di Giovanni Maria Garegnani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Giovanni Maria Garegnani"

Transcript

1 APPUNTI ED ESERCIZI DI RAGIONERIA APPLICATA di Giovanni Maria Garegnani

2 Indice Capitolo 1: Esercizi sulle scrittura di partita doppia...3 a) Ciclo acquisti... 3 b) Ciclo vendite... 4 c) Scritture relative al personale dipendente... 8 d) Acquisto e cessione immobilizzazioni tecniche e) Operazioni di acquisto e cessione titoli f) Emissione prestito obbligazionario g) Operazioni sul capitale h) Sritture di assestamento Capitolo 2: Esercizi sulla valutazione delle rimanenze...23 Capitolo 3: Esercizi sulla valutazione dei lavori in corso su ordinazione.33 Capitolo 4: Esercizi sulla valutazione delle partecipazioni...35 Capitolo 5: Esercizi sulla determinazione delle imposte...46 Capitolo 6: Esercizi sugli schemi di bilancio (1)...55 Capitolo 7: Esercizi sugli schemi di bilancio (2)...76 Capitolo 8: Esercizi multiple choice...81 a) Immobilizzazioni tecniche b) Partecipazioni c) Rimanenze e lavori in corso su ordinazione d) Titoli e) Debiti, crediti e TFR f) Fondo rischi e spese future g) Ratei e risconti h) Principi di redazione del bilancio Capitolo 9: Esercizi sul bilancio consolidato

3 Capitolo 1: ESERCIZI SULLE SCRITTURE DI PARTITA DOPPIA A) CICLO ACQUISTI Esercizio n. 1 In data 15/03/2003 la AGS S.p.A. invia un anticipo in contanti di (più IVA al 20%) al proprio fornitore di materiale plastico PEAD S.r.l., a fronte dell acquisto di una grossa partita di materiale. Il 15/05/2003, la società in parola riceve la fattura relativa all intera fornitura per più IVA al 20% (la base imponibile IVA è al netto dell anticipo già versato); il regolamento è stabilito a 120 giorni dalla data della fattura; contestualmente vengono emessi effetti passivi per un ammontare pari all 80% dell importo della fattura, al netto dell anticipo versato. In data 30/06/2003 la AGS S.p.A. restituisce al fornitore una quantità di prodotto del controvalore di più IVA al 20% in quanto non conformi all ordine. Alla scadenza gli effetti vengono rinnovati per il 50% del loro ammontare e, contestualmente, la AGS S.p.A. procede alla corresponsione per contanti di interessi anticipati per /03 Diversi a Banca c/c (SP) Fornitori c/anticipi (SP) Erario c/iva (SP) /05 Diversi a Diversi Acquisti (CE) Fornitori c/anticipi (SP) Erario c/iva (SP) Fornitori (SP) d.d. Fornitori (SP) a Cambiali passive (SP) /06 Fornitori (SP) a Diversi Resi su acquisti (CE) Erario c/iva (SP) /07 Diversi a Diversi (SP) Cambiali passive (SP) Cambiali passive (SP) Interessi passivi (CE) Banca c/c (SP) d.d. Fornitori (SP) a Banca c/c (SP)

4 Esercizio n. 2 In data 15 marzo 2001 si invia un anticipo in contanti di (più IVA al 20%) al fornitore Alfa S.p.A., relativo ad una fornitura di materie prime. In data 15 maggio 2001 si riceve la fattura relativa all intera fornitura, per più IVA al 20%, la cui base imponibile ai fini IVA è al netto dell anticipo già versato. La fornitura è regolata in data 15 maggio 2001 tramite effetti passivi a scadenza 120 giorni per l 80% del debito, mentre il 20% è pagato in contanti. In data 30 giugno 2001 vengono restituite al fornitore merci difettose per 500 più IVA 20%. In data 15 settembre 2001, e quindi alla scadenza, gli effetti sono rinnovati per ; contestualmente si procede al pagamento per contanti sia degli interessi relativi al rinnovo (pari a 200) sia del residuo debito, tenuto conto del reso effettuato. Diversi Fornitori c/anticipi (SP) Erario c/iva (SP) Diversi Merci c/acquisti (CE) Erario c/iva (SP) 15/03 a 15/05 a Banca (SP) Diversi Fornitori (SP) Fornitori c/anticipi (SP) d.d. Fornitori (SP) a Diversi Effetti passivi (SP) Banca (SP) 30/06 Fornitori (SP) a Diversi Resi su acquisti (CE) Erario c/iva (SP) Diversi Effetti passivi (SP) Interessi passivi (CE) 15/09 a Diversi Effetti passivi (SP) Fornitori Banca (SP) B) CICLO VENDITE Esercizio n. 3 In data 03/06/2003 la società Vespa S.p.A. riceve dal proprio cliente Calabroni S.p.A., come da clausole contrattuali, un anticipo pari al 10% del prezzo (al netto di IVA) di 4

5 una fornitura di vasetti di miele, ordinata in data 20 maggio Il prezzo complessivo della fornitura ammonta a Euro IVA. La Vespa emette, contestualmente al ricevimento dell anticipo, la relativa fattura, comprensiva di IVA al 20%. In data 22/06/2003 la Vespa S.p.A. spedisce la fornitura di miele al cliente ed emette la relativa fattura; le condizioni di regolamento sono le seguenti: - Euro tramite bonifico bancario ad emissione della fattura; - il saldo tramite rilascio di un effetto da parte del cliente scadente a tre mesi data fattura. Alla scadenza della cambiale, il cliente chiede un rinnovo della stessa per altri 2 mesi. La Vespa S.p.A. concede il rinnovo ma richiede il pagamento immediato di interessi per Euro 200. Alla scadenza della nuova cambiale il cliente non paga e l effetto viene protestato. In data 04/12/2003 il cliente onora finalmente il suo debito a mezzo banca, rimborsando alla Vespa anche le spese di protesto, da questa sostenute, per Euro 500 oltre a interessi di mora per Euro /06 Crediti v/ clienti (SP) a Diversi Clienti c/anticipi (SP) Erario c/iva (SP) /06 Banca c/c (SP) a Crediti v/ clienti Diversi Crediti v/clienti Clienti c/anticipi Diversi Banca c/c Effetti attivi (SP) Diversi Banca c/c Effetti attivi 22/06 a d/d a 22/09 a Diversi Merci c/vendite (CE) Erario c/iva Crediti v/clienti Diversi Effetti attivi Interessi attivi (CE) /11 Effetti protestati a Effetti attivi /12 Banca c/c a Diversi Effetti protestati Rimb. spese di protesto (CE) Interessi attivi di mora (CE)

6 Esercizio n. 4 In data 30 marzo 2002 la società Future S.p.A. riceve da un proprio cliente un ordine di acquisto di merce per Euro IVA al 20%; contestualmente fattura e incassa un anticipo pari al 30% del prezzo di cessione + IVA. Il 15 maggio 2002 la società spedisce la merce al proprio cliente ed emette la relativa fattura che tiene conto dell anticipo già ricevuto. Le condizioni di pagamento pattuite prevedono: a) l accredito in c/c del 50% del credito residuo; b) il saldo in data 30 giugno Il 20 giugno la società incassa anticipatamente il saldo decidendo di applicare al proprio cliente uno sconto cassa pari a Euro /03 Clienti (SP) a Diversi Clienti c/anticipi (SP) Erario c/iva (SP) Banca (SP) a Clienti (SP) Diversi Clienti (SP) Clienti c/anticipi (SP) 15/05 a Diversi Merci c/vendite (CE) Erario c/iva (SP) Banca (SP) a Clienti (SP) Diversi Banca (SP) Sconti passivi (CE) 20/06 a Clienti (SP) Esercizio n. 5 In data 1/3/2002 la Delta S.r.l. riceve da un cliente, a fronte di un ordine di merci, un anticipo di Euro + IVA 20% e provvede ad emettere contestualmente la relativa fattura. In data 25/3/2002 la società preleva dal magazzino le merci e le consegna munite di documento di trasporto ad un trasportatore, per la consegna al cliente. Il giorno 27/3/2002 la Delta S.r.l. emette e spedisce al cliente la relativa fattura per Euro + IVA 20%. In data 30/3/2002 il cliente regola il debito residuo come segue: - il 50% tramite bonifico bancario; - la rimanente parte tramite emissione di un effetto scadente a un mese dalla data della fattura. A scadenza il cliente onora l effetto a mezzo bonifico bancario. 6

7 01/03 Clienti (SP) (*) a Diversi (*) Clienti c/anticipi (SP) Erario c/iva (SP) /03 Banca c/c (SP) (*) a Clienti (SP) (*) Diversi (**) Clienti (SP) Clienti c/anticipi (SP) Diversi Banca c/c (SP) Cambiali attive (SP) 27/03 a Diversi (**) Merci c/vendite (CE) Erario c/iva (SP) 30/03 a Clienti (SP) /04 Banca c/c (SP) a Cambiali attive (SP) (*) Si accetta anche la seguente soluzione: 01/03 Banca c/c (SP) a Diversi Clienti c/anticipi (SP) Erario c/iva (SP) (**) Si accetta anche la seguente soluzione: 27/03 Clienti (SP) a Diversi Merci c/vendite (CE) Erario c/iva (SP) /03 Clienti c/anticipi (SP) a Clienti (SP) Esercizio n. 6 La Società Yellow S.p.A. riceve in data 23/4/X un ordine in relazione a un contratto di vendita di merci per un importo di euro più IVA del 20%; in data 26/4/X la Società incassa un anticipo di euro più IVA del 20% relativo al suddetto ordine e procede all emissione della relativa fattura di anticipo. In data 10/5/X la Società spedisce la merce al cliente e provvede all emissione della fattura per l importo complessivo dell ordine (tenendo conto della fatturazione dell anticipo). Le condizioni di regolamento dello scambio prevedono: 7

8 - il pagamento di euro alla data di emissione della fattura; - il pagamento del saldo tramite il rilascio da parte del cliente di un effetto con scadenza 10/8/X. In data 10/6/X l effetto rilasciato dal cliente viene scontato, con l addebito di interessi bancari per euro 500; il netto ricavo è accreditato sul conto corrente bancario della Yellow S.p.A. Alla scadenza l effetto risulta regolarmente incassato. Per semplicità si prescinda dalla movimentazione dei Conti d ordine. 26/04/X Clienti (SP) a Diversi Clienti c/anticipi (SP) Erario c/iva (SP) 600 d.d. Banca c/c (SP) a Clienti (SP) /05/X Diversi a Diversi Clienti (SP) Merci c/vendite (CE) Clienti c/anticipi (SP) Erario c/iva (SP) d.d. Diversi a Clienti (SP) Banca c/c (SP) Effetti attivi (SP) /06/X Effetti allo sconto (SP) a Effetti attivi (SP) d.d. Diversi a Effetti allo sconto (SP) Banca c/c (SP) Interessi passivi (CE) 500 C) SCRITTURE RELATIVE AL PERSONALE DIPENDENTE Esercizio n. 7 Procedere alla rilevazione sul libro giornale dei seguenti accadimenti gestionali: liquidati salari e stipendi del mese di novembre per , assegni per il nucleo familiare pari ad 640; gli oneri sociali a carico della società sono pari ad Gli stipendi vengono pagati ai dipendenti a mezzo c/c bancario, al netto di ritenute sociali per e ritenute fiscali per

9 Diversi a Debiti v/dipendenti Salari e stipendi Istituti previdenziali 640 Oneri Sociali a Istituti previdenziali Debiti v/dipendenti a Diversi Debiti verso erario Istituti previdenziali Banca c/c Esercizio n. 8 I dati relativi al costo del lavoro del mese di maggio 2003 della GAMMA S.p.A. sono i seguenti: Retribuzioni Ritenute fiscali Ritenute previdenziali Assegni familiari Oneri sociali a carico dell azienda Oneri sociali fiscalizzati 200 Il 2/05/03 la GAMMA S.p.A. ha pagato anticipi ai dipendenti sulle retribuzioni del mese di maggio per Il 27/05/03 la GAMMA S.p.A. ha liquidato il costo del lavoro del mese di maggio. Il 31/05/03 la GAMMA S.p.A. ha pagato i debiti verso i dipendenti e il 16/06/03 ha versato le ritenute fiscali e previdenziali. 02/05 Dipendenti c/anticipi (SP) a Banca c/c (SP) /05 Diversi a Dipendenti c/retribuzioni (SP) Salari e stipendi (CE) Istituti previdenziali (SP) d.d. Oneri sociali (CE) a Istituti previdenziali (SP) d.d. Istituti previdenziali (SP) a Oneri sociali fiscalizzati (CE) Dipendenti (SP) c/retribuzioni 31/05 a Diversi Banca c/c (SP)

10 Dipendenti c/anticipi (SP) Debiti verso erario (SP) Istituti previdenziali (SP) /06 Istituti previdenziali (SP) a Banca c/c (SP) d.d. Debiti verso erario (SP) a Banca c/c (SP) Esercizio n. 9 I dati relativi al costo del lavoro del mese di marzo 2002 della Alfa S.r.l. sono i seguenti (in Euro): Retribuzioni Assegni familiari Ritenute fiscali Ritenute previdenziali Oneri sociali a carico dell azienda Oneri sociali fiscalizzati 500 Si tenga presente che in data 10/03 la società ha provveduto al versamento, tramite bonifico bancario, di anticipi ai dipendenti, a titolo di acconto sulla retribuzione, per Euro. Il 27/03/02 vengono liquidate le retribuzioni ed effettuato il pagamento degli importi netti spettanti ai dipendenti con assegni tratti sulla Banca Money. Il 15/04/02 la società provvede al versamento tramite banca delle ritenute fiscali e dei contributi assistenziali e previdenziali. 10/03 Dipendenti c/anticipi (SP) a Banca c/c (SP) /03 Diversi a Dipendenti c/retribuzioni (SP) Salari e stipendi (CE) Istituti previdenziali (SP) d.d. Oneri sociali (CE) a Istituti previdenziali (SP) d.d. Istituti previdenziali (SP) a Oneri sociali fiscalizzati (CE) Dipendenti (SP) c/retribuzioni d.d. a Diversi Debiti verso erario (SP) Istituti previdenziali (SP) Dipendenti c/anticipi (SP)

11 Diversi Debiti verso erario (SP) Istituti previdenziali (SP) 15/04 a Banca c/c (SP) Banca c/c (SP) Esercizio n. 10 In data 28/10/2001 la Sirio S.p.A. liquida il costo del lavoro relativo al mese di ottobre sulla base dei seguenti valori: Retribuzioni Euro Ritenute a carico dei dipendenti Euro Oneri sociali a carico dei dipendenti Euro Assegni familiari Euro Oneri sociali a carico dell azienda Euro I debiti verso i dipendenti sono pagati tramite banca in data 29/10/2001. Le ritenute fiscali e previdenziali sono pagate, sempre tramite banca, in data 16/11/ /10 Diversi a Dipendenti c/retribuzioni (SP) Salari e stipendi (CE) Istituti previdenziali (SP) d.d. Oneri sociali (CE) a Istituti previdenziali (SP) Dipendenti c/retribuzioni (SP) 29/10 a Banca c/c (SP) Istituti previdenziali (SP) Debiti verso erario (SP) /11 Istituti previdenziali (SP) a Banca c/c (SP) Debiti verso erario (SP) D) ACQUISTO E CESSIONE IMMOBILIZZAZIONI TECNICHE Esercizio n. 11 In data 25/06 emessa fattura relativa alla vendita di un automezzo per un importo pari a IVA ordinaria (20%); l automezzo (iscritto in bilancio fra le 11

12 immobilizzazioni) aveva un costo storico pari a e risultava ammortizzato per l 80%. F.do amm.to automezzo a Automezzo Crediti commerciali a Diversi Automezzo Plusvalenza Iva a debito Esercizio n. 12 L 1/1/2003 sono stati riaperti, tra gli altri, i seguenti conti: Banca Fatture da emettere Automezzo Mutui passivi Ratei passivi 250 F.do amm.to automezzo Nel corso del 2003 si sono avuti, tra gli altri, i seguenti accadimenti gestionali: - 7/1: Emessa fattura relativa a merci consegnate nell anno precedente di importo pari a (non si consideri la problematica IVA); - 1/3: Emessa fattura relativa alla vendita dell automezzo (iscritto ad un costo storico di ed ammortizzato per ) avvenuta al prezzo di IVA 20%; regolamento in contanti; - 1/5: Pagata, con addebito sul c/c bancario, rata semestrale posticipata del mutuo di importo pari a 2.250, comprensiva di una quota capitale di ed una quota interessi di /01 Crediti v/clienti (S.P.) a Fatture da emettere (S.P.) /03 F.do amm.to automezzi (S.P.) a Automezzi (S.P.) /03 Diversi a Diversi Crediti v/clienti (S.P.) Automezzi (S.P.) Minusvalenza (C.E.) Iva ns/debito (S.P.) /03 Cassa (S.P.) a Crediti v/clienti (S.P.)

13 01/05 Diversi a Banca (S.P.) Mutui passivi (S.P.) Interessi passivi (C.E.) /05 Ratei passivi (S.P.) a Interessi passivi (C.E.) Esercizio n. 13 La società Development S.p.A., in data 5 ottobre 2002, acquista un macchinario del valore di Euro IVA al 20%. Contestualmente, a parziale regolamento del debito, viene ceduto al fornitore, per Euro IVA 20%, un impianto iscritto al costo storico di Euro e già ammortato per Euro Le condizioni di regolamento prevedono l emissione, in data 5 ottobre 2002, di effetti passivi di ammontare pari al debito netto verso il fornitore aumentato di Euro 200 a titolo di interessi. In data 30 novembre vengono pagati gli effetti passivi. Diversi Macchinari (SP) Erario c/iva (SP) Diversi Fornitori macchinari Fondo amm.to macchinari (SP) Minusvalenza (CE) 05/10 a Fornitori macchinari (SP) d.d. a Diversi Impianti (SP) Erario c/iva Diversi Fornitori macchinari Interessi passivi (CE) d.d. a Effetti passivi (SP) /11 Effetti passivi (SP) a Banca c/c (SP) Esercizio n. 14 In data 15 gennaio 2002 il fabbricato della società Ergo S.r.l. viene completamente distrutto da un incendio. Il fabbricato, il cui costo storico era di Euro , aveva un valore netto contabile pari a Euro

14 In data 26 maggio 2002 l assicurazione riconosce alla società il danno per complessive Euro , di cui il 60% viene liquidato contestualmente tramite bonifico, mentre il restante 40% viene liquidato il 3 novembre 2002, sempre tramite bonifico. Diversi Fondo ammortamento Sopravvenienza passiva 15/01 a Fabbricati /05 Crediti diversi a Rimborso assicurazioni Banca a Crediti diversi /11 Banca a Crediti diversi Esercizio n. 15 In data 25/04/2002 la Beta S.p.A. acquista un impianto. La fattura ricevuta in pari data comprende il costo dell impianto, pari a Euro + IVA 20%, nonché le spese di installazione e collaudo, pari a Euro + IVA 20%. A parziale regolamento la Beta S.p.A. cede al fornitore un vecchio impianto convenendo un prezzo di Euro + IVA 20%; tale impianto era iscritto in contabilità per Euro ed ammortizzato per Euro. Il debito residuo è estinto a mezzo bonifico bancario. Diversi Impianti (SP) Erario c/iva (SP) 25/04 a Fornitori (SP) d.d. Diversi (*) a Diversi (*) F.do amm.to impianti (SP) Impianti (SP) Crediti diversi (SP) Erario c/iva (SP) Plusvalenza (CE) d.d. Fornitori (SP) a Diversi Crediti diversi (SP) Banca c/c (SP) (*) Si accetta anche la seguente soluzione: 14

15 Fondo amm.to impianti (SP) d.d. Crediti diversi (SP) a Diversi Impianti (SP) Erario c/iva (SP) Plusvalenza (CE) 25/04 a Impianti (SP) E) OPERAZIONI DI ACQUISTO E CESSIONE TITOLI Esercizio n. 16 Si rilevino con la metodologia costi e costi, le scritture contabili (di gestione e di assestamento) connesse alle seguenti operazioni: - 1/8: acquistate obbligazioni del valore nominale di 1, corso secco d acquisto 0,98, cedola semestrale 1,5%, godimento 1/4 1/10; - 1/9: vendute obbligazioni (facenti parte del lotto acquistato l 1/8) al prezzo (corso secco) di 0,99 ; - 1/10: incassata cedola di interesse; - il 31/12 le obbligazioni, che rappresentano un temporaneo investimento di liquidità, hanno un corso secco pari a 0,95. 01/08 Diversi a Banca c/c (S.P.) Titoli (S.P.) Cedole in corso (C.E.) /09 Banca c/c (SP) a Diversi Titoli (S.P.) Utile su titoli (C.E.) Interessi attivi (C.E.) /10 Banca c/c (SP) a Interessi attivi (C.E.) /12 Ratei attivi (S.P.) Interessi attivi (C.E.) /12 Svalutazione titoli (C.E.) Titoli (S.P.) Calcoli: 1/8 Cedole in corso: ( *4/6*1,5%)= Titoli: *0,98= /9 Interessi attivi: ( *5/6*1,5%)= Titoli: *0,98=

16 1/10 Interessi attivi: ( *1,5%)= /12 Interessi attivi:( *3/6*1,5%)= 750 Sval.: *0,03=3.000 Esercizio n. 17 In data 1/5/X la Società Silver S.p.A. acquista n obbligazioni aventi le seguenti caratteristiche: - valore nominale unitario euro 1; - costo unitario euro 0,95+ i; - tasso di interesse annuale 12%; - stacco cedola 1/6 e 1/12. In data 1/6/X la Società incassa la cedola. In data 1/10/X la Società vende tutte le obbligazioni di proprietà al prezzo unitario di euro 0,97+i. Si rilevino gli accadimenti sopra descritti ipotizzando il funzionamento del conto titoli a costi e costi e la rilevazione secondo la modalità a corso secco. 01/05 Diversi a Banca (SP) Titoli (SP) Cedola in corso di maturazione (CE) 01/06 Banca (SP) a Interessi attivi (CE) /10 Banca (SP) a Diversi Titoli (SP) Plusvalenza su titoli 200 (CE) Interessi attivi (CE) 400 F) EMISSIONE PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Esercizio n. 18 La PL S.r.l. emette, in data 01/03/2003, un prestito obbligazionario di nominali, ad un prezzo di Tale prestito viene interamente sottoscritto e collocato il giorno stesso dell emissione. Gli interessi, pari al 12% annuo, sono corrisposti in via posticipata agli azionisti il 01/03 e 01/09 di ogni anno, a partire dal 01/09/2003. Il rimborso del prestito in parola è previsto in un unica soluzione in data 28/02/2008. (Per semplicità, si prescinda dalla rilevazione delle ritenute fiscali sugli interessi). 16

17 01/03 Diversi a Obbligazioni (SP) Obbligazionisti c/sott. (SP) Disaggio di emissione d.d. Banca c/c (SP) a Obbligazionisti c/sott. (SP) Interessi passivi su obblig. (CE) Interessi passivi su obblig. (CE) Amm. disaggio emissione (CE) 01/09 a Banca c/c (SP) /12 a Ratei passivi (SP) d.d. a Disaggio di emissione (SP) G) OPERAZIONI SUL CAPITALE Esercizio n. 19 In data l assemblea straordinaria della Delta S.p.A. delibera ed esegue contestualmente un aumento di capitale sociale in parte a titolo oneroso, mediante versamento in contanti di e di impianti per , ed in parte a titolo gratuito, mediante destinazione a capitale della riserva straordinaria per Diversi Azionisti c/sottoscrizioni (SP) 30/06 a Capitale sociale (SP) Riserva Straordinaria (SP) d.d Diversi a Azionisti c/sottoscrizioni (SP) Banca c/c (SP) Impianti (SP)

18 Esercizio n. 20 In data 11/8/2001 si costituisce la FINCA S.p.A. con capitale sociale di Euro sottoscritto per Euro in denaro e per la parte restante in natura, con apporto contestuale di un fabbricato valutato di Euro e di un macchinario valutato Euro In pari data i 3/10 dei conferimenti in denaro sono versati a norma di legge in un conto corrente vincolato. I restanti 7/10 sono versati in un conto corrente bancario intestato alla FINCA S.p.A. in data 18/9/2001. In data 21/9/2001 si provvede a svincolare i 3/10, che sono versati nel conto corrente intestato alla società, insieme agli interessi maturati fino a quel momento pari a Euro 350. Azionisti c/ sottoscr. (SP) 11/08 a Capitale sociale (SP) d.d. Diversi a Azionisti c/ sottoscr. (SP) Fabbricati (SP) Macchinari (SP) d.d. Banca c/c vincolato a Azionisti c/ sottoscr. (SP) (SP) 18/09 Banca c/c (SP) a Azionisti c/ sottoscr. (SP) /09 Banca c/c (SP) a Diversi Banca c/c vincolato (SP) Interessi attivi (CE) 350 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Esercizio n. 21 L 01/11/X pagato fitto trimestrale anticipato di importo complessivo pari a 3.000; si proceda alla rilevazione della connessa scrittura di assestamento da effettuarsi in data 31/12/X. Risconti attivi (SP) a Fitti passivi (CE)

19 Esercizio n. 22 Il 04/01/X+1 ricevuta fattura per acquisto di merci consegnate nell esercizio precedente di importo pari a (non si consideri l IVA); si proceda alla rilevazione della connessa scrittura di assestamento in data 31/12/X. Fatture da Ricevere (SP) a Debiti v/fornitori (SP) Esercizio n. 23 L 01/05 e l 01/11/X vengono regolati in via posticipata interessi che maturano su un mutuo passivo di importo pari a al tasso del 5% annuo; si proceda alla rilevazione della relativa scrittura di assestamento. Interessi passivi (CE) a Ratei passivi (SP) Esercizio n. 24 L 01/09 incassato fitto semestrale anticipato di importo complessivo pari a ; si proceda alla rilevazione della connessa scrittura di assestamento da effettuarsi in data 31/12. Fitti attivi (CE) a Risconti passivi (SP) Esercizio n. 25 In data 01/03/2002 la società Mosca S.p.A. sottoscrive come locatario un contratto di locazione di un immobile che prevede il pagamento contestuale di un canone annuo (per il periodo 01/03/ /03/2003) pari a Euro In data 15/11/2002 la stessa Mosca S.p.A. riceve l erogazione di un mutuo da parte della banca, da rimborsare a partire dal L ammontare totale del mutuo è di Euro Su tale mutuo maturano interessi semestrali posticipati al tasso annuo del 9%. Si effettuino esclusivamente le eventuali scritture di rettifica e/o integrazione al relative alle suddette operazioni. 19

20 31/12 Risconti attivi (SP) a Affitti passivi (CE) /12 Interessi passivi (CE) a Ratei passivi (SP) Esercizio n. 26 In data 1 settembre 2002 la società Unique S.r.l. sottoscrive un contratto assicurativo contro i furti che prevede il contestuale pagamento di un premio annuo (per il periodo 1 settembre settembre 2003) pari a Euro In data 1 dicembre 2002 la società, avendo tra le sue immobilizzazioni materiali un immobile civile, decide di darlo in locazione e pertanto sottoscrive con un privato un contratto in cui prevede di ricevere il pagamento di canoni annuali posticipati pari a Euro , il primo in data 1 dicembre 2003 (per il periodo 1 dicembre dicembre 2003). Si proceda ad effettuare solo le eventuali scritture di rettifica e/o integrazione al relative alle suddette operazioni. 31/12 Risconti attivi a Premi assicurativi d.d. Ratei attivi a Affitti attivi Esercizio n. 27 In data 1/9/2001 la Dervio S.p.A. paga la rata semestrale anticipata relativa ad una polizza assicurativa pari ad euro In data 1/02/2001 la stessa società aveva emesso alla pari e collocato un prestito obbligazionario di euro , al tasso annuale del 5%, godimento semestrale posticipato in data 1 agosto e 1 febbraio. Per ciascuno degli accadimenti descritti si rilevi esclusivamente la scrittura di rettifica, di integrazione o di storno, da effettuare alla data di chiusura dell esercizio (31 dicembre 2001). 31/12 Risconti attivi (SP) (*) a Premi assicurativi (CE) (*) 31/12 Interessi passivi su obblig. (CE) a Ratei passivi (SP) , , 67 20

21 N.B. Il calcolo dei valori nella soluzione è stato effettuato sulla base dei mesi. E parimenti più che accettabile il calcolo effettuato sulla base dei giorni effettivi di competenza temporale. (*) Si accetta anche la seguente soluzione: 31/12 Risconti attivi (SP) a Risconti attivi su premi assicurativi (CE) Esercizio n. 28 Si effettuino, ove necessarie, le scritture di integrazione e rettifica di fine esercizio relative ai seguenti accadimenti che hanno interessato l esercizio X della Società Gold S.p.A.: - in data 1/11/X la Società ha incassato affitti attivi anticipati relativi a sei mesi, per un importo pari a euro 3.600; - al 31/12/X la Società ha in portafoglio titoli obbligazionari del valore nominale complessivo di euro 2.000, sui quali maturano interessi semestrali del 6%, corrisposti in via posticipata l 1/2 e l 1/8 di ogni anno. 31/12 Affitti attivi (CE) a Risconti passivi (SP) /12 Ratei attivi (SP) a Interessi attivi (CE) Esercizio n. 29 In data 1 aprile 2001 la società Gamma S.p.A. stipula un contratto di assicurazione contro il rischio di incendio dei propri stabilimenti della durata di 5 anni, pagando per l intera durata del contratto. In data 31 dicembre 2001 si effettui anche la relativa scrittura di integrazione relativa all operazione di cui sopra. 01/04 Premi di assicurazione (CE) a Banca (SP) /12 Risconti attivi (SP) a Premi di assicurazione (CE)

22 Esercizio n. 30 Rilevare nel libro giornale il seguente accadimento gestionale, specificando per ogni conto utilizzato l appartenenza allo S.P. o al C.E.. A seguito di un accertamento tributario, a fine 2002 la società Ely S.p.A. decide di stanziare un accantonamento al fondo imposte per , a fronte del rischio di dover pagare nei futuri esercizi maggiori imposte relative ad esercizi precedenti. Nel corso del 2003, quale esito dell accertamento e del contenzioso da questo scaturito, le Autorità Tributarie comunicano che la società è tenuta a corrispondere maggiori imposte per gli esercizi precedenti per In data 20/05/2003 la Ely S.p.A. provvede al pagamento di quanto dovuto a mezzo banca. 31/12 Acc.to Fondo imposte (CE) a Fondo imposte (SP) /05 Sopravvenienza passiva a Banca c/c (SP) (CE) d.d. Fondo imposte (SP) a Utilizzo Fondo imposte (CE) 22

23 Capitolo 2: ESERCIZI SULLA VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE Esercizio n. 1 L Eletronic Italia S.p.A. produce e commercializza una componente elettronica per antifurti industriali di unico tipo denominato SENSOR SX. Per produrre tale componente occorrono: 1 piastra di silicio e 2 microchips. La società, che non aveva rimanenze iniziali, nel corso del 2002 ha effettuato le seguenti operazioni: Piastre di silicio: Acquisti Scarichi a produzione Data Unità Costo unitario Unità ( /unità) 01/ / / / / / / Microchip: Acquisti Scarichi a produzione Data Unità Costo unitario Unità ( /unità) 01/01 10/ / / / / / Si è inoltre a conoscenza che nel corso dell esercizio 2002: a. tutte le materie prime passate a produzione sono state trasformate in prodotto finito; b. non si sono verificati sfridi e scarti di produzione; c. la società ha venduto 600 unità di prodotto finito SENSOR SX ; d. per produrre una unità di SENSOR SX sono stati necessari 30 minuti di mano d opera diretta, il cui costo orario è risultato pari a 30; e. gli altri costi industriali sostenuti sono stati pari a ; f. i costi commerciali ed amministrativi sono stati pari a ; g. la capacità produttiva normale è di unità; h. i valori unitari di mercato delle rimanenze sono i seguenti: Piastre di Silicio 15; Microchip 30; Sensor Sx

QUADERNO DI CONTABILITA GENERALE ESERCIZI N. 3: ECONOMIA AZIENDALE I. Insegnamento di CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO

QUADERNO DI CONTABILITA GENERALE ESERCIZI N. 3: ECONOMIA AZIENDALE I. Insegnamento di CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO Insegnamento di ECONOMIA AZIENDALE I CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO UNIVERSITÀ DI FIRENZE A.A. 2007/08 A CURA DI GIACOMO MANETTI QUADERNO DI ESERCIZI N. 3: CONTABILITA GENERALE

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nel corso del 2009 la ditta individuale Verdi ha effettuato, tra le altre, le operazioni di gestione di seguito riportate. Presentare le scritture a libro giornale (gestione e assestamenti;

Dettagli

CONTO SALDI DARE AVERE

CONTO SALDI DARE AVERE Simulazione n. 1 La situazione dei conti al 30/11/2014 della società Even Srl che svolge attività mercantile, presenta i seguenti saldi: CONTO SALDI DARE AVERE Attrezzature 200.000,00 Banca di Roma c/c

Dettagli

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1 Tema n. 1 In data 31/12/02 si decide lo scorporo di un ramo d azienda dalla società Gamma S.p.A. - che ha i- niziato la propria attività in data 1/1/1995 - ed il suo successivo conferimento nella società

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa TESTO ESERCITAZIONE CODIFICATO 1. In data 2/12 si paga al fornitore Le bottiglie Srl, tramite bonifico bancario, un

Dettagli

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO Es. n. 1 Presentare le parti tabellari delle seguenti fatture: lo/lo ricevuta fattura della ditta Romano

Dettagli

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali ESERCIZIO n. 1 Assestamento, determinazione del reddito e scritture di riapertura Eccedenze Dare Eccedenze Avere Denaro in cassa 4.262,70 Patrimonio Netto 928.690,60 Interessi passivi v/forn. 10.105,20

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

BENI STRUMENTALI GESTIONE DEL PERSONALE

BENI STRUMENTALI GESTIONE DEL PERSONALE BENI STRUMENTALI 1) In data 02/05/n l industriale Federico Pizzetto stipula un contratto di acquisto di un macchinario con la Vortici srl alle seguenti condizioni: costo complessivo 60.000 euro + iva ordinaria

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato da: Firma Rilasciato il: Segnare con una l unica risposta

Dettagli

ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE

ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE RIPASSO GENERALE DELLE REGOLE DI PARTITA DOPPIA NON È MATERIALE DIDATTICO DA STUDIARE AI FINI DEL CORSO DI ECONOMIA DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE D'IMPRESA A.A. 2010/2011

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ESERCIZI RIASSUNTIVI (senza soluzione) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 16 RENDICONTO FINANZIARIO A cura di N. Pecchiari

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 16 RENDICONTO FINANZIARIO A cura di N. Pecchiari 1 ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 16 RENDICONTO FINANZIARIO A cura di N. Pecchiari ESERCIZIO (1) Variazioni del reddito, patrimonio, CCN e cassa Si ipotizzi di analizzare il bilancio della azienda BETA chiuso

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

RAGIONERIA GENERALE Esercitazioni 1 parte

RAGIONERIA GENERALE Esercitazioni 1 parte RAGIONERIA GENERALE Esercitazioni 1 parte Ragioneria generale - ESERCIZIO N. 1 (versione semplificata non si tiene conto dell IVA) Si proceda a contabilizzare in P.D. i seguenti fatti amministrativi commentando

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT Completa, con l inserimento dei dati mancanti, l analisi dei seguenti fatti di gestione effettuati dalla ditta Mario Rossi & c. (titolare di conto corrente bancario presso la BANCA DI ROMA) 1) la ditta

Dettagli

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500 Il 4 gennaio 20xx arriva in azienda la fattura relativa ad un acquisto di merce per 5.000 + IVA 10% che al 31/12 era stato registrato senza il relativo documento. 3/1/20xx DARE AVERE Fatture da ricevere

Dettagli

20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I

20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I 20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I Il candidato proceda preventivamente ad illustrare sotto il profilo civilistico e fiscale le caratteristiche dell operazione di cessione d azienda. Successivamente

Dettagli

Facoltà di Economia EADI Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 08 Gennaio 2004

Facoltà di Economia EADI Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 08 Gennaio 2004 Facoltà di Economia EADI Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 08 Gennaio 2004 Al 30/11/ 2002, la situazione contabile della M.S.M.C. S.p.A. presenta, tra gli altri, i seguenti valori: Acquisto

Dettagli

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze Traccia n. 1 1. Il Candidato compili la Situazione Contabile dell impresa «Omega SpA», tenendo conto che il prospetto contabile di seguito presentato è stato redatto dopo la prima e la seconda fase dell

Dettagli

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato da: Firma Rilasciato il: Segnare con una X l unica risposta

Dettagli

Capitolo 4 - a) Acquistate merci per 300, pagamento per contanti

Capitolo 4 - a) Acquistate merci per 300, pagamento per contanti prime applicazioni del metodo della partita doppia Capitolo 4 - a) Acquistate merci per 300, pagamento per contanti.../ /200n VEN Merci c/ acquisti D 300,00.../ /200n VFN Cassa A 300,00 D Cassa A D Merci

Dettagli

COMPITO A Candidato matricola.

COMPITO A Candidato matricola. COMPITO A Candidato matricola. Si risponda sinteticamente alle seguenti domande e si risolva ordinatamente il punto 8. 1 a domanda Definire il concetto di soggetto giuridico con riferimento alle varie

Dettagli

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI PIANO DEI CONTI 1. COMPONENTI POSITIVE DI REDDITO 1.1. Ricavi di vendita 1.1.1. Prodotti c/vendite 1.1.2. Merci c/vendite 1.1.3. Servizi c/vendite 1.1.4. Prodotti c/vendite estero 1.1.5. Merci c/vendite

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

PROVA C. ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: ...

PROVA C. ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: ... PROVA C ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: Attrezzature 157.400,00 Riserva Legale 30.000,00 Capitale sociale 270.000,00 Crediti

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

A) VALORE DELLA PRODUZIONE

A) VALORE DELLA PRODUZIONE CONTO ECONOMICO A) VALORE DELLA PRODUZIONE: 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni merci conto vendite - resi su vendite - ribassi e abbuoni passivi 2) Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso

Dettagli

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10.

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10. ESERCITAZIONE N 2 (anno n e anno n+1) In questa esercitazione, partendo dalla costituzione di una S.p.A., vengono eseguite le scritture continuative relative alle operazioni svolte durante l esercizio;

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2005 UNIVERSITA di FERRARA

ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2005 UNIVERSITA di FERRARA ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2005 UNIVERSITA di FERRARA Svolgimento della prima prova scritta I temi scelti dalla Commissione

Dettagli

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 a cura di Ericka Costa SCRITTURE IN P.D. 1. L utile dell esercizio precedente viene distribuito come segue: 7.000 tra i soci,

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Edmondo De Amicis Via C. Parenzo 16 ROVIGO Tel. 0425-21240 Fax 0425-422820 E-mail segreteria@itcrovigo.it Web www.itcrovigo.it C.F. 93028770290 C.M. ROIS008009

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 -

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 40 ) Operazioni relative alla S.p.A.:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2014 TEMI D ESAME PRIMA PROVA SCRITTA (19/11/2014) TEMA N. 1 Una società di capitali, esercente attività di fonderia, risulta produttivamente articolata

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

Soci c/ sottoscrizione Capitale sociale. a) 200.000 50.000 b) 200.000 a) STATO PATRIMONIALE INIZIALE PASSIVITA E CAPITALE NETTO

Soci c/ sottoscrizione Capitale sociale. a) 200.000 50.000 b) 200.000 a) STATO PATRIMONIALE INIZIALE PASSIVITA E CAPITALE NETTO Esercizio: 1. Il 1.01.2005 si costituisce la Belgeri Srl con un capitale sociale di. 200.000 sottoscritto al 60% da Pietro e al 40% da Paolo. Entrambi promettono conferimenti in denaro. I soci versano

Dettagli

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE SITUAZIONE ECONOMICA FINALE materie prime c/acquisti 2.., prodotti c/vendite 2.5., costi di trasporto 5., lavori su ordinazione 3., fitti passivi 2., materie prime c/rimanenze finali 25., salari e stipendi

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nell inventario all 1/1/2011 della Ditta individuale Bianchi figurano le voci desumibili da quanto segue: A) Nella situazione contabile al 31/12/2010, prima degli assestamenti, figuravano,

Dettagli

Esempio Contributi in conto capitale

Esempio Contributi in conto capitale Università degli Studi di Parma Esempio Contributi in conto capitale La formazione del costo i contributi (esempio) La Alfa S.p.A. riceve nell esercizio esercizio un contributo in conto impianti per 5.000

Dettagli

ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta

ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta ESERCIZIO 1 - Riporto a capitale, reddito e rendiconto di liquidità. Analisi dei valori e delle variazioni Alla fine

Dettagli

Presentare il prospetto dello Stato Patrimoniale che evidenzia gli impieghi e le fonti di finanziamento

Presentare il prospetto dello Stato Patrimoniale che evidenzia gli impieghi e le fonti di finanziamento Svolgere il seguente esercizio. Al termine di un certo anno gli impieghi e i finanziamenti di capitale di debito di un impresa commerciale sono i seguenti: merci 106.000 euro, automezzi 18.000 euro, debiti

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento consentono di passare dal criterio della manifestazione finanziaria al criterio della competenza economica e sono effettuate

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ACQUISTO E VENDITA: In data 1/7 la società X paga fitti passivi per euro 6000, con denaro in cassa. In data 3/7la società riscuote, in contanti, fitti attivi per euro

Dettagli

Bilancio Consolidato di Gruppo a.a. 2005-2006. La rettifica delle operazioni infragruppo: esemplificazioni

Bilancio Consolidato di Gruppo a.a. 2005-2006. La rettifica delle operazioni infragruppo: esemplificazioni La rettifica delle operazioni infragruppo: esemplificazioni Cessione infragruppo di merci e servizi: riconciliazioni strumentali all eliminazione delle partite infragruppo La società Alfa detiene una partecipazione

Dettagli

TEMA 1 Parte A VOCI 31/12/2004 31/12/2003

TEMA 1 Parte A VOCI 31/12/2004 31/12/2003 TEMA 1 Parte A Nel bilancio civilistico al 31/12/2004 dell azienda ALFA risultano, tra gli altri, i seguenti dati: VOCI 31/12/2004 31/12/2003 B) I. 2) Costi di ricerca, sviluppo e pubblicità 12.708 B)

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE Si richiede lo svolgimento della parte A e di uno dei punti a scelta della parte B E consentito l uso del Codice Civile non commentato e della calcolatrice

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 31/12 La società X fitta un capannone a 10000 annuali. La riscossione avviene il 20/5 di ogni anno, in maniera anticipata. Redigere le scritture. 31/12 La società X fitta

Dettagli

ESERCITAZIONE DEL 15-11-2011. Acquisti e vendite Resi, sconti e abbuoni Cambiali

ESERCITAZIONE DEL 15-11-2011. Acquisti e vendite Resi, sconti e abbuoni Cambiali ESERCITAZIONE DEL 15-11-2011 Acquisti e vendite Resi, sconti e abbuoni Cambiali La società D Alessio S.p.a. ha un Capitale sociale di 120.000, interamente versati in un conto corrente bancario. Nel corso

Dettagli

ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI

ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI ESERCITAZIONE N. 2 - ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI Dott.ssa Carlotta del Sordo Corso di Economia Aziendale CLEGA Facoltà di Economia di Forlì Università degli Studi

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI VENDITA 1 LE OPERAZIONI DI VENDITA DI BENI DI SERVIZI DI IMMOBILIZZAZIONI SUI MERCATI ESTERI 2 Pag. 1 DI BENI Il giorno 27 luglio viene emessa una fattura

Dettagli

NELLA CONTABILITA GENERALE

NELLA CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 9 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO 24 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 CLASSIFICAZIONE DELLE SCRITTURE NELLA CONTABILITA GENERALE

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI 1 LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI OPERAZIONI A BREVE TERMINE - rapporto di conto corrente - operazioni

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia ESERCITAZIONE PRATICA DI CONTABILITA GENERALE Prof.ssa Mara Del Baldo Dott. Antonio Rizzuto Dott.ssa Elena De Renzio Fano, 03 dicembre 2009

Dettagli

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA CONTABILITA GENERALE 21 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA 8 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 H. Scritture di assestamento

Dettagli

ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI)

ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI) ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI) Si rilevino le seguenti scritture di rettifica di fine anno sul bilancio della società ABC Srl qui allegato. 1) Rilevazione delle seguenti quote di ammortamento:

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 (prof. MICHELE GALEOTTI Economia aziendale) 31/12 La società X fitta un capannone a 10000 annuali. La riscossione avviene il 20/5 di ogni anno, in maniera anticipata. 31/12

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti Voci di: Stato patrimoniale (art. 2424 c.c.) Conto economico

Dettagli

Economia Aziendale Eserciziario di Ragioneria metodologica

Economia Aziendale Eserciziario di Ragioneria metodologica conomia Aziendale Eserciziario di Ragioneria metodologica INDICE Le informazioni finanziarie ed economiche... 3 Il metodo della partita doppia... 4 Gli acquisti nel mercato nazionale... 5 Acquisto di beni

Dettagli

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili)

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IMPOSTA INDIRETTA sui consumi che si applica alle: 1. cessioni di beni; 2. prestazioni di servizi; compiute nel territorio

Dettagli

Esercizi di ingresso. 1) Scritture in Partita Doppia

Esercizi di ingresso. 1) Scritture in Partita Doppia Esercizi di ingresso 1) Scritture in Partita Doppia 03/04 ACQUISTI DI MERCI 13.885,20 03/04 IVA A CREDITO 2.777,04 03/04 DEBITI V/FORNITORI 504,00 03/04 INTERESSI PASSIVI V/FORNITORI 84,66 03/04 DEBITI

Dettagli

Lez. 3. I ferri del mestiere. I registri in cui si effettuano le registrazioni. Lez. 3 1

Lez. 3. I ferri del mestiere. I registri in cui si effettuano le registrazioni. Lez. 3 1 Lez. 3 I ferri del mestiere I registri in cui si effettuano le registrazioni Lez. 3 1 La tecnica di rilevazione Per effettuare le registrazioni contabili occorre disporre di due strumenti: il piano dei

Dettagli

Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Ragioneria generale M.Scricco. Il conto

Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Ragioneria generale M.Scricco. Il conto Il conto Il conto, strumento di rilevazione delle scritture complesse, è un insieme di valori riferibili ad un determinato oggetto (un costo: materie c/acquisto, oneri assicurativi ; un credito, un ricavo)

Dettagli

INDICE SEZIONE 1 LE PROCEDURE DEL CICLO CONTABILE SEZIONE 2 IL PIANO DEI CONTI

INDICE SEZIONE 1 LE PROCEDURE DEL CICLO CONTABILE SEZIONE 2 IL PIANO DEI CONTI MANUALE DI CONTABILITA (Art.8 del Regolamento di Contabilità) Roma, Gennaio 2002 INDICE SEZIONE 1 LE PROCEDURE DEL CICLO CONTABILE 1. PREMESSA...5 2. GLI ASPETTI ORGANIZZATIVI...6 3. PROCESSI DEL CICLO

Dettagli

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009 PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA TRACCIA N. 1 I SESSIONE 2009 I P R O V A S C R I T T A Illustri il candidato la funzione di controllo contabile es art. 2409 ter, c.c., soffermandosi

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

Le principali scritture di fine esercizio

Le principali scritture di fine esercizio Le principali scritture di fine esercizio A cura di: Dott Renzo Gangai Alberton Dott Cristian Gangai Alberton Dott.ssa Michela Bettella Dott Maurizio Reffo Prima di procedere con la rilevazione delle scritture

Dettagli

Usando la cassa come misura della liquidità, l azienda è più o meno liquida alla fine dell esercizio di quanto fosse al 1 gennaio?

Usando la cassa come misura della liquidità, l azienda è più o meno liquida alla fine dell esercizio di quanto fosse al 1 gennaio? Copyright 2008 The Companies srl Capitolo 5 Il conto economico e la misurazione dei costi Problemi Problema 5-1 Ace SpA opera in un economia con alti livelli inflazionistici. Il 1 gennaio l indice dei

Dettagli

Elaborazione del bilancio d esercizio

Elaborazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 7 Elaborazione del bilancio d esercizio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica

Dettagli

RATEI ATTIVI E PASSIVI

RATEI ATTIVI E PASSIVI RATEI ATTIVI E PASSIVI Costituiscono ratei attivi o passivi rispettivamente i crediti o debiti, relativi a ricavi o costi di competenza dell esercizio che si chiude e di esercizi successivi, i quali avranno

Dettagli

PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA

PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA di Mariaersilia LISI RICATTI Materie: Economia aziendale (Classe 3 a Istituto Tecnico, 3 a Istituto Professionale)

Dettagli

CONTABILITÀ ECONOMICA

CONTABILITÀ ECONOMICA CONTABILITÀ ECONOMICA PREVISIONE LIQUIDAZIONE RILEVAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI RICLASSIFICAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI IN BASE ALLA CAUSALE ECONOMICA: DI CAPITALE FINANZIARIO E DI REDDITO RILEVAZIONE

Dettagli

CONTI FINANZIARI. Contanti. Cassa. Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 2. C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c.

CONTI FINANZIARI. Contanti. Cassa. Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 2. C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c. CONTI FINANZIARI Cassa Contanti Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 1 - cassa negozio 2 C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c CLIENTI Italia Estero Un sottoconto per ogni cliente

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE DEL 03 LUGLIO 2008 I Il candidato illustri le finalità economico

Dettagli

CONTROLLI CONTABILI DI BILANCIO

CONTROLLI CONTABILI DI BILANCIO CONTROLLI CONTABILI DI BILANCIO Descrizione Verifiche Sì No Crediti verso soci Sono stati controllati gli importi ancora dovuti da parte dei Versamenti soci relativamente al capitale sottoscritto ma non

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 3 settembre 2014 COGNOME:

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 3 settembre 2014 COGNOME: Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 3 settembre 2014 COGNOME: NOME: MATRICOLA: PRIMA PARTE ooooooooo Con riferimento

Dettagli

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata società consortile a responsabilità limitata Sede Via Pietrasantina c/o Bus Terminal - 56100 PISA (PI) Codice Fiscale, partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Pisa n. 0170429 050 9 Repertorio Economico

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 11 Scritture di gestione; scritture di assestamento, epilogo, chiusura; Situazione contabile finale; bilancio d esercizio Conoscenza: natura

Dettagli

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa PROFILO AZIENDALE

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa PROFILO AZIENDALE PROFILO AZIENDALE L impresa industriale Vini buoni SPA produce e vende vini imbottigliati. L impianto di produzione si compone dei seguenti beni ammortizzabili: vasche di scarico dell uva, diraspatrici,

Dettagli

PROSPETTO DI CLASSIFICAZIONE DEI CONTI DENOMINAZIONE CONTI ECONOMICI CONTI FINANZIARI CONTI di reddito capitale Numerari Finanziamento Costi Eserc.

PROSPETTO DI CLASSIFICAZIONE DEI CONTI DENOMINAZIONE CONTI ECONOMICI CONTI FINANZIARI CONTI di reddito capitale Numerari Finanziamento Costi Eserc. PROSPETTO DI CLASSIFICAZIONE DEI CONTI DENOMINAZIONE CONTI ECONOMICI CONTI FINANZIARI Costi Ricavi Costi sospesi (CS)/ Ricavi sospesi Abbuoni attivi X Abbuoni passivi X Aggio di emissione X Ammortamento

Dettagli

Parte Seconda Le prove precedentemente assegnate all esame di Stato

Parte Seconda Le prove precedentemente assegnate all esame di Stato Parte Seconda Le prove precedentemente assegnate all esame di Stato La traccia Il candidato illustri le differenze tra reddito d esercizio e flusso di risorse generato dalla gestione reddituale. Presenti,

Dettagli

LIBRO DI TESTO: PRONTI VIA CLASSE QUARTA TOMO H SCUOLA & AZIENDA

LIBRO DI TESTO: PRONTI VIA CLASSE QUARTA TOMO H SCUOLA & AZIENDA KIT di TPC (economia aziendale) CLASSE QUARTA APC A.S. 2013/14 LIBRO DI TESTO: PRONTI VIA CLASSE QUARTA TOMO H SCUOLA & AZIENDA RIPASSO DELLA CONTABILITA' GENERALE - costituzione di un azienda individuale

Dettagli

Contabilità e Bilancio. La sintesi dei valori contabili. ..e poi. Prof. Matteo POZZOLI

Contabilità e Bilancio. La sintesi dei valori contabili. ..e poi. Prof. Matteo POZZOLI Contabilità e Bilancio Prof. Matteo POZZOLI Le scritture di assestamento La sintesi dei valori contabili Siamo al 31.12 dell esercizio X o meglio stiamo predisponendo il bilancio dell esercizio X - cosa

Dettagli

LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione

LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione Impresa individuale esercente attività mercantile Piano dei conti e prospetto di raccordo LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione P Banche c.c Fondi liquidi Attivo P c.c. postali Fondi liquidi

Dettagli

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE)

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Azionisti c/sottoscrizione 00.02 Azionisti c/versamenti richiamati 00.05 Azionisti c/reintegro 01.00 IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

SVOLGIMENTO TIPOLOGIA C

SVOLGIMENTO TIPOLOGIA C SVOLGIMENTO Una società per azioni che produce mobili in legno al termine dell esercizio n presenta una situazione di difficoltà: L esercizio si è chiuso con una perdita di 300.000 euro che ha portato

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio DICEMBRE 2015 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Note Note Le tabelle con le

Dettagli