Tesi: Tutela del Professionista e del Cittadino: l assicurazione obbligatoria per la prestazione professionale 1

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tesi: Tutela del Professionista e del Cittadino: l assicurazione obbligatoria per la prestazione professionale 1"

Transcript

1 Tesi: Tutela del Professionista e del Cittadino: l assicurazione obbligatoria per la prestazione professionale 1 SINTESI Con il DL n. 138/2011 la copertura assicurativa della responsabilità civile professionale diviene obbligatoria per tutti i professionisti a far data dal 14 agosto Il Conaf, per venire incontro alle esigenze della categoria, ha avviato ormai da un anno le procedure e gli approfondimenti necessari per far fronte a tale obblico. Per la puntuale definizione delle procedure per l attuazione dell obbligo assicurativo, il Conaf: a) ha definito la polizza professionale del dottore agronomo e del dottore forestale, seguendo il principio della adeguatezza; b) ha individuato nel proprio consulente il broker AON, attraverso una gara ad evidenza pubblica per la fornitura della necessaria assistenza, in particolare per la definizione di una polizza collettiva e della sua operatività; c) ha approvato con Delibera di Consiglio n. 87 del 14 Marzo 2013 il Regolamento di attuazione dell obbligo assicurativo ai sensi dell art. 5, comma 1, del D.P.R. 7 agosto 2012, n. 137, recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148 ; d) per consentire agli iscritti agli Ordini di ottemperare all obbligo assicurativo con una polizza idonea scritta appositamente per la Categoria, a propria tutela ed a tutela del cliente e del consumatore, Il Conaf ha approvato nella seduta del 9 maggio 2013 il Bando ed il capitolato, pubblicandolo il 13 maggio e) sta ultimando la progettazione di un sistema informatico per l'adesione alla polizza assicurativa che tuteli il sistema ordinistico attraverso il quale si censiranno le coperture degli iscritti e quindi il rispetto dell'obbligo assicurativo; Al termine della procedura concorsuale per l affidamento delle copertura assicurativa studiata dal CONAF, e dell aggiudicazione dell appalto secondo i criteri stabiliti nella gara che ne garantiranno la convenienza economica, verranno fissati dal Consiglio i contributi alla spesa per ciascun iscritto che attiverà la copertura assicurativa. Tali contributi di partecipazione rispetteranno criteri di proporzionalità al rischio ed equità rispetto all effettivo volume di affari dichiarato del professionista, differenziandosi grazie a ciò da un convenzionale premio di polizza assicurativa. Per essere in regola con l obbligo assicurativo l'iscritto dovrà registrarsi on line sul sito CONAF entro il 14 agosto

2 APPROFONDIMENTI 1. Il quadro normativo L introduzione dell obbligo assicurativo consegue ad un orientamento comunitario ormai prevalente di tutela dell utente/cliente (che di fatto ne costituisce l applicazione). I riferimenti normativi sono i seguenti: DECRETO-LEGGE 13 agosto 2011, n. 138 Con questo Decreto e con il successivo emendamento governativo al patto di stabilità del 4 novembre 2011, il Governo introduce per la prima volta l obbligatorietà della copertura assicurativa della Responsabilità Civile professionale per tutte le professioni regolamentate. Conversione in legge 14 settembre 2011, n Nel provvedimento di conversione in Legge si stabilisce la facoltà che anche gli Ordini professionali e le Casse Previdenziali possano stipulare convenzioni per gli iscritti. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Il Decreto, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 14 agosto 2012 e in vigore dal 15 agosto 2013 che espressamente prevede all'art. 5: Il professionista è tenuto a stipulare, anche per il tramite di convenzioni collettive negoziate dai consigli nazionali e dagli enti previdenziali dei professionisti, idonea assicurazione per i danni derivanti al cliente dall'esercizio dell'attività professionale, comprese le attività di custodia di documenti e valori ricevuti dal cliente stesso. Il professionista deve rendere noti al cliente, al momento dell'assunzione dell'incarico, gli estremi della polizza professionale, il relativo massimale e ogni variazione successiva. La violazione della disposizione di cui al comma 1 costituisce illecito disciplinare. Al fine di consentire la negoziazione delle convenzioni collettive di cui al comma 1, l'obbligo di assicurazione di cui al presente articolo acquista efficacia decorsi dodici mesi dall'entrata in vigore del presente decreto). Questa norma definisce definitivamente alcuni aspetti fondamentali per l'attività del professionista, tra i quali: - la possibilità di stipulare polizze anche attraverso convenzioni collettive negoziate dai Consigli Nazionali; - il concetto di idoneità della polizza professionale; - l'obbligo di comunicazione al Committente del numero di polizza e il massimale; - l'illecito disciplinare nel caso in cui il professionista sia sprovvisto di polizza idonea. 2

3 2. Le fasi attraverso le quali il Conaf ha affrontato il tema dell'obbligo Assicurativo 2.1 La definizione di una polizza professionale adeguata alle attività del Dottore Agronomo e del Dottore Forestale Il Conaf, nella previsione che la Riforma delle Professioni avrebbe con molta probabilità introdotto l'obbligo assicurativo, ha ritenuto necessario avviare fin dal 2011 le procedure e gli approfondimenti necessari per la definizione di una polizza professionale adeguata alle esigenze del dottore agronomo e del dottore forestale. La definizione del valore di rischio di attività è stato l'elemento di partenza determinante per la definizione della adeguatezza della polizza, quest ultimo determinato attraverso l analisi dei dati relativi al fatturato della categoria correlati alla rischiosità delle attività del dottore agronomo e dottore forestale. Per quest ultimo dato ciascuna prestazione professionale è stata proporzionata al livello di rischio attribuendo la creazione di cluster (11 nel caso dello studio) una percentuale sul fatturato proporzionale al livello di rischiosità[g1] L analisi, tenuto anche conto degli studi di settore, i ha delineato il livello di redditività per fasce di reddito e volumi d'affari dichiarati per le attività del dottore agronomo e dottore forestale di circa iscritti agli Ordini, dei quali circa iscritti anche alla Cassa di previdenza di categoria (Epap). Tra i dati più significativi quelli relativi al numero delle partite IVA (7.655 pari a circa il 37% dell'intera categoria), con incrementi medi riscontrati negli ultimi anni di circa 500 posizioni all'anno. Nell'ambito di queste posizioni fiscali, circa iscritti hanno presentato studi di settore e risultano comprese in una fascia di reddito inferiore ai euro anno. Questi iscritti, insieme a quelli che ancorché dipendenti esercitano, anche occasionalmente o saltuariamente, attività professionale, sono tenuti all'obbligo assicurativo. Il volume d'affari complessivo della categoria dei dottori agronomi e dottori forestali, derivante dagli studi di settore, è pari a circa di euro, con un reddito medio attestato intorno ai ,00 euro annui. Questi dati serviranno a definire un premio assicurativo adeguato non soltanto al fatturato ma anche al livello di rischiosità delle attività della categoria, anche per attuare quel principio di sussidiarietà teso a difendere le fasce più deboli in termini di reddito, di cui occorre tener conto nella definizione di una polizza collettiva o nella stipula di convenzioni Le risultanze dello studio sono state illustrate dal Presidente del Conaf Andrea Sisti all Assemblea dei Presidenti del 21 marzo 2013, allo scopo di acquisire le osservazioni della dirigenza ordinistica, nel principio di condivisione delle iniziative attuato dal Conaf sin dal suo insediamento. 3

4 2.2 L'individuazione del supporto di consulenza: il ricorso al Broker assicurativo In data a seguito di procedura di selezione ad evidenza pubblica CONAF ha deliberato l affidamento dei servizi assicurativi al broker Aon per avere assistenza e consulenza in materia di assicurazione professionale e regolamentazione dell obbligo assicurativo. Con l aiuto del broker sono state identificate alcune delle caratteristiche imprescindibili di idoneità della copertura affinché il professionista ed il cliente/utente siano effettivamente tutelati (non stabilite dal d.p.r. 137 con il rischio di un obbligatoria spesa per una copertura inadeguata). 2.3 La definizione e l'approvazione del Regolamento assicurativo Per la puntuale definizione delle procedure per l attuazione dell obbligo assicurativo, il Conaf ha approvato con Delibera di Consiglio n. 87 del 14 Marzo 2013 il Regolamento di attuazione dell obbligo assicurativo ai sensi dell art. 5, comma 1, del D.P.R. 7 agosto 2012, n. 137, recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n La progettazione di un sistema informatico per l'adesione alla polizza assicurativa Per la vigilanza sull obbligo Assicurativo in capo ai Consigli di Disciplina degli Ordini territoriali il CONAF ha progettato un sistema informatico che tuteli il sistema ordinistico attraverso il quale si censiranno le coperture degli iscritti. Perché gli iscritti possano ottemperare all obbligo assicurativo con una polizza idonea scritta appositamente per la Categoria, a propria tutela ed a tutela del cliente e del consumatore, il CONAF ha contrattato una polizza collettiva e ne ha studiato il meccanismo di operatività. Gli Assicuratori sono in corso di selezione attraverso una procedura ad evidenza pubblica per la quale è stato approvato il Bando e il relativo capitolato con Delibera n. del 9 maggio Procedure in via di definizioni e scadenze per l'ottemperanza dell'obbligo assicurativo Al termine della procedura concorsuale per l affidamento delle copertura assicurativa studiata dal CONAF, e dell aggiudicazione dell appalto secondo i criteri stabiliti nella gara che ne garantiranno la convenienza economica, verranno fissati dal Consiglio i contributi alla spesa per ciascun iscritto che attiverà la copertura assicurativa. Tali contributi di partecipazione rispetteranno criteri di proporzionalità al rischio ed equità rispetto all effettivo volume di affari dichiarato del professionista, differenziandosi grazie a ciò da un convenzionale premio di polizza assicurativa. Per essere in regola con l obbligo assicurativo l'iscritto dovrà registrarsi on line sul sito CONAF entro il 14 agosto

5 3. Il regolamento di attuazione dell obbligo assicurativo Il regolamento di attuazione che recepisce la legge istitutiva dell obbligo assicurativo è costituito da 9 articoli con allegati i Massimali Obbligatori per fascia di rischio, le Prestazioni Professionali, il Livello di Rischio ai fini del calcolo del valore di rischio e lo Schema di Polizza di Responsabilità Civile Professionale. Gli articoli del regolamento più importanti sono quelli che normano coloro che hanno l obbligo assicurativo, l idoneità della polizza, le forme di responsabilità, le procedure e le caratteristiche delle polizze e della polizza collettiva, più precisamente: Art. 3: Obbligo assicurativo Questo articolo disciplina gli iscritti negli albi che sono soggetti all obbligo assicurativo ovvero: 1. Ai sensi dell art. 5 del DPR del 7 agosto 2012 n. 137 e dell art. 3 dell Ordinamento Professionale sono tenuti all obbligo assicurativo i seguenti soggetti iscritti all Albo professionale: a. Gli iscritti all albo che esercitano l attività professionale in qualità di libero professionista individuale o in forma associata; b. Gli iscritti all albo che esercitano l attività professionale in qualità di soci di società professionali stabilite dalle norme vigenti; c. Gli iscritti all albo che esercitano l attività professionale in qualità di dipendenti dei soggetti di cui ai commi a) e b); 2. Le diverse forme di esercizio dell attività professionale devono essere dichiarate dall iscritto nel proprio stato giuridico professionale contenuto nel fascicolo dell Albo depositato presso il Consiglio dell Ordine di appartenenza. Art. 4: Caratteristiche dell idoneità della polizza assicurativa Questo articolo norma i requisiti di idoneità che deve contenere la polizza ovvero: 1. Ai fini della definizione dell idoneità della polizza assicurativa che ogni iscritto deve contrarre per l esercizio dell attività professionale, si stabiliscono i seguenti criteri: a. abbia come attività assicurata quella prevista e disciplinata dall Ordinamento Professionale vigente; b. preveda la copertura di tutti i danni provocati ai terzi/clienti/consumatori nell esercizio dell attività professionale ivi inclusi quelli di natura non patrimoniale; c. abbia massimale di copertura per ogni sinistro per anno, secondo la tabella A; d. si basi su valore e tipologie delle prestazioni professionali che identificano il rischio dell assicurato, secondo la tabella B; e. preveda che la copertura sia valida con retroattività illimitata e ultrattività decennale per i professionisti che cessino l attività nel periodo di vigenza della polizza; 5

6 Art. 5: Responsabilità e vigilanza Questo articolo disciplina le responsabilità e gli obblighi dell assicurato e le responsabilità di controllo degli ordini provinciali ovvero: a. L iscritto all Albo dei dottori Agronomi e dei dottori Forestali è ritenuto personalmente responsabile dell inadempienza all obbligo assicurativo e della verifica dell idoneità della polizza assicurativa individuale secondo quanto previsto dall art. 4. b. Il Consiglio dell Ordine territoriale cura l osservanza dell obbligo assicurativo. c. Ai sensi dell art. 5 comma 2 del DPR 137 /2012, in caso di inadempienza rispetto all obbligo assicurativo, l iscritto è sottoposto a procedimento disciplinare. La mancanza della copertura assicurativa costituisce quindi una inadempienza e come tale sarà sottoposta al rinvio del provvedimento disciplinare; Articolo 6: Procedure e forme assicurative Questo articolo stabilisce le procedure e le modalità di adesione alle varie forme predisposte lasciando la massima libertà di scelta attraverso quale tipo di polizza assicurarsi. 1. Le forme assicurative per ottemperare all obbligo assicurativo previsto dall art. 5 del DPR del 7 agosto 2012, n. 137 sono le seguenti: a. adesione ad una polizza assicurativa collettiva; b. adesione a polizze assicurative sulla base di convenzioni con società assicuratrici; c. adesione a una polizza assicurativa individuale. Art. 7: Polizza collettiva L articolo n.7 infine elenca le specifiche inerenti la polizza collettiva appositamente predisposta dal Conaf. In particolare l adozione della polizza collettiva, novità assoluta nel panorama delle polizze professionali, è stata pensata per offrire agli iscritti un costo del premio adeguato al proprio reddito ed al rischio professionale. a. Attraverso la polizza collettiva con regolazione ad adesione il CONAF pone a carico del proprio bilancio gli oneri del premio assicurativo attraverso la costituzione di un apposito capitolo tra le uscite, denominato Capitolo assicurazione civile professionale. Il capitolo è costituito dal premio e dagli oneri derivanti dalla gestione. b. Le spese imputate al Capitolo assicurazione civile professionale sono ripartite in quote contributive tra gli iscritti tenuti all obbligo assicurativo di cui all art. 3. c. Gli iscritti con età inferiore al 35 anno di età ed entro i primi tre anni di iscrizione sono soggette a forme agevolate del contributo. Le donne nel periodo di maternità per 3 anni e gli uomini nel periodo di paternità per 1 anno possono accedere alle stesse forme agevolative. d. Con apposita deliberazione del CONAF sono stabilite le diverse fasce contributive dei soggetti iscritti all Albo per i relativi massimali stabiliti dalla Tabella A. e. Il contributo assicurativo è versato direttamente al CONAF nei modi e nei tempi stabiliti con deliberazione del CONAF. 6

7 4. Illustrazione del sistema del Conaf per verificare il rispetto dell'obbligo assicurativo Il sistema informativo ideato dal CONAF per verificare il rispetto dell obbligo assicurativo è parte di un progetto informativo più ampio che in area riservata permetterà ad ogni iscritto di accedere al proprio fascicolo professionale. Tale fascicolo, suddiviso in sezioni (anagrafica, assicurazione professionale e formazione continua) permetterà ad ogni iscritto di verificare la propria posizione in riferimento, oltre che all obbligo assicurativo, anche ai crediti formativi maturati. In merito all assicurazione professionale, il portale è stato pensato per agevolare sia l iscritto nella attuazione dell obbligo assicurativo in applicazione dell art. 5, comma 1, del DPR 7 agosto 2012, n. 137 sia gli Ordini nella loro funzione di controllo. Il sistema infatti è strutturato secondo una procedura a passi successivi semplice ed intuitiva che permette all iscritto, una volta entrato nella sua area riservata, di verificare se è soggetto ad obbligo assicurativo, di comunicare gli estremi di eventuale polizza già in essere o di aderire alla polizza collettiva stipulata dal Conaf, pagando il contributo previsto. Lo schema di flusso della procedura informatica è riportata nella figura seguente. 7

8 5. Conclusioni Il sistema CONAF attua la tutela del Professionista e del Cittadino nello spirito che ha ispirato il Legislatore L obbligo di assicurazione è a tutela del cliente/consumatore, che deve essere garantito per qualsiasi tipo di danno derivante dalla prestazione professionale del Dottore Agronomo e Dottore Forestale e per tutte le competenze specifiche di queste professioni. Il Professionista è quindi indirettamente tutelato perché non dovrà concorrere al risarcimento dei danni con il proprio patrimonio. Attraverso questo sistema ogni professionista iscritto, che abbia attivato la sua posizione assicurativa sul Sito CONAF, sarà tutelato in ogni ambito professionale e, contrariamente agli usi del mercato assicurativo, senza alcuna esclusione sostanziale, salvo il caso di dolo. Dal punto di vista della tutela va considerato anche all aspetto temporale: le richieste di risarcimento nei confronti del professionista, anche quelle la cui origine possa esser fatta risalire anni addietro saranno coperte senza limite di retroattività. Il cliente potrà avere la certezza che l assicurazione sarà valida e operante nel momento in cui se ne dovesse ravvisare il bisogno (ovvero si dovessero manifestare dei danni), anche se ciò si verificasse in un momento successivo rispetto all epoca dei fatti all origine del sinistro e anche qualora il Dottore Agronomo/Dottore Forestale non eserciti più la professione per cessazione definitiva (a tutela della clientela, a tutela del Professionista pensionato, dei suoi eredi). Il sistema studiato da CONAF comprende l identificazione nel regolamento sull obbligo assicurativo del massimale adeguato alle competenze professionali ed al fatturato. Il massimale rappresenta l esposizione degli Assicuratori per sinistro e per periodo assicurativo ed è stato fissato in proporzione al volume dei propri affari proprio nello spirito della tutela nei confronti del cliente/consumatore. Infine, quale importantissima garanzia di certezza, il consumatore attraverso il sistema informatico creato da CONAF, potrà procedere alla verifica dell ottemperanza all obbligo assicurativo ed alla segnalazione all Ordine Territoriale di competenza dei professionisti che non fossero in regola per l applicazione della relativa sanzione per illecito disciplinare così come stabilito dal Legislatore. 8

Circolare N.126 del 31 Luglio 2013

Circolare N.126 del 31 Luglio 2013 Circolare N.126 del 31 Luglio 2013 RC professionisti. Dal 15 agosto diventa un obbligo! Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle che entro il prossimo 15.08.2013, secondo quanto previsto

Dettagli

Circolare N.120 del 4 Settembre 2012. Professioni regolamentate. Più tempo per la copertura assicurativa

Circolare N.120 del 4 Settembre 2012. Professioni regolamentate. Più tempo per la copertura assicurativa Circolare N.120 del 4 Settembre 2012 Professioni regolamentate. Più tempo per la copertura assicurativa Professioni regolamentate: più tempo per la copertura assicurativa Gentile cliente, con la presente

Dettagli

La assicurazione obbligatoria per gli avvocati

La assicurazione obbligatoria per gli avvocati La assicurazione obbligatoria per gli avvocati 1. Le premesse. 1.1. L art. 12 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, stabilisce che 1. L avvocato, l associazione o la società fra professionisti devono stipulare,

Dettagli

La Polizza assicurativa RC Professionale obbligatoria e il disciplinare d incarico:

La Polizza assicurativa RC Professionale obbligatoria e il disciplinare d incarico: La Polizza assicurativa RC Professionale obbligatoria e il disciplinare d incarico: Analisi delle problematiche, esempi concreti e possibili soluzioni Relatore: Avv. Massimiliano Musi Il contratto di assicurazione

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo di assicurazione agli iscritti all Ordine degli ingegneri (art. 3, comma 5, lettera e) del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa Roma, 28 ottobre 2013 N. 23-C-2013 Ill.mi Signori Avvocati PRESIDENTI DEI CONSIGLI DELL ORDINE DISTRETTUALI

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Settore 2 Area P.O. N. 142 DEL 13/03/2015 DETERMINAZIONE A CONTRARRE EX ART. 192 D.LGS. 267/2000 E AFFIDAMENTO DELL'INCARICO

Dettagli

ECONOMICO FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE N. 156 DEL 25/05/2010

ECONOMICO FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE N. 156 DEL 25/05/2010 Comune di Castelleone Provincia di Cremona SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE N. 156 DEL 25/05/2010 Oggetto: RICHIESTA SOMMINISTRAZIONE ENERGIA ELETTRICA PER PUBBLICA

Dettagli

Prot. 410/13/cnc/fta Roma, 31 luglio 2013. Oggetto: Assicurazione obbligatoria Responsabilità civile professionale

Prot. 410/13/cnc/fta Roma, 31 luglio 2013. Oggetto: Assicurazione obbligatoria Responsabilità civile professionale Prot. 410/13/cnc/fta Roma, 31 luglio 2013 A Tutti gli Ordini dei Chimici Territoriali A tutti gli iscritti agli Albi dei Chimici Loro Sedi Oggetto: Assicurazione obbligatoria Responsabilità civile professionale

Dettagli

FNOMCeO Consiglio di Stato: nessun obbligo di assicurazione professionale fino al decreto (art. 3 del D.L. 158/12)

FNOMCeO Consiglio di Stato: nessun obbligo di assicurazione professionale fino al decreto (art. 3 del D.L. 158/12) FNOMCeO Consiglio di Stato: nessun obbligo di assicurazione professionale fino al decreto (art. 3 del D.L. 158/12) Consiglio di Stato: nessun obbligo degli esercenti le professioni sanitarie di dotarsi

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 MAGGIO 2014 236/2014/A AVVIO DI UNA PROCEDURA DI GARA APERTA, IN AMBITO NAZIONALE, FINALIZZATA ALLA STIPULA DI UN CONTRATTO DI APPALTO AVENTE AD OGGETTO LO SVOLGIMENTO DI SERVIZI DI TRADUZIONE

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

OGGETTO: autorizzazione al rilascio del visto di conformità.

OGGETTO: autorizzazione al rilascio del visto di conformità. 1 Direzione Regionale del Piemonte Settore Servizi e Consulenza Torino, 5 novembre 2009 Ufficio Gestione Tributi All Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili All Ordine dei Consulenti

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASSICURAZIONE PER RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE QUESITO (posto in data 8 luglio 2013) Nella mia azienda sta per scadere il contratto assicurativo aziendale. Cosa può succedere alla luce del decreto

Dettagli

Formazione professionale continua FAQ

Formazione professionale continua FAQ Formazione professionale continua FAQ 1) In cosa consiste la formazione professionale obbligatoria? L art. 7 del DPR 137/2012 e l art. 5 del Regolamento per l'aggiornamento e sviluppo professionale continuo

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA TESTO COORDINATO DELL ARTICOLO 3, COMMA 5, decreto legge 13 agosto 2011, n. 138 (c.d. manovra economica bis), conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148, integrato dalla legge 12 novembre 2011, n. 183 (c.d.

Dettagli

COMUNE DI PANTELLERIA PROVINCIA DI TRAPANI

COMUNE DI PANTELLERIA PROVINCIA DI TRAPANI COMUNE DI PANTELLERIA PROVINCIA DI TRAPANI DETERMINAZIONE DEL CAPO SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO N 68 /III Sett. Affidamento incarico professionale per adempimenti fiscali del Data 31.12.2014 Comune di

Dettagli

Direzione Avvocatura Civica

Direzione Avvocatura Civica COMUNE DI PISA TIPO ATTO DETERMINA CON IMPEGNO con FD N. atto DN-07 / 174 del 01/02/2013 Codice identificativo 870934 PROPONENTE Avvocatura Civica - Supporto Giuridico OGGETTO GARA D APPALTO PER LA GESTIONE

Dettagli

Professioni regolamentate: conto alla rovescia per l obbligo di copertura assicurativa

Professioni regolamentate: conto alla rovescia per l obbligo di copertura assicurativa CIRCOLARE A.F. N.115 del 27 Luglio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Professioni regolamentate: conto alla rovescia per l obbligo di copertura assicurativa Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DELL ENTE BREVE SINTESI DELLE MAGGIORI NOVITÀ INTRODOTTE

NUOVO REGOLAMENTO DELL ENTE BREVE SINTESI DELLE MAGGIORI NOVITÀ INTRODOTTE E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via del Tritone, 169-00187 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 NUOVO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA DELL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI PARMA

REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA DELL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI PARMA REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA DELL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI PARMA Approvato dal Consiglio dell Ordine nella seduta del 26/11/2008 (con modifiche

Dettagli

Consiglio di Stato. OGGETTO: Ministero della Salute, Ufficio Legislativo.

Consiglio di Stato. OGGETTO: Ministero della Salute, Ufficio Legislativo. Numero 00486/2015 e data 19/02/2015 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Seconda Adunanza di Sezione del 17 dicembre 2014 NUMERO AFFARE 02471/2014 OGGETTO: Ministero della Salute,

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 26/10/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 26/10/2015. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Scarteddu Ugo DETERMINAZIONE N. in data 1604 26/10/2015 OGGETTO: Integrazione impegni di spesa assunti con determinazione n. 2455

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture Ministero delle Infrastrutture DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE STATALI, L EDILIZIA E LA REGOLAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI Direzione generale per la regolazione dei lavori pubblici CIRCOLARE N. 24734 Del

Dettagli

Co.Ge.S.Co. Consorzio per la Gestione di Servizi Comunali

Co.Ge.S.Co. Consorzio per la Gestione di Servizi Comunali Oggetto: Determinazione a contrarre ai fini dell affidamento della gestione associata del Servizio di Assistenza Domiciliare Socio-assistenziale Anziani e Disabili - periodo: 01/01/2013-30/06/2015. IL

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 31/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 31/12/2015. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Scarteddu Ugo DETERMINAZIONE N. in data 2251 31/12/2015 OGGETTO: Impegno di spesa per il servizio di C O P I A Premesso che: IL RESPONSABILE

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ACQUISTO IN ECONOMIA, AI SENSI DELL ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/2006 E SS.MM.II. DELL AGENZIA REGIONALE PER LA TECNOLOGIA E L INNOVAZIONE Art. 1 Oggetto

Dettagli

DPR 7 agosto 2012, n. 137, entrato in vigore il 15 agosto 2012 e pubblicato in GURI n. 189 del 14 agosto 2012.

DPR 7 agosto 2012, n. 137, entrato in vigore il 15 agosto 2012 e pubblicato in GURI n. 189 del 14 agosto 2012. GUIDA ALLA RIFORMA DELLA PROFESSIONE DI ARCHITETTO, PIANIFICATORE, PAESAGGISTA E CONSERVATORE DPR 7 agosto 2012, n. 137, entrato in vigore il 15 agosto 2012 e pubblicato in GURI n. 189 del 14 agosto 2012.

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 146 DEL 12.05.2015

DETERMINAZIONE N. 146 DEL 12.05.2015 DETERMINAZIONE N. 146 DEL 12.05.2015 OGGETTO: Servizio di assistenza impianto telefonico Affidamento servizio a seguito di procedura R.D.O. tramite M.E.P.A. alla Ditta IPM Service di Oristano. IL SEGRETARIO

Dettagli

Regolamento per la formazione professionale continua del Consiglio Nazionale

Regolamento per la formazione professionale continua del Consiglio Nazionale Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA degli iscritti negli Albi tenuti dagli Ordini dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

PRIMO SETTORE - AFFARI GENERALI

PRIMO SETTORE - AFFARI GENERALI Nr. Gen.: 83 Nr. Sett.: 17 COMUNE DI CARMIANO PROVINCIA DI LECCE PRIMO SETTORE - AFFARI GENERALI Determinazione Originale del Responsabile ASSUNTA IN DATA 12/02/2015 OGGETTO: Determinazione a contrattare

Dettagli

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ART. 21 COMMI 8 E 9 LEGGE N. 247/2012 (Delibera del Comitato dei Delegati del 31 gennaio 2014 e successive modificazioni - Approvato con nota ministeriale del 7 agosto 2014

Dettagli

CONSIDERATO, ALTRESÌ, CHE:

CONSIDERATO, ALTRESÌ, CHE: DELIBERAZIONE 15 NOVEMBRE 2012 473/2012/A AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA ED EFFICACE DELLA PROCEDURA DI GARA APERTA IN AMBITO NAZIONALE - RIF. GOP 26/11, CIG 225763100A - FINALIZZATA ALLA SELEZIONE DI UNA APPOSITA

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI MANTOVA REGOLAMENTO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI MANTOVA REGOLAMENTO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI MANTOVA REGOLAMENTO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA il Consiglio dell Ordine di MANTOVA nella seduta del 16.05.2012 PRESO ATTO delle

Dettagli

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI Armando Zambrano,Presidente CNI Rimini, 12 settembre 2012. 1 IL REGOLAMENTO SULLA RIFORMA Il regolamento

Dettagli

COMUNE DI CARMIANO PROVINCIA DI LECCE PRIMO SETTORE - AFFARI GENERALI. Determinazione Originale del Responsabile ASSUNTA IN DATA 10/02/2015

COMUNE DI CARMIANO PROVINCIA DI LECCE PRIMO SETTORE - AFFARI GENERALI. Determinazione Originale del Responsabile ASSUNTA IN DATA 10/02/2015 Nr. Gen.: 79 Nr. Sett.: 16 COMUNE DI CARMIANO PROVINCIA DI LECCE PRIMO SETTORE - AFFARI GENERALI Determinazione Originale del Responsabile ASSUNTA IN DATA 10/02/2015 OGGETTO: DETERMINAZIONE A CONTRATTARE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.212

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.212 O r i g i n a l e SOGGETTA a comunicazione prefettura. NON SOGGETTA a comunicazione prefettura. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.212 OGGETTO: APPROVAZIONE BANDO PUBBLICO PER L'ATTRIBUZIONE

Dettagli

PROVVEDIMENTO 29 dicembre 2010, prot. n. 188376 1

PROVVEDIMENTO 29 dicembre 2010, prot. n. 188376 1 PROVVEDIMENTO 29 dicembre 2010, prot. n. 188376 1 Modalità di diniego o revoca dell autorizzazione ad effettuare operazioni intracomunitarie ai sensi del comma 7-bis dell articolo 35 del D.P.R. n. 633

Dettagli

SERVIZIO: AFFARI GENERALI/AMMINISTRATIVO. Ufficio Affari Generali

SERVIZIO: AFFARI GENERALI/AMMINISTRATIVO. Ufficio Affari Generali COMUNE DI AZZATE PROV. VARESE SERVIZIO: AFFARI GENERALI/AMMINISTRATIVO Ufficio Affari Generali D E T E R M I N A Z I O N E N. 033 DEL 05.06.2015 OGGETTO: Rinnovo polizza RC Patrimoniale LLoyd s dal 30.06.2015

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI SERVIZIO TECNICO C O P I A DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 49 del 29/01/2014 del registro generale OGGETTO: DETERMINA A CONTRATTARE PER L'ACQUISIZIONE

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 15 aprile 1886, n. 3818 e successive modifiche e integrazioni; Visto il decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 14 dicembre 1947, n. 1577,

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 10/10/2013. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 10/10/2013. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Scarteddu Ugo DETERMINAZIONE N. in data 1985 10/10/2013 OGGETTO: "Servizio di derattizzazione istituti scolastici". Affidamento e

Dettagli

COMUNE DI USSANA. Area Giuridica. DETERMINAZIONE N. 316 in data 23/12/2015

COMUNE DI USSANA. Area Giuridica. DETERMINAZIONE N. 316 in data 23/12/2015 COMUNE DI USSANA Area Giuridica DETERMINAZIONE N. 316 in data 23/12/2015 OGGETTO: Acquisizione di servizi mediante ricorso al mercato elettronico della pubblica amministrazione. Acquisizione espansione

Dettagli

COMUNE DI GRAVINA IN PUGLIA DIREZIONE 01

COMUNE DI GRAVINA IN PUGLIA DIREZIONE 01 COMUNE DI GRAVINA IN PUGLIA DIREZIONE 01 0104 - Gestione del Personale, relazioni sindacali, supporto nucleo valutazione, controllo di Gestione Registro di Servizio: 32 del 02/07/2012 OGGETTO: RINNOVO

Dettagli

O P E R A R O M A N I

O P E R A R O M A N I O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n. 7. DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE Determinazione n. 4

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO

CAPITOLATO D APPALTO CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO A FAVORE DELL'OPERA NAZIONALE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO CIG 6201196CD0

Dettagli

COMUNE DI CICCIANO. IV SETTORE POLIZIA MUNICIPALE COMMERCIO CIMITERO Corso Garibaldi 80033 Cicciano http://www.comune.cicciano.na.

COMUNE DI CICCIANO. IV SETTORE POLIZIA MUNICIPALE COMMERCIO CIMITERO Corso Garibaldi 80033 Cicciano http://www.comune.cicciano.na. Registro Generale n 272 del 28/04/2014 Determinazione Settoriale n 40 del 23/04/2014 Oggetto: determinazione a contrarre - indizione gara mediante procedura aperta ai sensi dell articolo 55 del Codice

Dettagli

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO DETERMINA CON IMPEGNO con FD N. atto DN-12 / 371 del 04/04/2013 Codice identificativo 886498

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO DETERMINA CON IMPEGNO con FD N. atto DN-12 / 371 del 04/04/2013 Codice identificativo 886498 COMUNE DI PISA TIPO ATTO DETERMINA CON IMPEGNO con FD N. atto DN-12 / 371 del 04/04/2013 Codice identificativo 886498 PROPONENTE Comunicazione - Serv. Informativi - Sp. Cittadino OGGETTO UFFICIO GESTIONE

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 178 del 2 Agosto 2007

Gazzetta Ufficiale N. 178 del 2 Agosto 2007 Gazzetta Ufficiale N. 178 del 2 Agosto 2007 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE DECRETO 21 Maggio 2007 Definizione dei criteri e parametri per l'assegnazione dei contributi alle scuole paritarie per l'anno

Dettagli

Affidamento al CSI Piemonte dei Servizi di gestione del personale per l anno 2013 - Impegno di spesa 2.256,34 Iva inclusa

Affidamento al CSI Piemonte dei Servizi di gestione del personale per l anno 2013 - Impegno di spesa 2.256,34 Iva inclusa AGENZIA PER LA MOBILITA METROPOLITANA CONSORZIO DI REGIONE ED ENTI LOCALI 10125 - TORINO, VIA BELFIORE 23/C C.F.: 97639830013 Reg. Gen N. 146 Del 12 aprile 2013 Oggetto Affidamento al CSI Piemonte dei

Dettagli

PROGETTO INGEGNERE SEMINARI DI AVVIO ALLA PROFESSIONE PER GIOVANI INGEGNERI

PROGETTO INGEGNERE SEMINARI DI AVVIO ALLA PROFESSIONE PER GIOVANI INGEGNERI PROGETTO INGEGNERE SEMINARI DI AVVIO ALLA PROFESSIONE PER GIOVANI INGEGNERI INARCASSA ED ASSICURAZIONE PROFESSIONALE Relatori: Santi Maria Cascone Presidente Ordine Ingegneri della Provincia di Catania

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 31/12/2013. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 31/12/2013. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Scarteddu Ugo DETERMINAZIONE N. in data 2792 31/12/2013 OGGETTO: Proroga dal 01/01/2014 per mesi 3 del servizio di telefonia delle

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Città di Ugento Provincia di Lecce

Città di Ugento Provincia di Lecce Originale Città di Ugento Provincia di Lecce DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE Settore 1 - Affari Generali e Istituzionali N. 1480 Registro Generale DEL 31/10/2013 N. 784 Registro del Settore DEL 23/10/2013

Dettagli

Comune di Bassano del Grappa

Comune di Bassano del Grappa Comune di Bassano del Grappa DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Registro Unico 1502 / 2013 Area A1 - Area Risorse, Sviluppo OGGETTO: DETERMINAZIONE A CONTRARRE AI SENSI DELL'ARTICOLO 192 DECRETO LEGISLATIVO 18

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROMULGA La seguente

Dettagli

AREA: Settore Amministrativo - Area 2 Servizio Segreteria DETERMINAZIONE n.239/2015 del 22.10.2015. In data 22 ottobre 2015 nella Residenza Municipale

AREA: Settore Amministrativo - Area 2 Servizio Segreteria DETERMINAZIONE n.239/2015 del 22.10.2015. In data 22 ottobre 2015 nella Residenza Municipale PUBBLICAZIONE La presente determinazione è stata pubblicata all'albo Pretorio del Comune il 26/10/2015 e vi rimarrà fino al 05/11/2015. Comune di Mottola Provincia di Taranto Lì 26/10/2015 IL RESPONSABILE

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE N. 71 DEL 24.03.2014 OGGETTO: Indizione di RDO nel mercato elettronico per il servizio di derattizzazione presso le residenze di Piazzale Scuro 12, Vicolo Campofiore 2/b e Via S.

Dettagli

Unione Lombarda dei comuni Oglio - Ciria

Unione Lombarda dei comuni Oglio - Ciria DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE PERSONALE E COMUNICAZIONE DETERMINAZIONE N. 25 Data 27/04/2015 COPIA Oggetto : DETERMINA A CONTRARRE - PROCEDURA NEGOZIATA PER AFFIDAMENTO SERVIZI ASSICURATIVI

Dettagli

RIFORMA DELLE PROFESSIONI PRINCIPI ISPIRATORI

RIFORMA DELLE PROFESSIONI PRINCIPI ISPIRATORI FEDERAZIONE ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI CONSERVATORI TOSCANI AREZZO GROSSETO LIVORNO LUCCA PISTOIA PRATO SIENA FAD formazione a distanza Seminario formativo valido per 4 CFP obbligatori in materia

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE avente ad oggetto il

SCHEMA DI CONVENZIONE avente ad oggetto il Esente da bollo art. 17 D. LGS 460/97 SCHEMA DI CONVENZIONE avente ad oggetto il Servizio di spazzamento strade, piazze, marciapiedi e aree verdi comunali del Comune di Levanto anno 2014 CIG: 5512548A82

Dettagli

COMUNE DI MONTELEPRE LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI PALERMO

COMUNE DI MONTELEPRE LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI PALERMO COMUNE DI MONTELEPRE LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI PALERMO ORIGINALE SETTORE IV - URBANISTICA - INFRASTRUTTURE E SERVIZI ALLE IMPRESE SUAP N. Generale : 344 del 14/10/2014 DETERMINAZIONE N. 116 DEL 14 ottobre

Dettagli

Pubblicata su questo Sito in data 18/04/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.99 del 30 aprile 2007

Pubblicata su questo Sito in data 18/04/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.99 del 30 aprile 2007 Delibera n. 126/07/CONS Misure a tutela dell utenza per facilitare la comprensione delle condizioni economiche dei servizi telefonici e la scelta tra le diverse offerte presenti sul mercato ai sensi dell

Dettagli

Consiglio Nazionale Periti Industriali e Pertiti Industriali Laureati. Manuale Operativo

Consiglio Nazionale Periti Industriali e Pertiti Industriali Laureati. Manuale Operativo Consiglio Nazionale Periti Industriali e Pertiti Industriali Laureati Manuale Operativo 2 luglio 2013 Introduzione Il manuale è costituito di due parti principali: Risposte ai quesiti più frequenti in

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE N. 95 DEL 15.04.2014 OGGETTO: RDO nel mercato elettronico per la manutenzione degli impianti antincendio degli edifici dell ESU di Verona. CIG n Z150E7494E. IL DIRETTORE RICHIAMATO

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale SETTORE SISTEMA INFORMATIVI ASSOCIATI --- SIA Determinazione dirigenziale Registro Generale N. 202 del 20/03/2015 Registro del Settore N. 35 del 16/03/2015 Oggetto: Acquisto di prodotto software per la

Dettagli

OGGETTO: Gestione lavoratori autonomi. Decreto-legge 24 settembre 1996, n. 499.

OGGETTO: Gestione lavoratori autonomi. Decreto-legge 24 settembre 1996, n. 499. Gestione lavoratori autonomi. Decreto-legge 24 settembre 1996, n. 499. DIREZIONE CENTRALE CONTRIBUTI Roma, 17 ottobre 1996 Circolare n. 201 AI DIRIGENTI CENTRALI E PERIFERICI AI COORDINATORI GENERALI,

Dettagli

PARTITE IVA FITTIZIE

PARTITE IVA FITTIZIE PARTITE IVA FITTIZIE ART. 1 C. 26, L. 92/2012 IN G.U. N. 136 DEL 3 LUGLIO 2012 DALLA RIFORMA DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA FITTIZIE Con la pubblicazione in GU (n. 153 del 03/07/2012) della

Dettagli

Regolamento per la formazione professionale continua dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze

Regolamento per la formazione professionale continua dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze Regolamento per la formazione professionale continua dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze Il Consiglio dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI COMUNE DI ZERO BRANCO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. Servizio di Consulenza ed Assistenza Assicurativa (brokeraggio)

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. Servizio di Consulenza ed Assistenza Assicurativa (brokeraggio) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Servizio di Consulenza ed Assistenza Assicurativa (brokeraggio) Art. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio di consulenza ed assistenza

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) DETERMINAZIONE N 166 DEL 25/03/2015

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) DETERMINAZIONE N 166 DEL 25/03/2015 (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A DETERMINAZIONE N 166 DEL 25/03/2015 SETTORE 1 - AFFARI GENERALI E ISTITUZIONALI Servizio/U.o.: Segreteria OGGETTO: CIG 6188851169 DETERMINAZIONE A CONTRATTARE: INDIZIONE

Dettagli

ORDINANZA N. 63 DEL 12 AGOSTO 2014

ORDINANZA N. 63 DEL 12 AGOSTO 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 ORDINANZA N. 63 DEL 12 AGOSTO 2014 AFFIDAMENTO DEL

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE N. 77 DEL 27.03.2014 OGGETTO: RDO nel mercato elettronico per la manutenzione degli ascensori delle residenze dell ESU di Verona. CIG n. Z7F0E74971. IL DIRETTORE RICHIAMATO l art.

Dettagli

10.2013. 07.201 Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie regionali, enti e

10.2013. 07.201 Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie regionali, enti e DEL 31.10 10.2013 Oggetto: L.R. n. 18 del 26.07 07.201.2013,, art. 3 e D.L. 185/2008, art. 9, comma 3-bis3 e 3-ter. Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CIG 50773444D0 OGGETTO DELL'INCARICO L affidamento ha per oggetto lo svolgimento del servizio di brokeraggio assicurativo professionale,

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione News per i Clienti dello studio del 6 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DI PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A.

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DI PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A. REGOLAMENTO PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A. RE02.PGAP01 Pag. 1 a 7 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DI PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A. REGOLAMENTO PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A.

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Affari Generali - Personale SETTORE : Licheri Sandra. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/07/2013. in data

COMUNE DI SESTU. Affari Generali - Personale SETTORE : Licheri Sandra. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/07/2013. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Affari Generali - Personale Licheri Sandra DETERMINAZIONE N. in data 1345 04/07/2013 OGGETTO: Affidamento del servizio di per gli automezzi dell'autoparco C O P

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Unità di staff Economato DIRETTORE SECCHI dott.ssa TANIA Numero di registro Data dell'atto 71 26/01/2015 Oggetto : Approvazione del progetto e contestuale indizione

Dettagli

Patrizia Altieri IL MANUALE UTENTE DELL'ISCRITTO AL SISTEMA INFORMATIVO DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI

Patrizia Altieri IL MANUALE UTENTE DELL'ISCRITTO AL SISTEMA INFORMATIVO DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI Patrizia Altieri IL MANUALE UTENTE DELL'ISCRITTO AL SISTEMA INFORMATIVO DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI INDICE 1. Come accedere... 3 2. Dati Anagrafici... 4 3. Assicurazioni... 5 4. Formazione

Dettagli

IL CAPO DEL SETT. ECONOMICO-FINANZIARIO GABRIELE NUNZIATA

IL CAPO DEL SETT. ECONOMICO-FINANZIARIO GABRIELE NUNZIATA SETTORE ECONOMICO-FINANZIARIO SERVIZIO ECONOMATO DETERMINA N. 3 ANNO 2015 DEL 14-01-2015 NUMERO DETERMINA DI SETTORE: 2 OGGETTO: TRAPANI IACP SEF FORNITURA ANNUALE DI ENERGIA ELETTRICA PER LA SEDE IACP

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA ART. 1 Oggetto dell appalto Il servizio di tesoreria consiste nel complesso di operazioni legate alla gestione finanziaria dell ente locale

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 374 di data 20 agosto 2015

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 374 di data 20 agosto 2015 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 374 di data 20 agosto 2015 OGGETTO: Trattativa privata ai sensi dell art. 21, commi 2 lettera

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 27 ottobre 2011 Modifica ed abrogazione del decreto 4 febbraio 2010 concernente i criteri e le modalita' di ripartizione delle disponibilita' del

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI Servizio Ec. Finanziario e Politiche Sociali C O P I A DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 5 del 14/01/2014 del registro generale OGGETTO: DETERMINAZIONE

Dettagli

Circolare N.115 del 27 Luglio 2012

Circolare N.115 del 27 Luglio 2012 Circolare N.115 del 27 Luglio 2012 Professioni regolamentate: conto alla rovescia per l obbligo di copertura assicurativa Professioni regolamentate: conto alla rovescia per l obbligo di copertura assicurativa

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Spanu Giuseppe. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 31/12/2012. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Spanu Giuseppe. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 31/12/2012. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Spanu Giuseppe DETERMINAZIONE N. in data 2508 31/12/2012 OGGETTO: Impegno di spesa per il noleggio di n. 2 bagni chimici. Affidamento

Dettagli

COMUNE DI SAN GIULIANO TERME Provincia di Pisa

COMUNE DI SAN GIULIANO TERME Provincia di Pisa COMUNE DI SAN GIULIANO TERME Provincia di Pisa DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SETTORE: SETTORE 4 PERSONALE - BILANCIO - PARTECIPATE - SPUC - INFORMATICA SERVIZIO : INFORMATIZZAZIONE E SERV. STATISTICI N.

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale SETTORE SISTEMA INFORMATIVI ASSOCIATI --- SIA Determinazione dirigenziale Registro Generale N. 86 del 13/02/2015 Registro del Settore N. 9 del 03/02/2015 Oggetto: Acquisto del servizio settimanale OFF-SITE

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF...

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF... AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLE FERROVIE CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l affidamento del servizio di brokeraggio assicurativo per le esigenze dell Agenzia Nazionale per la Sicurezza

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI SERVIZIO TECNICO C O P I A DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 800 del 14/11/2014 del registro generale OGGETTO: AFFIDAMENTO IN ECONOMIA A COTTIMO

Dettagli

COLLEGIO NAZIONALE DEGLI AGROTECNICI E DEGLI AGROTECNICI LAUREATI. Manuale Operativo

COLLEGIO NAZIONALE DEGLI AGROTECNICI E DEGLI AGROTECNICI LAUREATI. Manuale Operativo COLLEGIO NAZIONALE DEGLI AGROTECNICI E DEGLI AGROTECNICI LAUREATI Manuale Operativo agosto 2013 Introduzione Il manuale è costituito di due parti principali: Risposte ai quesiti più frequenti in relazione

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale SETTORE SISTEMA INFORMATIVI ASSOCIATI --- SIA Determinazione dirigenziale Registro Generale N. 258 del 13/04/2015 Registro del Settore N. 26 del 07/04/2015 Oggetto: Acquisto servizio di manutenzione del

Dettagli

PROCESSI DI CONCENTRAZIONE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E GLI ADEMPIMENTI PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE

PROCESSI DI CONCENTRAZIONE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E GLI ADEMPIMENTI PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE PROCESSI DI CONCENTRAZIONE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E GLI ADEMPIMENTI PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE 1. Riferimenti normativi - Raccomandazione della Commissione del 6 maggio 2003, n. 2003/361/CE, relativa

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLA COMPETENZA PROFESSIONALE

AGGIORNAMENTO DELLA COMPETENZA PROFESSIONALE AGGIORNAMENTO DELLA COMPETENZA PROFESSIONALE Regolamento, Linee di Indirizzo e chiarimenti a cura del Comitato Formazione Continua DEONTOLOGIA Art. 1.4 L ingegnere rifiuta di accettare incarichi per i

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO Provincia di Cagliari DI DETERMINAZIONE

COMUNE DI SAN VITO Provincia di Cagliari DI DETERMINAZIONE COMUNE DI SAN VITO Provincia di Cagliari Servizio Affari Generali COPIA DI DETERMINAZIONE Registro del Servizio N. 437 del 31.12.2013 OGGETTO: Acquisizione in economia mediante cottimo fiduciario - attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE 75 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 105/I0029624P.G. NELLA SEDUTA DEL 27/04/2004 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli