AUTOSOCCORSO DELLA CORDATA. Generalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AUTOSOCCORSO DELLA CORDATA. Generalità"

Transcript

1 V I N C E N Z O M A R I N O AUTOSOCCORSO DELLA CORDATA

2 AUTOSOCCORSO DELLA CORDATA Generalità Le manovre che vengono qua illustrate costituiscono patrimonio indispensabile di ogni alpinista perché consentono, in caso di infortunio non grave di uno dei componenti la cordata, il suo recupero e la conseguente calata evitando così di richiedere l'intervento di altri alpinisti o del Soccorso Alpino, indispensabile per operazioni più complesse. Per questo tali manovre dovrebbero essere ripetute più volte da ognuno ad ogni inizio di stagione in palestra in modo che, in caso di necessità la profonda conoscenza di esse possa sopperire allo stato di tensione del momento. Il materiale impiegato è esclusivamente quello di cordata, che ogni alpinista deve avere con sé per una salita di media difficoltà. Su tale base, oltre che per criteri di semplicità e praticità, si è ritenuto opportuno adottare i sistemi che vedremo, pur sapendo che in questo campo le possibilità che si offrono all'alpinista sono numerosissime. Avvenuto l'incidente, la cosa più importante ed immediata da compiere è quella di accertarsi delle condizioni dell'infortunato prima di intraprendere qualsiasi tipo di soccorso. Se questi non presenta lesioni tali da impedirne il movimento (ferite gravi, colpi alla spina dorsale, ecc.) bisogna innanzi tutto recuperarlo al punto di sosta dove si trova chi assicura: A. B. C. calandolo sullo stesso punto di sosta se si trova più in alto per aver passato uno o più rinvii; calandolo su di un punto di sosta inferiore, per poi raggiungerlo con una corda doppia, se è in grado di autoassicurarsi da solo; innalzandolo al punto di sosta se si trova più in basso. In questo caso il recupero si fa attuando il più opportuno dei sistemi di carrucola qui di seguito proposti. Carrucola doppia La prima operazione che il soccorritore deve compiere prima di iniziare qualsiasi manovra di recupero è quella di realizzare un'asola di bloccaggio e la controasola sulla corda di cordata, ovviamente con il ramo non in tensione (fig. 1). A questo punto per formare il sistema di carrucole che permette di sollevare il compagno infortunato, si realizza un nodo Machard con moschettone sul ramo di corda tesa che va al compagno da recuperare. A questo si lega con un nodo barcaiolo un cordino di lunghezza tale da permettere di collegarlo ad uno degli ancoraggi (si usa un solo ancoraggio soprattutto per motivi di praticità) unendolo ad esso con un mezzo barcaiolo bloccato con apposita asola. Per riuscire a sciogliere il sistema di assicurazione e trasformarlo in carrucola, si scarica su questo cordino tutto il peso da recuperare, sciogliendo prima l'asola di bloccaggio e poi l'assicurazione della corda di cordata (che comunque rimane passata nel moschettone) (fig. 2). A valle dell'autobloccante già realizzato, che ha lo scopo di impedire alla corda di

3 scorrere verso il basso e di consentire nello stesso tempo il suo recupero, si sistema un secondo Machard nel cui moschettone si fa passare nuovamente il ramo di corda libera (fig. 3). La carrucola doppia è così completata. Il soccorritore, vestita la corda come per l'assicurazione a spalla, può ora ricuperare il compagno infortunato. Dopo ogni tratto di ricupero si manda in trazione l'autobloccante superiore; ciò permette di spostare nuovamente (il più in basso possibile) quello inferiore. Perché il tratto ricuperato in ogni fase sia il più lungo possibile, conviene che il primo Machard sia realizzato a contatto con il moschettone dell'iniziale sistema di assicurazione. Per ottenere questo conviene, a carrucola già realizzata, effettuare un'asola di bloccaggio sulla corda passata nell'auto bloccante a valle e accorciare il cordino che collega il primo Machard all'ancoraggio in parete agendo sul nodo barcaiolo (fig. 4). Qualora il sistema con la carrucola doppia risulti eccessivamente faticoso si può aggiungere un autobloccante con moschettone, ottenendo così un ulteriore diminuzione dello sforzo, che viene ridotto di un quarto rispetto al carico, attriti esclusi (fig. 5a). Volendo esercitare la trazione verso l'alto, si fa passare la corda in un altro moschettone collegato all'auto bloccante a valle con un cordino corto, migliorando ancora l'efficacia del sistema (fig. 5b). Carrucola doppia con rinvio al compagno Se il compagno ferito è in grado di collaborare e la corda svolta non è superiore ad 1/3 della sua lunghezza, risulta molto redditizio questo tipo di manovra. Dopo aver realizzato, come nelle precedenti carrucole, il Machard con moschettone, e con il cordino il mezzo barcaiolo e l'asola di bloccaggio, ed aver sciolto il sistema di assicurazione, la parte di corda disponibile viene calata all'alpinista da recuperare, che la collegherà all'anello di chiusura dell'imbracatura con un moschettone. La carrucola è così ultimata ed il manovratore comincerà il recupero; l'autobloccante entrerà in funzione per permettere a questi di riposarsi (fig. 6). L'infortunato può collaborare tirando con le mani sul ramo di corda che scende e scorre sul moschettone agganciato all'imbracatura. A questo punto con i componenti della cordata riuniti allo stesso punto di sosta e autoassicurati, si valuta la possibilità di portare a valle il ferito salvo che ciò non aggravi ulteriormente le sue condizioni.

4 Figura 1 Figura 2

5 Figura 1

6 Figura 2

7 Figura 3

8 Figura 4

9 Se l'impedimento è agli arti superiori ed il ferito non è in grado di eseguire manovre di autoassicurazione, si allestisce una corda doppia collegando il ferito ad essa con un freno-moschettone. Si scende poi per primi: ciò permette, a condizione che la corda doppia sia costantemente gravata dal nostro peso, di tenerlo assicurato sia durante la nostra discesa sia durante l'attrezzatura del successivo punto di sosta. Si regola quindi dal basso variando la tensione della corda doppia la velocità di discesa del ferito che dovrà solo tenersi staccato dalla parete con gli arti inferiori, senza adoperare quelli superiori (fig. 7): avendo l'accortezza di tenere in funzione il proprio autobloccante. Se l'impedimento è agli arti inferiori o se il compagno di cordata si trova in condizioni tali da non poter scendere da solo, si realizza sulla corda doppia un freno-moschettone collegato all'imbracatura del ferito. Il soccorritore è collegato alla corda doppia con un'autobloccante Machard. Il collegamento col ferito avviene invece tramite un cordino lungo 2-2,5 m nel modo seguente: - un'estremità del cordino viene fissata al ferito con il nodo bulin in corrispondenza della chiusura della sua imbracatura; l'altra estremità del cordino viene fatta passare prima dietro la chiusura dell'imbracatura del soccorritore e poi su quella del ferito, dove viene fissata con l'asola di bloccaggio (fig. 8). Il soccorritore sistema il ferito davanti a sé, di traverso, e regola la calata facendo scorrere l'autobloccante che, se lasciato entrare in azione, ferma la discesa di entrambi. Giunti al termine della corda il soccorritore attrezza il successivo punto di fermata. Tenendo sempre caricata la corda doppia, tramite l'autobloccante, egli può eventualmente sganciarsi dal compagno, che lascerà sospeso alla stesa, ed effettuare così piccoli spostamenti. Dovendo effettuare spostamenti di una certa consistenza e non potendo tenere direttamente in tensione la corda, blocca il ferito realizzando un autobloccante sotto il freno-moschettone e collegandolo all imbracatura del ferito stesso. Realizzato l'ancoraggio, il soccorritore si autoassicura e assicura l'infortunato, usando il cordino che li collegava (rimasto appeso all'imbracatura di questo), effettuando un mezzo barcaiolo con asola di bloccaggio e controasola; ora può liberare la corda e, recuperatala, allestire una successiva doppia. Per ripartire il soccorritore comporrà prima il proprio Machard sulla corda, poi il freno-moschettone, al di sopra, a cui collegare il ferito. Il cordino è messo in posizione agendo con l'aiuto del mezzo barcaiolo eseguito sull'ancoraggio. Esso viene poi, usato come prima per riformare il collegamento tra i due alpinisti. Calata con giunzione delle corde Se la cordata è composta di tre elementi e quindi dispone di due corde, la manovra più vantaggiosa per un veloce rientro è la calata di soccorritore ed infortunato con una corda e all'occorrenza con la giunzione dell'altra a cura

10 del terzo componente. Questa manovra permette lunghe calate ed il controllo del ferito in ogni momento della discesa. La manovra deve essere conosciuta perfettamente e pertanto richiede frequenti esercitazioni e ripetizioni per collaudare la sua attuazione pratica. Vediamo innanzi tutto come collegare al soccorritore e all'infortunato la corda utilizzata per la calata: - l'infortunato viene legato direttamente all'imbracatura con l'estremità della corda; il soccorritore si collega alla stessa corda tramite uno spezzone di cordino (della lunghezza di circa 2 m) con nodo barcaiolo ed un moschettone che si aggancia ad un'asola (nodo delle guide con frizione) ricavata cm sopra il ferito (fig. 9). Il barcaiolo permette al soccorritore di regolare agevolmente la giusta posizione rispetto all'infortunato che tiene sulle spalle, facendo in modo che tutto il peso di questo sia caricato sulla corda. Egli può, inoltre, giunto al punto di sosta successivo, lasciarlo appeso alla corda e pur restando sempre assicurato, attrezzare un nuovo ancoraggio. Il ferito viene tenuto unito alle spalle del soccorritore mediante un anello di fettuccia incrociato ad otto (8) dietro la sua schiena. L'anello deve essere sufficientemente lungo da permettere ad entrambi di infilare le braccia nei due anelli dell'otto. Un'avvertenza importante e da tener ben presente è che ferito e soccorritore devono sempre e in ogni caso rimanere completamente appesi alla corda perché, in caso contrario un'eventuale loro fermata non verrebbe avvertita dal manovratore a causa dell'elasticità della corda che sarebbe lasciata scorrere causando, alla ripresa della discesa, un pericoloso salto. Il soccorritore deve in ogni caso essere in contatto con il manovratore in qualsiasi momento della calata. Vediamo ora la posizione e le operazioni che il manovratore dovrà compiere per effettuare la calata e la giunzione della corda. L'ancoraggio deve essere particolarmente robusto. La calata avviene per mezzo di un freno-moschettone doppio; la sicurezza si ottiene, come per le carrucole, con un autobloccante e un mezzo barcaiolo con asola di bloccaggio, realizzati con uno spezzone di mezza corda su uno degli ancoraggi. La discesa è controllata con entrambe le mani sulla corda in entrata, mentre l'autobloccante è tenuto allentato trattenendolo con un arto inferiore. Partendo da questa posizione, ecco ora la successione e le fasi della giunzione.

11 Figura 5

12 Figura 6

13 Figura 7

14 La giunzione delle due corde può essere effettuata prima di iniziare la calata (avendo l'accortezza di predisporre in ordine gli anelli di corda); qualora ciò non sia possibile si arresta la calata con un'asola di bloccaggio, e controasola, a circa 3-4 m dalla fine della corda, per poter così effettuare l'unione delle due corde e riprendere poi la calata, avendo sciolto l'asola di bloccaggio. - Quando la prima corda sta per finire, si mette in azione l'autobloccante in modo da scaricare sullo spezzone tutto il carico che grava sulla corda (fig. 10). Ora è possibile far passare il nodo di giunzione attraverso il freno-moschettone e realizzare, sotto di questo, un'asola di bloccaggio (fig. 11). Si scioglie l'asola di bloccaggio sullo spezzone, ed agendo sul mezzo barcaiolo si mette in tensione la corda di calata (fig. 12). Si allenta quindi l'autobloccante per farlo scorrere sopra il nodo di giunzione e si rimette lo spezzone nella posizione iniziale (fig. 13). Si scioglie infine l'asola di bloccaggio sulla corda di calata per riprendere la discesa (fig. 14).

15 Figura 8

16 Figura 9

17 Figura 10

18 Figura 11

19 Figura 12

CLUB ALPINO ITALIANO

CLUB ALPINO ITALIANO CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo e Sci Alpinismo Scuola centrale di Alpinismo Scuola centrale di Sci Alpinismo AGGIORNAMENTO SU TECNICHE E MANOVRE DI CORDA Approvato dalla

Dettagli

TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO

TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo e Sci Alpinismo Scuola Centrale di Alpinismo Scuola Centrale di Sci Alpinismo TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO Approvato dalla CNSASA il

Dettagli

SISTEMA VANZO. descrizione sequenza operativa

SISTEMA VANZO. descrizione sequenza operativa PARANCO MEZZO POLDO Il "mezzo Poldo" è un paranco utilizzato nella pratica alpinistica e scialpinistica, non è molto veloce ma garantisce il successo del recupero anche se ad agire si è da soli. Il "mezzo

Dettagli

Manovre di autosoccorso: Paranchi

Manovre di autosoccorso: Paranchi Angela Montanari Paranchi Pag. 1/8 Manovre di autosoccorso: Paranchi Recupero di ferito con paranco mezzo Poldo con piastrina. Questo sistema di recupero va adottato, oltre che in alpinismo su ghiaccio

Dettagli

AUTOSOCCORSO SU ROCCIA

AUTOSOCCORSO SU ROCCIA AUTOSOCCORSO SU ROCCIA LE OPERAZIONI SEGUENTI DEVONO ESSERE BEN CHIARE NELLA MENTE DI CHI LE ESEGUE E FRUTTO DI PERIODICHE ESERCITAZIONI, AFFINCHÈ NON SIANO CAUSA DI FATALI CONSEGUENZE, ALTRIMENTI FERMARSI

Dettagli

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE PER RIPASSARE NODI E MANOVRE COLLEGAMENTO DELLA CORDATA Nodo delle guide con frizione Detto anche nodo Savoia o Otto ripassato. Deve essere eseguito il più vicino possibile all'imbrago e possibilmente

Dettagli

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO CLU LPINO ITLINO C I CLU LPINO ITLINO E S C U RSIONISMO Club lpino Italiano SEZIONE DI TREGNGO Ettore Castiglioni CLU LPINO ITLINO CLU LPINO ITLINO SEZIONE DI TREGNGO Vicolo Cipolla, 20-37039 Tregnago

Dettagli

RECUPERO da CREPACCIO

RECUPERO da CREPACCIO recupero da crepaccio 1 RECUPERO da CREPACCIO G. Galli - maggio 2010 recupero da crepaccio 2 premessa 1 condizioni dell incidente la caduta in un crepaccio può verificarsi per un alpinista: legato e preventivamente

Dettagli

Corso Base di Alpinismo A1 2009-2010 DISPENSA SUI NODI

Corso Base di Alpinismo A1 2009-2010 DISPENSA SUI NODI SCUOLA INTERSEZIONALE SIBILLA DI ALPINISMO E SCIALPINISMO Corso Base di Alpinismo A1 2009-2010 DISPENSA SUI NODI NODI A cosa servono i nodi in Alpinismo? formare una cordata congiungere corde e chiudere

Dettagli

CDR LA SCALETTA DELLA SCALATA

CDR LA SCALETTA DELLA SCALATA CDR L E D I S P E N S E D E L C ORSO D I R O C C I A P R O G R E S S I O N E D E L L A C O R D A T A LA SCALETTA DELLA SCALATA Questa dispensa riporta in maniera schematica: 1. le fasi della progressione

Dettagli

NODI E CORDE APPUNTI

NODI E CORDE APPUNTI NODI E CORDE APPUNTI I NODI di base, pag.1 I NODI Autobloccanti, pag.5 I NODI per l imbragatura e la sicura, pag.7 I NODI di giunzione. pag.11 1 I nodi di base: Pagina quadro I nodi autobloccanti I nodi

Dettagli

LA QUASI TOTALITÀ DEL TESTO CONTENUTO IN QUESTA DISPENSA È STATO TRATTO DAI MANUALI DEL C.A.I. PREMESSA

LA QUASI TOTALITÀ DEL TESTO CONTENUTO IN QUESTA DISPENSA È STATO TRATTO DAI MANUALI DEL C.A.I. PREMESSA LA QUASI TOTALITÀ DEL TESTO CONTENUTO IN QUESTA DISPENSA È STATO TRATTO DAI MANUALI DEL C.A.I. ALPINISMO SU GHIACCIO E MISTO E ALPINISMO SU ROCCIA ; SONO STATE CAMBIATE LA QUASI TOTALITÀ DELLE FOTO ED

Dettagli

Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e di Arrampicata Libera Cosimo Zappelli Sezioni C.A.I. M. Bacci Viareggio - E.

Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e di Arrampicata Libera Cosimo Zappelli Sezioni C.A.I. M. Bacci Viareggio - E. Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e di Arrampicata Libera Cosimo Zappelli Sezioni C.A.I. M. Bacci Viareggio - E. Bertini Prato La parola chiave in montagna è Sicurezza 2 Materiale I cordini e i

Dettagli

La "sosta classica" Nella "sosta classica", i due ancoraggi sono collegati tra loro con due moschettoni ed un anello di cordino.

La sosta classica Nella sosta classica, i due ancoraggi sono collegati tra loro con due moschettoni ed un anello di cordino. La "sosta classica" 6 aprile 2005 La progressione della cordata su una parete è caratterizzata dal movimento non contemporaneo degli alpinisti. Durante la progressione della cordata, la sosta è il punto

Dettagli

Le Fasi della manovra sono:

Le Fasi della manovra sono: È indispensabile per una questione di sicurezza imparare a svolgere la manovra seguendo una sequenza di operazioni predeterminate. Le Fasi della manovra sono: 1. Auto-assicurazione 2. Predisposizione dell'ancoraggio

Dettagli

Nodi e Manovre per l Escursionismo C.A.I. Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento. Sommario

Nodi e Manovre per l Escursionismo C.A.I. Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento. Sommario Club Alpino Italiano Sezione di Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento Nodi e Manovre per l Escursionismo Sommario Introduzione... 3 1. Nodi per legarsi... 4 1.1. Nodo delle Guide... 4 1.2. Nodo a

Dettagli

VIA FERRATA. Premessa

VIA FERRATA. Premessa VIA FERRATA Premessa Una via ferrata è un percorso in parete, attrezzato con infissi metallici (fittoni, cavi d acciaio, gradini, scale, ponti, ecc) da utilizzare per la progressione. Questo tipo d attrezzatura

Dettagli

CORSO DI ALPINISMO Dispensa informativa sulla progressione su ghiacciaio

CORSO DI ALPINISMO Dispensa informativa sulla progressione su ghiacciaio CORSO DI ALPINISMO Dispensa informativa sulla progressione su ghiacciaio INTRODUZIONE La conoscenza della neve e dei fenomeni legati alla sua trasformazione e l'esperienza di numerose ascensioni non sono

Dettagli

Schede tecniche per lavoro su funi

Schede tecniche per lavoro su funi Schede tecniche per lavoro su funi Tecniche e materiali per i lavori in quota nell attività di soccorso, quadro didattico ANVVFC,, Presidenza Nazionale, marzo 2008 pag 1 Scheda : 0 PRINCIPI GENERALI: lavori

Dettagli

Tike Saab guide alpine

Tike Saab guide alpine Tike Saab guide alpine Arrampicata su roccia e vie ferrate Dalla mia esperienza di guida alpina ho cercato di sintetizzare al massimo le cose più utili e necessarie per iniziare a frequentare la montagna

Dettagli

Collegio Provinciale delle Guide Alpine Provincia Autonoma di Bolzano

Collegio Provinciale delle Guide Alpine Provincia Autonoma di Bolzano Collegio Provinciale delle Guide Alpine Provincia Autonoma di Bolzano Maurizio Lutzenberger Tecniche di corda per la guida alpina. Edizione 2002 Tecniche di corda per la guida alpina. 1. Corde, fettucce

Dettagli

AUTO SOCCORSO in parete CORSO di Tecniche e Manovre

AUTO SOCCORSO in parete CORSO di Tecniche e Manovre AUTO SOCCORSO in parete CORSO di Tecniche e Manovre Diamo pure per scontato, e già questo è un azzardo, che sappiate che passare da una situazione orizzontale, condizione che consideriamo normale, ad una

Dettagli

Ancoraggi e tecniche di assicurazione

Ancoraggi e tecniche di assicurazione Scuola di Alpinismo e Scialpinismo FALC CORSO DI ALPINISMO AVANZATO A2 2012 Ancoraggi e tecniche di assicurazione Claudio Caldini (INSA) Ramon Maj (IA) Ancoraggi su roccia Ancoraggi naturali spuntoni,

Dettagli

SCUOLA DI SPELEOLOGIA C. FINOCCHIARIO Corso Base di speleologia 2015 DISPENSA SUI NODI

SCUOLA DI SPELEOLOGIA C. FINOCCHIARIO Corso Base di speleologia 2015 DISPENSA SUI NODI SCUOLA DI SPELEOLOGIA C. FINOCCHIARIO Corso Base di speleologia 2015 DISPENSA SUI NODI I nodi si possono definire come una manovra che sfruttando la somma degli attriti rende solidali due corde o la corda

Dettagli

Progressione della cordata Catena e tecniche di assicurazione

Progressione della cordata Catena e tecniche di assicurazione 11 Corso di Alpinismo su Roccia 2013 Scuola permanente di Alpinismo «Cosimo Zappelli» Progressione della cordata Catena e tecniche di assicurazione a cura di Claudio Luperini Stasera parleremo di: _ come

Dettagli

Corso di Alpinismo Dispensa informativa sulla progressione su roccia

Corso di Alpinismo Dispensa informativa sulla progressione su roccia Paolo Gaetani, Marcello Meroni 17/06/2003 Corso di Alpinismo Dispensa informativa sulla progressione su roccia INDICE INTRODUZIONE...1 1. PREPARAZIONE DELLA CORDATA...2 2. COME LEGARSI IN CORDATA...2 3.

Dettagli

Presidenza Nazionale ANVVFC

Presidenza Nazionale ANVVFC Associazione Nazionale Vigili del Fuoco in Congedo Volontariato e Protezione Civile Presidenza Nazionale ANVVFC AI COMITATI PROVINCIALI LORO SEDE AI COMITATI REGIONALI LORO SEDE OGGETTO: Corsi di formazione.

Dettagli

PROGRESSIONE IN CONSERVA CON MINORI

PROGRESSIONE IN CONSERVA CON MINORI 2012 CAI - Scuola Centrale di Alpinismo Giovanile PROGRESSIONE IN CONSERVA CON MINORI Dispensa di Alpinismo Giovanile edita nel mese di settembre 2012 a cura della Scuola Centrale di Alpinismo Giovanile.

Dettagli

La Catena di Assicurazione (CdA)

La Catena di Assicurazione (CdA) La Catena di Assicurazione (CdA) Agenda: Richiami di fisica I materiali che compongono la CdA Ancoraggi e soste Tecniche di assicurazione Cos e È l insieme degli elementi che permettono, in caso di caduta,

Dettagli

GUIDA TASCABILE SUL SALVATAGGIO

GUIDA TASCABILE SUL SALVATAGGIO GUIDA TASCABILE SUL SALVATAGGIO INTRODUZIONE I dispositivi di salvataggio Miller by Sperian offrono una totale sicurezza per le vostre operazioni in altezza. Questa guida è stata studiata come complemento

Dettagli

Parte 2: Considerazioni e proposte

Parte 2: Considerazioni e proposte Soste tipologiedisostein paretea confronto Parte 2: Considerazioni e proposte V. Bedogni¹, G. Bressan¹-², C. Melchiorri¹-², C. Zanantoni¹ 1 --- CSMT, 2 --- SCA CasiAnalizzati Il CSMT e la SCA hanno da

Dettagli

In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE

In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE La sicurezza sui sentieri attrezzati: materiali e tecniche Con la collaborazione del Centro Studi Materiali e Tecniche. Questo documento riporta

Dettagli

Nomenclatura: DORMIENTE: l'estremità della corda che nell'esecuzione del nodo viene tenuta ferma; CORRENTE: l'estremità che viene fatta girare.

Nomenclatura: DORMIENTE: l'estremità della corda che nell'esecuzione del nodo viene tenuta ferma; CORRENTE: l'estremità che viene fatta girare. Gruppo scout Pieve di Cento I I PRIMI NODI Nomenclatura: DORMIENTE: l'estremità della corda che nell'esecuzione del nodo viene tenuta ferma; CORRENTE: l'estremità che viene fatta girare. Nodo semplice

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE.

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE. I componenti la catena di assicurazione li possiamo individuare semplicemente negli elementi che insieme concorrono alla sicurezza della cordata, ovviamente in caso di caduta. Gli elementi quali corda,

Dettagli

Collegamento degli ancoraggi Confronto tra le tecniche di assicurazione

Collegamento degli ancoraggi Confronto tra le tecniche di assicurazione Collegamento degli ancoraggi Confronto tra le tecniche di assicurazione ATTENZIONE Il materiale di questo "pdf" è una parte del PowerPoint "Soste e tecniche di assicurazione -2013" che trovate nel DVD

Dettagli

Ente Scuola per l Addestramento Professionale Edile

Ente Scuola per l Addestramento Professionale Edile Ente Scuola per l Addestramento Professionale Edile (Costituito ai sensi dell art. 93 del C.C.N.L. 05.07. 95 per imprese edili ed affini e dagli accordi collettivi provinciali) CORSO PER ADDETTO MONTAGGIO,

Dettagli

GRUPPO RAGNI DELLA GRIGNETTA SCUOLA D ALPINISMO 60 CORSO ROCCIA 2012

GRUPPO RAGNI DELLA GRIGNETTA SCUOLA D ALPINISMO 60 CORSO ROCCIA 2012 Lezioni Pratiche GRUPPO RAGNI DELLA GRIGNETTA SCUOLA D ALPINISMO 60 CORSO ROCCIA 2012 Sabato 5 maggio Barzio Ritrovo: ore 8.00 c/o parcheggio Domenica 6 maggio Barzio Ritrovo: ore 8.00 c/o parcheggio Domenica

Dettagli

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA Prima dell uso occorre predisporre una procedura per il recupero

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE Parte I materiali

LA CATENA DI ASSICURAZIONE Parte I materiali Scuola Inter - Sezionale di Alpinismo e Scialpinismo G. Ribaldone LA CATENA DI ASSICURAZIONE Parte I materiali Alessandro Co' - Raffaele Pagliano Che cos'è la Catena di Assicurazione? E' un insieme di

Dettagli

Catena di assicurazione

Catena di assicurazione 12 Corso di Roccia 2015 Scuola permanente di Alpinismo «Cosimo Zappelli» 9 aprile 2015 Catena di assicurazione lezione a cura di Sergio Pistolesi - slide di Claudio Luperini Stasera parleremo di: catena

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO SCUOLA DI ALPINISMO E SCIALPINISMO SILVIO SAGLIO - MILANO

CLUB ALPINO ITALIANO SCUOLA DI ALPINISMO E SCIALPINISMO SILVIO SAGLIO - MILANO Questa dispensa è dedicata all impegno, appassionato e competente, di un amico e di un compagno di cordata, Marcello Meroni (INA) Ultimo aggiornamento e revisione: Massimo Pantani (INA, CLSASA) Sett 2010

Dettagli

2015 CLIMBING EQUIPMENT

2015 CLIMBING EQUIPMENT 2015 CLIMBING EQUIPMENT CLIMBING PASSION Climbing Technology (CT) è il marchio commerciale di Aludesign S.p.A., azienda con quasi 30 anni di esperienza internazionale nella progettazione e produzione di

Dettagli

Linee guida per prima emergenza e salvataggio

Linee guida per prima emergenza e salvataggio PIMUS Linee guida per prima emergenza e salvataggio Tecniche e materiali per i lavori in quota nell attività di soccorso, quadro didattico ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 1 Emergenza e

Dettagli

PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA

PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA Dispensa informativa sulla PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA Nota: questa dispensa e stata realizzata a cura di M.Meroni e L.Castelli ed e frutto sia dell esperienza degli istruttori della Scuola

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

DISPOSITIVI ANTICADUTA

DISPOSITIVI ANTICADUTA DISPOSITIVI 3 Normative EN Anticaduta La base di un sistema individuale di protezione anticaduta Punto di ancoraggio e connettore Punto di ancoraggio: punto in cui il sistema di protezione anticaduta è

Dettagli

I metodi di assicurazione dinamica

I metodi di assicurazione dinamica Club lpino Italiano Commissione Materiali e Tecniche I metodi di assicurazione dinamica Giuliano Bressan CMT - CI contenuto: lcuni concetti base Tecniche di assicurazione - generalità ssicurazione CLSSIC

Dettagli

Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici

Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici Tractel Italiana www.tractel.edilio.it SICUREZZA Sistemi anticaduta per lavori in quota Per installare una parabola su un tetto oppure su superfici non protette, la cui altezza dal suolo è maggiore di

Dettagli

ANCORAGGI SOSTE INDICE DELLA SERATA TECNICHE DI ASSICURAZIONE DISCESA IN CORDA DOPPIA. Ancoraggi e soste Tecniche di assicurazione La corda doppia

ANCORAGGI SOSTE INDICE DELLA SERATA TECNICHE DI ASSICURAZIONE DISCESA IN CORDA DOPPIA. Ancoraggi e soste Tecniche di assicurazione La corda doppia ANCORAGGI SOSTE TECNICHE DI ASSICURAZIONE DISCESA IN CORDA DOPPIA (CAPP. 4-5-6 MANUALE GHIACCIO VERTICALE) INDICE DELLA SERATA Ancoraggi e soste Tecniche di assicurazione La corda doppia 1 ANCORAGGI Ancoraggi

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

-IDROLOGIA -MANOVRE DI CORDA

-IDROLOGIA -MANOVRE DI CORDA 7/1/1 -IDROLOGIA -MANOVRE DI CORDA versione 1.1 novembre 14-SANDRO DEMELAS Il Regime idrologico in Sardegna, l esempio del Flumendosa. Regime del Flumendosa(196/7) 1 1 VARIABILITA STAGIONALE 1 3 4 6 7

Dettagli

La catena di assicurazione in ferrata

La catena di assicurazione in ferrata Club Alpino Italiano Sezione Pontedera Scuola Cosimo Zappelli Scuola Lucca Scuola Alpi Apuane Corso monotematico su vie ferrate 2013 (M-F1) La catena di assicurazione in ferrata giovedì 9 maggio 2013 a

Dettagli

Tecniche di Assicurazione: confronto tra classica e ventrale

Tecniche di Assicurazione: confronto tra classica e ventrale Club Alpino Italiano Commissione Centrale Materiali e Tecniche Tecniche di Assicurazione: confronto tra classica e ventrale A cura di Giuliano Bressan, Claudio Melchiorri 1/65 Nota introduttiva Questo

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA

CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA Considerazioni sui metodi di contenimento delle sollecitazioni durante la caduta nell arrampicata libera Gola di Gorropu LA CATENA DI ASSICURAZIONE

Dettagli

Manovre di corda (Febbraio 2009)

Manovre di corda (Febbraio 2009) Manovre di corda (Febbraio 2009) Prefazione Le manovre di corda fanno parte del DNA degli alpinisti e degli speleologi. In questo breve trattato sono presentate le sole manovre di base che possono rendersi

Dettagli

(FAQ) ANTICADUTA. Catalogo on-line www.iapir.it DA OLTRE 40 ANNI LA SICUREZZA IN ITALIA

(FAQ) ANTICADUTA. Catalogo on-line www.iapir.it DA OLTRE 40 ANNI LA SICUREZZA IN ITALIA (FAQ) ANTICADUTA Che cos è un impatto d urto? All'arresto di una caduta l'operatore subisce un impatto d'urto che può provocare delle lesioni. 400 dan : comparsa di postumi cervicali 600 dan : soglia accettabile

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE. Lezione a cura di Torrini Andrea

LA CATENA DI ASSICURAZIONE. Lezione a cura di Torrini Andrea LA CATENA DI ASSICURAZIONE Lezione a cura di Torrini Andrea PARLEREMO IN QUESTA LEZIONE DI: Significato di CATENA DI ASSICURAZIONE Dimensionamento della CATENA DI ASSICURAZIONE Forza di Arresto Fattore

Dettagli

Dispositivi di protezione individuale anticaduta

Dispositivi di protezione individuale anticaduta Dispositivi di protezione individuale anticaduta Sommario 1 Principi di sicurezza 3 2 Dissipazione dell energia cinetica 4 3 Dispositivi di protezione individuale (DPI) anticaduta 5 3.1 Imbracature anticaduta

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO CORSO A.S.E.

CLUB ALPINO ITALIANO CORSO A.S.E. S.R.E. - SCUOLA REGIONALE ESCURSIONISMO CLUB ALPINO ITALIANO CORSO A.S.E. D ESCURSIONISMO BIENNO 2010 ABBIGLIAMENTO EQUIPAGGIAMENTO ATTREZZATURA CATENA DI SICUREZZA CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI ESCURSIONISTICI

Dettagli

Metodi di scalata, accesso, spostamento, posizionamento sul posto di lavoro in quota. Metodi di soccorso in quota

Metodi di scalata, accesso, spostamento, posizionamento sul posto di lavoro in quota. Metodi di soccorso in quota Metodi di scalata, accesso, spostamento, posizionamento sul posto di lavoro in quota. Metodi di soccorso in quota Gennaio 2015 ELETTRODOTTI AEREI Metodi di Scalata, Accesso, Spostamento, Posizionamento

Dettagli

Corso di Arrampicata Libera

Corso di Arrampicata Libera Scuola di Alpinismo, Sci Alpinismo e Arrampicata Libera BISMANTOVA Scuola delle sezioni CAI di Reggio Emilia, Sassuolo e Castelnovo ne Monti Corso di Arrampicata Libera organizzato presso la Sezione di

Dettagli

CORSO per LAVORATORI ADDETTI ai SISTEMI di ACCESSO e POSIZIONAMENTO mediante FUNI. A cura di

CORSO per LAVORATORI ADDETTI ai SISTEMI di ACCESSO e POSIZIONAMENTO mediante FUNI. A cura di CORSO per LAVORATORI ADDETTI ai SISTEMI di ACCESSO e POSIZIONAMENTO mediante FUNI A cura di Legge 2 gennaio 1989, n. 6 Ordinamento della professione di Guida Alpina È Guida Alpina chi svolge professionalmente

Dettagli

Le tecniche di assicurazione in parete

Le tecniche di assicurazione in parete Club Alpino Italiano Commissione Centrale Materiali e Tecniche Le tecniche di assicurazione in parete a cura di: Vittorio Bedogni, Giuliano Bressan, Claudio Melchiorri, Gigi Signoretti, Carlo Zanantoni

Dettagli

La sicurezza delle manutenzioni in quota degli edifici 20 giugno 2013 COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO B E L L U N O

La sicurezza delle manutenzioni in quota degli edifici 20 giugno 2013 COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO B E L L U N O La sicurezza delle manutenzioni in quota degli edifici 20 giugno 2013 Alcuni scenari Alcuni scenari Alcuni scenari Alcuni scenari Alcuni scenari Alcuni dati INTERVENTI IN ITALIA 736.673 Infortuni 202 Decessi

Dettagli

INDICAZIONI PER LA REVISIONE ANNUALE DEI DPI TRACTEL

INDICAZIONI PER LA REVISIONE ANNUALE DEI DPI TRACTEL INDICAZIONI PER LA REVISIONE ANNUALE DEI DPI TRACTEL 1 2 4 5 6 7 3 DURATA DI VITA E REVISIONI ANNUALI D.P.I. ANTICADUTA INDICAZIONI PRIORITARIE Durata di vita dei prodotti: Ogni DPI anticaduta ha una durata

Dettagli

LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta

LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta Lucca 1-06 - 2010 Stefano Cesari Amorini Srl - Perugia Lavoro in quota: le variabili per individuare il metodo di accesso

Dettagli

Dispositivi iti NON rmanenti PROVVISORI

Dispositivi iti NON rmanenti PROVVISORI Dispositivi NON permanenti PROVVISORI PIATTAFORME AEREE: dispositivo per il lavoro in quota efficace e di immediato impiego, non richiede attività preparatoria a terra o sulla facciata (a parte la delimitazione

Dettagli

ADDETTI AI SISTEMI DI ACCESSO E POSIZIONAMENTO MEDIANTE FUNI

ADDETTI AI SISTEMI DI ACCESSO E POSIZIONAMENTO MEDIANTE FUNI UFFICIO GUIDE SCUOLA DI ALPINISMO a.s.d. trekking alpinismo avventura c/o Libreria Stella Alpina Via Corridoni 14 b/r Firenze - Tel. 055-411.688 fax 055-6531.854 Partita IVA 05441240487 - c.f. 94115740485

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE GUIDE ALPINE ORTLER - CEVEDALE. Scuola di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata. www.guidealpine.biz

CORSI DI FORMAZIONE GUIDE ALPINE ORTLER - CEVEDALE. Scuola di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata. www.guidealpine.biz CORSI DI FORMAZIONE Scuola di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata GUIDE ALPINE ORTLER - CEVEDALE www.guidealpine.biz Premesse comuni a tutte le attività di formazione Ogni impresa ha il proprio modo

Dettagli

GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO. a cura di Federico Battaglin www.febat.com. Grotta Bortolomiol. Località: Borri. Valdobbiadene (Tv)

GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO. a cura di Federico Battaglin www.febat.com. Grotta Bortolomiol. Località: Borri. Valdobbiadene (Tv) 1 GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO a cura di Federico Battaglin www.febat.com La Grotta Bortolomiol è la maggiore verticale della zona montuosa la cui elevazione massima è Monte Cesen, proprio sopra al

Dettagli

ME52 - Cordino con assorbitore di energia - fune da 2m. ME51 - Cordino con assorbitore di energia

ME52 - Cordino con assorbitore di energia - fune da 2m. ME51 - Cordino con assorbitore di energia ME52 - Cordino con assorbitore di energia - fune da 2m ME51 - Cordino con assorbitore di energia Cordini a nastro con assorbitore di energia Miller (EUR) Cordini elastico con assorbitore di energia Miller

Dettagli

Sekure Srl Via Thomas Edison, n 4 35012 Camposampiero (PD) P. IVA 04632690287 R.E.A. PD- 405763 Iscrizione CCIAA n T99593501

Sekure Srl Via Thomas Edison, n 4 35012 Camposampiero (PD) P. IVA 04632690287 R.E.A. PD- 405763 Iscrizione CCIAA n T99593501 CS001 Corso: lavori in quota DPI anticaduta III cat. - 8 ore EURO 300 Il corso di formazione è rivolto al personale con esposizione a rischio di caduta dall alto, già in possesso di formazione di base

Dettagli

PREDISPOSIZIONE DI SOSTE IN ALPINISMO E IN ARRAMPICATA

PREDISPOSIZIONE DI SOSTE IN ALPINISMO E IN ARRAMPICATA PREDISPOSIZIONE DI SOSTE IN ALPINISMO E IN ARRAMPICATA Marzo 2006 - Revisionato e formattato, per la Scuola di Alpinismo e Scialpinismo Silvio Saglio - SEM Milano, da Massimo Pantani - INA (CLSASA) - sulla

Dettagli

Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva e il trekking.

Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva e il trekking. Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva e il trekking. L associazione DirezioneVerticale, impegnata, nello sviluppo e nella valorizzazione del territorio

Dettagli

Corso Montaggio Tende

Corso Montaggio Tende Montaggio della tenda Ministeriale P.I. M88 Caratteristiche generali della tenda modello P.I. M88: Dimensioni pianta: 455 cm x 620 cm. Peso: 230 Kg. Può essere montata da DUE persone in un ora circa. Si

Dettagli

Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva.

Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva. Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva. L associazione DirezioneVerticale, impegnata nello sviluppo e nella valorizzazione del territorio Ambientale

Dettagli

Tecnosad nasce nel 1998 con il preciso intento di migliorare l efficienza e la qualità degli strumenti di movimentazione riferiti alla persona

Tecnosad nasce nel 1998 con il preciso intento di migliorare l efficienza e la qualità degli strumenti di movimentazione riferiti alla persona Tecnosad nasce nel 1998 con il preciso intento di migliorare l efficienza e la qualità degli strumenti di movimentazione riferiti alla persona assistita o non autosufficiente. Chi deve assistere una persona

Dettagli

Regolamento d uso. I frequentatori del Centro d Arrampicata sono pregati di non cambiarsi fuori dagli spogliatoi.

Regolamento d uso. I frequentatori del Centro d Arrampicata sono pregati di non cambiarsi fuori dagli spogliatoi. Centro d`arrampicata Bressanone Centro d`arrampicata Brunico Regolamento d uso I Centri d arrampicata Bressanone e Brunico sono impianti sportivi per praticare l arrampicata in palestra in modo sicuro

Dettagli

PULITE, TRASPARENTI, ARENTI, LUMINOSE MANUTENZIONE FACCIATE

PULITE, TRASPARENTI, ARENTI, LUMINOSE MANUTENZIONE FACCIATE Tecniche & Prodotti MANUTENZIONE FACCIATE PULITE, TRASPARENTI, ARENTI, LUMINOSE Autogru, piattaforme, passerelle, ganci e strutture per scalatori. Ecco tutti i sistemi per realizzare interventi di manutenzione

Dettagli

Il corpo, per quello che riguarda il nostro argomento, è formato fondamentalmente dalle seguenti strutture:

Il corpo, per quello che riguarda il nostro argomento, è formato fondamentalmente dalle seguenti strutture: Premessa Andare sugli sci è un po come andare in bicicletta: non si dimentica mai. Lo sci è uno sport tecnico, quindi anche un soggetto non preparato dal punto di vista fisico, ma che possiede una buona

Dettagli

Cinture di sicurezza

Cinture di sicurezza Cinture di sicurezza Sommario Principi di sicurezza delle persone Dissipazione dell energia cinetica Dispositivi di protezione individuale (DPI) anticaduta 5. Imbracatura per il corpo 5. Cinture di posizionamento

Dettagli

Sommario. Telecomunicazioni e Aziende di pubblica utilità 40. Potatura alberi 54. Accesso tecnico e Salvataggio 62. Formazione 73.

Sommario. Telecomunicazioni e Aziende di pubblica utilità 40. Potatura alberi 54. Accesso tecnico e Salvataggio 62. Formazione 73. ANTICADUTA 2008 Sommario Miller by Sperian Sinonimo di qualità 3 Concetti base della protezione anticaduta 4 Concetti base dei sistemi 4 Normativa sulla protezione anticaduta 6 Caratteristiche fondamentali

Dettagli

AK350 IMBRACATURA EXCLUSIVE EN361

AK350 IMBRACATURA EXCLUSIVE EN361 ANTICADUTA LINEA AKROBAT EXCLUSIVE Un ulteriore passo in avanti nel processo di sviluppo tecnico di AKROBAT, in linea con le richieste degli utilizzatori più esigenti e attenti alle novità. Nei dettagli

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO?

COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO? COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO? FASE DI LAVORO: MANUTENZIONE IMPIANTI EDIFICI e COPERTURE ELEMENTI CONDIZIONANTI EDIFICI e COPERTURE ELEMENTI CONDIZIONANTI OBIETTIVO MANUTENZIONI IN SICUREZZA ELABORATO TECNICO

Dettagli

Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795

Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795 Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795 363 Sistemi di arresto caduta (2002) 517 Ganci di sicurezza da tetto (1998) 795 Dispositivi di ancoraggio (2002) Sistema di arresto caduta UNI EN 363

Dettagli

'Scale con sistema di ancoraggio'

'Scale con sistema di ancoraggio' AM.SA s.r.l. Telefono 011 22.22.227 Fax 011 26.25.755 E-mail info@am-sa.it Sito www.am-sa.it Manuale di posa, uso e manutenzione 'Scale con sistema di ancoraggio' DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO CONFORME ALLA

Dettagli

Articolo CE/FV 2000 CE/FV 2000-2 CE/FV 2000-4 CE/FLV 1000. Articolo CE/DLL/C50/MT02 CE/DLL/C50/MT03 CE/DLL/C50/MT04

Articolo CE/FV 2000 CE/FV 2000-2 CE/FV 2000-4 CE/FLV 1000. Articolo CE/DLL/C50/MT02 CE/DLL/C50/MT03 CE/DLL/C50/MT04 FUNE TONDA AD ANELLO Le funi tonde ad anello vengono realizzate adoperando come materia base una matassa di filato, leggermente ritorta, la quale viene avvolta senza interruzione fino ad ottenere la matassa

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Servizio Antincendi e Protezione Civile Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 Osservatorio sugli Infortuni dei Vigili del Fuoco Documento n. 2/2007 maggio 2007 DISPOSITIVI

Dettagli

Rischio di caduta: Dispositivo di protezione individuale (DPI) Manuale per dipendenti e lavoratori

Rischio di caduta: Dispositivo di protezione individuale (DPI) Manuale per dipendenti e lavoratori Rischio di caduta: Dispositivo di protezione individuale (DPI) Manuale per dipendenti e lavoratori Introduzione In Svizzera si verificano ogni anno 9.000 incidenti professionali che portano in media a

Dettagli

AIR RESCUE EVO 03.12.14

AIR RESCUE EVO 03.12.14 AIR RESCUE EVO 03.12.14 2982 AIR RESCUE EVO ref.298201 ref.298202 A EN 813 - EN 12277 TEAM RESCUE L evoluzione CAMP dell imbracatura per il Soccorso Alpino e l'elisoccorso. Costituita da una imbracatura

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO

RISCHIO CADUTA DALL ALTO MICHELE SANGINISI RISCHIO CADUTA DALL ALTO DAI PONTEGGI METALLICI FISSI @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on line: filodiretto con gli autori le

Dettagli

LINEA GUIDA OPERATORI SU FUNI QUALIFICATI AIOLAF

LINEA GUIDA OPERATORI SU FUNI QUALIFICATI AIOLAF LINEA GUIDA OPERATORI SU FUNI QUALIFICATI AIOLAF Documento tecnico redatto dal ComitatoTecnico Scientifico di AIOLaF e approvato dall Assemblea del 26.11.2014. Componenti Primo Baravelli Enrico Bernardi

Dettagli

40% CADUTA DALL ALTO 20% INVESTIMENTO-MACCHINE 15% SEPPELLIMENTO 10% CADUTA DALL ALTO DI MATERIALI 8% ELETTROCUZIONE 40% 20% 15% 10% 8% 7%

40% CADUTA DALL ALTO 20% INVESTIMENTO-MACCHINE 15% SEPPELLIMENTO 10% CADUTA DALL ALTO DI MATERIALI 8% ELETTROCUZIONE 40% 20% 15% 10% 8% 7% DPI ANTICADUTA CASISTICA INFORTUNI 40% CADUTA DALL ALTO 20% INVESTIMENTO-MACCHINE 15% SEPPELLIMENTO 10% CADUTA DALL ALTO DI MATERIALI 8% ELETTROCUZIONE D P I A N T I C A D U T A 40% 20% 15% 10% 8% 7% Principi

Dettagli

Cinture e cordini per il posizionamento sul lavoro Cinture con cosciali

Cinture e cordini per il posizionamento sul lavoro Cinture con cosciali DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO EN 341 Dispositivi di discesa EN 353-1 Dispositivi anticaduta di tipo guidato su una linea di ancoraggio rigida EN 353-2 Dispositivi anticaduta

Dettagli

ISTRUZIONI D USO E MONTAGGIO MediSave G + MediSave GLV MediSave + MediSave LV

ISTRUZIONI D USO E MONTAGGIO MediSave G + MediSave GLV MediSave + MediSave LV ISTRUZIONI D USO E MONTAGGIO G + GLV + LV 1 www.seic.it Sommario Descrizione / Numero di utilizzatori......................... 3 Utilizzatori dei dispositivi anticaduta.......................... 4 Verifiche

Dettagli

CATALOGO. Global Safety S.r.l. Anticaduta

CATALOGO. Global Safety S.r.l. Anticaduta CATALOGO Global Safety S.r.l. Via Commercio, 2 15068 Pozzolo Formigaro (AL) Tel: 0143-1437124 Fax: 0143-1437119 info@globalsafetysrl.com www. globalsafetysrl.com P.I. 02386530063 Anticaduta Normative EN

Dettagli

Cod. commessa P -11-023. Tecnici. Ing. Christian Zanol Ing. Mattia Gasperini

Cod. commessa P -11-023. Tecnici. Ing. Christian Zanol Ing. Mattia Gasperini Committente COMUNE DI LASINO Piazza Degasperi, 25 38076 Lasino (TN) Oggetto Realizzazione di un impianto fotovoltaico sulla copertura della scuola elementare di Lasino Progetto esecutivo FASCICOLO TECNICO

Dettagli

LINEA GUIDA PER L ESECUZIONE DI LAVORI TEMPORANEI IN QUOTA CON L IMPIEGO DI SISTEMI DI ACCESSO E POSIZIONAMENTO MEDIANTE FUNI

LINEA GUIDA PER L ESECUZIONE DI LAVORI TEMPORANEI IN QUOTA CON L IMPIEGO DI SISTEMI DI ACCESSO E POSIZIONAMENTO MEDIANTE FUNI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Dipartimento per le Politiche del Lavoro e dell Occupazione e Tutela dei Lavoratori DIREZIONE GENERALE DELLA TUTELA DELLE CONDIZIONI DI LAVORO DIV. VII -

Dettagli

Bloccanti discensori

Bloccanti discensori Microcender Bloccanti discensori Micrograb Lift Bloccanti discensori 19 Bloccante PETZL per corda singola da 9 a 13 mm di diametro. Dotato di sistema di apertura rapido CE EN567 AM-B54 66,00 Bloccante

Dettagli