Via S. Donato 42/ Firenze. Largo Caduti del Lavoro, Bologna. Via N. Tommaseo, Padova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Via S. Donato 42/1 50127 Firenze. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 Bologna. Via N. Tommaseo, 67 35131 Padova"

Transcript

1 AREA COORDINAMENTO Via Torino, Roma Tel Fax Prot. N. ACIU (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 28 febbraio 2006 A Al Al Al AGEA - Uff. Monocratico - Area Controlli - Area Aut. Pagamenti SEDE A.R.T.E.A. Via S. Donato 42/ Firenze A.G.R.E.A. Largo Caduti del Lavoro, Bologna A.V.E.P.A Via N. Tommaseo, Padova Organismo Pagatore della Regione Lombardia Piazza IV novembre, Milano A.R.B.E.A. via della Chimica, snc Potenza Finpiemonte Via Bogino, Torino Centro Assistenza Agricola Coldiretti S.r.l. Via XXIV Maggio, ROMA C.A.A. Confagricoltura S.r.l. Corso Vittorio Emanuele II, ROMA C.A.A. CIA S.r.l. Lungotevere Michelangelo, ROMA

2 Al CAA Copagri S.r.l. Via Isonzo, ROMA. Al Coordinamento CAA c/o CAALPA Via L. Serra, Roma c/o CAA CANAPA Via Rovigo, Roma Oggetto: chiarimenti in ordine all applicazione della circolare AGEA prot. ACIU del 30 novembre Si fa riferimento alla circolare in oggetto per fornire, tenuto conto delle richieste pervenute alla scrivente Area, alcuni chiarimenti concernenti le fattispecie di cui all allegato alla presente (allegato 1). L allegato stesso, redatto in forma di quesiti e risposte, sarà disponibile sul sito dell AGEA (www. agea.gov.it) per pronta consultazione. Si invitano gli operatori del settore e tutti gli interessati a voler operare conformemente nell affrontare le casistiche afferenti ai rispettivi ambiti di competenza. IL DIRETTORE DELL AREA COORDINAMENTO F.to Giancarlo Nanni

3 ALLEGATO 1 1. Doppia firma e modulo di trasferimento La doppia firma sul modulo di trasferimento titoli previsti in ottemperanza all obbligo comunitario di prevedere che sia il cedente a segnalare il trasferimento, appare meccanismo da rendere omogeneo nei possibili percorsi applicativi. Riteniamo che a garanzia sia dell obbligo comunitario che di una operatività funzionale si possano prevedere i seguenti percorsi: - Modulo di trasferimento titoli con entrambe le firme autenticate con i rispettivi documenti di identità in copia. (con apposizione temporalmente congiunta all atto della stampa) - Modulo di trasferimento titoli con entrambe le firme autenticate con i rispettivi documenti di identità in copia. (con apposizione temporalmente disgiunta) - Volontà di trasferimento titoli chiaramente esplicitata da parte del cedente nell atto che supporta il trasferimento stesso (esempio compravendita e/o affitto), in questo caso non appare necessario acquisire nuovamente la volontà del cedente con la firma del modulo di trasferimento. Può essere corretta questa impostazione? Sì, con riferimento ai primi due casi; nel terzo caso, invece, mancherebbe da parte del cedente la manifestazione della volontà di registrare il trasferimento (e quindi di renderlo produttivo di effetti nei confronti dell AGEA). 2. Utilizzo e Trasferimenti dei titoli A partire dalla campagna 2006, è necessario chiarire quali sono le regole per i trasferimenti dei titoli e per il loro utilizzo. In particolare, il produttore dopo aver utilizzato i titoli nella domanda di premio unico del 15 maggio 2006 a chi può trasferirli ed in quali zone omogenee può utilizzarli? Es. un produttore che dispone di 20 titoli nel 2006, utilizza 10 titoli su 10 ettari di superficie ammissibile in Lombardia (Italia settentrionale pianura) ed i restanti 10 titoli associati a 10 ettari situati in Sicilia (Italia Meridionale collina). A chi potrà trasferire i titoli nell ambito del territorio nazionale? Dove potranno essere utilizzati nell ambito del territorio nazionale? L utilizzo ed il trasferimento sono vincolati alle zone omogenee e con quali modalità? In materia di trasferimento dei titoli occorre far riferimento al DM del 5 agosto 2004, art. 10, comma 4, che recita i trasferimenti dei titoli all aiuto possono avvenire solo all interno delle regioni omogenee così come individuate nell allegato A del DM n. D/118 del 24 marzo Alla luce di ciò, l utilizzo dei titoli è libero e non limitato alle sole zone omogenee. 3. Quali sono gli atti con cui è possibile trasferire titoli e/o terreni nel caso della successione anticipata? Nell ambito della documentazione prevista per la fattispecie 3.1 (Allegato 4 elenco documentazione giustificativa per fattispecie per la gestione del registro titoli) è necessario chiarire se nelle copie degli atti rientrano anche l affitto, il comodato ed altri titoli di conduzione così come già avvenuto per la ricognizione preventiva.

4 A) In sostanza, e in via più generale, si chiede di confermare esplicitamente che le casistiche riportate negli allegati alla circolare AGEA prot. n. ACIU : successione anticipata, cambiamento di forma giuridica, scissione e fusione, vanno individuate secondo le definizioni utilizzate per la ricognizione preventiva. B) Bisogna considerare peraltro che è prassi comune, nelle zone più marginali, nei casi di trasferimento di azienda da padre a figlio o comunque ad una persona successibile, solo delle fatture di vendita dei beni mobili, compilazione delle autocertificazioni giustificative e successiva chiusura della partita IVA della vecchia azienda. E' possibile, avendo solo questa documentazione, giustificare la fattispecie della successione anticipata? C) Infine, se la successione anticipata è relativa ad un trasferimento di soli titoli, è sufficiente l acquisizione di una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà da parte del dante causa che espliciti la volontà del passaggio definitivo dei titoli al soggetto che succede? A) Per quanto concerne la copia dell atto di cui all allegato 4, punto 3.1, della circolare ACIU del 30 novembre 2005, occorre far riferimento a quanto espressamente indicato nel D.M. del 5 agosto 2004, all art. 3, paragrafo 1: nella definizione di successione anticipata di cui all art. 33 del Reg. CE n. 1782/03 del Consiglio rientrano : a) il consolidamento dell usufrutto in capo al nudo proprietario b) tutti i casi in cui un agricoltore abbia ricevuto a qualsiasi titolo l azienda o parte dell azienda precedentemente gestita da altro agricoltore, al quale il primo può succedere per successione legittima. Ciò importa che la successione anticipata non è il titolo del trasferimento, ma una qualificazione specifica di un trasferimento, indipendentemente dal titolo di questo: in altri termini, sul piano logico vi è prima il trasferimento dell azienda tra due soggetti, che avverrà secondo le forme negoziali stabilite liberamente dagli interessati (con la tipologia di atto che avranno scelto), e poi la qualificazione di tale trasferimento come successione anticipata, tenuto conto del fatto che tra gli stessi interessati sussiste una relazione tale per cui l uno può succedere all altro per successione legittima. B) Per quanto concerne la prassi evidenziata, la mancata presenza di un atto di trasferimento (a qualsiasi titolo) dei terreni non consente di attuare un passaggio effettivo di azienda. Pertanto non è possibile giustificare la fattispecie della successione anticipata con i soli documenti indicati. C) La successione anticipata riferita al trasferimento di soli titoli è possibile solo a titolo definitivo, gratuito o oneroso. È in ogni caso richiesto un atto di trasferimento, che segue le forme di legge (nel caso di trasferimento a titolo gratuito, sarà necessario l atto pubblico). 4. Cosa s intende per nucleo familiare Nell ambito delle fattispecie 1.2 e 2.1 (vendita/affitto terra e titoli tra tre soggetti) di cui all allegato 4 (elenco documentazione giustificativa per fattispecie per la gestione del registro titoli) della circolare ACIU del 30 novembre 2005 si riporta che : Nel caso in cui i soggetti cedenti siano due (proprietario dei titoli e proprietario dei terreni): viene richiesta la dichiarazione sostitutiva delle parti coinvolte relativa alla relazione tra le parti stesse (è ammessa solo per membri dello stesso nucleo familiare e per soci di una società o di una cooperativa). Considerato che il nucleo familiare è composto anche da soggetti diversi, si propone che per nucleo familiare si debba intendere soggetti con legami di parentela fino al 4 grado, di affinità fino al 2 grado e di coniugio e non esclusivamente i membri risultanti nello stato di famiglia. A tal fine si propone quale documentazione giustificativa da presentare a supporto di tale casistiche una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà nella quale si attesta il legame di parentela, affinità o coniugio.

5 Le fattispecie sopra indicate si riferiscono ad una agevolazione concessa in relazione a situazioni in cui, nell ambito di una conduzione aziendale unitaria, la proprietà della terra e dei titoli sia in capo a soggetti diversi. Essa è pertanto limitata ai casi in cui sussista un legame di convivenza familiare o societario. Ciò premesso, si ritiene possibile estendere detta agevolazione ai casi in cui la diversa proprietà dei titoli e della terra sia riconducibile ad un nucleo familiare così come risultante dallo stato di famiglia o da uno o più certificati storici-anagrafici che soli attestano l appartenenza allo stesso nucleo familiare. 5. Nuovo Agricoltore Premesso che ai sensi dell art. 2, lett. k, del regolamento (CE) n. 795/04 il nuovo agricoltore è: 1. una persona fisica o giuridica che non ha esercitato a proprio nome e per proprio conto alcuna attività agricola, né ha esercitato il controllo su una persona giuridica dedita ad attività agricola NEI CINQUE ANNI PRECEDENTI l inizio della nuova attività agricola 2. un agricoltore che ha iniziato l attività agricola dopo il 31 dicembre 2002, o nel 2002 ma senza ricevere alcun pagamento diretto in tale anno (art. 42, par. 3, del Reg. 1782/03); Si chiede conferma del fatto che gli agricoltori che hanno iniziato l attività nel periodo dal 2003 al 2005 non possono essere considerati nuovi nel E altresì necessario chiarire se un agricoltore che ha avviato la sua attività agricola nel 2005 dopo la presentazione della domanda unica e senza aver presentato nessun altro atto amministrativo possa risultare nuovo agricoltore anche per il Si deve distinguere: 1 Nuovo agricoltore ai sensi dell articolo 42, paragrafo 3, del regolamento (CE) n. 1782/2003 (condizione per accedere alla riserva nazionale) è l agricoltore che ha iniziato l attività agricola dopo il 31 dicembre 2002 (o durante il 2002 senza ricevere premi) e che, ai sensi dell articolo, lettera k, del regolamento (CE) n. 795/2004, non ha esercitato a proprio nome e per proprio conto alcuna attività agricola, né ha esercitato il controllo su una persona giuridica dedita ad attività agricola NEI CINQUE ANNI PRECEDENTI l inizio della nuova attività agricola. 2 Nuovo agricoltore ai sensi dell articolo 37, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1782/2003 (calcolo dei titoli con media diversa nel periodo di riferimento), l agricoltore che ha iniziato l attività agricola nel periodo di riferimento e che, ai sensi dell articolo, lettera k, del regolamento (CE) n. 795/2004, non ha esercitato a proprio nome e per proprio conto alcuna attività agricola, né ha esercitato il controllo su una persona giuridica dedita ad attività agricola NEI CINQUE ANNI PRECEDENTI l inizio della nuova attività agricola. 3 Nuovo agricoltore ai sensi dell articolo 9, paragrafo 1, ultimo comma, del regolamento (CE) n. 795/2004 (nuovo agricoltore che acquista titoli), l agricoltore che ha iniziato l attività agricola nella campagna oggetto di trasferimento dei titoli e che, ai sensi dell articolo, lettera k, del regolamento (CE) n. 795/2004, non ha esercitato a proprio nome e per proprio conto alcuna attività agricola, né ha esercitato il controllo su una persona giuridica dedita ad attività agricola NEI CINQUE ANNI PRECEDENTI l inizio della nuova attività agricola. 6. Utilizzo dei titoli da parte del nuovo agricoltore Atteso che ad un "nuovo agricoltore" verranno attribuiti titoli da riserva con il vincolo dell'utilizzo di 5 anni, può tale agricoltore fondersi e costituire con altri una società? Allo stesso tempo se il nuovo agricoltore fosse rappresentato da una società di 2 fratelli, gli stessi possono scindere la società e costituire due ditte individuali? (La normativa prevede un divieto al trasferimento dei titoli da riserva; ma non prevede che, in caso di trasferimento indebito, essi siano trattenuti).

6 Occorre far riferimento all art. 42, par. 8, del Reg. CE n. 1782/03, che recita: Tranne in caso di trasferimento per via ereditaria effettiva o anticipata e in deroga all'articolo 46, i diritti fissati utilizzando la riserva nazionale non sono trasferiti per un periodo di cinque anni a decorrere dalla loro attribuzione. In deroga all'articolo 45, paragrafo 1, un diritto non utilizzato in ciascun anno del suddetto quinquennio riconfluisce immediatamente nella riserva nazionale. Pertanto non è possibile trasferire i titoli ricevuti dalla riserva nazionale, se non in caso di successione. Tuttavia, tenuto conto delle caratteristiche specifiche delle situazioni di cui all art. 33, parr. 2 e 3, del Regolamento sopra citato, nonché dell art. 2, lett. k), del Reg. CE n. 795/04, si deve ritenere possibile il trasferimento anche nei casi di mutamento di forma giuridica o di denominazione, fusione e scissione, se il soggetto controllante non cambia. Il cambiamento dei soggetti controllanti si ha quando è diverso l assetto del controllo del nuovo soggetto giuridico rispetto al vecchio. Ad esempio: - due soggetti detengono oggi il controllo che veniva esercitato ieri solo da uno di essi (il controllo è mutato); - in una società entrano nuovi soci ma il socio controllante rimane quello precedente (il controllo non è mutato); - una società si scioglie, e se ne costituisce un altra tra gli stessi soci, con l aggiunta di un socio nuovo, che non ha il controllo (se chi aveva il controllo della vecchia società lo ha mantenuto anche nella nuova, non c è cambiamento); - una società si fonde con un altra per costituire un nuovo soggetto (se chi aveva il controllo della prima conserva il controllo anche nel nuovo soggetto, non c è mutamento). 7. Chiarimento su una specifica fattispecie legata alla cessione dei titoli Pac contestualmente alla cessione di un'intera azienda (Codice Allegato 2 vendita di titoli con terra di tutta l azienda). Quali delle casistiche di seguito elencate rientrano in questa fattispecie? A) La cessione totale dell'azienda a seguito di vendita totale (attività e passività) di beni immobili, mobili, scorte vive e morte. B) La cessione totale delle attività aziendali (macchinari, scorte vive e morte debiti e crediti) ad esclusione della vendita di terreni e fabbricati, ma con un contestuale contratto di affitto degli stessi (o subentro in contratti già esistenti) a favore del cessionario (viene inteso come una cessione di titoli senza terra?). C) La cessione totale delle attività aziendali (macchinari, scorte vive e morte debiti e crediti) senza passaggio di terreno in alcun modo, se giustificato da una causa di forza maggiore (ad es. i terreni ed i fabbricati erano in possesso dell'ordine Mauriziano che alla scadenza del contratto di affitto li ha venduti all'asta ad un terzo perché l'agricoltore affittuario che li coltivava non ha esercitato il diritto di prelazione, o comunque altri casi dove materialmente non è possibile trasferire terreni). A) se tra i beni immobili rientrano anche i terreni aziendali, si tratta di vendita di titoli con terra. B) C) vendita totale delle attività aziendali ad esclusione dei terreni e fabbricati in quanto dati in affitto e non venduti, oppure perché i terreni e fabbricati sono stati venduti a terzi: si tratta di cessione di titoli senza terra. 8. Caso di cessione di parte di azienda e dei titoli ad esclusione dei terreni Nel caso di cessione di tutti i mezzi produttivi di un'azienda (macchinari, scorte vive e scorte morte), ma non del terreno (in quanto il titolare era affittuario dei terreni che componevano la stessa), tra due persone che non possono rientrare in alcun modo in un rapporto riconducibile alla successione

7 anticipata, è possibile cedere anche i titoli che l'agricoltore originario aveva prodotto senza incorrere nelle trattenute della vendita senza terra (50 % fino al 2007 e 30% dal 2008 in poi), ma considerarlo come una cessione di totale di azienda e pertanto assoggettata ad una trattenuta del 5%? Se così fosse sono sufficienti le fatture di vendita di tutto il movibile, oppure sarà comunque necessario un atto notarile? Oppure viene considerata come una vendita di titoli senza terra? Si tratta di una vendita di titoli senza terra. 9. Controllo del requisito dello status di agricoltore La regolamentazione comunitaria prevede che i trasferimenti dei titoli possano avvenire solo tra agricoltori. Nel caso di trasferimento di tutta l'azienda tale principio è derogabile? La verifica dello status di agricoltore viene fatto al momento della presentazione della Domanda Unica La verifica verrà fatta su entrambi i soggetti sia il cedente che l'acquirente? Chi cede dovrà avere a disposizione almeno metri di terreno e la Partita Iva attiva? Sarà necessaria, al fine di dimostrare di essere agricoltore, la presentazione di una Domanda Unica? In assenza di Partita Iva sarà possibile trasferire titoli? Se la superficie a disposizione del cedente è superficie utilizzata alla coltivazione di colture non ammissibili al Regime di Pagamento Unico potrebbe essere sufficiente avere il Piano colturale aggiornato e di conseguenza il Fascicolo validato per dimostrare lo status di agricoltore? L art. 46, par. 1 del Reg. CE n. 1782/03 recita : I diritti all'aiuto possono essere trasferiti unicamente a un altro agricoltore stabilito nello stesso Stato membro, salvo in caso di successione o anticipo di successione mentre l art. 1, lettera a), del citato regolamento definisce l agricoltore come una persona fisica o giuridica o un'associazione di persone fisiche o giuridiche, indipendentemente dalla personalità giuridica conferita dal diritto nazionale all'associazione e ai suoi membri, la cui azienda si trova nel territorio della Comunità ai sensi dell'articolo 299 del trattato e che esercita un'attività agricola. Si precisa al riguardo che lo status di agricoltore viene verificato al momento dell utilizzo dei titoli. Ne deriva che in caso di trasferimento di tutta l azienda, mentre il soggetto che trasferisce è sicuramente un agricoltore (altrimenti non avrebbe ricevuto titoli), il soggetto che acquisisce l azienda stessa ed i titoli attesta l esercizio dell attività agricola mediante la costituzione del fascicolo aziendale. 10. Sarà possibile revocare un trasferimento di titoli temporaneo ancora in essere? A) A fronte di un affitto di terreni e titoli, ai sensi dell art. 27 del Reg. CE 795/04, con scadenze varie nei prossimi anni (2008, 2009, 2010) le parti hanno raggiunto degli specifici accordi con cui si considera annullato il rapporto di affittanza. In questo caso la parte proprietaria vorrebbe rientrare nel pieno possesso, oltre che dei terreni, anche dei titoli PAC. È possibile ciò? B) Nel caso in cui le parti si accordino oggi di trasformare il contratto di affitto di terreni e titoli con scadenza nel 2007 in un trasferimento definitivo di terreni e titoli, come si potrà gestire la fattispecie all interno del registro Titoli? A) Il proprietario può rientrare in possesso oltre che dei terreni anche dei titoli, e per tale fattispecie può utilizzare la fattispecie relativa al rientro anticipato dall affitto (rientro dal trasferimento temporaneo). B) Qualora, invece, il proprietario intendesse trasformare il contratto di affitto di terreni e titoli con scadenza nel 2007 in un trasferimento definitivo di terreni e titoli all affittuario, attraverso le procedure

8 messe a disposizione, si dovrebbero eseguire due distinte operazioni. Con la prima, si effettuerà il rientro anticipato dal contratto di affitto dei terreni e dei titoli; con la seconda, il trasferimento dei titoli con la terra all affittuario. 11. Ammissibilità del terreno che sostiene il trasferimento (credo che su questo occorre fare una riflessione) L ammissibilità del terreno è condizione indispensabile per sostenere il trasferimento sia in caso di affitto che in quello di vendita? Cioè gli ettari indicati nella domanda di trasferimento devono essere sempre e comunque ammissibili. Altrimenti si potrebbero trasferire 100 titoli con 100 ettari di bosco e farlo classificare come vendita di terra con titoli. Occorre tenere conto del considerando 30 del Reg. CE n. 1782/03, che recita: L'importo complessivo a cui un'azienda ha diritto dovrebbe essere suddiviso in quote (diritti all'aiuto) e rapportato ad un determinato numero di ettari ammissibili da definirsi, per facilitare il trasferimento dei diritti al premio. Per evitare trasferimenti speculativi che darebbero luogo all'accumulazione di diritti senza una corrispondente base agricola, all'atto di concedere l'aiuto occorrerebbe stabilire un legame tra i diritti ed un certo numero di ettari ammissibili. Inoltre, l art. 46, par. 2, del Reg. (CE) n. 1782/03 specifica che: I diritti all'aiuto possono essere trasferiti a titolo oneroso o mediante qualsiasi altro trasferimento definitivo con o senza terra. L'affitto o altri tipi di cessione sono consentiti soltanto se al trasferimento dei diritti all'aiuto si accompagna il trasferimento di un numero equivalente di ettari ammissibili.. Si deve inoltre fare riferimento all art. 2, lettera i), del Reg. CE n. 795/04, che definisce il "trasferimento o vendita o affitto di diritti all'aiuto con la terra corrispondente", la vendita o l'affitto di diritti all'aiuto insieme alla vendita o rispettivamente all'affitto di un numero di ettari corrispondenti di superficie ammissibile, ai sensi dell'articolo 44, paragrafo 2, detenuti dal cedente. Pertanto l ammissibilità del terreno è condizione indispensabile per sostenere ogni tipo di trasferimento. 12. Regime semplificato e trasferimento titoli I titoli relativi alle aziende che hanno aderito all'ultimo anno al regime semplificato si considerano utilizzati in modo tale che sia possibile, già da quest'anno (2006), trasferire i titoli anche senza terra.? L art. 46, par.2, secondo comma del Reg. CE n. 1782/03 un agricoltore può trasferire i suoi diritti all'aiuto senza terra soltanto dopo aver utilizzato, ai sensi dell'articolo 44, almeno l'80% dei suoi diritti all'aiuto per almeno un anno civile, oppure dopo aver ceduto volontariamente alla riserva nazionale tutti i diritti all'aiuto non utilizzati nel primo anno di applicazione del regime di pagamento unico. I titoli delle aziende che hanno aderito all'ultimo anno al regime semplificato sono considerati come utilizzati al 100 % e pertanto è possibile trasferirli. 13. Titoli da Riserva e contratto d affitto A) Nel caso in cui un produttore ha ottenuto titoli da riserva con affitto con durata di 5 anni è possibile dopo il primo anno modificare il contratto di affitto sostituendo le superfici indicate con altre? L'importante è utilizzare i titoli da riserva su terreni ammissibili per i successivi 4 anni altrimenti si perdono i titoli stessi. Sembra quindi che la sostituzione dei terreni con un accordo modificativo del contratto (fermi restando gli stessi contraenti e le altre condizioni contrattuali) non infici il rispetto del vincolo. B) Come ci si comporta invece nel caso di recesso o risoluzione consensuale del contratto e di costituzione di un nuovo rapporto contrattuale di affitto fra soggetti diversi?

9 A) È possibile modificare dopo il primo anno il contratto di affitto sostituendo le particelle iniziali con altre, fermo restando l utilizzo dei titoli da riserva su terreni ammissibili e che i contraenti rimangano gli stessi così come le altre condizioni contrattuali (durata contratto, ecc). B) È possibile recedere dal contratto ma occorre considerare il vincolo dei titoli da riserva (non si possono trasferire per 5 anni). Pertanto il nuovo contratto, con il quale chi ha ricevuto titoli dalla riserva prende in affitto terreni da un soggetto diverso, dovrà comunque avere una durata tale da completare il periodo di cinque anni, e non sono ammessi contratti annuali. Ciò anche in considerazione del fatto che i titoli sono stati ottenuti dalla riserva perché era stato stipulato un contratto di durata quinquennale. 14. Applicazione di doppia fattispecie Come viene disciplinato un eventuale doppio trasferimento? Per esempio: padre che divide l azienda tra i due figli attraverso una successione anticipata al 50% di terra e titoli; i due fratelli successivamente fondono le rispettive aziende costituendo una società semplice. Il sistema come consente di operare ed attraverso quali tempi tra una fattispecie e l altra. Si dovrà ricorrere alla successiva applicazione di diverse fattispecie, secondo la successione logica degli eventi. 15. Chiusura azienda e trasferimento A) Per dimostrare la chiusura di azienda, quale documento si deve produrre? E sufficiente la chiusura della Partita Iva e per quanto tempo? B) Se l agricoltore che cessa l azienda aveva ricevuto la stessa per successione anticipata a maggio 2005, il terreno ed i titoli tornano al dante causa? Attraverso quale fattispecie? A) Il produttore attesta la cessazione o chiusura dell attività mediante apposita dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà. B) Nel caso di successione anticipata, al dante causa tornano indietro i terreni ma non anche i titoli. 16. Trasferimento di titoli non utilizzati Se un agricoltore cessa la sua attività senza aver utilizzato almeno l 80% dei titoli, può operare il trasferimento e se si attraverso quale fattispecie? Il produttore può trasferire i titoli tramite la sola successione anticipata o scegliendo di restituire i titoli non utilizzati alla Riserva Nazionale nel primo anno di applicazione del regime di pagamento unico, ai sensi dell art. 46, par. 2, secondo comma, del Reg. CE n. 1782/03, che dispone che un agricoltore può trasferire i suoi diritti all'aiuto senza terra soltanto dopo aver utilizzato, ai sensi dell'articolo 44, almeno l'80% dei suoi diritti all'aiuto per almeno un anno civile, oppure dopo aver ceduto volontariamente alla riserva nazionale tutti i diritti all'aiuto non utilizzati nel primo anno di applicazione del regime di pagamento unico. 17. Trasferimento titoli da cessione attività I titoli siano stati assegnati ad una ditta Eredi di.. e gli stessi affittati a terzi, ai sensi dell art. 27 del Reg. CE 795/04. La suddetta ditta a fine 2005 ha cessato l attività. Sarà possibile trasferire ai singoli componenti della suddetta ditta cessata i titoli trasferiti a terzi?

10 Ad esempio: Due soggetti A e B, proprietari del terreno e contitolari della società A&B, affittano alla società A&B (che ha maturato titoli) i terreni con possibilità di subaffitto. A) La società A&B potrà affittare ad A (già proprietario dei terreni e contitolare della società stessa) terra e titoli? B) La società A&B potrà vendere ad A (già proprietario dei terreni e contitolare della società A&B) i soli titoli (senza terra) senza alcuna trattenuta, rientrando nella casistica della successione anticipata? C) Sempre in merito al punto di cui sopra, se una società non viene sciolta, ma vuole ripartire i beni tra i soci come dovrà essere trattata? Sarà ammessa una scissione parziale? D) Questi casi come possono essere altrimenti trattati dal momento che non esistono atti di scioglimento o modifiche dello statuto? A) L art. 21 della legge 3 maggio 1982, n. 203, dispone che il locatore ha la facoltà di far valere la nullità del contratto di subaffitto nel termine di quattro mesi, spirato il quale il subconduttore subentra nel contratto di affitto al conduttore originario. L ipotesi proposta sembra dunque inapplicabile. B) si tratta di una cessione di titoli senza terra, e non di una successione anticipata. C) D) La ripartizione dei beni tra i soci è possibile mediante scissione. 18. Utilizzazione del titolo ceduto La circolare prot. n. ACIU precisa che nel caso di trasferimenti dei titoli intervenuti dopo il 31 marzo di ciascun anno, il titolo trasferito può essere dichiarato in una domanda di pagamento unico solo nell anno successivo. Deve però essere chiarito che questa limitazione si applica solo nei confronti del soggetto che ha acquisito il titolo e non già anche al cedente nell anno in cui viene effettuato il trasferimento. In caso contrario si lascerebbe inutilizzato un titolo disaccoppiato per un anno. La limitazione si applica solo per il cessionario. 19. Disponibilità del titolo ceduto e calcolo dei diritti nel caso di prodotti disaccoppiati dal 2006 Un agricoltore è titolare di diritti seminativi/carne ma ha anche dati di riferimento storici relativi ai settori disaccoppiati dal 2006 (olio, tabacco, latte e zucchero). A) In che data sarà effettuato il calcolo dei suoi diritti definitivi? Tale calcolo prenderà o meno in considerazione i titoli seminativi/carne nel caso in cui essi siano stati venduti: B) prima del 31 marzo 2005; C) prima dell assegnazione provvisoria dei nuovi titoli; D) prima della domanda di fissazione dei nuovi titoli; E) prima dell assegnazione definitiva? A) i titoli definitivi, comprendenti anche i settori cui la riforma si applica dal 2006, saranno calcolati entro il 31 agosto Il relativo calcolo non prenderà in considerazione i titoli già attribuiti ad un soggetto, ma da questi trasferiti nei casi sub B) e C); saranno invece inclusi nel calcolo nei casi sub D) ed E). 20. Creazione di società semplice Alcune persone fisiche, con titoli definitivi seminativi e che si apprestano ad avere assegnati anche (alcuni di loro) titoli olio, intendono costituire una società semplice.

11 Al fine di trasferire i titoli definitivi seminativi al nuovo soggetto, si può utilizzare la fattispecie n. 4.1 (cambiamento da persona fisica a persona giuridica senza mutazione dei soggetti controllanti) indicata negli allegati della circolare prot. n. ACIU ? Il caso prospettato sembra essere meglio qualificabile come una fusione. Anche in questa ipotesi, peraltro, il trasferimento dei titoli è consentito.

All AGEA - Ufficio Monocratico - Area Controlli - Area Autorizzazione Pagamenti SEDE. Organismo Pagatore della Regione

All AGEA - Ufficio Monocratico - Area Controlli - Area Autorizzazione Pagamenti SEDE. Organismo Pagatore della Regione AREA COORDINAMENTO Via Torino, 45 00184 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2007.315 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 9 maggio 2007 AGEA - Ufficio Monocratico - Area Controlli - Area Autorizzazione

Dettagli

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. APPAG Trento Via G.B. Trener, 3 38100 TRENTO. Via E.Molè 88100 CATANZARO. All

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. APPAG Trento Via G.B. Trener, 3 38100 TRENTO. Via E.Molè 88100 CATANZARO. All AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.236 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 14 maggio 2015 A.G.R.E.A Largo Caduti

Dettagli

Organismo Pagatore AGEA. Via Palestro, 81 00185 Roma. A.R.T.E.A. Via S. Donato, 42/1 50127 Firenze Fax 055/3241799

Organismo Pagatore AGEA. Via Palestro, 81 00185 Roma. A.R.T.E.A. Via S. Donato, 42/1 50127 Firenze Fax 055/3241799 AREA COORDINAMENTO Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2011.250 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 31/03/11 Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 Roma A.R.T.E.A.

Dettagli

Roma li. 11 aprile 2005 - Ufficio Monocratico - Area Controlli - Area autorizzazione Pagamenti

Roma li. 11 aprile 2005 - Ufficio Monocratico - Area Controlli - Area autorizzazione Pagamenti AREA COORDINAMENTO Via Torino, 45 00184 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2005.00181 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 11 aprile 2005 AGEA - Ufficio Monocratico - Area Controlli - Area

Dettagli

Basilicata - ARBEA Via della Chimica 85100 POTENZA

Basilicata - ARBEA Via della Chimica 85100 POTENZA AREA COORDINAMENTO Via Torino, 45 00184 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2007.236 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 6 aprile 2007 All AGEA - Ufficio Monocratico - Area Controlli - Area

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE N. 6. Produttori interessati LORO SEDI

ISTRUZIONI OPERATIVE N. 6. Produttori interessati LORO SEDI Ufficio Monocratico Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.494991 Fax 06.4453940 Prot. N.UMU.2016.191 del 29.02.2016 (CITARE NELLA RISPOSTA) ISTRUZIONI OPERATIVE N. 6 Ai Produttori interessati Al Ministero

Dettagli

All. All. All. ARPEA Via Bogino, 23 10123 Torino. All. All. All. Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. All

All. All. All. ARPEA Via Bogino, 23 10123 Torino. All. All. All. Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. All AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.306 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 02.07.2015 A.G.R.E.A Largo Caduti del

Dettagli

CIRCOLARE N. 10. Ministero della Salute Direzione Generale della Sanità pubblica Veterinaria, Alimentazione e Nutrizione

CIRCOLARE N. 10. Ministero della Salute Direzione Generale della Sanità pubblica Veterinaria, Alimentazione e Nutrizione ! "#$%&&''%$()(%* + CIRCOLARE N. 10 Ministero delle Politiche Agricole e Forestali - Segreteria tecnica - Direzione Generale delle Politiche Agroalimentari PAGR V - Direzione Generale del Corpo Forestale

Dettagli

ALLEGATO A al decreto n. 185/2005. Istruzioni esplicative generali. Sommario

ALLEGATO A al decreto n. 185/2005. Istruzioni esplicative generali. Sommario ALLEGATO A al decreto n. 185/2005 Istruzioni esplicative generali Sommario 1. Premessa... 2 2. Riferimenti normativi... 2 3. Categorie di titoli... 2 4. Il Registro Nazionale Titoli... 3 5. Disciplina

Dettagli

All. All. All. All. All. All. All

All. All. All. All. All. All. All Via Torino, 45 00184 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Via XX Settembre, 20 00186 Roma A AGEA - Uff. Monocratico - Area Controlli - Area Autorizzazione

Dettagli

Organismo Pagatore AGEA Ufficio Monocratico Sede. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

Organismo Pagatore AGEA Ufficio Monocratico Sede. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2012.90 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 29 febbraio 2012 Organismo Pagatore AGEA Ufficio Monocratico Sede

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. APPAG Trento Via G.B. Trener, 3 38100 TRENTO. Via E.Molè 88100 CATANZARO. All

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. APPAG Trento Via G.B. Trener, 3 38100 TRENTO. Via E.Molè 88100 CATANZARO. All AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.255 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 21 maggio 2015 A.G.R.E.A Largo Caduti

Dettagli

All. All. All. All. Alla

All. All. All. All. Alla !" # $ $$!%&# $ $$'' Al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali - Gabinetto del Ministro Segreteria Tecnica - DG Politiche Agroalimentari via XX Settembre, 20 AGEA Ufficio Monocratico Via Salandra,

Dettagli

All. All. All. All. All. All. Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. All

All. All. All. All. All. All. Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. All AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.570 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 23.12.2015 A.G.R.E.A Largo Caduti del

Dettagli

All. All. All. ARPEA Via Bogino, 23 10123 Torino. All. All. All. Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. All

All. All. All. ARPEA Via Bogino, 23 10123 Torino. All. All. All. Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. All AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2016.71 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 10.02.2016 A.G.R.E.A Largo Caduti del

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI COMUNICAZIONE DI MUTAMENTO DI CONDUZIONE AZIENDA

NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI COMUNICAZIONE DI MUTAMENTO DI CONDUZIONE AZIENDA NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI COMUNICAZIONE DI MUTAMENTO DI CONDUZIONE AZIENDA I produttori contraenti devono compilare il modulo in ogni parte, in stampatello, allegando la relativa

Dettagli

All. All. All. All. All. All. All. All. All

All. All. All. All. All. All. All. All. All AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.262 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 25 maggio 2015 A.G.R.E.A Largo Caduti

Dettagli

A.B.S.I. Via della Panetteria n. 15 00187 Roma. E p.c.

A.B.S.I. Via della Panetteria n. 15 00187 Roma. E p.c. AREA COORDINAMENTO Via Palestro, 81 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot.ACIU.2008.351 3516 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 06.03.2008 E p.c. l l Organismo Pagatore AGEA - Uff. Monocratico

Dettagli

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO AREA COORDINAMENTO Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.494991 Fax 06.49499770 Prot. ACIU.2010. 202 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 17 marzo 2010 Organismo Pagatore AGEA SEDE Organismo pagatore della Regione

Dettagli

ufficio di NUOVI AGRICOLTORI DAL 2011

ufficio di NUOVI AGRICOLTORI DAL 2011 spazio riservato al protocollo APPAG All Organismo Pagatore APPAG Agenzia Provinciale per i Pagamenti Via G.B. Trener, 3 38121 TRENTO DICHIARAZIONE PER L'ACCESSO ALLA RISERVA NAZIONALE richiesto con la

Dettagli

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO AREA COORDINAMENTO Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2010.668 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 24/09/2010 Organismo Pagatore AGEA - Ufficio Monocratico - Area Autorizzazione

Dettagli

LA POLITICA AGRICOLA COMUNITARIA

LA POLITICA AGRICOLA COMUNITARIA LA POLITICA AGRICOLA COMUNITARIA Nuova PAC e contratti di affitto. Ipotesi di lavoro e clausole contrattuali. Treviso, 12 dicembre 2013 Gli anni che contano 2013 Gli agricoltori ottengono l'assegnazione

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA. CIRCOLARE 30 novembre 2005, n.736. Istituzione del Registro nazionale titoli. (G.U.R.I. 15-12-2005, n.

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA. CIRCOLARE 30 novembre 2005, n.736. Istituzione del Registro nazionale titoli. (G.U.R.I. 15-12-2005, n. AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA CIRCOLARE 30 novembre 2005, n.736 Istituzione del Registro nazionale titoli. (G.U.R.I. 15-12-2005, n.292 ) 1. Premessa All'AGEA Ufficio Monocratico Area controlli

Dettagli

Fondo Pensione Dipendenti Gruppo ENEL

Fondo Pensione Dipendenti Gruppo ENEL REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE ANTICIPAZIONI DI CUI ALL ART. 27 DELLO STATUTO DEL FOPEN 1. BENEFICIARI Come previsto dal D.Lgs 124/93 e successive modifiche hanno titolo a richiedere l anticipazione

Dettagli

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. APPAG Trento Via G.B. Trener, 3 38100 TRENTO. Via E.Molè 88100 CATANZARO. All

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. APPAG Trento Via G.B. Trener, 3 38100 TRENTO. Via E.Molè 88100 CATANZARO. All AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.139 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 A.G.R.E.A Largo Caduti

Dettagli

ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato 1) al Decreto del Direttore di ARTEA n. 20 del 5 febbraio 2014 ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Disposizioni applicative per la presentazione della Domanda Unica

Dettagli

ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato 1) al Decreto del Direttore di ARTEA n. 45 del 05 aprile 2016 ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Disposizioni applicative per la presentazione della Domanda Unica

Dettagli

Elenco Movimenti per la gestione del Registro Titoli

Elenco Movimenti per la gestione del Registro Titoli Descrizione vendita di titoli con terra di tutta l ' azienda 1.1 vendita di titoli con terra di tutta l ' azienda vendita di titoli ordinari o da ritiro con terra 1.2 vendita di titoli ordinari o da ritiro

Dettagli

ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato 1) al Decreto del Direttore di ARTEA n. 39 del 16 aprile 2015 ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Disposizioni applicative per la presentazione della Domanda Unica

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Anno XLIII N. 186 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia,

Dettagli

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. APPAG Trento Via G.B. Trener, 3 38100 TRENTO. Via E.Molè 88100 CATANZARO. All

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. APPAG Trento Via G.B. Trener, 3 38100 TRENTO. Via E.Molè 88100 CATANZARO. All AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.276 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 3 giugno 2015 A.G.R.E.A Largo Caduti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 143/E

RISOLUZIONE N. 143/E RISOLUZIONE N. 143/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 giugno 2003 Oggetto: Istanza di interpello - Credito d imposta investimenti aree svantaggiate - Articolo 8 della legge 23 dicembre

Dettagli

Oggetto: Riemissione pagamenti di aiuti e premi comunitari non andati a buon fine.

Oggetto: Riemissione pagamenti di aiuti e premi comunitari non andati a buon fine. ORGANISMO PAGATORE Ufficio Monocratico Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.646 Fax 06.49499.757 Prot. N. UMU.2013.1147 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 19 giugno 2013 A Tutti gli interessati Agli

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Requisiti generali 1. L anticipazione della posizione individuale maturata che l aderente può conseguire da parte del Fondo per specifiche causali é disciplinata dall art.

Dettagli

COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO E DELL AFFITTO DEI TERRENI DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI GANGI

COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO E DELL AFFITTO DEI TERRENI DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI GANGI COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO E DELL AFFITTO DEI TERRENI DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI GANGI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.82 del 29.10.1998

Dettagli

All. All. All. Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. All. All. All

All. All. All. Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. All. All. All AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Prot. N. ACIU 2015.429 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 30/09/2015 Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 A.G.R.E.A Largo Caduti del

Dettagli

Modulistica unificata

Modulistica unificata Modello: COM_0103_ITA - Revisione n. 03 del 17/01/2009 - Pagina 1 di 11 In fondo al modello brevi istruzioni per l utilizzo e la compilazione Scheda Generale Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Non hai il conto corrente? L Agea non può pagarti.

Non hai il conto corrente? L Agea non può pagarti. POLITICA AGRICOLA COMUNE DOMANDA UNICA 2007 Non hai il conto corrente? L Agea non può pagarti. Da quest anno, per effetto delle norme contenute nella Finanziaria 2007, i premi PAC non verranno più pagati

Dettagli

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Allegato 1 al decreto n. ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Modalità e condizioni per la presentazione della domanda di contributo per le assicurazioni nel settore OCM Vitivinicolo Campagna 2010 1 Sommario

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

RIFORMA DELLA PAC RESOCONTO DELLE RIUNIONI DEL TAVOLO TECNICO PER LA RISOLUZIONE DELLE DOMANDE SULL APPLICAZIONE E GESTIONE DELLA RIFORMA DELLA PAC

RIFORMA DELLA PAC RESOCONTO DELLE RIUNIONI DEL TAVOLO TECNICO PER LA RISOLUZIONE DELLE DOMANDE SULL APPLICAZIONE E GESTIONE DELLA RIFORMA DELLA PAC RIFORMA DELLA PAC RESOCONTO DELLE RIUNIONI DEL TAVOLO TECNICO PER LA RISOLUZIONE DELLE DOMANDE SULL APPLICAZIONE E GESTIONE DELLA RIFORMA DELLA PAC Questioni sottoposte al gruppo di lavoro nelle riunioni

Dettagli

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 www.granterre.it Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E. Con istanza di interpello, concernente la corretta tassazione di rinunzia al diritto di usufrutto è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N. 25/E. Con istanza di interpello, concernente la corretta tassazione di rinunzia al diritto di usufrutto è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2007 OGGETTO: Istanza di Interpello. Atto di rinunzia abdicativa. art. 13 della legge n. 383 del 2001 come modificato dall

Dettagli

CONTRATTO TIPO AFFITTO D AZIENDA

CONTRATTO TIPO AFFITTO D AZIENDA CONTRATTO TIPO di AFFITTO D AZIENDA CONTRATTO D AFFITTO D AZIENDA Tra i signori: A..., di seguito concedente, nato a..., il..., codice fiscale..., partita IVA..., residente in..., via..., nella sua qualità

Dettagli

DISCIPLINA DELL AZIENDA

DISCIPLINA DELL AZIENDA Prefazione alla seconda edizione....................... VII Prefazione alla prima edizione........................ IX Avvertenze................................ XIII PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL AZIENDA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 417/E

RISOLUZIONE N. 417/E RISOLUZIONE N. 417/E Roma, 31 ottobre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Cessione complesso aziendale Adempimenti procedimentali

Dettagli

Roma, 25 febbraio 2005

Roma, 25 febbraio 2005 RISOLUZIONE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 febbraio 2005 Oggetto: Istanza di interpello. X S.r.l. Deducibilità dei canoni derivanti da un contratto di sale and lease back avente

Dettagli

R Roma, 29 maggio 2013

R Roma, 29 maggio 2013 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa R Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: La tassazione degli atti notarili - Guida operativa - Testo unico dell imposta di registro, approvato con decreto del Presidente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 88/E. Roma, 01 aprile 2009

RISOLUZIONE N. 88/E. Roma, 01 aprile 2009 RISOLUZIONE N. 88/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 01 aprile 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Credito d imposta per investimenti in aree

Dettagli

ITALIA LAVORO S.P.A.

ITALIA LAVORO S.P.A. ITALIA LAVORO S.P.A. PROGRAMMA AMVA APPRENDISTATO E MESTIERI A VOCAZIONE ARTIGIANALE P.O.N. GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA E AZIONI DI SISTEMA 2007-2013 AVVISO PUBBLICO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI FINALIZZATI

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

Risoluzione n.125/e. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.P.R. n. 131 del 1986, è stato esposto il seguente

Risoluzione n.125/e. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.P.R. n. 131 del 1986, è stato esposto il seguente Risoluzione n.125/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 aprile 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - riacquisto di prima casa a titolo gratuito Decadenza dai benefici di cui alla nota II-bis

Dettagli

LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE

LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE OGGETTO: Circolare 5.2016 Seregno, 4 marzo 2016 LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE La legge di Stabilità

Dettagli

MODALITÁ OPERATIVE IN MATERIA DI ANTICIPAZIONI

MODALITÁ OPERATIVE IN MATERIA DI ANTICIPAZIONI Alico Italia S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale Viale Castro Pretorio, 124 00185 Roma Tel.: +39 06 492161 Fax: +39 06 49216300 Unionfondo Fondo Pensione Aperto Iscritto all Albo dei Fondi Pensione

Dettagli

16 Bollettino Ufficiale

16 Bollettino Ufficiale 16 Bollettino Ufficiale D.d.u.o. 24 aprile 2012 - n. 3605 Direzione centrale Programmazione integrata - Organismo pagatore regionale - OCM vitivinicolo - Reg. (CE) 1234/2007 - Approvazione del manuale

Dettagli

Legge stabilità 1) Assegnazioni/cessioni agevolate di beni ai soci

Legge stabilità 1) Assegnazioni/cessioni agevolate di beni ai soci Legge stabilità 1) Assegnazioni/cessioni agevolate di beni ai soci La legge di stabilità per l anno 2016 (Legge n.208 del 28/12/2015) ripropone la disposizione sulle assegnazioni, cessioni agevolate dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

CIRCOLARE n. 31 del 05 dicembre 2011. OGGETTO: Operazioni di cessione di ramo d azienda intervenute tra Enti di Formazione Professionale

CIRCOLARE n. 31 del 05 dicembre 2011. OGGETTO: Operazioni di cessione di ramo d azienda intervenute tra Enti di Formazione Professionale Repubblica Italiana Regione Siciliana Assessorato Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Il Dirigente Generale

Dettagli

PREMIAZIONE DELLA FEDELTÀ AL LAVORO E PER IL PROGRESSO ECONOMICO BANDO DI CONCORSO ANNO 2014

PREMIAZIONE DELLA FEDELTÀ AL LAVORO E PER IL PROGRESSO ECONOMICO BANDO DI CONCORSO ANNO 2014 PREMIAZIONE DELLA FEDELTÀ AL LAVORO E PER IL PROGRESSO ECONOMICO LXIII (63 a ) edizione BANDO DI CONCORSO ANNO 2014 Scadenza: 30 giugno 2015 Per informazioni: via San Francesco da Paola 24, 10123 Torino

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l.

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. RISOLUZIONE N. 54/E Roma, 16 marzo 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. La Direzione Regionale ha trasmesso un istanza

Dettagli

Somministrazione temporanea. Modulistica unificata. Modello: COM_0203_ITA - Revisione n. 03 del 17/01/2009 - Pagina 1 di 11.

Somministrazione temporanea. Modulistica unificata. Modello: COM_0203_ITA - Revisione n. 03 del 17/01/2009 - Pagina 1 di 11. Modello: COM_0203_ITA - Revisione n. 03 del 17/01/2009 - Pagina 1 di 11 In fondo al modello brevi istruzioni per l utilizzo e la compilazione Scheda Generale Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE DISCIPLINA RELATIVA All. D) DGR n..del.. AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE 1. PREMESSA In attuazione di quanto previsto dall art. 36 della l.r. 14 febbraio 2008, n. 1 che

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA A FAVORE DI NUOVI NUCLEI FAMILIARI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA A FAVORE DI NUOVI NUCLEI FAMILIARI. Comune di Imola Provincia di Bologna Via Mazzini n. 4 40026 Imola Tel. 0542-602111-Fax 602289. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto possesso -

RISOLUZIONE N. 54/E. Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto possesso - RISOLUZIONE N. 54/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 febbraio 2008 Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 230/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 230/E QUESITO RISOLUZIONE N. 230/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 giugno 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 n. 954-173/2008 - Incentivi fiscali alle operazioni

Dettagli

COMUNE DI COLONNA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA CESSIONE DI IMMOBILI AD USO RESIDENZIALE DEL COMUNE DI COLONNA

COMUNE DI COLONNA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA CESSIONE DI IMMOBILI AD USO RESIDENZIALE DEL COMUNE DI COLONNA COMUNE DI COLONNA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA CESSIONE DI IMMOBILI AD USO RESIDENZIALE DEL COMUNE DI COLONNA Approvato con deliberazione di C.C. n. 13 del 15.03.2011 1 ARTICOLO 1 - OGGETTO DEL

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. 795 Salerno, lì 9 Luglio 2014 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 122/2014. Libera professione. Diritto Civile La Comunione legale dei beni Comunione

Dettagli

va presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione

va presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione va presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione Indicare l Ufficio Territoriale della Direzione Provinciale nella cui circoscrizione era l ultima residenza del defunto. In caso di

Dettagli

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0)

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0) ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura R Documento di lavoro T Sintesi Gestione dei terreni ritirati dalla produzione (Versione 1.0) Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

Dettagli

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

INDICE. Premessa...2. 1. Rideterminazione dei valori di acquisto delle partecipazioni e dei terreni posseduti alla data del 1 gennaio 2003...

INDICE. Premessa...2. 1. Rideterminazione dei valori di acquisto delle partecipazioni e dei terreni posseduti alla data del 1 gennaio 2003... Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 27/E Roma, 9 maggio 2003 Oggetto: Rideterminazione dei valori dei terreni e delle partecipazioni. Articolo 2, comma 2, del decreto-legge 24 dicembre

Dettagli

OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati

OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati RISOLUZIONE N. 52/E Roma, 17 giugno 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 5 marzo 2010. Direzione Centrale Normativa

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 5 marzo 2010. Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 marzo 2010 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 incentivi all acquisto di auto ecologiche di cui all articolo 1

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI TEMPO INDETERMINATO

DOMANDE FREQUENTI TEMPO INDETERMINATO Decreto-legge 22 giugno 2012, n.83 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n.134 - Credito d imposta per le nuove assunzioni di profili altamente qualificati. DOMANDE FREQUENTI DOMANDE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 215/E. OGGETTO: Istanza d interpello imposta di registro, ipotecaria e catastale art. 32 d.p.r. 29 settembre 1973, n. 601.

RISOLUZIONE N. 215/E. OGGETTO: Istanza d interpello imposta di registro, ipotecaria e catastale art. 32 d.p.r. 29 settembre 1973, n. 601. RISOLUZIONE N. 215/E Roma, 09 agosto 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza d interpello imposta di registro, ipotecaria e catastale art. 32 d.p.r. 29 settembre 1973, n. 601.

Dettagli

Fiscal News N. 37. Adempimenti IVA e operazioni straordinarie. La circolare di aggiornamento professionale 03.02.2014

Fiscal News N. 37. Adempimenti IVA e operazioni straordinarie. La circolare di aggiornamento professionale 03.02.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 37 03.02.2014 Adempimenti IVA e operazioni straordinarie Le modalità di presentazione della dichiarazione IVA nel caso di trasformazioni sostanziali

Dettagli

Regolamento per la gestione dei Prestiti Sociali

Regolamento per la gestione dei Prestiti Sociali Regolamento per la gestione dei Prestiti Sociali Art. 1 Scopo Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da Soci, sia persone fisiche che giuridiche, in conformità all art. 4 dello Statuto

Dettagli

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II SOGGETTI BENEFICARI Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società

Dettagli

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori BOZZA DIRETTIVE REGIONALI PER L ATTUAZIONE DELLA SOTTOMISURA 6.1 Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori PORTATA FINANZIARIA Le risorse disponibili per il presente bando ammontano a 20.000.000,00.

Dettagli

Oggetto: Circolare n. 20/E dell Agenzia delle Entrate del 13 maggio 2011 Risposte a quesiti in materia di Irpef chiarimenti prima parte.

Oggetto: Circolare n. 20/E dell Agenzia delle Entrate del 13 maggio 2011 Risposte a quesiti in materia di Irpef chiarimenti prima parte. C.A.F. UIL S.P.A. CENTRO ASSISTENZA FISCALE DELLA UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE LEGALE VIA DI SAN CRESCENZIANO, 25 00199 ROMA TELEFONO 06/86.22.631 TELEFAX 06/86.22.63.33 E-MAIL cafuil@cafuil.it CAPITALE

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y RUSSIA RUSSIA: PROCEDURA DI COSTITUZIONE DELLE SOCIETÀ, LE SRL di Avv. Francesco Misuraca Definizione delle forme societarie L'attività imprenditoriale in Russia può essere condotta sotto diverse forme

Dettagli

ALLEGATO I. Apprendistato Professionalizzante o Contratto di Mestiere (art. 4 D.Lgs. 14 settembre 2011, n.167)

ALLEGATO I. Apprendistato Professionalizzante o Contratto di Mestiere (art. 4 D.Lgs. 14 settembre 2011, n.167) Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE

Dettagli

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale.

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Norme per l esercizio delle attività di vendita al dettaglio in sede fissa. Decreto legislativo 31 marzo

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA

RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA 16 maggio 2014 Avv. Marcello Giustiniani www.beplex.com Il trasferimento d azienda e di ramo d azienda A) La nozione di trasferimento d azienda (art. 2112,

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R. 917/1986.

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R. 917/1986. RISOLUZIONE n. 313/E Roma, 21 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R.

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

INFORMATIVA E TAVOLA DI RAPPORTO DEI DOCUMENTI ELENCATI NELLA S.C.I.A. CON I SINGOLI CASI (allegare alla S.C.I.A.)

INFORMATIVA E TAVOLA DI RAPPORTO DEI DOCUMENTI ELENCATI NELLA S.C.I.A. CON I SINGOLI CASI (allegare alla S.C.I.A.) INFORMATIVA E TAVOLA DI RAPPORTO DEI DOCUMENTI ELENCATI NELLA S.C.I.A. CON I SINGOLI CASI (allegare alla S.C.I.A.) AVVERTENZE PER LA PRESENTAZIONE DELLA S.C.I.A. La S.C.I.A. deve essere depositata in due

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

SETTORE AFFARI GENERALI E SERVIZI DEMOGRAFICI Servizio Affari Generali

SETTORE AFFARI GENERALI E SERVIZI DEMOGRAFICI Servizio Affari Generali COMUNE DI COTIGNOLA PROVINCIA DI RAVENNA Piazza Vittorio Emanuele II n.31-48010 Cotignola (RA) Telefono: 0545/908811 - Telefax: 0545/41282 P.IVA 00148580392 e-mail: comunecotignola@racine.ra.it SETTORE

Dettagli

OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003

OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003 Direzione Regionale del Piemonte Ufficio Fiscalità Generale Torino, 29/01/2003 Prot. n. 03/5727 OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003 Premessa È necessario

Dettagli

CORSO ORDINARIO MAGISTRATURA 2015/2016 ROMA-MILANO-ONLINE NOME E COGNOME TELEFONO CELL.. E-MAIL.. CODICE FISCALE/P.IVA..

CORSO ORDINARIO MAGISTRATURA 2015/2016 ROMA-MILANO-ONLINE NOME E COGNOME TELEFONO CELL.. E-MAIL.. CODICE FISCALE/P.IVA.. CORSO ORDINARIO MAGISTRATURA 2015/2016 ROMA-MILANO-ONLINE NOME E COGNOME INDIRIZZO.. CITTA.. TELEFONO CELL.. FAX. E-MAIL.. CODICE FISCALE/P.IVA.. SEDE DI ROMA EURO 1.220,00 IVA INCLUSA SEDE DI MILANO EURO

Dettagli

36%. Chiarimenti ministeriali.

36%. Chiarimenti ministeriali. SERVIZIO INFORMATIVO ANGAISA 36%. Chiarimenti ministeriali. Circolare Agenzia Entrate n. 24 del 10.06.2004 Circolare Ministerale - Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Normativa e Contenzioso - 10

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO Via Brera 21, 20121 Milano Capitale sociale i.v. Euro 306.612.100 Codice fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro imprese di Milano n. 07918170015 Soggetta ad attività di direzione e coordinamento

Dettagli