Il ruolo e le attività AGCOM nel mutevole scenario delle Comunicazioni e New Media

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ruolo e le attività AGCOM nel mutevole scenario delle Comunicazioni e New Media"

Transcript

1 Il ruolo e le attività AGCOM nel mutevole scenario delle Comunicazioni e New Media Fulvio Ananasso Direttore Studi, Ricerca e Formazione

2 SOMMARIO 1. L Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni 2. Programma di ricerca ISBUL 3. Programmi di ricerca sui Contenuti 4. Altre attività di studio e ricerca 1/83

3 SOMMARIO 1. L Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni 2. Il programma di ricerca ISBUL 3. I programmi di ricerca sui Contenuti 4. Altre attività di studio e ricerca 2/83

4 Operators, by means of: implementation of liberalization in the telecommunication market through regulation and supervision activities, and through dispute resolution; rationalization of resources in audiovisuals; application of antitrust rules in the field of communications, inquiries on dominant positions; organization of the Registry of Communication Operators (ROC). Consumers, by means of: strict control on quality and distribution of services & products -- including advertisement; resolution of disputes between Operators and Consumers; regulation of universal service and creation of specific rules aimed at safeguarding socially vulnerable categories; fostering and safeguarding political, social and economic pluralism in broadcasting; enforcement of copyright of audiovisual and software products. AGCOM as a guarantor towards: 3/83

5 Law 249/97 established AGCOM as a convergent Authority, aiming at regulating Telecommunication, Broadcasting and Media / Publishing sectors, addressing the whole communication services convergent approach. AGCOM as a convergent Authority The convergent approach takes into account deep changes caused by "digital revolution" which has blurred the boundaries between different medias, whose contents images, data, voice are becoming more and more interactive. Telephone, TV and Personal Computer are getting more and more integrated, creating common platforms where technologies converge and increase services offered to public. The AGCOM convergent model is almost unique in the international scenario, and many countries are looking at it with growing interest. 4/83

6 AGCOM areas of competency TELECOMMUNICATIONS: Interconnection and Access, numbering plan, price regulation, Universal Service Obligations, Quality of Service, dispute resolution, AUDIOVISUAL: channel allocation, Advertising, protection of minors, enforcement of compliance with applicable antitrust legislation and pluralism principle PRESS: monitoring on cross-ownership in the media sector COPYRIGHT: monitoring compliance with regulations CONFLICT OF INTERESTS (communications sector): monitoring compliance with regulations 5/83

7 Il framework europeo di riferimento (1/5) Grado di convergenza delle Autorità SPETTRO NUMERAZIONE SERVIZI POSTALI AUDIOVISIVO TUTELA DEI CONSUMATORI 6/83

8 Il framework europeo di riferimento (2/5) Grado di integrazione delle Autorità TELECOMUNICAZIONI AUDIOVISIVO RETE GAS SERVIZI POSTALI SICUREZZA ICT RETE ELETTRICA RETE FERROVIARIA CONCORRENZA 7/83

9 Il framework europeo di riferimento (3/5) Regolazione market-based in Europa: i tre stadi Stadio 1: Identificare i mercati suscettibili di regolazione ex-ante (three criteria test) Barriere all ingresso elevate e non-transitorie Nessuna tendenza verso una maggiore concorrenza Insufficienza delle leggi sulla concorrenza Stadio 2: Identicare l operatore dominante (SMP test) Stadio 3: Imporre remedies 8/83

10 Il framework europeo di riferimento (4/5) I razionali della regolamentazione Meglio avere regole specifiche che ampliare le leggi sulla concorrenza La regolazione è ex-ante, la concorrenza è ex-post Le NRA hanno dei vantaggi funzionali sulle NCA La regolazione si applica quando le leggi sulla concorrenza non sono sufficienti La regolazione viene rivista periodicamente anche in base ai cambiamenti tecnologici 9/83

11 Il framework europeo di riferimento (5/5) Le differenze tra NRA e NCA REGOLAMENTAZIONE Identificazione dei mercati suscettibili di intervento Definizione del mercato Significativo potere di mercato Rischio di fallimento di mercato in caso di mancata regolamentazione Remedies (trasparenza, controllo dei prezzi, ) CONCORRENZA Definizione del mercato Posizione dominante Intese e/o abusi Sanzioni e obblighi 10/83

12 Le sfide regolamentari (1/3) Le nuove architetture di rete fissa Next Generation Access Today 11/83

13 Le sfide regolamentari (2/3) La necessità di una gestione dello spettro più efficiente Negli ultimi anni vi è stata una significativa crescita degli utenti di servizi dati mobili, e si attende uno sviluppo ancora più marcato nei prossimi anni. 12/83

14 Le sfide regolamentari (3/3) I contenuti digitali Autonomia, centralità dei contenuti e convergenza Dematerializzazione e disintermediazione dei contenuti ( il fattore Internet ) Evoluzione della struttura del mercato: da oligopolio e integrazione verticale a filiera produttiva caratterizzata da molteplici attori Nuovi attori nella catena del valore (fornitori di connettività, aggregatori, consumatori) Il consumatore come parte attiva (UGC e social network) 13/83

15 Cabinet of ofthe Authority AGCOM Relevant Bodies Chairman Council Commission for for Services & Products (CSP) Commission for for Infrastructures & Networks (CIR) (CIR) General Secretariat Directorates Services 14/83

16 AGCOM Board Members Chairman Corrado Calabrò Council Commission for for Infrastructures & Networks (CIR) Commission for for Services & Products (CSP) Nicola D Angelo Stefano Mannoni Roberto Napoli Enzo Savarese Antonio Martusciello Michele Lauria Gianluigi Magri Sebastiano Sortino 15/83

17 AGCOM Human Resources Staff (as of 1th March 2011): Total: 352 long-term: 278 limited-term: 51 from other Administrations: 23 Council Resolution n. 350/07/CONS, enforced via DPCM 10th July 2007, increased by 25% the new Staff plan to a total of 419 units: Executives: 43 Officials: 226 Operators: 115 Coadjutors: 35 16/83

18 17/83

19 Operating Structure (1st level Units) General Secretariat International affairs Co.Re.Com Board secretariat External relations and press Electronic communication networks and services Audiovisual content and media Market analysis and competition Consumer protection Studies, research and education Directorates Services Legal affairs Supervisory and registry Politics communication and conflict of interests Human resources Budgeting & Control Contractual & General Affairs 18/83

20 AGCOM Mission The two main tasks assigned to AGCOM by Law 249/97 are: i. to ensure equitable conditions for fair market competition, and ii. to protect fundamental rights of all citizens. AGCOM also pursues the goal of Technological Innovation, which stimulates creation of new products and services, new productive cycles and related, increased resources made available; encourages the creation of new languages while promoting computer literacy of citizens towards the "information society". In such context, the Directorate of Studies, Research & Education aims at catalyzing AGCOM s Research & Development initiatives across the domestic (and international), arena, with specific attention to Advanced Education and Telecommunications R & D activities. 19/83

21 SOMMARIO 1. L Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni 2. Il programma di ricerca ISBUL 3. I programmi di ricerca sui Contenuti 4. Altre attività di studio e ricerca 20/83

22 Infrastrutture e Servizi a Banda Larga e UltraLarga Porre le basi per un presidio permanente dell Autorità sulle tematiche tecnologiche, normative, economiche, relative agli aspetti infrastrutturali delle Reti di Nuova Generazione a banda larga e ultra larga, al fine di ottenere risultati utili alla promozione e allo sviluppo delle reti, a vantaggio dell intera collettività, relativamente a: Accesso Fiber To The x (FTTx) nello sviluppo della NGAN Broadband Wireless Access (BWA) Digital Dividend e aspetti connessi all'uso dello Spettro < 3,5 GHz Neutralità della Rete e Sicurezza delle Infrastrutture di TLC Contenuti Audiovisivi e Media Aspetti normativi / opere civili / condivisione condotti e infrastrutture Aspetti economici, Business Planning e opzioni di finanziamento, modelli investimenti pubblici / privati (PPP) Impatto della Regolamentazione sull Economia;. Obiettivi Programma ISBUL 21/83

23 Il Programma di Ricerca, del valore di euro, è articolato su 3 aree disciplinari (Progetti Tecnologico, Economico e Giuridico) e 14 sottoprogetti (Work Packages) completato nel 2010 numerose Università coinvolte, con i più importanti accademici della materia -- Milano (Bocconi e Politecnico), Napoli Federico II, Roma (LUISS, Roma Tre, Sapienza e Tor Vergata), Siena, Politecnico di Torino, Imperial College (Londra) valore aggiunto specifico dalla trasversalità dei temi trattati e dall approccio metodologico che stimola sia gli approfondimenti verticali (all interno delle 3 aree disciplinari), sia quelli interdisciplinari -- temi trasversali ai diversi progetti / sottoprogetti: promozione di investimenti efficienti e condivisione dei rischi ladder of investment e nuovi modelli di accesso gestione della transizione verso le NGN mercati geografici e digital divide digital spectrum dividend Programma ISBUL 22/83

24 Program ProgramManagement F.Ananasso F.Ananasso Steering Committee inter-struttura AGCom (SCom) WP WP 0 (Assistenza (Assistenza Program ProgramManagement) --C.Leporelli C.Leporelli M.Listanti M.Listanti A.Nicita A.Nicita G.Napolitano G.Napolitano PROGETTO PROGETTO Quadro Quadro PROGETTO PROGETTO Quadro Quadro PROGETTO PROGETTO Quadro Quadro Tecnico Tecnico Infrastrutturale Infrastrutturale Economico Economico Regolatorio Regolatorio Giuridico Giuridico Normativo Normativo (QGN) (QGN) (QTI) (QTI) A.Milan A.Milan (QER) (QER) I.Pinto I.Pinto A.Vercelli A.Vercelli WP WP Infrastrutture Infrastrutture di di Rete Rete Fissa Fissa --M.Dècina M.Dècina WP WP Accesso Accesso Radio Radio M.Ajmone M.AjmoneMarsan Marsan WP WP Catasto Catasto Infrastrutture Infrastrutture V.Del V.DelGiudice WP WP NGN NGN Service Service Layer Layer L.Paura L.Paura WP WP Trasmissione Trasmissione contenuti contenuti TV TV // Multimediali Multimediali L.Paura L.Paura WP WP Nuovi Nuovi Modelli Modelli WP WP 3.1.Semplificazione 3.1.Semplificazione Interconnessione Interconnessione Amministrativa Amministrativa C.Cambini C.Cambini G.Napolitano G.Napolitano WP WP Opzioni Opzioni WP WP Servizi Servizi // Finanziamento Finanziamento NGN NGN Applicazioni Applicazioni di di Pubblica Pubblica S.Frova S.Frova Utilità Utilità G.De G.DeMinico WP WP Fattori Fattori Abilitanti Abilitanti WP WP Domanda Domanda di di Servizi Servizi Governance Governancedi di Sistema Sistema A. A. Del Del Monte Monte A.Nicita A.Nicita WP WP Impatto Impatto WP WP Investimenti Investimenti NGN NGN sullo sullo Obblighi Obblighi Co-locazione Co-locazione Sviluppo Sviluppo Economico Economico del del Accordi Accordi Condivisione Condivisione Paese Paese F.Sacco F.Sacco Istallazioni Istallazioni G.Visentini G.Visentini 23/83

25 Digital Divide Province Italiane tasso di penetrazione BB wireline nel 2007 (per 1000 abitanti > 18 anni) N-Ovest N-Est Centro Sud Isole Average Italy = 18,678 % [97-146] [ ] [ ] [ ] (1st quartile) (2nd quartile) (3rd quartile) (4th quartile) 24/83

26 Situazione Regionale 100% 80% 60% 40% 20% 0% kb/s Mb/s Veneto 25/83 Valle d'aosta / Vallee d'aoste Popolazione Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia-Romagna Friuli-Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino-Alto Adige Umbria

27 Expected coverage evolution Optical fiber -- primary areas 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Mb/s Popolazione Area Gradual spreading of ADSL2+ and VDSL intermediate areas digital divide reduction Mbps areas from copper to fiber + copper 26/83

28 State aids only in white areas (market failure) in Europe Public private partnership (PPP) in gray areas? Private investments in black areas full (infrastructure / service) competition Switch off from analogue to digital TV digital spectrum dividend State as facilitator to achieve the necessary levels of investment National strategy on ICT ICT Industrial Policy / digital plan ICT as an accelerator of economic crisis recovery address ICT illitteracy Financing options Role of Government 27/83

29 Digital Divide and USO Direzione Studi, Ricerca e Formazione Effective policy against Digital Divide (DD) needs structural actions to address socio-economic, technological and cultural issues in order to boost BroadBand (BB) adoption in the presence of: technological digital divide cultural digital divide e-government / P.A. BB policy plans to play a major role against DD Universal Service Obligations (USO) definition does not presently include BB services but strong debate in progress on whether or not to extend present USO provisions to BB economical, demographical and cultural situations to estimate optimal BB coverage detect over- and under-performing areas BB access as a new social right -- 4th generation right? New USO approach? from demand spreading to social utility? 28/83

30 Metropolitan Network (optical fiber) SGU / SL OLT ODF Exchange DF Distribution Frame GPON Gigabit Passive Optical Network ODF Optical Distribution Frame OLT Optical Line Termination ONT Optical Network termination P2P Point to Point SDF Subloop Distribution Frame Metropolitan Network (optical fiber) primary optical fiber access network FTTH P2P-vs vs-gpon FTTH P2P - to Home SGU / SL OLT (single fiber per home) ODF Exchange SDF Cabinet secondary optical fiber access network FTTH GPON (single fiber per many homes) primary optical fiber access network - to Home to other Buildings splitter SDF SDF horizontal vertical DF DF manhole indoor adduction secondary optical fiber access network SDF Home ONT floor N floor 0 DF horizontal vertical Home ONT floor N DF to other Homes splitter indoor adduction manhole 29/83

31 OLT OLO 1 OLO 2 OLO n Local Loop Unbundling Wavelength (λ)division Multiplexing (WDM) approach λ 1, λ n+1 λ 2, λ n+2 λ n, λ 2n WDM Switch n:1 Ethernet speed on a single colour: 1, 10, 40 or 100 Gbit/s Infrastructure sharing - WDM λ 1, λ 2,..., λ n λ n+1, λ n+2,..., λ 2n Passive Splitter 1:m λ 1, λ 2,..., λ 2n OLT Optical Line Termination ONT Optical Network Termination OLO Other Licensed Operator λ 1, λ 2,..., λ 2n ONT... λ 1, λ n+1 λ 2, λ n+2 λ 2, λ n+2 λ 3, λ n+3 λ n, λ 2n coarse WDM: up to 18 colours dense WDM: up to 162 colours 30/83

32 Struttura del modello Mercato ARPU MERCATO la domanda (il mercato) Servizi Accesso Operatori Canone OPCO OPCO OPCO OPCO vari operatori TLC (service provider) Rete Accesso NGNCo una rete NGN (monopolio naturale) Variabili del modello Costo del capitale Valore della rete in rame di TI Condizioni di equilibrio Canone in unbundling per il mercato wholesale Dinamica del take-up del ARPU minimo per il mercato retail servizio ultrabroadband 31/83

33 NGAN economics (Italy) Italy: ~60 million population; ~27 million fixed lines UBB coverage options: 20% (~5.5 m lines), 50% (~13,5 m lines) UBB lines take up rate: from ~40% to % in 10 years Network architecture options: FTTB, FTTH Access technology options: GPON, P2P total replacement copper network value (5-to-15 b ) WACC 5-to-8% NGN CapEx % coverage (750 1,000 / UBB line) P2P costs from ~10% (FTTB) to ~35% (FTTH) higher than GPON NGN access fee / required ARPU to break even -- higher than with conventional lines Source: ISBUL WP2.2 NGN Financing Options 32/83

34 NGA impact on domestic economy Population Population Cost Cost Total Total effects effects multiplier multiplier equivalent equivalent Covered Covered Architecture Architecture billion billion New New jobs jobs ( ( bill.) bill.) (total (total eff./cost) eff./cost) GDP GDP increase increase % min min max max min min max max min min max max 91% 91% mixed mixed P2P P2P // GPON GPON 15,5 15, ,9 109,9 785,8 785,8 7,1 7,1 50,7 50,7 0,7 0,7 5,1 5,1 50% 50% FTTH FTTH P2P P2P 13,3 13, ,6 66,6 438,0 438,0 5,0 5,0 32,9 32,9 0,4 0,4 2,9 2,9 20% 20% FTTB FTTB GPON GPON 3,0 3, ,6 23,6 172,1 172,1 7,9 7,9 57,4 57,4 0,2 0,2 1,1 1,1 Source: ISBUL WP2.4 NGN Investments Impact on Country Economic Development 33/83

35 basic BroadBand (bbb): 2 Mbps to everyone copper local loop - best effort / no QoS, typically asymmetric (up / downstream) e-government; e-banking; basic e-health / e-education / e-home; wireless possible also anti digital divide (rural / underserved areas) extended (or Fast) BroadBand (ebb / FBB): 7 20 Mbps symmetry / QoS / speed not guaranteed (focus on average speed) copper local loop (FTTC) - ATT, Qualcomm, Belgacom, BT,. web 2.0, photo / file transfer, fair quality TV, music, videoclips,.. wireless possible (HSPA, LTE, ) caveat on # of users in the cell Ultra (or Super Fast) BroadBand (UBB - SFB): > 30 Mbps, trend Mbps -- QoS / speed / link symmetry guaranteed substantially optical technologies wireless breakthroughs possible Radio over Fiber (RoF) outdoor islands Femtocells (with FTTH) in general terms: : BB < ~10 0 Mbps; UBB > ~30 Mbps Broadband-vs vs-ultra Broadband 34/83

36 Fixed / wireless broadband technologies ~ 5 years the gap between the two classes of technologies tends to remain ~constant 35/83

37 Copper-vs vs-fiber Optics Curb xdsl: xdigital Subscriber Line Home NT: Network Termination OLT: Optical Line Termination Local Exchange Cabinet Building copper ONU: Optical Network Unit UNI: User Network Interface UNI OLT NT FTTEx ADSL OLT ONU NT FTTCab ADSL/VDSL OLT ONU NT FTTC/ FTTB VDSL OLT fiber NT ONU FTTH 36/83

38 Capital & Operating Expenditures (CapEx / OpEx) CapEx: substantially (60%-80%) civil works costs home passed / connected OpEx: NTT / Verizon: 40-60% OpEx decrease with FTTH networks w.r.t. copper local loop 37/83

39 Aerial Access Network (Japan) 38/83

40 World BB & UBB Subscribers (4Q2009) ~470 million wireline subscribers -- ~410 million BB (xdsl & Cable Modem + other); ~60 million UBB FTTx ~250 million BB wireless subscribers -- ~20 million WiMAX, ~230 million HSPA + other Broadband & UltraBroadband Subscribers per access technology (millions) Geographic Area DSL Cable FTTx WiMAX Western Europe 93,86 17,16 2,16 Eastern Europe 17,06 5,37 4,73 4,07 North America 36,87 49,74 5,50 6,25 South America 21,14 8,94 0,02 2,14 Asia Pacific 26,05 11,59 27,15 Southern & Eastern Asia 94,98 1,41 20,79 5,99 Middle East & Africa 12,52 0,90 0,17 1,46 World BB & UBB 302,48 (~65%) 95,11 (~20%) 60,52 (~13%) 19,91 (~8%) Fonte: Elaborazioni su Point Topic, Idate, GigaOM e WiMAX Forum 39/83

41 Japan - UBB In Japan, FTTH exceeded ADSL in 2Q08 Fonte: Ministry of Internal Affairs and Communications 40/83

42 EU27 Broadband Penetration (4Q09) (BB lines per 100 population) Italy: ~60 m people ~12,4 m lines (~12 m DSL) EU27: ~500 m people ~124 m lines Fonte: Elaborazioni su EU Communications Committee e Eurostat 41/83

43 Fonte: Elaborazioni su OECD e Idate EU BB statistics (4Q09) Ripartizione degli abbonati broadband (~120M) Fiber-to-the-Premises (FTTP) rappresenta il 5% degli abbonati broadband Ripartizione degli abbonati ultra-broadband (~6M) La Russia possiede oltre il 50% degli abbonati Fonte: Elaborazioni su Idate Svezia, Italia, Francia, Norvegia e Olanda rappresentano circa il 30% 42/83

44 Top 10 EU BB statistics (4Q09) Ripartizione degli abbonati BB UBB (~85M) Italia Francia Germania Norvegia Slovenia Danimarca Olanda Lituania Russia Svezia 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Fonte: Elaborazioni su Idate e OECD DSL FTTP Cable Altro Norvegia e Svezia hanno una maggiore diffusione della fibra Francia, Germania e Italia presentano un alta percentuale di abbonati DSL (>90%) 43/83

45 EU UBB Household penetration (4Q09) Percentuale di home passed rispetto alle abitazioni totali Fonte: FTTH Council Europe 44/83

46 A dicembre M abbonati 28M home passed 20% grado di utilizzo EU UBB Abbonati [M] I I player playerprincipali sono sono le le multiutilitutility (60%), (60%), seguite seguite dagli dagli OLO OLO multi- (29%) (29%) e dagli dagli incumbent (11%) (11%) Home passed [M] Dic 07 Giu 08 Dic 08 Giu 09 Dic 09 Fonte: Idate 20% 19% 18% 17% 16% 15% 14% 13% 12% Grado di utilizzo 0 Fonte: Idate Dic 07 Giu 08 Dic 08 Giu 09 Dic 09 11% 10% Fonte: Idate Dic 07 Giu 08 Dic 08 Giu 09 Dic 09 45/83

47 EU UBB (FTTP) forecast Fonte: FTTH Council Europe 46/83

48 In termini di abbonati UBB, nei 5 semestri considerati la Top 10 Europa è variata, con un sempre crescente numero di paesi dell Europa orientale. Paesi sempre presenti nella Top Ten Europa da 4Q07 (Danimarca, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Olanda, Russia, Slovenia, Svezia) Paesi presenti nella Top Ten Europa 4Q07 (Spagna) Paesi presenti nella Top Ten Europa 2Q08 (Polonia) Paesi presenti nella Top Ten Europa 2Q09 (Rep. Slovacca) Paesi presenti nella Top Ten Europa 4Q08 e 4Q09 (Lituania) EU Top Ten Europe (1/2) Fonte: Elaborazioni su Idate e Cullen International 47/83

49 EU Top Ten Europe (2/2) Paese FTTP Market (Fiber To The Premises, FTTH + FTTB) Home passed 4Q 2008 Abbonati 4Q 2008 Home passed 2Q 2009 Abbonati 2Q 2009 Home passed 4Q 2009 Abbonati 4Q 2009 Svezia ~ Italia Francia Norvegia Olanda Danimarca Germania Russia Slovenia Lituania Fonte: ISBUL WP 1.1 Fonte: Idate 48/83

50 Italy UBB Degli abbonati a banda larga, il 3% utilizza tecnologia FTTP: di questi, il 95% FTTH e il 5% FTTB. L operatore predominante è Fastweb con più di 2M di home passed e circa 300k abbonati. Dicembre 2007 Giugno 2008 Dicembre 2008 Giugno 2009 Dicembre 2009 Abbonati UBB [migliaia] 271,5 291,5 306,5 324,5 325,0 Home passed UBB [migliaia] 2.062, , , , ,0 Grado di utilizzo 13,2 % 14,1 % 14,5 % 15,2 % 14,8 % Fonte: Elaborazioni su Idate 49/83

51 Regione EMILIA ROMAGNA Reti locali di accesso in fibra ottica Fonte:Elaborazioni su siti dei gestori Gestore Infrastruttura (km) Note LEPIDA 3000 Rete regionale (prevalentemente per la P.A) ACANTHO (HERA) 2000 Province di Modena, Bologna, Imola, Forlì, Cesena, Rimini, Riccione, Ravenna e Ferrara DELTA WEB 250 Ferrara e provincia BT ENIA TEL 850 Province di Parma, Piacenza, e Reggio Emilia FRIULI VENEZIA G. INSIEL (ex MERCURIO) 1200 Rete regionale LIGURIA SASTERNET 250 Comune di Genova METROWEB 2255 Reti MAN e di quartiere (provincia di Milano) Reti di lunga distanza LOMBARDIA ABM ICT 400 Bergamo e provincia AEMCOM 235 Cremona (città e hinterland) Progetto "WI-PIE" 1670 Zone a rischio di esclusione digitale PIEMONTE Progetto "Patti Territoriali" 430 Provincia di Torino AEMnet 140 Torino SARDEGNA RETE TELEMATICA REGIONALE 1190 Rete per connettere varie sedi delle PP.AA. SICILIA SICILIA e-innovazione 3100 Rete regionale e capoluoghi TERRE CABLATE 650 Siena e provincia TOSCANA NETSPRING 100 Grosseto e provincia (P.A.) LUCCA 200 distretti industriali TRENTINO ALTO ADIGE TRENTINO NETWORK 800 Trento e provincia VENETO AGSM 150 Verona ASCO TLC 850 Treviso e provincia 50/83

52 SOMMARIO 1. L Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni 2. Il programma di ricerca ISBUL 3. I programmi di ricerca sui Contenuti 4. Altre attività di studio e ricerca 51/83

53 Iniziative AGCOM sui Contenuti Programma di Ricerca ISBUL (*) ( ) tempo Indagine Conoscitiva Contenuti Digitali (**) Indagine Conoscitiva Tutela Diritto d Autore (***) Indagini Conoscitive VoIP/ P2P e Net Neutrality (****) Programma di Ricerca SCREEN (*****) ( ) (*) (**) (***) (****) (*****) 52/83

54 Iniziative AGCOM sui Contenuti Programma di Ricerca ISBUL (*) ( ) tempo Indagine Conoscitiva Contenuti Digitali (**) Indagine Conoscitiva Tutela Diritto d Autore (***) Indagini Conoscitive VoIP/ P2P e Net Neutrality (****) Programma di Ricerca SCREEN (*****) ( ) (*) (**) (***) (****) (*****) 53/83

55 Il Libro Bianco - il contesto Direzione Studi, Ricerca e Formazione Il Libro Bianco sui Contenuti vede la luce in una fase di grande trasformazione del mondo delle comunicazioni Sviluppo del digitale La diffusione di reti a banda larga Integrazione tra reti e contenuti - convergenza Tutto ciò pone impone di analizzare i fenomeni (mercati) in una una nuova prospettiva. L impatto si presenta in particolare nei settori in cui opera AGCOM (Audiovisivo e Telecomunicazioni) Il Libro Bianco non pretende di fornire la soluzione ai vasti problemi analizzati e tantomeno di fornire soluzioni definitive, ma è una ricognizione ad ampio spettro e un primo indispensabile passo per acquisire gli elementi che possano consentire ad AGCOM di conoscere e interpretare un fenomeno così ampio e complesso al fine di meglio operare. 54/83

56 Il Libro Bianco sui Contenuti (1/5) Attività preparatoria Ascoltati in audizione 54 operatori in Italia, attraverso un indagine conoscitiva iniziata nel novembre 2008; intervistati, a Bruxelles e Londra, esperti e responsabili di importanti procedimenti della Commissione Europea, della Competition Commission UK, di OFCOM e alcuni dei maggiori player internazionali (MPA, BBC); realizzati workshop tematici con esperti del settore; coinvolti Università e primari Centri di Ricerca; consultate 179 fonti bibliografiche (libri, riviste, rapporti di ricerca). 55/83

57 Il Libro Bianco sui Contenuti (2/5) La struttura Il Libro Bianco è organizzato in 3 parti: I parte: convergenza digitale e impatto socio-economico sul sistema della comunicazione e sulla relazione tra media e contenuti. II parte: configurazione del nuovo mercato / i dei contenuti e il suo funzionamento, caratteristiche dal lato della domanda e dell offerta nuova catena del valore, protagonisti e modelli di business, dimensione economica. III parte: riflessioni sugli elementi chiave di una possibile regolamentazione dei contenuti, da realizzare nel rispetto di due principi cardine: la neutralità tecnologica e la neutralità della rete. 56/83

58 Il Libro Bianco sui Contenuti (3/5) Il contesto di riferimento Autonomia, centralità dei contenuti e convergenza. Dematerializzazione e disintermediazione dei contenuti -- il fattore Internet. Evoluzione della struttura del mercato: da oligopolio e integrazione verticale a filiera produttiva caratterizzata da molteplici attori. Nuovi attori nella catena del valore -- fornitori di connettività, aggregatori, consumatori. Il consumatore come parte attiva UGC, social networks,... 57/83

59 Il Libro Bianco sui Contenut (4/5) Le questioni aperte: innovazione e concorrenza Il moltiplicarsi dei prodotti, delle modalità di fruizione e di distribuzione dei contenuti aumenta le possibilità dei consumatori di accesso all informazione e alla conoscenza e amplia i mercati di sfruttamento per l industria. Nasce una serie di problematiche, quali la tutela e la gestione dei diritti digitali, i diritti di proprietà intellettuale, l accessibilità dei contenuti, la tutela della privacy e la tutela dei minori. In questo grande universo in trasformazione, in cui la dimensione geografica nazionale appare inadeguata, è possibile garantire un adeguato level playing field? 58/83

60 La neutralità della rete Gestione della rete, copyright e access to the search I contenuti (video) rappresentano un fattore primario per lo sviluppo della domanda di banda larga e ultra larga e la creazione di meccanismi di gestione della rete - basati sulla qualità del servizio (QoS-vs-best effort) - possono determinare forme di discriminazione potenzialmente arbitrarie. Il possibile conflitto tra l accesso libero e senza limiti ai contenuti e l esigenza manifestata dagli operatori di rete di gestire il traffico Internet sulla propria infrastruttura per evitarne la congestione ha posto al centro del dibattito il tema della network neutrality. Connessi a questi temi (contenuti online) emergono con forza le problematiche del copyright in ambiente digitale e la regolazione (o meno) dei nuovi soggetti forti, coloro che detengono la leve principali dello sviluppo di internet (aggregatori, motori di ricerca). Il Libro Bianco sui Contenuti (5/5) 59/83

61 Iniziative AGCOM sui Contenuti Programma di Ricerca ISBUL (*) ( ) tempo Indagine Conoscitiva Contenuti Digitali (**) Indagine Conoscitiva Tutela Diritto d Autore (***) Indagini Conoscitive VoIP/ P2P e Net Neutrality (****) Programma di Ricerca SCREEN (*****) ( ) (*) (**) (***) (****) (*****) 60/83

62 La possibilità di distribuire e scambiare agevolmente attraverso nuovi canali digitali i contenuti rende possibile che essi, in qualsiasi forma si estrinsechino, vengano distribuiti senza che i legittimi titolari siano in condizione di esercitare un effettivo controllo. L intersezione dei differenti interessi in gioco esprime contrasti sempre più frequenti tra il diritto d autore ed altri istituti fondamentali del nostro ordinamento, in particolare la libertà di espressione, la privacy e il diritto di accesso ad Internet. Dall evoluzione tecnologica e dalle nuove forme di fruizione dei contenuti digitali nasce l esigenza di ricostruire il quadro del diritto d autore in Italia, per garantire un efficace applicazione dello stesso (diritto alla libertà di espressione e all equa remunerazione degli autori), e un adeguata tutela dei diritti dei cittadini (accesso alla cultura e ad Internet, privacy, libertà di espressione). Indagine conoscitiva sul diritto d autore perché? 61/83

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY.

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY. Profilo ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI CISCO NETWORKING ACADEMY Educazione e tecnologia sono due dei più grandi equalizzatori sociali. La prima aiuta le persone

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO 4 NETWORK IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO Giancarlo Lepidi, Roberto Giuseppe Opilio 5 La rete di Telecom Italia ha un cuore antico e il suo futuro, con la sua capacità di innovarsi e di rimanere

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Rapporto sull Innovazione nell Italia delle Regioni

Rapporto sull Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 Rapporto sull Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 Il Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni è un iniziativa CISIS. Il CISIS (Centro Interregionale per i Sistemi informatici, geografici

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Le schede. Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione. L AIR nell Autorità Garante nelle Comunicazioni S 9/2014

Le schede. Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione. L AIR nell Autorità Garante nelle Comunicazioni S 9/2014 Le schede Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione Miriam Giorgio L AIR nell Autorità Garante nelle Comunicazioni S 9/2014 marzo 2014 L AIR NELL AUTORITà GARANTE NELLE COMUNICAZIONI Variazioni

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 History Integrated Mobility Trentino Transport system TRANSPORTATION AREAS Extraurban Services Urban Services Trento P.A. Rovereto Alto Garda Evoluzione

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Francesco Vatalaro Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Mario Lucertini Università di Roma Tor Vergata Padova, Orto Botanico - Aula Emiciclo, 27 Marzo 2015 Contenuti

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict 01NET NETWORK www.01net.it Pag 2 Dati di traffico 01net Network Totale

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA NELLA sua riunione di Consiglio del 1 luglio 2010; VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249,

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

GRUPPO TELECOM ITALIA. Domestic market. Progetto Internalizzazioni Dettaglio Profili

GRUPPO TELECOM ITALIA. Domestic market. Progetto Internalizzazioni Dettaglio Profili GRUPPO TELECOM ITALIA Domestic market Progetto Internalizzazioni Dettaglio Profili 8 maggio 2013 BUSINESS. Assurance Clienti Top 7 addetti front end/help desk - 102 tecnici 1 liv. - 62 specialisti NW La

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione STE è una società di integrazione di sistemi che opera nell Information e Communication Technology applicata alle più innovative e sfidanti aree di mercato. L azienda, a capitale italiano interamente privato,

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

Osservatorio Internet of Things

Osservatorio Internet of Things Osservatorio Internet of Things Internet of Things, mercato e applicazioni: quali segnali dall Italia e dal mondo? Angela Tumino, angela.tumino@polimi.it Innovation Day, 25 Settembre 2014 L Internet of

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli