OBBLIGHI DI REGISTRAZIONE E CORRETTA TENUTA DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO NELLE SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO LINEE GUIDA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OBBLIGHI DI REGISTRAZIONE E CORRETTA TENUTA DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO NELLE SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO LINEE GUIDA"

Transcript

1 BBH RTRAZN CRRTTA TNTA ARCHV NC NRATC N CTA TN RAR N A

2 AVVRTNZ e presenti inee uida rappresentano uno strumento di ausilio e supporto per l adempimento da parte delle ocietà degli obblighi in tema di registrazione e corretta tenuta dell Archivio nico nformatico ai sensi della normativa preventiva del fenomeno del riciclaggio. sse, pertanto, non sono né vincolanti né esaustive rispetto alle possibili scelte effettuate dalle ocietà. e inee uida non alterano il significato della normativa legislativa e regolamentare vigente in materia, né possono essere interpretate in tal senso. 2

3 . remessa attispecie operative rilevanti ai fini delle registrazioni A attispecie operative per cui non è prevista alcuna registrazione A odalità di registrazione dei rapporti continuativi e dei legami a fronte delle posizioni detenute dai clienti negli CR (attività di commercializzazione ex art. 33, comma 2, e-bis) del T...) odalità di registrazione delle principali e più frequenti tipologie di operazioni disposte dai clienti ed aventi ad oggetto CR chema riassuntivo tipi informazione per registrazioni sempi di registrazione di operazioni per persone fisiche sempi di operazioni per persone non fisiche odalità di registrazione dei rapporti continuativi e dei legami a fronte della gestione di portafogli e della commercializzazione diretta di quote di CR odalità di registrazione delle principali e più frequenti tipologie di operazioni disposte dai clienti relativamente alla gestione di portafogli e alla commercializzazione diretta di quote di CR chema riassuntivo tipi informazione per registrazioni sempi di registrazione di operazioni per persone fisiche sempi di operazioni per persone non fisiche Aspetti connessi alla registrazione delle operazioni frazionate peratività connessa con i fondi comuni di investimento immobiliare Aspetti da chiarire emersi nell ambito della stesura delle inee uida

4 . remessa e presenti inee uida (di seguito, le inee uida) hanno lo scopo di esemplificare, per le principali e più frequenti fattispecie operative riscontrabili nelle R/CAV, le regole di alimentazione dell Archivio nico nformatico (di seguito, A) in ottemperanza a quanto disposto nel provvedimento della Banca d talia del 23 dicembre 2009 (di seguito, il rovvedimento) recante disposizioni attuative per la tenuta dell A e per le modalità semplificate di registrazione di cui all articolo 3, commi e 8, del decreto legislativo 2 novembre 200, n. 23 (di seguito, il ecreto). Ciò al fine di gestire le criticità emerse dall analisi del rovvedimento, la cui portata innovativa ha reso necessario individuare le corrette modalità operative per l individuazione delle fattispecie rilevanti e la relativa registrazione in A. e inee uida, elaborate e condivise dai partecipanti al ruppo di avoro antiriciclaggio istituito presso Assogestioni, già trasmesse alla Banca d talia nel mese di maggio del 200, sono ora rivisitate anche secondo i nuovi principi contenuti nei documenti sull adeguata verifica della clientela e le modalità di tenuta dell A e registrazione delle operazioni messi in consultazione dal medesimo rgano di vigilanza nel febbraio del corrente anno. e presenti inee uida intendono fornire uno strumento di supporto alle R, esemplificando le prassi di mercato e l approccio seguito dagli operatori nella fase di predisposizione e di implementazione dei sistemi operativi. al punto di vista organizzativo il presente documento è strutturato in 9 paragrafi dedicati rispettivamente: alle fattispecie operative rilevanti ai fini delle registrazioni A; alle fattispecie operative per cui non è prevista alcuna registrazione A; alle modalità di registrazione dei rapporti continuativi e dei legami a fronte delle posizioni detenute da clienti negli CR; alle modalità di registrazione delle principali e più frequenti tipologie di operazioni disposte dai clienti ed aventi ad oggetto CR; alle modalità di registrazione dei rapporti continuativi a fronte della gestione di portafogli e della commercializzazione diretta di quote di CR; alle modalità di registrazione delle principali e più frequenti tipologie di operazioni disposte dai clienti relativamente alla gestione di portafogli e alla commercializzazione diretta di quote di CR; agli aspetti connessi alla registrazione delle operazioni frazionate; alle fattispecie operative rilevanti per i fondi comuni di investimento immobiliare; agli aspetti da chiarire emersi nell ambito della stesura delle inee uida. 4

5 2. attispecie operative rilevanti ai fini delle registrazioni A Ai fini delle registrazioni in A rilevano le operazioni (rapporti continuativi e movimenti contabili) disposte dai sottoscrittori di CR e i mandati di gestione di portafogli, nonché il servizio di consulenza in materia di investimenti non strumentale alla prestazione di altri servizi di investimento, ai quali non si applicano gli obblighi semplificati di adeguata verifica di cui agli articoli 25 e 26 del ecreto. 3. attispecie operative per cui non è prevista alcuna registrazione A i seguito si riportano le principali fattispecie operative per le quali non è richiesta l alimentazione dell A: a) per i soggetti di cui all articolo 25, comma, del ecreto, il regime semplificato di adeguata verifica della clientela è applicabile all operatività disposta dagli stessi sia in conto proprio sia in conto terzi (es: sottoscrizione di CR per conto di mandati di gestioni di portafoglio e/o per conto di altri CR gestiti, unit linked, etc); b) indennizzi riconosciuti ai clienti a fronte di errori nella valorizzazione delle quote degli CR o nell avvaloramento delle loro richieste, non essendo soggette a registrazione eventuali movimentazioni verso il cliente o verso il fondo, volte a integrare i danni conseguenti a errori nella valorizzazione delle quote di CR; c) operazioni connesse alla gestione amministrativa di particolari casistiche non direttamente riconducibili alla volontà dei clienti, quali, ad esempio, la gestione dei conti dormienti (liquidazione al ), del (intestazione al o re-intestazione al cliente in caso di dissequestro), delle liquidazioni a favore di quitalia, delle vendite per pignoramenti/fallimenti a favore di terzi e degli insoluti R; d) operazioni di investimento e disinvestimento disposte nell ambito della gestione degli CR/patrimoni gestiti (es.: compravendita di strumenti finanziari, gestione del patrimonio immobiliare come compravendita di immobili, locazioni, sublocazioni, comodato etc.), servizi inerenti alla gestione del patrimonio immobiliare dei fondi (es. rapporti con property e facility manager, project manager, esperti indipendenti); appalti e fornitura di servizi; acquisizione di partecipazioni; operatività in divisa; operazioni di efficiente gestione dei portafogli ct, prestito titoli, etc. - ricerca fornita da terzi; etc., ai sensi dell articolo 0, comma 3 del rovvedimento ed alla luce di quanto riportato nei documenti messi in consultazione dalla Banca d talia nel febbraio 202 (Allegato arte - del rovvedimento in consultazione sull A); e) prestazione del servizio di consulenza, ove strumentale all esecuzione della prestazione dei servizi di investimento, ovvero collegata alla commercializzazione delle quote; 5

6 f) attività che le R pongono in essere, diverse da quelle istituzionali, (es.: ricezione di consulenze legali, fiscali o organizzative, acquisto di beni e/o servizi, contratti di outsourcing, etc). n relazione alla fattispecie sub c), si evidenzia come, nel caso di conti dormienti, la R procede alla chiusura del rapporto continuativo; viceversa, in caso di reintestazione al, il rapporto continuativo rimane comunque aperto fino all eventuale notifica del provvedimento definitivo del giudice. 4. odalità di registrazione dei rapporti continuativi e dei legami a fronte delle posizioni detenute dai clienti negli CR (attività di commercializzazione ex art. 33, comma 2, e-bis) del T...) N. Tipologia rapporto/legame Attributo Reg.ne A (come da normativa) A52 Note Apertura altro rapporto continuativo 23 2 Cessazione rapporto 26 3 ati prima della variazione 3 n caso di variazione di dati 4 ati dopo la variazione 32 5 Rapporto di delega ad operare 25 sul rapporto 6 Cessazione delega 28 Apertura del legame di titolare 50 a utilizzare solo in caso di rapporto effettivo sub 2 intestato a soggetto diverso da persona 8 Chiusura del legame di titolare effettivo sub 2 9 Apertura del legame con un fiduciante 0 Chiusura del legame con un fiduciante fisica. a registrazione di uno o più "titolari effettivi" sub 2 va effettuata con un'autonoma registrazione rappresentativa del legame in cui la persona non fisica controllata o posseduta è intestataria del rapporto RART A 6

7 i precisa che, ai fini della registrazione in A del rapporto continuativo relativo al servizio di collocamento, rilevano unicamente i rapporti intrattenuti con i clienti diretti (per tali intendendosi quelli acquisiti senza l intervento dell ente collocatore). Tra i clienti diretti non sono ricompresi i clienti acquisiti dalle R/CAV tramite un ente collocatore non più attivo (cosiddetti clienti orfani). n cliente orfano diventa a tutti gli effetti un cliente diretto solo nell eventualità in cui lo stesso effettui una nuova sottoscrizione direttamente presso la R. Ne consegue che, in caso di rimborsi e/o di distribuzione di proventi effettuati in favore di clienti di reti dismesse, le R provvederanno alla registrazione della sola operazione e non anche del rapporto continuativo. Viceversa, qualora si proceda a una nuova sottoscrizione senza il tramite di un soggetto collocatore (collocamento diretto da parte di R), le R registreranno sia l operazione sia il rapporto, in quanto rapporto continuativo di collocamento. er quanto riguarda la restante clientela (cosiddetti clienti indiretti), non è necessario effettuare in A alcuna registrazione del rapporto continuativo di collocamento. 5. odalità di registrazione delle principali e più frequenti tipologie di operazioni disposte dai clienti ed aventi ad oggetto CR Nei paragrafi che seguono sono individuate alcune casistiche operative per le quali si è provveduto a individuare le modalità di registrazione da effettuare in A e le relative causali da utilizzare. Causale analitica N. Tipologia operazione ezzo di pagamento Reg. A mpiego/ isimp. Afflusso/ eflusso Note ottoscrizione Bonifico dall'talia B 48 (presso R o tramite collocatore) 2 ottoscrizione Bonifico dall'estero B AA

8 Causale analitica N. Tipologia operazione ezzo di pagamento Reg. A mpiego/ isimp. Afflusso/ eflusso Note (presso R o tramite collocatore) 3 ottoscrizione (presso R o tramite collocatore) 4 ottoscrizione (presso R o tramite collocatore) 5 ottoscrizione (tramite collocatore) 6 AC / A (piani di accumulo quote) Rimborso anche parziale (presso R o tramite collocatore) 8 Rimborso anche parziale (presso R o tramite collocatore) 9 Rimborso anche parziale (presso R o tramite collocatore) 0 Rimborso anche parziale (tramite collocatore) Assegno (bancario, circolare) B Assegno (bancario, circolare) e contante (versato presso il collocatore con qualsiasi importo ovvero presso la R con importo al di sotto della soglia di.000) B n caso di versamenti compositi va valorizzato l attributo B5 per la parte in contante Contante versato B 3 resso la R non significativo, in ragione della soglia di.000 Vari (Assegni bancari o circolari, bonifici, Rid) Bonifico talia (tramite collocatore o direttamente sul c/c del cliente) Bonifico stero (tramite collocatore o direttamente sul c/c del cliente) Assegno emesso dalla Banca epositaria su istruzione della R agamento in contante o tramite conto tecnico B Varie e causali analitiche per la registrazione dipendono dal mezzo di pagamento B 26 B AA B 2 B 4 n assenza di una apposita causale, nelle 8

9 Causale analitica N. Tipologia operazione ezzo di pagamento Reg. A mpiego/ isimp. Afflusso/ eflusso Note witch (trasferimenti da un fondo a un altro, con riscatto delle quote di un fondo e contestuale acquisto delle quote di un altro) 2 istribuzione proventi del fondo 3 Reinvestimento proventi del fondo 4 missione di un certificato nominativo presso il collocatore (Banca, ) n/a N - - Vari (Assegni bancari o circolari, bonifici, etc.) n/a N n/a N more di un chiarimento, verrà utilizzata la causale indicata anche in caso di utilizzo del conto tecnico (vedi par. 0). Causale da utilizzare per la registrazione del mezzo di pagamento anche per i destinatari che prestano un solo servizio. 4 Varie ccorre registrare le operazioni di pagamento effettuate a fronte di rimborso dei proventi. e causali analitiche per la registrazione dipendono dal mezzo di pagamento. 9

10 Causale analitica N. Tipologia operazione ezzo di pagamento Reg. A mpiego/ isimp. Afflusso/ eflusso Note 5 missione di un certificato al portatore 6 Ritiro del certificato nominativo Ritiro del certificato al portatore 8 Trasferimento certificati al portatore (voltura in uscita) 9 Trasferimento certificati al portatore (voltura in entrata) 20 Trasferimento di quote fra soggetti diversi presso la R (anche a seguito successione) n/a N n/a N n/a N n/a B C n/a B C2 n/a B/B (con connessio ne dell attribu to A53) A n assenza di una apposita causale, nelle more di un chiarimento verrà utilizzata la causale indicata (vedi par. 0) 2 Cessione di quote di un fondo immobiliare (commercializzato dalla R in fase di prima sottoscrizione) tra soggetti non esenti (*) n/a B (Rimborso /Cedente) B (ottoscriz ione/cessi onario) (Con connessio ne dell attribu to A53) Nessuna registrazi one n assenza di una apposita causale, nelle more di un chiarimento verranno utilizzate le causali previste anche per le R con operatività semplice, ovvero non si procederà ad alcuna registrazione 0

11 Causale analitica N. Tipologia operazione ezzo di pagamento Reg. A mpiego/ isimp. Afflusso/ eflusso Note 22 Cessione di quote di un fondo immobiliare (commercializzato dalla R in fase di prima sottoscrizione) tra soggetto non esente (cedente) e soggetto esente (cessionario) (**) n/a B (Rimborso /Cedente) (***) NNA RTRA ZN n assenza di una apposita causale, nelle more di un chiarimento verrà utilizzata la causale prevista anche per le R con operatività semplice, ovvero non si procederà ad alcuna registrazione (*) Con riguardo al rapporto continuativo, la cessione comporta la chiusura del rapporto di commercializzazione in capo al partecipante originario (cedente), ma non l apertura del rapporto riferito al cessionario in quanto, in tal caso, la R non svolge alcun servizio di collocamento ed è estranea ai rapporti tra i privati. (**) Con riguardo al rapporto continuativo, la cessione non comporta l apertura del rapporto riferito al cessionario poiché, in tal caso, la R non svolge alcun servizio di collocamento ed è estranea ai rapporti tra i privati. (***) operazione di sottoscrizione non rileva ai fini delle registrazioni in quanto il cessionario è un soggetto esente. e R caratterizzate da una operatività complessa, ossia quelle che prestano sia il servizio di gestione collettiva sia il servizio di gestioni di portafogli (R pluri prodotto), effettuano due registrazioni, una inerente alle operazioni disposte dai clienti (, ) ed una inerente ai mezzi di pagamento relativi a tali operazioni (A, ). iversamente le CAV e le R caratterizzate da una operatività semplice (ossia quelle che prestano unicamente il servizio di gestione collettiva - R mono prodotto), non registrano le operazioni disposte dai clienti ma i soli mezzi di pagamento relativi a tali operazioni. Non sono oggetto di registrazione le commissioni e gli altri oneri contrattuali (commissioni di incentivo, commissioni di performance, commissioni di sottoscrizione, etc.).

12 pagamenti agli intermediari a titolo di corrispettivo, si intendono relativi alla prestazione del servizio di consulenza, ove questo sia rilevante ai fini della registrazione (cfr. paragrafo 3, lettera e). 5.. chema riassuntivo tipi informazione per registrazioni i seguito si riporta uno schema riassuntivo dei diversi Tipo informazione rilevanti per la registrazione in A dei soggetti coinvolti nelle operazioni aventi ad oggetto quote di CR. Al riguardo si evidenzia che: il Tipo nformazione 5 va riferito a chi dispone il bonifico a prescindere dal soggetto cui è intestato il conto; il Tipo informazione 5 non va utilizzato per la registrazione degli mpieghi/isimpieghi il Tipo informazione non va riferito agli eventuali service amministrativi tramite i quali pervengono le operazioni, bensì al cliente/soggetto primario del legame; il Tipo informazione 8 va utilizzato nell eventualità in cui si riferisca a un soggetto terzo (esecutore) che ha disposto l operazione in nome per conto del cliente; il Tipo informazione 9 è da riferire esclusivamente all eventuale presenza di un titolare effettivo per conto del quale il cliente realizza un operazione. Nel caso in cui ci sia coincidenza tra il cliente e il titolare effettivo dell operazione, il tipo nformazione 9 non deve essere valorizzato. Nel caso di più titolari effettivi (es. in un mandato fiduciario cointestato), il Tipo nformazione 9 è da riferire a tutti i cointestatari. n caso di operazioni di sottoscrizione/rimborso di quote di CR, che non costituiscono rapporto continuativo, non risulta necessaria la compilazione dei campi relativi al RART VNTAT e, in particolare, degli attributi A4 Rapporto, A42 Tipo rapporto e A43 Tipo legame (rif. tandard tecnici dell Archivio nico nformatico, par. 3.2). n particolare, in assenza di un rapporto continuativo di riferimento e, quindi, di un intestatario del rapporto, non è possibile rilevare la presenza di alcun tipo di legame con il soggetto che esegue l operazione. attributo A43, inoltre, non è da registrare nell ambito delle operazioni relative all impiego/disimpiego dei fondi. iversamente, verrebbe a crearsi un disallineamento tra i criteri di registrazione utilizzati dalle R con operatività semplice rispetto a quelle con operatività complessa. ertanto, in caso di operazioni di sottoscrizione/rimborso di quote di CR mono/pluri-intestate a persone fisiche, l attributo A43 viene sempre valorizzato a 0. Al medesimo attributo viene, invece, attribuito valore diverso da 0 qualora l operazione sia eseguita da 2

13 un soggetto (secutore) che opera per conto di terzi (es. tutore, delegato ad operare) e qualora sia dichiarata la presenza di un titolare effettivo/fiduciante. Ne deriva che, in caso di sottoscrizione/rimborso di CR disposta tramite bonifico da uno degli n cointestatari del rapporto, è corretto registrare un solo Tipo nformazione ed un solo Tipo informazione, e non deve essere effettuata alcuna registrazione per gli altri cointestatari che non hanno disposto l operazione. n caso di operazioni disposte tramite bonifico su un mandato di gestione di portafoglio cointestato effettuate solo da uno degli n cointestatari, è corretto registrare un solo Tipo nformazione, n Tipo nformazione quanti sono gli intestatari del rapporto e un solo Tipo nformazione 8 relativo al soggetto esecutore che ha disposto l operazione. n proposito si vedano gli esempi sub paragrafo 5.2. Tipo nformazio ne Tipo inf. Tipo inf. Tipo inf.8 perazioni Rapporti egami efinizione Caratteristiche efinizione Caratteristiche efinizione Caratteristiche dati caratteristici dell operazione dati caratteristici del rapporto dati caratteristici del legame cliente(intestatari o/i) esecutore - soggetto che ha eseguito l operazione in nome per conto del cliente uno o più soggetti nessuno, uno o più soggetti cliente soggetto che intrattiene rapporti continuativi (intestatario /i) esecutore (delegato ad operare) qualora sia persona diversa dal cliente uno o più soggetti nessuno, uno o più soggetti soggetto primario del legame trattasi del soggetto, diverso da persona fisica, controllata o posseduta dal titolare effettivo sub 2 N un soggetto 3

14 Tipo nformazio ne perazioni Rapporti egami efinizione Caratteristiche efinizione Caratteristiche efinizione Caratteristiche Tipo inf.5 Tipo inf.9 soggetto controparte soggetto per conto del quale il cliente realizza una operazione tipic. bonifici nessuno, uno o più soggetti titolare effettivo /fiduciante nessuno, uno o più soggetti N N soggetto per conto del quale il cliente instaura un rapporto continuativo nessuno, uno o più soggetti soggetto secondario del legame, soggetto collegato al soggetto primario da un tipo di legame uno o più soggetti 5.2. sempi di registrazione di operazioni per persone fisiche i seguito si riportano alcuni esempi di come impostare le registrazioni in A a fronte delle principali e più frequenti tipologie operative disposte da persone fisiche. li esempi riportati di seguito sono riferiti esclusivamente alla clientela indiretta. sempio A) ottoscrizione quote di fondi mono-intestate pluri-intestate a persone fisiche da parte di tutti i cointestatari R e VR dispongono un bonifico nazionale di , al fine di effettuare una sottoscrizione di quote di fondi a loro intestate. Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa A Bonifico in Arrivo banca ordinante CAA 48 = Afflusso disponibilità a mezzo bonifico interno Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dal cliente R 4

15 VR R 5 VR Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa CAA B = ottoscrizione titoli e/o fondi comuni Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dal cliente --- R VR sempio B) ottoscrizione quote di fondi pluri-intestate a persone fisiche da parte di uno dei cointestatari R dispone un bonifico nazionale di , al fine di effettuare una sottoscrizione aggiuntiva di quote di fondi su un rapporto cointestato a lui e VR. Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa A Bonifico in Arrivo banca ordinante CAA 48 = Afflusso disponibilità a mezzo bonifico interno Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dal cliente (si veda paragrafo 5.) R R 5

16 9 --- Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa CAA B = ottoscrizione titoli e/o fondi comuni Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dal cliente (si veda paragrafo 5.) --- R sempio C) ottoscrizione quote di fondi intestate a soggetti privi di capacità di agire R, in qualità di tutore effettua una sottoscrizione di quote di fondi a favore di VR, disponendo un bonifico nazionale di A Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa Bonifico in Arrivo banca ordinante CAA 48 = Afflusso disponibilità a mezzo bonifico interno Tipo legame 3 = esecutore VR 8 R 5 R Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa 6

17 CAA B = ottoscrizione titoli e/o fondi comuni Tipo legame 3 = esecutore --- VR R sempio ) ottoscrizione quote di fondi tramite bonifico da terzi R e VR effettuano una sottoscrizione di quote di fondi (modulo sottoscritto da loro), tramite bonifico nazionale di disposto da A. A Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa Bonifico in Arrivo banca ordinante CAA 48 = Afflusso disponibilità a mezzo bonifico interno Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dal cliente (i veda paragrafo 5.) R VR A Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa CAA B = ottoscrizione titoli e/o fondi comuni Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dall operante --- R VR

18 sempio ) ottoscrizione quote di fondi tramite assegno (bancario o circolare) R e VR effettuano una sottoscrizione di quote di fondi, tramite assegno bancario di emesso da Rossi. A Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa Assegno CAA = Afflusso disponibilità per mezzo titoli di credito Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dal cliente (si veda paragrafo 5.) R VR Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa CAA B = ottoscrizione titoli e/o fondi comuni Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dal cliente (si veda paragrafo 5.) --- R VR

19 sempio ) ottoscrizione quote di fondi mono-intestate pluri-intestate a persone fisiche in favore di tutti i cointestatari, con presenza del titolare effettivo sub R e VR dispongono un bonifico nazionale di , al fine di effettuare una sottoscrizione di quote di fondi a loro intestate dichiarando che l operazione è realizzata per conto di AZZRR (titolare effettivo sub ). Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa Bonifico in Arrivo banca ordinante CAA 48 = Afflusso disponibilità a mezzo bonifico interno Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dal cliente R VR R VR 9 AZZRR Tipo inf. peratività emplice peratività emplice CAA B = ottoscrizione titoli e/o fondi comuni Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dall operante --- R VR AZZRR 9 9

20 sempio ) Rimborso quote di fondi mono-intestate pluri-intestate a persone fisiche in favore di tutti i cointestatari R e VR dispongono un rimborso di quote a loro intestate da regolare tramite bonifico nazionale di , in loro favore. Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa Bonifico in scita banca beneficiaria CAA 26 = eflusso disponibilità a mezzo bonifico interno Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dal cliente R VR R VR Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa CAA B = Rimborso titoli e/o fondi comuni Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dal cliente --- R VR sempio H) Rimborso quote di fondi mono-intestate pluri-intestate a persone fisiche in favore di uno solo dei cointestatari 20

21 R dispone un rimborso di quote presenti su un rapporto cointestato con VR da regolare tramite bonifico nazionale di , in favore di R. Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa Bonifico in scita banca beneficiaria CAA 26 = eflusso disponibilità a mezzo bonifico interno Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dal cliente (si veda paragrafo 5.) R R Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa CAA B = Rimborso titoli e/o fondi comuni Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dal cliente (si veda paragrafo 5.) --- R sempio ) Rimborso quote di fondi intestate a soggetti privi di capacità di agire 2

22 R, in qualità di tutore effettua un rimborso di quote di fondi a favore di VR, disponendo un bonifico nazionale di Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa Bonifico in scita banca beneficiaria CAA 26 = eflusso disponibilità a mezzo bonifico interno Tipo legame 3 = esecutore VR 8 R 5 VR Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa CAA B = Rimborso titoli e/o fondi comuni Tipo legame 3 = esecutore --- VR R

23 sempio ) Rimborso quote di fondi tramite bonifico in favore di terzi R e VR effettuano un rimborso (modulo sottoscritto da loro), tramite bonifico nazionale di disposto in favore di A. Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa Bonifico in scita banca beneficiaria CAA 26 = eflusso disponibilità a mezzo bonifico interno Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dal cliente R VR A Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa CAA B = Rimborso titoli e/o fondi comuni Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dal cliente --- R VR sempio ) Rimborso quote di fondi disposto da un delegato in favore degli intestatari delle quote 23

24 A in qualità di delegato effettua un rimborso sul rapporto cointestato tra R e VR (modulo sottoscritto da A), tramite bonifico nazionale di disposto in favore di R VR. Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa Bonifico in scita banca beneficiaria CAA 26 = eflusso disponibilità a mezzo bonifico interno Tipo legame 3 = esecutore R VR 8 A R 5 VR Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa CAA B = Rimborso titoli e/o fondi comuni Tipo legame 3 = esecutore --- R VR A

25 sempio N) Rimborso quote di fondi tramite assegno (bancario o circolare) R e VR effettuano un rimborso da regolare tramite assegno bancario di intestato ad uno di loro ovvero tramite assegno circolare di da emettere in favore ad uno di loro. Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa Assegno CAA 2 = eflusso disponibilità per mezzo titoli di credito Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dal cliente (si veda paragrafo 5.) R VR Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa CAA B = Rimborso titoli e/o fondi comuni Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dal cliente (si veda paragrafo 5.) --- R VR sempio ) Rimborso quote di fondi mono-intestate pluri-intestate a persone fisiche in favore di tutti i cointestatari, con presenza del titolare effettivo sub 25

26 R e VR dispongono un rimborso di quote a loro intestate da regolare tramite bonifico nazionale di , in loro favore, dichiarando che l operazione è realizzata per conto di AZZRR (titolare effettivo sub ). Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa Bonifico in scita banca beneficiaria CAA 26 = eflusso disponibilità a mezzo bonifico interno Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dal cliente (si veda paragrafo 5.) R VR R VR 9 AZZRR Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa CAA B = Rimborso titoli e/o fondi comuni Tipo legame 0 = inesistenza soggetto diverso dal cliente --- R VR AZZRR 9 26

27 5.3. sempi di operazioni per soggetti diversi dalle persone fisiche i seguito si riportano alcuni esempi di come impostare le registrazioni nell A a fronte delle principali e più frequenti tipologie operative disposte da soggetti diversi dalle persone fisiche: sempio A) ottoscrizione quote di fondi intestate a ocietà a CTA B effettua una sottoscrizione di quote per Titolare effettivo della CTA B è AZZRR (sub 2). CT, delegato della CTA B è colui che effettivamente effettua la sottoscrizione disposta a valere su un conto corrente intestato alla CTA B. A Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa Bonifico in Arrivo banca ordinante CAA 48 = Afflusso disponibilità a mezzo bonifico interno Tipo legame 3 = esecutore CTA B 8 CT 5 CTA B 9 AZZRR Tipo inf. peratività emplice peratività Complessa CAA B = ottoscrizione titoli e/o fondi comuni Tipo legame 3 = esecutore --- CTA B CT AZZRR 2

PROVVEDIMENTO PER LA TENUTA DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO NOTA ESPLICATIVA DEGLI SCHEMI INNOVATIVI DI REGISTRAZIONE

PROVVEDIMENTO PER LA TENUTA DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO NOTA ESPLICATIVA DEGLI SCHEMI INNOVATIVI DI REGISTRAZIONE PROVVEDIMENTO PER LA TENUTA DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO NOTA ESPLICATIVA DEGLI SCHEMI INNOVATIVI DI REGISTRAZIONE Il provvedimento per la tenuta dell archivio unico informatico (AUI) adegua la precedente

Dettagli

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la direttiva 2006/70/CE della Commissione del 1 agosto 2006, recante misure di esecuzione della direttiva 2005/60/CE;

LA BANCA D ITALIA. Vista la direttiva 2006/70/CE della Commissione del 1 agosto 2006, recante misure di esecuzione della direttiva 2005/60/CE; PROVVEDIMENTO RECANTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA TENUTA DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO E PER LE MODALITÀ SEMPLIFICATE DI REGISTRAZIONE DI CUI ALL ARTICOLO 37, COMMI 7 E 8, DEL DECRETO LEGISLATIVO 21

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Glossario Antiriciclaggio

Glossario Antiriciclaggio Pagina 1 di 7 Glossario Antiriciclaggio Adeguata Verifica Amministrazioni interessate Archivio Unico Informatico Autorità di Vigilanza di Settore Banca di Comodo CAP Cliente Conti di passaggio Dati identificativi

Dettagli

Documento per la consultazione Obblighi antiriciclaggio applicabili a seguito di operazioni di factoring

Documento per la consultazione Obblighi antiriciclaggio applicabili a seguito di operazioni di factoring Documento per la consultazione Obblighi antiriciclaggio applicabili a seguito di operazioni di factoring Con il presente documento si sottopongono a consultazione pubblica alcune modifiche alle disposizioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO VISTO l articolo 39, commi 1 e 2 della Legge 17 novembre 2005, n. 165 che attribuisce, tra l altro, all Autorità di Vigilanza il

Dettagli

Generalità del Cliente INTESTATARIO. Residente a.. ( ), in (via, piazza )..., CAP. Domiciliato a...( ), in (via, piazza )..., CAP.

Generalità del Cliente INTESTATARIO. Residente a.. ( ), in (via, piazza )..., CAP. Domiciliato a...( ), in (via, piazza )..., CAP. PROPOSTA DI ADESIONE AL SERVIZIO FUNDSTORE DI BANCA IFIGEST S.p.A a cura della BANCA NON COMPILARE DATA:. TIMBRO E FIRMA PER ACCETTAZIONE Generalità del Cliente INTESTATARIO Residente a.. ( ), in (via,

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la direttiva 2006/70/CE della Commissione del 1 agosto 2006, recante misure di esecuzione della direttiva 2005/60/CE;

LA BANCA D ITALIA. Vista la direttiva 2006/70/CE della Commissione del 1 agosto 2006, recante misure di esecuzione della direttiva 2005/60/CE; PROVVEDIMENTO RECANTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA TENUTA DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO E PER LE MODALITÀ SEMPLIFICATE DI REGISTRAZIONE DI CUI ALL ARTICOLO 37, COMMI 7 E 8, DEL DECRETO LEGISLATIVO 21

Dettagli

Circolare N.157 del 9 Novembre 2012. Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari

Circolare N.157 del 9 Novembre 2012. Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Circolare N.157 del 9 Novembre 2012 Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Contrasto evasione fiscale: le comunicazioni dei rapporti finanziari all'anagrafe tributaria

Contrasto evasione fiscale: le comunicazioni dei rapporti finanziari all'anagrafe tributaria Stampa Contrasto evasione fiscale: le comunicazioni dei rapporti finanziari all'anagrafe tributaria admin in Le comunicazioni dei rapporti finanziari all anagrafe tributaria saranno utilizzate anche per

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n.

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 00062 Roma, 4 gennaio 2008 Com. n. 3 OGGETTO: Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. 125367/07 Il Ministero

Dettagli

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO RISOLUZIONE N.15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 18 febbraio 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica - polizze estere offerte in regime di libera prestazione dei servizi in Italia. Obblighi di monitoraggio

Dettagli

Tabella generale dei movimenti, delle operazioni e dei servizi Allegato 1

Tabella generale dei movimenti, delle operazioni e dei servizi Allegato 1 Tabella generale dei movimenti, delle operazioni e dei servizi Allegato 1 Codice Descrizione 05 Prelevamento a mezzo sport. autom. Stesso intermediario 06 Accredito per incassi con addebito in c/c preautorizzato

Dettagli

1.1. Azioni di classe A e B del comparto CS Invest (Lux) SICAV Londinium Global Equities

1.1. Azioni di classe A e B del comparto CS Invest (Lux) SICAV Londinium Global Equities CS Invest (Lux) SICAV Sicav di diritto Lussemburghese con sede legale in 5, rue Jean Monnet, L-2180 Lussemburgo Informazioni di cui al provvedimento della Banca Italia del 14 aprile 2005 I paragrafi che

Dettagli

CIRCOLARE N. 42/E. Roma, 24 settembre 2009. OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 42/E. Roma, 24 settembre 2009. OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 42/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 24 settembre 2009 OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. 2 Indice 1. Premessa 2. Rapporti continuativi 3. Operazioni extra-conto 4. Informazioni

Dettagli

UNITA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA CAUSALI AGGREGATE

UNITA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA CAUSALI AGGREGATE UNIT I INFORMZIONE FINNZIRI CUSLI GGREGTE 1. Regole generali 1. Il presente documento fornisce i criteri di raccordo tra causali analitiche e causali aggregate, distinte a seconda della tipologia di destinatari,

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Provvedimento recante disposizioni attuative per la tenuta dell archivio unico informatico e per le modalità semplificate di registrazione di cui all

Provvedimento recante disposizioni attuative per la tenuta dell archivio unico informatico e per le modalità semplificate di registrazione di cui all Provvedimento recante disposizioni attuative per la tenuta dell archivio unico informatico e per le modalità semplificate di registrazione di cui all articolo 37, commi 7 e 8, del Decreto Legislativo 21

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO RISOLUZIONE N. 16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 febbraio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Individuazione del soggetto tenuto all applicazione delle ritenute ed imposte sostitutive sui redditi

Dettagli

ALLEGATO N. 1 - CAUSALI ANALITICHE

ALLEGATO N. 1 - CAUSALI ANALITICHE ALLEGATO N. 1 - CAUSALI ANALITICHE Ciascun destinatario registra le operazioni disposte dalla clientela nel rispetto dei principi indicati nel provvedimento e delle presenti istruzioni secondo le causali

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

SPESOMETRO: dal 1 luglio l obbligo di comunicazione delle operazioni di importo superiore a 3.600

SPESOMETRO: dal 1 luglio l obbligo di comunicazione delle operazioni di importo superiore a 3.600 STUDIO BAMPO Dott. MARIO BAMPO Dott. GIANCARLO DE BONA Dott. ALESSANDRO BAMPO Dott. FEDERICA MONTI Dott. SABRINA TORMEN Dott. MATTEO MERLIN Dott. MASSIMO COMIS Belluno, lì 11 luglio 2011 Circolare n. 13-2011

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI Testo approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 26 ottobre 2011 Art. 1 Disposizioni preliminari 1.1 Il presente regolamento interno

Dettagli

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169.

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169. Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo

Dettagli

ALLEGATO N. 1 - CAUSALI ANALITICHE

ALLEGATO N. 1 - CAUSALI ANALITICHE ALLEGATO N. 1 - CAUSALI ANALITICHE Ciascun destinatario registra le operazioni disposte dalla clientela nel rispetto dei principi indicati nel provvedimento e delle presenti istruzioni secondo le causali

Dettagli

Legenda. AIRA- Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio

Legenda. AIRA- Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Legenda Documento di consultazione n. 5/2013 Regolamento su Obblighi di adeguata verifica della clientela e di registrazione Attuativo dell art. 7, comma 2, del decreto legislativo 21 novembre 2007 n.

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da CERCONE ROBERTO Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

MODULO DI SOTTOSCRIZIONE: Unica Soluzione - Pac. Luogo. GENERALITà PARTECIPANTI

MODULO DI SOTTOSCRIZIONE: Unica Soluzione - Pac. Luogo. GENERALITà PARTECIPANTI DENOMINAZIONE DEL FONDO MODULO DI SOTTOSCRIZIONE: Unica Soluzione - Pac Spett. EURIZON CAPITAL SGR S.p.A. Piazzetta Giordano Dell Amore, 3 20121 Milano Codice Fondo: (indicare il nome del Fondo sottoscritto)

Dettagli

TABELLA 1 Causali analitiche per banche e Poste Italiane S.p.A.

TABELLA 1 Causali analitiche per banche e Poste Italiane S.p.A. Ciascun destinatario registra le operazioni disposte dalla clientela nel rispetto dei principi indicati nel provvedimento e delle presenti istruzioni secondo le causali analitiche di seguito specificate,

Dettagli

UNITÀ DI INFORMAZIONE FINANZIARIA PER L ITALIA ALLEGATO 1 - CAUSALI AGGREGATE

UNITÀ DI INFORMAZIONE FINANZIARIA PER L ITALIA ALLEGATO 1 - CAUSALI AGGREGATE UNITÀ I INFORMZIONE FINNZIRI PER L ITLI LLEGTO 1 - CUSLI GGREGTE Regole generali 1. Il presente documento fornisce i criteri di raccordo tra causali analitiche e causali aggregate, distinti a seconda della

Dettagli

2012 Italfiduciaria Srl

2012 Italfiduciaria Srl 1 Intestazione di quote societarie Le partecipazioni vengono date in amministrazione fiduciaria con le seguenti modalità: Sottoscrizione del capitale in sede di costituzione della società, aumento di capitale

Dettagli

- 1 - Trasferimento di denaro contante

- 1 - Trasferimento di denaro contante A DECORRERE DAL 31.5.2010 sono state introdotte ad opera dell art. 20, DL n. 78/2010, c.d. Manovra correttiva, una serie di novità circa: l uso del denaro contante; l utilizzo degli assegni bancari o postali

Dettagli

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PRODOTTI E SERVIZI FINANZIARI: RECENTI NOVITA IN MATERIA DI IMPOSTE INDIRETTE Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di descrivere sinteticamente la politica che il Gruppo bancario

Dettagli

Allegato al Modulo di sottoscrizione Comparti commercializzati in Italia da Fondo Comune d investimento di diritto lussemburghese a comparti multipli gestito da BANCA DELLE MARCHE GESTIONE INTERNAZIONALE

Dettagli

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso ad accumulazione ed a distribuzione dei proventi denominato MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE TASSI

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE TASSI FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA RURALE DI PERGINE Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Gavazzi 5-38057 PERGINE VALSUGANA (tn) Tel.: 0461/500111- Fax:

Dettagli

799 IL NUOVO MODULO RW

799 IL NUOVO MODULO RW 799 IL NUOVO MODULO RW La compilazione del modulo RW rientra nella più ampia disciplina del monitoraggio fiscale contenuta nel DL 167/90, il cui impianto normativo è stato riformato dalla Legge 6 agosto

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA

MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (INSTAURAZIONE/AGGIORNAMENTO RAPPORTO CONTINUATIVO) (per società, enti giuridici, ditte individuali etc.) (Artt. 15 e ss. D. lgs. 231/2007)

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 10 del 20 Gennaio 2011 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Tracciabilità appalti: nuovi chiarimenti operativi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla in merito

Dettagli

Informativa Studio Fantinello Carlo

Informativa Studio Fantinello Carlo Informativa Studio Fantinello Carlo n. 16 del 24.03.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Lo spesometro: dati 2014 da inviare entro il 10/20 aprile 2015 Gentile Cliente, con la stesura del presente

Dettagli

Modulo RW Aspetti generali

Modulo RW Aspetti generali Modulo RW Aspetti generali Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio: - le persone fisiche; - gli enti non commerciali; - le società semplici e soggetti equiparati; residenti in Italia. In tale ambito

Dettagli

F.A.Q. (Frequently Asked Questions)

F.A.Q. (Frequently Asked Questions) NUOVA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Conto Deposito Giovani INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE

FOGLIO INFORMATIVO Conto Deposito Giovani INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE FOGLIO INFORMATIVO Conto Deposito Giovani RISERVATO AI CLIENTI DI ETA' COMPRESA FRA I 18 E 35 ANNI INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA RURALE ALTO GARDA Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa Sede

Dettagli

Come cambia l antiriciclaggio

Come cambia l antiriciclaggio Come cambia l antiriciclaggio Chi sono i titolari effettivi? Chi è l esecutore e cosa deve essere inserito nell AUI Iside Srl Milano 20 settembre 2013 Avv. Sabrina Galmarini - Partner Il titolare effettivo

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO Via Brera 21, 20121 Milano Capitale sociale i.v. Euro 306.612.100 Codice fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro imprese di Milano n. 07918170015 Soggetta ad attività di direzione e coordinamento

Dettagli

DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE PER LA TENUTA DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ANTIRICICLAGGIO RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE.

DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE PER LA TENUTA DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ANTIRICICLAGGIO RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE. DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE PER LA TENUTA DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ANTIRICICLAGGIO RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE Dicembre 2009 Disposizioni Commenti Considerazioni della Banca d'italia Principio

Dettagli

Roma, 11 aprile 2013 C NOTA

Roma, 11 aprile 2013 C NOTA Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 aprile 2013 C NOTA Adempimenti all Archivio dei rapporti finanziari da parte di soggetti che svolgono in Italia attività di prestazione di servizi di pagamento

Dettagli

POLICY CONFLITTI D INTERESSE

POLICY CONFLITTI D INTERESSE POLICY CONFLITTI D INTERESSE Documento per la clientela 13/01/2014 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Definizioni 4 2. OBIETTIVI 5 3. ANALISI E VALUTAZIONI: IDENTIFICAZIONE DELLE SITUAZIONI DI POTENZIALE CONFLITTO

Dettagli

Testo delle parti del Regolamento Unico di Gestione modificate e comparate con la formulazione del testo in vigore.

Testo delle parti del Regolamento Unico di Gestione modificate e comparate con la formulazione del testo in vigore. Comunicazione relativa alle modifiche al Regolamento Unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliari aperti istituiti e gestiti da 8a+ Investimenti SGR S.p.A. deliberate il 18

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Estratti di conto corrente, rendiconti dei libretti di risparmio e comunicazioni dei prodotti finanziari Dalle Entrate nuovi chiarimenti sull applicazione dell imposta

Dettagli

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Premessa 1) Istanza di certificazione del credito 2) Avvio della procedura di certificazione 3) Certificazione del credito 4)

Dettagli

Studio Corbella dottori commercialisti associati

Studio Corbella dottori commercialisti associati dottori commercialisti - revisori dei conti: Piero Luigi Corbella Luigi Corbella Laura Corbella Torella Giacomo Corbella Benedetta Sirtori Daniela Bruniera Matteo Formenti esperto contabile - revisore

Dettagli

RISOLUZIONE N. 114/E

RISOLUZIONE N. 114/E RISOLUZIONE N. 114/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 10, primo comma, n. 1), del d.p.r. n. 633 del 1972 Regime IVA prestazioni di servizi relativi

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

RICHIESTA ABI CAB SPORTELLO. In relazione alla polizza sopra indicata, vogliate provvedere per mio conto ad effettuare un versamento di: Euro

RICHIESTA ABI CAB SPORTELLO. In relazione alla polizza sopra indicata, vogliate provvedere per mio conto ad effettuare un versamento di: Euro POLIZZA N. RICHIESTA ABI CAB SPORTELLO CONTRAENTE (Cognome e Nome) Sez. I - VERSAMENTO STRAORDINARIO In relazione alla polizza sopra indicata, vogliate provvedere per mio conto ad effettuare un versamento

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria Gestione dei Pagamenti e degli Incassi 1. OBIETTIVO... 4 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 4 3. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 4.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Conto Deposito INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE TASSI SPESE

FOGLIO INFORMATIVO Conto Deposito INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE TASSI SPESE INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA RURALE ALTO GARDA Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa Sede Legale ARCO (TN) Viale delle Magnolie, 1 Tel: 0464/583211 Fax: 0080047382787 e-mail info@cr-altogarda.net

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito Risoluzione dell'agenzia delle Entrate (RIS) n. 120 /E del 24 luglio 2001 OGGETTO: Problematiche connesse al decesso dell intestatario di rapporti per i quali sono state esercitate le opzioni di cui agli

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012 CIRCOLARE N. 42 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 09 novembre 2012 OGGETTO: Documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione presso impianti stradali di distribuzione effettuati

Dettagli

Circolare N.135 del 11 Settembre 2013

Circolare N.135 del 11 Settembre 2013 Circolare N.135 del 11 Settembre 2013 Anagrafe dei conti correnti. Si parte del prossimo 31 ottobre 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, a breve, entrerà in vigore il Sistema

Dettagli

Articolo Comma Osservazioni e proposte

Articolo Comma Osservazioni e proposte Documento di consultazione n. 5/2013 Regolamento su Obblighi di adeguata verifica della clientela e di registrazione Attuativo dell art. 7, comma 2, del decreto legislativo 21 novembre 2007 n. 231 Legenda

Dettagli

Il rapporto è inoltre soggetto all imposta di bollo annuale ed alla ritenuta fiscale sugli interessi nella misura prevista dalla legge vigente.

Il rapporto è inoltre soggetto all imposta di bollo annuale ed alla ritenuta fiscale sugli interessi nella misura prevista dalla legge vigente. INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

Circolare MEF 30 luglio 2013 e Provvedimento UIF 6 agosto 2013.

Circolare MEF 30 luglio 2013 e Provvedimento UIF 6 agosto 2013. NOVITÀ SU NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO. OBBLIGO DÌ RESTITUZIONE AL CLIENTE DÌ FONDI, STRUMENTI E ALTRE DISPONIBILITÀ FINANZIARIE DÌ SUA SPETTANZA, IN CASO DÌ MANCATA ADEGUATA VERIFICA Circolare MEF 30 luglio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 354/E

RISOLUZIONE N. 354/E RISOLUZIONE N. 354/E Roma, 06 dicembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello n. 954-578/2007 Art. 10 DPR 26 ottobre 1972, n. 633 ALFA S.p.A. La Direzione Regionale.. ha trasmesso

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Tasso Fisso MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca Centropadana Credito Cooperativo in qualità di Emittente e di Responsabile del collocamento CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS'E' IL CONTO DEPOSITO CONDIZIONI ECONOMICHE

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS'E' IL CONTO DEPOSITO CONDIZIONI ECONOMICHE INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

Guida pratica antiriciclaggio

Guida pratica antiriciclaggio Guida pratica antiriciclaggio UFFICIO STUDI NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO per le Agenzie Immobiliari e i Mediatori Creditizi Ufficio Studi FIAIP a cura di Armando Barsotti Dal 22 Aprile 2006 sono in vigore

Dettagli

Sottoscrizione del Fondo comune di investimento mobiliare alternativo riservato aperto 8a+ Matterhorn (di seguito denominato Fondo )

Sottoscrizione del Fondo comune di investimento mobiliare alternativo riservato aperto 8a+ Matterhorn (di seguito denominato Fondo ) Spettabile 8a+ Investimenti SGR S.p.A. P.zza Monte Grappa 4 21100 Varese Sottoscrizione del Fondo comune di investimento mobiliare alternativo riservato aperto 8a+ Matterhorn (di seguito denominato Fondo

Dettagli

Circolare N.119 del 3 Agosto 2012

Circolare N.119 del 3 Agosto 2012 Circolare N.119 del 3 Agosto 2012 Rapporti bancari Dal 31 ottobre tutti i movimenti passano nelle mani del fisco Rapporti bancari: dal 31 ottobre tutti i movimenti passano nelle mani del fisco Gentile

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio La modifica il decreto antiriciclaggio di Nicola Forte (*) LA NOVITA` La ha diminuito nuovamente a 5.000 euro la soglia massima per le transazioni in contanti, per l emissione di assegni liberi e per il

Dettagli

ALLEGATO N. 1 - CAUSALI ANALITICHE

ALLEGATO N. 1 - CAUSALI ANALITICHE ALLEGATO N. 1 - CAUSALI ANALITICHE Ciascun destinatario registra le operazioni disposte dalla clientela nel rispetto dei principi indicati nel provvedimento e delle presenti istruzioni secondo le causali

Dettagli

Variabilità dei tassi d interesse (trattandosi di somme che vengono costituite in Partite Vincolate a tasso fisso).

Variabilità dei tassi d interesse (trattandosi di somme che vengono costituite in Partite Vincolate a tasso fisso). INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO Denominazione e forma giuridica: BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BRESCIA, società cooperativa Sede legale: BRESCIA, via Reverberi 1 Sede amministrativa: NAVE,

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento La tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla Legge 136/2010, come integrata e modificata dalla Legge n.217/2010 Nel presente articolo si espone attraverso alcune domande la normativa di cui alla

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3B INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE TASSI

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3B INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE TASSI INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA RURALE DI PERGINE Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Gavazzi 5-38057 PERGINE VALSUGANA (tn) Tel.: 0461/500111- Fax: 0461/531146 Email: info@cr-pergine.net

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 31 maggio 2011 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Applicazione dell imposta sostitutiva ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

Documenti per la consultazione

Documenti per la consultazione Documenti per la consultazione Provvedimento recante disposizioni attuative per la tenuta dell Archivio Unico Informatico e per le modalità semplificate di registrazione di cui all art. 37, commi 7 e 8,

Dettagli

Anagrafe dei conti correnti: si parte del prossimo 31 ottobre 2013

Anagrafe dei conti correnti: si parte del prossimo 31 ottobre 2013 CIRCOLARE A.F. N. 135 del 11 Settembre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Anagrafe dei conti correnti: si parte del prossimo 31 ottobre 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che,

Dettagli

REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 L IVASS

REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 L IVASS REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO Banca Popolare Vesuviana Sc Via Vittoria Colonna 24 80121 Napoli Direzione Generale: Via Passanti 34, 80047 San Giuseppe Vesuviano (Na) Tel. 081/5280911 fax:

Dettagli

CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE

CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE ROMA, DICEMBRE 2001 1 Definizione del ciclo attivo Per ciclo attivo si intende la rilevazione e la registrazione a fini civilistici e fiscali delle entrate dell Agenzia,

Dettagli

Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati

Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati 24.01.2012 Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati Categoria Sottocategoria Antiriciclaggio Varie Il comma 1 dell'articolo 12 del Decreto Legge 6 dicembre 2011 n. 201 ha previsto

Dettagli

NEWSLETTER. Italian Corporate Department. Archivio unico antiriciclaggio. Gennaio 2010

NEWSLETTER. Italian Corporate Department. Archivio unico antiriciclaggio. Gennaio 2010 NEWSLETTER Italian Corporate Department Archivio unico antiriciclaggio Gennaio 2010 Il 31 dicembre 2009 la Banca d'italia ha emanato, d'intesa con l'isvap e la CONSOB, e sentita l'unità di Informazione

Dettagli

Documento per la consultazione

Documento per la consultazione Documento per la consultazione MODIFICHE AL PROVVEDIMENTO RECANTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA TENUTA DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO E PER LE MODALITÀ SEMPLIFICATE DI REGISTRAZIONE DI CUI ALL ARTICOLO

Dettagli

Circolare N.50 del 04 Aprile 2012

Circolare N.50 del 04 Aprile 2012 Circolare N.50 del 04 Aprile 2012 Deroga al limite all utilizzo del denaro contante per gli acquisti effettuati da turisti stranieri. Disponibile la comunicazione di adesione alla disciplina Deroga al

Dettagli

Istruzioni applicative per la tenuta dei registri assicurativi

Istruzioni applicative per la tenuta dei registri assicurativi Istruzioni applicative per la tenuta dei registri assicurativi Allegato 1 A) Istruzioni di carattere generale a) I casi di erronea annotazione per i quali è consentito lo storno ai sensi dell articolo

Dettagli

Il decreto Antiriciclaggio

Il decreto Antiriciclaggio Il decreto Antiriciclaggio Gli aspetti principali per le banche della normativa antiriciclaggio 1 Sommario Struttura fondamentale della normativa antiriciclaggio Limite al trasferimento di contanti e titoli

Dettagli

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa REGOLAMENTO DEI PRESTITI SOCIALI Art. 1 - Definizione dei prestiti sociali 1. I depositi in denaro effettuati da soci esclusivamente per il conseguimento dell oggetto sociale con obbligo di rimborso per

Dettagli