Realizzazione di un sistema per l archiviazione, la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Realizzazione di un sistema per l archiviazione, la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti"

Transcript

1 1/27 PROGETTO AIRUMBRIA la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti MODULI SW REALIZZATI E FUNZIONANTI DEL SERVIZIO DI CONSERVAZIONE - (documento 6.6.1)

2 2/27 Data: 1/6/2011 Compilato: Alessandro Cavazzoni Data: 1/6/2011 Rivisto: Francesco Frattegiani Data: 1/6/2011 Approvato: Brunella Pierini Destinatari: Webred S.p.A. Regione Umbria

3 3/27 Indice dei contenuti 1 GENERALITÀ GENERALITÀ IL GATEWAY DI CONSERVAZIONE LA CONTRATTUALIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI LA STRUTTURA DEI PARAMETRI DI INGRESSO DELL INTERFACCIA BLOCCO HEADER MESSAGGIO BLOCCO IDENTIFICAZIONE UTENTE INFO DOCUMENTO BLOCCO PROFILO ARCHIVISTICO LOCCO LISTA DI FILE E RELATIVE PROPRIETÀ LA STRUTTURA DEI PARAMETRI DI USCITA DELL INTERFACCIA ALLEGATO 1 DENOMINAZIONE ENTI COMUNI DELLA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNI DELLA PROVINCIA DI TERNI ALTRI ENTI ALLEGATO 2 WSDL WEB SERVICE DI COMUNICAZIONE CON IL GATEWAY DI CONSERVAZIONE... 24

4 4/27 1 GENERALITÀ Oggetto: la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti Riferimenti documenti aziendali: a Riferimenti esterni: Moduli utilizzati History V1: rilascio iniziale Glossario, abbreviazioni e acronimi: SGD SCN Sistema di Gestione Documentale. Sistema di Conservazione

5 5/27 2 GENERALITÀ Il documento descrive l interfaccia del web service che ogni Ente dovrà implementare per il versamento dei documenti in Conservazione. 2.1 IL GATEWAY DI CONSERVAZIONE Ogni Ente verserà verso il Conservatore passando per un Gateway di Conservazione che espone una interfaccia con due modalità di trasporto: - una sincrona - una asincrona. Il Gateway oltreché assolvere alle funzionalità di tracciatura globale, realizza una interfaccia normalizzata al variare del Conservatore. Con la modalità sincrona il gateway passa immediatamente il messaggio di richiesta al Conservatore ed anche le informazioni di ritorno dal Conservatore sono passate immediatamente al chiamante. Nel caso asincrono il gateway ritorna immediatamente il controllo all applicativo chiamante. Le informazioni di risposta del Conservatore sono memorizzate sul Gateway e saranno accessibili mediante pagine web opportunamente predisposte. 2.2 LA CONTRATTUALIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI Alcune informazione, come di seguito riportato, vengono contrattualizzate tra Ente ed Unimatica all atto del conferimento dell incarico al Conservatore. Alcune di queste informazioni sono obbligatorie ed altre facoltative. I valori contrattualizzati sono quelli che l Applicativo dell Ente dovrà passare al Gateway. E quindi da evitare la situazione in cui vengano contrattualizzati valori dei parametri che l Applicativo dell Ente non è in grado di elaborare (ad esempio i valori collegati al profilo archivistico).

6 6/27 3 LA STRUTTURA DEI PARAMETRI DI INGRESSO DELL INTERFACCIA La struttura dei parametri di ingresso dell interfaccia è schematizzata dalla figura seguente. Header Messaggio Identificazione Utente Info documento Chiave documento Profilo Archivistico Lista di file e relativi metadati File 1 + metadati File 2 + metadati... File N + metadati Figura 1 Struttura dell'interfaccia unica di conservazione Il significato dei diversi blocchi è il seguente: HEADER MESSAGGIO Contiene alcune informazioni generali relative al messaggio. In particolare

7 7/27 contiene il nome dell Ente così come concordato all atto della delega al Conservatore (vedi allegato Denominazione Enti ) IDENTIFICAZIONE UTENTE Contiene alcune delle informazioni concordate tra Ente e Conservatore e comunicate a Webred al momento della stipula dell affido che identificano univocamente l Ente INFO DOCUMENTO Sono le informazioni del documento. Si osservi che un documento è fisicamente composto da uno o più files. Questi possono essere strutturati logicamente come: o Un insieme piatto di files o Un blocco principale ed eventuali allegati PROFILO ARCHIVISTICO E un insieme di informazioni, OPZIONALI e comunque anch esse concordate concordate tra Ente e Conservatore e comunicate a Webred al momento della stipula dell affido, che consentono di arricchire la classificazione del documento (ad esempio FATTURA ) con un insieme di metadati al fine di arricchire l informazione sul documento. Ad esempio un tipo PROTOCOLLO potrebbe portarsi dietro le informazioni di mittente, oggetto, ecc. LISTA DI FILE e RELATIVE Proprietà E costituito dall insieme di file che costituiscono un documento assieme alle relative proprietà minime che l Ente deve fornire Al fine di conferire la massima flessibilità all interfaccia, anche in vista di possibili cambiamenti del Conservatore, alcuni componenti di ciascun blocco possono essere costituiti da coppie nome-valore. La loro obbligatorietà in generale dipende dal Conservatore adottato.

8 8/27 Fanno eccezione quelle informazioni generalmente disponibili da parte degli Applicativi versanti e che sono richieste da tutti i Conservatori. Nello schema dati queste ultime informazioni sono statiche. Nel seguito, per ogni blocco, vengono definita se l informazione è fornita mediante coppia nome-valore. 3.1 BLOCCO HEADER MESSAGGIO NOME Coppia Nome- Valore NOME OBBLIGA TORIO NOTE ente No - Sì E il nome dell Ente. La lista dei nomi è pubblicata nel Capitolo Allegato 1 Denominazione Enti. Ad. Es. ComunePerugia E contrattualizzato. Se l Ente non è tra quelli previsti viene restituito un fault. dataorainvio No - Sì Campo di tipo data (si fa riferimento al WSDL) postazioneid No - Sì Identifica una qualunque informazione fornita dal client utile per un successivo tracing, Si suggerisce il nome dell utente che ha eseguito l operazione tipoinvio No - Sì Specifica il tipo di Invio. A = asincrono; S = sincrono password Sì Password E la password assegnata all Ente da WEBRED per consentire l invio dei messaggi nel gateway. La password viene mantenuta sui file tecnici criptata 3.2 BLOCCO IDENTIFICAZIONE UTENTE Il blocco consta di queste informazioni: NOME Coppia Nome- Valore NOME OBBLIGA TORIO NOTE STRUTTURA Sì STRUTTURA Sì Identificativo dell Area Organizzativa Omogenea/Struttura che origina il documento. (Ad esempio AOO_ComunePerugia, ECONOMATO, ecc). E contrattualizzato e quindi è in funzione dall Ente. Le AOO/strutture, per un dato Ente, possono essere molteplici e ciascuna potrebbe avere diverse modalità di conservazione USER_ID Sì USER_ID Sì Identificativo dell applicazione dell Utente. Ad esempio INTERPA, DOCUMENTUM, ecc. E contrattualizzato e quindi è in funzione dall Ente.

9 9/27 FAMILY Sì FAMILY Sì Identificativo dell installazione. Ad esempio PRODUZIONEUMBRIA, TESTUMBRIA ecc. E contrattualizzato e quindi è in funzione dall Ente 3.3 INFO DOCUMENTO Il documento costituisce un entità logica composta da più oggetti, ovvero file, metadati e proprietà. Nel caso più semplice un documento è costituito da un solo file con i relativi metadati e proprietà. Il blocco consta di queste informazioni: NOME Coppia NOME OBBLIGATORIO Nome- NOTE Valore Tipo No - Sì Campo per la classificazione dei documenti. Nel caso di protocollo DOCUMENTO PROTOCOLLATO Nel caso di determine DETERMINE DIRIGENZIALI ecc E contrattualizzato e quindi è in funzione dall Ente. Data No Al momento non utilizzato NUMERO Sì NUMERO Sì Un identificatore alfanumerico del documento impostato dall applicazione. Ad esempio PG1001/A. Questa informazione è presente in un blocco annidato denominato chiave. ANNO Sì ANNO Sì Un identificatore che definisce il contesto temporale nel formato yyyy. Ad esempio Questa informazione è presente in un blocco annidato denominato chiave. CLASSIFICAZIONE Sì CLASSIFICAZI ONE Sì Un identificatore che definisce il contesto organizzativo del Soggetto Versante o altro identificativo che renda univoche le precedenti chiavi. Ad esempio DELIBERE. Si osservi che questa proprietà non è legata alla classificazione archivistica, ovvero al contenuto di tipo Documento anche se può assumere lo stesso valore. Questa informazione è presente in un blocco annidato denominato chiave. forza_conservazione 1 Sì forza_conservazi No Questo parametro posto a true indica la precisa volontà del versante 1 I controlli di forza accettazione e conservazione dipendono dalla configurazione iniziale che viene stabilita all atto della contrattualizzazione del rapporto Ente-Conservatore. Tali controlli vengono stabiliti a livello della configurazione statica del server, mentre il client può modulare la forza dei parametri. La casistica è la seguente: - Se i controlli stabiliti a livello del server sono stringenti, questi valgono a prescindere da quello che viene scritto nelle coppie nome-valore forzaconservazione o forzaaccettazione del client. Se ad esempio a livello del server (quindi all atto del contratto) si decide di rifiutare documenti non firmati, questi non verranno mai conservati, a prescindere da quello che richiede il client - Se i controlli a livello del server sono del tipo conserva tutto è necessario che il client dia le istruzioni di cosa far passare Allo scopo di semplificare la configurazione degli applicativi versanti, si consiglia di: - Contrattualizzare una configurazione del server di tipo passa tutto - I parametri forza_conservazione e forza_accettazione vengono posti automaticamente dal Gateway a true anche se è sempre possibile per l applicazione utente specificarli e quindi sovrascriverli.

10 10/27 one di voler consrvare il documento anche se questo non è firmato. E contrattualizzato e quindi è in funzione dall Ente. forza_accettazione 1 Sì forza_accettazio ne No Se questo campo ha valore = true il file (firmato) verrà accettato anche se la verifica di firma su tutti i file che compongono il documento è fallita. Se il campo ha valore false oppure è assente il documento sarà accettato o respinto in base all esito della verifica E contrattualizzato e quindi è in funzione dall Ente. Si osservi che la terna numero-anno-registro deve costituire un identificativo univoco all interno dell ente/struttura 3.4 BLOCCO PROFILO ARCHIVISTICO Il blocco intende fornire al Conservatore alcune informazioni di tipo archivistico (metadati) atte a facilitare il successivo reperimento del documento all atto dell eventuale esibizione. Si noti che tale blocco non è obbligatorio ed il suo contenuto è contrattualizzato all atto della delega verso il Conservatore. Il blocco è costituito da un insieme di coppie ripetibili nome-valore NOME (parametro = nome contrattualizzato ) Coppia Nome- Valore Sì <il nome del metadato è contrattualizzato> NOME OBBLIGATORIO NOTE No Nome del metadato archivistico E contrattualizzato e quindi è in funzione dall Ente. Al nome del parametro corrisponderà il valore nel campo valore. Ad esempio un documento tipo = PRESCRIZIONEFARMACEUTICA potrebbe avere i seguenti metadati archivistici: Nome del parametro MEDICO ASSISTITO FARMACIA Un documento del tipo = PROTOCOLLO potrebbe avere i seguenti dati

11 11/27 Nome del parametro MITTENTE NUMERO OGGETTO DATA 3.5 LOCCO LISTA DI FILE E RELATIVE PROPRIETÀ Il Blocco contiene i file del documento. Si tratta di un blocco ripetibile in quanto il documento può contenere anche più di un file. Anche se questo blocco prevede al momento solo tag statici, è prevista la possibilità di inserire coppie nome-valore per eventuali usi futuri dipendenti dal Conservatore. NOME Coppia Nome- NOME OBBLIGATORIO NOTE Valore filedata No - Sì È il contenuto del documento in formato binario Ordine No - Sì Numerico La numerazione inizia da 0 nomefile No - Sì E il nome del file Formato No - Sì Rappresenta il formato del file corrispondente al documento. Ad esempio PDF, TIFF, PDF.P7M, ecc. E contrattualizzato e quindi è in funzione dall Ente. riferimento_tempora le Sì riferimento_tempo rale No Data/Ora del documento Campo di tipo data (si fa riferimento al WSDL) Questo campo è importante in quanto il Conservatore, nell eventualità che un documento sia firmato, effettua i controlli a questa data. E quindi possibile sottoporre un documento firmato, la cui firma è ad oggi scaduta, ma alla data riportata nel campo la firma era ancora valida. Poiché questo caso è sovente collegato al protocollo, è possibile indicare qual il riferimento temporale utilizzato nel campo descrizioneriferimentotemporale Il formato prescritto dal Conservatore è il seguente: Formato della data (da usare in mat.html per i controlli con gli opportuni codici di errori se non valido) : yyyy-mm-ddthh:mm:ss

12 12/27 descrizione_riferime nto_temporale Sì descrizione_riferi mento_temporale No Esempio di data : T09:02:22 Questa informazione, pur non essendo contrattualizzata, è funzione delle scelte dell Ente. Descrive il riferimento temporale usato. Ad esempio Data di Protocollo oppure Data di Firma Questa informazione, pur non essendo contrattualizzata, è funzione delle scelte dell Ente.

13 13/27 4 LA STRUTTURA DEI PARAMETRI DI USCITA DELL INTERFACCIA La struttura dei parametri di uscita dell interfaccia è schematizzata dalla figura seguente. Anche in questo caso possono essere presenti una serie di campi dinamici (coppie nome-valore) per recepire le diverse esigenze che dovessero insorgere dall eventuale cambiamento del Conservatore, mentre altri campi, di base, che sono comuni ai vari Conservatori, sono strutturati staticamente. Attualmente non sono presenti campi dinamici (campi nome-valore). Il messaggio di risposta si compone nel modo seguente: - Codice. Indica se l operazione è andata a buon fine o meno. CASO SUCCESSO: CODICE: 0 CASO INSUCCESSO: CODICE: > 0 Si osservi che a secondo che la chiamata sia sincrona o asincrona, il codice di ritorno ha questo significato: o Caso sincrono: il CONSERVATORE ha ricevuto il messaggio ed in funzione dell elaborazione risponde successo o insuccesso. In questo caso il codice è del tipo UNIMATICA-XXX. Posso poi avere errori che si generano all interno del Gateway. Tali errori sono del tipo GAT-XXX e sono legati alle diverse fasi che il gateway attraverso durante una spedizione: Validazione dei parametri all ingresso Invio dei documenti Formattazione dei messaggi di ritorno o Caso asincrono: il GATEWAY di Conservazione ha preso in carico il messaggio e lo trasmetterà al Conservatore. La risposta del Conservatore sarà memorizzata sul Gateway e disponibile mediante pagina web. In questo i codici di errore che vengono restituiti sono legati solo

14 14/27 alla prima fase, ovvero quella di validazione in quanto nel caso asincrono l invio dei documenti avviene quando il client si è ormai staccato dal gateway. - faultstring. In caso di insuccesso viene dettagliata la motivazione dell errore. Gli errori provenienti dal conservatore hanno le seguenti caratteristiche tratte dal manuale del web service di riversamento L interfaccia in uscita ha la possibilità non usata nel caso dell interfacciamento con UNIMATICA di restituire delle coppie nome-valore recanti informazioni di interesse. Ad esempio il token di messaggio recevuto e conservato che taluni conservatori (INFOCERT ad es.) restituiscono allo scopo di ricercare successivamente il documento.

15 15/27

16 16/27

17 17/27 5 ALLEGATO 1 DENOMINAZIONE ENTI Le denominazioni allegate sono riprese da quelle stabilite per la Cooperazione Applicativa. 5.1 COMUNI DELLA PROVINCIA DI PERUGIA N Ente 1 ComuneAssisi 2 ComuneBastiaUmbra 3 ComuneBettona 4 ComuneBevagna 5 ComuneCampelloSulClitunno 6 ComuneCannara 7 ComuneCascia 8 ComuneCastelRitaldi 9 ComuneCastiglioneDelLago 10 ComuneCerretoDiSpoleto 11 ComuneCiterna 12 ComuneCittaDellaPieve 13 ComuneCittaDiCastello 14 ComuneCollazzone 15 ComuneCorciano 16 ComuneCostacciaro 17 ComuneDeruta 18 ComuneFoligno 19 ComuneFossatoDiVico 20 ComuneFrattaTodina

18 18/27 N Ente 21 ComuneGianoDellUmbria 22 ComuneGualdoCattaneo 23 ComuneGualdoTadino 24 ComuneGubbio 25 ComuneLiscianoNiccone 26 ComuneMagione 27 ComuneMarsciano 28 ComuneMassaMartana 29 ComuneMonteCastelloDiVibio 30 ComuneMontefalco 31 ComuneMonteSMariaTiberina 32 ComuneMonteleoneDiSpoleto 33 ComuneMontone 34 ComuneNoceraUmbra 35 ComuneNorcia 36 ComunePaciano 37 ComunePanicale 38 ComunePassignanoSulTrasimeno 39 ComunePiegaro 40 ComunePerugia 41 ComunePietralunga 42 ComunePoggiodomo 43 ComunePreci 44 ComuneSanGiustino 45 ComuneSantAnatoliaDiNarco 46 ComuneScheggiaPascelupo

19 19/27 N Ente 47 ComuneScheggino 48 ComuneSellano 49 ComuneSigillo 50 ComuneSpello 51 ComuneSpoleto 52 ComuneTodi 53 ComuneTorgiano 54 ComuneTrevi 55 ComuneTuoroSulTrasimeno 56 ComuneUmbertide 57 ComuneValfabbrica 58 ComuneValloDiNera 59 ComuneValtopina 5.2 COMUNI DELLA PROVINCIA DI TERNI N Ente 1 ComuneAcquasparta 2 ComuneAllerona 3 ComuneAlviano 4 ComuneAmelia 5 ComuneArrone 6 ComuneAttigliano 7 ComuneAviglianoUmbro 8 ComuneBaschi

20 20/27 N Ente 9 ComuneCalviDellUmbria 10 ComuneCastelGiorgio 11 ComuneCastelViscardo 12 ComuneFabro 13 ComuneFerentillo 14 ComuneFiculle 15 ComuneGiove 16 ComuneGuardea 17 ComuneLugnanoInTeverina 18 ComuneMontecastrilli 19 ComuneMontecchio 20 ComuneMontefranco 21 ComuneMontegabbione 22 ComuneMonteleoneDOrvieto 23 ComuneNarni 24 ComuneOrvieto 25 ComuneOtricoli 26 ComuneParrano 27 ComunePennaInTeverina 28 ComunePolino 29 ComunePorano 30 ComuneSanGemini 31 ComuneSanVenanzo 32 ComuneStroncone

21 21/27 N Ente 33 ComuneTerni 5.3 ALTRI ENTI N Ente 1 RegioneUmbria 2 ConsiglioRegionaleUmbria 3 ProvinciaPerugia 4 ProvinciaTerni 5 ARPAUmbria 6 ARUSIA 7 ATI1 8 ATI2 9 ComunitaMontanaValnerina 10 ComunitaMontanaSubasioMontiMartani 11 ComunitaMontanaOrvietanoNarneseAmerinoTuderte 12 ComunitaMontanaUmbriaNord 13 ComunitaMontanaMontiDelTrasimeno 14 UnioneComuniOlioSagrantino 15 CentroServiziWebred 16 Asl1Umbria 17 Asl2Umbria 18 Asl3Umbria 19 Asl4Umbria

22 22/27 N Ente 20 AziendaOspedalieraPerugia 21 AziendaOspedalieraTerni 22 AgenziaUmbraSanita 23 ConsorzioSIRUmbria

23 23/27

24 24/27 6 ALLEGATO 2 WSDL WEB SERVICE DI COMUNICAZIONE CON IL GATEWAY DI CONSERVAZIONE <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <definitions targetnamespace="http://airu.regione.umbria.it/gateway/" xmlns="http://schemas.xmlsoap.org/wsdl/" xmlns:wsaw="http://www.w3.org/2006/05/addressing/wsdl" xmlns:wsdl="http://schemas.xmlsoap.org/wsdl/" xmlns:tns="http://airu.regione.umbria.it/gateway/" xmlns:http="http://schemas.xmlsoap.org/wsdl/http/" xmlns:xsd="http://www.w3.org/2001/xmlschema" xmlns:xmime="http://www.w3.org/2005/05/xmlmime" xmlns:soap="http://schemas.xmlsoap.org/wsdl/soap/" xmlns:mime="http://schemas.xmlsoap.org/wsdl/mime/" xmlns:soap12="http://schemas.xmlsoap.org/wsdl/soap12/"> <types> <xsd:schema attributeformdefault="qualified" elementformdefault="qualified" targetnamespace="http://airu.regione.umbria.it/gateway/" xmlns="http://schemas.xmlsoap.org/wsdl/"> <xsd:import namespace="http://www.w3.org/2005/05/xmlmime" schemalocation="http://www.w3.org/2005/05/xmlmime"/> <xsd:complextype name="gatewayrequestmsgtype"> <xsd:sequence> <xsd:element name="identificazione" type="tns:listachiavevaloretype"/> <xsd:element name="documento" type="tns:documentotype"/> </xsd:sequence> <xsd:attribute name="ente" type="xsd:string" use="required"/> <xsd:attribute name="postazioneid" type="xsd:string"/> <xsd:attribute name="dataorainvio" type="xsd:datetime" use="required"/> <xsd:attribute name="tipoinvio" type="tns:inviotype" use="required"/> <xsd:attribute name="version" type="xsd:string" use="required"/> </xsd:complextype> <xsd:complextype name="gatewayresponsemsgtype"> <xsd:sequence> <xsd:element minoccurs="1" name="codice" type="xsd:string"/> <xsd:element name="info" type="tns:listachiavevaloretype"> </xsd:element> </xsd:sequence> <xsd:attribute name="version" type="xsd:string" use="required"/> </xsd:complextype> <xsd:complextype name="gatewayfaultmsgtype"> <xsd:sequence> <xsd:element minoccurs="1" name="codice" type="xsd:string"/> <xsd:element minoccurs="1" name="faultstring" type="xsd:string"/> </xsd:sequence> </xsd:complextype>

25 25/27 <xsd:complextype name="documentotype"> <xsd:sequence> <xsd:element name="tipo" type="xsd:string"/> <xsd:element name="data" type="xsd:datetime"/> <xsd:element name="chiave" type="tns:listachiavevaloretype"> </xsd:element> <xsd:element name="profiloarchivistico" type="tns:listachiavevaloretype"> </xsd:element> <xsd:element maxoccurs="unbounded" minoccurs="0" name="allegato" type="tns:allegatotype"> </xsd:element> <xsd:element minoccurs="0" name="info" type="tns:listachiavevaloretype"> </xsd:element> </xsd:sequence> </xsd:complextype> <xsd:complextype name="allegatotype"> <xsd:sequence> <xsd:element name="filedata" type="xmime:base64binary"/> <xsd:element name="ordine" type="xsd:int"/> <xsd:element name="nomefile" type="xsd:string"/> <xsd:element name="formato" type="xsd:string"/> <xsd:element minoccurs="0" name="info" type="tns:listachiavevaloretype"> </xsd:element> </xsd:sequence> </xsd:complextype> <xsd:simpletype name="inviotype"> <xsd:restriction base="xsd:string"> <xsd:enumeration value="s"/> <xsd:enumeration value="a"/> </xsd:restriction> </xsd:simpletype> <xsd:complextype name="chiavevaloretype"> <xsd:sequence> <xsd:element name="parametro" type="xsd:string"/> <xsd:element name="valore" type="xsd:string"/> </xsd:sequence> </xsd:complextype> <xsd:complextype name="listachiavevaloretype"> <xsd:sequence> <xsd:element maxoccurs="unbounded" minoccurs="0" name="chiavevalore" type="tns:chiavevaloretype"/> </xsd:sequence>

26 26/27 </xsd:complextype> <xsd:element type="tns:gatewayrequestmsgtype"/> <xsd:element type="tns:gatewayresponsemsgtype"/> <xsd:element type="tns:gatewayfaultmsgtype"/> name="servizioconservazionereq" name="servizioconservazioneres" name="servizioconservazionefault1" </xsd:schema> </types> <message name="servizioconservazionefault1"> <part name="fault1" element="tns:servizioconservazionefault1"> </part> </message> <message name="servizioconservazioneres"> <part name="in" element="tns:servizioconservazioneres"> </part> </message> <message name="servizioconservazionereq"> <part name="out" element="tns:servizioconservazionereq"> </part> </message> <porttype name="servizioconservazioneporttype"> <operation name="servizioconservazioneop"> <input name="servizioconservazionereq" message="tns:servizioconservazionereq"> </input> <output name="servizioconservazioneres" message="tns:servizioconservazioneres"> </output> <fault name="fault1" message="tns:servizioconservazionefault1"> </fault> </operation> </porttype> <binding name="servizioconservazionebinding" type="tns:servizioconservazioneporttype"> <soap12:binding style="document" transport="http://schemas.xmlsoap.org/soap/http"/> <operation name="servizioconservazioneop"> <soap12:binding style="document" transport="http://schemas.xmlsoap.org/soap/http"/> <input name="servizioconservazionereq"> <soap:body use="literal"/> </input> <output name="servizioconservazioneres"> <soap:body use="literal"/> </output> <fault name="fault1">

27 27/27 <soap:fault name="fault1" use="literal"/> </fault> </operation> </binding> <service name="servizioconservazioneservice"> <port name="servizioconservazioneporttype" binding="tns:servizioconservazionebinding"> <soap:address location="http:// :8081/axis2/services/servizioconservazioneservice/"/> </port> </service> </definitions>

QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO IN MODALITÀ PROVVISORIA Versione 1.0 Qualificazione della Porta di INDICE 1. PROCESSO DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO IN MODALITÀ PROVVISORIA 3 2. DESCRIZIONE

Dettagli

A2A Specifiche Web Services

A2A Specifiche Web Services A2A Specifiche Web Services Contenuti 1 CONTENUTI...1 1 INTRODUZIONE...3 2 UPLOAD SEGMENTATO...5 2.1 RICHIESTA UPLOAD SEGMENTATO...5 2.1.1 Input del WS...5 2.1.2 Output del WS...6 2.2 UPLOAD SEGMENTATO...7

Dettagli

ScanDoc presentazione ed uso

ScanDoc presentazione ed uso ScanDoc presentazione ed uso - documentazione ufficiale - Sommario Premessa... 2 Descrizione ScanDoc... 2 Panoramica... 2 Funzioni disponibili... 2 Invio di documenti letti da scanner tramite mail... 2

Dettagli

RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICHE COLLOQUIO

RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICHE COLLOQUIO 1)d ALLEGATO 14 RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICHE COLLOQUIO TRA IL SISTEMA INFORMATICO DEL COMUNE ED IL SISTEMA INFORMATICO DELLA SOCIETA PREPOSTA AL SERVIZIO DI REFEZIONE vers. 2.2 Indice 1. SCOPO

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA

PROGETTO TESSERA SANITARIA PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA VISUALIZZAZIONE E LO SCARICO DELLE RICEVUTE DI ATTESTAZIONE DELLE OPERAZIONI E DELLE TRANSAZIONI EFFETTUATE SULLE RICETTE DEMATERIALIZZATE (DECRETO 2 NOVEMBRE

Dettagli

Specifiche tecniche per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica

Specifiche tecniche per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica Specifiche tecniche per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica 1/20 1.1 Modifiche Documento Descrizione Modifica Edizione Data Prima emissione 1 28/07/2008 1.2

Dettagli

Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART

Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART Regione Toscana Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART Stato del documento Definitiva Versione del documento 1.8 Data 29/05/13 Documento Acronimo del documento Specifiche

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD MANAGEMENT SYSTEM

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD MANAGEMENT SYSTEM PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD Pag. 2 di 14 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 2. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI RICHIESTA DI ATTIVAZIONE E REVOCA

Dettagli

WebCare. Specifiche Tecniche recupero dati per tariffazione. Redatto da: STUDIOFARMA 28 MAGGIO 2009 Verificato da: Approvato da:

WebCare. Specifiche Tecniche recupero dati per tariffazione. Redatto da: STUDIOFARMA 28 MAGGIO 2009 Verificato da: Approvato da: WebCare Specifiche Tecniche recupero dati per tariffazione Progetto: WEBCARE 2 Versione 1.3 Data 05 AGOSTO 2011 Redatto da: STUDIOFARMA 28 MAGGIO 2009 Verificato da: Approvato da: CRONOLOGIA DELLE VERSIONI

Dettagli

INF-1: Specifiche Tecniche di Interfaccia

INF-1: Specifiche Tecniche di Interfaccia INF-1: Specifiche tecniche di Interfaccia INF-1: Specifiche Tecniche di Interfaccia Versione 1.1 Nome doc.: INF-1 Specifiche Interfaccia v1.0.doc Edizione: 1.0 Data emissione: 12/1/2007 INDICE Modifiche

Dettagli

Web Service per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica

Web Service per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica Web Service per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica Versione: 3 Data: 16/10/2014 Autore: InfoCamere 1. Introduzione al documento...3 1.1 Modifiche al documento...

Dettagli

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL Pag. 1 di 17 Progetto SIRPE De-materializzazione personalizzati CIL per la cooperazione Versione 1.0 INDICE Pag. 2 di 17 1 INTRODUZIONE 4 1.1 Scopo del documento 4 1.2 Riferimenti 4 2 GENERALITÀ 4 2.1

Dettagli

Client e Server comunicano tramite il protocollo SOAP.

Client e Server comunicano tramite il protocollo SOAP. In questo tutorial implementeremo un semplice SOAP web service in PHP che un client Java richiamerà. In questo modo mostreremo l'interoperabilità fra linguaggi diversi che SOAP permette di avere. La struttura

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA

PROGETTO TESSERA SANITARIA PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA COMUNICAZIONE DELL AUTORIZZAZIONE CHE UN MEDICO TITOLARE DEVE FORNIRE AL SISTEMA TS AFFINCHE UN MEDICO SUO SOSTITUTO POSSA PRESCRIVERE RICETTE DEMATERIALIZZATE

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Glossario... 3 2. il servizio SPCoop - Ricezione... 5 3. Il web-service RicezioneFatture... 8 3.1 Operazione RiceviFatture... 9 3.1.1

Dettagli

Sistema Pagamenti del SSR

Sistema Pagamenti del SSR Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale Utente Versione 1.2 del 15/01/2014 Sommario Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale

Dettagli

Sistema di Tracciabilità del Farmaco

Sistema di Tracciabilità del Farmaco SPECIFICHE TECNICHE DEI TRACCIATI XML TRACCIATO PER LE VALORIZZAZIONI DELLA FORNITURA A SSN Sistema di Tracciabilità del Farmaco Fase 1 Fase di prima attuazione 1 gennaio 2006 Versione 1.1 Pag. 1 di 16

Dettagli

Referti on-line e CRM ReView Service Monitor Specifiche tecniche

Referti on-line e CRM ReView Service Monitor Specifiche tecniche Referti on-line e CRM ReView Service Monitor Specifiche tecniche Versione 1.3 Sommario 1- Introduzione... 3 2 - Modalità di interazione con il servizio... 3 3 - Formato dell output... 3 4 - Modello dei

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

ASSEGNAZIONE FABBISOGNO

ASSEGNAZIONE FABBISOGNO 2.0 1 8 Sommario SOMMARIO... 2 1 INTRODUZIONE... 3 2 DETTAGLIO DEL DOCUMENTO... 4 3 SCHEMA XML (STANDARD W3C)... 6 4 ESEMPIO DOCUMENTO XML... 8 2.0 2 8 1 Introduzione In queste pagine è descritta la struttura

Dettagli

ZTL Firenze Inserimento Automatico

ZTL Firenze Inserimento Automatico ZTL Firenze Inserimento Automatico Introduzione In seguito alla variazione dell ordinanza del giugno 2011 che regola la modalità di rilascio dei permessi portale per le categorie abilitate, non è più possibile

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3>

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

Allegato al Manuale del servizio di conservazione dei documenti informatici ISTITUTO COMPRENSIVO - "PIO FEDI"

Allegato al Manuale del servizio di conservazione dei documenti informatici ISTITUTO COMPRENSIVO - PIO FEDI Allegato al Manuale del servizio di conservazione dei documenti informatici ISTITUTO COMPRENSIVO - "PIO FEDI" Indice generale 1. Scopo e campo di applicazione del documento 2. Ruoli e competenze 2.1. Soggetto

Dettagli

Web Service per richiamare Starcheck. Versione: 2 Data: 14/01/14 Autore: InfoCamere

Web Service per richiamare Starcheck. Versione: 2 Data: 14/01/14 Autore: InfoCamere Web Service per richiamare Starcheck Versione: 2 Data: 14/01/14 Autore: InfoCamere 1. Introduzione al documento...3 1.1 Novità introdotte rispetto alla precedente emissione...3 1.2 Scopo e campo di applicazione

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA. Schema dati spesa sanitaria di cui art. 3 comma 3 D.ls 175/2014

PROGETTO TESSERA SANITARIA. Schema dati spesa sanitaria di cui art. 3 comma 3 D.ls 175/2014 PROGETTO TESSERA SANITARIA Pag. 2 di 23 REVISIONI DEL DOCUMENTO... 3 1. INTRODUZIONE... 4 2. GENERALITA... 5 3. STANDARD TECNICI... 6 4. INVIO DEI DATI DI SPESA... 7 4.1. CARATTERISTICHE... 7 4.2. ACCESSO

Dettagli

DOCFINDERWEB SERVICE E CLIENT

DOCFINDERWEB SERVICE E CLIENT DOCFINDERWEB SERVICE E CLIENT Specifiche tecniche di interfacciamento al Web Service esposto da DocPortal Versione : 1 Data : 10/03/2014 Redatto da: Approvato da: RICCARDO ROMAGNOLI CLAUDIO CAPRARA Categoria:

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SDICOOP - TRASMISSIONE. Pag. 1 di 18 VERSIONE 1.1

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SDICOOP - TRASMISSIONE. Pag. 1 di 18 VERSIONE 1.1 ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SDICOOP - TRASMISSIONE VERSIONE 1.1 Pag. 1 di 18 INDICE 1. Glossario... 3 2. Il servizio SDICoop - Trasmissione... 5 3. Il web-service SdIRiceviFile... 8 3.1.1 Operazione RiceviFile...

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per

Dettagli

COMUNE DI SAGRADO. ALLEGATO AL MANUALE DI CONSERVAZIONE Affidatario Regione Friuli Venezia Giulia ATTRIBUTI COMUNI A TUTTE LE CLASSI DOCUMENTALI

COMUNE DI SAGRADO. ALLEGATO AL MANUALE DI CONSERVAZIONE Affidatario Regione Friuli Venezia Giulia ATTRIBUTI COMUNI A TUTTE LE CLASSI DOCUMENTALI ALLEGATO AL MANUALE DI CONSERVAZIONE Affidatario Regione Friuli Venezia Giulia ATTRIBUTI COMUNI A TUTTE LE CLAS DOCUMENTALI Allegato alla deliberazione giuntale n. 17 del 02/03/2015 Pag.2 di 6 Indice 1.

Dettagli

Introduzione. Pagina: 1 di 8. Data creazione 22/12/2010 12.17.00

Introduzione. Pagina: 1 di 8. Data creazione 22/12/2010 12.17.00 Introduzione Il nuovo Codice del Processo Amministrativo prevede che i difensori costituiti forniscano copia in via informatica di tutti gli atti di parte depositati e, ove possibile, dei documenti prodotti

Dettagli

L Iniziativa egovernment.net per l Italia. Porte di Dominio per la Cooperazione Applicativa Allegato 2

L Iniziativa egovernment.net per l Italia. Porte di Dominio per la Cooperazione Applicativa Allegato 2 L Iniziativa egovernment.net per l Italia Porte di Dominio per la Cooperazione Applicativa Allegato 2 Porta di Dominio STK Versione 1.0, Aprile 2002 Soluzioni per l Interoperabilità e la Cooperazione Applicativa

Dettagli

Cup HiWeb. Integrazione dei servizi del CUP Marche in applicativi di terze parti

Cup HiWeb. Integrazione dei servizi del CUP Marche in applicativi di terze parti Cup HiWeb Integrazione dei servizi del CUP Marche in applicativi di terze parti Ver 1.2 2015 Insiel Mercato SpA Change History 23/03/2015 Versione 1.0 Paolo Pitton 18/12/2015 Versione 1.1 Paolo Pitton

Dettagli

Il Sistema di interscambio: Prodotti di TEST a supporto dell adesione ai servizi

Il Sistema di interscambio: Prodotti di TEST a supporto dell adesione ai servizi Pagina 1 di 18 Il Sistema di interscambio: Prodotti di TEST a supporto dell adesione ai servizi Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 CLIENT SOAP... 2 2.1 INSTALLAZIONE DEL CLIENT SOAP... 2 2.1.1 PREREQUISITI...

Dettagli

1. Accordo di servizio Richiesta Indirizzi PEC CAD Art6 [concessionario del servizio di posta certificata al cittadino]

1. Accordo di servizio Richiesta Indirizzi PEC CAD Art6 [concessionario del servizio di posta certificata al cittadino] Allegato Tecnico 1. Accordo di servizio Richiesta Indirizzi PEC CAD Art6 [concessionario del servizio di posta certificata al cittadino]

Dettagli

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Penale Decreto Dirigenziale Articolo 39 D.P.R. 14 Novembre 2002, N. 313 Decreto Dirigenziale del 5 dicembre 2012 recante le regole

Dettagli

ALLEGATO AL MANUALE DI CONSERVAZIONE Affidatario Regione Friuli Venezia Giulia ATTRIBUTI COMUNI A TUTTE LE CLASSI DOCUMENTALI

ALLEGATO AL MANUALE DI CONSERVAZIONE Affidatario Regione Friuli Venezia Giulia ATTRIBUTI COMUNI A TUTTE LE CLASSI DOCUMENTALI AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA DI SPILIMBERGO Azienda pubblica di servizi alla persona ex L.r. 19/2003 Viale Barbacane, 19-33097 Spilimbergo PN Tel. 0427 2134 Fax 0427 41268 ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Schema di Disciplinare Tecnico per il servizio di conservazione sostitutiva

Schema di Disciplinare Tecnico per il servizio di conservazione sostitutiva Schema di Disciplinare Tecnico per il servizio di conservazione sostitutiva Ente produttore: ParER: Polo archivistico regionale dell'emilia-romagna Versione 1.0 del 12 ottobre 2010 Versione Data Redatto

Dettagli

Creare client statici

Creare client statici Client statico Creare client statici Un client statico crea, a partire dal WSDL di un servizio, un insieme di classi di supporto client-side (stub) Sono necessari solo 2 passi: 1. parsing del WSDL pubblicato

Dettagli

Service Oriented Architectures (SOA)

Service Oriented Architectures (SOA) Facoltà di Ingegneria dell Informazione Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria dei Sistemi Laurea Magistrale in Ingegneria Biomedica Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dettagli

Scheda di collaudo Integrazione NoTIER

Scheda di collaudo Integrazione NoTIER Scheda di collaudo Integrazione NoTIER Ente Data Collaudo Versione Data Autore Cambiamenti apportati 1.0 18/03/2015 Intercent-ER Prima stesura 1.1 26/05/2015 Intercent-ER Integrate revisioni del Parer

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Padova

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Padova Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Padova Commissione di lavoro: Informatizzazione COME CONFIGURARE LA PEC SU OUTLOOK Lo scopo di questa guida è quello di permettere l utilizzo

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

FATTURA ELETTRONICA {

FATTURA ELETTRONICA { FATTURA ELETTRONICA { NORMATIVA La Finanziaria 2008 ha stabilito che la fatturazione nei confronti dell Amministrazione dello stato debba avvenire esclusivamente in maniera elettronica Il DM 5 aprile 2013

Dettagli

LegalDoc Folders Servizio di Conservazione Sostitutiva dei Documenti DATI TECNICI PER L ATTIVAZIONE DI LEGALDOC FOLDERS

LegalDoc Folders Servizio di Conservazione Sostitutiva dei Documenti DATI TECNICI PER L ATTIVAZIONE DI LEGALDOC FOLDERS LegalDoc Folders Servizio di Conservazione Sostitutiva dei Documenti Scheda A DATI TECNICI PER L ATTIVAZIONE DI LEGALDOC FOLDERS 1. Motivo compilazione: compilazione Nuova Attivazione Aggiunta tipo Modifica

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

Disciplinare Tecnico per il servizio di conservazione sostitutiva Modello PALEO

Disciplinare Tecnico per il servizio di conservazione sostitutiva Modello PALEO REGIONE MARCHE Allegato alla del. n. 17 del 29/04/2015 Disciplinare Tecnico per il servizio di conservazione sostitutiva Modello PALEO Ente produttore: ERSU di Urbino Soggetto conservatore: Marche DigiP

Dettagli

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale Servizio Segreteria della Giunta Disciplinare sull utilizzo della posta elettronica certificata

Dettagli

GESTIONE NUOVE QUIETANZE F24

GESTIONE NUOVE QUIETANZE F24 Codice Identificazione 1/15 Nominativo Funzione Data Firma Redazione R. Mandelli Responsabile di Progetto Verifica R. Mandelli Responsabile di Progetto Approvazione Responsabile di Area 2/15 1 DESCRIZIONE...

Dettagli

SCHEMA di Disciplinare Tecnico per il servizio di conservazione sostitutiva

SCHEMA di Disciplinare Tecnico per il servizio di conservazione sostitutiva SCHEMA di Disciplinare Tecnico per il servizio di conservazione sostitutiva Ente produttore: [denominazione ente produttore] Soggetto conservatore: ParER - Polo archivistico regionale dell'emilia-romagna

Dettagli

APPENDICE L Flussi di scambio R_AR per le immagini tra Equitalia SpA e il Fornitore

APPENDICE L Flussi di scambio R_AR per le immagini tra Equitalia SpA e il Fornitore APPENDICE L Flussi di scambio R_AR per le immagini tra Equitalia SpA e il Fornitore APPENDICE 12L - SCAMBIO IMMAGINI EQUITALIA 20130729 Pagina 1 di 22 Indice 1 PREFAZIONE... 3 1.1 ACRONIMI E DEFINIZIONI...

Dettagli

Guida operativa per il versamento in conservazione dei documenti informatici gestiti nel sistema P.I.Tre

Guida operativa per il versamento in conservazione dei documenti informatici gestiti nel sistema P.I.Tre Guida operativa per il versamento in conservazione dei documenti informatici gestiti nel sistema P.I.Tre A cura dell Ufficio Beni archivistici, librari e Archivio provinciale della Soprintendenza per i

Dettagli

Manuale gestione Porta di Dominio OpenSPCoop 1.1

Manuale gestione Porta di Dominio OpenSPCoop 1.1 i Manuale gestione Porta di Dominio ii Copyright 2005-2008 Link.it srl Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright. Tutti i diritti sono riservati. Non è permesso

Dettagli

Manuale Utente SIRECO

Manuale Utente SIRECO Corte Dei Conti Manuale Utente SIRECO Guida all accesso a SIRECO Indice dei contenuti 1. Obiettivo del documento... 3 1.1 Acronimi, abbreviazioni, e concetti di base... 3 2. Registrazione di un Responsabile...

Dettagli

OPESSAN DESCRIZIONE SERVIZI VERIFICHE E APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE

OPESSAN DESCRIZIONE SERVIZI VERIFICHE E APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE Pag. 1 di 6 VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE NOME DATA NOME DATA NOME DATA V01 L. Neri 26/02/2010 C. Audisio 08/03/10 M.Rosati 09/03/10 STATO

Dettagli

Web Service SOAP e WSDL. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com

Web Service SOAP e WSDL. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com Web Service SOAP e WSDL Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com SOAP Originariamente: Simple Object Access Protocol E poi evoluto in un Framework per lo scambio di messaggi in XML 2

Dettagli

Manuale Utente SIRECO

Manuale Utente SIRECO Corte Dei Conti Manuale Utente SIRECO Guida alle funzioni del modulo Redattore 1 di 157 Corte Dei Conti Indice dei contenuti 1. Obiettivo del documento... 5 1.1 Acronimi, abbreviazioni, e concetti di base...

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per la Configurazione della Porta di Dominio 1 2.1 Verifica dell applicazione di gestione

Dettagli

AVVISO DI PAGAMENTO. Descrizione del documento e schema XML. WebEDI Scambio elettronico documenti. AVVISO DI PAGAMENTO.doc

AVVISO DI PAGAMENTO. Descrizione del documento e schema XML. WebEDI Scambio elettronico documenti. AVVISO DI PAGAMENTO.doc Compilare il profilo:non scrivere qui! 1 10 Sommario SOMMARIO... 2 1 INTRODUZIONE... 3 2 DETTAGLIO DEL DOCUMENTO... 4 3 SCHEMA XML (STANDARD W3C)... 6 4 ESEMPIO DOCUMENTO XML... 9 Compilare il profilo:non

Dettagli

Appendice A: Schema XML della descrizione della Busta e-gov

Appendice A: Schema XML della descrizione della Busta e-gov Appendice A: Schema XML della descrizione della Busta e-gov Appendice A: Schema XML della descrizione della Busta e-gov build.xml

Dettagli

Lo schema complessivo con cui opera il servizio è quello rappresentato in figura. 1

Lo schema complessivo con cui opera il servizio è quello rappresentato in figura. 1 U N I A R C Amministrazione Digitale dei Documenti Nell ambito delle trasformazioni legate alla conversione al digitale della Pubblica Amministrazione e delle Imprese (nuovo Codice dell Amministrazione

Dettagli

ARCHIVIA PLUS: ARCHIPROTO PEC

ARCHIVIA PLUS: ARCHIPROTO PEC ARCHIVIA PLUS: ARCHIPROTO PEC Istruzioni per la configurazione e l utilizzo del modulo di protocollazione PEC Versione n. 2012.05.25 Data : 25/05/2012 Redatto da: Veronica Gimignani Luca Mattioli Approvato

Dettagli

LegalDoc Folders Servizio di Conservazione Sostitutiva dei Documenti DATI TECNICI PER L ATTIVAZIONE DI LEGALDOC FOLDERS

LegalDoc Folders Servizio di Conservazione Sostitutiva dei Documenti DATI TECNICI PER L ATTIVAZIONE DI LEGALDOC FOLDERS LegalDoc Folders Servizio di Conservazione Sostitutiva dei Documenti Scheda A DATI TECNICI PER L ATTIVAZIONE DI LEGALDOC FOLDERS 1. Motivo compilazione: Tutti i campi sono obbligatori, a meno di diversa

Dettagli

Manuale Utente CONSERVAZIONE A NORMA Caricamento Singolo & Massivo electronic Document Keeper

Manuale Utente CONSERVAZIONE A NORMA Caricamento Singolo & Massivo electronic Document Keeper Manuale Utente CONSERVAZIONE A NORMA Caricamento Singolo & Massivo electronic Document Keeper Versione 1.1 Agosto 2015 1 Sommario 1 Premessa... 3 1.1 Conservazione delle Fatture per la Pubblica Amministrazione...

Dettagli

Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop

Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop i Gestione XML della Porta di Dominio ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Hello World! 2 3 Configurazione XML della Porta di Dominio 5 3.1 Soggetto SPCoop...................................................

Dettagli

POSTA ELETTRONICA (TRADIZIONALE e CERTIFICATA) FIRMA DIGITALE PROTOCOLLO INFORMATICO. Maurizio Gaffuri 11 ottobre 2007

POSTA ELETTRONICA (TRADIZIONALE e CERTIFICATA) FIRMA DIGITALE PROTOCOLLO INFORMATICO. Maurizio Gaffuri 11 ottobre 2007 POSTA ELETTRONICA (TRADIZIONALE e CERTIFICATA) FIRMA DIGITALE PROTOCOLLO INFORMATICO Maurizio Gaffuri 11 ottobre 2007 1 POSTA ELETTRONICA TRADIZIONALE e POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA 2 POSTA ELETTRONICA

Dettagli

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti (integrazione documento) 1 DOCUMENTO:. 1.2 Emesso da: EMISSIONE VERIFICA APPROVAZIONE Nome firma Verificato da: Approvato da: Area ISIC LISTA

Dettagli

Segesta srl Via Giacomo Peroni 400 00131 Roma Tel. 06/36.00.65.96 Fax 06/233.28.703 marketing@segestaitalia.it

Segesta srl Via Giacomo Peroni 400 00131 Roma Tel. 06/36.00.65.96 Fax 06/233.28.703 marketing@segestaitalia.it Segesta srl Via Giacomo Peroni 400 00131 Roma Tel. 06/36.00.65.96 Fax 06/233.28.703 marketing@segestaitalia.it Cosa dice la normativa italiana? Il protocollo informatico è l'insieme delle risorse di calcolo,

Dettagli

WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE PROVA

WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE PROVA Pag. 1 di 16 WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE PROVA Pag. 1 di 16 Pag. 2 di 16 1 GENERALITÀ... 3 1.1 CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI... 3 2 SOA DOMINIO ESTERNO...

Dettagli

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2 Release Notes di OpenSPCoop2 i Release Notes di OpenSPCoop2 Release Notes di OpenSPCoop2 ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Release Notes di OpenSPCoop2 iii Indice 1 Versione 2.1 1 1.1 Gestione del protocollo

Dettagli

UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS

UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS GUIDA ALLA PREDISPOSIZIONE DI UNA PRATICA TELEMATICA Come predisporre una pratica telematica - 1 - Registro delle Imprese PREDISPOSIZIONE DI UNA PRATICA 1. CONFIGURAZIONE

Dettagli

VERIFICHE E APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE

VERIFICHE E APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE NOME DATA NOME DATA NOME DATA V01 L. Neri 25/02/2010 C. Audisio 08/03/10 M.Rosati 09/03/10 STATO DELLE VARIAZIONI

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Padova

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Padova Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Padova Commissione di lavoro: Informatizzazione COME CONFIGURARE LA PEC SU OUTLOOK EXPRESS Lo scopo di questa guida è quello di permettere

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

ALLEGATO A MANUALE OPERATIVO DI ATENEO IN MATERIA DI PEC

ALLEGATO A MANUALE OPERATIVO DI ATENEO IN MATERIA DI PEC ALLEGATO A MANUALE OPERATIVO DI ATENEO IN MATERIA DI PEC (Allegato al Regolamento di Ateneo in materia di PEC approvato con D.R. Rep n. 1943 Prot. n.29177 del 13/10/2010) 1. Oggetto e finalità del manuale...2

Dettagli

SCHEDA DESCRITTIVA DEL SIP PER LA TIPOLOGIA DOCUMENTARIA FATTURA. [versione 1.0 del 24/2/2015]

SCHEDA DESCRITTIVA DEL SIP PER LA TIPOLOGIA DOCUMENTARIA FATTURA. [versione 1.0 del 24/2/2015] SCHEDA DESCRITTIVA DEL P PER LA TIPOLOGIA DOCUMENTARIA FATTURA [versione 1.0 del 24/2/2015] Estratto da LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEI PACCHETTI DI VERSAMENTO (P) FATTURA 1. Descrizione della tipologia

Dettagli

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC.

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Avviso di mancata consegna L avviso, emesso dal sistema, per indicare l anomalia

Dettagli

PROGETTO DOMINIO ESTERNO WEB SERVICES PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI

PROGETTO DOMINIO ESTERNO WEB SERVICES PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI Pag. 1 di 30 PROGETTO DOMINIO ESTERNO WEB SERVICES PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI Pag. 1 di 30 Pag. 2 di 30 1 GENERALITÀ...3 1.1 CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI...3 2 SOA DOMINIO ESTERNO...4

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA 730 PRECOMPILATO ISTRUZIONI OPERATIVE - MEDICI

PROGETTO TESSERA SANITARIA 730 PRECOMPILATO ISTRUZIONI OPERATIVE - MEDICI PROGETTO TESSERA SANITARIA 730 PRECOMPILATO ISTRUZIONI OPERATIVE - MEDICI Pag. 2 di 8 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 ACCREDITAMENTO E ABILITAZIONE AL SISTEMA TS 3 1.2 PRIMO ACCESSO AL SISTEMA TS 4 2. INVIO DEI

Dettagli

Firma Digitale, Posta Elettronica Certificata, Conservazione Sostitutiva: gli strumenti per la dematerializzazione

Firma Digitale, Posta Elettronica Certificata, Conservazione Sostitutiva: gli strumenti per la dematerializzazione 1 Firma Digitale, Posta Elettronica Certificata, Conservazione Sostitutiva: gli strumenti per la dematerializzazione Pisa, 25 ottobre 2010 2 Visione d insieme FIRMA DIGITALE POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

Dettagli

Introduzione. Pagina: 1 di 8. Data creazione 10/06/2011 10.59.00

Introduzione. Pagina: 1 di 8. Data creazione 10/06/2011 10.59.00 Introduzione Il nuovo Codice del Processo Amministrativo prevede che i difensori costituiti forniscano copia in via informatica di tutti gli atti di parte depositati e, ove possibile, dei documenti prodotti

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE REALE

WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE REALE Pag. 1 di 11 WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE REALE Pag. 1 di 11 Pag. 2 di 11 1 GENERALITÀ... 3 1.1 CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI... 3 2 SOA DOMINIO ESTERNO...

Dettagli

SERVICE BROWSER. Versione 1.0

SERVICE BROWSER. Versione 1.0 SERVICE BROWSER Versione 1.0 25/09/2008 Indice dei Contenuti 1. Scopo del documento... 3 2. Introduzione... 3 3. Accordi di Servizio... 4 4. Servizi... 5 5. Servizio: Schede Erogatori... 8 6. Servizio:

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI Indice 1 2 INTRODUZIONE DEFINIZIONI Allegato alle Regole tecniche in materia di documento informatico e gestione documentale, protocollo informatico e di documenti informatici

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

DurcOnLine. Specifiche Tecniche. Cooperazione Applicativa

DurcOnLine. Specifiche Tecniche. Cooperazione Applicativa Istituto Nazionale Previdenza Sociale - DC Sistemi Informativi e Tecnologici Area Automazione Aree Professionali, Recupero Crediti e Regolarità Contributiva DurcOnLine Cooperazione Applicativa Specifiche

Dettagli

Gestione Richieste Patenti Web

Gestione Richieste Patenti Web >> Specifiche Integrazione Web Services RTI Gestione Richieste Patenti Web Servizio di Sviluppo SVI Versione 1.0-07 Dicembre 2009 Indice dei contenuti 1 GENERALITA... 6 1.1 Lista di distribuzione...6 1.2

Dettagli

Manuale d uso. Fatturazione elettronica attiva

Manuale d uso. Fatturazione elettronica attiva Manuale d uso Fatturazione elettronica attiva Prima FASE Data Versione Descrizione Autore 10/03/2015 Versione 2.0 Manuale Utente Patrizia Villani 28/05/2015 Versione 3.0 Revisione Manuale Utente Patrizia

Dettagli

MODELLI DEI PACCHETTI DI ARCHIVIAZIONE (AIP)

MODELLI DEI PACCHETTI DI ARCHIVIAZIONE (AIP) MODELLI DEI PACCHETTI DI ARCHIVIAZIONE (AIP) Data 06-10-2014 Codice documento Modelli dei pacchetti di archiviazione Versione 1.0 Il presente documento è rilasciato sotto la licenza Attribuzione-Non commerciale

Dettagli

Gestione documentale. Arxivar datasheet del 30-09-2015 Pag. 1

Gestione documentale. Arxivar datasheet del 30-09-2015 Pag. 1 Gestione documentale Con ARXivar è possibile gestire tutta la documentazione e le informazioni aziendali, i documenti e le note, i log, gli allegati, le associazioni, i fascicoli, i promemoria, i protocolli,

Dettagli

Web Service medra per la gestione DOI

Web Service medra per la gestione DOI Web Service medra per la gestione DOI Versione documento: 1.0 Data creazione: 23 dicembre 2010 Data ultima modifica: 14 maggio 2012 1. Introduzione...2 2. medra WS...2 2.1. Operation UPLOAD...2 2.2. Operation

Dettagli

8088 + log. controllo

8088 + log. controllo CORSO DI ARCHITETTURA DEGLI ELABORATORI PROGRAMMAZIONE ASSEMBLY: PROGETTO 26 LUGLIO 2007 CONSEGNA Sabato 15 settembre 2007 Lo studente programmi nel linguaggio Assembly 8088 presentato a lezione un micro

Dettagli

Ulisse-SUAP sottosistema di firma Digitale Integrata

Ulisse-SUAP sottosistema di firma Digitale Integrata Pagina 1 di 15 Ulisse-SUAP sottosistema di firma Digitale Integrata Documento: Bozza Data: 27/8/2014 Numero pagine: 15 Pagina 2 di 15 INDICE GESTIONE DEL DOCUMENTO...3 GLOSSARIO...5 ACRONIMI...6 INTRODUZIONE...7

Dettagli

Fase 1: la Fatturazione Elettronica

Fase 1: la Fatturazione Elettronica GUIDA OPERATIVA ALLA DEMATERIALIZZAZIONE DEL CICLO DEGLI ACQUISTI IN EMILIA ROMAGNA Fase 1: la Fatturazione Elettronica Data: 19 giugno 2014 Versione: 3.1 Autori: Intercent-ER Par-ER INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Di seguito vengono elencati i passi logici che verranno affrontati dalla procedura Comunicazione Unica:

Di seguito vengono elencati i passi logici che verranno affrontati dalla procedura Comunicazione Unica: Fino ad oggi le imprese ed i loro intermediari evadevano gli obblighi riguardanti il Registro delle Imprese, l Agenzia delle Entrate, l INAIL e l INPS con procedure diverse per ogni Ente e, soprattutto,

Dettagli

Regione Campania. Linee Guida Presentazione Offerta

Regione Campania. Linee Guida Presentazione Offerta Regione Campania Linee Guida Presentazione Offerta Sommario Sommario... 2 Introduzione... 3 Destinatari del documento...3 Scopo e struttura del documento...3 Accesso al portale...5 Invito...6 Richiesta

Dettagli

Hub-PA Versione 1.0.6 Manuale utente

Hub-PA Versione 1.0.6 Manuale utente Hub-PA Versione 1.0.6 Manuale utente (Giugno 2014) Hub-PA è la porta d ingresso al servizio di fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione (PA) a disposizione di ogni fornitore. Questo manuale

Dettagli

OPESSAN DESCRIZIONE SERVIZI VERIFICHE E APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE

OPESSAN DESCRIZIONE SERVIZI VERIFICHE E APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE Pag. 1 di 8 VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE NOME DATA NOME DATA NOME DATA V02 M.Bauso 27/04/11 V01 L. Neri 26/02/2010 C. Audisio 08/03/10 M.Rosati

Dettagli

Introduzione ai Web Services. Tito Flagella tito@link.it

Introduzione ai Web Services. Tito Flagella tito@link.it Introduzione ai Web Services Tito Flagella tito@link.it Web Services Beppe, secret 2 Web Services (2) I Web Services sono uno sforzo di standardizzazione teso a rendere interpretabili, in maniera indipendente

Dettagli