Capitolo 4 Società. Capitolo 4 Società. Paragrafi. 4.1 Istruzione 4.2 Sanità e assistenza 4.3 Criminalità minorile

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 4 Società. Capitolo 4 Società. Paragrafi. 4.1 Istruzione 4.2 Sanità e assistenza 4.3 Criminalità minorile"

Transcript

1

2 Capitolo 4 Società Capitolo 4 Società Paragrafi 4.1 Istruzione 4.2 Sanità e assistenza 4.3 Criminalità minorile 103

3 Principali risultati emersi Per quanto concerne il tema dell istruzione, dall analisi del numero di alunni per sezione si evidenzia una situazione abbastanza uniforme nelle tre province in termini di livello dell offerta scolastica, dalla scuola materna a quella media superiore. Tuttavia, gli alunni iscritti alle unità scolastiche della di risultano in numero inferiore rispetto a quanto emerge per e, soprattutto,. Il fenomeno è essenzialmente legato alle differenze fra le tre città in termini di struttura per età della popolazione 1 : il capoluogo lombardo presenta una quota più elevata nella classe di età più anziana, mentre mostra una significativa componente giovanile. Focalizzando l attenzione sulle zone di decentramento del di, si delinea una maggiore concentrazione di unità scolastiche e di alunni nelle zone 7, 8 e 9 per le scuole dell infanzia ed elementari, e nella zona 1 per le scuole medie inferiori e, soprattutto, superiori. La zona più centrale del si distingue anche per una maggiore presenza di unità scolastiche non statali, la cui quota supera la metà della dotazione complessiva, mentre nel resto del esse rappresentano da un quinto a un terzo del totale. A tutto ciò possono essere aggiunte anche alcune riflessioni sul livello di istruzione della popolazione residente. Sia per la che per il capoluogo, e segnalano, a differenza di, una maggiore quota di popolazione tra i 15 e i 52 anni che ha terminato la scuola dell obbligo rispetto alla media nazionale e quindi un maggiore grado di istruzione dei residenti. Prendendo in considerazione la diffusione del diploma di scuola media superiore, tutte e tre le realtà territoriali confrontate presentano un indice superiore allo standard medio italiano. Concentrando l analisi sulla parte di istruzione universitaria, appare opportuno segnalare la ricchezza delle tre province in termini di offerta, sia per quanto riguarda il numero di sedi presenti sul territorio, sia per quanto concerne la varietà di indirizzi offerti. Tuttavia, mentre a gli iscritti appaiono distribuiti in modo più omogeneo tra le diverse sedi universitarie, a e più della metà degli studenti si concentrano in un unica struttura. Forti differenze emergono, poi, per i corsi di studio preferiti: nell anno accademico 2003/2004, mostra la maggiore quota sia di iscritti che di laureati in ambito giuridico, a differenza di, dove si riscontra in ambito politico-sociale il maggior numero di iscritti, e nel ramo medico la maggiore quota di laureati; si qualifica, invece, per una significativo numero di iscrizioni in materie economiche e statistiche e per la più rilevante quota di laureati in ingegneria. Per tutte e tre le province emerge, comunque, una non rassicurante carenza di iscritti e di laureati in rami scientifici. Un ulteriore approfondimento è dedicato alla sanità, per la quale non emergono sostanziali differenze tra gli ambiti del benchmark nazionale in termini di numero di strutture e posti letto disponibili. I differenti livelli osservabili negli indicatori quantitativi esaminati appaiono, difatti, in linea con le caratteristiche demografiche dei tre territori Cfr. capitolo 3 - Demografia.

4 Capitolo 4 Società A livello di assistenza erogata dalle amministrazioni li, i maggiori sforzi delle tre province convergono a favore dell infanzia e della maternità. Oltre a ciò, rivela, rispetto a e, un più elevato sostegno a immigrati e nomadi e un maggiore intervento nel campo del contrasto alla povertà. Elemento degno di nota è come il capoluogo lombardo, pur mostrando il più alto numero di assistiti, registri il valore minore di spesa per assistenza. Questo sembra suggerire una maggiore efficienza del sistema milanese in questo ambito. Un ultimo aspetto della società esaminato nel presente capitolo è rappresentato dal tema della criminalità minorile. Per questo fenomeno si riscontra una distribuzione sul territorio non uniforme, in quanto si osserva una maggiore concentrazione intorno ai comuni capoluogo, ossia nelle aree con maggiore densità di popolazione e quindi di potenziali vittime. Il che mostra la maggior porzione di delitti commessi da minori sul totale della di appartenenza è, con una percentuale che supera l 80 percento. Il dato è in parte connesso alla configurazione territoriale e demografica della capitale, che da sola racchiude quasi il 70 percento della popolazione dell intera 2. Il quoziente specifico di criminalità minorile 3 fa emergere una maggiore propensione a delinquere per il e la di, che, a differenza degli altri due comuni, mostra una più spiccata tendenza ad importare criminalità, sia per quanto concerne il luogo di residenza o domicilio del minore (solo la metà dei denunciati sono residenti nel, mentre quasi il 40 percento non hanno fissa dimora), sia per quel che riguarda la nazionalità (più della metà risultano stranieri, mentre a lo sono circa un terzo e a meno del 6 percento). In termini di tipologia di delitti, la criminalità minorile appare concentrata in quelli di più lieve entità, quali i furti: tra i tre comuni oggetto di comparazione spicca in particolare quello di, dove più della metà dei delitti appartengono a questa categoria, mentre a essi rappresentano un terzo del totale e a un quinto. Nel capoluogo lombardo si evidenzia, inoltre, una forte presenza di reati legati allo spaccio di stupefacenti (oltre un decimo del totale), mentre il di rivela una maggiore concentrazione di violenze e resistenze a pubblico ufficiale. Preme comunque segnalare che un numero superiore di delitti denunciati può essere anche segnale di una maggiore efficienza del sistema repressivo nel suo complesso. 2 Vedi nota 1. 3 Il quoziente specifico di criminalità minorile esprime il numero delitti di minorenni denunciati per mille residenti di età compresa tra 10 e 17 anni. 105

5 4.1 Istruzione Scuole materne: bambini, sezioni e dotazione organica per province a.s.2004/2005 area territoriale bambini sezioni dotazione n. bambini organica per sezione , , ,8 Tavola 4.1.1a IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR Scuole medie inferiori: alunni, classi e dotazione organica per province a.s.2004/2005 area territoriale bambini sezioni dotazione n. bambini organica per sezione , , ,7 Tavola 4.1.1c IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR Scuole elementari: alunni, classi e dotazione organica per province a.s.2004/2005 area territoriale bambini sezioni dotazione n. bambini organica per sezione , , ,6 Tavola 4.1.1b IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR Scuole medie superiori: alunni, classi e dotazione organica per province a.s.2004/2005 area territoriale bambini sezioni dotazione n. bambini organica per sezione , , ,4 Tavola 4.1.1d IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR 106

6 Capitolo 4 Società - Numero di alunni per classe nelle province a.s / scuole materne 1 scuole elementari scuole medie inferiori scuole medie superiori Grafico IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR 1 bambini/sezioni 107

7 4.1 Istruzione Zone decentramento Percentuale di unità scolastiche sul totale di a.s / % 30% 25% Percentuale di unità scolastiche sul totale di a.s.2002/2003 area territoriale scuole scuole scuole scuole materne elementari medie inferiori medie superiori zona 1 10,5% 12,6% 17,4% 29,9% zona 2 10,9% 10,7% 9,7% 14,6% zona 3 10,5% 10,2% 10,4% 11,6% zona 4 10,2% 10,2% 9,7% 7,3% zona 5 7,5% 8,4% 7,6% 7,3% zona 6 10,9% 8,4% 9,7% 6,1% zona 7 13,3% 13,0% 11,1% 5,5% zona 8 13,9% 14,9% 13,9% 10,4% zona 9 12,2% 11,6% 10,4% 7,3% totale 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% 20% 15% 10% 5% 0% zona 1 zona 2 zona 3 zona 4 zona 5 zona 6 zona 7 zona 8 zona 9 Tavola MI Grafico MI Comune di Comune di scuole materne scuole elementari scuole medie inferiori scuole medie superiori 108

8 Capitolo 4 Società Zone decentramento Percentuale di alunni 1 sul totale di a.s / % 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% zona 1 zona 2 zona 3 zona 4 zona 5 zona 6 zona 7 zona 8 zona 9 Percentuale di alunni 1 sul totale di a.s.2002/2003 area territoriale scuole scuole scuole scuole materne elementari medie inferiori medie superiori zona 1 10,3% 10,7% 12,2% 25,3% zona 2 10,4% 11,1% 9,6% 9,3% zona 3 11,6% 10,6% 12,5% 16,1% zona 4 11,7% 9,9% 8,5% 9,0% zona 5 7,6% 9,0% 8,0% 6,7% zona 6 11,4% 9,0% 10,0% 4,4% zona 7 12,4% 15,2% 14,8% 6,8% zona 8 13,1% 13,3% 13,7% 14,8% zona 9 11,5% 11,4% 10,7% 7,7% totale 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% Grafico MI Tavola MI Comune di scuole materne scuole elementari scuole medie inferiori scuole medie superiori elab. Comune di 1 per le scuole materne viene considerato il numero di bambini 109

9 4.1 Istruzione Scuole materne: unità scolastiche, classi e bambini a.s. 2002/2003 area territoriale pubbliche private totale unità classi bambini unità classi bambini unità classi bambini scolastiche scolastiche scolastiche zona zona zona zona zona zona zona zona zona totale Tavola MI Comune di 110

10 Capitolo 4 Società Zone decentramento Scuole materne: unità scolastiche a.s / 2003 Zone decentramento Scuole materne: bambini a.s / 2003 zona 1 zona 1 zona 2 zona 2 zona 3 zona 3 zona 4 zona 4 zona 5 zona 5 zona 6 zona 6 zona 7 zona 7 zona 8 zona 8 zona 9 totale zona 9 totale 0% 20% 40% 60% 80% 100% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Grafico 4.1.4a MI Grafico 4.1.4b MI Comune di scuole pubbliche scuole private Comune di scuole pubbliche scuole private 111

11 4.1 Istruzione Scuole elementari: unità scolastiche, classi e alunni a.s. 2002/2003 area territoriale pubbliche private totale unità classi bambini unità classi bambini unità classi bambini scolastiche scolastiche scolastiche zona zona zona zona zona zona zona zona zona totale Tavola MI Comune di 112

12 Capitolo 4 Società Zone decentramento Scuole elementari: unità scolastiche a.s / 2003 Zone decentramento Scuole elementari: alunni a.s / 2003 zona 1 zona 1 zona 2 zona 2 zona 3 zona 3 zona 4 zona 4 zona 5 zona 5 zona 6 zona 6 zona 7 zona 7 zona 8 zona 8 zona 9 totale 0% 20% 40% 60% 80% 100% zona 9 totale 0% 20% 40% 60% 80% 100% Grafico 4.1.5a MI Grafico 4.1.5b MI Comune di scuole pubbliche scuole private Comune di scuole pubbliche scuole private 113

13 4.1 Istruzione Scuole medie inferiori: unità scolastiche, classi e alunni a.s. 2002/2003 area territoriale pubbliche private totale unità classi bambini unità classi bambini unità classi bambini scolastiche scolastiche scolastiche zona zona zona zona zona zona zona zona zona totale Tavola MI Comune di 114

14 Capitolo 4 Società Zone decentramento Scuole medie inferiori: unità scolastiche a.s / 2003 Zone decentramento Scuole medie inferiori: alunni a.s / 2003 zona 1 zona 1 zona 2 zona 2 zona 3 zona 3 zona 4 zona 4 zona 5 zona 5 zona 6 zona 6 zona 7 zona 7 zona 8 zona 8 zona 9 totale 0% 20% 40% 60% 80% 100% zona 9 totale 0% 20% 40% 60% 80% 100% Grafico 4.1.6a MI Grafico 4.1.6b MI Comune di scuole pubbliche scuole private Comune di scuole pubbliche scuole private 115

15 4.1 Istruzione Scuole medie superiori: unità scolastiche, classi e alunni a.s. 2002/2003 area territoriale pubbliche private totale unità classi bambini unità classi bambini unità classi bambini scolastiche scolastiche scolastiche zona zona zona zona zona zona zona zona zona totale Tavola MI Comune di 116

16 Capitolo 4 Società Zone decentramento Scuole medie superiori: unità scolastiche a.s / 2003 Zone decentramento Scuole medie superiori: alunni a.s / 2003 zona 1 zona 1 zona 2 zona 2 zona 3 zona 3 zona 4 zona 4 zona 5 zona 5 zona 6 zona 6 zona 7 zona 7 zona 8 zona 8 zona 9 totale 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% zona 9 totale 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Grafico 4.1.7a MI Grafico 4.1.7b MI Comune di scuole pubbliche scuole private Comune di scuole pubbliche scuole private 117

17 4.1 Istruzione Indicatori del livello di istruzione per comuni e province 2001 area territoriale Indice di non conseguimento indice di possesso del diploma della scuola dell'obbligo (15-52 anni) di scuola media superiore (19 anni e più) 5,7 48,2 7,1 38,6 5,2 50,4 6,0 46,3 17,8 37,5 18,1 33,2 Italia 10,4 33,0 Tavola IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati Istat Censimento della popolazione 118

18 Capitolo 4 Società - Indice di non conseguimento della scuola dell obbligo (15-52 anni) per comuni e province Indice di possesso del diploma di scuola media superiore (19 anni e più) per comuni e province Italia 0 Italia Grafico 4.1.8a IT Grafico 4.1.8b IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati Istat Censimento della popolazione Italia elab. Centro Studi Assolombarda su dati Istat Censimento della popolazione Italia 119

19 4.1 Istruzione Università della di : studenti iscritti per ateneo 1 a.a. 2003/2004 ateneo studenti studenti studenti immatricolati iscritti in corso al primo anno in corso al 1 anno per la 1 volta Bicocca - Università degli studi Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM) Politecnico Università Cattolica del "Sacro Cuore" Università commerciale "Luigi Bocconi" Università degli studi Università Vita-Salute San Raffaele totale Un. degli studi Università della di : studenti iscritti per ateneo 1 a.a / 2004 Università della di : studenti iscritti per ateneo 1 a.a. 2003/2004 ateneo studenti studenti studenti immatricolati iscritti in corso al primo anno in corso al 1 anno per la 1 volta III Università degli studi Istituto Universitario di Scienze Motorie Libera Università degli studi San Pio V Libera Università internazionale degli studi sociali Guido Carli (LUISS) Libera Università Maria SS.Assunta (LUMSA) Università "Campus Bio-Medico" Università degli studi "La Sapienza" Università degli studi di "Tor Vergata" totale Politecnico Un. Cattolica del Sacro Cuore Bicocca Un. degli studi Un. commerciale Luigi Bocconi Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM) Un. Vita-Salute San Raffaele Università della di : studenti iscritti per ateneo 1 a.a. 2003/2004 ateneo studenti studenti studenti immatricolati iscritti in corso al primo anno in corso al 1 anno per la 1 volta Istituto Universitario "Suor Orsola Benincasa" Seconda Università degli studi Università degli studi "Federico II" Università degli studi "L'Orientale" Università degli studi "Parthenope" totale Grafico IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica Tavola IT, Tavola IT e Tavola IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica 120

20 Capitolo 4 Società Università della di : studenti iscritti per ateneo 1 a.a / 2004 Università della di : studenti iscritti per ateneo 1 a.a / 2004 Un. degli studi La Sapienza Un. degli studi Federico II III Un. degli studi Un. degli studi di Tor Vergata Seconda Università degli studi Libera Università Maria SS. Assunta (LUMSA) Libera Università internazionale degli studi sociali Guido Carli (LUISS) Istituto Universitario di Scienze Motorie Libera Università degli studi San Pio V Un. Campus Bio-Medico Un. degli studi Parthenope Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa Un. degli studi L Orientale Grafico IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica Grafico IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica 1 i dati sono per della sede didattica 121

21 4.1 Istruzione Università della di : studenti per gruppo di corsi 1 a.a. 2003/2004 gruppo di corsi studenti studenti studenti immatricolati iscritti in corso al primo al 1 anno anno in corso per la 1 volta agrario architettura chimico-farmaceutico difesa e sicurezza economico-statistico educazione fisica geo-biologico giuridico ingegneria insegnamento letterario linguistico medico politico-sociale psicologico scientifico totale Tavola IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica 122

22 Capitolo 4 Università della di : studenti iscritti per gruppo di corsi 1 a.a / 2004 Società economico - statistico ingegneria politico - sociale giuridico letterario architettura medico linguistico insegnamento geo - biologico scientifico agrario psicologico chimico - farmaceutico educazione fisica difesa e sicurezza Grafico IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica 1 i dati sono per della sede didattica 123

23 4.1 Istruzione Università della di : studenti per gruppo di corsi 1 a.a. 2003/2004 gruppo di corsi studenti studenti studenti immatricolati iscritti in corso al primo al 1 anno anno in corso per la 1 volta agrario architettura chimico-farmaceutico difesa e sicurezza economico-statistico educazione fisica geo-biologico giuridico ingegneria insegnamento letterario linguistico medico politico-sociale psicologico scientifico totale Tavola IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica 124

24 Università della di : studenti iscritti per gruppo di corsi 1 a.a / 2004 Capitolo 4 Società politico - sociale giuridico ingegneria letterario economico - statistico medico architettura psicologico linguistico geo - biologico insegnamento chimico - farmaceutico scientifico educazione fisica difesa e sicurezza agrario Grafico IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica 1 i dati sono per della sede didattica 125

25 4.1 Istruzione Università della di : studenti per gruppo di corsi 1 a.a. 2003/2004 gruppo di corsi studenti studenti studenti immatricolati iscritti in corso al primo al 1 anno anno in corso per la 1 volta agrario architettura chimico-farmaceutico difesa e sicurezza economico-statistico educazione fisica geo-biologico giuridico ingegneria insegnamento letterario linguistico medico politico-sociale psicologico scientifico totale Tavola IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica 126

26 Capitolo 4 Università della di : studenti iscritti per gruppo di corsi 1 a.a / 2004 Società giuridico economico - statistico ingegneria politico - sociale letterario geo - biologico linguistico medico architettura chimico - farmaceutico insegnamento psicologico scientifico agrario educazione fisica difesa e sicurezza Grafico IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica 1 i dati sono per della sede didattica 127

27 4.1 Istruzione Università della di : laureati per ateneo 2003 ateneo laureati/diplomati di cui fuori corso Bicocca - Università degli studi Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM) Politecnico Università Cattolica del "Sacro Cuore" Università commerciale "Luigi Bocconi" Università degli studi Università Vita-Salute San Raffaele totale Tavola IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica Politecnico Università della di : laureati per ateneo Università della di : laureati per ateneo 2003 ateneo laureati/diplomati di cui fuori corso III Università degli studi Istituto Universitario di Scienze Motorie Libera Università degli studi San Pio V Libera Università internazionale degli studi sociali Guido Carli (LUISS) Libera Università Maria SS.Assunta (LUMSA) Università "Campus Bio-Medico" 94 2 Università degli studi "La Sapienza" Università degli studi di "Tor Vergata" totale Tavola IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica Un. degli studi Un. Cattolica del Sacro Cuore Bicocca Un. degli studi Un. commerciale Luigi Bocconi Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM) Un. Vita-Salute San Raffaele Università della di : laureati per ateneo 2003 ateneo laureati/diplomati di cui fuori corso Istituto Universitario "Suor Orsola Benincasa" Seconda Università degli studi Università degli studi "Federico II" Università degli studi "L' Orientale" Università degli studi "Parthenope" totale Tavola IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica Grafico IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica

28 Capitolo 4 Società Università della di : laureati per ateneo Università della di : laureati per ateneo Un. degli studi La Sapienza Un. degli studi Federico II Un. degli studi di Tor Vergata III Un. degli studi Seconda Università degli studi Libera Università Maria SS. Assunta (LUMSA) Libera Università internazionale degli studi sociali Guido Carli (LUISS) Un. degli studi L Orientale Istituto Universitario di Scienze Motorie Un. degli studi Parthenope Libera Università degli studi San Pio V Un. Campus Bio-Medico Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa Grafico IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica Grafico IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica 1 i dati sono per della sede didattica 129

29 4.1 Istruzione Università della di : laureati per gruppo di corsi gruppo di corsi laureati/diplomati di cui fuori corso agrario architettura chimico-farmaceutico difesa e sicurezza - - economico-statistico educazione fisica geo-biologico giuridico ingegneria insegnamento letterario linguistico medico politico-sociale psicologico scientifico totale Tavola IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica 130

30 Capitolo 4 Università della di : laureati per gruppo di corsi Società ingegneria architettura politico - sociale giuridico medico economico - statistico letterario linguistico insegnamento geo - biologico scientifico agrario psicologico chimico - farmaceutico educazione fisica difesa e sicurezza Grafico IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica 1 i dati sono per della sede didattica 131

31 4.1 Istruzione Università della di : laureati per gruppo di corsi gruppo di corsi laureati/diplomati di cui fuori corso agrario 9 6 architettura chimico-farmaceutico difesa e sicurezza economico-statistico educazione fisica geo-biologico giuridico ingegneria insegnamento letterario linguistico medico politico-sociale psicologico scientifico totale Tavola IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica 132

32 Università della di : laureati per gruppo di corsi Capitolo 4 Società medico difesa e sicurezza giuridico economico - statistico ingegneria politico - sociale letterario psicologico architettura linguistico geo - biologico insegnamento scientifico chimico - farmaceutico educazione fisica agrario Grafico IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica 1 i dati sono per della sede didattica 133

33 4.1 Istruzione Università della di : laureati per gruppo di corsi gruppo di corsi laureati/diplomati di cui fuori corso agrario architettura chimico-farmaceutico difesa e sicurezza 0 0 economico-statistico educazione fisica geo-biologico giuridico ingegneria insegnamento letterario linguistico medico politico-sociale psicologico scientifico totale Tavola IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica 134

34 Capitolo 4 Università della di : laureati per gruppo di corsi Società giuridico economico - statistico ingegneria medico letterario politico - sociale architettura geo - biologico linguistico chimico - farmaceutico insegnamento agrario scientifico psicologico educazione fisica difesa e sicurezza Grafico IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati MIUR - URST e AFAM - Ufficio di Statistica 1 i dati sono per della sede didattica 135

35 4.2 Sanità e assistenza Ospedali pubblici: dotazioni e attività 2002 area territoriale posti letto posti letto reparti reparti personale dimessi utilizzati utilizzati totale di cui medici di cui infermieri area urbana area urbana area urbana Tavola IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati Ministero della Salute Case di cura private: dotazioni e attività 2002 area territoriale posti letto posti letto reparti reparti personale dimessi utilizzati utilizzati totale di cui medici di cui infermieri area urbana area urbana area urbana Tavola IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati Ministero della Salute Totale ospedali pubblici e case di cura private: dotazioni e attività 2002 area territoriale posti letto posti letto reparti reparti personale utilizzati utilizzati totale di cui medici di cui infermieri area urbana area urbana area urbana Tavola IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati Ministero della Salute 136

36 Capitolo 4 Società - Posti letto degli ospedali pubblici e delle case di cura private Personale degli ospedali pubblici e delle case di cura private area urbana area urbana area urbana 0 area urbana area urbana area urbana Grafico 4.2.3a IT Grafico 4.2.3b IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati Ministero della Salute ospedali pubblici case di cura private - case di cura private - elab. Centro Studi Assolombarda su dati Ministero della Salute ospedali pubblici case di cura private - case di cura private - case di cura private - case di cura private - 1 i dati sono per della sede didattica 137

37 4.2 Sanità e assistenza - - città estere Posti letto degli ospedali Posti letto degli ospedali area territoriale posti letto Amburgo (2000) Birmingham n.d. Monaco (2000) Lione (1999) (2000) (2000) Barcellona n.d. (2000) Amburgo (2000) Birmingham Monaco (2000) Lione (1999) (2000) (2000) Barcellona (2000) Tavola EU Eurostat Grafico EU Eurostat città estere 138

38 Capitolo 4 Società - - città estere Pazienti degli ospedali Amburgo (2000) Birmingham Monaco (2000) Lione (1999) (2000) (2000) Barcellona (2000) Pazienti degli ospedali area territoriale pazienti Amburgo (2000) Birmingham n.d. Monaco (2000) Lione (1999) (2000) (2000) Barcellona n.d. (2000) Grafico EU Eurostat città estere Tavola EU Eurostat 139

39 4.2 Sanità e assistenza - Assistiti dall amministrazione le per aree di intervento 2000 Assistiti dall'amministrazione le per aree di intervento 2000 area territoriale infanzia disabili anziani immigrati contrasto totale e maternità e nomadi alla povertà Italia Tavola IT Grafico IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati Istat elab. Centro Studi Assolombarda su dati Istat infanzia e maternità - infanzia e maternità - infanzia e maternità - anziani immigrati e nomadi contrasto alla povertà disabili 140

40 Capitolo 4 Società - Spesa per assistenza erogata dall amministrazione le per aree di intervento (eurolire) Spesa per assistenza erogata dall'amministrazione le per aree di intervento (eurolire) 2000 area territoriale infanzia disabili anziani immigrati contrasto altro totale e maternità e nomadi alla povertà Italia Grafico IT Tavola IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati Istat infanzia e maternità - infanzia e maternità - infanzia e maternità - anziani immigrati e nomadi contrasto alla povertà elab. Centro Studi Assolombarda su dati Istat disabili 141

41 4.3 Criminalità minorile - Percentuale di delitti commessi da minori sul totale nazionale nei comuni e nelle province % 9% 8% 7% Criminalità minorile nei comuni e nelle province 2001 area territoriale delitti commessi da minori minori denunciati quoziente specifico di n. % sul tot. % sul tot. n. % sul tot. % sul tot. criminalità le nazionale le nazionale minorile ,6% 5,9% ,3% 5,0% 43, ,8% ,8% 18, ,6% 6,6% ,3% 7,1% 18, ,1% ,6% 14, ,3% 2,8% ,2% 2,8% 13, ,7% ,6% 8,4 totale Italia ,0% ,0% - 6% 5% 4% 3% 2% 1% 0% Tavola IT Grafico 4.3.1a IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati Istat elab. Centro Studi Assolombarda su dati Istat 1 delitti di minorenni denunciati/minorenni residenti di età compresa tra i 10 e i 17 anni 142

42 Capitolo 4 Società - Percentuale di minori denunciati sul totale nazionale nei comuni e nelle province Quoziente specifico di criminalità minorile 1 nei comuni e nelle province % 50 8% 45 7% 40 6% 35 5% % 20 3% 15 2% 10 1% 5 0% 0 Grafico 4.3.1b IT Grafico 4.3.1c IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati Istat elab. Centro Studi Assolombarda su dati Istat 143

43 4.3 Criminalità minorile Minori denunciati per delitto nei comuni della di 2001 Mappa IT Istat 1 punto = 1 minore denunciato 144

44 Capitolo 4 Società Minori denunciati per delitto nei comuni della di 2001 Minori denunciati per delitto nei comuni della di 2001 Mappa IT Mappa IT Istat 1 punto = 1 minore denunciato 1 punto = 1 minore denunciato Istat 145

45 4.3 Criminalità minorile Quoziente specifico di criminalità minorile 1 nei comuni della di 2001 Mappa IT Istat delitti di minorenni denunciati/minorenni residenti di età compresa tra i 10 e i 17 anni 146

46 Capitolo 4 Società Quoziente specifico di criminalità minorile 1 nei comuni della di 2001 Quoziente specifico di criminalità minorile 1 nei comuni della di 2001 Mappa IT Mappa IT Istat Istat

47 4.3 Criminalità minorile Minori noti 1 denunciati nei comuni per luogo di residenza 2001 area territoriale stesso altro altra senza fissa totale minori della o estero dimora noti o denunciati n. % n. % n. % n. % n. % ,8% 133 6,7% 88 4,4% ,1% ,0% ,3% 118 4,2% 102 3,6% ,9% ,0% ,2% ,7% 27 2,8% 52 5,3% ,0% Tavola IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati Istat Minori noti 1 denunciati nei comuni per nazionalità 2001 area territoriale italiani stranieri totale minori noti denunciati n. % n. % n. % ,3% ,7% ,0% ,7% ,3% ,0% ,2% 57 5,8% ,0% Tavola IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati Istat Minori denunciati nei comuni per tipo di delitto commesso 2001 tipo di delitto n. % n. % n. % omicidio volontario consumato e tentato, 6 0,3% 8 0,3% 2 0,2% omicidio preterintenzionale lesioni personali volontarie 96 4,6% 136 4,6% 108 9,3% violenza privata, minaccia, ecc. 40 1,9% 64 2,2% 31 2,7% violenza sessuale 22 1,1% 33 1,1% 32 2,8% furto ,3% ,4% ,1% rapina 206 9,9% 229 7,8% ,1% estorsione 25 1,2% 32 1,1% 11 0,9% danni a cose, animali, terreni, ecc ,3% 146 5,0% 90 7,8% ricettazione, ecc ,6% 251 8,6% ,4% produzione e spaccio di stupefacenti ,3% 115 3,9% 53 4,6% violenza, resistenza a p.u. 69 3,3% 63 2,2% 71 6,1% associazione per delinquere e 0 0,0% 0 0,0% 5 0,4% associazione per delinquere di stampo mafioso altri delitti ,3% 258 8,8% ,6% totale ,0% ,0% ,0% Tavola IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati Istat 148

48 Capitolo 4 Società - Minori noti 1 denunciati nei comuni per luogo di residenza Minori noti 1 denunciati nei comuni per nazionalità % 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Grafico IT Grafico IT elab. Centro Studi Assolombarda su dati Istat stesso altro della altra o estero elab. Centro Studi Assolombarda su dati Istat italiani stranieri - stranieri - senza fissa dimora - stranieri - senza fissa dimora - senza fissa dimora - 1 non sono compresi i presunti minori ignoti denunciati per delitto 149

LA PARTECIPAZIONE DEI GIOVANI AL SISTEMA UNIVERSITARIO ROMANO

LA PARTECIPAZIONE DEI GIOVANI AL SISTEMA UNIVERSITARIO ROMANO LA PARTECIPAZIONE DEI GIOVANI AL SISTEMA UNIVERSITARIO ROMANO Anno accademico 2013-2014 Indice Gli iscritti alle università romane... 3 L offerta formativa... 7 Gli immatricolati per corso di laurea...

Dettagli

Perché un focus sulla Lombardia

Perché un focus sulla Lombardia Riforma universitaria e mercato del lavoro dei laureati in Lombardia Profili e placement dei laureati Nello Scarabottolo 1, Marco Taisch 2, Alessandro Ciarlo 3 1 Università degli Studi di Milano 2 Politecnico

Dettagli

L università piemontese nel 2014/15

L università piemontese nel 2014/15 5/6 6/7 7/8 8/9 9/1 1/11 11/12 12/13 13/14 14/15 L università piemontese nel 214/15 SISFORM Osservatorio sul sistema formativo piemontese ARTICOLO 2/ 215 (AGOSTO) QUANTI UNIVERSITARI STUDIANO IN PIEMONTE?

Dettagli

Tavola 5.1 Alunni iscritti nelle scuole statali, anno 2007/08 e 2006/07 Infanzia Primaria Sec. I grado Sec. II grado Totale PROVINCIA

Tavola 5.1 Alunni iscritti nelle scuole statali, anno 2007/08 e 2006/07 Infanzia Primaria Sec. I grado Sec. II grado Totale PROVINCIA 5 ISTRUZIONE In questo capitolo sono presentati i dati sull istruzione scolastica ed universitaria, i dati provengono dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca, che ora accorpa il

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

2. GLI INTERNATIONAL STUDENT A MILANO: QUANTI SONO

2. GLI INTERNATIONAL STUDENT A MILANO: QUANTI SONO CAPITOLO 2 indagine QuAntitAtivA Maria Teresa Morana 1. INTRODUZIONE Gli studenti stranieri che decidono di studiare nel Comune di per un breve o lungo periodo possono scegliere tra i corsi di istruzione

Dettagli

I NUMERI DELLE DONNE

I NUMERI DELLE DONNE 1. Scuola secondaria di I grado - Studenti iscritti per genere - Anno scolastico 2008/2009. Provincia di Milano (v.a.) 2. Scuola secondaria di II grado - Studenti iscritti per genere - Anno scolastico

Dettagli

Marche. I numeri dell istruzione. Settimana dell Orientamento Ancona, Quartiere fieristico 25-28 novembre 2008

Marche. I numeri dell istruzione. Settimana dell Orientamento Ancona, Quartiere fieristico 25-28 novembre 2008 I numeri dell istruzione 8 742 53 4 8 2 9 4 3 8 6 0 21 Settimana dell Orientamento Ancona, Quartiere fieristico 25-28 novembre 2008 ISCRITTI AL V ANNO DELLA SCUOLA SUPERIORE ANNO SCOLASTICO 2006/2007 Totale

Dettagli

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università 2. Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università Nella popolazione dei laureati si manifesta una sovrarappresentazione dei figli delle classi avvantaggiate dal punto di vista socioculturale.

Dettagli

Ufficio Statistica. NELLA PROVINCIA DI RIMINI Anno Accademico 2008 / 2009

Ufficio Statistica. NELLA PROVINCIA DI RIMINI Anno Accademico 2008 / 2009 Ufficio Statistica 8 OSSERVATORIO ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI Anno Accademico 2008 / 2009 Coordinamento: Dott.ssa Rossella Salvi Rilevazione ed elaborazione dati: Nicola Loda Fonte:

Dettagli

Bologna 76% Urbino 14,8% Milano 2,0% Ferrara 1,8% Ancona 1,5% Altri atenei 4,6%

Bologna 76% Urbino 14,8% Milano 2,0% Ferrara 1,8% Ancona 1,5% Altri atenei 4,6% L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Il monitoraggio degli studenti riminesi iscritti a corsi di laurea, scuole di specializzazione

Dettagli

DOMANDA E OFFERTA FORMATIVA: LE SCELTE DI STUDIO DEI GIOVANI

DOMANDA E OFFERTA FORMATIVA: LE SCELTE DI STUDIO DEI GIOVANI L istruzione universitaria nell ultimo decennio. All esordio dell European Higher Education Area DOMANDA E OFFERTA FORMATIVA: LE SCELTE DI STUDIO DEI GIOVANI Gian Piero Mignoli, Angelo di Francia (AlmaLaurea)

Dettagli

Laureati 2013 intervistati a 12 mesi dalla laurea per facoltà, gruppo disciplinare e profilo post-laurea

Laureati 2013 intervistati a 12 mesi dalla laurea per facoltà, gruppo disciplinare e profilo post-laurea Facoltà: AGRARIA - % di riga,, Gruppo disciplinare Lavora Cerca Studia NFL Laureati Intervistati LT Agrario 45,2 9,5 41,6 3,8 328 259 Geo-Biologico 0,0 16,7 66,7 16,7 8 6 44,1 9,6 42,2 4,1 336 265 148

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

I giudizi sull esperienza universitaria

I giudizi sull esperienza universitaria . I giudizi sull esperienza universitaria Tra i laureati si rileva una generale soddisfazione per l esperienza universitaria nei suoi diversi aspetti. Sono molto apprezzati il corso di studio inteso come

Dettagli

L indagine 2014. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 59

L indagine 2014. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 59 1. L indagine 014 Il Profilo dei Laureati 013 (indagine 014) prende in considerazione quasi 30.000 laureati di 64 Atenei italiani (rispetto alla scorsa indagine partecipa per la prima volta anche l Ateneo

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Le condizioni di vita nelle città universitarie

Le condizioni di vita nelle città universitarie 10. Le condizioni di vita nelle città universitarie I giudizi espressi dai laureati sui servizi offerti dalle città possono essere di grande interesse per i rispettivi amministratori. I trasporti e i servizi

Dettagli

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45 1. L indagine 2015 Il Profilo dei Laureati 2014 (indagine 2015) prende in considerazione quasi 230.000 laureati di 64 Atenei italiani. Cinque Atenei (Roma La Sapienza, Bologna, Napoli Federico II, Padova

Dettagli

Laureati 2013 intervistati a 12 mesi dalla laurea per facoltà, gruppo disciplinare e profilo post-laurea

Laureati 2013 intervistati a 12 mesi dalla laurea per facoltà, gruppo disciplinare e profilo post-laurea Facoltà: AGRARIA - % di riga,, Gruppo disciplinare Lavora Cerca Studia NFL Laureati Intervistati LT Agrario 32,9 31,5 32,2 3,4 48 30 Geo-Biologico 10,1 35,4 54,4 0,0 23 17 25,5 32,7 39,4 2,3 71 47 18 12

Dettagli

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università 2. Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università Nella popolazione indagata si manifesta una sovrarappresentazione dei laureati provenienti da contesti familiari avvantaggiati dal punto

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Grafico 1: Immatricolati per ripartizione geografica, valori percentuali. Isole 11% Sud 23% Centro 24%

Grafico 1: Immatricolati per ripartizione geografica, valori percentuali. Isole 11% Sud 23% Centro 24% IMMATRICOLAZIONI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 1 Il numero complessivo degli immatricolati risulta pari a circa 312 mila unità e appare lievemente inferiore rispetto al passato anno accademico (-3%). Le Università

Dettagli

L indagine 2013. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 65

L indagine 2013. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 65 1. L indagine 2013 Il Profilo dei Laureati 2012 (indagine 2013) prende in considerazione quasi 227.000 laureati di 63 Atenei italiani, 2 dei quali partecipano per la prima volta (Roma Tor Vergata e Enna

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (Aprile 2013)

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (Aprile 2013) Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università Diplomati Anno Scolastico 2011/2012 Immatricolati Anno Accademico 2012/2013 (Aprile 2013) La presente pubblicazione fa riferimento

Dettagli

Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni

Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni 3. Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni Negli ultimi anni è stato osservato un aumento dei laureati che non hanno mai svolto un attività di lavoro durante gli studi. I lavoratori-studenti

Dettagli

Le prospettive di studio

Le prospettive di studio . Le prospettive di studio I laureati che intendono proseguire gli studi dopo la laurea sono il % tra i laureati di primo livello (la maggioranza opta per la laurea magistrale) e quasi la metà fra i laureati

Dettagli

Le prospettive di studio

Le prospettive di studio . Le prospettive di studio I laureati che intendono proseguire gli studi dopo la laurea sono il % tra i laureati di primo livello (la maggioranza opta per la laurea magistrale) e quasi la metà fra i laureati

Dettagli

Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni

Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni 3. Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni Negli ultimi anni è stato osservato un aumento dei laureati che non hanno mai svolto un attività di lavoro durante gli studi. I lavoratori-studenti

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

Entrate Quote associative anno 2015 162.000,00 (all. A 2015) Interessi attivi 600,00 Quote iscrizione partecipanti Convegno 2015 18.

Entrate Quote associative anno 2015 162.000,00 (all. A 2015) Interessi attivi 600,00 Quote iscrizione partecipanti Convegno 2015 18. CONVEGNO DEI DIRETTORI GENERALI DELLE AMMINISTRAZIONI UNIVERSITARIE Bilancio preventivo ANNO 2015 Fondo iniziale di cassa 100.000,00 Entrate Quote associative anno 2015 162.000,00 (all. A 2015) Interessi

Dettagli

Le votazioni. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 123

Le votazioni. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 123 7. Le votazioni I fattori che incidono sulla probabilità di ottenere buoni risultati sono gli stessi che agivano nel precedente ordinamento universitario: genere (femminile), elevato grado di istruzione

Dettagli

L abbandono degli studi universitari.

L abbandono degli studi universitari. L abbandono degli studi universitari. Il caso Università degli Studi di Salerno XIV Indagine AlmaLaurea sul Profilo dei Laureati Laurearsi in tempo di crisi Come valorizzare gli studi universitari Dott.ssa

Dettagli

Focus Gli immatricolati nell anno accademico 2014/2015. Approfondimento: Il percorso universitario dei diplomati 2010.

Focus Gli immatricolati nell anno accademico 2014/2015. Approfondimento: Il percorso universitario dei diplomati 2010. Focus Gli immatricolati nell anno accademico 2014/2015 Approfondimento: Il percorso universitario dei diplomati 2010 (Maggio 2015) La presente pubblicazione fa riferimento a dati elaborati a Marzo 2015.

Dettagli

Laureati 2013 intervistati a 12 mesi dalla laurea per facoltà, gruppo disciplinare e profilo post-laurea

Laureati 2013 intervistati a 12 mesi dalla laurea per facoltà, gruppo disciplinare e profilo post-laurea Facoltà: ECONOMIA - % di riga,, Gruppo disciplinare Lavora Cerca Studia NFL LT Economico-Statistico 3,,3 63,7,8 375 43 % 3,,3 63,7,8 375 43 87 57 46 3 39 54 3 375 43 LS Economico-Statistico 76,9, 8,7 4,

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (febbraio 2012)

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (febbraio 2012) Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università Diplomati Anno Scolastico 2010/2011 Immatricolati Anno Accademico 2011/2012 (febbraio 2012) La presente pubblicazione fa riferimento

Dettagli

La regolarità negli studi

La regolarità negli studi 6. La regolarità negli studi Dall anno successivo a quello di applicazione della riforma universitaria al il ritardo alla laurea è sceso in media da 2,9 anni a 1,4 e l età alla laurea è passata da 27,9

Dettagli

Ripensare le votazioni? Napoli, 22 maggio 2012 Gian Piero Mignoli (ALMALAUREA)

Ripensare le votazioni? Napoli, 22 maggio 2012 Gian Piero Mignoli (ALMALAUREA) Ripensare le votazioni? Napoli, 22 maggio 2012 Gian Piero Mignoli (ALMALAUREA) Indice Popolazioni analizzate Lauree di 1 livello e magistrali a ciclo unico Il voto medio negli esami L incremento di voto

Dettagli

La comunità romena in Italia. A cura di Maria Eva Zurbakis

La comunità romena in Italia. A cura di Maria Eva Zurbakis La comunità romena in Italia A cura di Maria Eva Zurbakis Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

I tirocini formativi

I tirocini formativi . I tirocini formativi Uno degli elementi più rilevanti nella riorganizzazione della didattica introdotta dalla riforma universitaria è l attenzione riservata alle attività formative diverse dagli insegnamenti

Dettagli

Profilo dei Laureati 2011 XIV Indagine AlmaLaurea. Andrea Cammelli Napoli, 22 maggio 2012

Profilo dei Laureati 2011 XIV Indagine AlmaLaurea. Andrea Cammelli Napoli, 22 maggio 2012 Profilo dei Laureati 2011 XIV Indagine AlmaLaurea Andrea Cammelli Napoli, 22 maggio 2012 Profilo dei Laureati 2011 Caratteristiche delle popolazioni indagate Riuscita negli studi Frequenza alle lezioni

Dettagli

Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario

Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario Contributi della Segreteria Tecnica Prime analisi sulle strutture disponibili

Dettagli

IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB. 11 Dicembre 2013

IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB. 11 Dicembre 2013 IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB 11 Dicembre 2013 Laurea, Salario e Carriera Quali corsi di Laurea sono associati a migliori salari? Quali corsi

Dettagli

La diffusione e la qualità dei tirocini formativi

La diffusione e la qualità dei tirocini formativi 6. La diffusione e la qualità dei tirocini formativi Uno degli elementi più rilevanti nella riorganizzazione della didattica introdotta dalla riforma universitaria è l attenzione riservata alle attività

Dettagli

DATI FINALI 1. UNIVERSITÀ DI BARI:

DATI FINALI 1. UNIVERSITÀ DI BARI: DATI FINALI. UNIVERSITÀ DI BARI: Agraria Farmacia Lettere e filosofia Lingue e lett. Straniere Medicina e Chirurgia Medicina veterinaria Biotecnologie Sc Formazione Sc Politiche Agraria: : Farmacia: :

Dettagli

APPROFONDIMENTI Newsletter Ordas n. 2. In breve. Il sistema universitario lombardo

APPROFONDIMENTI Newsletter Ordas n. 2. In breve. Il sistema universitario lombardo APPROFONDIMENTI Newsletter Ordas n. 2 In breve. Il sistema universitario lombardo Il primo capitolo della pubblicazione Service management: residenzialità e innovazione gestionale nei collegi universitari

Dettagli

Il contesto socio-economico e la Partecipazione in Provincia di Rieti

Il contesto socio-economico e la Partecipazione in Provincia di Rieti Il contesto socio-economico e la Partecipazione in Provincia di Rieti di Daniela Bucci e Roberto Fantozzi Villa Potenziani Rieti 15 Novembre 2006 Struttura della Presentazione La domanda e l offerta di

Dettagli

Iniziativa interuniversitaria STELLA (Statistiche sul TEma Laureati & Lavoro in Archivio on-line)

Iniziativa interuniversitaria STELLA (Statistiche sul TEma Laureati & Lavoro in Archivio on-line) Iniziativa interuniversitaria STELLA (Statistiche sul TEma Laureati & Lavoro in Archivio on-line) IL MERCATO DEL LAVORO PER I LAUREATI Placement dei laureati 27 Ottobre 2008 ore 9:00 Assolombarda Auditorium

Dettagli

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Nell anno accademico 2003/2004 i riminesi iscritti a Corsi di Laurea (vecchio e nuovo

Dettagli

Orientamento in uscita Cosa fare dopo la maturità? Arese, 17 Aprile 2014

Orientamento in uscita Cosa fare dopo la maturità? Arese, 17 Aprile 2014 Orientamento in uscita Cosa fare dopo la maturità? Arese, 17 Aprile 2014 L OFFERTA DI MILANO, VARESE E COMO LE PRINCIPALI FACOLTA PRESENTI A MILANO, VARESE E COMO Università degli Studi di Milano e Milano

Dettagli

PROGETTO DITER. Secondaria di I grado

PROGETTO DITER. Secondaria di I grado Scheda D.I.Ter N. 9/aggiornamento a giugno 2013 Allievi stranieri a scuola in Piemonte. Aggiornamento 2012 La crescita del numero di allievi stranieri in Piemonte è proseguita nell anno scolastico 2011/12

Dettagli

La rilevazione dei crediti acquisiti al 10 agosto 2006 dagli studenti universitari degli atenei lombardi

La rilevazione dei crediti acquisiti al 10 agosto 2006 dagli studenti universitari degli atenei lombardi Osservatorio Regionale per il Diritto allo Studio Universitario La rilevazione dei crediti acquisiti al 10 agosto 2006 dagli studenti universitari degli atenei lombardi Nota di lavoro 4/2007 - maggio 2007

Dettagli

Aree di ricerca CUN Area 1 - Scienze matematiche e informatiche Area 2 - Scienze fisiche Area 3 - Scienze chimiche Area 4 -Scienze della terra Area 5 - Scienze biologiche Area 6 - Scienze mediche Area

Dettagli

I laureati di cittadinanza estera

I laureati di cittadinanza estera 14. I laureati di cittadinanza estera Tra il 2006 e il 2012 la quota dei laureati di cittadinanza estera è aumentata, passando dal 2,3 al 3,0 per cento. Quasi il 60 per cento dei laureati esteri provengono

Dettagli

Sistema scolastico della Repubblica Ceca

Sistema scolastico della Repubblica Ceca Sistema scolastico della Repubblica Ceca Organizzazione del sistema scolastico La frequenza scolastica nella Repubblica Ceca è obbligatoria dai 6 ai 15 anni. La maggior parte dei bambini frequenta scuole

Dettagli

I diplomati e lo studio Anno 2007

I diplomati e lo studio Anno 2007 12 novembre 2009 I diplomati e lo studio Anno 2007 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06 4673 2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673 3106 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015

Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015 Pisa, 18/12/2015 Indagine a cura del Responsabile Analisi Fabbisogni formativi (Dott.ssa Fabrizia Turchi) Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015 Oggetto dell indagine - Situazione neolaureati

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

Sommario 1 ANALISI DELL OFFERTA FORMATIVA DI CORSI DI LAUREA UNIVERSITARI ATTIVATI IN ITALIA

Sommario 1 ANALISI DELL OFFERTA FORMATIVA DI CORSI DI LAUREA UNIVERSITARI ATTIVATI IN ITALIA Analisi dell offerta formativa di corsi di laurea universitari attivati in Italia sui temi di interesse della cooperazione internazionale allo sviluppo per l anno accademico 2007/2008 * Sommario 1 ANALISI

Dettagli

Bando per il Corso di aggiornamento/formazione per insegnanti della Sezione di Chimica

Bando per il Corso di aggiornamento/formazione per insegnanti della Sezione di Chimica Bando per il Corso di aggiornamento/formazione per insegnanti della Sezione di Chimica Anno accademico 2015/2016 L Università degli Studi di Camerino, VISTO lo Statuto di Ateneo, emanato con decreto rettorale

Dettagli

7ISTRUZIONE E FORMAZIONE

7ISTRUZIONE E FORMAZIONE 7ISTRUZIONE E FORMAZIONE Nell anno scolastico 2012/2013 gli studenti iscritti nelle scuole di diverso grado e ordine sono quasi nove milioni, circa 17.500 in meno rispetto al precedente anno. Gli alunni

Dettagli

2. Quadro di sintesi e di classificazione degli indicatori

2. Quadro di sintesi e di classificazione degli indicatori 2. Quadro di sintesi e di classificazione degli indicatori Gli indicatori presi a riferimento sono classificati in grandi gruppi: A - Indicatori di contesto demografico, sociale ed economico B - Indicatori

Dettagli

LA QUALITÀ DELLA RICERCA NELLE 14 AREE: DIPARTIMENTI E SOTTOSTRUTTURE

LA QUALITÀ DELLA RICERCA NELLE 14 AREE: DIPARTIMENTI E SOTTOSTRUTTURE dipartimenti delle università e delle sottostrutture degli enti Salerno Informatica 1,49 78,9 Roma La Sapienza Informatica 1,39 68,8 Pavia Matematica F. Casorati 1,39 61,9 MEDIE Trieste SISSA *** n.d.

Dettagli

SETTIMANE DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO. Città di Seregno. Sala Mons. Gandini, via XXIV maggio - Seregno MB

SETTIMANE DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO. Città di Seregno. Sala Mons. Gandini, via XXIV maggio - Seregno MB Assessorato alle politiche sociali, educative, istruzione, famiglia, pari opportunità, innovazione digitale Assessorato alle politiche giovanili e sportive Città di Seregno SETTIMANE DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO

Dettagli

4 RAPPORTO SULLA COESIONE SOCIALE NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Anno 2015

4 RAPPORTO SULLA COESIONE SOCIALE NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Anno 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità 4 RAPPORTO SULLA COESIONE SOCIALE NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Anno 2015 Provincia di Reggio Emilia 1 4. IL SISTEMA FORMATIVO 2 Gli studenti iscritti

Dettagli

Le esperienze di studio all estero

Le esperienze di studio all estero 5. Le esperienze di studio all estero Promuovere lo studio all estero è uno degli obiettivi della riforma universitaria; la diffusione delle esperienze di studio all estero fra i laureati, a livello complessivo,

Dettagli

2 luglio 2015. Sesto Censimento del Profilo e della Situazione Occupazionale dei Laureati della Scuola Galileiana di Studi Superiori

2 luglio 2015. Sesto Censimento del Profilo e della Situazione Occupazionale dei Laureati della Scuola Galileiana di Studi Superiori 2 luglio 2015 Sesto Censimento del Profilo e della Situazione Occupazionale dei Laureati della Scuola Galileiana di Studi Superiori INTRODUZIONE SEZ. 1: UNIVERSITÁ SEZ. 2: SGSS SEZ.3: POST LAUREA SEZ.

Dettagli

Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria

Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria 19 novembre 2013 Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria Studio su Scuola, Università e Lavoro dei giovani Milanesi tra il 1985 e il 2011 Autori: Massimo Anelli e Giovanni Peri (UC Davis) Introduzione

Dettagli

ANNUARIO STATISTICO 2011

ANNUARIO STATISTICO 2011 ANNUARIO STATISTICO 2011 Introduzione L Annuario statistico è alla sua quarta edizione. Via via, secondo consuetudine, sono state aggiunte nuove sezioni per renderlo sempre più ricco di informazioni.

Dettagli

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 30 luglio 2008 Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 L Annuario statistico dell Umbria, giunto alla sua dodicesima edizione, è il frutto della proficua collaborazione tra l Ufficio regionale

Dettagli

Le esperienze di studio all estero

Le esperienze di studio all estero 5. Le esperienze di studio all estero La diffusione delle esperienze di studio all estero fra i laureati, a livello complessivo, è aumentata, seppure lievemente negli ultimi anni, soprattutto nell ambito

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 35 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

Allegato: PIANO NAZIONALE L2 INTERVENTI PER L INSEGNAMENTO / APPRENDIMENTO DI ITALIANO L2 PER ALUNNI DI RECENTE IMMIGRAZIONE DI SCUOLA SECONDARIA DI

Allegato: PIANO NAZIONALE L2 INTERVENTI PER L INSEGNAMENTO / APPRENDIMENTO DI ITALIANO L2 PER ALUNNI DI RECENTE IMMIGRAZIONE DI SCUOLA SECONDARIA DI Allegato: PIANO NAZIONALE L2 INTERVENTI PER L INSEGNAMENTO / APPRENDIMENTO DI ITALIANO L2 PER ALUNNI DI RECENTE IMMIGRAZIONE DI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO Il fenomeno della elevata presenza

Dettagli

Laureati 2013 intervistati a 12 mesi dalla laurea per facoltà, gruppo disciplinare e profilo post-laurea

Laureati 2013 intervistati a 12 mesi dalla laurea per facoltà, gruppo disciplinare e profilo post-laurea Facoltà: ECONOMIA - % di riga,, Gruppo disciplinare Lavora Cerca Studia NFL Laureati Intervistati LT Economico-Statistico 45,5 12,0 40,6 1,9 412 256 Giuridico 57,1 4,8 28,6 9,5 27 21 46,2 11,6 39,9 2,3

Dettagli

I laureati e lo studio

I laureati e lo studio 28 aprile 2006 I laureati e lo studio Inserimento professionale dei laureati Indagine 2004 Informazioni e chiarimenti: Servizio Popolazione, istruzione e cultura Viale Liegi, 13-00198 Roma Paola Ungaro

Dettagli

CAPITOLO 6 LE ATTIVITÀ DI DIRITTO ALLO STUDIO

CAPITOLO 6 LE ATTIVITÀ DI DIRITTO ALLO STUDIO CAPITOLO 6 LE ATTIVITÀ DI DIRITTO ALLO STUDIO 6.1. Rilevazione degli interventi per il diritto allo studio Il Politecnico di Torino, a partire dall anno accademico 2000/2001, consente ai propri studenti

Dettagli

=numerosità di riferimento degli studenti in corso nella classe j esima; Stud j

=numerosità di riferimento degli studenti in corso nella classe j esima; Stud j ALLEGATO I Calcolo del costo standard ai fini del riparto FFO 2014 (DI 893/2014 e relative tabelle e note tecniche allegate) Ai fini del DI 893/2014 il concetto di studente in corso è riferito alla condizione

Dettagli

UFFICIO STATISTICA. Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona

UFFICIO STATISTICA. Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona UFFICIO STATISTICA Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona Anno Accademico 2014-2015 INDICE LE UNIVERSITA CREMONESI pag. 3 STUDENTI ISCRITTI pag. 4 - Dettaglio delle iscrizioni

Dettagli

Offerta formativa Master di primo e secondo livello, corsi di Perfezionamento A.A. 2014/2015

Offerta formativa Master di primo e secondo livello, corsi di Perfezionamento A.A. 2014/2015 Federazione ISTITUITA AI SENSI DELLE LEGGI: Nazionale 4.8.1965 N. 1103 E 31.1.1983 N. 25 Collegi C.F. 01682270580 Professionali Tecnici Sanitari di Radiologia Medica Offerta formativa di primo e secondo

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca TABELLA DELLE SEDI DI ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO PROFESSIONALE CHE SI SVOLGERANNO NELL ANNO 2014 PROFESSIONE SEDI ATTUARIO e ATTUARIO IUNIOR CHIMICO e CHIMICO IUNIOR COMO (Univ. dell

Dettagli

Capitolo 5. Strutture formative. 5.1 Istituti Numero di unità scolastiche per tipologia di istituti medi superiori

Capitolo 5. Strutture formative. 5.1 Istituti Numero di unità scolastiche per tipologia di istituti medi superiori Capitolo 5 Strutture formative Variabili e indicatori utilizzati: Numero di unità scolastiche degli istituti medi superiori Numero di istituti per 10.000 giovani in età scolare Numero di iscritti agli

Dettagli

FONDAZIONE CARIPARMA. Espr.it. la comunità genera nuovo welfare. Alcuni dati sulla provincia di Parma EDUCAZIONE E ISTRUZIONE

FONDAZIONE CARIPARMA. Espr.it. la comunità genera nuovo welfare. Alcuni dati sulla provincia di Parma EDUCAZIONE E ISTRUZIONE FONDAZIONE CARIPARMA Espr.it la comunità genera nuovo welfare Alcuni dati sulla provincia di Parma EDUCAZIONE E ISTRUZIONE 1 Scuole per l infanzia Servizi educativi per la prima infanzia Indice di copertura

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL CONCORSO PER MAGISTRATO ORDINARIO CODICE CONCORSO: 2010Z AL SIG. PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL CONCORSO PER MAGISTRATO ORDINARIO CODICE CONCORSO: 2010Z AL SIG. PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI :\Pea_III2007\Modelli_dom_web.doc / MODELLO A Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL ORGANIZZAZIONE GIUDIZIARIA, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI DIREZIONE GENERALE DEI MAGISTRATI UFFICIO III CONCORSI

Dettagli

Offerta formativa Master di primo e secondo livello, corsi di Perfezionamento A.A. 2013/2014

Offerta formativa Master di primo e secondo livello, corsi di Perfezionamento A.A. 2013/2014 Federazione ISTITUITA AI SENSI DELLE LEGGI: Nazionale 4.8.1965 N. 1103 E 31.1.1983 N. 25 Collegi C.F. 01682270580 Professionali Tecnici Sanitari di Radiologia Medica Offerta formativa di primo e secondo

Dettagli

Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona

Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona PROVINCIA DI CREMONA UFFICIO STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE Studenti iscritti e laureati nelle università della provincia di Cremona Anno Accademico 2012-2013 INDICE LE UNIVERSITA CREMONESI pag.

Dettagli

Matricole, fuori corso, laureati:

Matricole, fuori corso, laureati: Matricole, fuori corso, laureati: i numeri dell università Perché la riforma universitaria In Italia ci sono ancora pochi laureati. È quanto sentiamo ripetere spesso quando si discute del livello di istruzione

Dettagli

IL SALONE DELLO STUDENTE DI CATANIA Le Ciminiere 15, 16 e 17 Dicembre 2015 Bozza di Programma Aggiornato al 7 ottobre 2015

IL SALONE DELLO STUDENTE DI CATANIA Le Ciminiere 15, 16 e 17 Dicembre 2015 Bozza di Programma Aggiornato al 7 ottobre 2015 IL SALONE DELLO STUDENTE DI CATANIA Le Ciminiere 15, 16 e 17 Dicembre 2015 Bozza di Programma Aggiornato al 7 ottobre 2015 Con il patrocinio della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, della

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

Il successo degli studenti del liceo Cornaro all Università di Padova nell anno accademico 2010-11

Il successo degli studenti del liceo Cornaro all Università di Padova nell anno accademico 2010-11 Il successo degli studenti del liceo Cornaro all Università di Padova nell anno accademico 2010-11 Materiali per l autovalutazione e la rendicontazione sociale Settembre 2011 Il successo degli studenti

Dettagli

4 I LAUREATI E IL LAVORO

4 I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 30 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

ISTRUZIONE CAMPUS CELSIUS

ISTRUZIONE CAMPUS CELSIUS ISTRUZIONE La Provincia di Lucca ha organizzato un sistema integrato per il diritto all apprendimento e al lavoro coordinando in un unico Dipartimento Servizi ai Cittadini tutte le sue competenze in materia

Dettagli

La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente

La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente le prospettive lavorative dei laureati Laureati in corsi lunghi e di durata triennale: quanti trovano lavoro? Nel 2007 il 73,2% dei laureati

Dettagli

Bando per il Master Universitario di II livello in Nutrizione, Nutraceutica e Dietetica Applicata

Bando per il Master Universitario di II livello in Nutrizione, Nutraceutica e Dietetica Applicata Bando per il Master Universitario di II livello in Nutrizione, Nutraceutica e Dietetica Applicata Anno accademico 2013/2014 L Università degli Studi di Camerino, VISTO lo Statuto di Ateneo, emanato con

Dettagli

Si passa ora ad esaminare i dati delle due università presenti nel territorio maceratese.

Si passa ora ad esaminare i dati delle due università presenti nel territorio maceratese. Il sistema universitario maceratese 1 Si passa ora ad esaminare i dati delle due università presenti nel territorio maceratese. Studenti iscritti Con riferimento all anno accademico 2012-13, gli studenti

Dettagli

Appendice A: Test il mio lavoro futuro

Appendice A: Test il mio lavoro futuro Appendice A: Test il mio lavoro futuro 1 2 3 4 Appendice B: Test di gradimento 5 6 7 8 9 10 11 12 Appendice D: I profili AlmaOrièntati Ornitorinco In base alle risposte date dai tuoi "fratelli maggiori",

Dettagli

TABELLA DELLE SEDI DI ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO PROFESSIONALE CHE SI SVOLGERANNO NELL ANNO 2006

TABELLA DELLE SEDI DI ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO PROFESSIONALE CHE SI SVOLGERANNO NELL ANNO 2006 TABELLA DELLE SEDI DI ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO PROFESSIONALE CHE SI SVOLGERANNO NELL ANNO 2006 PROFESSIONE SEDI ATTUARIO e ATTUARIO IUNIOR CHIMICO e CHIMICO IUNIOR CAMERINO CATANIA

Dettagli

Campus Martinitt: una casa per studiare

Campus Martinitt: una casa per studiare Campus Martinitt: una casa per studiare Residenze Universitarie CAMPUS ALER Milano e le Università In questi ultimi anni, in linea con le indicazioni e la programmazione di Regione Lombardia, ALER ha realizzato

Dettagli

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI 1 SEZ.A. DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE A1. Suddivisione della popolazione per sesso e classi di età e stranieri

Dettagli