Black-Scholes: le Greche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Black-Scholes: le Greche"

Transcript

1 Black-Scholes: le Greche R. Marfé Indice 1 Delta 2 2 Gamma 4 3 Theta 6 4 Vega 7 5 Rho 8 6 Applicazione in VBA 9 1

2 1 Delta Il delta di un opzione (o di un portafoglio di opzioni) indica la sensibilità del valore dell opzione (o del portafoglio) a piccole variazioni del prezzo del sottostante. Rappresenta, in altre parole, il tasso di variazione del valore del portafoglio rispetto al prezzo del sottostante: = V S. Qui V può indicare sia il valore di una singola opzione sia quello di un intero portafoglio di opzioni. Il delta di un portafoglio è semplicemente la somma dei delta di tutte le singole opzioni. Il concetto teorico di copertura delta ha pesanti implicazioni pratiche. Semplicisticamente si può dire che gli operatori finanziari si dividono in due macrocategorie: gli speculatori e coloro che comprano e/o vendono per ottenere le opportune coperture (hedgers). I primi prendono posizioni sulla base delle aspettative di mercato che essi hanno (ad esempio, compreranno un titolo se credono che il suo prezzo sia destinato a salire) e sono soggetti al rischio che il mercato si muova nella direzione contraria. Poi ci sono gli hedgers. E ce ne sono di due tipi: coloro che già detengono una particolare posizione e desiderano eliminare rischi specifici (di solito ricorrendo ad opzioni) e coloro che invece vendono (o comprano) opzioni eliminando poi tutti i rischi connessi, con tali posizioni. Sono questi ultimi operatori che, convinti della bontà del prezzo che riescono a spuntare, fanno la cosiddetta copertura delta. Essi possono garantirsi un profitto vendendo un contratto ad un alto prezzo qualora riescano ad eliminare tutto il rischio connesso a fluttuazioni aleatore del prezzo del sottostante. L attività di copertura delta implica l acquisto di un opzione e la vendita contestuale di una quantità di sottostante. Come sarà evidente da alcune formule, la quantità è funzione di S e di t, e pertanto varia al loro variare. Per essere in grado di mantenere una posizione neutrale, ovvero una posizione in cui quanto si perde/guadagna sul sottostante viene esattamente guadagnato/perso sul valore dell opzione, è pertanto necessario continuare a modificare la quantità di sottostante. A causa della natura continua di questa attività, essa viene anche chiamata copertura dinamica. Essa richiede appunto la frequente compravendita di opportune quantità di sottostante, attività chiamata ricopertura o ribilanciamento di portafoglio. 2

3 Nei mercati particolarmente liquidi, in cui comprare e vendere è poco oneroso, queste ricoperture possono essere fatte di frequente. Pertanto l ipotesi di Black e Scholes di copertura continua risulta tutto sommato realistica. In mercati meno liquidi, il differenziale (spread) denaro-lettera è piuttosto ampio e ricoperture frequenti non sono particolarmente convenienti. Inoltre, può essere impossibile comprare o vendere le quantità desiderate. E persino in assenza di costi non, si può più essere sicuri che il proprio modello sia adeguato: vi sarà certamente del rischio dipendente dal modello che si sta utilizzando. Simili considerazioni mostrano che la copertura delta non è mai perfetta e che, in pratica, il sottostante non può essere perfettamente coperto. Di seguito si riportano le formule per il delta delle opzioni europee (ipotizzando un dividendo continuo): Call: e D(T t) N(d 1 ), Put: e D(T t) (N(d 1 ) 1). 3

4 2 Gamma Il gamma, Γ, di un opzione (o di un portafoglio di opzioni) è la derivata seconda del valore dell opzione (o di un portafoglio di opzioni) rispetto al prezzo dei sottostante: Γ = 2 V S 2. Quindi, poiché altro non è che la sensibilità dei delta rispetto al sottostante, il gamma rappresenta una misura di quanto o di quanto frequentemente bisogna ribilanciare una posizione per mantenerla neutrale al delta. Anche se, come si è appena visto, il delta cambia per effetto del solo trascorrere del tempo, indipendentemente da movimenti del sottostante, sono però questi ultimi ad avere l impatto maggiore sulla determinazione del delta. In una posizione delta-neutrale, il gamma è una grandezza che garantisce parzialmente il verificarsi della condizione di non arbitraggio: ovvero che il tasso di rendimento del portafoglio sia pari al tasso di rendimento di un investimento senza rischio. Il resto di questa condizione è garantito poi attraverso l uso della derivata del valore dell opzione rispetto al tempo. Nella pratica le cose sono un po più complesse poiché, per quanto liquido sia il mercato, fra un ribilanciamento e l altro trascorre sempre del tempo. In ogni posizione neutrale al delta capita poi di guadagnare e di perdere. Se, ad esempio, si è lunghi sul gamma (Γ > 0), è possibile ottenere profitti se il sottostante si muove molto, mentre per sue piccole variazioni si subirà una perdita. L effetto complessivo è un rendimento prossimo al rendimento privo di rischio. Essendo il gamma una misura della sensibilità del rapporto di copertura delta rispetto a movimenti del sottostante, la frequenza d ribilanciamento può venir ridotta attuando una strategia gamma-neutrale. Ciò implica comprare o vendere più opzioni e non solo il titolo sottostante. Infatti, poiché il gamma del sottostante (la sua derivata seconda) è nullo, non è possibile modificare il gamma della posizione variando la sola quantità di sottostante. Di opzioni, invece, se ne possono detenere quante se ne vuole e di ciascuna si sceglierà la quantità tale da rendere pari a zero sia il gamma sia il delta complessivi. Il requisito minimo è avere due diversi tipi di opzione e il sottostante. In pratica, comunque, le varie posizioni che si vogliono coprire non sono ribilanciate troppo frequentemente, se è vero che i costi di transazione del 4

5 sottostante sono spesso elevati, lo sono ancora di più quelli derivati dalla negoziazione di strumenti derivati. Di seguito si riportano le formule per il gamma delle opzioni europee (ipotizzando un dividendo continuo): Call / Put: e D(T t) N (d 1 ) σs. T t 5

6 3 Theta Theta, Θ, rappresenta il tasso di variazione del valore di un opzione rispetto al tempo: Θ = V t. Il valore di theta è intrinsecamente legato al valore dell opzione, al suo delta e al suo gamma tramite l equazione di Black e Scholes. In un portafoglio deltaneutrale, theta assicura il conseguimento del rendimento privo di rischio, diversamente da gamma che, si è detto, fornisce indicazioni di media. Di seguito si riportano le formule per il theta delle opzioni europee (ipotizzando un dividendo continuo): Call: σse D(T t) N (d 1 ) 2 T t Put: σse D(T t) N ( d 1 ) 2 T t + DSN(d 1 )e D(T t) rke r(t t) N(d 2 ), DSN(d 1 )e D(T t) + rke r(t t) N( d 2 ). 6

7 4 Vega Vega è una quantità tanto importante quanto ambigua e spesso fraintesa. Misura la sensibilità del valore dell opzione rispetto alla volatilità: Vega = V σ. Si tratta di una quantità completamente diversa dalle greche precedentemente descritte, essendo la derivata rispetto a un parametro e non rispetto ad una variabile. Di questo si deve tener conto quando si cerca di calcolarne i valori con metodi numerici. In pratica, il valore della volatilità non è noto con certezza. E non solo è difficile misurarlo, ma è difficile anche prevedere quale sarà il suo valore futuro. Si supponga di inserire un livello di volatifità pari al 20% annuo in una espressione in forma chiusa che fornisce il valore d un opzione. Ebbene, qual è la sensibilità del prezzo dell opzione a questo valore? La risposta è il vega. Come si è detto descrivendo la copertura gamma, è possbile coprirsi anche dal rischio vega per ridurre la sensibilità alla volatilità. Questa è un operazione importante nell eliminazione di parte del rischio derivante dal modello adottato, in quanto riduce la dipendenza da una quantità che non è mai nota con precisione e certezza. Vi è però un inconveniente relativo alla misurazione di vega. Esso è significativo soltanto nelle posizioni che hanno il relativo gamma sempre del medesimo segno. Ad esempo, ha senso misurarlo per opzioni call o put vanilla. I ontratti che hanno il gamma che cambia segno possono avere un vega nullo, poiché con un incremento di volatilità, il valore di un opzione potrebbe aumentare in certi punti ma diminuire in altri: in simili casi il rischio di volatilità è evidente ma mal catturato dal valore del vega. Di seguito si riportano le formule per il vega delle opzioni europee (ipotizzando un dividendo continuo): Call / Put: S T te D(T t) N (d 1 ). 7

8 5 Rho Rho, ρ, rappresenta la sensibilità del valore dell opzione al tasso di interesse (o meglio alla sua intensità istantanea) usato nella formula di Black e Scholes: ρ = V r. In pratica, si ricorre spesso all intera struttura a termine dei tassi di interesse, vale a dire una funzione r(t). In questo caso rho diventa la sensibilità al livello dei tassi rispetto ad un loro movimento parallelo (uguale variazione su tutte le scadenze). Dunque anche in questo caso occorre considerare con cura le caratteristiche del contratto di cui si sta valutando il rho. Di seguito si riportano le formule relative per il rho delle opzioni europee: Call: K(T t)e r(t t) N(d 2 ), Put: K(T t)e r(t t) N( d 2 ). Infine si riportano le sensibilità relative a variazioni del tasso di dividendo delle opzioni europee (ipotizzando un dividendo continuo): Call: (T t)se r(t t) N(d 1 ), Put: (T t)se r(t t) N( d 1 ). 8

9 6 Applicazione in VBA INPUT: cp (Integer): 1 call case, -1 put case S (Double) : underlying price K (Double) : strike price T (Double) : maturity vol (Double) : volatility r (Double) : instantanuous intensity of interest rate q (Double) : instantanuous intensity of continuous dividend OUTPUT: (Double) : Delta / Gamma / Vega / Theta / Rho / Lambda Function Delta(cp As Integer, S As Double,K As Double, T As Double, _ vol As Double, r As Double, q As Double) As Double Dim vsqrt As Double Dim lamb As Double Dim d1 As Double vsqrt = vol * Sqr(T) lamb = (r - q + (vol ^ 2) / 2) / (vol ^ 2) d1 = (Log(S / K) / vsqrt) + lamb * vsqrt Delta = cp * Exp(-q * T) * WorksheetFunction.NormSDist(cp * d1) End Function Function Gamma(cp As Integer, S As Double,K As Double, T As Double, _ vol As Double, r As Double, q As Double) As Double Dim sp_d As Double Dim vsqrt As Double Dim lamb As Double Dim d1 As Double Dim num As Double 9

10 Dim den As Double sp_d = S * Exp(-q * T) vsqrt = vol * Sqr(T) lamb = (r - q + (vol ^ 2) / 2) / (vol ^ 2) d1 = (Log(S / K) / vsqrt) + lamb * vsqrt num = WorksheetFunction.NormDist(d1, 0, 1, False) den = sp_d * vol * Sqr(T) Gamma = num / den End Function Function Vega(cp As Integer, S As Double,K As Double, T As Double, _ vol As Double, r As Double, q As Double) As Double Dim sp_d As Double Dim vsqrt As Double Dim lamb As Double Dim d1 As Double sp_d = S * Exp(-q * T) vsqrt = vol * Sqr(T) lamb = (r - q + (vol ^ 2) / 2) / (vol ^ 2) d1 = (Log(S / K) / vsqrt) + lamb * vsqrt Vega = sp_d * Sqr(T) * WorksheetFunction.NormDist(d1, 0, 1, False) End Function Function Theta(cp As Integer, S As Double,K As Double, T As Double, _ vol As Double, r As Double, q As Double) As Double Dim sp_d As Double Dim va_k As Double Dim vsqrt As Double Dim vol2 As Double Dim lamb As Double 10

11 Dim d1 As Double Dim d2 As Double Dim arg1 As Double Dim arg2 As Double Dim arg3 As Double sp_d = S * Exp(-q * T) va_k = K * Exp(-r * T) vsqrt = vol * Sqr(T) vol2 = vol ^ 2 lamb = (r - q + vol2 / 2) / vol2 d1 = (Log(S / K) / vsqrt) + lamb * vsqrt d2 = d1 - vsqrt arg1 = cp * sp_d * q * WorksheetFunction.NormSDist(cp * d1) arg2 = cp * va_k * r * WorksheetFunction.NormSDist(cp * d2) arg3 = sp_d * vol * WorksheetFunction.NormDist(d1, 0, 1, False) _ / (2 * Sqr(T)) Theta = arg1 - arg2 - arg3 End Function Function Rho(cp As Integer, S As Double,K As Double, T As Double, _ vol As Double, r As Double, q As Double) As Double Dim va_k As Double Dim vsqrt As Double Dim lamb As Double Dim d1 As Double Dim d2 As Double va_k = K * Exp(-r * T) vsqrt = vol * Sqr(T) lamb = (r - q + (vol ^ 2) / 2) / (vol ^ 2) d1 = (Log(S / K) / vsqrt) + lamb * vsqrt d2 = d1 - vsqrt Rho = cp * T * va_k * WorksheetFunction.NormSDist(cp * d2) End Function 11

12 Function Lambda(cp As Integer, S As Double,K As Double, T As Double, _ vol As Double, r As Double, q As Double) As Double Dim sp_d As Double Dim vsqrt As Double Dim lamb As Double Dim d1 As Double sp_d = S * Exp(-q * T) vsqrt = vol * Sqr(T) lamb = (r - q + (vol ^ 2) / 2) / (vol ^ 2) d1 = (Log(S / K) / vsqrt) + lamb * vsqrt Lambda = cp * T * sp_d * WorksheetFunction.NormSDist(cp * d1) End Function 12

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ABSTRACT PRINCIPI SULLE OPZIONI!A cura di Mauro Liguori!Seminario del 7 giugno 2003!V. delle Botteghe Oscure, 54 -Roma DEFINIZIONE DI OPZIONE OPZIONE DIRITTO DI ACQUISTARE

Dettagli

Modello Black-Scholes

Modello Black-Scholes Modello Black-Scholes R. Marfé Indice 1 Il modello Black Scholes 1.1 Formule di valutazione per le opzioni standard......... 3 1. Implementazione in VBA..................... 6 1 1 Il modello Black Scholes

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

studi e analisi finanziarie Put ladder

studi e analisi finanziarie Put ladder Put ladder ( guadagniamo con i forti ribassi di mercato ) In questo articolo ci accingiamo ad esporre l analisi di un Put ladder, affronteremo prima la parte teorica poi, in successivo articolo, esporremo

Dettagli

Greche. Fondamenti dei Mercati di Futures e Opzioni, 5 a Edizione, Copyright John C. Hull 2004 15.1

Greche. Fondamenti dei Mercati di Futures e Opzioni, 5 a Edizione, Copyright John C. Hull 2004 15.1 Greche Problema per i trader è di gestire il rischio di posizioni su mercati over the counter e in borsa Ogni greca corrisponde a una misura di rischio Quindi i traders dovranno gestire le greche per gestire

Dettagli

Il modello binomiale ad un periodo

Il modello binomiale ad un periodo Opzioni Un opzione dà al suo possessore il diritto (ma non l obbligo) di fare qualcosa. Un opzione call (put) europea su un azione che non paga dividendi dà al possessore il diritto di comprare (vendere)

Dettagli

Volatilità implicita. P(t) = S(t)Φ(d 1 ) e r(t t) K Φ(d 2 ) con. d 1 = d 2 + σ T t. d 2 =

Volatilità implicita. P(t) = S(t)Φ(d 1 ) e r(t t) K Φ(d 2 ) con. d 1 = d 2 + σ T t. d 2 = Volatilità implicita Abbiamo visto come sia possibile calcolare la volatilità di un titolo attraverso la serie dei log-return. In teoria però la volatilità di un sottostante può essere determinata dal

Dettagli

MODELLO DI BLACK SCHOLES

MODELLO DI BLACK SCHOLES MODELLO DI BLACK SCHOLES 1 Greche della Put Dalla put-call parity: C P = S Ke P = SN(d 1 ) Ke N(d ) S + Ke P = Ke (1 N(d )) S(1 N(d 1 )) quindi la FORMULA DI BLACK SCHOLES PER LA PUT è P = Ke N( d ) SN(

Dettagli

studi e analisi finanziarie LA PUT-CALL PARITY

studi e analisi finanziarie LA PUT-CALL PARITY LA PUT-CALL PARITY Questa relazione chiarisce se sia possibile effettuare degli arbitraggi e, quindi, guadagnare senza rischi. La put call parity è una relazione che lega tra loro: il prezzo del call,

Dettagli

Introduzione alberi binomiali

Introduzione alberi binomiali Introduzione alberi binomiali introduzione L albero binomiale rappresenta i possibili sentieri seguiti dal prezzo dell azione durante la vita dell opzione Il percorso partirà dal modello a uno stadio per

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Opzioni Le opzioni offrono agli investitori la possibilità di creare

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE

Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Sommario I Goldman Sachs 4 II Introduzione 6 Che cosa sono i covered

Dettagli

FINANZA AZIENDALE AVANZATO. Le opzioni e l option theory. Lezioni 14 e 15

FINANZA AZIENDALE AVANZATO. Le opzioni e l option theory. Lezioni 14 e 15 FINANZA AZIENDALE AVANZATO Le opzioni e l option theory Lezioni 14 e 15 I derivati asimmetrici ono contratti/prodotti che fissano le condizioni a cui POTRA aver luogo la compravendita futura dell attività

Dettagli

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it Dipaimento di Ingegneria dell Impresa Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi A cura di: Ing. Fiorella Sciangula sciangula@ing.uniroma2.it 1 Opzioni: variabili Prezzo Spot, o valore

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

Finanza Aziendale. Teoria delle opzioni, metodologie di valutazione e implicazioni per la finanza aziendale. BMAS Capitolo 20

Finanza Aziendale. Teoria delle opzioni, metodologie di valutazione e implicazioni per la finanza aziendale. BMAS Capitolo 20 Finanza Aziendale Teoria delle opzioni, metodologie di valutazione e implicazioni per la finanza aziendale BMAS Capitolo 20 1 Le opzioni nei mercati reali e finanziari Si dicono opzioni i contratti finanziari

Dettagli

Guida ai Covered Warrants

Guida ai Covered Warrants Guida ai Covered Warrants Per qualunque Vostra domanda o eventuale approfondimento contattate il numero verde 800 550 350 dove, nell orario d ufficio, troverete un operatore a Vostra disposizione. EQUITY

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6

INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6 GUIDA ALLA NEGOZIAZIONE INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 3. EFFETTO LEVA 6 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6 5. I FATTORI CHE INFLUENZANO

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

1.Compro Azioni. 2.Vendo Azioni

1.Compro Azioni. 2.Vendo Azioni 1.Compro Azioni Question #1: Cos' è una Azione (un titolo azionario)? A) E' un Titolo rappresentativo della quota di una società B) E' una ricevuta per investire C) E' una assicurazione Question #2: Perchè

Dettagli

Covered Warrants ABN AMRO su Commodity.

Covered Warrants ABN AMRO su Commodity. Covered Warrants ABN AMRO su Commodity. Covered Warrants ABN AMRO su Commodity. 4 Definizione. 5 Valutazione dei Covered Warrants. 7 Parametri che influiscono sul prezzo. 8 Le Greche: coefficienti di

Dettagli

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Prefazione XV Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Capitolo 2 Il mercato delle opzioni azionarie 11 2.1 Le opzioni sui singoli titoli azionari 11 2.2 Il mercato telematico delle

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Gli strumenti finanziari derivati 2 Gli strumenti

Dettagli

Esercizi svolti di Matematica Finanziaria

Esercizi svolti di Matematica Finanziaria Esercizi svolti di Matematica Finanziaria Esercizio I. Si consideri un obbligazione al 6%, con cedole trimestrali, vita a scadenza di anno, rendimento del 3, 7%. Calcolare il prezzo di tale obbligazione,

Dettagli

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012 ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA 1 OPZIONI 2 LE OPZIONI Le opzioni sono contratti che forniscono al detentore il diritto di acquistare o vendere una certa quantità del bene sottostante a una certa

Dettagli

19-2 Argomenti trattati

19-2 Argomenti trattati Principi di finanza aziendale Capitolo 19-20 IV Edizione Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri Introduzione alle opzioni e cenni al problema della valutazione 19-2 Argomenti trattati Call,

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

Valore equo di un derivato. Contingent claim

Valore equo di un derivato. Contingent claim Contingent claim Ci occuperemo ora di determinare il prezzo equo di un prodotto derivato, come le opzioni, e di come coprire il rischio associato a questi contratti. Assumeremo come dinamica dei prezzi

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

I covered warrant. Uno strumento per investire in opzioni. Ottobre 2008. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - Divisione Relazioni Esterne

I covered warrant. Uno strumento per investire in opzioni. Ottobre 2008. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - Divisione Relazioni Esterne I covered warrant Uno strumento per investire in opzioni Ottobre 2008 Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - Divisione Relazioni Esterne INDICE Cos è un covered warrant................................

Dettagli

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13 Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13 Anno accademico 2006-07 Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente: Dott.ssa Marianna Brunetti I

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

Data Mining Algoritmi e Programmazione

Data Mining Algoritmi e Programmazione Data Mining Algoritmi e Programmazione Turning Point Professore: Tommaso Gastaldi A cura di: Nello Procaccioli 1 DEFINIZIONE ASK E BID Prima di proiettarsi sul discorso riguardo l algoritmo da utilizzare

Dettagli

Trading Non Direzionale con i Calendar Spread. La direzione

Trading Non Direzionale con i Calendar Spread. La direzione Trading Non Direzionale con i Calendar Spread Luca Giusti www.additiva.it www.lucagiusti.it La direzione Se sono sicuro che il mercato sale, compro un future Con questa operatività cerco di svincolarmi

Dettagli

OptionCube Educational

OptionCube Educational OptionCube Educational Derivatives & Consulting Srl Via Martiri della Libertà 244 30174 Mestre (VE) Sommario Sommario... 2 La descrizione di OptionCube... 3 OptionCube Educational... 3 OptionCube Educational

Dettagli

WHS opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX. Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX.

WHS opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX. Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX WHS opzioni FX Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX. Affina il tuo stile di trading e la visione dei mercati. Impara ad

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Numeri verdi. Te l : 800 920 960. F a x : 800 784 377. I n t e r n e t. w w w. a b n a m r o m a r k e t s. i t. E - m a i l

Numeri verdi. Te l : 800 920 960. F a x : 800 784 377. I n t e r n e t. w w w. a b n a m r o m a r k e t s. i t. E - m a i l Numeri verdi Te l : 8 92 96 F a x : 8 784 377 I n t e r n e t w w w. a b n a m r o m a r k e t s. i t E - m a i l i n f o @ a b n a m r o m a r k e t s. i t Televideo RAI Pagina 343 R e u t e r s A A H

Dettagli

Jacopo Ceccatelli Partner JC Associati L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio. Milano, 12 aprile 2008

Jacopo Ceccatelli Partner JC Associati L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio. Milano, 12 aprile 2008 Jacopo Ceccatelli Partner JC Associati L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio Milano, 12 aprile 2008 Operare con strumenti derivati per la copertura dei rischi di portafoglio Gli strumenti derivati

Dettagli

Ipotizzando una sottostante legge esponenziale e considerando l anno solare (365 gg), determinare:

Ipotizzando una sottostante legge esponenziale e considerando l anno solare (365 gg), determinare: MATEMATICA FINANZIARIA - 6 cfu quadrate, i punti che saranno assegnati se l esercizio è stato svolto in modo corretto. con le seguenti caratteristiche: prezzo di emissione: 99,467e, valore a scadenza 100e,

Dettagli

Metodi Stocastici per la Finanza

Metodi Stocastici per la Finanza Metodi Stocastici per la Finanza Tiziano Vargiolu vargiolu@math.unipd.it 1 1 Università degli Studi di Padova Anno Accademico 2012-2013 Indice 1 Mercati finanziari 2 Arbitraggio 3 Conseguenze del non-arbitraggio

Dettagli

1. Modalità di pagamento. 1.1 Regolamento con bonifico. 1.2 Regolamento con rimessa documentaria. 1.3 Regolamento con apertura di credito documentario

1. Modalità di pagamento. 1.1 Regolamento con bonifico. 1.2 Regolamento con rimessa documentaria. 1.3 Regolamento con apertura di credito documentario 1. Modalità di pagamento Per il regolamento degli ordini l esportatore può richiedere diverse forme di pagamento che presentano vari profili di rischio. Nell ottica del cliente tali modalità hanno diversi

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

T I P S T R A P S. La prezzatura di Opzioni Call e Put Europea con il metodo Montecarlo

T I P S T R A P S. La prezzatura di Opzioni Call e Put Europea con il metodo Montecarlo La prezzatura di Opzioni Call e Put Europea con il metodo Montecarlo In un mercato finanziario le opzioni a comprare (Call) o a vendere (Put) un titolo costituiscono il diritto, in un determinato periodo

Dettagli

SG Warrants Italia. Covered warrant

SG Warrants Italia. Covered warrant SG Warrants Italia Covered warrant Definizione di covered warrant 2 Valutazione del covered warrant 6 Coefficienti di sensibilità 8 Fattori che influenzano i prezzi delle opzioni 12 Trattamento fiscale

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

Introduzione. Per cominciare. Conoscere i propri obiettivi. Raggiungere i propri obiettivi. Idoneità al trading. Preparazione al trading.

Introduzione. Per cominciare. Conoscere i propri obiettivi. Raggiungere i propri obiettivi. Idoneità al trading. Preparazione al trading. 1/ 33 Indice Indice... 2 Introduzione... 3 Per cominciare... 3 Conoscere i propri obiettivi... 3 Raggiungere i propri obiettivi... 3 Idoneità al trading... 3 Preparazione al trading... 3 I margini... 3

Dettagli

Obiettivo Trading. Covered warrant, Turbo e Short UniCredit

Obiettivo Trading. Covered warrant, Turbo e Short UniCredit TURBO E SHORT COVERED WARRANT I.P. 03.2006 Obiettivo Trading Covered warrant, Turbo e Short UniCredit vitamina torino TRADINGLAB Numero Verde: 800.01.11.22 Fax: +39.02.700.508.389 E-mail: info@tradinglab.it

Dettagli

Nuove strategie di trading con le opzioni del mercato IDEM

Nuove strategie di trading con le opzioni del mercato IDEM Nuove strategie di trading con le opzioni del mercato IDEM Gabriele VILLA Responsabile Business Development Investitori Privati Stefania FAIELLA Derivatives Markets Products and Indices Borsa Italiana

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri IL TASSO DI CAMBIO Anno Accademico 2013-2014, I Semestre (Tratto da: Feenstra-Taylor: International Economics) Si propone, di seguito, una breve

Dettagli

OPZIONI, DURATION E INTEREST RATE SWAP (IRS)

OPZIONI, DURATION E INTEREST RATE SWAP (IRS) ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA 1 OPZIONI, DURATION E INTEREST RATE SWAP (IRS) Valutazione delle opzioni Esercizio 1 2 ESERCIZIO 1 Il portafoglio di un investitore è composto di 520 azioni della società

Dettagli

Metodologie di Factor Sensitivity e Stress Test per la misurazione e gestione del rischio di mercato

Metodologie di Factor Sensitivity e Stress Test per la misurazione e gestione del rischio di mercato Metodologie di Factor Sensitivity e Stress Test per la misurazione e gestione del rischio di mercato Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 3 FACTOR SENSITIVITY Le Factor Sensitivities

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile pag 1 Coefficiente di correlazione Coefficiente di correlazione = il

Dettagli

HEDGING. Hedging Istituzionale

HEDGING. Hedging Istituzionale HEDGING Le nuove funzionalità di Hedging di Fiuto Pro si suddividono in tre gruppi: l hedging Istituazionale, quello A Soglia e l innovativo sistema proprietario Smart Pro. Hedging Istituzionale L hedging

Dettagli

Conoscere gli strumenti derivati

Conoscere gli strumenti derivati Conoscere gli strumenti derivati Una breve guida alle principali caratteristiche e all utilizzo degli strumenti finanziari derivati di Borsa Italiana Alcuni articoli contenuti in questa pubblicazione -

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di Emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates BORSA PROTETTA e BORSA

Dettagli

Strategie e tecniche d investimento con le opzioni

Strategie e tecniche d investimento con le opzioni FINANZA OPERATIVA Strategie e tecniche d investimento con le opzioni Dario Daolio FRANCOANGELI Am - La prima collana di management in Italia Testi advanced, approfonditi e originali, sulle esperienze più

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

Centrobanca - Direzione Derivati OTC

Centrobanca - Direzione Derivati OTC 1 AGENDA La copertura del rischio di tasso con CAP o IRS La copertura del rischio di cambio con PLAFOND La copertura del rischio Materie Prime con lo SWAP 2 RISCHIO TASSO: COSA STIAMO PROPONENDO? Stiamo

Dettagli

- il grafico di payout alla scadenza e alla data odierna per acquisto/vendita di opzioni call e put;

- il grafico di payout alla scadenza e alla data odierna per acquisto/vendita di opzioni call e put; GUIDA OPTION PRICER SOMMARIO Che cos è 3 Dati e orari di disponibilità 3 Modalità di accesso al tool 4 Sezione Pricer 5 Cronologia utilizzo sezione Pricer 8 Sezione Strategia 9 Cronologia utilizzo sezione

Dettagli

Strategie con le opzioni

Strategie con le opzioni 1 Strategie con le opzioni Maria Letizia Guerra 2 Aprile 2008 Strategie con le opzioni 3 1 Strategie con le opzioni 1.1 Hedge Si chiama copertura una qualsiasi transazione volta alla rimozione totale o

Dettagli

CONTRATTI E TASSI SWAP

CONTRATTI E TASSI SWAP CONTRATTI E TASSI SWAP FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note vengono definite, analizzate e valutate le tipologie più comuni di contratti interest rate swap e si discute l importanza che i tassi swap

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (41 punti) Lei ha iniziato a lavorare quale analista obbligazionario. Il primo giorno di lavoro si trova confrontato con il seguente portafoglio obbligazionario

Dettagli

LE NEWS DEL MESE BORSA ITALIANA ORGANIZZA LA II TRADING ONLINE EXPO 7-8 MAGGIO PALAZZO MEZZANOTTE. nel prossimo numero parleremo di

LE NEWS DEL MESE BORSA ITALIANA ORGANIZZA LA II TRADING ONLINE EXPO 7-8 MAGGIO PALAZZO MEZZANOTTE. nel prossimo numero parleremo di MAGGIO 2004 NUMERO 22 LE NEWS DEL MESE IN QUESTO NUMERO BORSA ITALIANA ORGANIZZA LA II TRADING ONLINE EXPO 7-8 MAGGIO PALAZZO MEZZANOTTE Le news del mese 1 Nel prossimo numero 1 Prima pagina 2 IDEM Quiz

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

CAPITOLO 27. Gestione dei rischi PROBLEMI

CAPITOLO 27. Gestione dei rischi PROBLEMI CAPITOLO 27 Gestione dei rischi Semplici PROBLEMI 1. a. Vero; b. falso (pagate alla consegna); c. vero; d. vero. 2. a. Prezzo pagato per consegna immediata. b. I contratti a termine sono contratti per

Dettagli

Metodologie innovative per l analisi costi-benefici: ROV - Real Option Valuation

Metodologie innovative per l analisi costi-benefici: ROV - Real Option Valuation Metodologie innovative per l analisi costi-benefici: il metodo delle opzioni reali (ROV - Real Option Valuation) per la valutazione dei progetti di investimento infrastrutturali - Abstract - documento

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

Il modello di Black-Scholes- Merton. Giampaolo Gabbi

Il modello di Black-Scholes- Merton. Giampaolo Gabbi Il modello di Black-Scholes- Merton Giampaolo Gabbi Premessa Fra le equazioni utilizzate in finanza ne esiste una estremamente semplice. Il contributo di Black e Scholes allo sviluppo della teoria e della

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Peso secondo il valore di mercato

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Peso secondo il valore di mercato Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Il Sig. X è un gestore obbligazionario cui è stata assegnata la gestione del comparto obbligazionario internazionale

Dettagli

TURBO Certificate Long & Short

TURBO Certificate Long & Short TURBO Certificate Long & Short Fai scattare la leva dei tuoi investimenti x NEGOZIABILI SUL MERCATO SEDEX DI BORSA ITALIANA Investi a Leva su indici e azioni! Scopri i vantaggi dei TURBO Long e Short Certificate

Dettagli

20160414v01. Manuale Derivati 1

20160414v01. Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 2 Indice 1. Introduzione... 3 2. Attivazione servizio... 3 3. Borse... 3 4. Rischi dell operatività in opzioni e futures... 3 4.1 Conoscere è importante...3 4.2 Rischi

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello dell 8 ottobre 2010 programma a.a. precedenti

MATEMATICA FINANZIARIA Appello dell 8 ottobre 2010 programma a.a. precedenti MATEMATICA FINANZIARIA Appello dell 8 ottobre 2010 programma a.a. precedenti Cognome e Nome........................................................................... C.d.L....................... Matricola

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 13 06 2008. Cattedra: prof. Pacati prof. Renò dott. Quaranta dott. Falini dott. Riccarelli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 13 06 2008. Cattedra: prof. Pacati prof. Renò dott. Quaranta dott. Falini dott. Riccarelli MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 13 06 2008 Cognome e Nome................................................................... C.d.L....................... Matricola n................................................

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

LA DURATION E LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO

LA DURATION E LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO LA DURATION E LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note si vuole mostrare come la Duration venga utilizzata quale strumento per la gestione del portafoglio obbligazionario.

Dettagli

Esercizi Svolti di Matematica Finanziaria

Esercizi Svolti di Matematica Finanziaria Esercizi Svolti di Matematica Finanziaria Esercizio. Nel mercato obbligazionario italiano del 0 Novembre 009 si osservano i seguenti prezzi: - prezzo 96, per un titolo il cui valore a scadenza in T è 0,

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e opzioni reali Formula di Black/Sholes Nell approccio binomiale, per ipotesi, alla fine del periodo vi sono solo 2 possibili prezzi. Nella realtà,

Dettagli

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta Le opzioni (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta 1 Disclaimer La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

Analisi di risk management per la copertura dell esposizione al prezzo del petrolio

Analisi di risk management per la copertura dell esposizione al prezzo del petrolio sede: Corso Mazzini, 160 60121 Ancona (AN) sito internet: www.zeygos.com email: info@zeygos.com telefono: 071.55141 partita IVA 024.366.900.24 Analisi di risk management per la copertura dell esposizione

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di (48 punti) Il Sig. Smith è responsabile per gli investimenti obbligazionari presso una società di consulenza finanziaria, e ha analizzato la curva di rendimento delle

Dettagli

Parte III PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE. Classificazione delle attività finanziarie. Gli strumenti finanziari derivati

Parte III PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE. Classificazione delle attività finanziarie. Gli strumenti finanziari derivati Parte III Gli strumenti finanziari derivati Classificazione delle attività finanziarie PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE Definizioni di derivato CONTRATTO CHE PREVEDE PRESTAZIONI LEGATE ALL ANDAMENTO DI UN

Dettagli

ESERCIZI OPZIONI CALCOLO VALORE

ESERCIZI OPZIONI CALCOLO VALORE ESERCIZI OPZIONI CALCOLO VALORE Si consideri un opzione CALL Europea con prezzo di esercizio (strike) pari a X = 170 Euro e scadenza T = 1 trimestre su uno stock di valore iniziale pari a 175 Euro che

Dettagli

STRATEGIE DI TRADING CON LE OPZIONI. 8 maggio 2002

STRATEGIE DI TRADING CON LE OPZIONI. 8 maggio 2002 STRATEGIE DI TRADING CON LE OPZIONI 8 maggio 2002 LE STRATEGIE... Strategie di trading utilizzando: un opzione e l azione sottostante due o più opzioni sulla stessa azione Nelle tabelle che seguono verranno

Dettagli

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI 1 Indice Definizione di contratto finanziario Contratti finanziari bilaterali e multilaterali Contratto di debito Contratto di partecipazione Contratto assicurativo Contratto

Dettagli