I TEMPI DELL ADOZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I TEMPI DELL ADOZIONE"

Transcript

1 58 CAPITOLO 4 I TEMPI DELL ADOZIONE 4.1 IL PERCORSO DEL BAMBINO: DALL ABBANDONO ALL ADOZIONE UNA DELLE NOVITÀ SALIENTI del rapporto 2008 è rappresentata dal monitoraggio sui dati che permettono di tracciare il percorso del bambino adottato in Italia, dal momento del suo abbandono fino all autorizzazione all ingresso in Italia. Il delicato tema dei tempi dell attesa vissuti dal bambino prima dell adozione internazionale fa parte di un analisi di carattere qualitativo che la Commissione ha ritenuto importante approfondire. L indagine condotta prende come periodo di riferimento il secondo semestre dell anno La prima tappa che caratterizza tale percorso è quella del distacco dai genitori biologici, quindi la data riferibile all abbandono del bambino. La rilevazione di tale informazione ha richiesto una particolarissima attenzione, poiché in alcuni Stati questo dato può coincidere con l ingresso in una struttura di accoglienza o in istituto. Anche rispetto allo stato di abbandono occorre distinguere tra due ipotesi, una relativa all abbandono dei genitori biologici e una relativa al rilascio del certificato di abbandono. Soprattutto nei Paesi dell Est Europa, i minori, una volta in stato di adottabilità, vengono registrati in una banca dati regionale e poi in quella centralizzata nazionale. Al termine di un preciso periodo, diverso da Paese a Paese, è possibile orientare il bambino verso l adozione da parte di coppie straniere. Altra tappa fondamentale che permette di inquadrare più da vicino il procedimento adottivo è il tempo che intercorre tra la proposta di abbinamento e l effettiva data di ingresso in Italia con la nuova famiglia. Nell anno 2006, la Commissione aveva promosso un indagine riguardo alle modalità di abbandono di un bambino. È stato possibile, nel corso degli anni, delineare alcune modalità che caratterizzano il fenomeno nelle diverse aree geografiche. Nella tavola sono riportati i dati relativi all ultimo anno di osservazione, che, complessivamente, registrano le tendenze emerse anche negli anni precedenti. In linea generale è stato possibile desumere che, per i bambini adottati in Italia originari dal continente africano, la percentuale più alta dei casi segnala l abbandono da parte dei genitori biologici del bambino presso ospedali o strutture pubbliche; la stessa modalità, anche se molto più ampia, si registra per i bambini asiatici. La perdita della potestà genitoriale è invece la modalità principale che porta il bambino verso l adozione: la percentuale è altissima per i bambini dei Paesi dell Est Europa ed è molto elevata per quelli provenienti dal Centro e Sud America. È utile fare riferimento a questa tavola in generale per procedere all analisi più dettagliata che ha come oggetto di particolare osservazione i quattro Paesi (uno per singolo continente di origine) nei quali in termini numerici si sono realizzate più adozioni in Italia. I dati riportati nelle tavole che seguono indicano separatamente il tempo trascorso in mesi tra la data dell abbandono e la data di autorizzazione all ingresso in Italia per scopo di adozione. Lo stesso arco temporale è calcolato per la data che segnala l inserimento del minore presso una struttura di accoglienza e così per le altre date in esame, precisando che i singoli eventi non sono longitudinalmente dipendenti (non appartengono quindi al singolo minore) e pertanto sono dati frutto di medie statistiche. AFRICA-ETIOPIA L ETIOPIA È IL PRIMO PAESE africano di origine per adozioni realizzate da coppie italiane: nel 2008 i bambini etiopi adottati sono stati 338, e si registra una tendenza in aumento 1. TAVOLA Minori per i quali è stata rilasciata l autorizzazione all ingresso in Italia secondo la modalità di abbandono e il continente di provenienza. Anno 2008 Valori Africa America Asia Europa Totale percentuali Perdita potestà genitoriale ,6 Abbandono ,4 Rinuncia ,1 Orfano ,0 n.d Totale ,0 n.d. = non disponibile 1 Vedi cap. 2, par. 5 e cap. 6, par. 2.

2 I TEMPI DELL ADOZIONE 59 Una prima considerazione riferita ai tempi dell attesa per la coppia è che l Etiopia si attesta come Paese dalla procedura più breve. Se analizziamo i dati dal punto di vista del bambino è possibile registrare la stessa tendenza. Dal momento in cui il bambino viene abbandonato al momento del suo ingresso in Italia trascorre in media un anno; lo stesso periodo intercorre, con lievi oscillazioni, se si considerano altri eventi. Dal punto di vista procedurale, il documento che certifica lo stato di abbandono di un minore è rilasciato da un autorità locale in tempi considerabili brevi. Per quanto riguarda il rispetto del principio di sussidiarietà, così come previsto dalla Convenzione de L Aja, l informazione è certificata direttamente dall istituto che accoglie il bambino; da ciò deriva una celerità procedurale. La tavola permette inoltre di evidenziare che, dal momento in cui il bambino viene abbinato a una coppia italiana, possono trascorrere dai 5 agli 8 mesi prima dell ingresso in Italia. TAVOLA Tempo medio espresso in mesi dalle date prese in esame fino all ingresso in Italia del minore adottato secondo la modalità di abbandono. ETIOPIA. Secondo semestre 2008 Dalla data Dalla data di Dalla data di Dalla data di Dalla data di Dalla data di Dalla data di Modalità dell abbandono inserimento iscrizione perdita potestà dichiarazione dichiarazione abbinamento dell abbandono materiale in struttura in banca dati genitoriale dell abbanono di adottabilità coppia-minore Abbandono Orfano Perdita potestà genitoriale Rinuncia N.d Totale N.d. = non disponibile AMERICA-BRASILE IL MAGGIOR NUMERO DI BAMBINI brasiliani che arrivano all adozione in Italia sono bambini che hanno subito maltrattamenti o che sono stati vittime di trascuratezza da parte dei genitori biologici. Per questo motivo, molti bambini vengono inseriti in strutture di accoglienza dove possono trascorrere fino a più di tre anni prima di essere adottati. La procedura di indagine che porta al decadimento della potestà genitoriale può durare anche molti anni. Dal momento in cui viene decretata la perdita della potestà genitoriale sul minore, la procedura adottiva internazionale si perfeziona in un periodo che dura in media poco più di due anni. Nei casi in cui il minore venga abbandonato in forma anonima, il tempo fino all ingresso in Italia si riduce notevolmente e si attesta intorno a un anno. Per quanto riguarda poi la parte finale della procedura nel Paese di origine, si registra che dalla data dell abbinamento coppia/bambino all autorizzazione all ingresso trascorrono in media tre mesi. TAVOLA Tempo medio espresso in mesi dalle date prese in esame fino all ingresso in Italia del minore adottato secondo la modalità di abbandono. BRASILE. Secondo semestre 2008 Dalla data Dalla data di Dalla data di Dalla data di Dalla data di Dalla data di Dalla data di Modalità dell abbandono inserimento iscrizione perdita potestà dichiarazione dichiarazione abbinamento dell abbandono materiale in struttura in banca dati genitoriale dell abbanono di adottabilità coppia-minore Abbandono Orfano Perdita potestà genitoriale Rinuncia N.d Totale N.d. = non disponibile

3 60 APPROFONDIMENTI SPECIFICI ASIA-VIETNAM NEL CONTINENTE ASIATICO, il Paese da cui l Italia accoglie il maggior numero di minori è il Vietnam; nell anno 2008 sono stati autorizzati all ingresso 313 bambini. Dalla tavola riportata in precedenza emerge che la modalità principale di abbandono per i bambini asiatici è costituita dall abbandono materiale, spesso presso istituti. Questo elemento è basilare per rappresentare le caratteristiche dei bambini vietnamiti. L età media di abbandono è, infatti, molto bassa: spesso si tratta di giorni. Dopo che i bambini sono stati soccorsi e inseriti in un istituto, non è elevato il tempo in cui essi vengono dichiarati in stato di abbandono da un autorità locale. Come si vede nella tavola 4.1.4, il tempo che intercorre dal momento in cui il bambino entra in istituto e quello in cui fa ingresso in Italia è di circa otto mesi, a parte rari casi in cui il bambino non viene abbandonato alla nascita, ma passa parte della sua infanzia in istituto perché un genitore o un parente non ha ancora fatto la rinuncia. TAVOLA Tempo medio espresso in mesi dalle date prese in esame fino all ingresso in Italia del minore adottato secondo la modalità di abbandono. VIETNAM. Secondo semestre 2008 Dalla data Dalla data di Dalla data di Dalla data di Dalla data di Dalla data di Dalla data di Modalità dell abbandono inserimento iscrizione perdita potestà dichiarazione dichiarazione abbinamento dell abbandono materiale in struttura in banca dati genitoriale dell abbanono di adottabilità coppia-minore Abbandono Orfano Perdita potestà genitoriale Rinuncia N.d Totale N.d. = non disponibile EUROPA DELL EST-UCRAINA L UCRAINA, NONOSTANTE negli ultimi due anni il DAP abbia contingentato il numero di minori destinati all adozione internazionale, si conferma come il Paese da cui l Italia accoglie il maggior numero di minori. La motivazione dell abbandono più frequente in questo Paese è costituita dalla perdita della potestà genitoriale, anche se, come emerge dalla tavola 4.1.5, il minore entra in istituto quando ancora il giudice non ha decretato l invalidità del genitore o di chi ne aveva la tutela. Il tempo medio che passa da quando il bambino entra in istituto, a prescindere dalla modalità di abbandono, a quando entra in Italia con i nuovi genitori è di 32 mesi. Questo periodo di tempo può essere spiegato solo in parte dal fatto che il minore, prima di essere dichiarato adottabile a livello internazionale, deve essere stato iscritto per 14 mesi nella banca dati centralizzata. Nel corso dei 14 mesi è infatti possibile attivare tutte le iniziative perché il bambino possa essere adottato da una coppia ucraina. Una volta che lo Stato ucraino ha dichiarato lo stato di adottabilità del minore da parte di cittadini stranieri, il tempo medio della procedura all estero fino all autorizzazione all ingresso in Italia è di 14 mesi. TAVOLA Tempo medio espresso in mesi dalle date prese in esame fino all ingresso in Italia del minore adottato secondo la modalità di abbandono. UCRAINA. Secondo semestre 2008 Dalla data Dalla data di Dalla data di Dalla data di Dalla data di Dalla data di Dalla data di Modalità dell abbandono inserimento iscrizione perdita potestà dichiarazione dichiarazione abbinamento dell abbandono materiale in struttura in banca dati genitoriale dell abbanono di adottabilità coppia-minore Abbandono Orfano Perdita potestà genitoriale Rinuncia N.d Totale N.d. = non disponibile

4 I TEMPI DELL ADOZIONE 61 In conclusione sembra importante sottolineare che i risultati riportati in questo paragrafo fanno riferimento a un periodo di osservazione ristretto (secondo semestre 2008) ed è quindi difficile allo stato attuale procedere a un analisi di tipo longitudinale dei risultati emersi. Nel rapporto statistico dell anno 2009 sarà possibile studiare il fenomeno su una base di rilevazione più lunga, che consentirà di delineare con più precisione la storia del bambino prima del suo ingresso in Italia IL PERCORSO DELLA COPPIA: DAL CONFERIMENTO DELL INCARICO ALL ENTE ALL AUTORIZZAZIONE AL- L INGRESSO DEL BAMBINO ADOTTATO NEI CAPITOLI PRECEDENTI è stato commentato il corso del numero delle adozioni negli ultimi anni. In particolare, avendo come riferimento gli ultimi tre anni (2006, 2007, 2008), si rileva che il numero di minori stranieri accolti in Italia a scopo di adozione è aumentato di circa il 24%. Ciò viene nuovamente sottolineato per evidenziare l impegno degli enti autorizzati e lo sforzo da questi compiuto per incrementare la loro presenza nel territorio nazionale. È importante inoltre rilevare come, contestualmente all incremento del numero di adozioni, si siano verificati profondi cambiamenti a livello internazionale, sia per quanto attiene le politiche interne sia per le normative che regolano l istituto dell adozione internazionale. Questo aspetto riveste una grande importanza nello studio del percorso della coppia da quando conferisce incarico a un ente autorizzato a quando la Commissione rilascia l autorizzazione all ingresso in Italia. Dal monitoraggio dei dati si evince che il tempo medio del percorso adottivo rimane di poco superiore ai due anni, con oscillazioni fisiologiche in un contesto caratterizzato da forti variabili in continuo cambiamento e dall allargamento delle adozioni a nuovi Paesi. Questo dato rappresenta il tempo medio calcolato per tutte le coppie per tutti i Paesi negli ultimi anni; naturalmente, come si verifica sempre quando si osservano le medie, si rischia di perdere importanti informazioni se non si approfondiscono le situazioni particolari. In questo contesto, descrivere le situazioni dei singoli Paesi diventa quanto mai rilevante da un punto di vista esplicativo. Si è ritenuto quindi necessario restringere il discorso circa i tempi di attesa ai primi nove Paesi di provenienza dei minori, che concentrano circa il 79% delle adozioni concluse nel Il primo Paese di origine per le adozioni dell anno 2008 è stato l Ucraina, che merita un discorso approfondito per poter leggere il dato dei tempi dell attesa che emerge dalle tavole sotto riportate. Nella tavola sono espressi i tempi di attesa in mesi dalla data del conferimento dell incarico all autorizzazione all ingresso in Italia negli ultimi tre anni; emergono due dati importanti: il considerevole aumento dei minori adottati da questo Paese dal 2006 a oggi e l incremento dal 2006 al 2008 del tempo medio che intercorre prima che gli aspiranti genitori adottivi concludano l iter. TAVOLA Tempo medio in mesi dalla data conferimento di ingresso in UCRAINA. Anni Come si accennava in precedenza, l osservazione dei cambiamenti interni ai diversi Paesi di origine aiuta a comprendere il numero degli ingressi per anno e i tempi che intercorrono tra il conferimento dell incarico e l autorizzazione all ingresso. Durante l anno 2006 si è verificata in Ucraina un interruzione nell accettazione dei fascicoli delle coppie in conseguenza del riordino a livello politico e amministrativo delle competenze istituzionali, interruzione che ha determinato un brusco rallentamento delle procedure adottive verso tutti i Paesi. Ciò ha comportato una diminuzione del numero di bambini adottati (201) rispetto all anno 2005, in cui si è registrato l ingresso di 465 minori. In conseguenza del riordino delle competenze in materia di protezione dell infanzia e di adozione internazionale, nel 2007 l Ucraina ha promulgato una nuova norma, il Regolamento n. 313, concernente le modalità e le condizioni di deposito dei documenti da parte dei cittadini stranieri che desiderano adottare un bambino ucraino. La Commissione, al fine di una maggiore trasparenza e per tutelare le coppie in attesa di adozione, ha assunto nuove iniziative di collaborazione con il Dipartimento ucraino, ponendo in essere una procedura sempre più conforme alla Convenzione de L Aja, nonostante l Ucraina non l abbia ancora ratificata. Il 2007 e il 2008 sono stati anni di grande impegno della Commissione e degli enti autorizzati per tale Paese. È stata sviluppata una forte azione di coordinamento nel deposito dei fascicoli e nell accompagnamento delle coppie. La Commissione ha stabilito una intensa comunicazione con le Autorità amministrative individuando le possibili risposte ai bisogni dell infanzia in Ucraina e riuscendo nel contempo ad aiutare molte coppie che da lungo tempo avevano individuato in questo Paese la realizzazione del loro desiderio adottivo.

5 62 APPROFONDIMENTI SPECIFICI Il 2008, proclamato L anno del fanciullo, ha visto un incremento delle politiche a sostegno dell infanzia e l istituzione di un fondo rivolto alle coppie ucraine che si rendono disponibili all adozione nazionale o all affido di un bimbo. Questo impegno ha avuto come immediata conseguenza il cambiamento del profilo dei minori destinati all adozione internazionale. Già nell anno precedente le Autorità ucraine avevano sottolineato come l età dei bambini adottabili fosse aumentata rispetto al passato; nell anno 2008 questo aspetto è emerso in tutta la sua evidenza. Con la politica di sostegno alle coppie ucraine è aumentato il numero di adozioni nazionali rivolte a minori in fascia di età prescolare: questo ha fatto sì che i bambini che entrano nel circuito delle adozioni internazionali abbiano prevalentemente un età superiore ai 6-8 anni. Questi cambiamenti hanno comportato un ulteriore impegno degli enti autorizzati nel sostegno delle coppie il cui progetto di adozione era orientato verso questo Paese. Fino al 2006 l età media dei bambini ucraini adottati in Italia era di 4 anni e 6 mesi, mentre per l anno 2008 è stato di 7 anni e 3 mesi. Questo dato conferma il profondo cambiamento determinato dalle politiche a sostegno dell infanzia messe in atto dall Ucraina e la disponibilità espressa dall Italia nell accogliere i bambini ucraini. Altri cambiamenti normativi importanti sono stati registrati all inizio del 2008: una modifica particolarmente incidente riguarda limiti di età tra adottanti e adottandi (tale differenza non deve superare i 45 anni rispetto al coniuge più anziano), con l assenza di deroghe anche per casi in cui l adozione riguardi un minore già conosciuto dalla coppia nell ambito dei soggiorni di risanamento e con il quale si sia creato un legame di attaccamento importante. numerose le coppie che avevano dato incarico all ente prima del blocco del 2006 e che avevano espresso il desiderio, riportato anche nel decreto di idoneità e nella relazione psicosociale (documenti tradotti e tenuti in gran considerazione dallo Stato di origine del bambino), di adottare un minore in fascia di età prescolare, spesso nella fascia 0-3 anni. Queste coppie, pur nel mezzo di enormi cambiamenti nel Paese, hanno raggiunto una diversa maturazione all accoglienza e hanno chiesto ai propri servizi di creare ulteriori aggiornamenti della relazione perché si sentivano disponibili a modificare la propria disponibilità. Tutto ciò ha avuto un forte impatto sui tempi medi dell attesa. La Federazione Russa è il Paese da cui l Italia ha adottato, nell ultimo anno di osservazione, 466 minori e che quindi risulta essere il secondo Stato di provenienza. Per quanto riguarda il periodo di attesa medio dal conferimento dell incarico all autorizzazione all ingresso si registra una certa stabilità negli ultimi tre anni, con un lieve incremento (due mesi, da 24 a 26, dal 2006 al 2008). TAVOLA Tempo medio in mesi dalla data conferimento di ingresso. Minori provenienti dalla FEDERAZIONE RUSSA. Anni TAVOLA Periodi di attesa in mesi dalla data in UCRAINA. Anno 2008 Periodi Valori assoluti Valori percentuali 1-12 mesi 75 11, mesi 98 15, mesi ,0 > 36 mesi ,0 Totale ,0 Nella tavola si è voluto evidenziare solo l anno 2008, creando delle categorie che distinguono la durata dell attesa per le coppie che hanno adottato in Ucraina. Ciò che è stato detto sopra spiega quasi totalmente come mai più del 50% delle aspiranti coppie adottive abbia aspettato più di 36 mesi, ma può essere utile aggiungere una precisazione. Sono state Il dato è imputabile alla revisione organizzativa interna al Paese rispetto alle procedure di riaccreditamento degli enti. Infatti per il secondo semestre 2006 e per tutto il 2007 le Autorità della Federazione Russa hanno dovuto valutare con molto scrupolo di tutti gli enti in precedenza accreditati, sia italiani sia di altri Stati, in considerazione del fatto che l accreditamento sarebbe stato a tempo indeterminato. È un traguardo importante che consente agli enti di operare con più serenità. Questo si traduce in un vantaggio per le coppie che non subiranno ulteriori rallentamenti nella loro procedura. Infatti dall inizio di gennaio 2008 tutti gli enti italiani precedentemente accreditati sono stati riaccreditati e hanno potuto ricominciare con il deposito dei fascicoli; per 69 casi, ovvero il 14,8%, è stato anche possibile arrivare all abbinamento nello stesso anno di conferimento incarico all ente (Tavola 4.2.4).

6 I TEMPI DELL ADOZIONE 63 TAVOLA Minori adottati per anno di conferimento incarico e anno di autorizzazione. FEDERAZIONE RUSSA. Anni Anno ingresso Anno conferimento valori assoluti prima del Totale valori percentuali prima del ,0 13,4 5, ,3 22,4 11, ,8 26,8 15, ,9 35,6 30, ,8 22, ,8 Totale 100,0 100,0 100,0 Di particolare rilevanza è stata la firma, il 6 novembre 2008, dell accordo bilaterale. L Italia è il primo Paese con cui la Federazione Russa ha firmato un accordo in materia di adozioni internazionali. Esso consentirà di rafforzare la collaborazione tra i due Paesi e di uniformare le procedure adottive nelle diverse regioni russe. Questa lieve crescita del tempo di attesa può essere messa in relazione con il notevole aumento delle coppie che hanno deciso di orientare il proprio progetto adottivo verso questo Paese; il dato è confermato dal numero crescente di minori colombiani che entrano in Italia per adozione: nel 2006 i bambini provenienti dalla Colombia sono stati 289, nel Da un analisi più approfondita è emerso che anche in Colombia i tempi si riducono sensibilmente (a circa 17 mesi) per quei bambini che hanno superato i 10 anni di età. All innalzamento dell età corrisponde infatti una diminuzione del numero di coppie disponibili. Per quanto riguarda i tempi medi delle procedure adottive in Brasile si registra una media di 22 mesi nel 2008, con un incremento di un mese sull anno 2007 e lievemente più elevato sull'anno TAVOLA Tempo medio in mesi dalla data conferimento di ingresso. BRASILE. Anni Nella tavola sono invece evidenziati i numeri delle adozioni in relazione al periodo di attesa negli ultimi tre anni. Un altro Paese con cui l Italia ha stretto collaborazione ormai da molti anni è la Colombia. I tempi medi di attesa in questo Paese sono sostanzialmente stabili; nel 2006 infatti il tempo medio registrato è stato di 25 mesi e nel 2008 di 27, in conseguenza di un lungo sciopero dell apparato giudiziario. In Colombia i tempi sono abbastanza costanti: infatti dalla data in cui il fascicolo degli aspiranti genitori adottivi è depositato presso l Autorità centrale, l Instituto Colombiano de Bienestar Familiar (ICBF), passano circa due anni prima che venga proposto l abbinamento. TAVOLA Periodi di attesa in mesi dalla data. BRASILE. Anno 2008 Periodi Valori assoluti Valori percentuali 1-12 mesi 60 16, mesi , mesi 76 20,5 > 36 mesi 39 10,5 Totale ,0 TAVOLA Tempo medio in mesi dalla data del secondo l anno di ingrasso. COLOMBIA. Anni È interessante sottolineare come la gran parte delle adozioni si concluda in due anni di tempo e che il 16,2% si concluda in un anno. Dai dati monitorati dalla Commissione è emerso come più del 50% dei bambini adottati in Brasile appartenga alla fascia di età 5-9 anni, il che evidenzia quello che ormai è una costante per questo Paese, ovvero che i bambini più bisognosi sono quelli più grandi, e, molto spesso,

7 64 APPROFONDIMENTI SPECIFICI quelli che fanno parte di gruppi di fratelli. Questo dato assume un significato rilevante se analizziamo i tempi dell attesa ed è una constatazione che andrebbe sottolineata per ogni Paese di origine: se una coppia si rende disponibile per un bambino al di sotto dei 6 anni, sarà inevitabile che il periodo di attesa si prolunghi in quei Paesi in cui l infanzia abbandonata ha dei bisogni che non corrispondono alla disponibilità offerta dagli aspiranti genitori adottivi. L Etiopia è il primo Paese di provenienza del continente africano. I tempi di attesa hanno una media inferiore ai due anni, come emerge dalla lettura della tavola TAVOLA Tempo medio in mesi dalla data conferimento di ingresso. ETIOPIA. Anni Nel 2008 si è registrato un incremento nei tempi dell attesa imputabile a un aumento di circa il 50% delle adozioni rispetto all anno Questo aumento è registrato a livello internazionale. Sono sempre più numerose le aspiranti coppie adottive che si orientano verso il continente africano e soprattutto verso l Etiopia. Spostando il focus dal continente africano al Sudest asiatico, notiamo come il Paese con cui concludiamo più procedure di adozione sia il Vietnam. Come per l Etiopia, anche il Vietnam registra una media di attesa inferiore ai due anni. Come si nota dalla tavola 4.2.9, però, emerge una singolarità per quanto riguarda il Infatti in quest anno si evidenzia un calo dei tempi dell attesa che registrano una media molto bassa, di 13 mesi. Nel 2008, nonostante un incremento rispetto all anno precedente, resta comunque inferiore al TAVOLA Tempo medio in mesi dalla data conferimento di ingresso. VIETNAM. Anni Un discorso particolare merita la Polonia: questo Paese ormai da molti anni incentiva l adozione in ambito nazionale, nel pieno rispetto della Convenzione de L Aja, e per questo considera l adozione internazionale come residuale. Sono adottabili a livello internazionale solo bambini grandi e facenti parte di gruppi di fratelli, anche numerosi. Le fasce di età più numerose sono infatti quella di bambini di 5-9 anni e quella di bambini con più di 10 anni. TAVOLA Periodi di attesa in mesi dalla data. ETIOPIA. Anno 2008 Periodi Valori assoluti Valori percentuali 1-12 mesi 85 25, mesi , mesi ,8 > 36 mesi 15 4,4 Totale ,0 Dalla tavola emerge quanto detto prima rispetto alla durata media delle procedure di adozione in Etiopia. Circa il 25% delle coppie che hanno adottato nel 2008 ha concluso l iter entro l anno, mentre quasi il 40% lo ha concluso in meno di due. TAVOLA Tempo medio in mesi dalla data secondo l anno di ingresso. POLONIA. Anni I dati sulla durata delle procedure in Polonia mettono in evidenza un incremento da 21 a 24 mesi dal 2006 al 2007 e da 24 a 29 dal 2007 al Rispetto all incremento della durata della procedura è opportuno, in questo specifico caso, informare che prima del pronunciamento di una sentenza di adozione scatta nel Paese una procedura che valuta di nuovo lo stato di adottabilità del minore. Questa situazione, in alcune regioni della Polonia, genera un allungamento dei tempi anche di rilevante entità.

8 I TEMPI DELL ADOZIONE 65 Il tempo che intercorre, in media, dal conferimento dell incarico all ente fino all autorizzazione all ingresso in Italia dei minori provenienti dalla Cambogia è passato dai 15 mesi del 2007 ai 20 mesi del 2008: un dato che, seppure in incremento, è inferiore ai tempi medi complessivi. Infatti in Cambogia si registrano i tempi medi più bassi in assoluto. TAVOLA Tempo medio in mesi dalla data secondo l anno di ingresso. CAMBOGIA. Anni L India è uno Stato che ha incentivato molto l adozione nazionale e dal 2006 ha approvato una proposta di legge volta alla sua promozione abolendo il vincolo religioso e permettendo l adozione anche da parte di coppie non indù. I dati inerenti il periodo dell attesa in questo Paese registrano una diminuzione tra il tempo che intercorre tra il conferimento dell incarico e l autorizzazione all ingresso in Italia dei minori, passando dai 31 mesi del 2006 ai 27 mesi del Il numero di minori adottati non ha subito variazioni di rilievo negli ultimi tre anni. TAVOLA Tempo medio in mesi dalla data secondo l anno di ingresso. INDIA. Anni

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI

ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI I GIUGNO 2011 Ospedale Infantile Regina Margherita Dott.ssa Anna Maria Colella Direttore ARAI Regione Piemonte Cenni legislativi LA

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture FIRENZE Diminuisce il numero dei bambini e ragazzi in strutture di accoglienza e in afidameno familiare, così come le adozioni

Dettagli

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione)

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione) COMUNE DI COMO I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004 (1 Edizione) Settore Statistica - Agosto 2007 I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004

Dettagli

L ITALIA TRA I PRINCIPALI PAESI 69 DELL ADOZIONE: I MONITORAGGI

L ITALIA TRA I PRINCIPALI PAESI 69 DELL ADOZIONE: I MONITORAGGI CAPITOLO 6 L ITALIA TRA I PRINCIPALI PAESI 69 DELL ADOZIONE: I MONITORAGGI E LA COMPARAZIONE INTERNAZIONALE 6.1 I PRINCIPALI PAESI DI ACCOGLIENZA I DATI SULLE ADOZIONI INTERNAZIONALI degli ultimi anni

Dettagli

IL PERCORSO ADOTTIVO DAL DESIDERIO AI BANCHI DI SCUOLA. Centro Adozioni ASL Lodi Dott.ssa Laura Cuzzani Lodi 19 Novembre 2015

IL PERCORSO ADOTTIVO DAL DESIDERIO AI BANCHI DI SCUOLA. Centro Adozioni ASL Lodi Dott.ssa Laura Cuzzani Lodi 19 Novembre 2015 IL PERCORSO ADOTTIVO DAL DESIDERIO AI BANCHI DI SCUOLA La storia: L.184/1983 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori L.476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI IGLESIAS, ENTI AUTORIZZATI E TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CAGLIARI, IN MATERIA

Dettagli

ROBERTA CAPPONI Presidente della Commissione per le adozioni internazionali

ROBERTA CAPPONI Presidente della Commissione per le adozioni internazionali ROBERTA CAPPONI Presidente della Commissione per le adozioni internazionali Ritengo che un approfondita riflessione sulla situazione e sulle prospettive dell adozione internazionale non possa, oggi, prescindere

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE Legge 184/83 E la prima normativa specifica che disciplina l adozione e l affidamento dei minori. Legge 28 marzo 2001 n.149 Disciplina dell adozione

Dettagli

StudieRicerche. I percorsi dell adozione internazionale: il punto di vista delle famiglie

StudieRicerche. I percorsi dell adozione internazionale: il punto di vista delle famiglie StudieRicerche Collana della Commissione per le adozioni internazionali I percorsi dell adozione internazionale: il punto di vista delle famiglie Indagine conoscitiva sulle coppie che hanno adottato nel

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

Edizione di marzo 2012

Edizione di marzo 2012 ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE Edizione di marzo 2012 Indice Capitolo 1 - I protagonisti 1.1 - Il bambino 1.2 - I genitori adottivi Capitolo 2 - Le tappe nel cammino dell adozione Capitolo 3 - Le

Dettagli

ATTI DEL CONVEGNO LA FAMIGLIA ADOTTIVA : LA DIMENSIONE GIURIDICA E QUELLA AFFETTIVA RELAZIONALE. Rimini 13 ottobre 2010

ATTI DEL CONVEGNO LA FAMIGLIA ADOTTIVA : LA DIMENSIONE GIURIDICA E QUELLA AFFETTIVA RELAZIONALE. Rimini 13 ottobre 2010 Servizio Polifunzionale per l Adozione Internazionale ATTI DEL CONVEGNO LA FAMIGLIA ADOTTIVA : LA DIMENSIONE GIURIDICA E QUELLA AFFETTIVA RELAZIONALE Rimini 13 ottobre 2010 Intervento dell Ente Autorizzato

Dettagli

INDICE. Parte Prima IL BAMBINO NELL ORDINAMENTO INTERNAZIONALE CAPITOLO PRIMO LA TUTELA INTERNAZIONALE DELL INFANZIA

INDICE. Parte Prima IL BAMBINO NELL ORDINAMENTO INTERNAZIONALE CAPITOLO PRIMO LA TUTELA INTERNAZIONALE DELL INFANZIA pag. Prefazione.... Elenco delle principali abbreviazioni... XV XIX Parte Prima IL BAMBINO NELL ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LA TUTELA INTERNAZIONALE DELL INFANZIA Guida bibliografica... 5 1. Premessa...

Dettagli

Codice deontologico. per l attività di Adozione Internazionale

Codice deontologico. per l attività di Adozione Internazionale Codice deontologico per l attività di Adozione Internazionale Gli Enti Autorizzati firmatari del presente documento nel rispetto della Convenzione de L Aja del 1993 in materia di adozione internazionale,

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO PREMESSA I segnali di ripartenza sul mercato del credito sono sempre più evidenti. Le prime avvisaglie di miglioramento si

Dettagli

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma L art. 2, commi 452 456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244(Finanziaria 2008),

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano

IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano Paolina Pistacchi, Psicologa, Ricercatrice, Istituto degli Innocenti La Regione Toscana

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

REGOLAMENTO CAPITOLO 1 NORME GENERALI

REGOLAMENTO CAPITOLO 1 NORME GENERALI Approvato Regolamento del Consiglio dei Ministri Della Repubblica di Belarus N. 122 del 31/01/2007 Sulla procedura dell adozione internazionale e della tutela e curatela internazionale REGOLAMENTO CAPITOLO

Dettagli

Anna Maria Colella 1

Anna Maria Colella 1 Anna Maria Colella 1 L Agenzia regionale per le adozioni internazionali Regione Piemonte: Il primo servizio pubblico iscritto nell albo degli enti autorizzati (Legge N. 476/98, Art. 39 bis) Sommario: 1.

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA Nel corso degli anni 90, il numero di permessi di soggiorno per l ingresso in Italia di minori stranieri è aumentato notevolmente. Si calcola infatti che negli ultimi

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 Abstract 2 2013 - Rapporto Comunità XXX in Italia Il Rapporto annuale sul Mercato del lavoro degli Immigrati" promosso

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

Bambini e ragazzi adottati in Toscana

Bambini e ragazzi adottati in Toscana Il Benessere dei bambini e ragazzi adottati a scuola Prato e Firenze, 21 e 27 maggio 2015 Bambini e ragazzi adottati in Toscana Sabrina Breschi Istituto degli Innocenti Centro Regionale di Documentazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome COLELLA ANNA MARIA Telefono Ufficio 011 Fax Ufficio 011 E-mail istituzionale 011 4322366 011-4325935 Agenziaadozioni-internazionali@regionepiemonteitinternazionali@regionepiemonteit

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI

ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI Presidente Guido NEPPI MODONA Giudice Annibale MARINI "

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

Famiglia, infanzia e povertà.

Famiglia, infanzia e povertà. Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà Convegno Povertà, Infanzia, Immigrazione in occasione del 70 Anniversario della Mensa del Povero Ancona, 5 aprile 2008 Famiglia, infanzia

Dettagli

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI Angelo Vernillo Firenze 17.12.2013 FALLIMENTO ADOTTIVO? CHE DEFINIZIONE SCEGLIERE???? E l interruzione definitiva o transitoria di un rapporto difficile

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 12 giugno

Dettagli

LE ADOZIONI NAZIONALI E INTERNAZIONALI IN TOSCANA. I dati del Tribunle per i minorenni di Firenze al 31 dicembre 2012

LE ADOZIONI NAZIONALI E INTERNAZIONALI IN TOSCANA. I dati del Tribunle per i minorenni di Firenze al 31 dicembre 2012 LE ADOZIONI NAZIONALI E INTERNAZIONALI IN TOSCANA I dati del Tribunle per i minorenni di Firenze al 31 dicembre 2012 le ADOZIONI NAZIONALI E INTERNAZIONALI IN TOSCANA I dati del Tribunale per i minorenni

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

L ADOZIONE. DA LEGGERE CAPIRE. Pubblicazioni ed articoli online sull adozione, a misura di genitore adottivo

L ADOZIONE. DA LEGGERE CAPIRE. Pubblicazioni ed articoli online sull adozione, a misura di genitore adottivo L ADOZIONE. DA LEGGERE CAPIRE Pubblicazioni ed articoli online sull adozione, a misura di genitore adottivo PERCORSI PROBLEMATICI DELL ADOZIONE INTERNAZIONALE AA.VV Istituto Degli Innocenti, 2003 Questo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4348 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MURA, DI PIETRO, BORGHESI, CAMBURSANO, DI GIUSEPPE, DI STANISLAO, EVANGELISTI, FAVIA, ANIELLO

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU44 31/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 7 ottobre 2013, n. 10-6456 Art.6 comma 8 L.184/83: approvazione criteri in materia di interventi a sostegno delle adozioni di minori

Dettagli

COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA

COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA Analisi dei matrimoni nel Comune di Parma anni 2009-2012 A CURA DI RENZO SOLIANI Parma ottobre 2013 Matrimoni a Parma, anni 2009-2012 Nell attuale momento storico affrontare

Dettagli

Gli interventi della Regione Piemonte a sostegno delle adozioni. M. Anglesio

Gli interventi della Regione Piemonte a sostegno delle adozioni. M. Anglesio Gli interventi della Regione Piemonte a sostegno delle adozioni M. Anglesio L abbandono dei bambini è una questione sociale, non solamente individuale. E necessario che l adozione acquisisca il suo carattere,

Dettagli

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto:

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto: PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROVINCIA DI RIMINI, L AZIENDA USL, DELEGATA ALLA GESTIONE DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI MINORI, E GLI ENTI AUTORIZZATI PER L ATTIVITA RELATIVA ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE Approvato

Dettagli

Pari opportunità delle persone con disabilità

Pari opportunità delle persone con disabilità 20 Situazione economica e sociale della popolazione 1230-1100 Pari opportunità delle persone con Principali risultati Neuchâtel, 2011 Pari opportunità delle persone con Dal 1999, il principio dell uguaglianza

Dettagli

Minori stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti

Minori stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti Dipartimento Immigrazione 7 aprile 2008 L'arrivo di minori stranieri soli sui nostri territori non è un fenomeno nuovo - risale significativamente

Dettagli

REPORT ATTIVITA DEL SERVIZIO PUNTO INFORMATIVO ANNO 2013

REPORT ATTIVITA DEL SERVIZIO PUNTO INFORMATIVO ANNO 2013 REPORT ATTIVITA DEL SERVIZIO PUNTO INFORMATIVO ANNO 213 Premessa Il Punto informativo svolge attività di accoglienza, informazione e orientamento rivolta a cittadini e servizi. E aperto al pubblico tutte

Dettagli

LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino

LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino In alcuni Paesi possono adottare anche i "single". In altri non vi sono rigidi limiti di età.

Dettagli

La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti

La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti Tra le innovazioni introdotte dal D.Lgs. n. 152/06, merita di essere approfondita la nuova disciplina

Dettagli

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane L EVOLUZIONE DEL MODELLO FAMILIARE A BASSANO DEL GRAPPA Traccia di lettura dei

Dettagli

Maurizio De Nuccio *

Maurizio De Nuccio * Servizio sanitario L accreditamento: un sistema per la qualità in piena evoluzione La ricostruzione legislativa della normativa in materia Maurizio De Nuccio * La definizione data da Wikipedia, l'enciclopedia

Dettagli

TUTELA DEI BAMBINI PRIVI DI CURA PATERNA. ASTA DERVINYTĖ BONGARZONI MD, PhD

TUTELA DEI BAMBINI PRIVI DI CURA PATERNA. ASTA DERVINYTĖ BONGARZONI MD, PhD TUTELA DEI BAMBINI PRIVI DI CURA PATERNA ASTA DERVINYTĖ BONGARZONI MD, PhD Cariati, il 6 ottobre 2012 OSSERVAZIONI SUL PROGETTO Accoglienza temporanea nelle famiglie italiane TUTELA DEI DIRITTI DEI MINORI

Dettagli

RELAZIONE MORALE SULL ATTIVITA SVOLTA DALL ENTE IN CAMMINO PER LA FAMIGLIA NEL CORSO DELL ANNO 2014

RELAZIONE MORALE SULL ATTIVITA SVOLTA DALL ENTE IN CAMMINO PER LA FAMIGLIA NEL CORSO DELL ANNO 2014 RELAZIONE MORALE SULL ATTIVITA SVOLTA DALL ENTE IN CAMMINO PER LA FAMIGLIA NEL CORSO DELL ANNO 2014 Casarza Ligure, 11 aprile 2015 Premessa Al 31/12/14 l ente I.C.P.L.F era autorizzato dalla C.A.I. ad

Dettagli

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Uno degli strumenti innovativi introdotti dalla legge n. 269/98 riguarda l attività di investigazione rivolta alla prevenzione

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

5 La popolazione disabile

5 La popolazione disabile 5 La popolazione disabile Problematiche inerenti alle fonti dei dati sulla disabilità L Osservatorio per le politiche sociali dell Amministrazione Provinciale ha intrapreso un complesso lavoro di censimento

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati Sintesi dei risultati La ricerca commissionata dal Dipartimento della Funzione pubblica e realizzata da Datamedia si compone di due sezioni: a una prima parte indirizzata, tramite questionario postale,

Dettagli

Enti Autorizzati per l'adozione internazionale: istruzioni per l'uso

Enti Autorizzati per l'adozione internazionale: istruzioni per l'uso Sezione di Parma e Reggio Emilia Enti Autorizzati per l'adozione internazionale: istruzioni per l'uso Sant Ilario d Enza 26.02.13 UNA INDISPENSABILE PREMESSA L'istituto dell'adozione ha per fine quello

Dettagli

M G I U S T I Z I A N O R I L E

M G I U S T I Z I A N O R I L E M G I U S T I Z I A N O R I L E L applicazione della Legge 4 maggio 1983 n. 184 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori negli anni 1993-1999 Analisi statistica A cura del Servizio Statistico

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E Oggetto: Istanza d interpello XY- Art. 10, comma 1, lett. l-bis), del Tuir Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente l esatta applicazione

Dettagli

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono 13. Turismo Il turismo nel comune di Roma si conferma uno dei principali assi di sviluppo del territorio, costituendo, all interno del sistema economico e sociale, un elemento centrale di crescita, che

Dettagli

Intervento dott.ssa Luz Carmenza Gomez Lopez Referente Nova in Colombia dal 2010 Bologna, 9 settembre 2011. Gentilissimi Assistenti al Convegno.

Intervento dott.ssa Luz Carmenza Gomez Lopez Referente Nova in Colombia dal 2010 Bologna, 9 settembre 2011. Gentilissimi Assistenti al Convegno. Intervento dott.ssa Luz Carmenza Gomez Lopez Referente Nova in Colombia dal 2010 Bologna, 9 settembre 2011 Gentilissimi Assistenti al Convegno. Vi presento un cordiale e sentito saluto a nome proprio e

Dettagli

Adozioni nazionali e internazionali in Toscana

Adozioni nazionali e internazionali in Toscana ISBN 978-88-6374-035-6 Centro Regionale di documentazione per l infanzia e l adolescenza Adozioni nazionali e internazionali in Toscana Adozioni nazionali e internazionali in Toscana Protagonisti, tempi,

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

2. GLI INTERNATIONAL STUDENT A MILANO: QUANTI SONO

2. GLI INTERNATIONAL STUDENT A MILANO: QUANTI SONO CAPITOLO 2 indagine QuAntitAtivA Maria Teresa Morana 1. INTRODUZIONE Gli studenti stranieri che decidono di studiare nel Comune di per un breve o lungo periodo possono scegliere tra i corsi di istruzione

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI CAPITOLO I CENNI STORICI: EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ADOZIONE 1. Introduzione... pag. 1 2. L'istituto dell'adozione

Dettagli

Le nuove Linee di Indirizzo Regionale (LIR) per lo studio di coppia finalizzato alla valutazione e all'accompagnamento per l'idoneità all'adozione

Le nuove Linee di Indirizzo Regionale (LIR) per lo studio di coppia finalizzato alla valutazione e all'accompagnamento per l'idoneità all'adozione Le nuove Linee di Indirizzo Regionale (LIR) per lo studio di coppia finalizzato alla valutazione e all'accompagnamento per l'idoneità all'adozione Nel 2012 la Regione Toscana ha coinvolto un gruppo di

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità Comunità Familiare per Minori La Goccia Progetto Generale di Comunità Premessa: il valore della famiglia La Comunità familiare per Minori La Goccia nasce nella consapevolezza che la famiglia rappresenta

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010

LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010 LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010 Le altre novità dell articolo 10 del D.L.78/2009 Numerose le modifiche tributarie introdotte dall articolo 10 del D.L.78/2009 che interessano

Dettagli

Sull adozione internazionale

Sull adozione internazionale I vostri figli non sono figli vostri: sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita. Nascono per mezzo di voi e tuttavia non vi appartengono Dimorano con voi e tuttavia non Vi appartengono. Potete

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Separazioni, divorzi e servizi di mediazione familiare Enrico Moretti Statistico, Istituto degli Innocenti di Firenze ATTI DEL CICLO DI INCONTRI

Dettagli

One to one nella didattica: esiti e processi

One to one nella didattica: esiti e processi One to one nella didattica: esiti e processi Ricerca presentata dal Presidente dell Indire Giovanni Biondi in occasione del Primo Forum sulla Scuola del futuro (Firenze, 23 ottobre 2015) In questi anni

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

Le adozioni internazionali nel 2013

Le adozioni internazionali nel 2013 Le adozioni internazionali nel 2013 Nel corso del 2013 la Commissione ha rilasciato l autorizzazione all ingresso in Italia per 2.825 bambini provenienti da 56 Paesi, adottati da 2.291 famiglie residenti

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2015

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2015 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato

Dettagli

Rapporto sulle retribuzioni dei pubblici dipendenti della Regione Siciliana e degli enti regionali

Rapporto sulle retribuzioni dei pubblici dipendenti della Regione Siciliana e degli enti regionali Rapporto sulle retribuzioni dei pubblici dipendenti della Regione Siciliana e degli enti regionali Area della dirigenza Settembre 2007 Rapporto previsto dall art. 46, comma 3 del D.Lgs 30 marzo 2001 n.165

Dettagli

ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE

ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE Struttura organizzativa: Direzione Amministrativa Processo di riferimento: Acquisizione Risorse

Dettagli

IL COMITATO DEI SINDACI

IL COMITATO DEI SINDACI IL COMITATO DEI SINDACI VISTO il documento istruttorio allegato, nel quale si propone di approvare lo schema di accordo di programma con l Az. USL n. 2 di Urbino per l attivazione della Equipe adozione

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 265 Presentata dai consiglieri Blasoni, Pedicini

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE

SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE Rapporto sui dati delle Zone sociosanitarie/società della salute della Regione Toscana Anni 2007-2009 GENNAIO 2011 INDICE Nota metodologica

Dettagli