di Giovanni Maria Garegnani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Giovanni Maria Garegnani"

Transcript

1 APPUNTI ED ESERCIZI DI RAGIONERIA APPLICATA di Giovanni Maria Garegnani

2 Indice Capitolo 1: Esercizi sulle scrittura di partita doppia...3 a) Ciclo acquisti... 3 b) Ciclo vendite... 4 c) Scritture relative al personale dipendente... 8 d) Acquisto e cessione immobilizzazioni tecniche e) Operazioni di acquisto e cessione titoli f) Emissione prestito obbligazionario g) Operazioni sul capitale h) Sritture di assestamento Capitolo 2: Esercizi sulla valutazione delle rimanenze...23 Capitolo 3: Esercizi sulla valutazione dei lavori in corso su ordinazione.33 Capitolo 4: Esercizi sulla valutazione delle partecipazioni...35 Capitolo 5: Esercizi sulla determinazione delle imposte...46 Capitolo 6: Esercizi sugli schemi di bilancio (1)...55 Capitolo 7: Esercizi sugli schemi di bilancio (2)...76 Capitolo 8: Esercizi multiple choice...81 a) Immobilizzazioni tecniche b) Partecipazioni c) Rimanenze e lavori in corso su ordinazione d) Titoli e) Debiti, crediti e TFR f) Fondo rischi e spese future g) Ratei e risconti h) Principi di redazione del bilancio Capitolo 9: Esercizi sul bilancio consolidato

3 Capitolo 1: ESERCIZI SULLE SCRITTURE DI PARTITA DOPPIA A) CICLO ACQUISTI Esercizio n. 1 In data 15/03/2003 la AGS S.p.A. invia un anticipo in contanti di (più IVA al 20%) al proprio fornitore di materiale plastico PEAD S.r.l., a fronte dell acquisto di una grossa partita di materiale. Il 15/05/2003, la società in parola riceve la fattura relativa all intera fornitura per più IVA al 20% (la base imponibile IVA è al netto dell anticipo già versato); il regolamento è stabilito a 120 giorni dalla data della fattura; contestualmente vengono emessi effetti passivi per un ammontare pari all 80% dell importo della fattura, al netto dell anticipo versato. In data 30/06/2003 la AGS S.p.A. restituisce al fornitore una quantità di prodotto del controvalore di più IVA al 20% in quanto non conformi all ordine. Alla scadenza gli effetti vengono rinnovati per il 50% del loro ammontare e, contestualmente, la AGS S.p.A. procede alla corresponsione per contanti di interessi anticipati per /03 Diversi a Banca c/c (SP) Fornitori c/anticipi (SP) Erario c/iva (SP) /05 Diversi a Diversi Acquisti (CE) Fornitori c/anticipi (SP) Erario c/iva (SP) Fornitori (SP) d.d. Fornitori (SP) a Cambiali passive (SP) /06 Fornitori (SP) a Diversi Resi su acquisti (CE) Erario c/iva (SP) /07 Diversi a Diversi (SP) Cambiali passive (SP) Cambiali passive (SP) Interessi passivi (CE) Banca c/c (SP) d.d. Fornitori (SP) a Banca c/c (SP)

4 Esercizio n. 2 In data 15 marzo 2001 si invia un anticipo in contanti di (più IVA al 20%) al fornitore Alfa S.p.A., relativo ad una fornitura di materie prime. In data 15 maggio 2001 si riceve la fattura relativa all intera fornitura, per più IVA al 20%, la cui base imponibile ai fini IVA è al netto dell anticipo già versato. La fornitura è regolata in data 15 maggio 2001 tramite effetti passivi a scadenza 120 giorni per l 80% del debito, mentre il 20% è pagato in contanti. In data 30 giugno 2001 vengono restituite al fornitore merci difettose per 500 più IVA 20%. In data 15 settembre 2001, e quindi alla scadenza, gli effetti sono rinnovati per ; contestualmente si procede al pagamento per contanti sia degli interessi relativi al rinnovo (pari a 200) sia del residuo debito, tenuto conto del reso effettuato. Diversi Fornitori c/anticipi (SP) Erario c/iva (SP) Diversi Merci c/acquisti (CE) Erario c/iva (SP) 15/03 a 15/05 a Banca (SP) Diversi Fornitori (SP) Fornitori c/anticipi (SP) d.d. Fornitori (SP) a Diversi Effetti passivi (SP) Banca (SP) 30/06 Fornitori (SP) a Diversi Resi su acquisti (CE) Erario c/iva (SP) Diversi Effetti passivi (SP) Interessi passivi (CE) 15/09 a Diversi Effetti passivi (SP) Fornitori Banca (SP) B) CICLO VENDITE Esercizio n. 3 In data 03/06/2003 la società Vespa S.p.A. riceve dal proprio cliente Calabroni S.p.A., come da clausole contrattuali, un anticipo pari al 10% del prezzo (al netto di IVA) di 4

5 una fornitura di vasetti di miele, ordinata in data 20 maggio Il prezzo complessivo della fornitura ammonta a Euro IVA. La Vespa emette, contestualmente al ricevimento dell anticipo, la relativa fattura, comprensiva di IVA al 20%. In data 22/06/2003 la Vespa S.p.A. spedisce la fornitura di miele al cliente ed emette la relativa fattura; le condizioni di regolamento sono le seguenti: - Euro tramite bonifico bancario ad emissione della fattura; - il saldo tramite rilascio di un effetto da parte del cliente scadente a tre mesi data fattura. Alla scadenza della cambiale, il cliente chiede un rinnovo della stessa per altri 2 mesi. La Vespa S.p.A. concede il rinnovo ma richiede il pagamento immediato di interessi per Euro 200. Alla scadenza della nuova cambiale il cliente non paga e l effetto viene protestato. In data 04/12/2003 il cliente onora finalmente il suo debito a mezzo banca, rimborsando alla Vespa anche le spese di protesto, da questa sostenute, per Euro 500 oltre a interessi di mora per Euro /06 Crediti v/ clienti (SP) a Diversi Clienti c/anticipi (SP) Erario c/iva (SP) /06 Banca c/c (SP) a Crediti v/ clienti Diversi Crediti v/clienti Clienti c/anticipi Diversi Banca c/c Effetti attivi (SP) Diversi Banca c/c Effetti attivi 22/06 a d/d a 22/09 a Diversi Merci c/vendite (CE) Erario c/iva Crediti v/clienti Diversi Effetti attivi Interessi attivi (CE) /11 Effetti protestati a Effetti attivi /12 Banca c/c a Diversi Effetti protestati Rimb. spese di protesto (CE) Interessi attivi di mora (CE)

6 Esercizio n. 4 In data 30 marzo 2002 la società Future S.p.A. riceve da un proprio cliente un ordine di acquisto di merce per Euro IVA al 20%; contestualmente fattura e incassa un anticipo pari al 30% del prezzo di cessione + IVA. Il 15 maggio 2002 la società spedisce la merce al proprio cliente ed emette la relativa fattura che tiene conto dell anticipo già ricevuto. Le condizioni di pagamento pattuite prevedono: a) l accredito in c/c del 50% del credito residuo; b) il saldo in data 30 giugno Il 20 giugno la società incassa anticipatamente il saldo decidendo di applicare al proprio cliente uno sconto cassa pari a Euro /03 Clienti (SP) a Diversi Clienti c/anticipi (SP) Erario c/iva (SP) Banca (SP) a Clienti (SP) Diversi Clienti (SP) Clienti c/anticipi (SP) 15/05 a Diversi Merci c/vendite (CE) Erario c/iva (SP) Banca (SP) a Clienti (SP) Diversi Banca (SP) Sconti passivi (CE) 20/06 a Clienti (SP) Esercizio n. 5 In data 1/3/2002 la Delta S.r.l. riceve da un cliente, a fronte di un ordine di merci, un anticipo di Euro + IVA 20% e provvede ad emettere contestualmente la relativa fattura. In data 25/3/2002 la società preleva dal magazzino le merci e le consegna munite di documento di trasporto ad un trasportatore, per la consegna al cliente. Il giorno 27/3/2002 la Delta S.r.l. emette e spedisce al cliente la relativa fattura per Euro + IVA 20%. In data 30/3/2002 il cliente regola il debito residuo come segue: - il 50% tramite bonifico bancario; - la rimanente parte tramite emissione di un effetto scadente a un mese dalla data della fattura. A scadenza il cliente onora l effetto a mezzo bonifico bancario. 6

7 01/03 Clienti (SP) (*) a Diversi (*) Clienti c/anticipi (SP) Erario c/iva (SP) /03 Banca c/c (SP) (*) a Clienti (SP) (*) Diversi (**) Clienti (SP) Clienti c/anticipi (SP) Diversi Banca c/c (SP) Cambiali attive (SP) 27/03 a Diversi (**) Merci c/vendite (CE) Erario c/iva (SP) 30/03 a Clienti (SP) /04 Banca c/c (SP) a Cambiali attive (SP) (*) Si accetta anche la seguente soluzione: 01/03 Banca c/c (SP) a Diversi Clienti c/anticipi (SP) Erario c/iva (SP) (**) Si accetta anche la seguente soluzione: 27/03 Clienti (SP) a Diversi Merci c/vendite (CE) Erario c/iva (SP) /03 Clienti c/anticipi (SP) a Clienti (SP) Esercizio n. 6 La Società Yellow S.p.A. riceve in data 23/4/X un ordine in relazione a un contratto di vendita di merci per un importo di euro più IVA del 20%; in data 26/4/X la Società incassa un anticipo di euro più IVA del 20% relativo al suddetto ordine e procede all emissione della relativa fattura di anticipo. In data 10/5/X la Società spedisce la merce al cliente e provvede all emissione della fattura per l importo complessivo dell ordine (tenendo conto della fatturazione dell anticipo). Le condizioni di regolamento dello scambio prevedono: 7

8 - il pagamento di euro alla data di emissione della fattura; - il pagamento del saldo tramite il rilascio da parte del cliente di un effetto con scadenza 10/8/X. In data 10/6/X l effetto rilasciato dal cliente viene scontato, con l addebito di interessi bancari per euro 500; il netto ricavo è accreditato sul conto corrente bancario della Yellow S.p.A. Alla scadenza l effetto risulta regolarmente incassato. Per semplicità si prescinda dalla movimentazione dei Conti d ordine. 26/04/X Clienti (SP) a Diversi Clienti c/anticipi (SP) Erario c/iva (SP) 600 d.d. Banca c/c (SP) a Clienti (SP) /05/X Diversi a Diversi Clienti (SP) Merci c/vendite (CE) Clienti c/anticipi (SP) Erario c/iva (SP) d.d. Diversi a Clienti (SP) Banca c/c (SP) Effetti attivi (SP) /06/X Effetti allo sconto (SP) a Effetti attivi (SP) d.d. Diversi a Effetti allo sconto (SP) Banca c/c (SP) Interessi passivi (CE) 500 C) SCRITTURE RELATIVE AL PERSONALE DIPENDENTE Esercizio n. 7 Procedere alla rilevazione sul libro giornale dei seguenti accadimenti gestionali: liquidati salari e stipendi del mese di novembre per , assegni per il nucleo familiare pari ad 640; gli oneri sociali a carico della società sono pari ad Gli stipendi vengono pagati ai dipendenti a mezzo c/c bancario, al netto di ritenute sociali per e ritenute fiscali per

9 Diversi a Debiti v/dipendenti Salari e stipendi Istituti previdenziali 640 Oneri Sociali a Istituti previdenziali Debiti v/dipendenti a Diversi Debiti verso erario Istituti previdenziali Banca c/c Esercizio n. 8 I dati relativi al costo del lavoro del mese di maggio 2003 della GAMMA S.p.A. sono i seguenti: Retribuzioni Ritenute fiscali Ritenute previdenziali Assegni familiari Oneri sociali a carico dell azienda Oneri sociali fiscalizzati 200 Il 2/05/03 la GAMMA S.p.A. ha pagato anticipi ai dipendenti sulle retribuzioni del mese di maggio per Il 27/05/03 la GAMMA S.p.A. ha liquidato il costo del lavoro del mese di maggio. Il 31/05/03 la GAMMA S.p.A. ha pagato i debiti verso i dipendenti e il 16/06/03 ha versato le ritenute fiscali e previdenziali. 02/05 Dipendenti c/anticipi (SP) a Banca c/c (SP) /05 Diversi a Dipendenti c/retribuzioni (SP) Salari e stipendi (CE) Istituti previdenziali (SP) d.d. Oneri sociali (CE) a Istituti previdenziali (SP) d.d. Istituti previdenziali (SP) a Oneri sociali fiscalizzati (CE) Dipendenti (SP) c/retribuzioni 31/05 a Diversi Banca c/c (SP)

10 Dipendenti c/anticipi (SP) Debiti verso erario (SP) Istituti previdenziali (SP) /06 Istituti previdenziali (SP) a Banca c/c (SP) d.d. Debiti verso erario (SP) a Banca c/c (SP) Esercizio n. 9 I dati relativi al costo del lavoro del mese di marzo 2002 della Alfa S.r.l. sono i seguenti (in Euro): Retribuzioni Assegni familiari Ritenute fiscali Ritenute previdenziali Oneri sociali a carico dell azienda Oneri sociali fiscalizzati 500 Si tenga presente che in data 10/03 la società ha provveduto al versamento, tramite bonifico bancario, di anticipi ai dipendenti, a titolo di acconto sulla retribuzione, per Euro. Il 27/03/02 vengono liquidate le retribuzioni ed effettuato il pagamento degli importi netti spettanti ai dipendenti con assegni tratti sulla Banca Money. Il 15/04/02 la società provvede al versamento tramite banca delle ritenute fiscali e dei contributi assistenziali e previdenziali. 10/03 Dipendenti c/anticipi (SP) a Banca c/c (SP) /03 Diversi a Dipendenti c/retribuzioni (SP) Salari e stipendi (CE) Istituti previdenziali (SP) d.d. Oneri sociali (CE) a Istituti previdenziali (SP) d.d. Istituti previdenziali (SP) a Oneri sociali fiscalizzati (CE) Dipendenti (SP) c/retribuzioni d.d. a Diversi Debiti verso erario (SP) Istituti previdenziali (SP) Dipendenti c/anticipi (SP)

11 Diversi Debiti verso erario (SP) Istituti previdenziali (SP) 15/04 a Banca c/c (SP) Banca c/c (SP) Esercizio n. 10 In data 28/10/2001 la Sirio S.p.A. liquida il costo del lavoro relativo al mese di ottobre sulla base dei seguenti valori: Retribuzioni Euro Ritenute a carico dei dipendenti Euro Oneri sociali a carico dei dipendenti Euro Assegni familiari Euro Oneri sociali a carico dell azienda Euro I debiti verso i dipendenti sono pagati tramite banca in data 29/10/2001. Le ritenute fiscali e previdenziali sono pagate, sempre tramite banca, in data 16/11/ /10 Diversi a Dipendenti c/retribuzioni (SP) Salari e stipendi (CE) Istituti previdenziali (SP) d.d. Oneri sociali (CE) a Istituti previdenziali (SP) Dipendenti c/retribuzioni (SP) 29/10 a Banca c/c (SP) Istituti previdenziali (SP) Debiti verso erario (SP) /11 Istituti previdenziali (SP) a Banca c/c (SP) Debiti verso erario (SP) D) ACQUISTO E CESSIONE IMMOBILIZZAZIONI TECNICHE Esercizio n. 11 In data 25/06 emessa fattura relativa alla vendita di un automezzo per un importo pari a IVA ordinaria (20%); l automezzo (iscritto in bilancio fra le 11

12 immobilizzazioni) aveva un costo storico pari a e risultava ammortizzato per l 80%. F.do amm.to automezzo a Automezzo Crediti commerciali a Diversi Automezzo Plusvalenza Iva a debito Esercizio n. 12 L 1/1/2003 sono stati riaperti, tra gli altri, i seguenti conti: Banca Fatture da emettere Automezzo Mutui passivi Ratei passivi 250 F.do amm.to automezzo Nel corso del 2003 si sono avuti, tra gli altri, i seguenti accadimenti gestionali: - 7/1: Emessa fattura relativa a merci consegnate nell anno precedente di importo pari a (non si consideri la problematica IVA); - 1/3: Emessa fattura relativa alla vendita dell automezzo (iscritto ad un costo storico di ed ammortizzato per ) avvenuta al prezzo di IVA 20%; regolamento in contanti; - 1/5: Pagata, con addebito sul c/c bancario, rata semestrale posticipata del mutuo di importo pari a 2.250, comprensiva di una quota capitale di ed una quota interessi di /01 Crediti v/clienti (S.P.) a Fatture da emettere (S.P.) /03 F.do amm.to automezzi (S.P.) a Automezzi (S.P.) /03 Diversi a Diversi Crediti v/clienti (S.P.) Automezzi (S.P.) Minusvalenza (C.E.) Iva ns/debito (S.P.) /03 Cassa (S.P.) a Crediti v/clienti (S.P.)

13 01/05 Diversi a Banca (S.P.) Mutui passivi (S.P.) Interessi passivi (C.E.) /05 Ratei passivi (S.P.) a Interessi passivi (C.E.) Esercizio n. 13 La società Development S.p.A., in data 5 ottobre 2002, acquista un macchinario del valore di Euro IVA al 20%. Contestualmente, a parziale regolamento del debito, viene ceduto al fornitore, per Euro IVA 20%, un impianto iscritto al costo storico di Euro e già ammortato per Euro Le condizioni di regolamento prevedono l emissione, in data 5 ottobre 2002, di effetti passivi di ammontare pari al debito netto verso il fornitore aumentato di Euro 200 a titolo di interessi. In data 30 novembre vengono pagati gli effetti passivi. Diversi Macchinari (SP) Erario c/iva (SP) Diversi Fornitori macchinari Fondo amm.to macchinari (SP) Minusvalenza (CE) 05/10 a Fornitori macchinari (SP) d.d. a Diversi Impianti (SP) Erario c/iva Diversi Fornitori macchinari Interessi passivi (CE) d.d. a Effetti passivi (SP) /11 Effetti passivi (SP) a Banca c/c (SP) Esercizio n. 14 In data 15 gennaio 2002 il fabbricato della società Ergo S.r.l. viene completamente distrutto da un incendio. Il fabbricato, il cui costo storico era di Euro , aveva un valore netto contabile pari a Euro

14 In data 26 maggio 2002 l assicurazione riconosce alla società il danno per complessive Euro , di cui il 60% viene liquidato contestualmente tramite bonifico, mentre il restante 40% viene liquidato il 3 novembre 2002, sempre tramite bonifico. Diversi Fondo ammortamento Sopravvenienza passiva 15/01 a Fabbricati /05 Crediti diversi a Rimborso assicurazioni Banca a Crediti diversi /11 Banca a Crediti diversi Esercizio n. 15 In data 25/04/2002 la Beta S.p.A. acquista un impianto. La fattura ricevuta in pari data comprende il costo dell impianto, pari a Euro + IVA 20%, nonché le spese di installazione e collaudo, pari a Euro + IVA 20%. A parziale regolamento la Beta S.p.A. cede al fornitore un vecchio impianto convenendo un prezzo di Euro + IVA 20%; tale impianto era iscritto in contabilità per Euro ed ammortizzato per Euro. Il debito residuo è estinto a mezzo bonifico bancario. Diversi Impianti (SP) Erario c/iva (SP) 25/04 a Fornitori (SP) d.d. Diversi (*) a Diversi (*) F.do amm.to impianti (SP) Impianti (SP) Crediti diversi (SP) Erario c/iva (SP) Plusvalenza (CE) d.d. Fornitori (SP) a Diversi Crediti diversi (SP) Banca c/c (SP) (*) Si accetta anche la seguente soluzione: 14

15 Fondo amm.to impianti (SP) d.d. Crediti diversi (SP) a Diversi Impianti (SP) Erario c/iva (SP) Plusvalenza (CE) 25/04 a Impianti (SP) E) OPERAZIONI DI ACQUISTO E CESSIONE TITOLI Esercizio n. 16 Si rilevino con la metodologia costi e costi, le scritture contabili (di gestione e di assestamento) connesse alle seguenti operazioni: - 1/8: acquistate obbligazioni del valore nominale di 1, corso secco d acquisto 0,98, cedola semestrale 1,5%, godimento 1/4 1/10; - 1/9: vendute obbligazioni (facenti parte del lotto acquistato l 1/8) al prezzo (corso secco) di 0,99 ; - 1/10: incassata cedola di interesse; - il 31/12 le obbligazioni, che rappresentano un temporaneo investimento di liquidità, hanno un corso secco pari a 0,95. 01/08 Diversi a Banca c/c (S.P.) Titoli (S.P.) Cedole in corso (C.E.) /09 Banca c/c (SP) a Diversi Titoli (S.P.) Utile su titoli (C.E.) Interessi attivi (C.E.) /10 Banca c/c (SP) a Interessi attivi (C.E.) /12 Ratei attivi (S.P.) Interessi attivi (C.E.) /12 Svalutazione titoli (C.E.) Titoli (S.P.) Calcoli: 1/8 Cedole in corso: ( *4/6*1,5%)= Titoli: *0,98= /9 Interessi attivi: ( *5/6*1,5%)= Titoli: *0,98=

16 1/10 Interessi attivi: ( *1,5%)= /12 Interessi attivi:( *3/6*1,5%)= 750 Sval.: *0,03=3.000 Esercizio n. 17 In data 1/5/X la Società Silver S.p.A. acquista n obbligazioni aventi le seguenti caratteristiche: - valore nominale unitario euro 1; - costo unitario euro 0,95+ i; - tasso di interesse annuale 12%; - stacco cedola 1/6 e 1/12. In data 1/6/X la Società incassa la cedola. In data 1/10/X la Società vende tutte le obbligazioni di proprietà al prezzo unitario di euro 0,97+i. Si rilevino gli accadimenti sopra descritti ipotizzando il funzionamento del conto titoli a costi e costi e la rilevazione secondo la modalità a corso secco. 01/05 Diversi a Banca (SP) Titoli (SP) Cedola in corso di maturazione (CE) 01/06 Banca (SP) a Interessi attivi (CE) /10 Banca (SP) a Diversi Titoli (SP) Plusvalenza su titoli 200 (CE) Interessi attivi (CE) 400 F) EMISSIONE PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Esercizio n. 18 La PL S.r.l. emette, in data 01/03/2003, un prestito obbligazionario di nominali, ad un prezzo di Tale prestito viene interamente sottoscritto e collocato il giorno stesso dell emissione. Gli interessi, pari al 12% annuo, sono corrisposti in via posticipata agli azionisti il 01/03 e 01/09 di ogni anno, a partire dal 01/09/2003. Il rimborso del prestito in parola è previsto in un unica soluzione in data 28/02/2008. (Per semplicità, si prescinda dalla rilevazione delle ritenute fiscali sugli interessi). 16

17 01/03 Diversi a Obbligazioni (SP) Obbligazionisti c/sott. (SP) Disaggio di emissione d.d. Banca c/c (SP) a Obbligazionisti c/sott. (SP) Interessi passivi su obblig. (CE) Interessi passivi su obblig. (CE) Amm. disaggio emissione (CE) 01/09 a Banca c/c (SP) /12 a Ratei passivi (SP) d.d. a Disaggio di emissione (SP) G) OPERAZIONI SUL CAPITALE Esercizio n. 19 In data l assemblea straordinaria della Delta S.p.A. delibera ed esegue contestualmente un aumento di capitale sociale in parte a titolo oneroso, mediante versamento in contanti di e di impianti per , ed in parte a titolo gratuito, mediante destinazione a capitale della riserva straordinaria per Diversi Azionisti c/sottoscrizioni (SP) 30/06 a Capitale sociale (SP) Riserva Straordinaria (SP) d.d Diversi a Azionisti c/sottoscrizioni (SP) Banca c/c (SP) Impianti (SP)

18 Esercizio n. 20 In data 11/8/2001 si costituisce la FINCA S.p.A. con capitale sociale di Euro sottoscritto per Euro in denaro e per la parte restante in natura, con apporto contestuale di un fabbricato valutato di Euro e di un macchinario valutato Euro In pari data i 3/10 dei conferimenti in denaro sono versati a norma di legge in un conto corrente vincolato. I restanti 7/10 sono versati in un conto corrente bancario intestato alla FINCA S.p.A. in data 18/9/2001. In data 21/9/2001 si provvede a svincolare i 3/10, che sono versati nel conto corrente intestato alla società, insieme agli interessi maturati fino a quel momento pari a Euro 350. Azionisti c/ sottoscr. (SP) 11/08 a Capitale sociale (SP) d.d. Diversi a Azionisti c/ sottoscr. (SP) Fabbricati (SP) Macchinari (SP) d.d. Banca c/c vincolato a Azionisti c/ sottoscr. (SP) (SP) 18/09 Banca c/c (SP) a Azionisti c/ sottoscr. (SP) /09 Banca c/c (SP) a Diversi Banca c/c vincolato (SP) Interessi attivi (CE) 350 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Esercizio n. 21 L 01/11/X pagato fitto trimestrale anticipato di importo complessivo pari a 3.000; si proceda alla rilevazione della connessa scrittura di assestamento da effettuarsi in data 31/12/X. Risconti attivi (SP) a Fitti passivi (CE)

19 Esercizio n. 22 Il 04/01/X+1 ricevuta fattura per acquisto di merci consegnate nell esercizio precedente di importo pari a (non si consideri l IVA); si proceda alla rilevazione della connessa scrittura di assestamento in data 31/12/X. Fatture da Ricevere (SP) a Debiti v/fornitori (SP) Esercizio n. 23 L 01/05 e l 01/11/X vengono regolati in via posticipata interessi che maturano su un mutuo passivo di importo pari a al tasso del 5% annuo; si proceda alla rilevazione della relativa scrittura di assestamento. Interessi passivi (CE) a Ratei passivi (SP) Esercizio n. 24 L 01/09 incassato fitto semestrale anticipato di importo complessivo pari a ; si proceda alla rilevazione della connessa scrittura di assestamento da effettuarsi in data 31/12. Fitti attivi (CE) a Risconti passivi (SP) Esercizio n. 25 In data 01/03/2002 la società Mosca S.p.A. sottoscrive come locatario un contratto di locazione di un immobile che prevede il pagamento contestuale di un canone annuo (per il periodo 01/03/ /03/2003) pari a Euro In data 15/11/2002 la stessa Mosca S.p.A. riceve l erogazione di un mutuo da parte della banca, da rimborsare a partire dal L ammontare totale del mutuo è di Euro Su tale mutuo maturano interessi semestrali posticipati al tasso annuo del 9%. Si effettuino esclusivamente le eventuali scritture di rettifica e/o integrazione al relative alle suddette operazioni. 19

20 31/12 Risconti attivi (SP) a Affitti passivi (CE) /12 Interessi passivi (CE) a Ratei passivi (SP) Esercizio n. 26 In data 1 settembre 2002 la società Unique S.r.l. sottoscrive un contratto assicurativo contro i furti che prevede il contestuale pagamento di un premio annuo (per il periodo 1 settembre settembre 2003) pari a Euro In data 1 dicembre 2002 la società, avendo tra le sue immobilizzazioni materiali un immobile civile, decide di darlo in locazione e pertanto sottoscrive con un privato un contratto in cui prevede di ricevere il pagamento di canoni annuali posticipati pari a Euro , il primo in data 1 dicembre 2003 (per il periodo 1 dicembre dicembre 2003). Si proceda ad effettuare solo le eventuali scritture di rettifica e/o integrazione al relative alle suddette operazioni. 31/12 Risconti attivi a Premi assicurativi d.d. Ratei attivi a Affitti attivi Esercizio n. 27 In data 1/9/2001 la Dervio S.p.A. paga la rata semestrale anticipata relativa ad una polizza assicurativa pari ad euro In data 1/02/2001 la stessa società aveva emesso alla pari e collocato un prestito obbligazionario di euro , al tasso annuale del 5%, godimento semestrale posticipato in data 1 agosto e 1 febbraio. Per ciascuno degli accadimenti descritti si rilevi esclusivamente la scrittura di rettifica, di integrazione o di storno, da effettuare alla data di chiusura dell esercizio (31 dicembre 2001). 31/12 Risconti attivi (SP) (*) a Premi assicurativi (CE) (*) 31/12 Interessi passivi su obblig. (CE) a Ratei passivi (SP) , , 67 20

21 N.B. Il calcolo dei valori nella soluzione è stato effettuato sulla base dei mesi. E parimenti più che accettabile il calcolo effettuato sulla base dei giorni effettivi di competenza temporale. (*) Si accetta anche la seguente soluzione: 31/12 Risconti attivi (SP) a Risconti attivi su premi assicurativi (CE) Esercizio n. 28 Si effettuino, ove necessarie, le scritture di integrazione e rettifica di fine esercizio relative ai seguenti accadimenti che hanno interessato l esercizio X della Società Gold S.p.A.: - in data 1/11/X la Società ha incassato affitti attivi anticipati relativi a sei mesi, per un importo pari a euro 3.600; - al 31/12/X la Società ha in portafoglio titoli obbligazionari del valore nominale complessivo di euro 2.000, sui quali maturano interessi semestrali del 6%, corrisposti in via posticipata l 1/2 e l 1/8 di ogni anno. 31/12 Affitti attivi (CE) a Risconti passivi (SP) /12 Ratei attivi (SP) a Interessi attivi (CE) Esercizio n. 29 In data 1 aprile 2001 la società Gamma S.p.A. stipula un contratto di assicurazione contro il rischio di incendio dei propri stabilimenti della durata di 5 anni, pagando per l intera durata del contratto. In data 31 dicembre 2001 si effettui anche la relativa scrittura di integrazione relativa all operazione di cui sopra. 01/04 Premi di assicurazione (CE) a Banca (SP) /12 Risconti attivi (SP) a Premi di assicurazione (CE)

22 Esercizio n. 30 Rilevare nel libro giornale il seguente accadimento gestionale, specificando per ogni conto utilizzato l appartenenza allo S.P. o al C.E.. A seguito di un accertamento tributario, a fine 2002 la società Ely S.p.A. decide di stanziare un accantonamento al fondo imposte per , a fronte del rischio di dover pagare nei futuri esercizi maggiori imposte relative ad esercizi precedenti. Nel corso del 2003, quale esito dell accertamento e del contenzioso da questo scaturito, le Autorità Tributarie comunicano che la società è tenuta a corrispondere maggiori imposte per gli esercizi precedenti per In data 20/05/2003 la Ely S.p.A. provvede al pagamento di quanto dovuto a mezzo banca. 31/12 Acc.to Fondo imposte (CE) a Fondo imposte (SP) /05 Sopravvenienza passiva a Banca c/c (SP) (CE) d.d. Fondo imposte (SP) a Utilizzo Fondo imposte (CE) 22

23 Capitolo 2: ESERCIZI SULLA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE Esercizio n. 1 L Eletronic Italia S.p.A. produce e commercializza una componente elettronica per antifurti industriali di unico tipo denominato SENSOR SX. Per produrre tale componente occorrono: 1 piastra di silicio e 2 microchips. La società, che non aveva rimanenze iniziali, nel corso del 2002 ha effettuato le seguenti operazioni: Piastre di silicio: Acquisti Scarichi a produzione Data Unità Costo unitario Unità ( /unità) 01/ / / / / / / Microchip: Acquisti Scarichi a produzione Data Unità Costo unitario Unità ( /unità) 01/01 10/ / / / / / Si è inoltre a conoscenza che nel corso dell esercizio 2002: a. tutte le materie prime passate a produzione sono state trasformate in prodotto finito; b. non si sono verificati sfridi e scarti di produzione; c. la società ha venduto 600 unità di prodotto finito SENSOR SX ; d. per produrre una unità di SENSOR SX sono stati necessari 30 minuti di mano d opera diretta, il cui costo orario è risultato pari a 30; e. gli altri costi industriali sostenuti sono stati pari a ; f. i costi commerciali ed amministrativi sono stati pari a ; g. la capacità produttiva normale è di unità; h. i valori unitari di mercato delle rimanenze sono i seguenti: Piastre di Silicio 15; Microchip 30; Sensor Sx

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2013 DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede legale: RIMINI RN VIA DARIO CAMPANA 63 Numero REA: RN - 259282 Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante:

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante: Regolamento delle fatture di acquisto. Quando paghiamo una fattura di acquisto il nostro patrimonio netto non subisce variazione dal punto di vista quantitativo, ma solo qualitativo. Se paghiamo in contante

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento.

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli