D.3 Titoli di efficienza energetica e certificati verdi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D.3 Titoli di efficienza energetica e certificati verdi"

Transcript

1 Titoli di efficienza energetica I titoli di efficienza energetica sono introdotti dai Decreti del Ministro dell Industria di concerto col Ministro dell ambiente il 24 aprile Essi vengono rilasciati ai soggetti che realizzano i progetti di miglioramento dell efficienza energetica sostenendo i costi di investimento connessi. Il ricavo atteso dalla cessione dei Titoli, direttamente o sul mercato nell apposita Borsa, a chi ha l obbligo di raggiungere gli obiettivi fissati, da parte di chi ha realizzato i progetti costituisce un ulteriore possibilità di recuperare i costi degli investimenti effettuati. 1

2 Si introducono da due concetti fondamentali: il primo è un obbligo imposto ad un certo numero discreto di soggetti; i distributori di energia elettrica e di gas naturale con soglia critica al di sopra dei 100,000 clienti finali serviti di effettuare interventi per il risparmio. Il secondo è una duplice possibilità di ottemperare a detto obbligo di legge, in modo diretto o indiretto. 2

3 Modo diretto di ottemperare l obbligo di legge, i distributori decidono di proporre direttamente ai propri clienti un numero sufficiente di progetti di uso razionale dell energia, nell ambito delle tipologie ammissibili indicate dai decreti, che concorrano al conseguimento degli obiettivi quantitativi definiti per l anno di esercizio per la singola impresa. La maniera indiretta consiste, nella possibilità per i soggetti obbligati, di acquistare da soggetti terzi (ESCO), Titoli di Efficienza Energetica, dall Autorità dell Energia a fronte di investimenti di settore. 3

4 Schema di intervento diretto da parte del distributore 4

5 Schema di intervento da parte di una ESCO con acquisto di titoli da parte del distributore 5

6 In linea teorica sono ammissibili tutte le tecnologie che comportino un risparmio di energia: i decreti riportano delle tabelle in cui sono indicate le tipologie tipiche afferenti ai settori industriale e civile. I distributori hanno inoltre l'obbligo di conseguire almeno il 50% delle riduzioni dei consumi previste attraverso azioni relative alla loro area di attività primaria. Gli interventi realizzati,vengono certificati mediante titoli di efficienza rilasciati dall'autorità per l'energia Elettrica ed il Gas (AEEG),questi potranno essere conteggiati, ai fini del soddisfacimento degli obblighi, per cinque anni I decreti affidano all'autorità il compito di emanare delle linee guida che determinino nei dettagli il funzionamento del meccanismo, con riferimento alle metodologie per la valutazione dei risparmi conseguiti, alla dimensione minima degli interventi ammessi, all'entità del recupero tariffario e delle sanzioni. 6

7 L'AEEG ha anche reso disponibile una relazione tecnica i cui punti principali sono: le ESCO sono definite come le società, comprese le imprese artigiane e le loro forme consortili, che alla data di avvio del progetto hanno come oggetto sociale, anche non esclusivo, l offerta di servizi integrati per la realizzazione e l eventuale successiva gestione di interventi?art. 1; tre modalità di riconoscimento dei risparmi conseguiti attraverso gli interventi, ossia standardizzata, analitica, a consuntivo? art. 3 e seguenti; 7

8 la taglia minima degli interventi ammissibili (si passa dai 25 tep/anno per i progetti standardizzati ai 100 tep/anno per quelli a consuntivo tep/anno se realizzati da distributori)? art. 10; il potere calorifico dei combustibili, caratterizzato da un'eccessiva rigidità per alcuni combustibili solidi (es. i pellet si vedrebbero riconosciute solo kcal/kg)? art. 8; la documentazione da presentare e conservare ai fini del rilascio dei titoli? art. 12 e seguenti; alcune azioni attivabili da Regioni e Province Autonome? art. 15; dimensione (1 tep), durata e contabilizzazione dei titoli di efficienza energetica? art

9 9

10 Interventi per riduzione del gas naturale 10

11 11

12 12

13 Quali sono gli attori e quali i loro ruoli? I distributori gli utenti le società terze di servizi energetici (ESCO) l Autorità per l energia il Gestore del Mercato le Regioni. 13

14 Il distributore Ha l obbligo di conseguire gli obiettivi di riduzione dei consumi precisati nei Decreti, con la libertà di scegliere modalità, tipologie, specifici progetti ed utenze. In conseguenza dei minori consumi dell Utente avrà una corrispondente riduzione di vendite di energia con conseguente calo di profitto. Deve sostenere il costo per la realizzazione dei progetti in due modi possibili: con investimenti diretti per la realizzazione in proprio presso gli utenti, per l acquisto dei Titoli da terzi che hanno realizzato i progetti con un loro investimento. Ha la possibilità di definire un accordo con l utente per condividere con lo stesso una parte dei benefici che esso verrà a godere a seguito dell intervento propostogli. 14

15 Il distributore Può recuperare i costi sostenuti per la realizzazione dei progetti ed i mancati profitti da una quota di tariffa pagata dai clienti vincolati con modalità ed entità definite dall Autorità. Incorre in caso di inottemperanza nelle sanzioni applicate dall Autorità in modo proporzionale e superiore all entità degli investimenti necessari a compensare le inadempienze. Ha l opportunità di avviare un nuovo business, per il quale si trova in posizione privilegiata, con l offerta di servizi energetici integrati. Un esempio è l Accordo recentemente annunciato tra ENEL e Merloni per l affitto della lavatrice ad alto rendimento. 15

16 L Utente È il soggetto principale a cui si rivolge la normativa, è possibile individuare due classi di utenti: grandi Utenti, che possono essere identificati come i clienti idonei piccoli Utenti costituiti dai clienti vincolati. 16

17 L Utente I piccoli Utenti non hanno in genere capacità e competenze per iniziative proprie e saranno quindi soggetti passivi che possono partecipare ai progetti di risparmio, conseguendone i relativi vantaggi, solo in conseguenza di iniziative a loro proposte dai Distributore, cui sono già legati contrattualmente. Non è tuttavia escluso, che l iniziativa possa essere loro proposta da altri Distributori o Società di servizi energetici. In sostanza essi sono l oggetto di proposte offerte da soggetti terzi. I grandi Utenti, sono i clienti idonei ad accedere al mercato libero e quindi, almeno in linea di principio svincolati dal Distributore, e che sono tenuti per legge alla nomina del Tecnico responsabile per l uso dell energia o Energy Manager. Hanno invece in genere una capacità propria di gestire in modo efficiente i propri usi di energia e di avviare iniziative finalizzate al miglioramento dell efficienza. Questo vale soprattutto per i grandi utenti industriali e privati. Essi si configurano quindi come soggetti attivi capaci, di realizzare in proprio, ed eventualmente con la collaborazione di società di servizi energetici, degli interventi. 17

18 L Utente Può accogliere la proposta sottopostagli dai Distributori o da soggetti terzi operanti nel settore dei servizi energetici, stipulando con gli stessi un contratto che definisca il rapporto tra di loro e le relative regole. Tra queste vi sarà anche la definizione delle modalità dell eventuale suddivisione dei benefici conseguenti alle riduzioni dei consumi la eventuale vendita dei Titoli ed, eventualmente, anche degli oneri per gli investimenti. L Utente che partecipa ad un progetto di risparmio gode del beneficio della riduzione dei consumi di energia e dei relativi costi conseguenti alla realizzazione del progetto. 18

19 Egli può godere di tale beneficio in tutto o in parte fin dall inizio, oppure solo in seguito una volta ripagato in tutto o in parte l investimento, a seconda di quanto concordato nel contratto con il Distributore od il soggetto terzo. Tutti gli Utenti indistintamente, sia quelli che partecipano al miglioramento dell efficienza negli usi propri sia quelli che non partecipano perché non ne hanno l opportunità o possibilità, incorrono nell eventuale aumento di costo dell energia per il trasferimento in tariffa degli oneri sostenuti dai Distributori e riconosciuti dall Autorità. 19

20 L Utente L Utente può comunque anche realizzare in proprio un progetto di risparmio energetico, come finora fatto, investendo proprie risorse allo scopo di conseguire una riduzione dei costi di esercizio. Sembrerebbe logico che questo investimento comportasse per equità il diritto ad ottenere anch esso il rilascio del relativo Titolo, lo stesso potendo costituire un ulteriore incentivo alla realizzazione. Ciò non è tuttavia previsto o contemplato negli attuali Decreti. Contratto S.E. riduzione aliquota IVA 20

21 ESCO o Energy Service Company Sono società che reperiscono le risorse finanziarie richieste per la realizzazione di un progetto o un intervento, eseguono le diagnosi energetiche, lo studio di fattibilità e la progettazione dell'intervento, lo realizzano e ne effettuano la manutenzione e l operatività. Alcune di queste attività possono essere affidate in outsourcing ad altri soggetti (ad esempio l'installazione dell'impianto o la sua manutenzione) od essere eseguite in proprio dalla ESCO. Nascono per rendere più facili gli interventi relativi all'installazione di tecnologie energeticamente efficienti, molte volte accantonati per mancanza di personale esperto di tematiche energetiche all'interno delle società o di risorse finanziarie. Un caso particolare è rappresentato dalla Pubblica Amministrazione, che si trova a dover gestire rigidi capitoli di spesa usualmente in carenza di fondi rispetto alle esigenze complessive, e che pertanto si trova in molti casi a soffrire di scarsità di risorse finanziarie. 21

22 ESCO o Energy Service Company Tali inconvenienti possono essere superati attraverso il ricorso al finanziamento tramite terzi (Project Financing). Tale strumento prevede la partecipazione di un soggetto terzo che fornisce le disponibilità finanziarie necessarie alla realizzazione dell'intervento desiderato, purché esso sia caratterizzato da un rischio molto contenuto e da un flusso di cassa sostanzialmente stabile originato dai risparmi energetici conseguiti ed in grado di ripagare i costi in tempi definiti. In tale contesto operano le società di servizi energetici. Al termine del periodo richiesto per rientrare dall'investimento e remunerare le attività della società di servizi, l'impianto viene in genere riscattato dal soggetto beneficiario dell'intervento, mentre la sua gestione può essere lasciata in carico alla ESCO o affidata ad altri soggetti. 22

23 Come Operano le ESCO Effettua in proprio l investimento per la realizzazione dei progetti, in accordo con l utente con cui stipula un contratto per la gestione dell impianto realizzato e la condivisione dei vantaggi conseguenti. Ricava un profitto dalla gestione del progetto conforme alle modalità di condivisione del contratto, recuperando così l investimento fatto. Ha un ricavo anche dalla vendita del Titolo acquisito, o direttamente ad un Distributore, oppure nell apposita Borsa. 23

24 Cosa guadagnano le ESCO? Ad esse il beneficiario verserà un canone differente da caso a caso. La somma dovuta è compresa fra l'ammontare della bolletta energetica annua ed una sua quota, a seconda della redditività dell'intervento e dell'efficienza precedente l'intervento, del numero di anni di durata del contratto, dal rischio assunto e dalle esigenze del soggetto beneficiario. La soluzione più comune è forse quella della ripartizione del risparmio, per cui alla ESCO viene girato un 70-90% della bolletta energetica annua (shared saving). Sono comunque comuni casi in cui alla ESCO tocchi l'intera entità del risparmio conseguito, cui corrisponde il minimo tempo di riscatto dell'impianto da parte del beneficiario (first out), e contratti a garanzia dei risultati, che consistono in una forma di leasing in base alla quale all'utente viene garantito al termine del contratto un'entità dei risparmi pari almeno all'ammontare delle quote versate, comprensive di interessi. 24

25 Cosa guadagnano le ESCO? Ovviamente tali vantaggi si pagano in termini di una complessità contrattuale consistente e dalla necessità di predisporre capitolati dettagliati. Le clausole contrattuali devono servire a garantire l'utente da una parte, affinché l'intervento realizzato sia effettivamente energeticamente efficiente e tecnicamente valido, anche tenendo conto dell'andamento del mercato dei vettori energetici e delle tecnologie, e la ESCO dall'altra, in modo che riesca effettivamente a rientrare dei costi sostenuti ed a realizzare una certa quota di profitto. Esiste una dimensione economica minima dell'intervento sotto la quale non ha senso ricorrere al FTT: in genere il finanziamento tramite terzi diventa un'opzione attivabile oltre i di costo dell energia. 25

26 I punti da considerare con attenzione riguardano: I consumi energetici dell'utente ex-ante ed ex-post Il possibile andamento dei prezzi di elettricità, gas naturale ed altri combustibili L'affidabilità delle fonti naturali nel caso degli impianti basati su fonti rinnovabili La possibilità di prevedere adeguamenti dei corrispettivi dovuti in base all'andamento del mercato ed eventualmente dei risultati effettivamente conseguiti grazie all'intervento la determinazione di eventuali penali la stipula delle opportune garanzie ed assicurazioni sia dal punto di vista finanziario, sia da quello tecnico (dipendente in larga parte dall'esperienza e dei soggetti di cui si avvale la ESCO). La presenza all'interno della società beneficiaria di persone competenti riguardo al tipo di intervento proposto (l'energy manager, ad esempio), o la consulenza di opportune società esterne, permettono all'utente di meglio valutare i vantaggi energetici e quindi economici conseguibili, e di conseguenza l'offerta della ESCO. 26

27 AEEG (Autorità per l energia elettrica e il gas) Ha la delega dei Ministeri per le funzioni di regolazione e di controllo relative all implementazione dei Decreti, con i seguenti compiti: Definizione delle Linee guida per la preparazione, esecuzione e valutazione consuntiva dei progetti, la documentazione comprovante i risultati ottenuti, ed i criteri e modalità di rilascio dei Titoli (art.5). Rilascio dei Titoli di Efficienza Energetica a favore dei soggetti aventi diritto, in base ai criteri prestabiliti (art.10). Controllo della realizzazione conforme dei progetti certificati e della riduzione dei consumi conseguita (art.7) Verifica del raggiungimento degli obiettivi e del possesso dei Titoli dovuti da parte del Distributore, ed applicazione delle eventuali sanzioni in caso di inottemperanza. Definizione dell eventuale imputazione in tariffa dei costi sostenuti dai Distributori per la realizzazione dei progetti e dei mancati profitti. 27

28 Il Gestore del Mercato Elettrico (GME) È una società per azioni costituita dal Gestore della rete di trasmissione nazionale, secondo quanto previsto dall art. 5, comma 1 del D.lgs. 79/99 ha il compito di organizzare la sede per la contrattazione dei Titoli o Borsa, predisponendone le regole di funzionamento. Il mercato ha iniziato ad operare dal 31 marzo

29 Mercato elettrico È l incontro tra l offerta di energia elettrica da parte dei produttori e la domanda rappresentata dai consumatori e dai grossisti che acquistano energia per le loro necessità o per venderla ad altri utilizzatori. È il luogo dove si forma il prezzo dell energia valido per tutta la Nazione. Nel mercato elettrico le transazioni si svolgono su una piazza del mercato telematico, alla quale gli operatori si connettono tramite internet con procedure di accesso sicuro (firma elettronica tramite smart card) per la conclusione di contratti on line. 29

30 Mercato elettrico È articolato nei seguenti mercati: mercati dell energia nei quali sono compresi: il mercato del giorno prima dell energia o MGP e il mercato di aggiustamento o MA. Su tali mercati, i produttori, i grossisti ed i clienti finali idonei vendono e comprano l energia elettrica per il giorno successivo; mercato per il servizio di dispacciamento (MSD), sul quale il GRTN si approvvigiona dei servizi di dispacciamento necessari alla gestione ed al controllo del sistema elettrico (soluzione delle congestioni di rete a programma, acquisto della riserva operativa per il giorno successivo, energia per il bilanciamento del sistema in tempo reale). 30

31 mercati dell energia: hanno come controparte centrale il GME; si svolgono ogni giorno per il giorno successivo. Il mercato del giorno prima (MGP) si svolge nella prima mattinata, mentre il mercato di aggiustamento (MA) nella tarda mattinata; trattano quantitativi orari di energia. Gli operatori ammessi alle contrattazioni presentano offerte di acquisto o vendita di energia per ogni ora del giorno successivo, specificando una quantità massima offerta o richiesta ed un prezzo di vendita o di acquisto; sono organizzati come meccanismi d asta non discriminatoria. Le offerte ricevute da GME non sono abbinate su base continua, come avviene ad esempio nei mercati azionari, ma solo dopo il termine di presentazione delle offerte; le offerte sono accettate in modo da massimizzare il valore delle transazioni, nel rispetto dei vincoli di trasporto tra zone geografiche comunicati dal GRTN. Pertanto, il mercato assegna implicitamente il diritto di transito tra le zone geografiche e le offerte sono selezionate sulla base di un ordine di merito, determinato dal prezzo; le offerte accettate pagano o ricevono un prezzo marginale di equilibrio, che in assenza di congestioni sulla rete è unico in Italia per tutte le offerte; in presenza di congestioni il mercato si divide in zone, dove si determina un prezzo marginale di equilibrio diverso. In tal modo ad ogni offerta viene riconosciuto il prezzo della propria zona. Nel MGP il prezzo applicato alle offerte di acquisto è unico in tutto il Paese, anche in caso di congestioni. 31

32 Il mercato per il servizio di dispacciamento: ha come controparte il GRTN, unico acquirente in questo mercato prevede la partecipazione obbligatoria ed esclusiva di tutte le unità abilitate alla fornitura di servizi di dispacciamento ed è limitata agli utenti del dispacciamento delle suddette unità si svolge nelle ore antimeridiane del giorno prima tratta quantitativi orari di energia. Gli operatori ammessi alle contrattazioni presentano offerte di acquisto o vendita di energia per ogni ora del giorno successivo, specificando una quantità massima offerta ed un prezzo di vendita funziona come asta selettiva. Le offerte, selezionate dal GRTN in ordine di merito e tenuto conto dei vincoli fisici degli impianti di generazione e della rete elettrica, ricevono il proprio prezzo di offerta 32

33 Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale (GRTN) È una società per azioni, istituita con il decreto legislativo 79/99 del 16 marzo 1999 ed operativa dal 1 aprile del 2000 (D.M. 21 gennaio 2000), sorta nell'ambito della riorganizzazione del sistema elettrico. Principale obiettivo della riforma è quello di favorire la liberalizzazione e la concorrenza in un settore di importanza strategica per lo sviluppo dell'economia. Le attività del GRTN riguardano la trasmissione di energia elettrica sulla rete ad alta ed altissima tensione, la cui gestione è stata affidata alla società in regime di concessione (D.M. del 17 luglio 2000) ed il dispacciamento, attività quest'ultima che coordina il funzionamento degli impianti di produzione, della rete di trasmissione nazionale e delle reti ad essa connesse e dei servizi ausiliari del sistema elettrico. Le azioni della società sono detenute dal Ministero dell Economia e delle Finanze, il quale esercita i diritti dell azionista d intesa con il Ministero delle Attività Produttive, che ne definisce anche gli indirizzi strategici ed operativi. 33

34 Regioni Le Regioni hanno una funzione di affiancamento con i loro atti di promozione regionale, con la possibilità di accordi diretti con i distributori, e con il coordinamento dei procedimenti amministrativi e l acquisizione unitaria degli atti autorizzativi anche con lo sportello unico. Esse possono inoltre fissare ulteriori obiettivi di incremento dell efficienza provvedendo anche con proprie risorse. Piano Energetico Regionale con cui si realizzano una vera e propria programmazione e pianificazione del settore energetico e delle fasi dei processi di decisione e realizzazione dei progetti, per conseguire i livelli più elevati di efficienza, competitività flessibilità e sicurezza, nell ambito delle azioni a sostegno del risparmio energetico e delle fonti rinnovabili. 34

35 Certificati Verdi Il Decreto legislativo n. 79 del 16 marzo 1999 nell art. 11 introduce un nuovo sistema di incentivi per lo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili, oltre al Cip6 nasce un meccanismo di mercato competitivo basato sui Certificati Verdi, titoli emessi dal GRTN (Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale) che attestano la produzione di energia da fonti rinnovabili. Ogni Certificato Verde certifica la produzione di 100 MWh. Nel mercato dei Certificati Verdi la domanda è costituita dall obbligo per produttori e importatori di immettere annualmente una quota di energia prodotta da fonti rinnovabili pari al 2% di quanto prodotto e/o importato da fonti convenzionali nell anno precedente. L offerta, invece, è rappresentata dai Certificati Verdi emessi a favore di impianti privati che hanno ottenuto la qualificazione dal Gestore della rete, così come dai Certificati Verdi che il GRTN stesso emette a proprio favore a fronte dell energia prodotta dagli impianti Cip 6. 35

36 Lo schema di funzionamento è quello riportato nella figura : i produttori ricevono il provento derivante dalla vendita del CV in aggiunta al prezzo di vendita dell'energia generata (o alla valorizzazione dell'autoconsumo della stessa). 36

37 I certificati RECS Oltre al meccanismo dei certificati verdi, legato all'obbligo introdotto dal decreto Bersani, nel 2003 è stato avviato il sistema RECS (Renewable Energy Certificate System), che si differenzia dal primo per i seguenti aspetti: la partecipazione è volontaria e la possibile remunerazione della vendita del certificato è dunque collegata a principi di green pricing e di sensibilità ambientale delle aziende; ogni certificato fa riferimento ad una produzione annua di 1 MWh, includendo così anche le applicazioni di piccola taglia; il mercato è allargato a 18 paesi attualmente e potrà essere ulteriormente esteso in futuro. 37

38 I dati disponibili al momento parlano di 33 milioni di certificati emessi e di circa 13 milioni venduti a soggetti interessati a certificare la provenienza da fonte rinnovabile dell'energia elettrica da loro acquistata. L'ente che rilascia i RECS in Italia è sempre il GRTN, dov'è possibile reperire informazioni circa le modalità per l'emissione dei certificati. 38

39 Certificati verdi: Per l anno 2002 il valore della domanda è pari a 3,3 TWh, riferita a 35 operatori soggetti a questo obbligo, mentre l offerta è stimata in circa 1,2 TWh. La domanda residuale 2,1TWh corrispondenti a Certificati Verdi sarà coperta dai Certificati verdi a disposizione del GRTN, in totale 4,3 TWh. Per l'anno 2003 il valore della domanda è pari a 3,46 TWh, riferita a 42 soggetti a questo obbligo, mentre l'offerta è stimata in circa 1,3 TWh. La domanda residuale - circa 2,16 TWh corrispondenti a circa certificati verdi - sarà coperta dai Certificati verdi a disposizione del GRTN, in totale 4,76 TWh. 39

40 IL PROVVEDIMENTO CIP n. 6 DEL 1992 Questo provvedimento premia il kwh prodotto da terzi e ceduto alla rete elettrica nazionale che sia ottenuto da fonti rinnovabili, da rifiuti o da impianti ad alta efficienza (in cogenerazione): il premio è sul kwh prodotto, pertanto non c è alcuna anticipazione di fondi pubblici ma solo la garanzia di un buon risultato economico purché il proponente ottenga un buon risultato tecnico produttore dell impianto, finanziatore, operatore dello stesso impianto sono interessati alla qualità delle prestazioni e a limitare i costi; l incentivo viene pagato direttamente dagli utilizzatori della elettricità attraverso la bolletta. In questo modo le casse dello Stato non sono coinvolte per la raccolta, la gestione, l assegnazione. In due anni di attuazione il Provvedimento CIP 6/92 ha portato ad autorizzare la costruzione di circa 5000 MWe di impianti. La cogenerazione è assimilata alle fonti rinnovabili d energia dall art. 1 della legge 10/91. 40

41 D.3 Titoli di efficienza energetica e certificati verdi Il Provvedimento CIP 6/92 ha posto la condizione per l ammissibilità, nel valore dell indice energetico dell impianto IEN. Fonti Rinnovabili di Energia Prof. Claudia Bettiol A.A

42 Fra i principali produttori di energia Cip6 ci sono l'enel e tutte le grandi aziende elettriche, ma anche numerose imprese di minori dimensioni specializzate nella sola produzione ecologica. Gli incentivi e i meccanismi che vi sono connessi sono pagati dai consumatori attraverso le bollette elettriche per una spesa complessiva che quest'anno si aggira intorno a 1,5 miliardi di euro. In tutto, si tratta di 15 miliardi di euro pagati dai consumatori italiani nell'arco di 20 anni. La produzione incentivata, pari a 54 miliardi di chilowattora, rappresenta circa il 20% della complessiva produzione elettrica nazionale e gode di un regime particolare. I chilowattora sono acquistati a prezzo incentivato dal Gestore della rete, il quale poi li mette all'asta con una base d'asta decisamente più bassa rispetto al prezzo al quale aveva acquistato l'energia. 42

I PRINCIPALI ATTORI DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE

I PRINCIPALI ATTORI DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE I PRINCIPALI ATTORI DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE gli Attori istituzionali AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Istituita con la legge n. 481 del 1995, l'autorità per l'energia elettrica e il gas

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte II

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte II Corso di Formazione ESTATE La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte II Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli Studi di

Dettagli

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Vicenza, 6 luglio 2005 2 2 Contenuti Il mercato elettrico: il contesto normativo Il Gestore

Dettagli

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti La missione dell Autorita per l Energia Elettrica e il Gas Autorità per l Energia Elettrica e il Gas Garantire la promozione della concorrenza e dell efficienza, assicurare adeguati livelli di qualità

Dettagli

Workshop Industria. Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria. Donata Susca Enel Distribuzione SpA

Workshop Industria. Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria. Donata Susca Enel Distribuzione SpA Workshop Industria Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria Donata Susca Enel Distribuzione SpA Agenda Titoli di efficienza energetica: contesto normativo Indagine Fire-Enel

Dettagli

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Il quadro normativo sull efficienza energetica e gli strumenti incentivanti o Legge

Dettagli

La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli. usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * *

La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli. usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * * La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * * Il presente breve contributo intende dare conto di un interessante fenomeno economico/industriale,

Dettagli

DM 24 aprile 2001 (GU n. 117 del 22 5 2001)

DM 24 aprile 2001 (GU n. 117 del 22 5 2001) DM 24 aprile 2001 (GU n. 117 del 22 5 2001) Individuazione degli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili di cui all'art. 16, comma 4, del decreto legislativo

Dettagli

incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili

incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili Incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili incentivi Sommario Incentivi alla Produzione di energia elettrica e termica da impianti

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni

PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni Incentivazione del risparmio energetico nell industria tramite i Certificati Bianchi Linea Guida per accedere al contributo PREMESSA La legislazione

Dettagli

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli

Dettagli

SEZIONE 1 DATI DI SINTESI

SEZIONE 1 DATI DI SINTESI SEZIONE 1 DATI DI SINTESI Il 31 marzo 2004 ha avuto inizio l attività di contrattazione dell energia sulla borsa elettrica. Per tutto il 2004 il mercato ha funzionato come un mercato dell offerta nel quale

Dettagli

I Certificati Bianchi. Consulenze energetiche www.studiobaldini.net 1

I Certificati Bianchi. Consulenze energetiche www.studiobaldini.net 1 I Certificati Bianchi Consulenze energetiche www.studiobaldini.net 1 I due Decreti 20 Luglio 2004 del MAP hanno introdotto il meccanismo dei Certificati Bianchi (Titoli di Efficienza Energetica o TEE)

Dettagli

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati Documenti collegati Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 febbraio 2006 Delibera n. 28/06 CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL ENERGIA

Dettagli

La Borsa elettrica: principi e funzionamento. Roma, 31 marzo 2004

La Borsa elettrica: principi e funzionamento. Roma, 31 marzo 2004 La Borsa elettrica: principi e funzionamento Roma, 31 marzo 2004 Parte I : i principi del mercato Prof. Bollino Parte II : il mercato dell energia energia Prof. SzegÖ / Avv. Agosta Parte III : le attività

Dettagli

Mercato dei certificati verdi : dalla nascita alla realizzazione

Mercato dei certificati verdi : dalla nascita alla realizzazione Mercato dei certificati verdi : dalla nascita alla realizzazione Giovanni Colais Milano, 19 settembre 2003 G Le fonti rinnovabili: meccanismi di incentivazione G Certificati verdi: il contesto normativo

Dettagli

La struttura del sistema energetico e i meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili

La struttura del sistema energetico e i meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili Corso di Tecnologie delle Energie Rinnovabili A.A. 2014-2015 La struttura del sistema energetico e i meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili Prof. Daniele Cocco Dipartimento di

Dettagli

La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo?

La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo? La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo? Maria Rosalia Cavallaro Area Analisi Economico Finanziarie Indice La filiera elettrica Approvvigionamento Infrastruttura Vendita Sistema tariffario Sistema

Dettagli

,1&(17,9, (&2120,&, $/ 5,63$50,2 (1(5*(7,&2 7 ( ( 2 &(57,),&$7, %,$1&+, iing. GIULIA BENATTI STEA PROGETTO srll

,1&(17,9, (&2120,&, $/ 5,63$50,2 (1(5*(7,&2 7 ( ( 2 &(57,),&$7, %,$1&+, iing. GIULIA BENATTI STEA PROGETTO srll ,1&(17,9, (&2120,&, $/ 5,63$50,2 (1(5*(7,&2 7 ( ( 2 &(57,),&$7, %,$1&+, R Relatrice: l ti iing. GIULIA BENATTI STEA PROGETTO srll POLITICA ENERGETICA E CRESCITA SOCIALE DAL PROTOCOLLO DI KYOTO ALLA POLITICA

Dettagli

ORIENTAMENTI E PROPOSTE PER L OTTIMIZZAZIONE DEL

ORIENTAMENTI E PROPOSTE PER L OTTIMIZZAZIONE DEL Atto n. 33/06 ORIENTAMENTI E PROPOSTE PER L OTTIMIZZAZIONE DEL DISPACCIAMENTO DELLE UNITÀ DI PRODUZIONE CIP 6/92 Documento per la consultazione 5 dicembre 2006 1 Premessa Ai sensi della vigente normativa,

Dettagli

COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA

COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA PROVINCIA DI UDINE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE ANNO 2013 N. 136 del Registro Delibere OGGETTO: Recupero dei titoli di efficienza energetica

Dettagli

I certificati bianchi: aspetti generali e attori coinvolti

I certificati bianchi: aspetti generali e attori coinvolti I certificati bianchi: aspetti generali e attori coinvolti Enrico Biele, FIRE Convegno Efficienza energetica: normative ed opportunità per P.A. ed imprese 27 giugno 2013, Lomazzo (CO) Cos è la FIRE La

Dettagli

Certificati Bianchi: normative e benefici economici. Simone Mura Customer Relations simone.mura@tholosgreen.com

Certificati Bianchi: normative e benefici economici. Simone Mura Customer Relations simone.mura@tholosgreen.com Certificati Bianchi: normative e benefici economici Simone Mura Customer Relations simone.mura@tholosgreen.com Risparmio energetico Paesi Ocse-11 Il grafico mostra il risparmio energetico generato da interventi

Dettagli

GUIDA DI ORIENTAMENTO

GUIDA DI ORIENTAMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI ORIENTAMENTO ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO 1 DEFINIZIONE DI BOLLETTA... 3 2 LE PRINCIPALI VOCI DI COSTO DELLA BOLLETTA... 3 2.1 Servizi

Dettagli

Scatti al 30 giugno 2014

Scatti al 30 giugno 2014 Scatti al 30 giugno 2014 1 Il mercato dell energia elettrica in Italia 2013 Bilancio anno 2013-4,4% Previsione anno 2014 Domanda Energia Elettrica 298 TWh (totale) 233 TWh al mercato non domestico www.consulenzaenergetica.it

Dettagli

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Audizione del Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Roma, 3 luglio 2014 Indice Il Gruppo GSE Decreto-Legge 24

Dettagli

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia Argomenti trattati Evoluzione delle figura professionale: da EM a EGE L Esperto in Gestione dell Energia Requisiti, compiti e competenze secondo UNI CEI 11339 Opportunità Schema di certificazione L Energy

Dettagli

Come operare nel mercato elettrico

Come operare nel mercato elettrico Come operare nel mercato elettrico Alberto POTOTSCHNIG Confindustria Roma, 19 giugno 2001 Assetto del settore - Struttura del mercato Impianti con contratto GRTN Impianti senza contratto Contratti bilaterali

Dettagli

I mercati per l ambiente

I mercati per l ambiente I mercati per l ambiente Il piano «20-20-20» A marzo 2007, il Consiglio Europeo si è prefissato di raggiungere entro l anno 2020: a)la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra di almeno il 20%

Dettagli

Il certificati bianchi quale nuovo sistema di incentivazione dell innovazione

Il certificati bianchi quale nuovo sistema di incentivazione dell innovazione Il certificati bianchi quale nuovo sistema di incentivazione dell innovazione Pasquale Monti Responsabile Efficienza Energetica Rozzano(MI) 21 Febbraio 2013 Enel.si srl Unità Sviluppo ed Efficienza Energetica

Dettagli

AEIT. sez. Trentino Alto Adige Sudtirol. Marco De Min direzione Mercati Elettricità e Gas Autorità per l Energia Elettrica il Gas ed i Sistemi Idrici

AEIT. sez. Trentino Alto Adige Sudtirol. Marco De Min direzione Mercati Elettricità e Gas Autorità per l Energia Elettrica il Gas ed i Sistemi Idrici AEIT sez. Trentino Alto Adige Sudtirol Efficienza energetica e Conto Termico nuovi obiettivi per i certificati bianchi il DCO dell AEEG sul rimborso in tariffa Marco De Min direzione Mercati Elettricità

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

Giornata AEI - ATI sulla cogenerazione

Giornata AEI - ATI sulla cogenerazione Giornata AEI - ATI sulla cogenerazione La cogenerazione diffusa è un opzione valida per la produzione dei flussi energetici necessari? 27 Ottobre 2003 1 La cogenerazione in Italia Situazione attuale e

Dettagli

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pagina 1 di 13 Documenti collegati Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data

Dettagli

Energia dal Monopolio alla Borsa il percorso di liberalizzazione del settore Elettrico e del Gas. tra Crisi ed Opportunità

Energia dal Monopolio alla Borsa il percorso di liberalizzazione del settore Elettrico e del Gas. tra Crisi ed Opportunità Energia dal Monopolio alla Borsa il percorso di liberalizzazione del settore Elettrico e del Gas tra Crisi ed Opportunità 1 Obiettivi L intervento si propone come obiettivo quello di effettuare una panoramica

Dettagli

Le ESCO, l energy performance contracting e il finanziamento tramite terzi

Le ESCO, l energy performance contracting e il finanziamento tramite terzi Le ESCO, l energy performance contracting e il finanziamento tramite terzi Milano, 22 novembre 2005 Napoli, 30 novembre 2005 Dario Di Santo, FIRE Premessa La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 1 parte Il mercato elettrico in Italia Indice 1 parte OBIETTIVI FONTI BIBLIOGRAFICHE OGGETTO LEGGI FONDAMENTALI TAPPE EVOLUZIONE MERCATO

Dettagli

Insieme per crescere

Insieme per crescere Insieme per crescere La gestione dei TEE. Aspetti contrattuali e criticità per ESCO ed Energy Manager Alessandra Mari Rödl & Partner Smart Energy Expo - Verona, 9.10.2014 Rödl & Partner 11.03.2013 1 I

Dettagli

energy management solution provider ESCo accredited

energy management solution provider ESCo accredited energy management solution provider ESCo accredited Via G. Rossa, 7 35020 Ponte S. Nicolò (Pd) tel. 049 654530 fax 049 8968074 Callisto srl La divisione energy management di Callisto s.r.l. nasce per rispondere

Dettagli

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Assoutility srl - Assolombarda Arch. Daniela Colalillo Comune di Settala, 08 novembre 2006 Efficienza energetica e mercato liberalizzato:

Dettagli

Ing. Michelangelo CELOZZI

Ing. Michelangelo CELOZZI LA REGOLAMENTAZIONE DELLA BORSA DEL MERCATO ELETTRICO: MODELLI ORGANIZZATIVI DELLE TRANSAZIONI, STRUTTURA DEI MERCATI FISICI, ARTICOLAZIONE DELLE OFFERTE Ing. Michelangelo CELOZZI Il contesto normativo

Dettagli

La normativa e gli incentivi per lo sviluppo delle fonti rinnovabili

La normativa e gli incentivi per lo sviluppo delle fonti rinnovabili La normativa e gli incentivi per lo sviluppo delle fonti rinnovabili Dott. Antonio Trevisi Università degli Studi di Lecce L energia elettrica L energia elettrica è una fonte di energia secondaria o artificiale,

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 2 parte Indice 2 parte LA GENERAZIONE: CARATTERISTICHE E DATI IL TRASPORTO: LA TRASMISSIONE E LA DISTRIBUZIONE IL MERCATO ALL INGROSSO LA

Dettagli

Delibera n. 50/02. L Autorità per l energia elettrica e il gas. Nella riunione del 26 marzo 2002, Premesso che:

Delibera n. 50/02. L Autorità per l energia elettrica e il gas. Nella riunione del 26 marzo 2002, Premesso che: Delibera n. 50/02 Condizioni per l erogazione del servizio di connessione alle reti elettriche con tensione nominale superiore ad 1 kv i cui gestori hanno obbligo di connessione di terzi. (pubblicata sul

Dettagli

Efficienza energetica: ruolo e funzioni dell ENEA, la nuova Agenzia nazionale

Efficienza energetica: ruolo e funzioni dell ENEA, la nuova Agenzia nazionale L Agenzia nazionale per l efficienza energetica IlD.Lgs.30maggio2008,n.115,attuandoa livello nazionale la direttiva comunitaria 2006/32, ha istituito l Agenzia nazionale per l efficienza energetica affidandone

Dettagli

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Con la presente si analizzano i chiarimenti recentemente forniti dall Agenzia delle Entrate con la Risoluzione

Dettagli

I PRESUPPOSTI GIURIDICI DELL INIZIATIVA CON RIFERIMENTO AL CONDOMINIO. Marinella Baldi - A.E.R.E.

I PRESUPPOSTI GIURIDICI DELL INIZIATIVA CON RIFERIMENTO AL CONDOMINIO. Marinella Baldi - A.E.R.E. I PRESUPPOSTI GIURIDICI DELL INIZIATIVA CON RIFERIMENTO AL CONDOMINIO Marinella Baldi - A.E.R.E. 1 CONDOMINI INTELLIGENTI: LE QUESTIONI GIURIDICHE Le principali questioni giuridiche inerenti al progetto

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 21 Dicembre 2007 Revisione e aggiornamento dei decreti 20 luglio 2004, concernenti l'incremento dell'efficienza energetica degli usi finali di energia, il risparmio

Dettagli

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma Risparmio energetico ed efficienza energetica perché l'energia più economica è quella che non si consuma L importanza dell Efficienza Energetica e del Risparmio Energetico Importazioni energetiche 2012

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio elettricità +0,7%, nessun aumento per il gas Al via il nuovo Metodo tariffario idrico e un indagine per le

Dettagli

1) Seguendo l'approccio LCCA, come possono essere suddivisi i costi associati ad un motore elettrico:

1) Seguendo l'approccio LCCA, come possono essere suddivisi i costi associati ad un motore elettrico: 10 QM I 5 1) Seguendo l'approccio LCCA, come possono essere suddivisi i costi associati ad un motore elettrico: 75% en. consumata; 22,3% costo d'acquisto; 2,3% costi di manutenzione 80% en. consumata;

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA COMMISSIONE ENERGIA CORSO: ENERGY MANAGER -EGE DATA: 08 LUGLIO 2015 DOCENTI: ING. SAVOLDELLI ROBERTO SEMINARIO ESCO-EGE-TEE 1 ENERGY MANAGER RICHIAMI:

Dettagli

Struttura dell industria liberalizzata

Struttura dell industria liberalizzata Struttura dell industria liberalizzata GENERATORI Sono aperte alla concorrenza le fasi di generazione e fornitura ai clienti finali. Le MERCATO ALL INGROSSO GME GRTN AU attività di trasmissione e distribuzione

Dettagli

www.provincia.bologna.it/opportunita_ambientale

www.provincia.bologna.it/opportunita_ambientale 1 CERTIFICATI VERDI, CONTO ENERGIA E TARIFFA ONNICOMPRENSIVA Legge Finanziaria 2008 (legge 24 Dicembre 2007, n. 244), art. 2, commi da 143 a 157, articolo 2, commi da 136 a 140 D.M 18/12/2008 (decreto

Dettagli

COSA SONO I TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA

COSA SONO I TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA 1 COSA SONO I TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA Il meccanismo dei TEE è stato introdotto con i Decreti Ministeriali 20 luglio 2004 e recentemente modificato con il Decreto Ministeriale 28 dicembre 2012 che

Dettagli

La Certificazione degli Energy Manager come punto qualificante della Nuova Normativa

La Certificazione degli Energy Manager come punto qualificante della Nuova Normativa Per una migliore qualità della vita La Certificazione degli Energy Manager come punto qualificante della Nuova Normativa Matteo Locati Federchimica Milano 27/02/2013 La società: Certiquality: Profilo Società

Dettagli

Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09

Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09 Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09 Deliberazione 16 dicembre 2004 Determinazione del contributo tariffario da erogarsi ai sensi dell

Dettagli

Il protocollo di Kyoto

Il protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Il protocollo di Kyoto E' il primo tentativo globale di coordinamento delle politiche economiche di singoli stati sovrani. Il protocollo di Kyoto è lo storico accordo internazionale

Dettagli

1) Perché i rendimenti delle caldaie a condensazione presentano valori superiori al 100%?

1) Perché i rendimenti delle caldaie a condensazione presentano valori superiori al 100%? 28 QM 4 1) Perché i rendimenti delle caldaie a condensazione presentano valori superiori al 100%? Perché nel calcolo di tale rendimento la potenza al focolare fa riferimento al potere calorifico superiore

Dettagli

Aggiornamento elettrico per il mercato vincolato:

Aggiornamento elettrico per il mercato vincolato: Aggiornamento elettrico per il mercato vincolato: portafoglio approvvigionamenti AU all ingrosso, meccanismi d aggiornamento degli oneri di approvvigionamento e di dispacciamento, impatto degli andamenti

Dettagli

Efficienza energetica: guida normativa su ESCo, Esperti, contratti, diagnosi energetiche e TEE

Efficienza energetica: guida normativa su ESCo, Esperti, contratti, diagnosi energetiche e TEE Febbraio 2014 Efficienza energetica: guida normativa su ESCo, Esperti, contratti, diagnosi energetiche e TEE Nell era del risparmio energetico, le politiche e le più svariate forme di incentivo per l utilizzo

Dettagli

ENERGY MANAGER QUALIFICATO ODC CHE OPERA AI SENSI UNI CEI EN ISO/IEC 17024

ENERGY MANAGER QUALIFICATO ODC CHE OPERA AI SENSI UNI CEI EN ISO/IEC 17024 ENERGY MANAGER QUALIFICATO ODC CHE OPERA AI SENSI UNI CEI EN ISO/IEC 17024 DURATA CORSO: 30 Ore CREDITI FORMATIVI PROFESSIONALI RILASCIATI DAL CORSO: PERITI AGRARI 15 CFP ARCHITETTI 15 CFP PERITI INDUSTRIALI

Dettagli

Efficienza energetica: i servizi di illuminazione

Efficienza energetica: i servizi di illuminazione Efficienza energetica: i servizi di illuminazione Aprile 2013 1Beghelli Servizi Srl Quadro normativo Nel 2007 la Commissione Europea ha introdotto degli obiettivi quantitativi in materia di efficienza

Dettagli

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia Argomenti trattati Evoluzione delle figura professionale: da EM a EGE L Esperto in Gestione dell Energia Requisiti, compiti e competenze secondo UNI CEI 11339 Opportunità Schema di certificazione L Energy

Dettagli

Elettricità: la bolletta trasparente

Elettricità: la bolletta trasparente Elettricità: la bolletta trasparente Con la bolletta dell energia elettrica, famiglie e piccoli consumatori serviti in maggior tutela 1 (pagano sostanzialmente per quattro principali voci di spesa. In

Dettagli

Il ruolo delle ESCO nella politica energetica degli enti locali

Il ruolo delle ESCO nella politica energetica degli enti locali Il ruolo delle ESCO nella politica energetica degli enti locali Energy Service Companies e sviluppo territoriale Ferruccio Locatelli Molte domande, una sola risposta: Energy Service Company Cos è una Energy

Dettagli

Linee Guida Efficienza Energetica

Linee Guida Efficienza Energetica Linee Guida Efficienza Energetica SOGGETTI NORMATIVE CONTRATTI - INCENTIVI domusblog.com IL BLOG DELL ENERGIA VERDE E.S.Co. o E.S.P.Co.? Il D. Lgs. 30 Maggio 2008 n.115 Attuazione della direttiva 2006/32/CE

Dettagli

Mario Porzio & Carlo Spampatti. Bergamo a.a. 09/10

Mario Porzio & Carlo Spampatti. Bergamo a.a. 09/10 Mario Porzio & Carlo Spampatti Università degli studi di Università degli studi di Bergamo a.a. 09/10 Catena elettrica Produzione:costruzione e gestione degli impianti mirati a produrre energia elettrica

Dettagli

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 656/2014/R/GAS MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS Documento per la consultazione

Dettagli

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI)

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) ing. Filippo Colorito, ENEA-UTEE/GRT BARI filippo.colorito@enea.it Bari, 18 Aprile 2012 ENEA-UTEE 1 ENEA. La missione ENEA è l Agenzia nazionale per

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

Settore Sviluppo Energetico Sostenibile

Settore Sviluppo Energetico Sostenibile ENERGY MANAGEMENT NEL SETTORE PUBBLICO Lo schema di Energy Performance Contracting della Regione Piemonte Torino, 26 novembre 2013 Sala Stemmi Provincia di Torino Regione Piemonte - Filippo BARETTI I CONTRATTI

Dettagli

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Allegato C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto legislativo approvato il 7 febbraio 2007 in via definitiva dal Consiglio dei ministri in attuazione della

Dettagli

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Ing. Nicolò Di Gaetano Responsabile Relazioni Esterne ed Analisi di Mercato Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Dall Audit Energetico All Efficienza Energetica per le Imprese

Dall Audit Energetico All Efficienza Energetica per le Imprese Presentazione Aziendale Genius Loci Srl Dall Audit Energetico All Efficienza Energetica per le Imprese 31/03/2014 1 Chi Siamo: Genius Loci è una ESCo (Energy Service Company) che opera nel mercato privato

Dettagli

L attuazione del Decreti Ministeriali 20 luglio 2004 a tre mesi dalla partenza: alcune considerazioni preliminari

L attuazione del Decreti Ministeriali 20 luglio 2004 a tre mesi dalla partenza: alcune considerazioni preliminari L attuazione del Decreti Ministeriali 20 luglio 2004 a tre mesi dalla partenza: alcune considerazioni preliminari Convegno FIRE EnergyMed 2005 15 aprile 2005 Marcella Pavan Unità Gestione e Controllo della

Dettagli

Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 17 agosto 2009 - ARG/elt 115/09 Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

IL FUTURO DEL DISPACCIAMENTO PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

IL FUTURO DEL DISPACCIAMENTO PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI IL FUTURO DEL DISPACCIAMENTO PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Roma, 27 Giugno 2014 Ing. Cristian Cattarinussi EscoEspe S.r.l. PREMESSA

Dettagli

La liberalizzazione del mercato elettrico italiano

La liberalizzazione del mercato elettrico italiano La liberalizzazione del mercato elettrico italiano 21 gennaio 2013 1 La riforma del sistema elettrico nazionale 1.1 Generalità La riforma del sistema elettrico nazionale, è stata realizzata sulla base

Dettagli

(GU n. 304 del 29-12-2004) MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE DECRETO 24 dicembre 2004

(GU n. 304 del 29-12-2004) MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE DECRETO 24 dicembre 2004 (GU n. 304 del 29-12-2004) MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE DECRETO 24 dicembre 2004 Determinazione delle modalita' per la vendita sul mercato, per l'anno 2005, dell'energia elettrica, di cui all'articolo

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

1 - Schema normativo meccanismi di sostegno e vincoli. Alessandro Bertoglio ASSOCARTA

1 - Schema normativo meccanismi di sostegno e vincoli. Alessandro Bertoglio ASSOCARTA 1 - Schema normativo meccanismi di sostegno e vincoli Alessandro Bertoglio ASSOCARTA Prima definizione di cogenerazione Decreto legislativo 79/99 (decreto Bersani): Definizione articolo 2, comma 8: Cogenerazione

Dettagli

Progettare un mondo migliore

Progettare un mondo migliore La Energy Service Company soci del sole srl è una società di servizi energetici operante su tutto il territorio nazionale. Grazie alla collaborazione di ingegneri esperti nel settore, la E.S.Co. soci del

Dettagli

finanziarie Anna Maria Pozzo Direttore Area Tecnica Federcasa Biella, 19 novembre 2009 che cos'è,, come funziona, adattamento all'alloggio sociale

finanziarie Anna Maria Pozzo Direttore Area Tecnica Federcasa Biella, 19 novembre 2009 che cos'è,, come funziona, adattamento all'alloggio sociale Il Finanziamento Tramite Terzi (FTT) che cos'è,, come funziona, adattamento all'alloggio sociale Anna Maria Pozzo Direttore Area Tecnica Federcasa Biella, 19 novembre 2009 Interventi di risparmio energetico

Dettagli

PARERE SULLA ENERGIA RINNOVABILE

PARERE SULLA ENERGIA RINNOVABILE PARERE SULLA ENERGIA RINNOVABILE Con la presente si intende rispondere al quesito sottoposto all attenzione dello scrivente studio legale in merito alla legittimità o meno del noto Avviso pubblico, con

Dettagli

L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE. www.gsel.it

L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE. www.gsel.it L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE www.gsel.it 2 Indice II GSE Gestore dei Servizi Elettrici L incentivazione del Fotovoltaico: : il conto energia Il Decreto 19 febbraio 2007 3 Il GSE

Dettagli

CERTIFICATI BIANCHI - TEE (Titoli di Efficienza Energetica)

CERTIFICATI BIANCHI - TEE (Titoli di Efficienza Energetica) Energia: istruzioni per l uso Mezzacorona (TN), 13 dicembre 2005 Certificati bianchi, verdi e neri Polo Tecnologico per l Energia l srl - Trento CERTIFICATI BIANCHI - TEE (Titoli di Efficienza Energetica)

Dettagli

Nella riunione del 30 giugno 2009. Visti:

Nella riunione del 30 giugno 2009. Visti: DELIBERAZIONE 30 giugno 2009. Aggiornamento per il trimestre luglio-settembre 2009 delle componenti tariffarie destinate alla copertura degli oneri generali e di ulteriori componenti del settore elettrico

Dettagli

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Corso di Formazione ESTATE La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli Studi di

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

Adria Energy. risparmiare, naturalmente

Adria Energy. risparmiare, naturalmente Adria Energy risparmiare, naturalmente Le soluzioni ottimali per ottenere energia: cogenerazione, fotovoltaico, solare termico, biomasse, geotermico, idroelettrico, eolico. Adria Energy risparmiare, naturalmente

Dettagli

Per ulteriori informazioni e consigli

Per ulteriori informazioni e consigli Per ulteriori informazioni e consigli Alcuni siti presso i quali è possibile visionare e scaricare consigli utili a risparmiare energia sia nell uso quotidiano sia nel corretto acquisto di determinati

Dettagli

GUIDA. Consorzio. Napoli 2000. Energia

GUIDA. Consorzio. Napoli 2000. Energia Consorzio Energia Napoli 2000 GUIDA CONSORZIO ENERGIA UNIONE DEGLI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI PIAZZA DEI MARTIRI, 58 80121 NAPOLI AMMINISTRATORE UNICO DR. GABRIELE ARIOLA SEGRETARIO RESPONSABILE

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 18 Giugno 2007, n. 73 Testo del decreto-legge 18 giugno 2007, n. 73 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 139 del 18 giugno 2007), coordinato con la legge di conversione

Dettagli

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma Risparmio energetico ed efficienza energetica perché l'energia più economica è quella che non si consuma L importanza dell Efficienza Energetica e del Risparmio Energetico Importazioni energetiche 2012

Dettagli

Maurizio Cenci. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica. 8 a Conferenza di Responsible Care

Maurizio Cenci. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica. 8 a Conferenza di Responsible Care 8 a Conferenza di Responsible Care Strumenti finanziari per supportare lo Sviluppo Sostenibile dell Industria. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica Maurizio Cenci Direttore

Dettagli