Prof. Alberto Tron. Incaricato di Economia Aziendale nell Università degli Studi di Pisa Dottore Commercialista Revisore Contabile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prof. Alberto Tron. Incaricato di Economia Aziendale nell Università degli Studi di Pisa Dottore Commercialista Revisore Contabile"

Transcript

1 La valutazione dei titoli, delle partecipazioni, dei crediti, dei fondi per rischi ed oneri e dei debiti Regolarizzazione dei nelle stime contabili e degli Prof. Alberto Tron Incaricato di Economia Aziendale nell Università degli Studi di Pisa Dottore Commercialista Revisore Contabile Seminario UNOFORMAT Latina, 13 febbraio

2 TITOLI, PARTECIPAZIONI, CREDITI, FONDI PER RISCHI ED ONERI, DEBITI AGENDA DELL INTERVENTO 1. VALUTAZIONE DEI TITOLI E DELLE PARTECIPAZIONI Le modalità di rappresentazione in bilancio Criteri di valutazione: un quadro delle disposizioni in vigore 2. LA VALUTAZIONE DEI CREDITI Le modalità di rappresentazione in bilancio Criteri di valutazione: un quadro delle disposizioni in vigore 3. LA VALUTAZIONE DEI FONDI PER RISCHI ED ONERI E DEI DEBITI Modalità di rappresentazione in bilancio Criteri di valutazione: un quadro delle disposizioni in vigore 4. REGOLARIZZAZIONE DI CAMBIAMENTI NEI PRINCIPI E NELLE STIME CONTABILI E DI ERRORI CONTABILI 2

3 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: modalità di quotazione e negoziazione I titoli quotati nei mercati regolamentati ed i titoli non quotati sono rispettivamente quotati o negoziati: A CORSO SECCO La quotazione o la negoziazione riflette il solo valore capitale del titolo ed ignora gli interesse in corso di maturazione che vengono considerati separatamente A CORSO TEL QUEL A CORSO EX CEDOLA La quotazione, oltre al valore capitale, comprende anche gli interesse in corso di maturazione fino al momento della quotazione o negoziazione La quotazione riflette il valore di un capitale temporaneamente infruttifero, dato che la cedola in corso di maturazione è stata fisicamente staccata dal venditore medesimo prima dell inizio della maturazione della successiva cedola; l infruttuosità del capitale riguarda il periodo di tempo che intercorre tra la data di scambio del titolo ed il successivo giorno di stacco del titolo della cedola ai fini dell incasso della stessa. 3

4 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: modalità di quotazione e negoziazione La quotazione o negoziazione tipica per la particolare categoria dei titoli azionari è il corso tel quel perchè il valore del titolo è difficilmente separabile dal dividendo in corso di maturazione, a meno che non sia già stato deliberato e messo in distribuzione. Per gli altri titoli, invece, la quotazione o negoziazione più frequente è il corso secco. 4

5 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: modalità di rilevazione Il conto titoli può funzionare secondo tre differenti modalità: a costi e costi Il conto titoli funziona analogamente ai conti accesi alle immobilizzazioni: in dare si rileva il costo di acquisto ed in avere lo scarico alla data della vendita a costi, ricavi e rimanenze con un conto bifase Nel conto titoli vengono rilevate le rimanenze iniziali, i costi d acquisto, le vendite e le rimanenze finali. Il saldo del conto titoli viene imputato a conto economico. a costi, ricavi e rimanenze con quattro conti monofase Si utilizzano quattro conti monofase: titoli c/acquisti, titoli c/vendite, titoli c/rimanenze iniziali, titoli c/rimanenze finali. Il relativo saldo è trasferito al conto economico. 5

6 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: modalità di rappresentazione in bilancio Rappresentazione in bilancio dei titoli e delle partecipazioni secondo il criterio della destinazione Distinzione tra immobilizzazioni finanziarie ed attivo circolante I titoli e le partecipazioni sono state acquistate con l intenzione di effettuare un investimento strategico I titoli e le partecipazioni sono state acquistate con intenzione speculativa (art bis cod. civ. introduce presunzione relativa per le partecipazioni di controllo e collegate ex art cod. civ.) detenzione 1/5 voti in assemblea ordinaria in caso di non quotate e 1/10 se quotate 6

7 Titoli e partecipazioni: immobilizzazioni finanziarie ed attivo circolante TITOLI E PARTECIPAZIONI La presunzione relativa prevista dal secondo comma dell art bis cod. civ. è superabile nel caso in cui la partecipazione di controllo o di collegamento non sia stata acquisita a titolo di investimento duraturo. In tale senso: 1) Circolare Assonime n. 42/94 la presunzione non dovrebbe considerarsi di carattere assoluto e, quindi, non può escludersi, in linea di principio, che anche le partecipazioni di controllo o di collegamento possano essere iscritte dall impresa nell ambito dell attivo circolante 2) Principio contabile CNDC n. 20 (ricavabile a contrariis) la decisione (dell investimento duraturo, ndr) deve essere basata su ragionevoli e fondate previsioni che il titolo non sarà negoziato o riscosso entro breve termine [ ]. A decisione deve risultare da una delibera dell organo di amministrazione e deve essere appropriatamente motivata nella nota integrativa 7

8 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: immobilizzazioni finanziarie ed attivo circolante Oltre al controllo legale mediante la maggioranza assoluta dei diritti di voto il controllo può avvenire mediante influenza dominante a sua volta suddiviso nelle due fattispecie: 1) influenza dominante originata da partecipazioni significative (es. partecipazioni di minoranza qualificata in una situazione di proprietà frazionata o polverizzata, ecc.) 2) influenza dominante fondata su vincoli contrattuali Bisognerà inoltre tenere conto di: - situazione di mercato della società controllata o collegata; - capacità di mantenere l investimento 8

9 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: modalità di rappresentazione in bilancio Immobilizzati Non Immobilizzati Attivo Immobilizzato B III 1) Partecipazioni in : a) Imprese controllate b) Imprese collegate c) Imprese controllanti d) Altre imprese 2) Crediti (es: obbligazioni) verso controllate, collegate, controllanti, altri Attivo Circolante C III 1) Partec. in impr. controllate 2) Partec. in impr. collegate 3) Partec. in impr. controllanti 4) Altre partecipazioni 5) Azioni proprie 6) Altri titoli 3) Altri titoli 4) Azioni proprie 9

10 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: modalità di rappresentazione in bilancio Nota integrativa Il codice civile stabilisce che vengano inserire in nota integrativa le informazioni di seguito sinteticamente elencate: Art. 2427, n. 5, cod. civ. Elenco delle partecipazioni possedute, direttamente o per tramite di società fiduciaria o per interposta persona, in imprese controllate e collegate, indicando per ciascuna denominazioni, sede, capitale, patrimonio netto, ecc. Art. 2426, n. 10, cod. civ. Indicazione in nota integrativa, per i titoli classificati nell attivo circolante, dell eventuale differenza negativa tra il costo storico e la valutazione effettuata a costi correnti Art. 2426, n. 3, cod. civ. Indicazione in nota integrativa, per i titoli classificati nelle immobilizzazioni finanziarie, dell eventuale differenza negativa tra il costo storico e la valutazione effettuata con il metodo del patrimonio netto motivando tale differenza. 10

11 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: criteri di valutazione L art cod. civ. detta criteri differenti di valutazione per i titoli e le partecipazioni che sono stati classificati nell attivo circolante e per i titoli e le partecipazioni che sono stati classificati tra le attività immobilizzate. In particolare, i nn. 9 e 10 di tale articolo disciplinano la valutazione dei titoli e partecipazioni classificati nell aggregato attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni; i nn. 1, 3 e 4 dello stesso articolo disciplinano la valutazione dei titoli e partecipazioni classificati nell aggregato immobilizzazioni finanziarie. 11

12 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: criteri di valutazione Art. 2426, nn. 9 e 10, cod. civ. Valutazione dei titoli iscritti nell attivo circolante I titoli e le attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni sono iscritti al costo di acquisto [...] ovvero al valore di realizzazione desumibile dall andamento del mercato, se minore; tale minor valore non può essere mantenuto nei successivi bilanci se ne sono venuti meno i motivi (art. 2426, n. 9, cod. civ.). Il costo dei beni fungibli può essere calcolato con il metodo della media ponderata o con quelli primo entrato, primo uscito (cd. FIFO) o ultimo entrato, primo uscito (cd. LIFO); se il valore così ottenuto differisce in misura apprezzabile dai costi corrnti alla chiusura dell esercizio, la differenza deve essere indicata, per categoria di beni, nella nota integrativa (art. 2426, n. 10, cod. civ.). 12

13 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: criteri di valutazione Art. 2426, nn. 9 e 10, cod. civ. Valutazione dei titoli iscritti nell attivo circolante Valutazione al minore tra il costo storico ed il valore di realizzazione desumibile dall andamento del mercato alla data del bilancio. Per addivenire ad una corretta definizione di costo storico e di andamento del mercato bisogna ricorrerre alla parallela lettura del Principio Contabile n. 20 emanato dal CNDC. 13

14 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: criteri di valutazione Principio contabile n. 20 CNDC Valutazione dei titoli iscritti nell attivo circolante Costo storico Complesso degli esborsi sostenuti per ottenere i titoli nella loro condizione attuale = corrispettivo pagato per la loro acquisizione + oneri accessori. Un caso particolare è rappresentato dai titoli ad interesse implicito (ad es. BOT): essi vanno esposti al costo di acquisto e la differenza tra costo di acquisto e valore nominale incassabile alla scadenza rappresenta l interesse da rilevare come rateo attivo in funzione della durata del titolo. In tal modo il valore di costo da comparare con il mercato deve includere il rateo di interesse rilevato separatamente. 14

15 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: criteri di valutazione Principio contabile n. 20 CNDC Valutazione dei titoli iscritti nell attivo circolante Valore di mercato Titoli quotati in mercati regolamentati = valore della quotazione Titoli non quotati = valore di titoli similari quotati o, in mancanza, dal valore nominale rettificato per tenere conto del rendimento espresso dal mercato con riferimento a titoli di pari durata e di pari affidabilità di emittente. Riferimento temporale da considerare: il PC n. 20 indica come rappresentativa del valore di mercato ai fini valutativi la media delle quotazioni dell ultimo mese mentre i principi contabili internazionali fanno riferimento al dato puntuale di fine esercizio in quanto meno influenzato da elementi soggettivi. 15

16 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: criteri di valutazione Principio contabile n. 20 CNDC Valutazione dei titoli iscritti nell attivo circolante Rivalutazione del titolo o partecipazione: qualora titoli e partecipaizoni siano stati svalutati e vengano meno, in esercizi successivi, i motivi che hanno dato rigine a tale rettifica, si deve operare una rivalutazione ad un valore non superiore rispetto alla valutazione effettuata inizialmente al costo (art.2426, n. 9, cod. civ. e punto n. 6.3 del PC n. 20 CNDC). Passaggio da attivo circolante a immobilizzato o viceversa: in caso di modifica della destinazione econmica inizialmente individuata dall impresa bisogna procedere alla riclassificazione del titolo o partecipazione alla nuova categoria di appartenenza modificando i criteri di valutazione (PC n. 20 CNDC) 16

17 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: criteri di valutazione Art. 2426, nn. 1 e 3, cod. civ. Valutazione dei titoli iscritti nell attivo immobilizzato Le immobilizzazioni sono iscritte al costo di acquisto [...]. Ne costo di acquisto si computano anche i costi accessori (art. 2426, n. 1, cod. civ.). L immobilizzazione che, alla data della chiusura dell esercizio, risulti durevolmente di valore inferiore a quello determinato scondo i numeri 1) [...] deve essere iscritta a tale minor valore; questo non può essere mantenuto nei successivi bilanci se sono venuti meno i motivi della rettifica effettuata (art. 2426, n. 3, cod. civ.). 17

18 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: criteri di valutazione Art. 2426, nn. 1 e 3, cod. civ. Valutazione dei titoli iscritti nell attivo immobilizzato Valutazione con il metodo del costo rettificato. Applicare tale metodo significa dover mantenere la valutazione al costo anche se essa è superiore al valore di mercato, a meno che il minor valore di mercato del titolo rifletta l esistenza di una perdita permanente di valore. In tale caso si deve procedere a svalutazioni. 18

19 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: criteri di valutazione Art. 2426, nn. 1 e 3, cod. civ. Valutazione dei titoli iscritti nell attivo immobilizzato perdita permanente di valore Titoli quotati il ribasso è considerato permanente quando è attribuibile a situazioni di dissesto dell ente emittente e/o quando persiste nel lungo termine. Il PC n. 20 CNDC considera il valore di listino di fine esercizio non sia rilevante Titoli non quotati vanno utilizzati tutti i dati e le informazioni attendibili. Conviene prima di tutto riferirsi ai risultati di esercizio: è necessario, in particolare, verificare se ci siano state nell ultimo esercizio o negli ultimi sei mesi perdite non riassorbite. Il PC n. 20 CNDC evidenzia che devono essere anche considerati i corsi dei titoli quotati similari, se esistenti. 19

20 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: criteri di valutazione Art. 2426, nn. 1, 3 e 4, cod. civ. Valutazione delle partecipazioni iscritte nell attivo immobilizzato metodo del costo rettificato metodo del patrimonio netto differenziazione tra partecipazioni in imprese controllate o collegate (metodo del costo rettificato o del patrimonio netto contabile) e partecipazioni in imprese non controllate o collegate (metodo del costo) 20

21 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: criteri di valutazione Metodo del costo rettificato: - iscrizione iniziale (es. sottoscrizione o acquisto di una partecipazione) avviene al costo di acquisto; - i successivi incrementi di valore della partecipazione non vengono rilevati nel bilancio della società partecipante (ad eccezione degli aumenti di capitale sociale a pagamento sottoscritti dalla società o, parallelamente, riduzioni di capitale sociale); - le perdite permanenti di valore vengono rilevate nel bilancio della società partecipante Tale metodo deve essere adottato nei casi in cui la partecipata sia considerata una società con la quale non esiste altro legame se non quello di possedere un titolo per ottenere un frutto, che è variabile anziché fisso come nel caso di una normale obbligazione. Le azioni sono destinate a rimanere nel portafoglio della società partecipante per lungo tempo esclusivamente in quanto sono considerate ampiamente redditizie, ma non si ha alcuna intenzione di intervenire nella gestione della partecipata 21

22 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: criteri di valutazione Perdita permanente di valore Il PC n. 20 CNDC chiarisce che una perdita di valore è durevole perché non è ragionevolmente dimostrabile che nel breve periodo la società partecipata possa sovvertirla mediante positivi risultati economici [ ] Se, invece, la partecipata ha predisposto piani e programmi tesi al recupero delle condizioni di equilibrio economico-finanziario e di redditività, con caratteristiche tali da far fondatamente ritenere che la perdita ha carattere contingente, questa può definirsi non durevole [ ]. I piani e programmi devono avere caratteristiche di concretezza, ragionevole possibilità di realizzazione (tecnica, economica, finanziaria), brevità di attuazione. Il PC n. 20 CNDC stabilisce che gli amministratori evidenzino esplicitamente in nota integrativa le motivazioni che li hanno indotti ad un eventuale giudizio di non durevolezza delle perdite della partecipata. 22

23 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: criteri di valutazione Metodo del patrimonio netto - iscrizione iniziale (es. sottoscrizione o acquisto di una partecipazione) avviene al costo di acquisto; - i successivi incrementi di valore della partecipazione vengono rilevati nel bilancio della società partecipante; - le perdite permanenti di valore vengono rilevate nel bilancio della società partecipante Tale metodo può essere adottato nei casi in cui di partecipazione in imprese controllate o collegate. Quando la partecipazione è iscritta per la prima volta in base al metodo del patrimonio netto, il il costo di acquisto eventualmente superiore al valore corrispondente del patrimonio netto risultante dall ultimo bilancio dell impresa controllata o collegata può essere iscritto nell attivo, purché ne siano indicate le ragioni nella nota integrativa. La differenza, per la parte imputabile ai beni ammortizzabili od all avviamento, deve essere ammortizzata. Negli esercizi successivi le plusvalenze derivanti dall applicazione del metodo del patrimonio netto, rispetto al valore indicato nel bilancio dell esercizio precedente, sono iscritte in una riserva non distribuibile. 23

24 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: criteri di valutazione Principio contabile n. 21 CNDC Valutazione delle partecipazioni qualificate con il metodo del patrimonio netto. Valutare una partecipazione con il metodo del patrimonio netto non significa affatto iscrivere la partecipazione detenuta per un importo pari alla percentuale posseduta deò patrimnio netto contabile della partecipata. Il metodo del patrimonio netto non coincide infatti con il metodo dell equivalenza contabile che prevede la perfetta corrispondenza tra valore di iscrizione della partecipazione e valore del patrimonio netto contabile della partecipata. 24

25 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: criteri di valutazione Art. 2426, n. 4, cod. civ. e Principio contabile n. 21 CNDC Rappresentazione del maggior/minore valore attribuito alla partecipazione L art. 2426, n. 4, cod. civ. stabilisce che le plusvalenze, derivanti dall applicazione del metodo del patrimonio netto negli esercizi successivi a quello in cui avviene l iscrizione sono iscritte in una riserva non disponibile La dottrina non era unanime nell interpretare la lettera della norma in merito, in particolare, alla concorrenza o meno di tale plusvalenza ala formazione del reddito dell esercizio. Il PC n. 21 CNDC si è espresso esplicitamente sull argomento individuando un trattamento contabile preferito (o benchmark) che denomina metodo del patrimonio netto integrale, ed un trattamento contabile alternativo (allowed alternative treatment) che denomina metodo del patrimonio netto con rappresentazione solo patrimoniale 25

26 TITOLI E PARTECIPAZIONI Titoli e partecipazioni: principi contabili internazionali I principi contabili internazionali applicabili a titoli e partecipazioni sono i seguenti: - IAS 27 Bilanci consolidati e bilanci separati - IAS 28 Contabilizzazione delle partecipazioni in collegate - IAS 31 Partecipazioni in joint venture - IAS 39 Strumenti finanziari: contabilizzazione e valutazione - IFRS 5 Attività non correnti destinate alla vendita e attività cessate 26

27 CREDITI Crediti: classificazione dei crediti secondo l origine, la natura del debitore e la scadenza Il PC n. 15 CNDC stabilisce che i crediti rapresentano il diritto ad esigere ad una data scadenza determinati mmontari da clienti e da altri. Tale principio contabile evidenzia tre fondamentali modalità per raggruppare in categorie omogenee i crediti vantati da un azienda: - sulla base dell origine degli stessi; - sulla base della natura del debitore; - in funzione della scadenza. 27

28 CREDITI Crediti: classificazione dei crediti secondo l origine, la natura del debitore e la scadenza ORIGINE - crediti sorti in relazione a ricavi (tipici i crediti verso clienti) derivanti da operazioni di gestione caratteristica; - crediti sorti per prestiti e finanziamenti concessi; - crediti sorti per altre ragioni (crediti derivanti da operazioni di gestione non caratteristica, crediti verso dipendenti per anticipi, crediti verso l'erario, ecc.). 28

29 CREDITI Crediti: classificazione dei crediti secondo l origine, la natura del debitore e la scadenza NATURA DEL DEBITORE crediti verso clienti (diversi dalle consociate) derivanti dall'ordinaria attività commerciale della gestione; crediti verso imprese collegate, controllate e controllanti (art Cod. Civ.) e verso altre consociate; crediti verso soci, con separata indicazione di quelli per versamenti ancora dovuti; crediti verso altri. Quando nell'ambito delle categorie sopra indicate vi sono crediti di importo rilevante verso debitori che hanno peculiari caratteristiche, di cui è importante che il lettore del bilancio abbia conoscenza, occorre darne separata indicazione nella nota integrativa (ad es: rilevanti crediti verso l'erario, ecc.). Allo stesso modo è opportuno segnalare l esistenza di crediti di particolare entità verso singoli clienti. 29

30 CREDITI Crediti: classificazione dei crediti secondo l origine, la natura del debitore e la scadenza SCADENZA crediti a breve o correnti: e cioè, convenzionalmente, crediti con esigibilità prevista entro i dodici mesi; crediti a medio e lungo termine o non correnti: e cioè, convenzionalmente, crediti con esigibilità prevista oltre i dodici mesi. La scadenza deve essere determinata in base ai termini di fatto del realizzo quando questi contrastino con i presupposti contrattuali o giuridici. Va quindi effettuata una valutazione per determinare quali crediti è ragionevole prevedere verranno incassati entro dodici mesi, tenendo anche conto della destinazione durevole o meno del relativo investimento finanziario. 30

31 CREDITI Crediti: modalità di rappresentazione in bilancio L'art Cod. Civ. prevede che nell'attivo dello stato patrimoniale siano indicati: A - Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata; B.III Immobilizzazioni finanziarie, con separata indicazione, per ciascuna voce dei crediti, degli importi esigibili entro l'esercizio successivo: 2) crediti: a) verso imprese controllate b) verso imprese collegate c) verso controllanti d) verso altri 31

32 CREDITI Crediti: modalità in rappresentazione in bilancio C.II - Attivo circolante Crediti, con separata indicazione, per ciascuna voce, degli importi esigibili oltre l'esercizio successivo: 1) verso clienti 2) verso imprese controllate 3) verso imprese collegate 4) verso controllanti 4 bis) crediti tributari 4 ter) imposte anticipate 5) verso altri 32

33 CREDITI Crediti: modalità di rappresentazione in bilancio Acconti a fornitori Rappresentano diritti ad una cessione di beni e non ad un corrispettivo in denaro, e non devono essere quindi esposti tra i crediti. Vanno classificati, a seconda della loro origine: - tra le immobilizzazioni immateriali o materiali (Immobilizzazioni in corso e acconti) - nell attivo circolante (Rimanenze / Acconti). - tra le immobilizzazioni finanziarie - gli acconti a fronte di prestazione di servizi vanno classificati nei crediti, alla voce C.II.5 (v/altri). 33

34 CREDITI Crediti: modalità di rappresentazione in bilancio Il Fondo svalutazione crediti I crediti vanno esposti nello stato patrimoniale al netto della svalutazione eventualmente effettuata. Anche gli altri accantonamenti stanziati per rettificare i crediti (resi, sconti ed abbuoni, ecc.) e ridurli al valore di presunto realizzo vanno esposti nello stato patrimoniale a riduzione della voce dell'attivo, salvo i casi in cui i crediti cui tali accantonamenti si riferiscono non siano più in essere. 34

35 CREDITI Crediti: modalità di rappresentazione in bilancio Determinazione della rettifica per svalutazione crediti. Il valore nominale dei crediti in bilancio deve essere rettificato, tramite un fondo di svalutazione appositamente stanziato, per le perdite per inesigibilità che possono ragionevolmente essere previste e che sono inerenti ai saldi dei crediti esposti in bilancio. Detto fondo deve essere sufficiente (adeguato ma non eccessivo) per coprire, nel rispetto del principio di competenza: sia le perdite per situazioni di inesigibilità già manifestatesi, sia quelle per altre inesigibilità non ancora manifestatesi ma temute o latenti. Deve inoltre coprire le perdite che si potranno subire sui crediti ceduti a terzi per i quali sussista ancora un'obbligazione di regresso. 35

36 CREDITI Crediti: modalità di rappresentazione in bilancio Il fondo svalutazione crediti è quindi composto: da una parte specifica È quella relativa a situazioni di inesigibilità già manifestatesi da una parte statistica È quella relativa a situazioni di inesigibilità ragionevolmente prevedibili, ad esempio in base alla media delle sofferenze rilevate nel corso della gestione passata 36

37 CREDITI Crediti: modalità di rappresentazione in bilancio E possibile formare il Fondo svalutazione crediti anche in base a procedure di rating. Il passaggio di un credito (o di un gruppo di crediti) ad una classe di rating peggiore, comporta un maggiore accantonamento. La determinazione del grado di deterioramento nelle diverse posizioni si ottiene applicando delle percentuali che tengono conto di diversi fattori, quali: analisi degli arretrati, percentuali storiche di perdita, anzianità dei saldi, specifiche condizioni economiche, ecc. 37

38 CREDITI Crediti: modalità di rappresentazione in bilancio La cessione dei crediti I crediti ceduti in modo definitivo (pro soluto) senza azione di regresso, e per i quali quindi il rischio d'insolvenza è trasferito al cessionario nella sostanza, devono essere rimossi dal bilancio e l'utile o la perdita devono essere riconosciuti per la differenza tra il valore ricevuto ed il valore cui erano iscritti in bilancio I crediti ceduti con azione di regresso (pro solvendo) vanno normalmente rimossi dallo stato patrimoniale e sostituiti con l'ammontare dell'anticipazione ricevuta e col credito nei confronti del factor per la differenza tra il valore nominale del credito ceduto e l'anticipazione ricevuta mettendo in evidenza l'ammontare del rischio di regresso nei conti d'ordine. Le commissioni passive sull operazione vanno imputate a conto economico. 38

39 CREDITI Crediti: modalità di rappresentazione in bilancio Principali indicazioni da fornire in nota integrativa criteri applicati nelle valutazioni, nelle rettifiche di valore e nella conversione dei valori espressi all'origine in valuta estera variazioni intervenute nella consistenza svalutazioni effettuate nell'ultimo esercizio e nei precedenti per quanto riguarda i crediti classificati tra le immobilizzazioni finanziarie distintamente per ciascuna voce dei crediti, l'importo di durata residua superiore a cinque anni. 39

40 FONDI RISCHI ED ONERI Fondi per rischi ed oneri: criteri di valutazione I Fondi rischi ed oneri accolgono gli accantonamenti destinati a coprire perdite o debiti: Fondi per Rischi ed ed Oneri - di natura determinata - di esistenza certa o probabile - il cui ammontare o la cui data di sopravvenienza sono indeterminati alla chiusura dell esercizio 40

41 FONDI RISCHI ED ONERI Fondi per rischi ed oneri: criteri di valutazione Fondi per Rischi ed ed Oneri Accantonamenti a fronte di passività certe, ma il cui ammontare o la data di sopravvenienza risultano indeterminati. Costi, spese e perdite di competenza dell esercizio in corso, per obbligazioni già assunte o per eventi già verificatisi, ma per i quali non è esattamente definito l ammontare. Fondi oneri Accantonamenti per passività di esistenza solo probabile Trattasi di passività relative a situazioni che già esistono, ma delle quali non si ha certezza dell esito in quanto si risolveranno in futuro. Fondi rischi 41

42 FONDI RISCHI ED ONERI Fondi per rischi ed oneri: criteri di valutazione Fondi per Rischi ed ed Oneri Classificazione Stato Patrimoniale Passivo B) Fondi per rischi e oneri: 1) per trattamento di quiescenza e obblighi simili; 2) per imposte; 3) altri. Valutazione La norma non detta criteri specifici di valutazione degli accantonamenti destinati a confluire nei Fondi rischi e oneri, occorre procedere tenendo presenti i principi generali di redazione del bilancio d esercizio 42

43 FONDI RISCHI ED ONERI Fondi per rischi ed oneri: criteri di valutazione Fondi per Rischi ed ed Oneri Classificazione Stato Patrimoniale Passivo B) Fondi per rischi e oneri: 1) per trattamento di quiescenza e obblighi simili; 2) per imposte; 3) altri. Valutazione La norma non detta criteri specifici di valutazione degli accantonamenti destinati a confluire nei Fondi rischi e oneri, occorre procedere tenendo presenti i principi generali di redazione del bilancio d esercizio 43

44 FONDI RISCHI ED ONERI Fondi per rischi ed oneri: criteri di valutazione Fondi di quiescenza e obblighi simili Fondi per Rischi ed ed Oneri fondi pensione diversi dal trattamento previdenziale di legge per il personale dipendente; fondi pensione integrativa; fondi indennità per cessazione dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa; fondi di indennità per cessazione dei rapporti di agenzia Trattasi di fondi certi nell esistenza ed indeterminati nell ammontare, ma stimabili con ragionevolezza. 44

45 FONDI RISCHI ED ONERI Fondi per rischi ed oneri: criteri di valutazione Fondi per imposte - per imposte; - per imposte differite Fondi per Rischi ed ed Oneri Il Fondo per imposte accoglie le imposte probabili, il cui ammontare o la data di sopravvenienza sono indeterminati. Tale fondo accoglie le imposte che possono scaturire da un accertamento o da un contenzioso in corso. Il loro ammontare deve essere determinato sulla base del presumibile esito dell accertamento o del contenzioso. Il Fondo per imposte differite accoglie le imposte che emergono da differenze temporanee tra competenza civile e competenza fiscale, nonché le imposte scaturenti da rettifiche di valori ed accantonamenti effettuati esclusivamente in applicazione di norme tributarie. 45

46 FONDI RISCHI ED ONERI Fondi per rischi ed oneri: criteri di valutazione Fondi per oneri Trattasi di passività certe, di importo stimato, correlate a componenti negativi di reddito di competenza dell esercizio in chiusura, la cui manifestazione numeraria si avrà in successivi esercizi. Fondi per Rischi ed ed Oneri - Fondi per garanzia prodotti - Fondi manutenzione ciclica - Fondo copertura perdite società partecipate - Fondo per il recupero ambientale - Fondo per ristrutturazioni aziendali 46

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Le partecipazioni I titoli (cenni) 1 Indice degli argomenti 1. I TITOLI E LE PARTECIPAZIONI ISCRITTE NELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE i titoli

Dettagli

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011 EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Codice fiscale 02225450309 Partita iva 02225450309 VIA CARNIA LIBERA 1944, 15-33028 TOLMEZZO UD Numero R.E.A. 244558 Registro Imprese di UDINE n. 02225450309 Capitale Sociale

Dettagli

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale analisi bilancio 1 Schema di stato patrimoniale ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci A) Patrimonio netto B) Immobilizzazioni B) Fondi per rischi e oneri C)

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori Dicembre 2003 Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori I Principi contabili nazionali distinguono fra due categorie di partecipazioni

Dettagli

OIC 21: Partecipazioni e azioni proprie

OIC 21: Partecipazioni e azioni proprie OIC 21: Partecipazioni e azioni proprie Novara, 27 gennaio 2015 Lorenzo Gelmini Introduzione: gli obiettivi e l ambito del nuovo principio contabile o Riordino generale della tematica o Miglior coordinamento

Dettagli

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7 focus modulo 3 lezione 40 Il mercato dei capitali e la Borsa valori La negoziazione dei titoli azionari Le partecipazioni Gli investimenti di un impresa in azioni o quote di Capitale sociale di altre società

Dettagli

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009 SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Reg. Imp. 02329330597 Rea 162878 Sede in PIAZZA GARIBALDI SNC - 04010 SONNINO (LT) Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

Dettagli

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri Università degli Studi di Parma I crediti 1 I crediti Definizione e riferimenti Definizione:

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

Immobilizzazioni finanziarie METODI DI VALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI

Immobilizzazioni finanziarie METODI DI VALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI Immobilizzazioni finanziarie METODI DI VALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI Immobilizzazioni finanziarie III FINANZIARIE 1) Partecipazioni in: - imprese controllate - imprese collegate - imprese controllanti

Dettagli

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata società consortile a responsabilità limitata Sede Via Pietrasantina c/o Bus Terminal - 56100 PISA (PI) Codice Fiscale, partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Pisa n. 0170429 050 9 Repertorio Economico

Dettagli

azienda di prova srl

azienda di prova srl azienda di prova srl Sede in sede in Codice Fiscale - Numero Rea RM Capitale Sociale Euro 100.000 Società in liquidazione: no Società con socio unico: no Società sottoposta ad altrui attività di direzione

Dettagli

DYNAMO ACADEMY SRL IMPRESA SOCIALE UNIPERSONALE. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2010

DYNAMO ACADEMY SRL IMPRESA SOCIALE UNIPERSONALE. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2010 DYNAMO ACADEMY SRL IMPRESA SOCIALE UNIPERSONALE Sede in VIA XIMENES N. 662-51028 SAN PARCELLO PISTOIESE (PT) Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. Cod. fisc. e Reg. Imp. Pistoia 01722500475 - Rea 173738

Dettagli

5/12/2014 CRITERIO DEL PATRIMONIO NETTO CRITERI DI VALUTAZIONE. Scritture contabili SOLO PER PARTECIPAZIONI IN IMPRESE CONTROLLATE E COLLEGATE

5/12/2014 CRITERIO DEL PATRIMONIO NETTO CRITERI DI VALUTAZIONE. Scritture contabili SOLO PER PARTECIPAZIONI IN IMPRESE CONTROLLATE E COLLEGATE CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERIO DEL PATRIMONIO NETTO Art. 2426 c.c. SOLO PER PARTECIPAZIONI IN IMPRESE CONTROLLATE E COLLEGATE LA PARTECIPAZIONE E VALUTATA PER UN IMPORTO PARI ALLA CORRISPONDENTE FRAZIONE

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 10.400,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: C.E.A.M. CULTURA E ATTIVITA' MISSIONARIA SRL VIA

Dettagli

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D.

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Lgs 127/91) Il fascicolo di Bilancio ex D. Lgs 127/91 Relazione sulla gestione

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

Corso di bilancio e principi contabili

Corso di bilancio e principi contabili Corso di bilancio e principi contabili Quinta lezione: Lo stato patrimoniale Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli 1 LO SCHEMA DELLO STATO PATRIMONIALE A SEZIONI DIVISE E CONTRAPPOSTE

Dettagli

Le principali novità dei principi contabili OIC

Le principali novità dei principi contabili OIC Le principali novità dei principi contabili OIC. OIC 29 Cambiamenti di principi contabili, cambiamenti di stime contabili, correzione di errori, eventi e operazioni straordinarie, fatti intervenuti dopo

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 0,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: FONDAZIONE OAGE PIAZZA SAN MATTEO 18 GENOVA GE sì Partita

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015 1 ü Rigidità dello schema e sua struttura ü Attivo B) Immobilizzazioni ü Attivo C) Attivo circolante ü Attivo D) Ratei e risconti attivi ü Passivo A) Patrimonio netto ü Passivo B) Fondi per rischi e oneri

Dettagli

IMERA SVILUPPO 2010 SOC. CONSORTILE A.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011

IMERA SVILUPPO 2010 SOC. CONSORTILE A.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011 IMERA SVILUPPO 2010 SOC. CONSORTILE A.R.L. Reg. Imp. 96015140823 Rea 259417 Sede in VIA GARIBALDI 2 C/O UFFICI COMUNALI - 90018 TERMINI IMERESE (PA) Capitale sociale Euro 100.000,00 di cui Euro 79.250,00

Dettagli

Associazione 21 Luglio Onlus

Associazione 21 Luglio Onlus Associazione 21 Luglio Onlus Sede in Roma, Via Bassano del Grappa n.24 Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014 Criteri di formazione Il bilancio è redatto in forma abbreviata ed è composto da

Dettagli

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro ALFA SPA Sede in Via Medicei 123 - MILANO (MI) 20100 Codice Fiscale 01234567890 - Rea CCIAA 211471 P.I.: 01234567890 Capitale Sociale Euro 101.400 i.v. Forma giuridica: Soc.a responsabilita' limitata A

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 MODULO A LEZIONE N. 8 LE SCRITTURE CONTABILI Le partecipazioni TITOLI E PARTECIPAZIONI I titoli sono composti principalmente da: titoli di credito: lo stato, che emette

Dettagli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli Corso di bilancio e principi contabili Dodicesima lezione: Le attività finanziarie Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE B.III Immobilizzazioni finanziarie

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014

ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014 ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014 Introduzione Il Bilancio al 31 Dicembre 2014 è formato dallo

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA CREDITO VS CLIENTE INGLESE @ MERCI C/TO VENDITA 161,29 161,29 MATERIE PRIME C/ACQUISTO @ DEBITI VS FORNITORE USA 212,77 212,77 Università

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio DICEMBRE 2015 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Note Note Le tabelle con le

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO QUATTROTRETRE SpA Sede legale: Foro Buonaparte, 44 20121 MILANO Capitale sociale: Euro 5.000.000 i.v. Registro Imprese Milano n. 07642730969 Cod. Fisc. e P. IVA 07642730969 BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

10/09 Cliente X a Diversi 600 Merci c/vendite 500 Iva c/vendite 100

10/09 Cliente X a Diversi 600 Merci c/vendite 500 Iva c/vendite 100 Nel normale svolgimento della propria attività, l impresa si trova talvolta, per scelta o per il verificarsi di determinate circostanze, a dover gestire particolari adempimenti contabili relativi alla

Dettagli

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs)

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) 1 Contenuto Stato Patrimoniale Ias/Ifrs Contenuto minimo obbligatorio (Ias 1, 68 e

Dettagli

INNOVAETICA SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

INNOVAETICA SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro INNOVAETICA SRL Sede in ROMA Codice Fiscale 12170501006 - Numero Rea ROMA 1355872 P.I.: 12170501006 Capitale Sociale Euro 10.000 i.v. Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Società in liquidazione:

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Dati anagrafici Denominazione: ENOTECA REGIONALE DEL ROERO SO C.CONS.A.R.L. Sede: Capitale sociale: 11.352,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: VIA

Dettagli

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE ATTIVO A) CREDITI V/S SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI B) IMMOBILIZZAZIONI C) ATTIVO CIRCOLANTE D) RATEI E RISCONTI PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO B) FONDI PER RISCHI

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

LA NOTA INTEGRATIVA GLI ALLEGATI AL BILANCIO

LA NOTA INTEGRATIVA GLI ALLEGATI AL BILANCIO LA NOTA INTEGRATIVA E GLI ALLEGATI AL BILANCIO NOTA INTEGRATIVA ART. 2423 comma 1 del Codice Civile: GLI AMMINISTRATORI DEVONO REDIGERE IL BILANCIO DI ESERCIZIO, COSTITUITO DALLO STATO PATRIMONIALE, DAL

Dettagli

FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25

FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25 FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25 PREVALENZA DELLA SOSTANZA SULLA FORMA Compravendita con obbligo di retrocessione Il lavoro interinale Operazioni di retrolocazione (Lease Back) 1 FISCALITA DIFFERITA

Dettagli

MAGIC DOODLE SOC. COOP. SOCIALE A R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2010

MAGIC DOODLE SOC. COOP. SOCIALE A R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2010 MAGIC DOODLE SOC. COOP. SOCIALE A R.L. Reg. Imp. 07068730725 Rea 529866 Sede in VIA ROSARIO LIVATINO - 70125 BARI (BA) Capitale sociale Euro 3.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2010

Dettagli

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili Francesco Assegnati Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Galleria San Carlo 6 20122 Milano www.camozzibonissoni.it Iter normativo

Dettagli

IAS 37 - OIC 31: Accantonamenti, attività e passività potenziali

IAS 37 - OIC 31: Accantonamenti, attività e passività potenziali IAS 37 - OIC 31: Accantonamenti, attività e passività potenziali Roma, marzo/maggio 2015 Finalità dei due principi IAS 37 OIC 31 Assicurare che agli accantonamenti e alle passività e attività potenziali:

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 Bilancio 2014 Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 AITR ASSOCIAZIONE ITALIANA TURISMO RESPONSABILE Codice fiscale 97219890155 Partita iva 08693820964 VIA TOMMASO DA CAZZANIGA SNC - 20144

Dettagli

Bilancio 2011: adempimenti e principali novità

Bilancio 2011: adempimenti e principali novità Bilancio 2011: adempimenti e principali novità Bilancio abbreviato Ancona Sede Confindustria, giovedì 15 marzo 2012 Relatore: Dott. Paolo Massinissa Magini Ambito soggettivo Ai sensi dell art.2435-bis

Dettagli

FONDAZIONE CRESCI@MO

FONDAZIONE CRESCI@MO FONDAZIONE CRESCI@MO Sede in 41123 MODENA (MO) VIA CRISTOFORO GALAVERNA 8 Codice Fiscale 03466300369 - Numero Rea MO 390164 P.I.: 03466300369 Capitale Sociale Euro 50.000 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c.

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c. OIC 26: revisione anche per operazioni, le attività e le passività in valuta estera della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO L Organismo Italiano di Contabilità ha dettato regole più chiare anche

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

ETICA SERVIZI S.R.L. SOC. UNIPERSONALE. Bilancio al 31/12/2010

ETICA SERVIZI S.R.L. SOC. UNIPERSONALE. Bilancio al 31/12/2010 Società soggetta a direzione e coordinamento di BANCA POPOLARE ETICA S.C. Sede in VIA NAZARIO SAURO N. 15-35100 PADOVA (PD) Capitale sociale Euro 150.000,00 i.v. Bilancio al 31/12/2010 Reg. Imp. 04464490285

Dettagli

OPERA DELLA PROVVIDENZA SANT ANTONIO

OPERA DELLA PROVVIDENZA SANT ANTONIO OPERADELLAPROVVIDENZASANT ANTONIO ViadellaProvvidenzan.6835030Rubano BILANCIOESERCIZIO2015 (RAMOATTIVITÀONLUS) Opera della Provvidenza Sant'Antonio Sede legale Via della Provvidenza n. 68 35030 Rubano

Dettagli

Le attività finanziarie

Le attività finanziarie Corso di Contabilità e bilancio www.massimilianobonacchi.net Titoli e oggetto della lezione Le attività finanziarie 2 Le attività finanziarie B. Immobilizzazioni B.I. Immobilizzazioni immateriali B.II.

Dettagli

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota Integrativa parte iniziale Ai sensi delle disposizioni del codice civile in tema di bilancio si forniscono le informazioni seguenti ad integrazione

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE ----------------------- NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO D'ESERCIZIO 2013 PREMESSA Il Bilancio che viene sottoposto alla vostra approvazione è costituito dallo

Dettagli

TESTO VIGENTE TESTO MODIFICATO Commenti ASSIREVI. dell'assemblea. conto economico, dal rendiconto finanziario e dalla nota integrativa.

TESTO VIGENTE TESTO MODIFICATO Commenti ASSIREVI. dell'assemblea. conto economico, dal rendiconto finanziario e dalla nota integrativa. Allegato 2 2 1. Codice Civile: prospetto di comparazione tra disposizioni vigenti e le modifiche proposte dallo schema di decreto legislativo. Art. 2357-ter (Disciplina delle proprie azioni). 1. Gli amministratori

Dettagli

PARTITO DEMOCRATICO DELLA CAMPANIA. Codice fiscale 95098980634 VIA SANTA BRIGIDA, 51-80132 NAPOLI (NA)

PARTITO DEMOCRATICO DELLA CAMPANIA. Codice fiscale 95098980634 VIA SANTA BRIGIDA, 51-80132 NAPOLI (NA) PARTITO DEMOCRATICO DELLA CAMPANIA Codice fiscale 95098980634 VIA SANTA BRIGIDA, 51-80132 NAPOLI (NA) NOTA INTEGRATIVA AL RENDICONTO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Gli importi presenti sono espressi

Dettagli

G.U.S. Gruppo Umana Solidarietà G. Puletti Onlus ONG Sede legale: via Pace, 5 62100 Macerata Codice fiscale 92004380439

G.U.S. Gruppo Umana Solidarietà G. Puletti Onlus ONG Sede legale: via Pace, 5 62100 Macerata Codice fiscale 92004380439 G.U.S. Gruppo Umana Solidarietà G. Puletti Onlus ONG Sede legale: via Pace, 5 62100 Macerata Codice fiscale 92004380439 RENDICONTO AL 31 DICEMBRE 2013 NOTA INTEGRATIVA CONTENUTO E FORMA DEL RENDICONTO

Dettagli

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Sede legale: VIA PESCHIERA 16 GENOVA (GE) Iscritta al Registro Imprese di GENOVA C.F. e numero iscrizione 01323550994 Iscritta al R.E.A. di Genova n. 400879 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

LUMI INDUSTRIES S.R.L.

LUMI INDUSTRIES S.R.L. LUMI INDUSTRIES S.R.L. Sede in RONCADE (TV) - VIA SILE 41 Codice Fiscale 04684500269 - Rea TV TV - 370113 P.I.: 04684500269 Capitale Sociale Euro 116 i.v. Forma giuridica: SRL Bilancio al 31-12-2014 Gli

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE Sede in CAVA DE' TIRRENI - CORSO UMBERTO I, 395 Capitale Sociale versato Euro 100.000,00 Iscritta alla C.C.I.A.A. di SALERNO Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

FONDI RUSTICI S.p.A.

FONDI RUSTICI S.p.A. FONDI RUSTICI S.p.A. Sede in Peccioli, via Marconi n 5 Capitale sociale 9.000.000,00 interamente versato Cod.Fiscale Nr.Reg.Imp. 02108740503 Iscritta al Registro delle Imprese di PISA Nr. R.E.A. PI 181649

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI REGIONE CAMPANIA. Sede in NAPOLI Via Amerigo Vespucci 9 (NA) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI REGIONE CAMPANIA. Sede in NAPOLI Via Amerigo Vespucci 9 (NA) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011 ORDINE ASSISTENTI SOCIALI REGIONE CAMPANIA Sede in NAPOLI Via Amerigo Vespucci 9 (NA) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011 Criteri di formazione Criteri di valutazione Immobilizzazioni Il

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

Valutazione secondo IAS Fair value al netto del ricalcolo Fondo ammortamento

Valutazione secondo IAS Fair value al netto del ricalcolo Fondo ammortamento I principi contabili internazionali (IAS), attualmente in Italia obbligatori per le società quotate, sono regole tecnico-ragioneristiche che stabiliscono : A. Le modalità di contabilizzazione degli eventi

Dettagli

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento PERCORSO B IMPRESE BANCARIE Conto economico: commento delle voci e calcolo di risultati intermedi Il percorso B, relativo alle imprese bancarie,

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS COMITATO ADDIO PIZZO

ASSOCIAZIONE ONLUS COMITATO ADDIO PIZZO ASSOCIAZIONE ONLUS COMITATO ADDIO PIZZO Sede: via Lincoln n. 131 Palermo (PA) Codice Fiscale: 972585825 PEC: addiopizzo@pec.it BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31/12/213 STATO PATRIMONIALE ATTIVO 31/12/213 31/12/212

Dettagli

OIC 12: Composizione e schemi del bilancio

OIC 12: Composizione e schemi del bilancio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I nuovi principi contabili. La disciplina generale del bilancio di esercizio e consolidato. OIC 12: Composizione e schemi del bilancio CLAUDIA MEZZABOTTA

Dettagli

Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende

Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende Dott. Amedeo Pugliese 12-13 Aprile 2010 Attività Finanziarie Amedeo Pugliese EA II + AEF Le Attività Finanziarie possono trovare

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario OIC 10 Parma, 1 Ottobre 2014 1 Indice 1. Finalità del principio 3 2. Ambito di applicazione 4 3. Definizioni 5 4. Contenuto e struttura 6 5. Classificazione

Dettagli

Il finanziamento alle imprese

Il finanziamento alle imprese Il finanziamento alle imprese Alberto Balestreri Corso di Economia ed organizzazione aziendale II ING-IND/35 Laurea Specialistica in Biotecnologie Industriali Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e

Dettagli

Nota integrativa al Bilancio al 31 Dicembre 2014

Nota integrativa al Bilancio al 31 Dicembre 2014 Nota integrativa al Bilancio al 31 Dicembre 2014 Introduzione Ai sensi delle disposizioni contenute nel Codice Civile in tema di bilancio di esercizio e in ottemperanza a quanto previsto dall art. 2427,

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

MOBILITY SERVICE SRL

MOBILITY SERVICE SRL MOBILITY SERVICE SRL Sede in VIALE INDIPENDENZA 38/A - 63100 ASCOLI PICENO (AP) Codice Fiscale 02187100447 - Numero Rea AP 000000198944 P.I.: 02187100447 Capitale Sociale Euro 10.000 i.v. Forma giuridica:

Dettagli

!!!!OIC!16!!IMMOBILIZZAZIONI! MATERIALI! Prof.!Andrea!Amaduzzi!

!!!!OIC!16!!IMMOBILIZZAZIONI! MATERIALI! Prof.!Andrea!Amaduzzi! OIC16 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prof.AndreaAmaduzzi FINALITA DEL PRINCIPIO TRATTAMENTO CONTABILE ED INFORMATIVA IN NOTA INTEGRATIVA IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI CRITERI DI RILEVAZIONE, CLASSIFICAZIONE E

Dettagli

MAGIC DOODLE SOC. COOP. SOCIALE A R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011

MAGIC DOODLE SOC. COOP. SOCIALE A R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011 MAGIC DOODLE SOC. COOP. SOCIALE A R.L. Reg. Imp. 07068730725 Rea 529866 Sede in VIA ROSARIO LIVATINO - 70125 BARI (BA) Capitale sociale Euro 5.000,00 I.V. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2011

Dettagli

Seminari Nuovi OIC 2014 Dott. Roberto Ferrari Fidital Revisione Srl

Seminari Nuovi OIC 2014 Dott. Roberto Ferrari Fidital Revisione Srl Brescia, 5 marzo 2015 Seminari Nuovi OIC 2014 Fidital Revisione Srl Cambiamenti di principi contabili, cambiamenti di stime contabili, correzione di errori, eventi e operazioni straordinarie, fatti intervenuti

Dettagli

Appendice 2.B Glossario IV Direttiva CEE

Appendice 2.B Glossario IV Direttiva CEE 92 CAPITOLO 2 ISBN 88-408-1246-6 Appendice 2.B Glossario IV Direttiva CEE CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI (CLASSE A). Sono iscritti i crediti relativi a versamenti dovuti dai soci, per

Dettagli

AMBIENTE SURL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

AMBIENTE SURL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro AMBIENTE SURL Sede in SORA Codice Fiscale 02013850603 - Numero Rea FROSINONE 124380 P.I.: 02013850603 Capitale Sociale Euro 80.000 i.v. Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA CON UNICO SOCIO

Dettagli

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE Sede in TORRE EUROPA - VIA ANNOVAZZI, 00053 CIVITAVECCHIA (RM) Codice Fiscale 03908900586 - Numero Rea RM 911152 P.I.: 01259061008 Capitale Sociale Euro - i.v. Forma

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: ATM Spa Capitale sociale: 696.800,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: Via Leonardo da Vinci 13 PIOMBINO LI sì

Dettagli

Società della Salute dell Area Socio Sanitaria Versilia. NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31/12/2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro.

Società della Salute dell Area Socio Sanitaria Versilia. NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31/12/2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro. NOTA INTEGRATIVA Società della Salute dell Area Socio Sanitaria Versilia NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO AL 31/12/2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro. CRITERI DI FORMAZIONE Il seguente bilancio

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Premessa Il bilancio consuntivo dell'esercizio chiuso al 31 dicembre 2013, composto da Stato Patrimoniale, Conto Economico e Nota Integrativa,

Dettagli

Gli strumenti finanziari [2]

Gli strumenti finanziari [2] www.contabilitainternazionale.eu Corso di: Contabilità Internazionale Corso di Laurea Magistrale in: Amministrazione e Controllo Gli strumenti finanziari [2] Oggetto della lezione framework Fair value

Dettagli

C. PROVENTI E ONERI FINANZIARI 15) proventi da partecipazioni 16) altri proventi finanziari 17) interesse e altri oneri finanziari

C. PROVENTI E ONERI FINANZIARI 15) proventi da partecipazioni 16) altri proventi finanziari 17) interesse e altri oneri finanziari C. PROVENTI E ONERI FINANZIARI 15) proventi da partecipazioni 16) altri proventi finanziari 17) interesse e altri oneri finanziari Ha contenuto più ampio di quello che ci si attenderebbe dall espressione

Dettagli

POLO UNIVERSITARIO GROSSETANO S.

POLO UNIVERSITARIO GROSSETANO S. POLO UNIVERSITARIO GROSSETANO S. Sede in VIA GINORI N. 43-58100 GROSSETO (GR) Codice Fiscale 01177990536 - Numero Rea GR 000000000000 P.I.: 01177990536 Capitale Sociale Euro 96.492 i.v. Forma giuridica:

Dettagli

ATTIVO: struttura finanziaria

ATTIVO: struttura finanziaria ATTIVO: Voci bilancio civilistico Riclassificazione SP secondo struttura finanziaria A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata - Quote non

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE INVESTIMENTI IN TITOLI 1 GLI INVESTIMENTI IN TITOLI OPERAZIONI DI INVESTIMENTO FINANZIARIO 1. Operazioni di prestito attivo 2. Investimenti in immobilizzazioni non caratteristiche

Dettagli