CARTA DEI SERVIZI SANITARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI SANITARI"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI SANITARI 2015

2

3 Gentile Ospite, abbiamo il piacere di presentarle la nostra Carta dei Servizi. Questo strumento, grazie anche alla Sua gentile e preziosa partecipazione, ci consente di migliorare la qualità dei servizi offerti. FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 Obiettivo della nostra attività quotidiana è offrirle una qualificata assistenza attraverso la competenza, la professionalità e l'umanità di tutti noi che, a vario titolo, operiamo presso la Fondazione, augurandole quanto prima un sereno ritorno a casa. Il lavoro di tutti i dipendenti ha consentito di effettuare, nel giugno 2009, la transizione della Certificazione di Qualità alla Norma UNI EN ISO 9001:2008. Nel ringraziarla per la fattiva collaborazione, ci consideri a Sua disposizione per ogni informazione ed esigenza non illustrate nella Carta dei Servizi o sul sito internet della Fondazione. La direzione e gli operatori sanitari 1

4 Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione per la riabilitazione neurologica. Via Ardeatina, Roma - tel C/C MPS Codice IBAN: IT40G

5 FONDAZIONE SANTA LUCIA ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO Sede: Roma - Via Ardeatina, 306 Tel (centralino) Presidente: sig.ra Maria Adriana AMADIO Direttore Generale: dott. Luigi AMADIO Direttore Amministrativo: dott. Beniamino CECCARELLI Direttore Economato: sig.ra Maria Adriana AMADIO Direttore Sanitario: dott. Antonino SALVIA Direttore Scientifico: prof. Carlo CALTAGIRONE La ª Carta dei Serviziº della Fondazione Santa Lucia è essenzialmente rivolta a facilitare agli Utenti l utilizzo dei servizi offerti. Inoltre può essere considerata uno strumento a tutela del diritto alla salute, in quanto attribuisce al Cittadino-Utente la possibilità di un controllo effettivo sui servizi erogati e sulla loro qualità. Attraverso questo documento la Fondazione intende favorire comportamenti tesi a migliorare il rapporto tra l ente pubblico ed i cittadini. Il presente documento è la diciannovesima edizione della ª Carta dei Serviziº della Fondazione Santa Lucia e come tale deve essere interpretato in chiave dinamica, in quanto sarà soggetto a continui momenti di verifica, miglioramenti ed integrazioni, ciò non soltanto per il modificarsi delle situazioni, ma anche per il perseguimento dei vari obiettivi di miglioramento prefissati dalla Fondazione stessa. Le informazioni contenute in questo documento sono aggiornate al gennaio È possibile che dopo questa data si verifichino modifiche alle normative, ai servizi o agli orari indicati: si possono ricevere eventuali chiarimenti ed ogni informazione telefonando ai numeri della Fondazione indicati nell interno di questo documento. I contenuti del presente documento sono integralmente disponibili sul sito della Fondazione Santa Lucia (www.hsantalucia.it).

6 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 SOMMARIO SEZIONE PRIMA PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SANTA LUCIA E PRINCIPI FONDAMENTALI pag. 7 1 PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SANTA LUCIA Fini istituzionali ed organizzazione 8 2 PRINCIPI FONDAMENTALI Eguaglianza Imparzialità Continuità Diritto di scelta Partecipazione Efficienza ed efficacia 18 SEZIONE SECONDA INFORMAZIONI SULLE STRUTTURE E I SERVIZI FORNITI TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI FORNITE 20 2 RICOVERO IN DEGENZA ORDINARIA Modalità di accesso al ricovero ordinario Occorrente per il ricovero Prevenzione delle infezioni ospedaliere La dimissione Richiesta della cartella clinica 25 3 RICOVERO A CICLO DIURNO (DAY HOSPITAL) Modalità di accesso al ricovero a ciclo diurno 26 4 SERVIZIO DI RIABILITAZIONE EXTRA-OSPEDALIERA 27 5 TRATTAMENTI RIABILITATIVI AMBULATORIALI Piscina per idroterapia 30 6 SPORT-TERAPIA 31 7 ATTIVITÀ SPECIALISTICA PRESSO IL POLIAMBULATORIO Modalità di accesso alla specialistica ambulatoriale 34 8 SERVIZIO SOCIALE 35

7 9 VOLONTARIATO pag SERVIZIO DI ASSISTENZA RELIGIOSA SERVIZI ACCESSORI E COMFORT INGRESSO VISITATORI E PERMESSI MODALITA DI ACCOGLIENZA Il personale Diffusione delle informazioni Scheda reclami Scheda valutazione del grado di soddisfazione PROTESI E PRESIDI ORTOPEDICI PERCORSO RIABILITATIVO DI ORIENTAMENTO ALLA GUIDA INFORMAZIONI 54 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 SEZIONE TERZA MECCANISMI DI TUTELA E DI VERIFICA 55 1 DIRITTI E DOVERI DEGLI UTENTI 56 2 RECLAMI Ufficio preposto Funzioni Modalità di presentazione del reclamo Forme di rimborso e modalità di fruizione 59 3 VERIFICA DEGLI IMPEGNI E ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO Relazione sullo stato degli standard Conferenza dei servizi Indagini sulla soddisfazione degli Utenti 59 SEZIONE QUARTA STANDARD DI QUALITA, IMPEGNI E PROGRAMMI 61 5

8

9 SEZIONE PRIMA FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SANTA LUCIA E PRINCIPI FONDAMENTALI 7

10 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi Presentazione della FONDAZIONE SANTA LUCIA 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SANTA LUCIA 1.1 Fini istituzionali ed organizzazione Cenni storici L inizio dell attività della Fondazione Santa Lucia risale al 1960, quando con diversa denominazione, la struttura era dedicata all assistenza dei reduci motulesi della Seconda Guerra Mondiale. In quegli anni, il concetto di riabilitazione, nel suo significato moderno, era ancora praticamente sconosciuto. Si avvia, in tal modo, un processo innovativo che, alimentato dalla crescita di idee, iniziative e nuove metodologie, dà origine ai primi programmi di riabilitazione funzionale, di reinserimento sociale e lavorativo dei disabili, di sport-terapia. Un cammino culturale dunque più vicino ai bisogni dell Utente disabile attraverso la predisposizione di servizi e trattamenti riabilitativi sempre più adeguati e qualificati. Negli anni 80, l Amministrazione dell attuale Fondazione promuove un intensa attività di ricerca, dedicando una parte 8 SEZIONE PRIMA - Capitolo 1 - Presentazione della Fondazione Santa Lucia

11 del proprio bilancio al finanziamento di progetti destinati allo studio delle neurolesioni. Scienziati italiani e non, tutti d estrazione universitaria, partecipano a questa qualificante realtà. I temi e i risultati delle ricerche sono stati oggetto di pubblicazione su riviste scientifiche e di divulgazione internazionale. Il 7 agosto 1992, il Ministero della Sanità e il Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica, per il costante impegno dedicato alle attività cliniche, di ricerca e didattiche, conferiscono alla Fondazione Santa Lucia il riconoscimento di Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, Ospedale di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione per la Riabilitazione Neuromotoria e le Neuroscienze. 1 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 Presentazione della FONDAZIONE SANTA LUCIA SEZIONE PRIMA - Capitolo 1 - Presentazione della Fondazione Santa Lucia 9

12 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi Presentazione della FONDAZIONE SANTA LUCIA L Ospedale della Fondazione Un moderno e tecnologico edificio di sei piani, per una superficie complessiva di oltre mq, ospita il nuovo ospedale della Fondazione Santa Lucia. La struttura, immersa nell oasi naturale tra la via Appia e la via Ardeatina, risponde ai più moderni requisiti organizzativi, tecnologici e di qualità. Tutti gli ambienti sono stati realizzati con la collaborazione di soggetti disabili, Utenti e associazioni di volontariato che operano nell Istituto con verifiche e collaudi delle proposte progettuali. Ogni piano del complesso ospita una palestra di circa 400 mq dedicata alla fisiocinesiterapia e stanze di degenza da 46 mq, dotate di due posti letto con bagno, allestite secondo criteri di altissimo livello tecnologico. L ospedale, monospecialistico per il recupero e la rieducazione funzionale, dispone di 320 posti letto accreditati con il Servizio Sanitario Nazionale di cui: 296 posti letto per la degenza ordinaria 24 posti letto di day hospital oltre a 5 posti letto solventi. 10 SEZIONE PRIMA - Capitolo 1 - Presentazione della Fondazione Santa Lucia

13 Nell'ottobre 2010 la Fondazione ha terminato la ricostruzione dell'edificio denominato "G", nucleo originario dell'attività del Santa Lucia (ex fabbricato riservato alle degenze), completando così il lungo intervento di ammodernamento e ampliamento dell'ospedale avviato dieci anni fa. Il nuovo fabbricato, sviluppato su cinque piani, di cui uno interrato, è collegato con le degenze attraverso due strutture ponte mentre un insieme di gallerie ipogee lo connettono al dipartimento di diagnostica per immagini, alla piscina di idrochinesiterapia, agli spogliatoi del personale, garantendo al contempo percorsi protetti nello spostamento attraverso i vari reparti dell'istituto. I nuovi locali sono stati progettati per dare maggiore spazio alle attività di ricerca, per creare nuovi e moderni ambienti per ospitare le attività assistenziali e riabilitative (nuovo poliambulatorio, servizi di terapia del linguaggio e di terapia occupazionale) e soprattutto per ricreare quello storico spazio di ritrovo costituito dalla "piazzetta" attorno a cui si sviluppano gli spazi di relazione quali il bar, la cappella e gli ambienti di soggiorno. Sono inoltre presenti: servizio di riabilitazione respiratoria servizio di foniatria servizio di logopedia servizio di idrocinesiterapia servizio di diagnosi e terapia neuropsicologica servizio di neurofisiopatologia servizio dietologico laboratorio di terapia occupazionale poliambulatorio con le più importanti specialità cliniche laboratorio analisi servizio di diagnostica per immagini laboratorio di genetica molecolare 1 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 Presentazione della FONDAZIONE SANTA LUCIA SEZIONE PRIMA - Capitolo 1 - Presentazione della Fondazione Santa Lucia 11

14 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi Presentazione della FONDAZIONE SANTA LUCIA Ricerca Scientifica Quale Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, la Fondazione Santa Lucia svolge un intensa attività di ricerca nel settore della riabilitazione neuromotoria e, più in generale, in quello delle neuroscienze. Le sperimentazioni sono fortemente integrate con le attività di assistenza ed è per questo che, durante la permanenza in Fondazione, l Utente può essere contattato per partecipare ad un progetto scientifico, previo rilascio di un consenso informato. I programmi di ricerca realizzano un attività fondamentale nel campo dell assistenza perché consentono di scoprire nuove cure e trattamenti riabilitativi nell interesse dell Utente e, più in generale, della collettività. All interno della Fondazione, è operante un Comitato Etico. Il Comitato si riunisce periodicamente, applica i criteri di valutazione internazionalmente riconosciuti (sanciti nella Dichiarazione di Helsinki - ed e ribaditi durante la Convenzione per la Tutela dei Diritti dell Uomo e della Dignità dell Essere Umano nei confronti dell applicazione della Biologia in Medicina, tenutasi a Strasburgo nel 1996), ed è garante della tutela dell Utente nel corso della sperimentazione. Prima di essere inserito in un protocollo di ricerca l Utente viene adeguatamente informato sul progetto e sui relativi esami da svolgere attraverso la debita compilazione e sottoscrizione dell apposito modulo di consenso informato. Ambiti della Ricerca Negli ultimi anni, la ricerca ha compiuto prodigiosi passi avanti nel campo delle neuroimmagini, della neuropsicologia, della neuropatologia, della neurochimica e della neurobiologia molecolare, determinando una profonda trasformazione delle scienze neurologiche. 12 Nell ambito di questo processo, la Fondazione ha avvertito la necessità di attuare un programma di investimenti finalizzato alla realizzazione e al mantenimento di un centro di ricerca all avanguardia all interno del quale SEZIONE PRIMA - Capitolo 1 - Presentazione della Fondazione Santa Lucia

15 sono presenti i laboratori di analisi (per la ricerca clinica e di base) attrezzati con le più moderne e sofisticate apparecchiature. È anche grazie a questa qualificante realtà se i ricercatori e i tecnici della Fondazione hanno sviluppato una particolare conoscenza ed abilità nel settore delle neuroscienze. Otto diverse linee di ricerca trattano diffusamente le più importanti problematiche di settore attraverso l articolazione in vari laboratori: 1) NEUROLOGIA CLINICA E COMPORTAMENTALE 2) FISIOLOGIA NEUROMOTORIA 3) NEUROSCIENZE SPERIMENTALI 4) NEUROPSICOLOGIA 5) NEUROFISIOPATOLOGIA 6) NEUROIMMAGINI FUNZIONALI 7) RICERCA TRASLAZIONALE 8) ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI SANITARI 1 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 Presentazione della FONDAZIONE SANTA LUCIA SEZIONE PRIMA - Capitolo 1 - Presentazione della Fondazione Santa Lucia 13

16 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 Centro Europeo di Ricerca sul Cervello Un importante risultato conseguito dalla Fondazione Santa Lucia è stato l'istituzione del CERC, Centro Europeo di Ricerca sul Cervello, un polo integrato della ricerca nel settore delle Neuroscienze situato in via del Fosso di Fiorano. Tale istituto ha come scopo principale quello di affrontare in maniera multidisciplinare e complementare, lo studio del sistema nervoso in condizioni normali e la ricerca sui processi neurodegenerativi del cervello. Il CNR, la Fondazione Santa Lucia e l'ebri, Istituzione fondata dal Premio Nobel Rita Levi-Montalcini, attraverso gruppi di eccellenza italiani e stranieri, partecipano attivamente a questo importante progetto. Il CERC risiede in Roma, presso un stabile messo a disposizione dalla Fondazione, ed ospita i laboratori di ricerca operanti in questa collaborazione scientifica. Polo Didattico 1 Presentazione della FONDAZIONE SANTA LUCIA Il Polo Didattico interno è attualmente uno dei centri di formazione per operatori sanitari più importanti della Regione Lazio. In convenzione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata esplica corsi di laurea di 1 livello per professioni sanitarie (Infermiere, Fisioterapista, Logopedista), con una frequenza annuale di circa 400 studenti. Inoltre in convenzione con l Università degli Studi di Roma La Sapienza, ospita la Scuola di Specializzazione in Neuropsicologia. Il corpo docente è formato da professori universitari, dal personale laureato della Fondazione e da professionisti di livello per gli specifici corsi di laurea. Ulteriori informazioni possono essere richieste: corso di laurea per infermiere al numero ; corso di laurea per fisioterapista al numero ; corso di laurea per logopedista al numero ; Parallelamente ai citati corsi di laurea, vengono organizzati numerosi convegni monotematici e seminari di studio per particolari aspetti tecnicopratici segnalati sul sito internet (www.hsantalucia.it). 14 SEZIONE PRIMA - Capitolo 1 - Presentazione della Fondazione Santa Lucia

17 Centro Congressi La Fondazione è dotata di un moderno centro congressi di circa 2500 mq, nell ambito del quale è stato realizzato un Auditorium con circa 450 posti, divisibile in due differenti sale dotate delle attrezzature necessarie per la traduzione simultanea e dei relativi servizi di supporto. La struttura, gli ambienti e tutti gli allestimenti sono stati progettati e realizzati per il superamento delle barriere architettoniche. Il complesso congressuale è dotato di servizi di segreteria con le necessarie attrezzature, quali fax, telefoni, fotocopiatrici, computer, proiettori, videoregistratori, televisori, lavagne luminose. Un accesso autonomo al n. 354 della via Ardeatina, consente di giungere direttamente con la propria auto dinanzi l ingresso del Centro Congressi e sostare nell ampio parcheggio interrato. 1 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 Presentazione della FONDAZIONE SANTA LUCIA Il centro può essere utilizzato anche da parte di organizzazioni ed aziende pubbliche e private, sanitarie e non, che ne facciano richiesta al n. telefonico o all indirizzo Principali recapiti telefonici Per contattare il CUP comporre il numero e scegliere l'opzione 1(radiologia, TC e RM), opzione 2 (poliambulatorio ed ecografie), 3 (informazioni). Per le chiamate dall'esterno anteporre il numero all'interno desiderato (ad. es ). SEZIONE PRIMA - Capitolo 1 - Presentazione della Fondazione Santa Lucia 15

18 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi Presentazione della FONDAZIONE SANTA LUCIA Per le chiamate dall'interno anteporre il numero 2 (ad es ). Ufficio Accettazione Ricoveri URP/Servizio Sociale Servizio Infermieristico 326 Day hospital - Respiratorio Foniatrico Neuromotorio 424 Degenza Ordinaria - Unità Operativa A Unità Operativa B Unità Operativa C Unità Operativa D Unità Operativa E Unità Operativa F 002 Direzione Amministrativa Direzione Economato 432 Direzione Generale Direzione Sanitaria 405 Direzione Scientifica 229 Indirizzi Direzione Amministrativa Direzione Economato Direzione Sanitaria Direzione Scientifica Ufficio Relazioni Pubblico Poliambulatorio Ufficio ricoveri Attività ambulatoriale privata Servizio Infermieristico Ufficio Stampa Servizio Sociale Ufficio Qualità Posta certificata (PEC) 16 SEZIONE PRIMA - Capitolo 1 - Presentazione della Fondazione Santa Lucia

19 %+2,*? ?2-2 ; 9* : 769; 6 L IRCCS Santa Lucia si trova in via Ardeatina 306. Dista circa 5 Km dal centro di Roma (Piazza Venezia) e circa 5 Km dal Grande Raccordo Anulare, Uscita n. 24, Via Ardeatina. I mezzi pubblici per raggiungere la Fondazione sono: * capolinea San Giovanni (Metro A) e Santuario del Divino Amore, effettua una fermata di fronte all ingresso principale di via Ardeatina; * capolinea piazzale Ostiense (Metro B Piramide), sosta anche a San Paolo (Metro B) e giunge al capolinea di viale Londra a 20 metri dall ingresso della Fondazione su vicolo dell Annunziatella; 3 25.* capolinea piazza Agricoltura - ferma a Laurentina (Metro B) - Boston (Metro B - EUR Fermi ) - Europa/Tolstoj (Metro B EUR Palasport) e giunge al capolinea di viale Londra; Presentazione della FONDAZIONE SANTA LUCIA SEZIONE PRIMA - Capitolo 1-6 * 7* 28 & =.3 2* )* 0& 3 2)& =.3 2* "& 28 & 9(.&

20 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi Presentazione della FONDAZIONE SANTA LUCIA e PRINCIPI FONDAMENTALI 2. PRINCIPI FONDAMENTALI La Fondazione si ispira, per la tutela dell Utente, ai principi sanciti dalla Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 gennaio 1994 e del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 19 maggio 1995, relativi a: 2.1 Eguaglianza Deve essere rispettata, in tutti i momenti del vivere quotidiano, la dignità della persona senza distinzione di sesso, razza, nazionalità, religione, lingua e opinioni politiche. 2.2 Imparzialità Devono essere evitati atteggiamenti di parzialità e ingiustizia, ossia trattamenti non obiettivi nei confronti degli utenti. 2.3 Continuità Il servizio deve essere assicurato in maniera regolare e continuativa tranne nei casi in cui le astensioni da esso siano regolate o annunciate ufficialmente dalle leggi o rientrino negli aspetti organizzativi del servizio. 2.4 Diritto di scelta L'Utente può scegliere liberamente sul territorio nazionale la struttura sanitaria a cui desidera accedere. 2.5 Partecipazione Viene assicurata l'informazione, la personalizzazione e l'umanizzazione del servizio tutelando l'utente nei confronti dell'apparato sanitario pubblico. 2.6 Efficienza ed efficacia L organizzazione e l erogazione dei servizi si uniformano a criteri di efficienza ed efficacia. 18 SEZIONE PRIMA - Capitolo 2 - Presentazione della Fondazione Santa Lucia e Principi fondamentali

21 SEZIONE SECONDA FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 INFORMAZIONI SULLE STRUTTURE E I SERVIZI FORNITI 19

22 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI FORNITE 1. TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI FORNITE 20 I servizi assistenziali, erogati nell ambito del SSN e, come previsto dalla legge, anche in forma di pagamento diretto sono: Ricovero in degenza ordinaria Ricovero in day hospital Trattamenti riabilitativi extra-ospedalieri (ai sensi dell art. 26 legge 833/78) Trattamenti riabilitativi ambulatoriali Attività riabilitativa in piscina Attività specialistica presso il Poliambulatorio Esami clinici presso il Laboratorio Analisi Esami radiografici convenzionali, TAC e Risonanza Magnetica aperta, Artroscan, Dentascan, Ortopantomografia, Mammografia ed Ecotomografia mammaria, MOC (DEXA) presso il servizio di Diagnostica per Immagini. SEZIONE SECONDA - Capitolo 1 - Tipologia delle prestazioni fornite

23 Le strutture preposte all erogazione dei suddetti servizi sono le seguenti: Unità Operativa A: Direttore Marco Molinari Unità Operativa B: Direttore Rita Formisano Unità Operativa C: Direttore Carlo Caltagirone Unità Operativa D: Direttore Marco Traballesi Unità Operativa E: Direttore Maria Grazia Grasso Unità Operativa F: Direttore Stefano Paolucci Laboratorio Analisi: Direttore Maria Pia Balice Servizio Diagnostica per Immagini: Direttore Sergio Colonna Riabilitazione Extra-ospedaliera: Direttore Tecnico Daniela Morelli Laboratorio di Genetica Molecolare: Responsabile Emiliano Giardina FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi RICOVERO IN DEGENZA ORDINARIA La Fondazione garantisce esclusivamente il ricovero programmato per patologie post-acute e non è quindi dotata di Pronto Soccorso. 2 RICOVERO IN DEGENZA ORDINARIA 2.1 Modalità di accesso al ricovero ordinario Il ricovero avviene solo attraverso l Ufficio Accettazione: tel.: ; fax: ; aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 13.00, e dalle alle 18.00, il sabato dalle 8.30 alle L apposita scheda Proposta di ricovero : è disponibile sul sito internet della Fondazione (www.hsantalucia.it); può essere ritirata, con il modulo informativo sull iter amministrativo e sui documenti da produrre, presso l Ufficio Informazioni, Ufficio Accettazione Ricoveri o richiesta per l invio tramite fax, o posta. La scheda per la Proposta di ricovero deve essere compilata da un medico e consegnata oppure trasmessa per posta, fax o all'ufficio Accettazione, corredata dalla fotocopia di un documento di identità. SEZIONE SECONDA - Capitolo 2 - Ricovero in degenza ordinaria 21

24 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 Nel caso di Utenti provenienti da ospedali Le Proposte di ricovero vengono valutate da una commissione medica entro i 2 giorni lavorativi successivi quello di ricevimento. L esito della valutazione, che verrà comunicato tramite fax direttamente all ospedale proponente, può essere: accettazione della Proposta di ricovero; chiamata a visita di accettazione; richiesta di ulteriori chiarimenti clinici al medico proponente; non accettazione della Proposta di ricovero. Nel caso la Proposta di ricovero venga accettata, viene richiesto alla struttura di provenienza l invio della copia di un documento di identità valido del Paziente. Quindi l Utente viene messo in lista di attesa; la data del ricovero viene comunicata alla Direzione Sanitaria dell ospedale proponente tramite fax appena disponibile il posto letto. 2 RICOVERO IN DEGENZA ORDINARIA 22 SEZIONE SECONDA - Capitolo 2 - Ricovero in degenza ordinaria

25 Nel caso di Utenti provenienti da casa Trascorsi 4 giorni dalla presentazione della Proposta di ricovero, l Utente che ha presentato la Proposta può telefonare all Ufficio Accettazione per informarsi sull esito della valutazione. Nel caso la Proposta venga accettata, l Utente viene messo in lista di attesa e viene contattato telefonicamente per il ricovero, non appena disponibile il posto letto. È quindi importante specificare bene nella Proposta di ricovero, i recapiti telefonici dove poter essere contattati ed allegare copia del documento di identità valido. La motivazione dell eventuale rifiuto può essere comunicata soltanto all Utente (di persona o tramite posta). Il medico curante dell Utente può richiedere (via fax o posta) all Ufficio Relazioni con il Pubblico la motivazione dell eventuale rifiuto. 2.2 Occorrente per il ricovero Al momento dell ingresso l Utente dovrà essere munito di: documento di identità; tessera sanitaria con il codice fiscale; eventuale documentazione clinica relativa al periodo precedente il ricovero (cartelle cliniche, radiografie, analisi, prescrizioni di terapie effettuate ed altri accertamenti diagnostici già eseguiti). Non possono in nessun caso essere effettuati ricoveri senza i documenti sopra indicati. Oltre agli effetti necessari all igiene personale (asciugamani, saponi liquidi con dosatore, shampoo, ecc.), si consiglia di portare: accappatoio o telo doccia; scarpe comode con tacco massimo 2-3 cm; magliette; gel alcolico per l igienizzazione delle mani; biancheria intima; calze di cotone; pigiama e/o camicia da notte; vestaglia; tuta ginnica con apertura anteriore; costume da bagno, cuffia, accappatoio e calzature da piscina (per eventuale idrocinesiterapia) SEZIONE SECONDA - Capitolo 2 - Ricovero in degenza ordinaria 2 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 RICOVERO IN DEGENZA ORDINARIA 23

26 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi RICOVERO IN DEGENZA ORDINARIA È utile prevedere diversi cambi di biancheria intima e magliette per permettere al personale di assistenza di garantire una costante igiene dell Utente. Al momento del ricovero viene consegnata all Utente una scheda che riporta le informazioni relative all Unità Operativa di degenza assegnata. 2.3 Prevenzione delle infezioni ospedaliere La Fondazione Santa Lucia pone particolare attenzione nel prevenire i rischi infettivi in ospedale, per tale ragione in attuazione a quanto disposto dal Ministero della Salute con la Circolare n del 26/02/2013, tutti i pazienti ricoverati in regime ordinario verranno sottoposti allo screening previsto. In caso di positività verranno attuate misure di precauzioni da contatto e verrà richiesto ai familiari di rispettarle attentamente per garantire la salute di tutti coloro che frequentano quotidianamente la Fondazione Santa Lucia. 2.4 La dimissione Dalla comunicazione da parte dei medici della data di dimissione (almeno 7 giorni prima), l Utente è invitato ad avvisare tempestivamente i propri familiari al fine di organizzare l uscita. Prima di lasciare la Fondazione, viene consegnata una lettera di dimissione nella quale sono sinteticamente riportate tutte le informazioni relative al ricovero e le indicazioni di eventuali terapie da effettuare a casa. Nei giorni successivi sarà cura della stessa Fondazione inviare a casa dell Utente un questionario anonimo di valutazione al fine di migliorare i servizi offerti. Nel lasciare la stanza si rammenta di ritirare dal caposala tutta la documentazione clinica personale consegnata al momento del ricovero, di portare via tutti gli effetti personali e di espletare le pratiche amministrative di dimissione presso l Ufficio Accettazione Ricoveri. Nell ipotesi che l Utente chieda di essere dimesso contro il parere dei Sanitari, lo stesso è obbligato a firmare una dichiarazione, riportata sul diario sanitario della cartella clinica, che solleva la Fondazione da ogni responsabilità causata da questa decisione. 24 SEZIONE SECONDA - Capitolo 2 - Ricovero in degenza ordinaria

27 L Utente può, in casi di estrema gravità e nel caso in cui non rispetti le norme comportamentali ed i regolamenti della Fondazione, essere dimesso, venendo meno il rapporto fiduciario medico-utente, alla base di ogni attività diagnostico-terapeutica. Per il ritorno a casa, l Utente dovrà provvedere autonomamente. FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi Richiesta della cartella clinica Dopo la dimissione l Utente può richiedere la copia della cartella clinica all Ufficio Accettazione Ricoveri, sito al piano -1 dell Amministrazione (Edificio F), nei seguenti orari: dal Lunedì al venerdì e , il sabato dalle 8.30 alle RICOVERO IN DEGENZA ORDINARIA La copia della cartella clinica può essere richiesta: dal diretto interessato se maggiorenne dal tutore o a chi esercita la patria potestà (in caso di minore o incapace) Dal 1 agosto 2012 è in vigore la nuova procedura che prevede ESCLU- SIVAMENTE la spedizione della documentazione clinica al domicilio o all indirizzo indicato dal richiedente a fronte del pagamento anticipato del corrispettivo, comprensivo sia dei costi di copiatura che di spedizione: 30 per ciascuna copia della cartella clinica (ricoveri in degenza ordinaria e dayhospital) 15 per ciascuna copia della cartella clinica (trattamento ex art. 26) La Fondazione assicura la spedizione della documentazione clinica entro 30 giorni dalla data di richiesta tramite corriere. SEZIONE SECONDA - Capitolo 2 - Ricovero in degenza ordinaria 25

28 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi RICOVERO A CICLO DIURNO (DAY HOSPITAL) 3. RICOVERO A CICLO DIURNO (DAY HOSPITAL) L assistenza a ciclo diurno consiste in un ricovero o cicli di ricovero programmato/i, ciascuno di durata inferiore ad una giornata, con erogazione di prestazioni multiprofessionali e plurispecialistiche. Esistono quattro tipi di day hospital (DH) di cui possono usufruire gli Utenti: DH Neuromotorio (presso il primo, secondo, terzo, quinto e sesto piano dell Ospedale): accoglie Utenti con patologie neurologiche, sottoponendoli ad un trattamento riabilitativo. Si usano durante tale trattamento ausili per il mantenimento della stazione eretta, il recupero della deambulazione e dell equilibrio. Se necessario gli Utenti sono sottoposti a rieducazione del linguaggio, idrocinesiterapia (terapia in piscina), terapia cognitiva, terapia occupazionale, terapia foniatrica, trattamento della disfagia e rieducazione respiratoria, riabilitazione ortottica. DH Foniatrico (presso il quinto piano dell Ospedale): riabilita essenzialmente persone con disfagia e disfonia da patologie neurologiche. Gli Utenti, se necessario, vengono sottoposti anche a terapia neuromotoria e respiratoria. DH Respiratorio (presso il quarto piano dell Ospedale): si occupa della riabilitazione di Utenti affetti da problematiche respiratorie di origine neurologica, che necessitano di cure cliniche e trattamenti riabilitativi Anche in questo tipo di DH gli Utenti possono essere sottoposti, se necessario, ad altri trattamenti riabilitativi. DH Neurourologico (presso il piano 1 del Poliambulatorio): esegue trattamenti riabilitativi in utenti affetti da problematiche legate all'incontinenza urinaria di origine neurologica, che necessitano di progetti riabilitativi polispecialistici. 3.1 Modalità di accesso al ricovero a ciclo diurno 26 L attività di day hospital la cui attività è articolata in due turni: antimeridiano e pomeridiano. L assegnazione ad un turno viene effettuata dal personale dell Accettazione Ricoveri sulla base della disponibilità di SEZIONE SECONDA - Capitolo 3 - Ricovero a ciclo diurno (day hospital)

29 posto. Per tale ricovero si seguono le stesse modalità previste per il ricovero ordinario. L Utente, nell arco della giornata, effettua diverse prestazioni sanitarie di carattere diagnostico, terapeutico e/o riabilitativo di particolare natura o complessità di esecuzione. Al termine della giornata di DH l Utente fa ritorno al proprio domicilio. L Utente assegnato al turno antimeridiano può consumare il pranzo presso la sala mensa. L Utente, terminato il ciclo riabilitativo in DH, può richiedere la fotocopia della cartella clinica, compilata dai medici durante il trattamento, secondo le modalità già descritte nel paragrafo Richiesta della cartella clinica (2.3). 4. SERVIZIO DI RIABILITAZIONE EXTRA-OSPEDALIERA La Fondazione è accreditata con la Regione Lazio (ai sensi del Decreto del Commissario ad acta n. U00108 del 27/03/2014) per 187 posti di riabilitazione extra-ospedaliera non residenziale in modalità estensiva (ex art. 26 legge 833/78), oltre la metà dei quali è al momento riservata a pazienti in età evolutiva. Il trattamento riabilitativo per pazienti adulti, si effettua in regime ambulatoriale non residenziale estensivo (entro 6 mesi dalla dimissione ospedaliera o riacutizzazione), e può comprendere, a seconda delle caratteristiche dei pazienti, trattamenti neuromotori, cognitivi, logopedici, foniatrici, idrocinesiterapici, di terapia occupazionale e valutazione e prove per la fornitura, il collaudo e l addestramento di ausili/ortesi specifici. 4 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 SERVIZIO DI RIABILITAZIONE EXTRA- OSPEDALIERA La sezione di Riabilitazione Infantile tratta invece con modalità estensiva gli Utenti in età evolutiva (minori di 18 anni). I posti vengono assegnati prioritariamente bambini di età inferiore ai 18 mesi con patologie complesse, quali: Paralisi Cerebrali Infantili, le Gravi Prematurità, gravi disturbi di alimentazione (disfagia, presenza di stomie e alimentazione con sondino), gravi disturbi di comunicazione, disturbi intellettivi e sindromi genetiche rare, nello specifico sindromi di Prader-Willi, sindromi di Williams, sindromi Cri Du Chat, sindromi di Down, ed altre SEZIONE SECONDA - Capitolo 4 - Servizio di riabilitazione extra-ospedaliera 27

30 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi SERVIZIO DI RIABILITAZIONE EXTRA- OSPEDALIERA meno frequenti (Cornelia de Lange, Wolf-hirschhorn, x-fragile, Noonan, delezione 10, delezione 22, encefalopatia mitocondriale, Rett, sturgeweber, leucodistrofia, sindromi da deficit di migrazione o non ancora definite ecc.). L attività del servizio è assicurata da un équipe multidisciplinare, formata da medici specialisti (Fisiatra, Neuropsichiatri Infantili, Foniatra), Psicologi, Logopedisti, TNPEE, terapisti, assistente sociale. In particolare all interno dell equipe multidisciplinare vi è personale specificamente formato per lo sviluppo e l applicazione nelle gravi disabilità motorie di origine neurologica della tecnica del bendaggio funzionale e nei disturbi di comunicazione della CAA (Comunicazione Aumentativa Alternativa). I progetti riabilitativi combinano diverse tipologie di trattamenti (fisiocinesiterapia, idrocinesiterapia, terapia occupazionale, foniatrica, ortottica, respiratoria, terapia dei disturbi visuo-percettivi, logopedica, neuropsicologica, psicomotricità e terapia cognitiva per l età evolutiva) e possono prevedere, a seconda delle necessità, un numero variabile di accessi settimanali, controlli medici, supporto psicologico alla famiglia, supporto alla scuola. 28 SEZIONE SECONDA - Capitolo 4 - Servizio di riabilitazione extra-ospedaliera

31 5. TRATTAMENTI RIABILITATIVI AMBULATORIALI È possibile effettuare trattamenti riabilitativi ambulatoriali a carico del Servizio Sanitario Nazionale, privatamente e con il Listino agevolato SIMP. Le principali prestazioni sono: Diadinamica Elettrostimolazione Esercizio posturale propriocettivo individuale Esercizio posturale propriocettivo di gruppo Idrocinesi terapia gruppo/individuale/assistita/autonomi Infrarossi Ionoforesi Laserterapia Linfodrenaggio manuale Magnetoterapia Massoterapia connettivale Massoterapia distrettuale riflessogena Radarterapia Riabilitazione neuro-urologica Riabilitazione respiratoria Rieducazione motoria di gruppo (solo parkinson) Rieducazione motoria individuale in motuleso grave semplice Rieducazione motoria individuale in motuleso segmentale semplice Shiatsu (solo intramoenia) Tecar Tens Trazioni meccaniche lombari/cervicali Ultrasuonoterapia SSN SIMP PRIVATI 5 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 TRATTAMENTI RIABILITATIVI AMBULATORIALI Il regolamento può essere ritirato presso il banco Informazioni o scaricato dal sito Internet della Fondazione SEZIONE SECONDA - Capitolo 5 - Trattamenti riabilitativi ambulatoriali 29

32 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi TRATTAMENTI RIABILITATIVI AMBULATORIALI 5.1 Piscina per idroterapia La Fondazione è dotata di una piscina, di metri 25 x 12, climatizzata ed integrata con altri servizi. I trattamenti riabilitativi in essa erogati sono rivolti ai degenti ed agli Utenti esterni. La presenza di particolari condizioni cliniche quali ulcere cutanee, ferite non cicatrizzate, incontinenza e presenza di gravi disturbi del comportamento, non consente all Utente di essere trattato in piscina. Il regolamento può essere ritirato presso il banco informazioni o scaricato dal sito Internet della Fondazione 30 SEZIONE SECONDA - Capitolo 5 - Trattamenti riabilitativi ambulatoriali

33 6. SPORT-TERAPIA Lo Sport è riconosciuto universalmente anche come strumento importante per contenere lo stress psicofisico e migliorare il comportamento. Come terapia complementare, inoltre, permette all Utente di reagire attivamente, favorendo il recupero e la fiducia in se stesso. Da ciò deriva la pratica della Sport-terapia per superare l evento lesivo e le sue conseguenze. Con l autorizzazione del Direttore dell Unità Operativa, è possibile, anzi è raccomandabile, praticare presso le strutture della Fondazione una o più delle seguenti attività sportive: basket; nuoto; tiro con l arco. 6 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 SPORT- TERAPIA SEZIONE SECONDA - Capitolo 6 - Sport-terapia 31

34 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi ATTIVITÀ SPECIALISTICA PRESSO IL POLIAMBULA- TORIO ATTIVITA SPECIALISTICA PRESSO IL POLIAMBULATORIO Il Poliambulatorio, oltre che ai Degenti, eroga prestazioni specialistiche anche ad Utenti esterni ed è accessibile sia nell ambito del Servizio Sanitario Nazionale sia a pagamento diretto. Inoltre, considerata la sistematica riduzione del budget annuale assegnato dalla Regione e la necessità di destinare tale limitato budget ai Pazienti esenti, la Fondazione ha predisposto un LISTINO AGEVOLATO SIMP per facilitare ai Pazienti non esenti l accesso ai servizi specialistici e diagnostici. Per usufruire di tali prestazioni non è necessario richiedere l impegnativa al medico, ad eccezione delle prestazioni di radiologia tradizionale, per le quali è comunque necessaria una prescrizione medica. Per informazioni sul listino SIMP è possibile rivolgersi telefonicamente al CUP ( ) o di persona al banco informazioni e accettazioni della radiologia e del poliambulatorio. Sono attualmente disponibili prestazioni relative alle seguenti specialità: Analisi Cliniche (senza prenotazione, orario prelievi dalle 7,00 alle 10,00 dal lunedi al sabato) Andrologia Angiologia (Dopplersonografia Arteriosa e Venosa, Doppler Transcranico, Ecodoppler) Cardiologia (ECG, Ecocardiogramma, Holter) Dermatologia Radiologia tradizionale (senza prenotazione, con obbligo di prescrizione medica, dal lunedì al sabato dalle 8.00 alle e dal lunedì al venerdi dalle alle 19.00) TAC e Risonanza Magnetica aperta, Artroscan, Dentascan, Ortopantomografia, Mammografia ed Ecotomografia mammaria, MOC (DEXA) Ecografia Foniatria Genetica Molecolare Geriatria Medicina dello Sport (determinazione del Direttore del Dipartimento Servizio Sanitario Regionale della Regione Lazio n. 802/10D del 4/12/2001 prot del 6/12/2001) Medicina Fisica e Riabilitazione (Fisiocinesiterapia, Rieducazione respiratoria) SEZIONE SECONDA - Capitolo 7 - Attività specialistica presso il poliambulatorio

35 Medicina Preventiva (Dietologia, Check-up) Neurofisiopatologia (Elettromiografia, Elettroencefalografia, Potenziali evocati) Neurologia Neuropsicologia adulti Neuropsicologia dell età evolutiva Oculistica / Ortottica Ostetricia e Ginecologia Ortopedia Otorinolaringoiatria Pneumologia (Emogasanalisi, Esami spirometrici) Reumatologia Urologia (Urodinamica, Endoscopia Urologica, Ecografia Urologica) Nelle schede in distribuzione presso il banco Informazioni sono indicati gli orari e le modalità di accesso alle prestazioni sia a carico del SSN, in regime privato e attraverso il Listino agevolato SIMP. ATTIVITÀ SPECIALISTICA PRESSO IL POLIAMBULA- TORIO Per gli esami di laboratorio di base, i risultati sono disponibili in giornata (a partire dalle ore 17.00). Per gli esami radiologici la consegna dei referti è garantita entro 24 ore, su supporto CD. La stampa delle immagini radiografiche può essere richiesta a fronte del pagamento di 8 per ciascuna proiezione. 9 2 : <3 ; * ; : * * 056: ; 2,* : ; 9<4.5; * * +6 9 * ; = 9* 56.: : ; 2 9* ; 2.5; * 33* - * ; *, 6 4<52, * ; * ; /.9; 2(circolare Regione Lazio n. 45 del 28/07/1997); oltre tale termine l Utente dovrà pagare per intero il costo delle prestazioni effettuate, ai sensi del comma 8 art. 5 legge 29 dicembre 1990, n. 407 e della lettera r) comma 796 art.1 legge 27 dicembre 2006, n.296. SEZIONE SECONDA - Capitolo :.8 A 74* (.& 0.78.(& 46 * & 1 '90&

36 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi ATTIVITÀ SPECIALISTICA PRESSO IL POLIAMBULA- TORIO 7.1 Modalità di accesso alla specialistica ambulatoriale La prenotazione relativa ad una prestazione si effettua, nei giorni non festivi, secondo una delle seguenti modalità: Prestazioni Servizio Sanitario Nazionale, attività private e listino agevolato SIMP: per telefono dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle al numero ; via fax al numero ; via scrivendo all indirizzo (per il Servizio Sanitario Nazionale e Listino agevolato SIMP) di persona presentandosi dal lunedì al venerdi dalle 8.00 alle 19.30, il sabato dalle 8.00 alle L UTENTE, NEL CASO NON POSSA RISPETTARE L APPUNTAMENTO, È TENUTO A DISDIRE LA PRENOTAZIONE ALMENO 48 ORE PRIMA TELEFO- NANDO AL NUMERO O INVIANDO UNA MAIL A: QUESTO PERMETTE: DI RIDURRE LE LISTE DI ATTESA DI EVITARE ALL UTENTE IL PAGAMENTO DELLA QUOTA DI PARTECIPA- ZIONE AL COSTO DELLA PRESTAZIONE NON DISDETTA (articolo 3 comma 15 D. L.vo. 124/98) Per effettuare la prenotazione non è necessario presentare la richiesta del medico. Si rammenta che ai sensi del Decreto Regione Lazio U0037 del 1/6/2011 e della successiva circolare della Direzione Regionale Programmazione e Risorse del Servizio Sanitario regionale della Regione Lazio prot del 23/6/2011, dal 1/7/2011 il periodo di validità della ricetta è di 1 anno a partire dalla data di compilazione della stessa. 34 SEZIONE SECONDA - Capitolo 7 - Attività specialistica presso il poliambulatorio

37 8. SERVIZIO SOCIALE Il Servizio Sociale, attraverso gli assistenti sociali, supporta i Pazienti ricoverati in regime ordinario, di day hospital e i Pazienti ambulatoriali. In particolare: aiuta il Paziente e i familiari a comprendere le problematiche sociali e ambientali che devono essere affrontate sin dai primi giorni di degenza in vista del reinserimento del Paziente al proprio domicilio (es. abbattimento delle barriere architettoniche) aiuta a progettare, ove possibile, brevi rientri a casa durante il periodo di ricovero per valutare adeguatamente le modalità di reinserimento del Paziente); collabora con i gruppi di volontariato operanti in ospedale; organizza le attività ricreative; indirizza e informa il paziente e i familiari sulle modalità di espletamento delle pratiche burocratiche per il riconoscimento dello stato di handicap ai sensi della legge 104/92, dell'invalidità civile, la richiesta di ausili e presidi alle ASL, l'inoltro delle pratiche INAIL in caso di infortunio sul lavoro; collabora con enti e servizi territoriali (Municipi, Asl, privato sociale, Tribunale per i Minori, Inail, scuole); favorisce l'inserimento del Paziente ricoverato nel percorso riabilitativo di orientamento alla guida; media con gli enti territoriali ed istruisce i familiari all'avvio delle pratiche al fine di attivare, quando possibile: - il servizio di dimissione protetta di tipo sociale; - l'inserimento del degente in strutture di cura e convalescenza tipo RSA (residenze sanitarie assistenziali), Lungodegenze, Lungodegenze ad alta intensità, centri di riabilitazione di mantenimento; - l'assistenza domiciliare di tipo fisioterapico e /o infermieristico. Gli Assistenti Sociali operano attraverso colloqui personali con il Paziente e/o con i familiari ed in stretta collaborazione con l'equipè medica nell'ambito delle attività di reparto. SEZIONE SECONDA - Capitolo 8 - Servizio di assistenza sociale 8 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 SERVIZIO SOCIALE 35

38 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi VOLONTARIATO SERVIZIO DI ASSISTENZA RELIGIOSA Il Servizio Sociale (tel interno o 2.429, opera presso l'ufficio Relazioni con il Pubblico (URP), situato negli Uffici di Direzione (Piano -1), nei seguenti orari: Dal lunedì al venerdì dalle alle e dalle alle 16.00; Il sabato, su appuntamento. 9. VOLONTARIATO Grazie al disinteressato e professionale contributo di alcuni volontari, la Fondazione può garantire anche particolari forme di assistenza sociale, regolarmente autorizzate dalla Direzione Sanitaria. Tra le varie associazioni possono essere citate la A.I.S.M. (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), la A.R.C.O. 92 (Associazione per la Riabilitazione del Comatoso), l A.IT.A. (Associazione Italiana Afasici), VIP CLOWN (Associazione per la Clown Terapia). Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere all Ufficio Relazioni con il Pubblico (capitolo 8). 36 SEZIONE SECONDA - Capitolo 9 - Volontariato

39 10. SERVIZIO DI ASSISTENZA RELIGIOSA Gli Utenti di fede cattolica sono assistiti spiritualmente dal cappellano dell'ospedale (telefono ) che quotidianamente celebra la S. Messa con il seguente orario: giorni feriali ore (tutto l anno) domenica e giorni festivi ore (tutto l anno) Il Rosario è recitato tutti i giorni feriali alle La cappella dell ospedale è situata al 2 piano del nuovo edificio G (vi si accede dalla piazzetta o dall Unità Operativa A ponte di collegamento) e rispetta il seguente orario: 7,30-19,00. Per i pazienti di culto non cattolico l'ospedale mette a disposizione una stanza interconfessionale, sita anch'essa al 2 piano del nuovo Edificio G. Inoltre, laddove sia richiesta un assistenza spirituale, la Direzione Sanitaria prenderà accordi con i rappresentanti di altre religioni. 11. SERVIZI ACCESSORI E COMFORT Custodia di denaro e preziosi FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi SERVIZIO DI ASSISTENZA RELIGIOSA SERVIZI ACCESSORI E COMFORT All interno della Fondazione circolano giornalmente centinaia di persone per cui, malgrado la sorveglianza, non è possibile escludere il verificarsi di qualche spiacevole inconveniente. Si raccomanda, pertanto, di trattenere in camera soltanto piccole somme di denaro e/o oggetti di scarso valore che vanno comunque conservati nella cassaforte presente nell armadio della stanza (le istruzioni di utilizzo sono presenti nella stanza di degenza). Denaro e preziosi possono anche essere depositati presso l Amministrazione (dal lunedì al venerdì con orario e ) che ne rilascerà ricevuta. La Fondazione non può assumersi alcuna responsabilità per gli oggetti ed i valori non depositati. SEZIONE SECONDA - Capitolo 10 - Servizio assistenza religiosa / Capitolo 11 - Servizi accessori e comfort 37

40 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi SERVIZI ACCESSORI E COMFORT Bancomat Al piano -1 in cui sono ubicati gli Uffici di Direzione è operativo uno sportello bancario automatizzato, aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle ed il sabato dalle 8.00 alle Telefono e TV Ogni posto letto è dotato di un braccio attrezzato con televisione ed apparecchio telefonico attivabili al momento del ricovero mediante il pagamento di un forfait di 50 (IVA inclusa) non rimborsabile presso l'ufficio Accettazione sito al piano -1 (edificio F). Il pagamento da diritto all'attivazione dei servizi TV e telefono per tutta la durata del ricovero e comprende: la visione dei canali TV in chiaro (RAI, Mediaset e La7) 30 minuti al giorno di chiamate gratuite nel distretto urbano (tutti i numeri che iniziano con 06.) nonchè la ricezione di chiamate dall'esterno e dall'interno della Fondazione. Sul telefono è inoltre presente un tasto rosso per la chiamata degli infermieri. Per la sicurezza del paziente si raccomanda inoltre di non aggrapparsi al braccio attrezzato del televisore per sollevarsi. Corrispondenza, Fax, Posta Elettronica e Servizio Internet Si può ricevere corrispondenza presso la Fondazione avendo cura di far specificare sulla busta Utente ricoverato presso l Unità Operativa. 38 SEZIONE SECONDA - Capitolo 11 - Servizi accessori e comfort

41 È inoltre possibile inoltrare la corrispondenza, consegnandola direttamente al caposala. Per l invio o il ricevimento di documentazione urgente sono disponibili presso la Direzione il fax ( ) e la posta elettronica La Fondazione è inoltre dotata di un sito internet (www.hsantalucia.it) nel quale è possibile reperire queste ed altre informazioni. Per utilizzare tali servizi contattare il personale dell Ufficio Accettazione FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 Giornali e Riviste Presso la Fondazione è attivo un servizio di vendita giornali e riviste rivolto esclusivamente ai degenti delle UU.OO. Il Servizio è attivo dal lunedì al venerdì (esclusi i festivi) dalle ore alle ore ed effettua la distribuzione direttamente nelle Unità Operative. 11 SERVIZI ACCESSORI E COMFORT Bar Il Bar, situato al 2 piano dell edificio G, è aperto dal lunedì al sabato dalle ore 7.00 alle ore 18.00, la domenica e i festivi dalle ore 7.00 alle ore Taxi e Ambulanze Per la richiesta di taxi ci si può rivolgere al banco Informazioni. Nel caso in cui al momento della dimissione fosse necessario un trasporto in ambulanza, è previsto che l Utente provveda a proprie spese. SEZIONE SECONDA - Capitolo 11 - Servizi accessori e comfort 39

42 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi SERVIZI ACCESSORI E COMFORT Biblioteca La Fondazione mette a disposizione dei degenti e dei dipendenti libri di vario genere letterario attraverso la biblioteca di consultazione generale, sita al 6 piano dell'ospedale. Per accedere al Servizio è sufficiente consultare il catalogo e inserire nelle cassette disponibili su ogni piano il modulo di richiesta (per informazioni è possibile contattare il servizio sociale al numero 2447). La Fondazione è altresì fornita di una biblioteca scientifica con audiovideoteca situata presso il Centro Congressi. Le raccolte documentali presenti riguardano la fisiatria, l ortopedia, la reumatologia, le neurologia, la medicina del lavoro, la psicologia applicata, le tecniche riabilitative, nonché la medicina alternativa, la geriatria e l impiego terapeutico dello sport (tel. interno 2570). Tempo libero 40 La Fondazione organizza degli eventi ricreativi (proiezioni cinematografiche, concerti etc.) rivolti ai propri degenti. Tutte le iniziative vengono comunicate attraverso l affissione di locandine nelle Unità Operative. SEZIONE SECONDA - Capitolo 11 - Servizi accessori e comfort

43 Relazioni esterne La Direzione cura le pubbliche relazioni ed i contatti con organi di informazione attraverso i propri uffici (telefono , fax ). Camere singole Esiste la possibilità di poter usufruire di camere singole con o senza letto per l accompagnatore per le quali si versa una integrazione economica giornaliera i cui importi dal 1 luglio 2004 sono: camera singola con letto per l accompagnatore 120,00 camera singola con letto per l accompagnatore + vitto 150,00 Se si intende usufruire di tale sistemazione, occorre segnalare questa intenzione al momento della presentazione della scheda di proposta di ricovero. Tale richiesta può comportare tempi per il ricovero più lunghi e non consente comunque di superare la lista nominativa di attesa. Anche durante la degenza, compatibilmente con la disponibilità di camere, può essere richiesto, tramite il caposala, il ricovero in camera singola. Il parente che pernotterà con il proprio familiare ricoverato, è tenuto ad osservare le regole previste dalla Carta dei Servizi ed in particolare: di entrare al massimo entro le ore 20.00; di rispettare il silenzio dalle ore 22.00; di uscire dalla stanza durante l attività assistenziale al paziente. 11 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 SERVIZI ACCESSORI E COMFORT Pulizia È necessario mantenere l ordine e la pulizia della stanza. Per facilitare e consentire un più efficiente servizio di pulizia, è opportuno riporre la biancheria e gli oggetti personali nell armadietto o nel comodino a disposizione. È vietato inoltre: tenere sedie o sdraio nella stanza; tenere in camera fiori e piante (se non previa autorizzazione del caposala); introdurre animali; introdurre alimenti ad eccezione dell acqua minerale. SEZIONE SECONDA - Capitolo 11 - Servizi accessori e comfort 41

44 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi SERVIZI ACCESSORI E COMFORT Sistemi di chiamata del personale Oltre al tasto rosso di chiamata, presente sul telefono del braccio attrezzato, ciascuna stanza di degenza è munita dei dispositivi di chiamata il cui funzionamento è di seguito illustrato: alla trave testa letto è collegata una pulsantiera con la quale è possibile: - chiamare, in caso di necessità, gli infermieri (pulsante rosso in alto); - accendere la luce della stanza (pulsante giallo a destra); - accendere la luce personale per la lettura (pulsante giallo a sinistra); 42 all interno del bagno, vicino alla porta, è installata una pulsantiera con la quale è possibile: - chiamare, in caso di necessità, gli infermieri (pulsante rosso in alto); - annullare la chiamata degli infermieri (pulsante verde in basso); SEZIONE SECONDA - Capitolo 11 - Servizi accessori e comfort

45 all interno del bagno, in prossimità del piano doccia, è posto un ulteriore pulsante di chiamata a tirante con il quale è possibile: - chiamare, in caso di necessità, gli infermieri (corda con campana rossa); vicino alla porta di ingresso è posizionato un display ad uso esclusivo del personale (si invitano gli Utenti a non utilizzarlo). FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 Gli Operatori della Fondazione Il Personale della Fondazione è riconoscibile dal tesserino di identificazione che riporta il nominativo e la qualifica dell'operatore. Inoltre il diverso colore identifica le varie figure professionali: colore giallo: medico; colore rosso: caposala, infermiere; colore arancio: OSS, OTA, ausiliario di supporto; colore verde: fisioterapista, logopedista, educatore, ortottista; colore verde chiaro: ausiliario; colore lilla: assistente sociale, assistente sanitario, dietista, tecnico di laboratorio, tecnico di radiologia, personale amministrativo; colore blu: psicologo, biologo, dirigente dell assistenza infermieristica, dirigente amministrativo; colore viola: ricercatore. 11 SERVIZI ACCESSORI E COMFORT Oltre alle figure professionali prima menzionate, nella Fondazione Santa Lucia prestano servizio altri operatori, muniti di tesserino identificativo, quali: Personale tecnico qualificato; Personale di ditte di pulizia esterne; Personale addetto alla sicurezza. SEZIONE SECONDA - Capitolo 11 - Servizi accessori e comfort 43

46 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi SERVIZI ACCESSORI E COMFORT Mance Tutto il Personale è a disposizione per assistere e curare l Utente nel migliore dei modi. Tali compiti rientrano nelle mansioni proprie dei diversi ruoli professionali e pertanto nessun operatore sanitario deve accettare mance. Eventuali comportamenti difformi a quanto sopra descritto, dovranno essere segnalati alla Direzione Sanitaria per i provvedimenti del caso. Il modo migliore per ringraziarci è donare il 5 x 1000 alla Fondazione, indicando il codice fiscale della Fondazione e firmando nella casella Finanziamento della ricerca sanitaria Cura della persona Sono disponibili servizi a pagamento di: Barbiere Parrucchiere Entrambi i servizi sono prestati da due professionisti ai quali è possibile chiedere un appuntamento tramite uno dei seguenti recapiti: - Sig. Franco: (servizio uomo e donna); - Sig. Paolo: o (solo servizio uomo). Pasti L'alimentazione rappresenta un aspetto importante della terapia. A questo proposito il Servizio Dietologico, dopo aver appreso le abitudini alimentari e le informazioni dai medici delle Unità Operative e dal Servizio di Foniatria per gli Utenti con disturbi della deglutizione, formulerà la dieta più adatta per ogni Utente. Il Servizio Dietologico (Piano -1, scala C) riceve il martedi e il giovedi dalle alle e dalle alle (tel. interno 2.337). I pasti della giornata vengono serviti nei seguenti orari: Colazione ore SEZIONE SECONDA - Capitolo 11 - Servizi accessori e comfort

47 Pranzo Cena Unità Operativa B ore ore Unità Operativa A Unità Operativa E Unità Operativa C Unità Operativa F Unità Operativa D Per motivi di natura igienico sanitaria e organizzativi, i vassoi dei pasti dovranno essere ritirati tassativamente entro i seguenti orari: la colazione entro le 10.30; il pranzo entro le 14.00; la cena entro le FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 SERVIZI ACCESSORI E COMFORT I pazienti in permesso il sabato e la domenica dovranno rientrare per tempo in Ospedale al fine di poter consumare il pasto entro gli orari prestabiliti. È consentito solo ad una persona di assistere l Utente, in caso di necessità, durante la consumazione del pasto, previa autorizzazione del caposala. Ogni lunedì viene comunicato ed affisso nella bacheca dell Unità Operativa il menù della settimana. Per motivi organizzativi la richiesta eventuale di variare qualche pietanza deve essere inoltrata, attraverso il caposala, almeno il giorno precedente a quello nel quale viene servito il vitto da sostituire. Qualora ci sia l effettiva necessità, saranno i medici dell Unità Operativa a prescrivere vitti speciali (cibi particolari, integrazioni, ecc.). È severamente vietato portare cibi dall esterno anche se consumati al di fuori delle Unità Operative di degenza. SEZIONE SECONDA - Capitolo 11 - Servizi accessori e comfort 45

48 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi SERVIZI ACCESSORI E COMFORT Ascensori e percorsi L ospedale è dotato di 4 corpi ascensori/montacarichi: n 4 ascensori scala A n 4 ascensori scala B n 2 ascensori scala C (al centro dell edificio) n 2 montacarichi (al centro dell edificio) n 2 ascensori panoramici (Lato A e Lato B) di grandi dimensioni I citati elevatori devono essere usati come di seguito riportato: gli ascensori della scala A vanno usati per: gli spostamenti degli Utenti ricoverati nelle stanze da 01 a 08 e da 21 a 27, preferibilmente; l accesso per le visite ai Degenti ricoverati nelle stanze da 01 a 08 e da 21 a 27; l accesso del personale; l accesso delle lettighe attraverso l apposito montalettighe; gli ascensori della scala B vanno usati per: gli spostamenti degli Utenti ricoverati nelle stanze da 09 a 20, preferibilmente; l accesso per le visite ai Degenti ricoverati nelle stanze da 09 a 20; l accesso degli Utenti in day hospital; l accesso di persone che devono incontrare il personale medico; l accesso del personale; gli ascensori della scala C, riservati al personale, devono essere usati esclusivamente per: l accesso del personale; gli spostamenti dei Degenti ricoverati; l accesso degli Utenti del DH alla sala mensa. i 2 montacarichi devono essere usati esclusivamente dal personale preposto per il trasporto materiale rispettando il percorso corrispondente: 46 SEZIONE SECONDA - Capitolo 11 - Servizi accessori e comfort

49 percorso pulito (montacarichi contrassegnato con il colore verde) per: biancheria pulita, carrelli del vitto con vassoi ancora da distribuire, ferri sterili, farmaci, pannoloni, presidi chirurgici, materiale sanitario; percorso sporco (montacarichi contrassegnato con il colore rosso) per: biancheria sporca, carrelli del vitto con vassoi sporchi, rifiuti urbani (sacchi neri), rifiuti sanitari pericolosi (contenitori di cartone ex ROT). Silenzio È indispensabile osservare il silenzio e rispettare la tranquillità dell Unità Operativa, soprattutto nelle fasce orarie che vanno dalle ore alle ore e dalle alle ore Nel soggiorno di ciascuna Unità Operativa si trova un apparecchio televisivo; gli Utenti possono utilizzare gli apparecchi televisivi o radiofonici presenti nella camera di degenza ad esclusione degli orari sopra individuati. Il personale infermieristico in servizio notturno è responsabile degli Utenti affidati; pertanto non è possibile che gli Utenti permangano al di fuori delle Unità Operative dopo le ore Il personale infermieristico è tenuto a far rientrare nelle rispettive stanze di degenza gli Utenti e, qualora non riuscisse nell'intento, a chiedere l'intervento del personale della sicurezza. 11 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 SERVIZI ACCESSORI E COMFORT Spazi di socializzazione Nella Fondazione sono stati previsti i seguenti spazi di socializzazione a disposizione degli Utenti: 6 piano: biblioteca 4 piano: maxischermo 3 piano: ludoteca 2 piano: musica insieme piano -1: centro fitness SEZIONE SECONDA - Capitolo 11 - Servizi accessori e comfort 47

50 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi SERVIZI ACCESSORI E COMFORT Fumo Negli ambienti chiusi della Fondazione è assolutamente vietato fumare, in particolare: nelle stanze di degenza, nei corridoi, nelle corsie, nelle stanze dei medici, nelle medicherie, nelle infermerie, negli spogliatoi, nelle rampe di scale, negli atri, negli ambulatori, in piscina, nelle palestre, nelle sale comuni, nella sala pranzo e nel bar. Incaricati di vigilare sul divieto sono: dirigenti medici, caposala, coordinatori di palestra, piscina e servizi, e personale della sicurezza. Va rammentato, inoltre, che fumare nei locali dove vige il divieto, per la presenza di segnalatori di fumo, può comportare l attivazione del relativo allarme e le conseguenti procedure di allerta delle Autorità competenti. Per la propria ed altrui salute è indispensabile rispettare e far rispettare questo divieto. Uso dei telefoni cellulari In base alla circolare prot. 2125/53 del 8/10/1998 dell Assessorato Salvaguardia e Cura della Salute della Regione Lazio, è resa obbligatoria l interdizione all uso del telefono cellulare nelle strutture sanitarie; pertanto i telefonini dovranno essere spenti ed usati al di fuori delle Unità Operative. Antinfortunistica 48 Ai sensi del D. Lgs. 81/08, il personale della Fondazione è addestrato ad intervenire per controllare gli incendi e tutelare la sicurezza degli Utenti. All interno di ogni stanza di degenza sono presenti le procedure di emergenza da attuare in caso di necessità. È importante prenderne visione. SEZIONE SECONDA - Capitolo 11 - Servizi accessori e comfort

51 In caso di situazione a rischio (incendio, fumo, interruzione di energia elettrica, terremoti, ecc.): evitare ogni condizione di panico; affidarsi e seguire scrupolosamente le direttive del personale di servizio in caso di evacuazione. La Fondazione Santa Lucia, inoltre, sta conducendo dal 2008 una campagna per la prevenzione delle cadute dei Pazienti in ospedale: chieda al personale sanitario quali sono le modalità per prevenire tale evenienza che può avere serie conseguenze per la salute. FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 Servizio Vigilanza È attivo 24h/24h un servizio di vigilanza che collabora attivamente per il rispetto delle norme previste dai regolamenti della Fondazione e per la quiete degli Utenti, parenti e dipendenti in essa presenti. 11 SERVIZI ACCESSORI E COMFORT Parcheggi Sono disponibili idonei parcheggi gratuiti ed a pagamento con tariffe in visione agli ingressi. Le autovetture devono essere parcheggiate nelle specifiche aree. Le auto in sosta al di fuori di detti spazi, sono soggette a rimozione forzata. SEZIONE SECONDA - Capitolo 11 - Servizi accessori e comfort 49

52 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi SERVIZI ACCESSORI E COMFORT Alloggi nelle vicinanze Nei pressi della Fondazione sono presenti le seguenti strutture alberghiere: Aran Park Hotel Via Riccardo Forster, 24 - tel Aran Mantegna Hotel Via Andrea Mantegna, tel Hotel Caravel Via Cristoforo Colombo, 124/C - tel Residence Hotel Orto di Roma Via di Grotta Perfetta, tel Marini Park Hotel Via Castel di Leva, tel Hotel Tre Fontane Via del Serafico, 51 - tel Casa San Bernardo Via Laurentina, tel Hotel Antica Locanda Palmieri Via Di grotta Perfetta, 555/A - tel Casa Domitilla Via delle Sette Chiese, tel Casa del Pellegrino (Divino Amore) Via Ardeatina km 12 - tel Domus San Sebastiano (mini appartamenti autonomi) Via di San Sebastiano 9 - tel B&B Bouganville Via G.B.Cerletti, 23 - tel B&B La Torretta Via G.Gene, tel B&B Green Hill Largo Giuseppe Montanari, 10 - Via Castel di Leva, Roma Cell.: L Azienda di Promozione Turistica di Roma - Servizio informazioni può fornire indicazioni utili su altri alloggi vicini alla Fondazione (tel ). SEZIONE SECONDA - Capitolo 11 - Servizi accessori e comfort

53 12. INGRESSO VISITATORI E PERMESSI Ingresso Visitatori L orario di ingresso per le visite è il seguente: MATTINO: giorni feriali ore giorni festivi ore POMERIGGIO: giorni feriali ore giorni festivi ore I visitatori sono tenuti ad un comportamento che rispetti il bisogno di quiete e tranquillità di tutti gli Utenti. È pertanto opportuno evitare gruppi numerosi o trattenersi oltre l'orario consentito. Si ricorda inoltre che, per motivi igienici, ai visitatori non è consentito sedere sui letti degli Utenti né utilizzare i servizi igienici della stanza. Per consentire l'accesso e l'eventuale presenza dei familiari al di fuori degli orari previsti, è necessario un permesso scritto del Direttore dell Unità Operativa. 12 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 INGRESSO VISITATORI E PERMESI Ingresso Bambini Si rammenta che ai sensi dell'art. 5 della legge Regionale n. 39 del 14/9/82 non sono ammesse visite di bambini al di sotto dei 12 anni negli spazi del complesso ospedaliero della Fondazione. Eventuali permessi straordinari di accesso possono essere richiesti al Direttore dell Unità Operativa che potrà autorizzare l'ingresso in Fondazione con l'esclusione delle Unità Operative di degenza; detto permesso dovrà essere inoltre vistato dalla Direzione Sanitaria. Permessi di Uscita Con il benestare del Direttore dell Unità Operativa, per giustificati motivi, possono essere concessi permessi orari per allontanarsi dalla Fondazione. SEZIONE SECONDA - Capitolo 12 - Ingresso visitatori e permessi 51

54 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi MODALITÀ DI ACCOGLIENZA Il permesso dovrà essere richiesto con l apposito modulo compilato dall Utente o, in caso di impedimento, da un parente (specificando sul modulo il grado di parentela) e consegnato al caposala. Solo in casi particolari e motivati potrà essere concesso un permesso con il pernottamento esterno per un massimo di 1 permesso mensile. 13. MODALITA DI ACCOGLIENZA Grande attenzione è stata posta ai requisiti di qualità alberghiera e in particolar modo all accoglienza ospedaliera Il Personale Il personale sanitario, assiste e affianca l Utente durante la permanenza all interno dell ospedale allo scopo di migliorare il servizio e la funzionalità delle prestazioni erogate Diffusione delle informazioni Curare la comunicazione e il dialogo qualifica il rapporto con l Utente e migliora l efficienza dei servizi offerti. A tal riguardo la Fondazione promuove periodicamente lo sviluppo di adeguati progetti di comunicazione finalizzati a garantire una migliore diffusione e accessibilità delle informazioni sulle attività svolte e le prestazioni erogate Scheda reclami L apposita scheda reclami è disponibile presso l Ufficio Relazioni con il Pubblico 2. - URP (Vedi: Sezione Terza - Cap. 2 Reclami - Par. 1 Ufficio Relazioni con il Pubblico). Entro cinque giorni dal ricevimento della scheda l ufficio provvede all eventuale istruttoria predisponendo la relativa risposta Scheda valutazione del grado di soddisfazione Nei giorni successivi alla dimissione, viene inviato, direttamente al domi- 52 SEZIONE SECONDA - Capitolo 13 - Modalità di accoglienza

55 cilio dell Utente, un questionario anonimo di valutazione allo scopo di acquisire il grado di soddisfazione. Le informazioni assunte attraverso questa procedura, consentono di elaborare delle statistiche grazie alle quali è possibile ottimizzare e migliorare la funzionalità e la qualità dei servizi offerti. 14. PROTESI E PRESIDI ORTOPEDICI Ogni Utente ha facoltà di richiedere a qualsiasi ditta autorizzata protesi ed ausili eventualmente necessari, che dovranno comunque essere prescritti dal medico dell Unità Operativa. All interno della Fondazione esiste comunque un officina specializzata nella quale i tecnici ortopedici possono personalizzare i presidi o gli ausili per gli Utenti anche ambulatoriali. Per informazioni telefonare al n. interno PERCORSO RIABILITATIVO DI ORIENTAMENTO ALLA GUIDA FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi PROTESI E PRESIDI ORTOPEDICI PERCORSO RIABILITATIVO DI ORIENTA- MENTO ALLA GUIDA La Fondazione Santa Lucia ha inserito nell iter riabilitativo, l addestramento tramite un auto allestita con comandi speciali per la scuola guida per i disabili, che ne completa il recupero funzionale di capacità neuromotorie e cognitive compromesse. Per tale attività si avvale della collaborazione degli operatori della Guidosimplex, che illustra al disabile anche l iter burocratico da intraprendere per ottenere la patente B speciale dalle autorità competenti. Previa autorizzazione del medico dell Unità Operativa di appartenenza, possono partecipare i Degenti che volessero aderire al programma di autonomia. SEZIONE SECONDA - Capitolo 14 - Protesi e presidi ortopedici / Capitolo 15 - Percorso riabilitativo orientamento guida 53

56 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi INFORMAZIONI Le lezioni vengono svolte presso il Servizio di terapia occupazionale, dotato di un simulatore di guida, e nel giardino della Fondazione, in un area adibita a circuito per le prove di guida. Per aderire al programma, rivolto agli Utenti ricoverati in degenza ordinaria e day hospital, contattare il Servizio di terapia occupazionale: al n. interno 2508; al n per gli esterni; via all indirizzo 16. INFORMAZIONI Presso il Banco Informazioni, situato nella sala accettazione del nuovo poliambulatorio (Edificio G), possono essere richieste tutte le informazioni inerenti le attività della Fondazione (orario: dal lunedì al venerdì dalle ore 7.30 alle 17.30, il sabato dalle 7.30 alle 13.00). Ulteriori informazioni sono disponibili consultando il sito della Fondazione 54 SEZIONE SECONDA - Capitolo 16 - Informazioni

57 SEZIONE TERZA FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 MECCANISMI DI TUTELA E VERIFICA 55

58 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi DIRITTI E DOVERI DEGLI UTENTI 1. DIRITTI E DOVERI DEGLI UTENTI Diritto all Informazione - Consenso Informato La visita dei medici è un momento importante. È quindi fondamentale che l Utente rimanga nella stanza durante l orario stabilito per la visita. In questa occasione è possibile richiedere ai medici informazioni sul decorso della malattia e sulle terapie che intendono intraprendere durante la degenza. Nel caso in cui l Utente o i familiari desiderino avere un colloquio con il Direttore dell Unità Operativa, nella lettera di informazioni sull attività del reparto, consegnata al momento del ricovero, sono indicati gli orari di ricevimento; ulteriori informazioni possono essere richieste al caposala. Esiste la possibilità, informando esplicitamente i medici dell Unità Operativa, di non far conoscere ai familiari notizie sul proprio stato di salute. Diritto alla Riservatezza Il D. Lgs 196/2003 che ha sostituito la legge n. 675 del 31/12/1996, più conosciuta come legge sulla privacy, ha dettato norme ben precise sull uso dei dati personali e sensibili. A tal proposito, all atto del ricovero, l Utente firma un modulo che autorizza la Fondazione al trattamento dei dati propri esclusivamente per i fini istituzionali (rapporti con Ministero della Salute, Aziende USL, Agenzia di Sanità Pubblica, ricerca scientifica) nel totale rispetto di quanto stabilito dalla Legge e che prevede la possibilità di non far comunicare ad altre persone, da parte degli operatori, la presenza dell Utente ricoverato. I dati personali degli Utenti, quindi, non potranno avere altro utilizzo al di fuori di quanto sopra riportato. Doveri degli Utenti 56 Oltre a quanto precedentemente riportato, è opportuno richiamare l attenzione su alcune norme importanti. SEZIONE TERZA - Capitolo 1 - Diritti e doveri degli utenti

59 Gli Utenti possono allontanarsi dall Unità Operativa, pur rimanendo in Fondazione previa comunicazione alla Caposala o al personale sanitario di turno. Gli Utenti, quando accedono alla Fondazione Santa Lucia, sono invitati ad avere un comportamento responsabile in ogni momento, nel rispetto e nella comprensione dei diritti degli altri Utenti, con la volontà di collaborare con il personale medico, infermieristico, tecnico e con la Direzione. Gli Utenti non possono praticare altre terapie oltre quelle prescritte dai medici della Fondazione che li hanno in cura e riportate in cartella; terapie effettuate a domicilio prima del ricovero vanno comunicate al medico dell Unità Operativa al momento del ricovero per l eventuale prosecuzione durante la degenza. I medicinali non autorizzati dal medico dell Unità Operativa, vengono ritirati immediatamente dal caposala. L uso di apparecchi telefonici e televisivi deve essere effettuato in modo da non recar disturbo agli altri Degenti e deve, in ogni caso, cessare alle ore Alla stessa ora si devono spegnere tutte le luci, lasciando accese solo quelle notturne, ed ogni Utente deve occupare il proprio letto per il fisiologico riposo. È vietato l uso di qualsiasi apparecchiatura elettrica od elettrodomestico. È assolutamente vietato l uso di apparecchiature a fiamma libera. Per motivi di sicurezza e per non rendere vano il funzionamento dell'impianto di climatizzazione dell'ospedale, è vietato aprire le finestre. È fatto divieto agli Utenti ed ai loro familiari, di interferire con il personale sanitario per quanto concerne le modalità di assistenza. Eventuali gravi disservizi che dovessero verificarsi tra Utenti e personale sanitario o tra personale sanitario e parenti, devono essere segnalati tempestivamente ed esclusivamente alla Direzione Sanitaria. È opportuno che gli Utenti ed i visitatori si spostino all interno della struttura ospedaliera utilizzando i percorsi loro riservati. SEZIONE TERZA - Capitolo 1 - Diritti e doveri degli utenti 1 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 DIRITTI E DOVERI DEGLI UTENTI 57

60 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 Per il buon andamento dell assistenza agli Utenti è importante il rispetto degli orari di visita. In caso di necessità sarà il Direttore dell Unità Operativa, sentiti i medici curanti, ad autorizzare permessi fuori orario per il tempo strettamente necessario. L Utente deve provvedere a lasciare la stanza di degenza entro le ore del giorno della dimissione stabilita dai medici curanti, onde consentire il tempestivo ricovero di un altro Degente. 2. RECLAMI 2 RECLAMI La Fondazione garantisce la funzione di tutela nei confronti del cittadino anche attraverso la possibilità, per quest ultimo, di sporgere reclamo a seguito di disservizio, atto o comportamento che abbia negato o limitato la fruibilità delle prestazioni. 2.1 Ufficio preposto Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Gli operatori dell URP sono presenti negli uffici della Direzione (tel. interno o 2.429) e ricevono nei seguenti orari: Dal lunedì al venerdì dalle alle e dalle alle Funzioni L URP riceve le osservazioni, le opposizioni o i reclami da parte degli Utenti provvedendo, ai sensi del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 19/5/1995, alla eventuale istruttoria e predisponendo la risposta. 2.3 Modalità di presentazione del reclamo Attraverso la compilazione dell apposito modulo di reclamo M 5.2 disponibile presso l URP. 58 SEZIONE TERZA - Capitolo 2 - Reclami

61 2.4 Forme di rimborso e modalità di fruizione L Utente che per cause oggettive dipendenti dalla Fondazione, non fruisca della prestazione specialistica prenotata, ha diritto al rimborso immediato della somma versata. 3. VERIFICA DEGLI IMPEGNI E ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi Relazione sullo stato degli standard L Istituto si impegna a verificare annualmente l attuazione degli standard di servizio descritti nel presente documento. 3.2 Conferenza dei servizi L Istituto si impegna a convocare una volta l anno la Conferenza dei Servizi Sanitari ai fini della verifica dell andamento e del costante miglioramento della qualità dei servizi ed assicura la partecipazione degli operatori e dei cittadini. 3 VERIFICA DEGLI IMPEGNI E ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO 3.3 Indagini sulla soddisfazione degli Utenti L Istituto realizza un indagine sul grado di soddisfazione dei cittadini / Utenti attraverso l invio, al domicilio degli Utenti dimessi, di un questionario di valutazione anonimo. Promuove inoltre la diffusione di questionari, indagini campionarie e l osservazione diretta tramite gruppi di monitoraggio misti. I risultati di tali indagini sono oggetto di rapporti, elaborazioni e descrizioni pubblici. SEZIONE TERZA - Capitolo 3 - Verifica degli impegni e adeguamento organizzativo 59

62

63 SEZIONE QUARTA FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 STANDARD DI QUALITA, IMPEGNI E PROGRAMMI 61

64 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 STANDARD DI QUALITÀ, IMPEGNI E PROGRAMMI La Carta dei Servizi è lo strumento d'interfaccia tra la Fondazione e gli Utenti. In questo senso il suo compito non è solo informativo, ma attribuisce a questi ultimi un reale potere di controllo sulla qualità delle prestazioni erogate. In particolare la Fondazione: adotta standard di qualità del servizio; rende pubblici gli standard, ed anche gli impegni o i programmi di miglioramento che si assumono nel breve/medio termine, informandone l'utente; verifica il rispetto degli standard e riconosce all'utente lo stesso diritto di verifica; verifica il grado di soddisfazione dell'utente; assicura all'utente stesso la possibilità di reclamare, in tutti i casi in cui sia possibile dimostrare che il servizio reso è inferiore agli standard dichiarati, o che sono stati lesi i principi informatori della carta dei servizi e i diritti stessi dell'utente. Gli standard di qualità, pubblicati ed aggiornati semestralmente, rappresentano il risultato degli investimenti fatti negli anni dalla Fondazione per la gestione dei Servizi e delle relazioni con gli Utenti. Essi riguardano essenzialmente le caratteristiche e le modalità di erogazione dei servizi, privilegiando l'evidenziazione degli aspetti organizzativi specifici, più facilmente percepibili dall'utente. In questo modo l'utente può interagire concretamente con la struttura per il soddisfacimento dei bisogni di salute. La Fondazione Santa Lucia ha intrapreso nel 2004 un percorso che ha portato a dotarsi di un Sistema di Gestione per la Qualità, dapprima secondo gli standard definiti dalla norma UNI EN ISO 9001:2000 e, a partire dal luglio 2009, secondo la nuova edizione della Norma UNI EN ISO 9001: SEZIONE QUARTA - Standard di qualità, impegni e programmi

65 FONDAZIONE SANTA LUCIA Carta dei Servizi 2015 STANDARD DI QUALITÀ, IMPEGNI E PROGRAMMI La Fondazione Santa Lucia è certificata in relazione al seguente scopo: "Erogazione di servizi di diagnosi e cura per il recupero e la rieducazione funzionale dei neuromotulesi in degenza ordinaria, day hospital e attività extraospedaliera. Erogazione di prestazioni polispecialistiche e di diagnostica strumentale anche in regime ambulatoriale" La Fondazione si impegna a rispettare per l'anno 2015 gli standard di qualità definiti all'interno della Carta dei Servizi e nel Patto con il Cliente, entrambi disponibili presso il banco Informazioni (Sezione Seconda, Paragrafo 16). SEZIONE QUARTA - Standard di qualità, impegni e programmi 63

66 Carta dei Servizi Sanitari - XIX edizione - Gennaio 2015

67

68 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione per la riabilitazione neuromotoria Roma - Via Ardeatina, 306 Tel Fax

69 FONDAZIONE SANTA LUCIA ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO Roma -Via Ardeatina, Tel IMPEGNI PER LA QUALITA CERTIFICAZIONE DI QUALITA UNI EN ISO 9001:2008 Gentile Signora, Egregio Signore, La invitiamo a consultare questo opuscolo nel quale sono elencati gli standard di qualità che ci impegniamo a mantenere e rispettare. Qualora il servizio reso non fosse in linea con le Sue aspettative La invitiamo a segnalarcelo, presentando un reclamo all Ufficio Relazioni con il Pubblico ( ; o attraverso una segnalazione scritta che potrà imbucare nella cassetta rossa presente nelle sale d attesa del Poliambulatorio e della Radiologia. L Ufficio Qualità La Fondazione Santa Lucia ha conseguito la Certificazione del Sistema Qualità per la prima volta il 22 dicembre Da allora il Certificato è stato rinnovato quattro volte con cadenza triennale. Il certificato vigente è stato rilasciato il 19 giugno 2013 da Bureau Veritas, uno dei maggiori organismi di certificazione operanti nel settore sanitario a livello nazionale e internazionale, per il seguente campo di applicazione: Erogazione di servizi di diagnosi e cura per il recupero e la rieducazione funzionale dei neuromotulesi in degenza ordinaria, day hospital e attività extraospedaliera. Erogazione di prestazioni polispecialistiche e di diagnostica strumentale anche in regime ambulatoriale Rev. 12 del 04/03/2015

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE)

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE) aggiornata ad Ottobre 2014 Indice pag. n. aggiornata ad Ottobre 2014 sanitarie che vengono offerte. Esiste un patto di solidarietà e fiducia che lega le strutture del Servizio Sanitario pubblico e il cittadino:

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione CARTA DEI SERVIZI azienda caserta azienda caserta ospedaliera Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione progetto e redazione:

Dettagli

Ai Colli. Carta dei Servizi. Ospedale Privato Accreditato per malattie mentali

Ai Colli. Carta dei Servizi. Ospedale Privato Accreditato per malattie mentali Ospedale Privato Accreditato per malattie mentali Ai Colli Carta dei Servizi Direttore Sanitario e Primario: Dott. Paolo Baroncini Medico Chirurgo Specialista in Psichiatria e in Psicologia Medica Psicoterapeuta

Dettagli

Guida ai diritti del malato

Guida ai diritti del malato Guida ai diritti del malato ERRORI MEDICI? DIMISSIONI FORZATE? INVALIDITÀ CIVILI NEGATE? LISTE D ATTESA INTERMINABILI? CARTE DEI SERVIZI INTROVABILI? DANNI DA TRASFUSIONI E DA VACCINAZIONI OBBLIGATORIE?

Dettagli

"S. MARIA DEGLI ANGELI"

S. MARIA DEGLI ANGELI AZIENDA OSPEDALIERA "S. MARIA DEGLI ANGELI" PORDENONE Guida all Ospedale - CARTA DEI SERVIZI - A In copertina: Bolla Pontificia datata Avignone 1319 - documento attestante la fondazione dell Ospedale a

Dettagli

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Comune della Spezia A cura del Centro di Responsabilità dei Servizi Sociosanitari del Comune della Spezia Assessorato alle Politiche Sociali, della Salute e della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale della Campania Assessorato alla Sanità Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Socio-Sanitarie Particolarmente Deboli Servizio Riabilitazione

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO PER SPECIALIZZANDI

LIBRETTO INFORMATIVO PER SPECIALIZZANDI LIBRETTO INFORMATIVO PER SPECIALIZZANDI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI GUIDA DEL MEDICO IN FORMAZIONE SPECIALISTICA Libretto

Dettagli

Carta dei Servizi Sanitari

Carta dei Servizi Sanitari Azienda USL 1 di Massa e Carrara Carta dei Servizi Sanitari A cura del Settore Relazioni Esterne ed Istituzionali-URP PARL AMONE Edizione 2013 60 Questo opuscolo è stato stampato presso la stamperia ESTAV

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Campo di applicazione) 1. Il presente Contratto

Dettagli

Sede Centrale - Via Alessandro Torlonia, 15 00161 Roma - Tel.06 4425971 r.a. Fax 06 44259732 E-mail: sede.centrale@lilt.it Servizio SOS LILT - Via

Sede Centrale - Via Alessandro Torlonia, 15 00161 Roma - Tel.06 4425971 r.a. Fax 06 44259732 E-mail: sede.centrale@lilt.it Servizio SOS LILT - Via LILT e Diritto alla Salute Raccolta degli articoli di giurisprudenza della rubrica UBI SOCIETAS, IBI IUS A cura del Servizio SOS LILT Sede Centrale - Via Alessandro Torlonia, 15 00161 Roma - Tel.06 4425971

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI. per le persone disabili e le loro famiglie

GUIDA AI SERVIZI. per le persone disabili e le loro famiglie GUIDA AI SERVIZI per le persone disabili e le loro famiglie INDICE E con vera gioia, e gratitudine a tutti coloro che a diverso titolo hanno messo mano al lavoro, che mi accingo a presentare questa guida

Dettagli

APPROFONDIMENTO 1. Prevenzione nei luoghi di lavoro

APPROFONDIMENTO 1. Prevenzione nei luoghi di lavoro Una panoramica dell Istituto: Cosa facciamo L INAIL - Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro - persegue una pluralità di obiettivi: ridurre, attraverso un intensa attività

Dettagli

Digitalizzazione a cura di. Quintadicopertina www.quintadicopertina.com

Digitalizzazione a cura di. Quintadicopertina www.quintadicopertina.com AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla Sede Nazionale Via Operai, 40 16149 Genova Numero Verde 800 80 30 28 www.aism.it - aism@aism.it Edizioni AISM ISBN: 9788871480756 Si ringrazia: Digitalizzazione

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MISANO ADRIATICO (Capofila) COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI BELLARIA-IGEA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

carta servizi dei CASA SPA edizione 2011

carta servizi dei CASA SPA edizione 2011 edizione 2011 carta dei servizi CASA SPA cos é la carta dei servizi La Carta dei Servizi è un documento che serve ad informare e guidare gli utenti nella conoscenza delle prestazioni dei servizi offerti

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA INDICE GENERALE SEZIONE I CARATTERISTICHE DEL SISTEMA LOCALE PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO ART. 1 PRINCIPI DI RIFERIMENTO ART. 2 FINALITA GENERALI

Dettagli

Guida alla realizzazione di un servizio per la prima infanzia

Guida alla realizzazione di un servizio per la prima infanzia Guida alla realizzazione di un servizio per la prima infanzia anno 2008 29 1 GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO PER LA PRIMA INFANZIA ANNO 2008 a cura di Nardini Laura P.O. Ufficio politiche e coordinamento

Dettagli

Camera Penale di Napoli. Il carcere possibile. o.n.l.u.s. Guida ai diritti e ai doveri dei detenuti

Camera Penale di Napoli. Il carcere possibile. o.n.l.u.s. Guida ai diritti e ai doveri dei detenuti Camera Penale di Napoli Il carcere possibile o.n.l.u.s. Guida ai diritti e ai doveri dei detenuti IL CARCERE POSSIBILE ONLUS sede legale Napoli, Centro Direzionale, Palazzo di Giustizia, Camera Penale

Dettagli

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Residenziali per le persone anziane

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Residenziali per le persone anziane Comune di Modena Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione Carta dei Servizi Residenziali per le persone anziane Testo approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 26 del

Dettagli

Información recompilada por: Emilia Seoane Pérez, conselleira EURES (EURopean Employment Services) e profesora da Universidade de Vigo

Información recompilada por: Emilia Seoane Pérez, conselleira EURES (EURopean Employment Services) e profesora da Universidade de Vigo ITALIA CONDICIÓNS DE VIDA E DE TRABALLO Come trovare lavoro BUSCA DE EMPREGO Per trovare un lavoro in Italia è necessario iscriversi ai centri per l impiego. La persona alla ricerca di un'occupazione deve

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

LE COMPETENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE

LE COMPETENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE LE COMPETENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Volume I A cura di Commissione regionale per la formazione sanitaria INDICE ANALISI DI CONTESTO...3 COSA SONO LE COMPETENZE...4 I PERCHE DEL LAVORO...5 IL METODO...6

Dettagli