IMPIANTO DEL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPIANTO DEL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI"

Transcript

1 Gruppo di Lavoro 4 Telecomunicazioni Po 2007 Esercitazione Regionale Emilia - Romagna Reggio Emilia Settembre 2007 IMPIANTO DEL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI Ughi Gilberto

2 PREMESSA Il presente documento contiene le informazioni necessarie per la realizzazione della rete di telecomunicazioni dell esercitazione Regionale di Protezione Civile PO 2007, prevista in data ottobre 2007 nella Provincia di Reggio Emilia. Nell elaborato vengono analizzate esclusivamente le caratteristiche impiantistiche e gestionali dei sistemi di telecomunicazione dell Agenzia Regionale di Protezione Civile e della Colonna Mobile del Volontariato, necessarie per consentire sia le comunicazioni strategiche tra i centri di comando e controllo (COR, CCS, COM, COC ecc.) sia quelle operative per la gestione delle squadre di intervento del volontariato. Sono pertanto esclusi tutti i riferimenti ai sistemi di enti terzi, anche se partecipanti all esercitazione. CARATTERISTICHE GENERALI Le telecomunicazioni saranno effettuate con l ausilio di tutte le infrastrutture di servizio disponibili: pubbliche: PSTN (voce-fax) ADSL (voce-fax-dati) GSM (voce-fax) GPRS/UMTS (dati) SATELLITARE Inmarsat (voce-fax-dati) private: PMR analogica (VHF rete regionale VHF rete locale) PMR digitale (TETRA regionale) RETI del Servizio di Radioamatore HIPERLAN SATELLITERE SkyPlexNet La rete in progetto, adattata alle esigenze dell esercitazione, sarà predisposta e condotta dal volontariato secondo il Manuale delle Procedure del Sistema Regionale delle Comunicazioni di Protezione Civile e secondo le Procedure ACER di attuazione delle telecomunicazioni della Colonna Mobile.

3 I soggetti coinvolti sono i seguenti: COR Emilia Romagna: Centro Operativo Regionale Emilia Romagna (BO) Dipartimento dei Vigili del Fuoco: Direzione Regionale Emilia Romagna (BO) CCS Reggio Emilia: Centro Coordinamento Soccorsi (c/o Prefettura RE) CCS Piacenza: Centro Coordinamento Soccorsi (c/o Prefettura PC) CCS Parma: Centro Coordinamento Soccorsi (c/o Prefettura PR) COM Correggio: Centro Operativo Misto (c/o Municipio Correggio) COM Guastalla: Centro Operativo Misto (c/o Municipio Guastalla) COC Boretto: Centro Operativo Comunale (c/o Municipio Boretto) COC Brescello: Centro Operativo Comunale (c/o Municipio di Brescello) COC Castelnovo Sotto: Centro Operativo Comunale (c/o Municipio di Castelnovo Sotto) COC Guastalla: Centro Operativo Comunale (c/o Municipio di Guastalla) COC Gualtieri: Centro Operativo Comunale (c/o Municipio di Gualtieri) COC Luzzara: Centro Operativo Comunale (c/o Municipio di Luzzara) Colonna Mobile Integrata Soccorritori: c/o territorio di Colonna Mobile Assistenza alla Popolazione: PMA: Posto medico Avanzato Coordinamento del Volontariato di Reggio Emilia Giunta Regionale Volontariato c/o COR Bologna IMPIANTI TLC Di seguito sono riportati gli indirizzi realizzativi dei seguenti impianti: 1 rete radio in fonia (PMR analogica e digitale, rete radioamatoriale) 2 rete PSTN - GSM 3 rete TLC colonna mobile 4 rete di localizzazione per ognuno degli impianti sono indicate le risorse necessarie per la conduzione, i tempi di realizzazione e gli eventuali costi a preventivo.

4 1 RETE RADIO IN FONIA SCHEMA C.O.R. REGIONE EMILIA-ROMAGNA HF TETRA DIPARTIMENTO VVFF DIREZIONE EMILIA-ROMAGNA VHF TR TRASPONDER V-UHF VHF TR CCS PREFETTURA REGGIO EMILIA CCS PREFETTURA PARMA C.O.M. CORREGGIO CCS PREFETTURA PIACENZA UHF TR RETI PRIVATE C.O.M. GUASTALLA VHF 1 ASSISTENZA POPOLAZIONE E P.M.A. HF VHF TR KhZ MHz sub 77.0 COLONNA MOBILE INTEGRATA COORDINAMENTO VOLONTARIATO DI REGGIO EMILIA C.O.C. BRESCELLO C.O.C. BORETTO UHF TR VHF 1 VHF MHz sub 77.0 MHz CH6 ProCiv ER VHF 2 SERVIZI: Squadre operative Aree di attesa Elisuperfici Altro C.O.C. CASTELNOVO SOTTO C.O.C. GUALTIERI C.O.C. LUZZARA RETI PRIVATE TETRA RETI IN CONCESSIONE ANPAS/CRI/ANA TETRA

5 SPECIFICHE TECNICHE La rete radio è suddivisa in una maglia primaria, a cui afferiscono i Centri di Comando e Controllo Strategici e più maglie secondarie che provvedono al collegamento dei Centri Comunali e al traffico operativo delle squadre sul territorio. La rete primaria comprende un collegamento HF in rete Nazionale a khz (diurno) ad uso esclusivo del COR e dei CCS ed un collegamento interprovinciale ottenuto per mezzo di un traslatore bidirezionale V/UHF sub 77.0 (lato COR/CCS/COM - Colonna Integrata - Assistenza PMA) e sub 77.0 (lato COM/COC). Sarà predisposto un collegamento sperimentale su rete R3 TETRA con funzione di verifica tra il COR e la Direzione Regionale VVFF. Il secondo livello delle comunicazioni radio è rappresentato da una maglia secondaria intercomunale afferente ai COM su frequenza VHF in concessione al volontariato della Provincia di Reggio Emilia Coordinamento di Reggio Emilia ed una maglia secondaria per il coordinamento delle squadre operative della Colonna Integrata operante sulla frequenza in concessione all Agenzia PC Emilia Romagna Pro.Civ. Emilia Romagna - MONTE STELLA (REGGIO E.) CH 8 Le comunicazioni dei servizi sanitari saranno effettuate su frequenze in concessione ANPAS-CRI e quelle del Campo Assistenza alla Popolazione su quelle ANA, fermo restando la rispettiva attivazione di una postazione di raccordo con il sistema generale come sopra indicato. La gestione delle comunicazioni radio dovrà, per quanto riguarda i collegamenti tra centri operativi, avvenire tassativamente in modo formale su base scritta secondo le procedure standard adottate dall Agenzia PC. Le comunicazioni operative potranno invece essere attuate secondo modalità informale non scritta. Durante lo svolgimento dell esercitazione, in caso di necessità, potranno essere adottate dal referente TLC regionale eventuali modifiche al presente impianto. In funzione della disponibilità strumentale, potranno essere effettuate prove di collegamento tra i Centri Operativi e tra le squadre, attraverso il sistema radio regionale digitale R3 (TETRA), tali prove saranno organizzate al momento con la collaborazione dell Unità TLC presente presso la Colonna Mobile Integrata.

6 OPERATORI / GIORNO Per la conduzione delle sale radio è previsto l impiego di operatori volontari specializzati in telecomunicazione. La presenza del personale presso i centri operativi, sarà ripartita in turni di 8 ore ad esclusione dei servizi di supporto alla colonna mobile. Le organizzazioni che hanno stipulato con il Servizio Regionale di Protezione Civile convenzioni dirette per la gestione delle sale radio dei centri operativi, provvederanno alla copertura dei servizi di competenza. In caso di necessità sarà tuttavia possibile l impiego di personale specializzato messo a disposizione dai coordinamenti provinciali. SALA OPERATIVA TURNO TURNO TURNO COMPETENZA TOTALE OPERATORI COR BOLOGNA ARI BO 6 CCS REGGIO EMILIA ARI RE 3 CCS PIACENZA ACER PC 3 CCS PARMA ARI PR 3 COM CORREGGIO ARI RE/COORD 6 COM GUASTALLA ARI RE/COORD 6 COC BRESCELLO COORD. VOL RE 3 COC BORETTO COORD. VOL RE 3 COC CASTELNOVO COORD. VOL RE 3 SOTTO COC CORREGGIO COORD. VOL RE 3 COC GUALTIERI COORD. VOL RE 3 COC LUZZARA COORD. VOL RE 3 COLONNA MOBILE ACER BO 4 INTEGRATA COORDINAMENTO COORD. VOL RE 6 REGGIO EMILIA PMA - ASSISTENZA ANA -CRI - ANPAS TOTALE 55

7 AZIONI Le predisposizioni impiantistiche presso i centri operativi, laddove necessarie, saranno effettuate direttamente dal personale in esercitazione addetto alle telecomunicazioni, nei tempi indicati dalla sottostante tabella. AZIONE ATTUATORE < 5 gg INSTALLAZIONE TRASPONDER V-UHF ARI RE ATTIVAZIONE COR ARI BO ATTIVAZIONE CCS REGGIO EMILIA ARI RE ATTIVAZIONE CCS PIACENZA ACER PC ATTIVAZIONE CCS PARMA ARI PR ATTIVAZIONE COM COREGGIO ARI RE/COORD ATTIVAZIONE COM GUASTALLA ARI RE/COORD ATTIVAZIONE COC BRESCELLO ATTIVAZIONE COC BORETTO ATTIVAZIONE COC CASTELNOVO SOTTO ATTIVAZIONE COC CORREGIO ATTIVAZIONE COC GUALTIERI ATTIVAZIONE COC LUZZARA ATTIVAZIONE GGIO EMILIA ATTIVAZIONE UNIMOB TLC ACER ATTIVAZIONE PMA ED ASSISTENZA ANA-ANPAS-CRI

8 2 RETE PSTN GSM UTENZA TEL FAX

9 UTENZA INDIRIZZO E MAIL

10 AZIONI Le organizzazioni che curano l attivazione delle sale operative, dovranno provvedere alla verifica della disponibilità di rete PSTN e GSM nelle rispettive postazioni indicando i numeri telefonici e fax di riferimento e gli indirizzi di posta elettronica, almeno 15gg prima dell inizio dell esercitazione AZIONE ATTUATORE elenchi < 15 gg ATTIVAZIONE CCS ARI RE ATTIVAZIONE COR ARI BO ATTIVAZIONE CCS REGGIO EMILIA ARI RE ATTIVAZIONE CCS PIACENZA ACER PC ATTIVAZIONE CCS PARMA ARI PR ATTIVAZIONE COM COREGGIO ARI RE/COORD ATTIVAZIONE COM GUASTALLA ARI RE/COORD ATTIVAZIONE COC BRESCELLO ATTIVAZIONE COC BORETTO ATTIVAZIONE COC CASTELNOVO SOTTO ATTIVAZIONE COC CORREGIO ATTIVAZIONE COC GUALTIERI ATTIVAZIONE COC LUZZARA ATTIVAZIONE GGIO EMILIA ATTIVAZIONE UNIMOB TLC ACER ATTIVAZIONE PMA ED ASSISTENZA ANA-ANPAS-CRI

11 3 RETE IMPIANTO TLC COLONNA MOBILE SCHEMA PORATILI VHF RIPETITORE VHF VEICOLARI VHF RETE PMR REGIONE EMILIA ROMAGNA RETE WI-FI AUDIO-VIDEO DIREZIONE SERVIZI ESTERNI UNITA DI RIPRESA ESTERNA RIPETITORE WI-FI RETE RADIOAMATORIALE MONITOR RETE VHF RADIO H-V-UHF RETE RADIOMOBILE VOCE-DATI-FAX TELEFONIA GSM GPRS - UMTS SATELLITE INMARSAT SKYPLEXNET RETI SATELLITARI VOCE-DATI-FAX VIDEO STREAMING RETE WI-FI AUDIO-VIDEO TELEFONIA PSTN/ISDN/ADSL RETE FISSA VOCE-DATI-FAX HIPERLAN AUDIO/VIDEO LAN RETE DATI INTERNA TELEFONIA DECT RETE TELEFONICA INTERNA CORDLESS UNITA TLC SEGRETERIA COLONNA MOBILE

12 OPERATORI / GIORNO Per la conduzione dell Unità TLC della Colonna Mobile è previsto l impiego di personale specializzato ACER (Associazione Corpo Emergenza Radioamatori Bologna). UNITA TLC TURNO H NOV TURNO H 7 8 NOV RESPONSABILE 1 1 OPERATORI 3 3 AZIONI Le predisposizioni impiantistiche presso la Colonna Mobile, saranno effettuate direttamente dal personale ACER in esercitazione nei tempi indicati dalla sottostante tabella. PROVE OPERATIVITA UNITA TLC SUPPORTO ALLA SEGRETERIA ATTIVITA FORMATIVE PER I VOLONTARI PRESENTI AL CAMPO ATTIVAZIONE RETI TELEFONICHE PROVE SU RETE TETRA ATTIVAZIONE RETI RADIO ESERCITAZIONE REGIONALE ATTIVAZIONE RETE SATELLITARE INMARSAT PROVE SU RETE SKYPLEXNET RIPRESE VIDEO ATTIVAZIONE CONTROLLO APRS RIPIEGAMENTO < 5 gg

PROGRAMMA ATTIVITA FORMATIVE COMMUNICATIONS EMERGENCY RESCUE

PROGRAMMA ATTIVITA FORMATIVE COMMUNICATIONS EMERGENCY RESCUE PROGRAMMA ATTIVITA FORMATIVE COMMUNICATIONS EMERGENCY RESCUE 2015 CORSO BASE Introduzione alle comunicazioni radioelettriche Il corso è rivolto principalmente ai volontari di Communications Emergency Rescue

Dettagli

Tipologia di Evento. La legge 225/92 stabilisce tre livelli di Emergenza di Protezione Civile con le rispettive competenze istituzionali

Tipologia di Evento. La legge 225/92 stabilisce tre livelli di Emergenza di Protezione Civile con le rispettive competenze istituzionali Corso base per operatori TLC di Protezione Civile Le telecomunicazioni tra Centri Operativi di Comando e Controllo Ughi Gilberto Protezione Civile Emilia-Romagna Comunicazione e Telecomunicazioni durata

Dettagli

TRITONE 2004 ESERCITAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE DI SOCCORSO AD UNA NAVE INCENDIATA NELLE ACQUE PORTUALI

TRITONE 2004 ESERCITAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE DI SOCCORSO AD UNA NAVE INCENDIATA NELLE ACQUE PORTUALI ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI FILIAZIONE ITALIANA DELLA IARU eretta in Ente Morale con DPR 368 del 10-1- 1950 Sezione di Venezia (Pier Filippo Grimani) Sede: S.Croce,1996 C.P. 227-30100 Venezia tel

Dettagli

ALLEGATO 5 TIPOLOGIE E CARATTERISTICHE DELLE STRUTTURE DEL SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO 5 TIPOLOGIE E CARATTERISTICHE DELLE STRUTTURE DEL SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO 5 TIPOLOGIE E CARATTERISTICHE DELLE STRUTTURE DEL SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE a)aree DI AMMASSAMENTO ( AA ) Le Aree di Ammassamento debbono: essere adatte all'ammassamento di materiali

Dettagli

Protezione Civile - Regione Marche Unità Mobile di comunicazione d emergenza

Protezione Civile - Regione Marche Unità Mobile di comunicazione d emergenza Protezione Civile - Regione Marche Unità Mobile di comunicazione d emergenza SISTEMA DI GESTIONE TLC INTEGRATO La MPM, in relazione alle risorse di comunicazione disponibili quali: -Radio: HF/VHF/UHF;

Dettagli

IMPIANTO DEL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI

IMPIANTO DEL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI Funzione Telecomunicazioni TERRE DI PIANURA Addestramento Intercomunale di Protezione Civile 16 17 18 aprile 2010 Comuni di Argenta - Baricella Budrio Granarolo Malabergo Minerbio - Molinella IMPIANTO

Dettagli

PROCEDURE PER LA GESTIONE DEL SISTEMA REGIONALE DELLE TELECOMUNICAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

PROCEDURE PER LA GESTIONE DEL SISTEMA REGIONALE DELLE TELECOMUNICAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE REGIONE EMILIA ROMAGNA VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURE PER LA GESTIONE DEL SISTEMA REGIONALE DELLE TELECOMUNICAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE TELECOMUNICAZIONI INDICE pag. Premessa 3 Centro Operativo

Dettagli

Rete Satellitare per le telecomunicazioni di emergenza SkyPlexNetE TM

Rete Satellitare per le telecomunicazioni di emergenza SkyPlexNetE TM Rete Satellitare per le telecomunicazioni di emergenza SkyPlexNetE TM La rete SkyplexNetE TM, fornita e gestita da Telespazio, rappresenta la cosidetta Dorsale Satellitare Nazionale per le comunicazioni

Dettagli

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Costituzione: 3 Luglio 2002 Sede: presso OGER Via Guerrazzi 6, Bologna Anno 2009: 70 iscritti www.geoprociv.it OBIETTIVI: 1. Offrire nei

Dettagli

ESERCITAZIONE Basilicata 2012

ESERCITAZIONE Basilicata 2012 ESERCITAZIONE Basilicata 2012 Si è svolta il 15 dicembre la fase esercitativa di "Basilicata 2012", che ha previsto la simulazione di un terremoto di magnitudo 6.5 nella Val D Agri con effetti anche nelle

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

Accreditamento. Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi

Accreditamento. Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi Accreditamento Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi Riferimenti legislativi Regione Emilia-Romagna Delibera Giunta n. 44 del 26.01.2009 Requisiti per l accreditamenti Determinazione

Dettagli

VISITA DEL SOMMO PONTEFICE BENEDETTO XVI

VISITA DEL SOMMO PONTEFICE BENEDETTO XVI VISITA DEL SOMMO PONTEFICE BENEDETTO XVI VENEZIA 7 e 8 maggio 2011 SCHEMI DELLA RETE RADIO, FONIA E VIDEO, REALIZZATA DALLA SEZIONE ARI DI VENEZIA SONO STATE IMPIEGATE PER QUESTA ATTIVITA APPARECCHIATURE

Dettagli

L esperienza della Polizia Municipale di Bologna nella rete R3

L esperienza della Polizia Municipale di Bologna nella rete R3 L esperienza della Polizia Municipale di Bologna nella rete R3 Bologna, 11 dicembre 2008 Romano Mignani Comandante della Polizia Municipale di Bologna Sommario Sommario: Alcune informazioni sul nostro

Dettagli

VII INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE

VII INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE VII INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE Piano Trasmissioni Integrato Documento preparato dal Gruppo di lavoro TLC 22/10/12 1 Scenario dell evento Comando volontariato PCA 22/10/12 2 TELECOMUNICAZIONI PREVISTE

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

Comune di Nembro Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE. Pagina 1 di 6

Comune di Nembro Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE. Pagina 1 di 6 Comune di Nembro Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Pagina 1 di 6 ART. 1 È costituito presso la sede municipale il GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE TELECOMUNICAZIONI INTEGRATO (GETI) Mod. S0191

SISTEMA DI GESTIONE TELECOMUNICAZIONI INTEGRATO (GETI) Mod. S0191 SISTEMA DI GESTIONE TELECOMUNICAZIONI INTEGRATO (GETI) Mod. S0191 Da pag. 1 a pag. 5 Modello S0191.0000 (Base 2005) Da pag. 6 a pag. 7 Modello S0191.0001 (Base 2008) Da pag. 8 a pag. 9 Modello S0191.0002

Dettagli

DOG FRIEND 2013 POZZUOLO DEL FRIULI 30 APRILE - 3/4 MAGGIO 2013. emergencies

DOG FRIEND 2013 POZZUOLO DEL FRIULI 30 APRILE - 3/4 MAGGIO 2013. emergencies A-PDF Page Cut DEMO: Purchase from www.a-pdf.com to remove the watermark eventi speciali REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI DOG FRIEND 2013 POZZUOLO

Dettagli

PROCEDURE PER LA GESTIONE DELLE TELECOMUNICAZIONI DELLA COLONNA MOBILE

PROCEDURE PER LA GESTIONE DELLE TELECOMUNICAZIONI DELLA COLONNA MOBILE REGIONE EMILIA ROMAGNA VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURE PER LA GESTIONE DELLE TELECOMUNICAZIONI DELLA COLONNA MOBILE TELECOMUNICAZIONI INDICE Premessa Pag. 2 1.0.0 Colonna Mobile del Volontariato

Dettagli

Tra volontariato e Agenzia regionale, un esperienza unica e integrata

Tra volontariato e Agenzia regionale, un esperienza unica e integrata Tra volontariato e Agenzia regionale, un esperienza unica e integrata REGIONE EMILIA ROMAGNA Gilberto Ughi, presidente del Coordinamento provinciale bolognese di ACER-Associazione Corpo Emergenza Radioamatori

Dettagli

10. FUNZIONI DI SUPPORTO

10. FUNZIONI DI SUPPORTO 10. FUNZIONI DI SUPPORTO La pianificazione dell emergenza basata sulla direttiva del Dipartimento di Protezione Civile Metoto Augustus prevede che, al verificarsi di un evento calamitoso si organizzino

Dettagli

Colonna Mobile Regionale ARI

Colonna Mobile Regionale ARI Colonna Mobile Regionale ARI Operatività Mezzi Compiti Dotazioni (Work in progress) 1 Requisiti di intervento Intervento programmato postumo a emergenze maggiori : CMR Tre FASI : 1 * Scouting da parte

Dettagli

COME DIVENTARE VOLONTARIO DI PROTEZIONE CIVILE NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

COME DIVENTARE VOLONTARIO DI PROTEZIONE CIVILE NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA COME DIVENTARE VOLONTARIO DI PROTEZIONE CIVILE NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA TUTTI I CITTADINI POSSONO DIVENTARE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE L iscrizione del volontario ad un Associazione è il primo

Dettagli

I SERVIZI A BANDA LARGA in EMILIA-ROMAGNA. giugno 2012 v.1

I SERVIZI A BANDA LARGA in EMILIA-ROMAGNA. giugno 2012 v.1 I SERVIZI A BANDA LARGA in EMILIA-ROMAGNA giugno 2012 v.1 su rete fissa > 2Mb/s Media regionale 89,58% su rete fissa > 2Mb/s, espressa in % della popolazione Situazione stimata a giugno 2012 Fonte: dati

Dettagli

TUTTI I CITTADINI POSSONO DIVENTARE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

TUTTI I CITTADINI POSSONO DIVENTARE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE TUTTI I CITTADINI POSSONO DIVENTARE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE L iscrizione del volontario ad un Associazione è il primo e necessario passaggio per poter svolgere attività di volontariato nella Protezione

Dettagli

L.E.D Lume Emergency Day

L.E.D Lume Emergency Day REGOLAMENTO L.E.D Lume Emergency Day Sabato 4 Luglio 2015 Lumezzane (Bs) Volontari Croce Bianca Lumezzane ONLUS Pagina 1 di 7 SOMMARIO CAP. 1 FINALITA DELLA MANIFESTAZIONE 3 Art. 1.1 Scopo della Manifestazione

Dettagli

Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore. Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino

Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore. Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino Segreteria Normalità Emergenza Logistica Mezzi Materiali Specialità

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

L anno Duemilaundici (2011), il giorno ( ) del mese di ( ), nella Sede di Castello di Serravalle. TRA

L anno Duemilaundici (2011), il giorno ( ) del mese di ( ), nella Sede di Castello di Serravalle. TRA REP. /2010 CONVENZIONE TRA L'UNIONE DI COMUNI VALLE DEL SAMOGGIA ED I COMUNI DI BAZZANO, CASTELLO DI SERRAVALLE, CRESPELLANO, MONTE SAN PIETRO, MONTEVEGLIO E SAVIGNO PER LA GESTIONE ASSOCIATA DI UN SERVIZIO

Dettagli

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 L EVENTO Complessivamente dal 31 gennaio al 13 febbraio sono stati registrati i seguenti spessori del manto nevoso Parte orientale della Regione: fascia

Dettagli

CONFERENZA STAMPA giovedì 27 Marzo 2012 ore 11.30

CONFERENZA STAMPA giovedì 27 Marzo 2012 ore 11.30 CONFERENZA STAMPA giovedì 27 Marzo 2012 ore 11.30 Esercitazioni Provinciali 13 novembre 2010 Provincia ESERCITAZIONI PROVINCIALE PROTEZIONE CIVILE E ANTINCENDIO BOSCHIVO Scenari di rischio incendi boschivi

Dettagli

ABBONAMENTI A PERIODICI, BANCHE DATI E SERVIZI CONNESSI PER LE BIBLIOTECHE DELLE AMMINISTRAZIONI E AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

ABBONAMENTI A PERIODICI, BANCHE DATI E SERVIZI CONNESSI PER LE BIBLIOTECHE DELLE AMMINISTRAZIONI E AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA ABBONAMENTI A PERIODICI, BANCHE DATI E SERVIZI CONNESSI PER LE BIBLIOTECHE DELLE AMMINISTRAZIONI E AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA GUIDA ALLA CONVENZIONE Premessa La presente Guida contiene

Dettagli

PROGETTO FORMAZIONE VOLONTARI 2014

PROGETTO FORMAZIONE VOLONTARI 2014 Nucleo di Volontariato e di Protezione Civile A.N.C. Provinciale di CASERTA Via Roma 194 81030 TEVEROLA (CE) TEL FAX 081-19243275 C.F. 90033010613 e-mail: nucleopc@anc-teverola.it Iscr. Albo Regionale

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI

ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI IL PIANO DI EMERGENZA Per emergenza si intende ogni evento che porta a conseguenze negative sia in termini di

Dettagli

Prefettura di Rimini Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Rimini Ufficio Territoriale del Governo PIANO DI INTERVENTO COORDINATO PER LA RICERCA DELLE PERSONE DISPERSE ----------------------- PREFETTURA DI RIMINI - PIANO PER LA RICERCA DI PERSONE DISPERSE EDIZIONE 2011 Pagina 1 INDICE 1. Premessa pag.3

Dettagli

Terremoto a L Aquila

Terremoto a L Aquila GRUPPO TELECOM ITALIA ICT: risposte concrete ai bisogni di un mondo globale Torino, 21 ottobre 2010 Marco Burzio Salvatore Spanò Greco Parleremo di: L emergenza Il G8 Il progetto C.A.S.E. Marco Burzio;

Dettagli

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1.0 COSTITUZIONE 1. E costituito presso la sede municipale dei comuni di Mozzate e Limido Comasco il Gruppo Intercomunale di Volontari di

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

0. Introduzione. 1. Quadro normativo

0. Introduzione. 1. Quadro normativo 0. Introduzione 1. Quadro normativo 2. Organizzazione in Emilia-Romagna 3. Colonna Mobile Regionale 4. Formazione 5. Benefici Normativi 6. Prospettive 0. Introduzione Il Volontariato di Protezione Civile,

Dettagli

VENERDI 19 APRILE 2013

VENERDI 19 APRILE 2013 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità VENERDI 19 APRILE 2013 INNOVAZIONE E INFRASTRUTTURE TERRITORIALI DIGITALI Francesco Capuano Dirigente del Servizio Sviluppo Economico, Agricoltura e Promozione

Dettagli

Documento di Impianto Esercitazione Santa Lucia 2012. b) controllare l efficienza dell apparato operativo nell organizzazione dei primi soccorsi;

Documento di Impianto Esercitazione Santa Lucia 2012. b) controllare l efficienza dell apparato operativo nell organizzazione dei primi soccorsi; Comune di Santa Lucia di Piave Provincia di Treviso Regione del Veneto Servizio Emergenza Radio 1 - T E M A Documento di Impianto Esercitazione Santa Lucia 2012 Evento Sismico e intervento alluvionale.

Dettagli

Con Hera Comm e BPER Banca luce e gas sono speciali

Con Hera Comm e BPER Banca luce e gas sono speciali Con Hera Comm e BPER Banca luce e gas sono speciali La presente iniziativa promozionale è esente dalla comunicazione al Ministero Sviluppo Economico e della fideiussione a garanzia dei premi ai sensi del

Dettagli

Sezione Provinciale di Salerno

Sezione Provinciale di Salerno E.R.A. Sezione Provinciale di Salerno Esercitazione di Protezione Civile con l utilizzo del sistema APRS (Automatic Position Reporting System) per la radiolocalizzazione di obiettivi sul territorio attraverso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI AREA INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE SISTEMI INFORMATIVI REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

VENERABILE ARCICONFRATERNITA DELLA MISERICORDIA DI LIVORNO

VENERABILE ARCICONFRATERNITA DELLA MISERICORDIA DI LIVORNO VENERABILE ARCICONFRATERNITA DELLA MISERICORDIA DI LIVORNO CON LA COLLABORAZIONE DI RAGGRUPPAMENTO PROVINCIALE MISERICORDIE LIVORNO CONFEDERAZIONE NAZIONALE MISERICORDIE D ITALIA CONFERENZA REGIONALE MISERICORDIE

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Vista la legge regionale 26 luglio 1988, n. 30, "Costituzione del sistema informativo regionale";

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Vista la legge regionale 26 luglio 1988, n. 30, Costituzione del sistema informativo regionale; Prot. n. (DOR/02/13317) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Vista la legge regionale 26 luglio 1988, n. 30, "Costituzione del sistema informativo regionale"; Richiamato il "Documento di politica economicofinanziaria

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE A.N.A. 3 RGPT SOTTOCOMMISSIONE INFORMATICA PROGETTO FORMAZIONE PERMANENTE 2011 SUPPORTO ALLE ATTIVITA DI COORDINAMENTO CORSO PER ADDETTI ALLA SEGRETERIA ED ALLA SALA OPERATIVA IL SISTEMA

Dettagli

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Parma All. 1 MESSAGGIO DI PREALLARME

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Parma All. 1 MESSAGGIO DI PREALLARME All. 1 MESSAGGIO DI PREALLARME PRIORITÀ ALTA DATA ORARIO: DA: PREFETTURA DI A: AMMINISTRAZIONI, ORGANI ED ENTI DI CUI ALL UNITO ELENCO MESSAGGIO N. ALLE ORE. IN LOCALITÀ. SI E VERIFICATO (INDICARE TIPO

Dettagli

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE DI PROTEZIONE CIVILE CIVILE R EGIONE R EGIONE AUTONOMA DELLA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti

Dettagli

I sistemi Wi-Fi per i radioamatori. Luca Ferrara, IKØYYY

I sistemi Wi-Fi per i radioamatori. Luca Ferrara, IKØYYY I sistemi Wi-Fi per i radioamatori Luca Ferrara, IKØYYY Sommario Leggi e Regolamenti Frequenze di esercizio Potenze di emissione Progetto di rete radioamatoriale Nostra proposta per il futuro Leggi e Regolamenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA (Emanato con D.R. n. 1215 del 28 giugno 2007, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 69) Sommario

Dettagli

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE 1 COSA SONO? Le radiocomunicazioni, sono comunicazioni effettuate utilizzando onde radio, cioè onde elettromagnetiche

Dettagli

Corso di Formazione per Radio-Operatori Volontari di Protezione Civile Foglio Informativo e Programma

Corso di Formazione per Radio-Operatori Volontari di Protezione Civile Foglio Informativo e Programma Corso di Formazione per Radio-Operatori Volontari di Protezione Civile Foglio Informativo e Programma con il Patrocinio della Provincia di Bergamo Informazioni Generali AiFOS Protezione Civile ed Associazione

Dettagli

A. R. I. ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI RADIOCOMUNICAZIONI DI EMERGENZA. Sezione di Milano. COORDINAMENTO MILANO e PROVINCIA

A. R. I. ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI RADIOCOMUNICAZIONI DI EMERGENZA. Sezione di Milano. COORDINAMENTO MILANO e PROVINCIA A. R. I. ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI RADIOCOMUNICAZIONI DI EMERGENZA Sezione di Milano COORDINAMENTO MILANO e PROVINCIA PIANO DI ATTUAZIONE DELLA MAGLIA DI COLLEGAMENTI RADIO SUL TERRITORIO DELLA

Dettagli

Incidente chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti

Incidente chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti 203 Consulta i capitoli, la cartografia e le tavole degli Scenari predefiniti e dei Piani di emergenza per rischio specifico e attua le procedure degli

Dettagli

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PREVISIONE Attività diretta allo studio ed alla determinazione dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi, ed alla individuazione delle zone

Dettagli

Istituto di Vigilanza Privata. Servizi integrati di sicurezza, teleallarmi e controllo satellitare

Istituto di Vigilanza Privata. Servizi integrati di sicurezza, teleallarmi e controllo satellitare Istituto di Vigilanza Privata Servizi integrati di sicurezza, teleallarmi e controllo satellitare Servizi di vigilanza e sorveglianza Professionalità e sicurezza Servizio di Vigilanza Fissa Pattugliamento

Dettagli

SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO

SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO Elaborata a cura del U.N.U.C.I. Gruppo Provinciale Protezione Civile Ten. F. MESSINA Non dobbiamo mai dare per scontato che a risolvere i nostri problemi siano sempre

Dettagli

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (L.R. 14/4/2003, N. 7 D.P.G.R. 18/10/2004, nn. 7R e 8R) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dei principi fondamentali

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

AUSLRE di 2 Atto 2015/GUA/0106 del 17/12/2015: Inserimento Albo 18/12/2015 Pagina 1 ATTO DEL DISTRETTO GUASTALLA

AUSLRE di 2 Atto 2015/GUA/0106 del 17/12/2015: Inserimento Albo 18/12/2015 Pagina 1 ATTO DEL DISTRETTO GUASTALLA AUSLRE di 2 Atto 2015/GUA/0106 del 17/12/2015: Inserimento Albo 18/12/2015 Pagina 1 ATTO DEL DISTRETTO GUASTALLA 2015/GUA/0106 DEL 17/12/2015 OGGETTO: Proroga dei contratti di servizio relativi a servizi

Dettagli

Evento meteo, idrogeologico e idraulico

Evento meteo, idrogeologico e idraulico 163 A seguito della ricezione di Avviso od Informativa di previsione per fenomeni meteorologici avversi o a seguito di un Ufficio Gestione delle Emergenze ed Eventi Servizio I/ Gestione Sala Operativa

Dettagli

provincia di mantova L'esperienza e gli sviluppi della Colonna Mobile Provinciale in provincia di Mantova

provincia di mantova L'esperienza e gli sviluppi della Colonna Mobile Provinciale in provincia di Mantova L'esperienza e gli sviluppi della Colonna Mobile Provinciale in provincia di Mantova Modelli di intervento della C.M.P. C.M.P. interventi di tipo P interventi di tipo R e N Modello di intervento provinciale

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G. MARCONI" Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI)

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: DISCIPLINA: Telecomunicazioni- pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: DISCIPLINA: Monte ore annuo

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

Centro regionale contro le discriminazioni

Centro regionale contro le discriminazioni Centro regionale contro le discriminazioni LR 5/2004 Norme per l integrazione sociale dei cittadini stranieri immigrati. Modifiche alle leggi regionali 21 febbraio 1990, n. 14 e 12 marzo 200, n. 2 ; Articolo

Dettagli

Internet e telematica Mauro Nanni

Internet e telematica Mauro Nanni Internet e telematica Mauro Nanni Connessione ad Internet ad uso didattico A partire dalla seconda metà degli anni 90 le scuole hanno iniziato ad utilizzare strumenti telematici per le attività didattiche

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce

Dettagli

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi Determinazione dirigenziale n. DET-2014-89 del 12/02/2014 Oggetto Direzione Amministrativa. Adesione

Dettagli

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici CITTA DI GIAVENO Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici Anno 2006 1 CAPPELLO La Città di Giaveno ha partecipato ad un protocollo d intesa

Dettagli

Sistema integrato di comunicazione broadband

Sistema integrato di comunicazione broadband Sistema integrato di comunicazione broadband INNOVAZIONE E TECNOLOGIA AL SERVIZIO DEL MERCATO 1 CHE COSA E SMART 4 PERFORMANCE? Il sistema di comunicazione broadband SMART 4 PERFORMANCE offre soluzioni

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL - www.casaleinforma.it/pcivile

PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL - www.casaleinforma.it/pcivile ASSOCIAZIONE O.N.L.U.S. FEDERAZIONE ITALIANA RICETRASMISSIONI CB Servizio Emergenza Radio STRUTTURA PROVINCIALE LODIGIANA ISCRITTA NELL ELENCO DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DEL DIPARTIMENTO DELLA

Dettagli

Comune di Guiglia Provincia di Modena

Comune di Guiglia Provincia di Modena Comune di Guiglia Provincia di Modena Regolamento Comunale di volontari di Protezione Civile Art.1 (Oggetto e Finalità) Oggetto del presente Regolamento è la costituzione e l organizzazione di una struttura

Dettagli

Sisma Emilia-Romagna 20-29 maggio 2012. Provincie di: Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia

Sisma Emilia-Romagna 20-29 maggio 2012. Provincie di: Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia Sisma Emilia-Romagna 20-29 maggio 2012 Provincie di: Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia Comuni danneggiati in Emilia Romagna PROVINCIA DI BOLOGNA PROVINCIA DI FERRARA PROVINCIA DI MODENA PROVINCIA

Dettagli

Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013. Programma Operativo Municipi Ulteriore rimodulazione

Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013. Programma Operativo Municipi Ulteriore rimodulazione IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013 Programma Operativo

Dettagli

CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE

CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.31 del 14 Maggio 2008 Articolo 1 È costituito, ai sensi della lettera c, punto,

Dettagli

LINEE GUIDA RIGUARDO LA SCELTA E L IMPIEGO DELLA FUNZIONALITA DI LOCALIZZAZIONE NELL AMBITO DELLA RETE RADIOMOBILE REGIONALE ERretre

LINEE GUIDA RIGUARDO LA SCELTA E L IMPIEGO DELLA FUNZIONALITA DI LOCALIZZAZIONE NELL AMBITO DELLA RETE RADIOMOBILE REGIONALE ERretre LINEE GUIDA RIGUARDO LA SCELTA E L IMPIEGO DELLA FUNZIONALITA DI LOCALIZZAZIONE NELL AMBITO DELLA RETE RADIOMOBILE REGIONALE ERretre Pagina 1 di 9 1.Introduzione. La rete Tetra ERretre permette di realizzare

Dettagli

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011 Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali elvezio.galanti@protezionecivile.it prima del terremoto del 1980 DPR n 66 1981

Dettagli

LE COMUNICAZIONI NELLE MAXIEMERGENZE. a cura di Lello Cafaro

LE COMUNICAZIONI NELLE MAXIEMERGENZE. a cura di Lello Cafaro LE COMUNICAZIONI NELLE MAXIEMERGENZE a cura di Lello Cafaro 1 If you haven't communication you have nothing 2 IL TELEFONO CELLULARE OTTIMO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE NON UTILIZZABILE ASSOLUTAMENTE IN CASO

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno OGGETTO: Lavori di ristrutturazione sede centrale Ancona. - Progetto di variante del dispositivo di soccorso provinciale. PREMESSA La sede centrale dei Vigili del Fuoco d Ancona (anno di costruzione 1950)

Dettagli

Regolamento per la gestione associata delle funzioni di Protezione Civile tra i Comuni dell Unione Coros

Regolamento per la gestione associata delle funzioni di Protezione Civile tra i Comuni dell Unione Coros Unione dei Comuni del Coros Cargeghe, Codrongianos, Florinas, Ittiri, Muros, Olmedo, Ossi, Putifigari Tissi, Uri, Usini Sede legale Via Marconi 14 07045 - Ossi (SS) CF 92108320901 P.Iva: 02308440904 Tel.

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA Comune di: ATESSA PREMESSA Il Sindaco in qualità di autorità di protezione civile, per la direzione ed il coordinamento del servizio di soccorso e assistenza alla popolazione, si avvale della struttura

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco. Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta

UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco. Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE

Dettagli

in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano

in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano L Assessorato alla Protezione Civile della Provincia di Lodi in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano XI Corso base

Dettagli

con l articolo 108 del decreto legislativo n. 112/1998 sono state trasferite ulteriori funzioni alle Regioni, alle Province ed ai Comuni;

con l articolo 108 del decreto legislativo n. 112/1998 sono state trasferite ulteriori funzioni alle Regioni, alle Province ed ai Comuni; REGIONE PIEMONTE BU12 24/03/2011 Codice DB1414 D.D. 17 dicembre 2010, n. 3455 Acquisizione di apparecchiature radio ricetrasmittenti ad integrazione della rete radio regionale di protezione civile Emercom.Net-Piemonte.

Dettagli

Piano di Sicurezza e Intervento. AquaticrunnerItaly 25 LUGLIO 2015

Piano di Sicurezza e Intervento. AquaticrunnerItaly 25 LUGLIO 2015 Piano di Sicurezza e Intervento AquaticrunnerItaly 25 LUGLIO 2015 Federazione Italiana Ricetrasmissioni Servizio Emergenza Radio Piano di Sicurezza Grande Evento denominato: Aquatic Runner Italy 2015 LignanoSabbiadoroUD

Dettagli

Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SIP)

Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SIP) Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SIP) Dipartimento di Sanità Pubblica www.ausl.re.it Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica (SIP) fa parte del Dipartimento di Sanità Pubblica dell Azienda USL di Reggio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI PROTOCOLLO D INTESA TRA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di stazioni radio base Vista la legge del 22 febbraio

Dettagli

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 Non essendo l evento sismico prevedibile, non è possibile stabilire delle soglie di allerta come, ad esempio, per gli eventi idrogeologici.

Dettagli

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio 1 RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO 1.1 Caratteristiche del territorio Sono state identificate come aree a rischio di incendio boschivo e di interfaccia sui centri abitati e sulle case sparse la zona di Morghe

Dettagli

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi Deliberazione del Direttore Generale n. DEL-2013-39 del 14/03/2013 Oggetto Servizio Affari istituzionali,

Dettagli

ANNO FORMATIVO 2008 DI PROTEZIONE CIVILE

ANNO FORMATIVO 2008 DI PROTEZIONE CIVILE 2^ SESSIONE Settore Gestione Viabilità e Protezione Civile Servizio Protezione Civile ANNO FORMATIVO 2008 DI PROTEZIONE CIVILE Programma-calendario del corso di base per volontari di Associazioni e Gruppi

Dettagli

1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2

1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2 1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2 1.1 MODELLO D INTERVENTO 2 1.1.1 LIVELLI DI ALLERTA E FASI OPERATIVE 2 1.2 MODELLO DI INTERVENTO PROCEDURE OPERATIVE 3 1.2.1 PROCEDURE OPERATIVE (DA ESEGUIRE QUALUNQUE

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile

Piano Comunale di Protezione Civile MODELLO D INTERVENTO B/6.5 Rischio antropico e residuo Paralisi traffico automobilistico collegato alla chiusura della viabilità autostradale EVENTO PREVEDIBILE E NON La Paralisi del traffico automobilistico

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

Vignola, 17 Ottobre 2013

Vignola, 17 Ottobre 2013 IV INCONTRO COMMISSIONE CONSILIARE UNIONE TERRE DEI CASTELLI SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI QUADRO DELLA SITUAZIONE Vignola, 17 Ottobre 2013 Agenzia Territoriale dell Emilia-Romagna per

Dettagli