ATTIVITA ECONOMICA SPORTIVA E DIRITTO ANTITRUST - competizioni sportive = monopoli naturali. - obiettivi perseguiti: profit maximizer vs utility

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTIVITA ECONOMICA SPORTIVA E DIRITTO ANTITRUST - competizioni sportive = monopoli naturali. - obiettivi perseguiti: profit maximizer vs utility"

Transcript

1 ATTIVITA ECONOMICA SPORTIVA E DIRITTO ANTITRUST - competizioni sportive = monopoli naturali. - obiettivi perseguiti: profit maximizer vs utility maximizer. - joint production: necessità di una cooperazione tra squadre concorrenti per organizzare l evento sportivo. - c.d. non programmabilità del risultato sportivo: infortuni degli atleti, decisioni arbitrali, errori dei giocatori. - incertezza del risultato ed equilibrio competitivo.

2 (segue): ATTIVITA ECONOMICA SPORTIVA E DIRITTO ANTITRUST - Il problema del mercato di riferimento. Mercato delle prestazioni dei giocatori. Quale grado di sostituibilità tra le prestazioni di un grande campione e quelle di un onesto giocatore?

3 Trib. 26/1/2005, T-193/02, Laurent Piau - Obbligo di una licenza per svolgere l attività di agente di calciatore. - Requisiti per il rilascio della licenza. - solo persone fisiche - superamento di un colloquio orale - garanzia bancaria - assenza condanne penali -sanzioni Modifica di alcuni requisiti: test scritto assicurazione per RP tutela giurisdizionale

4 (segue): Trib. 26/1/2005, T-193/02, Laurent Piau -Licenza limiteallalibertàdiazionediunaparte. - Legittimità degli obiettivi perseguiti: tutela dei calciatori moralizzazione dell attività degli agenti. - Carattere proporzionato delle misure adottate. Selezione più qualitativa che quantitativa.

5 LA UEFA INTEGRITY RULE E IL DIRITTO UE - LA REGOLA: 1998: divieto per il medesimo soggetto di controllare due o più squadre impegnate in competizioni organizzate dall UEFA. - LA NATURA DELLA REGOLA: regola sportiva o regola economica? Applicazione del test Wouters legittimità degli obiettivi: proteggere l integrità delle competizioni, eliminando ogni sospetto di possibili match fixing. carattere proporzionato

6 Il libro bianco sullo sport, 2007 Rappresenta il più corposo e completo documento attraverso cui la Commissione ha cercato di: - dare un orientamento strategico al ruolo dello sport in Europa; - incoraggiare il dibattito sul alcuni temi specifici; - migliorare la visibilità dello sport nel processo decisionale europeo; - sensibilizzare il pubblico in merito alle specificità del settore sportivo.

7 Piano Pierre de Coubertin: piano di azione che accompagna il libro bianco, nel quale sono elencare una serie di iniziative e proposte concrete che la Commissione si è impegnata a realizzare o a sostenere.

8 Nel libro bianco il tema dei rapporti tra l UE e lo sport è affrontato da tre angoli di visuale: Ruolo sociale dello sport Dimensione economica dello sport Organizzazione dello sport

9 Ruolo sociale dello sport - Migliorare la salute pubblica attraverso l attività fisica -Unireleforzepercombattereildoping - Rafforzare il ruolo dello sport nel campo dell istruzione e della formazione - Utilizzare il potenziale dello sport per l inclusione sociale, l integrazione e le pari opportunità -Rafforzarelaprevenzioneelalottacontroilrazzismoela violenza - Promuovere lo sviluppo sostenibile

10 Dimensione economica dello sport -Verso politiche sportive basate su dati concreti -Creareunabasepiùsicurapergliaiutipubbliciallo sport

11 L organizzazione dello sport - La Commissione riconosce l autonomia delle organizzazioni sportive e delle loro strutture rappresentative (come le leghe), e riconosce anche che la gestione dello sport è soprattutto di competenza degli enti sportivi preposti e, in una certa misura, degli Stati membri e delle parti sociali. - La Commissione ritiene che la maggior parte delle sfide possa essere affrontata attraverso un autoregolamentazione rispettosa dei principi di buona gestione, purché il diritto dell UE sia rispettato

12 L organizzazione dello sport - L attività sportiva è soggetta all applicazione del diritto dell UE. Le disposizioni relative alla concorrenza e al mercato interno si applicano allo sport in quanto quest ultimo costituisce un attività economica. - Allo stesso tempo, lo sport ha alcune caratteristiche specifiche, spesso definite la specificità dello sport. La specificità dello sport europeo può essere vista sotto due angolazioni:

13 L organizzazione dello sport la specificità delle attività e delle regole sportive, come le gare distinte per uomini e donne, la limitazione del numero di partecipanti alle competizioni e la necessità di assicurare un risultato non prevedibile in anticipo, nonché di mantenere un equilibrio fra le società che partecipano alle stesse competizioni; la specificità della struttura sportiva, che comprende in particolare l autonomia e la diversità delle organizzazioni dello sport, una struttura a piramide delle gare dal livello di base a quello professionistico di punta e meccanismi organizzati di solidarietà tra i diversi livelli e operatori, l organizzazione dello sport su base nazionale e il principio di una federazione unica per sport.

14 L organizzazione dello sport In linea con la giurisprudenza della Corte di giustizia, la specificità dello sport continuerà a essere riconosciuta, ma non può essere intesa in modo da giustificare un esenzione generale dall applicazione del diritto dell UE.

15 L organizzazione dello sport Cisononormeorganizzativedellosportche-inragionedei loro obiettivi legittimi- non sembrano violare le disposizioni antitrust del trattato CE, purché i loro eventuali effetti contrari alla concorrenza siano pertinenti e proporzionati agli obiettivi perseguiti. Esempi di tali norme sono le regole del gioco (ad es. regole che fissano la lunghezza delle partite o il numero di giocatori sul campo), le norme relative ai criteri di selezione per le competizioni sportive, sulle gare in casa e fuori casa, quelle che vietano il cumulo di proprietà di società, quelle sulla composizione delle squadre nazionali, sul doping e sui periodi di trasferimento.

16 L organizzazione dello sport Tuttavia, se una certa regola sportiva sia compatibile con le norme UE in materia di concorrenza può essere valutato soltanto caso per caso, come recentemente confermato dalla Corte di giustizia europea nella sua sentenza sul caso Meca Medina. La Corte ha fornito un chiarimento per quanto riguarda gli effetti del diritto dell UE sulle regole sportive, respingendo la nozione di regole puramente sportive in quanto irrilevante per la questione dell applicabilità al settore sportivo delle norme UE sulla concorrenza.

17 L organizzazione dello sport La Corte ha riconosciuto che la specificità dello sport deve essere presa in considerazione nel senso che gli effetti restrittivi per la concorrenza inerenti all organizzazione e a uno svolgimento adeguato delle competizioni sportive non infrangono le norme UE sulla concorrenza, purché tali norme siano proporzionate all interesse sportivo legittimo perseguito. L esigenza di accertarsi che tale proporzionalità sia rispettata implica la necessità di considerare le caratteristiche specifiche di ogni caso e non permette di formulare orientamenti generali sull applicazione al settore dello sport delle norme relative alla concorrenza.

SCHEDA INFORMATIVA N. 14 LO SPORT E IL DIRITTO DELLA CONCORRENZA NELL ORDINAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

SCHEDA INFORMATIVA N. 14 LO SPORT E IL DIRITTO DELLA CONCORRENZA NELL ORDINAMENTO DELL UNIONE EUROPEA SCHEDA INFORMATIVA N. 14 LO SPORT E IL DIRITTO DELLA CONCORRENZA NELL ORDINAMENTO DELL UNIONE EUROPEA a cura di Stefano Bastianon Università degli Studi di Bergamo 1. Quali sono le competenze dell Unione

Dettagli

INDICE PARTE I SPORT E GIUSTIZIA. CAPITOLO 1 I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA ORDINARIA di Piero Sandulli

INDICE PARTE I SPORT E GIUSTIZIA. CAPITOLO 1 I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA ORDINARIA di Piero Sandulli INDICE Premessa............................................. Introduzione al tema....................................... XIII XVII PARTE I SPORT E GIUSTIZIA I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA

Dettagli

WORKSHOP REFERENTI INTEGRITY LEGA PRO VADEMECUM REFERENTI. Firenze, 26 Ottobre 2015

WORKSHOP REFERENTI INTEGRITY LEGA PRO VADEMECUM REFERENTI. Firenze, 26 Ottobre 2015 WORKSHOP REFERENTI INTEGRITY LEGA PRO VADEMECUM REFERENTI Firenze, 26 Ottobre 2015 Il ruolo della Lega Pro La Lega Pro fa della lotta alla contraffazione delle scommesse sportive, della lotta al doping

Dettagli

MATTEO DI FRANCESCO IL RUOLO DELL'AGENTE DI CALCIATORI TRA ORDINAMENTO SPORTTVO E ORDINAMENTO STAIALE

MATTEO DI FRANCESCO IL RUOLO DELL'AGENTE DI CALCIATORI TRA ORDINAMENTO SPORTTVO E ORDINAMENTO STAIALE MATTEO DI FRANCESCO IL RUOLO DELL'AGENTE DI CALCIATORI TRA ORDINAMENTO SPORTTVO E ORDINAMENTO STAIALE CACUCCIEDITORE - BARI - 2007 INDICE Prefazione di On. Prof. MARIO PESCANTE pag. 11 Introduzione «13

Dettagli

REGOLAMENTO 2015 / 2016

REGOLAMENTO 2015 / 2016 REGOLAMENTO 2015 / 2016 ART. 1 COMPOSIZIONE DEL CAMPIONATO Il Campionato Amatoriale è a scopo ricreativo e destinato ai soli soci maggiorenni dell A.S.D. SUMMER GAMES è composto da10 squadre, raggruppate

Dettagli

Codice di Comportamento Sportivo del TREVIGLIO RUGBY

Codice di Comportamento Sportivo del TREVIGLIO RUGBY PREMESSA TREVIGLIO A.S.D. la quale opera, in conformità al relativo Statuto, nel settoro sportivo, ricreativo e culturale, con lo scopo di sviluppare e diffondere il rugby inteso come mezzo di formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMUNE DI SEGRATE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI STRAORDINARI ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

REGOLAMENTO DEL COMUNE DI SEGRATE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI STRAORDINARI ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE REGOLAMENTO DEL COMUNE DI SEGRATE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI STRAORDINARI ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Approvato con delibera di CC n.42 del 15 dicembre 2014 INDICE ARTICOLO

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Libro bianco sullo sport

COMMISSIONE EUROPEA. Libro bianco sullo sport COMMISSIONE EUROPEA Libro bianco sullo sport Indice Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea Numero verde unico (*):

Dettagli

Istituto Comprensivo Enzo Biagi Roma

Istituto Comprensivo Enzo Biagi Roma Istituto Comprensivo Enzo Biagi Roma Via Orrea, 23 00123 Roma Tel. 063037022 - fax o630436063 Staffetta 4 x 100 misti tutti in gara per la Cittadinanza, Costituzione, Salute e Sicurezza! L importante non

Dettagli

GUIDA REGOLAMENTO DELL ELENCO SPECIALE DEI DIRETTORI SPORTIVI FIGC. Di Francesco Casarola

GUIDA REGOLAMENTO DELL ELENCO SPECIALE DEI DIRETTORI SPORTIVI FIGC. Di Francesco Casarola GUIDA REGOLAMENTO DELL ELENCO SPECIALE DEI DIRETTORI SPORTIVI FIGC Di Francesco Casarola Copyright Aprile 2015 SOMMARIO 1. Introduzione 2. Soggetti a. Direttori sportivi b. Collaboratore della gestione

Dettagli

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea,

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, 17.11.2012 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 320/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1077/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per la supervisione da parte delle

Dettagli

DIRETTIVA SUI SERVIZI SANITARI

DIRETTIVA SUI SERVIZI SANITARI DIRETTIVA SUI SERVIZI SANITARI Proposta di Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa a cure sanitarie transfrontaliere sicure, di elevata qualità ed efficienti FASI PRECEDENTI DELLA PROPOSTA

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA ITALIANA

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA ITALIANA INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA ITALIANA Aspetti pratici, legali e tributari, dei contratti di distribuzione, di licenza di marchi e brevetti, i prezzi di trasferimento e l accertamento fiscale Bologna,

Dettagli

Il Codice di Comportamento. Sportivo

Il Codice di Comportamento. Sportivo Il Codice di Comportamento Ostia Lido (RM) - Aran Blu Hotel - Lungomare degli Abruzzi 66/70, 28 febbraio 1 marzo 2015 Sportivo Breve sintesi C.C.S. (Codice di Comportamento Sportivo) L Art. 13 bis dello

Dettagli

CONTRATTO DI FORMAZIONE per Novizi Elite e/o Juniores Elite A

CONTRATTO DI FORMAZIONE per Novizi Elite e/o Juniores Elite A CONTRATTO DI FORMAZIONE per Novizi Elite e/o Juniores Elite A tra 1. Hockey Club... (di seguito denominato CLUB) e 2. (di seguito denominato GIOCATORE) Oggetto del contratto Con il presente contratto di

Dettagli

a. i diritti audiovisivi di natura primaria e di natura secondaria oggetto dei contratti di licenza da parte della L.N.P.;

a. i diritti audiovisivi di natura primaria e di natura secondaria oggetto dei contratti di licenza da parte della L.N.P.; LINEE GUIDA per la commercializzazione dei diritti audiovisivi relativi alle partite del campionato di Serie B da esercitare in chiaro sulla piattaforma analogica terrestre e/o digitale terrestre, in ambito

Dettagli

11^ campionato amatoriale calcio a 5 STAGIONE 2013/2014

11^ campionato amatoriale calcio a 5 STAGIONE 2013/2014 REGOLAMENTO CAMPIONATO AMATORIALE ART. 1 COMPOSIZIONE DEL CAMPIONATO E TRASFERIMENTI Il Campionato Amatoriale è a carattere ricreativo e destinato ai soli soci dell A.S.D. ARCADIA Termoli Calcio a 5,è

Dettagli

LESIONI COLPOSE DURANTE UN AZIONE DI GIOCO Sentenza Cass. N. 19473/05. di Corrado Spina *

LESIONI COLPOSE DURANTE UN AZIONE DI GIOCO Sentenza Cass. N. 19473/05. di Corrado Spina * RIVISTA DI DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT ISSN 1825-6678 135 Vol. I, Fasc. 2, 2005 LESIONI COLPOSE DURANTE UN AZIONE DI GIOCO Sentenza Cass. N. 19473/05 di Corrado Spina * La sentenza n. 19473/05 del

Dettagli

Meca-Medina: un passo indietro per il modello sportivo europeo e la specificità dello sport

Meca-Medina: un passo indietro per il modello sportivo europeo e la specificità dello sport Meca-Medina: un passo indietro per il modello sportivo europeo e la specificità dello sport Gianni Infantino, Direttore Ufficio Legale UEFA 1. Il contesto Sono ormai molti anni che politici ed esperti

Dettagli

ALLEGATO A. Oggetto: Domanda di ammissione al Corso Base - Uefa B indetto con Comunicato Ufficiale del Settore Tecnico n 22

ALLEGATO A. Oggetto: Domanda di ammissione al Corso Base - Uefa B indetto con Comunicato Ufficiale del Settore Tecnico n 22 ALLEGATO A Foto Tessera spillare lungo il bordo Spett.le COMITATO REGIONALE CAMPANIA L.N.D. - F.I.G.C. CORSO BASE Uefa B Strettola S.Anna alle Paludi, 115 80142 NAPOLI NA Oggetto: Domanda di ammissione

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio obiettivo del corso Informazioni Un altro modo di vedere il calcio Un modo per ri-ordinare le informazioni Un metodo, base per costruire il vostro Motivazioni (vostra e nostra) Il QUADRATO Quanti quadrati

Dettagli

LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO

LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 25.04.2011 LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO Il codice civile, con l art. 2106, attribuisce al datore di lavoro

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP))

Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP)) P7_TA-PROV(2013)0098 Partite truccate e corruzione nello sport Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP)) Il Parlamento europeo,

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZA DELLO SPORT PROF. OTTORINO ASCANI

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZA DELLO SPORT PROF. OTTORINO ASCANI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Rapporti interdisciplinari tra il Diritto Sportivo comunitario ed il Diritto Costituzionale, Commerciale, Fiscale e Internazionale. ( Insegnamento Jean Monnet della Commissione

Dettagli

LA PROFESSIONE DI AGENTE DI CALCIATORI (I EDIZIONE)

LA PROFESSIONE DI AGENTE DI CALCIATORI (I EDIZIONE) APPENDICE DI AGGIORNAMENTO AL VOLUME N. 67 LA PROFESSIONE DI AGENTE DI CALCIATORI (I EDIZIONE) Statuto FIFA 2004, inclusi gli emendamenti 2005 e Regolamento di applicazione Regolamento FIFA per lo Status

Dettagli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Assemblea Annuale di Assifero Venezia 7 Maggio 2010 Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Avv. Roberto Randazzo Sommario La Responsabilità Amministrativa degli Enti ex D.Lgs. 231/2001

Dettagli

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA - A I A -

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA - A I A - CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA - A I A - ARBITRI Approvato dal Comitato dei Garanti Cavalese ( TN ) 30 Settembre 2011 1 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RIFERIMENTI NORMATIVI ED EXTRA

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 320/L DEL 6 MAGGIO 2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 320/L DEL 6 MAGGIO 2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 320/L DEL 6 MAGGIO 2015 LEGA ITALIANA CALCIO PROFESSIONISTICO 320/569 Comunicazioni della F.I.G.C. Si riporta il testo del Com. Uff. n. 245/A della F.I.G.C., pubblicato in data

Dettagli

Master universitario di II livello in DIRITTO DELLO SPORT CALENDARIO SEMINARI. anno accademico 2006-2007

Master universitario di II livello in DIRITTO DELLO SPORT CALENDARIO SEMINARI. anno accademico 2006-2007 Master universitario di II livello in DIRITTO DELLO SPORT CALENDARIO SEMINARI anno accademico 2006-2007 Venerdì 6 ottobre 15.00 18.00 Presentazione generale Prof. ALESSANDRO MELCHIONDA (Università di Trento)

Dettagli

% ). 4& 5 67&/ 4& 5 64 $7 4& 4 " 8!!!!!!" #$!! " "! " #!%$$&" '#" " #&" '! " #("!! "!! )'

% ). 4& 5 67&/ 4& 5 64 $7 4& 4  8!!!!!! #$!!  !  #!%$$& '#  #& '!  #(!! !! )' ! " # $ # $ # %& '! # ( ) *+,*-,*'. # / ) *0,*!,*1. # 2 ) *3. % ). 4& 5 67&/ 4& 5 64 $7 4& 4 " 8!!!!!!" #$!! " "! " #!%$$&" '#" " #&" '! " #("!! "!! )' * & 9 : + $7&4;&;6& - 5 /"&;6

Dettagli

I c.d. fuori rosa e la risoluzione del contratto di prestazione sportiva: aspetti giuridici

I c.d. fuori rosa e la risoluzione del contratto di prestazione sportiva: aspetti giuridici I c.d. fuori rosa e la risoluzione del contratto di prestazione sportiva: aspetti giuridici Nell ambito delle Leghe Nazionali Professionistiche di Calcio Serie A Tim e Serie Bwin è argomento di stretta

Dettagli

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda di Davide Venturi - Adapt senior research fellow La Corte di Cassazione, con la sentenza del 16 ottobre 2013, n.23533, torna

Dettagli

REGOLAMENTO SANITARIO DELLA F.I.S.

REGOLAMENTO SANITARIO DELLA F.I.S. REGOLAMENTO SANITARIO DELLA F.I.S. REGOLAMENTO SANITARIO Premessa Il presente regolamento disciplina le funzioni specifiche del Settore Sanitario Federale, nel rispetto della normativa nazionale e regionale,

Dettagli

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI 2015-2016

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI 2015-2016 DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI 2015-2016 AFFILIAZIONE - RIAFFILIAZIONE - TESSERAMENTO Il Consiglio Federale, nella riunione tenutasi in data 28 maggio 2015, ha deliberato, ai sensi dell art. 27.3,

Dettagli

L ORDINAMENTO SPORTIVO ITALIANO CORSO ALLENATORI PRIMO LIVELLO

L ORDINAMENTO SPORTIVO ITALIANO CORSO ALLENATORI PRIMO LIVELLO L ORDINAMENTO SPORTIVO ITALIANO CORSO ALLENATORI PRIMO LIVELLO Principio della pluralità degli ordinamenti giuridici Istituzione o Ordinamento giuridico - Plurisoggettività (composto da soggetti aderenti

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica

Associazione Sportiva Dilettantistica Ispirato al codice etico del CONI SOCIETA NAUTICA GRIGNANO Associazione Sportiva Dilettantistica Rev. Oggetto Approvazione Data 00 01 Modello Organizzativo ai sensi del SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. Destinatari...4

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE PREMESSA CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS La parte iniziale del regolamento è riferita alle norme di carattere generale inerenti l organizzazione dei Campionati di: Calcio a 5 maschile e femminile,

Dettagli

La parte nascosta del pianeta sport

La parte nascosta del pianeta sport Diritto sportivo La parte nascosta del pianeta sport L aspetto giuridico del mondo sportivo Il diritto dello Sport ha assunto un ruolo di primaria importanza nel contesto giuridico attuale sia per la diffusione

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE n. 42 dell 11 luglio 2014

COMUNICATO UFFICIALE n. 42 dell 11 luglio 2014 COMUNICATO UFFICIALE n. 42 dell 11 luglio 2014 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AFFILIAZIONE/RIAFFILIAZIONE E TESSERAMENTO (Stagione Sportiva 2014/15) Il Consiglio Federale, nella riunione tenutasi in data 3/4

Dettagli

Regolamento Sanitario

Regolamento Sanitario Regolamento Sanitario Approvato dalla Giunta Nazionale del CONI Delibera n. 122 del 25 maggio 2009 Nota esplicativa approvata dal Consiglio Federale del 3-4 febbraio 2012 Modifiche approvate dal Consiglio

Dettagli

L INIZIALE INDIFFERENZA COMUNITARIA NEI CONFRONTI DEI DIRITTI FONDAMENTALI.

L INIZIALE INDIFFERENZA COMUNITARIA NEI CONFRONTI DEI DIRITTI FONDAMENTALI. 1. LA TUTELA MULTILIVELLO DEI DIRITTI FONDAMENTALI (16.11.2011) - -ESISTONO DIVERSI SISTEMI GIURIDICI DIPROTEZIONE DEI DIRITTI FONDAMENTALI: - I DIRITTI FONDAMENTALI CONTEMPLATI DALLE COSTITUZIONI NAZIONALI,

Dettagli

ATTO di INDIRIZZO (art. 5, comma 1, lett.a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329)

ATTO di INDIRIZZO (art. 5, comma 1, lett.a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329) ATTO di INDIRIZZO (art. 5, comma 1, lett.a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329) Note sulla deducibilità tributaria delle liberalità erogate ai soggetti non lucrativi, di cui all articolo 14, commi 1-5,

Dettagli

(ii) il pacchetto di cui sub (i) deve essere in lingua italiana;

(ii) il pacchetto di cui sub (i) deve essere in lingua italiana; LINEE GUIDA per la commercializzazione dei diritti radiofonici relativi alle partite della competizione del Campionato di Serie A e della competizione del Campionato di Serie B da esercitare sulla piattaforma

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 158/L DEL 4 DICEMBRE 2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 158/L DEL 4 DICEMBRE 2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 158/L DEL 4 DICEMBRE 2015 LEGA ITALIANA CALCIO PROFESSIONISTICO 158/323 Comunicazioni della F.I.G.C. Si riporta il testo del Com. Uff. n. 212/A della F.I.G.C., pubblicato in data

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O COMUNICATO UFFICIALE N. 245/A Il Consiglio Federale Ritenuta la necessità di modificare il Regolamento dell

Dettagli

IT 78S 02008 05016 000400030336 Unicredit Agenzia ROMA PO B Via Po 52, 00198 Roma

IT 78S 02008 05016 000400030336 Unicredit Agenzia ROMA PO B Via Po 52, 00198 Roma n 7-2014/2015 Bando di ammissione al Corso per l abilitazione a Collaboratore della Gestione Sportiva che avrà luogo presso il Comitato Regionale LOMBARDIA con inizio previsto nel mese di settembre 2014.

Dettagli

Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani

Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani Per quanto riguarda la richiesta di chiarimenti presentata, relativa alla corretta qualificazione

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunit europee. Comunicazione interpretativa della Commissione sul mercato interno per il settore fiere ed esposizioni

Gazzetta ufficiale delle Comunit europee. Comunicazione interpretativa della Commissione sul mercato interno per il settore fiere ed esposizioni C 143/2 IT 8.5.98 Comunicazione interpretativa della Commissione sul mercato interno per il settore fiere ed esposizioni (98/C 143/02) INTRODUZIONE Tradizione europea secolare, pratica economica la cui

Dettagli

Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.11.2012 COM(2012) 655 final Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO che autorizza la Commissione europea a partecipare, per conto dell Unione europea, ai negoziati

Dettagli

Corsi per Aspiranti Istruttori di Scuola Calcio privi di Qualifica Federale, operanti nelle Scuole di Calcio (Corsi CONI-FIGC)

Corsi per Aspiranti Istruttori di Scuola Calcio privi di Qualifica Federale, operanti nelle Scuole di Calcio (Corsi CONI-FIGC) Corsi per Aspiranti Istruttori di Scuola Calcio privi di Qualifica Federale, operanti nelle Scuole di Calcio (Corsi CONI-FIGC) Iscrizione Corso per Istruttore di Scuola Calcio che si svolgerà a REGGIO

Dettagli

DOPING. Legislazione e regolamenti sportivi

DOPING. Legislazione e regolamenti sportivi r o v i n c i a d i P a d o v a DOPING. Legislazione e regolamenti sportivi tt. Claudio Terranova ità Operativa Complessa di Tossicologia Forense ed Antidoping ienda Ospedaliera - Università di Padova

Dettagli

Fiscal News N. 129. La circolare di aggiornamento professionale. 15.03.2012 Decreto 231 per le società di calcio. Premessa

Fiscal News N. 129. La circolare di aggiornamento professionale. 15.03.2012 Decreto 231 per le società di calcio. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 129 15.03.2012 Decreto 231 per le società di calcio Categoria: Società Sottocategoria: Responsabilità amministrativa A cura di Carlo De Luca Il

Dettagli

n 59-2013/2014 3. La F.I.G.C. si riserva la possibilità di ammettere al Corso, in soprannumero, un candidato, dalla stessa indicato.

n 59-2013/2014 3. La F.I.G.C. si riserva la possibilità di ammettere al Corso, in soprannumero, un candidato, dalla stessa indicato. n 59-2013/2014 Bando di Ammissione al Corso per l'abilitazione ad Allenatore di Calcio a Cinque (d ora innanzi solo corso) la cui attuazione è affidata al Comitato Regionale MARCHE della L.N.D. e che sarà

Dettagli

UISP Challenge CUP. Campionato di pallavolo

UISP Challenge CUP. Campionato di pallavolo UISP Challenge CUP Campionato di pallavolo CAMPIONATO DI PALLAVOLO UISP Challenge CUP Il Coordinamento Pallavolo UISP Bari indice e organizza il Campionato "UISP Challenge CUP" per la stagione sportiva

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA DELL UNIONE EUROPEA AGGIORNATO AL 29 FEBBRAIO 2012 A CURA DI MARIA NOVELLA MASSETANI

OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA DELL UNIONE EUROPEA AGGIORNATO AL 29 FEBBRAIO 2012 A CURA DI MARIA NOVELLA MASSETANI OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA DELL UNIONE EUROPEA AGGIORNATO AL 29 FEBBRAIO 2012 A CURA DI MARIA NOVELLA MASSETANI Sentenza della Corte di Giustizia dell Unione Europea nella causa C-204/09 Flachglas

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE

PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE AI SENSI DELL ARTICOLO 121 DELLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA E DELLA LETTERA N), COMMA 4), ART. 26 DELLO STATUTO DELLA REGIONE CAMPANIA concernente DISPOSIZIONI

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni delle Riviste e delle Enciclopedie... Pag. XI Introduzione...» 1

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni delle Riviste e delle Enciclopedie... Pag. XI Introduzione...» 1 INDICE SOMMARIO Abbreviazioni delle Riviste e delle Enciclopedie... Pag. XI Introduzione...» 1 Capitolo I L ASSICURAZIONE FRA DIRITTO NAZIONALE E DIRITTO COMUNITARIO 1. Le fonti... Pag. 3 2. Assicurazione

Dettagli

SOCIAL MEDIA, PRIVACY E LAVORATORI istruzioni per l uso. 10 novembre 2015 Social Media, Privacy e Lavoratori

SOCIAL MEDIA, PRIVACY E LAVORATORI istruzioni per l uso. 10 novembre 2015 Social Media, Privacy e Lavoratori SOCIAL MEDIA, PRIVACY E LAVORATORI istruzioni per l uso 10 novembre 2015 SOCIAL MEDIA, PRIVACY E LAVORATORI Social Media Policy «Monitoraggio» dei comportamenti dei dipendenti Illeciti commessi e/o scoperti

Dettagli

Regolamento Sportivo e della Formazione di A.S.C. (Attività Sportive Confederate)

Regolamento Sportivo e della Formazione di A.S.C. (Attività Sportive Confederate) Regolamento Sportivo e della Formazione di A.S.C. (Attività Sportive Confederate) L A.S.C. predispone annualmente, su proposta del Coordinatore Nazionale dello Sport, le modalità di organizzazione e di

Dettagli

Spett.le AIA CAN 5 Sede CIRCOLARE N. 04. CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A A2 B A Femminile - UNDER 21 Coppa Italia Supercoppa Winter Cup

Spett.le AIA CAN 5 Sede CIRCOLARE N. 04. CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A A2 B A Femminile - UNDER 21 Coppa Italia Supercoppa Winter Cup CIRCOLARE N. 04 09 settembre 2014 1068/FT/FDF Spett.le AIA CAN 5 Sede Alle Società partecipanti ai Campionati Nazionali di Serie A A2 B A femminile Under 21 di Calcio a 5 Loro Sedi CAMPIONATO NAZIONALE

Dettagli

Le istituzioni politiche dell Unione europea. Le funzioni delle istituzioni politiche CONSIGLIO EUROPEO

Le istituzioni politiche dell Unione europea. Le funzioni delle istituzioni politiche CONSIGLIO EUROPEO Le istituzioni politiche dell Unione europea Le funzioni delle istituzioni politiche Riflettono il loro carattere rappresentativo delle istanze che coesistono nell UE Il centro nevralgico dell Unione europea

Dettagli

MARCHI KNOW-HOW BREVETTI E LICENSING

MARCHI KNOW-HOW BREVETTI E LICENSING MARCHI KNOW-HOW BREVETTI E LICENSING V ed. 2011 C.Costa - M.C.Baldini - R. Plebani - 1 - Indice CAP. I IL PATRIMONIO TECNOLOGICO E COMMERCIALE DELL IMPRESA INDIRIZZI GENERALI PER LA SUA GESTIONE 1.1. Come

Dettagli

Progetto SNaQ Scuola Magistrale

Progetto SNaQ Scuola Magistrale 1 PROGETTO SCUOLA MAGISTRALE ARGOMENTI TRATTATI Sistema Nazionale di Qualifica dei Tecnici; Qualifiche e Competenze; Crediti formativi; I Quattro Livelli di Qualifica dei Tecnici Sportivi; Formazione permanente.

Dettagli

POLIZIA DI STATO Questura di Udine. Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione

POLIZIA DI STATO Questura di Udine. Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione POLIZIA DI STATO Questura di Udine Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione Norme principali di riferimento in materia di scommesse e gioco Testo Unico delle Leggi di Pubblica

Dettagli

Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero ORGANIZZA

Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero ORGANIZZA Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero ORGANIZZA L altra piscina in acqua a tutte le età Campionato Regionale Estivo di Nuoto Sincronizzato Categorie Es. C Es. B Es. A

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2013/2014 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

4. I mediatori di assicurazione e riassicurazione o brokers

4. I mediatori di assicurazione e riassicurazione o brokers La distribuzione del prodotto assicurativo 105 Subagente, coagenzia e procacciatore d affari Il subagente è un soggetto il quale viene incaricato da un agente, verso corrispettivo, di promuovere la conclusione

Dettagli

PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ (Ai sensi degli artt. 54 del D.Lgs 28 agosto 2000 n. 274 e 2 del D.M. 26 marzo 2001) Premesso che, a norma dell art. 54 del D. L.vo 274 del

Dettagli

Federazione Italiana Rugby

Federazione Italiana Rugby 1 Federazione Italiana Rugby Norme che disciplinano l attività di Coppa Italia a 7 Femminile per la stagione sportiva 2014/2015. Coppa Italia a 7 Femminile 2014/2015. La Coppa Italia è considerata una

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria Curricolo di Educazione fisica Istituto Comprensivo Gandhi Prato Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA : COMPETENZA CHIAVE:

Dettagli

Codice etico. Aprile 2012. delle Società, dei Dirigenti e dei Tesserati di Lega Pro

Codice etico. Aprile 2012. delle Società, dei Dirigenti e dei Tesserati di Lega Pro Codice etico Aprile 2012 delle Società, dei Dirigenti e dei Tesserati di Lega Pro INDICE Premessa p. 3 1. Principi generali p. 5 Art. 1. Principi olimpici p. 5 Art. 2. Principi di legalità p. 5 Art. 3.

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 1 Stagione Sportiva 2014-2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 1 Stagione Sportiva 2014-2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 1 Stagione Sportiva 2014-2015 I) ATTIVITA UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI La Lega Nazionale Dilettanti - in attuazione delle disposizioni di cui all art. 49, punto 1,

Dettagli

Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking ). Fonte: Sito Banca d Italia

Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking ). Fonte: Sito Banca d Italia Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking ). Fonte: Sito Banca d Italia Divieto interlockingart. 36 del d.l. Salva Italia Tutela della concorrenza e partecipazioni

Dettagli

Alle Società partecipanti ai Campionati Nazionali di Serie A A2 B e Under 21 di Calcio a 5 Loro Sedi CIRCOLARE N. 07

Alle Società partecipanti ai Campionati Nazionali di Serie A A2 B e Under 21 di Calcio a 5 Loro Sedi CIRCOLARE N. 07 14 settembre 2010 1068/FDF/ar Alle Società partecipanti ai Campionati Nazionali di Serie A A2 B e Under 21 di Calcio a 5 Loro Sedi CIRCOLARE N. 07 CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A A2 B UNDER 21 - Coppa Italia

Dettagli

a cura della FIGC - Settore Giovanile e Scolastico

a cura della FIGC - Settore Giovanile e Scolastico Criteri di ammissione ai Campionati Regionali 1/16 I Comitati Regionali dovranno pubblicare sui Comunicati Ufficiali la composizione degli organici (numero dei gironi e numero squadre ammesse) ed i meccanismi

Dettagli

Ill.mo Signor Sindaco del Comune di VEDANO AL LAMBRO

Ill.mo Signor Sindaco del Comune di VEDANO AL LAMBRO Ill.mo Signor Sindaco del Comune di VEDANO AL LAMBRO Il Sottoscritto... nato a...il...nella sua qualità di... e come tale in rappresentanza della Società.... con sede in... Via... CAP... numero telefonico...e

Dettagli

Allegato B Dichiarazione cumulativa - Assenza cause di esclusione e requisiti di partecipazione AVVALIMENTO (solo per ditta/impresa ausiliaria)

Allegato B Dichiarazione cumulativa - Assenza cause di esclusione e requisiti di partecipazione AVVALIMENTO (solo per ditta/impresa ausiliaria) f Allegato B Dichiarazione cumulativa - Assenza cause di esclusione e requisiti di partecipazione AVVALIMENTO (solo per ditta/impresa ausiliaria) Dichiarazioni dell impresa ausiliaria articolo 49, commi

Dettagli

FORUM PA 2004 CONVEGNO I NUOVI ORIENTAMENTI DELLA UE IN MATERIA DI GIOCO PUBBLICO: IL PRINCIPIO DELLA RISERVA DI LEGGE DA PARTE

FORUM PA 2004 CONVEGNO I NUOVI ORIENTAMENTI DELLA UE IN MATERIA DI GIOCO PUBBLICO: IL PRINCIPIO DELLA RISERVA DI LEGGE DA PARTE FORUM PA 2004 CONVEGNO I NUOVI ORIENTAMENTI DELLA UE IN MATERIA DI GIOCO PUBBLICO: IL PRINCIPIO DELLA RISERVA DI LEGGE DA PARTE DELLO STATO E I RIFLESSI SUL LIBERO MERCATO Intervento dell'avvocato dello

Dettagli

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

Regolamento per l istituzione e la gestione del Servizio di Volontariato civico

Regolamento per l istituzione e la gestione del Servizio di Volontariato civico Regolamento per l istituzione e la gestione del Servizio di Volontariato civico Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 28 del 28/04/2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI 1. Il presente regolamento

Dettagli

Allegato B Dichiarazione cumulativa - Assenza cause di esclusione e requisiti di partecipazione AVVALIMENTO (solo per ditta/impresa ausiliaria)

Allegato B Dichiarazione cumulativa - Assenza cause di esclusione e requisiti di partecipazione AVVALIMENTO (solo per ditta/impresa ausiliaria) Allegato B Dichiarazione cumulativa - Assenza cause di esclusione e requisiti di partecipazione AVVALIMENT (solo per ditta/impresa ausiliaria) Dichiarazioni dell impresa ausiliaria articolo 49, commi 2,

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO LEGA NAZIONALE DILETTANTI COMITATO REGIONALE PUGLIA

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO LEGA NAZIONALE DILETTANTI COMITATO REGIONALE PUGLIA FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO LEGA NAZIONALE DILETTANTI COMITATO REGIONALE PUGLIA VIA Nicola Pende, 23-70124 BARI TEL. 080/5699011 - FAX 080/5648960 - NUMERO VERDE 800 445052 SERVIZIO PRONTO A.I.A.

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

Corsi per Aspiranti Istruttori di Scuola Calcio privi di Qualifica Federale, operanti nelle Scuole di Calcio (Corsi CONI-FIGC)

Corsi per Aspiranti Istruttori di Scuola Calcio privi di Qualifica Federale, operanti nelle Scuole di Calcio (Corsi CONI-FIGC) Corsi per Aspiranti Istruttori di Scuola Calcio privi di Qualifica Federale, operanti nelle Scuole di Calcio (Corsi CONI-FIGC) Iscrizione Corso per Istruttore di Scuola Calcio che si svolgerà a Napoli

Dettagli

Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking )

Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking ) Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking ) Testo dell art. 36 del d.l. Salva Italia Tutela della concorrenza e partecipazioni personali incrociate nei

Dettagli

SOMMARIO. CAPITOLO TERZO L USO FRAUDOLENTO DEL FRANCHISING pag. 37

SOMMARIO. CAPITOLO TERZO L USO FRAUDOLENTO DEL FRANCHISING pag. 37 SOMMARIO CAPITOLO PRIMO : LE ORIGINI DEL FENOMENO E LA QUALIFICAZIONE GIURIDICA PRIMA DELLA LEGGE N. 129 DEL 2004 pag. 11 1. Il franchising e la distribuzione commerciale pag. 11 2. Un primo inquadramento

Dettagli

COMITATO PROVINCIALE COSENZA

COMITATO PROVINCIALE COSENZA COMITATO PROVINCIALE COSENZA 02 gennaio 2016 1 MOVIMENTO SPORTIVO POPOLARE ITALIA Comitato Provinciale Cosenza Lega Calcio Cosenza 1^ Traversa Kennedy, 4 87037 RENDE (CS) Tel. e fax 0984 446750 e-mail:

Dettagli

Tornei Promozionali di Categoria Coppa Milano Femminile Maschile Femminile Maschile Under 16

Tornei Promozionali di Categoria Coppa Milano Femminile Maschile Femminile Maschile Under 16 Milano, 1 luglio 2015 Prot. 2 / COGP Oggetto: Campionati Provinciali e Tornei Promozionali 2015/2016 A tutte le Società della Provincia di Milano e p.c. C.R. Lombardo FIPAV Roma Il Comitato Provinciale

Dettagli

MODULO 6 L ANTIRICICLAGGIO E GLI ATTORI DEL MERCATO ASSICURATIVO, BANCARIO E FINANZIARIO

MODULO 6 L ANTIRICICLAGGIO E GLI ATTORI DEL MERCATO ASSICURATIVO, BANCARIO E FINANZIARIO INDICE Premessa PARTE I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L assicurazione vita e l assicurazione danni - 1.1. Le Polizze Vita: impignorabilità, insequestrabilità e trattamento successorio - 1.1.1 I contrasti

Dettagli

C H I E D E. Al COMUNE DI ROVIGO Settore Commercio Piazza Vittorio Emanuele II, n. 1 45100 ROVIGO

C H I E D E. Al COMUNE DI ROVIGO Settore Commercio Piazza Vittorio Emanuele II, n. 1 45100 ROVIGO Marca da bollo da 14,62 (escluse ONLUS) Prima di consegnare il presente modulo munirsi di una copia fotostatica che timbrata dalla Sezione competente vale come ricevuta per tutti gli eventuali usi Al COMUNE

Dettagli

Codice Etico e Norme di Comportamento

Codice Etico e Norme di Comportamento Codice Etico e Norme di Comportamento PREMESSA Il Codice Etico comportamentale dell ASD D.L.F. Civitavecchia esprime le linee guida di condotta che devono ispirare i comportamenti di tutti coloro che frequentano

Dettagli

Prima edizione: ottobre 2011

Prima edizione: ottobre 2011 Copyright 2011 Università degli Studi di Padova Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli Via Martiri della Libertà, 2-35137 Padova Tel. +39 049 827 1815 -

Dettagli

Deliberazione n. 225/2014/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai Magistrati:

Deliberazione n. 225/2014/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai Magistrati: Deliberazione n. 225/2014/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai Magistrati: dott. Antonio De Salvo dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott.ssa Benedetta Cossu dott.

Dettagli

CORSI PROFESSIONALI SPECIALIZZATI E LAVORA SUBITO OSSERVATORE CALCISTICO. Certificazione Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001

CORSI PROFESSIONALI SPECIALIZZATI E LAVORA SUBITO OSSERVATORE CALCISTICO. Certificazione Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001 SPECIALIZZATI E LAVORA SUBITO CORSI PROFESSIONALI OSSERVATORE CALCISTICO Certificazione Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001 OSSERVATORE CALCISTICO La figura del talent scout in ambito sportivo ed in particolar

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE

DOMANDA DI ISCRIZIONE DOMANDA DI ISCRIZIONE Il sottoscritto/a nato/a il / / 19 a residente a in Via Codice Fiscale E-mail Tel. Cell. Documento Tipo N. Ril. Scad. CHIEDE Di essere iscritto all associazione Professionisti Associati

Dettagli

PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015

PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015 PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015 CONTABILITA PUBBLICA(130 h) DIRITTO DEI CONTRATTI PUBBLICI La gestione delle gare d appalto. Profili teorici e pratici

Dettagli

INDICE-SOMMARIO DEL FASCICOLO 9 o (settembre 2014) Parte prima - Sentenze commentate

INDICE-SOMMARIO DEL FASCICOLO 9 o (settembre 2014) Parte prima - Sentenze commentate INDICE-SOMMARIO DEL FASCICOLO 9 o (settembre 2014) LEGENDA: Il simbolo [,] a fianco del titolo segnala che il commento/saggio è stato oggetto di referee secondo quanto indicato alla pagina precedente.

Dettagli

Art. 1 RISPETTO DEL REGOLAMENTO AICS DOVERI E OBBLIGHI GENERALI

Art. 1 RISPETTO DEL REGOLAMENTO AICS DOVERI E OBBLIGHI GENERALI ASSOCIAZIONE ITALIANA CULTURA E SPORT COMITATO PROVINCIALE DI PISTOIA Via Bellaria, 35 51100 PISTOIA ( PT ) Tel. 0573-367529 - FAX 0573/34933 e-mail: pistoia@aics.it Art. 1 RISPETTO DEL REGOLAMENTO AICS

Dettagli