REGOLAMENTO di EuroTLX

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO di EuroTLX"

Transcript

1 REGOLAMENTO di EuroTLX APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 20 MAGGIO 2014 DATA DI ENTRATA IN VIGORE: 21 LUGLIO

2 DEFINIZIONI 5 TITOLO 1. DISPOSIZIONI GENERALI CAPO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E MODIFICHE...11 Articolo 1.1 Finalità...11 Articolo 1.2 Modifiche al Regolamento e Comunicazioni Tecniche...11 TITOLO 2. AMMISSIONE ALLA NEGOZIAZIONE DISTRUMENTI FINANZIARI...12 CAPO 1 CONDIZIONI GENERALI...12 Articolo 2.1 Ambito di applicazione e strumenti ammessi...12 CAPO 2 STRUMENTI FINANZIARI...12 Articolo 2.2 Condizioni generali...12 Articolo 2.3 Obbligazioni e altri titoli di debito...12 A. Obbligazioni e altri titoli di debito emessi da emittenti non bancari, da Stati sovrani, da enti locali e da enti sovranazionali...12 B. Obbligazioni e altri titoli di debito emessi da emittenti bancari...14 Articolo 2.4 Azioni, certificati rappresentativi di azioni e altri titoli di capitale di rischio...15 Articolo 2.5 Diritti di opzione...15 Articolo 2.6 Covered warrant e certificates...15 Articolo 2.7 Quote o azioni di OICR...16 Articolo 2.8 Asset Backed Securities...17 Articolo 2.9 Combinazioni degli strumenti di cui ai punti precedenti...17 CAPO 3 PROCEDURA DI AMMISSIONE...18 Articolo 2.10 Avvio della procedura...18 Articolo 2.11 Verifica dei requisiti...18 Articolo 2.12 Esito della procedura...18 Articolo 2.14 Termini dell ammissione...19 Articolo 2.15 Priorità nello svolgimento della procedura di ammissione...20 TITOLO 3. OPERATORI 21 CAPO 1 DISPOSIZIONI GENERALI...21 Articolo 3.1 Operatori ammessi alle negoziazioni...21 Articolo 3.2 Procedura di ammissione alle negoziazioni...21 Articolo 3.3 Condizioni generali di ammissione e permanenza...23 Articolo 3.4 Esclusione su richiesta dalle negoziazioni...28 Articolo 3.5 Impugnazione dei provvedimenti...28 Articolo 3.6 Comunicazioni degli Operatori...28 Articolo 3.7 Partecipazione indiretta al servizio di liquidazione...29 CAPO 2 CONTROLLO DEL RISPETTO DEL REGOLAMENTO...29 Articolo 3.8 Attività di verifica e forme di cooperazione...29 Articolo 3.9 Provvedimenti nei confronti degli Operatori...30 CAPO 3 CORRISPETTIVI...30 Articolo 3.10 Condizioni Generali di fornitura dei servizi e versamento dei corrispettivi...30 CAPO 4 REGOLE DI CONDOTTA...31 Articolo 3.11 Regole di condotta generali degli Operatori...31 Articolo 3.12 Regole di condotta degli Intermediari...31 Articolo 3.13 Regole di condotta dei Liquidity Provider...33 Articolo 3.14 Regole di condotta per gli Operatori aderenti al segmento EuroTLX internazionale non garantito...33 CAPO 5 TRASMISSIONE DELLE PROPOSTE...34 Articolo 3.15 Trasmissione delle proposte al mercato...34 CAPO 6 SISTEMI TECNOLOGICI E NEGOZIAZIONE...36 Articolo 3.16 Disfunzioni tecniche dei sistemi degli Operatori

3 TITOLO 4. MODALITÀ E CONDIZIONI DI SVOLGIMENTO DELLE CONTRATTAZIONI DINEGOZIAZIONE CAPO 1 NEGOZIAZIONI...38 Articolo 4.1 Modalità e orari di negoziazione...38 Articolo 4.2 Modalità di negoziazione...38 Articolo 4.3 Segmenti di negoziazione...39 Articolo 4.4 Proposte di negoziazione...39 Articolo 4.5 Negoziazione continua...41 Articolo 4.6 Prezzo di riferimento...42 Articolo 4.7 Prezzo statico e dinamico...43 Articolo 4.8 Modalità di cancellazione automatica dalle negoziazioni di strumenti finanziari a scadenza...44 TITOLO 5. INFORMATIVA.45 Articolo 5.1 Informativa agli Operatori - Principi generali...45 Articolo 5.2 Informativa agli Operatori Contenuti...45 Articolo 5.3 Informativa al pubblico - Principi generali...45 Articolo 5.4 Informativa al pubblico Contenuti...46 Articolo 5.5 Informativa Titolo...46 Articolo 5.6 Comunicazioni agli Operatori ammessi...46 TITOLO 6. LIQUIDITY PROVIDER...47 CAPO 1 PRINCIPI GENERALI...47 Articolo 6.1 Registrazione...47 Articolo 6.2 Particolari modalità operative dei Liquidity Provider...49 CAPO 2 OBBLIGHI GENERALI DEI LIQUIDITY PROVIDER...50 Articolo 6.3 Obblighi dei Liquidity Provider...50 CAPO 3 MARKET MAKER...52 Articolo 6.4 Strumenti finanziari sui quali gli Operatori possono operare come Market Maker...52 Articolo 6.5 Obblighi dei Market Maker...52 CAPO 4 SPECIALIST...54 Articolo 6.6 Strumenti finanziari sui quali gli Operatori possono operare come Specialist...54 Articolo 6.7 Obblighi degli Specialist...54 Articolo 6.8 Obblighi informativi degli Specialist...55 TITOLO 7. COMPENSAZIONE, GARANZIA E LIQUIDAZIONE. 57 Articolo 7.1 Liquidazione delle negoziazioni...57 Articolo 7.2 Tempistica della liquidazione delle negoziazioni...58 Articolo 7.3 Compensazione e garanzia delle negoziazioni...59 Articolo 7.4 Netting Bilaterale...59 Articolo 7.5 Contratti di compravendita non liquidati nel termine previsto...59 Articolo 7.6 Modalità di gestione delle rettifiche in caso di corporate event...63 TITOLO 8. VIGILANZA SUL MERCATO.65 CAPO 1 PRINCIPI GENERALI...65 Articolo 8.1 Finalità...65 Articolo 8.2 Comunicazioni con EuroTLX...65 CAPO 2 OBBLIGHI DI LIQUIDITÀ E SIGNIFICATIVITÀ DEI PREZZI...65 Articolo 8.3 Controlli sugli obblighi di liquidità e sulla significatività dei prezzi...65 CAPO 3 INTERVENTI SUI PARAMETRI, SUGLI ORARI E SULLE CONDIZIONI DI NEGOZIAZIONE...66 Articolo 8.4 Condizioni generali...66 Articolo 8.5 Interventi di EuroTLX...67 Articolo 8.6 Interventi sulle proposte di negoziazione su iniziativa di EuroTLX...67 CAPO 5 GESTIONE DEGLI ERRORI E PROCEDURE DI CANCELLAZIONE DEI CONTRATTI...67 Articolo 8.7 Disposizioni generali

4 Articolo 8.8 Interventi sui contratti su accordo tra le controparti...68 Articolo 8.9 Interventi sui contratti in assenza di accordo tra le controparti...68 Articolo 8.10 Procedura di cancellazione dei contratti azionabile per i casi di sospetta manipolazione...72 Articolo 8.11 Procedura di cancellazione dei contratti azionabile per i casi di condotte lesive delle condizioni di liquidità del mercato...73 CAPO 6 CONTROLLO DEI PROCESSI DI REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI...74 Articolo 8.12 Monitoraggio del rischio di contagio...74 Articolo 8.13 Inibizione temporanea dell attività di un Operatore sul segmento EuroTLX Internazionale non garantito...74 Articolo 8.14 Inibizione temporanea dell attività di un Operatore sugli strumenti finanziari garantiti...75 CAPO 7 GESTIONE DELLE DISFUNZIONI TECNICHE...75 Articolo 8.15 Condizioni generali...75 Articolo 8.16 Interventi di EuroTLX...75 CAPO 8 SOSPENSIONE DALLE CONTRATTAZIONI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...76 Articolo 8.17 Condizioni generali...76 Articolo 8.18 Condizioni di sospensione...76 CAPO 9 REVOCA DALLE NEGOZIAZIONI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...77 Articolo 8.19 Condizioni generali...77 Articolo 8.20 Condizioni di revoca...77 TITOLO 9. PROCEDURE DI ACCERTAMENTO DELLE VIOLAZIONI E IMPUGNAZIONI 79 Articolo 9.1 Condizioni generali...79 Articolo 9.2 Controlli specifici sugli Operatori...79 Articolo 9.3 Procedimento disciplinare...80 Articolo 9.4 Sanzioni...80 Articolo 9.5 Sanzioni riguardanti la violazione degli obblighi previsti agli articoli 3.10 e 3.11 da parte di un Operatore Interconnesso...81 Articolo 9.6 Destinazione delle sanzioni pecuniarie...81 TITOLO 10. DISPOSIZIONI FINALI..82 CAPO 1 DISPOSIZIONI VARIE...82 Articolo 10.1 Diritto applicabile...82 Articolo 10.2 Strumenti finanziari negoziati sul Mercato Regolamentato TLX e ammessi d ufficio alla negoziazione su EuroTLX...82 Articolo 10.3 Obblighi informativi relativi agli emittenti e agli strumenti finanziari originariamente ammessi alla quotazione in single listing sul Mercato Regolamentato TLX e ammessi alla negoziazione su EuroTLX ai sensi del comma 2 dell articolo Articolo 10.4 Informazioni sull esercizio dei diritti...83 Articolo 10.5 Offerte pubbliche di acquisto e scambio...84 Articolo 10.6 Altre informazioni...84 Articolo 10.7 Sanzioni

5 Definizioni ABS (Asset Backed Security) Altre Obbligazioni: Altri titoli di debito Ammissione alle negoziazioni Avviso Azione Indica uno strumento finanziario emesso a fronte di operazioni di cartolarizzazione che prevede l impiego di crediti, sia presenti sia futuri, e di altre attività destinate al soddisfacimento dei diritti incorporati nello strumento finanziario emesso ed eventualmente alla copertura dei costi dell operazione di cartolarizzazione. Indica obbligazioni Sovranazionali/Agency, Mercati Emergenti, Corporate e Finanziarie e Altre Obbligazioni Governative. In particolare: - Sovranazionali/Agency sono le obbligazioni emesse da organismi internazionali a carattere pubblico di cui facciano parte uno o più Stati, da Banche centrali, da Agenzie Governative; - Mercati Emergenti sono le obbligazioni emesse da Stati ricompresi nell indice MSCI Barra a prescindere dalla possibile appartenenza ad altre tipologie di strumenti finanziari definite nel presente Regolamento. Per la definizione degli Stati ricompresi nell indice MSCI Barra EuroTLX osserva la composizione del predetto indice nel primo giorno di negoziazione di ogni anno; detta classificazione avrà validità per l intero anno di negoziazione. - Corporate e Finanziarie sono le obbligazioni non emesse da Stati e comunque non ricomprese in nessuna della altre tre sottocategorie di Altre obbligazioni ; - Altre Obbligazioni Governative sono le obbligazioni emesse da Stati diversi dall Italia e non già presenti nelle definizioni di Mercati Emergenti e Titoli di Stato non Italia. Indica strumenti finanziari diversi dalle obbligazioni e rappresentativi di capitale di debito. Indica l ammissione di uno strumento finanziario alla negoziazione su EuroTLX. Indica la pubblicazione redatta e diffusa da EuroTLX contenente le informazioni che hanno rilevanza per il funzionamento del Mercato EuroTLX. Indica un titolo rappresentativo del capitale di rischio dell emittente. Certificates Indica uno strumento finanziario, diverso dai covered warrant, che replica l andamento di un attività sottostante. 5

6 Cliente al dettaglio Cliente professionale Comunicazioni Tecniche Condizioni Generali di fornitura dei servizi Corrispettivi Covered warrant plain vanilla Covered warrant esotico Documentazione di partecipazione Indica la categoria di clienti diversi dai Clienti professionali e dalle controparti qualificate. Indica la categoria di clienti professionali privati che soddisfano i requisiti di cui all Allegato n. 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla Consob con delibera n del 29 ottobre 2007 e successive modifiche e integrazioni e il cliente professionale pubblico che soddisfa i requisiti di cui al regolamento emanato dal Ministro dell Economia e delle Finanze ai sensi dell articolo 6, comma 2-sexies del Testo Unico. Indicano i documenti, emanati da EuroTLX, che descrivono aspetti tecnici di funzionamento di EuroTLX o dei servizi strumentali alle negoziazioni; essi sono pubblicati nella sezione Comunicazioni di Mercato del sito internet Indica i termini e le condizioni che regolano il rapporto tra EuroTLX e gli Operatori concernenti la partecipazione degli Operatori al Mercato EuroTLX. Indica il quadro delle condizioni economiche applicabili agli Operatori a EuroTLX, allegato al Regolamento di EuroTLX, di cui ne costituisce parte integrante. Indica uno strumento finanziario, che conferisce la facoltà di acquistare (call) o di vendere (put), alla o entro la data di scadenza, un certo quantitativo di strumenti finanziari, tassi di interesse, valute, merci e relativi indici (attività sottostante) ad un prezzo prestabilito o, nel caso di contratti per i quali è prevista una liquidazione monetaria, di incassare una somma di denaro determinata come differenza tra il prezzo di liquidazione dell'attività sottostante e il prezzo di esercizio, o come differenza tra il prezzo di esercizio e il prezzo di liquidazione dell'attività sottostante. Indica uno strumento finanziario dato dalla combinazione di Covered warrant plain vanilla, o che incorpora opzioni di tipo esotico. Indica la documentazione, i dati e le informazioni richieste all Operatore nell ambito della procedura di ammissione mediante moduli resi disponibili sul sito internet o mediante specifica richiesta. EuroTLX Indica la società che organizza e gestisce il sistema multilaterale di negoziazione (Multilateral Trading Facility MTF) denominato 6

7 EuroTLX. Fail Giorno di mercato aperto Guida ai Parametri Informativa emittenti Informativa Titolo Interconnessione Intermediari Istruzione di Mercato Istruzione di Regolamento Istruzione OTC Indica il mancato regolamento alla data di regolamento degli interi quantitativi corrispondenti ad una Istruzione di Mercato. Indica un giorno in cui il Mercato EuroTLX è aperto. Indica il documento di accompagnamento al Regolamento di EuroTLX denominato Guida ai Parametri comunicato tramite Avviso e messo a disposizione sul sito internet ww.eurotlx.com. Indica la modalità di diffusione al pubblico dell informativa fornita dagli emittenti di strumenti finanziari ammessi alla negoziazione su EuroTLX del presente Regolamento e pubblicate nella sezione Comunicazioni di Mercato del sito internet di EuroTLX. Indica il documento che sintetizza le principali caratteristiche degli strumenti finanziari oggetto di ammissione su EuroTLX, redatto da EuroTLX al momento dell ammissione sul Mercato e liberamente accessibile sul sito internet Indica il collegamento ai mercati, per il tramite di Intermediari, di clienti degli Intermediari (inclusi gli Operatori Interconnessi), di unità organizzative degli Intermediari diverse da quelle adibite allo svolgimento delle attività di negoziazione nei mercati e di liquidazione e controllo delle medesime. Indica gli Operatori che operano per conto di clienti, anche attraverso modelli di client servicing o client facilitation on principal basis o on riskless principal basis. Indica una istruzione inviata dal sistema X-TRM a Euroclear Bank o Clearstream Banking Luxembourg, normalmente corrispondente ad un saldo bilaterale (compenso), eccezionalmente corrispondente ad un istruzione singola (di inserimento o Reverse trade). Indica una Istruzione di Mercato o Istruzione OTC avente ad oggetto i quantitativi da regolare presso sistema di liquidazione. Indica una istruzione avente ad oggetto i quantitativi da regolare presso un sistema di liquidazione, inserita in Euroclear Bank o Clearstream Banking Luxembourg da un Operatore a seguito di un operazione di scorporo di un Istruzione di Mercato o di un altra Istruzione OTC. 7

8 Liquidity Provider Lotto minimo Market Maker Mercato di Stato appartenente all'ocse Indica l Operatore Market Maker e/o Specialist. Indica la quantità minima negoziabile per ogni strumento finanziario. Indica l Operatore Liquidity Provider che si impegna a rispettare gli obblighi di liquidità stabiliti dal Mercato EuroTLX con riferimento a strumenti finanziari diversi dalle obbligazioni bancarie non Eurobond, dai certificate e dai covered warrant. Indica un mercato istituito, organizzato e disciplinato da disposizioni adottate o approvate dalle autorità competenti in base alle leggi in vigore nello Stato appartenente all'ocse. Mercato EuroTLX Indica il sistema multilaterale di negoziazione gestito da EuroTLX. Netting bilaterale Obbligazione Obbligazione convertibile Obbligazione bancaria non eurobond Obbligazione strutturata OICR (organismi di investimento collettivo del risparmio) Operatore La funzionalità che consente di aggregare i contratti eseguiti sul segmento di EuroTLX caratterizzato dal regolamento su Euroclear Bank e Clearstream Banking Luxembourg, secondo il criterio definito nella Comunicazione Tecnica. Indica uno strumento finanziario rappresentativo del capitale di debito dell emittente che garantisce il valore nominale a scadenza. Indica un obbligazione che attribuisce al possessore il diritto di convertirla, nei termini e con le modalità prefissate, in azioni della società emittente o di altre società, secondo un rapporto prefissato. Indica un obbligazione emessa da una banca ed originariamente collocata presso la clientela di una banca. Indica un obbligazione contraddistinta da un processo innovativo di determinazione delle cedole e/o del rimborso del capitale e caratterizzata dalla presenza nella struttura di elementi riconducibili all assunzione di posizioni in strumenti finanziari derivati. Indica i fondi comuni di investimento, le SICAV (Società di Investimento a Capitale Variabile) e gli ETF (Exchange Traded Funds). Indica la generica categoria degli Intermediari, dei Market Maker 8

9 o degli Specialist abilitati ad operare su EuroTLX. Un Operatore può essere abilitato ad operare congiuntamente come Intermediario, Market Maker e Specialist. Operatore Interconnesso Proposta di negoziazione Quantità minima Quota Revoca Reverse trade Scorporo Sedi di negoziazione Single Listing Indica l intermediario avente un collegamento indiretto a EuroTLX per il tramite di un Intermediario ammesso alle contrattazioni. Indica un ordine o una Quota che individua in modo inequivocabile l intenzione di acquistare o vendere uno strumento finanziario negoziato su EuroTLX. Indica la quantità minima per ogni strumento finanziario per il quale il Market Maker o lo Specialist ha l obbligo di esporre una Quota durante l orario di negoziazione continua. Indica la tipologia di proposta che deve essere utilizzata dagli operatori Specialist e Market Maker operanti sul Mercato EuroTLX in adempimento degli obblighi previsti dal Regolamento. Tale tipologia di proposta con un unica transizione consente l aggiornamento di entrambe le quotazioni in acquisto e in vendita immesse dall operatore Specialist e Market Maker. Indica l esclusione dalle contrattazioni su EuroTLX di uno strumento finanziario o di un Operatore, su iniziativa di EuroTLX. Indica un istruzione di segno contrario ad una data istruzione che deve essere annullata. Indica la cancellazione dell Istruzione di Regolamento in Fail che contiene alcune istruzioni regolabili e il contestuale inserimento di due nuovi accorpamenti (ovvero di due Istruzioni OTC), uno contenente le istruzioni regolabili, l altro contenente quelle non regolabili. Indica i mercati regolamentati, i sistemi multilaterali di negoziazione e gli internalizzatori sistematici di cui rispettivamente all articolo 1, comma 1, lettera w-ter), all articolo 1, comma 5-octies e all articolo 1, comma 5-ter del Testo Unico della Finanza. Indica la situazione secondo la quale uno strumento finanziario ammesso alla negoziazione su assenso dell emittente sul mercato regolamentato EuroTLX non risulta essere stato ammesso alla negoziazione su altri mercati regolamentati in Paesi dell Unione Europea sempre su assenso dell emittente. Specialist Indica l operatore Liquidity Provider che si impegna a rispettare 9

10 gli obblighi di liquidità stabiliti dal Mercato EuroTLX con riferimento agli strumenti finanziari indicati all articolo 6.6. Strumenti Finanziari EuroTLX Strumento partecipativo Titolo Atipico Titoli Garantiti Titoli di Stato Indica gli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni nel Mercato EuroTLX. Indica uno strumento finanziario fornito di diritti patrimoniali o di diritti amministrativi, escluso il voto nell assemblea generale degli azionisti. Indica uno strumento finanziario rappresentativo del capitale di debito dell emittente che non garantisce il capitale nominale a scadenza. Indica l insieme degli strumenti finanziari per i quali i contratti eseguiti sul Mercato EuroTLX sono regolati tramite il sistema di garanzia nel quale Cassa di Compensazione e Garanzia assume il ruolo di controparte centrale. Indica obbligazioni Titoli di Stato Italia, Titoli di Stato non Italia e Sovereign. In particolare: - Titoli di Stato Italia : sono le obbligazioni emesse dallo Stato italiano e appartenenti al Piano di emissioni dello Stato italiano. - Titoli di Stato non Italia : sono le obbligazioni non ricomprese in Altre Obbligazioni Mercati Emergenti, emesse dallo Stato USA o da Stati membri dell Unione Europea diversi dall Italia. - Sovereign : sono le obbligazioni emesse da Stati, tipicamente emesse in valuta diversa da quella del Paese emittente, ovvero emesse con modalità differenti rispetto al piano di emissioni previsto dal Paese emittente, ovvero offerte non esclusivamente nel Paese emittente, e comunque non ricomprese in altre tipologie di strumenti finanziari definite dal presente Regolamento. 10

11 Titolo 1. Disposizioni Generali Capo 1 Oggetto del Regolamento e modifiche Articolo 1.1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione del sistema multilaterale di negoziazione (Multilateral Trading Facility MTF) denominato EuroTLX organizzato da EuroTLX. Il sistema multilaterale di negoziazione EuroTLX è organizzato e gestito per offrire un MTF europeo per la negoziazione retail size di strumenti obbligazionari e di prodotti di investimento principalmente destinati ai Clienti al Dettaglio. Tutti gli Operatori sono chiamati a contribuire con il proprio comportamento alla preservazione delle condizioni di liquidità del mercato e del suo carattere retail e ad assicurare che anche i propri Operatori Interconnessi operino conformemente a tale principio. L attività degli Operatori per conto di Clienti Professionali è possibile solo ed esclusivamente nei limiti definiti dal presente regolamento e, in particolare, dalle sue regole di condotta. 2. Il presente Regolamento stabilisce in particolare: a) le condizioni e le modalità di ammissione, sospensione e Revoca degli strumenti finanziari dalle negoziazioni; b) le condizioni e le modalità di ammissione, sospensione, esclusione e Revoca dalle negoziazioni degli Operatori; c) le condizioni e le modalità di svolgimento delle negoziazioni e di funzionamento dei servizi ad esse strumentali; d) le modalità di accertamento, pubblicazione e diffusione delle informazioni. Articolo 1.2 Modifiche al Regolamento e Comunicazioni Tecniche 1. Le modifiche al Regolamento di EuroTLX sono approvate dal Consiglio di Amministrazione di EuroTLX e vengono prontamente comunicate agli Operatori. Il testo del Regolamento viene pubblicato sul sito 2. L Amministratore Delegato può inoltre emanare Comunicazioni Tecniche vincolanti che vengono trasmesse agli Operatori tramite le strutture informatiche e/o tramite il sito di EuroTLX. 11

12 Titolo 2. finanziari Ammissione alla negoziazione di strumenti Capo 1 Condizioni generali Articolo 2.1 Ambito di applicazione e strumenti ammessi 1. Il presente Titolo del Regolamento disciplina l ammissione alla negoziazione su EuroTLX delle seguenti tipologie di strumenti finanziari: a) Obbligazioni e altri titoli di debito compresi Strumenti partecipativi, Obbligazioni Convertibili, Obbligazioni Strutturate, Obbligazioni Cum Warrant, Titoli di Stato e Titoli Atipici; b) Azioni, Certificati rappresentativi di azioni e Diritti di Opzione; c) Covered Warrant; d) Certificates; e) Asset Backed Securities; f) Quote o azioni di OICR; g) Combinazioni di strumenti di cui ai punti precedenti. Capo 2 Strumenti finanziari Articolo 2.2 Condizioni generali 1. I requisiti per l ammissione alla negoziazione degli strumenti finanziari su EuroTLX tengono conto della natura, della tipologia e delle caratteristiche di liquidità e stabilità delle relative negoziazioni, nell ottica di assicurare la regolarità delle contrattazioni. EuroTLX effettua l apposito controllo sulla base dei documenti di pubblico dominio. 2. L ammissibilità alla negoziazione di uno strumento finanziario sul Mercato EuroTLX è subordinata all esistenza di un soggetto che si impegni a supportarne la liquidità durante le fasi di negoziazione. 3. Alle offerte di vendita effettuate nel sistema non si applica l articolo 100-bis, commi 2 e 3, del Testo unico della Finanza Articolo 2.3 Obbligazioni e altri titoli di debito A. Obbligazioni e altri titoli di debito emessi da emittenti non bancari, da Stati sovrani, da enti locali e da enti sovranazionali 1. Possono essere ammessi alle negoziazioni su EuroTLX le obbligazioni e gli altri titoli di debito: 12

13 a) liberamente trasferibili; b) idonei ad essere oggetto di liquidazione mediante il servizio di liquidazione di cui all articolo 69 del Testo Unico della Finanza, o attraverso analoghi servizi esteri sottoposti a vigilanza dalle autorità competenti dello Stato di appartenenza; c) emessi a fronte di un emissione il cui ammontare residuo in circolazione non sia inferiore a 100 milioni di euro o importo equivalente in moneta estera valorizzato all atto della presentazione della domanda di ammissione. EuroTLX può ammettere alla negoziazione obbligazioni o altri titoli di debito il cui ammontare residuo sia inferiore a tale importo ove ritenga che possa comunque generarsi un mercato sufficientemente liquido; d) qualora negoziati in un mercato nel quale lo strumento è stato ammesso alla quotazione su richiesta dell emittente, non sospesi dalle negoziazioni; e) dotati di rating, o il cui emittente o garante, o la capogruppo dell emittente, siano dotati di rating, assegnato da almeno una agenzia internazionale indipendente; nel caso di obbligazioni garantite da un definito portafoglio di asset sono presi in considerazione anche i rating di quest ultimo, purché tutti i giudizi espressi siano investment grade ; f) per i quali sia stato pubblicato un documento relativo all emissione, alla quotazione o all offerta al pubblico (quali, ad esempio, il prospetto, l offering circular o altri documenti assimilabili); g) dotati di Informativa Titolo che faciliti gli investitori nella comprensione delle principali caratteristiche finanziarie degli strumenti. 2. Al fine di verificare i requisiti di cui al comma 1 lettera a), EuroTLX controlla: - l inesistenza di clausole esplicitate nei documenti di emissione, quotazione o offerta degli strumenti finanziari che ne limitino la trasferibilità nel mercato secondario italiano; - nel caso di titoli ammessi alla quotazione su altri mercati regolamentati su richiesta dell emittente, i controlli specifici connessi alla libera trasferibilità previsti da tali mercati. 3. Al fine di verificare i requisiti di cui al comma 1 lettera b), EuroTLX controlla che lo strumento finanziario risulti accentrato presso le depositarie che caratterizzano il segmento di mercato nel quale verrà negoziato. 4. Al fine di verificare i requisiti di cui al comma 1 lettere c), d), ed e), EuroTLX effettua il controllo sulla base delle informazioni di pubblico dominio reperibili presso i maggiori info-providers o fornite dalle autorità competenti e dalle Sedi di negoziazione. 5. Al fine di redigere l Informativa Titolo di cui al comma 1 lettera g), EuroTLX si avvale delle informazioni contenute nei documenti di cui al precedente comma 1, lettera f), delle informazioni di pubblico dominio reperibili presso i maggiori info-providers o fornite dalle autorità competenti, dalle Sedi di negoziazione e dai Liquidity Provider. 6. Qualora lo strumento sia convertibile in una o più azioni, queste devono rispondere ai requisiti per l ammissione alla negoziazione stabiliti dall articolo

14 B. Obbligazioni e altri titoli di debito emessi da emittenti bancari 1. Sono ammissibili alle negoziazioni su EuroTLX le obbligazioni e gli altri titoli di debito: a) liberamente trasferibili; b) idonei ad essere oggetto di liquidazione mediante il servizio di liquidazione di cui all articolo 69 del Testo Unico della Finanza, o attraverso analoghi servizi esteri sottoposti a vigilanza dalle autorità competenti dello Stato di appartenenza; c) qualora negoziati in un mercato nel quale lo strumento è stato ammesso alla quotazione su richiesta dell emittente, non sospesi dalle negoziazioni; d) dotati di rating, o il cui emittente, garante o società capogruppo siano dotati di rating, assegnato da almeno una agenzia internazionale indipendente; tale requisito può considerarsi soddisfatto qualora l emittente, il garante o la società capogruppo abbiano una documentata aspettativa di ottenere il rating entro sei mesi dalla data di ammissione alla negoziazione su EuroTLX; nel caso di obbligazioni garantite da un definito portafoglio di asset sono presi in considerazione anche i rating di quest ultimo, purché tutti i giudizi espressi siano investment grade ; e) per i quali sia stato pubblicato un documento relativo all emissione, alla quotazione, o all offerta al pubblico (quali ad esempio, il prospetto, l offering circular, il foglio informativo o altri documenti assimilabili); f) dotati di Informativa Titolo che faciliti gli Investitori nella comprensione delle principali caratteristiche finanziarie degli strumenti. 2. Al fine di verificare i requisiti di cui al comma 1 lettera a), EuroTLX controlla: - l inesistenza di clausole esplicitate nei documenti di emissione, quotazione o offerta degli strumenti finanziari che ne limitino la trasferibilità nel mercato secondario italiano; - nel caso di titoli ammessi alla quotazione su altri mercati regolamentati su richiesta dell emittente, i controlli specifici connessi alla libera trasferibilità previsti da tali mercati. 3. Al fine di verificare i requisiti di cui al comma 1 lettera b), EuroTLX controlla che lo strumento risulti accentrato presso le depositarie che caratterizzano il segmento di mercato nel quale verrà negoziato. 4. Al fine di verificare i requisiti di cui al comma 1 lettere c), e d) EuroTLX effettua il controllo sulla base delle informazioni di pubblico dominio reperibili presso i maggiori info-providers o fornite dalle autorità competenti e dalle Sedi di negoziazione. 5. Al fine di redigere l Informativa Titolo di cui al comma 1 lettera f), EuroTLX si avvale delle informazioni contenute nei documenti di cui al precedente comma 1, lett. e), delle informazioni di pubblico dominio reperibili presso i maggiori info-providers o fornite dalle autorità competenti, dalle Sedi di negoziazione o dai Liquidity Provider. 6. Qualora lo strumento sia convertibile in una o più azioni, queste devono rispondere ai requisiti per l ammissione alla negoziazione stabiliti dall articolo Qualora lo strumento sia indicizzato ad un valore o un attività finanziaria, l emittente deve aver conferito l incarico per la quantificazione della remunerazione cedolare e/o del 14

15 premio a scadenza ad un agente per il calcolo, o operare in qualità di agente per il calcolo. Articolo 2.4 Azioni, certificati rappresentativi di azioni e altri titoli di capitale di rischio 1. Possono essere ammessi alle negoziazioni su EuroTLX le azioni, i certificati rappresentativi di azioni e gli altri titoli di capitale di rischio negoziati in almeno un Mercato di Stato appartenente all OCSE, ovvero che siano negoziati in tale mercato alla data di avvio delle negoziazioni su EuroTLX. 2. Possono essere altresì ammesse alle negoziazioni su EuroTLX le azioni di Banche non ammesse alle negoziazioni in mercati regolamentati dell UE, esclusivamente previa presentazione da parte dell Emittente di apposita domanda di ammissione con la quale attesta di essere soggetto agli obblighi informativi previsti dalla legge e dai regolamenti applicabili agli Emittenti strumenti finanziari diffusi fra il pubblico in misura rilevante come definiti dall articolo 2-bis del Regolamento Consob n /1998 e successive modifiche e integrazioni, e con la quale lo stesso Emittente si impegna a comunicare a EuroTLX le informazioni rese pubbliche ai sensi dei medesimi obblighi. 3. Sono ammissibili ai sensi del comma 2, le azioni: a) emesse nel rispetto delle leggi, dei regolamenti e di ogni altra disposizione applicabile e conformi alle leggi e ai regolamenti cui sono soggetti; b) liberamente trasferibili; c) idonee ad essere oggetto di liquidazione mediante il servizio di liquidazione di cui all articolo 69 del Testo Unico della Finanza, o attraverso analoghi servizi esteri sottoposti a vigilanza dalle autorità competenti dello Stato di appartenenza. Articolo 2.5 Diritti di opzione 1. Possono essere ammessi alle negoziazioni su EuroTLX i diritti d opzione rivenienti da operazioni di aumento di capitale effettuate sugli strumenti di cui all articolo 2.4 del Regolamento ammessi alla negoziazione su EuroTLX. Articolo 2.6 Covered warrant e certificates 1. I covered warrant ed i certificates possono essere ammessi alla negoziazione qualora l attività sottostante appartenga ad una o più delle seguenti categorie: a) Azioni, certificati rappresentativi di azioni e altri titoli di capitale di rischio, di emittenti diversi dall emittente i covered warrant o i certificates, negoziati in mercati regolamentati anche non riconosciuti, purché assoggettati ad equivalente vigilanza e dotati di elevata liquidità; b) Obbligazioni e altri titoli di debito negoziati su mercati regolamentati anche non riconosciuti, purché assoggettati ad equivalente vigilanza e dotati di elevata liquidità; 15

16 c) Tassi di interesse ufficiali o generalmente utilizzati sul mercato dei capitali caratterizzati da trasparenza nei metodi di rilevazione e diffusione; d) Valute la cui parità di cambio sia rilevata con continuità dalle autorità o dagli organismi competenti e comunque liberamente convertibili; e) Strumenti finanziari derivati negoziati su mercati regolamentati anche non riconosciuti, purché assoggettati ad equivalente vigilanza e dotati di elevata liquidità; f) Merci negoziate su mercati regolamentati anche non riconosciuti, purché assoggettati ad equivalente vigilanza e dotate di elevata liquidità; g) Indici o panieri di indici relativi a strumenti finanziari di cui alle precedenti lettere, purché notori e caratterizzati da trasparenza nei metodi di calcolo e diffusione. EuroTLX si riserva di richiedere allo Specialist la metodologia di calcolo e di gestione degli stessi. 2. EuroTLX può ammettere a negoziazione covered warrant e certificates con attività sottostanti diverse da quelle indicate al comma 1, per le quali sia disponibile al pubblico un prezzo, o altra misura del valore, affidabile e aggiornato. EuroTLX si riserva di richiedere allo Specialist la metodologia di calcolo del valore del sottostante. 3. Per l ammissione alla negoziazione di covered warrant e certificates aventi scadenza superiore a 5 anni EuroTLX può richiedere ulteriori informazioni al fine di consentire una miglior valutazione del rischio connesso alla durata dell investimento per il cliente. 4. Il multiplo dei covered warrant plain vanilla la cui attività sottostante sia un azione di emittente italiano quotata in un mercato regolamentato italiano deve essere pari a 0,1. Il multiplo dei covered warrant plain vanilla la cui attività sottostante sia un indice controllato e gestito da un mercato regolamentato italiano deve essere pari a 0, Il regolamento di emissione di covered warrant e certificates deve prevedere l esercizio automatico a scadenza per gli strumenti in the money. 6. Il regolamento di emissione di covered warrant e certificates deve prevedere l effettuazione di rettifiche in occasione di eventi di natura straordinaria o di operazioni societarie che riguardino l emittente dell attività sottostante. Le rettifiche devono tendere a minimizzare gli effetti distorsivi dell evento sul prezzo degli strumenti finanziari, nonché essere conformi a metodologie di generale accettazione. 7. I covered warrant e certificates devono essere dotati di Informativa Titolo che faciliti l investitore nella comprensione delle principali caratteristiche finanziarie degli strumenti. Per i covered warrant ed i certificates emessi nell ambito di un programma può essere redatta una Informativa Titolo riepilogativa delle caratteristiche dell emissione oggetto del programma. Articolo 2.7 Quote o azioni di OICR 1. Il regolamento o lo statuto di un OICR deve prevedere la possibilità che le quote o azioni siano ammesse alla negoziazione in un mercato regolamentato. 16

17 2. Le attività sottostanti gli ETF devono soddisfare i requisiti previsti all articolo 2.6 commi 1, 2, 3 e 6. Articolo 2.8 Asset Backed Securities 1. Le asset backed securities devono essere: a) emesse a fronte di un prestito il cui ammontare residuo in circolazione non sia inferiore a 50 milioni di euro o importo equivalente in moneta estera valorizzato all atto della presentazione della domanda di ammissione. EuroTLX può ammettere alla quotazione asset backed securities il cui ammontare residuo sia inferiore a tale importo ove ritenga che possa comunque generarsi un mercato sufficientemente liquido; b) oggetto di periodiche valutazioni da parte di almeno una agenzia di rating indipendente di livello internazionale. 2. Sono ammissibili solo asset backed securities che abbiano un rating almeno pari all investment grade. Articolo 2.9 Combinazioni degli strumenti di cui ai punti precedenti 1. Per l ammissione alla negoziazione degli strumenti finanziari di cui all articolo 2.1 comma 1, lettera g), EuroTLX può richiedere requisiti specifici al fine di determinare la prevalente natura degli strumenti. 2. Ai fini della determinazione dei requisiti specifici per l ammissione di strumenti finanziari di cui al presente articolo, EuroTLX considererà i seguenti criteri: a) la natura giuridica dell emissione; b) il rating dell emissione, se presente; c) il profilo dell emittente in relazione ad altre emissioni della stessa tipologia o con elevato grado di innovazione; d) il grado di solvibilità dell emittente; e) l effettiva possibilità per il Liquidity Provider di supportare la liquidità in modo continuativo agli strumenti. 3. All ammissione alla negoziazione di strumenti finanziari di cui all articolo 2.1 comma 1, lettera g), si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni previste per gli strumenti finanziari aventi natura giuridica assimilabile. 17

18 Capo 3 Procedura di ammissione Articolo 2.10 Avvio della procedura 1. La procedura di ammissione alla negoziazione dello strumento finanziario su EuroTLX inizia con la presentazione della domanda di ammissione resa disponibile sul sito internet di EuroTLX da parte del soggetto richiedente. La domanda di ammissione alla negoziazione dello strumento finanziario deve pervenire a EuroTLX mediante invio di e- mail all indirizzo 2. La data di presentazione è stabilita nel Giorno di mercato aperto nel quale la domanda è pervenuta a EuroTLX. 3. EuroTLX rilascia al richiedente un attestazione di avvenuta ricezione della domanda via La domanda di ammissione è unica per tutti gli strumenti finanziari oggetto della medesima emissione. 5. La domanda di ammissione dello strumento finanziario si intende completa quando è pervenuta a EuroTLX corredata da tutte le informazioni richieste. 6. I termini di cui all articolo 2.13 decorrono dalla data di presentazione della domanda mediante invio di all indirizzo o dal successivo completamento della stessa. 7. EuroTLX verifica la completezza e la correttezza formale della domanda e, in presenza di irregolarità ed incompletezze nella documentazione, ne dà tempestiva comunicazione al soggetto richiedente via . La domanda di ammissione si intende decaduta qualora, entro il termine di 60 giorni dalla predetta comunicazione, la domanda non venga modificata o integrata con la documentazione richiesta, o qualora il soggetto richiedente presenti una nuova domanda per il medesimo strumento finanziario. Articolo 2.11 Verifica dei requisiti 1. Successivamente al positivo esito della verifica di completezza e correttezza formale della domanda, EuroTLX provvede a verificare la sussistenza dei requisiti di cui ai Capi 1 e 2 del presente Titolo. Qualora ravvisi la carenza o la violazione di un requisito, oppure la carenza di informazioni necessarie per la corretta e completa verifica, EuroTLX ne dà tempestiva comunicazione al soggetto richiedente ed eventualmente concorda con esso l invio delle necessarie precisazioni o integrazioni. Articolo 2.12 Esito della procedura 1. Nel caso di positiva verifica dei requisiti, EuroTLX delibera l ammissione alla negoziazione dello strumento finanziario su EuroTLX e la comunica al soggetto 18

19 richiedente ed ai Liquidity Provider che hanno presentato domanda di estensione dell operatività. 2. EuroTLX comunica, inoltre, l ammissione dello strumento finanziario tramite Avviso, prima dell inizio delle relative negoziazioni. L Avviso include almeno le seguenti informazioni: Dati anagrafici; Liqudity Provider; Lotto minimo; Metodo di calcolo del rateo (se applicabile); Mercato di riferimento (ove presente); Ciclo di regolamento; Depositaria; Impegni del Liquidity Provider. 3. EuroTLX può respingere la domanda di ammissione alla negoziazione e comunicarla al soggetto richiedente e ai Liquidity Provider che hanno presentato domanda di estensione dell operatività qualora: a) non siano rispettati i requisiti e le condizioni previsti dai Capi 1 e 2 del presente Titolo; b) le caratteristiche dello strumento finanziario siano tali da far ritenere che non possa aver luogo la formazione di un processo di negoziazione equo ed ordinato; c) al soggetto che deve supportare la liquidità dello strumento siano imposte limitazioni alla negoziazione di nuovi strumenti finanziari, ai sensi dell articolo 9.1. Articolo 2.13 Termini dell ammissione 1. L accettazione o il rigetto della domanda di ammissione alla negoziazione viene deliberato entro 7 Giorni di mercato aperto decorrenti dalla data di presentazione della domanda. Nel caso circostanze straordinarie non consentano il rispetto di tale termine, EuroTLX ne darà preventiva comunicazione al soggetto richiedente ed ai Liquidity Provider che hanno presentato domanda di estensione dell operatività, fissando contestualmente un nuovo termine. 2. I termini per l ammissione alla negoziazione si intendono: a) interrotti fino a quando non venga consegnata la documentazione completa e corretta, qualora vengano riscontrate irregolarità o incompletezze nella documentazione presentata. Resta fermo quanto previsto nell articolo 2.12, comma 7; b) sospesi, su richiesta del soggetto richiedente l ammissione, per un massimo di 60 giorni; c) aumentati del 50%, qualora venga presentata domanda di ammissione alla negoziazione di strumenti finanziari appartenenti ad una delle tipologie indicate all articolo 2.1 del presente Regolamento per le quali non sono ancora stati ammessi alla negoziazione su EuroTLX strumenti finanziari della stessa tipologia. 19

20 Articolo 2.14 Priorità nello svolgimento della procedura di ammissione 1. EuroTLX esamina le domande presentate nel rispetto della priorità temporale. 20

21 Titolo 3. Operatori Capo 1 Disposizioni generali Articolo 3.1 Operatori ammessi alle negoziazioni 1. Gli Operatori sono i soggetti ammessi da EuroTLX alle negoziazioni nel Mercato EuroTLX come successivamente stabilito. 2. Possono partecipare alle negoziazioni nel Mercato EuroTLX i soggetti autorizzati ai sensi di legge o di regolamento all esercizio dei servizi di negoziazione per conto proprio e/o di esecuzione di ordini per conto dei clienti. 3. Gli Operatori possono operare come Intermediari e/o Liquidity Provider, conformemente a quanto previsto all articolo I Liquidity Provider possono operare come Market Maker e/o Specialist. Linee guida 3.1 Operatori ammessi alle negoziazioni Possono partecipare alle negoziazioni nel Mercato EuroTLX: a) i soggetti autorizzati all esercizio dei servizi di negoziazione per conto proprio e/o di esecuzione di ordini per conto dei clienti ai sensi del Testo Unico della Finanza, del Testo Unico Bancario o di atre disposizioni di leggi speciali italiane; b) le banche e imprese di investimento autorizzate all esercizio dei servizi di negoziazione per conto proprio e/o di esecuzione di ordini per conto dei clienti ai sensi delle disposizioni di legge di Stati Comunitari o di Stati Extracomunitari. Articolo 3.2 Procedura di ammissione alle negoziazioni 1. Ai fini dell ammissione alle negoziazioni nel Mercato EuroTLX, l operatore inoltra a EuroTLX apposita richiesta scritta conforme a quanto previsto nella Richiesta di Servizi, specificando il ruolo che intende assumere (intermediario e/o Market Maker e/o Specialist). 2. Dalla data in cui EuroTLX comunica all operatore l avvenuta ricezione della richiesta di cui al comma 1, con l invito eventuale a completare la Documentazione di partecipazione, l operatore è tenuto al rispetto delle Condizioni Generali di fornitura dei 21

22 servizi di cui all articolo 3.10, comma 2, nonché del presente Regolamento e delle relative linee guida nella misura in cui siano nelle more applicabili. 3. La Documentazione di partecipazione si intende completa e corretta quando è pervenuta a EuroTLX corredata da tutte le informazioni richieste e debitamente compilata e sottoscritta dal soggetto munito dei necessari poteri. EuroTLX informa l operatore dell esito positivo della verifica della completezza e correttezza formale della documentazione e i partecipanti al Mercato EuroTLX della richiesta pervenuta. 4. L accettazione o il rigetto della domanda di ammissione in qualità di Intermediario è deliberato entro 60 Giorni di mercato aperto decorrenti dalla data di presentazione della domanda e comunque non prima di 10 giorni calcolati a partire dalla comunicazione di cui al comma L accettazione o il rigetto della domanda di ammissione in qualità di Specialist e/o Market Maker è deliberato entro 90 Giorni di mercato aperto decorrenti dalla data di presentazione della domanda e comunque non prima di 10 giorni calcolati a partire dalla comunicazione di cui al comma Qualora siano riscontrate irregolarità o incompletezze nella documentazione presentata, i termini per l ammissione di cui ai commi 4 e 5 si intendono interrotti fino a quando non venga consegnata la documentazione completa e corretta. La domanda di ammissione si intende decaduta qualora, entro il termine di 60 giorni, la domanda non venga modificata o integrata con la documentazione richiesta. 7. Nel caso di esito positivo della procedura, EuroTLX ne informa l operatore e lo iscrive in apposito elenco. 8. EuroTLX esamina le domande presentate nel rispetto della priorità temporale. Linee guida La richiesta di cui al comma 1 deve essere redatta mediante sottoscrizione e invio a EuroTLX della Richiesta di Servizi e messa a disposizione attraverso il sito Internet di EuroTLX, unitamente a copia dell autorizzazione rilasciata dall Autorità di controllo ove richiesta da EuroTLX. 2. Successivamente alla comunicazione di cui al comma 2, l operatore è tenuto a completare e trasmettere via mail all indirizzo copia firmata e scannerizzata della Documentazione di partecipazione utilizzando i moduli disponibili attraverso il sito Internet di EuroTLX con i seguenti dati: a) informazioni relative ai requisiti di partecipazione di cui all articolo 3.3; b) informazioni relative ai sistemi di accesso al mercato, ivi inclusa l indicazione di eventuali soggetti terzi di cui si avvale. 22

23 Nell ambito della procedura di ammissione EuroTLX può richiedere all operatore ogni ulteriore elemento necessario al fine dell esame della richiesta. 3. Gli Operatori già ammessi alle negoziazioni su un mercato regolamentato o a un sistema multilaterale di negoziazione gestito da società del gruppo London Stock Exchange che intendano richiedere l adesione al Mercato EuroTLX inoltrano a EuroTLX la Richiesta di Servizi. EuroTLX, fermo restando quanto previsto dalle linee guida 3.1, si riserva di ritenere soddisfatti i requisiti di partecipazione di cui alle linee guida 3.3 (1) e di non richiedere le informazioni già fornite dall Operatore in ragione della partecipazione a mercati regolamentati o altri sistemi multilaterali di negoziazione gestiti da società del London Stock Exchange Group. Si applica la procedura di cui all articolo 3.2, commi da 1 a 8 del Regolamento in quanto compatibile. 9. Gli Operatori assicurano la permanenza dell autorizzazione e dei requisiti di cui all articolo 3.1 nonché delle condizioni di cui all articolo 3.3, comma Alla revoca o alla decadenza dell autorizzazione all esercizio dell attività di negoziazione, ovvero all adozione di provvedimenti ingiuntivi di cui agli articoli 51 e 52 del Testo Unico della Finanza da parte dell autorità competente conseguono la sospensione o l esclusione dalle negoziazioni, fatte salve le disposizioni eventualmente adottate dalle Autorità di vigilanza al fine di garantire la chiusura delle operazioni ancora aperte e l effettuazione delle eventuali operazioni connesse necessarie a tutelare l interesse della clientela. EuroTLX può sospendere o escludere l Operatore dalle negoziazioni nei casi di: a) sospensione degli organi amministrativi dell Intermediario di cui agli articoli 53 del Testo Unico della Finanza e 76 del Testo Unico Bancario; b) sospensione o cancellazione dell agente di cambio, ai sensi dell articolo 201 del Testo Unico della Finanza; c) amministrazione straordinaria; d) liquidazione coatta amministrativa; e) altre procedure concorsuali; f) altri provvedimenti delle Autorità competenti che comportino l impossibilità, anche temporanea, di assumere obbligazioni e regolare le obbligazioni assunte. 11. Il venir meno dell adesione diretta o indiretta al servizio di liquidazione e ai sistemi di compensazione e garanzia delle operazioni su strumenti finanziari deve essere immediatamente comunicato per iscritto a EuroTLX dagli Operatori e determina la tempestiva sospensione dalle negoziazioni nel mercato/ segmento fino al momento in cui gli Operatori stessi non siano nuovamente in grado di regolare, direttamente o indirettamente, i contratti conclusi. Decorso il termine di sei mesi senza che sia venuta meno la condizione che ha determinato la sospensione dalle negoziazioni nel mercato, EuroTLX si riserva di escludere l Operatore. Articolo 3.3 Condizioni generali di ammissione e permanenza 1. L ammissione degli Operatori alle negoziazioni è subordinata alla verifica effettuata da 23

24 EuroTLX sulla base di criteri oggettivi non discriminanti delle seguenti condizioni che dovranno sussistere in via continuativa: a. adeguatezza dei sistemi tecnologici utilizzati per lo svolgimento delle negoziazioni e delle attività connesse rispetto alla natura delle attività svolte e al numero e alla tipologia di collegamenti con i mercati, nonché la loro compatibilità con le strutture informatiche e telematiche di supporto predisposte da EuroTLX per il funzionamento del mercato; b. sufficiente numero di addetti con adeguata qualificazione professionale in relazione alla tipologia di attività svolte, nonché al numero e alla tipologia di collegamenti con il mercato; c. adeguate procedure interne e di controllo dell attività di negoziazione, tra l altro per assicurare il rispetto delle regole di condotta di cui all articolo 3.12, comma 5 e 3.15; d. adeguate procedure di compensazione e garanzia, nonché di liquidazione, tra l altro per assicurare il rispetto delle regole di condotta di cui all articolo 3.14 ove applicabile. 2. L Operatore può affidare a soggetti terzi la gestione dei sistemi tecnologici allla condizioni previste nelle linee guida 3.3 (2). [L entrata in vigore delle condizioni di affidamento a terzi per la gestione dei sistemi tecnologici dell Operatore, di cui al comma 2 dell articolo 3.3 e relative linee guida sarà comunicata con successivo Avviso.] 3. L ammissione degli Operatori è inoltre subordinata, in base ai segmenti nei quali intendono operare, alla verifica: a) dell adesione diretta o indiretta ai servizi di liquidazione previsti nelle linee guida 7.1, nonché dell adesione diretta o indiretta ai sistemi ad essi accessori (sistemi di riscontro e rettifica); b) dell adesione al sistema di compensazione e garanzia previsto nelle linee guida 7.3. Linee guida 3.3 (1) Requisiti di partecipazione 1. L Operatore, ai fini dei requisiti di cui all articolo 3.3 deve attestare che: a. gli addetti alle negoziazioni conoscano le regole, le modalità di funzionamento del mercato e gli strumenti tecnici funzionali all attività di negoziazione e siano in possesso di un adeguata qualificazione professionale; b. gli addetti all attività di Liquidity Provider per gli Strumenti Finanziari 24

REGOLAMENTO DEL MERCATO TLX

REGOLAMENTO DEL MERCATO TLX REGOLAMENTO DEL MERCATO TLX Deliberato dall'assemblea di TLX S.p.A. del 16 settembre 2008 approvato dalla Consob con delibera n. 16685 del 12 novembre 2008 Data di entrata in vigore: 16 febbraio 2009 INDICE

Dettagli

Istruzioni al Regolamento

Istruzioni al Regolamento 15 O T T O B R E 2 0 1 2 Istruzioni al Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A I N D I C E TITOLO IA.1 - DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA QUOTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE...

Dettagli

Istruzioni al Regolamento

Istruzioni al Regolamento 22 NOVEMBRE 2010 Istruzioni al Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A I N D I C E TITOLO IA.1 - DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA QUOTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE...7 MODELLI

Dettagli

COMUNICAZIONE TECNICA N. 1

COMUNICAZIONE TECNICA N. 1 COMUNICAZIONE TECNICA N. 1 Data: 21/07/2014 Ora: 00.01 Oggetto: Comunicazioni in materia di compensazione, garanzia e liquidazione La presente Comunicazione Tecnica contiene indicazioni in merito: 1) alla

Dettagli

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016 Delibera n. 19461 1 Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016 LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA VISTA

Dettagli

Istruzioni al Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A

Istruzioni al Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A Istruzioni al Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A 1 l u g l i o 2 0 1 3 3 g i u g n o 2 0 1 3 I N D I C E I TITOLO IA.1 - DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA QUOTAZIONE E DOCUMENTAZIONE

Dettagli

INTERNATIONAL SECURITIES IDENTIFICATION NUMBER(ISIN) CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI CODIFICA

INTERNATIONAL SECURITIES IDENTIFICATION NUMBER(ISIN) CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI CODIFICA SERVIZIO RILEVAZIONI STATISTICHE (839) Direzione Classificazione IX 5 1 INTERNATIONAL SECURITIES IDENTIFICATION NUMBER(ISIN) CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI CODIFICA 2 Pag. 1/8 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Fondo di Garanzia dei portatori di titoli obbligazionari emessi da banche appartenenti al Credito Cooperativo. Regolamento

Fondo di Garanzia dei portatori di titoli obbligazionari emessi da banche appartenenti al Credito Cooperativo. Regolamento Regolamento Approvato il 27 gennaio 2011 1 2 Fondo di Garanzia dei portatori di titoli obbligazionari emessi da banche appartenenti al Credito Cooperativo Regolamento Articolo 1: Ambito della garanzia

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA DETERMINAZIONE DELLA MISURA DELLA CONTRIBUZIONE DOVUTA, AI SENSI DELL ART. 40 DELLA LEGGE N. 724/1994, PER L ESERCIZIO 2015 LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA VISTA la legge 7 giugno 1974,

Dettagli

Istruzioni al Regolamento dei Mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana S.p.A.

Istruzioni al Regolamento dei Mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana S.p.A. Istruzioni al Regolamento dei Mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana S.p.A. 3 m a r z o 2 0 1 4 I N D I C E TITOLO IA.1 - DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA QUOTAZIONE E DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE...

Dettagli

POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012

POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012 POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012 INDICE PREMESSA...3 1.1. Fattori di Rischio...3 2.2. Funzionamento e formazione prezzi...4

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 16 luglio 2010 e approvato dalla Consob con delibera n. 17467 del 7 settembre 2010

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Versione Aggiornata

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Versione Aggiornata INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A Versione Aggiornata Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca

Dettagli

Come da successivo comma 2, punto 2/2. Art. 1, lett. h)

Come da successivo comma 2, punto 2/2. Art. 1, lett. h) Art. 1, lett. b) Art. 1, lett. c) Art. 1, lett. d) Art. 1, lett. e) Imprese di investimento comunitarie con succursale in Italia ed imprese di investimento extracomunitarie, con o senza succursale, autorizzate

Dettagli

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Policy è a disposizione

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento

in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato.

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. Decreto 13 maggio 1999, n. 219 Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. IL MINISTRO DEL TESORO DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Visto il decreto legislativo 24 febbraio 1998,

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014 INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A Versione Aggiornata 28/11/2014 Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO DEL MERCATO BONDVISION MTF

ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO DEL MERCATO BONDVISION MTF ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO DEL MERCATO BONDVISION MTF ISTRUZIONI DI ATTUAZIONE DEL TITOLO I DEL REGOLAMENTO (DISPOSIZIONI GENERALI) Art.1. Definizioni (Art. 2 Reg.) 1. Le definizioni di cui

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA (08 giugno 2010) La Markets in Financial Instruments

Dettagli

1 P a g e. Versione 1.0 del 2 aprile 2010

1 P a g e. Versione 1.0 del 2 aprile 2010 Linee Guida per l applicazione agli strumenti finanziari negoziati su EuroTLX delle misure Consob di Livello 3 in tema di prodotti finanziari illiquidi Versione 1.0 del 2 aprile 2010 1 P a g e Premessa

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI ALL ARTICOLO 41,

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE DEI CERTIFICATES DENOMINATI

SCHEDA DI ADESIONE OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE DEI CERTIFICATES DENOMINATI COPIA N. 1 - PER IL COLLOCATORE SCHEDA DI ADESIONE OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE DEI CERTIFICATES DENOMINATI "Certificati Express legati all indice EURO STOXX Banks " con scadenza febbraio 2019 emissione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 28 giugno 2011 e approvato dalla Consob con delibera n. 17904 del 25 agosto 2011 In

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Agg. gennaio 2014. INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPI GUIDA... 4 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 4 3.1. SERVIZIO DI RICEZIONE

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1. INTRODUZIONE Come previsto dalla disciplina in materia di best execution della direttiva MiFID 2004/39/CE e della direttiva 2010/43/UE (recante modalità

Dettagli

PRICE LIST PER IL SERVIZIO DI NEGOZIAZIONE IN VIGORE DALLA DATA DI ENTRATA IN PRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA MILLENNIUM IT

PRICE LIST PER IL SERVIZIO DI NEGOZIAZIONE IN VIGORE DALLA DATA DI ENTRATA IN PRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA MILLENNIUM IT PRICE LIST PER IL SERVIZIO DI NEGOZIAZIONE IN VIGORE DALLA DATA DI ENTRATA IN PRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA MILLENNIUM IT SEZIONE N.1: TARIFFARIO INTERMEDIARI 1. Membership Fee 1 Canone Annuale 2 15.000

Dettagli

Policy per la negoziazione e per il rimborso delle Azioni di propria emissione

Policy per la negoziazione e per il rimborso delle Azioni di propria emissione Azioni di propria emissione Marzo 2016 SOMMARIO Premessa... 5 Regole interne per la negoziazione di Azioni BPC... 5 Strategia di esecuzione... 5 Soggetti ammessi alla negoziazione... 6 Modalità di conferimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO Collocatore Pagina 1 di 12 A) SCHEDA IDENTIFICATIVA funzionamento. Denominazione, tipologia e durata del

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MERCATO INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA S.C.P.A.

REGOLAMENTO DEL MERCATO INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA S.C.P.A. REGOLAMENTO DEL MERCATO INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA S.C.P.A. TITOLO I- DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 - Oggetto del Mercato Interno. Art. 2 Modifiche al

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI Edizione Luglio 2013 Il presente documento rappresenta la sintesi delle attività svolte

Dettagli

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2013

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2013 Delibera Consob 21 dicembre 2012 n. 18427 Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2013 LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca Santo Stefano Credito Cooperativo Martellago-Venezia Società Cooperativa aggiornato con delibera C.d.A. del 13/02/2013

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI NEGOZIAZIONE INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI BARI S.C.P.A. E UTILIZZO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI NEGOZIAZIONE INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI BARI S.C.P.A. E UTILIZZO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI NEGOZIAZIONE INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI BARI S.C.P.A. E UTILIZZO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE TITOLO I- DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Si informa che sono state approvate le modifiche al Regolamento del Mercato EuroTLX.

Si informa che sono state approvate le modifiche al Regolamento del Mercato EuroTLX. MODIFICA AL REGOLAMENTO DI EUROTLX Si informa che sono state approvate le modifiche al Regolamento del Mercato EuroTLX. Il nuovo regolamento entrerà in vigore lunedì 14 luglio 2014, compatibilmente con

Dettagli

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352 ALLEGATO 2 - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede Sociale: Via Garibaldi 25, Leno Brescia Iscritta all Albo delle Banche al n. 8340.2 Iscritta

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori

Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori 1. Premessa L Istituto per il Credito Sportivo (di seguito anche Istituto o ICS ) intende istituire e disciplinare un Elenco di operatori

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria DMAIL GROUP S.p.A. Sede legale e amministrativa: Via San Vittore n. 40 20123 MILANO (MI) - Capitale Sociale: 15.300.000,00 euro C.F. P.IVA e Registro delle Imprese: 12925460151 Sito internet: www.dmailgroup.it

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa L articolo 1, commi da 491 a 500, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, ha introdotto un imposta sulle transazioni finanziarie che si applica ai trasferimenti di proprietà di azioni

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 01/20 /2014 ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria)

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) TESTO UNICO BANCARIO TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) 1. È agente in attività finanziaria il soggetto che

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di Emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates BORSA PROTETTA e BORSA PROTETTA con CAP e BORSA PROTETTA

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 Aggiornata nel CdA del 23/09/2015 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA...

Dettagli

x) l Organismo dei Promotori fi nanziari di cui all art. 31, comma 4, del decreto legislativo n. 58/1998. Art. 2. Disposizioni fi nali

x) l Organismo dei Promotori fi nanziari di cui all art. 31, comma 4, del decreto legislativo n. 58/1998. Art. 2. Disposizioni fi nali ma 1, del decreto legislativo n. 58/1998, hanno ottenuto l approvazione del prospetto - unico o tripartito - ovvero del prospetto di base, ma non hanno concluso nel periodo compreso tra il 2 gennaio 2014

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

Art. 1. Misura del contributo

Art. 1. Misura del contributo CONSOB - Delibera 23 dicembre 2014, n. 19087 Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell'art. 40 della legge n. 724/1994, per l'esercizio 2015 (Provvedimento pubblicato nella

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo.

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento luglio 2015

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento luglio 2015 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento luglio 2015 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure,

Dettagli

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca Banca di Credito Cooperativo Dell Alta Brianza Alzate Brianza Società Cooperativa Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca (Adottata ai

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 **********

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 ********** Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Sesta Emissione - Scheda informativa

Sesta Emissione - Scheda informativa BTP Italia Sesta Emissione - Scheda informativa Emittente Rating Emittente Annuncio dell emissione Tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito Modalità di collocamento sul MOT Quotazione Taglio minimo

Dettagli

Articolo 2. Riscossione coattiva e interessi di mora

Articolo 2. Riscossione coattiva e interessi di mora b) la descrizione della causale del versamento, nella sezione del modulo di bonifico che prevede l indicazione di informazioni per il destinatario. 6. La descrizione delle causali di versamento da utilizzare

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. "IBL BANCA S.p.A. 27/11/2014 27/11/2019 T.F. Subordinate Tier II"" Istituto Bancario del Lavoro S.p.A.

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. IBL BANCA S.p.A. 27/11/2014 27/11/2019 T.F. Subordinate Tier II Istituto Bancario del Lavoro S.p.A. REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO "IBL BANCA S.p.A. 27/11/2014 27/11/2019 T.F. Subordinate Tier II"" Istituto Bancario del Lavoro S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Via di Campo Marzio, 46-00186

Dettagli

Il Ministero dell Economia e delle Finanze

Il Ministero dell Economia e delle Finanze Il Ministero dell Economia e delle Finanze Modalità di svolgimento delle operazioni per la movimentazione della liquidità depositata sul conto disponibilità del Tesoro per il servizio di tesoreria e sui

Dettagli

I N D I C E - DISPOSIZIONI GENERALI. - Oggetto del regolamento - Competenze e principi organizzativi PARTE II - AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI

I N D I C E - DISPOSIZIONI GENERALI. - Oggetto del regolamento - Competenze e principi organizzativi PARTE II - AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.P.A, deliberato dall Assemblea di Borsa italiana del 6 giugno 2008 e approvato dalla Consob con delibera n. 16615 del 9 settembre 2008.

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Banca di Legnano 23 Agosto 2013/2017 Tasso Misto,

Banca di Legnano 23 Agosto 2013/2017 Tasso Misto, CONDIZIONI DEFINITIVE al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA BANCA DI LEGNANO S.P.A. OBBLIGAZIONI PLAIN VANILLA Banca di Legnano 23 Agosto 2013/2017 Tasso Misto, ISIN IT000494075 2 Obbligazioni a Tasso Misto

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CODICE ISIN IT0004471485 DENOMINATO Banca Popolare Pugliese s.c.p.a. 2009/2013 Tasso Fisso 2,50 Serie 257

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CODICE ISIN IT0004471485 DENOMINATO Banca Popolare Pugliese s.c.p.a. 2009/2013 Tasso Fisso 2,50 Serie 257 Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale per Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

Banca di Legnano 17 Maggio 2013/2016 Tasso Misto,

Banca di Legnano 17 Maggio 2013/2016 Tasso Misto, CONDIZIONI DEFINITIVE al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA BANCA DI LEGNANO S.P.A. OBBLIGAZIONI PLAIN VANILLA Banca di Legnano 17 Maggio 2013/2016 Tasso Misto, ISIN IT000490924 5 Obbligazioni a Tasso Misto

Dettagli

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets SeDeX, MOT ed EuroMOT Mauro Giangrande Borsa Italiana Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 2 Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 3 Mercato SeDeX SeDeX: il mercato telematico dei securitised derivatives SeDeX è il mercato

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

CODICE DI INTERNAL DEALING

CODICE DI INTERNAL DEALING FINMECCANICA - Società per azioni Sede in Roma, Piazza Monte Grappa n. 4 finmeccanica@pec.finmeccanica.com Capitale sociale euro 2.543.861.738,00 i.v. Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale n.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Edizione novembre 2011 Aggiornamento marzo 2012 Aggiornamento luglio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë=

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Aletti & C. Banca di Investimento Mobiliare S.p.A., in forma breve Banca Aletti & C. S.p.A. - Sede legale in via Roncaglia, 12 Milano Capitale Sociale interamente versato pari ad Euro 121.163.538,96 Registro

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DESIO LAZIO 23/02/2009-23/02/2012 TASSO FISSO 2,70% Codice ISIN IT0004457351 Le presenti Condizioni Definitive

Dettagli

Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure, le misure e i meccanismi

Dettagli

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. PREMESSA...3 2. PRINCIPI GUIDA...3 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI...4

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.P.A. 2009-2011 TASSO VARIABILE INDICIZZATO AL RENDIMENTO DEL BOT IN ASTA ISIN IT0004506207

BANCO DI SARDEGNA S.P.A. 2009-2011 TASSO VARIABILE INDICIZZATO AL RENDIMENTO DEL BOT IN ASTA ISIN IT0004506207 BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale al 31 dicembre 2007 euro 155.247.762,00 i.v. Cod.

Dettagli

Allegati al regolamento concernente gli emittenti - Allegato 3F pag. 1 ALLEGATO 3F ( )

Allegati al regolamento concernente gli emittenti - Allegato 3F pag. 1 ALLEGATO 3F ( ) Allegati al regolamento concernente gli emittenti - Allegato 3F pag. 1 ALLEGATO 3F ( ) Istruzioni per la comunicazione al pubblico delle informazioni relative alle operazioni di compravendita delle azioni

Dettagli