Astolfi, Bertoloni, Gatti & montagna. IPSC Azienda. dinamica 2 RCS LIBRI EDUCATION SPA. Economia aziendale per il biennio IPSC TE790MA2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Astolfi, Bertoloni, Gatti & montagna. IPSC Azienda. dinamica 2 RCS LIBRI EDUCATION SPA. Economia aziendale per il biennio IPSC TE790MA2"

Transcript

1 Astolfi, Bertoloni, Gatti & montagna IPSC Azienda dinamica 2 Economia aziendale per il biennio IPSC TE790MA2 RCS LIBRI EDUCATION SPA

2 di altre ricchezze. Entrare al posto di un altro soggetto assumendo i medesimi diritti e obblighi.... mercato... riguarda... la richiesta eccedenza favorisce mercato... riguarda Sì No di borsa. unico modello. essere unico. contratto. Saper cogliere la relazione che intercorre tra causa ed effetto di una determinata situazione consente di studiare in modo consapevole. Ragionare sulle conseguenze prodotte da un azione o da un comportamento aiuta a superare uno studio impresa D: capitale proprio euro, capitale di debito euro. Calcoliamo il grado di capitalizzazione di ciascuna impresa. 54 MODULO 1 inanziamenti, investimenti e patrimonio aziendale Quando in una famiglia le entrate mensili superano le spese per necessità immediate è opportuno risparmiare le somme eccedenti in vista di necessità future. altro Sì No Sì No Sì No Sì No Sì No da avanzo a che titoli attività. titoli guida alla lettura Questo è il volume per la classe seconda per l insegnamento di Economia aziendale. Esso è suddiviso in moduli che trattano gli argomenti compresi nel programma degli istituti professionali. Prerequisiti Conoscenze Conosci i soggetti economici e i modi attraverso i quali essi ottengono le risorse necessarie al loro funzionamento. Abilità Sai eseguire calcoli commerciali e finanziari e comprendi le relazioni esistenti tra finanziamenti e investimenti. Obiettivi di apprendimento Unità 1 Conoscere le esigenze finanziarie dei soggetti economici Conoscere il funzionamento del mercato dei capitali Individuare le caratteristiche dei titoli di debito e dei titoli di capitale Eseguire semplici operazioni di compravendita di titoli Unità 2 Conoscere le caratteristiche dei finanziamenti Classificare i fattori produttivi Individuare gli effetti della concessione di finanziamenti a terzi Rappresentare in un prospetto finanziamenti, investimenti e disponibilità liquide Unità 3 Modulo 1 inanziamenti, investimenti e patrimonio aziendale Unità 1 Gli strumenti di finanziamento e investimento La scarsità di mezzi monetari origina di finanziamenti, mentre la loro gli investimenti. Unità 3 Il patrimonio aziendale Unità 2 onti di finanziamento e forme di investimento aziendali I beni economici disponibili per l attività di impresa, insieme agli impegni esistenti verso altri soggetti, costituiscono il patrimonio aziendale. Riconoscere gli elementi che compongono il patrimonio aziendale Redigere semplici prospetti del patrimonio L impresa raccoglie i finanziamenti per acquistare i fattori produttivi necessari allo svolgimento della sua attività. Analizzare le relazioni esistenti tra gli elementi del patrimonio I beni immobili rappresentano un importante Indica: forma di investimento sia per le famiglie sia altre forme di investimento durevole: per le imprese. In alcuni casi l acquisto di tali beni avviene per impiegare i risparmi in modo vantaggioso. In altri casi, in cui le somme necessarie non sono disponibili, la famiglia o l impresa si trova alcune forme di investimento a breve termine: nella condizione di chiedere finanziamenti alle banche per acquistare questi beni, utili al miglioramento delle condizioni di vita (per la famiglia) o allo svolgimento della gestione (per l impresa). Qual è il presupposto per effettuare un investimento? Secondo te, l acquisto di fabbricati rappresenta un investimento durevole? Per quale motivo? esamina l immagine! Ogni modulo si apre con due pagine affiancate nelle quali sono indicati: a sinistra, i titoli delle diverse unità comprese nel modulo stesso, con indicazione dei prerequisiti necessari per affrontare il modulo e degli obiettivi di apprendimento di ciascuna unità; a destra, un immagine significativa seguita da alcune domande per riflettere sull argomento che si sta per affrontare. L unità prende avvio con la rubrica Per orientarti nella quale si trovano immagini e domande, su conoscenze che fanno parte della vita quotidiana, seguite dalle indicazioni di cosa l allievo deve già sapere prima di iniziarla, di cosa dovrà imparare nel corso del suo svolgimento e di cosa saprà fare quando ne avrà completato lo studio. Una mappa concettuale collocata nella pagina a fianco offre una visione sintetica del contenuto dell intera unità didattica. logo poste Gli strumenti di finanziamento e investimento PER ORIENTARTI Le conoscenze acquisite e l osservazione dei comportamenti quotidiani, tuoi 2 CHE COSA DEI GIÀ SAPERE il funzionamento del sistema economico il ruolo dei soggetti economici i concetti di credito e di debito i calcoli percentuali il concetto di interesse e il suo calcolo 1 e di chi conosci, possono aiutarti a comprendere gli argomenti che stai per studiare. Immagina di dover decidere la destinazione dei tuoi risparmi. In quale modo ti piacerebbe impiegare le somme disponibili? apertura di un conto corrente bancario o postale acquisto di titoli di Stato acquisto di titoli di imprese private stipulazione di polizze assicurative sulla vita acquisto di un appartamento Ti faresti consigliare nella scelta da qualche operatore specializzato? Se decidessi di ricorrere a operatori specializzati a chi ti rivolgeresti? banche Poste italiane s.p.a. assicurazioni altro Le imprese di piccole e medie dimensioni che necessitano di finanziamenti ricorrono di regola al credito bancario. Le imprese di grandi dimensioni, in genere costituite come società per azioni, hanno la possibilità di raccogliere i capitali anche attraverso l emissione di azioni e obbligazioni. Hai mai sentito parlare di azioni? Acquisteresti azioni di importanti imprese italiane? Per quale motivo? Hai mai sentito parlare di obbligazioni? Acquisteresti obbligazioni di importanti imprese italiane? Per quale motivo? CHE COSA IMPARERAI che cos è il mercato dei capitali quali caratteri presenta un investimento in titoli CHE COSA SAPRAI ARE classificare gli investimenti in titoli calcolare l interesse periodico di un investimento in titoli a reddito predeterminato calcolare il dividendo annuo di un investimento in titoli a reddito variabile determinare il costo d acquisto e il ricavo di vendita di titoli operazioni di operazioni di raccolta di capitali impiego di capitali soggetti in finanziario 1IL SISTEMA INANZIARIO unità 1 Lo svolgimento di qualsiasi attività economica richiede l utilizzo di mezzi monetari. Ogni soggetto economico, in base agli obiettivi che si è dato e ai bisogni che intende soddisfare, ha una diversa necessità di mezzi monetari; in altre parole ogni famiglia, ogni impresa e la Pubblica Amministrazione hanno un proprio fabbisogno finanziario, variabile nel tempo. ABBISOGNO INANZIARIO soggetti in disavanzo finanziario SISTEMA INANZIARIO è l insieme di originano il La famiglia avverte un fabbisogno finanziario legato alle esigenze e allo stile di vita dei suoi componenti. Essa provvede all acquisto dei beni necessari alla sua esistenza (generi alimentari, vestiario, arredi, automobile ecc.) utilizzando i mezzi che derivano dal lavoro dei propri componenti (stipendi da lavoro dipendente, compensi da lavoro autonomo ecc.). Alcune famiglie più agiate dispongono anche di mezzi derivanti dal loro patrimonio (affitti di terreni e fabbricati, interessi su capitali dati a prestito ecc.). mercato dei capitali su cui si scambiano di debito fabbisogno finanziario di capitale Complesso dei mezzi monetari che servono a un soggetto economico per svolgere la propria investimento orma di risparmio produttivo, consiste nella destinazione di risorse finanziarie alla produzione subentrare i mercati aperti: su tali mercati lo scambio dei capitali avviene in modo impersonale, senza fare riferimento ai soggetti che stipulano il contratto, e con l applicazione di condizioni uniformi che non dipendono dai contraenti. Sui mercati aperti si formano pertanto dei prezzi, meglio conosciuti come quotazioni, che vengono resi noti al pubblico e applicati a tutte le operazioni, uguali per caratteristiche, concluse in un dato momento. Sono un esempio di scambi effettuati sui mercati aperti le contrattazioni di strumenti finanziari, chiamati anche titoli di credito di massa (o, più semplicemente, titoli). MERCATI APERTI I titoli contrattati sui mercati aperti sono oggetto di scambi intensi e rapidi che, a seconda dell origine della contrattazione, danno vita al mercato primario o al mercato secondario dei titoli: il mercato primario riguarda le operazioni di collocamento iniziale dei titoli di nuova emissione. Ha la funzione di permettere ai soggetti che necessitano di finanziamenti (imprese, Stato ecc.) di raccogliere i capitali offerti dai soggetti che dispongono di risorse monetarie eccedenti rispetto alle loro necessità (famiglie ecc.); il mercato secondario riguarda le operazioni di scambio di titoli già in circolazione e, quindi, già esistenti. Ha la funzione di rendere liquidabili gli investimenti in titoli; in altre parole consente di trasformare i titoli in denaro. È infatti possibile che un risparmiatore, che in precedenza aveva acquistato titoli, non possa attendere la naturale scadenza dell investimentooppure non ritenga più conveniente tenere investiti i suoi risparmi in quella forma. Con la vendita dei titoli il risparmiatore rientra in possesso delle somme che aveva investito (in linguaggio tecnico smobilizza l investimento), mentre l impresa o l ente pubblico che aveva emesso i titoli non viene penalizzato in quanto subentranonuovi investitori. Completa lo schema. MERCATO DEI CAPITALI mercati... si articola in mercati... in cui le condizioni sono che a loro volta si articolano in in cui le condizioni sono 8 MODULO 1 inanziamenti, investimenti e patrimonio aziendale MERCATI DI BORSA Le operazioni che si effettuano sul mercato secondario dei titoli possono svolgersi presso mercati regolamentati oppure in via privata su mercati non regolamentati (presso studi professionali, società finanziarie e grandi imprese). I mercati di borsa sono mercati regolamentati in cui avviene lo scambio dei titoli già in circolazione. In tali mercati si realizza l incontro tra la domanda e l offerta di capitali e si forma una serie continua di prezzi (quotazioni) riferiti a modalità di contrattazione standardizzate. Le operazioni, che si svolgono rispettando le norme di legge e il regolamento del mercato, sono soggette a una serie di controlli per assicurare l ordinato svolgimento degli scambi e tutelare gli investitori. L elevato numero di operazioni che quotidianamente si svolgono nei mercati borsistici avviene elettronicamente, mediante reti di terminali collegati in un unico circuito nazionale chiamato sistema telematico di borsa. Tale circuito permette l accesso a distanza alle contrattazioni da parte di tutti gli operatori autorizzati (banche, imprese di investimento) e consente la trattazione continua e unificata di tutti gli strumenti finanziari ammessi alla quotazione. Le negoziazioni avvengono esclusivamente sulla base di contratti-tipo, con clausole prefissate e uniformi. Gli operatori si limitano a inserire il nome, il quantitativo e il prezzo del titolo da scambiare e il sistema telematico incrocia automaticamente gli ordini di acquisto con gli ordini di vendita, diffondendo a tutti gli interessati i prezzi a cui sono avvenute le contrattazioni. Osserva le immagini e completa le frasi proposte. Il cliente sta concludendo il contratto per l apertura di un conto corrente bancario. L operazione si svolge sul mercato dei capitali. Gli strumenti di finanziamento e investimento standardizzato Uniforme, che non ha caratteristiche proprie, ricondotto a un sistema telematico Rete di elaboratori elettronici e di terminali che collega tutti gli operatori in tempo reale, permettendo al mercato di borsa di contratti-tipo Schemi di contratto, già predisposti, che indicano le condizioni e gli elementi contrattuali normalmente riscontrabili nella contrattazione; consentono di accelerare i tempi di conclusione del Gli impiegati di una banca immettono gli ordini di acquisto e di vendita dei titoli nel circuito telematico di borsa. L operazione si svolge sul mercato dei capitali, precisamente sul mercato unità 1 9 Ciascuna unità prosegue con la trattazione della materia sviluppata attraverso una serie di paragrafi brevi, scritti con linguaggio facilmente comprensibile e resi vivaci da immagini, schemi illustrativi, esercizi di completamento di varia tipologia, riproduzioni di documenti. Nel colonnino di servizio che affianca i paragrafi sono spiegati i termini tecnici incontrati nel corso dei paragrafi (glossario) e si trovano brevi esercizi e verifiche (Minitest) per un controllo immediato di quanto appreso. esempio acquisto di obbligazioni Il giorno 4 ottobre un investitore ordina alla banca di cui è cliente di acquistare euro nominali di obbligazioni ENI 5%, godimento 1/2-1/5-1/8-1/11, emesse e rimborsabili alla pari, quotate 101,65 + i. La banca, che esegue l ordine in giornata sui mercati di borsa, applica una commissione di intermediazione pari allo 0,30% del prezzo di mercato e un recupero spese di 4 euro. Determiniamo il costo d acquisto nelle seguenti ipotesi: a. l investitore è un risparmiatore italiano; pertanto la banca applica l imposta sostitutiva 12,50%; b. l investitore è un risparmiatore tedesco. percorso ragionato Il costo del capitale si determina impostando Le obbligazioni hanno quotazione una proporzione in cui il prezzo di mercato viene percentuale. rapportato al valore nominale che si intende acquistare. Professione studente relazione causa-effetto Che cosa devi fare? requentissimi sono gli esempi, sempre con percorso ragionato per far capire allo studente come arrivare alla risoluzione del problema attraverso il ragionamento. Poiché le obbligazioni sono quotate a corso secco Il compratore deve pagare al venditore occorre aggiungere gli interessi già maturati gli interessi maturati dall 1/8 al 7/10, a partire dall 1/8 (escluso) alla data di liquidazione in quanto l 1/11 successivo riscuoterà del contratto, cioè dopo tre giorni di borsa per intero gli interessi trimestrali. aperta (inclusa). In questo caso il contratto viene liquidato in data 7/10. Caso a) Il risparmiatore italiano è un soggetto nettista : pertanto si applica l imposta Gli interessi sono calcolati con il procedimento sostitutiva 12,50% agli interessi maturati dell anno civile al tasso trimestrale del (vengono liquidati gli interessi netti). (5% : 4) = 1,25%. A denominatore si pone 9.200, in quanto il trimestre 1/8-1/11 è composto da 92 giorni. L arrotondamento dei valori percentuali deve Caso b) avvenire per eccesso o per difetto a seconda Il risparmiatore tedesco è un soggetto non che la parte troncata superi o non superi 5, residente. Egli è considerato un lordista : utilizzando 5 cifre decimali dopo il valore intero. pertanto non si applica l imposta sostitutiva agli interessi maturati (vengono liquidati gli interessi lordi). La commissione di intermediazione e il recupero La commissione va calcolata spese hanno natura di costo: pertanto vanno sul prezzo di mercato. sommati al valore totale di capitale e interessi. Gli strumenti di finanziamento e investimento unità 1 21 prevalentemente mnemonico, a sviluppare la capacità di analisi, a ricordare con maggiore facilità. Con riferimento al paragrafo precedente, individuiamo alcune relazioni di causa-effetto riguardanti la presenza di finanziamenti di capitale proprio e di capitale di debito. CAUSA l imprenditore conferisce un fabbricato una banca concede un prestito i finanziamenti di capitale di debito superano i finanziamenti di capitale proprio esempio EETTO non esiste un termine per la restituzione del bene non vi è l obbligo di versare all imprenditore alcuna somma quale ricompensa per il bene ceduto è prevista una data di scadenza per la restituzione del capitale ricevuto in prestito l imprenditore è tenuto al pagamento di interessi proporzionali al capitale prestato, alla durata del finanziamento e al tasso di interesse richiesto dalla banca un peso eccessivo degli interessi sui finanziamenti di capitale di debito può pregiudicare il risultato economico della gestione e sottrae risorse agli investimenti CALCOLO DEL GRADO DI CAPITALIZZAZIONE Le imprese di seguito descritte dispongono delle fonti di finanziamento indicate: impresa A: capitale proprio euro, capitale di debito euro; impresa B: capitale proprio euro, capitale di debito euro; impresa C: capitale proprio euro, capitale di debito euro; Un importante innovazione metodologica è la presenza di consigli per migliorare il metodo di studio, contenuti nella rubrica Professione studente: come effettuare correlazioni causa-effetto, risolvere problemi, riassumere un testo ecc. In ogni caso sono proposti degli esempi svolti e si invita lo studente a svolgerne di nuovi.

3 a b c a b c d e f a b c d a b c d e f a b c d e d e f f a b c d e f a b c d e f a b c d e f a b c d a b c d a b c d a b c d e f Calcolo l imposta sostitutiva (... x...%) = Il sistema finanziario consente Il mercato dei è composto da Il sistema finanziario è l insieme dei rapporti e delle operazioni di e di a b 2. Per la società emittente i titoli di debito rappresentano: a b c d c d Ripasso e completo Sistema finanziario Alla fine di ciascuna unità è posta la sezione Ripasso e completo in cui si trova l indispensabile materiale di riepilogo e sintesi, consistente in schemi affiancati da una serie di frasi, entrambi da completare. lo... di risorse... dai soggetti in avanzo finanziario ai soggetti in disavanzo finanziario il trasferimento dei mezzi monetari in modo diretto si accordano i soggetti interessati indiretto intervengono degli... Mercato dei capitali delle risorse monetarie dai soggetti che ne dispongono in eccesso (detti soggetti in finanziario) ai soggetti che non dispongono di tutti i mezzi necessari alle proprie esigenze (detti soggetti in finanziario). Il trasferimento dei mezzi monetari può avvenire in due modi: trasferimento : i soggetti interessati allo scambio concordano direttamente le condizioni da applicare all operazione (ad esempio ); trasferimento : i soggetti interessati allo scambio richiedono l intervento di (ad esempio ) che raccolgono il risparmio dai soggetti in avanzo finanziario e lo concedono in finanziamento ai soggetti in disavanzo finanziario. Maxitest UNITÀ 1 GLI STRUMENTI DI INANZIAMENTO E INESTIMENTO 1. Completa correttamente ciascuna affermazione scegliendo il termine appropriato tra quelli indicati tra parentesi. 1. Lo stile di vita dei componenti di una famiglia determina il suo (patrimonio, lavoro, fabbisogno finanziario). 2. Il fabbisogno finanziario di un impresa dipende da (i finanziamenti, gli investimenti, gli utili) che intende effettuare nella sua struttura produttiva. 3. La Pubblica Amministrazione ottiene parte dei mezzi necessari a prestare i servizi pubblici attraverso (il lavoro dei propri dipendenti, l emissione di titoli pubblici, l acquisto di aziende private). 4. I soggetti in avanzo finanziario dispongono di (risorse naturali, risorse umane, risorse monetarie) in eccesso rispetto alle necessità (passate, presenti, future). 5. (La famiglia, L impresa, La Pubblica Amministrazione) in genere si trova in condizioni di avanzo finanziario. Il Maxitest formato da una ricca serie di verifiche strutturate e semi-strutturate (tabelle di classificazione, di correlazione, di individuazione del termine, di scelte vero/falso e così via) costituisce la prova di verifica immediata di fine unità. mercato diretto gli scambi avvengono... tra le parti a... stabilite tra di esse mercati... gli... avvengono in modo impersonale a condizioni... I mercati si distinguono in mercato iniziale dei titoli mercato secondario... di titoli già in circolazione Gli strumenti di finanziamento e investimento L insieme degli delle risorse finanziarie dà origine al mercato dei capitali. Esso è composto da: il mercato : gli scambi avvengono in modo diretto tra le parti che si accordano personalmente e in modo sulle condizioni (ad esempio ); i mercati aperti: gli scambi avvengono in modo e a condizioni, dando origine a (o quotazioni) che vengono resi noti al pubblico. A loro volta i mercati aperti si distinguono tra: mercato primario: in tale mercato si ha il collocamento dei titoli; mercato : su tale mercato si scambiano i titoli. Nell ambito dei mercati secondari si distingue tra: mercati : hanno carattere ufficiale e sono regolati da precise disposizioni di legge (ad esempio ); mercati non regolamentati: non hanno carattere (ad esempio ). unità Quando i soggetti interessati allo scambio di capitali non sono in grado di incontrarsi direttamente ricorrono a (scambi di corrispondenza, intermediari, rappresentanti) del credito. 7. Lo scambio delle risorse finanziarie avviene sul mercato (del lavoro, dei capitali, delle materie prime). 8. Sul mercato dei capitali si contrattano (materie, merci, strumenti finanziari). 2. Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false; in quest ultimo caso suggerisci una corretta formulazione. 1. Gli scambi di risorse monetarie che le banche concludono con i loro clienti si effettuano sul mercato diretto dei capitali. 2. Sui mercati aperti lo scambio di capitali avviene in base a regole e condizioni di volta in volta definite dai soggetti interessati all operazione. 3. I prezzi dei titoli sono detti anche quotazioni. 4. Lo scambio dei titoli avviene sul mercato aperto dei capitali. 5. Sul mercato secondario si negoziano titoli di nuova emissione. 6. Il mercato secondario dei titoli consente alle imprese e allo Stato di raccogliere i capitali di cui necessitano. 7. L acquisto di un titolo comporta, per l investitore, l entrata di mezzi monetari. 8. Lo smobilizzo di un investimento in titoli avviene sul mercato secondario dei capitali. 9. Nei mercati di borsa gli scambi dei titoli avvengono in base a prezzi che si formano in via continuativa. 10. Nei mercati di borsa le negoziazioni dei titoli avvengono in base a regole uniformi e standardizzate. 3. Indica la risposta corretta (la risposta può essere multipla). 1. Per un risparmiatore i titoli di debito rappresentano: una forma di finanziamento. una forma di investimento. un debito verso il soggetto emittente. un credito verso il soggetto emittente. una forma di finanziamento. una forma di investimento. un debito verso il sottoscrittore. un credito verso il sottoscrittore. Gli strumenti di finanziamento e investimento unità erifica di fine Modulo 1 1. Una famiglia che intende investire in modo fruttifero i propri risparmi può: sottoscrivere BOT. acquistare obbligazioni. emettere una fattura. aprire un c/c postale. accettare una tratta. riscuotere BTP in scadenza. 2. Una società per azioni che intende raccogliere capitali a titolo di capitale proprio può: emettere azioni. emettere obbligazioni. sottoscrivere titoli di Stato. emettere una fattura. acquistare azioni di un altra società. rimborsare azioni ai soci. 3. Per i titoli di debito il valore nominale serve per: conoscere la quota di partecipazione al capitale sociale. calcolare gli interessi. calcolare il prezzo di mercato. conoscere il prezzo di rimborso. 4. Nelle operazioni di acquisto titoli la commissione di intermediazione applicata dalla banca: incide sul prezzo totale d acquisto. aumenta il prezzo totale d acquisto. riduce il prezzo totale d acquisto. è calcolata sul valore nominale. è calcolata sul prezzo di mercato. è fissa. 5. Le azioni: hanno quotazione unitaria. hanno quotazione percentuale. sono titoli a reddito variabile. sono titoli a reddito predeterminato. possono essere emesse da tutte le società. inanziamenti, investimenti e patrimonio aziendale Indica la risposta corretta (la risposta può essere multipla). possono essere emesse solo da società per azioni e in accomandita per azioni. 6. Un impresa effettua un investimento quando: concede una dilazione di pagamento a un cliente. ottiene una dilazione di pagamento da un fornitore. acquista materie prime. vende prodotti finiti. emette azioni. acquista azioni di altre società. 7. Richiedono il pagamento di interessi impliciti: le dilazioni di pagamento concesse ai clienti. le dilazioni di pagamento ottenute dai fornitori. i prestiti concessi dalle banche. i prestiti concessi ai dipendenti. gli acquisti di titoli a reddito predeterminato. le vendite di titoli a reddito predeterminato. 8. Un mutuo passivo rappresenta: un debito a breve termine. un debito a medio/lungo termine. un debito di regolamento. un debito di finanziamento. un finanziamento. un investimento. 9. Un impresa è capitalizzata quando: l attivo immobilizzato supera l attivo circolante. il capitale proprio supera il capitale di debito. le entrate sono maggiori delle uscite. il capitale proprio finanzia l attivo immobilizzato. 10. Il patrimonio lordo di un azienda indica: il capitale proprio. le attività. il capitale di debito. le passività. 116 MODULO 1 inanziamenti, investimenti e patrimonio aziendale MOD. 1 - UNITÀ 1 GLI STRUMENTI DI INANZIAMENTO E INESTIMENTO 326 Esercizi da svolgere Modulo 1 UNITÀ 1 GLI STRUMENTI DI INANZIAMENTO E INESTIMENTO 1.1 analisi di una situazione Esercizi di recupero Angelo ranchini è un giovane imprenditore del settore agroalimentare. I redditi derivanti dall attività d impresa sono soddisfacenti e permettono ad Angelo di risparmiare circa il 20% dei suoi guadagni. La forma di investimento preferita da Angelo sono i titoli di Stato, per la loro sicurezza; tuttavia egli si rivolge con interesse anche al mercato azionario che, in tempi favorevoli, offre rendimenti interessanti. Per effettuare tali investimenti egli si rivolge alla banca di cui è cliente, che trasmette gli ordini di acquisto al mercato di borsa. Dopo aver analizzato la situazione descritta, completa le considerazioni che seguono e rispondi alle domande. Angelo ranchini è un soggetto economico: in avanzo finanziario in pareggio finanziario in disavanzo finanziario Per quale motivo? Attraverso l acquisto di titoli di Stato Angelo ranchini finanzia: le imprese la PA le famiglie Attraverso l acquisto di azioni Angelo ranchini finanzia: le imprese la PA le famiglie L acquisto di titoli di Stato e di azioni dà origine a forme di finanziamento: diretto indiretto Per quale motivo? Scrivi sul quaderno frasi di senso compiuto con le parole indicate. mercato dei capitali, mercati diretti, mercati aperti mercati di borsa, mercati regolamentati, condizioni standardizzate titoli di debito, titoli di capitale, società per azioni titoli di Stato, reddito predeterminato, quotazione percentuale quotazione unitaria, azioni, titoli di capitale piccolo azionista, azionista qualificato, dividendo 1.2 composizione di frasi logiche 1.1 Acquisto di BTP e calcolo dell interesse periodico INANZIAMENTI, INESTIMENTI E PATRIMONIO AZIENDALE Unità 1 Gli strumenti di finanziamento e investimento Il giorno 10 novembre un risparmiatore ordina alla banca di cui è cliente di acquistare euro nominali di BTP 4,50%, godimento 1/3 1/9, emessi e rimborsabili alla pari, quotati 101,80 + i. La banca, che esegue l ordine in giornata sui mercati di borsa, applica una commissione di intermediazione pari allo 0,20% del prezzo di mercato e un recupero spese di 3 euro. Determina: a. il costo d acquisto, tenendo conto che la banca applica l imposta sostitutiva 12,50%; b. l ammontare netto della cedola riscossa dal risparmiatore in data 1/3 dell anno successivo. Calcolo il prezzo riferito al valore nominale 100 :... =... : x x=... Calcolo i giorni di interesse... (30 1) = x... x... Calcolo gli interessi lordi percentuali I = =... Calcolo gli interessi lordi totali 100 :... =... : x x=... Al termine di ogni modulo è disponibile la verifica di fine modulo comprendente test, esercizi di comprensione e prove strutturate e semistrutturate sugli argomenti trattati nelle unità che compongono il modulo. Il volume si chiude con una raccolta di esercizi da svolgere che costituisce un materiale di applicazione di ampiezza e varietà eccezionali. I livelli di difficoltà degli esercizi sono segnalati con pallini rossi: esercizi che non presentano particolari difficoltà; esercizi che richiedono conoscenze e livelli di abilità medi; esercizi impegnativi che richiedono una buona conoscenza degli argomenti e abilità specifiche (collegamento, analisi dei problemi, deduzione logica). Si ricorda che i risultati monetari devono essere espressi in euro con due cifre decimali (eurocent). Quando si ottengono più di due decimali, il secondo deve essere arrotondato per eccesso se il terzo è maggiore o uguale a 5, per difetto se il terzo è minore o uguale a 4. Calcolo la commissione di intermediazione (... x...%) =... Calcolo il costo totale d acquisto totale per capitale e interessi costo totale d acquisto... Calcolo il tasso lordo di interesse semestrale (... :...)% =...% Calcolo i giorni del semestre... (30 1) = Si propone infine una sezione di esercizi per il recupero che contiene sia esercizi programmati, sia esercizi da svolgere. Questi esercizi sono volutamente semplici e relativi ai concetti base dei rispettivi moduli. 401 Per eventuali aggiornamenti e approfondimenti si suggeriscono questi siti: - Autorità garante della concorrenza e del mercato - World Trade Organization - Istituto nazionale per il Commercio Estero - Ministero dell Economia e delle inanze - Garante per la protezione dei dati personali - Archivio di tutte le imprese italiane - Banca d Italia - Camere di commercio - Monte Titoli Gruppo Borsa Italiana - Agenzia delle Entrate - Comunità Europea europa.eu - Il portale dell Unione Europea

4 Indice Modulo 1 inanziamenti, investimenti e patrimonio aziendale Unità 1 Gli strumenti di finanziamento e investimento Il sistema finanziario Il mercato dei capitali... 7 Professione studente: effettuare collegamenti I titoli di debito I titoli di capitale La compravendita di titoli a reddito predeterminato La compravendita di titoli a reddito variabile Ripasso e completo Maxitest Unità 2 onti di finanziamento e forme di investimento aziendali La gestione dell impresa I finanziamenti I caratteri dei finanziamenti Professione studente: relazione causa-effetto Gli investimenti Professione studente: relazione causa-effetto La rappresentazione dei finanziamenti e degli investimenti Ripasso e completo Maxitest Unità 3 Il patrimonio aziendale Il patrimonio Il patrimonio nell aspetto qualitativo Il patrimonio nell aspetto quantitativo L analisi del patrimonio Professione studente: risolvere un problema L inventario Ripasso e completo Maxitest erifica di fine modulo Modulo 2 La formazione del reddito d impresa Unità 1 I costi e i ricavi nella gestione dell impresa I costi della gestione I ricavi della gestione L equilibrio economico della gestione e la remunerazione dell imprenditore Professione studente: effettuare collegamenti Le configurazioni di costo nelle imprese commerciali Ripasso e completo Maxitest RCS LIBRI EDUCATION SPA Unità 2 Il reddito d impresa Il reddito globale Il reddito d esercizio Il concetto di competenza economica Il concetto di manifestazione finanziaria Il reddito d esercizio e il patrimonio netto Professione studente: relazione causa-effetto Ripasso e completo Maxitest Unità 3 La determinazione del reddito e del patrimonio La valutazione degli elementi aziendali Le disponibilità liquide, i debiti e i crediti I ratei Le rimanenze di magazzino Professione studente: riassumere un paragrafo I risconti I fattori produttivi di media/lunga durata Professione studente: riassumere un paragrafo Ripasso e completo Maxitest erifica di fine modulo

5 Modulo 3 La rilevazione e la conservazione dei dati Unità 1 Il sistema informativo integrato Il sistema informativo aziendale Professione studente: suddividere in sequenze un paragrafo Il trattamento elettronico dei dati La conservazione dei documenti Ripasso e completo Maxitest Unità 2 Le scritture dell impresa La rilevazione I conti Le scritture d impresa La prima nota La contabilità di cassa La contabilità con le banche La contabilità di magazzino Le note di accredito La contabilità IA La contabilità delle vendite La contabilità degli acquisti Il registro dei beni ammortizzati Ripasso e completo Maxitest erifica di fine modulo ESERCIZI DA SOLGERE Modulo 1 - inanziamenti, investimenti e patrimonio aziendale Unità 1 - Gli strumenti di finanziamento e investimento Unità 2 - onti di finanziamento e forme di investimento aziendali Unità 3 - Il patrimonio aziendale Modulo 2 - La formazione del reddito d impresa Unità 1 - I costi e i ricavi nella gestione d impresa Unità 2 - Il reddito d impresa Unità 3 - La determinazione del reddito e del patrimonio Modulo 3 - La rilevazione e la conservazione dei dati Unità 1 - Il sistema informativo integrato Unità 2 - Le scritture dell impresa ESERCIZI DI RECUPERO ISBN RCS Libri S.p.A. Milano Novità: gennaio 2008 Ristampe Stampa: Canale, Borgaro Torinese (TO) Hanno collaborato alla realizzazione dell opera: Redazione: Brunella Bonicelli, Milano otocomposizione: Studio Mizar, Bergamo Progetto grafico copertina e interni: Graficando, Milano oto graffiti di copertina e apertura moduli: Jacopo Barsotti, Milano Coordinamento redazionale: Antonio Brancaccio Coordinamento editoriale: Anna Maria Massari Si ringrazia il professor Riccardo anda per la collaborazione alla realizzazione dell apparato didattico. I diritti di traduzione e riproduzione, totali o parziali anche ad uso interno e didattico con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. otocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, comma 4, della legge 22 aprile 1941 n. 633 ovvero dall accordo stipulato tra SIAE, AIE, SNS e CNA, CONARTIGIANATO CASA, CLAAI, CONCOMMERCIO, CONESERCENTI il 18 dicembre Le riproduzioni per uso differente da quello personale potranno avvenire, per un numero di pagine non superiore al 15% del presente volume, solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, Corso di Porta Romana 108, Milano, tel , fax , La realizzazione di un libro presenta aspetti complessi e richiede particolare attenzione nei controlli: per questo è molto difficile evitare completamente errori e imprecisioni. L editore ringrazia sin da ora chi vorrà segnalarli alle redazioni. Per segnalazioni o suggerimenti relativi al presente volume scrivere a: Direzione Editoriale RCS Libri S.p.A. - Divisione Education - ia Mecenate, n Milano - fax L editore è presente su Internet all indirizzo: Indicazioni e aggiornamenti relativi al presente volume saranno disponibili sul sito. L editore è a disposizione degli aventi diritto con i quali non gli è stato possibile comunicare per eventuali involontarie omissioni o inesattezze nella citazione delle fonti dei brani o delle illustrazioni riprodotte nel volume. L editore si scusa per i possibili errori di attribuzione e dichiara la propria disponibilità a regolarizzare. Sia le operazioni descritte negli esempi, nelle esercitazioni svolte e negli esercizi da svolgere, sia quelle risultanti da riproduzioni di titoli di credito e di documenti commerciali e bancari presenti in questo volume sono state immaginate a scopo esclusivamente didattico, anche nei casi in cui vengono nominate imprese o banche esistenti, e pertanto non rappresentano situazioni o rapporti reali e non indicano prezzi, tassi, valute e altre condizioni effettivamente applicati. Inoltre, i testi tratti da articoli di giornale, libri, riviste sono stati liberamente rielaborati dagli autori a fini didattici.

6 inanziamenti, investimenti e patrimonio aziendale Modulo 1 Unità 1 Gli strumenti di finanziamento e investimento Unità 2 onti di finanziamento e forme di investimento aziendali La scarsità di mezzi monetari origina la richiesta di finanziamenti, mentre la loro eccedenza favorisce gli investimenti. L impresa raccoglie i finanziamenti per acquistare i fattori produttivi necessari allo svolgimento della sua attività. Unità 3 Il patrimonio aziendale I beni economici disponibili per l attività di impresa, insieme agli impegni esistenti verso altri soggetti, costituiscono il patrimonio aziendale. Prerequisiti Conoscenze Conosci i soggetti economici e i modi attraverso i quali essi ottengono le risorse necessarie al loro funzionamento. Abilità Sai eseguire calcoli commerciali e finanziari e comprendi le relazioni esistenti tra finanziamenti e investimenti. Obiettivi di apprendimento Unità 1 Conoscere le esigenze finanziarie dei soggetti economici Conoscere il funzionamento del mercato dei capitali Individuare le caratteristiche dei titoli di debito e dei titoli di capitale Eseguire semplici operazioni di compravendita di titoli Unità 2 Conoscere le caratteristiche dei finanziamenti Classificare i fattori produttivi Individuare gli effetti della concessione di finanziamenti a terzi Rappresentare in un prospetto finanziamenti, investimenti e disponibilità liquide Unità 3 Riconoscere gli elementi che compongono il patrimonio aziendale Redigere semplici prospetti del patrimonio Analizzare le relazioni esistenti tra gli elementi del patrimonio

7 I beni immobili rappresentano un importante forma di investimento sia per le famiglie sia per le imprese. In alcuni casi l acquisto di tali beni avviene per impiegare i risparmi in modo vantaggioso. In altri casi, in cui le somme necessarie non sono disponibili, la famiglia o l impresa si trova nella condizione di chiedere finanziamenti alle banche per acquistare questi beni, utili al miglioramento delle condizioni di vita (per la famiglia) o allo svolgimento della gestione (per l impresa). Secondo te, l acquisto di fabbricati rappresenta un investimento durevole? Per quale motivo? Sì No esamina l immagine! Indica: altre forme di investimento durevole: RCS LIBRI EDUCATION SPA alcune forme di investimento a breve termine: Qual è il presupposto per effettuare un investimento?

8 Gli strumenti di finanziamento e investimento PER ORIENTARTI Le conoscenze acquisite e l osservazione dei comportamenti quotidiani, tuoi e di chi conosci, possono aiutarti a comprendere gli argomenti che stai per studiare. 1 Quando in una famiglia le entrate mensili superano le spese per necessità immediate è opportuno risparmiare le somme eccedenti in vista di necessità future. Immagina di dover decidere la destinazione dei tuoi risparmi. In quale modo ti piacerebbe impiegare le somme disponibili? apertura di un conto corrente bancario o postale acquisto di titoli di Stato acquisto di titoli di imprese private stipulazione di polizze assicurative sulla vita acquisto di un appartamento altro Ti faresti consigliare nella scelta da qualche operatore specializzato? Sì No Se decidessi di ricorrere a operatori specializzati a chi ti rivolgeresti? banche Poste italiane s.p.a. assicurazioni altro logo poste 2 Le imprese di piccole e medie dimensioni che necessitano di finanziamenti ricorrono di regola al credito bancario. Le imprese di grandi dimensioni, in genere costituite come società per azioni, hanno la possibilità di raccogliere i capitali anche attraverso l emissione di azioni e obbligazioni. Hai mai sentito parlare di azioni? Sì No Acquisteresti azioni di importanti imprese italiane? Per quale motivo? Sì No Hai mai sentito parlare di obbligazioni? Sì No Acquisteresti obbligazioni di importanti imprese italiane? Per quale motivo? Sì No CHE COSA DEI GIÀ SAPERE il funzionamento del sistema economico il ruolo dei soggetti economici i concetti di credito e di debito i calcoli percentuali il concetto di interesse e il suo calcolo CHE COSA IMPARERAI che cos è il mercato dei capitali quali caratteri presenta un investimento in titoli CHE COSA SAPRAI ARE classificare gli investimenti in titoli calcolare l interesse periodico di un investimento in titoli a reddito predeterminato calcolare il dividendo annuo di un investimento in titoli a reddito variabile determinare il costo d acquisto e il ricavo di vendita di titoli

9 unità 1 SISTEMA INANZIARIO è l insieme di operazioni di raccolta di capitali operazioni di impiego di capitali che originano il mercato dei capitali da a su cui si scambiano soggetti in avanzo finanziario soggetti in disavanzo finanziario titoli di debito titoli di capitale 1IL SISTEMA INANZIARIO Lo svolgimento di qualsiasi attività economica richiede l utilizzo di mezzi monetari. Ogni soggetto economico, in base agli obiettivi che si è dato e ai bisogni che intende soddisfare, ha una diversa necessità di mezzi monetari; in altre parole ogni famiglia, ogni impresa e la Pubblica Amministrazione hanno un proprio fabbisogno finanziario, variabile nel tempo. ABBISOGNO INANZIARIO La famiglia avverte un fabbisogno finanziario legato alle esigenze e allo stile di vita dei suoi componenti. Essa provvede all acquisto dei beni necessari alla sua esistenza (generi alimentari, vestiario, arredi, automobile ecc.) utilizzando i mezzi che derivano dal lavoro dei propri componenti (stipendi da lavoro dipendente, compensi da lavoro autonomo ecc.). Alcune famiglie più agiate dispongono anche di mezzi derivanti dal loro patrimonio (affitti di terreni e fabbricati, interessi su capitali dati a prestito ecc.). fabbisogno finanziario Complesso dei mezzi monetari che servono a un soggetto economico per svolgere la propria attività.

10 Minitest 1 Completa le seguenti frasi. La necessità di mezzi monetari avvertita da un soggetto economico è detta... I mezzi monetari di cui dispone una famiglia possono derivare dall attività di... o dall esistenza di un... Il fabbisogno finanziario dall impresa si manifesta sia in fase di costituzione sia nel corso della La vendita di aziende pubbliche, detta..., consente alla... di raccogliere parte delle risorse necessarie per realizzare opere pubbliche e fornire servizi pubblici. La presenza di... nello scambio di capitali determina forme di finanziamento... La fiducia esistente tra... e... è alla base di qualsiasi concessione di credito. privatizzazione Trasferimento della proprietà delle aziende pubbliche a soggetti privati (è l opposto della nazionalizzazione). intermediari Soggetti economici che svolgono una funzione di collegamento tra due persone o enti che non possono o non vogliono incontrarsi direttamente. forza contrattuale Capacità di un soggetto di imporre le proprie condizioni nella definizione di un accordo, nella stipulazione di un contratto. L impresa avverte un fabbisogno finanziario al momento della sua nascita e, successivamente, durante la sua gestione. Essa ottiene i beni da utilizzare nell attività di produzione diretta o indiretta (attrezzature, materie prime da trasformare, merci da vendere ecc.) impiegando i capitali forniti dai finanziatori (proprietario o soci, banche ecc.) e utilizzando le risorse derivanti dall attività di scambio (utili realizzati). La Pubblica Amministrazione avverte un fabbisogno finanziario derivante dallo svolgimento delle sue attività legate alla prestazione dei servizi pubblici. Essa raccoglie i mezzi necessari a soddisfare i bisogni collettivi dei cittadini (giustizia, istruzione, sanità ecc.) attraverso l imposizione fiscale (riscossione di imposte e tasse), la cessione di servizi alla collettività (acqua potabile, trasporto ecc.), la vendita di aziende pubbliche (privatizzazioni) e l ottenimento di prestiti (emissione di titoli pubblici). Spesso accade che alcuni soggetti non utilizzino tutte le risorse di cui dispongono per soddisfare i propri bisogni: essi si trovano in una condizione di avanzo finanziario, in cui le risorse disponibili eccedono le risorse utilizzate. Al contrario, accade che altri soggetti non dispongano di tutte le risorse necessarie a realizzare i propri obiettivi: essi si trovano in una condizione di disavanzo finanziario, in cui le risorse disponibili sono inferiori alle risorse necessarie. Per questo motivo i soggetti in avanzo finanziario (in genere le famiglie) rendono disponibili le risorse in eccesso ai soggetti in disavanzo finanziario (in genere le imprese e la Pubblica Amministrazione, talvolta le famiglie). Il sistema finanziario è l insieme dei rapporti e delle operazioni di raccolta e di trasferimento delle risorse monetarie dai soggetti che ne dispongono in eccesso ai soggetti che ne hanno bisogno. RCS LIBRI EDUCATION SPA Il trasferimento delle disponibilità monetarie può avvenire in due differenti modi: trasferimento diretto: i soggetti interessati allo scambio dei capitali concordano direttamente le condizioni da applicare all operazione (importo, tasso di interesse, durata dell operazione ecc.); si tratta di un finanziamento diretto; trasferimento indiretto: i soggetti interessati allo scambio dei capitali non si incontrano direttamente, ma attraverso intermediari (di cui i più noti sono le banche) che raccolgono il risparmio dai soggetti in avanzo finanziario e lo concedono in finanziamento ai soggetti in disavanzo finanziario; si tratta di un finanziamento indiretto che avviene a condizioni di volta in volta diverse, a seconda della durata del finanziamento, del suo ammontare e della forza contrattuale del richiedente. Il soggetto che cede le proprie disponibilità monetarie è detto creditore: egli effettua una prestazione attuale (cessione del capitale) in cambio della promessa di una controprestazione futura (rimborso del capitale aumentato degli interessi). Il soggetto che riceve le disponibilità monetarie, e quindi ottiene il credito, è detto debitore. Ovviamente, alla base della concessione di credito c è la fiducia che il creditore ripone nel debitore rispetto alla sua capacità di rispettare l impegno assunto; tale impegno consiste nel rimborsare il capitale ricevuto in prestito, unitamente agli interessi maturati, nei tempi e secondo le modalità pattuite. 6 MODULO 1 inanziamenti, investimenti e patrimonio aziendale

11 Completa lo schema e le frasi proposte. INANZIAMENTI in base ai soggetti che intervengono nello scambio si classificano in avvengono tra avvengono tra soggetti in soggetti in soggetti in soggetti in... finanziario... finanziario... finanziario... finanziario... finanziari 1. Il... finanziario dei soggetti economici varia nel tempo. 2. Le imprese sono tipicamente soggetti in... finanziario. 3. Le... sono intermediari finanziari; esse consentono il finanziamento... dell attività economica. 2IL MERCATO DEI CAPITALI Il mercato dei capitali è formato dall insieme degli scambi di risorse finanziarie; si tratta di un mercato ampio e complesso, che si articola in diversi settori. Nel mercato dei capitali si distinguono: i mercati diretti: su tali mercati lo scambio dei capitali avviene direttamente tra le parti interessate, che si accordano personalmente e in modo autonomo sulle condizioni da applicare (scadenza del finanziamento, tasso di interesse dovuto, modalità di rimborso ecc.). Sono un esempio di scambi effettuati sui mercati diretti le operazioni che le banche concludono con i loro clienti, dalla raccolta dei capitali (come i depositi in conto corrente) al loro impiego (come la concessione di mutui); Minitest 2 Individua il termine errato e correggilo. Gli scambi di risorse finanziarie danno origine al mercato del lavoro. Gli scambi di capitali che avvengono tra le imprese e i loro clienti si svolgono sul mercato diretto dei capitali. Le condizioni applicate dalle banche ai propri clienti vengono stabilite in modo impersonale e uniforme. Il mercato primario è un esempio di mercato diretto dei capitali. I titoli di nuova emissione circolano sul mercato secondario dei capitali. I mercati di borsa rappresentano il più importante esempio di mercato primario regolamentato. Gli strumenti di finanziamento e investimento unità 1 7

12 i mercati aperti: su tali mercati lo scambio dei capitali avviene in modo impersonale, senza fare riferimento ai soggetti che stipulano il contratto, e con l applicazione di condizioni uniformi che non dipendono dai contraenti. Sui mercati aperti si formano pertanto dei prezzi, meglio conosciuti come quotazioni, che vengono resi noti al pubblico e applicati a tutte le operazioni, uguali per caratteristiche, concluse in un dato momento. Sono un esempio di scambi effettuati sui mercati aperti le contrattazioni di strumenti finanziari, chiamati anche titoli di credito di massa (o, più semplicemente, titoli). investimento orma di risparmio produttivo, consiste nella destinazione di risorse finanziarie alla produzione di altre ricchezze. subentrare Entrare al posto di un altro soggetto assumendo i medesimi diritti e obblighi. MERCATI APERTI I titoli contrattati sui mercati aperti sono oggetto di scambi intensi e rapidi che, a seconda dell origine della contrattazione, danno vita al mercato primario o al mercato secondario dei titoli: il mercato primario riguarda le operazioni di collocamento iniziale dei titoli di nuova emissione. Ha la funzione di permettere ai soggetti che necessitano di finanziamenti (imprese, Stato ecc.) di raccogliere i capitali offerti dai soggetti che dispongono di risorse monetarie eccedenti rispetto alle loro necessità (famiglie ecc.); il mercato secondario riguarda le operazioni di scambio di titoli già in circolazione e, quindi, già esistenti. Ha la funzione di rendere liquidabili gli investimenti in titoli; in altre parole consente di trasformare i titoli in denaro. È infatti possibile che un risparmiatore, che in precedenza aveva acquistato titoli, non possa attendere la naturale scadenza dell investimento oppure non ritenga più conveniente tenere investiti i suoi risparmi in quella forma. Con la vendita dei titoli il risparmiatore rientra in possesso delle somme che aveva investito (in linguaggio tecnico smobilizza l investimento), mentre l impresa o l ente pubblico che aveva emesso i titoli non viene penalizzato in quanto subentrano nuovi investitori. Completa lo schema. MERCATO DEI CAPITALI mercati... si articola in mercati... in cui le condizioni sono che a loro volta si articolano in in cui le condizioni sono... mercato... mercato riguarda riguarda MODULO 1 inanziamenti, investimenti e patrimonio aziendale

13 MERCATI DI BORSA Le operazioni che si effettuano sul mercato secondario dei titoli possono svolgersi presso mercati regolamentati oppure in via privata su mercati non regolamentati (presso studi professionali, società finanziarie e grandi imprese). I mercati di borsa sono mercati regolamentati in cui avviene lo scambio dei titoli già in circolazione. In tali mercati si realizza l incontro tra la domanda e l offerta di capitali e si forma una serie continua di prezzi (quotazioni) riferiti a modalità di contrattazione standardizzate. Le operazioni, che si svolgono rispettando le norme di legge e il regolamento del mercato, sono soggette a una serie di controlli per assicurare l ordinato svolgimento degli scambi e tutelare gli investitori. L elevato numero di operazioni che quotidianamente si svolgono nei mercati borsistici avviene elettronicamente, mediante reti di terminali collegati in un unico circuito nazionale chiamato sistema telematico di borsa. Tale circuito permette l accesso a distanza alle contrattazioni da parte di tutti gli operatori autorizzati (banche, imprese di investimento) e consente la trattazione continua e unificata di tutti gli strumenti finanziari ammessi alla quotazione. Le negoziazioni avvengono esclusivamente sulla base di contratti-tipo, con clausole prefissate e uniformi. Gli operatori si limitano a inserire il nome, il quantitativo e il prezzo del titolo da scambiare e il sistema telematico incrocia automaticamente gli ordini di acquisto con gli ordini di vendita, diffondendo a tutti gli interessati i prezzi a cui sono avvenute le contrattazioni. Osserva le immagini e completa le frasi proposte. standardizzato Uniforme, che non ha caratteristiche proprie, ricondotto a un unico modello. sistema telematico Rete di elaboratori elettronici e di terminali che collega tutti gli operatori in tempo reale, permettendo al mercato di borsa di essere unico. contratti-tipo Schemi di contratto, già predisposti, che indicano le condizioni e gli elementi contrattuali normalmente riscontrabili nella contrattazione; consentono di accelerare i tempi di conclusione del contratto. RCS LIBRI EDUCATION SPA Il cliente sta concludendo il contratto per l apertura di un conto corrente bancario. L operazione si svolge sul mercato dei capitali. Gli impiegati di una banca immettono gli ordini di acquisto e di vendita dei titoli nel circuito telematico di borsa. L operazione si svolge sul mercato dei capitali, precisamente sul mercato di borsa. Gli strumenti di finanziamento e investimento unità 1 9

14 Minitest 3 Analizza il caso proposto e rispondi alle domande. Un risparmiatore che dispone di somme in conto corrente bancario decide di effettuare un investimento in titoli. L operazione compiuta dal risparmiatore si svolge sul mercato dei capitali? sì no Motiva la tua risposta.... A tuo parere il risparmiatore trasforma le sue disponibilità di conto corrente in una forma più utile all intero sistema economico? sì no Motiva la tua risposta.... Minitest 4 Individua la risposta esatta. Un investimento che conserva il proprio valore reale nel tempo è: sicuro redditizio liquidabile rivalutabile Un investimento in titoli rispetta il criterio del frazionamento dei rischi quando: è effettuato in una sola categoria di titoli si articola su più titoli aventi caratteristiche diverse si articola su più titoli aventi caratteristiche uguali riguarda piccoli capitali In genere raccolgono fondi sul mercato dei capitali che si svolge nelle borse valori: le microimprese le piccole e medie imprese le grandi imprese i risparmiatori privati capitale sociale Somma dei conferimenti dei soci di un impresa collettiva; possono essere in denaro (versamenti in conto corrente bancario o postale, denaro contante) o in beni (fabbricati, automezzi ecc.). REQUISITI DEGLI INESTIMENTI La varietà di investimenti che è possibile effettuare sul mercato dei capitali richiede che il risparmiatore valuti attentamente tutte le loro caratteristiche. In primo luogo il risparmiatore deve considerare la somma a sua disposizione: infatti, per alcuni tipi di investimento, esiste un importo minimo al di sotto del quale il risparmio non può essere raccolto. In secondo luogo è necessario che il risparmiatore stabilisca quali requisiti deve possedere l investimento. I requisiti che occorre considerare riguardano: la sicurezza, che consiste nel ridurre al minimo i rischi di perdita delle somme impiegate; la redditività, che consiste nel produrre periodicamente frutti vantaggiosi rispetto al capitale investito; la liquidabilità, che consiste nella possibilità di trasformare velocemente l investimento in denaro, senza subire perdite; la rivalutabilità, che consiste nella capacità di conservare il proprio valore nel tempo. Dal momento che non esistono titoli che uniscono tutte le caratteristiche descritte, il risparmiatore deve individuare quali requisiti intende privilegiare, suddividendo eventualmente la somma a disposizione tra più investimenti, in modo da ottenere una combinazione che unisca vantaggi e svantaggi delle diverse soluzioni (in linguaggio tecnico occorre ispirarsi al criterio del frazionamento dei rischi). CLASSIICAZIONE DEGLI INESTIMENTI IN TITOLI I principali strumenti finanziari in cui un risparmiatore/investitore può impiegare i propri capitali sono raggruppabili in due categorie: titoli di Stato e obbligazioni (bonds), in altre parole titoli di debito; azioni (shares), in altre parole titoli di capitale. Nel sistema produttivo italiano, composto in netta prevalenza da Pmi (piccole e medie imprese con più di venti dipendenti) e da una miriade di microimprese (da uno a venti dipendenti), solo le poche grandi imprese (big players) si finanziano sul mercato dei capitali emettendo azioni e obbligazioni. ALORI DEI TITOLI Tra le caratteristiche dei titoli rivestono particolare importanza i loro valori, che sono diversi a seconda delle informazioni che il risparmiatore/investitore desidera ottenere sul titolo e del momento al quale il valore fa riferimento. Esistono infatti: il valore nominale: per i titoli di debito è l importo sul quale si calcolano gli interessi, mentre per le azioni indica la quota di partecipazione al capitale sociale della società; il valore di emissione: è l importo che il risparmiatore/investitore versa alla nascita del titolo per poterne entrare in possesso. Quando il valore di emissione coincide con il valore nominale si dice che il titolo è emesso alla pari; quando è inferiore al valore nominale il titolo è emesso sotto la pari; quando è superiore al valore nominale il titolo è emesso sopra la pari; il valore di rimborso: è l importo che viene versato al possessore del titolo al momento della sua estinzione; il valore di mercato: detto anche valore corrente o quotazione, è il prezzo che il risparmiatore/investitore paga per acquistare un titolo già in circolazione sul mercato secondario. 10 MODULO 1 inanziamenti, investimenti e patrimonio aziendale

15 Professione studente effettuare collegamenti Che cosa devi fare? Gli argomenti studiati in classe prima sono il naturale punto di partenza per l approfondimento di concetti già appresi o per la costruzione di nuovi concetti. Per questo motivo è indispensabile saper collegare le conoscenze nuove a quelle precedenti, rielaborandole e inserendole in contesti più ampi. Con riferimento ai termini evidenziati nel paragrafo, ti proponiamo di compilare una tabella in cui richiamare ed espandere i concetti appresi, individuando opportuni collegamenti con argomenti svolti nel precedente anno scolastico. Il materiale così raccolto potrà servirti per il ripasso e l approfondimento e ti aiuterà a rendere il tuo metodo di studio più elaborativo. Concetti finanziamento interesse banca impresa Richiamo dei concetti appresi I finanziamenti sono capitali che consentono all impresa di svolgere la sua attività di produzione diretta o indiretta o di prestazione di servizi. L interesse è il compenso che spetta a chi cede temporaneamente una somma di denaro a favore di un altro soggetto. La banca è un impresa che opera nel campo dell intermediazione creditizia e offre alla clientela una numerosa serie di servizi. L impresa è un soggetto economico che, attraverso la combinazione di beni, servizi e prestazioni di lavoro, produce nuovi beni o aumenta l utilità di beni già esistenti. Lo scopo principale della sua attività è l ottenimento di un utile. Espansione dei concetti I finanziamenti possono essere interni (se generati dall impresa con la sua stessa attività di gestione) o esterni (se provengono da soggetti che sono terzi rispetto all impresa). A seconda del rapporto che si stabilisce tra finanziatore e impresa si distingue tra finanziamenti di capitale proprio (il finanziatore diventa proprietario o socio) e finanziamenti di capitale di debito (il finanziatore diventa creditore dell impresa). L interesse è proporzionale al capitale iniziale, alla durata dell operazione (che può essere espressa in giorni, mesi o anni) e al tasso percentuale concordato tra i soggetti interessati. Il calcolo dell interesse consente di trasferire un capitale in avanti nel tempo. La somma tra capitale iniziale e interesse maturato prende il nome di montante. L intermediazione bancaria si fonda su due fondamentali categorie di operazioni: le operazioni di raccolta (si tratta di operazioni passive per la banca, in quanto comportano il pagamento di interessi a favore dei clienti che hanno affidato alla banca i loro risparmi) e le operazioni di impiego (si tratta di operazioni attive per la banca, in quanto consentono la riscossione di interessi da parte dei clienti che hanno richiesto prestiti). Accanto alle operazioni di intermediazione creditizia la banca offre molteplici servizi tradizionali ed evoluti di incasso, di pagamento, di gestione dei patrimoni ecc. Le imprese ottengono utili quando i ricavi di vendita dei prodotti e dei servizi sono maggiori dei costi sostenuti per l acquisto dei fattori produttivi. Quando i costi superano i ricavi le imprese subiscono perdite. Gli strumenti di finanziamento e investimento unità 1 11

16 Adesso prova tu... Sulla base dell esempio appena presentato ricerca tu stesso i collegamenti relativi agli altri termini evidenziati nel paragrafo. Concetti Stato Richiamo dei concetti appresi Espansione dei concetti famiglia investimento RCS LIBRI EDUCATION SPA 3I TITOLI DI DEBITO Sui mercati di borsa i risparmiatori privati e tutti coloro che desiderano investire i propri capitali in modo fruttifero e prontamente smobilizzabile possono scegliere tra due importanti categorie di titoli: i titoli di debito e i titoli di capitale. fruttifero Che assicura una rendita, un interesse. smobilizzabile Che può essere facilmente trasformato in moneta. predeterminata Che è nota all atto dell emissione del titolo. I titoli di debito rappresentano quote di prestiti ricevuti dalle aziende della Pubblica Amministrazione (Stato, enti pubblici locali) o da società private che necessitano di capitali per lo svolgimento della loro attività. I titoli di debito attribuiscono ai loro possessori la qualifica di creditore dell ente o della società emittente; essi hanno una scadenza predeterminata e danno diritto alla riscossione di un interesse. TITOLI DI STATO I titoli di Stato, noti anche come titoli del debito pubblico, occupano un posto rilevante negli investimenti dei risparmiatori italiani. La loro diffusione si spiega con la sicurezza dell investimento, che garantisce il rimborso del capitale a scadenza e il pagamento di interessi (non particolarmente elevati, ma sicuri). 12 MODULO 1 inanziamenti, investimenti e patrimonio aziendale

17 Per questi motivi molte famiglie italiane investono nei titoli pubblici: esse infatti vi riconoscono una forma di investimento priva di rischi e fonte di rendimenti. I titoli di Stato più diffusi sono: BTP (Buoni del Tesoro Poliennali): si tratta di titoli a tasso fisso, di durata compresa fra tre e trenta anni. Negli ultimi anni sono stati emessi anche BTP indicizzati con interessi e valore di rimborso che variano in base al tasso di inflazione nell area dell euro; CCT (Certificati di Credito del Tesoro): si tratta di titoli a tasso variabile indicizzato, con durata di sette anni. I CCT, così come i BTP, sono emessi dallo Stato per far fronte a esigenze finanziarie di medio/lungo periodo; BOT (Buoni Ordinari del Tesoro): si tratta di titoli destinati a far fronte a esigenze di breve periodo. La loro durata varia da uno a dodici mesi; il loro frutto (provento) è dato dalla differenza tra il prezzo pagato al momento della sottoscrizione (valore di emissione) e il maggior prezzo riscosso alla scadenza (valore di rimborso). Esiste una versione a medio termine dei BOT: si tratta dei CTZ (Certificati del Tesoro Zero coupon), della durata di ventiquattro mesi. Anche gli altri enti pubblici territoriali (Regioni, Province, Comuni) possono emettere titoli per finanziare opere di loro competenza, come ad esempio interventi urbanistici, sviluppo delle infrastrutture, miglioramento dei servizi sociali ecc. Infatti la raccolta dei mezzi necessari può avvenire attraverso l emissione dei BOR (Buoni Ordinari Regionali), dei BOP (Buoni Ordinari Provinciali) e dei BOC (Buoni Ordinari Comunali). TITOLI PRIATI Le imprese possono far fronte al loro fabbisogno finanziario sia con mezzi propri sia con mezzi di terzi. In particolare, le imprese collettive che hanno la forma di società di capitali (principalmente società per azioni e società in accomandita per azioni) possono raccogliere i capitali necessari allo svolgimento della loro attività attraverso l emissione di titoli. La raccolta di capitale proprio avviene con l emissione di azioni, mentre la raccolta di capitale di debito avviene con l emissione di obbligazioni. Le obbligazioni sono titoli di debito e rappresentano quote di prestiti che le società emettono per far fronte alle loro esigenze finanziarie di medio/lungo periodo; danno diritto a un interesse periodico (annuale, semestrale o trimestrale) e al rimborso del capitale alla scadenza. Esistono varie categorie di obbligazioni, ma le più diffuse prendono il nome di obbligazioni ordinarie. In base alle modalità di calcolo degli interessi si distinguono: obbligazioni a tasso fisso: gli interessi vengono calcolati a un tasso che rimane costante per l intera durata del prestito; obbligazioni indicizzate: gli interessi vengono calcolati a un tasso che varia periodicamente in base a indici prestabiliti; obbligazioni a cedola zero (dette anche zero coupon): gli interessi non vengono pagati periodicamente ma solo a scadenza e risultano dalla differenza tra il valore di rimborso e il prezzo versato alla sottoscrizione del titolo. Oltre alle obbligazioni ordinarie le società possono emettere altre categorie di obbligazioni: Minitest 5 Indica se le affermazioni che seguono sono vere () o false (). I titoli di debito possono essere emessi solo dallo Stato. I titoli di Stato presentano un elevato grado di sicurezza. I BTP possono avere una durata massima di dodici mesi. Regioni, Province e Comuni possono emettere titoli. L emissione di obbligazioni consente all impresa la raccolta di capitale di debito. In genere le obbligazioni fruttano all investitore un interesse periodico. Le obbligazioni indicizzate garantiscono un interesse periodico fisso. indicizzato Titolo il cui rendimento è legato a un valore, detto indice, determinato in base all andamento dell economia nazionale o mondiale (esempi: inflazione, costo del denaro, andamento dei principali mercati di borsa del mondo). inflazione Rialzo costante e generalizzato del prezzo dei beni e dei servizi, che determina una perdita del potere di acquisto della moneta in circolazione nel Paese. società di capitali Impresa collettiva, derivante dall unione di più persone, in cui la responsabilità dei soci è limitata al solo capitale conferito. Gli strumenti di finanziamento e investimento unità 1 13

18 Minitest 6 Cancella la voce che non interessa. Le obbligazioni convertibili possono essere convertite in titoli di Stato/azioni. Lo scarto di emissione/il guadagno di capitale è dato dalla differenza tra valore di rimborso e valore di emissione. Le società sono soggetti lordisti/nettisti. imposta sostitutiva Tributo versato all Erario in sostituzione di normali imposte dirette e indirette allo scopo di agevolare il contribuente. obbligazioni convertibili: danno diritto a un interesse periodico e la possibilità di essere convertite in azioni, entro un certo periodo di tempo. In questo modo l obbligazionista abbandona la sua posizione di creditore della società emittente per diventarne socio; obbligazioni speciali: consentono rendimenti più elevati, ma meno garantiti; in qualche modo esse rendono l obbligazionista partecipe al rischio di impresa. RUTTI DEI TITOLI E LORO TASSAZIONE I frutti prodotti dai titoli di debito sono costituiti principalmente dagli interessi che vengono pagati alle date indicate nel regolamento di emissione. Altri frutti sono costituiti dagli scarti di emissione (eventuale differenza tra il valore di rimborso e il valore di emissione) e dai guadagni di capitale (eventuale differenza tra il prezzo di vendita o di rimborso a scadenza e il prezzo di mercato pagato all acquisto). Per semplicità, negli esempi che seguono prenderemo in considerazione solo gli interessi, che per i titoli di debito scambiati nei mercati regolamentati sono soggetti a un trattamento fiscale diverso a seconda del soggetto che li riscuote. Infatti: le società e i soggetti non residenti percepiscono gli interessi lordi; per tale motivo sono chiamati lordisti; le persone fisiche (ossia i risparmiatori privati) percepiscono gli interessi al netto di una imposta sostitutiva (attualmente 12,50%); per tale motivo sono detti nettisti. Completa lo schema e indica se le affermazioni proposte sono vere o false. TITOLI DI DEBITO possono essere distinti in titoli... titoli... sono emessi da ad esempio sono emessi da ad esempio Il possessore di un titolo di debito è debitore dell ente o della società emittente. 2. I titoli di debito danno diritto a ricevere un interesse. 3. I BOT sono titoli di Stato emessi per far fronte a esigenze di medio/lungo periodo. 4. Le obbligazioni private consentono alla società emittente di raccogliere capitale proprio. 5. Tutte le società possono emettere obbligazioni. 14 MODULO 1 inanziamenti, investimenti e patrimonio aziendale

19 esempio caratteristiche di un titolo di debito e calcolo dell interesse Un risparmiatore ha acquistato euro nominali di obbligazioni Capitalia 4%, 2008/2018, godimento 1/4-1/10. a. Descriviamo le caratteristiche del titolo. b. Calcoliamo l interesse riscosso alle date 1/4-1/10. percorso ragionato Il valore nominale indica la parte di prestito sottoscritta. Il risparmiatore acquista una quota di prestito di euro. I titoli di debito hanno una scadenza predeterminata, indicata al momento della loro emissione. L acquisto di obbligazioni dà diritto a interessi periodici, proporzionali al valore nominale. Calcolo dei giorni Le obbligazioni acquistate dal risparmiatore sono state emesse l 1/4/2008 e saranno rimborsate l 1/4/2018; la loro durata è di dieci anni. Gli interessi sono semestrali e vengono pagati l 1/4 e l 1/10, per tutta la durata del prestito. Il termine godimento indica il giorno in cui l interesse inizia a maturare. Gli interessi semestrali sono calcolati al tasso lordo del (4% : 2) = 2%, con il procedimento dell anno civile, a partire dall 1/4 (escluso) all 1/10 (incluso). Dal momento che l investitore è una persona fisica (risparmiatore privato) viene pagato l interesse netto, calcolato applicando l imposta sostitutiva 12,50%. I giorni del semestre 1/4-1/10 sono: I giorni del semestre 1/10-1/4 sono: aprile (30 1) = 29 ottobre (31 1) = 30 maggio 31 novembre 30 giugno 30 dicembre 31 luglio 31 gennaio 31 agosto 31 febbraio 28 settembre 30 marzo 31 ottobre 1 aprile 1 totale 183 totale 182 RCS LIBRI EDUCATION SPA x 2 x x 2 x 182 I = = 400 interesse lordo I = = 400 interesse lordo ,50% x 400 = 50 imposta sostitutiva 12,50% x 400 = 50 imposta sostitutiva 350 interesse netto 350 interesse netto È possibile osservare che l importo degli interessi semestrali è costante. Gli strumenti di finanziamento e investimento unità 1 15

20 Completa lo schema e verifica se i calcoli degli interessi sono esatti (in caso contrario proponi la soluzione corretta). INTERESSI SU TITOLI DI DEBITO sono se pagati a se pagati a... o a soggetti non residenti... Il calcolo è esatto? sì no correzione Una società acquista euro di BTP 3,50%, godimento 1/3-1/9. a. Il tasso di interesse semestrale è pari a (3,50% : 2) = 1,75%. b. L interesse riscosso in data 1/9 è pari a euro. c. In data 1/3 dell anno successivo la società riscuote interessi pari a euro. Un risparmiatore acquista euro di obbligazioni ENEL 4,50%, godimento 1/1-1/4-1/7-1/10. a. Il tasso di interesse trimestrale è pari a 4,50%. b. L interesse riscosso in data 1/4 è pari a 337,50 euro. c. L interesse riscosso in data 1/7 è pari a 295,31 euro. 4I TITOLI DI CAPITALE Le imprese collettive sono in genere costituite da più persone che si uniscono per esercitare in comune un attività economica allo scopo di dividerne gli utili. Esse dispongono di un capitale proprio dato dall insieme dei conferimenti dei soci, la cui somma prende il nome di capitale sociale. I titoli di capitale rappresentano quote di partecipazione al capitale sociale di un impresa costituita nella forma di società per azioni o in accomandita per azioni. 16 MODULO 1 inanziamenti, investimenti e patrimonio aziendale

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a UNITÀ B La gestione e i suoi risultati: il patrimonio e il reddito Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a La gestione delle aziende di produzione: settori e profili di analisi Documento Esercizi Operazioni

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Capitolo Primo: Le operazioni di gestione 21 Fatti interni Trasformazioni economiche PARTE SECONDA LA GESTIONE AZIENDALE Capitolo Primo Le operazioni di gestione In questo capitolo analizzeremo le diverse

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 NEL MERCATO FINANZIARIO SI NEGOZIANO TITOLI CON SCADENZA SUPERIORE A 18 MESI AZIONI OBBLIGAZIONI TITOLI DI STATO 2 VALORE DEI TITOLI VALORE

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf Temi in preparazione alla maturità Analisi di bilancio, bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, decisioni aziendali, portafoglio sbf di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIA:

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO c

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO c Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO c Le negoziazioni dei titoli di debito Documento Esercizi Calcolo delle cedole su obbligazioni indicizzate Acquisto di obbligazioni da parte di un risparmiatore

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE INVESTIMENTI IN TITOLI 1 GLI INVESTIMENTI IN TITOLI OPERAZIONI DI INVESTIMENTO FINANZIARIO 1. Operazioni di prestito attivo 2. Investimenti in immobilizzazioni non caratteristiche

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

libri di base Ombretta Valsecchi tecnica aziendale 2 MURSIA

libri di base Ombretta Valsecchi tecnica aziendale 2 MURSIA libri di base Ombretta Valsecchi tecnica aziendale 2 MURSIA indice modulo d la gestione dell azienda capitolo 1 la gestione aziendale...5 1.1 Le operazioni di gestione...7 1.2 Le operazioni di finanziamento...9

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO LA GESTIONE E IL PATRIMONIO DELLE AZIENDE DI EROGAZIONE Sommario: 1. Introduzione. - 2. La gestione nelle aziende di erogazione. - 3. L aspetto finanziario della gestione. - 4. L aspetto

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 4. Rimborso, investimento nel titolo più conveniente, successiva vendita: scritture in P.D. di una S.p.A.

Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 4. Rimborso, investimento nel titolo più conveniente, successiva vendita: scritture in P.D. di una S.p.A. Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 4 UNITÀ F La gestione fi nanziaria e il mercato dei capitali ESERCIZIO Rimborso, investimento nel titolo più conveniente, successiva vendita: scritture in P.D. di

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

prof.ssa S.Spallini RAGIONERIA GENERALE Il mercato dei capitali

prof.ssa S.Spallini RAGIONERIA GENERALE Il mercato dei capitali 1 RAGIONERIA GENERALE Il mercato dei capitali Il mercato dei capitali 2 E costituito dalla incontro tra domanda e offerta di capitali, in esso ha luogo la fissazione del prezzo dei capitali rappresentato

Dettagli

I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA

I. T. C.  S. BANDINI  - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I SISTEMI DI MISURA E GLI ARROTONDAMENTI. I sistemi di misurazione. Il sistema metrico decimale.

Dettagli

Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari

Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari ... Nome... Classe... Data... Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari Scelta multipla Indicare con una crocetta la risposta esatta. 1. Concorre al soddisfacimento del fabbisogno finanziario

Dettagli

6 La gestione. aziendale. 1 La gestione aziendale SCHEDA

6 La gestione. aziendale. 1 La gestione aziendale SCHEDA SCHEDA 6 La gestione aziendale Gli obiettivi didattici Conoscere il concetto di gestione Conoscere fonti di finanziamento ed elementi del patrimonio Saper classificare le operazioni di gestione Saper classificare

Dettagli

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC Albez edutainment production Il patrimonio Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio patrimoniale e finanziario di un impresa Conoscere e classificare

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Dispensa lezione 4 Contabilità Il bilancio d esercizio 4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Abbiamo visto che la gestione di un impresa si compie tramite una serie di operazioni tra loro coordinate.

Dettagli

I titoli obbligazionari

I titoli obbligazionari I titoli obbligazionari 1 Tipologie di titoli La relazione di equivalenza consente di attribuire un valore oggi ad importi monetari disponibili ad una data futura. In particolare permettono di determinare

Dettagli

Classificazione dei titoli

Classificazione dei titoli Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 1 OPERAZIONI IN TITOLI Fondi (pubblici e privati) = crediti fruttiferi in denaro o quote fruttifere di capitale. Beni fungibili

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ACQUISTO E VENDITA: In data 1/7 la società X paga fitti passivi per euro 6000, con denaro in cassa. In data 3/7la società riscuote, in contanti, fitti attivi per euro

Dettagli

5/12/2014 CRITERIO DEL PATRIMONIO NETTO CRITERI DI VALUTAZIONE. Scritture contabili SOLO PER PARTECIPAZIONI IN IMPRESE CONTROLLATE E COLLEGATE

5/12/2014 CRITERIO DEL PATRIMONIO NETTO CRITERI DI VALUTAZIONE. Scritture contabili SOLO PER PARTECIPAZIONI IN IMPRESE CONTROLLATE E COLLEGATE CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERIO DEL PATRIMONIO NETTO Art. 2426 c.c. SOLO PER PARTECIPAZIONI IN IMPRESE CONTROLLATE E COLLEGATE LA PARTECIPAZIONE E VALUTATA PER UN IMPORTO PARI ALLA CORRISPONDENTE FRAZIONE

Dettagli

7. CONTABILITA GENERALE

7. CONTABILITA GENERALE 7. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 1 Definizione Per poter acquisire i fattori produttivi da impiegare nel processo produttivo l impresa necessita del fattore

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 3 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Italo Degregori. Quaderni di Finanza ( 1 ) Le Obbligazioni. Edizioni R.E.I.

Italo Degregori. Quaderni di Finanza ( 1 ) Le Obbligazioni. Edizioni R.E.I. Italo Degregori Quaderni di Finanza ( 1 ) Le Obbligazioni Edizioni R.E.I. 2 Edizioni R.E.I. 3 Italo Degregori Quaderni di Finanza ( 1 ) Le Obbligazioni ISBN 978-88-97362-46-3 Copyright 2011 - Edizioni

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Aggiornamenti. Transizione all euro e valori mobiliari. di NELLO AGUSANI e PIETRO GHIGINI docenti di Economia aziendale

Aggiornamenti. Transizione all euro e valori mobiliari. di NELLO AGUSANI e PIETRO GHIGINI docenti di Economia aziendale I 89 Transizione all euro e valori mobiliari di NELLO AGUSANI e PIETRO GHIGINI docenti di Economia aziendale Negli anni recenti il processo di integrazione europea ha provocato una serie di innovazioni

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Quale titolo di Stato per quale profilo di investitore? Forum della PA - 25 maggio 2007 Dott.ssa Maria Cannata Direttore Generale del Debito Pubblico -1- Introduzione

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Quale titolo di Stato per quale profilo di investitore? Forum della PA - 25 maggio 2007 Dott.ssa Maria Cannata Direttore Generale del Debito Pubblico -1- Introduzione

Dettagli

18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI

18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI CONTABILITA GENERALE 18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La

Dettagli

TUTTE LE IMPRESE PER POTER OPERARE NECESSITANO DI FINANZIAMENTI SIA IN FASE DI COSTITUZIONE CHE IN FASE DI GESTIONE.

TUTTE LE IMPRESE PER POTER OPERARE NECESSITANO DI FINANZIAMENTI SIA IN FASE DI COSTITUZIONE CHE IN FASE DI GESTIONE. I FINANZIAMENTI TUTTE LE IMPRESE PER POTER OPERARE NECESSITANO DI FINANZIAMENTI SIA IN FASE DI COSTITUZIONE CHE IN FASE DI GESTIONE. IL FINANZIATORE È QUINDI COLUI CHE FORNISCE ALL IMPRESA I MEZZI NECESSARI(

Dettagli

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI Mutuo ( a medio/lungo termine, utilizzato per gli investimenti di immobilizzazioni) È un per immobilizzazioni, come l acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di immobili, impianti e macchinari.

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 20 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 F. Scritture relative all

Dettagli

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1 Tema n. 1 In data 31/12/02 si decide lo scorporo di un ramo d azienda dalla società Gamma S.p.A. - che ha i- niziato la propria attività in data 1/1/1995 - ed il suo successivo conferimento nella società

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

La gestione dell impresa

La gestione dell impresa Albez edutainment production La gestione dell impresa Classe III ITC In questo modulo: La definizione di impresa e di gestione La classificazione delle operazioni di gestione La differenza tra beni a fecondità

Dettagli

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali Capitolo 8 Analisi per flussi 1. Considerazioni generali Il rendiconto finanziario è un prospetto che raggruppa, in relazione a determinati scopi di formazione, le variazioni (flussi) intervenute nella

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

I prestiti obbligazionari

I prestiti obbligazionari Albez edutainment production I prestiti obbligazionari Classe IV ITC In questo modulo: Cosa sono i prestiti obbligazionari Limiti ed eccezioni all emissione di obbligazioni Emissioni alla pari, sotto la

Dettagli

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI Economia aziendale è una disciplina che studia l azienda; è un insieme di persone e di beni con un organizzazione e uno scopo: SODDISFARE I BISOGNI. Le aziende si

Dettagli

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC Albez edutainment production Il reddito Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio economico di un impresa Conoscere la classificazione dei costi

Dettagli

B) Collocamento Il collocamento dell accettazione bancaria sul mercato monetario può avvenire

B) Collocamento Il collocamento dell accettazione bancaria sul mercato monetario può avvenire Capitolo Primo 1. L ACCETTAZIONE BANCARIA A) Definizione Gli strumenti di mercato monetario L accettazione bancaria si sostanzia in una cambiale tratta con la quale un impresa (traente) ordina ad una banca

Dettagli

In vista dell interrogazione - Modulo l

In vista dell interrogazione - Modulo l MODULO l LA GESTIONE FINANZIARIA E IL MERCATO DEI CAPITALI d 91 Che cosa si intende per fabbisogno finanziario? Il fabbisogno finanziario è la quantità di mezzi monetari necessari all azienda per effettuare

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI

Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI 11.1. Il prestito obbligazionario: aspetti giuridici ed economicoaziendali Il prestito obbligazionario rappresenta una modalità di finanziamento a medio-lungo

Dettagli

QUADERNO DI CONTABILITA GENERALE ESERCIZI N. 3: ECONOMIA AZIENDALE I. Insegnamento di CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO

QUADERNO DI CONTABILITA GENERALE ESERCIZI N. 3: ECONOMIA AZIENDALE I. Insegnamento di CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO Insegnamento di ECONOMIA AZIENDALE I CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO UNIVERSITÀ DI FIRENZE A.A. 2007/08 A CURA DI GIACOMO MANETTI QUADERNO DI ESERCIZI N. 3: CONTABILITA GENERALE

Dettagli

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO IGEA Anno 2000 Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare

Dettagli

LE BANCHE. Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI

LE BANCHE. Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI LE BANCHE Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI Cos è una banca? L'attività bancaria è definita come l'esercizio congiunto dell'attività di raccolta di risparmio tra il pubblico

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO GLOSSARIO AFFIDATI (NUMERO) Soggetti (persone fisiche, persone giuridiche, cointestazioni) al nome dei quali siano pervenute, alla data di riferimento, una o più segnalazioni alla Centrale dei rischi a

Dettagli

MODULO 1 VERIFICA GUIDATA DI FINE UNITA 1

MODULO 1 VERIFICA GUIDATA DI FINE UNITA 1 Modulo 1 unità 1 erifica guidata di fine unità pag. 1 di 5 MODULO 1 ERIICA GUIDATA DI INE UNITA 1 Il contratto di vendita 1. Segna con una crocetta la risposta esatta. 1. Nel contratto di vendita il compratore

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE 1 Le Operazioni di Impiego: I Finanziamenti a Breve Termine Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio-

Dettagli

Concetto di patrimonio

Concetto di patrimonio Concetto di patrimonio Il patrimonio o capitale si può definire, in prima approssimazione, come l insieme l dei beni a disposizione del soggetto aziendale in un determinato momento; in un accezione più

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

ENTRIAMO IN AZIENDA 3

ENTRIAMO IN AZIENDA 3 ENTRIAMO IN AZIENDA 3 Imprese industriali sistema informativo di bilancio e imposizione fiscale TOMO 1 IL SISTEMA INFORMATIVO DI BILANCIO M O BILANCIO D U L O 3 BILANCIO D ESERCIZIO ANALISI PER INDICI

Dettagli

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci INDICE LA GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE RISTORATIVE... 2 Il fabbisogno finanziario:concetto e problematiche... 3 Definizione di fabbisogno finanziario... 3 Le fonti di finanziamento... 3 Scelta tra

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili)

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IMPOSTA INDIRETTA sui consumi che si applica alle: 1. cessioni di beni; 2. prestazioni di servizi; compiute nel territorio

Dettagli

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO Es. n. 1 Presentare le parti tabellari delle seguenti fatture: lo/lo ricevuta fattura della ditta Romano

Dettagli

ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE

ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE RIPASSO GENERALE DELLE REGOLE DI PARTITA DOPPIA NON È MATERIALE DIDATTICO DA STUDIARE AI FINI DEL CORSO DI ECONOMIA DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE D'IMPRESA A.A. 2010/2011

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT Completa, con l inserimento dei dati mancanti, l analisi dei seguenti fatti di gestione effettuati dalla ditta Mario Rossi & c. (titolare di conto corrente bancario presso la BANCA DI ROMA) 1) la ditta

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

I prestiti obbligazionari. 23 marzo 2011

I prestiti obbligazionari. 23 marzo 2011 I prestiti obbligazionari 23 marzo 2011 1 Il prestito obbligazionario definizione Mediante il prestito obbligazionario le società per azioni e in accomandita per azioni ottengono finanziamenti a medio

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato

Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato Economia delle aziende di credito.. 2008/2009 Università degli studi Roma Tre - Economia delle aziende di credito,.. 2008/2009 1 Indice degli argomenti

Dettagli

Presentare: le scritture in P.D. relative alle operazioni indicate

Presentare: le scritture in P.D. relative alle operazioni indicate Esercizio 1 In data 15/03 si costituisce a Crema la G.P.F. s.p.a., con Capitale sociale suddiviso in n. 250.000 azioni del valore nominale di 2,00. Il capitale viene interamente sottoscritto dai soci che

Dettagli

Mutuo offerto ai consumatori

Mutuo offerto ai consumatori FOGLIO INFORMATIVO RIEPILOGATIVO Mutuo offerto ai consumatori Mutuo garantito da ipoteca per l acquisto dell abitazione principale INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca SANFELICE 1893 Banca Popolare, Piazza Matteotti,

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie I prestiti bancari e altre operazioni di finanziamento I prestiti bancari - aspetti generali I prestiti bancari: sono eterogenei

Dettagli

RISPARMIO: LE NOVITÀ FISCALI COSA SAPERE SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI

RISPARMIO: LE NOVITÀ FISCALI COSA SAPERE SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI RISPARMIO: LE NOVITÀ FISCALI COSA SAPERE SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI 27% Risparmio: Le novità fiscali 12,5% 20% Cosa sapere su investimenti e deposito titoli INDICE 1. Le imposte dirette Cosa cambia?

Dettagli

Cambio Conto. Come cambiare il conto corrente

Cambio Conto. Come cambiare il conto corrente Cambio Conto Come cambiare il conto corrente INDICE Caro Cliente... 3 Cosa offre l iniziativa Cambio Conto come cambiare il conto corrente... 4 CAMBIARE IL CONTO CORRENTE IN 5 MOSSE... 5 2 1. SCEGLIERE

Dettagli

Economia aziendale secondo biennio SIA

Economia aziendale secondo biennio SIA Economia aziendale secondo biennio SIA CONTENUTI CURRICOLAZIONE DEI SAPERI MEDIAZIONE DIDATTICA (^) classe terza SIA MODULO DISCPLINARE Modulo 1 IL SISTEMA AZIENDA E LA SUA ORGANIZZAZIONE (**) CONOSCENZE

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2015-2016 INSEGNANTE: ASCHERI Maria Rosa CLASSE: I A c SETTORE: servizi INDIRIZZO: servizi commerciali PROGRAMMAZIONE INIZIALE FINALITA DELLA

Dettagli

2. SISTEMI CONTABILI 3. METODI CONTABILI

2. SISTEMI CONTABILI 3. METODI CONTABILI 2. SISTEMI CONTABILI 10 Parte prima - Teoria I sistemi di rilevazione che si avvalgono di un insieme di conti, tra loro collegati e costituiti in sistema, assumono la denominazione di «sistemi contabili».

Dettagli

1) L acquisizione dei beni strumentali

1) L acquisizione dei beni strumentali Parte Seconda: Processi e rilevazioni della gestione caratteristica 1) L acquisizione dei beni strumentali Classificazione. Le immobilizzazioni sono costituite da tutti gli elementi del patrimonio di funzionamento

Dettagli

GARA NAZIONALE SIA 2015 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

GARA NAZIONALE SIA 2015 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE TECNICA E LICEALE Galileo Galilei GARA NAZIONALE SIA 2015 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE Firenze, 7 maggio 2015 E consentito l uso: - del codice Civile - della calcolatrice

Dettagli

GUIDA AL CREDITO. GLOSSARIO principali voci di un contratto di finanziamento.

GUIDA AL CREDITO. GLOSSARIO principali voci di un contratto di finanziamento. GUIDA AL CREDITO Vogliamo rappresentare un saldo punto di riferimento per la ns. clientela, nell esercizio dell attività finanziaria. Siamo in grado di venire incontro alle esigenze creditizie del cliente

Dettagli

1. I Tassi di interesse. Stefano Di Colli

1. I Tassi di interesse. Stefano Di Colli 1. I Tassi di interesse Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Strumenti (in generale) Un titolo rappresenta un diritto sui redditi futuri dell emittente o sulle sue attività Un

Dettagli

Il finanziamento alle imprese

Il finanziamento alle imprese Il finanziamento alle imprese Alberto Balestreri Corso di Economia ed organizzazione aziendale II ING-IND/35 Laurea Specialistica in Biotecnologie Industriali Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e

Dettagli

CONTO SALDI DARE AVERE

CONTO SALDI DARE AVERE Simulazione n. 1 La situazione dei conti al 30/11/2014 della società Even Srl che svolge attività mercantile, presenta i seguenti saldi: CONTO SALDI DARE AVERE Attrezzature 200.000,00 Banca di Roma c/c

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

relative al prestito Banca della Bergamasca Credito Cooperativo Step Up 12/02/09-12 177 em. ISIN IT0004459431 della

relative al prestito Banca della Bergamasca Credito Cooperativo Step Up 12/02/09-12 177 em. ISIN IT0004459431 della Sede legale in Zanica (Bergamo), via Aldo Moro, 2 Sito internet: www.bccbergamasca.it - Email banca@bergamasca.bcc.it Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 803 Iscritta all Albo

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

PROVA C. ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: ...

PROVA C. ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: ... PROVA C ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: Attrezzature 157.400,00 Riserva Legale 30.000,00 Capitale sociale 270.000,00 Crediti

Dettagli