Corso di POLITICA ECONOMICA aa a.a Sapienza Università di Roma Sociologia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di POLITICA ECONOMICA aa a.a. 20082009 2008-2009 Sapienza Università di Roma Sociologia"

Transcript

1 Corso di POLITICA ECONOMICA aa a.a Sapienza Università di Roma Sociologia Docente: Francesco Palumbo Lezioni: i Venerdì dì18,00-20,00 Ricevimento: Mail: LEZ IV: I CONTI CON L ESTERO E LA BILANCIA DEI PAGAMENTI LEZ V: IL TASSO DI CAMBIO ED IL MERCATO DEI CAMBI

2 INTRODUZIONE La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti sono strumenti essenziali per l analisi macroeconomica di economie aperte e interdipendenti. Contabilità nazionale Registra tutte le voci di spesa che contribuiscono a determinare il reddito e la produzione di un paese Bilancia dei pagamenti Registra le variazioni nella posizione debitoria di un paese verso l estero dando un primo quadro dell intensità e qualità delle sue relazioni economiche internazionali.

3 LA CONTABILITA NAZIONALE IN UN ECONOMIA APERTA Consumo: La porzione di PNL acquistata dal settore privato per soddisfare le proprie necessità ed i propri desideri Investimento: La parte del PNL impiegata per la produzione futura Spesa pubblica: Tutti i beni e servizi acquistati dalle autorità locali, statali o federali L identità di contabilità nazionale in un economia aperta è la somma tra spesa nazionale ed estera in beni e servizi prodotti dai fattori produttivi domestici: Y = C + I + G + EX IM in cui: Y è il PNL C è il consumo I è l investimento G è la spesa pubblica EX sono le esportazioni IM sono le importazioni In un economia chiusa, EX = IM = 0.

4 PNL USA e le sue componenti Copyright ULRICO HOEPLI EDITORE S.p.A. 2003

5 IL CONTO CORRENTE E L INDEBITAMENTO ESTERO Saldo del conto corrente: CA = EX IM CA > 0 avanzo di conto corrente; CA <0di disavanzo di conto corrente CA è uguale alla differenza tra il reddito nazionale e la spesa degli operatori residenti: Y (C + I + G) = CA CA è pari alla produzione domestica meno la domanda domestica di beni CA rappresenta l eccesso di offerta di finanziamento domestico Conseguentemente: CA= variazione ricchezza estera netta.

6 LA CONDIZIONE DI EQUILIBRIO IN UN ECONOMIA APERTA Come visto, in economia aperta, la spesa totale non è necessariamente pari alla produzione aggregata di beni e servizi (diversamente da economia chiusa); un economia aperta può spendere più di quanto produce (grazie al ricorso all indebitamento estero), oppure spendere meno di quanto produce (impiegando all estero la produzione in eccesso); Dimostrazione: Y = C + I + G + (X M) Y (C + I + G) = X M S I = X M Il saldo della bilancia commerciale di un paese corrisponde alla differenza tra risparmi e investimenti all interno del sistema economico

7 LO SQUILIBRIO DEI CONTI CON L ESTERO S I X M NB: il sistema economico consuma più di quanto produce. Non sostenibile se non beneficiando di prestiti concessi dai propri partner esteri Risultato: Investimenti dall estero capaci di compensare il deficit delle partite correnti e diminuzione della ricchezza estera netta (differenza fra quanto gli operatori nazionali prestano e ricevono a prestito dall estero). S I X M NB: il sistema economico consuma meno di quanto produce. Possibile solo finanziando il disavanzo delle partite correnti dei propri partner esteri tramite la concessione di crediti all estero estero. Risultato: Aumento della ricchezza estera netta, tramite la concessione di crediti, capaci di compensare il surplus delle partite correnti.

8 SALDO CA E POSIZIONE RICCHEZZA ESTERA NETTA USA ( ) Copyright ULRICO HOEPLI EDITORE S.p.A. 2003

9 LA BILANCIA DEI PAGAMENTI Rilevazione sistematica di tutte le transazioni economiche che un economia intrattiene in un dato periodo di tempo (generalmente un anno) con i residenti del resto del mondo (definizione FMI) Concetti chiave: Rilevazione sistematica (metodologie contabili e orizzonte temporale) Transazioni economiche (reali o finanziarie): scambio di valore (a titolo oneroso o non) di beni, servizi, redditi ed altre attività; Economia (diverso da paese, Es. UE) Transazioni internazionali: fra residenti e non residenti (rilevante il concetto di centro di interessi i non temporaneo);

10 LA BILANCIA DEI PAGAMENTI: CREDITI E DEBITI Sotto la voce crediti, con segno positivo, sono generalmente registrate tutte le transazioni che danno luogo ad un entrata di valuta. Es: vendita di beni o servizi all estero; prestazioni lavorative fatte all estero da parte di operatori nazionali; trasferimenti ottenuti dall estero operazioni finanziarie di indebitamento Sotto la voce debiti, con segno negativo, sono invece registrate tutte le transazioni che danno luogo ad un uscita uscita di valuta. Es: acquisto di beni e servizi dall estero; pagamento di prestazioni lavorative effettuate sul territorio nazionale da non residenti; trasferimenti ti unilaterali li a favore dell estero; operazioni finanziarie di prestito

11 I PRINCIPI CONTABILI Partita doppia ; Uniformità di valutazione : medesima unità di conto (valuta nazionale); uniformità criterio temporale e criterio omogeneo di stima (generalmente prezzo di mercato della transazione; NB! X fob e M cif); Effettività transazione : rilevazione avviene al momento del trasferimento, indipendentemente dal connesso regolamento valutario (fonte uffici doganali; Intrastat per flussi intra-ue)

12 IL PRINCIPIO DELLA PARTITA DOPPIA Ogni transazione genera automaticamente, negli opportuni conti della bilancia dei pagamenti, due registrazioni contrapposte di uguale ammontare : una a credito (segno più) ed una a debito (segno meno); L incasso e pagamento relativo alle transazioni economiche viene registrato con segno opposto a quello delle transazioni che ne sono la causa. La somma fra conto corrente e conto finanziario è pertanto sempre nulla. La BdP è, sotto il profilo contabile, sempre in pareggio Causa discrepanze e contabili, prevista voce a carattere residuale, errori ed omissioni (dati statistici dei crediti e dei debiti provengono spesso da fonti differenti!)

13 REGISTRAZIONI BdP Esempio 1: Un cittadino italiano acquista per 1000 un macchinario da un impresa statunitense; Questa transazione genera nella bilancia dei pagamenti italiana le due registrazioni seguenti: nel conto corrente italiano sotto la voce debiti (uscita di valuta) con segno negativo (-1000 ); nel conto finanziario italiano sotto la voce credito (+1000 ).

14 REGISTRAZIONI BdP (2) Esempio 2: Un cittadino italiano cena in un ristorante statunitense e paga 200 ; Gli USA hanno venduto un attività sotto forma di servizio all Italia (simile ad un importazione di servizi); Questa transazione genera nella bilancia dei pagamenti italiana le due registrazioni seguenti : nel conto corrente italiano sotto la voce debiti (uscita di valuta) con segno negativo (-200 ); nel conto finanziario italiano sotto la voce credito (+200 ).

15 REGISTRAZIONI BdP (3) Esempio 3: Un cittadino italiano acquista azioni estere e paga 500 ; Si verifica un deflusso di capitale dall Italia e contemporaneamente un aumento delle attività estere (commercio di attività contro attività) Questa transazione genera nella bilancia dei pagamenti italiana le due registrazioni seguenti (entrambe di tipo finanziario): nel conto finanziario i i italiano sotto la voce debiti (uscita di valuta) con segno negativo (-500 ); nel conto finanziario italiano sotto la voce credito (+500 ). Politica Economica a.a. a.a. 2008/2009

16 Le principali Sezioni della bilancia dei pagamenti 3 Sezioni principali della BP: le PARTITE CORRENTI, cioè la sezione in cui vengono registrate tutte le transazioni che hanno ad oggetto attività non finanziarie (flussi puri); i MOVIMENTI DI CAPITALE, ossia i trasferimenti finanziari (di moneta, di crediti, di titoli) di natura autonoma (variazioni di stock, fisico o finanziario), effettuati per ragioni diverse dalla gestione della politica monetaria e di cambio; i FLUSSI DI RISERVE UFFICIALI, dove si contabilizzano le variazioni della posizione sull estero della Banca centrale. A questi tre grandi blocchi si deve aggiungere g la voce, a carattere residuale, denominata errori ed omissioni al fine di compensare le eventuali discrepanze fra il totale dei valori a credito ed a debito.

17 LA BILANCIA DELLE PARTITE CORRENTI A B C D A+B+C+D BILANCIA COMMERCIALE (PARTITE VISIBILI) PARTITE INVISIBILI SERVIZI -Trasporti -Viaggi all estero -Costruzioni -Comunicazioni -Intermediazioni -Assicurazioni -Servizi personali -Servizi alle imprese -Servizi al Governo -Altri servizi REDDITI -Redditi da lavoro -Redditi da capitale TRASFERIMENTI UNILATERALI -Trasferimenti privati -Trasferimenti pubblici BILANCIA DELLE PARTITE CORRENTI

18 LA BILANCIA DEI MOVIMENTI DI CAPITALE A CONTO CAPITALE - Capitale immateriale (brevetti, licenze, diritti d autore, ecc.) - Trasferimenti unilaterali in c/capitale (da Istituzioni int.li o settore bancario) B CONTO FINANZIARIO -Investimenti diretti -Investimenti di portafoglio -Prestiti privati -Prestiti pubblici -Crediti commerciali - Derivati finanziari -Altri capitali A+B BILANCIA DEI MOVIMENTI DI CAPITALE

19 IL SALDO DELLA BILANCIA DEI PAGAMENTI A BILANCIA DELLE PARTITE CORRENTI A+B+C SALDO TRANSAZIONI AUTONOME BILANCIA DEI PAGAMENTI B BILANCIA DEI MOVIMENTI DI CAPITALE D SALDO TRANSAZIONI COMPENSATIVE (CONTO RISERVE UFFICIALI) (A+B+C)±D ZERO C ERRORI ED OMISSIONI

20

21 IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE (TC) Il TC può essere definito come il prezzo di una valuta in termini di un altra. Modalità di quotazione del tasso di cambio: incerto per certo = nr. unità di valuta nazionale (q. variabile e quindi incerta) necessarie ad acquistare un'unità unità della valuta estera considerata (q. certa). La quotazione è la seguente: x unità di valuta nazionale per 1 unità di valuta estera (ad esempio, 0,80 euro per 1 dollaro USA). ΔTC>0=deprezzamento p valuta nazionale. "certo per incerto = nr. di unità di valuta estera (q. incerta) che si possono ottenere con una unità di valuta nazionale (q. certa). La quotazione è, in questo caso: x unità di valuta estera per 1 unità di valuta nazionale (ed è pari al reciproco dell esempio precedente: 1,25 dollari per un euro). ΔTC>0=Apprezzamento valuta nazionale. Per fare la conversione in valuta nazionale di una certa quantità di valuta estera: Quotazione i incerto per certo : 100$*0,80=80 euro; Quotazione certo per incerto : 100$/1,25=80 euro. Politica Economica a.a. a.a. 2008/2009 Lezione V

22 IL TASSO DI CAMBIO DI EQUILIBRIO TC=$/ S Asse verticale prezzo dell euro in dollari 4 Asse orizzontale quantità euro 3 2 E H D E punto di equilibrio: domanda e offerta di Euro negli USA coincidono Milioni di Euro/giorno Si sposta in alto la curva di domanda di euro (punto H), x l accresciuta preferenza negli USA beni Europa: TC 3, con 70 Ml al g. eil $sièdeprezzato; ci vogliono più dollari per un Euro. Il deprezzamento è l aumento del prezzo interno della valuta estera. L apprezzamento è la discesa del prezzo interno di una valuta estera. Lezione V

23 IL TASSO DI CAMBIO REALE (R) Il TC reale è dato dal rapporto fra i prezzi esteri ed i prezzi nazionali, espressi in una comune unità monetaria. In formula: R TC * Pf Pd Mentre TC rappresenta il prezzo relativo fra due valute, il R rappresenta il prezzo relativo fra i beni prodotti nei due paesi. Es: TC incerto per certo euro/dollaro=0,80. Prezzi Big Mac di McDonald s (2,5 in Italia ed a 4$ in USA): 0,80* 80*4$ 2,5 Scopriamo che il tasso di cambio reale euro/dollaro è deprezzato rispetto al tasso di cambio nominale e, conseguentemente, che il potere di acquisto dell euro in USA è minore rispetto all Italia (per comprare il Big Mac in USA ci vuole l equivalente l in $ di 3,2 in luogo dei 2,5 in Italia). 3,2 2,5 R e / $ 1,28 Politica Economica a.a. a.a. 2008/2009 Lezione V

24 VARIAZIONI DEL TASSO DI CAMBIO REALE ES. Deprezzamento del tasso di cambio reale euro/dollaro indica una caduta del potere di acquisto dell euro in USA rispetto al suo potere di acquisto interno. Ciò può derivare: da un aumento dei prezzi USA relativamente ai prezzi dell UEM UEM, a TC invariato; da un deprezzamento nominale, a prezzi invariati In pratica, a prezzi invariati, il deprezzamento nominale implica un deprezzamento reale e viceversa! Lezione V

25 IL MERCATO DEI CAMBI Mercato nel quale hanno luogo gli scambi di valuta estera Come tutti i prezzi vigenti in un sistema economico anche il TC è determinato dall interazione tra acquirenti e venditori. Valuta estera Oltre alla banconota include tutti i mezzi di pagamento pg ed i titoli di credito a breve termine di altre nazioni acquistati e venduti contro moneta nazionale o mantenuti in qualità di riserva (Kindelberger, 1981) Principali operatori Società ed imprese (esportatori, importatori, investitori, turisti ecc.) Banche commerciali (stanza di compensazione) Istituzioni finanziarie non bancarie (mercato interbancario) Banche centrali Ruolo del Dollaro: valuta internazionale e valuta veicolo signoraggio Lezione V

26 MERCATO A PRONTI E MERCATO A TERMINE Le operazioni che avvengono sul mercato dei cambi sono distinte in base alla data pattuita tra i contraenti per la consegna effettiva della valuta oggetto del contratto. Mercato a pronti (spot market) Gli operatori danno immediatamente esecuzione all accordo accordo (consegna max 1-2 gg). Il tasso di cambio a pronti (spot exchange rate) è il prezzo della valuta richiesta per operazioni i di questo tipo. Mercato a termine (forward market) Gli accordi di cambio specificano un giorno di valuta spostato nel tempo. Il mercato a termine è formato, quindi, dalle valute che vengono scambiate ad una data futura prestabilita ed il cui prezzo, il tasso di cambio a termine (forward exchange rate) è fissato al momento della stipula del contratto ma pagato o riscosso alla data di effettiva scadenza del contratto. Lezione V

27 PREMIO/SCONTO A TERMINE Se la valuta nazionale risulta apprezzata a termine si dice che è in "premio a termine" rispetto alla valuta estera; Se, viceversa, la valuta nazionale risulta deprezzata a termine, si dice che è in sconto a temine rispetto alla valuta estera Es.: TC a pronti incerto x certo /$ 0,80; TC a termine = 0,90 (= deprezzamento dell euro a termine rispetto al dollaro), è in sconto a termine rispetto al $; Viceversa, TC euro/dollaro a termine 0,70 (= apprezzamento dell euro a termine), si direbbe che è in premio a termine rispetto al $; In formula, esprimendo Premio a termine (Pt), sia lo Sconto a termine (St) come scarti percentuali su base annua: Pt, St TC t TC TC 360 * h *100 h rappresenta l orizzonte temporale del contratto a termine espresso in giorni Lezione V

28 CAMBI A PRONTI ED A TERMINE Lezione V

29 Operazioni sul mercato dei cambi Operazioni di copertura commerciale L obiettivo di tali operazioni è di eliminare i rischi di cambio in relazione a pagamenti ed incassi differiti nel tempo (risk adverse) vendendo/acquistando a termine. Operazioni di speculazione Operazioni sul mercato dei cambi nell aspettativa di lucrare sulla variazione del loro prezzo (risk taker). Distinguiamo operazioni stabilizzanti e destabilizzanti ; Operazioni di arbitraggio Operazioni sul mercato dei cambi allo scopo di lucrare sulle differenze esistenti, a parità di rischio, sui rendimenti attesi. Lezione V

30 Operazioni di arbitraggio Operazioni sul mercato dei cambi Le operazioni di arbitraggio, coperto e/o scoperto, sui tassi di interesse sono di fondamentale importanza per ricavare i tassi di cambio di equilibrio di breve termine,(i.e. TC che rendono gli operatori soddisfatti di detenere in portafoglio l offerta esistente di titoli, denominati in tutte le valute); Per confrontare i rendimenti fra attività nazionali ed estere gli operatori devono tener conto sia dei tassi di interesse che del tasso di cambio. Il trasferimento di fondi all estero per trarre vantaggio dei maggiori rendimenti comporta un rischio di cambio legato: 1. alla conversione della valuta nazionale in valuta estera per effettuare l investimento; 2. alla riconversione della valuta estera in valuta nazionale alla data di scadenza. Es ARBITRAGGIO SCOPERTO si ha se l investitore non si copre rispetto al rischio di deprezzamento della valuta nella quale ha investito Lezione V

31 ARBITRAGGIO COPERTO SUI TASSI DI INTERESSE O CONDIZIONE DI PARITA COPERTA L investitore all estero desidera coprirsi dal rischio di cambio. A tal fine: Egli acquista a pronti la valuta estera e la rivende simultaneamente a termine (swap) per eliminare il rischio di cambio; NB: di norma la valuta cui è associato il tasso di interesse più basso è in Premio a termine (tende ad apprezzarsi) elavaluta cui è associato il tasso di interesse più alto è a Sconto a termine quindi: il rendimento netto di un investimento t è grosso modo equivalente al differenziale dei tassi di interesse meno lo sconto a termine. Lezione V

32 ARBITRAGGIO COPERTO SUI TASSI DI INTERESSE O CONDIZIONE DI PARITA COPERTA Ip.: tasso di interesse più alto in EU che in USA Man mano che le operazioni di arbitraggio proseguono si hanno due effetti: i $ 1) Il diminuisce in EU e aumenta negli USA, perché aumenta l S di fondi in EU e diminuisce l S di fondi in USA; 2) l acquisto di a pronti fa aumentare il tasso di cambio a pronti dell e la vendita di euro sul mercato a termine fa diminuire i i il tasso i cambio a termine dell, pertanto lo sconto a temine dell aumenta. Con il ridursi del differenziale di i a favore dell e il crescere dello sconto a termine dell il guadagno netto iniziale tende a zero: l è in condizioni di parità di arbitraggio scoperto sui tassi di interesse CIAP (Covered interest arbitrage parity); i Politica Economica a.a. a.a. 2008/2009 Lezione V

33 ARBITRAGGIO COPERTO SUI TASSI DI INTERESSE O CONDIZIONE DI PARITA COPERTA i = interno i*=estero; Sconto a termine A i-i* Flussi arbitraggio entrata Flussi arbitraggio uscita CIAP Premio a termine Asse verticale: valori negativi indicano convenienza ad investire all estero, viceversa val. positivi Asse orizzontale premio o sconto a termine. I valori sono percentuali su base annua Al di sotto della CIAP vi sarà guadagno netto derivante daunarbitraggio i copertosui tassi di interesse in uscita perché o il differenziale negativo nei tassi di interesse a favore della piazza estera supera lo sconto a termine sulla valuta estera oppure il premio a termine sulla valuta estera supera il differenziale positivo. Nel Punto A differenziale i -2 pt, con valuta estera in sconto dell 1%, margine di arbitraggio dell 1% che comporta un deflusso di capitale. Con il procedere dell arbitraggio il guadagno netto diminuisce e tende a scomparire. Es. da A il trasferimento dei fondi all estero riduce il diff. di i a favore della piazza estera, si raggiunge la CIAP. Al di sopra della CIAP o il diff. positivo di i supera il premio a termine della val. estera o il diff. negativo di i è minore dello sconto a termine sulla val. estera. In entrambe i casi è conveniente per gli stranieri investire nel Paese con relativo flusso di arbitraggio in entrata. Politica Economica a.a. a.a. 2008/2009 Lezione V

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Introduzione. La contabilità nazionale in un economia aperta. Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese

Introduzione. La contabilità nazionale in un economia aperta. Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese Lezione del 12/5/2005 Davide Castellani castellani@uniurb.it Introduzione La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti

Dettagli

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 2 IL MKT DEI CAMBI E il mkt nel quale si vendono ed acquistano valute estere. Funzioni del mkt dei cambi 1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale

Dettagli

Sistema di contabilità nazionale

Sistema di contabilità nazionale Sistema di contabilità nazionale Registra il valore del reddito nazionale che risulta dalla produzione e dalla spesa I produttori percepiscono reddito dagli acquirenti, che spendono per l acquisto di beni

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 167 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti

La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti La contabilità nazionale in un economia aperta La bilancia dei pagamenti Bibliografia di base: capitolo 2 ("La contabilità nazionale e la bilancia dei

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 158 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo (RdM) il modello economico di riferimento per la politica economica deve rappresentare

Dettagli

ECONOMIA APERTA. Principi e definizioni. Tratteremo 1) e 2). Come esempio considereremo l euro come valuta nazionale e il dollaro come valuta estera

ECONOMIA APERTA. Principi e definizioni. Tratteremo 1) e 2). Come esempio considereremo l euro come valuta nazionale e il dollaro come valuta estera ECONOMIA APERTA Principi e definizioni 1) Apertura dei mercati dei beni 2) Apertura dei mercati finanziari 3) (Apertura del mercato del lavoro) Tratteremo 1) e 2). Come esempio considereremo l euro come

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 29 Mercati finanziari e reali in una economia aperta

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 29 Mercati finanziari e reali in una economia aperta UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 29 Mercati finanziari e reali in una economia aperta Prof. Gianmaria Martini Mercati in economia aperta Sino ad ora abbiamo

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta Capitolo VI. Il modello IS-LM in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

La posizione finanziaria nei confronti dell estero

La posizione finanziaria nei confronti dell estero Corso di Economia finanziaria La posizione finanziaria nei confronti dell estero Dott.ssa Arianna Moschetti A.A. 2012-13 2012 Sommario La Bilancia dei Pagamenti Definizione Processo evolutivo Schema e

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Tassi di cambio e transazioni internazionali La domanda di attività denominate in valuta estera L equilibrio nel mercato valutario Tassi

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti

La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti La contabilità nazionale in un economia aperta La bilancia dei pagamenti Bibliografia di base: capitolo 2 ("La contabilità nazionale e la bilancia dei

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

La macroeconomia dei sistemi economici aperti

La macroeconomia dei sistemi economici aperti La macroeconomia dei sistemi economici aperti Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 31 Lo studio delle economie aperte Cosa si intende per economia

Dettagli

OGGETTO DELL ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE. Tradizionalmente, lo studio dell Economia Internazionale è diviso in 2 parti:

OGGETTO DELL ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE. Tradizionalmente, lo studio dell Economia Internazionale è diviso in 2 parti: MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 1 OGGETTO DELL ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE Tradizionalmente, lo studio dell Economia Internazionale è diviso in 2 parti: 1) Parte reale : studia le motivazioni

Dettagli

La bilancia dei pagamenti e il debito estero

La bilancia dei pagamenti e il debito estero La bilancia dei pagamenti e il debito estero LA BILANCIA DEI PAGAMENTI La Bilancia dei Pagamenti è lo schema contabile che registra tutte le transazioni economiche effettuate dai residenti dell'economia

Dettagli

Economia Aperta. Mario Veneziani. Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale

Economia Aperta. Mario Veneziani. Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale Economia Aperta Mario Veneziani Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale, fino alla fine del par. 2.1 pag. 318 1 Economia aperta, ovvero... Nel mercato dei beni: ruolo dei dazi,

Dettagli

Esame di Politica economica internazionale. (tempo stimato: 30 minuti, valutazione: 10 punti/30 punti)

Esame di Politica economica internazionale. (tempo stimato: 30 minuti, valutazione: 10 punti/30 punti) Esame di Politica economica internazionale Parte 1 A scelta tra a) o b) (risposta esatta vale 10 punti): a) Sulla base della bilancia dei pagamenti incompleta della Ecolandia (in miliardi di dollari):

Dettagli

IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114

IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114 IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114 IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA IL TASSO

Dettagli

Bilancia dei Pagamenti e il modello Mundell e Fleming

Bilancia dei Pagamenti e il modello Mundell e Fleming Corso di Economia Politica Bilancia dei Pagamenti e il modello Mundell e Fleming Prof. Stefano Papa Bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti registra il valore delle transazioni tra residenti e

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Il concetto di Economia aperta si applica ai mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri IL TASSO DI CAMBIO Anno Accademico 2013-2014, I Semestre (Tratto da: Feenstra-Taylor: International Economics) Si propone, di seguito, una breve

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Definizione Documento contabile in cui vengono registrate tutte le transazioni economiche che un economia intrattiene con i non residenti in un determinato periodo di tempo Documento

Dettagli

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa 1. Il surplus persistente della bilancia dei pagamenti correnti giapponese

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio adattamento italiano di Novella Bottini 1 Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio e prezzi dei beni I mercati

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Organizzazione del capitolo

Organizzazione del capitolo Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Preparato da Iordanis Petsas (traduzione di Juliette Vitaloni) In allegato a: Economia internazionale: economia monetaria internazionale

Dettagli

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Marianna Belloc 1 Approccio NATREX L approccio NATREX, dovuto a Stein (1990, 1999) e basato, come il precedente, su agenti intertemporalmente

Dettagli

LEZIONE 10. Argomenti trattati

LEZIONE 10. Argomenti trattati LZION 0 L CONOMI PRT () La bilancia dei pagamenti, il saldo della bilancia dei pagamenti e il mercato dei cambi rgomenti trattati La bilancia dei pagamenti Le determinanti del saldo del conto corrente

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Macroeconomia. Lezione n. 6 Modello di economia aperta nel lungo periodo, Parte I: Definizioni e struttura del modello.

Macroeconomia. Lezione n. 6 Modello di economia aperta nel lungo periodo, Parte I: Definizioni e struttura del modello. Macroeconomia Lezione n. 6 Modello di economia aperta nel lungo periodo, Parte I: Definizioni e struttura del modello Luca Deidda UNISS, CRENoS, DiSEA Luca Deidda (UNISS, CRENoS, DiSEA) 1 / 16 Scaletta

Dettagli

La Bilancia dei Pagamen. con l estero. Mario Tirelli

La Bilancia dei Pagamen. con l estero. Mario Tirelli La Bilancia dei Pagamen. con l estero Mario Tirelli Definizione Prospe7o sta.s.co che riporta le operazioni con l estero effe7uate in una data economia tra residen. e non- residen., in un periodo di tempo

Dettagli

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia La Produzione Aggregata: metodi di misurazione del livello di attività e della congiuntura In questa lezione: studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un

Dettagli

Capitolo 3. Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi)

Capitolo 3. Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Economia del turismo

Economia del turismo Economia del turismo Anno Accademico 2014/2015 Dott. Ivan Etzo Economia del Turismo - Dott. Ivan Etzo 1 SEZIONE 5 Il turismo internazionale ARGOMENTI 5.1 Gli elementi caratteristici del turismo internazionale

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Significato della bilancia dei pagamenti: registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo le entrate di moneta dall estero sono crediti le

Dettagli

Capitolo Contabilità. nazionale

Capitolo Contabilità. nazionale 12 Capitolo Contabilità nazionale 12. Contabilità nazionale Per saperne di più... Istat. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Istat. Pil e indebitamento

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Settembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

L ECONOMIA APERTA CHAPTER 5. The Open Economy

L ECONOMIA APERTA CHAPTER 5. The Open Economy L ECONOMIA APERTA 0 COSA IMPAREREMO: La contabilità nazionale in economia aperta Il saldo commerciale e i flussi internazionali di capitale Il tasso di cambio nominale e reale. Importazioniedesportazioni

Dettagli

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte MD 9. La macroeconomia delle economie aperte In questo modulo, costituito da due Unità, ci occuperemo di analizzare il funzionamento delle economie aperte, ossia degli scambi a livello internazionale.

Dettagli

Il mercato dei beni in economia aperta

Il mercato dei beni in economia aperta Il mercato dei beni in economia aperta La differenza tra economia aperta e chiusa In una economia chiusa tutta la produzione viene venduta entro i confini nazionali, la domanda nazionale di beni (la spesa

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 15 La bilancia dei pagamenti e il mercato valutario Hill, cap. 10 (prima parte) La bilancia

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 31 - Novembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 7 - Febbraio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Capitolo XIII. I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta

Capitolo XIII. I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta Capitolo XIII. I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 8 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

PARTE 5: Risparmio, investimento e

PARTE 5: Risparmio, investimento e : Risparmio, investimento e relazioni finanziarie L esistenza di soggetti con un eccesso di spesa sul reddito, ovvero con un eccesso di risparmio sull investimento determina trasferimenti di fondi da chi

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 21. Rimini, 18 novembre 2014

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 21. Rimini, 18 novembre 2014 Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 21 Rimini, 18 novembre 2014 Macroeconomia 319 I mercati finanziari e reali in economia aperta Macroeconomia 320 1 I

Dettagli

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 10 Il mercato valutario La strategia di copertura della Volkswagen 10-3 La Volkswagen, il più grande produttore europeo di autovetture, ha comunicato una diminuzione

Dettagli

Facoltà di Economia Sapienza

Facoltà di Economia Sapienza Lezione: Mercato della valuta, Tassi di cambio, UIP e CIP Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Sapienza Mercato della valuta Il mercato della valuta dipende

Dettagli

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Il PIL è la somma dei valori monetari del consumo (C), dell investimento lordo, della spesa pubblica per beni e servizi (G) e delle

Dettagli

Bilancia dei pagamenti

Bilancia dei pagamenti Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Bilancia dei pagamenti Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Riferimento Bibliografico.

Dettagli

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU)

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU) Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management Anno accademico 2014/2015 Macroeconomia (9 CFU) Notizie pratiche Orari: lunedì 14.00-17.00 (3-4 ore accademiche) venerdì 14.00-17.00 (3-4 ore

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Lezione 18 1. Introduzione

Lezione 18 1. Introduzione Lezione 18 1 Introduzione In questa lezione vediamo come si misura il PIL, l indicatore principale del livello di attività economica. La definizione ed i metodi di misura servono a comprendere a quali

Dettagli

Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia 1 Interazione tra produzione, reddito e domanda Variazione della domanda di beni Variazione della

Dettagli

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Capitolo 7 La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Sulla base del rapporto export - PIL gli USA sono un economia quasi chiusa: Stato Export/Pil % USA 10 GERMANIA 32 G.B. 25 BELGIO 73 LUSSEMBURGO

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili Economia Applicata all'ingegneria 1 Il modello Mundell - Fleming E un'estensione del modello IS-LM per un sistema aperto, quando le transazioni

Dettagli

MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI. Harcourt Brace & Company

MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI. Harcourt Brace & Company MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI Economie aperte o chiuse Un economia chiusa è un economia che non interagisce con altre economie nel mondo. Non ci sono esportazioni, non ci sono

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Nuovo Orario Riassunto lezione precedente Definizione e misurazione: PIL

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

Il Mercato dei Cambi. Giuseppe De Arcangelis 2015 Economia Internazionale

Il Mercato dei Cambi. Giuseppe De Arcangelis 2015 Economia Internazionale Il Mercato dei Cambi Giuseppe De Arcangelis 2015 Economia Internazionale 1 Premessa Nella teoria del commercio internazionale esiste solo baratto Ora, in ognuna delle economie, si introducono: -la moneta

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota Capitolo 2 Misurazione del sistema macroeconomico Francesco Prota Piano della lezione La misurazione delle sei variabili chiave Tasso di cambio Mercato azionario Tassi di interesse Tasso di inflazione

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari

Tassi di cambio e mercati valutari Tassi di cambio e mercati valutari Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio e prezzi dei beni I mercati dei cambi La domanda di valuta e di altre attività Un modello dei mercati valutari

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti Registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo i crediti (segno +): le entrate dall estero i debito

Dettagli

Il mercato dei cambi. Premessa

Il mercato dei cambi. Premessa Il mercato dei cambi 2009 1 Premessa Nella teoria del commercio internazionale (vista fino ad ora) solo baratto Ora, in ognuna delle economie, si introducono: la moneta con le sue funzioni tradizionali

Dettagli

esercitazione EIF n 3 a.a. 2006-2007: CAMBI, TASSI SU MUTUI E PRESTITI, TITOLI DI STATO, OBBLIGAZIONI

esercitazione EIF n 3 a.a. 2006-2007: CAMBI, TASSI SU MUTUI E PRESTITI, TITOLI DI STATO, OBBLIGAZIONI esercitazione EIF n 3 a.a. 2006-2007: CAMBI, TASSI SU MUTUI E PRESTITI, TITOLI DI STATO, OBBLIGAZIONI 1 Cambi 2 Valuta: qualsiasi mezzo di pagamento utilizzabile negli scambi internazionali, es. banconote,

Dettagli