Java, Oggetti e Strutture Dati di G. Callegarin - Edizioni CEDAM

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Java, Oggetti e Strutture Dati di G. Callegarin - Edizioni CEDAM"

Transcript

1 Java, Oggetti e Strutture Dati di G. Callegarin - Edizioni CEDAM ERRATA CORRIGE dei programmi della prima stampa (Aprile 2004) aggiornato al 20/05/2017 Nota: il codice corretto è ottenibile da quella errato con tre tipi di operazioni riconoscibili dal colore. LEGENDA dei colori: sostituzione inserimento cancellazione Pag. 93 (Cap. 2) class OrdinaDueInteri { int a = Integer.parseInt(args[0]); int b = Integer.parseInt(args[1]); if (a < b) { System.out.println(a); System.out.println(b); //notare l'assenza del ; dopo else { System.out.println(b); System.out.println(a); //endif Pag. 111 (Cap. 2) /*ricerca del massimo di un vettore uso: java Massimo i1 i2 in */ class Massimo { int[] v = new int[args.length]; for (int i=0;i<args.length;i++) v[i] = Integer.parseInt(args[i]); System.out.println("Il massimo e` " + max(v)); Pag. 113 (Cap. 2) static double valutapolinomio(double a[], double x) { double ris = a[0]; for(int i = 1; i<a.length; i++) ris = ris * x + a[i]; return ris; class ProvaPolinomio { public static void main(string[] args){ double[] p = new double[] {1.0, -3.0, 5.0; System.out.println(valutaPolinomio(p,3.0)); // scrive 5.0 static double valutapolinomio(double a[], double x) {

2 pag. 125 (Cap. 2) import java.io.*; class ConfrontoIngenuo { // N.B. va in ciclo infinito! public static void main(string[] args) throws IOException{ InputStreamReader input = new InputStreamReader(System.in); BufferedReader tastiera = new BufferedReader(input); String s=""; while (s!="fine") { // N.B. questo confronto darà sempre TRUE! s = tastiera.readline(); //endw (a) import java.io.*; class ConfrontoCorretto { // versione corretta della classe precedente public static void main(string[] args) throws IOException{ InputStreamReader input = new InputStreamReader(System.in); BufferedReader tastiera = new BufferedReader(input); String s=""; while (!s.equals("fine")) { s = tastiera.readline(); //endw pag. 131 (Cap. 2) class PuntoImmutabile { private int x,y; PuntoImmutabile(int x0, int y0) { x=x0; y=y0; PuntoImmutabile traslato(int deltax, int deltay) { return new PuntoImmutabile(x+deltaX,y+deltaY); Fig Una classe di oggetti immutabili. pag. 133 (Cap. 2) import java.math.bigdecimal;/* calcoli con BigDecimal */ class ProvaBigDecimal { BigDecimal undecimoesatto = new BigDecimal("0.1"); BigDecimal undecimofloat= new BigDecimal(0.1f); BigDecimal undecimodouble= new BigDecimal(0.1); System.out.println(unDecimoEsatto+" esatto"); System.out.println("0.1 float = "+ undecimofloat); System.out.println("0.1 double="+ undecimodouble); System.out.println("0.1 float ^2=" + undecimofloat.multiply(undecimofloat)); Fig Calcoli con BigDecimal.

3 pag. 180 (Cap. 3) /* Chiamare con: java Hello1ConEccezione Nome Cognome */ class Hello1ConEccezione { public static void main(string[] args){ try { System.out.println("Salve "+args[0]+' '+args[1]+'!'); catch (ArrayIndexOutOfBoundsException e) { System.err.println("l'indice fuori dai limiti vale:"+e.getmessage() ); System.err.println("Hai dimenticato il nome e/o il cognome"); pag. 183 (Cap. 3) /* Somma di due numeri letti da tastiera con gest. eccezioni*/ import java.io.*; class SommaConEccezioni{ int a,b,som; InputStreamReader input= new InputStreamReader(System.in); BufferedReader tastiera = new BufferedReader(input); try { System.out.print("dammi il primo numero :"); a = Integer.parseInt(tastiera.readLine().trim()); System.out.print("dammi il secondo numero :"); b = Integer.parseInt(tastiera.readLine().trim()); som = a+b; System.out.println("la somma e`"+som); catch (IOException e) { System.err.println("Errore di IO. Dettagli:"); e.printstacktrace(); pag. 259 (Cap. 3) import java.awt.*; import java.awt.event.*; public class CombinatoreTelefonico { Frame f = new Frame("Combinatore telefonico"); f.setsize(200,200); // dimensioni iniziali f.setlocation(400,400); f.setlayout(new GridLayout(4,3)); Button tasti[] = { new Button("1"),new Button("2"),new Button("3"), new Button("4"),new Button("5"),new Button("6"), new Button("7"),new Button("8"),new Button("9"), new Button("*"),new Button("0"),new Button("#"); for (int i=0;i<tasti.length;i++) f.add(tasti[i]); f.setvisible(true);

4 pag. 268 (Cap. 3) /* Applet somma con lettura di parametri */ import java.awt.*; import java.awt.event.*; import java.applet.applet; public class AppletSomma extends Applet implements ActionListener { TextField text1,text2,risultato; public void init() { String param1 = getparameter("primo"); if (param1==null) param1="0"; String param2 = getparameter("secondo"); if (param2==null) param2="0"; pag. 290 (Cap. 4) import java.util.random; public class Dado { //versione appropriata //ATTRIBUTI protected Random gencas; protected int esito; // COSTRUTTORI public Dado() { genacas = new Random(); lancia(); public Dado(long seme) { gencas = new Random(seme); lancia(); //METODI public void lancia() { esito = 1 + gencas.nextint(6); public int getesito(){ return esito; pag. 329 (Cap. 4) class AttivitaComposta extends Attivita { Attivita [] componenti; AttivitaComposta (String descrizione, Attivita[] componenti) { this.componenti = componenti; this.descrizione = descrizione; pag. 335 (Cap. 4) /* Prova di riflessione - G. Callegarin */ import java.lang.reflect.*; class Saluti {

5 pag. 342 (Cap. 5) static NodoConc listanumeridalprimo(int n) { NodoConc ris=null; if (n>0) { ris = new NodoConc(new Integer(1),null); NodoConc hprec=ris; for (int i=2; i<=n; i++) { NodoConc h = new NodoConc(new Integer(i),null); hprec.next = h; // modifica (1) di Fig. 5.8 hprec = h; // modifica (2) di Fig. 5.8 return ris; pag. 357 (Cap. 5) /*G. Callegarin - "Java, Oggetti e Strutture Dati", 2004 */ package javaosd.strutture.pile; import javaosd.strutture.nodi.nodoconc public class Pila { pag. 358 (Cap. 5) /*G. Callegarin - "Java, Oggetti e Strutture Dati", 2004 */ package javaosd.strutture.pile; public class PilaLimitata { protected Object elementi[]; protected int sp; // stack pointer protected int capacita; public PilaLimitata(int capacita) { sp=-1; // stack vuoto this.capacita=capacita; elementi = new Object[capacita]; pag. 387 (Cap. 5) /*G. Callegarin - "Java, Oggetti e Strutture Dati", 2004 Implementazione degli alberi binari come oggetti */ package javaosd.strutture.alberibinari; import javaosd.strutture.*; public IteratoreAlberoBin newiterator() { // visita anticipata return new IteratoreAlberoBin(this); //altri metodi per altri tipi di visita

6 pag. 405 (Cap. 5) /* G. Callegarin - "Java, Oggetti e Strutture Dati", 2004 Iteratore per gli alberi binari di ricerca */ package javaosd.strutture.alberibinari; import javaosd.strutture.pile.pila; import javaosd.strutture.iteratore; public class IteratoreABR implements Iteratore { ABR daattraversare,cursore; Pila s; public IteratoreABR(ABR a){ daattraversare=a; s=new Pila(); gofirst(); public boolean inside() { return!cursore.isempty(); public Comparable current() { assert inside() : "'getcurrent' non applicabile"; return cursore.info; public ABR currenttree() { assert inside() : "'currenttree' non applicabile"; return cursore; public void gofirst() { cursore=daattraversare; s=new Pila(); if (!cursore.isempty()) while (!cursore.left.isempty()) { s.push(cursore); cursore=cursore.left; pag. 406 (Cap. 5) /* G. Callegarin - "Java, Oggetti e Strutture Dati", 2004 prova ABR e suo iteratore */ import javaosd.strutture.alberibinari.abr; import javaosd.strutture.alberibinari.iteratoreabr; class ProvaABR { Fine Errata Corrige

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

Iterazioni. L istruzione while. while (condition) istruzione

Iterazioni. L istruzione while. while (condition) istruzione Iterazioni L istruzione while while (condition) istruzione Ripete l esecuzione di istruzione fino a che la condizione resta vera while (balance < targetbalance) year++; double interest = balance * rate

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro Laboratorio di Programmazione Lezione 2 Cristian Del Fabbro Prossima lezione GIOVEDÌ 29 OTTOBRE 14:00 Input da tastiera package input; import java.io.*; public class Input { public static void main(string[]

Dettagli

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M. Milano" Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M.

Dettagli

Programmazione Java (Applicazioni e Applet )

Programmazione Java (Applicazioni e Applet ) Programmazione Java (Applicazioni e Applet ) Prof. Flavio Cerini Dopo aver installato il JDK 1.4.1_01 e inserito il percorso della cartella \bin nel PATH si possono provare i seguenti programmi funzionanti.

Dettagli

public static boolean occorre (int[] a, int n) { int i = 0; boolean trovato = false;

public static boolean occorre (int[] a, int n) { int i = 0; boolean trovato = false; Metodi iterativi con array monodimensionali 1. Scrivere un metodo che, dato un array di interi a, restituisce il valore minimo in a. public static int minimo (int[] a) { int min = a[0]; for (int i=1; i

Dettagli

Le basi del linguaggio Java

Le basi del linguaggio Java Le basi del linguaggio Java Compilazione e interpretazione Quando si compila il codice sorgente scritto in Java, il compilatore genera il codice compilato, chiamato bytecode. È un codice generato per una

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Istruzione condizionale switch Istruzioni di salto break e continue Uso di variabili di tipo boolean Variabili di tipo array (monodimensionali)

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Eccezioni Categorie di eccezioni checked unchecked Gestione delle eccezioni Clausola throws Costrutto try - catch - finally Comando

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario La classe String Lettura da input di dati numerici (tipo int) Stampa di dati numerici Uno sguardo al codice Esercizi 21/03/2011 2

Dettagli

Simulatore di un miscelatore di acqua

Simulatore di un miscelatore di acqua Simulatore di un miscelatore di acqua In un miscelatore entrano acqua calda alla temperatura TC con acqua fredda alla temperatura TF ed esce acqua ad una temperatura intermedia TM. Se si indicano con FC

Dettagli

Eventi di azione. // con interfaccia per eventi di azione

Eventi di azione. // con interfaccia per eventi di azione Eventi di azione (Interfaces ActionListener, Classes ActionEvent) Sono generati quando si premono bottoni, si selezionano voci di menù, si preme invio mentre si scrive in un campo di testo. In awt sono

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Eccezioni

RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Eccezioni Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Eccezioni Prof. Franco Zambonelli Lucidi realizzati in collaborazione

Dettagli

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList 1 ArrayList! Abbiamo detto che gli array non possono cambiare la propria dimensione: il numero di elementi contenuti viene stabilito al momento della creazione

Dettagli

Alberi Binario in Java

Alberi Binario in Java Alberi Binario in Java Realizzare un albero binario di ricerca. L albero binario è di ricerca se esiste una relazione di ordinamento tra i valori dei nodi (valori comparabili). In particolare, dato un

Dettagli

R. Focardi 2002 Laboratorio di Ingegneria del Software Slide 1. Applicazioni = programmi stand-alone

R. Focardi 2002 Laboratorio di Ingegneria del Software Slide 1. Applicazioni = programmi stand-alone Il linguaggio Java Nato nel maggio 95 (James Gosling & al.) Orientato ad oggetti, basato sulle classi, concorrente Fortemente tipato: distinzione chiara tra errori statici ed errori dinamici Ad alto livello:

Dettagli

Operazioni di input/output. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni

Operazioni di input/output. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Operazioni di input/output Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Input /Output introduzione Per ottenere delle informazioni un programma apre un flusso (Stream)

Dettagli

Ricerca e ordinamento su array di oggetti. Corso di Programmazione 2 Esercitazione 5

Ricerca e ordinamento su array di oggetti. Corso di Programmazione 2 Esercitazione 5 Ricerca e ordinamento su array di oggetti Corso di Programmazione 2 Esercitazione 5 Sommario Ricercare in array di oggetti Interfaccia comparable Ordinare array di oggetti Problema Come ordinare, ricercare

Dettagli

Operazioni di scrittura e lettura con periferici in linguaggio Java

Operazioni di scrittura e lettura con periferici in linguaggio Java Operazioni di scrittura e lettura con periferici in linguaggio Java Flussi logici (stream) di output Operazione di scrittura a monitor con uso di stream (flusso logico) di output RAM System.out.println

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori L-A

Corso di Reti di Calcolatori L-A Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di Reti di Calcolatori L-A Esercitazione 6 (svolta) Java RMI Luca Foschini Anno accademico 2010/2011 Esercitazione 6 1 Specifica: il Client

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA5 C2.1 Animazioni 1 Prerequisiti Programmazione base in Java Utilizzo di classi e oggetti Utilizzo di elementi grafici ed eventi Utilizzo classe Canvas 2 1 Introduzione

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA2 2.1- Funzioni 1 Prerequisiti Programmazione elementare in Java Tecnica top-down Concetto matematico di funzione Compilazione e link di programmi Esecuzione di funzioni

Dettagli

Classi Wrapper. int Integer float Float char Char byte Byte double Double. classe "wrapper"

Classi Wrapper. int Integer float Float char Char byte Byte double Double. classe wrapper 1 Classi Wrapper classe "wrapper" int Integer float Float char Char byte Byte double Double Generano oggetti che hanno come variabile di istanza un tipo di dato primitivo con nome uguale Integer int Float

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi:

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi: Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 22 settembre 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli

Dettagli

Gestione delle Eccezioni

Gestione delle Eccezioni Gestione delle Eccezioni Condizioni di Errore Una condizione di errore in un programma può avere molte cause Errori di programmazione Divisione per zero, cast non permesso, accesso oltre i limiti di un

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014 Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 11 luglio 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli esercizi

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Istruzioni di controllo Iterative Condizionali Algoritmi e Diagrammi di flusso Esercizi 28/03/2011 2 Istruzioni iterative while do

Dettagli

Programmazione 2 - Marco Ronchetti. Fondamenti di Java. Fac.Scienze Università di Trento. Static

Programmazione 2 - Marco Ronchetti. Fondamenti di Java. Fac.Scienze Università di Trento. Static 1 Fondamenti di Java Static 2 Modificatori: static Variabili e metodi associati ad una Classe anziche ad un Oggetto sono definiti static. Le variabili statiche servono come singola variabile condivisa

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA C Linguaggio Java: Eccezioni

FONDAMENTI DI INFORMATICA C Linguaggio Java: Eccezioni Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria CORSO DI FONDAMENTI DI INFORMATICA C Linguaggio Java: Eccezioni Prof. Zambonelli, Ing. Cabri, Ing. Denti, Ing. Andrea Aime Zambonelli,

Dettagli

Prova d Esame Compito A

Prova d Esame Compito A Domanda 1 A) Si richiede di analizzare le seguenti sezioni di codice. Il candidato indichi il risultato dell esecuzione del main. public class Father { private static int counter=0; private int code; public

Dettagli

INFORMATICA GRAFICA - FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Civile - Edile/Architettura Dott. Penzo SOLUZIONE PROVA SCRITTA DEL 16/09/2002.

INFORMATICA GRAFICA - FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Civile - Edile/Architettura Dott. Penzo SOLUZIONE PROVA SCRITTA DEL 16/09/2002. INFORMATICA GRAFICA - FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Civile - Edile/Architettura Dott. Penzo SOLUZIONE PROVA SCRITTA DEL 16/09/2002 Esercizio 4) import fiji.io.simplereader; class Programma{ public static

Dettagli

Gestione di errori e situazioni eccezionali. Gestione delle eccezioni. Gestione tradizionale di errori e situazioni eccezionali (2)

Gestione di errori e situazioni eccezionali. Gestione delle eccezioni. Gestione tradizionale di errori e situazioni eccezionali (2) Gestione di errori e situazioni eccezionali Gestione delle eccezioni Una procedura (utente o di libreria) deve poter segnalare l impossibilità di produrre un risultato significativo o la propria terminazione

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA6 A1 I file testo 1 Prerequisiti Programmazione base in Java Utilizzo di classi e oggetti Modello produttore consumatore Operazioni logiche su struttura file 2 1 Introduzione

Dettagli

L interfaccia grafica con Java

L interfaccia grafica con Java L interfaccia grafica con Java 1/24 L interfaccia utente serve per la comunicazione tra utente e programma Distinguiamo le interfacce tra quelle a caratteri e quelle grafiche Le GUI (Graphical user interface)

Dettagli

Scope e visibilità per classi

Scope e visibilità per classi Scope e visibilità per classi Packages Classi interne nelle loro diverse forme Interne / statiche / locali Utilizzo congiunto con interfacce Implementazione di iteratori Gestione di eventi Packages Package:

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. E un algebra basata su tre operazioni logiche

Algebra di Boole: Concetti di base. E un algebra basata su tre operazioni logiche Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Esercizi Java. class somma2 { static int somma(int a,int b) {return a+b; }

Esercizi Java. class somma2 { static int somma(int a,int b) {return a+b; } Java è un linguaggio di programmazione c indipendente dalla piattaforma, ovvero un linguaggio di programmazione che permette di compilare i programmi una volta sola e di installarli su computer che usano

Dettagli

Decomposizione per scelta

Decomposizione per scelta Decomposizione per scelta T C F P1 P2 Codifica if ( C ) T C F P1 P1 P2 else P2 C : condizione da verificare (espressione booleana a valore VERO/FALSO). Parentesi obbligatorie P1 : istruzione da eseguire

Dettagli

Concetti Base Eccezioni Eccezioni e Metodi Gerarchia di Eccezioni. Java: Eccezioni. Damiano Macedonio

Concetti Base Eccezioni Eccezioni e Metodi Gerarchia di Eccezioni. Java: Eccezioni. Damiano Macedonio Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Verona Corso di Programmazione per Bioformatica lezione del 30 maggio 2014 Introduzione Un programma diviso in sezioni distinte Un approccio alla

Dettagli

Programmazione ad Oggetti. Java Parte II

Programmazione ad Oggetti. Java Parte II Programmazione ad Oggetti Java Parte II Overview Caratteristiche lessicali Il primo programma Java 1 Commenti /* Commento tradizionale, eventualmente su più linee, non nidificato */ // Commento su di una

Dettagli

19 - Eccezioni. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

19 - Eccezioni. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 19 - Eccezioni Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso

Dettagli

Chat. Si ha un server in ascolto sulla porta 4444. Quando un client richiede la connessione, il server risponde con: Connessione accettata.

Chat. Si ha un server in ascolto sulla porta 4444. Quando un client richiede la connessione, il server risponde con: Connessione accettata. Chat Si ha un server in ascolto sulla porta 4444 Quando un client richiede la connessione, il server risponde con: Connessione accettata. Nome: Il client deve rispondere con lo user name A questo punto

Dettagli

Implementazione ADT: Alberi

Implementazione ADT: Alberi Implementazione ADT: Alberi Livelli di astrazione 2001/2002 1 Esercitazione 5 (E6): alberi (tree) albero struttura dati fondamentale, soprattutto per le operazioni di ricerca tipi di albero con radice

Dettagli

Eccezioni Precisazioni e approfondimenti

Eccezioni Precisazioni e approfondimenti Eccezioni Precisazioni e approfondimenti Costruttore: il parametro String definisce il messaggio di errore associato all eccezione Metodi particolarmente significativi getmessage(): ritorna l istanza di

Dettagli

GESTIONE DEGLI ERRORI

GESTIONE DEGLI ERRORI GESTIONE DEGLI ERRORI Spesso vi sono istruzioni critiche, che in certi casi possono produrre errori L approccio classico consiste nell inserire controlli (if else..) per cercare di intercettare a priori

Dettagli

La fase di progetto e realizzazione. PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Ing. Gestionale) Diagramma delle classi realizzativo

La fase di progetto e realizzazione. PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Ing. Gestionale) Diagramma delle classi realizzativo Università di Roma La Sapienza, Facoltà di Ingegneria Corso di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Ing. Gestionale) Prof. Giuseppe De Giacomo & Monica Scannapieco Anno Accademico 2003/04 LA FASE DI PROGETTO E

Dettagli

Esercizi riassuntivi (Fondamenti di Informatica 2 Walter Didimo) Soluzioni

Esercizi riassuntivi (Fondamenti di Informatica 2 Walter Didimo) Soluzioni Esercizi riassuntivi (Fondamenti di Informatica 2 Walter Didimo) Soluzioni Esercizio 1 Dire quale è la complessità temporale del seguente metodo, espressa con notazione asintotica O(.) (con la migliore

Dettagli

Programmazione ad Oggetti

Programmazione ad Oggetti Programmazione ad Oggetti Java - IO Corso di Programmazione ad Oggetti Seconda Università di Napoli Ing. Antonio Coronato ICAR - CNR Agenda Operazioni di IO da tastiera Oggetti System per le operazioni

Dettagli

Creazione, eliminazione, lettura e scrittura di file di testo

Creazione, eliminazione, lettura e scrittura di file di testo Creazione, eliminazione, lettura e scrittura di file di testo Java mette a disposizione degli sviluppatori diverse classi per lavorare con i file di testo, analizziamo le principali: java.io.file La classe

Dettagli

Esercizi della lezione 5 di Java

Esercizi della lezione 5 di Java Esercizi della lezione 5 di Java Esercizio 5 Create il tipo di dato Counter dell Esercizio 1 come sottoclasse del tipo di dato SimpleCounter. Esercizio 1 Create un tipo di dato Counter che abbia: un valore

Dettagli

Le basi del linguaggio Java

Le basi del linguaggio Java Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 10 Le basi del linguaggio Java Aprile 2010 Le basi del linguaggio Java 1 Prerequisiti Nozioni generali sulla sintassi e semantica del

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA1 1.3 - Le strutture di controllo 1 Prerequisiti Istruzioni semplici Strutture di controllo Scittura di semplici applicazioni Java 2 1 Introduzione In molti casi le

Dettagli

Politecnico di Milano

Politecnico di Milano Appello 5 febbraio 2016 Politecnico di Milano Anno accademico 2014-2015 Ingegneria del Software Cognome: DESIGN AND IMPLEMENTATION OF MOBILE APPLICATIONS 24 / 09 / 2015 Nome: Matricola: LAUREANDO Sezione

Dettagli

Costrutti iterativi. Utilizzo dei costrutti iterativi

Costrutti iterativi. Utilizzo dei costrutti iterativi Costrutti iterativi Utilizzo dei costrutti iterativi Costrutti iterativi (1/3) I costrutti iterativi permettono di eseguire ripetutamente del codice Il linguaggio Java mette a disposizione tre costrutti

Dettagli

7 Esercitazione (svolta): Callback. Polling. Java RMI: callback. Server. Server. Client. Client. due possibilità:

7 Esercitazione (svolta): Callback. Polling. Java RMI: callback. Server. Server. Client. Client. due possibilità: 7 Esercitazione (svolta): due possibilità: Java RMI: callback Molte applicazioni richiedono un meccanismo publish/subscribe I partecipanti (client) necessitano di notifiche da parte del coordinatore (server)

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori L-A

Corso di Reti di Calcolatori L-A Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di Reti di Calcolatori L-A Esercitazione 2 (svolta) Socket Java con connessione Luca Foschini Anno accademico 2009/2010 Esercitazione 2 1 Architettura

Dettagli

Compute engine generici in RMI

Compute engine generici in RMI Compute engine generici in RMI Esempio: Calcolo del prodotto scalare Un unico server offre il servizio di calcolo del prodotto scalare tra vettori di interi Un client richiede al server il calcolo del

Dettagli

Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this

Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap > Struttura di una classe > Costruttore > Riferimento

Dettagli

Flussi, lettori e scrittori

Flussi, lettori e scrittori Flussi, lettori e scrittori Per sequenze di byte, InputStream, OutputStream e loro sottoclassi. Es: InputStream in = ; int next = in. read(); if (next!= -1) byte b = (byte) next; Per sequenze di caratteri,

Dettagli

Polimorfismo parametrico vs polimorfismo per inclusione

Polimorfismo parametrico vs polimorfismo per inclusione Polimorfismo parametrico vs polimorfismo per inclusione Esercizio Definire il tipo di dato Stack con operazioni Push( element ) Pop() Non forzare una specifica implementazione Non forzare un tipo specifico

Dettagli

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009 Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Si sviluppi il codice per la gestione di un parcheggio a pagamento mediante la classe Parcheggio, che ospita le auto rappresentate

Dettagli

Riassunto. I mattoni di base di un programma Java. Oggi. Un programma complicato. Oggi. Perché è complicato? Stefano Mizzaro 1.

Riassunto. I mattoni di base di un programma Java. Oggi. Un programma complicato. Oggi. Perché è complicato? Stefano Mizzaro 1. I mattoni di base di un programma Java Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione, lezione 2 28 settembre

Dettagli

Gestione delle eccezioni Individuazione e ripristino parseint Individuazione e ripristino Individuazione e ripristino parseint

Gestione delle eccezioni Individuazione e ripristino parseint Individuazione e ripristino Individuazione e ripristino parseint parseint parseint showinputdialog JOptionPanenull null throw BankAccount IllegalArgumentException amount public class BankAccount { public void withdraw(double amount) { if (balance < amount) { // Parametro

Dettagli

Metodi statici. Dichiarazione e chiamata di metodi statici

Metodi statici. Dichiarazione e chiamata di metodi statici Metodi statici Dichiarazione e chiamata di metodi statici Cos è un metodo Un metodo è un blocco di istruzioni che fornisce una funzionalità e viene identificato con un nome Può avere dei parametri ed un

Dettagli

Esercizio monitor. Sistemi Operativi T 1

Esercizio monitor. Sistemi Operativi T 1 Esercizio monitor Si consideri un piccolo Aereoporto, nel quale sia presente una sola pista, utilizzata sia per i decolli che per gli atterraggi. La pista puo` anche essere percorsa da mezzi di servizio:

Dettagli

Laboratorio di Programmazione 1 [Java]

Laboratorio di Programmazione 1 [Java] Laboratorio di Programmazione 1 [Java] Prova di esame - 7 Settembre 2010 Tempo massimo: 50 minuti Si implementino in Java le classi Tavolo e Ristorante. La classe Tavolo ha i seguenti attributi: numero

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Classi e Oggetti: Metafora Parte a versione 2.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Lettura di dati da input In Java la lettura di dati da input

Dettagli

Unità 2 I file binari

Unità 2 I file binari Dare una breve descrizione dei termini introdotti: (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA file binari file di tipi primitivi file di oggetti serializzazione (B) CONOSCENZA E COMPETENZA Rispondere alle seguenti domande

Dettagli

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari 7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa

Dettagli

Esercitazione n 3. Capacità di analisi e di estensione di progetti esistenti Linguaggio Java:

Esercitazione n 3. Capacità di analisi e di estensione di progetti esistenti Linguaggio Java: Esercitazione n 3 Obiettivi: Capacità di analisi e di estensione di progetti esistenti Linguaggio Java: Ereditarietà delle classi Utilizzo di costruttori e metodi di superclasse Classi astratte Visibilità:

Dettagli

Eccezioni. Comportamento di default (esempio) Propagazione delle eccezioni

Eccezioni. Comportamento di default (esempio) Propagazione delle eccezioni Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione (sede di Latina) Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione (consorzio Nettuno) Eccezioni L esistenza di

Dettagli

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali. Esempio Animali

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali. Esempio Animali Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali 1 Ereditarietà, polimorfismo e altri sporchi trucchi Facciamo un esempio che ci permette di comprendere come vengono utilizzate

Dettagli

Reflection in Java. Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2009-2010

Reflection in Java. Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2009-2010 Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2009-2010 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it Reflection in Java 1 Reflection Riflessione

Dettagli

singoli campi la classe Constructor permette di creare nuovi oggetti.

singoli campi la classe Constructor permette di creare nuovi oggetti. RIFLESSIONE (reflection) Il supporto alla riflessione consente a un programma di ispezionarsi ed operare su se stesso. Tale supporto comrende: la classe Class nel package java.lang; l intero package java.lang.reflect

Dettagli

Esempio: Interfacce. Gioco Interfacce

Esempio: Interfacce. Gioco Interfacce Esempio: Interfacce 1 Descrizione Si supponga di avere delle carte da gioco. Ogni carta rappresenta un Personaggio che può essere di tipo o Umano o Mostro. Un Personaggio di tipo Umano ha una forza fisica

Dettagli

Prima lezione di laboratorio. I mattoni di base di un programma Java. Comandi Unix. Riassunto. Oggi. Un programma complicato.

Prima lezione di laboratorio. I mattoni di base di un programma Java. Comandi Unix. Riassunto. Oggi. Un programma complicato. I mattoni di base di un programma Java Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione, lezione 2 1 ottobre

Dettagli

Unità B3 Strutture di controllo

Unità B3 Strutture di controllo (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA Dare una breve descrizione dei termini introdotti: I/O su console Package Blocco di controllo Oggetto System.out Oggetto System.in Oggetto Tastiera Metodo readline() Strutture

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica e Comunicazione Digitale. a.a. 2006-2007. Interazione Uomo-Macchina. Introduzione a Java.

Corso di Laurea in Informatica e Comunicazione Digitale. a.a. 2006-2007. Interazione Uomo-Macchina. Introduzione a Java. Corso di Laurea in Informatica e Comunicazione Digitale a.a. 2006-2007 Interazione Uomo-Macchina Introduzione a Java Seconda Parte Irene Mazzotta Giovanni Cozzolongo Vincenzo Silvetri 1 Richiami: Java

Dettagli

18 - Vettori. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

18 - Vettori. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 18 - Vettori Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo di.unipi.it Corso di

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA5 B1 Gestione eventi 1 1 Prerequisiti Programmazione base in Java Utilizzo di classi e oggetti AWT o Swing Programmazione ad eventi 2 1 Introduzione Le interfacce create

Dettagli

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali. Esempio Animali

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali. Esempio Animali Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali 1 Ereditarietà, polimorfismo e altri sporchi trucchi Facciamo un esempio che ci permette di comprendere come vengono utilizzate

Dettagli

(VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ-DYD 6RFNHWGLWLSRVWUHDP

(VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ-DYD 6RFNHWGLWLSRVWUHDP (VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ-DYD 6RFNHWGLWLSRVWUHDP D (FKR&OLHQWH6HUYHU Sviluppare un applicazione C/S in cui: il server attende una connessione da parte del client (su MDYDQHW6HUYHU6RFNHW), usa la

Dettagli

Esempio: Interfacce. Gioco Interfacce

Esempio: Interfacce. Gioco Interfacce Esempio: Interfacce 1 Descrizione Si supponga di avere delle carte da gioco. Ogni carta rappresenta un Personaggio che può essere di tipo o Umano o Mostro. Un Personaggio di tipo Umano ha una forza fisica

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA6 A1 I file testo 1 Prerequisiti Programmazione base in Java Utilizzo di classi e oggetti Modello produttore consumatore Operazioni logiche su struttura file 2 1 Introduzione

Dettagli

Prova d Esame 07.04.2006 Compito A

Prova d Esame 07.04.2006 Compito A DOMANDA 1 (6 punti) Si analizzi il codice seguente e si scriva l output prodotto dai metodi main public class General { public static String s1 = "Ciao"; protected int n; public General() { n = 1; public

Dettagli

Restrizioni per la sicurezza

Restrizioni per la sicurezza Applets Applet = programma Java che può essere invocato all interno di un file.html ed eseguito da un browser web, es. C:\Files> explorer MioFile.html un appletviewer, es. C:\Files> appletviewer MioFile.html

Dettagli

Esercizio 6 Realizzare una classe astratta per le Figure piane e due sottoclassi, la sottoclasse Quadrato e la sottoclasse Rettangolo.

Esercizio 6 Realizzare una classe astratta per le Figure piane e due sottoclassi, la sottoclasse Quadrato e la sottoclasse Rettangolo. Esercizio 6 Realizzare una classe astratta per le Figure piane e due sottoclassi, la sottoclasse Quadrato e la sottoclasse Rettangolo. public abstract class FiguraPiana2{ private double base; public FiguraPiana2(double

Dettagli

Gestione delle eccezioni

Gestione delle eccezioni Gestione delle eccezioni Raffaella Brighi, a.a. 2007/08 Ereditarietà Corso di Algoritmi e programmazione. A.A. 2007-08 CdL Operatore Informatico Giuridico. Casi di insuccesso Vi sono numerosi problemi

Dettagli

Chiamata delle funzioni JavaScript da un applet

Chiamata delle funzioni JavaScript da un applet Chiamata delle funzioni JavaScript da un applet Il codice Java delle applet può essere eseguito nei browser Web su cui è presente il Java Plug-in, un meccanismo che gestisce le interazioni tra i browser

Dettagli

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Programmazione a Oggetti e JAVA Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Sommario Gestione degli errori Eccezioni Categorie di eccezioni checked unchecked Gestione delle eccezioni Clausola throws Costrutto try

Dettagli

Fondamenti di informatica T-1 (A K) Esercitazione 2: Linguaggio Java, basi e controllo del flusso

Fondamenti di informatica T-1 (A K) Esercitazione 2: Linguaggio Java, basi e controllo del flusso Fondamenti di informatica T-1 (A K) Esercitazione 2: Linguaggio Java, basi e controllo del flusso AA 2015/2016 Tutor: Vincenzo Lomonaco vincenzo.lomonaco@unibo.it Programma Introduzione al calcolatore

Dettagli

Cifratura simmetrica

Cifratura simmetrica Cifratura Cifratura simmetrica Alice canale insicuro Bob 2 Cifratura simmetrica m Algoritmo di decifratura m Alice canale insicuro Algoritmo di cifratura Bob 3 Cifrari simmetrici chiave privata k chiave

Dettagli

Programmazione II Compitino (Vers. B)

Programmazione II Compitino (Vers. B) Programmazione II Compitino (Vers. B) 15 gennaio 2015 Cognome Jackson Nome Michael Matricola 696969 Anno di corso 1 Nei seguenti quesiti, quando vi è richiesto di scrivere un programma, potete limitarvi

Dettagli

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B DOMANDA 1 (6 punti) Si analizzi il codice seguente e si scriva l output prodotto dai metodi main public class General { public static String s1 = "ciao"; protected int n; public General() { n = 3; public

Dettagli

Applicazioni web. Parte 10 Socket. Alberto Ferrari

Applicazioni web. Parte 10 Socket. Alberto Ferrari Applicazioni web Parte 10 Socket Protocolli I computer collegati ad Internet comunicano tra loro usando il Transmission Control Protocol (TCP) o lo User Datagram Protocol (UDP) Quando si scrivono programmi

Dettagli

Ottava Esercitazione. introduzione ai thread java mutua esclusione

Ottava Esercitazione. introduzione ai thread java mutua esclusione Ottava Esercitazione introduzione ai thread java mutua esclusione Agenda Esempio 1 Concorrenza in Java: creazione ed attivazione di thread concorrenti. Esercizio 2 da svolgere Concorrenza in Java: sincronizzazione

Dettagli

Linguaggio Java. Testo adottato: S. Mizzaro, Introduzione alla programmazione con il linguaggio Java.

Linguaggio Java. Testo adottato: S. Mizzaro, Introduzione alla programmazione con il linguaggio Java. Linguaggio Java Testo adottato: S. Mizzaro, Introduzione alla programmazione con il linguaggio Java. Altri testi consigliati: G. Pighizzini, M. Ferrari, Dai fondamenti agli oggetti Addison Wesley, 2005.

Dettagli

Interfacce e polimorfismo

Interfacce e polimorfismo Interfacce e polimorfismo La classe DataSet Serve a computare la media di un insieme di valori numerici public class DataSet Costruisce un insiemevuoto public DataSet() sum = 0; count = 0; minimum = 0;

Dettagli

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali 1 Ereditarietà, polimorfismo e altri sporchi trucchi Facciamo un esempio che ci permette di comprendere come vengono utilizzate

Dettagli