La tassazione delle attività finanziarie: temi di aggiornamento La disciplina della collaborazione volontaria in materia fiscale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La tassazione delle attività finanziarie: temi di aggiornamento La disciplina della collaborazione volontaria in materia fiscale"

Transcript

1 BANCA La tassazione delle attività finanziarie: temi di aggiornamento La disciplina della collaborazione volontaria in materia fiscale

2 Il trattamento fiscale degli strumenti finanziari nel risparmio amministrato e gestito 1. Il quadro generale di tassazione delle attività finanziarie e le novità fiscali I redditi diversi: uno schema di sintesi 3. I redditi di capitale: uno schema di sintesi 4. La tassazione dei prodotti di risparmio gestito 5. Il quadro RW: novità 2014

3 D.L. 66/ Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale

4 Se si è residenti nello Stato italiano, il fisco tassa tutti i redditi prodotti in Italia e all estero (worldwide taxation). Se si è non residenti in Italia, il fisco italiano tassa i soli redditi prodotti nel territorio dello Stato (domestic income), perché quelli prodotti all estero si presume siano già tassati (SALVO EVENTUALI CONVENZIONI CONTRO LE DOPPIE IMPOSIZIONI). Di conseguenza, un buon numero di cittadini italiani ha trovato conveniente trasferire la residenza in paesi a più bassa pressione fiscale o, addirittura, in paradisi fiscali. In questo modo essi pagano le imposte italiane solo per la parte di redditi eventualmente prodotta nel territorio dello Stato italiano. La legge finanziaria 1999 ha introdotto un cambiamento. Chi è residente in un paese a regime fiscale privilegiato (compreso cioè nella così detta lista nera ) per il fisco è residente in Italia, salvo che sia in grado di fornire una prova contraria. Rispetto al passato, è stato quindi invertito l onere della prova per quei contribuenti che cerchino di eludere le imposte prendendo la residenza in un paradiso fiscale (articolo 2,comma 2 bis del Tuir, in vigore dal 1 gennaio 1999).

5 Decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917 Gazzetta Ufficiale 31 dicembre 1986, n Supplemento Ordinario TITOLO I - Imposta sul reddito delle persone fisiche - Capo I Disposizioni generali Articolo 1 Presupposto dell'imposta 1. Presupposto dell'imposta sul reddito delle persone fisiche è il possesso di redditi in denaro o in natura rientranti nelle categorie indicate nell'art. 6. TITOLO I - Imposta sul reddito delle persone fisiche - Capo I - Disposizioni generali Articolo 2 Soggetti passivi 1. Soggetti passivi dell'imposta sono le persone fisiche, residenti e non residenti nel territorio dello Stato. 2. Ai fini delle imposte sui redditi si considerano residenti le persone che per la maggior parte del periodo d'imposta sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente o hanno nel territorio dello Stato il domicilio (luogo in cui una persona ha posto la sede principale dei propri interessi o affari) o la residenza ai sensi del Codice civile. 2-bis. Si considerano altresì residenti, salvo prova contraria, i cittadini italiani cancellati dalle anagrafi della popolazione residente e trasferiti in Stati o territori diversi da quelli individuati con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, da pubblicare nella Gazzetta Ufficiale. (1)

6

7 Perché è necessario distinguere fra redditi di capitale e redditi diversi? Sapere se un reddito è di un tipo o dell altro è fondamentale perché essi sono assoggettati a diversi meccanismi di tassazione e, soprattutto, non sono compensabili fra di loro. Occorre allora chiedersi quali siano i redditi di capitale e i redditi diversi delle differenti macro-categorie di attività finanziarie. REDDITI DI CAPITALE REDDITI DIVERSI CEDOLE E SCARTI DI EMISSIONE PLUSVALENZE/MINUS VALENZE AZIONI DIVIDENDI PLUSVALENZE/MINUS VALENZE DERIVATI NESSUNO PLUSVALENZE/MINUS VALENZE VALUTE NESSUNO PLUSVALENZE/MINUS VALENZE TITOLI A REDDITO FISSO

8 Più complesso è il caso delle quote di fondi comuni di investimento (cui sono equiparate, dal punto di vista tributario, le azioni di SICAV). A seconda dei casi, da esse possono derivare redditi di capitale (proventi su parti di OICR) e redditi diversi (perdite su parti di OICR). REDDITI DI CAPITALE REDDITI DIVERSI PROVENTI PERDITE

9

10

11 Cosa accade invece per i redditi diversi (plus e minusvalenze) su azioni, obbligazioni, derivati e valute realizzati dopo 1 luglio 2014? Dal 1 luglio 2014 il vecchio prezzo di carico fiscale (costo di acquisto o sottoscrizione) può essere sostituito dal prezzo di mercato al 30 giugno 2014 a condizione che in caso di regime di risparmio amministrato il contribuente: - abbia optato per il calcolo delle plus/minusvalenze a quella data, dando disposizione all intermediario entro il di affrancare le plus/minuvalenze maturate alla data del L affrancamento si estende a tutti gli strumenti finanziari presenti nel dossier a quella data.; - abbia provveduto al versamento dell imposta entro il 16 novembre 2014 mettendo a disposizione dell intermediario la provvista. Ove non si sia provveduto all affrancamento, l aliquota del 26% si applica sull intero reddito, anche se maturato in esercizi precedenti.

12 Cosa accade alle minusvalenze realizzate entro il ? Mantengono la loro scadenza consueta ante cambiamento di aliquota (lo stesso periodo di imposta e i quattro successivi), ma il loro importo viene decurtato per tener conto del cambiamento di aliquota ad un ammontare pari al 76,92% del loro valore (20%/26%=76,92%). Nel caso di minusvalenze realizzate prima del , il relativo importo è ridotto al 48,08% del loro ammontare (12,50%/26%=48,08%). Gli stessi criteri si applicano ai risultati negativi di gestione maturati sulle gestioni patrimoniali sino al

13 Che cosa accade, dopo il , agli OICR che investono in strumenti finanziari con tassazione al 12,50%? E alle gestioni patrimoniali? La quota di risultato derivante da titoli di Stato italiani ed equiparati e titoli di Stato esteri di paesi della white list fuoriesce dal risultato tassabile al 26% e sconta il 12,50% sulla base di un criterio così detto forfetario di tipo patrimoniale, in base al quale la quota dei proventi riferibile a titoli pubblici è determinata in proporzione alla percentuale media dell attivo investita, direttamente o indirettamente, nei titoli medesimi a prescindere dalla effettiva redditività degli stessi. In particolare, la percentuale media è rilevata sulla base degli ultimi due prospetti, semestrali o annuali, redatti entro il semestre solare anteriore alla data di distribuzione dei proventi, di riscatto, cessione o liquidazione delle quote o azioni. Anche nel caso delle gestioni patrimoniali la quota parte di risultato derivante da titoli di Stato italiani ed equiparati e titoli di Stato esteri di paesi della white list fuoriesce dal risultato tassabile al 26% e continua a scontare il 12,50%. Nel caso di GPM, sulla base della quota parte di risultato effettivamente derivante da titoli di Stato ed equiparati al 12,50%. Nel caso di GPF sulla base del criterio fortettario di tipo patrimoniale applicato ai fondi inseriti nella gestione.

14

15 Regime della dichiarazione dei redditi Con il regime della dichiarazione sono tassati i redditi diversi di natura finanziaria realizzati attraverso la cessione di attività finanziarie: tali redditi sono assoggettati a imposta in sede di modello Unico. Il regime della dichiarazione consente di compensare tutte le plusvalenze e le minusvalenze realizzate nel corso dell anno. Non consente di mantenere l anonimato fiscale

16 Regime del risparmio amministrato Con il regime del risparmio amministrato sono tassati i redditi diversi realizzati attraverso la cessione di attività finanziarie: ciò avviene operazione per operazione e l imposta dovuta è misurata e versata da parte dell intermediario. Il regime del risparmio amministrato consente di compensare le plusvalenze con le minusvalenze precedentemente conseguite presso lo stesso intermediario e di riportare a nuovo (fino al quarto anno successivo) le eccedenze negative. Consente di mantenere l anonimato fiscale.

17 Regime del risparmio gestito La tassazione, calcolata sulla base del principio della maturazione del risultato di gestione, colpisce il complesso dei redditi di capitale e dei redditi diversi imputati al patrimonio gestito. Tale regime ha coinvolto i fondi comuni di diritto italiano sino al e, anche dopo tale data, continua a coinvolgere le gestioni individuali di portafoglio (GPM e GPF). Il regime del risparmio gestito consente di compensare i redditi delle due categorie. Permette di riportare a nuovo, nei periodi di imposta successivi, i risultati negativi di gestione. Consente di mantenere l anonimato fiscale.

18

19 L opzione per il regime del risparmio amministrato deve essere esercitata con dichiarazione sottoscritta all atto della stipula del contratto e, nel caso dei rapporti già in essere, anteriormente all inizio del periodo di imposta. L opzione ha effetto per un intero periodo di imposta e può essere revocata entro la fine di ciascun anno solare, con effetto dal periodo di imposta successivo. Le plus/minusvalenze sulle diverse attività finanziarie emergono dalla differenza tra prezzi di vendita e di acquisto, tenendo conto che: - gli oneri di diretta imputazione sono deducibili dagli stessi (le commissioni di intermediazione sono sommate al prezzo di acquisto e dedotte dal prezzo di vendita); -nel caso di acquisti stratificati, occorre determinare il prezzo di carico dei titoli (esempio: acquisto 1 titolo Alfa al prezzo di 11 euro; successivamente acquisto 1 titolo Alfa al prezzo di 10; infine vendo 1 titolo Alfa al prezzo di 12 euro. A quanto ammonta la plusvalenza?

20 Nel caso di titoli appartenenti a categorie omogenee (per esempio: azioni ordinarie di una stessa società,acquistate a più riprese e a prezzi diversi),il prezzo di carico viene determinato: con il criterio LIFO, se il contribuente è nel regime della dichiarazione dei redditi, con il criterio del costo medio ponderato, se il contribuente ha optato per il regime del risparmio amministrato. Con riferimento all esempio precedente, nel regime della dichiarazione, applicando il criterio LIFO (il prezzo di carico del titolo venduto è quello dell ultimo titolo acquistato), la plusvalenza è pari a 2, sulla base della differenza tra 12 e 10. Nel regime del risparmio amministrato, applicando il criterio del costo medio ponderato (il prezzo di carico è il prezzo medio dei titoli acquistati, ponderato con le quantità acquistate), la plusvalenza è invece pari a 1,5. Allegato 1 (tabella tassazione redditi diversi)

21 TIPOLOGIA DI REDDITO DIVERSO TASSAZIONE Plusvalenze e minusvalenze su azioni e partecipazioni non qualificate 20% (a partire al : 26%) della differenza fra prezzo di vendita e prezzo di acquisto, tenuto conto dei costi di transazione caricati sui prezzi di acquisto e decurtati dai prezzi di vendita. Plusvalenze e minusvalenze su azioni e partecipazioni qualificate Irpef al netto di una franchigia di esenzione del 50,28% (in origine la franchigia era del 60% ed è stata abbassata per tener conto del cambio di Ires). La base imponibile è data dalla della differenza fra prezzo di vendita e prezzo di acquisto, tenuto conto dei costi di transazione caricati sui prezzi di acquisto e decurtati dai prezzi di vendita. Non è ammesso il regime del risparmio amministrato. Plusvalenze e minusvalenze su titoli di stato italiani, titoli emessi dagli enti territoriali italiani, buoni postali fruttiferi e titoli equiparati, oltre che su titoli di stato di paesi della white list Dal l aliquota permane al 12,50% della differenza fra prezzo di vendita e prezzo di acquisto, tenuto conto dei costi di transazione caricati sui prezzi di acquisto e decurtati dai prezzi di vendita. Plusvalenze e minusvalenze su obbligazioni corporate e su titoli di stato di paesi non della white list 20% (a partire al : 26%) della differenza fra prezzo di vendita e prezzo di acquisto, tenuto conto dei costi di transazione caricati sui prezzi di acquisto e decurtati dai prezzi di vendita Plusvalenze e minusvalenze su futures, opzioni, warrant, covered warrant, investment certificates, ETC,ETN ecc.. 20% (a partire al : 26%) della differenza fra prezzo di vendita e prezzo di acquisto, tenuto conto dei costi di transazione caricati sui prezzi di acquisto e decurtati dai prezzi di vendita Plusvalenze e minusvalenze su valute estere nei casi previsti dalla normativa corrente 20% (a partire al : 26%) della differenza fra cambio a pronti alla data di stipula del contratto e cambio a termine stabilito dalle parti in caso di cessione a termine; 20% (a partire al : 26%) sui differenziali di cambio conseguiti nell ipotesi che il controvalore dei depositi e conti correnti in valuta intrattenuti sia superiore a ,69 euro per 7 giorni lavorativi consecutivi. In questo secondo caso, non è ammesso il regime del risparmio amministrato. * Sono partecipazioni qualificate quelle che conferiscono diritti di voto esercitabili nell assemblea ordinaria della società per un ammontare superiore al 2% o al 20%, a seconda che si tratti di società quotate o non quotate.

22

23 Tipologia di reddito di capitale Tassazione Dividendi su azioni e partecipazioni non qualificate 20% (a partire al : 26%) del dividendo incassato. Dividendi su azioni e partecipazioni qualificate Irpef al netto di una franchigia di esenzione del 50,28% (in origine la franchigia era del 60% ed è stata ridotta per tener conto del cambio di aliquota Ires). Cedole e scarto di emissione su titoli di stato italiani, titoli emessi dagli enti territoriali italiani, buoni postali fruttiferi e titoli equiparati, oltre che su titoli di stato di paesi della white list Dal l aliquota permane al 12,50% della cedola e del disaggio di emissione Cedole e scarto di emissione su obbligazioni corporate e titoli di stato di paesi non della white list 20% (a partire al : 26%) della cedola e del disaggio di emissione pro rata temporis (la parte maturata sino al viene tassata alla precedente aliquota). Cedole e altri redditi di capitale sui titoli di risparmio per l economia meridionale 5% del reddito di capitale. Forme di previdenza complementare 11,00% sul risultato netto maturato (dal permane all 11%, salvo quanto sarà definito per il punto successivo). Piani di risparmio a lungo termine appositamente costituiti Non ancora prevista ma inferiore all aliquota standard.

24 4. La tassazione delle forme di risparmio gestito Il tema della tassazione dei prodotti di risparmio gestito impone di distinguere: i fondi comuni di diritto italiano; i fondi comuni di diritto estero armonizzati-ue (regime esteso a tutti i fondi esteri UE e SEE di paesi white list dal 1 luglio Di fatto, tutti i fondi UE, quelli norvegesi e quelli islandesi); gli altri fondi comuni di diritto estero; le gestioni individuali di portafoglio (comprendendo i casi delle gestioni in titoli o GPM e delle gestioni in fondi o GPF.

25 La tassazione dei fondi comuni Tassazione in capo al sottoscrittore FONDI COMUNI DI DIRITTO ITALIANO Per il sottoscrittore persona fisica, il provento (sia l eventuale flusso periodico sia la differenza tra il valore di riscatto, di liquidazione o di cessione e il costo medio ponderato di sottoscrizione o acquisto) è soggetto a imposta del 20% (26% dal ) al momento del realizzo. La quota parte investita in titoli di Stato italiani ed esteri ancora sottoposta al 12,50% sconta pro quota il 12,50% sulla base di un criterio forfetario-patrimoniale. FONDI COMUNI ESTERI UE E FONDI COMUNI ESTERI SEE DI PAESI DELLA WHITE LIST IDEM GLI ALTRI OICR ESTERI (di fatto extra-ue, extra SEE o SEE ma non della white list) Per il sottoscrittore persona fisica, il provento (differenza fra prezzo di vendita e di acquisto) è soggetto a imposta progressiva al momento del realizzo.

26

27 Il sottoscrittore di quote di un fondo comune di investimento può percepire redditi in due forme: attraverso l incasso periodico di un dividendo pagato dal fondo (caso dei c.d. fondi a distribuzione ) o attraverso il riscatto della quota del fondo in un momento successivo rispetto al momento della sottoscrizione. Al riguardo, si consideri, in primo luogo, che mentre il provento periodico può essere positivo o nullo, ma mai negativo, il differenziale tra prezzo di sottoscrizione e di riscatto della quota può anche essere negativo, ovviamente in funzione dei risultati ottenuti dal fondo attraverso la gestione del portafoglio collettivo. Post riforma fiscale, il dividendo periodico e il provento costituiscono redditi di capitale tassati in capo all investitore al momento del realizzo. La perdita costituisce invece un reddito diverso (minusvalenza) e come tale non compensabile con redditi di capitale ma solo con successive plusvalenze su azioni, obbligazioni, derivati e valute.

28 5. Quadro RW del Modello Unico Circ. Ag. Entrate , n. 38/E Alcune domande chiave: 1. Chi deve compilare il quadro RW? 2. Che cosa si indica nel quadro RW? 3. Quindi il limite di euro al di sotto del quale le attività finanziarie all estero e gli investimenti all estero non andavano indicati (valido sino al periodo di imposta 2012), non vale più? 4. Che cosa accade in caso di attività cointestate? 5. Chi è esonerato dalla compilazione del quadro RW? 6. Quali sono le sanzioni per la mancata compilazione del quadro RW? 7. Si tratta di un solo obbligo di monitoraggio?

29 RILIEVI MOSSI DALL UNIONE EUROPEA SULLE GRAVOSE MISURE SANZIONATORIE: conseguenze Legge Europea - Legge n. 97 del 6 agosto 2013 (G.U. n. 194 del 20 agosto 2013) riduce e semplifica gli adempimenti a carico dei contribuenti che detengono attività all estero o attività estere di natura finanziaria; riformula le sanzioni; rivede i compiti degli intermediari ancorandoli alla struttura già prevista dalla normativa antiriciclaggio.

30 IL QUADRO NORMATIVO VIENE INTEGRATO DA: Provvedimento Direttore Agenzia delle Entrate del 18 dicembre 2013, n. 2013/ Circolare Agenzia delle Entrate n. 38/E del 23 dicembre 2013 Provvedimento Direttore Ade del 31 gennaio 2014 Approvazione Modello UNICO PF Quadro RW Bozza Modello dichiarazione spontanea (Voluntary Disclosure) Provvedimento Direttore AdE 19 febbraio 2014 (sospensione nuovi obblighi di sostituzione tributaria su redditi di capitale e diversi)

31 1. Chi deve compilare il quadro RW? Il quadro RW deve essere compilato dalle persone fisiche, enti non commerciali, società semplici ed associazioni artistiche e professionali equiparate residenti in Italia che detengono investimenti all estero e attività estere di natura finanziaria a titolo di proprietà o di altro diritto reale indipendentemente dalle modalità della loro acquisizione. Gli investimenti sono i beni patrimoniali collocati all estero e che sono suscettibili di produrre reddito imponibile in Italia. A titolo esemplificativo: gli immobili situati all estero o i diritti reali immobiliari (ad esempio, usufrutto o nuda proprietà) o quote di essi (ad esempio,comproprietà o multiproprietà), gli oggetti preziosi e le opere d arte che si trovano fuori del territorio dello Stato, le imbarcazioni o le navi da diporto o altri beni mobili detenuti e/o iscritti nei pubblici registri esteri. Le attività estere di natura finanziaria sono quelle attività da cui derivano redditi di capitale o redditi diversi di natura finanziaria di fonte estera.

32 I soggetti obbligati a compilare RW devono includere nel quadro anche: - le partecipazioni in società estere localizzate in Paesi non collaborativi di cui siano, anche indirettamente titolari effettivi ; le partecipazioni detenute attraverso società italiane vanno indicate solo nel caso in cui unitamente a quelle detenute direttamente o per il tramite di entità giuridiche estere, servano ad integrare la titolarità effettiva; - gli investimenti all estero e le attività finanziarie estere detenute da società localizzate in Paesi non collaborativi o entità giuridiche (trust, fondazioni, ecc.) ovunque localizzate di cui siano titolari effettivi. Tale criterio deve essere adottato fino a quando nella catena partecipativa sia presente una società localizzata nei suddetti Paesi e semprechè risulti integrato il controllo secondo la normativa antiriciclaggio.

33 Gli obblighi dei titolari effettivi (art. 1 comma 2, del d. lgs. 231/2007 (lett. u)) La nozione di titolare effettivo prende spunto dalla normativa antiriciclaggio: è il soggetto che in ultima istanza possiede o controlla almeno il 25% di una società o di un entità giuridica, con la particolarità che nel calcolo si computano anche le posizioni dei familiari di cui all articolo 5, comma 5 del Testo unico e si tiene conto, nel caso di possesso o controllo indiretto, dell eventuale effetto demoltiplicativo. Lo status di titolare effettivo è riferibile anche ai soggetti tenuti al quadro RW diversi dalle persone fisiche e cioè agli enti non commerciali e alle società semplici ed equiparate, residenti in Italia.

34 2. Che cosa si indica nel quadro RW? Nel quadro RW va indicata la consistenza degli investimenti e delle attività detenuti all estero nel periodo d imposta, indipendentemente dal valore complessivo degli stessi. Questo obbligo sussiste anche se il contribuente nel corso del periodo d imposta ha totalmente disinvestito. Non è più previsto l obbligo di monitoraggio dei trasferimenti da, verso e sull estero effettuati con riferimento agli investimenti e alle attività detenute all estero

35 3. Quindi il limite di euro al di sotto del quale le attività finanziarie all estero e gli investimenti all estero non andavano indicati (valido sino al periodo di imposta 2012), non vale più? Non è più prevista la soglia di euro al di sotto della quale sino al periodo di imposta 2012 il modulo non deve essere compilato. Le attività all'estero vanno indicate anche se non più detenute al termine del periodo d'imposta. Vanno indicate non solo le attività detenute all'estero per il tramite di soggetti fittiziamente interposti, ma anche quelle detenute indirettamente e delle quali si sia semplicemente "titolari effettivi" ai fini delle norme antiriciclaggio. L obbligo di monitoraggio non sussiste per i depositi e conti correnti bancari costituiti all estero il cui valore massimo complessivo raggiunto nel corso del periodo d imposta non sia superiore a euro (art. 4-bis del decreto legge 28 gennaio 2014, n. 4, convertito con modificazioni dalla legge 28 marzo 2014, n. 50); resta fermo l obbligo di compilazione del quadro laddove sia dovuta l IVAFE.

36 4. Che cosa accade in caso di attività cointestate? Se le attività finanziarie o patrimoniali sono in comunione o cointestate, l obbligo di compilazione del quadro RW è a carico di ciascun soggetto intestatario con riferimento all intero valore delle attività e con l indicazione della percentuale di possesso. Qualora sul bene sussistano più diritti reali, ad esempio, nuda proprietà e usufrutto, sono tenuti all effettuazione di tale adempimento sia il titolare del diritto di usufrutto sia il titolare della nuda proprietà in quanto in entrambi i casi sussiste la possibilità di generare redditi di fonte estera.

37 5. Chi è esonerato dalla compilazione del quadro RW? Il quadro RW non va compilato per le attività finanziarie e patrimoniali affidate in gestione o in amministrazione agli intermediari residenti e per i contratti comunque conclusi attraverso il loro intervento, qualora i flussi finanziari e i redditi derivanti da tali attività e contratti siano stati assoggettati a ritenuta o imposta sostitutiva dagli intermediari stessi. L obbligo di monitoraggio non sussiste, inoltre per: a) le persone fisiche che prestano lavoro all estero per lo Stato italiano, per una sua suddivisione politica o amministrativa o per un suo ente locale e le persone fisiche che lavorano all estero presso organizzazioni internazionali cui aderisce l Italia la cui residenza fiscale in Italia sia determinata, in deroga agli ordinari criteri previsti dal TUIR, in base ad accordi internazionali ratificati; b) i contribuenti residenti in Italia che prestano la propria attività lavorativa in via continuativa all estero in zone di frontiera ed in altri Paesi limitrofi con riferimento agli investimenti e alle attività estere di natura finanziaria detenute nel Paese in cui svolgono la propria attività lavorativa. Tale esonero viene riconosciuto solo qualora l attività lavorativa all estero sia stata svolta in via continuativa per la maggior parte del periodo di imposta e a condizione che entro sei mesi dall interruzione del rapporto di lavoro all estero, il lavoratore non detenga più le attività all estero. Diversamente, se il contribuente entro tale data non ha riportato le attività in Italia o dismesso le stesse, è tenuto ad indicare tutte le attività detenute all estero durante l intero periodo d imposta.

38 6. Quali sono le sanzioni nel caso di omessa compilazione del quadro RW? A seguito dell entrata in vigore delle legge n. 97/2013, la mancata indicazione nel quadro RW degli investimenti e delle attività finanziarie detenuti all estero non comporta più la sanzione dal 10% al 50% del valore delle attività non dichiarate, né la possibile confisca di beni di corrispondente valore. La nuova sanzione: - va dal 3% al 15% del valore degli investimenti e delle attività non dichiarate, senza che sia più possibile disporre la confisca di beni di corrispondente valore; - è applicata in misura fissa di 258 euro ove la violazione sia sanata entro 90 giorni; - va dal 6% al 30% del valore degli investimenti e delle attività non dichiarate, in caso di detenzione in paesi della black list. In applicazione del principio del favor rei, le nuove sanzioni trovano applicazione anche per il passato, tranne che per gli atti di irrorazione di sanzione divenuti definitivi.

39 7. Si tratta di un solo obbligo di monitoraggio? No, in quanto il così detto decreto Salva Italia (decreto legge n. 201 del 6 dicembre 2011 convertito con la legge n. 214 del 22 dicembre 2011) ha introdotto in aggiunta alla preesistente fiscalità sui redditi prodotti da investimenti all estero due nuove forme di imposizione patrimoniale di tipo proporzionale volte a creare uniformità con analoghe forme di investimento realizzate nel territorio dello Stato italiano da privati persone fisiche: a. l imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero (IVAFE) dalle persone fisiche residenti in Italia; b. l'imposta sul valore degli immobili situati all estero (IVIE), a qualunque uso destinati da persone fisiche residenti in Italia.

40 Annotazioni: Tener conto delle normative differenti ai fini IVIE IVAFE e RW. Ad esempio: Immobili: Periodo di possesso di almeno 15 giorni per pagare IVIE, con minimo versamento 200 euro. Attività finanziarie (non conti correnti): basta il possesso anche per un solo giorno e per qualunque importo per essere obbligati alla compilazione RW. Per pagamento IVAFE c è solo il limite comune del versamento di 12 euro per ciascuna imposta risultante dalla dichiarazione.

41 Conti correnti bancari e cointestazione Il D L 4/2014 esonera dall indicare in RW i c/c esteri «il cui valore massimo complessivo raggiunto nel corso del periodo d'imposta non sia superiore a euro"». MA per IVAFE bisogna pagare imposta fissa di 34,2 euro se la giacenza media per i c c complessivamente intrattenuti presso una singola banca supera i euro.

42 LA DISCIPLINA DELLA COLLABORAZIONE VOLONTARIA L emersione dei capitali italiani all estero La voluntary disclosure a livello internazionale è un consolidato metodo alternativo di lotta all evasione ed è l unico strumento lecito per gli Stati e per i contribuenti che vogliano sanare la loro posizione, in vista degli imminenti scambi di informazione e accordi di cooperazione amministrativa bilaterali, tra cui quello con la Svizzera.

43 La voluntary disclosure italiana prevista dall art. 1 del DL 4/2014 ricalca lo schema che hanno adottato gli Stati Uniti nel 2008; in sintesi, i soggetti che detengono attività e beni all estero ed hanno omesso di dichiararli potranno sanare la propria posizione nei confronti dell erario pagando le imposte dovute (in tutto o in parte) e le sanzioni (in misura ridotta), ottenendo inoltre alcuni benefici anche sul piano delle sanzioni penali tributarie. Non sarà un condono perché le imposte evase saranno esatte per intero, Non sarà uno scudo fiscale perché i titolari dei capitali non rimarranno anonimi. Quest ultimo fatto avrà importanti ripercussioni anche sul professionista coinvolto nella procedura perché questi potrà richiedere all Agenzia delle Entrate solo informazioni generali senza svelare il nome del contribuente e i dettagli della sua specifica situazione, mentre, nell interesse del proprio cliente, potrà trovarsi nelle condizioni di dover adempiere a tutte le verifiche e agli obblighi cui è tenuto dalla normativa antiriciclaggio.

44 A seguito dello stralcio dell art.1 del DL. 4/2014 si resta ad oggi in attesa di un provvedimento legislativo da coordinare con il nuovo monitoraggio fiscale, con cui il governo conta di fare cassa agevolando il rientro di capitali all estero e di una successiva circolare operativa con cui il contribuente potrà valutare la convenienza o meno, caso per caso, dell accesso allo strumento, anche tenendo conto delle potenziali conseguenze penali.

45 Il Governo sta ancora decidendo se fare propria la nuova figura di reato denominata autoriciclaggio con cui verrebbe estesa la punibilità anche all autore del reato da cui proviene il denaro,mentre attualmente è punito a titolo di riciclaggio soltanto chi non abbia commesso, o non abbia concorso a commettere, anche il reato presupposto: Il contribuente che avrà esportato capitali sarà anch egli responsabile del reato di riciclaggio, il che dovrebbe spingere chi detiene capitali all estero a cogliere l opportunità dell autodenuncia per non incorrere in reati penali davvero molto più gravi.

46 Il 1 aprile 2014 la VI Commissione Finanze ha avviato l'esame delle proposte di legge A.C Causi e 2248 Capezzone, in materia di "voluntary disclosure", ossia di procedure di collaborazione volontaria del contribuente con l'amministrazione fiscale per l'emersione e il rientro in Italia di capitali detenuti all'estero.

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015 CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 13 marzo 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE

Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE Circolare Monografica 12 giugno 2014 n. 1990 DICHIARAZIONI Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE Soggetti obbligati, modalità di compilazione e di calcolo ed esemplificazioni di Armando

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 16 luglio 2015

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 16 luglio 2015 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 16 luglio 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati Nel 2003 Tizio apre un conto corrente, cointestato con la moglie Caia, in Svizzera, con il conferimento di una provvista iniziale

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015 CIRCOLARE N. 30/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 agosto 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme.

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. 1. Normativa di riferimento Legge 20 dicembre 1966, n. 1253 Ratifica ed esecuzione della Convenzione firmata a l

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Prezzo-Valore I vantaggi della trasparenza

Prezzo-Valore I vantaggi della trasparenza Le Guide per il Cittadino Prezzo-Valore I vantaggi della trasparenza nelle vendite immobiliari Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Cittadinanzattiva Confconsumatori

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Profilo Rendimento Garantito

Profilo Rendimento Garantito Profilo Rendimento Garantito Contratto di Assicurazione sulla vita in caso di morte a vita intera a premio unico e capitale rivalutabile annualmente Tariffa IUP498 Il presente Fascicolo Informativo, contenente:

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli