I titoli e le partecipazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I titoli e le partecipazioni"

Transcript

1 Principi contabili e di revisione CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE ECONOMICO-AZIENDALI Curriculum in Consulenza e Professione I titoli e le partecipazioni Prof. Salvatore Loprevite Titoli Partecipazioni Investimenti nel capitale sociale di altre imprese. Sono anche detti titoli a reddito variabile. Più correttamente, tuttavia, si deve parlare di titoli senza garanzia di rendimento Titoli Rappresentano quote di capitale di credito concesso. I titoli di credito vengono comunemente definiti titoli a reddito fisso. Più correttamente, tuttavia, si deve parlare di titoli a reddito predeterminato. Si tratta dei titoli del debito pubblico emessi dagli Stati e delle obbligazioni emesse da società ed enti pubblici Azioni proprie Investimenti che una società per azioni effettua nei propri titoli azionari 1

2 B) IMMOBILIZZAZIONI, CON SEPARATA INDICAZIONE DI QUELLE CONCESSE IN LOCAZIONE FINANZIARIA: III - Immobilizzazioni finanziarie, con separata indicazione, per ciascuna voce dei crediti, degli importi esigibili entro l'esercizio successivo: 1) partecipazioni in: a) imprese controllate; Destinate a permanere b) imprese collegate; durevolmente nel c) imprese controllanti; patrimonio della società d) altre imprese; 2) crediti: 3) altri titoli; 4) azioni proprie, con indicazione anche del valore nominale complessivo. Totale. C) ATTIVO CIRCOLANTE: II - Crediti, con separata indicazione, per ciascuna voce, degli importi esigibili oltre l'esercizio successivo: III - Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni: 1) partecipazioni in imprese controllate; 2) partecipazioni in imprese collegate; Destinate ad essere 3) partecipazioni in imprese controllanti; realizzate 4) altre partecipazioni; 5) azioni proprie, con indicazioni anche del valore nominale complessivo; 6) altri titoli. Criterio di destinazione Stato patrimoniale B) IMMOBILIZZAZIONI, CON SEPARATA INDICAZIONE DI QUELLE CONCESSE IN LOCAZIONE FINANZIARIA: III - Immobilizzazioni finanziarie, con separata indicazione, per ciascuna voce dei crediti, degli importi esigibili entro l'esercizio successivo: 1) partecipazioni in: a) imprese controllate; b) imprese collegate; c) imprese controllanti; d) altre imprese; 2) crediti: 3) altri titoli; 4) azioni proprie, con indicazione anche del valore nominale complessivo. Totale. C) ATTIVO CIRCOLANTE: II - Crediti, con separata indicazione, per ciascuna voce, degli importi esigibili oltre l'esercizio successivo: III - Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni: 1) partecipazioni in imprese controllate; 2) partecipazioni in imprese collegate; 3) partecipazioni in imprese controllanti; 4) altre partecipazioni; 5) azioni proprie, con indicazioni anche del valore nominale complessivo; 6) altri titoli. Art bis. Disposizioni relative a singole voci dello stato patrimoniale. Le partecipazioni in altre imprese in misura non inferiore a quelle stabilite dal terzo comma dell'articolo 2359 si presumono immobilizzazioni. 2

3 Art Società controllate e società collegate. Sono considerate società controllate: 1) le società in cui un'altra società dispone della maggioranza dei voti esercitabili nell'assemblea ordinaria; 2) le società in cui un'altra società dispone di voti sufficienti per esercitare un'influenza dominante nell'assemblea ordinaria; 3) le società che sono sotto influenza dominante di un'altra società in virtù di particolari vincoli contrattuali con essa. Ai fini dell'applicazione dei numeri 1) e 2) del primo comma si computano anche i voti spettanti a società controllate, a società fiduciarie e a persona interposta: non si computano i voti spettanti per conto di terzi. Sono considerate collegate le società sulle quali un'altra società esercita un'influenza notevole. L'influenza si presume quando nell'assemblea ordinaria può essere esercitato almeno un quinto dei voti ovvero un decimo se la società ha azioni quotate in mercati regolamentati. Controllo legale Influenza dominante Controllo di fatto: maggioranza relativa dei voti nell assemblea ordinaria, con restante parte del capitale polverizzata Controllo contrattuale Art Ai fini dell'applicazione dei numeri 1) e 2) del primo comma si computano anche i voti spettanti a società controllate, a società fiduciarie e a persona interposta: non si computano i voti spettanti per conto di terzi. Controllo indiretto ALFA La società Alfa esercita un controllo legale su Beta? 20% BETA 32% 55% DELTA Controllo diretto: 20% Valore aritmetico del controllo: 20% + (55%*32%) = 20% + 17,60% = 37,60% Tuttavia, poiché Alfa esercita un controllo legale su Delta (detenendone il 55%), la partecipazione di Delta in Beta può essere considerata per intero per stabilire se Alfa ha il controllolegale indiretto di Beta. Considerando la partecipazione indiretta (tramite Delta) per intero, si ha: 20% + 32% = 52% La società Alfa, quindi, esercita un controllo legale su Beta. 3

4 Il controllo e il collegamento Partecipazione: Società non quotate Inferiore al 20% dal 20% al 50% superiore al 50% Non si presume una influenza notevole Si presume una influenza notevole, e la sussistenza di un collegamento con la società partecipata Controllo legale. Società controllata Tutti i casi in cui si esercita una influenza dominante (per il controllo) e notevole (per il collegamento) Società quotate Partecipazione: Inferiore al 10% dal 10% al 50% superiore al 50% Non si presume una influenza notevole Si presume una influenza notevole, e la sussistenza di un collegamento con la società partecipata Controllo legale. Società controllata Tutti i casi in cui si esercita una influenza dominante (per il controllo) e notevole (per il collegamento) Conto economico Art Contenuto del conto economico. C) Proventi e oneri finanziari: 15) proventi da partecipazioni, con separata indicazione di quelli relativi ad imprese controllate e collegate; 16) altri proventi finanziari: a) da crediti iscritti nelle immobilizzazioni, con separata indicazione di quelli da imprese controllate e collegate e di quelli da controllanti; b) da titoli iscritti nelle immobilizzazioni che non costituiscono partecipazioni; c) da titoli iscritti nell'attivo circolante che non costituiscono partecipazioni; d) proventi diversi dai precedenti, con separata indicazione di quelli da imprese controllate e collegate e di quelli da controllanti; 17) interessi e altri oneri finanziari, con separata indicazione di quelli verso imprese controllate e collegate e verso controllanti; 17-bis) utili e perdite su cambi. Totale. D) Rettifiche di valore di attività finanziarie: 18) rivalutazioni: a) di partecipazioni; b) di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono partecipazioni; c) di titoli iscritti all'attivo circolante che non costituiscono partecipazioni; 19) svalutazioni: a) di partecipazioni; b) di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono partecipazioni; c) di titoli iscritti nell'attivo circolante che non costituiscono partecipazioni. Totale delle rettifiche. 4

5 I criteri di valutazione Criteri di valutazione Immobilizzazioni finanziarie Attivo circolante Per tutti i titoli e le partecipazioni iscritti nelle immobilizzazioni finanziarie Costo di acquisto, con obbligo di svalutazione in caso di perdite durevoli di valore e ripristino di valore se vengono meno le condizioni della svalutazione Per le partecipazioni in imprese controllate o collegate È possibile applicare il criterio di valutazione del patrimonio netto (Equity method) Per tutti i titoli e le partecipazioni iscritti nell attivo circolante Costo di acquisto, con obbligo di svalutazione in caso di minor valore di realizzazione desumibile dall andamento del mercato (con applicazione dei criteri LIFO, FIFO e media ponderata per i titoli fungibili) I criteri di valutazione Immobilizzazioni finanziarie costituite da partecipazioni in imprese controllate o collegate Il codice civile concede la facoltà di optare per il criterio del costo di acquisto o per il metodo del patrimonio netto OIC 20 (Titoli e partecipazioni) Considera consigliabile il metodo del patrimonio netto in tutti i casi in cui la partecipazione consente (ed è detenuta con lo scopo di) influire sul processo decisionale della partecipata (nozione di gruppo). In questi casi, infatti, il metodo del patrimonio netto, che a differenza di quello del costo di acquisto consente di riflettere nel bilancio della partecipante la dinamica patrimoniale e i risultati della partecipata, appare più coerente con la funzione economica dell investimento in partecipazioni. Il criterio del costo può essere applicato soltanto se l influenza esercitata dalla partecipante in società controllate o collegate non è esercitata per influire sul processo decisionale oppure è limitata da fattori particolari (ad esempio, stato di liquidazione della partecipata, situazioni politiche, etc.) 5

6 I criteri di valutazione Immobilizzazioni finanziarie costituite da partecipazioni in imprese controllate o collegate Se Criterio del costo > Metodo del patrimonio netto Ai sensi dell art n. 3) codice civile la differenza deve essere motivata in nota integrativa Per l OIC 20 la differenza è giustificata soltanto se vi è una sottovalutazione contabile dei beni della partecipata oppure un avviamento. Se non ricorrono tali condizioni, quindi, la valutazione al maggiore valore di costo rispetto al valore della quota di patrimonio netto deve ritenersi contraria al principio di prudenza Si deve ritenere, tuttavia, che la differenza sia anche giustificabile nel caso di realizzazione di perdite da parte della partecipata che hanno carattere transitorio I criteri di valutazione: il criterio del costo di acquisto 6

7 I criteri di valutazione: il criterio del costo di acquisto Il costo di acquisto Partecipazioni in imprese controllate e collegate, in alternativa al metodo del patrimonio netto Altre partecipazioni Altri titoli (rappresentativi di quote di capitale di credito concesso), detti anche titoli di debito Costo = Prezzo di acquisto + Eventuali oneri accessori (Commisione, Imposte di bollo, Consulenze specifiche; Oneri di intermediazione). Sono sempre esclusi gli oneri finanziari e le spese generali I criteri di valutazione: il criterio del costo di acquisto Il costo di acquisto Altri titoli (rappresentativi di quote di capitale di credito concesso), detti anche titoli di debito OIC 20 Proventi finanziari in corso di maturazione alla data di acquisto del titolo corrisposti al venditore Sono esclusi dal costo di acquisizione del titolo (che, quindi, viene rilevato al corso secco). Il principio contabile raccomanda, altresì, di far funzionare il conto titoli in forma bifase a "costi e costi" Scarti di emissione: premi di sottoscrizione (in caso di emissione sotto la pari, con disaggio di emissione per il soggetto che emette i titoli); oneri di sottoscrizione (in caso di emissione sopra la pari, con aggio di emissione per il soggetto che emette i titoli) Pro-rata temporis I premi di sottoscrizione e gli oneri di sottoscrizione rappresentano proventi e oneri di natura finanziaria che devono concorrere a formare il reddito degli esercizi di possesso del titolo secondo il criterio di competenza economica. Essi, vanno iscritti tra i proventi e gli oneri finanziari, utilizzando come contrapartita le voci di stato patrimoniale "ratei e risconti attivi e "ratei e risconti passivi". Scarti di negoziazione: differenza tra il prezzo di acquisto di un titolo avvenuto successivamente alla sua emissione e il suo valore di rimborso Per i titoli iscritti tra le immobilizzazioni si applica il criterio del pro-rata temporis previsto per gli scarti di emsisione Per i titoli iscritti nell'attivo circolante la differenza tra costo di acquisto e prezzo di vendita si rileva al momento della vendita come plusvalenza o minusvalenza Lezione 28 7

8 Il criterio di ripartizione temporale dei premi e degli oneri di sottoscrizione OIC 20 Paragrafo I.3 Il premio di sottoscrizione deve partecipare alla formazione del risultato d'esercizio secondo competenza economica per la durata di possesso del titolo, quale remunerazione integrativa a tasso costante del capitale investito rispetto a quello prodotto dagli interessi espliciti. Tuttavia per motivi di praticità e a condizione che non si verifichino significativi effetti distorsivi è consentita la ripartizione del premio di sottoscrizione in rate costanti per la durata di possesso del titolo. Corso di princìpi contabili e di revisione A.A. 2009/2010 Lezione 28 8

9 Rilevazioni contabili acquisto e godimento interessi Corso di princìpi contabili e di revisione A.A. 2009/2010 Lezione 28 Rilevazioni contabili interessi di competenza relativi al Premio di sottoscrizione ( ) Rilevazioni contabili 2007 E così via Corso di princìpi contabili e di revisione A.A. 2009/2010 Lezione 28 9

10 Corso di princìpi contabili e di revisione A.A. 2009/2010 Lezione 28 I criteri di valutazione. Il criterio del costo di acquisto applicato alle partecipazioni: alcuni aspetti specifici Il costo di acquisto Partecipazioni in imprese controllate e collegate, in alternativa al metodo del patrimonio netto Altre partecipazioni Aumenti di capitale della società partecipata Aumenti a pagamento: Incrementano il costo della partecipazione già detenuta Aumenti gratuiti: Il valore della partecipazione detenuta non subisce alcuna variazione. Ciò in quanto essi non comportano alcun onere per la partecipante né modificano la sua quota di partecipazione Riduzione del capitale della partecipata per perdite Riduce in misura proporzionale il valore di carico della partecipazione (la contropartita è costituita da una svalutazione delle partecipazioni da iscrivere a conto economico) Riduzione del capitale della partecipata con rimborso di azioni Si riduce il valore della partecipazione rilevando in contropartita la variazione finanziaria (incasso). Non vi è, quindi, alcuna svalutazione a conto economico Erogazione di somme alla partecipata per copertura di perdite Corso di princìpi contabili e di revisione A.A. 2009/2010 Devono essere contabilizzate ad incremento del costo della partecipazione Lezione 28 10

11 I criteri di valutazione. Il criterio del costo di acquisto applicato alle partecipazioni: alcuni aspetti specifici Il costo di acquisto Partecipazioni in imprese controllate e collegate, in alternativa al metodo del patrimonio netto Altre partecipazioni Aumenti di capitale della società partecipata Aumenti a pagamento: Incrementano il costo della partecipazione già detenuta Aumenti gratuiti: Il valore della partecipazione detenuta non subisce alcuna variazione. Ciò in quanto essi non comportano alcun onere per la partecipante né modificano la sua quota di partecipazione Riduzione del capitale della partecipata per perdite Riduce in misura proporzionale il valore di carico della partecipazione (la contropartita è costituita da una svalutazione delle partecipazioni da iscrivere a conto economico) Riduzione del capitale della partecipata con rimborso di azioni Si riduce il valore della partecipazione rilevando in contropartita la variazione finanziaria (incasso). Non vi è, quindi, alcuna svalutazione a conto economico Erogazione di somme alla partecipata per copertura di perdite Corso di princìpi contabili e di revisione A.A. 2009/2010 Devono essere contabilizzate ad incremento del costo della partecipazione Lezione 28 Le svalutazioni successive Immobilizzazioni finanziarie Perdite durevoli di valore Svalutazioni Attivo circolante Valore desumibile dall andamento del mercato 11

12 Le svalutazioni successive Perdite durevoli di valore Immobilizzazioni finanziarie Titoli La svalutazione va interamente imputata al conto economico dell esercizio (D.19.b- svalutazioni di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono partecipazioni). Contabilmente è utile effettuare una rettifica indiretta (fondo svalutazione). Titoli obbligazionari quotati sui mercati mobiliari. Ribasso di mercato del titolo, significativo, temporalmente persistente in assenza di elementi che lascino fondatamente ritenere una probabile inversione di tendenza. Occorre fare riferimento a una media dei prezzi di mercato di un periodo <<congruo>> (ultimi sei mesi dell esercizio unitamente alle indicazioni relative alle quotazioni del nuovo esercizio fino alla data di redazione del bilancio) Titoli obbligazionari non quotati sui mercati mobiliari. Indicazione di deterioramento delle condizioni economico-patrimoniali della società emittente che compromettano la capacità di quest ultima di corrispondere gli interessi e di rimborsare il titolo alla scadenza (questa analisi è utile anche per ititoli quotati) Le svalutazioni successive Perdite durevoli di valore Immobilizzazioni finanziarie Partecipazioni Partecipazioni quotate e non quotate. Quando le partecipazioni sono valutate al costo, oltre alle svalutazioni che come abbiamo visto si devono registrare nelle ipotesi di riduzione del capitale sociale della partecipata (per copertura di perdite o con rimborso delle azioni) occorre anche procedere alla svalutazione quando si è in presenza di una perdita durevole di valore della partecipazione connessa a perdite strutturali della partecipata. L OIC 20 introduce una presunzione di durevolezza delle perdite della partecipata, per cui esse vanno considerate durevoli se non è dimostrabile (piani di riequilibrio analitici e fattibili, deliberati dagli organi societari, i cui elementi principali devono essere sintetizzati nella nota integrativa) la possibilità di sovvertirli con positivi risultati economici. La svalutazione va interamente imputata al conto economico dell esercizio (D.19.a - svalutazioni di partecipazioni). Contabilmente è utile effettuare una rettifica indiretta (fondo svalutazione). Se le perdite sono considerate durevoli, si svaluta la partecipazione fornendo in nota integrativa le ragioni e gli elementi assunti a base della svalutazione Se le perdite sono considerate non durevoli, si devono fornire in nota integrativa le indicazioni già richiamate. Se vi è un impegno della partecipante a coprire le perdite della partecipata, si dovrà accantonare un costo (da iscrivere alla voce D.19.a) svalutazione di partecipazioni utilizzando come contropartita un apposito fondo spese (B.3. Altri fondi per rischi ed oneri) 12

13 Per le partecipazioni di controllo e di collegamento, anche se valutate al costo, occorre effettuare il raffronto con il valore rislultante dall applicazione del metodo del patrimonio netto contabile della partecipata,. Gli esiti di tale confronto devono essere indicati in nota integrativa. Quando emerge una differenza negativa, non vi è obbligo di svalutare la partecipazione se la perdita della partecipata ha carattere temporaneo Corso di princìpi contabili e di revisione A.A. 2009/2010 Lezione 1 Le svalutazioni successive Svalutazioni Attivo circolante Titoli Valore desumibile dall andamento del mercato Titoli obbligazionari quotati sui mercati mobiliari. Prezzo medio delle quotazioni dell ultimo mese dell esercizio, se può ritenersi che esso esprima l andamento generale del mercato. Se tale media conduce a valori eccessivi, si deve prendere in considerazione la media dei prezzi dell ultima settimana. In ogni caso, la determinazione del valore di mercato deve ispirarsi a logiche prudenziali, per cui se la valutazione registrata dal titolo nel nuovo esercizio (fino alla data di redazione del bilancio) è più bassa del valore determinato con i criteri sopraesposti in bilancio si dovrà considerare questa tendenza e valutare ad un valore più basso di quello scaturente dall applicazione dei criteri generali (ultimo mese/ultima settimana dell esercizio) La svalutazione va interamente imputata al conto economico dell esercizio (D.19.bsvalutazioni di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono partecipazioni). Contabilmente è utile effettuare una rettifica indiretta (fondo svalutazione). Titoli obbligazionari non quotati sui mercati mobiliari. Il riferimento è costituito da titoli similari per durata e caratteristiche (affinità, affidabilità) dell emittente 13

14 Le svalutazioni successive Svalutazioni Attivo circolante Partecipazioni Valore desumibile dall andamento del mercato Valgono sostanzialmente le stesse regole previste per i titoli iscritti nell attivo circolante. Cambia soltanto la rappresentazione a conto economico delle svalutazioni e dei ripristini di valore: D) Rettifiche di valore di attività finanziarie: 18) rivalutazioni: a) di partecipazioni; 19) svalutazioni: a) di partecipazioni; I ripristini di valore In tutti i casi in cui siano venute meno le condizioni che avevano originato la svalutazione, l impresa deve procedere a ripristinare il valore. Chiaramente, il ripristino può avvenire fino al limite massimo del precedente valore di costo. Il ripristino può avvenire anche in più esercizi. 14

15 Art Contenuto del conto economico. D) Rettifiche di valore di attività finanziarie: 18) rivalutazioni: a) di partecipazioni; b) di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono partecipazioni; c) di titoli iscritti all'attivo circolante che non costituiscono partecipazioni; 19) svalutazioni: a) di partecipazioni; b) di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono partecipazioni; c) di titoli iscritti nell'attivo circolante che non costituiscono partecipazioni. Totale delle rettifiche. Riepilogando: La valutazione delle partecipazioni immobilizzate Criterio: finalità strategica che sta alla base della detenzione delle partecipazioni 15

16 Le azioni proprie Le azioni proprie - aspetti economico aziendali Le azioni proprie sono i titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa società che li ha emessi. Due distinte interpretazioni: immediati effetti economico-finanziari di una riduzione di mezzi propri l acquisto di azioni proprie come una operazione di investimento che implica, da un lato, l esborso di mezzi monetari e, dall altro, l ingresso di titoli della medesima società nel portafoglio aziendale. 16

17 Le azioni proprie - aspetti economico aziendali Le motivazioni all acquisto di azioni proprie sono numerose: sostegno alla quotazione del titolo la provvista di azioni da assegnare ai dipendenti, in un momento successivo acquisto in vista di una successiva riduzione del capitale sociale il consolidamento del controllo della società l impiego di liquidità inattiva. L impresa, che non trova adeguate opportunità d investimento della liquidità di cui dispone, decide sostanzialmente di distribuire questa liquidità ai soci acquistando le loro azioni. La disciplina delle azioni proprie nel codice civile (art e segg. cod. civ.) Disponibilità di mezzi Valore massimo Organo deliberante Riserva Annullamento Cessione Nei limiti degli utili distribuibili e riserve disponibili risultanti dall ultimo bilancio regolarmente approvato. Il valore nominale delle azioni acquistate dalle società che fanno ricorso al mercato del capitale di rischio non può eccedere la decima Il 20% parte del capitale sociale, tenendosi conto anche delle azioni possedute da società controllate. L acquisto deve essere autorizzato dall assemblea, la quale ne fissa le modalità, indicando in particolare il numero massimo di azioni da acquistare, la durata, non superiore ai diciotto mesi, per la quale l autorizzazione è accordata, il corrispettivo minimo ed il corrispettivo massimo. Una riserva indisponibile pari all importo delle azioni proprie iscritto all attivo del bilancio deve essere costituita e mantenuta finché le azioni non siano trasferite o annullate. Le limitazioni previste dall art c.c. non si applicano quando l acquisto di azioni proprie avviene in esecuzione di una deliberazione dell assemblea di riduzione del capitale, da attuarsi mediante riscatto e annullamento di azioni. Le azioni acquistate in violazione di legge devono essere alienate secondo modalità da determinarsi dall assemblea, entro un anno dal loro acquisto. In mancanza, si deve procedere senza indugio al loro annullamento e alla corrispondente riduzione del capitale. 17

18 Altri aspetti Le azioni proprie acquistate non danno diritto al voto in assemblea Le azioni proprie acquistate non danno diritto agli utili In occasione di aumento del capitale sociale, le azioni proprie acquistate perdono il diritto di opzione Corso di princìpi contabili e di revisione A.A. 2009/2010 Lezione 1 Le azioni proprie - I riflessi sullo stato patrimoniale e sul conto economico Le operazioni di gestione che formano oggetto di rilevazione contabile sono: l acquisto delle azioni proprie sul mercato; l annullamento delle azioni proprie; la rivendita o l assegnazione delle azioni proprie a terzi; Al momento dell acquisto, ex artt ter c.c. e 2424 c.c., si procede ad accantonare la Riserva per azioni proprie in portafoglio. La formazione della riserva deve essere concomitante all acquisto delle azioni stesse. La Riserva azioni proprie in portafoglio è indisponibile (non può essere distribuita né tantomeno utilizzata per la copertura di perdite) e deve essere mantenuta fino a che le azioni non siano annullate o alienate (OIC 20, III.2). 18

19 Le azioni proprie acquistate devono essere iscritte nell attivo dello stato patrimoniale civilistico, al costo d acquisto: nella voce B.III.4) Azioni proprie l organo amministrativo ha assunto la decisione di mantenerle a lungo nel portafoglio o, comunque, per un periodo di tempo superiore all esercizio L OIC 20, III.1 iscrizione delle azioni proprie nella voce C.III.5) Azioni proprie azioni proprie acquistate per essere rivendute entro il successivo esercizio Acquisto di azioni proprie e annullamento corrispondente del capitale sociale In data 10 febbraio X+1, l assemblea straordinaria della ADD S.p.A. delibera la riduzione del capitale sociale mediante annullamento di azioni proprie acquistate in data 31 agosto X (capitale sociale totale = euro). Consideriamo i tre casi possibili. 19

20 Acquisto di azioni proprie e annullamento corrispondente del capitale sociale a) Acquisto sul mercato alla pari (valore nominale 1 euro) Le scritture relative all acquisto (31/08/X) sono le seguenti: Azioni proprie Banca Y c/c , ,00 Riserva straordinaria Riserva azioni proprie in portafoglio , ,00 I riflessi sullo stato patrimoniale civilistico al 31/12/X sono i seguenti: Stato patrimoniale al 31/12/X C.III) Attività finanziarie che non A) Patrimonio netto costit. immobilizzaz. I) Capitale sociale 5) Azioni proprie (Valore VI) Riserva azioni proprie in nominale ) portafoglio Acquisto di azioni proprie e annullamento corrispondente del capitale sociale Si procede all annullamento delle azioni proprie acquistate alla pari (10/02/X+1): Capitale sociale Azioni proprie , ,00 Riserva azioni proprie in portafoglio Riserva straordinaria , ,00 20

21 Acquisto di azioni proprie e annullamento corrispondente del capitale sociale b) Acquisto sul mercato sopra la pari (valore nominale 1 euro, prezzo 1,3 euro) Le scritture relative all acquisto (31/08/X) sono le seguenti: Azioni proprie Banca Y c/c , ,00 Riserva straordinaria Riserva azioni proprie in portafoglio , ,00 I riflessi sullo stato patrimoniale civilistico al 31/12/X sono i seguenti: Stato patrimoniale al 31/12/X C.III) Attività finanziarie che non A) Patrimonio netto costit. immobilizzaz. I) Capitale sociale 5) Azioni proprie (Valore nominale ) VI) Riserva azioni proprie in portafoglio Acquisto di azioni proprie e annullamento corrispondente del capitale sociale Se le azioni sono acquistate sopra la pari, l eccedenza del costo sul valore nominale è portata in diminuzione della riserva sovrapprezzo azioni e, se tale riserva non è sufficiente, la parte residua va portata a riduzione delle riserve di utili. Si procede, dunque, all annullamento delle azioni del valore nominale di 1 euro, del caso contabile precedente, ipotizzando che siano state acquistate in precedenza a 1.3 euro (sopra la pari). Diversi a Azioni proprie ,00 Capitale sociale ,00 Riserva azioni proprie in portafoglio 3.000,00 Riserva azioni proprie in portafoglio Riserva straordinaria , ,00 21

22 Acquisto di azioni proprie e annullamento corrispondente del capitale sociale c) Acquisto sul mercato sotto la pari (valore nominale 1 euro, prezzo 0,9 euro) Le scritture relative all acquisto (31/08/X) sono le seguenti: Azioni proprie Banca Y c/c 9.000, ,00 Riserva straordinaria Riserva azioni proprie in portafoglio 9.000, ,00 I riflessi sullo stato patrimoniale civilistico al 31/12/X sono i seguenti: Stato patrimoniale al 31/12/X C.III) Attività finanziarie che A) Patrimonio netto non costit. immobilizzaz. I) Capitale sociale 5) Azioni proprie (Valore VI) Riserva azioni proprie in nominale ) portafoglio Acquisto di azioni proprie e annullamento corrispondente del capitale sociale Se le azioni sono acquistate sotto la pari, l eccedenza del valore nominale sul costo va accantonata nella riserva annullamento azioni proprie (ovvero nella riserva soprapprezzo azioni). Si procede all annullamento delle azioni del valore nominale di 1 euro, del caso contabile precedente, ipotizzando che siano state acquistate in precedenza a 0,9 euro (sotto la pari). Capitale sociale a Diversi a Azioni proprie 9.000,00 a Riserva da annullamento azioni proprie 1.000,00 Riserva azioni proprie in portafoglio a Riserva straordinaria 9.000, ,00 22

23 L OIC 20, III.2 annullamento delle azioni proprie in portafoglio Tra costo di acquisto e valore nominale delle azioni possono intercorrere tre relazioni: costo delle azioni proprie = valore nominale azioni annullate Si azzera l investimento, si riduce il capitale sociale e la riserva azioni proprie in portafoglio diviene libera e interamente disponibile costo azioni proprie > valore nominale azioni annullate La differenza è coperta mediante la riduzione di riserva disponibile, dopo aver azzerato la riserva azioni proprie in portafoglio costo azioni proprie < valore nominale delle azioni annullate La differenza genera, in aggiunta alla libera disponibilità della riserva azioni proprie, una ulteriore riserva anch essa disponibile Realizzo da acquisto da azioni proprie Nel caso di realizzo la differenza tra il prezzo di vendita e il costo di acquisto corrisponde C.16.d) Altri proventi finanziari diversi dai precedenti, in caso di plusvalenze; C.17) Interessi e altri oneri finanziari 23

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

Partecipazioni e azioni proprie

Partecipazioni e azioni proprie OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Partecipazioni e azioni proprie Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Sezione IX Del bilancio Art. 2423. Redazione del bilancio. Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi Format Si è modificata la struttura del principio utilizzando il format standard dei nuovi principi salvo apportare i necessari adeguamenti

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

PARTECIPAZIONI. Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè. Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11. Page 1

PARTECIPAZIONI. Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè. Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11. Page 1 PARTECIPAZIONI Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11 Page 1 Generalità Art. 2424 b iii immobilizzazioni finanziarie. Partecipazioni Crediti Altri

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI OIC 16: Immobilizzazioni materiali OIC 24: Immobilizzazioni immateriali OIC 9: Svalutazioni per perdite

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Le quote di emissione di gas ad effetto serra

Le quote di emissione di gas ad effetto serra OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Le quote di emissione di gas ad effetto serra Febbraio 2013 Copyright OIC Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC)

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 79 Aspetti contabili della fusione inversa

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 79 Aspetti contabili della fusione inversa DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 79 Aspetti contabili della fusione inversa settembre 2007 Aspetti contabili della fusione inversa DOCUMENTO ARISTEIA N. 79 ASPETTI CONTABILI DELLA FUSIONE INVERSA Sommario:

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli