IL TECNOPOLO DI CASTEL ROMANO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL TECNOPOLO DI CASTEL ROMANO"

Transcript

1 IL TECNOPOLO DI CASTEL ROMANO Il supporto della Ricerca Industriale per l innovazione delle PMI del sistema produttivo laziale, sui materiali innovativi, sulle tecnologie avanzate di processo e di manufacturing. Il Consorzio TecnoPolo opera nel comprensorio di CASTEL ROMANO, un area attrattiva per la ricerca e l innovazione Consorzio TecnoPolo di Castel Romano Via di Castel Romano, Roma - tel fax

2 2

3 Consorzio TecnoPolo di Castel Romano Presentazione Il TecnoPolo di Castel Romano, opera da alcuni anni nel campo della promozione ed attuazione di iniziative di Trasferimento Tecnologico a favore di PMI che abbiano un concreto interesse ad accedere a tecnologie innovative. Il Consorzio, in particolare, è in condizione di attivare appropriate misure di sostegno all innovazione predisposte dalla Regione Lazio e dalla Camera di Commercio della Provincia di Roma. L attività del TecnoPolo è prioritariamente orientata a PMI operanti nell ambito della trasformazione e dell applicazione dei materiali, della meccanica e delle tecnologie associate (giunzione, formatura, rivestimenti, ecc.), dell ambiente e dell energia, delle biotecnologie, della biomedicina, della multimedialità, dei servizi di informatica e di trasferimento tecnologico. Nelle pagine che seguono abbiamo raccolto in modo sintetico le informazioni che consentono di capire cosa fa il TecnoPolo per le aziende e con quali competenze, evidenziando il network di centri ricerca che, a partire dal consorziato Centro Sviluppo Materiali s.p.a., consentono alle PMI di accedere a quanto di meglio il territorio laziale offre al momento in materia di Tecnologia. Se ritenete che possiamo aiutarvi sulla difficile strada dell innovazione tecnologica, non avete che chiamarci. Vi aspettiamo. Il Presidente (dott. Carlo Pagliucci) C. Pagliucci tel D. D Ascenzo tel

4 4

5 Consorzio TecnoPolo di Castel Romano 1. FINALITA E OBIETTIVI Il TecnoPolo di Castel Romano ha per finalità: La valorizzazione e lo sviluppo del sistema produttivo ed imprenditoriale locale e particolarmente delle PMI; La valorizzazione e lo sviluppo del sistema regionale della ricerca privata e pubblica a fini produttivi (CSM s.p.a., ENEA, CNR, Università di Roma e del Lazio, Altri Parchi tecnologici); La creazione e l avvio di nuove iniziative imprenditoriali ad alta tecnologia, anche tramite spin-off dalla ricerca ed attrazione da altri territori. Il TecnoPolo realizza le proprie finalità con diversi tipi di intervento: La promozione, la dimostrazione e la diffusione dell innovazione tecnologica verso le PMI, anche atrraverso la realizzazione di work shop sulla tecnologia; L attuazione e la gestione di progetti di trasferimento tecnologico a favore delle imprese, anche utilizzando specifici strumenti resi disponibili dalla Regione Lazio (DOCUP ) e dalla Camera di Commercio della Provincia di Roma; La definizione, l organizzazione progettuale ed economico finanziaria di azioni di innovazione e di nascita di nuove imprese (spin-off della ricerca ed attrazione di nuove imprese ad alta tecnologia) 2. L ORGANIZZAZIONE DELL OFFERTA A tal fine il TecnoPolo ha organizzato, con il supporto del consorziato Centro Sviluppo Materiali, una serie di Centri Tecnologici - CET che consentono un agevole accesso a laboratori, impianti, attrezzature prototipali e competenze specificamente dedicate alle tecnologie innovative disponibili per le PMI e di entrare nel network dei centri di ricerca regionali. TECSAL: Centro per le tecnologie di taglio, giunzione e saldatura; TRARIS: Centro per le tecnologie per i trattamenti ed i rivestimenti superficiali; PRORA: Centro per le tecnologie di prototipazione rapida; 5

6 Consorzio TecnoPolo di Castel Romano VIREC: Centro per le tecnologie di realtà virtuale, per la realizzazione di prototipi tridimensionali virtuali (applicazioni nel campo della meccanica, del design industriale, ecc); BIOMAT: Centro per i materiali biocompatibili; TESIAC: Centro per le tecnologie e sistemi di supervisione, automazione e controllo di apparati di misura, stazioni di testing, impianti di produzione, ecc.; TENAMB: Centro dedicato alle tecnologie energetiche (risparmio energetico, prove di combustione, ecc.) ed ambientali (termovalorizzazione, termodistruzione, depurazione, riciclo, ecc.). TEFAS: Centro per le tecnologie di fabbricazione per l aerospazio e altre applicazioni speciali; I CET sono in grado di progettare e realizzare interventi a misura delle esigenze delle PMI locali su una ampia gamma di tecnologie innovative rientranti nelle filiere di specifica competenza: qualificazione di materiali e di componenti; studio, progettazione e ottimizzazione (anche sotto il profilo della manutenzione) di componenti, di sistemi e di processi; realizzazione di prototipi; realizzazione di serie prototipali finalizzate alla messa a punto di processi di produzione, ecc. Nel seguito di questa pubblicazione abbiamo riportato alcune schede tecnologiche che illustrano le principali capacità di offerta del TecnoPolo. 3. IL CONSORZIO ED I CONSORZIATI Il TecnoPolo di Castel Romano è un consorzio costituito dalla Società per il Polo Tecnologico Industriale Romano s.p.a. (società controllata dalla Camera di Commercio di Roma) e dal Centro Sviluppo Materiali s.p.a. (centro di ricerca industriale di rilevanza europea, brevemente CSM). La Società per il Polo Tecnologico Industriale Romano, opera dal 1995 per la promozione, realizzazione e gestione di un sistema di Parchi Scientifici e Tecnologici, ed è stata partecipata oltre che dalla Camera di Commercio, da ACEA, da Agenzia Sviluppo Lazio, da AMA, dalla Provincia di Roma, da ENEA, da Risorse per Roma. 6

7 Consorzio TecnoPolo di Castel Romano Il Centro Sviluppo Materiali s.p.a CSM. è un centro di ricerca privato, di preminenza a livello europeo nel campo dei materiali anche innovativi, che intrattiene una intensa cooperazione con Industrie, Università e Centri di Ricerca nazionali ed esteri. La capacità d intervento del CSM copre l intera filiera dell innovazione: dalla ricerca fondamentale orientata (proprietà fisiche, chimiche e meccaniche, nuove leghe, rivestimenti innovativi, ecc), alla progettazione, all ingegnerizzazione ed al processing (su scala pilota, dimostrativa ed industriale), alla realizzazione di serie prototipali, all automazione e controllo di processo/impianto, alle problematiche di realizzazione, affidabilità e sicurezza di componenti e strutture, alle tematiche ambientali e di riciclo dei materiali. I principali settori industriali di intervento del CSM sono: Siderurgico e metallurgico, produzione ed impiantistica collegata; Grandi utilizzatori di materiali quali i settori petrolio e gas, produzione e distribuzione di acqua ed energia, trasporti, aerospaziale e difesa costruzioni ed infrastrutture; Settori innovativi diversificati, anche PMI, quali meccanica (nella più ampia accezione), stampistica, motoristica, impiantistica alimentare, packaging, biomedicale, edilizia, beni culturali; 7

8 Consorzio TecnoPolo di Castel Romano Ambiente ed energia, per il trattamento e la valorizzazione dei rifiuti industriali e/o urbani, la costruzione di impianti ecologici, la bonifica di ex siti industriali, tecnologie e soluzioni per il riciclo dei materiali. Oltre alle attività di ricerca, sviluppo ed innovazione, il CSM è in grado di offrire servizi tecnologici e consulenza (testing, qualificazione materiali e componenti, ecc) e servizi ausiliari (project financing, alta formazione, brevetti, ecc.) 4. IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE PMI Tramite i Centri Tecnologici CET, il TecnoPolo è in condizione di predisporre progetti di trasferimento tecnologico a misura delle esigenze delle PMI locali, potendo attivare direttamente appropriate misure di sostegno all innovazione predisposte dalla Regione Lazio e dalla Camera di Commercio della Provincia di Roma che comportano una sensibile riduzione dei costi di innovazione a carico delle aziende (a seconda della localizzazione delle aziende, l agevolazione può coprire dal 50 al 60 % dei costi finali del progetto, per progetti di importo massimo compreso fra e/o ). Le imprese interessate ad un approfondimento, senza alcun impegno, con tecnici specialisti del TecnoPolo, possono inviare il modulo allegato alle pagine seguenti per richiedere un incontro, oppure prendere contatto telefonicamente. 8

9 Consorzio TecnoPolo di Castel Romano SU CARTA INTESTATA DELL'AZIENDA (Questo file può essere richiesto ai seguenti indirizzi: Oggetto: Richiesta di incontro per fattibilità di trasferimento tecnologico Al Consorzio TecnoPolo di Castel Romano Via di Castel Romano, ROMA Il/la sottoscritto/a nato a.. il residente a in Via/Piazza. CAP.. C.F... in qualità di titolare/ legale rappresentante dell'impresa..., chiede, senza alcun impegno da parte sua, un incontro di approfondimento con i tecnici del Consorzio TecnoPolo di Castel Romano per meglio conoscere le opportunità di innovazione tecnologica che il Consorzio è in grado di offrire. A tal fine fa presente che l'impresa sopraindicata risponde alla definizione di piccola e media impresa secondo i criteri stabiliti dal DM MICA del 18 settembre 1997 e successivi aggiornamenti: PARAMETRI LIMITI Dipendenti < 250 Fatturato o in alternativa Totale attivo di bilancio non superiore e 50 mln EURO non superiore a 43 mln EURO Requisito d'indipendenza Il capitale o i diritti di voto non sono detenuti per il 25% o più da una sola impresa oppure congiuntamente da più imprese non conformi alla definizione di piccola o media impresa. L'interessato acconsente espressamente ai sensi dell'art. 11 della legge 675/96 al trattamento dei dati personali contenuti nella presente istanza. I dati saranno utilizzati dal Consorzio TecnoPolo soltanto per gli scopi connessi al procedimento in corso e saranno oggetto di trattamento, svolto con o senza ausilio degli strumenti informatici, nel pieno rispetto della normativa sopra richiamata e degli obblighi di riservatezza ai quali è ispirata l'attività del Consorzio TecnoPolo di Castel Romano. Nel restare in attesa di un incontro, si allega la scheda di presentazione con i dati caratteristici dell azienda interessata al trasferimento tecnologico. data. Firma del legale rappresentante 9

10 Consorzio TecnoPolo di Castel Romano SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL AZIENDA INTERESSATA A CONOSCERE LE OPPORTUNITA DI TRASFERIMENTO TECNOLOGICO 1 - Dati relativi all'impresa interessata Ragione/Denominazione sociale completa:.. Sede legale: Via/Piazza n.... CAP.Comune Prov.... Tel..... Fax.. . Sito web aziendale: C.F. P.Iva... N.Rea. Attività esercitata.. Principali linee di prodotti/ servizi.... Numero dipendenti al 31/12/ Classe di Fatturato per l anno 2004: Fino a /anno Da a /anno Da a /anno Da a /anno Da a /anno Da a /anno Sintetica indicazione di progetti, temi o idee di Innovazione Tecnologica per i quali la scrivente è interessata ad un approfondimento, senza alcun impegno, con gli specialisti del TecnoPolo: 2 - Dati sede/unità locale interessata al trasferimento tecnologico (da compilarsi solo se diversa dalla sede legale) Via/ Piazza n...cap Comune..Prov. Tel.. Fax. 10

IL CENTRO SVILUPPO MATERIALI S.p.A.

IL CENTRO SVILUPPO MATERIALI S.p.A. IL CENTRO SVILUPPO MATERIALI S.p.A. MISSIONE Il CSM è una impresa privata, una organizzazione che fa ricerca industriale per le aziende, con l obiettivo di trasferire innovazione sostanziale e miglioramenti

Dettagli

LEGGE 46/82 ART. 14 (FONDO ROTATIVO PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA)

LEGGE 46/82 ART. 14 (FONDO ROTATIVO PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA) LEGGE 46/82 ART. 14 (FONDO ROTATIVO PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA) BANDO TEMATICO PER L INNOVAZIONE DI PRODOTTO NEI SETTORI DI ALTA E MEDIO/ALTA TECNOLOGIA DA PARTE DI PICCOLE IMPRESE O DI IMPRESE IN FASE

Dettagli

COMUNE DI SASSO MARCONI

COMUNE DI SASSO MARCONI COMUNE DI SASSO MARCONI PROVINCIA DI BOLOGNA Piazza dei Martiri, 6 40037 Sasso Marconi (BO) Tel. 051 843518/80/81 Fax 051 6750522 UNITA OPERATVA SVILUPPO ECONOMICO PERFORMANCE D IMPRESA PER SASSO MARCONI

Dettagli

ILO integrato dell Area dello Stretto

ILO integrato dell Area dello Stretto Ufficio Stampa Comunicato stampa ILO integrato dell Area dello Stretto il ponte tra ricerca e mercato nasce qui La sperimentazione ed attuazione di politiche per il trasferimento tecnologico è entrata

Dettagli

CETMA. Industrial design. Ingegneria dei materiali e delle strutture. Ingegneria informatica

CETMA. Industrial design. Ingegneria dei materiali e delle strutture. Ingegneria informatica CETMA Industrial design Ingegneria dei materiali e delle strutture Ingegneria informatica Il CETMA è un centro di ricerca applicata ed ingegneria industriale avanzata. Nato nel 1994 da un progetto di ricerca

Dettagli

Protocollo di Intesa REGIONE LAZIO. ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, l ENERGIA e L AMBIENTE

Protocollo di Intesa REGIONE LAZIO. ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, l ENERGIA e L AMBIENTE Allegato n. 1 Protocollo di Intesa tra REGIONE LAZIO e ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, l ENERGIA e L AMBIENTE Roma, 2007 3 PROTOCOLLO DI INTESA tra la Regione Lazio (nel seguito denominata Regione) con sede

Dettagli

Ricerca, innovazione tecnologica, crescita imprenditoriale e competitività. Davide Carta Saras Ricerche e Tecnologie SpA

Ricerca, innovazione tecnologica, crescita imprenditoriale e competitività. Davide Carta Saras Ricerche e Tecnologie SpA 1 Ricerca, innovazione tecnologica, crescita imprenditoriale e competitività Davide Carta Saras Ricerche e Tecnologie SpA 2 Saras Ricerche e Tecnologie è una Società per azioni interamente controllata

Dettagli

SEZIONE A CREAZIONE di START UP INNOVATIVE

SEZIONE A CREAZIONE di START UP INNOVATIVE POR FESR 2014 2020 DEL VENETO OBIETTIVO INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA E DELL OCCUPAZIONE Bando per l erogazione di contributi alle start-up innovative Finalità Con il presente bando, la Regione

Dettagli

TECNOLOGIA AL SERVIZIO DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA AL SERVIZIO DELL INNOVAZIONE PARTNER PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA www.adgenera.com I NOSTRI VALORI PER L ECCELLENZA Competenza Affidabilità Sostenibilità Orientamento al Cliente Focus sul risultato Lealtà Riservatezza 2 TECNOLOGIA

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA REGIONE LAZIO PER LA REALIZZAZIONE NELL AREA REGIONALE

PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA REGIONE LAZIO PER LA REALIZZAZIONE NELL AREA REGIONALE Regione Lazio Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Scientifica PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E REGIONE LAZIO PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

FESR PUGLIA ASSE I - Promozione, valorizzazione e diffusione della ricerca e dell innovazione per la competitività

FESR PUGLIA ASSE I - Promozione, valorizzazione e diffusione della ricerca e dell innovazione per la competitività Newsletter n.69 Novembre 2009 Approfondimento_7 FESR PUGLIA 2007-2013 ASSE I - Promozione, valorizzazione e diffusione della ricerca e dell innovazione per la competitività Linee di intervento, azioni

Dettagli

PO FESR OT1 RICERCA, SVILUPPO TECNOLOGICO E INNOVAZIONE

PO FESR OT1 RICERCA, SVILUPPO TECNOLOGICO E INNOVAZIONE PO FESR 2014-2020 OT1 RICERCA, SVILUPPO TECNOLOGICO E INNOVAZIONE Università degli Studi di Catania e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Dipartimento di Fisica Nucleare e la Sezione di Catania dell

Dettagli

POR FESR EMILIA-ROMAGNA ASSE 1 ATTIVITA I.1.1 TECNOPOLI

POR FESR EMILIA-ROMAGNA ASSE 1 ATTIVITA I.1.1 TECNOPOLI POR FESR 2007-2013 EMILIA-ROMAGNA ASSE 1 ATTIVITA I.1.1 TECNOPOLI ASTER La nuova rete regionale di alta tecnologia: le piattaforme tecnologiche Gli obiettivi - Realizzare sul territorio regionale un insieme

Dettagli

Difendere e Promuovere i Prodotti dell Apicoltura

Difendere e Promuovere i Prodotti dell Apicoltura Difendere e Promuovere i Prodotti dell Apicoltura 26 novembre 2017 Presso CREA LA COOPERAZIONE NEL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 LA MISURA 16 RELATORE: Marco Alimonti - Agronomo LA COOPERAZIONE

Dettagli

Quali finalità? Proplast. organizzato in forma consortile, rappresentativo della filiera produttiva del settore delle materie plastiche

Quali finalità? Proplast. organizzato in forma consortile, rappresentativo della filiera produttiva del settore delle materie plastiche Quali finalità? Proplast è un centro di ricerca privato, organizzato in forma consortile, rappresentativo della filiera produttiva del settore delle materie plastiche 1998 2008 Quali attività? Progetti

Dettagli

Il Centro di Alta Formazione del DTC

Il Centro di Alta Formazione del DTC Il Centro di Alta Formazione del DTC Giovanni Fiorentino Università degli studi della Tuscia Marilena Maniaci Università degli studi di Cassino e del Lazio meridionale La rete A partire dal 2014 2015 cinque

Dettagli

Sezione Alimentari. Programma di Attività MICAELA PALLINI. 19 maggio 2011

Sezione Alimentari. Programma di Attività MICAELA PALLINI. 19 maggio 2011 Sezione Alimentari Programma di Attività 2011-2015 MICAELA PALLINI 19 maggio 2011 Sezione Alimentari UNINDUSTRIA Linee Programmatiche Networking & Sviluppo associativo Internazionalizzazione Formazione

Dettagli

Il contesto PROGETTO AALBORG 10 PRESUD CARTA DELLA TERRA

Il contesto PROGETTO AALBORG 10 PRESUD CARTA DELLA TERRA Venezia, 14.11.2014 L Accordo Comune di Venezia-MATTM per lo sviluppo di interventi di efficienza energetica e l utilizzo di fonti di energia rinnovabile: un opportunità di sviluppo per Venezia Il contesto

Dettagli

Progetto Pavia2020 LE ECO-FILIERE IN PROVINCIA DI PAVIA (sintesi)

Progetto Pavia2020 LE ECO-FILIERE IN PROVINCIA DI PAVIA (sintesi) Progetto Pavia2020 LE ECO-FILIERE IN PROVINCIA DI PAVIA (sintesi) PAVIA2020 PAVIA2020 LA FILIERA LE ECO-FILIERE DELLA SALUTE 1 Le Eco-filiere: definizione Filiere produttive la cui attività si concentra

Dettagli

I fondi europei per le imprese e la Strategia Regionale di Smart Specialisation. ASTER all rights reserved

I fondi europei per le imprese e la Strategia Regionale di Smart Specialisation. ASTER all rights reserved I fondi europei per le imprese 2014-2020 e la Strategia Regionale di Smart Specialisation ASTER all rights reserved C è una difficoltà europea sull innovazione L esempio delle Nanotecnologie Fonte: elaborazione

Dettagli

Opportunità di sviluppo progetti e finanziamento per le aziende del FVG. Martina Terconi AREA Science Park

Opportunità di sviluppo progetti e finanziamento per le aziende del FVG. Martina Terconi AREA Science Park Opportunità di sviluppo progetti e finanziamento per le aziende del FVG Martina Terconi AREA Science Park IL PROGETTO Open InnovationSystem FVG. I 4 parchi scientifici e tecnologici del Friuli Venezia

Dettagli

MESAP: programma di sviluppo nell area tematica «Smart Production and Manufacturing»

MESAP: programma di sviluppo nell area tematica «Smart Production and Manufacturing» MEccatronica e Sistemi Avanzati di Produzione MESAP: programma di sviluppo nell area tematica «Smart Production and Manufacturing» Cuneo, 19 gennaio 2016 1 Smart Production and Manufacturing: Fabbrica

Dettagli

Antonio Gammarota CTO Directorate

Antonio Gammarota CTO Directorate Antonio Gammarota CTO Directorate Giornata Regionale dell Aerospazio 2 Dicembre 2011 Area della Ricerca CNR Pisa, Italy TAS Space Industry 7,200 Dipendenti 11 Siti Industriali in Europa N1 Europeo per

Dettagli

Bando per il sostegno a progetti di ricerca che prevedono l impiego di ricercatori

Bando per il sostegno a progetti di ricerca che prevedono l impiego di ricercatori AL VIA IL POR FESR 2014-2020: VIENI A CONOSCERLO! Assessorato allo Sviluppo Economico ed Energia Bando per il sostegno a progetti di ricerca che prevedono l impiego di ricercatori - Monselice, 20 ottobre

Dettagli

NUOVA IMPRESA DA RICERCA DELL UNIVERSITÀ DI FERRARA

NUOVA IMPRESA DA RICERCA DELL UNIVERSITÀ DI FERRARA NUOVA IMPRESA DA RICERCA DELL UNIVERSITÀ DI FERRARA Mauro Giannattasio Segretario Generale della Camera di Commercio di Ferrara Per le imprese La gestione dell innovazione richiama per le imprese almeno

Dettagli

Bando a favore di start up innovative e spin-off della ricerca

Bando a favore di start up innovative e spin-off della ricerca I progetti devono prevedere lo sviluppo di attività imprenditoriali negli ambiti Bando a favore di start up innovative e spin-off della ricerca SEZIONE A: Soggetti beneficiari Possono presentare domanda

Dettagli

AVVISO DALLA RICERCA ALL IMPRESA

AVVISO DALLA RICERCA ALL IMPRESA P.O.N. RICERCA SCIENTIFICA, SVILUPPO TECNOLOGICO ED ALTA FORMAZIONE 2000-2006 - Regioni dell Obiettivo 1 azione c) Liaison Office misura II.1 Rafforzamento del sistema scientifico meridionale e misura

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA TRA

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA TRA SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE LAZIO, con sede e domicilio legale in Roma, viale Cristoforo Colombo.., C.F.., rappresentata dal Presidente della Regione.. Nato a il E L AGENZIA SPAZIALE EUROPEA

Dettagli

Il CONAI: dal riciclo alla circular economy

Il CONAI: dal riciclo alla circular economy Il CONAI: dal riciclo alla circular economy Walter Facciotto Direttore Generale CONAI Green Public Procurement A che punto siamo? Milano, 3 aprile 2017 Il Sistema CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. ), di seguito denominata Regione, con sede in., nella persona del. suo Presidente.., quale

PROTOCOLLO D INTESA. tra. ), di seguito denominata Regione, con sede in., nella persona del. suo Presidente.., quale Allegato alla deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 9/2017/2, del 14 febbraio 2017 PROTOCOLLO D INTESA tra Regione TOSCANA (C.F. e partita IVA n. ), di seguito denominata Regione, con sede

Dettagli

BANDO CULTURA CREA. Chi può richiedere le agevolazioni? Per quali iniziative? Quali sono le spese ammissibili?

BANDO CULTURA CREA. Chi può richiedere le agevolazioni? Per quali iniziative? Quali sono le spese ammissibili? BANDO CULTURA CREA Il bando ha ad oggetto i territori di Basilicata, Campania, Calabria, Sicilia e Puglia, e i requisiti di partecipazione variano a seconda della linea di intervento cui si intende partecipare:

Dettagli

declino delle forme di agricoltura tradizionale valorizzazione delle tipicità produttive e delle produzioni biologicamente controllate

declino delle forme di agricoltura tradizionale valorizzazione delle tipicità produttive e delle produzioni biologicamente controllate Il concetto di sviluppo rurale declino delle forme di agricoltura tradizionale valorizzazione delle tipicità produttive e delle produzioni biologicamente controllate necessità/opportunità di integrare

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico ALLEGATO N. 1 Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per gli incentivi alle imprese PROPOSTA PROGETTUALE DM 24 MAGGIO 2017 Accordi per l innovazione MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE

Dettagli

DOMANDA DI CONTRIBUTO. La sottoscritta nata a il residente in via n cap. città prov. C.F Tel. fisso n. Tel. cellulare n. fax n.

DOMANDA DI CONTRIBUTO. La sottoscritta nata a il residente in via n cap. città prov. C.F Tel. fisso n. Tel. cellulare n. fax n. AVVISO PER SOSTEGNO ALLE IMPRESE FEMMINILI START UP DONNE 2016 ALL. A) DOMANDA DI CONTRIBUTO AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI MONTEMURLO VIA MONTALESE 472 59013 MONTEMURLO La sottoscritta nata a il residente

Dettagli

I marchi e i modelli come capitale economico dell'impresa

I marchi e i modelli come capitale economico dell'impresa Camera di Commercio di Como Presso il Parco Scientifico Tecnologico ComoNExT Via Cavour, 2-22074 Lomazzo (Co) 8 Settembre 2011 SEMINARIO I marchi e i modelli come capitale economico dell'impresa Iniziativa

Dettagli

Corso di formazione per la Progettazione Europea

Corso di formazione per la Progettazione Europea C Corso di formazione per la Progettazione Europea Promosso dalla Società Energia-Da operante all interno del Programma Intelligent Energy Europe (IEE) ommissione Europea Introduzione al Programma Intelligent

Dettagli

Insieme per la tua crescita. Progetti Integrati di Filiera (PIF)

Insieme per la tua crescita. Progetti Integrati di Filiera (PIF) Insieme per la tua crescita Progetti Integrati di Filiera (PIF) Incontra buyer stranieri 2 Vinci ituoi competitor 3 Avvia nuove partnership 4 Migliora la tua offerta 5 Entra nel network internazionale

Dettagli

Il Portale del Tecnopolo di Ferrara: presentazione dei servizi. Adele Del Bello Ripartizione Ricerca UniFe

Il Portale del Tecnopolo di Ferrara: presentazione dei servizi. Adele Del Bello Ripartizione Ricerca UniFe Il Portale del Tecnopolo di Ferrara: presentazione dei servizi Adele Del Bello Ripartizione Ricerca UniFe 1 Indice 1. Portale dei Servizi della Rete Alta Tecnologia ER 2. Laboratori Tecnopolo Ferrara 2

Dettagli

ALL.TO 5b POR FESR bando 644/2016

ALL.TO 5b POR FESR bando 644/2016 ALL.TO 5b POR FESR 2014-2020 bando 644/2016 Modello di domanda: Istanza di aiuto e dati sintetici richiedente e progetto 1. richiedente (sede legale) Denominazione Forma giuridica Codice fiscale/identificativo

Dettagli

Agevolazioni per investimenti Industria 4.0. Agevolazioni nazionali

Agevolazioni per investimenti Industria 4.0. Agevolazioni nazionali Agevolazioni per investimenti Industria 4.0 Agevolazioni nazionali Incentivi per l acquisto/leasing di beni strumentali Nuova Legge Sabatini" (Art. 2 comma 2 D.L. n. 69/2013) Credito d imposta per spese

Dettagli

Misura 3. Azioni per il trasferimento di conoscenze e competenze tecnologiche

Misura 3. Azioni per il trasferimento di conoscenze e competenze tecnologiche Schema del PRRIITT Misura 1. Azioni per lo sviluppo del sistema produttivo regionale verso la ricerca industriale e strategica Azione A Progetti di ricerca industriale e sviluppo precompetitivo Azione

Dettagli

FOCUS AREA 4C PIANO DEL GRUPPO OPERATIVO

FOCUS AREA 4C PIANO DEL GRUPPO OPERATIVO Allegato parte integrante - 3 FOCUS AREA 4C PIANO DEL GRUPPO OPERATIVO TITOLO PIANO: Presentato da GRUPPO OPERATIVO: Dati identificativi Sede P.IVA e C.F. - N. iscrizione anagrafe - LEGALE RAPPRESENTANTE:

Dettagli

ITS FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE. Nuovi saperi per l Agroalimentare. CORSO

ITS FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE. Nuovi saperi per l Agroalimentare. CORSO ITS CORSO 2011-2013 TECNICO RESPONSABILE DELLE PRODUZIONI E DELLE TRASFORMAZIONI AGRARIE, AGRO-ALIMENTARI E AGRO-INDUSTRIALI www.itsparma.it TECNICI DI ALTO PROFILO PER IL SETTORE AGROALIMENTARE. il nuovo

Dettagli

Le opportunità di collaborazione con ENEA per le aziende di Assolombarda

Le opportunità di collaborazione con ENEA per le aziende di Assolombarda LE CAPACITA TECNOLOGICHE DI ENEA A DISPOSIZIONE DELLE IMPRESE NEL SETTORE ENERGIE RINNOVABILI E EFFICIENZA ENERGETICA Le opportunità di collaborazione con ENEA per le aziende di Assolombarda MARCO CASAGNI

Dettagli

L azienda..., nella persona del suo legale rappresentante Sig./ra... con sede in.. (...) tel... PEC...

L azienda..., nella persona del suo legale rappresentante Sig./ra... con sede in.. (...) tel... PEC... Al sig. SINDACO Servizio Sviluppo Economico- Mobilità-Finanziamenti Speciali Comune di Città di Castello P.zza Gabriotti, 1 06012 Città di Castello (PG) OGGETTO: CONTRIBUTI DESTINATI AL PROGRAMMA PER LO

Dettagli

Ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico: Punti di forza e di debolezza del sistema agro alimentare

Ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico: Punti di forza e di debolezza del sistema agro alimentare Ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico: Punti di forza e di debolezza del sistema agro alimentare 1 10% 2% 0% > 9 >19 >49 >499 >999 88% >3 < 9 87,3% 2 17 11 1 6 Biologico Denominazioni protette

Dettagli

Area Ingegneristica Università degli Studi Niccolò Cusano

Area Ingegneristica Università degli Studi Niccolò Cusano Area Ingegneristica Università degli Studi Niccolò Cusano Offerta formativa DUE LAUREE TRIENNALI Ingegneria Civile Ingegneria Industriale 5 curricula: Agroindustriale Biomedica Elettronica Gestionale Meccanica

Dettagli

FINANZIAMENTI E CONTRIBUTI - LE OPPORTUNITA PER LE IMPRESE AGGIORNAMENTO AL 07 GIUGNO 2017

FINANZIAMENTI E CONTRIBUTI - LE OPPORTUNITA PER LE IMPRESE AGGIORNAMENTO AL 07 GIUGNO 2017 FINANZIAMENTI E CONTRIBUTI - LE OPPORTUNITA PER LE IMPRESE AGGIORNAMENTO AL 07 GIUGNO 2017 ATTENZIONE! Le agevolazioni (tranne alcune eccezioni) sono da richiedere ad investimento ancora da iniziare INVESTIMENTI

Dettagli

POR MARCHE FESR

POR MARCHE FESR REGIONE MARCHE ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Industria Artigianato Energia P.F. Innovazione e ricerca POR MARCHE FESR 2007-2013 2013 SUPPORTO AL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ATTRAVERSO LA PROMOZIONE

Dettagli

Ripartizione indicativa per categoria di spesa (importi in euro)

Ripartizione indicativa per categoria di spesa (importi in euro) Allegato 4 nota prot. n. 4642 del 2 marzo 2007 Ripartizione indicativa per categoria di spesa (importi in euro) Temi prioritari 01 Attività di R&ST nei centri di ricerca 0,25% 8.174.506 02 Infrastrutture

Dettagli

ACCONCIATORI D.I.A. PER AVVIO ATTIVITA TRASFERIMENTO E VARIAZIONI

ACCONCIATORI D.I.A. PER AVVIO ATTIVITA TRASFERIMENTO E VARIAZIONI ACCONCIATORI D.I.A. PER AVVIO ATTIVITA TRASFERIMENTO E VARIAZIONI Al Comune di Volterra Ufficio Attività Produttive Il sottoscritto cognome nome data di nascita / / luogo di nascita (prov. ) cittadinanza

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Sezione A Domanda di partecipazione alla Call for Startup e dichiarazione sostitutiva di atto notorio DATI PERSONALI DEL REFERENTE Cognome Nome. nato/a a il./ / tel. e-mail DATI

Dettagli

TECNOLOGIE PER LA QUALITA

TECNOLOGIE PER LA QUALITA TECNOLOGIE PER LA QUALITA R. Balducchi BIOTEC-AGRO IL CONCETTO DI QUALITA ALIMENTARE QUALITA NUTRIZIONALE SENSORIALE IGIENICA SALUTISTICA ASPETTI DELLA QUALITA ALIMENTARE SALUBRITA GUSTO FRESCHEZZA TIPICITA

Dettagli

SME instrument: obiettivi e temi

SME instrument: obiettivi e temi SME instrument: obiettivi e temi Obiettivo progetti Miglioramento performance, competitività PMI TT da ricerca a soluzioni innovative, dirompenti e competitive per business europei e mondiali Diffusione

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di Ostuni

Al Sig. Sindaco del Comune di Ostuni protocollo generale del comune (in carta libera) Al Sig. Sindaco del Comune di Ostuni SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LABORATORIO DI PANIFICAZIONE (ai sensi dell'art. 19 della legge 7 agosto

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. 15, LUNGOMARE VITT. EM. III, 74123, Taranto, Italia.

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. 15, LUNGOMARE VITT. EM. III, 74123, Taranto, Italia. F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MIRELLI ING. MICHELE Indirizzo 15, LUNGOMARE VITT. EM. III, 74123, Taranto, Italia Telefono 099 4525113 Fax 099 4525113 E-mail Nazionalità

Dettagli

Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio

Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016 DEFINIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 analisi territoriale e analisi SWOT esperienze delle precedenti programmazioni coinvolgimento degli stakeholder Strategia:

Dettagli

Procurement Pubblico: opportunità di sviluppo delle PMI Paolo Moretti

Procurement Pubblico: opportunità di sviluppo delle PMI Paolo Moretti Paolo Moretti OBIETTIVO Individuare gli elementi di sinergia fra la domanda pubblica di beni e servizi e le strategie di sviluppo delle PMI ARGOMENTI Tipologie di strategie di PMI Innovazione e PMI Innovazione

Dettagli

Un Polo a servizio del mondo delle imprese e della ricerca: il nuovo programma del MESAP

Un Polo a servizio del mondo delle imprese e della ricerca: il nuovo programma del MESAP Un Polo a servizio del mondo delle imprese e della ricerca: il nuovo programma del MESAP 6 ottobre 2016 Open day della ricerca MESAP - Polo di Innovazione Smart Products and Manufacturing Mesap oggi sul

Dettagli

FOCUS AREA 4A PIANO DEL GRUPPO OPERATIVO

FOCUS AREA 4A PIANO DEL GRUPPO OPERATIVO FOCUS AREA 4A PIANO DEL GRUPPO OPERATIVO INFORMAZIONI GENERALI TITOLO PIANO: ACRONIMO: Presentato da GRUPPO OPERATIVO: NOME DEL SOGGETTO APPOSITAMENTE COSTITUITO OVVERO ATI/ATS + acronimo Settore di intervento

Dettagli

Realizzazione di un Centro Nazionale per la Ricerca Industriale sul BIOMETANO. Giuseppe Veneri

Realizzazione di un Centro Nazionale per la Ricerca Industriale sul BIOMETANO. Giuseppe Veneri Il DISTRETTO DEL METANO E DELL EFFICIENZA ENERGETICA Realizzazione di un Centro Nazionale per la Ricerca Industriale sul BIOMETANO ( Metano e green economy) Giuseppe Veneri Le origini del progetto Le potenzialità

Dettagli

Agro-InDustrial Parks

Agro-InDustrial Parks Progetto inserito nel: Catalogo regionale per la partecipazione ai Progetti Strutturati di Promozione dell'export (PROSPEX) POR FESR Lazio 2014-2020 POR FESR Lazio 2014-2020 Determinazione 4 settembre

Dettagli

ALLEGATO A DICHIARA QUANTO SEGUE

ALLEGATO A DICHIARA QUANTO SEGUE Marca da bollo 14,62 ALLEGATO A Domanda di iscrizione all elenco dei soggetti per il conferimento di incarichi di servizi attinenti l architettura e l ingegneria, anche integrata, ed altri servizi tecnici

Dettagli

FAC SIMILE DOMANDA DI ISCRIZIONE ALBO PROFESSIONISTI. da inviare via PEC all indirizzo:

FAC SIMILE DOMANDA DI ISCRIZIONE ALBO PROFESSIONISTI. da inviare via PEC all indirizzo: FAC SIMILE DOMANDA DI ISCRIZIONE ALBO PROFESSIONISTI da inviare via PEC all indirizzo: comunebra@postecert.it Al Comune di Bra OGGETTO: Richiesta di iscrizione nell elenco di operatori economici, di cui

Dettagli

Richiesta di riconoscimento di Impresa operante nel settore dell artigianato artistico e tradizionale

Richiesta di riconoscimento di Impresa operante nel settore dell artigianato artistico e tradizionale Spett. le Ufficio Albo Artigiani di Latina Richiesta di riconoscimento di Impresa operante nel settore dell artigianato artistico e tradizionale SETTORE XI CARTA, ATTIVITA AFFINI E LAVORAZIONI VARIE (

Dettagli

POR FESR 2014/2020 Asse 3 - Competitività ed attrattività del sistema produttivo- AZIONE 3.5.2

POR FESR 2014/2020 Asse 3 - Competitività ed attrattività del sistema produttivo- AZIONE 3.5.2 POR FESR 2014/2020 Asse 3 - Competitività ed attrattività del sistema produttivo- AZIONE 3.5.2 BANDO SOSTEGNO DI PROGETTI RIVOLTI ALL INNOVAZIONE, LA DIGITALIZZAZIONE E L INFORMAZIONE DELLE ATTIVITA PROFESSIONALI

Dettagli

Il marchio e la corporate image

Il marchio e la corporate image Il marchio e la corporate image Communication and graphic design department Giuditta Albesiano lo sviluppo grafico valori comunicativi riferimenti evoluzione segno sviluppo valori connessione crescita

Dettagli

C U R R I C U L UM V I T AE

C U R R I C U L UM V I T AE C U R R I C U L UM V I T AE Dati personali: Michele Occhinegro nato a Taranto il 28/06/71, C.F. CCHMHL71H28L049B, residente in Taranto alla Via Lago di Viverone 1/7. Percorso formativo Diploma di ragioniere

Dettagli

BANDO FINANZA & E-COMMERCE Nuove azioni per sviluppare l orientamento delle MPMI lombarde verso i mercato esteri MODULO DI DOMANDA

BANDO FINANZA & E-COMMERCE Nuove azioni per sviluppare l orientamento delle MPMI lombarde verso i mercato esteri MODULO DI DOMANDA ACCORDO PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO BANDO FINANZA & E-COMMERCE Nuove azioni per sviluppare l orientamento delle MPMI lombarde verso i mercato esteri Il/La sottoscritto/a: Cognome:

Dettagli

La Camera di commercio per l impresa digitale Dal PID ai Voucher. Torino 14 Dicembre 2017

La Camera di commercio per l impresa digitale Dal PID ai Voucher. Torino 14 Dicembre 2017 La Camera di commercio per l impresa digitale Dal PID ai Voucher Torino 14 Dicembre 2017 1 www.to.camcom.it/pid 2 Grado di specializzazione CC DIH EDI Competence Center: centri di alta specializzazione

Dettagli

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di CUNEO

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di CUNEO Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di CUNEO Registro Imprese - VISURA DI EVASIONE FONDAZIONE PER LA RICERCA L'INNOVAZIONE E LO SVILUPPO TECNOLOGICO DELL'AGRICOLTURA DATI ANAGRAFICI

Dettagli

Fonti rinnovabili: tecnologie e incentivi

Fonti rinnovabili: tecnologie e incentivi Fonti rinnovabili: tecnologie e incentivi 28 febbraio 2011 Olivetta Federici Piano straordinario per l occupazione : Misura II.8 Piu green Incentivazione alla razionalizzazione dei consumi energetici ed

Dettagli

Verona, 20 ottobre 2006

Verona, 20 ottobre 2006 APLICAZIONI DI PROJECT MANAGEMENT IN BIBLIOTECA Verona, 20 ottobre 2006 Giovanni Di Domenico Università degli studi di Urbino Carlo Bo. LA FUNZIONE PRIMARIA DELLE BIBLIOTECHE Organizzare e integrare risorse,

Dettagli

Agenzia investimenti FVG per le imprese - Rodolfo Martina-

Agenzia investimenti FVG per le imprese - Rodolfo Martina- Direzione centrale attività produttive, turismo e cooperazione Competitività e occupazione: leve di sviluppo in FVG Strumenti regionali a sostegno delle imprese Agenzia investimenti FVG per le imprese

Dettagli

PSR MOLISE 2014/2020 VERSO IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE MISURA 16 COOPERAZIONE

PSR MOLISE 2014/2020 VERSO IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE MISURA 16 COOPERAZIONE PSR MOLISE 2014/2020 VERSO IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE MISURA 16 COOPERAZIONE 2 CICLO DI INCONTRI 6 7 LUGLIO 2016 1 Sub misura 16.1 sostegno per la costituzione e la gestione dei gruppi operativi del PEI

Dettagli

BIOMEDICALE: INNOVAZIONE E SVILUPPO RISULTATI DELLO STUDIO DI FATTIBILITA PER LA CREAZIONE DI UN CENTRO DI COMPETENZE PER IL BIOMEDICALE MIRANDOLESE

BIOMEDICALE: INNOVAZIONE E SVILUPPO RISULTATI DELLO STUDIO DI FATTIBILITA PER LA CREAZIONE DI UN CENTRO DI COMPETENZE PER IL BIOMEDICALE MIRANDOLESE BIOMEDICALE: INNOVAZIONE E SVILUPPO RISULTATI DELLO STUDIO DI FATTIBILITA PER LA CREAZIONE DI UN CENTRO DI COMPETENZE PER IL BIOMEDICALE MIRANDOLESE Mirandola, 5 dicembre 2011 Creazione di un centro di

Dettagli

RETTIFICA AL BANDO IL PRESENTE BANDO VA LETTO COME SEGUE:

RETTIFICA AL BANDO IL PRESENTE BANDO VA LETTO COME SEGUE: RETTIFICA AL BANDO IL PRESENTE BANDO VA LETTO COME SEGUE: UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO Scuola di Giurisprudenza Bando Corso di Formazione METODI E TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI PROGETTI

Dettagli

I finanziamenti europei come strumento strategico di sviluppo: fondamenti di europrogettazione.

I finanziamenti europei come strumento strategico di sviluppo: fondamenti di europrogettazione. I finanziamenti europei come strumento strategico di sviluppo: fondamenti di europrogettazione. 0SIMO Palazzo Campana 5-6/11/2010 Obiettivo: mettere in condizione l azienda/ente di dialogare con Bruxelles

Dettagli

Domanda di contributo per l ottimizzazione dell efficienza energetica di un sistema di teleriscaldamento

Domanda di contributo per l ottimizzazione dell efficienza energetica di un sistema di teleriscaldamento Domanda di contributo per l ottimizzazione dell efficienza energetica di un sistema di teleriscaldamento ai sensi della legge provinciale del 7 luglio 2010, n. 9 Termine di presentazione: entro il 30 giugno

Dettagli

POR SARDEGNA Misura Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio UNIONE EUROPEA

POR SARDEGNA Misura Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio UNIONE EUROPEA POR SARDEGNA 2000-2006 Misura 3.13 - Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio UNIONE EUROPEA Creazione Imprese Innovative OBIETTIVI L Azione Creazione Imprese Innovative mira a creare

Dettagli

Allegato A Progetto Esecutivo approvato

Allegato A Progetto Esecutivo approvato Allegato A Progetto Esecutivo approvato Titolo OR ATT Titolo dell'attività OR 1 - CERCA 1.1 1.2 1.3 Stato dell'arte e ultime tecnologie laser per macchine Compute To Plate per stampa Flexo e UV. Analisi

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI ASSOCIATI

ASSEMBLEA DEGLI ASSOCIATI ASSEMBLEA DEGLI ASSOCIATI FORUM TEMATICO Ricerca, Trasferimento Tecnologico, Innovazione Taranto, 25 Luglio 2008 1 LE NOSTRE PROPOSTE 1. FONDAZIONE PER LA R&S 2. PROGETTO TARANTO WIRELESS 2 LE NOSTRE PROPOSTE

Dettagli

imemont srl impianti elettrici di produzione, distribuzione e trasformazione impianti elettrici industriali di potenza e automazione

imemont srl impianti elettrici di produzione, distribuzione e trasformazione impianti elettrici industriali di potenza e automazione imemont srl impianti elettrici di produzione, distribuzione e trasformazione impianti elettrici industriali di potenza e automazione profilo imemont 00.50 Ed. 12.2004 il gruppo Le industrie meccaniche

Dettagli

ISTANZA DI RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI ATTIVITA STORICA DELLA CITTA DI PESCARA AI FINI DELL ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE

ISTANZA DI RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI ATTIVITA STORICA DELLA CITTA DI PESCARA AI FINI DELL ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE ALLEGATO B ISTANZA DI RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI ATTIVITA STORICA DELLA CITTA DI PESCARA AI FINI DELL ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE Il/La sottoscritto/a (cognome) (nome) nato/a il a C.F. cittadino

Dettagli

Sommario. Istituto Tecnico Industriale E. Ferrari (pre-riforma)

Sommario. Istituto Tecnico Industriale E. Ferrari (pre-riforma) Sommario Istituto Tecnico SETTORE TECNOLOGICO Enzo Ferrari Corso comune (2 anni) Indirizzo CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE (3 anni) Indirizzo MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA (3 anni) Istituto Tecnico

Dettagli

POR CALABRIA FESR FSE CRITERI DI SELEZIONE DELLE OPERAZIONI. Asse I Promozione della ricerca e dell innovazione

POR CALABRIA FESR FSE CRITERI DI SELEZIONE DELLE OPERAZIONI. Asse I Promozione della ricerca e dell innovazione Allegato 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA POR CALABRIA FESR FSE2014-2020 CRITERI DI SELEZIONE DELLE OPERAZIONI Asse I Promozione della ricerca e dell innovazione Priorità d'investimento

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO DI ATTIVITA di ACCONCIATORE ESTETISTA ( Legge 2 aprile 2007, n 40 art.10 c.2 - L. n. 241/1990, art. 19 )

DICHIARAZIONE DI INIZIO DI ATTIVITA di ACCONCIATORE ESTETISTA ( Legge 2 aprile 2007, n 40 art.10 c.2 - L. n. 241/1990, art. 19 ) Al Signor Sindaco del Comune di Pesaro Servizio Attività Economiche 61121 Pesaro DICHIARAZIONE DI INIZIO DI ATTIVITA di ACCONCIATORE ESTETISTA ( Legge 2 aprile 2007, n 40 art.10 c.2 - L. n. 241/1990, art.

Dettagli

REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE, SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO AVVISO PUBBLICO

REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE, SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO AVVISO PUBBLICO REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE, SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO AVVISO PUBBLICO Per la presentazione delle domande di ammissione alle prove selettive per

Dettagli

8 marzo giornata internazionale della donna. Capace di qualsiasi impresa

8 marzo giornata internazionale della donna. Capace di qualsiasi impresa 8 marzo giornata internazionale della donna Capace di qualsiasi impresa Una buona Regione per le pari opportunità In Italia l imprenditoria femminile conta 1.302.054 imprese e rappresenta il 21,5% dell

Dettagli

Il Polo di Innovazione AGRIFOOD. Incontro Confindustria Poli di Innovazione, Gennaio 2016

Il Polo di Innovazione AGRIFOOD. Incontro Confindustria Poli di Innovazione, Gennaio 2016 Il Polo di Innovazione AGRIFOOD Incontro Confindustria Poli di Innovazione, Gennaio 2016 Polo di Innovazione Agroalimentare 2009-2015 Dal 2009 è attivo il Polo di Innovazione Agroalimentare della Regione

Dettagli

Intellettuale e Contributi Pubblici

Intellettuale e Contributi Pubblici Convegno Proprietà Intellettuale e Contributi Pubblici Torino, 26 settembre 2014 Environment Park Il Polo di Innovazione è un iniziativa confinanziata con risorse FESR P.O.R. Piemonte FESR 2007-2013 IL

Dettagli

Il/la sottoscritto/a..., cittadino..., nato/a il... a... (prov...), residente e/o domiciliato in... via n... CAP..., n. tel... e mail C.F.

Il/la sottoscritto/a..., cittadino..., nato/a il... a... (prov...), residente e/o domiciliato in... via n... CAP..., n. tel... e mail C.F. Marca da bollo 16,00 Oggetto: Legge regionale 04 novembre 2002, n. 33, art. 78 e succ. integrazioni. Richiesta iscrizione Albo Provinciale dei Direttori tecnici di agenzia di viaggio e turismo. Alla Provincia

Dettagli

01. Quali sono le spese ammissibili per le attività di R&S? 02. Quante risorse sono a disposizione?

01. Quali sono le spese ammissibili per le attività di R&S? 02. Quante risorse sono a disposizione? BONUSRICERCA BONUSRICERCA Guida al credito di imposta R&S 01. Quali sono le spese ammissibili per le attività di R&S? 02. Quante risorse sono a disposizione? 03. La nostra metodologia per la corretta determinazione

Dettagli

Gioia Tauro 5 luglio Giornata Conclusiva e Presentazione dei Risultati

Gioia Tauro 5 luglio Giornata Conclusiva e Presentazione dei Risultati Gioia Tauro 5 luglio 2007 Trasferimento di conoscenze e protocolli operativi finalizzati al controllo delle emissioni in atmosfera, al monitoraggio di qualità dell aria e alla modellistica di diffusione

Dettagli

10 meeting nazionale ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza

10 meeting nazionale ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza 10 meeting nazionale ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza Professionisti oltre la crisi: istituzioni, imprese e consulenza a confronto Morena Diazzi Direttore Generale Attività Produttive Regione

Dettagli

Università degli studi di Roma La Sapienza

Università degli studi di Roma La Sapienza Su disposizione dei direttori di dipartimento interessati, nelle more della firma del Magnifico Rettore, per consentire un tempestivo avvio delle attività formative aggiuntive nei corsi di laurea magistrale

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TINTOLAVANDERIA Ai sensi art. 19 del D. Lgs. 59/2010 L.122/2010

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TINTOLAVANDERIA Ai sensi art. 19 del D. Lgs. 59/2010 L.122/2010 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TINTOLAVANDERIA Ai sensi art. 19 del D. Lgs. 59/2010 L.122/2010 AL COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE Il/la sottoscritto/a cognome

Dettagli

Allegato 1 Tabella di ripartizione del punteggio dei titoli valutabili a.s. 2016/2017

Allegato 1 Tabella di ripartizione del punteggio dei titoli valutabili a.s. 2016/2017 Allegato 1 Tabella di ripartizione del punteggio dei titoli valutabili a.s. 2016/2017 Diploma di Laurea Triennale attinente (valutabile in mancanza di laurea magistrale comprensiva dei 300 CFU =180+120.

Dettagli

SOSTEGNO ALLE ATTIVITÀ DI R&S PER LO SVILUPPO DI NUOVE TECNOLOGIE SOSTENIBILI, DI NUOVI PRODOTTI E SERVIZI

SOSTEGNO ALLE ATTIVITÀ DI R&S PER LO SVILUPPO DI NUOVE TECNOLOGIE SOSTENIBILI, DI NUOVI PRODOTTI E SERVIZI POR PUGLIA FESR FSE 2014-2020 ASSE PRIORITARIO I Ricerca, sviluppo tecnologico, innovazione Azione 1.6 Interventi per il rafforzamento del sistema innovativo regionale e nazionale e incremento della collaborazione

Dettagli

LA TUTELA DEI DISEGNI E MODELLI

LA TUTELA DEI DISEGNI E MODELLI MARCHI E DISEGNI COMUNITARI 3 a EDIZIONE 11 LUGLIO 2013 LA TUTELA DEI DISEGNI E MODELLI Iniziativa realizzata e finanziata nell ambito della collaborazione tra l Ufficio per l Armonizzazione nel Mercato

Dettagli