Via S. Donato 42/ Firenze. Largo Caduti del Lavoro, Bologna. Via N. Tommaseo, Padova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Via S. Donato 42/1 50127 Firenze. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 Bologna. Via N. Tommaseo, 67 35131 Padova"

Transcript

1 AREA COORDINAMENTO Via Torino, Roma Tel Fax Prot. N. ACIU (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 28 febbraio 2006 A Al Al Al AGEA - Uff. Monocratico - Area Controlli - Area Aut. Pagamenti SEDE A.R.T.E.A. Via S. Donato 42/ Firenze A.G.R.E.A. Largo Caduti del Lavoro, Bologna A.V.E.P.A Via N. Tommaseo, Padova Organismo Pagatore della Regione Lombardia Piazza IV novembre, Milano A.R.B.E.A. via della Chimica, snc Potenza Finpiemonte Via Bogino, Torino Centro Assistenza Agricola Coldiretti S.r.l. Via XXIV Maggio, ROMA C.A.A. Confagricoltura S.r.l. Corso Vittorio Emanuele II, ROMA C.A.A. CIA S.r.l. Lungotevere Michelangelo, ROMA

2 Al CAA Copagri S.r.l. Via Isonzo, ROMA. Al Coordinamento CAA c/o CAALPA Via L. Serra, Roma c/o CAA CANAPA Via Rovigo, Roma Oggetto: chiarimenti in ordine all applicazione della circolare AGEA prot. ACIU del 30 novembre Si fa riferimento alla circolare in oggetto per fornire, tenuto conto delle richieste pervenute alla scrivente Area, alcuni chiarimenti concernenti le fattispecie di cui all allegato alla presente (allegato 1). L allegato stesso, redatto in forma di quesiti e risposte, sarà disponibile sul sito dell AGEA (www. agea.gov.it) per pronta consultazione. Si invitano gli operatori del settore e tutti gli interessati a voler operare conformemente nell affrontare le casistiche afferenti ai rispettivi ambiti di competenza. IL DIRETTORE DELL AREA COORDINAMENTO F.to Giancarlo Nanni

3 ALLEGATO 1 1. Doppia firma e modulo di trasferimento La doppia firma sul modulo di trasferimento titoli previsti in ottemperanza all obbligo comunitario di prevedere che sia il cedente a segnalare il trasferimento, appare meccanismo da rendere omogeneo nei possibili percorsi applicativi. Riteniamo che a garanzia sia dell obbligo comunitario che di una operatività funzionale si possano prevedere i seguenti percorsi: - Modulo di trasferimento titoli con entrambe le firme autenticate con i rispettivi documenti di identità in copia. (con apposizione temporalmente congiunta all atto della stampa) - Modulo di trasferimento titoli con entrambe le firme autenticate con i rispettivi documenti di identità in copia. (con apposizione temporalmente disgiunta) - Volontà di trasferimento titoli chiaramente esplicitata da parte del cedente nell atto che supporta il trasferimento stesso (esempio compravendita e/o affitto), in questo caso non appare necessario acquisire nuovamente la volontà del cedente con la firma del modulo di trasferimento. Può essere corretta questa impostazione? Sì, con riferimento ai primi due casi; nel terzo caso, invece, mancherebbe da parte del cedente la manifestazione della volontà di registrare il trasferimento (e quindi di renderlo produttivo di effetti nei confronti dell AGEA). 2. Utilizzo e Trasferimenti dei titoli A partire dalla campagna 2006, è necessario chiarire quali sono le regole per i trasferimenti dei titoli e per il loro utilizzo. In particolare, il produttore dopo aver utilizzato i titoli nella domanda di premio unico del 15 maggio 2006 a chi può trasferirli ed in quali zone omogenee può utilizzarli? Es. un produttore che dispone di 20 titoli nel 2006, utilizza 10 titoli su 10 ettari di superficie ammissibile in Lombardia (Italia settentrionale pianura) ed i restanti 10 titoli associati a 10 ettari situati in Sicilia (Italia Meridionale collina). A chi potrà trasferire i titoli nell ambito del territorio nazionale? Dove potranno essere utilizzati nell ambito del territorio nazionale? L utilizzo ed il trasferimento sono vincolati alle zone omogenee e con quali modalità? In materia di trasferimento dei titoli occorre far riferimento al DM del 5 agosto 2004, art. 10, comma 4, che recita i trasferimenti dei titoli all aiuto possono avvenire solo all interno delle regioni omogenee così come individuate nell allegato A del DM n. D/118 del 24 marzo Alla luce di ciò, l utilizzo dei titoli è libero e non limitato alle sole zone omogenee. 3. Quali sono gli atti con cui è possibile trasferire titoli e/o terreni nel caso della successione anticipata? Nell ambito della documentazione prevista per la fattispecie 3.1 (Allegato 4 elenco documentazione giustificativa per fattispecie per la gestione del registro titoli) è necessario chiarire se nelle copie degli atti rientrano anche l affitto, il comodato ed altri titoli di conduzione così come già avvenuto per la ricognizione preventiva.

4 A) In sostanza, e in via più generale, si chiede di confermare esplicitamente che le casistiche riportate negli allegati alla circolare AGEA prot. n. ACIU : successione anticipata, cambiamento di forma giuridica, scissione e fusione, vanno individuate secondo le definizioni utilizzate per la ricognizione preventiva. B) Bisogna considerare peraltro che è prassi comune, nelle zone più marginali, nei casi di trasferimento di azienda da padre a figlio o comunque ad una persona successibile, solo delle fatture di vendita dei beni mobili, compilazione delle autocertificazioni giustificative e successiva chiusura della partita IVA della vecchia azienda. E' possibile, avendo solo questa documentazione, giustificare la fattispecie della successione anticipata? C) Infine, se la successione anticipata è relativa ad un trasferimento di soli titoli, è sufficiente l acquisizione di una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà da parte del dante causa che espliciti la volontà del passaggio definitivo dei titoli al soggetto che succede? A) Per quanto concerne la copia dell atto di cui all allegato 4, punto 3.1, della circolare ACIU del 30 novembre 2005, occorre far riferimento a quanto espressamente indicato nel D.M. del 5 agosto 2004, all art. 3, paragrafo 1: nella definizione di successione anticipata di cui all art. 33 del Reg. CE n. 1782/03 del Consiglio rientrano : a) il consolidamento dell usufrutto in capo al nudo proprietario b) tutti i casi in cui un agricoltore abbia ricevuto a qualsiasi titolo l azienda o parte dell azienda precedentemente gestita da altro agricoltore, al quale il primo può succedere per successione legittima. Ciò importa che la successione anticipata non è il titolo del trasferimento, ma una qualificazione specifica di un trasferimento, indipendentemente dal titolo di questo: in altri termini, sul piano logico vi è prima il trasferimento dell azienda tra due soggetti, che avverrà secondo le forme negoziali stabilite liberamente dagli interessati (con la tipologia di atto che avranno scelto), e poi la qualificazione di tale trasferimento come successione anticipata, tenuto conto del fatto che tra gli stessi interessati sussiste una relazione tale per cui l uno può succedere all altro per successione legittima. B) Per quanto concerne la prassi evidenziata, la mancata presenza di un atto di trasferimento (a qualsiasi titolo) dei terreni non consente di attuare un passaggio effettivo di azienda. Pertanto non è possibile giustificare la fattispecie della successione anticipata con i soli documenti indicati. C) La successione anticipata riferita al trasferimento di soli titoli è possibile solo a titolo definitivo, gratuito o oneroso. È in ogni caso richiesto un atto di trasferimento, che segue le forme di legge (nel caso di trasferimento a titolo gratuito, sarà necessario l atto pubblico). 4. Cosa s intende per nucleo familiare Nell ambito delle fattispecie 1.2 e 2.1 (vendita/affitto terra e titoli tra tre soggetti) di cui all allegato 4 (elenco documentazione giustificativa per fattispecie per la gestione del registro titoli) della circolare ACIU del 30 novembre 2005 si riporta che : Nel caso in cui i soggetti cedenti siano due (proprietario dei titoli e proprietario dei terreni): viene richiesta la dichiarazione sostitutiva delle parti coinvolte relativa alla relazione tra le parti stesse (è ammessa solo per membri dello stesso nucleo familiare e per soci di una società o di una cooperativa). Considerato che il nucleo familiare è composto anche da soggetti diversi, si propone che per nucleo familiare si debba intendere soggetti con legami di parentela fino al 4 grado, di affinità fino al 2 grado e di coniugio e non esclusivamente i membri risultanti nello stato di famiglia. A tal fine si propone quale documentazione giustificativa da presentare a supporto di tale casistiche una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà nella quale si attesta il legame di parentela, affinità o coniugio.

5 Le fattispecie sopra indicate si riferiscono ad una agevolazione concessa in relazione a situazioni in cui, nell ambito di una conduzione aziendale unitaria, la proprietà della terra e dei titoli sia in capo a soggetti diversi. Essa è pertanto limitata ai casi in cui sussista un legame di convivenza familiare o societario. Ciò premesso, si ritiene possibile estendere detta agevolazione ai casi in cui la diversa proprietà dei titoli e della terra sia riconducibile ad un nucleo familiare così come risultante dallo stato di famiglia o da uno o più certificati storici-anagrafici che soli attestano l appartenenza allo stesso nucleo familiare. 5. Nuovo Agricoltore Premesso che ai sensi dell art. 2, lett. k, del regolamento (CE) n. 795/04 il nuovo agricoltore è: 1. una persona fisica o giuridica che non ha esercitato a proprio nome e per proprio conto alcuna attività agricola, né ha esercitato il controllo su una persona giuridica dedita ad attività agricola NEI CINQUE ANNI PRECEDENTI l inizio della nuova attività agricola 2. un agricoltore che ha iniziato l attività agricola dopo il 31 dicembre 2002, o nel 2002 ma senza ricevere alcun pagamento diretto in tale anno (art. 42, par. 3, del Reg. 1782/03); Si chiede conferma del fatto che gli agricoltori che hanno iniziato l attività nel periodo dal 2003 al 2005 non possono essere considerati nuovi nel E altresì necessario chiarire se un agricoltore che ha avviato la sua attività agricola nel 2005 dopo la presentazione della domanda unica e senza aver presentato nessun altro atto amministrativo possa risultare nuovo agricoltore anche per il Si deve distinguere: 1 Nuovo agricoltore ai sensi dell articolo 42, paragrafo 3, del regolamento (CE) n. 1782/2003 (condizione per accedere alla riserva nazionale) è l agricoltore che ha iniziato l attività agricola dopo il 31 dicembre 2002 (o durante il 2002 senza ricevere premi) e che, ai sensi dell articolo, lettera k, del regolamento (CE) n. 795/2004, non ha esercitato a proprio nome e per proprio conto alcuna attività agricola, né ha esercitato il controllo su una persona giuridica dedita ad attività agricola NEI CINQUE ANNI PRECEDENTI l inizio della nuova attività agricola. 2 Nuovo agricoltore ai sensi dell articolo 37, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1782/2003 (calcolo dei titoli con media diversa nel periodo di riferimento), l agricoltore che ha iniziato l attività agricola nel periodo di riferimento e che, ai sensi dell articolo, lettera k, del regolamento (CE) n. 795/2004, non ha esercitato a proprio nome e per proprio conto alcuna attività agricola, né ha esercitato il controllo su una persona giuridica dedita ad attività agricola NEI CINQUE ANNI PRECEDENTI l inizio della nuova attività agricola. 3 Nuovo agricoltore ai sensi dell articolo 9, paragrafo 1, ultimo comma, del regolamento (CE) n. 795/2004 (nuovo agricoltore che acquista titoli), l agricoltore che ha iniziato l attività agricola nella campagna oggetto di trasferimento dei titoli e che, ai sensi dell articolo, lettera k, del regolamento (CE) n. 795/2004, non ha esercitato a proprio nome e per proprio conto alcuna attività agricola, né ha esercitato il controllo su una persona giuridica dedita ad attività agricola NEI CINQUE ANNI PRECEDENTI l inizio della nuova attività agricola. 6. Utilizzo dei titoli da parte del nuovo agricoltore Atteso che ad un "nuovo agricoltore" verranno attribuiti titoli da riserva con il vincolo dell'utilizzo di 5 anni, può tale agricoltore fondersi e costituire con altri una società? Allo stesso tempo se il nuovo agricoltore fosse rappresentato da una società di 2 fratelli, gli stessi possono scindere la società e costituire due ditte individuali? (La normativa prevede un divieto al trasferimento dei titoli da riserva; ma non prevede che, in caso di trasferimento indebito, essi siano trattenuti).

6 Occorre far riferimento all art. 42, par. 8, del Reg. CE n. 1782/03, che recita: Tranne in caso di trasferimento per via ereditaria effettiva o anticipata e in deroga all'articolo 46, i diritti fissati utilizzando la riserva nazionale non sono trasferiti per un periodo di cinque anni a decorrere dalla loro attribuzione. In deroga all'articolo 45, paragrafo 1, un diritto non utilizzato in ciascun anno del suddetto quinquennio riconfluisce immediatamente nella riserva nazionale. Pertanto non è possibile trasferire i titoli ricevuti dalla riserva nazionale, se non in caso di successione. Tuttavia, tenuto conto delle caratteristiche specifiche delle situazioni di cui all art. 33, parr. 2 e 3, del Regolamento sopra citato, nonché dell art. 2, lett. k), del Reg. CE n. 795/04, si deve ritenere possibile il trasferimento anche nei casi di mutamento di forma giuridica o di denominazione, fusione e scissione, se il soggetto controllante non cambia. Il cambiamento dei soggetti controllanti si ha quando è diverso l assetto del controllo del nuovo soggetto giuridico rispetto al vecchio. Ad esempio: - due soggetti detengono oggi il controllo che veniva esercitato ieri solo da uno di essi (il controllo è mutato); - in una società entrano nuovi soci ma il socio controllante rimane quello precedente (il controllo non è mutato); - una società si scioglie, e se ne costituisce un altra tra gli stessi soci, con l aggiunta di un socio nuovo, che non ha il controllo (se chi aveva il controllo della vecchia società lo ha mantenuto anche nella nuova, non c è cambiamento); - una società si fonde con un altra per costituire un nuovo soggetto (se chi aveva il controllo della prima conserva il controllo anche nel nuovo soggetto, non c è mutamento). 7. Chiarimento su una specifica fattispecie legata alla cessione dei titoli Pac contestualmente alla cessione di un'intera azienda (Codice Allegato 2 vendita di titoli con terra di tutta l azienda). Quali delle casistiche di seguito elencate rientrano in questa fattispecie? A) La cessione totale dell'azienda a seguito di vendita totale (attività e passività) di beni immobili, mobili, scorte vive e morte. B) La cessione totale delle attività aziendali (macchinari, scorte vive e morte debiti e crediti) ad esclusione della vendita di terreni e fabbricati, ma con un contestuale contratto di affitto degli stessi (o subentro in contratti già esistenti) a favore del cessionario (viene inteso come una cessione di titoli senza terra?). C) La cessione totale delle attività aziendali (macchinari, scorte vive e morte debiti e crediti) senza passaggio di terreno in alcun modo, se giustificato da una causa di forza maggiore (ad es. i terreni ed i fabbricati erano in possesso dell'ordine Mauriziano che alla scadenza del contratto di affitto li ha venduti all'asta ad un terzo perché l'agricoltore affittuario che li coltivava non ha esercitato il diritto di prelazione, o comunque altri casi dove materialmente non è possibile trasferire terreni). A) se tra i beni immobili rientrano anche i terreni aziendali, si tratta di vendita di titoli con terra. B) C) vendita totale delle attività aziendali ad esclusione dei terreni e fabbricati in quanto dati in affitto e non venduti, oppure perché i terreni e fabbricati sono stati venduti a terzi: si tratta di cessione di titoli senza terra. 8. Caso di cessione di parte di azienda e dei titoli ad esclusione dei terreni Nel caso di cessione di tutti i mezzi produttivi di un'azienda (macchinari, scorte vive e scorte morte), ma non del terreno (in quanto il titolare era affittuario dei terreni che componevano la stessa), tra due persone che non possono rientrare in alcun modo in un rapporto riconducibile alla successione

7 anticipata, è possibile cedere anche i titoli che l'agricoltore originario aveva prodotto senza incorrere nelle trattenute della vendita senza terra (50 % fino al 2007 e 30% dal 2008 in poi), ma considerarlo come una cessione di totale di azienda e pertanto assoggettata ad una trattenuta del 5%? Se così fosse sono sufficienti le fatture di vendita di tutto il movibile, oppure sarà comunque necessario un atto notarile? Oppure viene considerata come una vendita di titoli senza terra? Si tratta di una vendita di titoli senza terra. 9. Controllo del requisito dello status di agricoltore La regolamentazione comunitaria prevede che i trasferimenti dei titoli possano avvenire solo tra agricoltori. Nel caso di trasferimento di tutta l'azienda tale principio è derogabile? La verifica dello status di agricoltore viene fatto al momento della presentazione della Domanda Unica La verifica verrà fatta su entrambi i soggetti sia il cedente che l'acquirente? Chi cede dovrà avere a disposizione almeno metri di terreno e la Partita Iva attiva? Sarà necessaria, al fine di dimostrare di essere agricoltore, la presentazione di una Domanda Unica? In assenza di Partita Iva sarà possibile trasferire titoli? Se la superficie a disposizione del cedente è superficie utilizzata alla coltivazione di colture non ammissibili al Regime di Pagamento Unico potrebbe essere sufficiente avere il Piano colturale aggiornato e di conseguenza il Fascicolo validato per dimostrare lo status di agricoltore? L art. 46, par. 1 del Reg. CE n. 1782/03 recita : I diritti all'aiuto possono essere trasferiti unicamente a un altro agricoltore stabilito nello stesso Stato membro, salvo in caso di successione o anticipo di successione mentre l art. 1, lettera a), del citato regolamento definisce l agricoltore come una persona fisica o giuridica o un'associazione di persone fisiche o giuridiche, indipendentemente dalla personalità giuridica conferita dal diritto nazionale all'associazione e ai suoi membri, la cui azienda si trova nel territorio della Comunità ai sensi dell'articolo 299 del trattato e che esercita un'attività agricola. Si precisa al riguardo che lo status di agricoltore viene verificato al momento dell utilizzo dei titoli. Ne deriva che in caso di trasferimento di tutta l azienda, mentre il soggetto che trasferisce è sicuramente un agricoltore (altrimenti non avrebbe ricevuto titoli), il soggetto che acquisisce l azienda stessa ed i titoli attesta l esercizio dell attività agricola mediante la costituzione del fascicolo aziendale. 10. Sarà possibile revocare un trasferimento di titoli temporaneo ancora in essere? A) A fronte di un affitto di terreni e titoli, ai sensi dell art. 27 del Reg. CE 795/04, con scadenze varie nei prossimi anni (2008, 2009, 2010) le parti hanno raggiunto degli specifici accordi con cui si considera annullato il rapporto di affittanza. In questo caso la parte proprietaria vorrebbe rientrare nel pieno possesso, oltre che dei terreni, anche dei titoli PAC. È possibile ciò? B) Nel caso in cui le parti si accordino oggi di trasformare il contratto di affitto di terreni e titoli con scadenza nel 2007 in un trasferimento definitivo di terreni e titoli, come si potrà gestire la fattispecie all interno del registro Titoli? A) Il proprietario può rientrare in possesso oltre che dei terreni anche dei titoli, e per tale fattispecie può utilizzare la fattispecie relativa al rientro anticipato dall affitto (rientro dal trasferimento temporaneo). B) Qualora, invece, il proprietario intendesse trasformare il contratto di affitto di terreni e titoli con scadenza nel 2007 in un trasferimento definitivo di terreni e titoli all affittuario, attraverso le procedure

8 messe a disposizione, si dovrebbero eseguire due distinte operazioni. Con la prima, si effettuerà il rientro anticipato dal contratto di affitto dei terreni e dei titoli; con la seconda, il trasferimento dei titoli con la terra all affittuario. 11. Ammissibilità del terreno che sostiene il trasferimento (credo che su questo occorre fare una riflessione) L ammissibilità del terreno è condizione indispensabile per sostenere il trasferimento sia in caso di affitto che in quello di vendita? Cioè gli ettari indicati nella domanda di trasferimento devono essere sempre e comunque ammissibili. Altrimenti si potrebbero trasferire 100 titoli con 100 ettari di bosco e farlo classificare come vendita di terra con titoli. Occorre tenere conto del considerando 30 del Reg. CE n. 1782/03, che recita: L'importo complessivo a cui un'azienda ha diritto dovrebbe essere suddiviso in quote (diritti all'aiuto) e rapportato ad un determinato numero di ettari ammissibili da definirsi, per facilitare il trasferimento dei diritti al premio. Per evitare trasferimenti speculativi che darebbero luogo all'accumulazione di diritti senza una corrispondente base agricola, all'atto di concedere l'aiuto occorrerebbe stabilire un legame tra i diritti ed un certo numero di ettari ammissibili. Inoltre, l art. 46, par. 2, del Reg. (CE) n. 1782/03 specifica che: I diritti all'aiuto possono essere trasferiti a titolo oneroso o mediante qualsiasi altro trasferimento definitivo con o senza terra. L'affitto o altri tipi di cessione sono consentiti soltanto se al trasferimento dei diritti all'aiuto si accompagna il trasferimento di un numero equivalente di ettari ammissibili.. Si deve inoltre fare riferimento all art. 2, lettera i), del Reg. CE n. 795/04, che definisce il "trasferimento o vendita o affitto di diritti all'aiuto con la terra corrispondente", la vendita o l'affitto di diritti all'aiuto insieme alla vendita o rispettivamente all'affitto di un numero di ettari corrispondenti di superficie ammissibile, ai sensi dell'articolo 44, paragrafo 2, detenuti dal cedente. Pertanto l ammissibilità del terreno è condizione indispensabile per sostenere ogni tipo di trasferimento. 12. Regime semplificato e trasferimento titoli I titoli relativi alle aziende che hanno aderito all'ultimo anno al regime semplificato si considerano utilizzati in modo tale che sia possibile, già da quest'anno (2006), trasferire i titoli anche senza terra.? L art. 46, par.2, secondo comma del Reg. CE n. 1782/03 un agricoltore può trasferire i suoi diritti all'aiuto senza terra soltanto dopo aver utilizzato, ai sensi dell'articolo 44, almeno l'80% dei suoi diritti all'aiuto per almeno un anno civile, oppure dopo aver ceduto volontariamente alla riserva nazionale tutti i diritti all'aiuto non utilizzati nel primo anno di applicazione del regime di pagamento unico. I titoli delle aziende che hanno aderito all'ultimo anno al regime semplificato sono considerati come utilizzati al 100 % e pertanto è possibile trasferirli. 13. Titoli da Riserva e contratto d affitto A) Nel caso in cui un produttore ha ottenuto titoli da riserva con affitto con durata di 5 anni è possibile dopo il primo anno modificare il contratto di affitto sostituendo le superfici indicate con altre? L'importante è utilizzare i titoli da riserva su terreni ammissibili per i successivi 4 anni altrimenti si perdono i titoli stessi. Sembra quindi che la sostituzione dei terreni con un accordo modificativo del contratto (fermi restando gli stessi contraenti e le altre condizioni contrattuali) non infici il rispetto del vincolo. B) Come ci si comporta invece nel caso di recesso o risoluzione consensuale del contratto e di costituzione di un nuovo rapporto contrattuale di affitto fra soggetti diversi?

9 A) È possibile modificare dopo il primo anno il contratto di affitto sostituendo le particelle iniziali con altre, fermo restando l utilizzo dei titoli da riserva su terreni ammissibili e che i contraenti rimangano gli stessi così come le altre condizioni contrattuali (durata contratto, ecc). B) È possibile recedere dal contratto ma occorre considerare il vincolo dei titoli da riserva (non si possono trasferire per 5 anni). Pertanto il nuovo contratto, con il quale chi ha ricevuto titoli dalla riserva prende in affitto terreni da un soggetto diverso, dovrà comunque avere una durata tale da completare il periodo di cinque anni, e non sono ammessi contratti annuali. Ciò anche in considerazione del fatto che i titoli sono stati ottenuti dalla riserva perché era stato stipulato un contratto di durata quinquennale. 14. Applicazione di doppia fattispecie Come viene disciplinato un eventuale doppio trasferimento? Per esempio: padre che divide l azienda tra i due figli attraverso una successione anticipata al 50% di terra e titoli; i due fratelli successivamente fondono le rispettive aziende costituendo una società semplice. Il sistema come consente di operare ed attraverso quali tempi tra una fattispecie e l altra. Si dovrà ricorrere alla successiva applicazione di diverse fattispecie, secondo la successione logica degli eventi. 15. Chiusura azienda e trasferimento A) Per dimostrare la chiusura di azienda, quale documento si deve produrre? E sufficiente la chiusura della Partita Iva e per quanto tempo? B) Se l agricoltore che cessa l azienda aveva ricevuto la stessa per successione anticipata a maggio 2005, il terreno ed i titoli tornano al dante causa? Attraverso quale fattispecie? A) Il produttore attesta la cessazione o chiusura dell attività mediante apposita dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà. B) Nel caso di successione anticipata, al dante causa tornano indietro i terreni ma non anche i titoli. 16. Trasferimento di titoli non utilizzati Se un agricoltore cessa la sua attività senza aver utilizzato almeno l 80% dei titoli, può operare il trasferimento e se si attraverso quale fattispecie? Il produttore può trasferire i titoli tramite la sola successione anticipata o scegliendo di restituire i titoli non utilizzati alla Riserva Nazionale nel primo anno di applicazione del regime di pagamento unico, ai sensi dell art. 46, par. 2, secondo comma, del Reg. CE n. 1782/03, che dispone che un agricoltore può trasferire i suoi diritti all'aiuto senza terra soltanto dopo aver utilizzato, ai sensi dell'articolo 44, almeno l'80% dei suoi diritti all'aiuto per almeno un anno civile, oppure dopo aver ceduto volontariamente alla riserva nazionale tutti i diritti all'aiuto non utilizzati nel primo anno di applicazione del regime di pagamento unico. 17. Trasferimento titoli da cessione attività I titoli siano stati assegnati ad una ditta Eredi di.. e gli stessi affittati a terzi, ai sensi dell art. 27 del Reg. CE 795/04. La suddetta ditta a fine 2005 ha cessato l attività. Sarà possibile trasferire ai singoli componenti della suddetta ditta cessata i titoli trasferiti a terzi?

10 Ad esempio: Due soggetti A e B, proprietari del terreno e contitolari della società A&B, affittano alla società A&B (che ha maturato titoli) i terreni con possibilità di subaffitto. A) La società A&B potrà affittare ad A (già proprietario dei terreni e contitolare della società stessa) terra e titoli? B) La società A&B potrà vendere ad A (già proprietario dei terreni e contitolare della società A&B) i soli titoli (senza terra) senza alcuna trattenuta, rientrando nella casistica della successione anticipata? C) Sempre in merito al punto di cui sopra, se una società non viene sciolta, ma vuole ripartire i beni tra i soci come dovrà essere trattata? Sarà ammessa una scissione parziale? D) Questi casi come possono essere altrimenti trattati dal momento che non esistono atti di scioglimento o modifiche dello statuto? A) L art. 21 della legge 3 maggio 1982, n. 203, dispone che il locatore ha la facoltà di far valere la nullità del contratto di subaffitto nel termine di quattro mesi, spirato il quale il subconduttore subentra nel contratto di affitto al conduttore originario. L ipotesi proposta sembra dunque inapplicabile. B) si tratta di una cessione di titoli senza terra, e non di una successione anticipata. C) D) La ripartizione dei beni tra i soci è possibile mediante scissione. 18. Utilizzazione del titolo ceduto La circolare prot. n. ACIU precisa che nel caso di trasferimenti dei titoli intervenuti dopo il 31 marzo di ciascun anno, il titolo trasferito può essere dichiarato in una domanda di pagamento unico solo nell anno successivo. Deve però essere chiarito che questa limitazione si applica solo nei confronti del soggetto che ha acquisito il titolo e non già anche al cedente nell anno in cui viene effettuato il trasferimento. In caso contrario si lascerebbe inutilizzato un titolo disaccoppiato per un anno. La limitazione si applica solo per il cessionario. 19. Disponibilità del titolo ceduto e calcolo dei diritti nel caso di prodotti disaccoppiati dal 2006 Un agricoltore è titolare di diritti seminativi/carne ma ha anche dati di riferimento storici relativi ai settori disaccoppiati dal 2006 (olio, tabacco, latte e zucchero). A) In che data sarà effettuato il calcolo dei suoi diritti definitivi? Tale calcolo prenderà o meno in considerazione i titoli seminativi/carne nel caso in cui essi siano stati venduti: B) prima del 31 marzo 2005; C) prima dell assegnazione provvisoria dei nuovi titoli; D) prima della domanda di fissazione dei nuovi titoli; E) prima dell assegnazione definitiva? A) i titoli definitivi, comprendenti anche i settori cui la riforma si applica dal 2006, saranno calcolati entro il 31 agosto Il relativo calcolo non prenderà in considerazione i titoli già attribuiti ad un soggetto, ma da questi trasferiti nei casi sub B) e C); saranno invece inclusi nel calcolo nei casi sub D) ed E). 20. Creazione di società semplice Alcune persone fisiche, con titoli definitivi seminativi e che si apprestano ad avere assegnati anche (alcuni di loro) titoli olio, intendono costituire una società semplice.

11 Al fine di trasferire i titoli definitivi seminativi al nuovo soggetto, si può utilizzare la fattispecie n. 4.1 (cambiamento da persona fisica a persona giuridica senza mutazione dei soggetti controllanti) indicata negli allegati della circolare prot. n. ACIU ? Il caso prospettato sembra essere meglio qualificabile come una fusione. Anche in questa ipotesi, peraltro, il trasferimento dei titoli è consentito.

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ Novembre 2014 INDICE Sezione 1: Documentazione e Classificazione dei Cambi di Titolarità... 4 1. TIPOLOGIE DI CAMBI DI TITOLARITÀ... 8 1.1.

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

Le imposte sull acquisto di terreni agricoli

Le imposte sull acquisto di terreni agricoli Le imposte sull acquisto di terreni agricoli Paolo Tonalini - Notaio Nuove imposte di registro dal primo gennaio 2014 Dal primo gennaio 2014 sono entrate in vigore alcune modifiche alle imposte di registro,

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) LE ASSUNZIONI CONGIUNTE IN AGRICOLTURA. Il settore agricolo, in particolar modo per quel che concerne la gestione degli operai

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

PROGRAMMA AMVA APPRENDISTATO E MESTIERI A VOCAZIONE ARTIGIANALE P.O.N. GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA E AZIONI DI SISTE EMA

PROGRAMMA AMVA APPRENDISTATO E MESTIERI A VOCAZIONE ARTIGIANALE P.O.N. GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA E AZIONI DI SISTE EMA ITALIA LAVORO S.P.A. PROGRAMMAA AMVA APPRENDISTATO E MESTIERI A VOCAZIV ONE ARTIGIANALE P.O.N. GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA E AZIONI DI SISTEMA 2007-2013 AVVISO PUBBLICO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale IT 2014 n. 08 Relazione speciale La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? CORTE DEI CONTI EUROPEA CORTE DEI CONTI EUROPEA 12,

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli