LIBRO BIANCO LE NUOVE FRONTIERE DELLA BANDA LARGA SATELLITARE una soluzione quick win contro il digital divide

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LIBRO BIANCO LE NUOVE FRONTIERE DELLA BANDA LARGA SATELLITARE una soluzione quick win contro il digital divide"

Transcript

1 LIBRO BIANCO LE NUOVE FRONTIERE DELLA BANDA LARGA SATELLITARE una soluzione quick win contro il digital divide

2 La banda larga non è più solo connettività ma un vero e proprio fattore di competitività economica e territoriale e un indicatore di qualità della vita. Di conseguenza, fenomeni di esclusione digitale legati al digital divide non sono più accettabili, anche se circoscritti. In Italia meno del 5% della popolazione si trova in zone attualmente soggette a digital divide ma, data la polverizzazione di queste aree sull intero territorio nazionale, la chiusura del gap digitale può essere onerosa e difficile da realizzare se lasciata alle sole reti terrestri, sia fisse che wireless. I servizi satellitari a banda larga bidirezionali resi disponibili dalla tecnologia Ka SAT ( offerti in Italia, in Europa e nel bacino del Mediterraneo da Eutelsat tramite Skylogic) risolvono invece in tempi estremamente brevi il problema della copertura delle aree soggette a digital divide, senza richiedere nuove infrastrutture, con costi e prestazioni allineati alle offerte ADSL tradizionali. Un occasione da non perdere per gli utenti della banda larga e i soggetti pubblici e privati che vogliono contribuire alla modernizzazione del nostro paese.

3 LIBRO BIANCO Premessa pag. 2 Banda larga in italia: diffusione e tecnologie abilitanti pag. 6 Lo stato del digital divide in italia pag. 22 Applicazioni a valore aggiunto abilitate dalla banda larga pag. 32 Il ruolo del satellite nella riduzione del digital divide e nello sviluppo dell economia digitale pag. 51 Allegati: company profile eutelsat pag. 63 company profile skylogic pag. 64 scheda tecnica satellite ka-sat pag. 65 metodologia per l individuazione delle aree in digital divide pag. 66 Glossario pag. 67 1

4 PREMESSA In tutto il mondo più sviluppato Internet si è velocemente affermato come un infrastruttura fondamentale per sviluppo del tessuto economico e sociale dei singoli paesi. A fine 2011 gli utenti di Internet nel mondo erano quasi 2,3 miliardi, di cui circa 500 milioni nella sola Europa. L essere connessi in rete è ormai una condizione irrinunciabile sia per gli individui che per le aziende, sia per comunicare che per accedere a servizi e applicazioni che di fatto coprono l intero spettro delle nostre attività quotidiane: dalla posta (elettronica) alle operazioni bancarie (online), dal commercio (elettronico) all accesso ai servizi pubblici (egovernment), dalle relazioni interpersonali (social networks) all accesso a notiziari e quotidiani (elettronici) e così via. Dato un utilizzo così intenso e pervasivo della rete, le prestazioni delle connessioni devono essere tali da garantire un esperienza ottimale agli utenti connessi a Internet: collegamenti a banda stretta (ad es. inferiori a 512kbps) non sono infatti più sufficienti per permettere un uso regolare di Internet, sia per l utenza aziendale che per i singoli individui. Da qui la necessità di disporre capillarmente sul territorio di collegamenti a banda larga e, in prospettiva, ultralarga. L Italia non fa eccezione. In poco più di dieci anni dal lancio commerciale di massa dei servizi di accesso a Internet (avvenuto alla fine degli anni 90), anche nel nostro Paese la Rete si è affermata come un mezzo di comunicazione insostituibile per decine di milioni di cittadini e per la maggior parte delle aziende. Tuttavia, nonostante i progressi registrati negli ultimi anni, che hanno allineato l Italia alla media dell Unione Europea per ciò che riguarda la penetrazione della banda larga (fissa e wireless) sul totale della popolazione, si deve purtroppo rilevare che molte delle nostre famiglie e aziende si trovano ancora in una condizione discriminante di digital divide, ovvero nell impossibilità di accedere a Internet ad almeno 2Mbps. 2

5 Ciò dipende anche dalle caratteristiche del nostro Paese, sia orografiche che insediative, che si traducono nell elevata frammentazione sul territorio della popolazione e delle aziende e alla loro localizzazione in aree che possono essere difficilmente raggiungibili da infrastrutture di rete altamente performanti. Da una parte vi è infatti la difficoltà fisica a portare la banda larga in determinati contesti geografici meno favoriti (in particolare le zone rurali, ma non solo) cui, dall altra parte, si aggiunge la carenza di domanda aggregata per servizi di questo tipo, causata dalle dimensioni molto ridotte degli insediamenti abitativi e produttivi in tali aree, che quindi (per l effetto congiunto di questi due fattori) risultano economicamente non attrattive per gli operatori che forniscono i servizi di accesso a Internet a banda larga. Per porre rimedio al problema dell esclusione digitale sono state lanciate e/o sono previste numerose iniziative a livello pubblico, sia centrale che locale, sia a livello nazionale che sovranazionale. Tali iniziative in parte si rifanno agli obiettivi definiti dall Agenda Digitale Europea (copertura del 100% della popolazione con servizi a 2Mbps entro il 2013) e in parte sono specifici delle singole realtà nazionali. Ad esempio, a livello centrale il Governo Monti ha annunciato un piano di investimenti per colmare il digital divide a cominciare dalle regioni meridionali, mentre numerose Regioni sono da tempo molto attive sul tema dello sviluppo delle reti telematiche sul territorio di loro competenza, arrivando anche a costituire proprie società di scopo che si occupano di pianificazione, sviluppo e gestione delle infrastrutture di telecomunicazione degli Enti collegati alla rete regionale. A fianco di queste iniziative pubbliche, anche gli operatori privati sono impegnati ad abbattere il digital divide e a promuovere le reti a banda ultra larga, su un numero comunque ancora limitato di città, a partire dai centri di maggiori dimensioni. Tuttavia, se affidati unicamente alle infrastrutture di rete terrestri, i piani anti digital divide rischiano di richiedere tempi e investimenti significativi, spesso incompatibili con l attuale contesto economico e con il desiderio di cittadini e aziende di essere velocemente inclusi nell economia e nella società digitale. I servizi satellitari di accesso a Internet a banda larga rappresentano allora una soluzione veloce da implementare, adeguata nelle prestazioni e cost effective per dotare famiglie e imprese in digital divide di collegamenti performanti e affidabili, alla stregua dei collegamenti ADSL oggi utilizzati nel nostro Paese. Il satellite non è più, infatti, un media confinato in settori specifici della comunicazione come avveniva in passato, quando ad esso era assegnato un ruolo primario nel mercato televisivo, nella difesa, nella meteorologia ecc. e in segmenti molto focalizzati dei servizi di telecomunicazioni, ovvero nel caso delle comunicazioni intercontinentali, dei collegamenti in situazione estreme (ad es. nelle zone desertiche, per i servizi radio marittimi) e a supporto dei grandi utenti, siano essi aziende private o enti pubblici, in particolare come back up delle loro reti terrestri di comunicazione. 3

6 La realtà è molto diversa e oggi il satellite, grazie all evoluzione tecnologica, offre elevate prestazioni a costi competitivi con i servizi di accesso a Internet più diffusi, e può quindi essere utilizzato su larga scala per colmare in tempi brevi le aree scoperte dalla banda larga, e ridurre il numero degli esclusi digitali. A livello prestazionale, la qualità raggiunta dai servizi a banda larga satellitari è il risultato dei progressi avvenuti negli ultimi anni nelle tecnologie che sono alla base dei collegamenti satellitari, e degli investimenti effettuati da operatori come Eutelsat (in particolare con il lancio del satellite KA-SAT). Grazie a queste evoluzioni, il satellite è già oggi in grado di fornire servizi di accesso a Internet con prestazioni concorrenziali rispetto all offerta ADSL (fino a 18Mbps in download e 6Mbps in upload) a costi comparabili con tali offerte, che rendono i servizi satellitari non più un dominio di pochi ma al contrario una possibilità accessibile a tutti. L essere i servizi satellitari a banda larga già nell aria (in quanto l intero territorio italiano è coperto dall impronta del satellite KA- SAT) li rende inoltre velocemente utilizzabili da chiunque: l unico requisito è l installazione della parabola, non essendo necessario attendere che uno o più operatori di telecomunicazioni (fisse o wireless) decidano di investire e portino le proprie infrastrutture di rete nelle aree non ancora coperte dal servizio a banda larga. In sostanza: l utilizzo del satellite permette di intervenire in pochi giorni (il tempo dell installazione della parabola e dell attivazione del servizio) nelle aree in digital divide, ovunque esse siano e non solo nelle aree rurali, senza dover attendere i tempi richiesti per la realizzazione di investimenti pubblici e/o privati la cui definizione è spesso il frutto di laboriose trattative tra i soggetti coinvolti, non sempre destinate a concludersi positivamente (ad esempio per le caratteristiche dei territori da coprire e/o per la scarsità della domanda aggregabile). E tutto ciò può avvenire, grazie al satellite, senza rinunciare ai livelli prestazionali delle migliori tecnologie a banda larga terrestri o dovendo sopportare costi eccessivi per gli utenti. Questo documento ha quindi l obiettivo di fornire un quadro aggiornato dello stato dei servizi satellitari a banda larga, che sia una guida velocemente utilizzabile sia per i decisori pubblici e privati, che vogliano intervenire concretamente per affrontare ed eliminare il digital divide, che per gli utenti che vogliano agire per uscire, facilmente e in tempi brevi, dalla situazione di esclusione digitale che ancora li penalizza. 4

7 Per fare ciò, verranno affrontati nei prossimi capitoli tutti gli snodi che impattano sul tema del digital divide, sulle sue conseguenze, e sulle modalità di porvi rimedio con il satellite: dal quadro dettagliato e aggiornato dello stato della banda larga in Italia nelle sue diverse tecnologie fisse e wireless (incluso il confronto tra le prestazioni dei servizi satellitari e le altre tecnologie di rete a banda larga) e dall analisi delle dimensioni e delle caratteristiche del digital divide nel nostro Paese, passando ai vantaggi derivanti dall uso di Internet a banda larga per aziende e famiglie, e terminando con l analisi del ruolo e del valore che, nel contesto italiano, l utilizzo dei servizi satellitari a banda larga bidirezionale può generare nel rendere Internet a banda larga un servizio realmente accessibile al 100% della popolazione

8 6 BANDA LARGA IN ITALIA: DIFFUSIONE E TECNOLOGIE ABILITANTI

9 DEFINIZIONE DI BANDA LARGA Il tema della diffusione della banda larga pone innanzi tutto un problema definitorio. La banda larga è infatti un concetto evolutivo: nel tempo, grazie al progresso tecnologico e allo sviluppo del mercato dell accesso a Internet, la linea di demarcazione tra accesso a Internet a banda larga e stretta si è gradualmente spostata verso velocità via via superiori, tanto che da qualche tempo ha fatto il proprio ingresso sul mercato una nuova categoria di servizi, quella degli accessi a banda ultra larga. In generale, il termine banda larga definisce un insieme di tecnologie che consentono di aumentare la velocità di comunicazione sfruttando infrastrutture e/o tecnologie innovative rispetto a quelle tradizionali (abilitate dalle linee telefoniche analogiche o digitali) e offrendo l opportunità di usufruire di servizi ad alta interattività. Similmente, l Unione Europea definisce la banda larga considerando l aspetto prestazionale, e cioè come l insieme di reti e servizi che consentono l interattività a velocità confortevole per l utente, mentre l organismo di standardizzazione internazionale ITU-T (International Telecommunication Union Telecommunication Standardization Bureau) definisce più precisamente, in una sua raccomandazione, la larga banda come la capacità di trasmissione superiore a quella di una linea primaria ISDN a 1,5 o 2,0 Mbit/s. Per gli scopi di questo documento, allineandosi alla definizione dell ITU-T, e tenuto conto anche dell obiettivo minimo fissato dall Agenda Digitale Europea in termini di copertura della banda larga (100% della popolazione al 2013 con servizi a 2Mbps), si conviene di definire a banda larga i collegamenti su rete fissa in grado di raggiungere almeno 2Mbps in downstream. 7

10 UTILIZZO DELLA BANDA LARGA IN ITALIA VS I PAESI UE Fonte: Between, Osservatorio Banda Larga Obiettivo Ultrabroadband, In questo scenario, a metà 2012 gli accessi a banda larga da rete fissa in Italia erano circa 13,5 milioni, cui si devono aggiungere circa 9,3 milioni di SIM dati per accesso a Mobile Internet via PC. Dinamica degli accessi a banda larga di rete fissa e mobile 15 milioni rete fissa 4Q07 4Q08 4Q09 rete mobile 4Q10 1Q11 2Q11 3Q11 4Q11 1H12 Queste due grandezze ovviamente non si sommano, in quanto i collegamenti di rete fissa sono condivisi tra i vari componenti della famiglia o dell azienda titolare del contratto, mentre le linee mobili configurano un utilizzo personale del servizio, e vi è una significativa sovrapposizione tra questi due fenomeni. In termini di prospettive di sviluppo, l accesso a Internet a banda larga da rete fissa ha notevolmente rallentato la propria crescita. Ciò dipende innanzi tutto dai limiti fisiologici derivanti dalle caratteristiche della popolazione italiana sia in termini socio demografici (età, reddito, scolarità) che di alfabetizzazione informatica (ovvero la capacità di utilizzo di un PC), che nel nostro Paese risulta meno diffusa rispetto alla media dei paesi più sviluppati, inibendo quindi sia l uso degli strumenti informatici che della

11 rete. Come sarà discusso più avanti, però, a limitare lo sviluppo dei collegamenti a banda larga contribuiscono anche i buchi di copertura delle infrastrutture di rete fissa che ancora caratterizzano il nostro Paese mantenendo in vita pericolosi fenomeni di esclusione digitale o digital divide. Non a caso, negli ultimi due anni si è invece sviluppato significativamente l uso delle connessioni a banda larga mobili, sia come effetto dell esigenza di un numero crescente di utenti di disporre sempre e dovunque dell accesso a Internet, sia come risposta (nelle aree coperte dal servizio mobile a banda larga) al digital divide di rete fissa. Tuttavia le prestazioni delle tecnologie mobili, pur avendo fatto negli ultimi anni significativi passi avanti, non sono ancora direttamente comparabili a quelle della banda larga fissa. 45% 40% 35% 30% 25% EU27 20% 15% 10% 5% 0% NL DK LU FR DE SE UK BE MT FI EE CY SL Lo stallo nella diffusione degli accessi a banda larga fissa rende ancora più delicata la situazione del nostro paese nel contesto europeo. Considerando infatti la penetrazione degli accessi a banda larga di rete fissa rispetto alla popolazione, secondo i dati Eurostat il nostro Paese a fine 2011 presentava 22 accessi a banda larga ogni 100 abitanti, contro un valore medio dell intera UE superiore a 26. AT ES IE IT CZ HU LT Penetrazione relativa della banda larga (accessi/popolazione) PT EL LV accessi in migliaia penetrazione relativa della banda larga (accessi/popolazione in %) SK PL BG RO Fonte: Eurostat,

12 LE PRINCIPALI TECNOLOGIE A BANDA LARGA L insieme delle tecnologie che permettono di fruire di connettività a banda larga è molto articolato, e riporta essenzialmente a tre macro categorie di servizi: di rete fissa, di rete mobile e via satellite. Tali tecnologie hanno avuto nel tempo uno sviluppo molto significativo, e per il prossimo futuro è atteso un incremento altrettanto significativo nelle prestazioni Mbit/s Evoluzione tecnologie a banda larga VDSL2 Vectoring Mbit/s GPON 1000 Mbit/s ADSL2+ 20 Mbit/s ADSL full 6-8 Mbit/s VDSL2 full Mbit/s KASAT 20 Mbit/s KASAT 10 Mbit/s LTE 20-? Mbps HSPA Mbit/s ADSL 1-2 Mbit/s 2-6 Mbit/s 1 WiMAX 5-10 Mbit/s HSDPA 3,6-24,4 Mbit/s 0,3 Mbit/s 0,1 UMTS 0,384 Mbit/s GPRS 0,075 Mbit/s 0, Fonte: Between, Osservatorio Banda Larga Obiettivo Ultrabroadband,

13 Prestazioni Downstream/Upstream richieste per tipologia di applicazione Fonte: Telecom Italia Navigazione web Videocomunicazione ad alta qualità TV standard video on demand Peer to peer, File sharing Videocomunicazione ad alta definizione TV standard live Giochi, formazione a distanza Web hosting Telemedicina TV ad alta definizione Storage remoto TV in 3D Backhaul reti mobili Mbit/s Dal confronto tra le tecnologie fisse e wireless si vede come queste ultime solo da pochi anni abbiano superato la soglia dei Mbps (nominali), in particolare dal consolidarsi delle tecnologie HSDPA prima e WiMax poi, e sono attese raggiungere le prestazioni attuali dell ADSL2+ (20Mbps) con la partenza dei servizi LTE. Le tecnologie di rete fissa si sono invece posizionate da tempo su prestazioni nell ordine dei Mbps, e anche in prospettiva si mantengono su un livello prestazionale decisamente superiore rispetto al wireless. Anche le tecnologie satellitari negli ultimi anni hanno fatto registrare uno sviluppo significativo delle prestazioni che recentemente, grazie ai servizi KA-SAT, hanno raggiunto la soglia dei 20Mbps e sono destinati in futuro a crescere ulteriormente. Un altro elemento critico per la qualità della banda larga è l asimmetria dei collegamenti. Non è infatti solo la velocità massima in downlstream a determinare l esperienza di utilizzo dei diversi servizi/applicazioni in rete, ma vi concorre anche la velocità disponibile in upstream. E ciò vale sia per le applicazioni business che consumer. 11

14 LE TECNOLOGIE A BANDA LARGA DI RETE FISSA Fonte: Between, Osservatorio Banda Larga Obiettivo Ultrabroadband, 2012 Rete trasporto dati ISP filtro ADSL modem ADSL Schema dei collegamenti ADSL Centrale telefonica Dslam Splitter Switch Rete telefonica Per quanto riguarda i servizi di rete fissa, la maggior parte dei servizi a banda larga si appoggiano all insieme delle tecnologie xdsl, nate per permettere l uso delle reti telefoniche in rame (doppino) già esistenti, e utilizzate diffusamente nel mondo da più di una decina d anni. I miglioramenti tecnologici nei sistemi trasmissivi hanno consentito gradualmente di ampliare la quantità di dati trasmessi (la banda) sui doppini che collegano gli utenti alla prima centrale telefonica della rete tradizionale. All interno della famiglia delle tecnologie xdsl, l ADSL è il servizio più diffuso. In termini prestazionali all ADSL in senso stretto (1-2Mbps) si affiancano verso l alto le soluzioni Full ADSL che arrivano sino a 8Mbps e verso il basso le soluzioni ADSL Lite quando non si superano i 640kbps. Le soluzioni ADSL2+ giungono invece sino a 20Mbps di velocità. 12

15 I principali vincoli all utilizzo delle tecnologie xdsl possono individuarsi nella necessità di attrezzare le centrali della rete telefonica con nuovi apparati, nei problemi derivanti dalla rete in rame esistente (per esempio, diminuzione delle prestazioni all aumentare della lunghezza dei doppini) e nella possibilità di interferenze tra utenti di doppini collocati nello stesso fascio. Particolarmente critico è il problema del decadimento delle prestazioni dovuto alla distanza dalla centrale cui sono attestate le linee ADSL, tipico delle aree rurali e/o nelle quali gli utenti da raggiungere sono particolarmente dispersi sul territorio, che infatti sono anche quelle più spesso soggette a digital divide. L introduzione generalizzata di questo tipo di tecnologie richiede, quindi, una serie di interventi ed investimenti per la modifica dell attuale infrastruttura di accesso, con l introduzione di tratte in fibra ottica e un cambiamento radicale nelle architetture di rete. Si tratta di un passo sostanziale verso un architettura mista rame/ fibra, che costituisce un passaggio quasi obbligato nella realizzazione della rete di accesso di nuova generazione, in grado di servire una percentuale elevata della popolazione. Sempre nell ambito delle reti fisse, a fianco del rame la fibra ottica rappresenta una soluzione molto più performante (sia in termini di velocità disponibile che di simmetria delle prestazioni) ma molto meno diffusa, almeno per quanto riguarda il nostro Paese. A livello architetturale, le reti in fibra ottica si distinguono in funzione del punto di arrivo della fibra: al massimo la fibra può arrivare direttamente all unità abitativa da collegare e si parla quindi di Fiber To The Home (FTTH). Forme meno estreme prevedono che la fibra si arresti ai piedi dell edificio da collagare (Fiber To The Building, FTTB) o nei pressi degli edifici (Fiber To The Curb, FTTC): in entrambi questi casi, però, le tratte finali del collegamento rimarranno in rame. A limitare la diffusione dei collegamenti in fibra ottica vi sono innanzi tutto gli elevati investimenti necessari alla realizzazione della nuova infrastruttura. La posa di fibra ottica in aree pubbliche richiede infatti opere civili particolarmente onerose. Ciò fa sì che questa tecnologia sia circoscritta alle aree più densamente popolate ed economicamente più sviluppate. Anche in tali aree, comunque, i ritorni economici sono di lungo periodo con un livello di copertura che aumenta molto lentamente. Un ulteriore rallentamento alla diffusione dell infrastrutturazione completamente in fibra ottica è dovuto alla maggiore complessità della terminazione in fibra, che rende più complessa l erogazione del servizio telefonico tradizionale (mancanza di tele-alimentazione, necessità di apparati di terminazione ad hoc). 13

16 Scenari di realizzazione delle reti in Fibra Ottica rame fibra FTTB armadio centrale secondaria primaria BIT RATE downstream: fino a 50 Mbit/s upstream fino a 10 Mbit/s FTTC BIT RATE downstream: fino a 100 Mbit/s upstream fino a 40 Mbit/s FTTH BIT RATE downstream: fino a 2,5 Gbit/s upstream fino a 1,2 Gbit/s Fonte: Between, Osservatorio Banda Larga Obiettivo Ultrabroadband,

17 LE TECNOLOGIE A BANDA LARGA WIRELESS La disponibilità di servizi a banda larga non è però legata soltanto alle infrastrutture di rete fissa: a determinarne la copertura complessiva concorrono infatti sia le reti wireless che mobili. Per quanto riguarda le prime, si tratta delle soluzioni Wi-Fi, Hiperlan e WiMAX. La famiglia delle soluzioni Wi-Fi e Hiperlan identifica le tecnologie di Wireless LAN (WLAN), conformi allo standard ETSI , che utilizzano le frequenze non soggette a licenza nella banda tra i 2,4 e 5 GHz per effettuare collegamenti a velocità che oggi sono dell ordine di 100 Mbit/s, condivisi tra tutti gli utenti dello stesso Access Point. Si tratta di tecnologie pensate per la realizzazione di piccole reti locali private, spesso interne a una casa o a un edificio. Su ciò influisce il tipo di banda utilizzata, non soggetta a licenza e quindi non assegnata in esclusiva a soggetti specifici come nel caso delle reti mobili: ne deriva che le reti WLAN sono soggette a limitazioni per ciò che riguarda le potenze dei trasmettitori per ridurre la possibilità di emissioni che creino interferenze con altri apparati simili realizzati nella stessa area e operanti su bande di utilizzo libero. Di conseguenza, le coperture vanno da qualche decina a poche centinaia di metri e possono diminuire, sia per la presenza di ostruzioni (pareti, solai, alberi ecc.), sia per effetto di disturbi dovuti a fenomeni trasmissivi o di interferenze causate in alcuni casi anche dall installazione di nuovi punti di accesso radio che vanno a modificare l equilibrio della rete WiFi nella sua configurazione originaria. L impossibilità di governare e tenere sotto controllo la proliferazione degli accessi radio in una determinata zona rende la qualità dei servizi di accesso WiFi imprevedibile e quindi non garantisce una soluzione sempre affidabile alla domanda di accesso a banda larga. Lo scenario non cambia anche considerando le soluzioni Hiperlan: nonostante la maggiore potenza disponibile, anche per queste reti è necessario tener presente che il servizio non può fornire le stesse garanzie di qualità e affidabilità delle reti cablate, o dei sistemi realizzati su bande licenziate, come nel caso ad esempio del WiMAX. 15

18 Le reti WiMAX riportano a un insieme di tecnologie che consentono la realizzazione di accessi wireless per terminali fissi o mobili. A differenza dei sistemi WiFi e Hiperlan, la tecnologia WiMAX, operando su frequenze soggette a licenza, e quindi assegnate in esclusiva al singolo operatore, è molto meno soggetta a interferenze che ne riducono la qualità del servizio. Inoltre, la tecnologia WiMAX è progettata per realizzare accessi su distanze molto più significative e per operare anche in condizioni di visibilità ottica parziale o assente, raggiungendo velocità tra 5 e 10Mbps. Tuttavia anche in questo caso alcuni elementi strutturalmente connessi alla tecnologia WiMAX ne possono limitare significativamente l ambito di utilizzo. Innanzi tutto, l effettivo utilizzo di soluzioni WiMAX dipende dalla disponibilità di adeguate porzioni di spettro radio. Inoltre, come in tutti i sistemi radio, va tenuto conto che la banda complessiva resa disponibile da una singola antenna deve essere condivisa fra tutti gli utenti attivi coperti dall antenna stessa, e ciò comporta limitazioni nella velocità di trasmissione massima per il singolo utente Un contributo più significativo alla diffusione della banda larga viene dalle reti mobili e dalla diffusione di servizi di Mobile Internet che anche in Italia (considerando la sola navigazione mobile da PC) conta ormai più di 9 milioni di utenti. In questo caso stiamo parlando degli standard di terza generazione, HSDPA (High Speed Download Packet Access) e HSDPA+ che hanno portato la banda nominale a disposizione dell utente ad un livello confrontabile con quello dell accesso fisso in tecnologia ADSL (fino a 14Mbps). Grandi aspettative sono a questo proposito associate allo sviluppo delle tecnologie LTE (Long Term Evolution) che dovrebbero elevare la banda disponibile agli utenti nell ordine delle decine di Mbps. Tuttavia, anche nel caso delle reti mobili alcuni elementi connaturati alla natura stessa di queste tecnologie possono inficiare le prestazioni nominali ad esse attribuite. Innanzi tutto, le prestazioni risentono dell intensità del segnale radio tra le antenne della rete e l utente che varia sia per la localizzazione dell utente (distanza dalla stazione radio base, utilizzo all interno di locali e fabbricati, ostacoli alla trasmissione) sia per fattori contingenti (fenomeni atmosferici, disturbi, riflessioni temporanee di segnale, velocità di spostamento dell utente, etc). Oltre a ciò, anche le reti mobili, come in genere ogni rete wireless, condivide le risorse radio della singola cella con gli altri utenti che in quel momento la utilizzano, riducendo in questo modo la banda a disposizione di ciascun singolo utente. Con le reti LTE, grazie alla maggiore ampiezza di banda disponibile, tali limitazioni, pur persistendo, risulteranno comunque attenuate, consentendo agli utenti un accesso a Internet Mobile realmente a banda larga. Tuttavia i tempi necessari per arrivare ad una copertura delle reti LTE sufficientemente capillare sull intero territorio nazionale rendono questa tecnologia una soluzione interessante, al di fuori dei 16

19 grandi centri urbani, solo nel medio lungo termine. Più in dettaglio il punto di partenza per la realizzazione delle reti e dei servizi LTE in Italia è rappresentato dalla gara per l assegnazione delle licenze relative alle frequenza a 800MHz e 2600Mhz che si è conclusa a settembre 2011 e ha visto la partecipazione di tutti gli operatori mobili infrastrutturati operanti sul mercato italiano. A stabilire i tempi della copertura del territorio è proprio lo strumento della gara, che impone una serie di obblighi minimi associati all assegnazione dei diritti d uso delle frequenze, che vincolano gli operatori assegnatari a rispettare le seguenti scadenze, variabili in funzione della banda ad essi assegnata: banda 800 MHz: gli aggiudicatari devono realizzare entro 36 mesi dalla disponibilità delle frequenze la copertura di almeno il 30% dei comuni presenti nelle liste associate ai lotti aggiudicati, e del 75% dei comuni entro 60 mesi; banda 2600 MHz: gli aggiudicatari devono realizzare la copertura del 20% della popolazione nazionale entro 24 mesi dall assegnazione dei diritti d uso (o dalla disponibilità delle frequenze), e del 40% della popolazione nazionale entro 48 mesi, purché tale popolazione sia distribuita in tutte le regioni, con una copertura minima di almeno il 5% della relativa popolazione, fornendo un servizio dati per utente di almeno 2 Mbit/s nominali in download. 17

20 I SERVIZI INTERNET A BANDA LARGA VIA SATELLITE Evoluzione della capacità dei satelliti KA-SAT Spaceway-3 Spaceway-2 Spaceway-1 WildBlue-1 Anik F2 Ku tradizionale capacità stimata in Gbit/s Seconda Generazione KA High Throughput Satellite (HTS) Prima Generazione KA KU Fonte: Eutelsat analysis La tecnologia di trasmissione satellitare bidirezionale non è una novità, in quanto esiste da più di trent anni sotto la sigla VSAT (Very Small Aperture Terminal). A lungo però questa tecnologia è stata dedicata ad un utilizzo professionale in campi molto specifici, quali le comunicazioni in situazione estreme (es. le piattaforme petrolifere). In seguito le reti VSAT si sono estese a coprire le esigenze di aziende multisede delocalizzate in luoghi non facilmente raggiungibili dalle reti di comunicazioni tradizionali. I costi del servizio erano però ancora elevati e quindi non accessibili alle piccole imprese e all utenza residenziale. Per poter offrire un servizio Internet a banda larga accessibile al mercato di massa, il satellite ha dovuto attendere che si verificassero tre precondizioni: La disponibilità di frequenze sufficienti a soddisfare numeri molto elevati di utenti; La riduzione del costo per Mbps e quindi l affermarsi di un rapporto elevato Mbps/MHz; La disponibilità di apparati (modem e antenne) a prezzi ragionevoli. Nel primo caso si tratta di poter utilizzare una banda di frequenza libera, la banda Ka (in alternativa alla banda Ku attualmente saturata dai satelliti che coprono l Europa), e poter riutilizzare le frequenze in zone sufficientemente lontane per evitare interferenze. La seconda implica l impiego di un satellite che illumini il territorio per mezzo di un numero molto elevato di fasci: più i fasci sono piccoli, infatti, maggiore è la potenza con cui viene illuminato il suolo e quindi maggiore è la banda disponibile per MHz. L ultima condizione riguarda la possibilità di produrre in massa i device necessari al servizio. Queste tre condizioni si sono realizzate contemporaneamente per la prima volta negli Stati Uniti, grazie all operatore WildBlue. In Europa Eutelsat ha lanciato nel 2007 il servizio Tooway sulle quattro fasce in banda Ka del satellite Hot Bird6 cui è seguito il lancio del satellite KA-SAT che consente l accesso a Internet fino a 18Mbps su tutto il territorio italiano. 18

Banda Larga e ultra larga: un opportunità per le imprese Perché connettersi, perché avere connessioni veloci.

Banda Larga e ultra larga: un opportunità per le imprese Perché connettersi, perché avere connessioni veloci. 2014 Banda Larga e ultra larga: un opportunità per le imprese Perché connettersi, perché avere connessioni veloci. I venti dell'innovazione - Imprese a banda larga Varese, 9 luglio 2014 Antonello Fontanili

Dettagli

Introduzione FlorenceonLine

Introduzione FlorenceonLine 0 Introduzione La tecnologia di trasmissione satellitare bidirezionale non è una novità, in quanto esiste da più di trent anni sotto la sigla VSAT (Very Small Aperture Terminal). A lungo però questa tecnologia

Dettagli

Servizi ICT a banda larga e ultra larga. Le novità e le opportunità per le imprese

Servizi ICT a banda larga e ultra larga. Le novità e le opportunità per le imprese 2012 Servizi ICT a banda larga e ultra larga. Le novità e le opportunità per le imprese Progetto finanziato da Reggio Emilia 1 2 Sommario Evoluzione delle tecnologie di rete Requisiti di banda I benefici

Dettagli

Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese

Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese 14/02/2011 Fondamenti di informatica - Prof. Gregorio Cosentino 1 Servizio universale Acqua potabile Energia elettrica Telefono Servizio

Dettagli

Digital Divide: superarlo grazie alle alternative alle connessioni via cavo aprile 2013

Digital Divide: superarlo grazie alle alternative alle connessioni via cavo aprile 2013 Digital Divide: superarlo grazie alle alternative alle connessioni via cavo aprile 2013 Confronto tra diverse tecnologie per connettersi a Internet Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Il problema del

Dettagli

L Italia nell Europa digitale Idee, progetti e proposte per raggiungere gli obiettivi dell agenda digitale europea

L Italia nell Europa digitale Idee, progetti e proposte per raggiungere gli obiettivi dell agenda digitale europea Primo della Camera dei deputati L Italia nell Europa digitale Idee, progetti e proposte per raggiungere gli obiettivi dell agenda digitale europea Gli indicatori dell agenda digitale europea La posizione

Dettagli

Roma, 24 Novembre 2014

Roma, 24 Novembre 2014 Roma, 24 Novembre 2014 Piano di rete Comune di GUARDIAGRELE (CH) Piano 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2

Dettagli

9a Giornata dell Economia

9a Giornata dell Economia 9a Giornata dell Economia Ravenna, 6 maggio 2011 L economia digitale: quale futuro? G. Andrea Farina Presidente & Amministratore Delegato Gruppo Itway 1 INNOVAZIONE ED ECONOMIA DIGITALE l l primo dominio

Dettagli

RAPPORTO SULLA BANDA LARGA NELLA PROVINCIA DI ROMA

RAPPORTO SULLA BANDA LARGA NELLA PROVINCIA DI ROMA RAPPORTO SULLA BANDA LARGA NELLA PROVINCIA DI ROMA PRESENTAZIONE Marco Mena - Between 1 CONTENUTI 1. ANALISI DELLA DOMANDA NELLA PROVINCIA DI ROMA 2. INFRASTRUTTURE E SERVIZI A BANDA LARGA NELLA PROVINCIA

Dettagli

INFRASTRUTTURE A BANDA LARGA E ULTRA LARGA NEI TERRITORI DELLE CAMERE DI COMMERCIO

INFRASTRUTTURE A BANDA LARGA E ULTRA LARGA NEI TERRITORI DELLE CAMERE DI COMMERCIO 2011 INFRASTRUTTURE A BANDA LARGA E ULTRA LARGA NEI TERRITORI DELLE Rapporto di analisi realizzato nell ambito del progetto Promozione presso le Camere di Commercio dei servizi ICT avanzati resi disponibili

Dettagli

IP/10/1602. Bruxelles, 25 novembre 2010

IP/10/1602. Bruxelles, 25 novembre 2010 IP/10/1602 Bruxelles, 25 novembre 2010 Nel luglio 2010 circa un terzo delle linee europee a banda larga viaggiava a velocità superiori a 10 Mbps (15% nel luglio 2009). Velocità maggiori di trasmissione

Dettagli

Diritto di accesso alla rete a banda larga: le azioni dell Emilia-Romagna Anna Lisa Minghetti Responsabile Area Reti Lepida & Wireless Lepida SpA

Diritto di accesso alla rete a banda larga: le azioni dell Emilia-Romagna Anna Lisa Minghetti Responsabile Area Reti Lepida & Wireless Lepida SpA Diritto di accesso alla rete a banda larga: le azioni dell Emilia-Romagna Anna Lisa Minghetti Responsabile Area Reti Lepida & Wireless Lepida SpA L Agenda Digitale Europea e l Emilia-Romagna Banda Larga

Dettagli

Rete di accesso. Reti di accesso

Rete di accesso. Reti di accesso Rete di accesso Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Reti di accesso Per arrivare all utenza residenziale ( ultimo miglio ), l

Dettagli

Servizi satellitari a banda larga. Tecnologia e applicazioni

Servizi satellitari a banda larga. Tecnologia e applicazioni Servizi satellitari a banda larga Tecnologia e applicazioni Eutelsat: Key company facts Capacità commercializzata su una flotta di 30 satelliti Presenza sui mercati in Europa, Africa, Asia e Americhe Trasmissione

Dettagli

Banda Ultra Larga Sardegna. Piero Berritta Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione

Banda Ultra Larga Sardegna. Piero Berritta Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione Banda Ultra Larga Sardegna Piero Berritta Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione D.G. Affari Generali e Società dell Informazione Servizio Infrastrutture Tecnologiche per

Dettagli

Banda larga e ultra larga: presente e futuro per la comunicazione veloce delle imprese

Banda larga e ultra larga: presente e futuro per la comunicazione veloce delle imprese in collaborazione con 2012 Banda larga e ultra larga: presente e futuro per la comunicazione veloce delle imprese Cristoforo Morandini, Associated Partner Between Spa Ascoli Piceno 30 11 2012 30-11-2012

Dettagli

Satellite broadband for business

Satellite broadband for business In collegamento con il mondo da un unico teleporto La banda larga bidirezionale di Skylogic: una soluzione tecnologica ad ampio raggio Dal teleporto di Torino la banda larga raggiunge quattro continenti

Dettagli

Sintesi 30 Gennaio 2014 RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI EU 2020 DELLA BANDA LARGA IN ITALIA: PROSPETTIVE E SFIDE

Sintesi 30 Gennaio 2014 RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI EU 2020 DELLA BANDA LARGA IN ITALIA: PROSPETTIVE E SFIDE RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI EU 2020 DELLA BANDA LARGA IN ITALIA: PROSPETTIVE E SFIDE Introduzione A Novembre del 2013 il Presidente Letta ha incaricato il Commissario di Governo per l attuazione dell Agenda

Dettagli

Infratel Italia. Broadband and UltraBroadband Plan. Settembre 2014

Infratel Italia. Broadband and UltraBroadband Plan. Settembre 2014 Infratel Italia Broadband and UltraBroadband Plan Settembre 2014 Agenda Digitale Europea Piano Banda Larga Aiuti di Stato SA 33807/2011 e n 646/2009 Piano Banda Ultra-Larga (Next Generation Access Network)

Dettagli

Piano Nazionale Banda Ultralarga. Trento Marzo 2015

Piano Nazionale Banda Ultralarga. Trento Marzo 2015 Piano Nazionale Banda Ultralarga Trento Marzo 2015 Chi siamo Infratel Italia S.p.A. (Infrastrutture e Telecomunicazioni per l Italia) è stata costituita su iniziativa del Dipartimento Comunicazioni del

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

Banda larga e ultralarga: lo scenario

Banda larga e ultralarga: lo scenario Banda larga e ultralarga: lo scenario Il digitale per lo sviluppo della mia impresa Ancona, 4 luglio 2013 L importanza della banda larga per lo sviluppo economico L Agenda Digitale Europea: obiettivi e

Dettagli

Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015

Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015 Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2 LE POTENZIALITÀ

Dettagli

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia Bollettino Flash 17 marzo 2014 Confagricoltura ha espresso più volte la propria preoccupazione

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI 4) Intervento pubblico europeo. La possibilità che l Europa, mediante la costituzione di un fondo per le

Dettagli

Tecnologie e potenzialità della banda larga

Tecnologie e potenzialità della banda larga Tecnologie e potenzialità della banda larga Unione degli Industriali di Pordenone 1 febbraio 2010 Dip. di Ingegneria Elettrica Gestionale e Meccanica Università degli Studi di Udine Pier Luca Montessoro

Dettagli

Press release 22 febbraio 2016

Press release 22 febbraio 2016 La tecnologia e tutte le novità di prodotto AVM al Mobile World Congress 2016 FRITZ!Box per qualsiasi tipo di connessione ad alta velocità: DSL, cavo, fibra ottica e 4G (LTE) WiFi intelligente e un ambiente

Dettagli

Il profilo digitale di Modena a confronto con l Agenda Digitale Europea: un quadro di sintesi

Il profilo digitale di Modena a confronto con l Agenda Digitale Europea: un quadro di sintesi Il profilo digitale di Modena a confronto con l Agenda Digitale Europea: un quadro di sintesi Dimitri Tartari, Chiara Mancini/ Barbara Santi Coordinamento Piano Telematico 11 Dicembre 2013 Diritto di accesso

Dettagli

Realizzazioni, progetti e strategie di Infratel sul territorio della regione Marche. Paolo Corda Responsabile Pianificazione Tecnica Infratel SpA

Realizzazioni, progetti e strategie di Infratel sul territorio della regione Marche. Paolo Corda Responsabile Pianificazione Tecnica Infratel SpA Realizzazioni, progetti e strategie di Infratel sul territorio della regione Marche Paolo Corda Responsabile Pianificazione Tecnica Infratel SpA La missione di Infratel Infratel Italia SpA Estendere le

Dettagli

Ing.. Roberto Campitelli. Chairman Hughes Network Systems Europe Ltd.

Ing.. Roberto Campitelli. Chairman Hughes Network Systems Europe Ltd. Dallo spazio un contributo alla modernita del Paese Ing.. Roberto Campitelli Chairman Hughes Network Systems Europe Ltd. Il caso Olanda L Olanda e un paese piccolo (1/10 dell Italia), densamente popolato

Dettagli

Banda larga. Asset strategico per la competitività del territorio

Banda larga. Asset strategico per la competitività del territorio Banda larga Asset strategico per la competitività del territorio La strategia digitale di Confindustria Verona Iniziative volte a promuovere la riduzione del digital divide culturale e infrastrutturale:

Dettagli

Fibra ottica, vediamoci chiaro / Analisi e consigli sulla connessione dati giovedì 14 aprile 2016

Fibra ottica, vediamoci chiaro / Analisi e consigli sulla connessione dati giovedì 14 aprile 2016 Fibra ottica, vediamoci chiaro / Analisi e consigli sulla connessione dati giovedì 14 aprile 2016 Fibra ottica e Adsl, vediamoci chiaro! Analisi dell Adoc sulle nuove tecnologie di connessione dati. Consigli

Dettagli

10 Giornata dell Economia

10 Giornata dell Economia 0 Giornata dell Economia La banda larga nella provincia di Forlì-Cesena: stato, esigenze e prospettive Cristoforo Morandini Associated Partner, Between 0 giornata dell'economia - 7 giugno 0 - Riservato

Dettagli

Agenda Digitale Europea: politiche pubbliche e regolamentazione

Agenda Digitale Europea: politiche pubbliche e regolamentazione Agenda Digitale Europea: politiche pubbliche e regolamentazione Telecom Italia S.p.A. Responsabile Regulatory Affairs Giovanni Battista Amendola Gli obiettivi dell Agenda Digitale Europea per lo sviluppo

Dettagli

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità Giornata di studio: Infrastrutture avanzate per reti ad alta velocità Modena, 5 Aprile 2006 Università di Modena e Reggio Emilia, Facoltà di Ingegneria Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche e Banda Larga

Infrastrutture tecnologiche e Banda Larga Infrastrutture tecnologiche e Banda Larga La connettività a banda larga rappresenta un fattore strategico per lo sviluppo di un territorio in termini di crescita economica e di coesione sociale, come ormai

Dettagli

ADSLSUBITO.IT. WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it. Documentazione tecnica

ADSLSUBITO.IT. WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it. Documentazione tecnica WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it Documentazione tecnica Broadband immediata nei Comuni medio/piccoli Decreto Ministero delle Telecomunicazioni 4 Ottobre 2005 DECRETO LANDOLFI : BANDA LARGA

Dettagli

DigitalSubscriberLine(DSL)

DigitalSubscriberLine(DSL) DigitalSubscriberLine(DSL) 1 La famiglia di tecnologie, nota come DSL (DigitalSubscriberLine), è stata introdotta allo scopo di aumentare il ritmo binario sulle ordinarie linee d utente fino a valori dell

Dettagli

Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della. Le iniziative nella provincia di Belluno. La banda larga tra presente e futuro

Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della. Le iniziative nella provincia di Belluno. La banda larga tra presente e futuro La banda larga tra presente e futuro Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della Banda Larga. Le iniziative nella provincia di Belluno Villa Patt di Sedico Belluno,18 marzo 2009 A cura di:

Dettagli

LE RETI OTTICHE PASSIVE

LE RETI OTTICHE PASSIVE LE RETI OTTICHE PASSIVE Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia INDICE La rete di accesso Le reti ottiche passive Gli Standard

Dettagli

Infrastrutture per la banda larga

Infrastrutture per la banda larga Infrastrutture per la banda larga Pier Luca Montessoro Dip. di Ingegneria Elettrica Gestionale e Meccanica Università degli Studi di Udine 2009 - DIEGM - Università di Udine 1 Servizi di rete Cos è la

Dettagli

LA DIFFUSIONE DELLA BANDA LARGA NEL PAESE

LA DIFFUSIONE DELLA BANDA LARGA NEL PAESE LA DIFFUSIONE DELLA BANDA LARGA NEL PAESE FORUM P.A. - 12 maggio 2005 François de Brabant BETWEEN 1 SUPERATA LA VETTA DEI 4,5 MILIONI DI ACCESSI IN ITALIA (Dic. 2004) Milioni accessi 5,0 4,5 4,0 3,5 3,0

Dettagli

Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili

Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili Una estesa e moderna rete in Fibra Ottica Retelit è l operatore indipendente leader nel mercato wholesale grazie a Una rete costruita lungo le strade

Dettagli

DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA 1 IL QUADRATO DELLA RADIO Le nuove realtà del mondo ICMT: la rete, gli operatori e l l industria L' IMPIEGO DELLE TECNOLOGIE WIRELESS PER

Dettagli

1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR.

1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR. 1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR. Il sistema satellitare D-STAR è una rete di terminali VSAT (Very Small Aperture Terminal) con topologia a stella, al centro della quale è presente un HUB satellitare

Dettagli

L Aquila La nuova rete di TIM

L Aquila La nuova rete di TIM GRUPPO TELECOM ITALIA L Aquila, 22-23 Marzo 2016 Auditorium del Parco L Aquila La nuova rete di TIM Responsabile Creation Abruzzo e Molise La Nuova Rete de L Aquila Razionalizzazione dei Servizi Il progetto

Dettagli

Il nostro obiettivo è connettervi al mondo COMUNICARE OVUNQUE

Il nostro obiettivo è connettervi al mondo COMUNICARE OVUNQUE Il nostro obiettivo è connettervi al mondo COMUNICARE OVUNQUE [ ] Ogni tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia. Arthur Charles Clarke Digitaria nel mondo Specializzata in telecomunicazioni

Dettagli

CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia

CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia GRUPPO TELECOM ITALIA OPEN ACCESS CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia Dotti Massimiliano Modena, 12 Febbario 2014 Technology Open Access Access Op Area 37 2 Come la Rivoluzione

Dettagli

L ecosistema digitale per le smart cities: dalla banda larga alle competenze digitali. 26 settembre 2012

L ecosistema digitale per le smart cities: dalla banda larga alle competenze digitali. 26 settembre 2012 L ecosistema digitale per le smart cities: dalla banda larga alle competenze digitali 26 settembre 2012 La Smart City secondo Between GOVERNANCE Sviluppo sostenibile: Efficienza nell uso delle risorse,

Dettagli

Internet. Presentato da N. Her(d)man & Picci. Fabrizia Scorzoni. Illustrazioni di Valentina Bandera

Internet. Presentato da N. Her(d)man & Picci. Fabrizia Scorzoni. Illustrazioni di Valentina Bandera Internet Presentato da N. Her(d)man & Picci Fabrizia Scorzoni Illustrazioni di Valentina Bandera Titolo: Internet Autore: Fabrizia Scorzoni Illustrazioni: Valentina Bandera Self-publishing Prima edizione

Dettagli

Alcune domande: La banda larga: serve proprio?

Alcune domande: La banda larga: serve proprio? Alcune domande: A chi serve la banda larga? Per fare cosa? Quanta banda serve? le infrastrutture a banda larga nella Bassa Padovana sono sufficienti? Esiste un digital divide nel territorio? Quanti comuni

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

Wireless Internet Banda Larga

Wireless Internet Banda Larga Wireless Internet Banda Larga SERVIZI FORNITI DA ROMAGNA RIPETITORI Romagna Ripetitori Srl Via Lasie 10/L - Imola (BO) www.romagnaripetitori.it info@romagnaripetitori.it Tel. 0542.066536 Fax. 051.3764109

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 3 Giovedì 12-03-2015 Reti a commutazione di pacchetto datagram Le reti a commutazione

Dettagli

Rete a Larga Banda GRANDE MANTOVA Il progetto GRANDE MANTOVA Obbiettivi : affrontare insieme problematiche comuni per il bene del territorio e dei cittadini Temi : viabilità e mobilità, sicurezza, piani

Dettagli

Promozione presso le Camere di Commercio dei servizi ICT avanzati resi disponibili dalla banda larga

Promozione presso le Camere di Commercio dei servizi ICT avanzati resi disponibili dalla banda larga 2012 Promozione presso le Camere di Commercio dei servizi ICT avanzati resi disponibili dalla banda larga Analisi provinciale Progetto finanziato da Reggio Emilia 27-02-2012 27-02-2012 1 27-02-2012 2 Indice

Dettagli

GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi

GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi www.telit.com GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi Sergio Sciarmella I sistemi di telecomunicazione e le reti wireless in particolare sono cambiate in modo radicale

Dettagli

Connettività Domenica 19 Dicembre 2010 17:32 - Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Novembre 2014 19:34

Connettività Domenica 19 Dicembre 2010 17:32 - Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Novembre 2014 19:34 La Suite di servizi Origine.net può essere erogata su reti di telecomunicazioni in tecnolgia Wired e/o Wireless. In base alle esigenze del cliente ed alla disponibilità di risorse tecnologiche, Origine.net

Dettagli

Internet a banda larga per tutti gli europei: la Commissione avvia un dibattito sul futuro del servizio universale

Internet a banda larga per tutti gli europei: la Commissione avvia un dibattito sul futuro del servizio universale IP/08/1397 Bruxelles, 25 settembre 2008 Internet a banda larga per tutti gli europei: la Commissione avvia un dibattito sul futuro del servizio universale In che modo l'unione europea potrà garantire l'accesso

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956)

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) Allegato B BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) In risposta all obiettivo dell UE di garantire a tutti i cittadini

Dettagli

Connettività in Italia

Connettività in Italia Connettività in Italia Tipologie di connettività per clienti business e consumer Dott. Emiliano Bruni Tipologie di connettività PSTN ISDN CDA CDN Frame Relay ADSL HDSL Satellite Wireless Punto-punto Wireless

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 3 Martedì 11-03-2014 1 Accesso alla rete Gli host possono connettersi

Dettagli

ADSL fino a? Clausola indicata in quasi tutti i contratti dei maggiori operatori

ADSL fino a? Clausola indicata in quasi tutti i contratti dei maggiori operatori ADSL fino a? Clausola indicata in quasi tutti i contratti dei maggiori operatori TELECOM - ALICE 20 MEGA INTERNET H24 FINO A 20 MEGA Internet H24 fino a 20 Mega ADSL veloce, indispensabile per condividere

Dettagli

LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE

LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE 10 9 8 7 74% 10 88% 74% 91% 67% 74% 10 89% 82% 25% 6 57% 75% 5 4 44% SI NO Base: totale aziende Fonte: EY-TOW, 2015 Il livello di informatizzazione delle aziende Piemontesi

Dettagli

INFRASTRUTTURE A BANDA LARGA E ULTRA LARGA NEI TERRITORI DELLE CAMERE DI COMMERCIO

INFRASTRUTTURE A BANDA LARGA E ULTRA LARGA NEI TERRITORI DELLE CAMERE DI COMMERCIO 2013 INFRASTRUTTURE A BANDA LARGA E ULTRA LARGA NEI TERRITORI DELLE CAMERE DI Rapporto generale 2013 Rapporto di analisi realizzato nell ambito del progetto Promozione presso le Camere di Commercio dei

Dettagli

Wireless IP e Digital Divide

Wireless IP e Digital Divide Wireless IP e Digital Divide una promessa da mantenere Enrico Carlin I-Tec S.r.l. La Mappa del Digital Divide Definizione di Digital Divide Nella Società dell informazione, il divario, la disparità o la

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

Progetto per la riduzione della Divisione Digitale nelle aree in cui non è disponibile ADSL

Progetto per la riduzione della Divisione Digitale nelle aree in cui non è disponibile ADSL Progetto per la riduzione della Divisione Digitale nelle aree in cui non è disponibile ADSL la soluzione ADSL wireless alla portata di tutti 1 Premessa Da un autorevole studio del CSI Piemonte risulta

Dettagli

A Torino, un parco tecnologico al centro del mondo Trasmissioni bidirezionali IP via satellite: una soluzione atutti i vostri problemi

A Torino, un parco tecnologico al centro del mondo Trasmissioni bidirezionali IP via satellite: una soluzione atutti i vostri problemi A Torino, un parco tecnologico al centro del mondo Trasmissioni bidirezionali IP via satellite: una soluzione atutti i vostri problemi La banda larga bidirezionale via satellite è una soluzione per tutte

Dettagli

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa Sommario Indice 1 Internet 1 1.1 Reti di computer........................... 1 1.2 Mezzo di comunicazione di massa - Mass media.......... 2 1.3 Servizi presenti su Internet - Word Wide Web........... 3

Dettagli

Misura 321 Azione 4 Reti tecnologiche di informazione e comunicazione (ICT)

Misura 321 Azione 4 Reti tecnologiche di informazione e comunicazione (ICT) Misura 321 Motivazioni dell intervento Nel panorama regionale esistono alcune aree, soprattutto quelle più marginali, dove la copertura di banda larga non è ancora presente, o in larga parte insufficiente

Dettagli

Sommario. Evoluzione delle tecnologie di rete. Requisiti di banda. Banda e non solo. I benefici della banda larga in azienda

Sommario. Evoluzione delle tecnologie di rete. Requisiti di banda. Banda e non solo. I benefici della banda larga in azienda 2012 Servizi ICT a banda larga e ultra larga. Le novità e le opportunità per le imprese Progetto finanziato da Forlì-Cesena 20-03-2012 20-03-2012 1 Sommario Evoluzione delle tecnologie di rete Requisiti

Dettagli

sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2008 sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2008 sistemapiemonte.it sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2008 sistemapiemonte.it WI-PIE LINEA STRATEGICA 1- CONOSCERE IL TERRITORIO OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE MAPPA RAGIONATA

Dettagli

I servizi ICT avanzati resi disponibili dalla banda larga sul territorio biellese e vercellese

I servizi ICT avanzati resi disponibili dalla banda larga sul territorio biellese e vercellese I servizi ICT avanzati resi disponibili dalla banda larga sul territorio biellese e vercellese Stato dell arte, criticità ed opportunità per il sistema imprenditoriale locale Progetto finanziato da 16

Dettagli

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Rimini - 23 giugno 2005 Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Esiste il digital divide nei territori periferici? La discriminazione nasce dalla carenza di infrastrutture o da

Dettagli

Larga banda e nuove tecnologie: il caso dell Emilia-Romagna. Sandra Lotti LepidaSpA Area strategie, territorio, Europa

Larga banda e nuove tecnologie: il caso dell Emilia-Romagna. Sandra Lotti LepidaSpA Area strategie, territorio, Europa Larga banda e nuove tecnologie: il caso dell Emilia-Romagna Sandra Lotti LepidaSpA Area strategie, territorio, Europa Firenze Settembre 2013 La rete Lepida Tutto inizia con il Piano Telematico 2002: focus

Dettagli

TOOwAY 2.0: INTERNET VIA SATELLITE, LA RIVOLUZIONE WHEREVER YOU ARE, YOU CAN BE ANYWHERE!

TOOwAY 2.0: INTERNET VIA SATELLITE, LA RIVOLUZIONE WHEREVER YOU ARE, YOU CAN BE ANYWHERE! TOOwAY 2.0: INTERNET VIA SATELLITE, LA RIVOLUZIONE WHEREVER YOU ARE, YOU CAN BE ANYWHERE! Oggi la banda larga non è davvero più un lusso, ma ormai l unico modo possibile per restare collegati al mondo

Dettagli

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web CORSO EDA Informatica di base Introduzione alle reti informatiche Internet e Web Rete di computer Una rete informatica è un insieme di computer e dispositivi periferici collegati tra di loro. Il collegamento

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Banda Ultralarga e Satellite

Banda Ultralarga e Satellite Banda Ultralarga e Satellite Antonio Sposito, Agenzia Spaziale Italiana SMART BUILDING FORUM La rivoluzione del Broadband, Bologna 15 ott. 2015 1 L AGENZIA SPAZIALE ITALIANA L'Agenzia Spaziale Italiana

Dettagli

LA RETE DI FASTWEB PG. 3

LA RETE DI FASTWEB PG. 3 Palermo 01/04/2014 AGENDA 2 LA RETE DI FASTWEB 40.000 Km di cavi in fibra ottica posati dal 2000 ad oggi per costituire la propria rete i grandi progetti come basi dello sviluppo al Sud nel 2010 il Progetto

Dettagli

Raggiungere gli obbiettivi Europei 2020 della banda larga in Italia: prospettive e sfide

Raggiungere gli obbiettivi Europei 2020 della banda larga in Italia: prospettive e sfide Raggiungere gli obbiettivi Europei 2020 della banda larga in Italia: prospettive e sfide Rapporto alla Presidenza del Consiglio Commissario Francesco Caio Team Esperti: Scott Marcus & Gerard Pogorel Roma,

Dettagli

COMUNE DI MARTELLAGO

COMUNE DI MARTELLAGO Regolamentazione per l'installazione delle stazioni radio base per telefonia mobile - Aggiornamento COMUNE DI MARTELLAGO PROVINCIA DI VENEZIA Piano di localizzazione per l installazione delle stazioni

Dettagli

NGN2 e scorporo della rete

NGN2 e scorporo della rete NGN2 e scorporo della rete Il piano NGN2: driver principali Stato della rete Saturazione fisica: il rapporto tra il n delle linee broadband ed il n dei doppini in rame si sta approssimando al suo limite

Dettagli

INTERNET WIRELESS VELOCE

INTERNET WIRELESS VELOCE INTERNET WIRELESS VELOCE EOLO porta internet a banda ultra-larga ovunque, senza fili né contratto telefonico, anche dove gli altri non arrivano. Con EOLO navighi veloce, senza complicazioni e senza sorprese.

Dettagli

INFRATEL ITALIA Piano Nazionale Banda Larga Piano Nazionale Banda Ultralarga

INFRATEL ITALIA Piano Nazionale Banda Larga Piano Nazionale Banda Ultralarga INFRATEL ITALIA Piano Nazionale Banda Larga Piano Nazionale Banda Ultralarga Guido Citerni di Siena INFRATEL ITALIA 1 I modelli di intervento Piano Banda Larga Piano Banda Ultra-Larga A) Modalità diretta

Dettagli

Le reti e i servizi: il passato, il presente e il futuro. a cura HR Services (Gruppo Telecom Italia)

Le reti e i servizi: il passato, il presente e il futuro. a cura HR Services (Gruppo Telecom Italia) GRUPPO TELECOM ITALIA Il Digitale per lo sviluppo della mia Impresa Torino, 26 Novembre 2013 Le reti e i servizi: il passato, il presente e il futuro a cura HR Services (Gruppo Telecom Italia) Agenda Rete

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni DIPARTIMENTO PER LE COMUNICAZIONI Il modello di calcolo del digital divide infrastrutturale: applicazione al case study Farmacie Alessandro

Dettagli

ADSLSUBITO.IT. WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it. Documentazione tecnica

ADSLSUBITO.IT. WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it. Documentazione tecnica ADSLSUBITO.IT WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it Documentazione tecnica Progetto per la realizzazione di infrastruttura rete Internet a Larga Banda su tecnologia Wireless nei piccoli Comuni.

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

LA TECNOLOGIA FTTS E L ULTRABROADBAND

LA TECNOLOGIA FTTS E L ULTRABROADBAND LA TECNOLOGIA FTTS E L ULTRABROADBAND Milano 11 dicembre 2014 Paolo Cristoforoni 2 Internet sempre, ovunque e comunque. Il mondo è always on. IN UN MONDO SEMPRE CONNESSO LA DOMANDA DI BANDA E PERVASIVA.

Dettagli

NGN & WIFI PROMOSSI DALLA PA

NGN & WIFI PROMOSSI DALLA PA Il Trentino Territorio d innovazione Mario Groff mario.groff@trentinonetwork.it L infrastrutturazione in larga banda ed in fibra ottica sono elementi abilitanti allo sviluppo imprenditoriale, dei servizi

Dettagli

Piano di sviluppo della rete VODAFONE OMNITEL N.V. per il comune di Ortona

Piano di sviluppo della rete VODAFONE OMNITEL N.V. per il comune di Ortona Piano di sviluppo della rete VODAFONE OMNITEL N.V. per il comune di Ortona Ottobre 2008 Fax. +39 6 5092.3401 Pag. 1/9 Introduzione è una delle 5 società vincitrici della gara per l assegnazione delle licenze

Dettagli

BANDA LARGA E CRESCITA DIGITALE. Ing. Mario Lanza

BANDA LARGA E CRESCITA DIGITALE. Ing. Mario Lanza Palermo 30 gennaio 2015 BANDA LARGA E CRESCITA DIGITALE OCCASIONE DI SVILUPPO IN SICILIA Ing. Mario Lanza Assessorato regionale delle Autonomie Locali e della Funzione Pubblica Ufficio per l'attività di

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 20/11 DEL 26.4.2011. POR FESR 2007-2013. Progetto di infrastrutturazione a banda ultra larga (BUL) in territorio regionale.

DELIBERAZIONE N. 20/11 DEL 26.4.2011. POR FESR 2007-2013. Progetto di infrastrutturazione a banda ultra larga (BUL) in territorio regionale. Oggetto: POR FESR 2007-2013. Progetto di infrastrutturazione a banda ultra larga (BUL) in territorio regionale. L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione, di concerto con l'assessore

Dettagli

Servizi ICT a banda larga e ultra larga.

Servizi ICT a banda larga e ultra larga. 2013 Servizi ICT a banda larga e ultra larga. Prof. Marco Vari Jesi, 27 novembre 2013 Parte 1 Sommario parte 1 Definizioni Requisiti di banda I benefici della banda larga in azienda Internet oggi Peering

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 Architettura delle reti di telecomunicazioni e contesto infrastrutturale regionale 1 Indice Architettura delle reti di Telecomunicazioni Banda Larga nella

Dettagli

Open Sky. 4 novembre 2014

Open Sky. 4 novembre 2014 Open Sky 4 novembre 2014 Tooway e i vantaggi di Internet via satellite Tooway è il nuovo servizio internet via satellite in grado di portare la banda larga fino a 20 Mbps in tutta Italia, anche nelle zone

Dettagli

Piano Nazionale per la Larga Banda

Piano Nazionale per la Larga Banda Piano Nazionale per la Larga Banda Paolo Corda Infratel Italia spa Piano Nazionale per la Larga Banda Dipartimento per le Comunicazioni Obiettivo principale del Piano Nazionale è raggiungere il 95,6% della

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Martedì 26-05-2015 1 Confronto tra switch

Dettagli