LA NULLITA DEL CONTRATTO DI ACQUISTO DI TITOLI OBBLIGAZIONARI PER VIOLAZIONE DEGLI ARTT. 21 D.Lgs. 58/98 E 26, 28, 29 Reg.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NULLITA DEL CONTRATTO DI ACQUISTO DI TITOLI OBBLIGAZIONARI PER VIOLAZIONE DEGLI ARTT. 21 D.Lgs. 58/98 E 26, 28, 29 Reg."

Transcript

1 LA NULLITA DEL CONTRATTO DI ACQUISTO DI TITOLI OBBLIGAZIONARI PER VIOLAZIONE DEGLI ARTT. 21 D.Lgs. 58/98 E 26, 28, 29 Reg. CONSOB DEL Si riporta, di seguito, una recente sentenza (n. 730 del 23 marzo 2007) del Tribunale di Treviso Seconda Sezione Civile -, con la quale viene sancita, per l ennesima volta, la nullità degli ordini di acquisto relativi a bond argentini, posti in essere dall intermediario finanziario in violazione dell art. 21 D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e degli art. 26, 28 e 29 del Regolamento Consob n del 1 luglio Al testo della sentenza seguirà una breve analisi dei doveri gravanti sull intermediario finanziario per effetto di tali norme, nonché un analisi delle argomentazioni emerse in giurisprudenza in merito alle conseguenze giuridiche collegate alla violazione di esse: il contratto posto in essere in tali condizioni deve ritenersi nullo o annullabile? *** * *** TRIBUNALE DI TREVISO SECONDA SEZIONE CIVILE SENTENZA 730/2007 Svolgimento del Processo Gli attori hanno convenuto Banca Popolare Friuladria scarl chiedendo la declaratoria di inesistenza/nullità/inefficacia o annullabilità dei contratti di acquisto di obbligazioni argentina nell arco temporale 1998/inizio200 con la condanna alla restituzione del capitale investito o, in subordine, al risarcimento dei danni per il grave inadempimento contrattuale della convenuta. Gli attori a fondamento della domanda hanno dedotto che: 1. la banca ha esercitato attività di sollecitazione all investimento, inducendo i risparmiatori all acquisto pregiudizievole di bond speculativi, destinati a investitori professionali e senza consegna del prospetto informativo (omissis); 2. la Banca, consapevole dell elevato rischio dell investimento de quo, ha omesso di fornire le prescritte informazioni; 3. le operazioni di investimento non erano adeguate; 4. la Banca ha agito in situazione di conflitto di interesse (acquisto di titoli già in portafoglio). Si costituiva la Banca Popolare Friuladria, contestando gli assunti attorei, in particolare eccependo: a. la completezza della documentazione in relazione alle singole operazioni; b. l infondatezza, nel merito, degli addebiti, non essendo conosciuta e conoscibile la situazione di insolvenza dell Argentina al momento dell acquisto dei titoli e l adeguatezza delle operazioni;

2 c. l inesistenza del conflitto di interessi, avendo la banca acquisito i titoli per conto dei clienti; d. l avvenuto incasso delle cedole. Ha chiesto, quindi, la convenuta, il rigetto delle domande attoree e, in subordine, la riduzione del risarcimento in considerazione delle cedole già incassate. Motivi della decisione La domanda degli attori è fondata e merita accoglimento. Il punto focale del processo e la fondamentale contestazione mossa dagli attori sono dati dalla completezza delle informazioni fornite dalla Banca circa la natura, rischi e implicazioni della specifica operazione e dalla diligenza, correttezza, trasparenza nello svolgimento del servizio di investimento di cui all art. 21 lett. A) e B9 D. L.vo 58/98 e art. 28 del regolamento Consob 11522/98. Nel caso di specie, e stando alle risultanze probatorie, è risultato che lacuna specifica informazione era stata fornita ai clienti né sul piano documentale né su quello della comunicazione verbale al momento del contratto. La Banca non solo non ha introdotto alcuna prova orale o documentale per dimostrare l adempimento degli obblighi su di lei gravanti ex lege, ma non ha neppure specificamente contestato gli assunti in fatto degli attori circa l assenza di informazioni e l induzione a sottoscrivere l investimento in bond argentini. Sotto il primo profilo deve evidenziarsi che l onere probatorio è a carioco della Banca convenuta sia per il disposto dell art. 23 comma IV D. L.vo 58/98 (cfr. art. 18 V comma D. L.vo 23/7/1996 n. 415), no0rma che addossa ai soggetti abilitati la prova di aver agito con la specifica diligenza richiesta, sia in applicazione dei principi in materia di responsabilità contratuale come esattamente ricostruiti dalla Suprema Corte a Sezioni Unite (n del 6/4/2001 ric. Gallo). Tale onere non è stato in alcun modo adempiuto. Le informazioni circa la struttura e caratteristiche dei titoli e garanzie fornite dall emittente erano necessarie stante la natura di questi titoli, l entità dei rendimenti e il collegamento con il rischiopaese, in particolare per i segnali di crisi economica che hanno preceduto il default. Né si può ritenere che la consegna del documento sui rischi generali degli investimenti costituisca pieno adempimento dell obbligazione di informazione al cliente, stante la genericità di tale documento (standardizzato) e l obbligazione ex lege di fornire informazioni più specifiche e mirate. 2

3 Sotto il secondo profilo, la convenuta non ha specificamente contestato le circostanze di fatto dettagliatamente descritte dagli attori (cfr. art. 10, III comma, D L.vo 5/2003), limitandosi ad eccepire la infondatezza della domanda di nullità e la non conoscenza da parte della banca della effettiva situazione finanziaria dell Argentina (la cui gravità è asseritamente emersa solo successivamente all investimento). Tale mancata contestazione rende pacifici i fatti allegati dagli attori ai sensi e per gli effetti dell art. 10, III comma, D L.vo 5/2003. In conclusione, sia sotto il profilo probatorio che in applicazione della regola processuale da ultimo richiamata, le informazioni fornite dalla Banca al cliente in ordine alla natura, rischi e specifiche implicazioni sono risultate del tutto assenti. Si deve, pertanto, concludere per la violazione da parte della Banca degli obblighi di informazione e dei doveri di diligenza, correttezza, trasparenza nello svolgimento dei servizi di investimento (art. 21, lett. a) e b) D. L.vo 58/98 e artt. 28 e 29 del regolamento Consob 11522/98. Tali violazioni comportano la nullità dei contratti di acquisto dei bond, a norma dell art c.c., per contrarietà a norme imperative. Si tratta di norme a carattere inderogabile che tutelano interessi di ordine generale (diligenza degli intermediari) e diritti di rango costituzionale (tutela del risparmio; cfr. Cass. 7/3/2001 n rv per la dichiarazione di nullità di contratto concluso da intermediario non autorizzato). La nullità dei contratti comporta l obbligo per la Banca di restituire gli importi pagati dai clienti per l acquisto dei bond: (omissis). Tali importi devono essere maggiorati dell interesse legale dall operazione al saldo, trattandosi di debito di valuta e dovendosi escludere ex art c.c. la buona fede della Banca. Non possono essere liquidati danni ulteriori, non avendo gli attori dato specifica prova della sussistenza di ulteriori e concreti profili di danno. La Banca ha chiesto lo scomputo delle cedole incassate, ma non la restituzione dei titoli (diritto che consegue alla dichiarazione di nullità) e, pertanto, il Tribunale può pronunciare solo sul primo punto. Le somme come prima liquidate dovranno, pertanto, essere ridotte in ragione delle cedole già incassate dagli attori. Tutti gli altri profili di nullità/invalidità sollevati dagli attori sono assorbiti dall accertata nullità. La Banca, in ragione della soccombenza, deve essere condannata al pagamento in favore degli attori delle spese di lite, che i liquidano d ufficio. 3

4 *** * *** SULLA VIOLAZIONE DEGLI ARTT. 21 D.Lgs. 58/98 E 26, 28, 29 Reg. CONSOB DEL Nella fattispecie decisa con la sentenza sopra recensita, emerge in via del tutto principale - il mancato rispetto delle norme generali disciplinanti il comportamento degli intermediari finanziari nei confronti degli investitori che ad essi si rivolgono. Tali norme sono da rintracciarsi nell art. 21 D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e negli art. 26, 28 e 29 del relativo Regolamento di Attuazione Consob n del 1 luglio Tali norme delineano le fondamentali direttive di comportamento cui i soggetti abilitati all intermediazione finanziaria devono necessariamente adeguarsi, e che sono essenzialmente riconducibili al generale dovere di comportarsi con diligenza, correttezza e trasparenza, nell'interesse dei clienti e per l'integrità dei mercati (art. 21, c. 1, lett. a), D.Lgs. 58/98), nelle sue ulteriori specificazioni dell acquisire le informazioni necessarie dai clienti e operare in modo che essi siano sempre adeguatamente informati (art. 21, c. 1, lett. b), D.Lgs. 58/98, nonché art. 28 Reg. Consob 11522/98) e dell astenersi dall'effettuare con o per conto degli investitori operazioni non adeguate (art. 29 Reg. Consob 11522/98). E appena il caso di sottolineare come questi due ultimi profili risultino, nel concreto, profondamente legati e reciprocamente dipendenti, se è vero, come è vero, che solo attraverso la costante e precisa informazione nei confronti dell investitore, e l attenta valutazione delle indicazioni da quest ultimo fornitegli, l intermediario può operare in modo adeguato alle esigenze del cliente. Sulla base della considerazione che il risparmiatore si trova in una posizione di debolezza contrattuale e di asimmetria informativa rispetto all'intermediario, il TUF individua le citate regole di condotta che quest'ultimo è tenuto ad osservare nella prestazione dei servizi di investimento. Queste regole danno espressione ai principi generali di correttezza e buona fede previsti dal Codice civile agli artt. 1175, 1176 o 1337 a sottolineare il ruolo di fiduciario svolto dall'intermediario e, al contempo, salvaguardare la fiducia che gli investitori ripongono nello stesso allorché gli affidano la cura dei loro interessi (così Tribunale di Rieti, sent. 29 marzo 2006). Di fronte alla condotta di una banca che abbia collocato al risparmiatore non professionista obbligazioni quali i famigerati bond argentini, si rende necessario, dunque, valutare la rispondenza del comportamento tenuto dall intermediario ai criteri ed ai principi appena esposti. In tale ottica, evidenzia, in primo luogo, il mancato rispetto dell obbligo di astenersi dall effettuare operazioni finanziarie non adeguate. L inadeguatezza, che può determinarsi, ai 4

5 sensi dell art. 29, c. 1, Reg. Consob 11522/98, per tipologia, oggetto, frequenza o dimensione dell operazione, deve essere valutata in stretta relazione ai ragionevoli interessi dell investitore, i quali sono, a loro volta, desumibili, ai sensi di quanto sintetizzato dalla recente giurisprudenza, nonché dalle elaborazioni di una consolidata dottrina, dall analisi dei profili fondamentali dell investimento. Tali profili possono essere distinti in soggettivi, in quanto legati esclusivamente alla figura del cliente (si pensi all età, alla propensione al rischio, al grado di professionalità ), e oggettivi, in quanto legati alle caratteristiche intrinseche dell operazione (si pensi alla rischiosità, all importo da considerarsi in assoluto, ma anche con riferimento alle condizioni economiche del cliente -, alle condizioni del mercato ). E con riferimento alla diligente e corretta interpretazione e valutazione di detti criteri che è venuta formandosi la cd. Suitability Rule - già da tempo vigente negli ordinamenti anglosassoni, introdotta in quello italiano con l art. 29, Reg /98, e recepita anche a livello comunitario con Direttiva 2004/39 che impone, come dovere deontologico, prima ancora che giuridico, l obbligo, per l intermediario, di segnalare l eventuale inadeguatezza dell operazione al cliente interessato. Si osservi, inoltre, a testimoniare ulteriormente la pregnanza dell obbligo in questione, che gli intermediari, qualora ricevano da un investitore disposizioni relative ad una operazione non adeguata, hanno l obbligo di comunicargliene l inadeguatezza e le ragioni per cui non è opportuno procedere alla sua esecuzione. A tale apparato normativo, si affiancano gli art. 21, c. 1, lett. b), D.Lgs. 58/98 e 28, c. 1, lett. a) Reg. Consob 11522/98, norme che codificano la cd. know your customer rule, ovverosia l obbligo, posto a carico dell intermediario finanziario, di conoscere, nel modo più approfondito e veritiero possibile, le caratteristiche e la propensione al rischio del potenziale investitore, anche prescindendo dalle informazioni direttamente fornite da quest ultimo. Si consideri, in proposito, come il descritto obbligo di acquisire un informazione il più possibile puntuale e completa in merito alla pregressa esperienza in materia di investimenti finanziari, nonché in relazione agli obiettivi d investimento ed alla propensione al rischio non si esaurisca nella mera consegna all investitore di un questionario standard, bensì, alla stregua di quanto rilevato dalla più attenta giurisprudenza di merito, contempli e ricomprenda anche l analisi della tendenza che le operazioni storicamente ed abitualmente effettuate suggeriscono. Com è stato acutamente rilevato, infatti, l acquisizione di informazioni, ai fini della individuazione del profilo del cliente funzionale alla valutazione della adeguatezza soggettiva in epoca precedente, non può dispiegare 5

6 i suoi effetti per tutte le successive operazioni, ove appena si consideri che la propensione al rischio soggiace a mutevoli scelte individuali (Così Trib. Trani, sent. 30 maggio 2006). Nel decidere di una fattispecie affine, il Tribunale di Bari (sent ), ha ritenuto significativo ai fini dell accoglimento della domanda attorea il fatto che: Nonostante nel contratto quadro risultasse barrata la casella con l'indicazione prestampata "non abbiamo ritenuto di fornire le indicazioni richieste sulla nostra situazione finanziaria e sugli obiettivi d'investimento", è acquisito che gli attori fino al momento dell'acquisto dei titolo argentini, nel 2000, "presentavano un grado di avversione al rischio medio-alto ed effettuavano operazioni in valori mobiliari caratterizzati da un basso livello di rischiosità, accettando rendimenti contenuti. Tra le molte pronunce conformi a tale orientamento, si consideri la recente sentenza del Tribunale di Milano, sez. VI, 10 gennaio 2007, n. 542, che, riferendosi all obbligo di dissuadere l investitore dall effettuare operazioni non adeguate, ha affermato che Un simile obbligo deve certamente essere più penetrante e raggiungere in modo più incisivo la sfera cognitiva del cliente. Ne deriva che l obbligo di valutazione e di eventuale disincentivazione dall investimento non viene meno, né è attenuato nell ipotesi di rifiuto del cliente di fornire informazioni circa la propensione al rischio e la situazione finanziaria, prima della stipulazione del contratto quadro, come previsto dall art. 28, reg. CONSOB n /98. A tale proposito, la CONSOB, pur avendo sottolineato che il regolamento non impone alcuna specifica modalità di assolvimento dell obbligo, con comunicazione n del 21 aprile 2000, ha raccomandato agli intermediari di non sollecitare in alcun modo il rifiuto dell investitore di fornire le informazioni richieste. Detto per inciso, nella stessa sede la CONSOB ha altresì ribadito che gli intermediari non sono esonerati dall obbligo di valutare l adeguatezza della operazione disposta dal cliente neppure nel caso in cui egli abbia rifiutato di fornire informazioni. Ed ancora, dalla citata sentenza del Trib. Milano: La mera compilazione della scheda-cliente non esonera l intermediario dal dovere di verificare pur sempre la congruità dell investimento in rapporto al profilo patrimoniale e finanziario del cliente ed il dovere del mandatario è ben lungi dall esaurirsi nella sottoposizione, al cliente, di tutta una serie di moduli. Un ulteriore sentenza del Tribunale di Milano spinge addirittura oltre i confini di responsabilità dell intermediatore finanziario, affermando che La valutazione circa l adeguatezza dell operazione, proprio in considerazione della maggiore rischiosità del prodotto richiesto o presentato, costituisce un quid pluris rispetto al generale obbligo informativo di cui all art. 28, II comma reg. CONSOB e, per tale ragione, deve essere più penetrante e raggiungere in modo più incisivo la sfera cognitiva del cliente. Ne deriva che l obbligo di 6

7 valutazione e di eventuale disincentivazione dall investimento non viene meno né è attenuato nell ipotesi di rifiuto del cliente di fornire informazioni circa la propensione al rischio e la situazione finanziaria, prima della stipulazione del contratto di gestione e di consulenza. Né tale obbligo è attenuato dalla mera apposizione di una crocetta relativa alle conoscenze personali in ambito finanziario e con espressione così sintetica degli obiettivi di investimento, espressione del tutto disancorata dalla valutazione dell operazione in concreto effettuata (sent. 15 marzo 2006: nel caso di specie il Tribunale di Milano, sez. IV, ha ritenuto violati i doveri informativi nel rapporto con un investitore che aveva indicato con la crocetta una propensione al rischio medioalta). Se possibile ancor più pregnanti risultano, tuttavia, i profili oggettivi, legati alle caratteristiche intrinseche dell investimento operato. L importo investito frequentemente riguarda cifre non elevatissime, ma tuttavia più che significative nel budget medio di una famiglia, anche benestante. Oggetto dell acquisto sono bond emessi dallo Stato sovrano Argentina, parte dell enorme debito obbligazionario (e dunque, presumibilmente, privo di rischi sul capitale, con cedole periodiche ed interesse garantito alla scadenza, in questo caso 8.125%) di cui tale Repubblica è andata gravandosi nell ultimo decennio. La protezione del capitale investito e la garanzia d interesse si sono dimostrate, nella realtà dei fatti, inesistenti ed illusorie, espedienti utilizzati, unitamente alla natura dell'emittente (Stato Sovrano), da intermediatori finanziari interessati (o incompetenti) per piazzare al medio risparmiatore un prodotto finanziario con prospettive catastrofiche preventivabili già al momento dell acquisto, solo valutando le condizioni del mercato e il coefficiente di rischiosità del titolo. Fin dall inizio del 2000, infatti nel contesto di un mercato azionario ed obbligazionario tutto sommato positivo, parevano già evidenti agli addetti ai lavori i segni di squilibrio e cedimento del sistema macroeconomico argentino (già a far data da luglio 2000 le cedole di alcune obbligazioni non sarebbero più state corrisposte alla scadenza), culminati nel default di solo un anno dopo. Segnali recepiti negli stessi documenti delle più attendibili agenzie di rating internazionale (le americane Standard & Poor's e Moody's, e la francese Fitch). Il rating è il più importante indicatore per l investimento obbligazionario: si tratta di un vero e proprio voto (espresso in lettere, da A a C, con ordine decrescente e gradazioni intermedie) che esprime il grado di affidabilità di ogni emittente e di ogni bond. Il rischio di insolvenza sale man mano che si scende nella scala dei rating. All'interno di questo spettro è importante il cosiddetto "investment grade" (l'area d'investimento che comprende tutti i titoli che hanno un rating compreso 7

8 tra tripla A e tripla B -(meno) per Fitch e Standard & Poor's e tra Tripla A e Baa3 per Moody's), poiché all interno di questa classe, estranea all area speculativa, si rinvengono i titoli mediamente più adeguati all investimento del piccolo risparmiatore. Nella fattispecie, il rating storicamente attribuito ai bond argentini dalle agenzie specializzate ha lasciato sempre intravedere la possibilità, nemmeno tanto velata, di un default. In particolare, Moody s, da ritenersi riferimento prudenziale nel caso in questione poiché autore del giudizio più severo, lo inquadrava nella categoria B1 (corrispondente al pieno speculative grade, proprio di obbligazioni - dette anche junk bonds - che non possono definirsi investimenti desiderabili, poiché la garanzia di interessi e capitale o il puntuale assolvimento di altre condizioni del contratto sono scarse nel lungo periodo ), mentre Standard & Poor s si attestava su un poco più ottimistico BB-, figlio un progressivo down-grading riferito all intera categoria del debito obbligazionario argentino, e iniziato mesi e mesi prima dell ufficiale sospensione dei pagamenti. Si consideri come illuminante, per chiudere sull argomento, quanto più volte osservato dalla giurisprudenza di merito in relazione alla circostanza che in presenza di un rifiuto del cliente di fornire informazioni circa la sua esperienza, così come è avvenuto nella specie, la banca deve presumere ritratti di piccolo risparmiatore con scarsa inclinazione al rischio, e dunque proporgli investimenti compatibili. Così, ex plurimis, il Tribunale di Padova, sent. 17 maggio 2006, che nella stessa sede rileva come tale regola di comportamento ceda solo ove il rifiuto iniziale venga rimosso e sia acquisito un profilo finanziario più aggressivo ovvero esso emerga fattivamente ed inequivocabilmente dagli investimenti realizzati. Da tale rifiuto si deve desumere una propensione al rischio minima o ridotta, una scarsa conoscenza degli strumenti finanziari e, di conseguenza, obiettivi di investimento orientati alla conservazione del capitale investito, piuttosto che alla massimizzazione della redditività ciò in quanto dalla interpretazione della disciplina regolamentare citata non possono discendere conseguenze sfavorevoli al cliente (così Trib. Monza e Trib. Mantova ). Altro profilo di illegittimità nell operare della banca è quello che emerge dal mancato rispetto dell obbligo di fornire adeguata e puntuale informazione al cliente in merito agli investimenti proposti, sancito dall art. 21, c. 1, lett. b), D.Lgs. 58/98, nonchè dall art. 28 Reg. Consob 11522/98. Obbligo rispetto al quale, si ricorda, l onere della prova di aver agito con specifica diligenza grava sull intermediario, conformemente al disposto dall art. 23 u.c. D.Lgs. 58/98, e come, del resto, comunemente rilevato dalla giurisprudenza di merito: L art. 23 del decreto 8

9 legislativo n 58 del 1998, al sesto comma, specifica che, nei giudizi di risarcimento dei danni cagionati al cliente nello svolgimento dei servizi di investimento e di quelli accessori, spetta ai soggetti abilitati l onere della prova di aver agito con la specifica diligenza richiesta. La diligenza richiesta all intermediario è quella specifica esigibile dagli intermediari professionali del settore (in applicazione della regola generale sancita dall art comma 2 c.c.). Il riferimento alla diligenza contenuto in questa norma non costituisce una mera ripetizione della regola codicistica, ma vuole significare che la posizione dell intermediario sul mercato determina uno specifico affidamento di chi entra in contatto con lui nelle sue qualità e abilità professionali. Funzione essenziale della norma è quella di trasferire sull intermediario la prova dei fatti che rientrano nella sua sfera di controllo, si attribuisce al contraente dotato della migliore conoscenza delle dinamiche di mercato il compito di individuare le circostanze che hanno determinato un pregiudizio economico per l investitore (Tribunale di Firenze sent n.1023/2005). Ed ancora: L art. 23 del T.U.F. ha introdotto la nota inversione dell onere probatorio in ordine al profilo della diligenza e della professionalità richieste, cosicché nei giudizi risarcitori spetta all intermediario provare di aver agito con la specifica diligenza esigibile dall operatore professionale qualificato. Compete, invece, al cliente, in assenza di espressa deroga normativa, provare il nesso causale tra l informazione non correttamente fornita e la propria determinazione a procedere all investimento contestato (Trib. Milano, sez. VI, sent. n. 542/2007). Infine è importante considerare che la banca era tenuta ad informare il cliente sull andamento del titolo anche successivamente al suo acquisto (Trib. Cosenza, sent. 6 aprile 2006): se ciò non è avvenuto, si concreta un ulteriore violazione dell art. 21, lett. b) del TUIF. Come risultato, la scorretta informazione del cliente, tale da indurlo in errore essenziale e riconoscibile, assume profili di preordinazione e malafede che, oltre a puntualmente violare doveri normativamente stabiliti a carico dell intermediario finanziario (vedi i già citati art. 21, c. 1, lett. b), D.Lgs. 58/98, e art. 28 Reg. Consob 11522/98), sembrano contravvenire ai più generali ed elementari rapporti di fiducia e buona fede tra cliente ed investitore (anche in relazione a quanto sarà successivamente esposto in tema di conflitto di interessi) sintetizzati dai criteri di diligenza, correttezza e trasparenza di cui all art. 21, D.Lgs. 58/98. SULLA NULLITA E/O ANNULLABILITA E/O RISOLUBILITA DEL CONTRATTO DI ACQUISTO POSTO IN ESSERE IN VIOLAZIONE DEGLI ARTT. 21 D.Lgs. 58/98 E 26, 28, 29 Reg. CONSOB DEL

10 La copiosa giurisprudenza formatasi su fattispecie affini all odierna tende ad inquadrare le descritte violazioni dell operatore finanziario secondo due schemi differenti. Da un lato vi è la tesi secondo cui La normativa richiamata è posta a tutela dell ordine pubblico economico e, dunque, si sostanzia in norme imperative, la cui violazione impone la reazione dell ordinamento attraverso il rimedio della nullità del contratto, anche a prescindere da un espressa previsione in tal senso da parte del legislatore ordinario Questo principio è stato sancito dalla giurisprudenza di legittimità (Cass. 7 marzo 2001 n. 3272), secondo cui in presenza di un negozio contrario a norme imperative, la mancanza di un espressa sanzione di nullità, non è rilevante ai fini della nullità dell atto negoziale in conflitto con il divieto, in quanto vi sopperisce l art. 1418, comma 1, c.c. che rappresenta un principio generale rivolto a prevedere a disciplinare proprio quei casi in cui alla violazione dei precetti imperativi non si accompagna una previsione di nullità. Pertanto, un contratto di investimento, concluso senza l osservanza delle regole di condotta dettate dalla normativa richiamata, deve essere dichiarato nullo, perché contrario all esigenza di trasparenza dei servizi finanziari che è esigenza di ordine pubblico (così Tribunale di Firenze nn e 1009, rispettivamente del e ). Allo stesso modo, il Tribunale di Rieti (sent. 29 marzo 2006), così argomenta: Ritiene questo Collegio di aderire alla soluzione di nullità del contratto di vendita dei titoli ex art cod. civ. (cfr., tra gli altri Tribunale di Venezia 22 novembre 2004, Tribunale di Mantova 18 marzo 2004, Trib. di Palermo 16 marzo 2005) che, qualificando alla stregua di norme imperative le regole comportamentali stabilite dal Testo unico della finanza e dai regolamenti attuativi della Consob hanno riconosciuto la nullità "virtuale" del contratto stipulato in violazione delle stesse. Questa qualificazione delle disposizioni che attengono ai criteri di comportamento degli intermediari autorizzati appare infatti giustificata in ragione del fatto che dette disposizioni sono volte a tutelare anche interessi superiori, di rango costituzionale, identificabili non solo nella tutela dei risparmiatori uti singuli, ma del pubblico risparmio, come elemento di valore dell'economia nazionale e della stabilità del sistema finanziario. Né, d'altra parte la mancanza di un'espressa sanzione di nullità è rilevante ai fini della nullità dell'atto negoziale in conflitto con il divieto, dal momento che, come chiaramente sancito dalla giurisprudenza di legittimità vi sopperisce l'art. 1418, comma 1, cod. civ., che rappresenta un principio generale rivolto a prevedere e disciplinare proprio quei casi in cui alla violazione dei precetti imperativi non si accompagna una previsione di nullità. Pertanto, un contratto di investimento, concluso senza l'osservanza delle regole di condotta dettate dalla normativa richiamata, deve essere dichiarato nullo, perché contrario all'esigenza di trasparenza dei servizi 10

11 finanziari che è esigenza di ordine pubblico. Infine, lo stesso Tribunale di Venezia, con sentenza 16 febbraio 2006, dopo aver premesso che il T.U.F. ed il suo regolamento attuativo, che costituisce con il primo un corpus unicum da valutarsi unitariamente, in considerazione degli interessi pubblicistici, anche di rango costituzionale (art. 47 Cost) che mirano a realizzare, ed identificabili non solo nella tutela dei risparmiatori uti singoli ma anche in generale del risparmio come elemento di valore dell economia nazionale, sono norme imperative a norma dell art comma 1 cod. civ. (tale formula è stata già utilizzata dalla giurisprudenza della Suprema Corte nella sentenza del n con riferimento alle disposizioni della legge n.1 sull intermediazione mobiliare), ha affermato che non occorre che sia espressamente prevista la sanzione di nullità ai fini della nullità dell atto negoziale compiuto in violazione di tali norme, in quanto vi sopperisce l art comma cod. civ. che rappresenta un principio generale rivolto a prevedere e disciplinare proprio quei casi in cui alla violazione di precetti imperativi non si accompagna una previsione di nullità. Nei casi in questione, il compimento dell atto contro il divieto legale genera ipotesi di nullità cosiddette virtuali, proprio perché non necessitano di espresse comminatorie di legge a fronte di quelle testuali di cui all art c.c., secondo e terzo comma semprechè il controllo della disposizione violata porti a verificare che l interesse sotteso sia pubblico e non privato Cass , n. 3272). Per contro, differente giurisprudenza ritiene più appropriato applicare alle fattispecie di violazione delle norme comportamentali poste a carico degli intermediari finanziari (per le quali non sia stata espressamente prevista dal legislatore la sanzione della nullità) i generali principi in tema di inadempimento (così Tribunale di Milano. sent. 16 novembre 2005). Come rilevato dal Tribunale di Cuneo, sent. 314/06, in tali casi possono ravvisarsi solo i profili della colpa contrattuale (cfr. Trib. Milano Sez. VI, Seni o. 4882; Trib. Milano Sent n. 8611; Cass. Civ. Sez. 1, Seni n del ). Alla declaratoria di risoluzione conseguono gli effetti restitutori, costituiti da un lato dalla corresponsione di quanto pagato oltre interessi legali dal momento dell esborso sino al saldo, dall altro dalla consegna dei titoli alla Banca. In ogni caso, dal punto di vista degli effetti giuridici, la risoluzione quoad effectum, si risolverà, al pari della nullità, per la sua efficacia retroattiva, nell obbligo restitutorio (Tribunale di Milano 16 novembre 2005). 11

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie Padova, 18 giugno 2010 Aiga, Sezione di Padova Le regole di comportamento nella distribuzione dei prodotti finanziari emessi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA II TRIBUNALE DI FIRENZE

REPUBBLICA ITALIANA II TRIBUNALE DI FIRENZE REPUBBLICA ITALIANA II TRIBUNALE DI FIRENZE In persona del giudice Angelo Antonio Pezzuti, ha pronunciato IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La seguente SENTENZA Nella causa iscritta nel ruolo generale nell anno

Dettagli

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con riferimento alla negoziazione di una polizza unit linked, la Corte d Appello accerta la

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004 22. Negoziazione fuori sede di obbligazioni argentine - Mancata menzione della facoltà di recesso - Nullità del contratto - Sussistenza. Art. 30 d. lgs. 24-2-1998 n. 58 Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA Riunito in camera di consiglio e composto dai signori:

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA Riunito in camera di consiglio e composto dai signori: Abstract. Il Collegio, provato all esito dell istruttoria che il modulo d ordine delle obbligazioni in oggetto è stato firmato fuori dai locali della convenuta, osserva che, con carattere assorbente su

Dettagli

Grandi imprese in crisi e responsabilità degli istituti bancari. di Roberto Marraffa (*)

Grandi imprese in crisi e responsabilità degli istituti bancari. di Roberto Marraffa (*) Grandi imprese in crisi e responsabilità degli istituti bancari di Roberto Marraffa (*) INDICE SOMMARIO Introduzione. I L AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA TRA NORMATIVA NAZIONALE ED EUROPEA II PRESUPPOSTI

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

Consiglio Superiore della Magistratura Ordine dei dottori commercialisti e esperti contabili di Trieste Ordine degli avvocati di Trieste

Consiglio Superiore della Magistratura Ordine dei dottori commercialisti e esperti contabili di Trieste Ordine degli avvocati di Trieste Incontro di studio su Gli strumenti finanziari derivati: profili di tutela tra aspetti economici e questioni giuridiche Trieste, 14 maggio 2010 Consiglio Superiore della Magistratura Ordine dei dottori

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE D APPELLO DI CAGLIARI. - Sezione distaccata di Sassari -

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE D APPELLO DI CAGLIARI. - Sezione distaccata di Sassari - REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE D APPELLO DI CAGLIARI - Sezione distaccata di Sassari - composta dei magistrati dott. Francesco Mazzaroppi Presidente dott. M.Teresa Spanu Giudice

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE Abstract. Il Tribunale ha rilevato la nullità dell ordine di acquisto di strumenti finanziari ad alto rischio (bonds argentini) in quanto sottoscritto prima del perfezionamento del contratto di intermediazione

Dettagli

novembre 2002 I SERVIZI D INVESTIMENTO : LA NEGOZIAZIONE

novembre 2002 I SERVIZI D INVESTIMENTO : LA NEGOZIAZIONE novembre 2002 Riflessioni sul sistema finanziario italiano nel nuovo testo unico finanziario e nel compendio delle norme di attuazione, di Marcello G. Pastrengo I SERVIZI D INVESTIMENTO : LA NEGOZIAZIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Sent. / Cont. / Cron. Rep. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice monocratico, ha pronunciato la seguente

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE

NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE CONTRATTI BANCARI INTEREST RATE SWAP NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE PREMESSA Numerosi enti locali negli ultimi dieci anni hanno sottoscritto i tanto discussi contratti derivati I.R.S., c.d.

Dettagli

La responsabilità degli intermediari finanziari

La responsabilità degli intermediari finanziari La responsabilità degli intermediari finanziari Mondovì 9.11.2012 Avv. Luigi Dentis Indice dell intervento Le fonti normative e regolamentari Responsabilità per nullità dell ordine Responsabilità per violazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 27.4.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA nella persona del dott.

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

24. Tribunale ordinario di Roma, 15 dicembre 2004. Sez.IX civile. Letti gli atti e sciogliendo la riserva; premesso che:

24. Tribunale ordinario di Roma, 15 dicembre 2004. Sez.IX civile. Letti gli atti e sciogliendo la riserva; premesso che: 24. Tribunale ordinario di Roma, 15 dicembre 2004 Sez.IX civile Letti gli atti e sciogliendo la riserva; premesso che: con ricorso, depositato in data 5/8/2004, Desrousseaux Francoise - assumendo di avere,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

Dr. Angela Bernardini Presidente, Carla Romana Raineri, Giudice Relatore Sentenza depositata il 25 luglio 2005.

Dr. Angela Bernardini Presidente, Carla Romana Raineri, Giudice Relatore Sentenza depositata il 25 luglio 2005. 46. TRIBUNALE DI MILANO Dr. Angela Bernardini Presidente, Carla Romana Raineri, Giudice Relatore Sentenza depositata il 25 luglio 2005. SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto di citazione notificato ai sensi

Dettagli

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso).

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso). Lavoro (rapporto di) Contratto a progetto - Mancanza del requisito della specificità del progetto - Effetto legale automatico di conversione in rapporto di lavoro subordinato. Corte di Appello di Genova

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

Intermediazione mobiliare Violazione degli obblighi di informazione Nullità non espressamente previste dalla norma Insussistenza.

Intermediazione mobiliare Violazione degli obblighi di informazione Nullità non espressamente previste dalla norma Insussistenza. Tribunale di Roma, Sez. II civ. Pres. R. Misiti, Est. A. Lamorgese - 25 maggio 2005. Intermediazione mobiliare Violazione degli obblighi di informazione Nullità non espressamente previste dalla norma Insussistenza.

Dettagli

Il principio di buona fede nei contratti di franchising

Il principio di buona fede nei contratti di franchising Il principio di buona fede nei contratti di franchising In questo articolo verrà analizzato il principio di buona fede applicato ai contratti di franchising, anche grazie all analisi della giurisprudenza

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare.

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. NEWS N.68/ 8 giugno 2015 Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. E sempre più importante prestare attenzione alla documentazione fornita alla SOA nel corso

Dettagli

Decisione N. 320 del 20 gennaio 2014

Decisione N. 320 del 20 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di MANTOVA contro:

emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di MANTOVA contro: REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO SEZIONE STACCATA DI BRESCIA SESSANTATREESIMA SEZIONE riunita con l'intervento dei Signori: Fondrieschi Fausto

Dettagli

PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto

PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto Diritto e processo.com In tema di responsabilità del mediatore,

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica, nella persona del giudice Giuseppe Rini, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 28 novembre 2013, ha pronunciato la seguente

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

Risoluzione n. 343/E

Risoluzione n. 343/E Risoluzione n. 343/E Roma, 04 agosto 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Richiesta di consulenza giuridica. Articolo 10, n. 4, D.P.R. n. 633 del 1972. Regime IVA applicabile ai servizi

Dettagli

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI maggio 2007 SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI INTRODUZIONE La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) affronta in modo globale la disciplina

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 aprile 2008 Oggetto: Operazioni finanziarie IVA Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Istanza di interpello 2007. Con istanza

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV nella persona del dott. Pier Paolo Lanni ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta

Dettagli

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE PRIMA CIVILE. Il Tribunale di Torino - sezione 1 civile SENTENZA. Contro

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE PRIMA CIVILE. Il Tribunale di Torino - sezione 1 civile SENTENZA. Contro TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE PRIMA CIVILE Il Tribunale di Torino - sezione 1 civile in composizione monocratica ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta in primo grado al n.18076

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

La responsabilità da illeciti tributari

La responsabilità da illeciti tributari La responsabilità da illeciti tributari La disciplina della responsabilità amministrativa nei casi di violazioni che abbiano inciso sulla determinazione o sul pagamento del tributo è differente a seconda

Dettagli

CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA

CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA INDICE: Recesso dal contratto anzitempo per gravi motivi. Locazione di immobili commerciali. Prelazione e riscatto Durata del contratto Locazione di immobile realizzato

Dettagli

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 163 3) se non siano vincolati a proporre esclusivamente i contratti di una o più imprese di assicurazione e non forniscano consulenze fondate

Dettagli

La vendita dei Prodotti Assicurativi

La vendita dei Prodotti Assicurativi La vendita dei Prodotti Assicurativi I prodotti assicurativi formano sempre di più oggetto di campagne di vendita. Vogliamo fornire ai colleghi una breve nota che riepiloghi i punti essenziali della normativa

Dettagli

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro N. 388 del 05.10.2012 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro Con sentenza n. 16375 del 26 settembre

Dettagli

* * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI TERNI. riunito in camera di consiglio e composto dai sigg. Magistrati: SENTENZA

* * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI TERNI. riunito in camera di consiglio e composto dai sigg. Magistrati: SENTENZA Abstract. Il Tribunale di Terni, in via preliminare rigetta l eccezione di nullità del contratto di intermediazione per mancanza della forma scritta prescritta ad substantiam dall art. 23 T.U.F. avendo

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

278 VIOLAZIONE DEI DOVERI DI INFORMAZIONE NELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA

278 VIOLAZIONE DEI DOVERI DI INFORMAZIONE NELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA EMISSIONE VALORI MOBILIARI 278 VIOLAZIONE DEI DOVERI DI INFORMAZIONE NELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA TRIBUNALE DI NOVARA - 10 GENNAIO 2006 - PRES. GIORDANI -EST. SECHI Intermediazione finanziaria - Violazione

Dettagli

IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI

IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI Aspetti salienti della sentenza Deutsche Bank. Precedenti pronunce della Amministrazione Finanziaria Italiana in materia di regime IVA applicabile ai servizi finanziari

Dettagli

RISOLUZIONE N. 225/E

RISOLUZIONE N. 225/E RISOLUZIONE N. 225/E Roma, 5 giugno 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 cessione di quote sociali - art. 11 Tariffa

Dettagli

Aprile 2002. I servizi di investimento in rete: etica, finanza e trading on line, di Manuel Margini

Aprile 2002. I servizi di investimento in rete: etica, finanza e trading on line, di Manuel Margini Aprile 2002 I servizi di investimento in rete: etica, finanza e trading on line, di Manuel Margini Già più volte la Consob si è pronunciata sull uso di tecniche di comunicazione a distanza da parte di

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

LE NUOVE QUESTIONI SUL RIPARTO DELL ONERE DELLA PROVA

LE NUOVE QUESTIONI SUL RIPARTO DELL ONERE DELLA PROVA LE NUOVE QUESTIONI SUL RIPARTO DELL ONERE DELLA PROVA Bergamo, 13 Novembre 2015 Gian Paolo Valcavi 2 I punti centrali delle novità introdotte Art. 3, 2 comma sul punto dal D.lgs. 23/2015 «Esclusivamente

Dettagli

- Obbligo di informazione ed intermediazione finanziaria, tra. Mutuo bancario e anatocismo

- Obbligo di informazione ed intermediazione finanziaria, tra. Mutuo bancario e anatocismo Coordinato da Cristiano Iurilli Agenzia Adiconsum anno XVIII - n. 31 10 maggio 2006 Stampato in proprio in maggio 2006 In questo numero: Obbligo di informazione ed intermediazione finanziaria Mutuo bancario

Dettagli

Compravendita: evizione parziale subita dal compratore dell immobile acquistato

Compravendita: evizione parziale subita dal compratore dell immobile acquistato STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Le specificità dei singoli servizi. Offerta fuori sede e tecniche di comunicazione a distanza 161 3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Per la prestazione del servizio di ricezione e trasmissione

Dettagli

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** ***

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** *** FACTORING La legittimità della clausola contrattuale sulla revoca della garanzia del pro soluto nel caso di contestazioni, da parte del debitore ceduto, sulle forniture effettuate dal cedente a cura di

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

www.tidonagiuridica.it Tribunale di Venezia, sez. II 22-11-2004 Pitteri e Klamer c. Deutsche Bank Giudice unico Dott. Caprioli

www.tidonagiuridica.it Tribunale di Venezia, sez. II 22-11-2004 Pitteri e Klamer c. Deutsche Bank Giudice unico Dott. Caprioli Tribunale di Venezia, sez. II 22-11-2004 Pitteri e Klamer c. Deutsche Bank Giudice unico Dott. Caprioli Gli effetti conseguenti alla violazione di una norma imperativa, quale deve ritenersi l'art. 23 D.Lgs.

Dettagli

Memorandum : indennità di fine rapporto di agenzia. 1. Si applica l accordo economico collettivo o l art. 1751 c.c.?

Memorandum : indennità di fine rapporto di agenzia. 1. Si applica l accordo economico collettivo o l art. 1751 c.c.? Milano, 4 febbraio 2015 Memorandum : indennità di fine rapporto di agenzia 1. Si applica l accordo economico collettivo o l art. 1751 c.c.? 1.1 L intervento interpretativo della Corte di Giustizia della

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5 4. RISULTATI DEI CONTEGGI SUI C/C...

1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5 4. RISULTATI DEI CONTEGGI SUI C/C... Relazione finale 26 ottobre 2010 Cliente: Pippo S.r.l. Istituto bancario: Banca S.p.A. C/C n.4177739 2 SOMMARIO 1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5

Dettagli

Risoluzione delle controversie in materia di impresa

Risoluzione delle controversie in materia di impresa Osservatorio Giustizia Risoluzione delle controversie in materia di impresa Primi risultati dell indagine campionaria ABI-Confindustria Maggio 2015 1 2 Indice Premessa... 4 Composizione del campione...

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

INDICE. Prefazione... Introduzione...

INDICE. Prefazione... Introduzione... Prefazione... Introduzione... V IX CAPITOLO I I SERVIZI E LE ATTIVITAv DI INVESTIMENTO 1.1. Servizi ed attività di investimento, strumenti finanziari e prodotti finanziari..... 2 1.2. Servizi accessori....

Dettagli

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE Tribunale di Cuneo, 17 febbraio 2010, n. 100 Alberto Serpico L art. 540, comma II, c.c., dispone che al coniuge,

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

Violazione dell obbligo di astensione e nesso di causalità

Violazione dell obbligo di astensione e nesso di causalità SOSTANZA E RIGORE NELLA GIURISPRUDENZA AMBROSIANA DEL CONFLITTO DI INTERESSI DANIELE MAFFEIS La presente nota è redatta per la rivista Corriere Giuridico ed è ivi in corso di pubblicazione. Violazione

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

L OGGETTO DEL CONTRATTO DI LOGISTICA

L OGGETTO DEL CONTRATTO DI LOGISTICA SCOPO DEL MIO INTERVENTO Con questo intervento vorrei riuscire a fornirvi dei facili strumenti interpretativi per gestire correttamente gli eventi sinistrosi di qualsiasi natura che possono verificarsi

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Avv. Massimiliano Silvetti Prof. Avv. Diego Corapi Prof. Avv Marco Marinaro Membro designato dalla Banca

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I Tribunale di Verona Sentenza 25.9.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione I Al termine della camera di consiglio il Giudice pronuncia mediante lettura

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it Stefano Maria Corso In tema di prevenzione dagli infortuni sul lavoro chiunque, in qualsiasi modo abbia assunto una posizione

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C.

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C. Trib. Perugia, 16 giugno 2015, n. 1000. Contratto di permuta - Multiproprietà - Consumatore - Foro del consumatore - Specifica trattativa - Nullità decreto ingiuntivo - Accoglimento della domanda Abstract.

Dettagli

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) MACCARONE Membro designato da

Dettagli

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CORAPI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CORAPI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CORAPI Membro designato da Associazione

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 17434 Anno 2015 Presidente: ROSELLI FEDERICO Relatore: MANNA ANTONIO Data pubblicazione: 02/09/2015 SENTENZA sul ricorso 4419-2014 proposto da: MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA'

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

NOTA A CORTE DI CASSAZIONE SECONDA SEZIONE CIVILE SENTENZA 17 ottobre 2013 n. 23591. A cura di Filippo Mauro

NOTA A CORTE DI CASSAZIONE SECONDA SEZIONE CIVILE SENTENZA 17 ottobre 2013 n. 23591. A cura di Filippo Mauro NOTA A CORTE DI CASSAZIONE SECONDA SEZIONE CIVILE SENTENZA 17 ottobre 2013 n. 23591 A cura di Filippo Mauro Sulla nullità del contratto preliminare avente ad oggetto la vendita di un immobile irregolare

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi?

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? a cura di Carolina Teruggi Il factoring è un contratto atipico, che in quanto tale non esaurisce i suoi effetti in una semplice

Dettagli

Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e

Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e possibilità per il submittente di far valere in via diretta verso il sub trasportatore la responsabilità risarcitoria del vettore Tribunale

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

Determinazione n. Il Dirigente

Determinazione n. Il Dirigente CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI DIPARTIMENTO POLIZIA PROVINCIALE, POLITICHE PER LA LEGALITA E LA SICUREZZA, PROTEZIONE CIVILE DIREZIONE SANZIONI Sede uffici Via Don Bosco 4/f - fax 081/7949933 - tel. 081/7949572

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE (AI SENSI DELL ART. 94 COMMA 7 DEL DECRETO LEGISLATIVO 58/98)

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE (AI SENSI DELL ART. 94 COMMA 7 DEL DECRETO LEGISLATIVO 58/98) Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8 Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario

Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario Tribunale di Mantova 6 aprile 2006 G.U. Dr. Laura De Simone. Responsabilità della banca Fideiussione Escussione del garante Diligenza, correttezza e buona

Dettagli

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE BRUNO INZITARI INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE 1. Nelle operazioni di finanziamento che prevedono un piano di ammortamento, la restituzione del debito si realizza attraverso il pagamento

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 429 comma 1 c.p.c., la seguente

Dettagli

ALL. 2 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

ALL. 2 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA ALL. 2 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Direttiva in materia di annullamento d ufficio di provvedimenti illegittimi, ai sensi dell articolo 1, comma 136, della

Dettagli