STATO CITTA DEL VATICANO NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STATO CITTA DEL VATICANO NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO"

Transcript

1 STATO CITTA DEL VATICANO NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

2 Legge monetaria 31/12/1930, n. 12 adozione lira Convenzione monetaria 29/12/2000 adozione Euro con legge (vaticana) 26/07/2001, n. CCCLVIII Nuova Convenzione monetaria 17/12/2009 lo SCV, entro il 31/12/2010, assume l impegno di adottare tutte le misure necessarie per adeguare il proprio ordinamento (art. 8): 1) agli atti giuridici dell UE in materia di banconote e monete in euro; 2) alle direttive in materia di prevenzione e contrasto del riciclaggio di denaro, della frode e falsificazione di mezzi di pagamento.

3 Legge n. CXXVII, 30 dicembre 2010 della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano, Sulla prevenzione ed il contrasto del riciclaggio dei proventi di attività criminose e del finanziamento del terrorismo Legge n. CXXVIII, 30 dicembre 2010 della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano, Sulla frode e contraffazione di banconote e monete in euro Legge n. CXXIX, 30 dicembre 2010 della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano, riguardante la faccia, i valori unitari e le specificazioni tecniche, nonché la titolarità dei diritti d autore sulle facce nazionali delle monete in euro destinate alla circolazione Legge n. CXXX, 30 dicembre 2010 della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano, relativa a tagli, specifiche, riproduzione, sostituzione e ritiro delle banconote in euro e sull applicazione dei provvedimenti diretti a contrastare riproduzioni irregolari di banconote in euro e alla sostituzione e al ritiro di banconote in euro

4 30 dicembre 2010 Papa Benedetto XVI Lett. Ap. in forma di Motu Proprio La Sede Apostolica, per la prevenzione ed il contrasto delle attività illegali in campo finanziario e monetario stabilisce che la Legge CXXVII e le sue future modificazioni abbiano vigenza anche per i Dicasteri della Curia Romana e per tutti gli Organismi ed Enti dipendenti dalla Santa Sede ove essi svolgano le attività economico finanziarie rilevanti a fini antiriciclaggio; costituisce l Autorità di Informazione Finanziaria (AIF) e approva lo Statuto, promulgato insieme al Motu Proprio

5 stabilisce che l Autorità di Informazione Finanziaria (AIF) eserciti i suoi compiti nei confronti dei Dicasteri della Curia Romana e di tutti gli Organismi ed Enti che svolgano le attività indicate all art. 2 della medesima Legge (prevenzione riciclaggio e finanziamento terrorismo) delega, limitatamente alle ipotesi delittuose di cui alla suddetta Legge, i competenti organi giudiziari dello Stato della Città del Vaticano ad esercitare la giurisdizione penale nei confronti dei Dicasteri della Curia Romana di tutti gli Organismi ed Enti che svolgano le attività indicate al citato art. 2 estensione giurisdizione penale vaticana

6 Decreto n. CLIX, 25 gennaio 2012 del Presidente del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, con il quale sono promulgate modifiche e integrazioni alla legge n. CXXVII del 30 dicembre 2010 Legge n. CLXVI, 24 aprile 2012 della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano, (di conferma del decreto del Presidente del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, 25 gennaio 2012)

7 Nuova definizione reato di riciclaggio e autoriciclaggio (art. 3 che introduce nel Cod. penale vaticano l art. 421 bis) Modifiche al Codice penale vaticano obsoleto (introduzione del capo V, libro II, titolo I: Misure per prevenire e contrastare il terrorismo ) Introduzione responsabilità amministrativa delle persone giuridiche (art. 42 bis) Ridimensionamento dei poteri di vigilanza e controllo dell AIF (art. 2 septies)

8 11 luglio 2013 ampia riforma sistema leggi penali (Papa Francesco) Legge n. VIII, della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano, recante norme complementari in materia penale Legge n. IX, della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano, recante modifiche al codice penale e al Codice di procedura penale Legge n. X, della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano, recante norme generali in materia di sanzioni amministrative

9 11 luglio 2013 Papa Francesco, Lett. Ap. in forma di Motu Proprio Ai nostri tempi, sulla giurisdizione degli organi giudiziari dello Stato della Città del Vaticano in materia penale Estende la giurisdizione del Tribunale dello SCV sugli atti criminosi (compreso riciclaggio e finanziamento del terrorismo), commessi da persone e enti operanti nella S. Sede, nell esercizio delle loro funzioni, anche fuori del territorio dello SCV.

10 Decreto XI dell 8 agosto 2013 a firma del Presidente del Governatorato confermato con Legge n. XVIII, dell 8 ottobre 2013, recante norme in materia di trasparenza, vigilanza ed informazione finanziaria la Legge N. XVIII consolida la disciplina esistente in materia di: Misure di prevenzione e contrasto del riciclaggio e finanziamento del terrorismo adeguata verifica della controparte; Vigilanza e regolamentazione degli enti che svolgono professionalmente un attività di natura finanziaria; Collaborazione e scambio di informazioni da parte dell Autorità di Informazione Finanziaria a livello interno e internazionale; Misure contro i soggetti che minacciano la pace e la sicurezza internazionali

11 8 agosto 2013 Papa Francesco Lett. Ap. in forma di Motu Proprio La Promozione, per la prevenzione e il contrasto del riciclaggio, del finanziamento del terrorismo e della proliferazione di armi di distruzione di massa Si rafforza l applicazione delle leggi vaticane ai Dicasteri della Curia Romana ed agli altri organismi ed enti dipendenti dalla Santa Sede, nonché alle organizzazioni senza scopo di lucro aventi personalità giuridica canonica e sede nello Stato della Città del Vaticano Si istituisce il Comitato di Sicurezza Finanziaria (il cui Statuto è allegato al Motu Proprio) con il compito di coordinare le Autorità competenti della Santa Sede in materia di prevenzione e di contrasto del riciclaggio, del finanziamento del terrorismo e della proliferazione di armi di distruzioni di massa.

12 Si rafforza, per l AIF, la funzione di vigilanza e regolamentazione Si attribuisce all AIF la funzione di vigilanza prudenziale degli enti che svolgono professionalmente un attività di natura finanziaria 15 novembre Papa Francesco, Lett. Ap. in forma Motu Proprio - approvazione nuovo statuto dell Autorità di Informazione Finanziaria (AIF), modifica struttura interna AIF al fine di svolgere adeguatamente le funzioni istituzionali assegnate.

13 La nuova struttura di coordinamento degli affari economici e amministrativi 24 febbraio 2014 Papa Francesco, Lett. Ap. in forma Motu Proprio Fidelis Dispensator et prudens, per la costituzione di una nuova struttura di coordinamento degli affari economici e amministrativi della Santa sede e dello Stato città del Vaticano 22 febbraio Papa Francesco, Statuti dei nuovi organismi economici, 22 febbraio 2015

AUTORITÀ DI INFORMAZIONE FINANZIARIA

AUTORITÀ DI INFORMAZIONE FINANZIARIA AUTORITÀ DI INFORMAZIONE FINANZIARIA RAPPORTO ANNUALE ANNO II - 2013 CITTÀ DEL VATICANO 2014 Autorità di Informazione Finanziaria Palazzo San Carlo Stato Città del Vaticano INDICE SOMMARIO Pag. 5 PRESENTAZIONE

Dettagli

ISTRUZIONE N. 4 DI INFORMAZIONE FINANZIARIA DISCIPLINANTE L INDICAZIONE DI INDICI DI ANOMALIA. Il Presidente dell Autorità di Informazione Finanziaria

ISTRUZIONE N. 4 DI INFORMAZIONE FINANZIARIA DISCIPLINANTE L INDICAZIONE DI INDICI DI ANOMALIA. Il Presidente dell Autorità di Informazione Finanziaria ISTRUZIONE N. 4 DI INFORMAZIONE FINANZIARIA DISCIPLINANTE L INDICAZIONE DI INDICI DI ANOMALIA Il Presidente dell Autorità di Informazione Finanziaria - Vista la Legge vaticana 30 dicembre 2010 n. CXXVII

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

ISTRUZIONE N.2 PER LA VALUTAZIONE DEL FATTORE DI RISCHIO E DEGLI OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA

ISTRUZIONE N.2 PER LA VALUTAZIONE DEL FATTORE DI RISCHIO E DEGLI OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA ISTRUZIONE N.2 PER LA VALUTAZIONE DEL FATTORE DI RISCHIO E DEGLI OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA Il Presidente dell Autorità di Informazione Finanziaria Vista la Legge vaticana 30 dicembre 2010 n. CXXVII

Dettagli

Vista la deliberazione del Consiglio Direttivo dell Autorità d Informazione Finanziaria del 27 ottobre 2011 EMANA. Premessa

Vista la deliberazione del Consiglio Direttivo dell Autorità d Informazione Finanziaria del 27 ottobre 2011 EMANA. Premessa ISTRUZIONE N.1 IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, PROCEDURE E CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DEGLI ENTI VIGILATI A FINI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO Il Presidente dell Autorità

Dettagli

Giuseppe Rivetti (associato di Diritto canonico ed ecclesiastico nell Università degli Studi di Macerata, Dipartimento di Giurisprudenza)

Giuseppe Rivetti (associato di Diritto canonico ed ecclesiastico nell Università degli Studi di Macerata, Dipartimento di Giurisprudenza) Giuseppe Rivetti (associato di Diritto canonico ed ecclesiastico nell Università degli Studi di Macerata, Dipartimento di Giurisprudenza) Stato Città del Vaticano, Santa Sede e normativa antiriciclaggio.

Dettagli

Santa Sede. 2. La legislazione precedente le riforme. di papa Francesco nel sistema delle fonti

Santa Sede. 2. La legislazione precedente le riforme. di papa Francesco nel sistema delle fonti tribunale vaticano 8/2015 Document Giustizia vaticana: una stagione di riforme Il promotore di giustizia vaticano all inaugurazione dell anno giudiziario L anno trascorso «si è caratterizzato per un diffuso

Dettagli

Il Presidente dell Autorità di Informazione Finanziaria

Il Presidente dell Autorità di Informazione Finanziaria REGOLAMENTO N.4 DELL AUTORITA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA DISCIPLINANTE IL CONTENUTO DEGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI TRASFERIMENTO DI FONDI AI SENSI DELL ARTICOLO 38, COMMA 4 DELLA LEGGE N. CXXVII DEL 30

Dettagli

Normativa antiriciclaggio e contrasto alla criminalità organizzata Il ruolo del Ministero dell economia economia e delle finanze

Normativa antiriciclaggio e contrasto alla criminalità organizzata Il ruolo del Ministero dell economia economia e delle finanze Normativa antiriciclaggio e contrasto alla criminalità organizzata Il ruolo del Ministero dell economia economia e delle finanze Il MEF: è responsabile delle politiche di prevenzione dell utilizzo d sistema

Dettagli

Direttori. Comitato redazionale Laura D AMATI. Maria Teresa NICOTRI. Aniello PARMA. Francesco Maria SILLA. Università degli Studi di Trieste

Direttori. Comitato redazionale Laura D AMATI. Maria Teresa NICOTRI. Aniello PARMA. Francesco Maria SILLA. Università degli Studi di Trieste LE VIE DEL DIRITTO 4 Direttori Mario FIORENTINI Università degli Studi di Trieste Maria MICELI Università degli Studi di Palermo Comitato redazionale Laura D AMATI Università degli Studi di Foggia Maurilio

Dettagli

AUTORITÀ DI INFORMAZIONE FINANZIARIA

AUTORITÀ DI INFORMAZIONE FINANZIARIA AUTORITÀ DI INFORMAZIONE FINANZIARIA RAPPORTO ANNUALE ANNO III - 2014 CITTÀ DEL VATICANO 2015 Autorità di Informazione Finanziaria Palazzo San Carlo Stato della Città del Vaticano INDICE SOMMARIO Pag.

Dettagli

REGOLAMENTO N.2 RELATIVO AL TRASPORTO AL SEGUITO DI DENARO CONTANTE E STRUMENTI FINANZIARI IN ENTRATA O USCITA DALLO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

REGOLAMENTO N.2 RELATIVO AL TRASPORTO AL SEGUITO DI DENARO CONTANTE E STRUMENTI FINANZIARI IN ENTRATA O USCITA DALLO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO REGOLAMENTO N.2 RELATIVO AL TRASPORTO AL SEGUITO DI DENARO CONTANTE E STRUMENTI FINANZIARI IN ENTRATA O USCITA DALLO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO Il Presidente dell Autorità di Informazione Finanziaria

Dettagli

di David Durissotto Ricercatore t. d. in diritto canonico ed ecclesiastico presso l Università di Cagliari

di David Durissotto Ricercatore t. d. in diritto canonico ed ecclesiastico presso l Università di Cagliari OSSERVATORIO COSTITUZIONALE aprile 2014 Euro e Stato Città del Vaticano. I Rapporti di valutazione e di avanzamento MONEYVAL e la riforma della legge sulla prevenzione ed il contrasto del riciclaggio dei

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Antonio Fuccillo (straordinario di Diritto ecclesiastico nella Seconda Università di Napoli, Dipartimento di Giurisprudenza) I bancomat vaticani e la nuova questione romana in materia finanziaria * SOMMARIO:

Dettagli

N. LXIV LEGGE RECANTE NORME IN MATERIA MONETARIA PER L ANNO 2014 (16/12/2014) LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

N. LXIV LEGGE RECANTE NORME IN MATERIA MONETARIA PER L ANNO 2014 (16/12/2014) LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. LXIV LEGGE RECANTE NORME IN MATERIA MONETARIA PER L ANNO 2014 (16/12/2014) LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO - vista la Legge Fondamentale dello Stato della Città del Vaticano,

Dettagli

Evoluzione della disciplina antiriciclaggio del Vaticano

Evoluzione della disciplina antiriciclaggio del Vaticano Evoluzione della disciplina antiriciclaggio del Vaticano Ricerche giuridiche ISSN 2281-6100 Vol. 3 Num. 1 Giugno 2014 La recente evoluzione della disciplina antiriciclaggio dello Stato della Città del

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per i problemi economici e monetari PROGETTO DI PARERE. della commissione per i problemi economici e monetari

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per i problemi economici e monetari PROGETTO DI PARERE. della commissione per i problemi economici e monetari PARLAMENTO EUROPEO 1999 2004 Commissione per i problemi economici e monetari PROVVISORIO 2002/0132(COD) 18 dicembre 2002 PROGETTO DI PARERE della commissione per i problemi economici e monetari destinato

Dettagli

TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE

TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE Le banconote da 500 euro costituiscono circa il 18% del PIL, il 34,57% del valore in circolazione. Secondo un rapporto della Fondazione ICSA e della Guardia di Finanza, i

Dettagli

PREVENZIONE ED IL CONTRASTO DELLE ATTIVITÀ ILLEGALI IN CAMPO FINANZIARIO E MONETARIO

PREVENZIONE ED IL CONTRASTO DELLE ATTIVITÀ ILLEGALI IN CAMPO FINANZIARIO E MONETARIO Giovedì, 30.12.2010 N. 0813 Sommario: Ë LETTERA APOSTOLICA IN FORMA DI MOTU PROPRIO PER LA PREVENZIONE ED IL CONTRASTO DELLE ATTIVITÀ ILLEGALI IN CAMPO FINANZIARIO E MONETARIO Ë STATUTO DELL AUTORITÀ DI

Dettagli

L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning. Gruppo Data Ufficio Spa

L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning. Gruppo Data Ufficio Spa L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina 1 di 8 M.1 L'ANTIRICICLAGGIO Evoluzione normativa a cura di Data Ufficio E-learning Gruppo Data Ufficio Spa L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina

Dettagli

L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio. Di Maurizio Arena

L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio. Di Maurizio Arena L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio Di Maurizio Arena La gestione di fondi comuni di investimento, oggetto dell attività delle società di gestione

Dettagli

Antiriciclaggio Bilanci e Prospettive Il Notariato al fianco delle Istituzioni

Antiriciclaggio Bilanci e Prospettive Il Notariato al fianco delle Istituzioni Antiriciclaggio Bilanci e Prospettive Il Notariato al fianco delle Istituzioni L analisi delle segnalazioni di operazioni sospette Maria Benedetta Bastioni Unità di Informazione Finanziaria Milano, 1 giugno

Dettagli

Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda

Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda Premesse La normativa mira a prevenire l'utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di

Dettagli

APPENDICE 1. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 APPENDICE 1

APPENDICE 1. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 APPENDICE 1 Pagina 1 di 7 APPENDICE 1 Il D.Lgs 231/2001, recante la disciplina in tema di responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, superando il principio che individuava nella persona fisica l unico

Dettagli

SOMMARIO. Parte I Aspetti generali

SOMMARIO. Parte I Aspetti generali SOMMARIO Presentazione... Profilo Autori... V VII Parte I Aspetti generali Capitolo 1 Linee di tendenza del mercato del risparmio di Marco Prosperetti 1. Caratteristiche del mercato del risparmio... 3

Dettagli

riconducibilità tra il patrimonio (ed i relativi frutti) detenuto dalla persona giuridica e quello dell ente.

riconducibilità tra il patrimonio (ed i relativi frutti) detenuto dalla persona giuridica e quello dell ente. DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E LA SANTA SEDE IN MATERIA FISCALE, FATTA A ROMA IL 1 APRILE 2015. R E L A Z I O N E La Convenzione

Dettagli

Contro le attività illegali in campo finanziario/2. Legge n. CLXVI Modifiche e integrazioni alla Legge del 30 dicembre 2010, n.

Contro le attività illegali in campo finanziario/2. Legge n. CLXVI Modifiche e integrazioni alla Legge del 30 dicembre 2010, n. S anta Sede CITTÀ DEL VATICANO Contro le attività illegali in campo finanziario/2 Pontificia commissione per lo Stato della Città del Vaticano Perno dell azione intrapresa dalla Santa Sede e dallo Stato

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

La Santa Sede GIOVANNI PAOLO II LETTERA APOSTOLICA IN FORMA DI MOTU PROPRIO IUSTI IUDICIS

La Santa Sede GIOVANNI PAOLO II LETTERA APOSTOLICA IN FORMA DI MOTU PROPRIO IUSTI IUDICIS La Santa Sede GIOVANNI PAOLO II LETTERA APOSTOLICA IN FORMA DI MOTU PROPRIO IUSTI IUDICIS CON CUI SI RIORDINA INTEGRALMENTE LA MATERIA RIGUARDANTE L ESERCIZIO DELLA FUNZIONE DEI PATRONI E DEGLI AVVOCATI

Dettagli

CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI

CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI CODICE PENALE aggiornato a - D.L. 20 marzo 2014, n. 36 (in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope) - D.Lgs. 4 marzo 2014, n. 40 (in attuazione

Dettagli

N. CXXVIII Legge sulla frode e contraffazione delle banconote e monete in euro. 30 dicembre 2010

N. CXXVIII Legge sulla frode e contraffazione delle banconote e monete in euro. 30 dicembre 2010 N. CXXVIII Legge sulla frode e contraffazione delle banconote e monete in euro. 30 dicembre 2010 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO - Visto il Trattato del Laterano, sottoscritto

Dettagli

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project IL MANUALE È AD USO ESCLUSIVO DEI CORSISTI: NE È VIETATA LA RIPRODUZIONE 1 Il D.Lgs. 231/01 Il D.Lgs.

Dettagli

materia di riciclaggio

materia di riciclaggio Michele Carbone Marco Tolla Elementi normativi internazionali e nazionali in materia di riciclaggio Prefazione a cura di Pietro Grasso CACUCCI EDITORE Michele Carbone Marco Tolla ELEMENTI NORMATIVI INTERNAZIONALI

Dettagli

CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI

CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI CODICI PLUS diretti da Roberto GAROFOLI CODICE PENALE aggiornato a - D.L. 31 agosto 2013, n. 101 (cd. Decreto salva precari) - D.L. 14 agosto 2013, n. 93 (in materia di Sicurezza e femminicidio) - D.L.

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale A CHIARE LETTERE. Lo IOR e le occasioni sprecate (di g.c.)

Stato, Chiese e pluralismo confessionale A CHIARE LETTERE. Lo IOR e le occasioni sprecate (di g.c.) A CHIARE LETTERE Lo IOR e le occasioni sprecate (di g.c.) SOMMARIO: 1. Lo IOR e "il volto della Chiesa" 2. Beniamino Andreatta, il Banco Ambrosiano e lo IOR 3. La prevenzione e la repressione dell antiriclaggio:

Dettagli

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia (Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia VOLUNTARY DISCLOSURE (Legge n. 186 del 15 dicembre 2014) Procedura straordinaria di collaborazione volontaria tesa a consentire ai contribuenti

Dettagli

dossier politica Bilaterali II: lotta contro la frode Significativo miglioramento della collaborazione con l'ue

dossier politica Bilaterali II: lotta contro la frode Significativo miglioramento della collaborazione con l'ue Bilaterali II: lotta contro la frode Significativo miglioramento della collaborazione con l'ue 29 ottobre 2003 Numero 20/2 dossier politica economiesuisse Federazione delle imprese svizzere Verband der

Dettagli

30 dicembre 2010 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO

30 dicembre 2010 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO N. CXXX - Legge relativa a tagli, specifiche, riproduzione, sostituzione e ritiro delle banconote in euro e sull'applicazione dei provvedimenti diretti a contrastare le riproduzioni irregolari di banconote

Dettagli

Normativa Antiriciclaggio. Dott.ssa Antonella Masala, Responsabile Antiriciclaggio Eos Servizi Fiduciari Spa

Normativa Antiriciclaggio. Dott.ssa Antonella Masala, Responsabile Antiriciclaggio Eos Servizi Fiduciari Spa Normativa Antiriciclaggio Dott.ssa Antonella Masala, Responsabile Antiriciclaggio Eos Servizi Fiduciari Spa Premessa Legge 15 dicembre 2014, n. 186 «Collaborazione volontaria per l emersione e il rientro

Dettagli

CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013

CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013 CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013 Normativa, adempimenti, sanzioni, verifiche, flusso operativo procedura Antonello Valentini TeamUfficio S.r.l. 1 Cos è l Antiriciclaggio? Con Antiriciclaggio si intende l azione

Dettagli

Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio

Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA EMAK S.p.A. REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 7/08/2015 1 2 3 4 5 Tutti i cambiamenti

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

Esercizio della vigilanza nell MVU Le procedure comuni

Esercizio della vigilanza nell MVU Le procedure comuni Le procedure comuni! Nel regolamento sull MVU si parla della creazione di un meccanismo di vigilanza realmente integrato. Nella pratica ciò implica " che i processi chiave siano generalmente gli stessi

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Reati di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Approvato con determinazione

Dettagli

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012 REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, PROCEDURE E CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE

Dettagli

NORMATIVA ANTI - RICICLAGGIO E REATI FISCALI Sulla nozione di proventi da reato

NORMATIVA ANTI - RICICLAGGIO E REATI FISCALI Sulla nozione di proventi da reato STUDIO LEGALE SALOMONE NORMATIVA ANTI - RICICLAGGIO E REATI FISCALI Sulla nozione di proventi da reato 19 febbraio 2010, Centro Studi S. Carlo, TORINO reazione a cura dell avv. Riccardo SALOMONE, Foro

Dettagli

Genova, 3 novembre 2014 Sala Quadrivium. Le ultime novità in tema di antiriciclaggio. Dott. Marco Abbondanza

Genova, 3 novembre 2014 Sala Quadrivium. Le ultime novità in tema di antiriciclaggio. Dott. Marco Abbondanza Genova, 3 novembre 2014 Sala Quadrivium Le ultime novità in tema di antiriciclaggio Dott. Marco Abbondanza 1 La gestione dell antiriciclaggio NORMATIVA IN VIGORE D.Lgs. 231/07 ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI

Dettagli

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena La normativa antiriciclaggio per gli avvocati di Maurizio Arena Parte Prima Con la pubblicazione del Decreto n. 141 del 3 febbraio 2006 del Ministero dell Economia e delle Finanze e del Provvedimento 24

Dettagli

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Premessa La definizione e l approvazione in tempi rapidi di un testo unico della legislazione antimafia, capace di superare le attuali disfunzioni

Dettagli

Avv. Carlo Autru Ryolo

Avv. Carlo Autru Ryolo Gestione della responsabilità amministrativa L'apparato organizzativo della D.Lgs. 231/01 e il Sistema di Gestione della Responsabilità Amministrativa L'APPARATO ORGANIZZATIVO DELLA D.LGS. 231/01 Disciplina

Dettagli

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 1. Le norme antiriciclaggio previste dal decreto legislativo n. 231 del 21 novembre 2007: applicabilità al nuovo reato di autoriciclaggio pag.

Dettagli

Mese di gennaio 2011. ASSENZE Area Unità Operativa Numero Dipendenti Giorni lavorativi Tassi di assenza Tassi di presenza ferie malattia altro TOTALE

Mese di gennaio 2011. ASSENZE Area Unità Operativa Numero Dipendenti Giorni lavorativi Tassi di assenza Tassi di presenza ferie malattia altro TOTALE Mese di gennaio 2011 1 - - 1 11 9,09% 90,91% 1 5 - - 5 21 23,81% 76,19% 1 7 - - 7 21 33,33% 66,67% - - - - 0 - - - Totali 13 0 0 13 53 24,53% 75,47% Mese di febbraio 2011 3 - - 3 12 25,00% 75,00% 1 1 -

Dettagli

Il Sistema Primo Network per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario

Il Sistema Primo Network per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario Il Sistema Primo Network per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario 1 Definizione di riciclaggio di denaro Il riciclaggio di denaro è l'azione di re-immissione di profitti,

Dettagli

L ILLECITO TRIBUTARIO

L ILLECITO TRIBUTARIO L ILLECITO TRIBUTARIO Costituisce illecito tributario ogni inosservanza degli obblighi attinenti al rapporto giuridico d imposta. Trattasi di fatti giuridicamente rilevanti da cui l ordinamento tributario

Dettagli

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE MARIO DI SPIRITO Dottore Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Tribunale di Roma Circolare n. 8 del 25/10/2013

Dettagli

Le società di servizi e l azione di contrasto del riciclaggio in Italia. Dr. Michele Carofiglio

Le società di servizi e l azione di contrasto del riciclaggio in Italia. Dr. Michele Carofiglio Le società di servizi e l azione di contrasto del riciclaggio in Italia Dr. Michele Carofiglio BANCA D ITALIA - ROMA 27 NOVEMBRE 2014 L attività di controllo della Banca d Italia in materia di contrasto

Dettagli

riservatezza. I dati non saranno diffusi, ma potranno essere comunicati ad Autorità e Organi di Vigilanza e Controllo.

riservatezza. I dati non saranno diffusi, ma potranno essere comunicati ad Autorità e Organi di Vigilanza e Controllo. Gentile Cliente, i dati personali da riportare nel presente modulo sono raccolti per adempiere ad obblighi di legge [D.Lgs.231/2007 e s.m.i.] in materia di prevenzione dell'utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

Disegno di legge recante. disposizioni in materia di auto-riciclaggio (AS 1642)

Disegno di legge recante. disposizioni in materia di auto-riciclaggio (AS 1642) SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONI RIUNITE 2^ GIUSTIZIA E 6^ FINANZE E TESORO Disegno di legge recante disposizioni in materia di auto-riciclaggio (AS 1642) Audizione del Direttore dell Unità di Informazione

Dettagli

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres CASA E FISCO VADEMECUM SCUDO FISCALE 2009 Lo scudo fiscale prevede la possibilità di regolarizzare le attività finanziarie o patrimoniali detenute all estero in violazione della normativa relativa al monitoraggio

Dettagli

UNITA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA

UNITA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA UNITA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA COMUNICAZIONE UIF SCHEMI RAPPRESENTATIVI DI COMPORTAMENTI ANOMALI AI SENSI DELL'ART. 6, COMMA 7, LETT. B) DEL D. LGS n. 231/2007- OPERATIVITÀ CONNESSA CON IL SETTORE DEI

Dettagli

Indice. Capitolo I Nuove priorità per la politica svizzera nell ambito della gestione patrimoniale

Indice. Capitolo I Nuove priorità per la politica svizzera nell ambito della gestione patrimoniale Presentazione... V Ringraziamenti... VII Indice... IX Prefazione... XV Introduzione... XVII Capitolo I Nuove priorità per la politica svizzera nell ambito della gestione patrimoniale 1. Pressione accresciuta

Dettagli

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18 ALLEGATO 2 Innovazioni introdotte in materia di contrasto alla criminalità organizzata dall articolo 2 della legge 15 luglio 2009, n. 94, recante Disposizioni in materia di sicurezza pubblica, 1) Il comma

Dettagli

MODIFICHE AL CODICE PENALE IN MATERIA DI AUTORICICLAGGIO

MODIFICHE AL CODICE PENALE IN MATERIA DI AUTORICICLAGGIO MODIFICHE AL CODICE PENALE IN MATERIA DI AUTORICICLAGGIO Nella Gazzetta Ufficiale n. 292 del 17 dicembre 2014 è stata pubblicata la legge 15 dicembre 2014, n. 186 recante "Disposizioni in materia di emersione

Dettagli

8. La normativa antiriciclaggio

8. La normativa antiriciclaggio 8. La normativa antiriciclaggio 8.1 La nuova normativa antiriciclaggio e gli obblighi di adeguata verifica 8.1.1 Le finalità della normativa fin dal 1991 Il riciclaggio, iniettando nel sistema economico

Dettagli

La disciplina antiriciclaggio in Italia e nello Stato della Città del Vaticano. Un analisi comparativa

La disciplina antiriciclaggio in Italia e nello Stato della Città del Vaticano. Un analisi comparativa La disciplina antiriciclaggio in Italia e nello Stato della Città del Vaticano. Un analisi comparativa di ALESSANDRO MANZELLI Adjunct Fellwo del Centro Studi e Ricerche Tocqueville-Acton 1. Introduzione

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Antonio Fuccillo (associato di Diritto canonico ed ecclesiastico presso la Seconda Università degli studi di Napoli, Dipartimento di Discipline Giuridiche ed Economiche Italiane Europee e Comparate) Le

Dettagli

LA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO: OBBLIGHI DEGLI INTERMEDIARI E DEI PROFESSIONISTI

LA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO: OBBLIGHI DEGLI INTERMEDIARI E DEI PROFESSIONISTI LA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO: OBBLIGHI DEGLI INTERMEDIARI E DEI PROFESSIONISTI Bergamo 27 novembre 2013 Centro Congressi Giovanni XXIII Il Provvedimento del 3 aprile 2013 della Banca d Italia: il monitoraggio

Dettagli

Voluntary disclosure e la copertura penale per le persone fisiche e le persone giuridiche. Focus sul reato di riciclaggio e autoriciclaggio

Voluntary disclosure e la copertura penale per le persone fisiche e le persone giuridiche. Focus sul reato di riciclaggio e autoriciclaggio Voluntary disclosure e la copertura penale per le persone fisiche e le persone giuridiche. Focus sul reato di riciclaggio e autoriciclaggio IL PERIMETRO DELLA QUESTIONE L Agenzia delle Entrate, stima in

Dettagli

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Avv. Gian Piero Chieppa Foro di Torino Dott.ssa Lucia Starola Dottore Commercialista in Torino FATTI di riciclaggio e responsabilità

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano

Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano AL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE GIUSTIZIA CAMERA DEI DEPUTATI ROMA Oggetto: Osservazioni sul d.d.l. A.C. n. 2247 recante «Disposizioni in materia

Dettagli

La figura del componente dell'organismo di Vigilanza (d ora in. avanti O.d.V.) è stata introdotta nel nostro ordinamento dall art. 6, co.

La figura del componente dell'organismo di Vigilanza (d ora in. avanti O.d.V.) è stata introdotta nel nostro ordinamento dall art. 6, co. LA RESPONSABILITÀ PENALE DEI COMPONENTI DELL O.D.V. IN RELAZIONE AGLI OBBLIGHI DI CONTROLLO E INFORMAZIONE ANTIRICICLAGGIO La figura del componente dell'organismo di Vigilanza (d ora in avanti O.d.V.)

Dettagli

D.lgs. 231/2001 Modelli di Organizzazione. CONFAPI Bari, 19 novembre 2010

D.lgs. 231/2001 Modelli di Organizzazione. CONFAPI Bari, 19 novembre 2010 D.lgs. 231/2001 Modelli di Organizzazione CONFAPI Bari, 19 novembre 2010 Decreto Legislativo 231/2001 Ha introdotto la c.d. responsabilità amministrativa e penale delle Società. Reato Responsabilità individuale

Dettagli

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO - Premessa: i delitti di riciclaggio e impiego di denaro ed utilità di provenienza illecita art 648-bis c.p. (Riciclaggio) Fuori dei casi di

Dettagli

Le monete virtuali. fonte: www.coinmarketcup.com

Le monete virtuali. fonte: www.coinmarketcup.com Torino, 20 novembre 2015 Ten.Col.t. ST Ivan Bixio Le monete virtuali La valuta virtuale è un tipo di moneta digitale - non regolamentata emessa e controllata dai suoi sviluppatori ed utilizzata ed accettata

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE GENERALE

INDICE SOMMARIO PARTE GENERALE PARTE GENERALE 1. Disposizioni fondamentali................................... 3 1.1. Costituzione della Repubblica Italiana.................... 3 1.2. Trattato sul funzionamento dell Unione europea (Artt.

Dettagli

Art. 25-octies d.lgs. 231/2001 Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Art. 25-octies d.lgs. 231/2001 Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (documento realizzato da http://www.compliancenet.it/ il 1 agosto 2014, dettagli in http://www.compliancenet.it/confindustria-aree-a-rischio-econtrolli-preventivi-per-reato-riciclaggio-31-luglio-2014 )

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale. Filippo Sgubbi, Désirée Fondaroli, Annamaria Astrologo, Giuseppe Silvestri *

Stato, Chiese e pluralismo confessionale. Filippo Sgubbi, Désirée Fondaroli, Annamaria Astrologo, Giuseppe Silvestri * Filippo Sgubbi, Désirée Fondaroli, Annamaria Astrologo, Giuseppe Silvestri * La legislazione antiriciclaggio dello Stato della Città del Vaticano: una comparazione con il sistema italiano ** SOMMARIO:

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 03301 Roma, 14 dicembre 2007 Com. n. 22 OGGETTO: Disposizioni di attuazione della III Direttiva comunitaria in materia di prevenzione dell utilizzo del

Dettagli

L Antiriciclaggio. 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio. Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013

L Antiriciclaggio. 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio. Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013 L Antiriciclaggio a cura di Salvatore Ruotolo 1 provvedimenti di Banca Italia 10 marzo 2011 in

Dettagli

Rischi derivanti dalla pirateria informatica: come proteggersi

Rischi derivanti dalla pirateria informatica: come proteggersi Rischi derivanti dalla pirateria informatica: come proteggersi Matteo Mille Presidente BSA Quanto vale la pirateria globale? Dal 7% al 9% è la valutazione della quota di vendite di merci contraffatte sull'intero

Dettagli

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231)

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) Con il D. Lgs. 21/11/2007 n 231, pubblicato sulla G.U. n.290 SO n.267 del 14 dicembre 2007, è stata

Dettagli

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio 1 La normativa Il D. lgs. 231/07 ha dato attuazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI INDICE SOMMARIO Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... pag. V VII I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA Principi fondamentali... 3 PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI Titolo I Rapporti civili...

Dettagli

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 IL PROGRAMMA 2016 MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 Il diritto penale dell impresa nell evoluzione legislativa e giurisprudenziale: le norme e

Dettagli

Nuove regole antiriciclaggio nella Repubblica di San Marino

Nuove regole antiriciclaggio nella Repubblica di San Marino Nuove regole antiriciclaggio nella Repubblica di San Marino di Emanuele Fisicaro Docente di Diritto internazionale e componente della Commissione ministeriale per la redazione del T.U. antiriciclaggio

Dettagli

Circolare N.146 del 19 Ottobre 2012. Novità in materia di disposizioni di bonifico

Circolare N.146 del 19 Ottobre 2012. Novità in materia di disposizioni di bonifico Circolare N.146 del 19 Ottobre 2012 Novità in materia di disposizioni di bonifico Novità in materia di disposizioni di bonifico Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che sono state pubblicate,

Dettagli

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Giornate seminariali in materia AMBIENTALE @@@@@@ A cure dal Dott. Bernardino Albertazzi Giurista Ambientale ORGANIZZAZIONE E COORDINAMENTO A cura di UPI Emilia-Romagna Per informazioni: dott.ssa Luana

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

NUOVA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO

NUOVA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO NUOVA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO 1. Gli albori della lotta al riciclaggio: La disciplina dell antiriciclaggio nasce a fine anni 80 a seguito della costituzione a livello internazionale di un particolare

Dettagli

TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE

TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE Le banconote da 500 euro costituiscono circa il 18% del PIL, il 34,57% del valore in circolazione. Secondo un rapporto della Fondazione ICSA e della Guardia di Finanza, i

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Regolamento di disciplina dei requisiti di professionalità, onorabilità, indipendenza e patrimoniali per l iscrizione all albo delle persone fisiche consulenti finanziari. IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE

Dettagli

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo Dlgs D.lgs. 231/01 Responsabilità amministrativa delle società e Modelli di organizzazione, gestione e controllo 1 D.lgs. 231/2001: introduce 2 grandi novità per l ordinamento italiano (Necessità di allinearsi

Dettagli

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto);

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); APPENDICE 1 REATI ED ILLECITI (Generale)* I II Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); Reati informatici e trattamento illecito di dati (art. 24 bis del

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 2140

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 2140 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2140 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore PANIZZA e ZIN COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 18 NOVEMBRE 2015 Modifica al decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo I IL DIRITTO FINANZIARIO DELLE NAZIONI UNITE

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo I IL DIRITTO FINANZIARIO DELLE NAZIONI UNITE INDICE Abbreviazioni... xiii INTRODUZIONE 1. Il ruolo delle Nazioni Unite nel terzo millennio e la questione del finanziamento... 1 2. La rigidità del bilancio ordinario dell ONU: un limite alle risorse

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO Modalità operative per le sale bingo

ANTIRICICLAGGIO Modalità operative per le sale bingo ANTIRICICLAGGIO Modalità operative per le sale bingo Convegno ASCOB Roma 18 Luglio 2012 Dott. Franco Fantozzi Direttore Sicurezza e Compliance CODERE ITALIA SpA RICICLAGGIO: LE DIMENSIONI DEL FENOMENO

Dettagli

Il D.lgs 231/07 contro il riciclaggio. Impatti sulle persone giuridiche

Il D.lgs 231/07 contro il riciclaggio. Impatti sulle persone giuridiche Il D.lgs 231/07 contro il riciclaggio Impatti sulle persone giuridiche 1. INTRODUZIONE AL D.LGS 231/07 Il decreto legislativo 21 novembre 2007 n. 231 ha attuato la direttiva 2005/60/CE per la prevenzione

Dettagli

Trattato di Maastricht.

Trattato di Maastricht. Trattato di Maastricht. Il trattato sull'unione segna una nuova tappa nell'integrazione europea poiché consente di avviare l'integrazione politica. L'Unione europea da esso creata comporta tre pilastri:

Dettagli

L Antiriciclaggio nel Factoring: punti aperti

L Antiriciclaggio nel Factoring: punti aperti L Antiriciclaggio nel Factoring: punti aperti Tavola Rotonda Assemblea Annuale Assifact Paola Sassi Milano, 21 giugno 2013 Criteri di valutazione Cliente Natura giuridica e caratteristiche Attività svolta

Dettagli

L.E.G.O. Legatoria Editoriale Giovanni Olivotto S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

L.E.G.O. Legatoria Editoriale Giovanni Olivotto S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. L.E.G.O. Legatoria Editoriale Giovanni Olivotto S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Pag. 1 di 244 07/10/2014 INDICE DEFINIZIONI... 6 PREMESSA...

Dettagli