULTU E VIGNOLA RELAZIONE ECONOMICO PATRIMONIALE ALLA CONTABILITA' ECONOMICA 2009 Comune di TRINITA' D'AGULTU E VIGNOLA RELAZIONE ECONOMICO PATRIMONIALE ALLA CONTABILITA' ECONOMICA 2009 Comune di TRINITA' D'AGULTU E VIGNOLA RELAZIONE ECONOMICO PATRIMONIALE 2009 INDICE DEGLI ARGOMENTI

Dettagli

. Introduzione Pag. 2. . 1 Il Contesto normativo Pag. 2. . 2 Il FPV previsto dal D. Lgs 118/2011- Caratteristiche Pag. 3

. Introduzione Pag. 2. . 1 Il Contesto normativo Pag. 2. . 2 Il FPV previsto dal D. Lgs 118/2011- Caratteristiche Pag. 3 . Introduzione Pag. 2. 1 Il Contesto normativo Pag. 2. 2 Il FPV previsto dal D. Lgs 118/2011- Caratteristiche Pag. 3. 2.1 FPV: Principi contabili uniformi Pag. 3. 2.2 FPV: Definizione Pag. 4. 2.3 FPV:

Dettagli

Associazione 21 Luglio Onlus

Associazione 21 Luglio Onlus Associazione 21 Luglio Onlus Sede in Roma, Via Bassano del Grappa n.24 Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014 Criteri di formazione Il bilancio è redatto in forma abbreviata ed è composto da

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La previsione finanziaria Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it L analisi di bilancio e la proiezione della gestione

Dettagli

SCHEMA TIPO REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

SCHEMA TIPO REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ SCHEMA TIPO REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ Emanato con DR n... del. Pagina 1 di 27 Sommario TITOLO I NORME GENERALI... 5 CAPO I PRINCIPI E FINALITA... 5 Art. 1

Dettagli

Riaccertamento straordinario dei residui al 01/01/2015

Riaccertamento straordinario dei residui al 01/01/2015 Riaccertamento straordinario dei residui al 01/01/2015 DETERMINAZIONE FONDO CREDITI DI DUBBIA E DIFFICILE ESAZIONE AL 31/12/2014 1 Il Fondo Crediti di dubbia esigibilità Il Principio contabile applicato

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI CONSORZIO SERVIZI SOCIALI IN.RE.TE. REGOLAMENTO DI CONTABILITA Aggiornato in base ai principi del D.Lgs. n. 118/2011 (Approvato con deliberazione di Assemblea Consortile n. 35 del 30 novembre 2015 ) INDICE

Dettagli

Scuola di Formazione Avis Triveneto Pordenone 24-25 marzo 2012 CORSO DI CONTABILITA. Roberto Toffolon

Scuola di Formazione Avis Triveneto Pordenone 24-25 marzo 2012 CORSO DI CONTABILITA. Roberto Toffolon Scuola di Formazione Avis Triveneto Pordenone 24-25 marzo 2012 CORSO DI CONTABILITA Roberto Toffolon PREMESSA L annotazione dei fatti gestionali avviene attraverso la contabilità generale che è il sistema

Dettagli