CRACK FINANZIARI: TUTTA LA VERITA SUI TITOLI SPAZZATURA!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRACK FINANZIARI: TUTTA LA VERITA SUI TITOLI SPAZZATURA!"

Transcript

1 CRACK FINANZIARI: TUTTA LA VERITA SUI TITOLI SPAZZATURA! - 1 Copyright Codacons 2011

2 Negli ultimi anni, migliaia di risparmiatori hanno perso i loro soldi investendoli in titoli "spazzatura' (Argentina, Parmalat, Cirio, Finmek, Lehman, Islandesi, etc.) che le loro banche di "fiducia' hanno offerto come titoli sicuri, nascondendo la rischiosità dell'investimento. il Codacons ha voluto redigere questa breve guida per dare una risposta alle migliaia di richieste di informazioni che arrivano alle nostre sedi dai risparmiatori ingannati dalle banche che ora si ritrovano in mano titoli senza più valore. Lo scopo di questa azione è agire contro le singole banche che hanno venduto i titoli. L azione, quindi, non è incompatibile con la eventuale costituzione di parte civile nei processi penali intentati contro le società emittenti (ad es. Cirio, Parmalat ). Invece, non è possibile agire con il Codacons nei casi di cause civile già promosse contro le banche ovvero in caso di accordi o conciliazioni intervenute con le stesse. AGISCI ADESSO CON IL CODACONS CONTRO LA BANCA CHE TI HA VENDUTO TITOLI SPAZZATURA!!! il CODACONS offre una valutazione legale gratuita riservata ai propri soci aggregati, che si conclude con una giudizio sulla fattibilità dell'azione contro la banca! Il costo dell'iscrizione come socio aggregato Codacons e' di 50 per un anno. PER ISCRIVERTI, ESCLUSIVAMENTE ONLINE, CLICCA SUL SEGUENTE LINK E COMPILA IL FORM CHE TROVERAI: Se vuoi partecipare anche tu a questa azione clicca qui e compila il questionario inserendo tutti i dati richiesti. Riceverai una con tutte le ulteriori informazioni utili. Una volta compilato ed inviato il form, riceverai automaticamente via l'apposita modulistica per agire. >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> FAQ Qui di seguito cercheremo di fornire risposte efficaci alle domande più frequenti in materia di crack finanziari: 1. QUALI DOCUMENTI OCCORRE PRODURRE PER AGIRE IN GIUDIZIO? - 2 Copyright Codacons 2011

3 Per agire basta provare di aver acquistato i titoli dalla banca contro la quale si deve agire; quindi basterebbe un estratto storico del deposito titoli. È comunque opportuno inviare al Codacons tutta la documentazione in possesso del risparmiatore, ed in particolare quella indicata al seguente punto 2, per consentire una valutazione più completa della pratica. 2. QUALI DOCUMENTI MI DOVEVA CONSEGNARE LA BANCA PRIMA DELL ACQUISTO? Prima di effettuare un investimento, il cliente bancario doveva stipulare un contratto di deposito titoli e di negoziazione, ricevere un documento sui rischi finanziari, sottoscrivere un ordine di acquisto e ricevere un fissato bollato a conferma della avvenuta transazione. 3. LA BANCA DOVEVA SEGNALARE IL RISCHIO? La banca è tenuta a segnalare al cliente quali sono le caratteristiche del titolo ed in particolare il rischio. Se non fa quanto richiede la legge, la banca deve rispondere dei danni provocati al risparmiatore. 4. LA BANCA MI DOVEVA PROFILARE? La normativa in vigore già dal 1996 prevede che la banca, prima di ricevere ordini di acquisto, deve effettuare una profilatura del cliente ossia deve registrare le caratteristiche del cliente al fine di verificare l adeguatezza dell investimento. In estrema sintesi, se il cliente non ha un profilo speculativo (ossia se il cliente non intende rischiare), la banca non può vendere titoli rischiosi. Il cliente può comunque sottoscrivere l'ordine se il modulo contiene l'avviso di inadeguatezza. 5. QUALI SONO LE SPESE CHE DEVO SOSTENERE PER AVVIARE LA CAUSA? Dopo la valutazione gratuita della documentazione bancaria, riservata agli associati Codacons, il consumatore può decidere se agire in giudizio contro la sua banca. In tal caso può rivolgersi a qualsiasi avvocato di sua fiducia. Se intende rivolgersi al collegio legale del Codacons, dovrà pagare solo le spese vive (bolli) e un contributo forfettario. Gli onorari e le competenze degli avvocati saranno pagate solo successivamente, ed in caso di esito positivo della causa. Gli avvocati del Codacons, quindi, guadagnano solo se il risparmiatore vince la causa, o comunque se ottiene un rimborso in via transattiva. Pertanto, vengono sconsigliate le azioni che non hanno fondamento. Ad ogni modo, gli avvocati del Codacons illustreranno tutti gli aspetti ed i costi della controversia prima di iniziare il contenzioso contro la banca. 6. QUALI GARANZIE CI SONO PER LA RIUSCITA DELLA CAUSA? - 3 Copyright Codacons 2011

4 Il Codacons non può naturalmente offrire garanzie in merito alla riuscita della causa, come non è possibile offrirle per nessun tipo di causa davanti a un Tribunale. Ad ogni modo, gli avvocati del Codacons hanno maturato una esperienza pluriennale nei giudizi relativi alla responsabilità degli intermediari finanziari. Inoltre, agendo con il patto di quota lite, gli avvocati non hanno nessun interesse a consigliare una causa debole o perdente. 7. QUALI RISCHI SI CORRONO IN CASO DI SOCCOMBENZA? In caso di condanna, il consumatore potrebbe essere condannato a pagare le spese legali della banca. Nulla sarà dovuto agli avvocati del Codacons, salvo quanto pagato per avviare la causa. 8. QUALI SONO GLI EFFETTI DI UNA CONDANNA DELLA BANCA? In questo caso, la banca dovrà rimborsare al cliente il valore dell investimento, gli interessi legali e le spese legali. Se il cliente ha incassato cedole (interessi) questi molto spesso sono detratti dal valore da rimborsare. 9. CI SONO INCOMPATIBILITA CON ALTRE AZIONI? Il Codacons offre una valutazione gratuita, ai propri iscritti, della propria documentazione bancaria, al termine della quale viene espressa un parere sulla possibilità di avviare una causa per far accertare la responsabilità della banca che ha venduto i titoli spazzatura. All ottenimento di questo parere, il risparmiatore può comunque agire con qualunque avvocato di sua fiducia. Quindi, se il risparmiatore ha già agito contro la banca per lo stesso titolo anche in via transattiva - quella del Codacons è una azione incompatibile. Invece, la eventuale costituzione di parte civile nei processi penali contro gli emittenti (Cirio, Parmalat...) non preclude la presente azione Codacons contro la banca. 10. BOND ARGENTINA: POSSO AGIRE SE HO ADERITO ALLA OPS? Si, in questo caso è possibile agire per il danno differenziale, ossia per quella parte di investimento che non si è recuperato con lo scambio. 11. BOND ARGENTINA: POSSO AGIRE SE HO ADERITO AL TFA - ICSID? Nel caso di Bond argentina, si deve revocare il mandato al TFA prima di agire, per evitare eventuali eccezioni di giurisdizione. 12. SONO ANCORA IN TEMPO PER AGIRE? - 4 Copyright Codacons 2011

5 Il Codacons suggerisce di agire entro il decennio del default del titolo. Pertanto, considerando che il default più vecchio e quello dell Argentina (dicembre 2001), non si pongono per il momento problemi di prescrizione. E inoltre da considerare che, nelle ipotesi di nullità, non si pongono in ogni caso problemi di prescrizione. 13. POSSO AGIRE PER TUTTI I TITOLI LEHMAN? In generale, l'azione legale è consigliabile per i titoli Lehman acquistati da ottobre 2007 in poi. Infatti da quel periodo era già emersa la reale rischiosità dei titoli. Per quelli acquistati prima di tale periodo, è necessario un esame caso per caso, che tenga conto anche delle caratteristiche dell'investitore. 14. POSSO AGIRE PER TUTTI I TITOLI ISLANDA? In generale, l'azione legale è consigliabile per i titoli Islanda acquistati da ottobre 2007 in poi. Infatti da quel periodo era già emersa la reale rischiosità dei titoli. Per quelli acquistati prima di tale periodo, è necessario un esame caso per caso, che tenga conto anche delle caratteristiche dell'investitore. PER ISCRIVERTI, ESCLUSIVAMENTE ONLINE, CLICCA SUL SEGUENTE LINK E COMPILA IL FORM CHE TROVERAI: Se vuoi partecipare anche tu a questa azione clicca qui Copyright Codacons 2011

6 DIRITTO IN SOLDONI Di seguito le principali argomentazioni giuridiche a sostengo delle ragioni dei risparmiatori (solo per gli appassionati della materia) RESPONSABILITA' DA STATUS PROFESSIONALE NEL SETTORE BANCARIO Esiste una responsabilità da status professionale nel settore bancario, che nasce dal rapporto di tipo fiduciario che si instaura con il cliente, generante, da parte di questi un pieno affidamento alle conoscenze tecniche del soggetto promotore del servizio di investimento. Tale responsabilità da status è qualificabile sia come contrattuale, che come extracontrattuale. Sul punto, la Cassazione ha indicato uno specifico indirizzo, riconoscendo, da un lato, la configurabilità di obblighi discendenti dallo status professionale e, dall altro, la natura extracontrattuale della responsabilità, che sorge dalla violazione di tali obblighi. Il supremo collegio ha sottolineato che l imprenditore che, omettendo di porre in essere la gamma di cautele imposte a tutela della corretta erogazione del credito, viola i doveri propri dello status dei soggetti facenti parte del sistema bancario, incorre in una responsabilità di natura aquiliana. Quindi, nei casi in cui è possibile ravvisare una responsabilità da status - come in particolari fattispecie del settore bancario - essa ha natura extracontrattuale. Ed infatti, giurisprudenza e dottrina hanno riconosciuto che in capo a determinati soggetti, ci sono degli obblighi particolari derivanti dalle specifiche attività che essi esercitano. Nei confronti di tali soggetti l ordinaria diligenza non è più sufficiente, perché la professione da essi svolta è caratterizzata da determinati doveri di condotta che, se violati, possono dar luogo a responsabilità da status, cioè una responsabilità che deriva dalla violazione di obblighi contenuti in particolari norme o in specifici comportamenti propri di uno status professionale. NORMATIVA APPLICABILE Per l acquisto dei titoli spazzatura Cirio, Parmalat, Argentina ad es., ossia per tutti quelli effettuati da marzo 1998 in poi e fino all introduzione della normativa MIFID, la normativa di riferimento è rappresentata innanzitutto dal D.lgs. 58/98 e dal Regolamento Consob del L art. 21 del richiamato D.lgs. 58/98 prevede che: Nella prestazione dei servizi di investimento e accessori i soggetti abilitati devono: a) comportarsi con diligenza, correttezza e trasparenza, nell'interesse dei clienti e per l'integrità dei mercati;b) acquisire le informazioni necessarie dai clienti e operare in modo che essi siano sempre adeguatamente informati;c) organizzarsi in modo tale da ridurre al minimo il rischio di conflitti di interesse e, in situazioni di conflitto, agire in modo da assicurare comunque ai clienti trasparenza ed equo trattamento;d) disporre di risorse e procedure, anche di controllo interno, idonee ad assicurare l'efficiente svolgimento dei servizi;e) svolgere una gestione indipendente, sana e prudente e adottare misure idonee a salvaguardare i diritti dei clienti sui beni affidati. Il comma 1, lett. a) e b), dell'art. 21 del Dlgs 58/1998, prevede che: Nei giudizi di risarcimento dei danni cagionati al cliente nello svolgimento dei servizi di investimento e di quelli accessori, spetta ai soggetti abilitati l'onere della prova di aver agito con la specifica diligenza richiesta. L art. 29 del - 6 Copyright Codacons 2011

7 Regolamento Consob dispone che: 1. Gli intermediari autorizzati si astengono dall'effettuare con o per conto degli investitori operazioni non adeguate per tipologia, oggetto, frequenza o dimensione. 2. Ai fini di cui al comma 1, gli intermediari autorizzati tengono conto delle informazioni di cui all'articolo 28 e di ogni altra informazione disponibile in relazione ai servizi prestati. 3. Gli intermediari autorizzati, quando ricevono da un investitore disposizioni relative ad una operazione non adeguata, lo informano di tale circostanza e delle ragioni per cui non è opportuno procedere alla sua esecuzione. Qualora l'investitore intenda comunque dare corso all'operazione, gli intermediari autorizzati possono eseguire l'operazione stessa solo sulla base di un ordine impartito per iscritto ovvero, nel caso di ordini telefonici, registrato su nastro magnetico o su altro supporto equivalente, in cui sia fatto esplicito riferimento alle avvertenze ricevute. In generale, l art. 21 del D. Lgs. 58/98 prevede che nella prestazione dei servizi di investimento i soggetti abilitati devono improntare il loro comportamento ai criteri della diligenza, correttezza e trasparenza - anche ai sensi dell art c.c. - nell interesse dei clienti e per l integrità dei mercati, in attuazione del principio della tutela del risparmio, come previsto dall art. 47 Cost.. RECENTI ORIENTAMENTI GIURISPRUDENZIALI Know your customer rule - la banca deve conoscere e comunicare lo specifico rischio, secondo modalità informative consone con quel particolare cliente. Ossia non è pensabile una modalità informativa generalizzata, adatta ad ogni cliente. Al contrario, solo la conoscenza concreta del particolare cliente consente di modulare la quantità, la forma ed i contenuti dell'informativa (ex art. 28, Reg. Consob 11522/98). La conoscenza degli strumenti finanziari e dei mercati che può avere un investitore, necessariamente limitata per esperienza, cultura e campo lavorativo, non può mai far venir meno gli obblighi che il legislatore ha ritenuto di dover porre a carico di chi opera professionalmente (Trib. Roma, sez. III, sent del 16/10/07, rel. Di Salvo). Know your merchandise rule - è costante la giurisprudenza nell'affermare che non vale ad assicurare l'adempimento degli obblighi informativi, posti a carico della banca, neanche la circostanza che agli investitori sia stato consegnato il documento sui rischi generali degli investimenti finanziari, trattandosi di informativa del tutto generica che non garantisce quella conoscenza concreta ed effettiva del titolo negoziato, che l'intermediario deve assicurare in modo da rendere il cliente capace di tutelare il proprio interesse (v. Trib. Roma ; Trib. Ferrara 25/2/05 ; Trib. Roma ; Trib. Palermo e Trib. Roma, sez.iii,19 novembre 2008,n.22804). Da ultimo, anche il Tribunale di Mondovì, con la sentenza n.390 del 4/11/2010 (pubblicata su ha ricordato che : l'art. 23 TUF stabilisce espressamente la forma scritta, a pene di nullità, per il contratto di negoziazione. La nullità del contratto quadro, per mancanza della necessaria forma scritta, comporta la nullità dei singoli contratti (di acquisto) che, come si è detto, costituiscono esecuzione del contratto quadro di intermediazione finanziaria. Si tratta, quindi di una nullità insanabile (ex multis Trib. Milano 29/3/06, n.4360) che è rilevabile in ogni momento della causa. Inoltre, secondo la più recente giurisprudenza, si possono affermare ulteriori principi in tema di intermediazione finanziaria (ex plurimis, Trib. Roma, III sez. civile, sent /08 del 19/11/08 e sent /08 del 17/12/08): - Ai sensi dell'art. 23, 6 comma d.lgs 58/98, la banca (alla quale incombe l'onere probatorio) deve dimostrare che a quello specifico investitore siano state fornite tutte le informazioni di cui essa banca era a conoscenza e che le stesse informazioni fossero davvero comprese dal cliente, circa il rischio sotteso - 7 Copyright Codacons 2011

8 alla data operazione finanziaria. Sicché, l'adempimento degli obblighi normativi stessi non può essere inteso in senso meramente formalistico, pena il completo svuotamento delle prescrizioni e della tutela dell'investitore: sia l'assunzione, sia la comunicazione di informazioni, sia la conferma di una operazione inadeguata devono essere specifiche e non generiche, risultando solo in tal modo le disposizioni adempiute (art. 21 d.lgs 58/98); - la banca deve operare in modo che il cliente sia sempre adeguatamente informato (art. 21 lettera b d.lgs 58/98), al fine di consentire consapevoli scelte di investimento o disinvestimento (art. 28, 2 comma d.lgs 58/98), pertanto la banca è tenuta ad informare il cliente sull'andamento del titolo anche successivamente al suo acquisto (da ultimo, Tribunale di Roma, sent del 17/3/09). PER ISCRIVERTI, ESCLUSIVAMENTE ONLINE, CLICCA SUL SEGUENTE LINK E COMPILA IL FORM CHE TROVERAI: Se vuoi partecipare anche tu a questa azione clicca qui Copyright Codacons 2011

Consiglio Superiore della Magistratura Ordine dei dottori commercialisti e esperti contabili di Trieste Ordine degli avvocati di Trieste

Consiglio Superiore della Magistratura Ordine dei dottori commercialisti e esperti contabili di Trieste Ordine degli avvocati di Trieste Incontro di studio su Gli strumenti finanziari derivati: profili di tutela tra aspetti economici e questioni giuridiche Trieste, 14 maggio 2010 Consiglio Superiore della Magistratura Ordine dei dottori

Dettagli

Seminario su Controversie in materia di strumenti finanziari derivati: lo stato dell arte Udine, 11 marzo 2011. AIGA Udine

Seminario su Controversie in materia di strumenti finanziari derivati: lo stato dell arte Udine, 11 marzo 2011. AIGA Udine Seminario su Controversie in materia di strumenti finanziari derivati: lo stato dell arte Udine, 11 marzo 2011 AIGA Udine I profili giuridici del contenzioso in derivati: lo stato dell arte Prof. Avv.

Dettagli

Grandi imprese in crisi e responsabilità degli istituti bancari. di Roberto Marraffa (*)

Grandi imprese in crisi e responsabilità degli istituti bancari. di Roberto Marraffa (*) Grandi imprese in crisi e responsabilità degli istituti bancari di Roberto Marraffa (*) INDICE SOMMARIO Introduzione. I L AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA TRA NORMATIVA NAZIONALE ED EUROPEA II PRESUPPOSTI

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI maggio 2007 SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI INTRODUZIONE La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) affronta in modo globale la disciplina

Dettagli

Sul tema: F. Sartori, Le regole di condotta degli intermediari finanziari. Disciplina e forme di tutela, Giuffrè, 2004.

Sul tema: F. Sartori, Le regole di condotta degli intermediari finanziari. Disciplina e forme di tutela, Giuffrè, 2004. Cassazione civile, sez. I, 25 giugno 2008, n. 17340: Il concetto di informazione adeguata e l ambito applicativo della regole di adeguatezza (suitability rule) Ai sensi del Testo Unico delle disposizioni

Dettagli

Intermediazione finanziaria Nullità e annullabilità dei negozi di acquisto degli strumenti finanziari - Usi di borsa Inapplicabilità.

Intermediazione finanziaria Nullità e annullabilità dei negozi di acquisto degli strumenti finanziari - Usi di borsa Inapplicabilità. Tribunale di Genova, Sez. I Civile Pres. A. Dimundo, Rel. D. Canepa - 22 aprile 2005. segnalazione dell Avv. Marina Manuela Zanotti Intermediazione finanziaria Nullità e annullabilità dei negozi di acquisto

Dettagli

INDICE. Prefazione... Introduzione...

INDICE. Prefazione... Introduzione... Prefazione... Introduzione... V IX CAPITOLO I I SERVIZI E LE ATTIVITAv DI INVESTIMENTO 1.1. Servizi ed attività di investimento, strumenti finanziari e prodotti finanziari..... 2 1.2. Servizi accessori....

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA

Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA L esercizio dei servizi di investimento: riserva di attività e regole generali di comportamento dei soggetti abilitati 1 Riserva di attività (art.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

www.tidonagiuridica.it Tribunale di Venezia, sez. II 22-11-2004 Pitteri e Klamer c. Deutsche Bank Giudice unico Dott. Caprioli

www.tidonagiuridica.it Tribunale di Venezia, sez. II 22-11-2004 Pitteri e Klamer c. Deutsche Bank Giudice unico Dott. Caprioli Tribunale di Venezia, sez. II 22-11-2004 Pitteri e Klamer c. Deutsche Bank Giudice unico Dott. Caprioli Gli effetti conseguenti alla violazione di una norma imperativa, quale deve ritenersi l'art. 23 D.Lgs.

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

Intermediazione finanziaria Obbligazioni Italtractor - Doveri informativi dell intermediario Violazione Sussistenza.

Intermediazione finanziaria Obbligazioni Italtractor - Doveri informativi dell intermediario Violazione Sussistenza. Tribunale di Brindisi Pres. Fedele, Est. Lenoci Sent. dep. 4 ottobre 2005. (214) Intermediazione finanziaria Obbligazioni Italtractor - Doveri informativi dell intermediario Violazione Sussistenza. Si

Dettagli

http://www.ilcaso.it/giurisprudenza/archivio/298.htm

http://www.ilcaso.it/giurisprudenza/archivio/298.htm Pagina 1 IL CASO.it Sezione I- Giurisprudenza documento 298/2005 Doveri informativi dell intermediario, violazione, rimedi, vizi della volontà Doveri informativi dell intermediario, rimedi, onere della

Dettagli

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie Padova, 18 giugno 2010 Aiga, Sezione di Padova Le regole di comportamento nella distribuzione dei prodotti finanziari emessi

Dettagli

La responsabilità degli intermediari finanziari

La responsabilità degli intermediari finanziari La responsabilità degli intermediari finanziari Mondovì 9.11.2012 Avv. Luigi Dentis Indice dell intervento Le fonti normative e regolamentari Responsabilità per nullità dell ordine Responsabilità per violazione

Dettagli

L'attività del call center, in breve, si presenta nelle sue fasi principali così strutturata:

L'attività del call center, in breve, si presenta nelle sue fasi principali così strutturata: Comunicazione n. DIN/2073042 del 7-11-2002 Oggetto: Esternalizzazione dell'attività tramite call center Sono state recentemente poste alla valutazione della Commissione, da parte di intermediari autorizzati

Dettagli

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA PER LA CORTE D APPELLO DI LECCE * * *

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA PER LA CORTE D APPELLO DI LECCE * * * CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA PER LA CORTE D APPELLO DI LECCE * * * INCONTRO DI STUDI SUL TEMA: RISPARMIATORE E CONSUMATORE: PROTAGONISTI DEBOLI

Dettagli

La vendita dei Prodotti Assicurativi

La vendita dei Prodotti Assicurativi La vendita dei Prodotti Assicurativi I prodotti assicurativi formano sempre di più oggetto di campagne di vendita. Vogliamo fornire ai colleghi una breve nota che riepiloghi i punti essenziali della normativa

Dettagli

Aprile 2002. I servizi di investimento in rete: etica, finanza e trading on line, di Manuel Margini

Aprile 2002. I servizi di investimento in rete: etica, finanza e trading on line, di Manuel Margini Aprile 2002 I servizi di investimento in rete: etica, finanza e trading on line, di Manuel Margini Già più volte la Consob si è pronunciata sull uso di tecniche di comunicazione a distanza da parte di

Dettagli

La responsabilità nell esercizio delle professioni protette.

La responsabilità nell esercizio delle professioni protette. La responsabilità nell esercizio delle professioni protette. Responsabilità professionale e contatto sociale. Dott. Mario Mauro Firenze, 11 aprile 2011 Abstract. Individuazione del problema. La violazione

Dettagli

24. Tribunale ordinario di Roma, 15 dicembre 2004. Sez.IX civile. Letti gli atti e sciogliendo la riserva; premesso che:

24. Tribunale ordinario di Roma, 15 dicembre 2004. Sez.IX civile. Letti gli atti e sciogliendo la riserva; premesso che: 24. Tribunale ordinario di Roma, 15 dicembre 2004 Sez.IX civile Letti gli atti e sciogliendo la riserva; premesso che: con ricorso, depositato in data 5/8/2004, Desrousseaux Francoise - assumendo di avere,

Dettagli

LA TUTELA DEI DIRITTI DEI CONSUMATORI ATTIVITA E RISULTATI OTTENUTI NEL 2009 (a cura dell Avv. Antonio Mumolo)

LA TUTELA DEI DIRITTI DEI CONSUMATORI ATTIVITA E RISULTATI OTTENUTI NEL 2009 (a cura dell Avv. Antonio Mumolo) LA TUTELA DEI DIRITTI DEI CONSUMATORI ATTIVITA E RISULTATI OTTENUTI NEL 2009 (a cura dell Avv. Antonio Mumolo) LA TUTELA DEI DIRITTI DEI CONSUMATORI L'Ufficio Legale della Federconsumatori di Bologna,

Dettagli

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE PRIMA CIVILE. Il Tribunale di Torino - sezione 1 civile SENTENZA. Contro

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE PRIMA CIVILE. Il Tribunale di Torino - sezione 1 civile SENTENZA. Contro TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE PRIMA CIVILE Il Tribunale di Torino - sezione 1 civile in composizione monocratica ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta in primo grado al n.18076

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA II TRIBUNALE DI FIRENZE

REPUBBLICA ITALIANA II TRIBUNALE DI FIRENZE REPUBBLICA ITALIANA II TRIBUNALE DI FIRENZE In persona del giudice Angelo Antonio Pezzuti, ha pronunciato IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La seguente SENTENZA Nella causa iscritta nel ruolo generale nell anno

Dettagli

Violazione dell obbligo di astensione e nesso di causalità

Violazione dell obbligo di astensione e nesso di causalità SOSTANZA E RIGORE NELLA GIURISPRUDENZA AMBROSIANA DEL CONFLITTO DI INTERESSI DANIELE MAFFEIS La presente nota è redatta per la rivista Corriere Giuridico ed è ivi in corso di pubblicazione. Violazione

Dettagli

CONTRATTI ASSICURATIVI E LA MEDIAZIONE OBBLIGATORIA

CONTRATTI ASSICURATIVI E LA MEDIAZIONE OBBLIGATORIA CONTRATTI ASSICURATIVI E LA MEDIAZIONE OBBLIGATORIA IL PARERE DEL NOSTRO LEGALE: UNA NUOVA NORMA INVESTE IL PROCESSO CIVILE E IL MONDO ASSICURATIVO Com è noto la Legge n. 10 del 26 febbraio 2011 ha introdotto

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE Abstract. Il Tribunale ha rilevato la nullità dell ordine di acquisto di strumenti finanziari ad alto rischio (bonds argentini) in quanto sottoscritto prima del perfezionamento del contratto di intermediazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 998 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI Disposizioni per la tutela dei risparmiatori e istituzione del Fondo di garanzia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE SENTENZA. contro

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE SENTENZA. contro N.R.G. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. 1111111111 ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

Difesa del risparmio e rapporto con le banche

Difesa del risparmio e rapporto con le banche EDUCAZIONE FINANZIARIA Difesa del risparmio e rapporto con le banche CUCE Dr. Vincenzo Difesa del risparmio e rapporto con le banche Legenda: Il Risparmio, Manifesto per la tutela del risparmio Oltre la

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA Riunito in camera di consiglio e composto dai signori:

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA Riunito in camera di consiglio e composto dai signori: Abstract. Il Collegio, provato all esito dell istruttoria che il modulo d ordine delle obbligazioni in oggetto è stato firmato fuori dai locali della convenuta, osserva che, con carattere assorbente su

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 5 dell 11.1.2012 DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ART. 1 PREMESSA 1. Il presente documento disciplina il conferimento degli incarichi per

Dettagli

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO I SERVIZI DI INVESTIMENTO Tali investimenti danno origine alla raccolta bancaria indiretta, termine con il quale si identificano alcuni

Dettagli

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE X IL MERCATO FINANZIARIO ONLINE PROF. ERNESTO PALLOTTA Indice 1 I servizi ed i prodotti finanziari online ----------------------------------------------------------------

Dettagli

NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE

NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE CONTRATTI BANCARI INTEREST RATE SWAP NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE PREMESSA Numerosi enti locali negli ultimi dieci anni hanno sottoscritto i tanto discussi contratti derivati I.R.S., c.d.

Dettagli

PUBBLICAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA

PUBBLICAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA VALERIO SANGIOVANNI PUBBLICAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA (aggiornamento: marzo 2009) Avv. e RA Valerio Sangiovanni Tel.: 0039 / 349 / 64 65 142 Via Spinola 5 Fax: 0039 / 02 / 43 91 24

Dettagli

L E R I C O M C O M I T A T O R I S P A R M I A T O R I L E H M A N B R O T H E R S

L E R I C O M C O M I T A T O R I S P A R M I A T O R I L E H M A N B R O T H E R S PRIMA SENTENZA DI CONDANNA DELLA BANCA A RISARCIRE OBBLIGAZIONISTI LEHMAN BROTHERS Le banche che hanno consigliato investimenti in titoli Lehman Brothers da ottobre 2007, devono risarcire il danno patito

Dettagli

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO Trib. Rimini 2.2.2012 commento e testo Giovanni FRANCHI P&D.IT Questa volta è stato il Tribunale

Dettagli

Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto Sezione civile sentenza 17 novembre 2005-17 gennaio 2006 Presidente e relatore Lanza Volpe

Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto Sezione civile sentenza 17 novembre 2005-17 gennaio 2006 Presidente e relatore Lanza Volpe Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto Sezione civile sentenza 17 novembre 2005-17 gennaio 2006 Presidente e relatore Lanza Volpe Svolgimento del processo XXX, con citazione notificata il 24 luglio 2004,

Dettagli

AGGIORNAMENTI SU GIURISPRUDENZA E NORMATIVA. Torino 12 maggio 2015

AGGIORNAMENTI SU GIURISPRUDENZA E NORMATIVA. Torino 12 maggio 2015 2. MAGGIO AGGIORNAMENTI SU GIURISPRUDENZA E NORMATIVA INCONTRO A CURA DEL GRUPPO DI LAVORO EX D.LGS 23/200 Torino 2 maggio AVV. STEFANO COMELLINI 2 2. MAGGIO GIURISPRUDENZA 3 PROFITTO (art. 9) Cass. n.

Dettagli

Nota di commento. Tribunale di Torino, sentenza del 22.12.2010

Nota di commento. Tribunale di Torino, sentenza del 22.12.2010 Dipartimento di Scienze giuridiche CERADI Centro di ricerca per il diritto d impresa Nota di commento Tribunale di Torino, sentenza del 22.12.2010 a cura di Avv. Angelo D Alessandro e Dott.ssa Mariangela

Dettagli

278 VIOLAZIONE DEI DOVERI DI INFORMAZIONE NELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA

278 VIOLAZIONE DEI DOVERI DI INFORMAZIONE NELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA EMISSIONE VALORI MOBILIARI 278 VIOLAZIONE DEI DOVERI DI INFORMAZIONE NELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA TRIBUNALE DI NOVARA - 10 GENNAIO 2006 - PRES. GIORDANI -EST. SECHI Intermediazione finanziaria - Violazione

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEL PROMOTORE FINANZIARIO

LA RESPONSABILITA DEL PROMOTORE FINANZIARIO . LA RESPONSABILITA DEL PROMOTORE FINANZIARIO Gorizia, 21 novembre 2014 Monica Damian mdamian@bancafideuram.it Albo PF n. 375088 1 QUADRO NORMATIVO DIRETTIVA MIFID 2004/39/CE D.lgs. 24-2-1998 n.58 Testo

Dettagli

La Cassazione interviene di nuovo sulle norme di condotta degli intermediari finanziari

La Cassazione interviene di nuovo sulle norme di condotta degli intermediari finanziari Intermediazione finanziaria La Cassazione interviene di nuovo sulle norme di condotta degli intermediari finanziari CASSAZIONE CIVILE, Sez. I, 17 febbraio 2009, n. 3773 - Pres. Vitrone - Rel. Didone -

Dettagli

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con riferimento alla negoziazione di una polizza unit linked, la Corte d Appello accerta la

Dettagli

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004 22. Negoziazione fuori sede di obbligazioni argentine - Mancata menzione della facoltà di recesso - Nullità del contratto - Sussistenza. Art. 30 d. lgs. 24-2-1998 n. 58 Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati dott.alessandra Bottan dott. Gianfranco Pellizzoni Presidente;

Dettagli

INCONTRO CAMERA DI COMMERCIO (Relatore Dott. R. Soldati)

INCONTRO CAMERA DI COMMERCIO (Relatore Dott. R. Soldati) INCONTRO CAMERA DI COMMERCIO (Relatore Dott. R. Soldati) 1. Presentazione: Normativa vigente (Codice delle Assicurazioni) Authorities (ISVAP/IVASS + Antitrust) Registro Unico Intermediari Legge Bersani

Dettagli

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo.

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. (ex articolo 9 del DL 90/2014, convertito in L. 114/2014 approvato con Deliberazione

Dettagli

In arrivo un arbitro sotto il controllo di Bankitalia per le liti nate dal 2007 in poi

In arrivo un arbitro sotto il controllo di Bankitalia per le liti nate dal 2007 in poi Il Sole 24 Ore 26.6.2009, pag. 7 Lucilla Incorvati Un giudice terzo nelle controversie tra banche e clienti In arrivo un arbitro sotto il controllo di Bankitalia per le liti nate dal 2007 in poi Per quanti

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PERUGIA

IL TRIBUNALE DI PERUGIA Abstract. Nell àmbito dei contratti di investimento non costituisce vizio di forma la mancata puntuale indicazione per iscritto degli strumenti finanziari che possono essere inseriti nel portafoglio di

Dettagli

La costituzione della società per azioni

La costituzione della società per azioni La costituzione della società per azioni La formazione dell'atto costitutivo La società per azioni può essere costituita da più persone (attraverso un contratto) o anche da una sola persona (mediamente

Dettagli

Modifiche all'articolo 1 del testo unico della finanza Definizioni

Modifiche all'articolo 1 del testo unico della finanza Definizioni D.L.vo 1 agosto 2003, n.274.attuazione della direttiva 2001/107/CE e 2001/108/CE, che modificano la direttiva 85/611/CEE in materia di coordinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE X IL MERCATO FINANZIARIO ON LINE PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 I Servizi ed i Prodotti Finanziari On Line ---------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 1420 del 19/12/2013 OGGETTO: Regolamento per l'affidamento di incarichi legali. Il Direttore della SC Legale e Assicurazioni

Dettagli

La tutela del risparmio

La tutela del risparmio Consiglio Superiore della Magistratura Ufficio dei Magistrati Referenti per la Formazione Decentrata presso la Corte Suprema di Cassazione La tutela del risparmio REPORT 18 maggio 2011 Consigliere RORDORF

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE D APPELLO DI CAGLIARI. - Sezione distaccata di Sassari -

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE D APPELLO DI CAGLIARI. - Sezione distaccata di Sassari - REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE D APPELLO DI CAGLIARI - Sezione distaccata di Sassari - composta dei magistrati dott. Francesco Mazzaroppi Presidente dott. M.Teresa Spanu Giudice

Dettagli

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA Classification Policy PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. DEFINIZIONI... 3 1.1. CLIENTI PROFESSIONALI...

Dettagli

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione Circolare Informativa n 5/2014 Pillole di Cassazione Pagina 1 di 7 INDICE 1) Sicurezza sul lavoro, doveri del datore e presunzione di responsabilità pag. 3 2) Le somme accantonate dal datore di lavoro

Dettagli

* * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI TERNI. riunito in camera di consiglio e composto dai sigg. Magistrati: SENTENZA

* * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI TERNI. riunito in camera di consiglio e composto dai sigg. Magistrati: SENTENZA Abstract. Il Tribunale di Terni, in via preliminare rigetta l eccezione di nullità del contratto di intermediazione per mancanza della forma scritta prescritta ad substantiam dall art. 23 T.U.F. avendo

Dettagli

ALBO DEI PROMOTORI FINANZIARI DOMANDA DI ISCRIZIONE a seguito di superamento della prova valutativa

ALBO DEI PROMOTORI FINANZIARI DOMANDA DI ISCRIZIONE a seguito di superamento della prova valutativa MARCA DA BOLLO 14,62 ALBO DEI PROMOTORI FINANZIARI DOMANDA DI ISCRIZIONE a seguito di superamento della prova valutativa Alla Sezione territoriale c/o Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte di Appello, riunita in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Ettore Nesti dott.

Dettagli

I RISCHI LEGALI NEL CONTENZIOSO AVENTE AD OGGETTO LA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. www.lascalaw.com www.iusletter.com

I RISCHI LEGALI NEL CONTENZIOSO AVENTE AD OGGETTO LA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on I RISCHI LEGALI NEL CONTENZIOSO AVENTE AD OGGETTO LA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO Ottobre 2012 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

Intermediazione mobiliare Violazione degli obblighi di informazione Nullità non espressamente previste dalla norma Insussistenza.

Intermediazione mobiliare Violazione degli obblighi di informazione Nullità non espressamente previste dalla norma Insussistenza. Tribunale di Roma, Sez. II civ. Pres. R. Misiti, Est. A. Lamorgese - 25 maggio 2005. Intermediazione mobiliare Violazione degli obblighi di informazione Nullità non espressamente previste dalla norma Insussistenza.

Dettagli

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices.

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com I progressi in campo scientifico hanno determinato un miglioramento

Dettagli

novembre 2002 I SERVIZI D INVESTIMENTO : LA NEGOZIAZIONE

novembre 2002 I SERVIZI D INVESTIMENTO : LA NEGOZIAZIONE novembre 2002 Riflessioni sul sistema finanziario italiano nel nuovo testo unico finanziario e nel compendio delle norme di attuazione, di Marcello G. Pastrengo I SERVIZI D INVESTIMENTO : LA NEGOZIAZIONE

Dettagli

CAMERA DI ARBITRATO E CONCILIAZIONE S.r.l.

CAMERA DI ARBITRATO E CONCILIAZIONE S.r.l. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento si applica alla procedura di mediazione a fini conciliativi (Mediazione ai sensi del DI 180/2010). 2. Il Regolamento

Dettagli

INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA

INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Intermediazione finanziaria 1279 INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Fonti normative: Art. 23 t.u.f. - Art. 37, Reg. CONSOB n. 16190/2007 A) INQUADRAMENTO SISTEMATICO: 1. I servizi di investimento - 2. L art.

Dettagli

- Prof. Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia. - Prof. Emanuele Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia

- Prof. Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia. - Prof. Emanuele Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Antonio Gambaro Presidente (Relatore) - Prof. Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Emanuele Lucchini Guastalla

Dettagli

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida rappresentano uno strumento di ausilio e supporto per l adempimento

Dettagli

Mediazione Civile & Commerciale. Studio Legale MM & PARTNERS. Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax.

Mediazione Civile & Commerciale. Studio Legale MM & PARTNERS. Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax. Studio Legale MM & PARTNERS Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax. 02/76407336 Mediazione Civile & Commerciale Avv. Maria Sorbini m.sorbini@mmjus.it INDICE: 1. DOPO UN TORMENTATO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano. Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano. Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati dott.gianfranco Pellizzoni Presidente rel.; dott. Francesco

Dettagli

Alcuni recenti scandali finanziari hanno assunto

Alcuni recenti scandali finanziari hanno assunto La violazione delle regole di condotta dell intermediario finanziario fra responsabilità precontrattuale e contrattuale di VALERIO SANGIOVANNI Nelle controversie fra investitori e intermediari finanziari

Dettagli

Brochure di Presentazione per Enti pubblici e Ditte private

Brochure di Presentazione per Enti pubblici e Ditte private Anatocismo Bancario Brochure di Presentazione per Enti pubblici e Ditte private In questa fase di gravissima crisi economica, caratterizzata da difficoltà e problemi di liquidità per ditte ed Enti Pubblici,

Dettagli

Questa, a titolo esemplificativo, la clausola elaborata da Poste Vita s.p.a. in molte delle sue condizioni generali di polizza dell epoca:

Questa, a titolo esemplificativo, la clausola elaborata da Poste Vita s.p.a. in molte delle sue condizioni generali di polizza dell epoca: Le Cc.Dd. polizze dormienti. In particolare, il caso poste vita s.p.a. e la clausola di non avvalimento della prescrizione ordinaria breve ex art. 2952 c.c. sostenibilità in via difensiva del termine decennale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MARSALA SENTENZA

REPUBBLICA ITALIA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MARSALA SENTENZA REPUBBLICA ITALIA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MARSALA Riunito in Camera di Consiglio e composto dai Magistrati: 1) dott. Benedetto Giaimo Presidente 2) dott. Francesco Parrinello Giudice

Dettagli

Nulla la vendita di titoli senza adeguata informativa su rischi e conflitti d'interesse Tribunale Firenze, sentenza 30.05.2004

Nulla la vendita di titoli senza adeguata informativa su rischi e conflitti d'interesse Tribunale Firenze, sentenza 30.05.2004 Nulla la vendita di titoli senza adeguata informativa su rischi e conflitti d'interesse Tribunale Firenze, sentenza 30.05.2004 Sussiste la nullità della vendita di obbligazioni strutturate qualora si riscontri

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

IL CREDITO AL CONSUMO

IL CREDITO AL CONSUMO IL CREDITO AL CONSUMO E L INTERMEDIAZIONE MOBILIARE PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 IL CREDITO AL CONSUMO -----------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

REQUISITI GENERALI MODALITA DI CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI

REQUISITI GENERALI MODALITA DI CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI AVVISO per la costituzione di un Albo aziendale di Avvocati esterni finalizzato al conferimento di incarichi di patrocinio legale per la difesa in giudizio dell Azienda USL 4 Teramo In esecuzione della

Dettagli

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Edizioni Simone - Vol. 26 Compendio di Diritto delle Società Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Sommario Z 1. I controlli amministrativi. - 2. La Commissione nazionale per le società

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI TERNI

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI TERNI Abstract. Le violazioni di oneri comportamentali da parte dell intermediario finanziario nella fase precontrattuale o in quella esecutiva, pur risolvendosi nell inosservanza delle norme previste dal T.U.F.

Dettagli

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA 11 UN OBBLIGO O UN OPPORTUNITA? LINEE GUIDA PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE Vicenza, 13 giugno 2012 AGENDA DELL INCONTRO 22 NOVITA LEGISLATIVE IL NUOVO OBBLIGO DI

Dettagli

Ordine del giorno. - Modifiche degli artt. 11, 12, 18, 19 e 21 dello Statuto sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti.

Ordine del giorno. - Modifiche degli artt. 11, 12, 18, 19 e 21 dello Statuto sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti. "PARMALAT S.p.A." Sede Legale: Collecchio (PR) - Via delle Nazioni Unite n. 4 Capitale Sociale deliberato 1.940.000.000 sottoscritto e versato 1.824.401.241 Iscrizione al Registro delle Imprese di Parma,

Dettagli

Marzo 2012. Quando investire genera debiti. Nota a Cassazione Civile, Sez. I, 03 febbraio 2012, n. 1584 in materia di 4YOU.

Marzo 2012. Quando investire genera debiti. Nota a Cassazione Civile, Sez. I, 03 febbraio 2012, n. 1584 in materia di 4YOU. Marzo 2012 Quando investire genera debiti. Nota a Cassazione Civile, Sez. I, 03 febbraio 2012, n. 1584 in materia di 4YOU. Di Avv. Francesco Cocchi Premessa L importante questione sul dovere di trasparenza,

Dettagli

COMUNICATO BANCA D ITALIA DEL 21/03/07 (Disposizioni Allegate)

COMUNICATO BANCA D ITALIA DEL 21/03/07 (Disposizioni Allegate) RACCOLTA DEL RISPARMIO DEI SOGGETTI DIVERSI DALLE BANCHE COMUNICATO BANCA D ITALIA DEL 21/03/07 (Disposizioni Allegate) (G.U. N. 96 DEL 26/04/2007) Disposizioni di carattere generale Raccolta del risparmio

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 8.0 del 14/03/2014. Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 8.0 del 14/03/2014. Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Versione 8.0 del 14/03/2014 Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014 e-mail: banca@bancadiimola.it - www.bancadiimola.it - Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

IL CONTO CORRENTE E GLI INVESTIMENTI

IL CONTO CORRENTE E GLI INVESTIMENTI IL CONTO CORRENTE E GLI INVESTIMENTI Qualsiasi somma di denaro di pertinenza della parrocchia depositata sotto qualunque forma in un istituto bancario postale o investita (ad esempio, in titoli di Stato),

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

Rendiconto sull attività di gestione dei reclami anno 2014

Rendiconto sull attività di gestione dei reclami anno 2014 Rendiconto sull attività di gestione dei reclami anno 2014 Le disposizioni della Banca d Italia del 29.07.2009 in tema di Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ( 3, sez. XI) prevedono

Dettagli

Studio Battista - sb Investments & Trusts Consultancy. DESCRIZIONE DEI SERVIZI - Organizzazione del capitale individuale

Studio Battista - sb Investments & Trusts Consultancy. DESCRIZIONE DEI SERVIZI - Organizzazione del capitale individuale Studio Battista - sb Investments & Trusts Consultancy DESCRIZIONE DEI SERVIZI - Organizzazione del capitale individuale DESCRIZIONE Ad sb Investments, il cliente può ricevere consulenza in materia di investimenti

Dettagli

PROCEDURA MEDIZIONE CIVILE E COMMERCIALE

PROCEDURA MEDIZIONE CIVILE E COMMERCIALE PROCEDURA MEDIZIONE CIVILE E COMMERCIALE (d.lgs. 28/2010 e successive modifiche) AMBITO DI COMPETENZA Gli organismi di mediazione accreditati dal Ministero della Giustizia sono competenti in tutte le controversie

Dettagli

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO. ALCUNE NOZIONI. 1. LA NEGOZIAZIONE PER CONTO PROPRIO E QUELLA PER CONTO TERZI. CONTINUITÀ E NOVITÀ RISPETTO AL REGIME VIGENTE. 1.1 IL

Dettagli

1. Le decisioni di portafoglio e il contratto di investimento. Le libertà negoziali, le norme con carattere di imperatività

1. Le decisioni di portafoglio e il contratto di investimento. Le libertà negoziali, le norme con carattere di imperatività M A R I O B E S S O N E SERVIZI DI INVESTIMENTO E DISCIPLINA DEL CONTRATTO. IL PRINCIPIO DI SEPARAZIONE PATRIMONALE, SANA E PRUDENTE GESTIONE DI PORTAFOGLIO,CONFLITTO DI INTERESSI (* ). 1. Le decisioni

Dettagli

Delibera n. 13/11/CIR. Definizione della controversia Cerbone / H3G S.p.A. L AUTORITA

Delibera n. 13/11/CIR. Definizione della controversia Cerbone / H3G S.p.A. L AUTORITA Delibera n. Definizione della controversia Cerbone / H3G S.p.A. L AUTORITA NELLA sua riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 9 febbraio 2011; VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249,

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115 L. 24 febbraio 2005, n. 25...L SOTTOSCRITT NAT A... IL CITTADINANZA....

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli