DELIBERAZIONE N. _379_ DEL _18/04/2013_

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE N. _379_ DEL _18/04/2013_"

Transcript

1 Pag. 1 di 33 Centro Direzionale Piazza Ospedale, PRATO C.F. e P.IVA DELIBERAZIONE N. _379_ DEL _18/04/2013_ O GGETTO : Definizione del sistema dei titoli d'acquisto per l 'inserimento degli aventi diritto nelle RR.SS.AA. ed approvazione del relativo schema di contratto. Proposta n 591/ Editore: M S STRUTTURA PROPONENTE: Territorio - U.O. Supporto Amministrativo Zona Distretto RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Dott. Fabrizio C arraro Affissa all albo della USL dal e vi rimarrà per la durata di quindici giorni consecutivi. IL DIRETTORE U.O. G. A. M. A. Prato, E copia, composta da N.. fogli e N.. facciate, conforme all originale conservato nella raccolta ufficiale delle. della USL. Si rilascia in carta libera per uso amministrativo copia conforme IL DIRETTORE U.O. G. A.M. A. Prato, Deliberazione immediatamente eseguibile SI NO Deliberazione inviata al Collegio Sindacale il.. Deliberazione inviata alla G.R.T. il. e da questi ricevuta il.... Chiarimenti/Elementi integrativi richiesti dalla G.R.T. con decisione N. del... Controindicazioni trasmesse alla G.R.T. il.. e con nota N ricevute il.. Deliberazione non approvata dalla G.R.T. con decisione N.. del Deliberazione approvata dalla G.R.T. con decisione N..del. Deliberazione rettificata/revocata/modificata con atto N. del esecutivo dal.. Deliberazione esecutiva per decorrenza dei termini dal.. IL DIRETTORE Prato, U.O. G. A..M. A. cod. az MOD12_rev1_05/05/2010

2 Pag. 2 di 33 IL DIRETTORE GENERALE Dott. Bruno Cravedi (nominato con D.P.G.R. Toscana n. 88 del 28/05/2010) In data....nella sede dell Azienda USL n. 4 di Prato, alla presenza del Direttore Sanitario Dott. Francesco Bellomo e del Direttore Amministrativo Dott. Massimo Braganti; Visti: - il d.lgs. n. 502/92 e successive modificazioni ed integrazioni; - la Legge n. 328 /2000; - la L.R. 40/05 e successive modificazioni ed integrazioni; - la L.R. 41/05 e successive modificazioni ed integrazioni; - la L.R. 82/09 e successive modificazioni ed integrazioni; - la L.R. 49/10 e successive modificazioni ed integrazioni; - la L.R. 66/2008; - la delibera G.R.T. n. 402/04; - il P.I.S.R ; - la delibera GRT n. 206/ ad oggetto Regolamento di attuazione della L.R. 28 dicembre 2009, n. 82 (Accreditamento delle strutture e dei servizi alla persona del sistema sociale integrato). Approvazione. - la delibera GRT n. 243/11 con la quale, nelle more della definizione del quadro normativo nazionale ed alla luce delle delibere n. 101/10 della Corte dei Conti sezione regionale Piemonte e n. 125/11 della Corte dei Conti sezione regionale Lombardia, si è proseguito nel processo di consolidamento e strutturazione delle SdS in Toscana, fornendo le relative disposizioni operative di funzionamento; - la L.R. 77/12; - la L.R. 81/12; Premesso: - che la Legge n. 328 dell Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali definisce, all art. 22 comma 2, i livelli essenziali delle prestazioni sociali erogabili sotto forma di beni e servizi.., nei limiti delle risorse del Fondo nazionale per le politiche sociali, tenuto conto delle risorse ordinarie già destinate dagli enti locali alla spesa sociale e fra questi ricomprende, al medesimo articolo lettera g gli interventi per le persone anziane e disabili..per l accoglienza e la socializzazione presso strutture residenziali e semiresidenziali per coloro che, in ragione della elevata fragilità personale o di limitazione dell autonomia, non siano assistibili a domicilio ; - che la medesima legge, all art. 17 comma 2, demanda alla regione la disciplina per l erogazione di titoli validi per l acquisto di servizi sociali dai soggetti accreditati del sistema integrato di interventi e servizi sociali; - che il DPGRT n. 29/R del , Regolamento di attuazione della L.R , n. 82 (Accreditamento delle strutture e dei servizi alla personale del sistema sociale integrato), all art. 4 e seguenti, definisce i titoli d acquisto dei servizi sociali integrati come il controvalore di una somma utilizzabile per l acquisto di specifiche prestazioni erogate da soggetti accreditati e inseriti negli elenchi comunali di cui agli art. 4 e 7 della L.R. n. 82/09 e stabilisce che i titoli d acquisto vengono erogati al beneficiario sulla base del percorso assistenziale personalizzato e nel rispetto della disciplina dell ISEE non sono cedibili a terzi ed il beneficiario può utilizzarli presso il fornitore prescelto.

3 Pag. 3 di 33 Preso atto: - della normativa sull accreditamento, di cui alla L.R. n. 41/05, L.R. n. 82/09 e L.R. n. 49 del , ai sensi della quale, ad oggi, esistono elenchi comunali dei soggetti accreditati che sono in possesso dei requisiti per erogare prestazioni sociali e socio sanitarie, - del DPGRT n. 29/R del , Regolamento di attuazione della L.R , n. 82 (Accreditamento delle strutture e dei servizi alla personale del sistema sociale integrato), il quale, all art. 4 co.1 prevede che i titoli per l acquisto dei servizi sociali integrati, costituiscono il controvalore di una somma utilizzabile per l acquisto di specifiche prestazioni erogate da soggetti accreditati e inseriti negli elenchi comunali di cui agli art. 4 e 7 della L.R. 82/2009, all art. 4 co.2 prevede che i titoli per l acquisto dei servizi sociali integrati sono concessi dal Comune e dall Azienda USL, su richiesta degli interessati, sulla base del percorso assistenziale personalizzato, ai sensi dell art. 7 della L.R. 41/2005 e dell art. 14 della L.R. 66/2008, nonché nel rispetto della disciplina sull ISEE, all art. 4 co.3 prevede che i titoli per l acquisto sono vincolati alle prestazioni previste nel progetto individuale d intervento e non sono cedibili a terzi, all art. 4 co.4 prevede che i beneficiari dei titoli d acquisto dei servizi sociali integrati utilizzano i titoli presso il fornitore prescelto, il quale richiede all ente concedente il corrispettivo del valore del relativo titolo d acquisto e all art. 4 co.5 prevede che il comune o l Azienda USL, sulla base di specifici accordi, possono erogare titoli per l acquisto dei servizi sociali integrati, comprensivi sia del corrispettivo sanitario che sociale del servizio, sulla base dell art. 49 della L.R. 41/2005 ; - che, pertanto, emerge, per questa Azienda, la necessità di disciplinare le modalità di scelta e di reperimento, secondo le risorse disponibili, delle strutture attraverso le quali soddisfare i bisogni degli utenti; Preso atto altresì: - della nota del Direttore Generale, Prot del , indirizzata ad ESTAV Centro, agli atti, con la quale si chiede l attivazione di procedure contrattuali per la fornitura di servizi sociali e socio sanitari; - della nota di risposta, Prot /1 del , ricevuta da questa azienda con Prot. Gen. A/67041, agli atti, con la quale ESTAV Centro risponde di non essere titolata ad attivare le procedure di gara richieste; - della nota del Direttore Generale, Prot. 655 del , indirizzata ad ESTAV Centro, agli atti, con la quale è rinnovata la richiesta di portare a termine le procedure di gara precedentemente richieste; - della nota del Direttore Generale, Prot del , indirizzata alla Regione Toscana Dipartimento Diritto alla Salute, agli atti, con la quale si richiede la definizione delle procedure più idonee alla stipula dei contratti e l elaborazione di linee guida e di capitolati speciali; - della nota del Direttore Generale, Prot del , sempre indirizzata ad ESTAV Centro, agli atti, con la quale viene trasmesso l elenco delle gare da effettuare per l affidamento dei servizi socio sanitari; - della nota del Direttore Generale e del Direttore Amministrativo, Prot del , inviata all ESTAV Centro, agli atti, relativa al programma dell attività contrattuale per l anno 2012; - della nota di risposta, Prot /1 del , ricevuta da questa azienda con Prot. Gen. A/91001, agli atti, con la quale ESTAV Centro invita questa azienda a procedere autonomamente in merito a tutte le gare afferenti il settore sociale per l anno 2012, sostenendo che tali funzioni ad oggi non sono ancora state attribuite ad ESTAV, così come non le è stato ancora assegnato il relativo personale;

4 Pag. 4 di 33 - che questa Azienda, con nota Prot. P del indirizzata alla Regione Toscana, agli atti, ha precisato di aver presentato il programma delle gare dei servizi socio-sanitari da attivare per l anno 2012, all ESTAV Centro, alla quale è stato trasferito tutto il personale impiegato da questa azienda nella gestione delle gare, e di non aver ancora ricevuto formale comunicazione di disponibilità dalla stessa ESTAV Centro; - che questa Azienda, con la stessa nota Prot. P del , ha richiesto, alla Regione Toscana, chiarimenti ad integrazione della Circolare Regionale prot. n. A00GRT/147710/r del in merito alla definizione dei rapporti negoziali da instaurare con i soggetti coinvolti nel sistema integrato dei servizi socio sanitari; - che la Regione Toscana non ha fornito indicazioni in risposta alla suddetta nota prot. P del ; Preso atto ancora: - che la Regione Toscana, con circolare AOO-GRT Prot. n del , ha invitato le Aziende USL e le SdS, nelle more della conclusione dei lavori del Tavolo regionale programmato sul tema non autosufficienza e residenzialità, a sospendere l emanazione di ogni direttiva rivolta all organizzazione del sistema integrato dei servizi socio sanitari, in modo da consentire l applicazione delle determinazioni regionali in maniera congrua ed omogenea; - che questa Azienda, ad oggi, non ha notizia circa l emanazione di determinazioni regionali relative all organizzazione del sistema integrato dei servizi socio sanitari. Preso atto infine - che questa Azienda, ai sensi dell art. 12 co. 5 e 6 della L.R. 81/2012, può contrarre obbligazioni giuridiche, nel corso dell esercizio, nel limite complessivo di tutti i costi relativi alle stesse iscritti nel bilancio preventivo economico annuale e può superare il limite di cui al comma 5,.. nel corso dell esercizio, solo nel caso siano preventivamente accertati maggiori ricavi provenienti da risorse nazionali o regionali aggiuntive e comunque nei limiti degli stessi, ovvero a condizione che sussista copertura in maggiori ricavi da iscrivere nel bilancio di esercizio dell azienda e che sia fornita congrua motivazione in sede di monitoraggio sull andamento economico della gestione aziendale, di cui all art. 121 bis. - che, pertanto, il numero complessivo dei posti letto risulterà annualmente subordinato alle risorse definite negli atti di programmazione; - che la quota di parte sanitaria delle RSA è definita dalla Regione ed è determinata in 52,32 giornalieri; Considerato - che attualmente, nell ambito del settore degli anziani inseriti nelle RRSSAA, occorre dare una formale definizione dei rapporti giuridici intercorrenti tra questa Azienda e le Strutture ospitanti. Ritenuto opportuno - tutto quanto sopra premesso, di non poter ulteriormente prorogare le convenzioni in atto con le RSA del comprensorio pratese e, conseguentemente, stante la normativa vigente, di dover provvedere ad attivare il sistema dei titoli d acquisto; - stabilire, per tutte le RSA del comprensorio pratese comprese le strutture a gestione diretta, un importo massimo di 52,68= giornaliere quale corrispettivo onnicomprensivo parte della quota sociale del titolo d acquisto. Mentre il corrispettivo sanitario del titolo d acquisto è determinato dagli atti della Regione Toscana, attualmente, in 52,32= giornalieri; - stabilire che, con decorrenza dalla stipula dei singoli contratti, gli inserimenti saranno disposti applicando le modalità determinate nel presente atto. Gli utenti, a quella data già inseriti nelle

5 Pag. 5 di 33 strutture, saranno convocati da questa Azienda per esercitare il diritto di libera scelta della struttura e per determinare l ammontare del titolo d acquisto, secondo le modalità descritte. - reperire i posti per anziani non autosufficienti, tra le strutture accreditate che si rendano disponibili ad accogliere gli ospiti, aventi diritto di accesso alle prestazioni secondo le modalità disciplinate dall'art. 7 della L.R. 41/2005 e su loro libera scelta, mediante il sistema dei titoli d acquisto e la stipula con questa Azienda di contratti secondo lo schema tipo allegato al presente atto come sua parte integrante e sostanziale; - pubblicare il presente atto sull albo informatico del sito web aziendale, al fine di garantire il rispetto del principio di trasparenza dell attività della Pubblica Amministrazione; - disporre che, entro 15 giorni dalla suddetta pubblicazione, le strutture interessate debbano inviare, a questa Azienda, formale dichiarazione di volontà a stipulare i contratti summenzionati; - disporre che, entro ulteriori 15 giorni dal ricevimento della suddetta formale dichiarazione di volontà, le strutture interessate debbano provvedere a perfezionare la trasmissione all Azienda di tutta la documentazione prevista dal contratto allegato al presente atto; Considerato ancora: - che i titoli d acquisto, così definiti, potranno essere utilizzati, dagli aventi diritto, anche per le strutture ubicate al di fuori del territorio di competenza di questa Azienda, che riconoscerà comunque un corrispettivo sociale fino al tetto massimo di 52,68= giornaliero, onnicomprensivo, con l eventuale differenza in eccesso posta a carico degli ospiti ed un corrispettivo sanitario disposto dalla Regione Toscana. In ogni caso resta salva l eventuale minor quota di parte sociale, applicata al di fuori del territorio di competenza di questa Azienda, che continuerà a trovare applicazione nel suo preciso importo; - che il corrispettivo sociale del titolo d acquisto, per la parte a carico dell ospite, determinata dal calcolo effettuato con il metodo ISEE, come da normativa vigente, sarà pagato dal medesimo direttamente alla struttura prescelta, che avrà aderito alle condizioni contrattuali, mentre, per l eventuale rimanente parte posta a carico del Comune di residenza dell ospite, sarà pagato da questa Azienda direttamente alla medesima struttura; - opportuno predisporre e pubblicare, sul sito web di questa Azienda, l elenco delle strutture che hanno stipulato i contratti sopraccitati, al fine di garantire l esercizio del diritto di libera scelta della struttura da parte del cittadino e il rispetto del principio di trasparenza dell attività della Pubblica Amministrazione; Considerati infine: - gli incontri avuti fra questa Azienda, le RR.SS.AA. ed i loro rappresentanti sindacali, avvenuti in data , , e , nei quali sono state discusse e specificate le modalità operative che sarebbero state seguite dall Azienda per dare attuazione alla normativa sull accreditamento. Rilevata la legittimità e la congruenza dell atto con le finalità istituzionali di questo Ente, stante l istruttoria effettuata; Ritenuto ancora di dover dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile, vista l urgenza di definire l attuale situazione; Con la sottoscrizione del Direttore Amministrativo e del Direttore Sanitario, ciascuno per quanto di competenza, ai sensi dell art. 3 del Decreto legislativo n. 502/92 e successive modificazioni e integrazioni

6 Pag. 6 di 33 DELIBERA Per le motivazioni espresse in parte narrativa che si intendono integralmente richiamate: 1. in attesa di ricevere dalla Regione Toscana chiarimenti ed indicazioni che integrino la Circolare Regionale prot. n. A00GRT/147710/r del , riguardo alle modalità di applicazione del nuovo sistema dell accreditamento di cui alla L.R , n. 82 ed al DPGRT n. 29/R del Regolamento di attuazione della L.R , n. 82, di adottare il sistema dei titoli d acquisto; 2. di determinare l importo massimo giornaliero del corrispettivo della quota di parte sociale del titolo d acquisto in 52,68= onnicomprensivo, mentre l importo del corrispettivo sanitario del titolo d acquisto è determinato dagli atti della Regione Toscana, attualmente in 52,32= giornaliere; 3. di reperire, conseguentemente alla pubblicazione del presente atto sull albo informatico del sito web aziendale, un numero di posti letto adeguato alle risorse disponibili definite dagli atti di programmazione aziendale, facendo in ogni caso salve eventuali diverse determinazioni aziendali conseguenti e coerenti, tra le strutture accreditate per l inserimento di anziani non autosufficienti, che si rendano disponibili ad accogliere ospiti, su libera scelta dell utente, mediante il sistema dei titoli d acquisto, stipulando con questa Azienda contratti secondo lo schema tipo allegato al presente atto come sua parte integrante e sostanziale; 4. di disporre che, entro 15 giorni dalla suddetta pubblicazione, le strutture interessate debbano inviare, a questa Azienda, formale dichiarazione di volontà a stipulare i contratti summenzionati e che, entro ulteriori 15 giorni dal ricevimento della formale dichiarazione di volontà, debbano provvedere a perfezionare la trasmissione all Azienda di tutta la documentazione prevista dal contratto allegato al presente atto; 5. di pubblicare, sul sito web di questa Azienda, l elenco delle strutture che hanno stipulato i contratti sopraccitati, al fine di garantire al cittadino il diritto di libera scelta della struttura nel rispetto del principio di trasparenza dell attività della Pubblica Amministrazione; 6. di riconoscere agli aventi diritto ai titoli d acquisto, utilizzabili anche per le strutture ubicate al di fuori del territorio di competenza di questa Azienda, un corrispettivo della quota di parte sociale del titolo d acquisto fino al tetto massimo di 52,68= giornaliero, onnicomprensivo un corrispettivo sanitario del titolo d acquisto, determinato dagli atti della Regione Toscana, attualmente in 52,32= giornaliere. In ogni caso, al di fuori del territorio di competenza di questa Azienda, resta salva l eventuale minor quota di parte sociale applicata, che continuerà a trovare applicazione nel suo preciso importo e l eventuale differenza in eccesso che sarà posta a carico degli ospiti; 7. che il corrispettivo sanitario del titolo d acquisto sarà pagato dall Azienda USL alla struttura prescelta; 8. che il corrispettivo sociale del titolo d acquisto, per la parte a carico dell ospite, determinata dal calcolo effettuato con il metodo ISEE, come da normativa vigente, sarà pagato dal medesimo direttamente alla struttura prescelta, che avrà aderito alle condizioni contrattuali, mentre, per

7 Pag. 7 di 33 l eventuale rimanente parte posta a carico del Comune di residenza dell ospite, sarà pagato da questa Azienda direttamente alla medesima struttura; 9. di stabilire che, con decorrenza dalla stipula dei singoli contratti, gli inserimenti saranno disposti applicando le modalità determinate nel presente atto. Gli utenti, a quella data già inseriti nelle strutture, saranno convocati da questa Azienda per esercitare il diritto di libera scelta della struttura e per determinare l ammontare del titolo d acquisto, secondo le modalità descritte. 10. di approvare lo schema di contratto allegato al presente atto quale sua parte integrante e sostanziale; 11. di dichiarare il presente provvedimento immediatamente eseguibile, vista l urgenza dell attuale situazione; 12. di trasmettere il presente atto al Collegio Sindacale ai sensi dell art. 42, comma 2, della L. R. Toscana n. 40/2005 e succ. mod. ed integrazioni e di provvedere all attivazione delle previste procedure di pubblicazione degli atti. IL DIRETTORE SANITARIO (Dott. Francesco Bellomo) IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO (Dott. Massimo Braganti) IL DIRETTORE GENERALE (Dr. Bruno Cravedi)

8 Pag. 8 di 33 CONTRATTO TRA L AZIENDA USL 4 DI PRATO E L ENTE GESTORE PER LA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PER OSPITALITA E PRESTAZIONI SOCIO SANITARIE IN FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E ADULTI INABILI NON AUTOSUFFICIENTI < 65 anni, DI CUI E TITOLARE. L'anno... il giorno... del mese di... presso la sede del via... tra L Azienda USL 4 di Prato, C.F. e P.IVA n., con sede legale in Prato, in Piazza Ospedale n. 5, nella persona del Direttore Generale, domiciliato per la carica presso la sede dell ASL, con l assistenza del Direttore di Zona-Distretto; e L Ente gestore, con sede legale a in via., C. F., nella persona del Sig, in qualità di legale rappresentante, per la Residenza Sanitaria Assistita denominata, con sede a in via ; PREMESSO CHE - l Azienda USL 4 di Prato, di seguito denominata Azienda, nell ambito della programmazione degli interventi sociosanitari e nei limiti indicati dalla L.R. n. 41/2005 e dalla normativa di riferimento, nello specifico dal DPGRT 26/03/08, n. 15/R Regolamento di attuazione dell art. 62 della L.R. n. 41/2005 e dalla DCRT 402/2004, intende avvalersi dell RSA denominata.

9 Pag. 9 di 33 ubicata nel Comune di in via, per l erogazione di servizi di ricovero residenziale a beneficio di anziani non autosufficienti e adulti inabili non autosufficienti < 65 anni; - la Struttura, nel rispetto delle disposizioni regionali e della vigente normativa, è stata autorizzata, dal Sindaco del Comune di., con determinazione dirigenziale n.. del, al funzionamento quale Residenza Sanitaria Assistenziale; - la Struttura, di cui è titolare, ha la capacità ricettiva, prevista nell atto di autorizzazione per n.. posti per ricoveri residenziali di anziani non autosufficienti e adulti inabili non autosufficienti < 65 anni; - con atto del Comune di. in data n..., la RSA è stata autorizzata al funzionamento quale Struttura residenziale per anziani e persone non autosufficienti per n. posti letto. ed è stata accreditata con atto del Comune di. in data n., ai sensi della LR 28 dicembre 2009, n. 82 e del relativo Regolamento regionale di attuazione e che pertanto la medesima RSA risulta iscritta nell elenco comunale delle strutture accreditate; - la Struttura, a seguito di comunicazione con nota prot. del inviata all Azienda, dichiara la propria disponibilità alla stipula del contratto con l Azienda, per il reperimento di posti letto residenziali per anziani non autosufficienti ed adulti inabili non autosufficienti < 65 anni, identificati sulla base della programmazione annuale e distinti tra posti temporanei e definitivi. - la Struttura, nello svolgimento dei propri compiti, mette a disposizione i posti letto ed i relativi servizi, di cui alle

10 Pag. 10 di 33 planimetrie consegnate con nota prot.. del., con indicazione delle stanze e dei relativi arredi, ai sensi della vigente normativa nazionale e regionale; - la Struttura ha consegnato all U.O. Supporto Amministrativo di Zona-distretto dell Azienda, con nota prot.... del..: autocertificazione attestante il possesso dei requisiti generali e specifici necessari per mantenere l accreditamento, e chi ne è il titolare; copia delle polizze assicurative sottoscritte; gli elenchi delle attrezzature tecniche e del personale addetto, dipendente e non, specificato per qualifiche, mansioni e numero di ore lavorate, di cui alla vigente normativa regionale; l elenco degli eventuali soggetti a cui sono affidati i servizi di assistenza alla persona (compresi le qualifiche e il numero del personale addetto) e il servizio mensa; l elenco degli incaricati al trattamento dei dati sensibili; copia della lettera-contratto da far sottoscrivere agli utenti della Struttura e/o tenuti per legge, che dovrà obbligatoriamente rispettare quanto di seguito definito nel presente atto. autodichiarazione sostitutiva di regolarità contributiva verso gli enti previdenziali. Atto da cui risulti il legale rappresentante della struttura. - il Legale Rappresentante della Struttura, sotto la propria responsabilità, ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/00 e consapevole delle sanzioni penali previste dall art. 76 del citato

11 Pag. 11 di 33 D.P.R. in caso di dichiarazioni mendaci, ha presentato la dichiarazione sostitutiva attestante l inesistenza di motivi ostativi a contrarre con la Pubblica Amministrazione, prot... del, da allegare al presente atto; RITENUTO, con il presente contratto, di disciplinare i rapporti giuridici ed economici derivanti dalla erogazione di prestazioni sociosanitarie/socioassistenziali da parte della RSA denominata. Nulla ostando al funzionamento della Struttura, SI STIPULA QUANTO SEGUE: ART. 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto. ART. 2 Individuazione dei soggetti aventi diritto 1. Nell ambito della programmazione aziendale degli interventi sociosanitari/socioassistenziali e nei limiti indicati dalla vigenti normative regionali in materia, l Azienda si avvale, qualora prescelta dal cittadino, della Struttura, per le prestazioni residenziali socioassistenziali/sociosanitarie in favore di anziani non autosufficienti e persone adulte inabili non autosufficienti < 65 anni, non altrimenti assistibili a domicilio, inseriti nella graduatoria zonale e in posto utile per averne diritto, con le modalità specificate all art. 7 del presente contratto. 2.L Azienda, nel rispetto di quanto sancito dall art. 2 comma 4 della

12 Pag. 12 di 33 L.R. n. 82/2009, si impegna a consentire ai destinatari di prestazioni residenziali non temporanee, di esercitare il diritto di libera scelta, nell ambito delle strutture accreditate disponibili. 3. L utente può, a suo gradimento, scegliere una Struttura diversa da quella in cui è stato ricoverato per assenza di posti letto disponibili nella RSA prescelta al momento dell inserimento. Tale trasferimento non è ammissibile per gli utenti inseriti come temporanei. 4.L utente, entro 30 giorni dal momento dell autorizzazione all inserimento nella struttura da parte dell Azienda, dovrà comunicare alla medesima la struttura prescelta e presentarsi negli uffici amministrativi per il perfezionamento degli atti medesimi. Nel caso in cui, tale opzione non venga effettuata entro il limite dei 30 gg., l utente si dovrà rimettere alle scelte dell azienda sanitaria, pena il decadimento del diritto e l esclusione dalla graduatoria; 5. La Struttura si impegna ad applicare le condizioni previste nel presente contratto, per i posti in regime di accreditamento, a tutti gli ospiti non autosufficienti che rientrano nelle seguenti casistiche: a) in fase di primo inserimento in Struttura con diritto alla quota sanitaria e alla compartecipazione sociale (in tutto o in parte) da parte del Comune; b) in fase di primo inserimento in Struttura con diritto alla sola quota sanitaria e quota sociale a carico dell utente;

13 Pag. 13 di 33 c) ospiti già inseriti privatamente nella Struttura con oneri a esclusivo carico dell utente, con decorrenza dal riconoscimento del diritto all inserimento; d) nei casi di ricoveri temporanei. ART. 3 Norme di riferimento 1.La Direzione della Struttura si impegna al pieno rispetto delle norme contenute nelle vigenti leggi e normative nazionali e regionali in materia di prestazioni residenziali per anziani non autosufficienti e persone adulte inabili e all attuazione della normativa di riferimento, tenuto altresì conto della disciplina contenuta nel DPGR 15/R/2008 Regolamento di attuazione dell art. 62 della L.R. 24 febbraio 2005 n. 41 e nel DPGR 29/R del 3 marzo 2010 Regolamento di attuazione della L.R. 28 dicembre 2009, n. 82, in materia di requisiti generali e specifici delle residenze sanitarie assistenziali e accreditamento. 2.La Direzione della Struttura si impegna inoltre alla piena osservanza dei regolamenti Aziendali, attuativi della citata normativa nazionale e regionale. ART. 4 Budget annuo e posti letto 1. L Azienda utilizzerà i posti letto messi a disposizione dalla struttura per l esecuzione delle attività di cui al presente contratto, in base al budget annuo stabilito per coprire la spesa sanitaria e sociale relativa all occupazione dei posti letto per anziani non autosufficienti e per adulti inabili non autosufficienti < 65 anni. 2. La struttura, riserva i propiri posti in via prioritaria ad utenti dell Azienda USL 4 e, qualora non utilizzati, ad utenti di altre ASL della Regione Toscana ed, in subordine, ad utenti privati nei confronti dei quali, nel caso siano residenti nel territorio

14 dell Azienda USL 4, non verrà corrisposta la quota sanitaria; Pag. 14 di La Struttura, trascorsi cinque giorni lavorativi dalla segnalazione alla Area Funzionale Amministrativa Zona-distretto della disponibilità di uno o più posti e in assenza di comunicazione da parte della stessa Area Funzionale di una nuova ammissione, è autorizzata ad utilizzare il posto disponibile per inserimenti sia di utenti di altri enti pubblici che di privati cittadini. 4.La Struttura si impegna, inoltre, a favorire la sistemazione nella stessa camera di coppie o congiunti. ART. 5 - Ricoveri temporanei e d urgenza 1. I posti di cui al presente contratto possono essere utilizzati dall Azienda per il ricovero di anziani non autosufficienti e adulti inabili non autosufficienti < 65 anni, che necessitano di prestazioni riabilitative o di sollievo alla famiglia, segnalati dall UVM, nonché per i casi di ricovero d urgenza. 2. Per gli utenti in regime di ricovero temporaneo o d urgenza, in caso di assenza per ricovero ospedaliero, cessa il mantenimento del posto che rientra immediatamente nella disponibilità della Struttura, salvo richiesta contraria dell UVM. 3. Nel caso di ricoveri temporanei di ospiti inseriti ai sensi del presente contratto, la Struttura può richiedere agli interessati, a titolo di cauzione, un importo massimo, pari a dieci giorni, determinato in base alla parte di quota sociale posta eventualmente a loro carico. Tale cauzione ha carattere infruttifero e deve essere restituita entro 15 giorni dalla cessazione del rapporto. ART. 6 Anziani autosufficienti

15 Pag. 15 di Per quanto applicabile, il presente contratto si estende anche agli anziani autosufficienti eventualmente già inseriti nella Struttura al momento della sua entrata in vigore, fermo restando che non possono più essere inseriti in Struttura, a carico della spesa sanitaria e/o sociale, ulteriori anziani autosufficienti. ART. 7 Ammissione degli ospiti 1. L inserimento degli utenti non autosufficienti avviene da parte del settore amm.vo -attività sociosanitarie - afferente all Area funzionale Amm.va Zona-distretto, sulla base di un Piano Assistenziale Personalizzato (PAP), definito dall Unità di Valutazione Multidisciplinare zonale (UVM). 2. L ammissione è comunque subordinata alla libera scelta della Struttura e all assenso al ricovero espressi dal soggetto interessato o da chi ne ha la rappresentanza legale. 3. L ordine di priorità di ammissione fra più utenti è definito dall UVM zonale, che tiene conto dei tempi di attesa delle domande e della gravità ed urgenza del caso. 4. La struttura amministrativa, di cui al punto 1 del presente articolo, comunicherà per iscritto alla Direzione della Struttura e all utente o ai soggetti tenuti per legge, il corrispettivo della quota compartecipativa (sociale) posto a carico dell utente, l eventuale corrispettivo (sociale) del titolo d acquisto posto a carico del Comune di residenza dell assistito ed il corrispettivo sanitario del titolo d acquisto. 5. Entro 24 ore dall inserimento, la Struttura deve comunicare, a mezzo , l avvenuto ricovero al Coordinatore Sociale di Zona-

16 Pag. 16 di 33 distretto, aggiornando il giorno stesso l inserimento nell apposito programma informatico messo a disposizione (CARIBEL). 6. Gli utenti inseriti in Struttura ai sensi del presente contratto, su richiesta della Struttura stessa, possono conferire apposita delega di pagamento, anche tramite RID bancario, con addebito mensile automatico sul proprio conto corrente, per la copertura dell importo di loro competenza. 7. L Azienda provvederà a corrispondere direttamente alla Struttura il corrispettivo sanitario del titolo d acquisto, determinato da atti formali della Regione Toscana e l eventuale corrispettivo sociale del titolo d acquisto posto a carico del Comune di residenza dell utente, mentre comunicherà alla struttura, con lettera formale, il corrispettivo della quota compartecipativa (parte sociale) posto a carico dell utente, calcolato con il metodo ISEE come da normativa vigente; 8. La Struttura, al momento di un nuovo inserimento, può chiedere, a propria garanzia, agli utenti e/o tenuti per legge, la sottoscrizione di una lettera-contratto con la quale questi si impegnano al pagamento della quota sociale del titolo d acquisto posta a loro carico, secondo accordi di natura privatistica. Lo schema di tale contratto dovrà essere depositato presso l Azienda e dovrà comunque rispettare quanto definito nel presente atto. 9. La Struttura non potrà in alcun modo rifiutare l inserimento di un utente proposto dall Azienda USL che abbia provveduto a tutti gli adempimenti previsti dal vigente regolamento aziendale in materia di inserimenti nelle RSA. ART. 8 Dimissioni

17 Pag. 17 di La dimissione degli ospiti di cui all art. 2, quando non avvenga per decesso o non sia decisa per diretta volontà dell interessato o di chi ne esercita la tutela, deve essere concordata con il Coordinatore Sociale di Zona-distretto, coinvolgendo nella decisione l interessato, i suoi familiari e/o chi ne abbia la tutela e può essere effettuata: a) per manifesta, grave e perdurante incompatibilità dell utente o dei suoi familiari con l ambiente della residenza e con gli altri ospiti; b) nei casi di variazione dello stato di salute dell ospite, che determini la necessità di una diversa tipologia di ricovero. 2. La Direzione della Struttura è tenuta a notificare all Azienda l avvenuta dimissione e/o decesso dell assistito nel termine di 24 ore dalla cessazione delle prestazioni, per mezzo di apposita comunicazione scritta, nonché ad aggiornare in tempo reale il programma informatico (CARIBEL). 3. Non è ammessa dimissione per morosità. 4. La Struttura è tenuta ad inserire giornalmente, nel programma informatico CARIBEL, le assenze a qualsiasi titolo dell ospite. ART. 9 Prestazioni 1. La Struttura garantisce agli ospiti i requisiti minimi strutturali, organizzativi e professionali previsti nel DPGRT 26 marzo 2008, n. 15/R e i requisiti generali previsti dal Regolamento di attuazione della LR 28 dicembre 2009, n. 82, adottato con DGRT n. 206/2010. ART. 10 Tutela della salute

18 Pag. 18 di Le persone ospitate nella Struttura usufruiscono delle prestazioni previste dal Servizio Sanitario Nazionale, organizzate sul territorio in base alla programmazione regionale e locale dei servizi sociosanitari. 2. A fini terapeutici, lo stato di salute delle persone ospitate viene seguito dai medici di medicina generale convenzionati con il Servizio Sanitario Nazionale, scelti dagli ospiti, come previsto dalla normativa regionale. 3. La Struttura si impegna a promuovere ogni rapporto con i competenti servizi sociosanitari territoriali per assicurare alle persone ospitate la fruizione di attività di socializzazione, prevenzione, cura e riabilitazione. 4. La Struttura per i posti finanziati dal presente contratto è tenuta: a. per ciascuna persona ospitata, a predisporre e rendere attivi programmi e piani assistenziali individuali di carattere preventivo, terapeutico e riabilitativo da verificare periodicamente; b. in caso di necessità, a chiamare il medico curante della persona ospitata o il medico della continuità assistenziale; c. in caso di malattia, a prestare alla persona ospitata tutte le cure necessarie prescritte dal medico curante, ove compatibile con la permanenza nella Struttura; d. a fornire le necessarie prestazioni infermieristiche mediante personale abilitato a termini di legge;

19 Pag. 19 di 33 e. curare l approvvigionamento, con costi a carico dell utente, la somministrazione e la conservazione dei medicinali prescritti dal medico curante; f. su disposizione del medico curante e in caso di ricovero d urgenza, ad organizzare il trasporto in ospedale della persona ospitata e mantenere costanti rapporti durante il periodo di degenza; g. a seguire per ciascuna persona ospitata, la dieta prescritta dal medico curante e, in particolare, con costi a carico del Servizio Sanitario Nazionale nel caso di diete particolari previste dai LEA; h. in caso di malattia, di ricovero ospedaliero, di infermità o di pericolo di vita della persona ospitata, ad avvisare i familiari o, in loro assenza, l operatore sociosanitario territoriale che lo ha in carico. 5. Tutte le attività e gli interventi di cui sopra devono essere registrati nella cartella personale della persona ospitata. ART. 11 Organizzazione e fruibilità degli spazi 1. Le caratteristiche della Struttura sono quelle previste nel Regolamento di attuazione dell art. 62 della LR 24 febbraio 2005, n. 41, approvato con DPGRT 26 marzo 2008, n. 15/R o comunque sulla base delle rispettive autorizzazioni. ART. 12 Organizzazione della vita comunitaria 1. La Struttura si impegna a garantire alle persone ospitate la massima libertà, compatibilmente con il loro stato di salute e con l organizzazione della Struttura, nonché a organizzare la fruizione dei servizi nel rispetto dei ritmi di vita delle stesse.

20 Pag. 20 di La Struttura favorisce la partecipazione degli ospiti alle iniziative sociali, di tempo libero, religiose e culturali attuate nella zona. 3. La Struttura dà la propria disponibilità, anche in collaborazione con i servizi sociali e sanitari territoriali, affinché le persone ospitate possano rimanere collegate con il proprio contesto familiare e sociale, facilitando e promuovendo i rapporti con familiari e amici e favorendo frequenti visite da parte di questi e, quando possibile, anche brevi soggiorni in famiglia. ART. 13 Regolamento interno e partecipazione 1. La Struttura si impegna ad aggiornare il proprio regolamento interno secondo gli indirizzi previsti dalla Regione Toscana e a garantire gli organismi di rappresentanza per la partecipazione e collaborazione degli ospiti e dei loro familiari o di chi ne esercita la tutela giuridica ed eventuali altri organismi di tutela degli ospiti. ART. 14 Documentazione 1. Al momento del primo ingresso, la Struttura è tenuta a consegnare all utente, al familiare o a chi esercita la tutela giuridica, il regolamento della Struttura, la Carta dei Servizi e copia del presente contratto. 2. Nel rispetto della normativa in materia di privacy, la Struttura si impegna a tenere aggiornata la seguente documentazione relativa alle persone ospitate e all organizzazione della vita comunitaria: a. progetto individualizzato e cartella personale, per ciascuna persona accolta;

GIUNTA ESECUTIVA. Ente rappresentato Nome e Cognome Carica Quote Presenti Assenti AUSL 4 Massimo Braganti Direttore 33,33 X. delegato.

GIUNTA ESECUTIVA. Ente rappresentato Nome e Cognome Carica Quote Presenti Assenti AUSL 4 Massimo Braganti Direttore 33,33 X. delegato. GIUNTA ESECUTIVA Deliberazione n. 07 del 21.02.2014 Oggetto: Definizione del sistema dei titoli di acquisto per l inserimento semiresidenziale degli anziani aventi diritto nelle strutture accreditate.

Dettagli

La RSA,... rappresentata dal Legale Rappresentante con sede in SI STIPULA E SI CONVIENE QUANTO SEGUE

La RSA,... rappresentata dal Legale Rappresentante con sede in SI STIPULA E SI CONVIENE QUANTO SEGUE ATTO DI CONVENZIONE CON LA RSA.. L anno 2009 e questo dì del mese di nella sede dell INPDAP Direzione Centrale Welfare e Strutture Sociali, Largo Jose Maria Escriva de Balaguer, 11 00142 Roma TRA INPDAP

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER L INSERIMENTO DI MINORI E MADRI CON BAMBINI IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMI-RESIDENZIALI TRA

ACCORDO QUADRO PER L INSERIMENTO DI MINORI E MADRI CON BAMBINI IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMI-RESIDENZIALI TRA ACCORDO QUADRO PER L INSERIMENTO DI MINORI E MADRI CON BAMBINI IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMI-RESIDENZIALI L anno 2015, il mese di., il giorno TRA la struttura residenziale/semiresidenziale denominata....

Dettagli

CONTRATTO DI ASSISTENZA SOCIO SANITARIA ASSISTENZIALE FRA

CONTRATTO DI ASSISTENZA SOCIO SANITARIA ASSISTENZIALE FRA CONTRATTO DI ASSISTENZA SOCIO SANITARIA ASSISTENZIALE FRA la Fondazione Pasotti Cottinelli Onlus, ente gestore della Rsa Pasotti Cottinelli (di seguito per brevità denominata Fondazione) con sede in Brescia

Dettagli

CONVENZIONE PER OSPITALITA E PRESTAZIONI SOCIO-SANITARIE IN FAVORE DI ANZIANI AUTOSUFFICIENTI E NON AUTOSUFFICIENTI E ADULTI INABILI TRA

CONVENZIONE PER OSPITALITA E PRESTAZIONI SOCIO-SANITARIE IN FAVORE DI ANZIANI AUTOSUFFICIENTI E NON AUTOSUFFICIENTI E ADULTI INABILI TRA CONVENZIONE PER OSPITALITA E PRESTAZIONI SOCIO-SANITARIE IN FAVORE DI ANZIANI AUTOSUFFICIENTI E NON AUTOSUFFICIENTI E ADULTI INABILI TRA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE AZIENDA SANITARIA DI FIRENZE COMUNE

Dettagli

ROMA CAPITALE Municipio 18 Roma Aurelio U.O.S.E.C.S. Servizi Sociali Il Dirigente

ROMA CAPITALE Municipio 18 Roma Aurelio U.O.S.E.C.S. Servizi Sociali Il Dirigente CONVENZIONE Attività di ballo e ginnastica presso i Centri Anziani del Municipio 18 CIG n. 5110477308 Il giorno. del mese di. dell anno 2013 presso la sede del Servizio Sociale del Municipio 18 Roma Aurelio,

Dettagli

SERVIZIO DI RISONANZA MAGNETICA

SERVIZIO DI RISONANZA MAGNETICA Presidio Ospedaliero Nord S.MARIA GORETTI DI LATINA SERVIZIO DI RISONANZA MAGNETICA GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI UNA RM 1,5 T, L AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 740 DEL 27/09/2013 APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI E GRAVISSIME DISABILITA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2013

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE approvato con Deliberazione di Consiglio comunale n. 83/15 del 08.07.2008 e modificato con atto del Commissario Straordinario

Dettagli

PROVINCIA di MANTOVA DISCIPLINARE D INCARICO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA per.. in esecuzione della Determinazione n. PREMESSO che:

PROVINCIA di MANTOVA DISCIPLINARE D INCARICO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA per.. in esecuzione della Determinazione n. PREMESSO che: PROVINCIA di MANTOVA DISCIPLINARE D INCARICO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA per.. in esecuzione della Determinazione n PREMESSO che: vista la Delibera di Giunta Provinciale n. 198 del 04/12/2008 recante: Modifiche

Dettagli

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AI DIPENDENTI DELLA CITTA' METROPOLITANA DI MILANO CON ESTINZIONE MEDIANTE L ISTITUTO DELLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO L anno nel mese di il giorno.in

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMIGLIARI REGOLARMENTE ASSUNTE

BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMIGLIARI REGOLARMENTE ASSUNTE BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMIGLIARI REGOLARMENTE ASSUNTE 1. COS È IL BUONO SOCIALE PER ASSISTENTI FAMIGLIARI È un contributo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI U f f i c i o d i P i a n o Varese, lì 4 marzo 2015 Prot. n. 16082 AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI DISTRETTO VARESE

Dettagli

CONTRATTO DI INGRESSO PRESSO LA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PER ANZIANI

CONTRATTO DI INGRESSO PRESSO LA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PER ANZIANI CONTRATTO DI INGRESSO PRESSO LA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PER ANZIANI TRA La FONDAZIONE BEPPINA E FILIPPO MARTINOLI CASA DELLA SERENITA ONLUS iscritta nel Registro delle Persone Giuridiche Private

Dettagli

T R A PREMESSO CHE. Integra con sede presso La Corte Berica in Via Carbonarolla, n. 30-36040 Grancona

T R A PREMESSO CHE. Integra con sede presso La Corte Berica in Via Carbonarolla, n. 30-36040 Grancona ACCORDO CONTRATTUALE PER LA DEFINIZIONE DELLA COMPARTECIPAZIONE ECONOMICA DEL DSM NEL CASO DI INSERIMENTO DI PAZIENTI CON DOPPIA DIAGNOSI SERT E DSM PRESSO STRUTTURE GESTITE DALLA FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA ALLEGATO A) Modificato con le determinazioni del C.C. n. 53 del 30.09.2013 REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA

Dettagli

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 39

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 39 O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n. 7. DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE Determinazione n. 39

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI FIRENZE E LA STRUTTURA SEMIRESIDENZIALE PER MINORI

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI FIRENZE E LA STRUTTURA SEMIRESIDENZIALE PER MINORI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI FIRENZE E LA STRUTTURA SEMIRESIDENZIALE PER MINORI per l erogazione di prestazioni socio assistenziali ed educative a carattere semiresidenziale a favore di minori assistiti

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 106

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 106 O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n. 7. DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE Determinazione n. 106

Dettagli

C O N V E N Z I O N E

C O N V E N Z I O N E C O N V E N Z I O N E Il Comune di PONTECAGNANO FAIANO (SA), Capofila dell Ambito Territoriale S4, sito in via M.A. Alfani, Legalmente Rappresentato dalla dott.ssa Giovanna Martucciello, nata a Pontecagnano

Dettagli

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 27

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 27 O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n. 7. DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE Determinazione n. 27

Dettagli

CONTRIBUTO PER IL CONCORSO ALLE SPESE DEL PERSONALE DEDICATO ALL ASSISTENZA FAMILIARE

CONTRIBUTO PER IL CONCORSO ALLE SPESE DEL PERSONALE DEDICATO ALL ASSISTENZA FAMILIARE Si informano i cittadini che sono stati approvati i criteri per l assegnazione del CONTRIBUTO PER IL CONCORSO ALLE SPESE DEL PERSONALE DEDICATO ALL ASSISTENZA FAMILIARE Requisiti per l accesso: 1. anziani

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ALLEGATO B) all Avviso Schema di CONVENZIONE TRA COMUNE DI FORLì E ASSOCIAZIONE DI (VOLONTARIATO /PROMOZIONE SOCIALE) (nome). PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO CRESCERE NEL CENTRO PREMESSO - che l Amministrazione

Dettagli

Rio Marina AVVISO PUBBLICO

Rio Marina AVVISO PUBBLICO Rio Marina Comune elbano AVVISO PUBBLICO OGGETTO : Avviso di gara di licitazione privata per l affidamento del servizio di assistenza domiciliare agli anziani non autosufficienti. Si rende noto che con

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI U f f i c i o d i P i a n o Varese, lì 7 marzo 2014 Prot. n. 12720 AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI DISTRETTO VARESE

Dettagli

BANDO A SPORTELLO (DAL 16.03.2015 AL 30.10.2015 O FINO AD ESAURIMENTO FONDI)

BANDO A SPORTELLO (DAL 16.03.2015 AL 30.10.2015 O FINO AD ESAURIMENTO FONDI) INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 2883 DEL 12/12/2014 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI DISABILITA E NON AUTOSUFFICIENZA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2014. ULTERIORI

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMILIARI REGOLARMENTE ASSUNTE

BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMILIARI REGOLARMENTE ASSUNTE BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMILIARI REGOLARMENTE ASSUNTE 1. COS È IL BUONO SOCIALE PER ASSISTENTI FAMILIARI È un contributo

Dettagli

FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DI UN FINANZIAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO MEZZI AZIENDALE.

FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DI UN FINANZIAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO MEZZI AZIENDALE. Pag. 1 di 6 CAPITOLATO SPECIALE RELATIVO AL SERVIZIO FINANZIARIO E BANCARIO PER L ACQUISIZIONE DI UN FINANZIAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO 1 Pag. 2 di 6 INDICE ART. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO --------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

BOZZA DI CONTRATTO. tra

BOZZA DI CONTRATTO. tra BOZZA DI CONTRATTO tra la società TRM SpA, con sede legale in Torino, via P. Gorini, n. 50, Partita Iva e Cod. Fisc. 08566440015, in persona del proprio legale rappresentante pro tempore, (qui di seguito

Dettagli

Determina Servizi Sociali ed Educativi/0000042 del 04/02/2013

Determina Servizi Sociali ed Educativi/0000042 del 04/02/2013 Comune di Novara Determina Servizi Sociali ed Educativi/0000042 del 04/02/2013 Area / Servizio Servizi Sociali Educativi (23.UdO) Proposta Istruttoria Unità Servizi Sociali Educativi (23.UdO) Proponente

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012

DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012 INDICE: 1. FINALITA. 2. SOGGETTI AVENTI DIRITTO. 3. PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA.

Dettagli

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 70

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 70 O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n. 7. DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE Determinazione n. 70

Dettagli

Art.1 - Oggetto del regolamento

Art.1 - Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE SPERIMENTALE DI ASSEGNI DI CURA AD ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CARICO ALL UNITA DI VALUTAZIONE GERIATRICA DEL DISTRETTO N.1 DELL A.S.L. 5 Art.1 - Oggetto del regolamento

Dettagli

BANDO DAL 15.03.2014 AL 30.06.2014

BANDO DAL 15.03.2014 AL 30.06.2014 INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 740 DEL 27/09/2013 APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI E GRAVISSIME DISABILITA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2013

Dettagli

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura.

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura. Articolo1 (Istituzione del servizio) 1. In esecuzione dell articolo 4, comma 5, punto e) e dell articolo 34 dello Statuto Sociale della Cooperativa Edificatrice Ferruccio Degradi S.c.r.l. viene istituito

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila. il giorno. del mese di. nella sede della stazione appaltante sita.., alla via.. n..., avanti a me dott, autorizzato a ricevere atti e contratti

Dettagli

CONTRATTO D INGRESSO IN R.S.A DGR 3540/2012

CONTRATTO D INGRESSO IN R.S.A DGR 3540/2012 CONTRATTO D INGRESSO IN R.S.A DGR 3540/2012 OGG: Presa in carico utente RSA Vista la richiesta relativa all inserimento del Sig./Sig. ra nato/ a il residente a in via n. CAP C.F. tessera sanitaria TRA

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 93 del 01/07/2015 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO AVVISO DI RIDEFINIZIONE NORME ASSEGNAZIONE VOUCHER SOCIALI PER SOSTENERE LA VITA

Dettagli

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA Contratto n. /2012 FORNITURA BUONI PASTO L anno 2012, il giorno del mese di, TRA.. con sede legale in vi., partita IVA, in persona del legale rappresentante., in seguito denominata Committente E con sede

Dettagli

DETERMINAZIONE COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI AREA SOCIO-CULTURALE C O P I A

DETERMINAZIONE COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI AREA SOCIO-CULTURALE C O P I A COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI AREA SOCIO-CULTURALE SERVIZIO: DETERMINAZIONE C O P I A N. 646 13 luglio 2015 OGGETTO: PLUS 21. PROGETTO HCP 2014. PRESTAZIONI INTEGRATIVE. IMPEGNO DI

Dettagli

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE LATINA CONTRATTO DI APPALTO TRA PER

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE LATINA CONTRATTO DI APPALTO TRA PER AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE LATINA CONTRATTO DI APPALTO TRA Azienda Unità Sanitaria Locale Latina con sede legale in V.le P.L. Nervi Centro Direzionale Latinafiori/torre G2 04100 Latina codice fiscale

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNO 2015 indetto ai sensi della Legge 9 dicembre 1998, n. 431, del Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici 7 giugno 1999,

Dettagli

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di REP. n. del CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL PERIODO 01.03.2012-31.12.2014 - C.I.G. [ ]. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di presso la Sede

Dettagli

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori stranieri non accompagnati e di giovani migranti MODALITA DI ATTUAZIONE Art. 1 NORME REGOLATRICI La partecipazione

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

Casa famiglia per adulti con disabilità Marano Come Noi. via Marano, n.465-03023 Ceccano (Fr) Tel. 0775 604470

Casa famiglia per adulti con disabilità Marano Come Noi. via Marano, n.465-03023 Ceccano (Fr) Tel. 0775 604470 Casa famiglia per adulti con disabilità Marano Come Noi via Marano, n.465-03023 Ceccano (Fr) Tel. 0775 604470 Approvato con Deliberazione del Comitato dell Accordo di Programma n.4 del 17/11/2010 Distretto

Dettagli

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n.

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n. C O N V E N Z I O N E PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA NON SANITARIA AGLI OSPITI DELLA STRUTTURA RESIDENZIALE A BASSA INTENSITA ASSISTENZIALE PER PAZIENTI PSICHIATRICI DEL 2 DISTRETTO DELLA

Dettagli

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER PER L ACQUISTO DI PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DI POTENZIAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE, A FAVORE DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Richiamati: PERIODO

Dettagli

TRA LE PARTI PREMESSO

TRA LE PARTI PREMESSO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO ALLA COOPERATIVA SOCIALE CASA BIANCA DELLA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO-REINSERIMENTO LAVORATIVO, DI AFFIANCAMENTO E SUPPORTO EDUCATIVO A FAVORE DI UTENTI SEGUITI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE REPUBBLICA ITALIANA Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE Oggetto: Contratto d appalto per l affidamento del servizio di gestione dell albo fornitori telematico e delle gare on-line da parte

Dettagli

Modello di contratto. Somministrazione o staff leasing

Modello di contratto. Somministrazione o staff leasing Modello di contratto Somministrazione o staff leasing MODELLO DI CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE O STAFF LEASING... [Somministratore], con sede legale in..., via..., n...., C.F...., partita IVA..., autorizzazione

Dettagli

Comune di Bassano del Grappa

Comune di Bassano del Grappa Comune di Bassano del Grappa DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Registro Unico 1358 / 2015 Area A1 - Area Risorse, Sviluppo OGGETTO: DETERMINA A CONTRARRE PER L AFFIDAMENTO DIRETTO DEL SERVIZIO DI ANALISI E COSTITUZIONE

Dettagli

Repubblica Italiana. COMUNE della CITTA di SARSINA. Provincia Forlì-Cesena CONTRATTO REGOLANTE I RAPPORTI TRA IL COMUNE DI SARSINA E IL

Repubblica Italiana. COMUNE della CITTA di SARSINA. Provincia Forlì-Cesena CONTRATTO REGOLANTE I RAPPORTI TRA IL COMUNE DI SARSINA E IL Repubblica Italiana COMUNE della CITTA di SARSINA Provincia Forlì-Cesena CONTRATTO REGOLANTE I RAPPORTI TRA IL COMUNE DI SARSINA E IL DOTT. PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI FISIOTERAPIA DA SVOLGERSI PRESSO

Dettagli

MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA

MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013, n. 159 Nuove modalità di calcolo dell

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI. L anno il giorno del mese nei locali

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI. L anno il giorno del mese nei locali DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 COMUNi: BRONTE MALETTO MANIACE E RANDAZZO Allegato : C PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI L anno il giorno del mese nei locali, in via

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI CAPO I RICHIAMI NORMATIVI Art. 1 1. Il presente documento disciplina i criteri per l accesso ai servizi erogati dal Comune di Vedano Olona, le modalità del

Dettagli

DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA DI TRASPORTO SOCIALE IN FAVORE DI CITTADINI ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI IMPRUNETA

DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA DI TRASPORTO SOCIALE IN FAVORE DI CITTADINI ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI IMPRUNETA All. A DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA DI TRASPORTO SOCIALE IN FAVORE DI CITTADINI ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI IMPRUNETA Art.1 CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente disciplinare regola

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

A seguito dei criteri definiti dall Assemblea dei Sindaci in data viene aperto il BANDO A SPORTELLO (dal 25/05/2015 al 31/12/2015)

A seguito dei criteri definiti dall Assemblea dei Sindaci in data viene aperto il BANDO A SPORTELLO (dal 25/05/2015 al 31/12/2015) INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 2883 DEL 12/12/2014 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVE DISABILITA E NON AUTOSUFFICIENZA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2014. ULTERIORI

Dettagli

COMUNE DI MONTEROTONDO. Provincia di Roma CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL PROGETTO SPAZIO GIOVANI

COMUNE DI MONTEROTONDO. Provincia di Roma CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL PROGETTO SPAZIO GIOVANI COMUNE DI MONTEROTONDO Provincia di Roma CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL PROGETTO SPAZIO GIOVANI Nell anno 2012 il giorno 28 del mese di Dicembre, nella sede del Comune di Monterotondo (RM) TRA - ANTONELLI

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A Deliberazione della G.R. n. 104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie, private e degli

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SERVIZI ASSISTENZIALI SANITARI E ALTRI SERVIZI AUSILIARI

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SERVIZI ASSISTENZIALI SANITARI E ALTRI SERVIZI AUSILIARI 1 SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SERVIZI ASSISTENZIALI SANITARI E ALTRI SERVIZI AUSILIARI Codice CIG L anno duemila, il giorno del mese di nella sede della Casa per Anziani Umberto I - Piazza della Motta

Dettagli

SCHEMA DI DISCIPLINARE FUNZIONAMENTO DEL VOUCHER SOCIALE

SCHEMA DI DISCIPLINARE FUNZIONAMENTO DEL VOUCHER SOCIALE SCHEMA DI DISCIPLINARE FUNZIONAMENTO DEL VOUCHER SOCIALE Art.1)Oggetto II presente disciplinare ha per oggetto il servizio di Assistenza domiciliare attraverso l erogazione e l'assegnazione dei titoli

Dettagli

DETERMINAZIONE COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI AREA SOCIO-CULTURALE C O P I A

DETERMINAZIONE COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI AREA SOCIO-CULTURALE C O P I A COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI AREA SOCIO-CULTURALE SERVIZIO: DETERMINAZIONE C O P I A N. 650 13 luglio 2015 OGGETTO: PLUS 21. PROGETTO HCP 2014. PRESTAZIONI INTEGRATIVE. IMPEGNO DI

Dettagli

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELLA LEGGE 24.4.1990 N.100, ART. 4, E SUCCESSIVE

Dettagli

COMUNE DI CANEGRATE. (Provincia di Milano) CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI ABBATTIMENTO

COMUNE DI CANEGRATE. (Provincia di Milano) CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI ABBATTIMENTO Marca da bollo assolta virtualmente con F23 Repertorio n. COMUNE DI CANEGRATE (Provincia di Milano) CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE NELLE VIE E. TOTI/VERDI

Dettagli

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA AVVISO ESPLORATIVO Oggetto: Fornitura di energia elettrica e servizi connessi per sessantacinque utenze intestate all EFS. - Importo complessivo annuo stimato 37.000,00 oltre iva di legge. - Procedura

Dettagli

PROVINCIA DI FIRENZE

PROVINCIA DI FIRENZE Repertorio n. Fasc. n. /2008 PROVINCIA DI FIRENZE Contratto di appalto per l esecuzione dei lavori di CIG: REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilatredici (2013) addí () del mese di, in Firenze, in una sala

Dettagli

COMUNE DI CARAVAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO... DI PORZIONE DI IMMOBILE SITO IN CARAVAGGIO. Caravaggio, il quale interviene al presente atto in nome e

COMUNE DI CARAVAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO... DI PORZIONE DI IMMOBILE SITO IN CARAVAGGIO. Caravaggio, il quale interviene al presente atto in nome e COMUNE DI CARAVAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO SCHEMA DI ATTO DI CONCESSIONE IN USO A FAVORE DI... DI PORZIONE DI IMMOBILE SITO IN CARAVAGGIO VIA CARLO PORTA 2, DELLA SUPERFICIE COMPLESSIVA DI MQ. 940 DI CUI

Dettagli

COMUNE DI MONTALE. Provincia di Pistoia OGGETTO: LAVORI DI SISTEMAZIONE DEL GIARDINO MONUMENTALE CON ALLESTIMENTO DEL PROGETTO DEL

COMUNE DI MONTALE. Provincia di Pistoia OGGETTO: LAVORI DI SISTEMAZIONE DEL GIARDINO MONUMENTALE CON ALLESTIMENTO DEL PROGETTO DEL COMUNE DI MONTALE Provincia di Pistoia OGGETTO: LAVORI DI SISTEMAZIONE DEL GIARDINO MONUMENTALE CON ALLESTIMENTO DEL PROGETTO DEL GIARDINO DEL XXI SEC VILLA CASTELLO SMILEA MONTALE CAPOLUOGO. REP. 2/2015

Dettagli

DETERMINAZIONE del Responsabile del Servizio P.E.G. N. 3

DETERMINAZIONE del Responsabile del Servizio P.E.G. N. 3 DETERMINAZIONE del Responsabile del Servizio ORIGINALE P.E.G. N. 3 SERVIZI SOCIALI Determinazione n 315 In data 21.09.2015 N progressivo generale 1308 OGGETTO: GARA D'APPALTO A PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO

Dettagli

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa REGOLAMENTO DEI PRESTITI SOCIALI Art. 1 - Definizione dei prestiti sociali 1. I depositi in denaro effettuati da soci esclusivamente per il conseguimento dell oggetto sociale con obbligo di rimborso per

Dettagli

BANDO PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA DI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA: contributi per spese di gestione anno educativo 2008/2009

BANDO PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA DI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA: contributi per spese di gestione anno educativo 2008/2009 ALLEGATO A Regione Toscana Direzione Generale Politiche formative, beni e attività culturali Area di Coordinamento Orientamento, istruzione, formazione e lavoro Settore Infanzia e diritto agli studi BANDO

Dettagli

COMUNE DI MONTEVIALE - Provincia di Vicenza -

COMUNE DI MONTEVIALE - Provincia di Vicenza - COMUNE DI MONTEVIALE - Provincia di Vicenza - 36050 Piazza Libertà, 20 c.f. e p.iva 00218540243 e-mail: comune@comune.monteviale.vi.it http://www.comune.monteviale.vi.it Area Tecnica Servizio Manutenzioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI COMUNE DI CENTO COMUNE CAPOFILA GESTIONALE SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTO FERRARESE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI 1 ai sensi della delibera G. R. 26 luglio

Dettagli

BUONO SOCIALE. Via Turati 2/b - 22036 Erba (C0) - P. IVA 02984610135 - Tel. 031 6474525 - Fax 031 6474539 - ufficiodipiano@consorzioerbese.

BUONO SOCIALE. Via Turati 2/b - 22036 Erba (C0) - P. IVA 02984610135 - Tel. 031 6474525 - Fax 031 6474539 - ufficiodipiano@consorzioerbese. BUONO SOCIALE CRITERI E MODALITA PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITE A DOMICILIO DAI FAMILIARI O CON ASSISTENZA INFORMALE Art. 1 Finalità: Il buono sociale

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.63 del 21.12.2010 ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli

COMUNE DI CASOLE D ELSA

COMUNE DI CASOLE D ELSA COMUNE DI CASOLE D ELSA PROVINCIA DI SIENA DETERMINAZIONE N 46 COPIA DEL 15/02/2014 SERVIZIO UFFICIO TECNICO OGGETTO : Sistema di gestione aziendale in materia di sicurezza e igiene del lavoro - conferimento

Dettagli

DELL ASSISTENZA DOMICILIARE E SCOLASTICA PER UN. L anno Duemilaundici, il giorno del mese di,

DELL ASSISTENZA DOMICILIARE E SCOLASTICA PER UN. L anno Duemilaundici, il giorno del mese di, COMUNE DI TORTOLI PROVINCIA OGLIASTRA CONTRATTO APPALTO SERVIZIO DI GESTIONE DELL ASSISTENZA DOMICILIARE E SCOLASTICA PER UN PERIODO DI ANNI 2 PLUS DISTRETTO OGLIASTRA Rep. del L anno Duemilaundici, il

Dettagli

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia SERVIZIO PERSONALE ED ORGANIZZAZIONE CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI SUSSIDIARIETA L anno il giorno del mese di. tra Il Comune di Spinea, di

Dettagli

COMUNE DI TARANTO (Codice Fiscale 800087507 Partita IVA 00850530734) Direzione POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI TARANTO (Codice Fiscale 800087507 Partita IVA 00850530734) Direzione POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI TARANTO (Codice Fiscale 800087507 Partita IVA 00850530734) Direzione POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE NELLA FORMA DI FONDO PENSIONE APERTO PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA

Dettagli

Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO

Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO COMUNE DI CALCIO REP. N. Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO SCOLASTICO ANNI 2010/2011/2012-

Dettagli

OGGETTO DEI LAVORI INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA RESIDENZA UNIVERSITARIA DI VIA VERDI, 15 - TORINO C.U.P. [ I16J11000500003 ]

OGGETTO DEI LAVORI INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA RESIDENZA UNIVERSITARIA DI VIA VERDI, 15 - TORINO C.U.P. [ I16J11000500003 ] OGGETTO DEI LAVORI INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA RESIDENZA UNIVERSITARIA DI VIA VERDI, 15 - TORINO C.U.P. [ I16J11000500003 ] C.I.G. [ 38183287F0 ] SCHEMA DI CONTRATTO 1 Rep. Num. REPUBBLICA

Dettagli

Casa di Riposo " Gottardo Delfinoni "

Casa di Riposo  Gottardo Delfinoni Prot. n. 318 Casorate Primo, 28 Settembre 2015 Spett.le... RACCOMANDATA A. R. ANTICIPATA A MEZZO E-MAIL Oggetto: Invito a partecipare alla procedura per l affidamento della gestione del servizio prestazioni

Dettagli

CONVENZIONE PER L'INSERIMENTO TEMPORANEO DI LAVORATORI DISABILI (ART. 12 ) - N

CONVENZIONE PER L'INSERIMENTO TEMPORANEO DI LAVORATORI DISABILI (ART. 12 ) - N Servizio per il collocamento mirato - L.68/99 Repertorio N Fascicolo N Legge 12 marzo 1999 - N. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili" CONVENZIONE PER L'INSERIMENTO TEMPORANEO DI LAVORATORI DISABILI

Dettagli

CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (Art. 10 L.R. n. 23/2006) tra

CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (Art. 10 L.R. n. 23/2006) tra CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (Art. 10 L.R. n. 23/2006) L anno 2011, il giorno., del mese di tra l Amministrazione Comunale di Cavarzere, con sede legale in Cavarzere

Dettagli

CENTROMARCA BANCA - CREDITO COOPERATIVO

CENTROMARCA BANCA - CREDITO COOPERATIVO CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI IN FAVORE DELLE FAMIGLIE CON NUOVI NATI O FIGLI ADOTTATI NEGLI ANNI 2009, 2010, 2011 TRA Il Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del

Dettagli

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE Indetto ai sensi dell art. 11 della legge 9

Dettagli

CONGREGAZIONE PICCOLE FIGLIE DI S. GIUSEPPE CASA PANCIERA Via F.lli Pasini, 24 36015 SCHIO (VI) CONTRATTO/DOMANDA DI ACCOGLIMENTO

CONGREGAZIONE PICCOLE FIGLIE DI S. GIUSEPPE CASA PANCIERA Via F.lli Pasini, 24 36015 SCHIO (VI) CONTRATTO/DOMANDA DI ACCOGLIMENTO CONGREGAZIONE PICCOLE FIGLIE DI S. GIUSEPPE CASA PANCIERA Via F.lli Pasini, 24 36015 SCHIO (VI) CONTRATTO/DOMANDA DI ACCOGLIMENTO Con la presente Il/i sottoscritto/i Sig./Sig.ra nato/a a, il e residente

Dettagli

C O M U N E D I F E R M O

C O M U N E D I F E R M O C O M U N E D I F E R M O ---==*==--- Repertorio n.. del.. OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI CENTRI SOCIO EDUCATIVI RIABILITATIVI DIURNI PER DISABILI DEL COMUNE DI FERMO. Codice C.I.G. 64128589D3

Dettagli

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO L anno, il giorno del mese di in Roma Via TRA La FONDAZIONE ENASARCO, con sede in Roma, Via Antoniotto Usodimare

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

Convenzione per il trattamento e smaltimento dei rifiuti non pericolosi L anno duemilaquattordici, il giorno del mese di, tra i sottoscritti: -

Convenzione per il trattamento e smaltimento dei rifiuti non pericolosi L anno duemilaquattordici, il giorno del mese di, tra i sottoscritti: - Convenzione per il trattamento e smaltimento dei rifiuti non pericolosi L anno duemilaquattordici, il giorno del mese di, tra i sottoscritti: - SICULA TRASPORTI S.R.L., con sede a Catania in Via Antonino

Dettagli

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013 Lettera dei Costi relativa all Accordo di Finanziamento ( Accordo di Finanziamento ) stipulato tra la Regione Campania ( Regione ) e SVILUPPO CAMPANIA SpA 1. Premessa La presente Lettera dei Costi indica

Dettagli