DELIBERAZIONE N. _379_ DEL _18/04/2013_

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE N. _379_ DEL _18/04/2013_"

Transcript

1 Pag. 1 di 33 Centro Direzionale Piazza Ospedale, PRATO C.F. e P.IVA DELIBERAZIONE N. _379_ DEL _18/04/2013_ O GGETTO : Definizione del sistema dei titoli d'acquisto per l 'inserimento degli aventi diritto nelle RR.SS.AA. ed approvazione del relativo schema di contratto. Proposta n 591/ Editore: M S STRUTTURA PROPONENTE: Territorio - U.O. Supporto Amministrativo Zona Distretto RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Dott. Fabrizio C arraro Affissa all albo della USL dal e vi rimarrà per la durata di quindici giorni consecutivi. IL DIRETTORE U.O. G. A. M. A. Prato, E copia, composta da N.. fogli e N.. facciate, conforme all originale conservato nella raccolta ufficiale delle. della USL. Si rilascia in carta libera per uso amministrativo copia conforme IL DIRETTORE U.O. G. A.M. A. Prato, Deliberazione immediatamente eseguibile SI NO Deliberazione inviata al Collegio Sindacale il.. Deliberazione inviata alla G.R.T. il. e da questi ricevuta il.... Chiarimenti/Elementi integrativi richiesti dalla G.R.T. con decisione N. del... Controindicazioni trasmesse alla G.R.T. il.. e con nota N ricevute il.. Deliberazione non approvata dalla G.R.T. con decisione N.. del Deliberazione approvata dalla G.R.T. con decisione N..del. Deliberazione rettificata/revocata/modificata con atto N. del esecutivo dal.. Deliberazione esecutiva per decorrenza dei termini dal.. IL DIRETTORE Prato, U.O. G. A..M. A. cod. az MOD12_rev1_05/05/2010

2 Pag. 2 di 33 IL DIRETTORE GENERALE Dott. Bruno Cravedi (nominato con D.P.G.R. Toscana n. 88 del 28/05/2010) In data....nella sede dell Azienda USL n. 4 di Prato, alla presenza del Direttore Sanitario Dott. Francesco Bellomo e del Direttore Amministrativo Dott. Massimo Braganti; Visti: - il d.lgs. n. 502/92 e successive modificazioni ed integrazioni; - la Legge n. 328 /2000; - la L.R. 40/05 e successive modificazioni ed integrazioni; - la L.R. 41/05 e successive modificazioni ed integrazioni; - la L.R. 82/09 e successive modificazioni ed integrazioni; - la L.R. 49/10 e successive modificazioni ed integrazioni; - la L.R. 66/2008; - la delibera G.R.T. n. 402/04; - il P.I.S.R ; - la delibera GRT n. 206/ ad oggetto Regolamento di attuazione della L.R. 28 dicembre 2009, n. 82 (Accreditamento delle strutture e dei servizi alla persona del sistema sociale integrato). Approvazione. - la delibera GRT n. 243/11 con la quale, nelle more della definizione del quadro normativo nazionale ed alla luce delle delibere n. 101/10 della Corte dei Conti sezione regionale Piemonte e n. 125/11 della Corte dei Conti sezione regionale Lombardia, si è proseguito nel processo di consolidamento e strutturazione delle SdS in Toscana, fornendo le relative disposizioni operative di funzionamento; - la L.R. 77/12; - la L.R. 81/12; Premesso: - che la Legge n. 328 dell Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali definisce, all art. 22 comma 2, i livelli essenziali delle prestazioni sociali erogabili sotto forma di beni e servizi.., nei limiti delle risorse del Fondo nazionale per le politiche sociali, tenuto conto delle risorse ordinarie già destinate dagli enti locali alla spesa sociale e fra questi ricomprende, al medesimo articolo lettera g gli interventi per le persone anziane e disabili..per l accoglienza e la socializzazione presso strutture residenziali e semiresidenziali per coloro che, in ragione della elevata fragilità personale o di limitazione dell autonomia, non siano assistibili a domicilio ; - che la medesima legge, all art. 17 comma 2, demanda alla regione la disciplina per l erogazione di titoli validi per l acquisto di servizi sociali dai soggetti accreditati del sistema integrato di interventi e servizi sociali; - che il DPGRT n. 29/R del , Regolamento di attuazione della L.R , n. 82 (Accreditamento delle strutture e dei servizi alla personale del sistema sociale integrato), all art. 4 e seguenti, definisce i titoli d acquisto dei servizi sociali integrati come il controvalore di una somma utilizzabile per l acquisto di specifiche prestazioni erogate da soggetti accreditati e inseriti negli elenchi comunali di cui agli art. 4 e 7 della L.R. n. 82/09 e stabilisce che i titoli d acquisto vengono erogati al beneficiario sulla base del percorso assistenziale personalizzato e nel rispetto della disciplina dell ISEE non sono cedibili a terzi ed il beneficiario può utilizzarli presso il fornitore prescelto.

3 Pag. 3 di 33 Preso atto: - della normativa sull accreditamento, di cui alla L.R. n. 41/05, L.R. n. 82/09 e L.R. n. 49 del , ai sensi della quale, ad oggi, esistono elenchi comunali dei soggetti accreditati che sono in possesso dei requisiti per erogare prestazioni sociali e socio sanitarie, - del DPGRT n. 29/R del , Regolamento di attuazione della L.R , n. 82 (Accreditamento delle strutture e dei servizi alla personale del sistema sociale integrato), il quale, all art. 4 co.1 prevede che i titoli per l acquisto dei servizi sociali integrati, costituiscono il controvalore di una somma utilizzabile per l acquisto di specifiche prestazioni erogate da soggetti accreditati e inseriti negli elenchi comunali di cui agli art. 4 e 7 della L.R. 82/2009, all art. 4 co.2 prevede che i titoli per l acquisto dei servizi sociali integrati sono concessi dal Comune e dall Azienda USL, su richiesta degli interessati, sulla base del percorso assistenziale personalizzato, ai sensi dell art. 7 della L.R. 41/2005 e dell art. 14 della L.R. 66/2008, nonché nel rispetto della disciplina sull ISEE, all art. 4 co.3 prevede che i titoli per l acquisto sono vincolati alle prestazioni previste nel progetto individuale d intervento e non sono cedibili a terzi, all art. 4 co.4 prevede che i beneficiari dei titoli d acquisto dei servizi sociali integrati utilizzano i titoli presso il fornitore prescelto, il quale richiede all ente concedente il corrispettivo del valore del relativo titolo d acquisto e all art. 4 co.5 prevede che il comune o l Azienda USL, sulla base di specifici accordi, possono erogare titoli per l acquisto dei servizi sociali integrati, comprensivi sia del corrispettivo sanitario che sociale del servizio, sulla base dell art. 49 della L.R. 41/2005 ; - che, pertanto, emerge, per questa Azienda, la necessità di disciplinare le modalità di scelta e di reperimento, secondo le risorse disponibili, delle strutture attraverso le quali soddisfare i bisogni degli utenti; Preso atto altresì: - della nota del Direttore Generale, Prot del , indirizzata ad ESTAV Centro, agli atti, con la quale si chiede l attivazione di procedure contrattuali per la fornitura di servizi sociali e socio sanitari; - della nota di risposta, Prot /1 del , ricevuta da questa azienda con Prot. Gen. A/67041, agli atti, con la quale ESTAV Centro risponde di non essere titolata ad attivare le procedure di gara richieste; - della nota del Direttore Generale, Prot. 655 del , indirizzata ad ESTAV Centro, agli atti, con la quale è rinnovata la richiesta di portare a termine le procedure di gara precedentemente richieste; - della nota del Direttore Generale, Prot del , indirizzata alla Regione Toscana Dipartimento Diritto alla Salute, agli atti, con la quale si richiede la definizione delle procedure più idonee alla stipula dei contratti e l elaborazione di linee guida e di capitolati speciali; - della nota del Direttore Generale, Prot del , sempre indirizzata ad ESTAV Centro, agli atti, con la quale viene trasmesso l elenco delle gare da effettuare per l affidamento dei servizi socio sanitari; - della nota del Direttore Generale e del Direttore Amministrativo, Prot del , inviata all ESTAV Centro, agli atti, relativa al programma dell attività contrattuale per l anno 2012; - della nota di risposta, Prot /1 del , ricevuta da questa azienda con Prot. Gen. A/91001, agli atti, con la quale ESTAV Centro invita questa azienda a procedere autonomamente in merito a tutte le gare afferenti il settore sociale per l anno 2012, sostenendo che tali funzioni ad oggi non sono ancora state attribuite ad ESTAV, così come non le è stato ancora assegnato il relativo personale;

4 Pag. 4 di 33 - che questa Azienda, con nota Prot. P del indirizzata alla Regione Toscana, agli atti, ha precisato di aver presentato il programma delle gare dei servizi socio-sanitari da attivare per l anno 2012, all ESTAV Centro, alla quale è stato trasferito tutto il personale impiegato da questa azienda nella gestione delle gare, e di non aver ancora ricevuto formale comunicazione di disponibilità dalla stessa ESTAV Centro; - che questa Azienda, con la stessa nota Prot. P del , ha richiesto, alla Regione Toscana, chiarimenti ad integrazione della Circolare Regionale prot. n. A00GRT/147710/r del in merito alla definizione dei rapporti negoziali da instaurare con i soggetti coinvolti nel sistema integrato dei servizi socio sanitari; - che la Regione Toscana non ha fornito indicazioni in risposta alla suddetta nota prot. P del ; Preso atto ancora: - che la Regione Toscana, con circolare AOO-GRT Prot. n del , ha invitato le Aziende USL e le SdS, nelle more della conclusione dei lavori del Tavolo regionale programmato sul tema non autosufficienza e residenzialità, a sospendere l emanazione di ogni direttiva rivolta all organizzazione del sistema integrato dei servizi socio sanitari, in modo da consentire l applicazione delle determinazioni regionali in maniera congrua ed omogenea; - che questa Azienda, ad oggi, non ha notizia circa l emanazione di determinazioni regionali relative all organizzazione del sistema integrato dei servizi socio sanitari. Preso atto infine - che questa Azienda, ai sensi dell art. 12 co. 5 e 6 della L.R. 81/2012, può contrarre obbligazioni giuridiche, nel corso dell esercizio, nel limite complessivo di tutti i costi relativi alle stesse iscritti nel bilancio preventivo economico annuale e può superare il limite di cui al comma 5,.. nel corso dell esercizio, solo nel caso siano preventivamente accertati maggiori ricavi provenienti da risorse nazionali o regionali aggiuntive e comunque nei limiti degli stessi, ovvero a condizione che sussista copertura in maggiori ricavi da iscrivere nel bilancio di esercizio dell azienda e che sia fornita congrua motivazione in sede di monitoraggio sull andamento economico della gestione aziendale, di cui all art. 121 bis. - che, pertanto, il numero complessivo dei posti letto risulterà annualmente subordinato alle risorse definite negli atti di programmazione; - che la quota di parte sanitaria delle RSA è definita dalla Regione ed è determinata in 52,32 giornalieri; Considerato - che attualmente, nell ambito del settore degli anziani inseriti nelle RRSSAA, occorre dare una formale definizione dei rapporti giuridici intercorrenti tra questa Azienda e le Strutture ospitanti. Ritenuto opportuno - tutto quanto sopra premesso, di non poter ulteriormente prorogare le convenzioni in atto con le RSA del comprensorio pratese e, conseguentemente, stante la normativa vigente, di dover provvedere ad attivare il sistema dei titoli d acquisto; - stabilire, per tutte le RSA del comprensorio pratese comprese le strutture a gestione diretta, un importo massimo di 52,68= giornaliere quale corrispettivo onnicomprensivo parte della quota sociale del titolo d acquisto. Mentre il corrispettivo sanitario del titolo d acquisto è determinato dagli atti della Regione Toscana, attualmente, in 52,32= giornalieri; - stabilire che, con decorrenza dalla stipula dei singoli contratti, gli inserimenti saranno disposti applicando le modalità determinate nel presente atto. Gli utenti, a quella data già inseriti nelle

5 Pag. 5 di 33 strutture, saranno convocati da questa Azienda per esercitare il diritto di libera scelta della struttura e per determinare l ammontare del titolo d acquisto, secondo le modalità descritte. - reperire i posti per anziani non autosufficienti, tra le strutture accreditate che si rendano disponibili ad accogliere gli ospiti, aventi diritto di accesso alle prestazioni secondo le modalità disciplinate dall'art. 7 della L.R. 41/2005 e su loro libera scelta, mediante il sistema dei titoli d acquisto e la stipula con questa Azienda di contratti secondo lo schema tipo allegato al presente atto come sua parte integrante e sostanziale; - pubblicare il presente atto sull albo informatico del sito web aziendale, al fine di garantire il rispetto del principio di trasparenza dell attività della Pubblica Amministrazione; - disporre che, entro 15 giorni dalla suddetta pubblicazione, le strutture interessate debbano inviare, a questa Azienda, formale dichiarazione di volontà a stipulare i contratti summenzionati; - disporre che, entro ulteriori 15 giorni dal ricevimento della suddetta formale dichiarazione di volontà, le strutture interessate debbano provvedere a perfezionare la trasmissione all Azienda di tutta la documentazione prevista dal contratto allegato al presente atto; Considerato ancora: - che i titoli d acquisto, così definiti, potranno essere utilizzati, dagli aventi diritto, anche per le strutture ubicate al di fuori del territorio di competenza di questa Azienda, che riconoscerà comunque un corrispettivo sociale fino al tetto massimo di 52,68= giornaliero, onnicomprensivo, con l eventuale differenza in eccesso posta a carico degli ospiti ed un corrispettivo sanitario disposto dalla Regione Toscana. In ogni caso resta salva l eventuale minor quota di parte sociale, applicata al di fuori del territorio di competenza di questa Azienda, che continuerà a trovare applicazione nel suo preciso importo; - che il corrispettivo sociale del titolo d acquisto, per la parte a carico dell ospite, determinata dal calcolo effettuato con il metodo ISEE, come da normativa vigente, sarà pagato dal medesimo direttamente alla struttura prescelta, che avrà aderito alle condizioni contrattuali, mentre, per l eventuale rimanente parte posta a carico del Comune di residenza dell ospite, sarà pagato da questa Azienda direttamente alla medesima struttura; - opportuno predisporre e pubblicare, sul sito web di questa Azienda, l elenco delle strutture che hanno stipulato i contratti sopraccitati, al fine di garantire l esercizio del diritto di libera scelta della struttura da parte del cittadino e il rispetto del principio di trasparenza dell attività della Pubblica Amministrazione; Considerati infine: - gli incontri avuti fra questa Azienda, le RR.SS.AA. ed i loro rappresentanti sindacali, avvenuti in data , , e , nei quali sono state discusse e specificate le modalità operative che sarebbero state seguite dall Azienda per dare attuazione alla normativa sull accreditamento. Rilevata la legittimità e la congruenza dell atto con le finalità istituzionali di questo Ente, stante l istruttoria effettuata; Ritenuto ancora di dover dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile, vista l urgenza di definire l attuale situazione; Con la sottoscrizione del Direttore Amministrativo e del Direttore Sanitario, ciascuno per quanto di competenza, ai sensi dell art. 3 del Decreto legislativo n. 502/92 e successive modificazioni e integrazioni

6 Pag. 6 di 33 DELIBERA Per le motivazioni espresse in parte narrativa che si intendono integralmente richiamate: 1. in attesa di ricevere dalla Regione Toscana chiarimenti ed indicazioni che integrino la Circolare Regionale prot. n. A00GRT/147710/r del , riguardo alle modalità di applicazione del nuovo sistema dell accreditamento di cui alla L.R , n. 82 ed al DPGRT n. 29/R del Regolamento di attuazione della L.R , n. 82, di adottare il sistema dei titoli d acquisto; 2. di determinare l importo massimo giornaliero del corrispettivo della quota di parte sociale del titolo d acquisto in 52,68= onnicomprensivo, mentre l importo del corrispettivo sanitario del titolo d acquisto è determinato dagli atti della Regione Toscana, attualmente in 52,32= giornaliere; 3. di reperire, conseguentemente alla pubblicazione del presente atto sull albo informatico del sito web aziendale, un numero di posti letto adeguato alle risorse disponibili definite dagli atti di programmazione aziendale, facendo in ogni caso salve eventuali diverse determinazioni aziendali conseguenti e coerenti, tra le strutture accreditate per l inserimento di anziani non autosufficienti, che si rendano disponibili ad accogliere ospiti, su libera scelta dell utente, mediante il sistema dei titoli d acquisto, stipulando con questa Azienda contratti secondo lo schema tipo allegato al presente atto come sua parte integrante e sostanziale; 4. di disporre che, entro 15 giorni dalla suddetta pubblicazione, le strutture interessate debbano inviare, a questa Azienda, formale dichiarazione di volontà a stipulare i contratti summenzionati e che, entro ulteriori 15 giorni dal ricevimento della formale dichiarazione di volontà, debbano provvedere a perfezionare la trasmissione all Azienda di tutta la documentazione prevista dal contratto allegato al presente atto; 5. di pubblicare, sul sito web di questa Azienda, l elenco delle strutture che hanno stipulato i contratti sopraccitati, al fine di garantire al cittadino il diritto di libera scelta della struttura nel rispetto del principio di trasparenza dell attività della Pubblica Amministrazione; 6. di riconoscere agli aventi diritto ai titoli d acquisto, utilizzabili anche per le strutture ubicate al di fuori del territorio di competenza di questa Azienda, un corrispettivo della quota di parte sociale del titolo d acquisto fino al tetto massimo di 52,68= giornaliero, onnicomprensivo un corrispettivo sanitario del titolo d acquisto, determinato dagli atti della Regione Toscana, attualmente in 52,32= giornaliere. In ogni caso, al di fuori del territorio di competenza di questa Azienda, resta salva l eventuale minor quota di parte sociale applicata, che continuerà a trovare applicazione nel suo preciso importo e l eventuale differenza in eccesso che sarà posta a carico degli ospiti; 7. che il corrispettivo sanitario del titolo d acquisto sarà pagato dall Azienda USL alla struttura prescelta; 8. che il corrispettivo sociale del titolo d acquisto, per la parte a carico dell ospite, determinata dal calcolo effettuato con il metodo ISEE, come da normativa vigente, sarà pagato dal medesimo direttamente alla struttura prescelta, che avrà aderito alle condizioni contrattuali, mentre, per

7 Pag. 7 di 33 l eventuale rimanente parte posta a carico del Comune di residenza dell ospite, sarà pagato da questa Azienda direttamente alla medesima struttura; 9. di stabilire che, con decorrenza dalla stipula dei singoli contratti, gli inserimenti saranno disposti applicando le modalità determinate nel presente atto. Gli utenti, a quella data già inseriti nelle strutture, saranno convocati da questa Azienda per esercitare il diritto di libera scelta della struttura e per determinare l ammontare del titolo d acquisto, secondo le modalità descritte. 10. di approvare lo schema di contratto allegato al presente atto quale sua parte integrante e sostanziale; 11. di dichiarare il presente provvedimento immediatamente eseguibile, vista l urgenza dell attuale situazione; 12. di trasmettere il presente atto al Collegio Sindacale ai sensi dell art. 42, comma 2, della L. R. Toscana n. 40/2005 e succ. mod. ed integrazioni e di provvedere all attivazione delle previste procedure di pubblicazione degli atti. IL DIRETTORE SANITARIO (Dott. Francesco Bellomo) IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO (Dott. Massimo Braganti) IL DIRETTORE GENERALE (Dr. Bruno Cravedi)

8 Pag. 8 di 33 CONTRATTO TRA L AZIENDA USL 4 DI PRATO E L ENTE GESTORE PER LA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PER OSPITALITA E PRESTAZIONI SOCIO SANITARIE IN FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E ADULTI INABILI NON AUTOSUFFICIENTI < 65 anni, DI CUI E TITOLARE. L'anno... il giorno... del mese di... presso la sede del via... tra L Azienda USL 4 di Prato, C.F. e P.IVA n., con sede legale in Prato, in Piazza Ospedale n. 5, nella persona del Direttore Generale, domiciliato per la carica presso la sede dell ASL, con l assistenza del Direttore di Zona-Distretto; e L Ente gestore, con sede legale a in via., C. F., nella persona del Sig, in qualità di legale rappresentante, per la Residenza Sanitaria Assistita denominata, con sede a in via ; PREMESSO CHE - l Azienda USL 4 di Prato, di seguito denominata Azienda, nell ambito della programmazione degli interventi sociosanitari e nei limiti indicati dalla L.R. n. 41/2005 e dalla normativa di riferimento, nello specifico dal DPGRT 26/03/08, n. 15/R Regolamento di attuazione dell art. 62 della L.R. n. 41/2005 e dalla DCRT 402/2004, intende avvalersi dell RSA denominata.

9 Pag. 9 di 33 ubicata nel Comune di in via, per l erogazione di servizi di ricovero residenziale a beneficio di anziani non autosufficienti e adulti inabili non autosufficienti < 65 anni; - la Struttura, nel rispetto delle disposizioni regionali e della vigente normativa, è stata autorizzata, dal Sindaco del Comune di., con determinazione dirigenziale n.. del, al funzionamento quale Residenza Sanitaria Assistenziale; - la Struttura, di cui è titolare, ha la capacità ricettiva, prevista nell atto di autorizzazione per n.. posti per ricoveri residenziali di anziani non autosufficienti e adulti inabili non autosufficienti < 65 anni; - con atto del Comune di. in data n..., la RSA è stata autorizzata al funzionamento quale Struttura residenziale per anziani e persone non autosufficienti per n. posti letto. ed è stata accreditata con atto del Comune di. in data n., ai sensi della LR 28 dicembre 2009, n. 82 e del relativo Regolamento regionale di attuazione e che pertanto la medesima RSA risulta iscritta nell elenco comunale delle strutture accreditate; - la Struttura, a seguito di comunicazione con nota prot. del inviata all Azienda, dichiara la propria disponibilità alla stipula del contratto con l Azienda, per il reperimento di posti letto residenziali per anziani non autosufficienti ed adulti inabili non autosufficienti < 65 anni, identificati sulla base della programmazione annuale e distinti tra posti temporanei e definitivi. - la Struttura, nello svolgimento dei propri compiti, mette a disposizione i posti letto ed i relativi servizi, di cui alle

10 Pag. 10 di 33 planimetrie consegnate con nota prot.. del., con indicazione delle stanze e dei relativi arredi, ai sensi della vigente normativa nazionale e regionale; - la Struttura ha consegnato all U.O. Supporto Amministrativo di Zona-distretto dell Azienda, con nota prot.... del..: autocertificazione attestante il possesso dei requisiti generali e specifici necessari per mantenere l accreditamento, e chi ne è il titolare; copia delle polizze assicurative sottoscritte; gli elenchi delle attrezzature tecniche e del personale addetto, dipendente e non, specificato per qualifiche, mansioni e numero di ore lavorate, di cui alla vigente normativa regionale; l elenco degli eventuali soggetti a cui sono affidati i servizi di assistenza alla persona (compresi le qualifiche e il numero del personale addetto) e il servizio mensa; l elenco degli incaricati al trattamento dei dati sensibili; copia della lettera-contratto da far sottoscrivere agli utenti della Struttura e/o tenuti per legge, che dovrà obbligatoriamente rispettare quanto di seguito definito nel presente atto. autodichiarazione sostitutiva di regolarità contributiva verso gli enti previdenziali. Atto da cui risulti il legale rappresentante della struttura. - il Legale Rappresentante della Struttura, sotto la propria responsabilità, ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/00 e consapevole delle sanzioni penali previste dall art. 76 del citato

11 Pag. 11 di 33 D.P.R. in caso di dichiarazioni mendaci, ha presentato la dichiarazione sostitutiva attestante l inesistenza di motivi ostativi a contrarre con la Pubblica Amministrazione, prot... del, da allegare al presente atto; RITENUTO, con il presente contratto, di disciplinare i rapporti giuridici ed economici derivanti dalla erogazione di prestazioni sociosanitarie/socioassistenziali da parte della RSA denominata. Nulla ostando al funzionamento della Struttura, SI STIPULA QUANTO SEGUE: ART. 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto. ART. 2 Individuazione dei soggetti aventi diritto 1. Nell ambito della programmazione aziendale degli interventi sociosanitari/socioassistenziali e nei limiti indicati dalla vigenti normative regionali in materia, l Azienda si avvale, qualora prescelta dal cittadino, della Struttura, per le prestazioni residenziali socioassistenziali/sociosanitarie in favore di anziani non autosufficienti e persone adulte inabili non autosufficienti < 65 anni, non altrimenti assistibili a domicilio, inseriti nella graduatoria zonale e in posto utile per averne diritto, con le modalità specificate all art. 7 del presente contratto. 2.L Azienda, nel rispetto di quanto sancito dall art. 2 comma 4 della

12 Pag. 12 di 33 L.R. n. 82/2009, si impegna a consentire ai destinatari di prestazioni residenziali non temporanee, di esercitare il diritto di libera scelta, nell ambito delle strutture accreditate disponibili. 3. L utente può, a suo gradimento, scegliere una Struttura diversa da quella in cui è stato ricoverato per assenza di posti letto disponibili nella RSA prescelta al momento dell inserimento. Tale trasferimento non è ammissibile per gli utenti inseriti come temporanei. 4.L utente, entro 30 giorni dal momento dell autorizzazione all inserimento nella struttura da parte dell Azienda, dovrà comunicare alla medesima la struttura prescelta e presentarsi negli uffici amministrativi per il perfezionamento degli atti medesimi. Nel caso in cui, tale opzione non venga effettuata entro il limite dei 30 gg., l utente si dovrà rimettere alle scelte dell azienda sanitaria, pena il decadimento del diritto e l esclusione dalla graduatoria; 5. La Struttura si impegna ad applicare le condizioni previste nel presente contratto, per i posti in regime di accreditamento, a tutti gli ospiti non autosufficienti che rientrano nelle seguenti casistiche: a) in fase di primo inserimento in Struttura con diritto alla quota sanitaria e alla compartecipazione sociale (in tutto o in parte) da parte del Comune; b) in fase di primo inserimento in Struttura con diritto alla sola quota sanitaria e quota sociale a carico dell utente;

13 Pag. 13 di 33 c) ospiti già inseriti privatamente nella Struttura con oneri a esclusivo carico dell utente, con decorrenza dal riconoscimento del diritto all inserimento; d) nei casi di ricoveri temporanei. ART. 3 Norme di riferimento 1.La Direzione della Struttura si impegna al pieno rispetto delle norme contenute nelle vigenti leggi e normative nazionali e regionali in materia di prestazioni residenziali per anziani non autosufficienti e persone adulte inabili e all attuazione della normativa di riferimento, tenuto altresì conto della disciplina contenuta nel DPGR 15/R/2008 Regolamento di attuazione dell art. 62 della L.R. 24 febbraio 2005 n. 41 e nel DPGR 29/R del 3 marzo 2010 Regolamento di attuazione della L.R. 28 dicembre 2009, n. 82, in materia di requisiti generali e specifici delle residenze sanitarie assistenziali e accreditamento. 2.La Direzione della Struttura si impegna inoltre alla piena osservanza dei regolamenti Aziendali, attuativi della citata normativa nazionale e regionale. ART. 4 Budget annuo e posti letto 1. L Azienda utilizzerà i posti letto messi a disposizione dalla struttura per l esecuzione delle attività di cui al presente contratto, in base al budget annuo stabilito per coprire la spesa sanitaria e sociale relativa all occupazione dei posti letto per anziani non autosufficienti e per adulti inabili non autosufficienti < 65 anni. 2. La struttura, riserva i propiri posti in via prioritaria ad utenti dell Azienda USL 4 e, qualora non utilizzati, ad utenti di altre ASL della Regione Toscana ed, in subordine, ad utenti privati nei confronti dei quali, nel caso siano residenti nel territorio

14 dell Azienda USL 4, non verrà corrisposta la quota sanitaria; Pag. 14 di La Struttura, trascorsi cinque giorni lavorativi dalla segnalazione alla Area Funzionale Amministrativa Zona-distretto della disponibilità di uno o più posti e in assenza di comunicazione da parte della stessa Area Funzionale di una nuova ammissione, è autorizzata ad utilizzare il posto disponibile per inserimenti sia di utenti di altri enti pubblici che di privati cittadini. 4.La Struttura si impegna, inoltre, a favorire la sistemazione nella stessa camera di coppie o congiunti. ART. 5 - Ricoveri temporanei e d urgenza 1. I posti di cui al presente contratto possono essere utilizzati dall Azienda per il ricovero di anziani non autosufficienti e adulti inabili non autosufficienti < 65 anni, che necessitano di prestazioni riabilitative o di sollievo alla famiglia, segnalati dall UVM, nonché per i casi di ricovero d urgenza. 2. Per gli utenti in regime di ricovero temporaneo o d urgenza, in caso di assenza per ricovero ospedaliero, cessa il mantenimento del posto che rientra immediatamente nella disponibilità della Struttura, salvo richiesta contraria dell UVM. 3. Nel caso di ricoveri temporanei di ospiti inseriti ai sensi del presente contratto, la Struttura può richiedere agli interessati, a titolo di cauzione, un importo massimo, pari a dieci giorni, determinato in base alla parte di quota sociale posta eventualmente a loro carico. Tale cauzione ha carattere infruttifero e deve essere restituita entro 15 giorni dalla cessazione del rapporto. ART. 6 Anziani autosufficienti

15 Pag. 15 di Per quanto applicabile, il presente contratto si estende anche agli anziani autosufficienti eventualmente già inseriti nella Struttura al momento della sua entrata in vigore, fermo restando che non possono più essere inseriti in Struttura, a carico della spesa sanitaria e/o sociale, ulteriori anziani autosufficienti. ART. 7 Ammissione degli ospiti 1. L inserimento degli utenti non autosufficienti avviene da parte del settore amm.vo -attività sociosanitarie - afferente all Area funzionale Amm.va Zona-distretto, sulla base di un Piano Assistenziale Personalizzato (PAP), definito dall Unità di Valutazione Multidisciplinare zonale (UVM). 2. L ammissione è comunque subordinata alla libera scelta della Struttura e all assenso al ricovero espressi dal soggetto interessato o da chi ne ha la rappresentanza legale. 3. L ordine di priorità di ammissione fra più utenti è definito dall UVM zonale, che tiene conto dei tempi di attesa delle domande e della gravità ed urgenza del caso. 4. La struttura amministrativa, di cui al punto 1 del presente articolo, comunicherà per iscritto alla Direzione della Struttura e all utente o ai soggetti tenuti per legge, il corrispettivo della quota compartecipativa (sociale) posto a carico dell utente, l eventuale corrispettivo (sociale) del titolo d acquisto posto a carico del Comune di residenza dell assistito ed il corrispettivo sanitario del titolo d acquisto. 5. Entro 24 ore dall inserimento, la Struttura deve comunicare, a mezzo , l avvenuto ricovero al Coordinatore Sociale di Zona-

16 Pag. 16 di 33 distretto, aggiornando il giorno stesso l inserimento nell apposito programma informatico messo a disposizione (CARIBEL). 6. Gli utenti inseriti in Struttura ai sensi del presente contratto, su richiesta della Struttura stessa, possono conferire apposita delega di pagamento, anche tramite RID bancario, con addebito mensile automatico sul proprio conto corrente, per la copertura dell importo di loro competenza. 7. L Azienda provvederà a corrispondere direttamente alla Struttura il corrispettivo sanitario del titolo d acquisto, determinato da atti formali della Regione Toscana e l eventuale corrispettivo sociale del titolo d acquisto posto a carico del Comune di residenza dell utente, mentre comunicherà alla struttura, con lettera formale, il corrispettivo della quota compartecipativa (parte sociale) posto a carico dell utente, calcolato con il metodo ISEE come da normativa vigente; 8. La Struttura, al momento di un nuovo inserimento, può chiedere, a propria garanzia, agli utenti e/o tenuti per legge, la sottoscrizione di una lettera-contratto con la quale questi si impegnano al pagamento della quota sociale del titolo d acquisto posta a loro carico, secondo accordi di natura privatistica. Lo schema di tale contratto dovrà essere depositato presso l Azienda e dovrà comunque rispettare quanto definito nel presente atto. 9. La Struttura non potrà in alcun modo rifiutare l inserimento di un utente proposto dall Azienda USL che abbia provveduto a tutti gli adempimenti previsti dal vigente regolamento aziendale in materia di inserimenti nelle RSA. ART. 8 Dimissioni

17 Pag. 17 di La dimissione degli ospiti di cui all art. 2, quando non avvenga per decesso o non sia decisa per diretta volontà dell interessato o di chi ne esercita la tutela, deve essere concordata con il Coordinatore Sociale di Zona-distretto, coinvolgendo nella decisione l interessato, i suoi familiari e/o chi ne abbia la tutela e può essere effettuata: a) per manifesta, grave e perdurante incompatibilità dell utente o dei suoi familiari con l ambiente della residenza e con gli altri ospiti; b) nei casi di variazione dello stato di salute dell ospite, che determini la necessità di una diversa tipologia di ricovero. 2. La Direzione della Struttura è tenuta a notificare all Azienda l avvenuta dimissione e/o decesso dell assistito nel termine di 24 ore dalla cessazione delle prestazioni, per mezzo di apposita comunicazione scritta, nonché ad aggiornare in tempo reale il programma informatico (CARIBEL). 3. Non è ammessa dimissione per morosità. 4. La Struttura è tenuta ad inserire giornalmente, nel programma informatico CARIBEL, le assenze a qualsiasi titolo dell ospite. ART. 9 Prestazioni 1. La Struttura garantisce agli ospiti i requisiti minimi strutturali, organizzativi e professionali previsti nel DPGRT 26 marzo 2008, n. 15/R e i requisiti generali previsti dal Regolamento di attuazione della LR 28 dicembre 2009, n. 82, adottato con DGRT n. 206/2010. ART. 10 Tutela della salute

18 Pag. 18 di Le persone ospitate nella Struttura usufruiscono delle prestazioni previste dal Servizio Sanitario Nazionale, organizzate sul territorio in base alla programmazione regionale e locale dei servizi sociosanitari. 2. A fini terapeutici, lo stato di salute delle persone ospitate viene seguito dai medici di medicina generale convenzionati con il Servizio Sanitario Nazionale, scelti dagli ospiti, come previsto dalla normativa regionale. 3. La Struttura si impegna a promuovere ogni rapporto con i competenti servizi sociosanitari territoriali per assicurare alle persone ospitate la fruizione di attività di socializzazione, prevenzione, cura e riabilitazione. 4. La Struttura per i posti finanziati dal presente contratto è tenuta: a. per ciascuna persona ospitata, a predisporre e rendere attivi programmi e piani assistenziali individuali di carattere preventivo, terapeutico e riabilitativo da verificare periodicamente; b. in caso di necessità, a chiamare il medico curante della persona ospitata o il medico della continuità assistenziale; c. in caso di malattia, a prestare alla persona ospitata tutte le cure necessarie prescritte dal medico curante, ove compatibile con la permanenza nella Struttura; d. a fornire le necessarie prestazioni infermieristiche mediante personale abilitato a termini di legge;

19 Pag. 19 di 33 e. curare l approvvigionamento, con costi a carico dell utente, la somministrazione e la conservazione dei medicinali prescritti dal medico curante; f. su disposizione del medico curante e in caso di ricovero d urgenza, ad organizzare il trasporto in ospedale della persona ospitata e mantenere costanti rapporti durante il periodo di degenza; g. a seguire per ciascuna persona ospitata, la dieta prescritta dal medico curante e, in particolare, con costi a carico del Servizio Sanitario Nazionale nel caso di diete particolari previste dai LEA; h. in caso di malattia, di ricovero ospedaliero, di infermità o di pericolo di vita della persona ospitata, ad avvisare i familiari o, in loro assenza, l operatore sociosanitario territoriale che lo ha in carico. 5. Tutte le attività e gli interventi di cui sopra devono essere registrati nella cartella personale della persona ospitata. ART. 11 Organizzazione e fruibilità degli spazi 1. Le caratteristiche della Struttura sono quelle previste nel Regolamento di attuazione dell art. 62 della LR 24 febbraio 2005, n. 41, approvato con DPGRT 26 marzo 2008, n. 15/R o comunque sulla base delle rispettive autorizzazioni. ART. 12 Organizzazione della vita comunitaria 1. La Struttura si impegna a garantire alle persone ospitate la massima libertà, compatibilmente con il loro stato di salute e con l organizzazione della Struttura, nonché a organizzare la fruizione dei servizi nel rispetto dei ritmi di vita delle stesse.

20 Pag. 20 di La Struttura favorisce la partecipazione degli ospiti alle iniziative sociali, di tempo libero, religiose e culturali attuate nella zona. 3. La Struttura dà la propria disponibilità, anche in collaborazione con i servizi sociali e sanitari territoriali, affinché le persone ospitate possano rimanere collegate con il proprio contesto familiare e sociale, facilitando e promuovendo i rapporti con familiari e amici e favorendo frequenti visite da parte di questi e, quando possibile, anche brevi soggiorni in famiglia. ART. 13 Regolamento interno e partecipazione 1. La Struttura si impegna ad aggiornare il proprio regolamento interno secondo gli indirizzi previsti dalla Regione Toscana e a garantire gli organismi di rappresentanza per la partecipazione e collaborazione degli ospiti e dei loro familiari o di chi ne esercita la tutela giuridica ed eventuali altri organismi di tutela degli ospiti. ART. 14 Documentazione 1. Al momento del primo ingresso, la Struttura è tenuta a consegnare all utente, al familiare o a chi esercita la tutela giuridica, il regolamento della Struttura, la Carta dei Servizi e copia del presente contratto. 2. Nel rispetto della normativa in materia di privacy, la Struttura si impegna a tenere aggiornata la seguente documentazione relativa alle persone ospitate e all organizzazione della vita comunitaria: a. progetto individualizzato e cartella personale, per ciascuna persona accolta;

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR)

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) Tel. 0564 861111 Fax 0564 860648 C.F. 82001470531 P.I. 00105110530 DETERMINAZIONE N 722 DEL 27/10/2011 U.O. Politiche

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 71 approvata il 2 aprile 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli