IL SISTEMA DI WELFARE NELLA ZONA FIORENTINA NORD OVEST

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SISTEMA DI WELFARE NELLA ZONA FIORENTINA NORD OVEST"

Transcript

1 1 Provincia di Firenze Linea Comune Spa Fondazione «Emanuela Zancan» Onlus Centro studi e ricerca sociale IL SISTEMA DI WELFARE NELLA ZONA FIORENTINA NORD OVEST

2 2 Gruppo di ricerca Fondazione Emanuela Zancan Elena Innocenti (coordinatrice della ricerca), Giulia Barbero Vignola, Ingrid Berto, Maria Bezze, Devis Geron, Simone Tattini, Tiziano Vecchiato. Ringraziamenti Un ringraziamento particolare a Yari Conti, Osservatorio Scolastico, Provincia di Firenze. Si ringraziano inoltre tutti gli operatori degli enti coinvolti per la collaborazione prestata.

3 3 Indice PRESENTAZIONE p. 5 ANALISI DEMOGRAFICA» 7 PROFILI DI VULNERABILITÀ» 14 IL MONDO SCOLASTICO» 18 LA DIMENSIONE LAVORATIVA» 26 ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI» 29 LA DIMENSIONE AMBIENTALE» 33 ANALISI DELL OFFERTA E DELLA SPESA SOCIALE» 36 CONCLUSIONI» 50

4 4

5 Presentazione 5 Presentazione Il lavoro di monitoraggio e di ricerca compiuto presso l Osservatorio sociale provinciale della Provincia di Firenze ha permesso di sviluppare nell ultimo quinquennio strumenti e metodologie di lavoro innovative per realizzare le funzioni proprie di osservatorio sociale, ovvero osservare e monitorare i sistemi locali di welfare e supportare la programmazione e la valutazione istituzionale e sociale. L aspetto qualificante l attività dell osservatorio sociale della provincia di Firenze è stato di promuovere l osservazione in chiave multidimensionale, cioè con riferimento all epidemiologia, alla capacità di offerta di servizi e alla capacità di spesa correlata. Questo tipo di approccio ha trovato un riconoscimento di valenza istituzionale anche in ambito regionale: la proposta di Piano Sanitario Sociale Integrato Regionale infatti prevede che il sistema degli osservatori sociali debba svolgere funzioni di monitoraggio non solo con riferimento ai fenomeni sociali, ma anche alle politiche realizzate, promuovendone la valutazione di impatto *. L attività di monitoraggio dei sistemi locali di welfare realizzata dall Osservatorio sociale della Provincia di Firenze sin dal 2007 ha anticipato questa visione, migliorando negli anni la capacità descrittiva ed analitica, e favorendo il confronto tra zone come strumento ordinario di lavoro. Altri recenti interventi regionali hanno creato una cornice all interno della quale il lavoro degli osservatori sociali provinciali è sempre più orientato al supporto della programmazione locale e della valutazione delle politiche: con la legge regionale n. 83 del è stata introdotta la Relazione sullo stato di salute, che ogni zona deve predisporre in collaborazione con gli osservatori provinciali territorialmente competenti: si tratta di un documento di monitoraggio e di valutazione che ha ad oggetto i servizi e le attività sanitarie territoriali e sociali realizzate nella zona (art. 20, legge regionale n. 40 del 2005). * DGR 19 dicembre 2011, p. 301.

6 6 Presentazione Al fine di raccordare l operato degli osservatori con i sistemi locali di welfare e facilitare il reperimento e la condivisione delle informazioni rilevanti per le politiche sociosanitarie, le disposizioni operative per il funzionamento della Società della Salute (DGR n. 243/2011) prevedono la formalizzazione di accordi a livello di ambiti zonali tra Aziende Usl, Società della Salute e amministrazioni provinciali. La determinazione di una batteria minima comune di indicatori per la predisposizione dei profili di salute e la loro messa a disposizione da parte della rete degli osservatori a favore delle zone distretto e delle Società della salute, costituisce un ulteriore ambito di collaborazione tra livello regionale, provinciale e locale, in cui gli osservatori provinciali hanno un ruolo fondamentale (DGR 488/2011). Questa evoluzione di assetti e di competenze richiede agli osservatori di sistematizzare la raccolta di dati da fonti diverse presenti sul territorio, e di valorizzare a fini sociali e di salute quelle informazioni presenti all interno delle province, relative a settori che incidono significativamente sullo stato di salute della popolazione, come l ambiente, la scuola, il lavoro.

7 Analisi demografica 7 Analisi demografica La zona Fiorentina Nord Ovest è composta da 8 comuni. In tre di questi (Campi Bisenzio, Scandicci, Sesto Fiorentino) si concentrano i due terzi della popolazione complessiva. Tra il 2004 e il 2010 la popolazione è aumentata (di quasi il 5% complessivamente), soprattutto nei comuni di Campi, Signa e Lastra a Signa. Pressoché stabile la popolazione di Fiesole e di Scandicci. La popolazione immigrata è diffusa in tutti i comuni della zona, in particolare a Campi e Signa dove registra nel 2010 valori più alti della media zonale, provinciale e regionale e a Lastra a Signa con valori più alti della media zonale e regionale. La tavola relativa alle variazioni percentuali annue registrate tra il 2003 e il 2010 evidenzia la variabilità nella dinamica della presenza di immigrati, tra comuni e negli anni. Si nota in particolare a livello zonale complessivo un rallentamento della dinamica negli anni seguenti all inizio della crisi (+8% nel 2009 sul 2008, rispetto al +15% nel 2008 sul 2007). Fig. 1 Comuni della zona Fiorentina Nord Ovest Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat

8 8 Analisi demografica Tab. 1 Popolazione per comune, zona Fiorentina Nord Ovest, valori assoluti e percentuali, Val. assoluti Calenzano Campi Bisenzio Fiesole Lastra a Signa Scandicci Sesto Fiorentino Signa Vaglia Zona Fiorentina N O Val. percentuali Calenzano 7,5 7,6 7,6 7,5 7,6 7,6 7,6 Campi Bisenzio 19,0 19,1 19,2 19,8 20,0 20,2 20,3 Fiesole 6,9 6,9 6,8 6,7 6,7 6,7 6,6 Lastra a Signa 9,0 9,0 9,1 9,1 9,2 9,2 9,2 Scandicci 24,3 24,1 23,9 23,6 23,5 23,4 23,3 Sesto Fiorentino 22,7 22,6 22,6 22,4 22,2 22,2 22,0 Signa 8,2 8,2 8,4 8,5 8,5 8,5 8,6 Vaglia 2,4 2,4 2,4 2,4 2,4 2,4 2,4 Zona Fiorentina N O 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat Fig. 2 Popolazione nei comuni della zona Fiorentina Nord Ovest, Vaglia Montespertoli Montelupo F.no Fiesole Calenzano Signa Lastra a Signa Campi Bisenzio Sesto Fiorentino Scandicci Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat

9 Analisi demografica 9 Tab. 2 Popolazione immigrata, per comune della zona Fiorentina Nord Ovest, provincia e regione, valori per abitanti, Calenzano 37,2 39,0 44,2 48,2 56,6 61,0 63,0 Campi Bisenzio 104,6 115,2 120,6 126,2 140,3 148,5 157,7 Fiesole 49,0 49,1 50,5 58,2 68,7 72,8 79,3 Lastra a Signa 50,6 52,1 54,7 72,4 90,4 97,8 106,7 Scandicci 39,9 44,8 47,9 59,9 72,1 76,8 83,3 Sesto Fiorentino 45,5 50,3 54,5 64,7 70,1 76,8 80,8 Signa 76,3 80,0 87,5 97,5 106,9 114,0 125,0 Vaglia 44,0 45,2 46,1 49,6 49,4 50,4 50,7 Zona Fiorentina N O 57,9 62,9 67,1 77,2 88,0 94,2 101,0 Provincia 66,7 72,5 77,9 86,8 95,5 104,8 112,0 Regione 53,8 59,5 64,4 74,8 83,5 90,8 97,1 Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat Fig. 3 Popolazione immigrata nei comuni della zona Fiorentina Nord Ovest, valori per abitanti, Zona = Vaglia Calenzano Fiesole Sesto Fiorentino S candicci Lastra a Signa Signa Campi Bisenzio Provincia Regione Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat

10 10 Analisi demografica Tab. 3 Popolazione immigrata, per comune della zona Fiorentina Nord Ovest, variazione percentuale sull anno precedente, Calenzano Campi Bisenzio Fiesole Lastra a Signa Scandicci Sesto Fiorentino Signa Vaglia Zona Fiorentina N O Provincia Regione Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat L analisi degli indici demografici permette di approfondire le caratteristiche della popolazione residente nella zona. I valori dell indice di vecchiaia qualificano questa zona come relativamente giovane rispetto alla media provinciale e regionale, nonostante alcune eccezioni in senso opposto come i casi di Fiesole, Scandicci e Sesto, che presentano indici nettamente superiori alla media zonale. Nell arco del periodo considerato , la zona ha inoltre registrato una complessiva riduzione dell indice, con i soli comuni di Vaglia, Sesto e Scandicci in controtendenza. Tab. 4 Indice di vecchiaia per comuni della zona Fiorentina Nord Ovest, provincia e regione, Calenzano 169,3 169,9 170,1 169,2 169,6 169,4 165,4 Campi Bisenzio 124,8 125,1 124,0 121,8 118,7 120,3 118,8 Fiesole 213,8 219,9 217,3 217,5 220,2 211,7 213,4 Lastra a Signa 155,4 151,4 153,2 152,2 149,3 148,9 148,2 Scandicci 190,6 193,7 194,9 194,5 194,1 191,6 193,8 Sesto Fiorentino 185,5 190,0 192,6 193,2 192,0 189,6 190,0 Signa 137,0 135,8 132,6 128,1 126,4 123,5 122,8 Vaglia 139,4 144,9 149,9 158,3 162,1 163,0 165,0 Zona Fiorentina N O 164,5 166,3 166,8 166,6 165,1 163,6 163,3

11 Analisi demografica Provincia 190,4 190,3 189,8 187,5 184,9 182,5 180,9 Regione 191,8 191,4 190,5 188,3 185,9 184,1 182,9 Nota: la freccia indica se l indice è aumentato ( ), diminuito ( ) o rimasto invariato ( ) nel confronto tra il primo (2004) e l ultimo anno considerato (2010). Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat Fig. 4 Indice di vecchiaia per comuni della zona Fiorentina Nord Ovest, provincia e regione, Zona = 1 63, Campi Bisenzio Signa Lastra a Signa Vaglia Calenzano Sesto Fiorentino S candicci Fiesole Provincia Regione Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat Il «peso» della quarta età ( 75) sulla popolazione tra i 60 e i 74 anni è in tendenziale aumento in tutti i comuni. Il rapporto risulta tuttavia sensibilmente inferiore, in ciascun singolo comune e a livello medio zonale, rispetto al valore medio provinciale e regionale, il che implica un minor carico di cura che le persone della terza età devono assumere per assistere i familiari più anziani. Tab. 5 Rapporto quarta e terza età per comuni della zona Fiorentina Nord Ovest, provincia, regione, Calenzano 49,6 52,2 52,8 53,4 54,9 56,9 55,8 Campi Bisenzio 50,4 51,4 51,4 50,6 51,1 51,1 53,0 Fiesole 54,4 57,2 58,2 59,5 62,3 60,2 61,7 Lastra a Signa 56,3 56,4 57,9 57,5 57,2 57,5 60,2 Scandicci 46,4 50,2 51,8 52,6 53,7 58,1 59,1 Sesto Fiorentino 58,3 60,7 60,9 60,7 61,0 62,3 63,7

12 12 Analisi demografica Signa 55,5 56,1 55,4 56,8 57,7 56,9 57,3 Vaglia 51,1 50,9 51,3 49,6 50,0 50,5 52,1 Zona Fiorentina N O 52,8 54,4 54,9 55,4 56,2 57,6 58,8 Provincia 63,5 65,9 66,5 66,5 66,6 67,0 67,9 Regione 63,6 65,6 65,9 65,8 65,4 65,7 66,5 Nota: la freccia indica se l indice è aumentato ( ), diminuito ( ) o rimasto invariato ( ) nel confronto tra il primo (2004) e l ultimo anno considerato (2010). Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat Fig. 5 Rapporto quarta e terza età per comuni della zona Fiorentina Nord Ovest, provincia, regione, Zona = 58, Vaglia Campi Bisenzio Calenzano Signa S candicci Lastra a Signa Fiesole Sesto Fiorentino Provincia Regione Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat L indice di dipendenza globale ridefinito, indicatore del carico assistenziale che grava idealmente sulle persone in età adulta, risulta in aumento in tutti i comuni, segnatamente a Scandicci e Fiesole. Tra il 2004 e il 2010 si è registrata una convergenza del valore medio zonale rispetto alla media provinciale e regionale.

13 Analisi demografica 13 Tab. 6 Indice di dipendenza globale ridefinito per comuni della zona Fiorentina Nord Ovest, provincia, regione, Calenzano 46,5 47,7 48,9 50,2 51,3 52,8 54,2 Campi Bisenzio 48,2 49,1 50,2 50,1 52,0 52,2 53,8 Fiesole 52,7 53,7 56,4 57,1 60,9 61,4 62,8 Lastra a Signa 52,6 52,9 53,7 54,1 53,8 54,5 55,7 Scandicci 50,4 51,6 53,7 56,0 57,2 58,8 60,9 Sesto Fiorentino 52,6 53,7 54,8 56,0 57,3 58,7 59,6 Signa 51,3 50,1 50,9 52,4 53,3 53,9 55,0 Vaglia 46,9 46,6 48,3 47,5 48,5 50,2 51,1 Zona Fiorentina N O 50,1 50,7 52,1 53,7 55,0 56,1 57,5 Provincia 54,0 54,5 55,5 56,3 57,3 57,8 58,5 Regione 53,1 53,5 54,3 54,8 55,5 56,1 56,8 Nota: la freccia indica se l indice è aumentato ( ), diminuito ( ) o rimasto invariato ( ) nel confronto tra il primo (2004) e l ultimo anno considerato (2010). Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat Fig. 6 Indice di dipendenza globale ridefinito per comuni della zona Fiorentina Nord Ovest, provincia, regione, Zona = 57, Vaglia Campi Bisenzio Calenzano Signa Lastra a Signa Sesto Fiorentino S candicci Fiesole Provincia Regione Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat

14 14 Profili di vulnerabilità Profili di vulnerabilità I profili di vulnerabilità propongono la lettura aggregata e contestuale di più indicatori, così da costruire un «profilo complesso» della zona, in grado di evidenziare sinteticamente e complessivamente gli aspetti di fragilità demografica e sociale del territorio zonale. I profili proposti sono di tre tipologie: il primo riporta indicatori riferiti alla situazione complessiva della popolazione zonale, il secondo riguarda la vulnerabilità sociale della popolazione anziana, il terzo raggruppa gli indici di fragilità propri dell area famiglia e minori. In tabella sono riportati il valore assoluto e la tendenza di periodo degli indici considerati per costruire il profilo. Il grafico invece riporta i diversi indici normalizzati rispetto all andamento che lo stesso indice ha avuto nelle altre zone nel periodo considerato. Le due rappresentazioni (tabella e grafico) non vanno letti allo stesso modo ma separatamente. Il profilo di vulnerabilità complessiva di Fiorentina Nord Ovest mostra come la zona sia tra «le meno vulnerabili» della provincia. La forma molto ridotta del poligono indica come gli indici selezionati registrino nella zona Fiorentina Nord Ovest dei valori più bassi rispetto a tutte le altre zone. Nel periodo considerato, risulta aumentata la fragilità familiare, mentre si è ridotto l indice di deprivazione anziani. Se si guardano invece i dati assoluti degli indici, si vede come nella zona siano in aumento la fragilità familiare, la migratorietà, la dipendenza e la disabilità, mentre risultano in diminuzione la solitudine e la deprivazione anziani. Il fatto che alcuni degli indici aumentati non siano rappresentati nel profilo significa che l aumento registrato, comparato a quello delle altre zone, non è stato significativo.

15 Profili di vulnerabilità 15 Tab. 7 Indicatori utilizzati per delineare i profili di vulnerabilità della zona Fiorentina Nord Ovest e provincia, 2006, 2008 e 2010 Fiorentina Nord Ovest Provincia Fragilità familiare 4,9 5,1 5,3 5,5 5,6 5,8 Migratorietà 6,3 8,8 10,1 7,3 9,6 11,2 Solitudine anziani 44,8 44,0 43,0 46,1 45,5 44,7 Dipendenza 0,27 0,28 0,28 0,46 0,47 0,48 Deprivazione anziani 4,1 4,5 4,0 3,8 4,3 4,1 Disabilità 7,1 7,6 7,7 8,4 8,4 8,4 Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat, Inps, Regione Toscana Fig. 7 Profilo di vulnerabilità, confronto tra zona Fiorentina Nord Ovest, 2006, 2008 e 2010 Fragilità familiare Disabilità Migratorietà Deprivazione anziani Solitudine anziani Dipendenza Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat, Inps, Regione Toscana Il dettaglio sulla vulnerabilità della popolazione anziana è emblematico di come la zona Fiorentina Nord Ovest, rispetto alle altre, non abbia sostanzialmente un profilo di vulnerabilità: la rilevanza degli indici relativi alla popolazione anziana è talmente bassa rispetto alle altre zone, da «scomparire» nel processo di standardizzazione. In termini assoluti invece si possono cogliere alcuni aspetti specifici della zona: mentre gli indici di vecchiaia, di mascolinità e di solitudine della popolazione anziana hanno registrato una riduzione, tra il 2006 e il 2010 gli altri indici considerati sono aumentati, pur attestandosi su livelli inferiori a quelli medi provinciali. Nel

16 16 Profili di vulnerabilità solo caso dell indice di mascolinità della popolazione anziana, la zona presenta un valore superiore alla media provinciale. Tab. 8 Indicatori utilizzati per delineare la vulnerabilità nell area anziani, zona Fiorentina Nord Ovest e provincia di Firenze, 2006, 2008 e 2010 Fiorentina Nord Ovest Provincia Percentuale di popolazione 75 anni 10,1 10,5 10,9 11,9 12,1 12,3 Indice di vecchiaia 166,8 165,1 163,3 189,8 184,9 180,9 Indice di dipendenza senile ridefinito 22,5 24,0 25,3 27,1 27,8 28,3 Rapporto tra quarta e terza età 54,9 56,2 58,8 66,5 66,6 67,9 Indice di mascolinità popolazione 65 anni 77,4 76,3 76,6 71,3 71,8 72,2 Indice di solitudine nella quarta età 44,8 44,0 43,0 46,1 45,5 44,7 Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat Fig. 8 Profilo di vulnerabilità area anziani, zona Fiorentina Nord Ovest, 2006, 2008 e 2010 % popolazione 75 Solitudine anziani Indice di vecchiaia Mascolinità anziani Dipendenz a senile ridef. Rapporto tra quarta e terza età Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat, Inps, Regione Toscana La situazione relativa all area famiglia e minori è speculare a quelle sinora considerate: nella zona, la connotazione «giovane» della popolazione determina una accentuazione del profilo di vulnerabilità familiare relativo al carico di cura per fi

17 Profili di vulnerabilità 17 gli minori. La figura del profilo infatti mostra un poligono esteso fino al perimetro considerato per quegli indici (carico per figli, dipendenza giovanile, rapporto prima età e età da lavoro) che caratterizzano questo tipo di carico. Seppure entrambi in aumento in termini assoluti, l indice di dipendenza globale ridefinito è pressoché irrilevante rispetto alle altre zone, e l indice di fragilità familiare è meno marcato nel confronto interzonale. Tab. 9 Indicatori utilizzati per delineare la vulnerabilità nell area famiglia e minori, zona Fiorentina Nord Ovest e provincia di Firenze, 2006, 2008 e 2010 Fiorentina Nord Ovest Provincia Indice di dipendenza globale ridefinito 52,1 55,0 57,5 55,5 57,3 58,5 Indice di dipendenza giovanile 20,5 21,2 22,0 19,6 20,2 41,8 Rapporto tra terza età e bambini 201,2 198,4 193, ,6 203,1 Rapporto tra prima età e pop. in età lavorativa 25,9 26,9 27,8 24,9 25,6 26,1 Carico figli 21,6 21,7 21,9 20,1 20,5 20,5 Fragilità familiare 4,88 5,10 5,3 5,5 5,6 5,8 Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat Fig. 9 Profilo di vulnerabilità area famiglia e minori, zona Fiorentina Nord Ovest, 2006, 2008 e 2010 Carico figli Rapporto terz a età e bambini Dipendenza giovanile Fragilità familiare Rapporto prima età e pop. età lavorativa Dipendenz a globale ridefinito Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat

18 18 Il mondo scolastico Il mondo scolastico Gli istituti scolastici della zona accolgono una popolazione sempre più composita. La presenza di alunni stranieri è rilevata in tutti i comuni, in alcuni casi con percentuali molto significative, soprattutto nelle scuole primaria e secondaria di primo grado. Si nota in particolare, tra l anno scolastico 2009/2010 e l anno scolastico 2010/2011, un incremento del rapporto tra alunni immigrati e alunni italiani nella scuola dell infanzia e nella scuola primaria. Come è già stato rilevato in altre zone, il successo scolastico degli studenti stranieri è inferiore a quello degli studenti italiani, soprattutto nei cicli di istruzione secondaria di secondo grado. Tab. 10 Distribuzione degli alunni italiani e immigrati per tipologia/ordine scolastico, valori assoluti, 2009/2010 e 2010/2011 a.s. 2009/2010 Infanzia Primaria Secondaria di primo grado Secondaria di secondo grado Italiani Immig. Italiani Immig. Italiani Immig. Italiani Immig. Calenzano Campi Bisenzio Fiesole Lastra a Signa Scandicci Sesto Fiorentino Signa Vaglia Zona Fiorentina N O Rapporto con pop. riferimento 41,9 35,0 84,7 103,0 88,5 129,4 44,6 38,5 Dati forniti dall Osservatorio Scolastico Provinciale della Provincia di Firenze.

19 Il mondo scolastico 19 a.s. 2010/2011 Infanzia Primaria Secondaria di primo grado Secondaria di secondo grado Italiani Immig. Italiani Immig. Italiani Immig. Italiani Immig. Calenzano Campi Bisenzio Fiesole Lastra a Signa Scandicci Sesto Fiorentino Signa Vaglia Zona Fiorentina N O Rapporto con pop. riferimento 41,7 34,3 83,2 102,1 88,3 124,6 42,8 36,2 Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati dell Osservatorio scolastico provinciale Fig. 10 Distribuzione degli alunni italiani per comune e ordine scolastico, zona Fiorentina Nord Ovest, 2010/ % 80% % 40% % % Calenzano Campi Bisenzio Fiesole Lastra a Signa Scandicci Sesto Fiorentino Signa Vaglia Zona Fiorentina N-O Infanzia Elementari Medie Superiori Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati dell Osservatorio scolastico provinciale

20 20 Il mondo scolastico Fig. 11 Distribuzione degli alunni immigrati per comune e ordine scolastico, zona Fiorentina Nord Ovest, 2010/ % 80% % 40% % 0% 48 Calenzano 21 2 Campi Bisenzio Fiesole Lastra a Signa 114 Scandicci 189 Sesto Fiorentino 69 Signa Vaglia Zona Fiorentina N-O Infanzia Elementari Medie Superiori Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati dell Osservatorio scolastico provinciale Tab. 11 Distribuzione degli alunni per carriera scolastica, nazionalità, zona Fiorentina Nord Ovest, valori assoluti e percentuali, 2009/2010 e 2010/2011 Primaria Secondaria I Secondaria II V.a. % V.a. % V.a. % a.s. 2009/2010 Italiani Promossi , , ,4 Non ammessi 21 0, , ,4 Trasferiti 57 0,7 40 0,8 79 2,1 Ritirati 7 0,2 Totale , , ,0 Immigrati Promossi , , ,8 Non ammessi 16 1, , ,0 Trasferiti 110 8,2 78 9, ,4 Ritirati 3 0,8 Totale , , ,0

21 Il mondo scolastico 21 Primaria Secondaria I Secondaria II V.a. % V.a. % V.a. % a.s. 2010/2011 Italiani Promossi , , ,7 Non ammessi 12 0, , ,5 Trasferiti 47 0,6 35 0,7 34 0,9 Ritirati 70 1,9 Totale , , ,0 Immigrati Promossi , , ,2 Non ammessi 15 1, , ,1 Trasferiti 83 5,8 38 4,6 13 3,4 Ritirati 9 2,3 Totale , , ,0 Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati dell Osservatorio scolastico provinciale Fig. 12 Distribuzione provinciale degli alunni per carriera scolastica, 2010/ % 80% 60% 40% 20% 0% Italiani Immigrati Italiani Immigrati Italiani Immigrati Primaria Secondaria I grado Secondaria II grado Promossi Non ammessi Trasferiti Ritirati Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati dell Osservatorio scolastico provinciale Nella tavola successiva le nazionalità presenti nelle scuole sono ordinate (per ciascun continente) per numerosità totale nella zona, escludendo le nazionalità che presentano un numero complessivo di studenti non superiore a 14. I tre gruppi nazionali più rappresentati sono il cinese, l albanese e il rumeno, anche se la situazione è diversa da comune a comune. Per questo sono state segnalate con sfondo colorato per ogni comune le 2 nazionalità più presenti.

22 22 Il mondo scolastico Tab. 12 Principali nazionalità di provenienza degli alunni immigrati, valori assoluti e percentuali, 2009/2010 e 2010/2011 Nazionalità a.s. 2009/10 Calenzano Campi Bisenzio Fiesole Residenza dello studente Lastra a Signa Scandicci Sesto Fiorentino Albanese Rumena Altro Est Europa Europa non Est Marocchina Altro Nord Africa Centro Sud Africa Sud America Centro Nord America Cinese Altro Asia e Oceania Totale a.s. 2010/11 Albanese Rumena Altro Est Europa Europa non Est Marocchina Altro Nord Africa Centro Sud Africa Sud America Centro Nord America Cinese Altro Asia e Oceania Totale Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati dell Osservatorio scolastico provinciale Signa Vaglia Totale Il fenomeno del pendolarismo scolastico viene indagato per esplorare la configurazione della mobilità degli studenti della zona. Campi, Scandicci e Sesto sono i comuni che attraggono maggiormente gli studenti della zona, mentre Firenze è la destinazione principale del pendolarismo e

23 Il mondo scolastico 23 xtrazonale degli studenti italiani. È interessante constatare come, seppure in scala ridotta, il fenomeno del pendolarismo degli studenti sia analogo quando il riferimento è alla popolazione scolastica italiana o alla popolazione scolastica immigrata. Tab. 13 Comune in cui si trova la scuola e residenza dello studente immigrato che la frequenta, 2009/2010 e 2010/2011 Comune in cui si trova la scuola a.s. 2009/10 Calenzano Campi Bisenzio Fiesole Residenza dello studente Lastra a Signa Scandicci Sesto Fiorentino Calenzano Campi Bisenzio Fiesole Lastra a Signa Scandicci Sesto Fiorentino Signa Vaglia Fuori Zona Bagno a Ripoli 1 1 Borgo S. Lorenzo Castelfiorentino 1 1 Empoli Figline Valdarno 1 1 Firenze Montelupo Fiorentino 2 2 Pontassieve 1 1 San Casciano in Val di Pesa 5 5 Totale a.s. 2010/11 Calenzano Campi Bisenzio Fiesole Lastra a Signa Scandicci Sesto Fiorentino Signa Vaglia Signa Vaglia Totale

24 24 Il mondo scolastico Comune in cui si trova la scuola Fuori Zona Calenzano Campi Bisenzio Fiesole Residenza dello studente Lastra a Signa Scandicci Sesto Fiorentino Bagno a Ripoli 1 1 Borgo S. Lorenzo 4 4 Cerreto Guidi 1 1 Empoli Figline Valdarno 1 1 Firenze Montelupo Fiorentino Pontassieve 1 1 Rignano sull Arno 1 1 San Casciano in Val di Pesa 4 4 Totale Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati dell Osservatorio scolastico provinciale Signa Vaglia Totale Tab. 14 Comune in cui si trova la scuola e residenza dello studente italiano che la frequenta, 2009/2010 e 2010/2011 Comune in cui si trova la scuola a.s. 2009/10 Calenzano Campi Bisenzio Fiesole Residenza dello studente Lastra a Signa Scandicci Sesto Fiorentino Calenzano Campi Bisenzio Fiesole Lastra a Signa Scandicci Sesto Fiorentino Signa Vaglia Fuori Zona Bagno a Ripoli Barberino di Mugello 2 2 Borgo S. Lorenzo Empoli Figline Valdarno Firenze Impruneta Signa Vaglia Totale

25 Il mondo scolastico 25 Comune in cui si trova la scuola Calenzano Campi Bisenzio Fiesole Residenza dello studente Lastra a Signa Scandicci Sesto Fiorentino Incisa 1 1 Montelupo Fiorentino Montespertoli Palazzuolo sul Senio 1 1 Pontassieve San Casciano in Val di Pesa San Piero a Sieve 3 3 Scarperia 1 1 Tavarnelle 1 1 Vinci 1 1 Totale a.s. 2010/11 Calenzano Campi Bisenzio Fiesole Lastra a Signa Scandicci Sesto Fiorentino Signa Vaglia Fuori Zona Bagno a Ripoli Barberino di Mugello Borgo S. Lorenzo Castelfiorentino 2 2 Cerreto Guidi 1 1 Empoli Figline Valdarno Firenze Impruneta Incisa 1 1 Montelupo fiorentino Montespertoli Palazzuolo sul Senio 1 1 Pontassieve San Casciano in Val di Pesa San Piero a Sieve 5 5 Scarperia 1 1 Tavarnelle 1 1 Totale Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati dell Osservatorio scolastico provinciale Signa Vaglia Totale

26 26 La dimensione lavorativa La dimensione lavorativa Nella zona Fiorentina Nord Ovest il tasso di disoccupazione zonale è più basso rispetto alla media provinciale, ad eccezione del dato riferito alla popolazione femminile immigrata. Il dettaglio comunale mostra come a Fiesole e a Vaglia i tassi di disoccupazione siano particolarmente bassi (tranne che per gli immigrati maschi a Vaglia). A Fiesole, Sesto, Signa e Vaglia il tasso di disoccupazione immigrata femminile è più basso di quello maschile, in controtendenza rispetto all andamento medio zonale, ma in linea con il dato medio provinciale. Per contro in tutti i comuni si registra un maggior tasso di disoccupazione femminile rispetto a quello maschile nella popolazione italiana, con divari anche molto elevati (fino a circa 5 punti percentuali a Campi). Tab. 15 Tasso di disoccupazione per comune, zona Fiorentina Nord Ovest, provincia, popolazione italiana e immigrata, valori percentuali, 2010 Italiani Immigrati Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Calenzano 9,4 12,7 11,1 20,5 24,8 22,7 Campi Bisenzio 10,8 15,9 13,3 14,1 19,0 16,5 Fiesole 6,2 8,3 7,3 11,7 11,6 11,7 Lastra a Signa 9,0 13,2 11,0 14,6 16,7 15,6 Scandicci 9,6 13,9 11,8 23,9 26,5 25,3 Sesto Fiorentino 10,1 13,0 11,5 24,5 23,3 23,8 Signa 10,0 13,9 12,0 17,0 16,1 16,5 Vaglia 6,2 7,6 6,9 21,4 9,8 14,4 Zona Fiorentina N O 9,6 13,4 11,5 18,3 20,6 19,5 Provincia 10,3 13,7 12,0 20,7 19,5 20,0 Fonte: elaborazione OSP su dati dei centri per l'impiego, sistema informativo IDOL

27 La dimensione lavorativa 27 Fig. 13 Tasso di disoccupazione per comune, valori percentuali, 2010 Italiani Immigrati Calenzano Campi Bisenzio Fiesole Lastra a Signa S candicci Sesto Fiorentino Signa Vaglia Zona Fiorentina NO Provincia Fonte: elaborazione OSP su dati dei centri per l'impiego, sistema informativo IDOL Il rapporto tra avviamenti e cessazioni al lavoro nella zona risulta più basso della media provinciale, per la popolazione sia italiana che straniera, sia per i maschi che per le femmine. Il rapporto è particolarmente alto tra la forza lavoro maschile immigrata residente nei comuni di Calenzano e Lastra a Signa. Si registrano invece i valori più bassi per la popolazione maschile italiana a Fiesole e per la popolazione femminile immigrata a Vaglia. Tab. 16 Rapporto tra avviamenti e cessazioni al lavoro per zona, popolazione italiana e immigrata, valori percentuali, 2010 Italiani Immigrati Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Calenzano 109,4 115,4 112,3 147,7 124,5 132,9 Campi Bisenzio 114,0 121,6 117,5 129,9 134,6 132,3 Fiesole 93,0 105,1 98,3 121,3 121,9 121,5 Lastra a Signa 111,7 114,6 113,1 134,6 127,5 130,4 Scandicci 103,0 110,9 106,8 116,6 121,8 119,0 Sesto Fiorentino 104,9 108,0 106,5 124,1 113,5 119,4 Signa 109,0 126,9 117,8 122,9 144,7 133,8 Vaglia 106,3 121,6 113,9 128,6 98,5 107,4 Zona Fiorentina N. Ovest 107,0 114,4 110,5 125,2 126,4 125,8 Provincia 118,6 123,9 121,2 127,7 129,0 128,4 Fonte: elaborazione OSP su dati dei centri per l'impiego, sistema informativo IDOL

28 28 La dimensione lavorativa Fig. 14 Rapporto tra avviamenti e cessazioni al lavoro, per comuni della zona Fiorentina Nord Ovest, valori percentuali, Italiani Immigrati Calenzano Campi Bisenzio Fiesole Lastra a Signa S candicci Sesto Fiorentino Signa Vaglia Zona Fiorentina N.- Ovest Provincia Fonte: elaborazione OSP su dati dei centri per l'impiego, sistema informativo IDOL

29 Alcuni dati epidemiologici Alcuni dati epidemiologici 29 Si riportano di seguito alcuni dati epidemiologici di natura sociosanitaria, significativi per l impatto che hanno sui sistemi dei servizi del territorio. La speranza di vita alla nascita e a 65 anni della popolazione della zona è mediamente più alta del valore regionale maschile e femminile. Tab. 17 Speranza di vita alla nascita e a 65 anni, 2009 Fiorentina Nord Ovest Regione Speranza di vita Maschi Femmine Maschi Femmine Alla nascita 80,5 85,2 79,7 84,6 A 65 anni 19,0 22,3 18,4 22,0 Fonte: elaborazione Agenzia Regionale di Sanità Di seguito si riportano i dati relativi alla mortalità e lesività per incidenti stradali riferiti alla zona. Si ricorda che l indice di mortalità esprime il numero di decessi intervenuto ogni 100 incidenti in un determinato periodo di tempo. Maggiore è l indice, più e levata è la mortalità. L indice di lesività fornisce il numero di infortunati ogni 100 sinistri. Si tratta di un indice non particolarmente raffinato, perché non permette di distinguere la diversa gravità delle lesioni intervenute, ma comunque significativo perché individua una fonte di domanda sociosanitaria importante. La zona si caratterizza, sia nel 2009 che nel 2010, per indici di mortalità più bassi della media regionale, e (contrariamente agli anni dal 2003 al 2007) per indici di lesività più alti della media regionale. La zona ha registrato tra il 2009 e il 2010 un aumento del numero di incidenti, in controtendenza rispetto alla dinamica regionale.

30 30 Alcuni dati epidemiologici Tab. 18 Indice di lesività e mortalità per incidenti stradali, 2009 e 2010 Fiorentina Nord Ovest Regione N. Incidenti N. feriti N. morti Indice di lesività 133,83 137,10 132,58 133,27 Indice di mortalità 11,4 11,3 15,2 16,3 Fonte: Flusso informativo INAIL ISPESL Fig. 15 Trend indice di lesività, Fiorentina Nord-Ovest Regione Fonte: Agenzia sanitaria regionale Per quanto riguarda gli infortuni sul lavoro, il tasso grezzo della zona per il 2010 è pari a 12,2, cifra significativamente più bassa rispetto alla media regionale. Tab. 19 Infortuni sul lavoro indennizzati totali, 2010 Fiorentina Nord Ovest Regione Numero infortuni Tasso grezzo 12,2 14,3 Fonte: relazione sanitaria dell azienda sanitaria di Firenze, anno 2009

31 Alcuni dati epidemiologici 31 I tumori, le malattie cerebrovascolari e le cardiopatie ischemiche sono le maggiori cause di mortalità regionale. La zona Fiorentina Nord Ovest presenta nel triennio tassi di mortalità più bassi della media regionale per tutte le cause considerate. I dati dal 2000 al 2009 rivelano un trend complessivamente decrescente dei tassi di mortalità per tutte le cause. Tab. 20 Mortalità per le maggiori cause, valori assoluti, tassi grezzi e standardizzati, triennio Tumori Numero decessi Tasso grezzo Tasso standardizzato Fiorentina Nord Ovest ,0 282,0 Toscana ,1 303,4 Malattie cerebrovascolari Fiorentina Nord Ovest ,1 107,5 Toscana ,9 122,7 Cardiopatia ischemica Fiorentina Nord Ovest ,7 103,3 Toscana ,3 115,8 Fonte: Registro di Mortalità Regionale Fig. 16 Trend mortalità per le maggiori cause di morte, tassi standardizzati, Tumori Malattia cerebrovascolari Cardiopatia ischemica Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati del Registro di Mortalità Regionale

32 32 Alcuni dati epidemiologici Di seguito si riportano alcuni indicatori utili a rilevare, seppure in forma indiretta, alcune criticità relative alla capacità di risposta dei servizi e all evoluzione della domanda di salute della popolazione, tali da meritare un approfondimento ad hoc. I dati disponibili evidenziano un maggior ricorso all ospedalizzazione per disturbi di natura psichiatrica rispetto a quanto registrato in sede regionale. Tab. 21 Tassi standardizzati (standard: Toscana 2000; per 1.000) di ospedalizzazione e di primo ricovero in reparti di psichiatria, 2010 Fiorentina Nord Ovest Regione Totale ricovero 3,0 2,8 Primo ricovero 1,9 1,9 Fonte: elaborazione Agenzia Regionale di Sanità su archivio SDO Per quanto riguarda gli indicatori relativi all area materno infantile, si segnala un tasso di ospedalizzazione zonale per IVG lievemente più alto della media regionale. I tassi di mortalità neonatale e di mortalità infantile sono molto più bassi della media regionale. Tab. 22 Tasso di ospedalizzazione per IVG e tassi di natimortalità e mortalità infantile per nati vivi Fiorentina Nord Ovest Regione Tassi di ospedalizzazione per IVG (2010) 9,2 9,1 Tasso di natimortalità ( ) 0,9 2,5 Tasso di mortalità infantile ( ) 1,3 2,7 Fonte: elaborazione Agenzia Regionale di Sanità su archivio SDO

33 La dimensione ambientale La dimensione ambientale 33 La qualità ambientale ha un forte impatto sulla salute delle popolazioni. Questo motiva un ampliamento degli ambiti di analisi oggetto del monitoraggio, che da quest anno prende in considerazione anche alcuni indicatori ambientali, utilizzabili anche nella stesura dei profili di salute. La zona Fiorentina Nord Ovest ha un livello di urbanizzazione medio, con una densità di abitanti per kmq pari a 580. Le situazioni comunali sono però abbastanza differenziate, con situazioni di densità medio alta (Campi), situazioni intermedie (Scandicci, Sesto, Signa) e «rurali» (Vaglia). Fig. 17 Densità zonale (ab. per Kmq) per comune, Zona: Vaglia Calenzano Fiesole Lastra a Signa Scandicci Sesto Fiorentino Signa Campi Bisenzio Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Demo Istat La presenza di siti inquinati è molto alta. Per sito inquinato si intende un sito che presenta livelli di contaminazione o alterazioni chimiche, fisiche o biologiche del suolo o del sottosuolo o delle acque superficiali o delle acque sotterranee tali da determinare un pericolo per la salute pubblica o per l'ambiente naturale o co

34 34 La dimensione ambientale struito e da richiedere un intervento di bonifica o messa in sicurezza secondo la normativa vigente (DM 471 del 1999, Dlgs 152/2006). Nella zona sono segnalati 152 siti nel 2010 (in aumento rispetto ai 134 nel 2009), con una media di 19 siti per comune (contro 16,75 nel 2009). Nel dettaglio, i territori in cui si concentra il maggior numero di siti nella zona sono quelli dei comuni di Sesto, Calenzano, Campi Bisenzio e Scandicci. La produzione pro capite di rifiuti media zonale è più alta della media provinciale, e registra un aumento nel 2010 dopo una continua diminuzione tra il 2006 e il Il solo comune di Vaglia ha registrato un valore in diminuzione nel 2010 rispetto al Per quanto riguarda la raccolta differenziata di rifiuti, nella zona raggiunge percentuali elevate, anche rispetto alla media provinciale, soprattutto nei comuni di Sesto e Calenzano (entrambi prossimi al 50%). Tab. 23 Numero siti inquinati per comune della zona Fiorentina Nord Ovest, Calenzano Campi Bisenzio Fiesole 7 7 Lastra a Signa 10 9 Scandicci Sesto Fiorentino Signa 6 5 Vaglia 4 6 Fiorentina Nord Ovest Provincia Fonte: Agenzia regionale recupero risorse Tab. 24 Produzione procapite rifiuti urbani per comune della zona Fiorentina Nord Ovest, valori kg/anno, Calenzano 1.097, ,0 992,9 966, ,4 Campi Bisenzio 707,4 677,7 647,5 647,6 686,1 Fiesole 589,1 570,3 551,1 534,2 565,9 Lastra a Signa 649,3 609,7 595,7 584,1 605,5

35 La dimensione ambientale Scandicci 634,1 620,7 604,6 565,7 586,5 Sesto Fiorentino 808,1 816,7 826,2 842,7 858,3 Signa 652,1 614,3 596,1 548,5 558,5 Vaglia 616,4 597,1 582,9 592,7 552,5 Fiorentina Nord Ovest 722,1 703,1 686,4 672,9 697,1 Provincia 677,8 669,4 656,1 631,0 641,0 Fonte: Agenzia regionale recupero risorse Tab. 25 Percentuale di raccolta differenziata per comune della zona Fiorentina Nord Ovest, valori Kg/anno) Calenzano 42,1 40,2 43,6 46,4 49,2 Campi Bisenzio 32,2 32,9 33,5 35,4 37,0 Fiesole 30,8 31,5 34,6 34,6 39,3 Lastra a Signa 34,5 33,5 35,9 37,6 36,8 Scandicci 36,0 37,4 36,3 38,2 39,0 Sesto Fiorentino 42,6 42,4 44,8 47,6 48,9 Signa 30,9 32,4 34,5 37,1 37,5 Vaglia 32,9 35,4 34,2 31,7 31,9 Fiorentina Nord Ovest 36,8 37,1 38,5 40,7 42,0 Provincia 33,7 34,2 36,9 38,9 41,2 Fonte: Agenzia regionale recupero risorse Fig. 18 Produzione procapite rifiuti urbani e percentuale di raccolta differenziata per comune, , , , , , , ,00 Calenzano Campi Bisenzio Fiesole Lastra a Signa Scandicci Sesto Fiorentino Signa Vaglia Fiorentina Nord-Ov est Provincia 0 Produzione procapite rifiuti urbani Percentuale di raccolta differenziata Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Agenzia regionale recupero risors

36 36 Analisi della spesa e dell offerta Analisi dell offerta sociale e della spesa Questa sezione del dossier riporta una rappresentazione dello stato dei servizi e delle attività sociosanitarie realizzate nella zona, come risultanti dalle informazioni fornite dai comuni stessi. Le fonti considerate sono infatti i questionari di rilevazione della spesa sociale compilati dai comuni per l Istat e raccolti dalla Ragioneria di Stato. Le annualità di riferimento sono il 2009 e il L analisi dell offerta sociale territoriale costituisce una prima base conoscitiva di supporto per la predisposizione delle relazioni sullo stato di salute che le società della salute e le zone distretto debbono redigere per realizzare il monitoraggio e la valutazione dei servizi. I dati riferiti agli utenti dei servizi sono riportati distinguendo la ripartizione per fasce di bisogno e livello di offerta in termini assoluti (Tab. 26), dal valore indicizzato sulla popolazione. Si ricorda che è possibile che il dato complessivo sia in eccesso: il tipo di rilevazione utilizzato infatti può comportare che una stessa persona sia conteggiata più volte, qualora abbia ricevuto diverse prestazioni nel periodo considerato. In base ai dati disponibili l utenza della zona risulta essere significativamente aumentata (del 21,4%) tra il 2009 e il 2010: le aree di bisogno su cui ha insistito particolarmente l aumento di utenza sono disagio adulto, famiglia e minori, immigrati e nomadi. Il servizio sociale (soprattutto per anziani, e famiglia e minori) e le risposte intermedie (soprattutto per famiglia e minori) sono i livelli di offerta che raggruppano il maggior numero di utenti in entrambe le annualità considerate. Seguono gli interventi domiciliari e i residenziali.

37 Analisi della spesa e dell offerta 37 Tab. 26 Utenti della zona Fiorentina Nord Ovest per fasce di bisogno e livello di offerta, valori assoluti, Famiglia e minori Disabili Disagio adulto Immigr. e nomadi Anziani Pop. generale Totale Servizio sociale Domiciliare Intermedio Residenziale Emergenza Altro Accesso Totale Servizio sociale Domiciliare Intermedio Residenziale Emergenza Altro Accesso Totale Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Ragioneria generale dello stato, Ministero dell economia e delle finanze Tab. 27 Utenti per interventi e servizi sociali per fasce di bisogno e livello di offerta, valori per abitanti, Famiglia e minori Disabili Disagio adulto Immigr. e nomadi Anziani Pop. generale Totale Servizio sociale 7,18 5,31 0,54 1,96 15,10 30,08 Domiciliare 3,09 2,57 2,93 2,33 5,49 16,42 Intermedio 158,20 4,73 4,92 4,54 9,83 0,13 182,35 Residenziale 0,92 0,36 0,21 0,05 2,07 3,61 Emergenza 0,47 0,47 Altro 0,03 0,14 0,01 0,18 Accesso 88,61 88,61 Totale 169,43 13,11 8,60 9,35 32,49 88,73 321, Servizio sociale 11,39 5,53 2,10 2,17 16,35 37,56 Domiciliare 3,55 2,27 3,94 3,01 5,56 18,33 Intermedio 206,17 4,77 13,47 4,76 7,27 0,05 236,48

38 38 Analisi della spesa e dell offerta Famiglia e minori Disabili Disagio adulto Immigr. e nomadi Anziani Pop. generale Totale Residenziale 0,82 0,31 0,18 0,03 2,23 3,56 Emergenza 0,37 0,37 Altro 0,27 0,11 0,46 0,84 Accesso 90,21 90,21 Totale 222,20 12,98 19,69 10,80 31,42 90,26 387,36 Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Ragioneria generale dello stato, Ministero dell economia e delle finanze Fig. 19 Utenti della zona Fiorentina Nord Ovest per fasce di bisogno, valori per abitanti, Famiglia e minori Disabili Disagio adulto Immigr. e nomadi Anziani Pop. Generale Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Ragioneria generale dello stato, Ministero dell economia e delle finanze

39 Analisi della spesa e dell offerta 39 Fig. 20 Utenti della zona Fiorentina Nord Ovest per fasce di bisogno, valori percentuali, % 80% 60% 40% 20% % Famiglia e minori Disabili Disagio adulto Immigr. e nomadi Anziani Pop. Generale Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Ragioneria generale dello stato, Ministero dell economia e delle finanze Fig. 21 Utenti della zona Fiorentina Nord Ovest per livello di offerta, valori per abitanti, Servizio sociale Domiciliare Intermedio Residenziale Emergenza Altro Accesso Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Ragioneria generale dello stato, Ministero dell economia e delle finanze

40 40 Analisi della spesa e dell offerta Fig. 22 Utenti della Fiorentina Nord Ovest per livello di offerta, valori percentuali, % % % 40% % 0% Servizio sociale Domiciliare Intermedio Residenziale Emergenza Altro Accesso Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Ragioneria generale dello stato, Ministero dell economia e delle finanze L analisi della spesa è stata fatta con riferimento a tre aree di interesse: le forme di gestione della spesa, la ripartizione per fascia di bisogno e per area di intervento. Tutto questo con riferimento alle sei annualità per le quali sono stati reperiti i dati, dal 2005 al La spesa per interventi sociali sostenuta nella zona è complessivamente aumentata nell arco del periodo considerato, fino a raggiungere i 127,64 euro pro capite, pur segnando una diminuzione nel 2010 rispetto all anno precedente. La gestione delle risorse nel triennio è stata prevalentemente di tipo comunale, con una quota pari a circa un quarto della spesa affidata alla gestione della asl locale. A partire dal 2008 la situazione è radicalmente mutata: quasi tre quarti della spesa è gestita nel 2010 da soggetti diversi dai comuni, in particolare è aumentata vertiginosamente la quota di risorse affidata ad Asl/Società della Salute.

41 Analisi della spesa e dell offerta 41 Tab. 28 Spesa della zona Fiorentina Nord Ovest per interventi e servizi sociali: quota direttamente gestita dai comuni e delegata, valori assoluti e procapite in euro, Valori assoluti Comune Asl/Sds Associazione di comuni Totale Valore pro capite Comune 83,39 84,16 84,78 55,05 42,86 36,32 Asl/Sds 23,36 26,49 26,65 11,71 88,35 91,32 Associazione di comuni 0,24 0,23 0,71 45,80 Totale 106,99 110,89 112,15 112,56 131,21 127,64 Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Ragioneria generale dello stato, Ministero dell economia e delle finanze Fig. 23 Spesa procapite per soggetto gestore, zona Fiorentina Nord Ovest, Comune Asl/Sds Associazione di comuni Fonte: elaborazione Fondazione «E. Zancan» su dati Ragioneria generale dello stato, Ministero dell economia e delle finanze

I cittadini immigrati nella Provincia di Firenze: da bisogno a risorsa 1

I cittadini immigrati nella Provincia di Firenze: da bisogno a risorsa 1 I cittadini immigrati nella Provincia di Firenze: da bisogno a risorsa 1 1. Premessa L Osservatorio Sociale della Provincia di Firenze ha attivato negli ultimi due anni un percorso di lavoro orientato

Dettagli

Area tematica: Sviluppo di un welfare comunitario e solidale

Area tematica: Sviluppo di un welfare comunitario e solidale Area tematica: Sviluppo di un welfare comunitario e solidale o Tutelare quantità e qualità delle prestazioni sociali di fronte alle trasformazioni del contesto politico e finanziario, e della struttura

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale. FIRENZE a cura dell Ufficio Statistiche e Studi

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale. FIRENZE a cura dell Ufficio Statistiche e Studi NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre Settore residenziale a cura dell Ufficio Statistiche e Studi data di pubblicazione: 28 novembre periodo di riferimento: primo semestre

Dettagli

EQUITÀ, SOLIDARIETÀ E LIVELLI DI CITTADINANZA SOCIALE

EQUITÀ, SOLIDARIETÀ E LIVELLI DI CITTADINANZA SOCIALE Collana «Esperienze» n. 10 EQUITÀ, SOLIDARIETÀ E LIVELLI DI CITTADINANZA SOCIALE a cura della Fondazione «E. Zancan» FONDAZIONE EMANUELA ZANCAN ONLUS PROVINCIA DI FIRENZE 2 ESPERIENZE Gruppo di ricerca

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 REGIONE N. 1 REGIONE N. 2 Comuni di: FIRENZUOLA, LONDA, MARRADI, PALAZZUOLO SUL SENIO, SAN GODENZO Comuni di: PELAGO, REGGELLO BOSCO CEDUO 1816,00 SI 1743,00

Dettagli

Profilo Sociale Città Metropolitana di Firenze

Profilo Sociale Città Metropolitana di Firenze Profilo Sociale Città Metropolitana di Firenze A cura dell Osservatorio Sociale della Città Metropolitana di Firenze, in collaborazione con l Università degli Studi di Firenze - Dipartimento di Scienze

Dettagli

All. C4 Analisi consumi e fabbisogno settore civile. Provincia di Firenze. P.E.A.P. Piano Energetico Ambientale Provinciale

All. C4 Analisi consumi e fabbisogno settore civile. Provincia di Firenze. P.E.A.P. Piano Energetico Ambientale Provinciale All. C4 Analisi consumi e fabbisogno settore civile Provincia di Firenze P.E.A.P. Piano Energetico Ambientale Provinciale Allegato C4 Analisi consumi e fabbisogni del settore civile Università degli Studi

Dettagli

COMUNE di EMPOLI. Servizio Edilizia Privata. Comune di Bagno a Ripoli. comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it. Comune di Barberino di Mugello

COMUNE di EMPOLI. Servizio Edilizia Privata. Comune di Bagno a Ripoli. comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it. Comune di Barberino di Mugello COMUNE di EMPOLI Servizio Edilizia Privata Empoli, 07/07/2015 A: Comune di Bagno a Ripoli comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it Comune di Barberino di Mugello barberino-di-mugello@postacert.toscana.it

Dettagli

RSA Provincia di Milano

RSA Provincia di Milano SA Provincia di Milano Popolazione e società Fig. 1: natalità e mortalità in Provincia di Milano Fig. 2: l indice di ricambio (fonte SIA) L analisi ambientale di un territorio rappresenta lo studio del

Dettagli

Le previsioni demografiche nell area fiorentina

Le previsioni demografiche nell area fiorentina Le previsioni demografiche nell area fiorentina Convegno nazionale: Persone, popolazioni, numeri Statistiche per le comunità locali Cagliari, 16-17 settembre 2010 Francesco Acciai Gianni Dugheri Serena

Dettagli

annuario della scuola reggiana a.s. 2014/2015 a cura del Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale

annuario della scuola reggiana a.s. 2014/2015 a cura del Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale annuario della scuola reggiana a.s. 2014/2015 a cura del Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale popolazione scolastica QUADRO RIASSUNTIVO ALUNNI ISCRITTI A.S.

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 2.617.175 3.997.465 Superficie (km 2 ) 1.37,7 5.381, Densità (ab. per km 2 ) 2.1,3 742,9 a cura dell Ufficio di Statistica e Censimento Marketing

Dettagli

SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE

SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE Rapporto sui dati delle Zone sociosanitarie/società della salute della Regione Toscana Anni 2007-2009 GENNAIO 2011 INDICE Nota metodologica

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Contesto demografico Ambito distrettuale

Dettagli

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario L analisi del contesto demografico è l introduzione ideale alla sezione della salute. Il bisogno del cittadino residente sul territorio

Dettagli

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute Incidenti domestici in Lombardia: quadro di contesto Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute La Prevenzione degli infortuni domestici in Regione

Dettagli

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA In vista dell avvio della nuova ASL provinciale di Monza e Brianza, con l auspicio che possa essere

Dettagli

PROVINCIA DI ORISTANO DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Allegato 1:

PROVINCIA DI ORISTANO DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Allegato 1: Regione Autonoma della Sardegna Assessorato dei Trasporti Centro Ricerche Economiche e Mobilità Università degli Studi di Cagliari PROVINCIA DI ISTANO SETTE PIANIFIZIONE TERRITIALE, PITICHE COMUNITARIE,

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio GRUPPO A POPOLAZIONE n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio A2 A3 A4 A5 A6 Saldo naturale e saldo

Dettagli

Il Progetto CENTRI FORMATIVI TERRITORIALI. Firenze, 21 dicembre 2009

Il Progetto CENTRI FORMATIVI TERRITORIALI. Firenze, 21 dicembre 2009 Il Progetto CENTRI FORMATIVI TERRITORIALI Firenze, 21 dicembre 2009 I CFT Cosa sono: Una rete di risorse (Agenzie e strutture ) diffuse su tutto il territorio provinciale, delegate dalla Direzione Formazione,

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Provincia di Trieste Area Servizi

Dettagli

Progetto RISC, rischi per l infanzia e soluzioni per contrastarlo

Progetto RISC, rischi per l infanzia e soluzioni per contrastarlo Progetto RISC, rischi per l infanzia e soluzioni per contrastarlo Regione Toscana Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Fondazione Emanuela Zancan di Padova Comune di Firenze, Società della Salute

Dettagli

I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia

I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia 1 luglio 2015 #lavoro Rassegna Stampa Messaggero Veneto2lug2015 Il Piccolo 2lug2015 TG3 RAI FVG 1lug2015 I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia Anche in Friuli Venezia Giulia il mercato del lavoro

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

TAV. 1 Popolazione residente nelle Province della Regione Sardegna nel 2001 fonte: Istat

TAV. 1 Popolazione residente nelle Province della Regione Sardegna nel 2001 fonte: Istat Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 1 Popolazione residente nelle Sardegna nel 2001 fonte: Istat Variazione percentuale della popolazione delle Province della Regione Sardegna dal

Dettagli

Bolzano/Bozen. I numeri del comune. Abitanti* 105.713 515.714 Superficie (km 2 ) 52,29 7.398,38 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Bolzano/Bozen. I numeri del comune. Abitanti* 105.713 515.714 Superficie (km 2 ) 52,29 7.398,38 Densità (ab. per km 2 ) 2. Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Bolzano/Bozen I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.7.7 Superficie (km ),9 7.98,8 Densità (ab. per km )., 9,7 * al.. Numero Addetti unità locali

Dettagli

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Atlante della salute nelle province metropolitane Migliore e peggiore performance provincia per provincia Torino: la provincia con i tassi di dimissione ospedaliera

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

LE RISPOSTE PER LE PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI: BISOGNI, SERVIZI E SPESA. Tiziano Vecchiato Rovigo, 23 novembre 2011

LE RISPOSTE PER LE PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI: BISOGNI, SERVIZI E SPESA. Tiziano Vecchiato Rovigo, 23 novembre 2011 Realizzato con il contributo di: LE RISPOSTE PER LE PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI: BISOGNI, SERVIZI E SPESA Tiziano Vecchiato Rovigo, 23 novembre 2011 Fondazione E. Zancan Onlus OBIETTIVI OSSERVATORIO

Dettagli

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Documento di economia e finanza 2015 Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA Nel corso degli anni 90, il numero di permessi di soggiorno per l ingresso in Italia di minori stranieri è aumentato notevolmente. Si calcola infatti che negli ultimi

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO Servizio Aziende e Partecipazioni comunali LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA Edizione 1/ST/st/26.10.2006

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

Le funzioni statistiche dopo la riforma delle autonomie locali (legge 56/14) La funzione statistica tra Comuni e Città metropolitane aprile 2015 1 Sintesi Siamo in presenza di un innovazione straordinaria

Dettagli

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 872.367 2.247.78 Superficie (km 2 ) 13,2 6.83,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.71,8 329,1 a cura del Servizio Statistica e Toponomastica Città

Dettagli

Reggio Calabria. I numeri del comune. Abitanti* 184.937 559.759 Superficie (km 2 ) 239,04 3.210,37 Densità (ab. per km 2 ) 773,66 174,36

Reggio Calabria. I numeri del comune. Abitanti* 184.937 559.759 Superficie (km 2 ) 239,04 3.210,37 Densità (ab. per km 2 ) 773,66 174,36 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Reggio Calabria I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.97 9.79 Superficie (km ) 9,.,7 Densità (ab. per km ) 77, 7, * al.. Numero Addetti unità

Dettagli

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa 2 Stato di salute A - Mortalità generale e per causa L analisi dei dati di mortalità costituisce ancora uno strumento importante per la comprensione dello stato di salute di una popolazione, in quanto

Dettagli

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 30 luglio 2008 Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 L Annuario statistico dell Umbria, giunto alla sua dodicesima edizione, è il frutto della proficua collaborazione tra l Ufficio regionale

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1.

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1. STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Paragrafo 1.2 ASPETTI SANITARI Novembre 2003 1.2.1 DEMOGRAFIA Il contesto demografico Il

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan VENETO: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO ALLA

Dettagli

Verona. I numeri del comune. Abitanti* 259.966 921.717 Superficie (km 2 ) 198,92 3.096,39 Densità (ab. per km 2 ) 1.306,91 297,67

Verona. I numeri del comune. Abitanti* 259.966 921.717 Superficie (km 2 ) 198,92 3.096,39 Densità (ab. per km 2 ) 1.306,91 297,67 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Verona I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9.9 91.717 Superficie (km ) 19,9.9,9 Densità (ab. per km ) 1.,91 97,7 * al 1.1.1 Numero Addetti

Dettagli

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DEI TIROCINI ATTIVATI IN PROVINCIA DI PIACENZA

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DEI TIROCINI ATTIVATI IN PROVINCIA DI PIACENZA CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DEI TIROCINI ATTIVATI IN PROVINCIA DI PIACENZA In questa analisi vengono presi in esame i dati relativi alle comunicazioni obbligatorie pervenute al Sistema Informativo Lavoro

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori di outcome

Dettagli

Bari. I numeri del comune. Abitanti* 322.751 1.261.964 Superficie (km 2 ) 117,39 3.862,88 Densità (ab. per km 2 ) 2.749,4 326,69

Bari. I numeri del comune. Abitanti* 322.751 1.261.964 Superficie (km 2 ) 117,39 3.862,88 Densità (ab. per km 2 ) 2.749,4 326,69 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Bari I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.71 1.1.9 Superficie (km ) 117,9.8,88 Densità (ab. per km ).79,,9 * al 1.1.1 Numero Addetti unità

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

Capitolo 5. Gli Impatti

Capitolo 5. Gli Impatti Relazione sullo Stato dell Ambiente 2004 della Provincia di Pistoia Capitolo 5 Gli Impatti Legenda Con il termine impatto si fa riferimento all effetto dello stato ambientale sulla salute umana e sulla

Dettagli

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO MORTALITA dal 1971 al 26 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Fonte dei dati: Registro di Mortalità Regionale toscano [dati presentati il 27 maggio,28] 1 Mortalità generale Andamento temporale 1971-26 I

Dettagli

Parma. I numeri del comune. Abitanti* 187.938 443.176 Superficie (km 2 ) 260,6 3.447,48 Densità (ab. per km 2 ) 721,17 128,55

Parma. I numeri del comune. Abitanti* 187.938 443.176 Superficie (km 2 ) 260,6 3.447,48 Densità (ab. per km 2 ) 721,17 128,55 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Parma I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 87.98.7 Superficie (km ),.7,8 Densità (ab. per km ) 7,7 8, * al.. Numero Addetti unità locali Imprese*

Dettagli

ALBO PROVINCIALE PRO LOCO

ALBO PROVINCIALE PRO LOCO ALBO PROVINCIALE PRO LOCO L.R. della Toscana n. 42 del 23 marzo 2000 Regolamento n. 18/R del 23 aprile 2001 Atto Dirigenziale della Provincia di Firenze n. 507 del 4 febbraio 2002 (aggiornato al 13 novembre

Dettagli

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 Abstract 2 2013 - Rapporto Comunità XXX in Italia Il Rapporto annuale sul Mercato del lavoro degli Immigrati" promosso

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006)

Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006) Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006) Programma triennale di attività 2008-2010 Il quadro normativo e progettuale della prevenzione nei luoghi di lavoro

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri. Venerdì 3 febbraio 2012

GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri. Venerdì 3 febbraio 2012 GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri Venerdì 3 febbraio 2012 L immigrazione in Liguria: un fenomeno strutturale - Residenti al 31 dicembre 2010 = 125.320 - Stima dossier al 31 dicembre 2010= 136.000

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future 8 maggio 2008 I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future Il volume I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti presentato oggi,

Dettagli

Area tematica: Sviluppo delle attività economiche

Area tematica: Sviluppo delle attività economiche Area tematica: Sviluppo delle attività economiche o Sostenere i processi di innovazione e di riqualificazione Obiettivi Linee di azione della Provincia Riferimenti programmatici e finanziari Sviluppare

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE Dati Ridi (0-29 anni) Anno 2013 Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento giugno 2014 A cura di Silvano Piffer

Dettagli

Catanzaro. I numeri del comune. Abitanti* 91.028 363.979 Superficie (km 2 ) 112,72 2.415,45 Densità (ab. per km 2 ) 807,53 150,69

Catanzaro. I numeri del comune. Abitanti* 91.028 363.979 Superficie (km 2 ) 112,72 2.415,45 Densità (ab. per km 2 ) 807,53 150,69 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Catanzaro I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9..979 Superficie (km ),7., Densità (ab. per km ) 7,,9 * al.. Numero Addetti unità locali Imprese*..9

Dettagli

Forlì. I numeri del comune. Abitanti* 118.359 396.636 Superficie (km 2 ) 228,2 2.378,4 Densità (ab. per km 2 ) 518,66 166,77

Forlì. I numeri del comune. Abitanti* 118.359 396.636 Superficie (km 2 ) 228,2 2.378,4 Densità (ab. per km 2 ) 518,66 166,77 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Forlì I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 8.9 9. Superficie (km ) 8,.78, Densità (ab. per km ) 8,,77 * al.. Numero Addetti unità locali Imprese*.9.

Dettagli

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA SOCIALE NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 7 N.3/2015 I consumi privati rappresentano, in economia,

Dettagli

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale L REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N.69/20 DEL 10.12.2008 PIANI PERSONALIZZATI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITÀ Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale 1. ORIENTAMENTI

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

ASSOCIAZIONE PROGETTO ACCOGLIENZA Onlus. www.progettoaccoglienza.org

ASSOCIAZIONE PROGETTO ACCOGLIENZA Onlus. www.progettoaccoglienza.org Onlus www.progettoaccoglienza.org La Associazione Progetto Accoglienza opera a Borgo San Lorenzo (FI) dal 1992 e offre risposte alle problematiche legate al fenomeno migratorio attraverso l accompagnamento

Dettagli

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture FIRENZE Diminuisce il numero dei bambini e ragazzi in strutture di accoglienza e in afidameno familiare, così come le adozioni

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI Trieste novembre 2012 Riproduzioni e stampe dovranno riportare in modo visibile la fonte e la proprietà dell informazione. Inoltre, su richiesta al Servizio Statistica

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI 1 Premessa Il determinismo degli incidenti stradali risulta in una particolare

Dettagli

Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona. www.ulss.tv.it

Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona. www.ulss.tv.it Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona www.ulss.tv.it Principi costituzionali Art. 2. La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo

Dettagli

LA GIUNTA DELIBERA. Per i motivi esposti in narrativa:

LA GIUNTA DELIBERA. Per i motivi esposti in narrativa: Società della Salute Zona Socio Sanitaria Fiorentina Nord Ovest Deliberazione n. 16 del 10 luglio 2006 OGGETTO: Adesione al progetto regionale : Sorveglianza attiva per la persona anziana fragile L anno

Dettagli

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014 Capitolo 5.1 ANALISI DEI MOVIMENTI ANAGRAFICI DELLA PO- POLAZIONE 1 Maria Cristina Migliore Un primo sguardo di sintesi Nel 2014 la popolazione residente in Piemonte è diminuita di oltre 10mila unità.

Dettagli

Relazione sullo stato di salute di Firenze. Profilo di salute e dei servizi socio sanitari Anno 2008

Relazione sullo stato di salute di Firenze. Profilo di salute e dei servizi socio sanitari Anno 2008 Relazione sullo stato di salute di Firenze Profilo di salute e dei servizi socio sanitari Anno 2008 Edizione 2009 Il lavoro è stato curato da: Osservatorio della SdS di Firenze Katia Cigliuti, Vanna Mugnaini,

Dettagli

COS È IL PROGETTO PRONTO BADANTE

COS È IL PROGETTO PRONTO BADANTE COS È IL PROGETTO PRONTO BADANTE Pronto Badante è il progetto della Regione Toscana che ha come obiettivo il sostegno alla famiglia nel momento in cui si presenta la prima fase di fragilità dell anziano.

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF)

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF) CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF) tra i Comuni di: Bagno a Ripoli, Barberino Val d Elsa, Calenzano, Campi Bisenzio, Fiesole, Figline Valdarno,

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Milano Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Lombardia Statistiche Report N 2 / 14 aprile 2014 I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Sintesi La spesa media per consumi delle famiglie lombarde nel 2012 è di

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Le professioni sociali Architettura di un modello di osservazione: profilo e tendenze della domanda e dell offerta sul mercato del lavoro regionale

Le professioni sociali Architettura di un modello di osservazione: profilo e tendenze della domanda e dell offerta sul mercato del lavoro regionale Le professioni sociali Architettura di un modello di osservazione: profilo e tendenze della domanda e dell offerta sul mercato del lavoro regionale Roberto Di Monaco Torino, 30 giugno 2010 Indice 1 - Obiettivi

Dettagli

9. Il contesto di riferimento: i dati dell Ambito Territoriale di Monza

9. Il contesto di riferimento: i dati dell Ambito Territoriale di Monza 9. Il contesto di riferimento: i dati dell Ambito Territoriale di Monza A. DATI DEMOGRAFICI Tab. 1 Composizione popolazione residente 0 3 952 3.304 335 4.591 4 10 2778 9.096 1.023 12.897 11 13 960 3.364

Dettagli

PROGETTO DITER. Secondaria di I grado

PROGETTO DITER. Secondaria di I grado Scheda D.I.Ter N. 9/aggiornamento a giugno 2013 Allievi stranieri a scuola in Piemonte. Aggiornamento 2012 La crescita del numero di allievi stranieri in Piemonte è proseguita nell anno scolastico 2011/12

Dettagli