Check-list sulle valutazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Check-list sulle valutazioni"

Transcript

1 956 CHECK LIST SULLE VALUTAZIONI Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre Check-list sulle valutazioni 9700 INDICE Introduzione Come usare la Checklist sulle valutazioni Sezione A - Attività A1 Immobili, impianti e macchinari A2 Investimenti immobiliari A3 Avviamento e attività immateriali A4 Attività fiscali A5 Attività da benefici per i dipendenti A6 Rimanenze A7 Attività biologiche A8 Strumenti finanziari A9 Attività non correnti detenute per la vendita A10 Perdita di valore A11 Attività di esplorazione e di valutazione di risorse minerarie Sezione B - Passività B1 Imposte sul reddito B2 Passività per benefici per i dipendenti B3 Accantonamenti e passività potenziali B4 Passività finanziarie B5 Obblighi di fornire beni e servizi Sezione C - Patrimonio netto C1 Strumenti rappresentativi di capitale proprio C2 Pagamenti basati su azioni regolate con strumenti rappresentativi di capitale C3 Partecipazioni di minoranza Basi per la valutazione Glossario

2 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre CHECK LIST SULLE VALUTAZIONI 957 International Financial Reporting Standards Checklist sulle valutazioni Questa pubblicazione fornisce una panoramica sulle basi di valutazione richieste o consentite dagli IFRS per ciascuna voce della posizione finanziaria di un entità. Il suo scopo è aiutare l utente nel processo di redazione del bilancio di un entità o nell esame dell adeguatezza delle basi di valutazione illustrate nel bilancio o dai principi contabili adottati dall entità. La Checklist di Valutazione IFRS è stata aggiornata per tener conto delle norme e delle interpretazioni modificate o emesse fra il settembre 2005 e il settembre Le norme e le interpretazioni più recenti emesse dallo IASB e dall IFRIC sono: Data di applicazione IAS 1 Modifica - Presentazione del bilancio: informazioni sul capitale 1º gennaio 2007* IAS 19 Modifica - Utili e perdite attuariali, piani del gruppo e informativa 1º gennaio 2006 IAS 39 Modifica - Copertura dei flussi finanziari nelle operazioni intergruppo 1º gennaio 2006 previste IAS 39 Modifica - L Opzione del Fair Value 1 1º gennaio 2006 IAS 39 Modifica - Transizione e rilevazione iniziale di attività finanziarie e 1º gennaio 2005 passività finanziarie IAS 39 e IFRS 4 Modifica: Contratti di Garanzia Finanziaria 1º gennaio 2006 IFRS 7 - Strumenti Finanziari: Informativa 1º gennaio 2007 IFRIC 4 - Determinare se un accordo presenta un leasing 1º gennaio 2006 IFRIC 5 - Diritti derivanti da interessenze in fondi per smantellamenti, ripristini 1º gennaio 2006 e bonifiche ambientali IFRIC 6 - Passività derivanti dalla partecipazione a un mercato specifico: 1º dicembre 2005 rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche IFRIC 7 - Rideterminazione ai sensi dello IAS 29, Informazioni contabili in 1º marzo 2006 economie iperinflazionate IFRIC 8 - Ambito di applicazione dell IFRS 2 1º maggio 2006 IFRIC 9 - Rivalutazione dei derivati incorporati 1º giugno 2006 IFRIC 10 - Informazioni contabili provvisorie e Impairment 1º novembre 2006* * Se ne consiglia l adozione anticipata. Questa checklist descrive le basi di valutazione richieste da tutti gli International Financial Reporting Standards (IFRS) pubblicati fino al settembre 2006 Le basi di valutazione sono applicabili al bilancio al 31 dicembre 2006, salvo diversamente specificato. Le basi di valutazione che, pur non essendo richieste, possono essere adottate sono evidenziate in grigio nella checklist. L IFRIC 3 è stato ritirato nel 2005 e non fa parte della checklist; tuttavia, la Sezione A3 (Avviamento e altre attività immateriali) può essere applicata alla contabilizzazione dei fondi e la Sezione B3 (Accantonamenti e passività potenziali) può essere applicata alla contabilizzazione delle passività derivanti dalle emissioni effettuate. Questa pubblicazione non tratta dei requisiti di rilevazione, storno, classificazione o presentazione degli IFRS. La checklist è un mero strumento generale di riferimento e non sostituisce la lettura delle norme e le relative interpretazioni. Ulteriori specifiche basi di valutazione possono risultare applicabili in virtù degli IFRS, a seconda delle circostanze; in particolare, la valutazione di attività, passività e voci di capitale può risentire delle seguenti tipologie di transazioni o eventi di natura pervasiva, che come tali non sono stati ripetuti in ogni sezione della checklist: Secondo lo IAS 29 - Informazioni contabili in economie iperinflazionate - un entità che usa la valuta 1 Si applicano regole di transizione dettagliate. Si vedano i paragrafi 105, 105A, 105B, 105C e 105D.

3 958 CHECK LIST SULLE VALUTAZIONI Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre funzionale di un economia iperinflazionata deve rideterminare molte delle sue attività e passività non monetarie applicando un indice generale di variazione dei prezzi (si veda la pubblicazione PricewaterhouseCoopers Guida allo IAS 29 - Informazioni contabili in economie iperinflazionate); Lo IAS 21 - Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere - definisce le basi di valutazione da applicare a tutte le attività, passività e voci di capitale derivanti da operazioni in una valuta diversa dalla valuta funzionale dell entità e Utili e perdite da copertura dei flussi finanziari di un operazione prevista - trattasi di utili e perdite compresi nel costo iniziale o in un altro valore contabile di un attività/passività non finanziaria (o un impegno irrevocabile al quale si applica la copertura del fair value), rilevata a seguito dell operazione prevista, nella misura in cui un entità adotta il trattamento illustrato nello IAS 39, paragrafo 98(b), come principio contabile. La rilevazione delle rimanenze acquisite mediante un accordo con pagamento basato su azioni è trattata nella Sezione A6. Se è vero che altre attività potrebbero essere acquisite tramite un operazione con pagamento basato su azioni, la base di rilevazione non è stata ripetuta in ogni sezione della checklist; alle attività acquisite con queste modalità si applicano i principi illustrati nel Paragrafo [A6.17-A6.18]. L IFRS 6 fornisce una guida sulla valutazione delle attività di esplorazione e valutazione (si veda la Sezione A11), ma non illustra i principi contabili relativi ai costi di sviluppo di giacimenti di minerali, petrolio, gas naturale e risorse simili non riciclabili. Tali costi non sono contemplati nell ambito di applicazione dell IFRS 6 e dello IAS 38; tuttavia, l IFRS 6 specifica che un principio contabile per tali costi dovrebbe essere elaborato sulla base delle prescrizioni del Quadro Sistematico e dello IAS Come usare la Checklist sulle valutazioni La Checklist sulla valutazione viene presentata in un formato messo a punto per facilitare il riesame delle basi di valutazione applicate a ciascun componente della posizione finanziaria di un entità. Le prescrizioni sulle valutazioni sono state raggruppate in base alla tipologia di transazione o evento che origina l attività, la passività o il componente di capitale o secondo la base di valutazione (per esempio, il modello del costo o il modello della rivalutazione), secondo il caso. La Checklist sulle valutazioni può essere suddivisa in checklist minori applicate dagli utenti a singole voci del bilancio di un entità. Inoltre, le entità possono usare la Checklist sulle valutazioni per valutare i principi nei rispettivi manuali di contabilità aziendale. Le basi di valutazione e la rimanente terminologia definite nel glossario della checklist sono evidenziate in corsivo. Le principali norme sulle valutazioni sono evidenziate in grassetto per facilità di identificazione. I riferimenti nel margine a sinistra della checklist rappresentano i paragrafi dei documenti in cui figurano le norme sulla valutazione - per esempio, «16p23» indica lo IAS 16, paragrafo 23. AG significa «Guida all Applicazione», mentre «BC» significa «Base delle Conclusioni». Le basi di valutazione che, pur non essendo richieste, possono essere adottate sono evidenziate in grigio. La casella nel margine destro di ogni pagina ha lo scopo di facilitare la compilazione della checklist. Nella casella a sinistra (con intestazione «Y-NA-NM»), inserire una delle seguenti opzioni per ciascuna voce: Y («Sì») - è stata usata la valutazione corretta; NA («Non applicabile») - l opzione non è applicabile all entità che redige il bilancio o NM («Non rilevante») - la valutazione della voce è considerata non rilevante per il bilancio dell entità. Il concetto di rilevanza è illustrato nello IAS 1, paragrafo 11, e nei paragrafi 29 e 30 del Quadro Sistematico per la Preparazione e Presentazione del Bilancio dello IASB. Un ulteriore guida sull interpretazione della rilevanza nel contesto del bilancio redatto secondo i principi IFRS è disponibile nello IAS 8, paragrafo 41. La casella a destra di ciascuna pagina (dal titolo «Rif.») può essere utilizzata per inserire un riferimento a una parte del bilancio, del manuale della contabilità aziendale o di altri documenti esplicativi per tutte le voci contraddistinte con «Y» nella casella a sinistra. Le definizioni delle «Basi di Valutazione» e degli altri termini impiegati nella presente checklist sono illustrate a pp Tali definizioni sono state estratte dalle relative norme; ulteriori commenti e istruzioni sono evidenziati in corsivo.

4 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre CHECK LIST SULLE VALUTAZIONI 959 SEZIONE A A1 Immobili, impianti e macchinari Gli immobili, impianti e macchinari comprendono immobilizzazioni materiali che, si prevede, verranno impiegate in più di un esercizio: (a) per la produzione o la fornitura di beni o servizi; (b) per essere locate a terzi o (c) da detenere per scopi amministrativi. I criteri di valutazione a seguire non sono applicabili ad attività biologiche derivanti da attività agricole (Paragrafo A7), a diritti minerari e a riserve minerarie, per esempio di petrolio o gas naturale, ovvero a fonti similari non rinnovabili (si veda l Introduzione alla presente checklist). Tuttavia, tali criteri sono validi nel caso di immobili, impianti e macchinari destinati allo sviluppo o al mantenimento di attività di esplorazione e di valutazione tecnica Valutazione iniziale Gli immobili, impianti e macchinari possono essere riconosciuti a seguito di vari tipi di transazioni o di eventi, fra i quali: (a) acquisto, costruzione o produzione del bene (Paragrafi A1.1-A1.8); (b) in qualità di locatario ai sensi di un contratto di locazione finanziaria (Paragrafo A1.9); (c) trasferimento da investimento immobiliare (Paragrafo A1.10); (d) trasferimento da rimanenze (Paragrafo A1.11); (e) scambio di attività non monetarie (Paragrafo A1.12); (f) beni ricevuti in virtù di un contributo pubblico (Paragrafo A1.13); (g) adozione degli IFRS (Paragrafo A1.14) o (h) aggregazioni di imprese (Paragrafi A1.15-A1.16). Gli immobili, impianti e macchinari acquisiti in un aggregazione di imprese con il solo scopo di venderli successivamente e che rispettano i criteri previsti per tale classificazione vengono classificati come detenuti per la vendita e sono trattati nel Paragrafo A9. Valutazione successiva Successivamente alla rilevazione iniziale, un entità può decidere, per ciascuna classe intera di immobili, impianti e macchinari, di seguire il: (a) modello del costo (Paragrafi A1.17-A1.18) o (b) il modello della rivalutazione (Paragrafi A1.19-A1.22). L ammortamento degli immobili, impianti e macchinari è trattato nei Paragrafi A Gli immobili, impianti e macchinari che rispondono alla definizione di attività non correnti che sono detenute per la vendita sono trattati nella Sezione A9. Valutazione iniziale Y-NA-NM RIF. (a) Acquisto, costruzione o produzione del bene 16p16 1. Gli immobili, impianti e macchinari acquistati o costruiti in proprio sono valutati al costo, comprensivo: (a) del prezzo di acquisto, comprese le tasse e i diritti non recuperabili, al netto dei ribassi o degli altri sconti ottenuti; (b) dei costi di movimentazione, consegna e messa in funzione del bene per lo scopo previsto e (c) del costo stimato per lo smantellamento e la rimozione del bene e la bonifica del sito, qualora:

5 960 CHECK LIST SULLE VALUTAZIONI Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre 9710 (segue) (i) l entità sia obbligata per legge a farsi carico dei costi di decommissioning e di bonifica e (ii) tale obbligo non derivi dalla produzione di scorte di magazzino. Y-NA-NM RIF. 16p23 2. Il costo degli immobili, impianti e macchinari è valutato all equivalente prezzo per contanti se il pagamento è differito oltre i normali termini di dilazione del credito. La differenza fra l importo dovuto differito e l equivalente prezzo per contanti è rilevata come interesse passivo lungo il periodo di dilazione. 16p17 3. I costi direttamente attribuibili comprendono: 16p49 (a) i costi di preparazione del sito; 38p66 (b) i costi iniziali di consegna e di movimentazione; (c) i costi di manodopera, derivanti direttamente dalla costruzione o dall acquisto del bene; (d) l ammortamento di licenze e brevetti e la svalutazione degli immobili, impianti e macchinari, utilizzati per la messa in funzione del bene; (e) i costi di installazione e montaggio; (f) i costi necessari alla messa in funzione del bene per l uso al quale è stato destinato dal management, al netto dei proventi che derivano dalla messa a punto (per esempio, la vendita di energia elettrica durante l avviamento di una centrale) e (g) gli oneri professionali. 16p19 4. Il costo degli immobili, impianti e macchinari non comprende: 16p20 (a) i costi di apertura di un nuovo impianto; (b) i costi legati all introduzione di un nuovo prodotto o servizio, costi di marketing compresi; (c) i costi di gestione delle attività presso una nuova ubicazione o con una nuova categoria di clienti - costi di formazione compresi; (d) le spese generali e amministrative; (e) le perdite operative iniziali, compresi i costi sostenuti quando un bene è in grado di funzionare nella maniera stabilita dal management ma non è ancora operativo al livello previsto o non è stato ancora raggiunto il prezzo di vendita prefissato per gli articoli prodotti e (f) il costo di ricollocazione o riorganizzazione delle attività esistenti dell entità. 16p22 23p11 23p15 23p17 5. Gli oneri finanziari sono inseriti fra il costo degli immobili, impianti e macchinari nella misura in cui: (a) l entità prevede una politica di capitalizzazione di tutti gli oneri finanziari, secondo il trattamento contabile alternativo di cui allo IAS 23; (b) il bene in costruzione risponde alla definizione di attività qualificata e (c) gli oneri finanziari sono direttamente collegati all acquisizione, costruzione o produzione dell attività qualificata e: (i) rappresentano gli oneri finanziari effettivi (dedotti

6 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre CHECK LIST SULLE VALUTAZIONI 961 (ii) gli eventuali proventi da investimenti temporanei) in riferimento a prestiti assunti specificatamente per ottenere l attività qualificata o rappresentano il costo di pool generali, applicando un tasso di capitalizzazione (rappresentato dalla media ponderata dei costi di finanziamento applicabili al pool generale) ai costi sostenuti su quell attività qualificata da parte dell entità. Y-NA-NM RIF (segue) 23p20 6. La capitalizzazione degli oneri finanziari ha inizio quando: (a) è stata sostenuta la spesa in riferimento all attività qualificata; (b) sono stati sostenuti gli oneri finanziari e (c) le attività necessarie a preparare il bene per il suo uso previsto sono in fase di avanzamento (comprese le attività tecniche e amministrative necessarie). 23p25 23p27 La capitalizzazione cessa quando sostanzialmente tutte le attività necessarie a preparare l attività qualificata per il suo uso previsto (o un suo componente che è possibile utilizzare separatamente) sono state completate. 23p23 23p24 7. Gli oneri finanziari non sono capitalizzati in quei periodi prolungati durante i quali le attività necessarie a preparare il bene per il suo uso previsto sono sospese, a meno che tale sospensione non rappresenti un ritardo necessario e temporaneo. 20p24 8. Il costo di un immobile, impianto o macchinario è ridotto dell ammontare dei contributi pubblici ricevuti in riferimento alla sua acquisizione, costruzione o produzione, se l entità sceglie questo trattamento, consentito dallo IAS 20, come modalità di contabilizzazione dei contributi pubblici (per la contabilizzazione dei contributi pubblici non monetari, si veda il Paragrafo A1.13). (b) In qualità di locatario ai sensi di un contratto di locazione finanziaria 17p20 9. Il costo di un immobile, impianto o macchinario acquisito mediante locazione finanziaria è valutato: (a) al minore fra: (i) il fair value del bene locato e (ii) il valore attuale dei pagamenti minimi dovuti per il leasing, attualizzati al tasso d interesse implicito del leasing (o, se non è possibile determinarlo, al tasso d interesse di un prestito addizionale per il locatario), entrambi calcolati all inizio del contratto di leasing; (b) unitamente ai costi diretti sostenuti inizialmente dal locatario in riferimento al leasing finanziario; 40p60 (c) Cambiamento di destinazione da investimento immobiliare 10. Il fair value dell investimento immobiliare alla data del cambiamento di destinazione ad immobile ad uso del proprietario diventa il costo presunto per la valutazione iniziale, ai sensi dello IAS 16.

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40 di Paolo Moretti L «International Accounting Standards Board» (IASB), nell ambito del progetto di revisione («Improvement») dei princìpi contabili internazionali,

Dettagli

(G.U.U.E n. L 282 del 26 ottobre 2005)

(G.U.U.E n. L 282 del 26 ottobre 2005) REGOLAMENTO (CE) N. 1751/2005 DELLA COMMISSIONE del 25 ottobre 2005 che modifica il regolamento (CE) n. 1725/2003 della Commissione che adotta taluni principi contabili internazionali conformemente al

Dettagli

11) il Regolamento (CE) n. 1864/2005 del 15 novembre 2005 ha adottato lo IAS 39 rivisto e ha recepito le modifiche apportate all IFRS 1 e allo IAS

11) il Regolamento (CE) n. 1864/2005 del 15 novembre 2005 ha adottato lo IAS 39 rivisto e ha recepito le modifiche apportate all IFRS 1 e allo IAS Allegato 1 1) Il Regolamento (CE) n. 1606/2002 del 19 luglio 2002 che ha regolato l adozione e l utilizzo dei principi contabili internazionali; 2) il Regolamento (CE) n. 1725/2003 del 29 settembre 2003

Dettagli

L allegato al regolamento (CE) n. 1725/2003 è modificato come segue:

L allegato al regolamento (CE) n. 1725/2003 è modificato come segue: 26.10.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 282/3 REGOLAMENTO (CE) N. 1751/2005 DELLA COMMISSIONE del 25 ottobre 2005 che modifica il regolamento (CE) n. 1725/2003 della Commissione che adotta

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Pavimental S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade S.p.A. Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Elaborata sulla base degli adottati nel Gruppo

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) Pag. 1 1 INDICE Premessa... 3 PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS1)... 4 RICONCILIAZIONI RICHIESTE DALL IFRS 1...

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 301/2013 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 301/2013 DELLA COMMISSIONE L 90/78 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 28.3.2013 REGOLAMENTO (UE) N. 301/2013 DELLA COMMISSIONE del 27 marzo 2013 che modifica il regolamento (CE) n. 1126/2008 della Commissione che adotta taluni

Dettagli

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA Lezione 3 IAS 16: Immobili, impianti e macchinari Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2012 2013 4 marzo

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO

IL COMMERCIALISTA VENETO IL COMMERCIALISTA VENETO n. 177 - MAGGIO / GIUGNO 2007 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE INSERTO Le norme IAS-IFRS Breve sintesi dei nuovi Principi Contabili Internazionali ADRIANO

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Immobili, impianti e macchinari (OIC16 IAS 16)

Immobili, impianti e macchinari (OIC16 IAS 16) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Economia Corso di Bilanci secondo i principi contabili internazionali 90001 91070 Immobili, impianti e macchinari (OIC16 IAS 16) Prof. Daniele Gervasio daniele.gervasio@unibg.it

Dettagli

PROSPETTI DI RICONCILIAZIONE AGLI INTERNATIONAL FINANCIAL REPORTING STANDARDS (IFRS) AL 1 GENNAIO 2004, AL 31 DICEMBRE 2004 E PER L ESERCIZIO 2004

PROSPETTI DI RICONCILIAZIONE AGLI INTERNATIONAL FINANCIAL REPORTING STANDARDS (IFRS) AL 1 GENNAIO 2004, AL 31 DICEMBRE 2004 E PER L ESERCIZIO 2004 PROSPETTI DI RICONCILIAZIONE AGLI INTERNATIONAL FINANCIAL REPORTING STANDARDS (IFRS) AL 1 GENNAIO 2004, AL 31 DICEMBRE 2004 E PER L ESERCIZIO 2004 TRANSIZIONE AI PRINCIPI IAS/IFRS Fino al 2004 Telecom

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/361 DATA DI ENTRATA IN VIGORE 122. Il presente Principio contabile internazionale entra in vigore a partire dai bilanci con inizio dal 1 o luglio

Dettagli

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili Dott. Alex Casasola 1 La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo Attendibilità della valutazione Di conseguenza.

Dettagli

Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS

Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS Prima adozione degli IAS/IFRS Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS in sede di prima

Dettagli

Note esplicative e integrative alla situazione contabile al 31 dicembre 2014

Note esplicative e integrative alla situazione contabile al 31 dicembre 2014 Note esplicative e integrative alla situazione contabile al 31 dicembre 2014 A) Aspetti generali Piaggio & C. S.p.A. (la Società) è una società per azioni costituita in Italia presso l Ufficio del Registro

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

IAS 16 - OIC 16: Le Attività materiali

IAS 16 - OIC 16: Le Attività materiali IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 16 - OIC 16: Le Attività materiali Roma, marzo/maggio 2015 Finalità del principio Per quale motivo è stato emanato il principio? PC OIC 16 IAS

Dettagli

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili Francesco Assegnati Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Galleria San Carlo 6 20122 Milano www.camozzibonissoni.it Iter normativo

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE

DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE SEMESTRALE AL 31 DICEMBRE 2014 1 Premessa In applicazione del D. Lgs. del 28 febbraio 2005, n. 38, Esercizio delle opzioni previste dall

Dettagli

PROGETTO DI BILANCIO FESTA UNIPERSONALE S.R.L. AL 31 DICEMBRE 2014 E NOTE ESPLICATIVE

PROGETTO DI BILANCIO FESTA UNIPERSONALE S.R.L. AL 31 DICEMBRE 2014 E NOTE ESPLICATIVE PROGETTO DI BILANCIO FESTA UNIPERSONALE S.R.L. AL 31 DICEMBRE 2014 E NOTE ESPLICATIVE Milano, lì 17 marzo 2015 FESTA S.r.l. Unipersonale Sede in Porcari (Lucca) via L. Boccherini, 39 Capitale Sociale 358.699,18

Dettagli

08/11/2010. Condizioni di iscrizione ( 7) Il bene per poter essere iscritto tra le immobilizzazioni deve: Dott.ssa Francesca Picciaia

08/11/2010. Condizioni di iscrizione ( 7) Il bene per poter essere iscritto tra le immobilizzazioni deve: Dott.ssa Francesca Picciaia Immobili, impianti e macchinari IAS 16 Finalità ( ( 1) Definire il trattamento contabile di immobili, impianti e macchinari Dare informazioni su tali poste agli utilizzatori del bilancio Definire le problematiche

Dettagli

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE..

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. INDICE PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. 4. VALUTAZIONE. 5. ALTRI ASPETTI. 6. OPERAZIONI CON AZIONI PROPRIE ALL INTERNO

Dettagli

Immobili, impianti e macchinari Ias n.16

Immobili, impianti e macchinari Ias n.16 Immobili, impianti e macchinari Ias n.16 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2005-2006 prof.ssa Sabrina

Dettagli

ALLEGATO. Ciclo annuale di miglioramenti agli IFRS 2011 2013 1

ALLEGATO. Ciclo annuale di miglioramenti agli IFRS 2011 2013 1 IT ALLEGATO Ciclo annuale di miglioramenti agli IFRS 2011 2013 1 1 Riproduzione consentita nell ambito dello Spazio economico europeo (SEE). Tutti i diritti riservati al di fuori del SEE, ad eccezione

Dettagli

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari Documento OIC n. 16 Principi Contabili internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari 1 Sono beni destinati a permanere durevolmente

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO SpA COMUNICA: COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB Gruppo Espresso: il consiglio di amministrazione approva i risultati

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 1126/2008 DELLA COMMISSIONE. del 3 novembre 2008

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 1126/2008 DELLA COMMISSIONE. del 3 novembre 2008 29.11.2008 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 320/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 1126/2008 DELLA COMMISSIONE

Dettagli

Relazione finanziaria annuale d esercizio. Prospetti contabili civilistici 4. Note esplicative ai prospetti. contabili civilistici 12

Relazione finanziaria annuale d esercizio. Prospetti contabili civilistici 4. Note esplicative ai prospetti. contabili civilistici 12 bilancio civilistico Relazione finanziaria annuale d esercizio Prospetti contabili civilistici 4 Note esplicative ai prospetti contabili civilistici 12 Allegati al bilancio civilistico 78 Attestazione

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2006

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2006 BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2006 Conto economico consolidato (In milioni di franchi svizzeri) Note 2006 2005 Ricavi 5-6 9.653 9.732 Acquisti di materiali e servizi esterni 7 (1.840) (1.831) Costi

Dettagli

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali PERCORSO Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali Brescia, dal 12 al 27 maggio 2009 Programma I Modulo Dal bilancio italiano al bilancio IFRS

Dettagli

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio 246 Conto economico 246 Conto economico complessivo 247 Situazione patrimoniale-finanziaria 248 Rendiconto finanziario 249 Variazioni del patrimonio netto 251 Conto economico ai sensi della Delibera Consob

Dettagli

di Massimiliano Di Pace

di Massimiliano Di Pace I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI PER LE PMI: UNA PROSPETTIVA PER IL 2008 di Massimiliano Di Pace Amministrazione e Finanza >> Gestione amministrativa Sommario Introduzione...3 I commenti dell'organismo

Dettagli

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri. L 77/42 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 24.3.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 244/2010 DELLA COMMISSIONE del 23 marzo 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 1126/2008 della Commissione che adotta taluni

Dettagli

IL CONTROLLO NELLE SOCIETA E NEGLI ENTI Giuffrè Editore Rubrica IASB Principi contabili internazionali IAS/IFRS a cura di Ambrogio Picolli

IL CONTROLLO NELLE SOCIETA E NEGLI ENTI Giuffrè Editore Rubrica IASB Principi contabili internazionali IAS/IFRS a cura di Ambrogio Picolli IL CONTROLLO NELLE SOCIETA E NEGLI ENTI Giuffrè Editore Rubrica IASB Principi contabili internazionali IAS/IFRS a cura di Ambrogio Picolli IAS 40 Investimenti immobiliari (Investment Property) Premessa

Dettagli

Gruppo Fiat Bilancio consolidato

Gruppo Fiat Bilancio consolidato Gruppo Fiat Bilancio 130 Conto economico 131 Conto economico complessivo 132 Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata 134 Rendiconto finanziario 135 Variazioni del Patrimonio netto 136 Conto economico

Dettagli

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale tommaso.agasisti@polimi.it Agenda 1.Il bilancio

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS Immobilizzazioni materiali Codice civile e PC nazionali Art. 2426 C.C. Immobilizzazioni Immateriali Materiali Finanziarie Circolante Scorte Crediti Attività finanziarie Liquidità valutazione Costo storico

Dettagli

Lez. 2. I principi contabili

Lez. 2. I principi contabili Lez. 2 I principi contabili Il riconoscimento al bilancio del ruolo di strumento informativo a 360 impone al redattore del bilancio l obbligo di tenere un comportamento corretto......ma i redattori avvertivano

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

ALLEGATO DOCUMENTO RELATIVO ALLA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI. 1. Criteri di redazione e principi contabili adottati

ALLEGATO DOCUMENTO RELATIVO ALLA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI. 1. Criteri di redazione e principi contabili adottati ALLEGATO DOCUMENTO RELATIVO ALLA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 1. Criteri di redazione e principi contabili adottati 2. Descrizione degli effetti derivanti dalla prima adozione degli

Dettagli

Contabilità regolatoria dei Mercati e dei Servizi di rete fissa dell esercizio 2006. Principi e criteri di Separazione Contabile e

Contabilità regolatoria dei Mercati e dei Servizi di rete fissa dell esercizio 2006. Principi e criteri di Separazione Contabile e TELECOM ITALIA CONFIDENZIALE - RISERVATO AD AGCOM NON ACCESSIBILE E NON PUBBLICABILE - Contabilità regolatoria dei Mercati e dei Servizi di rete fissa dell esercizio 2006 Principi e criteri di Separazione

Dettagli

Bilancio Separato Bilancio Separato 12 www.a2a.eu 20

Bilancio Separato Bilancio Separato 12 www.a2a.eu 20 Bilancio Separato Indice 3 Sintesi economica, patrimoniale e finanziaria 0.1 Prospetti di bilancio 12 Situazione patrimoniale-finanziaria 14 Conto economico 15 Conto economico complessivo 16 Rendiconto

Dettagli

BANCA POPOLARE DI APRILIA Società per azioni - Capitale Sociale Euro 6.671.440 i.v. Sede Sociale in Aprilia (LT) BILANCIO 2010 57 esercizio

BANCA POPOLARE DI APRILIA Società per azioni - Capitale Sociale Euro 6.671.440 i.v. Sede Sociale in Aprilia (LT) BILANCIO 2010 57 esercizio BANCA POPOLARE DI APRILIA Società per azioni - Capitale Sociale Euro 6.671.440 i.v. Sede Sociale in Aprilia (LT) BILANCIO 2010 57 esercizio SCHEMI DEL BILANCIO DELL'IMPRESA Stato patrimoniale al 31 dicembre

Dettagli

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani IAS 17 : LEASING Schemi di analisi Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani INDICE SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE CLASSIFICAZIONE CONTABILIZZAZIONE VENDITA E RETROLOCAZIONE PRINCIPI CONTABILI

Dettagli

Rimanenze, lavori in corso e lavori su commessa

Rimanenze, lavori in corso e lavori su commessa Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RIMANENZE E LAVORI IN CORSO 285 CAPITOLO 6 Rimanenze, lavori in corso e lavori su commessa SOMMARIO SEZIONE I Definizioni e regole generali I. Principi applicabili 2200 II.

Dettagli

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1]

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1] Rendiconto finanziario [1] [1] FINALITA' Ambito di applicazione Benefici apportati dalle informazioni sui flussi finanziari Definizioni Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Presentazione del rendiconto

Dettagli

IAS/IFRS: uno sguardo d insieme

IAS/IFRS: uno sguardo d insieme IAS/IFRS: uno sguardo d insieme Oramai la globalizzazione contabile è una realtà: i principi contabili nazionali sono destinati ad essere progressivamente sostituiti da una serie di principi e norme riconosciute

Dettagli

Bilancio consolidato

Bilancio consolidato 2013 Innovazione MERCATO Crescita Investimenti LAVORO 4 FILIERE Bilancio consolidato www.a2a.eu Indice 0.1 Prospetti contabili consolidati 4 Situazione patrimoniale-finanziaria 6 Conto economico 7 Conto

Dettagli

Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2006. 101 Esercizio

Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2006. 101 Esercizio Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2006 101 Esercizio Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2006 234 Situazione economico-finanziaria della Fiat S.p.A. 238 Conto economico 239

Dettagli

AEM Torino S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI AEM TORINO S.p.A.

AEM Torino S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI AEM TORINO S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI AEM TORINO S.p.A. 189 190 INDICE Premessa... 193 Prima applicazione dei principi contabili internazionali (IFRS 1)... 194 Principi contabili e criteri di

Dettagli

2. PRINCIPI DI CONSOLIDAMENTO E CRITERI DI VALUTAZIONE

2. PRINCIPI DI CONSOLIDAMENTO E CRITERI DI VALUTAZIONE 2. PRINCIPI DI CONSOLIDAMENTO E CRITERI DI VALUTAZIONE Di seguito sono riportati i principali criteri e i principi contabili applicati nella preparazione del bilancio consolidato e delle informazioni finanziarie

Dettagli

Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2007. 102 Esercizio

Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2007. 102 Esercizio Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2007 102 Esercizio La forza di un idea risiede non solo nella sua capacità di far breccia nel pensiero della sua epoca, ma anche in quella di influenzare

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA AL 31 DICEMBRE 2013 INDICE

BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA AL 31 DICEMBRE 2013 INDICE BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA AL 31 DICEMBRE 2013 INDICE 1 2 INDICE 1. Prospetti contabili consolidati...5 2. Note illustrative.15 3. Allegati...103 4. Relazione della società

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di Bilanci secondo i principi contabili internazionali 90001 91070 Ricavi Prof. Daniele Gervasio

Dettagli

Ifrs applicabili anche alle PMI: come e quando?

Ifrs applicabili anche alle PMI: come e quando? Principi contabili internazionali Bilancio Ifrs applicabili anche alle PMI: come e quando? di Riccardo Bauer (*) L importanza delle imprese di piccola e media dimensione nel tessuto economico del nostro

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

Innovazione MERCATO. Investimenti LAVORO. Crescita 4 FILIERE. Bilancio separato. www.a2a.eu

Innovazione MERCATO. Investimenti LAVORO. Crescita 4 FILIERE. Bilancio separato. www.a2a.eu 2013 Innovazione MERCATO Crescita Investimenti LAVORO 4 FILIERE Bilancio separato www.a2a.eu Indice 3 Sintesi economica, patrimoniale e finanziaria 0.1 Prospetti di bilancio 10 Situazione patrimoniale-finanziaria

Dettagli

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA RIUNITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CAMFIN SPA ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS APPROVATA LA RELAZIONE

Dettagli

GUIDE OPERATIVE. Guida operativa Aspetti applicativi dei principi IAS/IFRS. Guida 3

GUIDE OPERATIVE. Guida operativa Aspetti applicativi dei principi IAS/IFRS. Guida 3 OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ GUIDE OPERATIVE Guida operativa Aspetti applicativi dei principi IAS/IFRS Guida 3 BOZZA PER COMMENTI APPROVATA DAL COMITATO ESECUTIVO IL 28 NOVEMBRE 2007 La guida

Dettagli

Comunicato stampa Documento Allegato

Comunicato stampa Documento Allegato Edison Spa Ufficio Stampa Tel. +39 02 6222.7331 Foro Buonaparte, 31 Fax. +39 02 6222.7379 20121 Milano - MI ufficiostampa@edison.it Comunicato stampa Documento Allegato Stato patrimoniale consolidato Si

Dettagli

Corso di Principi contabili internazionali. Prof. Luigi Rinaldi Prof. Stefano Santucci

Corso di Principi contabili internazionali. Prof. Luigi Rinaldi Prof. Stefano Santucci Corso di Principi contabili internazionali Prof. Luigi Rinaldi Prof. Stefano Santucci Programma del corso a.a. 2015 2016 Parte prima I principi contabili internazionali e il loro recepimento nella legislazione

Dettagli

Bilancio di Telecom Italia S.p.A.

Bilancio di Telecom Italia S.p.A. Bilancio di Telecom Italia S.p.A. Indice 262 Indice 263 Stato patrimoniale 265 Conto economico 267 Prospetto dei movimenti di patrimonio netto 268 Rendiconto finanziario 270 Nota 1 Forma, contenuto ed

Dettagli

IAS 18 Ricavi ( Revenues)

IAS 18 Ricavi ( Revenues) IAS 18 Ricavi ( Revenues) 1 INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD MISURAZIONE DEI RICAVI

Dettagli

BILANCI CONSOLIDATI DI ITALGAS S.p.A. AL 31 DICEMBRE 2006 31 DICEMBRE 2007 31 DICEMBRE 2008

BILANCI CONSOLIDATI DI ITALGAS S.p.A. AL 31 DICEMBRE 2006 31 DICEMBRE 2007 31 DICEMBRE 2008 BILANCI CONSOLIDATI DI ITALGAS S.p.A. AL 31 DICEMBRE 2006 31 DICEMBRE 2007 31 DICEMBRE 2008 SOMMARIO Stati patrimoniali 3 Conti economici 4 Prospetti delle variazioni delle voci del Patrimonio netto 5

Dettagli

SOGEFI S.p.A. BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012

SOGEFI S.p.A. BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012 SOGEFI S.p.A. BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012 299 SITUAZIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA (in Euro) ATTIVO Note 31.12.2012 31.12.2011 ATTIVO CORRENTE Disponibilità liquide e mezzi equivalenti 4

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories)

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA VALUTAZIONE

Dettagli

(Cash Flow Statements)

(Cash Flow Statements) RENDICONTO FINANZIARIO IAS 7 (Cash Flow Statements) 1 SOMMARIO Concetti generali sul Rendiconto Finanziario Come si fa a redigere un Rendiconto Finanziario? 2 1 Concetti generali sul Rendiconto Finanziario

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

DAVIDE CAMPARI MILANO S.p.A.

DAVIDE CAMPARI MILANO S.p.A. DAVIDE CAMPARI MILANO S.p.A. SITUAZIONE PATRIMONIALE AL 30 GIUGNO 2010 Ex articolo 2501 quater cod. civ. Situazione patrimoniale finanziaria al 30 giugno 2010 ATTIVO Attività non correnti Note 30 giugno

Dettagli

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari Roma, marzo/maggio 2015 Finalità e ambito di applicazione Un investimento immobiliare è una proprietà immobiliare posseduta per: Percepire canoni d affitto Ottenere

Dettagli

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs)

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) 1 Contenuto Stato Patrimoniale Ias/Ifrs Contenuto minimo obbligatorio (Ias 1, 68 e

Dettagli

Bilancio consolidato al 31 dicembre 2008 BILANCIO CONSOLIDATO ANNUALE 2008 PER IL PERIODO CHIUSO AL

Bilancio consolidato al 31 dicembre 2008 BILANCIO CONSOLIDATO ANNUALE 2008 PER IL PERIODO CHIUSO AL Bilancio consolidato al 31 dicembre 2008 BILANCIO CONSOLIDATO ANNUALE 2008 PER IL PERIODO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2008 Bilancio consolidato al 31 dicembre 2008 Bilancio Consolidato Prospetti di Bilancio

Dettagli

Il bilancio di esercizio

Il bilancio di esercizio Il bilancio di esercizio Test di autovalutazione delle conoscenze rivolto alle matricole delle lauree magistrali Università di Bologna, Facoltà di Economia - Sede di Forlì A.A. 2009/2010 Dispensa a cura

Dettagli

Note esplicative. Forma, struttura e perimetro di riferimento. Informazioni generali. Indicatori alternativi di performance. Conformità agli IAS/IFRS

Note esplicative. Forma, struttura e perimetro di riferimento. Informazioni generali. Indicatori alternativi di performance. Conformità agli IAS/IFRS Note esplicative Note esplicative Forma, struttura e perimetro di riferimento Informazioni generali Il Bilancio consolidato al 31.12.2010 del Gruppo Acea è stato approvato con delibera del Consiglio di

Dettagli

Commento ai risultati economico-finanziari e altre informazioni

Commento ai risultati economico-finanziari e altre informazioni Commento ai risultati economico-finanziari e altre informazioni Snam Relazione intermedia sulla gestione / Commento ai risultati economico-finanziari 25 COMMENTO AI RISuLTATI ECONOMICO-FINANZIARI CONTO

Dettagli

La valutazione dei crediti secondo lo IAS 39: Il criterio del costo ammortizzato

La valutazione dei crediti secondo lo IAS 39: Il criterio del costo ammortizzato La valutazione dei crediti secondo lo IAS 39: Il criterio del costo ammortizzato Costo Ammortizzato Il costo ammortizzato è il valore a cui l attività/passività finanziaria è stata valutata alla rilevazione

Dettagli

Gli strumenti finanziari [1]

Gli strumenti finanziari [1] www.contabilitainternazionale.eu Corso di: Contabilità Internazionale Corso di Laurea Magistrale in: Amministrazione e Controllo Gli strumenti finanziari [1] Oggetto della lezione framework Fair value

Dettagli

STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ

STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ 1 ATTIVITÀ IMMATERIALI 1.1 Avviamento 1.2 Altre attività immateriali 2 ATTIVITÀ MATERIALI 2.1 Immobili 2.2 Altre attività materiali 3 RISERVE TECNICHE A CARICO DEI RIASSICURATORI

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

rendiconto finanziario

rendiconto finanziario conto economico consolidato attività passività rendiconto finanziario prospetto delle variazioni nota integrativa allegati Nota integrativa FORMA, STRUTTURA E PERIMETRO DI RIFERIMENTO Informazioni generali

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 69/2009 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 69/2009 DELLA COMMISSIONE L 21/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 24.1.2009 REGOLAMENTO (CE) N. 69/2009 DELLA COMMISSIONE del 23 gennaio 2009 che modifica il regolamento (CE) n. 1126/2008 della Commissione che adotta taluni

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio Conto economico... 264 Conto economico complessivo... 265 Situazione patrimoniale-finanziaria... 266 Rendiconto finanziario... 267 Variazioni del patrimonio netto... 268 Conto economico ai sensi della

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio. L Impairment Test (Ias 36)

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio. L Impairment Test (Ias 36) 1 L Impairment Test (Ias 36) 2 Oggetto: riguarda la svalutazione per perdite di valore di attività Finalità: evita che le attività siano iscritte a un valore superiore a quello recuperabile Ambito: in

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

La fiscalità del bilancio IAS. Gli effetti fiscali relativi agli ammortamenti e ai costi pluriennali

La fiscalità del bilancio IAS. Gli effetti fiscali relativi agli ammortamenti e ai costi pluriennali La fiscalità del bilancio IAS Gli effetti fiscali relativi agli ammortamenti e ai costi pluriennali Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell

Dettagli

3. Principi contabili

3. Principi contabili gli utili emergenti da vendite effettuate da società controllate a joint-venture o società collegate sono eliminati limitatamente alla quota di possesso nella società acquirente; gli utili emergenti da

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione IAS 39 Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione Finalità 1 La finalità del presente Principio è stabilire i principi per rilevare e valutare le attività

Dettagli