Il ruolo e le attività AGCOM nel mutevole scenario delle Comunicazioni e New Media

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ruolo e le attività AGCOM nel mutevole scenario delle Comunicazioni e New Media"

Transcript

1 Il ruolo e le attività AGCOM nel mutevole scenario delle Comunicazioni e New Media Fulvio Ananasso Direttore Studi, Ricerca e Formazione

2 SOMMARIO 1. L Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni 2. Programma di ricerca ISBUL 3. Programmi di ricerca sui Contenuti 4. Altre attività di studio e ricerca 1/83

3 SOMMARIO 1. L Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni 2. Il programma di ricerca ISBUL 3. I programmi di ricerca sui Contenuti 4. Altre attività di studio e ricerca 2/83

4 Operators, by means of: implementation of liberalization in the telecommunication market through regulation and supervision activities, and through dispute resolution; rationalization of resources in audiovisuals; application of antitrust rules in the field of communications, inquiries on dominant positions; organization of the Registry of Communication Operators (ROC). Consumers, by means of: strict control on quality and distribution of services & products -- including advertisement; resolution of disputes between Operators and Consumers; regulation of universal service and creation of specific rules aimed at safeguarding socially vulnerable categories; fostering and safeguarding political, social and economic pluralism in broadcasting; enforcement of copyright of audiovisual and software products. AGCOM as a guarantor towards: 3/83

5 Law 249/97 established AGCOM as a convergent Authority, aiming at regulating Telecommunication, Broadcasting and Media / Publishing sectors, addressing the whole communication services convergent approach. AGCOM as a convergent Authority The convergent approach takes into account deep changes caused by "digital revolution" which has blurred the boundaries between different medias, whose contents images, data, voice are becoming more and more interactive. Telephone, TV and Personal Computer are getting more and more integrated, creating common platforms where technologies converge and increase services offered to public. The AGCOM convergent model is almost unique in the international scenario, and many countries are looking at it with growing interest. 4/83

6 AGCOM areas of competency TELECOMMUNICATIONS: Interconnection and Access, numbering plan, price regulation, Universal Service Obligations, Quality of Service, dispute resolution, AUDIOVISUAL: channel allocation, Advertising, protection of minors, enforcement of compliance with applicable antitrust legislation and pluralism principle PRESS: monitoring on cross-ownership in the media sector COPYRIGHT: monitoring compliance with regulations CONFLICT OF INTERESTS (communications sector): monitoring compliance with regulations 5/83

7 Il framework europeo di riferimento (1/5) Grado di convergenza delle Autorità SPETTRO NUMERAZIONE SERVIZI POSTALI AUDIOVISIVO TUTELA DEI CONSUMATORI 6/83

8 Il framework europeo di riferimento (2/5) Grado di integrazione delle Autorità TELECOMUNICAZIONI AUDIOVISIVO RETE GAS SERVIZI POSTALI SICUREZZA ICT RETE ELETTRICA RETE FERROVIARIA CONCORRENZA 7/83

9 Il framework europeo di riferimento (3/5) Regolazione market-based in Europa: i tre stadi Stadio 1: Identificare i mercati suscettibili di regolazione ex-ante (three criteria test) Barriere all ingresso elevate e non-transitorie Nessuna tendenza verso una maggiore concorrenza Insufficienza delle leggi sulla concorrenza Stadio 2: Identicare l operatore dominante (SMP test) Stadio 3: Imporre remedies 8/83

10 Il framework europeo di riferimento (4/5) I razionali della regolamentazione Meglio avere regole specifiche che ampliare le leggi sulla concorrenza La regolazione è ex-ante, la concorrenza è ex-post Le NRA hanno dei vantaggi funzionali sulle NCA La regolazione si applica quando le leggi sulla concorrenza non sono sufficienti La regolazione viene rivista periodicamente anche in base ai cambiamenti tecnologici 9/83

11 Il framework europeo di riferimento (5/5) Le differenze tra NRA e NCA REGOLAMENTAZIONE Identificazione dei mercati suscettibili di intervento Definizione del mercato Significativo potere di mercato Rischio di fallimento di mercato in caso di mancata regolamentazione Remedies (trasparenza, controllo dei prezzi, ) CONCORRENZA Definizione del mercato Posizione dominante Intese e/o abusi Sanzioni e obblighi 10/83

12 Le sfide regolamentari (1/3) Le nuove architetture di rete fissa Next Generation Access Today 11/83

13 Le sfide regolamentari (2/3) La necessità di una gestione dello spettro più efficiente Negli ultimi anni vi è stata una significativa crescita degli utenti di servizi dati mobili, e si attende uno sviluppo ancora più marcato nei prossimi anni. 12/83

14 Le sfide regolamentari (3/3) I contenuti digitali Autonomia, centralità dei contenuti e convergenza Dematerializzazione e disintermediazione dei contenuti ( il fattore Internet ) Evoluzione della struttura del mercato: da oligopolio e integrazione verticale a filiera produttiva caratterizzata da molteplici attori Nuovi attori nella catena del valore (fornitori di connettività, aggregatori, consumatori) Il consumatore come parte attiva (UGC e social network) 13/83

15 Cabinet of ofthe Authority AGCOM Relevant Bodies Chairman Council Commission for for Services & Products (CSP) Commission for for Infrastructures & Networks (CIR) (CIR) General Secretariat Directorates Services 14/83

16 AGCOM Board Members Chairman Corrado Calabrò Council Commission for for Infrastructures & Networks (CIR) Commission for for Services & Products (CSP) Nicola D Angelo Stefano Mannoni Roberto Napoli Enzo Savarese Antonio Martusciello Michele Lauria Gianluigi Magri Sebastiano Sortino 15/83

17 AGCOM Human Resources Staff (as of 1th March 2011): Total: 352 long-term: 278 limited-term: 51 from other Administrations: 23 Council Resolution n. 350/07/CONS, enforced via DPCM 10th July 2007, increased by 25% the new Staff plan to a total of 419 units: Executives: 43 Officials: 226 Operators: 115 Coadjutors: 35 16/83

18 17/83

19 Operating Structure (1st level Units) General Secretariat International affairs Co.Re.Com Board secretariat External relations and press Electronic communication networks and services Audiovisual content and media Market analysis and competition Consumer protection Studies, research and education Directorates Services Legal affairs Supervisory and registry Politics communication and conflict of interests Human resources Budgeting & Control Contractual & General Affairs 18/83

20 AGCOM Mission The two main tasks assigned to AGCOM by Law 249/97 are: i. to ensure equitable conditions for fair market competition, and ii. to protect fundamental rights of all citizens. AGCOM also pursues the goal of Technological Innovation, which stimulates creation of new products and services, new productive cycles and related, increased resources made available; encourages the creation of new languages while promoting computer literacy of citizens towards the "information society". In such context, the Directorate of Studies, Research & Education aims at catalyzing AGCOM s Research & Development initiatives across the domestic (and international), arena, with specific attention to Advanced Education and Telecommunications R & D activities. 19/83

21 SOMMARIO 1. L Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni 2. Il programma di ricerca ISBUL 3. I programmi di ricerca sui Contenuti 4. Altre attività di studio e ricerca 20/83

22 Infrastrutture e Servizi a Banda Larga e UltraLarga Porre le basi per un presidio permanente dell Autorità sulle tematiche tecnologiche, normative, economiche, relative agli aspetti infrastrutturali delle Reti di Nuova Generazione a banda larga e ultra larga, al fine di ottenere risultati utili alla promozione e allo sviluppo delle reti, a vantaggio dell intera collettività, relativamente a: Accesso Fiber To The x (FTTx) nello sviluppo della NGAN Broadband Wireless Access (BWA) Digital Dividend e aspetti connessi all'uso dello Spettro < 3,5 GHz Neutralità della Rete e Sicurezza delle Infrastrutture di TLC Contenuti Audiovisivi e Media Aspetti normativi / opere civili / condivisione condotti e infrastrutture Aspetti economici, Business Planning e opzioni di finanziamento, modelli investimenti pubblici / privati (PPP) Impatto della Regolamentazione sull Economia;. Obiettivi Programma ISBUL 21/83

23 Il Programma di Ricerca, del valore di euro, è articolato su 3 aree disciplinari (Progetti Tecnologico, Economico e Giuridico) e 14 sottoprogetti (Work Packages) completato nel 2010 numerose Università coinvolte, con i più importanti accademici della materia -- Milano (Bocconi e Politecnico), Napoli Federico II, Roma (LUISS, Roma Tre, Sapienza e Tor Vergata), Siena, Politecnico di Torino, Imperial College (Londra) valore aggiunto specifico dalla trasversalità dei temi trattati e dall approccio metodologico che stimola sia gli approfondimenti verticali (all interno delle 3 aree disciplinari), sia quelli interdisciplinari -- temi trasversali ai diversi progetti / sottoprogetti: promozione di investimenti efficienti e condivisione dei rischi ladder of investment e nuovi modelli di accesso gestione della transizione verso le NGN mercati geografici e digital divide digital spectrum dividend Programma ISBUL 22/83

24 Program ProgramManagement F.Ananasso F.Ananasso Steering Committee inter-struttura AGCom (SCom) WP WP 0 (Assistenza (Assistenza Program ProgramManagement) --C.Leporelli C.Leporelli M.Listanti M.Listanti A.Nicita A.Nicita G.Napolitano G.Napolitano PROGETTO PROGETTO Quadro Quadro PROGETTO PROGETTO Quadro Quadro PROGETTO PROGETTO Quadro Quadro Tecnico Tecnico Infrastrutturale Infrastrutturale Economico Economico Regolatorio Regolatorio Giuridico Giuridico Normativo Normativo (QGN) (QGN) (QTI) (QTI) A.Milan A.Milan (QER) (QER) I.Pinto I.Pinto A.Vercelli A.Vercelli WP WP Infrastrutture Infrastrutture di di Rete Rete Fissa Fissa --M.Dècina M.Dècina WP WP Accesso Accesso Radio Radio M.Ajmone M.AjmoneMarsan Marsan WP WP Catasto Catasto Infrastrutture Infrastrutture V.Del V.DelGiudice WP WP NGN NGN Service Service Layer Layer L.Paura L.Paura WP WP Trasmissione Trasmissione contenuti contenuti TV TV // Multimediali Multimediali L.Paura L.Paura WP WP Nuovi Nuovi Modelli Modelli WP WP 3.1.Semplificazione 3.1.Semplificazione Interconnessione Interconnessione Amministrativa Amministrativa C.Cambini C.Cambini G.Napolitano G.Napolitano WP WP Opzioni Opzioni WP WP Servizi Servizi // Finanziamento Finanziamento NGN NGN Applicazioni Applicazioni di di Pubblica Pubblica S.Frova S.Frova Utilità Utilità G.De G.DeMinico WP WP Fattori Fattori Abilitanti Abilitanti WP WP Domanda Domanda di di Servizi Servizi Governance Governancedi di Sistema Sistema A. A. Del Del Monte Monte A.Nicita A.Nicita WP WP Impatto Impatto WP WP Investimenti Investimenti NGN NGN sullo sullo Obblighi Obblighi Co-locazione Co-locazione Sviluppo Sviluppo Economico Economico del del Accordi Accordi Condivisione Condivisione Paese Paese F.Sacco F.Sacco Istallazioni Istallazioni G.Visentini G.Visentini 23/83

25 Digital Divide Province Italiane tasso di penetrazione BB wireline nel 2007 (per 1000 abitanti > 18 anni) N-Ovest N-Est Centro Sud Isole Average Italy = 18,678 % [97-146] [ ] [ ] [ ] (1st quartile) (2nd quartile) (3rd quartile) (4th quartile) 24/83

26 Situazione Regionale 100% 80% 60% 40% 20% 0% kb/s Mb/s Veneto 25/83 Valle d'aosta / Vallee d'aoste Popolazione Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia-Romagna Friuli-Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino-Alto Adige Umbria

27 Expected coverage evolution Optical fiber -- primary areas 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Mb/s Popolazione Area Gradual spreading of ADSL2+ and VDSL intermediate areas digital divide reduction Mbps areas from copper to fiber + copper 26/83

28 State aids only in white areas (market failure) in Europe Public private partnership (PPP) in gray areas? Private investments in black areas full (infrastructure / service) competition Switch off from analogue to digital TV digital spectrum dividend State as facilitator to achieve the necessary levels of investment National strategy on ICT ICT Industrial Policy / digital plan ICT as an accelerator of economic crisis recovery address ICT illitteracy Financing options Role of Government 27/83

29 Digital Divide and USO Direzione Studi, Ricerca e Formazione Effective policy against Digital Divide (DD) needs structural actions to address socio-economic, technological and cultural issues in order to boost BroadBand (BB) adoption in the presence of: technological digital divide cultural digital divide e-government / P.A. BB policy plans to play a major role against DD Universal Service Obligations (USO) definition does not presently include BB services but strong debate in progress on whether or not to extend present USO provisions to BB economical, demographical and cultural situations to estimate optimal BB coverage detect over- and under-performing areas BB access as a new social right -- 4th generation right? New USO approach? from demand spreading to social utility? 28/83

30 Metropolitan Network (optical fiber) SGU / SL OLT ODF Exchange DF Distribution Frame GPON Gigabit Passive Optical Network ODF Optical Distribution Frame OLT Optical Line Termination ONT Optical Network termination P2P Point to Point SDF Subloop Distribution Frame Metropolitan Network (optical fiber) primary optical fiber access network FTTH P2P-vs vs-gpon FTTH P2P - to Home SGU / SL OLT (single fiber per home) ODF Exchange SDF Cabinet secondary optical fiber access network FTTH GPON (single fiber per many homes) primary optical fiber access network - to Home to other Buildings splitter SDF SDF horizontal vertical DF DF manhole indoor adduction secondary optical fiber access network SDF Home ONT floor N floor 0 DF horizontal vertical Home ONT floor N DF to other Homes splitter indoor adduction manhole 29/83

31 OLT OLO 1 OLO 2 OLO n Local Loop Unbundling Wavelength (λ)division Multiplexing (WDM) approach λ 1, λ n+1 λ 2, λ n+2 λ n, λ 2n WDM Switch n:1 Ethernet speed on a single colour: 1, 10, 40 or 100 Gbit/s Infrastructure sharing - WDM λ 1, λ 2,..., λ n λ n+1, λ n+2,..., λ 2n Passive Splitter 1:m λ 1, λ 2,..., λ 2n OLT Optical Line Termination ONT Optical Network Termination OLO Other Licensed Operator λ 1, λ 2,..., λ 2n ONT... λ 1, λ n+1 λ 2, λ n+2 λ 2, λ n+2 λ 3, λ n+3 λ n, λ 2n coarse WDM: up to 18 colours dense WDM: up to 162 colours 30/83

32 Struttura del modello Mercato ARPU MERCATO la domanda (il mercato) Servizi Accesso Operatori Canone OPCO OPCO OPCO OPCO vari operatori TLC (service provider) Rete Accesso NGNCo una rete NGN (monopolio naturale) Variabili del modello Costo del capitale Valore della rete in rame di TI Condizioni di equilibrio Canone in unbundling per il mercato wholesale Dinamica del take-up del ARPU minimo per il mercato retail servizio ultrabroadband 31/83

33 NGAN economics (Italy) Italy: ~60 million population; ~27 million fixed lines UBB coverage options: 20% (~5.5 m lines), 50% (~13,5 m lines) UBB lines take up rate: from ~40% to % in 10 years Network architecture options: FTTB, FTTH Access technology options: GPON, P2P total replacement copper network value (5-to-15 b ) WACC 5-to-8% NGN CapEx % coverage (750 1,000 / UBB line) P2P costs from ~10% (FTTB) to ~35% (FTTH) higher than GPON NGN access fee / required ARPU to break even -- higher than with conventional lines Source: ISBUL WP2.2 NGN Financing Options 32/83

34 NGA impact on domestic economy Population Population Cost Cost Total Total effects effects multiplier multiplier equivalent equivalent Covered Covered Architecture Architecture billion billion New New jobs jobs ( ( bill.) bill.) (total (total eff./cost) eff./cost) GDP GDP increase increase % min min max max min min max max min min max max 91% 91% mixed mixed P2P P2P // GPON GPON 15,5 15, ,9 109,9 785,8 785,8 7,1 7,1 50,7 50,7 0,7 0,7 5,1 5,1 50% 50% FTTH FTTH P2P P2P 13,3 13, ,6 66,6 438,0 438,0 5,0 5,0 32,9 32,9 0,4 0,4 2,9 2,9 20% 20% FTTB FTTB GPON GPON 3,0 3, ,6 23,6 172,1 172,1 7,9 7,9 57,4 57,4 0,2 0,2 1,1 1,1 Source: ISBUL WP2.4 NGN Investments Impact on Country Economic Development 33/83

35 basic BroadBand (bbb): 2 Mbps to everyone copper local loop - best effort / no QoS, typically asymmetric (up / downstream) e-government; e-banking; basic e-health / e-education / e-home; wireless possible also anti digital divide (rural / underserved areas) extended (or Fast) BroadBand (ebb / FBB): 7 20 Mbps symmetry / QoS / speed not guaranteed (focus on average speed) copper local loop (FTTC) - ATT, Qualcomm, Belgacom, BT,. web 2.0, photo / file transfer, fair quality TV, music, videoclips,.. wireless possible (HSPA, LTE, ) caveat on # of users in the cell Ultra (or Super Fast) BroadBand (UBB - SFB): > 30 Mbps, trend Mbps -- QoS / speed / link symmetry guaranteed substantially optical technologies wireless breakthroughs possible Radio over Fiber (RoF) outdoor islands Femtocells (with FTTH) in general terms: : BB < ~10 0 Mbps; UBB > ~30 Mbps Broadband-vs vs-ultra Broadband 34/83

36 Fixed / wireless broadband technologies ~ 5 years the gap between the two classes of technologies tends to remain ~constant 35/83

37 Copper-vs vs-fiber Optics Curb xdsl: xdigital Subscriber Line Home NT: Network Termination OLT: Optical Line Termination Local Exchange Cabinet Building copper ONU: Optical Network Unit UNI: User Network Interface UNI OLT NT FTTEx ADSL OLT ONU NT FTTCab ADSL/VDSL OLT ONU NT FTTC/ FTTB VDSL OLT fiber NT ONU FTTH 36/83

38 Capital & Operating Expenditures (CapEx / OpEx) CapEx: substantially (60%-80%) civil works costs home passed / connected OpEx: NTT / Verizon: 40-60% OpEx decrease with FTTH networks w.r.t. copper local loop 37/83

39 Aerial Access Network (Japan) 38/83

40 World BB & UBB Subscribers (4Q2009) ~470 million wireline subscribers -- ~410 million BB (xdsl & Cable Modem + other); ~60 million UBB FTTx ~250 million BB wireless subscribers -- ~20 million WiMAX, ~230 million HSPA + other Broadband & UltraBroadband Subscribers per access technology (millions) Geographic Area DSL Cable FTTx WiMAX Western Europe 93,86 17,16 2,16 Eastern Europe 17,06 5,37 4,73 4,07 North America 36,87 49,74 5,50 6,25 South America 21,14 8,94 0,02 2,14 Asia Pacific 26,05 11,59 27,15 Southern & Eastern Asia 94,98 1,41 20,79 5,99 Middle East & Africa 12,52 0,90 0,17 1,46 World BB & UBB 302,48 (~65%) 95,11 (~20%) 60,52 (~13%) 19,91 (~8%) Fonte: Elaborazioni su Point Topic, Idate, GigaOM e WiMAX Forum 39/83

41 Japan - UBB In Japan, FTTH exceeded ADSL in 2Q08 Fonte: Ministry of Internal Affairs and Communications 40/83

42 EU27 Broadband Penetration (4Q09) (BB lines per 100 population) Italy: ~60 m people ~12,4 m lines (~12 m DSL) EU27: ~500 m people ~124 m lines Fonte: Elaborazioni su EU Communications Committee e Eurostat 41/83

43 Fonte: Elaborazioni su OECD e Idate EU BB statistics (4Q09) Ripartizione degli abbonati broadband (~120M) Fiber-to-the-Premises (FTTP) rappresenta il 5% degli abbonati broadband Ripartizione degli abbonati ultra-broadband (~6M) La Russia possiede oltre il 50% degli abbonati Fonte: Elaborazioni su Idate Svezia, Italia, Francia, Norvegia e Olanda rappresentano circa il 30% 42/83

44 Top 10 EU BB statistics (4Q09) Ripartizione degli abbonati BB UBB (~85M) Italia Francia Germania Norvegia Slovenia Danimarca Olanda Lituania Russia Svezia 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Fonte: Elaborazioni su Idate e OECD DSL FTTP Cable Altro Norvegia e Svezia hanno una maggiore diffusione della fibra Francia, Germania e Italia presentano un alta percentuale di abbonati DSL (>90%) 43/83

45 EU UBB Household penetration (4Q09) Percentuale di home passed rispetto alle abitazioni totali Fonte: FTTH Council Europe 44/83

46 A dicembre M abbonati 28M home passed 20% grado di utilizzo EU UBB Abbonati [M] I I player playerprincipali sono sono le le multiutilitutility (60%), (60%), seguite seguite dagli dagli OLO OLO multi- (29%) (29%) e dagli dagli incumbent (11%) (11%) Home passed [M] Dic 07 Giu 08 Dic 08 Giu 09 Dic 09 Fonte: Idate 20% 19% 18% 17% 16% 15% 14% 13% 12% Grado di utilizzo 0 Fonte: Idate Dic 07 Giu 08 Dic 08 Giu 09 Dic 09 11% 10% Fonte: Idate Dic 07 Giu 08 Dic 08 Giu 09 Dic 09 45/83

47 EU UBB (FTTP) forecast Fonte: FTTH Council Europe 46/83

48 In termini di abbonati UBB, nei 5 semestri considerati la Top 10 Europa è variata, con un sempre crescente numero di paesi dell Europa orientale. Paesi sempre presenti nella Top Ten Europa da 4Q07 (Danimarca, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Olanda, Russia, Slovenia, Svezia) Paesi presenti nella Top Ten Europa 4Q07 (Spagna) Paesi presenti nella Top Ten Europa 2Q08 (Polonia) Paesi presenti nella Top Ten Europa 2Q09 (Rep. Slovacca) Paesi presenti nella Top Ten Europa 4Q08 e 4Q09 (Lituania) EU Top Ten Europe (1/2) Fonte: Elaborazioni su Idate e Cullen International 47/83

49 EU Top Ten Europe (2/2) Paese FTTP Market (Fiber To The Premises, FTTH + FTTB) Home passed 4Q 2008 Abbonati 4Q 2008 Home passed 2Q 2009 Abbonati 2Q 2009 Home passed 4Q 2009 Abbonati 4Q 2009 Svezia ~ Italia Francia Norvegia Olanda Danimarca Germania Russia Slovenia Lituania Fonte: ISBUL WP 1.1 Fonte: Idate 48/83

50 Italy UBB Degli abbonati a banda larga, il 3% utilizza tecnologia FTTP: di questi, il 95% FTTH e il 5% FTTB. L operatore predominante è Fastweb con più di 2M di home passed e circa 300k abbonati. Dicembre 2007 Giugno 2008 Dicembre 2008 Giugno 2009 Dicembre 2009 Abbonati UBB [migliaia] 271,5 291,5 306,5 324,5 325,0 Home passed UBB [migliaia] 2.062, , , , ,0 Grado di utilizzo 13,2 % 14,1 % 14,5 % 15,2 % 14,8 % Fonte: Elaborazioni su Idate 49/83

51 Regione EMILIA ROMAGNA Reti locali di accesso in fibra ottica Fonte:Elaborazioni su siti dei gestori Gestore Infrastruttura (km) Note LEPIDA 3000 Rete regionale (prevalentemente per la P.A) ACANTHO (HERA) 2000 Province di Modena, Bologna, Imola, Forlì, Cesena, Rimini, Riccione, Ravenna e Ferrara DELTA WEB 250 Ferrara e provincia BT ENIA TEL 850 Province di Parma, Piacenza, e Reggio Emilia FRIULI VENEZIA G. INSIEL (ex MERCURIO) 1200 Rete regionale LIGURIA SASTERNET 250 Comune di Genova METROWEB 2255 Reti MAN e di quartiere (provincia di Milano) Reti di lunga distanza LOMBARDIA ABM ICT 400 Bergamo e provincia AEMCOM 235 Cremona (città e hinterland) Progetto "WI-PIE" 1670 Zone a rischio di esclusione digitale PIEMONTE Progetto "Patti Territoriali" 430 Provincia di Torino AEMnet 140 Torino SARDEGNA RETE TELEMATICA REGIONALE 1190 Rete per connettere varie sedi delle PP.AA. SICILIA SICILIA e-innovazione 3100 Rete regionale e capoluoghi TERRE CABLATE 650 Siena e provincia TOSCANA NETSPRING 100 Grosseto e provincia (P.A.) LUCCA 200 distretti industriali TRENTINO ALTO ADIGE TRENTINO NETWORK 800 Trento e provincia VENETO AGSM 150 Verona ASCO TLC 850 Treviso e provincia 50/83

52 SOMMARIO 1. L Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni 2. Il programma di ricerca ISBUL 3. I programmi di ricerca sui Contenuti 4. Altre attività di studio e ricerca 51/83

53 Iniziative AGCOM sui Contenuti Programma di Ricerca ISBUL (*) ( ) tempo Indagine Conoscitiva Contenuti Digitali (**) Indagine Conoscitiva Tutela Diritto d Autore (***) Indagini Conoscitive VoIP/ P2P e Net Neutrality (****) Programma di Ricerca SCREEN (*****) ( ) (*) (**) (***) (****) (*****) 52/83

54 Iniziative AGCOM sui Contenuti Programma di Ricerca ISBUL (*) ( ) tempo Indagine Conoscitiva Contenuti Digitali (**) Indagine Conoscitiva Tutela Diritto d Autore (***) Indagini Conoscitive VoIP/ P2P e Net Neutrality (****) Programma di Ricerca SCREEN (*****) ( ) (*) (**) (***) (****) (*****) 53/83

55 Il Libro Bianco - il contesto Direzione Studi, Ricerca e Formazione Il Libro Bianco sui Contenuti vede la luce in una fase di grande trasformazione del mondo delle comunicazioni Sviluppo del digitale La diffusione di reti a banda larga Integrazione tra reti e contenuti - convergenza Tutto ciò pone impone di analizzare i fenomeni (mercati) in una una nuova prospettiva. L impatto si presenta in particolare nei settori in cui opera AGCOM (Audiovisivo e Telecomunicazioni) Il Libro Bianco non pretende di fornire la soluzione ai vasti problemi analizzati e tantomeno di fornire soluzioni definitive, ma è una ricognizione ad ampio spettro e un primo indispensabile passo per acquisire gli elementi che possano consentire ad AGCOM di conoscere e interpretare un fenomeno così ampio e complesso al fine di meglio operare. 54/83

56 Il Libro Bianco sui Contenuti (1/5) Attività preparatoria Ascoltati in audizione 54 operatori in Italia, attraverso un indagine conoscitiva iniziata nel novembre 2008; intervistati, a Bruxelles e Londra, esperti e responsabili di importanti procedimenti della Commissione Europea, della Competition Commission UK, di OFCOM e alcuni dei maggiori player internazionali (MPA, BBC); realizzati workshop tematici con esperti del settore; coinvolti Università e primari Centri di Ricerca; consultate 179 fonti bibliografiche (libri, riviste, rapporti di ricerca). 55/83

57 Il Libro Bianco sui Contenuti (2/5) La struttura Il Libro Bianco è organizzato in 3 parti: I parte: convergenza digitale e impatto socio-economico sul sistema della comunicazione e sulla relazione tra media e contenuti. II parte: configurazione del nuovo mercato / i dei contenuti e il suo funzionamento, caratteristiche dal lato della domanda e dell offerta nuova catena del valore, protagonisti e modelli di business, dimensione economica. III parte: riflessioni sugli elementi chiave di una possibile regolamentazione dei contenuti, da realizzare nel rispetto di due principi cardine: la neutralità tecnologica e la neutralità della rete. 56/83

58 Il Libro Bianco sui Contenuti (3/5) Il contesto di riferimento Autonomia, centralità dei contenuti e convergenza. Dematerializzazione e disintermediazione dei contenuti -- il fattore Internet. Evoluzione della struttura del mercato: da oligopolio e integrazione verticale a filiera produttiva caratterizzata da molteplici attori. Nuovi attori nella catena del valore -- fornitori di connettività, aggregatori, consumatori. Il consumatore come parte attiva UGC, social networks,... 57/83

59 Il Libro Bianco sui Contenut (4/5) Le questioni aperte: innovazione e concorrenza Il moltiplicarsi dei prodotti, delle modalità di fruizione e di distribuzione dei contenuti aumenta le possibilità dei consumatori di accesso all informazione e alla conoscenza e amplia i mercati di sfruttamento per l industria. Nasce una serie di problematiche, quali la tutela e la gestione dei diritti digitali, i diritti di proprietà intellettuale, l accessibilità dei contenuti, la tutela della privacy e la tutela dei minori. In questo grande universo in trasformazione, in cui la dimensione geografica nazionale appare inadeguata, è possibile garantire un adeguato level playing field? 58/83

60 La neutralità della rete Gestione della rete, copyright e access to the search I contenuti (video) rappresentano un fattore primario per lo sviluppo della domanda di banda larga e ultra larga e la creazione di meccanismi di gestione della rete - basati sulla qualità del servizio (QoS-vs-best effort) - possono determinare forme di discriminazione potenzialmente arbitrarie. Il possibile conflitto tra l accesso libero e senza limiti ai contenuti e l esigenza manifestata dagli operatori di rete di gestire il traffico Internet sulla propria infrastruttura per evitarne la congestione ha posto al centro del dibattito il tema della network neutrality. Connessi a questi temi (contenuti online) emergono con forza le problematiche del copyright in ambiente digitale e la regolazione (o meno) dei nuovi soggetti forti, coloro che detengono la leve principali dello sviluppo di internet (aggregatori, motori di ricerca). Il Libro Bianco sui Contenuti (5/5) 59/83

61 Iniziative AGCOM sui Contenuti Programma di Ricerca ISBUL (*) ( ) tempo Indagine Conoscitiva Contenuti Digitali (**) Indagine Conoscitiva Tutela Diritto d Autore (***) Indagini Conoscitive VoIP/ P2P e Net Neutrality (****) Programma di Ricerca SCREEN (*****) ( ) (*) (**) (***) (****) (*****) 60/83

62 La possibilità di distribuire e scambiare agevolmente attraverso nuovi canali digitali i contenuti rende possibile che essi, in qualsiasi forma si estrinsechino, vengano distribuiti senza che i legittimi titolari siano in condizione di esercitare un effettivo controllo. L intersezione dei differenti interessi in gioco esprime contrasti sempre più frequenti tra il diritto d autore ed altri istituti fondamentali del nostro ordinamento, in particolare la libertà di espressione, la privacy e il diritto di accesso ad Internet. Dall evoluzione tecnologica e dalle nuove forme di fruizione dei contenuti digitali nasce l esigenza di ricostruire il quadro del diritto d autore in Italia, per garantire un efficace applicazione dello stesso (diritto alla libertà di espressione e all equa remunerazione degli autori), e un adeguata tutela dei diritti dei cittadini (accesso alla cultura e ad Internet, privacy, libertà di espressione). Indagine conoscitiva sul diritto d autore perché? 61/83

Conferenza Stampa Il futuro corre sulla banda: le prospettive di sviluppo delle reti NGN

Conferenza Stampa Il futuro corre sulla banda: le prospettive di sviluppo delle reti NGN Conferenza Stampa Il futuro corre sulla banda: le prospettive di sviluppo delle reti NGN Roma, 24 Maggio 2010 Porre le basi per un presidio permanente dell Autorità sulle tematiche tecnologiche, normative,

Dettagli

Presentazione del Libro Bianco

Presentazione del Libro Bianco Presentazione del Libro Bianco Fulvio Ananasso Direttore Studi, Ricerca e Formazione L ITALIA DIGITALE - Presentazione del Libro Bianco sui Contenuti di AGCOM 1 aprile 2011, Aula Pio XI, ore 9.30 Università

Dettagli

User Centricity in AGCOM

User Centricity in AGCOM User Centricity in AGCOM Marana Avvisati Market Analysis, Competition and Studies Department NeutralAccess13 La centralità dell utente nelle reti mobili del futuro Urbino, 2 ottobre 2013 Outline 1. Introduction:

Dettagli

Overview sul Broadband in Italia

Overview sul Broadband in Italia Overview sul Broadband in Italia Fulvio Ananasso Direttore Studi, Ricerche e Formazione Broadband Summit, Roma, 31 Marzo 2010 1. Programma di Ricerca ISBUL Infrastrutture e Servizi a Banda Larga e Ultra

Dettagli

Infratel Italia. Broadband and UltraBroadband Plan. Settembre 2014

Infratel Italia. Broadband and UltraBroadband Plan. Settembre 2014 Infratel Italia Broadband and UltraBroadband Plan Settembre 2014 Agenda Digitale Europea Piano Banda Larga Aiuti di Stato SA 33807/2011 e n 646/2009 Piano Banda Ultra-Larga (Next Generation Access Network)

Dettagli

INFRATEL ITALIA Piano Nazionale Banda Larga Piano Nazionale Banda Ultralarga

INFRATEL ITALIA Piano Nazionale Banda Larga Piano Nazionale Banda Ultralarga INFRATEL ITALIA Piano Nazionale Banda Larga Piano Nazionale Banda Ultralarga Guido Citerni di Siena INFRATEL ITALIA 1 I modelli di intervento Piano Banda Larga Piano Banda Ultra-Larga A) Modalità diretta

Dettagli

NGN2 e scorporo della rete

NGN2 e scorporo della rete NGN2 e scorporo della rete Il piano NGN2: driver principali Stato della rete Saturazione fisica: il rapporto tra il n delle linee broadband ed il n dei doppini in rame si sta approssimando al suo limite

Dettagli

Evoluzione dei servizi convergenti, tendenze del mercato e prospettive di policy

Evoluzione dei servizi convergenti, tendenze del mercato e prospettive di policy Evoluzione dei servizi convergenti, tendenze del mercato e prospettive di policy Relazione Osservatorio ANFoV, in collaborazione con Baker & McKenzie. Integrazione e convergenza di servizi e piattaforme

Dettagli

La qualità dell accesso ad Internet in Italia: realtà e prospettive

La qualità dell accesso ad Internet in Italia: realtà e prospettive La qualità dell accesso ad Internet in Italia: realtà e prospettive 12 Giugno 2013 Prof. Maurizio Dècina Qualità dell accesso ad Internet - Attori e prospettive di interesse nel mercato italiano Associazione

Dettagli

La qualità dell accesso ad Internet in Italia: realtà e prospettive

La qualità dell accesso ad Internet in Italia: realtà e prospettive La qualità dell accesso ad Internet in Italia: realtà e prospettive 12 Giugno 2013 Prof. Maurizio Dècina Qualità dell accesso ad Internet - Attori e prospettive di interesse nel mercato italiano Associazione

Dettagli

Diffusione e sviluppi della banda larga e ultra larga in Emilia- Romagna. Chiara Mancini/Barbara Santi Coordinamento Piano Telematico

Diffusione e sviluppi della banda larga e ultra larga in Emilia- Romagna. Chiara Mancini/Barbara Santi Coordinamento Piano Telematico Diffusione e sviluppi della banda larga e ultra larga in Emilia- Romagna Chiara Mancini/Barbara Santi Coordinamento Piano Telematico Obiettivi della Digital Agenda su Banda Larga Copertura con banda larga

Dettagli

Il Carrier Italiano della Banda Larga wired e wireless

Il Carrier Italiano della Banda Larga wired e wireless www.retelit.it Il Carrier Italiano della Banda Larga wired e wireless 12 Giugno 2008 1 Profilo Aziendale 4 Operatore di telecomunicazioni indipendente e neutrale, proprietario di una delle più estese reti

Dettagli

Banda Larga e ultra larga: un opportunità per le imprese Perché connettersi, perché avere connessioni veloci.

Banda Larga e ultra larga: un opportunità per le imprese Perché connettersi, perché avere connessioni veloci. 2014 Banda Larga e ultra larga: un opportunità per le imprese Perché connettersi, perché avere connessioni veloci. I venti dell'innovazione - Imprese a banda larga Varese, 9 luglio 2014 Antonello Fontanili

Dettagli

Reti di accesso ottiche di nuova generazione (NGAN) Introduzione alle architetture e alle strategie di evoluzione

Reti di accesso ottiche di nuova generazione (NGAN) Introduzione alle architetture e alle strategie di evoluzione Reti di accesso ottiche di nuova generazione (NGAN) Introduzione alle architetture e alle strategie di evoluzione Politecnico di Milano Dip. di Elettronica e Informazione P.za Leonardo da Vinci 32, 20133

Dettagli

La TV nelle Reti di Nuova Generazione (NGN)

La TV nelle Reti di Nuova Generazione (NGN) La TV nelle Reti di Nuova Generazione (NGN) Francesco Matera Responsabile Area Tecnologie per Reti NGN mat@fub.it ; +39 06 5480 2215 Fondazione Ugo Bordoni Wireless Multicast TV Urbino, 5 maggio 2010 Sommario

Dettagli

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS Il Costo dell Impreparazione Informatica nella Pubblica Amministrazione Locale e le sfide dell Agenda Digitale Milano, 17 Maggio 2011 Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS La governance interregionale Le

Dettagli

Le componenti dell accesso

Le componenti dell accesso Le telecomunicazioni verso l anno 2020 Le componenti dell accesso Ing. Franco Grimaldi Giornata di approfondimento e di ricordi IN NOME DI FRANCESCO VALDONI Pontecchio Marconi 4 Dicembre 2012 Miliardi

Dettagli

Relazione annuale 2011. sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Relazione annuale 2011. sull attività svolta e sui programmi di lavoro Relazione annuale 2011 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Indice 1. L ecosistema digitale 1.1. Introduzione...................................15 1.2. La catena del valore..............................18

Dettagli

LA TECNOLOGIA FTTS E L ULTRABROADBAND

LA TECNOLOGIA FTTS E L ULTRABROADBAND LA TECNOLOGIA FTTS E L ULTRABROADBAND Milano 11 dicembre 2014 Paolo Cristoforoni 2 Internet sempre, ovunque e comunque. Il mondo è always on. IN UN MONDO SEMPRE CONNESSO LA DOMANDA DI BANDA E PERVASIVA.

Dettagli

Infrastrutture digitali per lo sviluppo del territorio Giuseppe Tilia - Palermo, 01 Aprile 2014. Business

Infrastrutture digitali per lo sviluppo del territorio Giuseppe Tilia - Palermo, 01 Aprile 2014. Business Infrastrutture digitali per lo sviluppo del territorio Giuseppe Tilia - Palermo, 01 Aprile 2014 La Digital Agenda for Europe (DAE) 1. Mercato digitale unico e dinamico 2. Interoperabilità e standard 3.

Dettagli

Lo sviluppo sostenibile della rete di accesso FTTC/FTTH a banda ultra larga nella trasparenza della qualità del servizio

Lo sviluppo sostenibile della rete di accesso FTTC/FTTH a banda ultra larga nella trasparenza della qualità del servizio Lo sviluppo sostenibile della rete di accesso FTTC/FTTH a banda ultra larga nella trasparenza della qualità del servizio Alberto Calcagno Roma, 12 giugno 2013 Il mondo always on e la broadband equation

Dettagli

Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel

Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel I nuovi device, il trend BYOD, cambiano l IT 2 There will be 5B mobile devices and 2B M2M nodes Global mobile

Dettagli

Il ruolo delle Infrastrutture nello sviluppo dei servizi a Banda Larga

Il ruolo delle Infrastrutture nello sviluppo dei servizi a Banda Larga Il ruolo delle Infrastrutture nello sviluppo dei servizi a Banda Larga Salvatore Lombardo Infratel Italia spa La Banda Larga Strade Acqua Gas Energia Banda larga La possibilità di accedere a servizi a

Dettagli

La copertura delle reti a Banda Larga dal Digital Divide alle reti NGAN Salvatore Lombardo. Novembre 2012

La copertura delle reti a Banda Larga dal Digital Divide alle reti NGAN Salvatore Lombardo. Novembre 2012 La copertura delle reti a Banda Larga dal Digital Divide alle reti NGAN Salvatore Lombardo Novembre 2012 Agenda Digitale Europea 2 La missione Estendere le opportunità di accesso alla banda larga, in tutte

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel

Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel Cosa sta cambiando nel mondo ICT? I nuovi device, il trend BYOD, e le APPS cambiano l ICT 3 There will be 5B

Dettagli

Forum PA Dal Cloud per la PA alla PA in Cloud Giancarlo Capitani Roma, 10 maggio 2011

Forum PA Dal Cloud per la PA alla PA in Cloud Giancarlo Capitani Roma, 10 maggio 2011 Forum PA Dal Cloud per la PA alla PA in Cloud Giancarlo Capitani L iniziativa IBM - NetConsulting Next step Evento presentazione/ discussione Modello e White Paper Modelli di implementazione White Paper

Dettagli

Europa 2020: Agenda Digitale

Europa 2020: Agenda Digitale Europa 2020: Agenda Digitale Lucilla Sioli Head of Unit DG CONNECT European Commission 15 November 2012 Obiettivi Agenda Digitale, fine 2011 Copertura della tecnologia DSL è la piattaforma fissa piu' diffusa,

Dettagli

Il profilo digitale di Modena a confronto con l Agenda Digitale Europea: un quadro di sintesi

Il profilo digitale di Modena a confronto con l Agenda Digitale Europea: un quadro di sintesi Il profilo digitale di Modena a confronto con l Agenda Digitale Europea: un quadro di sintesi Dimitri Tartari, Chiara Mancini/ Barbara Santi Coordinamento Piano Telematico 11 Dicembre 2013 Diritto di accesso

Dettagli

10 Giornata dell Economia

10 Giornata dell Economia 0 Giornata dell Economia La banda larga nella provincia di Forlì-Cesena: stato, esigenze e prospettive Cristoforo Morandini Associated Partner, Between 0 giornata dell'economia - 7 giugno 0 - Riservato

Dettagli

Sfide per lo sviluppo della Agenda Digitale Europea in Emilia- Romagna

Sfide per lo sviluppo della Agenda Digitale Europea in Emilia- Romagna Sfide per lo sviluppo della Agenda Digitale Europea in Emilia- Romagna Chiara Mancini/Barbara Santi Coordinamento Piano Telematico regionale 17/03/2014 I cittadini che usano Internet regolarmente sono

Dettagli

IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES. Roma, 20 aprile 2010

IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES. Roma, 20 aprile 2010 OSSERVATORIO SULLA DIFFUSIONE DELLE RETI TELEMATICHE E DEI SERVIZI ON LINE IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES Roma, 20 aprile 2010

Dettagli

Offerta di Riferimento di Telecom Italia 2015. Servizio di Accesso NGAN. (Mercato 4)

Offerta di Riferimento di Telecom Italia 2015. Servizio di Accesso NGAN. (Mercato 4) Offerta di Riferimento di 2015 (Mercato 4) (sottoposta ad AGCom per approvazione) 31 ottobre 2014 1 / 23 INDICE 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 5 1.1 Normativa comunitaria... 5 1.2 Normativa nazionale...

Dettagli

Fondazione Ugo Bordoni

Fondazione Ugo Bordoni La Reti Ottiche nella Fondazione Ugo Bordoni Francesco Matera Responsabile Area Tecnologie per Reti NGN Fondazione Ugo Bordoni mat@fub.it Fondazione Ugo Bordoni Tecnologie fotoniche per le comunicazioni

Dettagli

La banda larga nelle regioni italiane

La banda larga nelle regioni italiane La banda larga nelle regioni italiane a cura di Osservatorio Banda Larga, Between Il Consiglio europeo ad ottobre 2003 1 ha sottolineato l importanza di un rapido sviluppo di reti europee dei trasporti,

Dettagli

Infratel Italia. marzo 2014

Infratel Italia. marzo 2014 Infratel Italia marzo 2014 La missione Estendere le opportunità di accesso alla banda larga, in tutte le aree sottoutilizzate del Paese, attraverso la realizzazione e l integrazione d infrastrutture di

Dettagli

IL MONDO DEI PICCOLI E MEDI OPERATORI INTERNET: ANALISI E DATI DI SETTORE

IL MONDO DEI PICCOLI E MEDI OPERATORI INTERNET: ANALISI E DATI DI SETTORE INTERNET SERVICE PROVIDER ITALIANI una risorsa ed una opportunità per il Paese IL MONDO DEI PICCOLI E MEDI OPERATORI INTERNET: ANALISI E DATI DI SETTORE Fabrizio D Ascenzo - Francesco Bellini Dipartimento

Dettagli

È la nuova arma dell UE per combattere il digital divide.

È la nuova arma dell UE per combattere il digital divide. È la nuova arma dell UE per combattere il digital divide. ma quanti sono, ancora oggi, i cittadini italiani che non hanno accesso alla banda larga? Nella Granda? Tra un report e l altro l Agenda Digitale

Dettagli

Perché il rapporto RIIR (1/2)

Perché il rapporto RIIR (1/2) Perché il rapporto RIIR (1/2) Ministero dell Economia Informazioni sull innovazione Ministero dell Industria Ministero per la P. A. e l Innovazione Ministero dell Interno Ministero.. Imprese (Assinform)

Dettagli

CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia

CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia GRUPPO TELECOM ITALIA OPEN ACCESS CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia Dotti Massimiliano Modena, 12 Febbario 2014 Technology Open Access Access Op Area 37 2 Come la Rivoluzione

Dettagli

La Liguria all interno del contesto nazionale

La Liguria all interno del contesto nazionale La Liguria all interno del contesto nazionale François de Brabant Between 24 Novembre 2009 La banda: tra l uovo e la gallina sistema paese infrastrutture servizi mercato 2 Il cruscotto regionale della

Dettagli

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia Bollettino Flash 17 marzo 2014 Confagricoltura ha espresso più volte la propria preoccupazione

Dettagli

Piano Nazionale Banda Ultralarga. Trento Marzo 2015

Piano Nazionale Banda Ultralarga. Trento Marzo 2015 Piano Nazionale Banda Ultralarga Trento Marzo 2015 Chi siamo Infratel Italia S.p.A. (Infrastrutture e Telecomunicazioni per l Italia) è stata costituita su iniziativa del Dipartimento Comunicazioni del

Dettagli

Mezzi trasmissivi e livello fisico. Reti di Accesso. Reti di accesso

Mezzi trasmissivi e livello fisico. Reti di Accesso. Reti di accesso Reti di Accesso Reti di accesso Per arrivare all utenza residenziale ( ultimo miglio ), l ultima tratta di rete viene detta rete d accesso ( local loop in inglese) Tecnologie nelle reti di accesso: Plain

Dettagli

Il Piano di Sviluppo di Telecom Italia

Il Piano di Sviluppo di Telecom Italia GRUPPO TELECOM ITALIA Il Piano di Sviluppo di Telecom Italia Focus sulla Qualità per il Cliente Finale Roma, 12 Giugno 2013 Telecom Italia/Technology GIUSEPPE ROBERTO OPILIO Sommario 1. Introduzione 2.

Dettagli

Infratel: dalla fase di start - up..

Infratel: dalla fase di start - up.. INFRASTRUTTURE DI RETE PER IL MEZZOGIORNO Il piano Infratel Salvatore Lombardo Resp Infrastrutturazione RETE Catania 19 Maggio 2006 1 Infratel: dalla fase di start - up.. 13 Novembre 2003 22 Dicembre 2003

Dettagli

IP multimedia services in the NGN

IP multimedia services in the NGN 4. Servizi NGN Pag. 1 IP multimedia services in the NGN In the ETSI the working group TISPAN (Telecommunications and Internet converged Services and Protocols for Advanced Networking) has already defined

Dettagli

Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio

Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio Cablatura Metropolitana e Reti FTTH 11 evento TRATOS Pieve Santo Stefano (AR) - 3 Settembre 2015 Agenda Metroweb Italia: storia e

Dettagli

Francesco M. Sacco Università dell Insubria e SDA Bocconi Ex membro Steering Board per l'attuazione dell'agenda Digitale presso il Governo Italiano

Francesco M. Sacco Università dell Insubria e SDA Bocconi Ex membro Steering Board per l'attuazione dell'agenda Digitale presso il Governo Italiano 13 maggio 2014 Costruire il Futuro Sostenibile ICT Trade 2014 Ferrara Francesco M. Sacco Università dell Insubria e SDA Bocconi Ex membro Steering Board per l'attuazione dell'agenda Digitale presso il

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI 4) Intervento pubblico europeo. La possibilità che l Europa, mediante la costituzione di un fondo per le

Dettagli

Transmission capacity that is faster. Digital Network (ISDN) at 1.5 or 2.0

Transmission capacity that is faster. Digital Network (ISDN) at 1.5 or 2.0 Next Generation Networking Le tecnologie per l accesso ultrabroadband Università degli Studi di Roma Tor Vergata Villa Mondragone 31 gennaio 2008 05/02/2008 Rocco Casale 1 Quattro rivoluzioni nelle reti

Dettagli

Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia

Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia Amaro, venerdì 10 aprile 2015 David Licursi Direttore Divisione Telecomunicazioni INDICE TECNOLOGIE PER LA BANDA LARGA LA BANDA LARGA SUL TERRITORIO

Dettagli

Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese

Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese 14/02/2011 Fondamenti di informatica - Prof. Gregorio Cosentino 1 Servizio universale Acqua potabile Energia elettrica Telefono Servizio

Dettagli

WiMAX Istruzioni per l uso

WiMAX Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Giuseppe Sini Retelit S.p.a. Business Development 23 Ottobre 2008 1 Sommario Definizioni Lo standard 802.16 Forum La tecnologia Differenze con altre tecnologie wireless Aspettative

Dettagli

Scuola Digitale Distretto scolastico 2.0

Scuola Digitale Distretto scolastico 2.0 N.1 Scuola Digitale Distretto scolastico 2.0 Potenza, 11th March 2015 Salvatore Panzanaro Regione Basilicata -Ufficio Società dell informazione N.2 L Agenda Digitale della Regione Basilicata superamento

Dettagli

Smart Grid e Telecomunicazioni:

Smart Grid e Telecomunicazioni: Smart Grid e Telecomunicazioni: infrastruttura tt e servizi i Roma, 1 dicembre 2010 Gabriele ELIA Telecom Italia Strategia t ed Innovazione L innovazione ICT si sviluppa ai bordi Digital 1990 2010 Voice

Dettagli

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Executive Summary Sistema integrato di iniziative formative di innovazione per la famiglia professionale ICT Febbraio 2011

Dettagli

Il Mercato ICT 2015-2016

Il Mercato ICT 2015-2016 ASSINFORM 2016 Il Mercato ICT 2015-2016 Anteprima Giancarlo Capitani Milano, 15 Marzo 2016 ASSINFORM 2016 Il mercato digitale in Italia nel 2015 Il Mercato Digitale in Italia (2013-2015) Valori in mln

Dettagli

Sistemi tecnologici e modelli della Connected tv

Sistemi tecnologici e modelli della Connected tv Sistemi tecnologici e modelli della Connected tv Alberto Marinelli Teoria e tecniche della comunicazione e dei nuovi media A.A. 2013/ 2014 Parte terza UN NUOVO AMBIENTE DI SINTESI: LA CONNECTED TELEVISION

Dettagli

Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale. Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC

Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale. Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC Il Rapporto sull innovazione nelle regioni d Italia Ad oggi, citate, ma mai approfondite

Dettagli

Banda Larga: il nostro ponte

Banda Larga: il nostro ponte Banda Larga: il nostro ponte Antonello Pellegrino Agenzia Laore - Direttore Servizio Affari generali e sistemi informativi Cagliari, 4 giugno 2010 1 Banda larga tra Pubblica Amministrazione, Impresa, Cittadino

Dettagli

Direttive e Finanziamenti Europei

Direttive e Finanziamenti Europei Direttive e Finanziamenti Europei Flavia Marzano marzano@cibernet.it marzano@cibernet.it 1 Premessa Codice PA digitali SEZIONE II (Diritti dei cittadini e delle imprese) ART. 3 (Diritto all uso delle tecnologie)

Dettagli

Infrastrutture a banda larga ed evoluzione della domanda di servizi innovativi nelle regioni italiane

Infrastrutture a banda larga ed evoluzione della domanda di servizi innovativi nelle regioni italiane 1 FORUM REGIONALE SULLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Infrastrutture a banda larga ed evoluzione della domanda di servizi innovativi nelle regioni italiane Cristoforo Morandini Ancona, 2 aprile 2004 2 APRILE

Dettagli

TELECOM ITALIA CONVEGNO NGN Pula

TELECOM ITALIA CONVEGNO NGN Pula TELECOM ITALIA CONVEGNO NGN Pula Pula, 27 giugno 2008 Referente Progetti Strategici di Technology & Operations Agenda Scenario di mercato Trend di mercato, rischi ed opportunità Bandwidth budget nel prossimo

Dettagli

Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della. Le iniziative nella provincia di Belluno. La banda larga tra presente e futuro

Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della. Le iniziative nella provincia di Belluno. La banda larga tra presente e futuro La banda larga tra presente e futuro Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della Banda Larga. Le iniziative nella provincia di Belluno Villa Patt di Sedico Belluno,18 marzo 2009 A cura di:

Dettagli

Net Neutrality: il dibattito nazionale. dibattito nazionale Paolo Alagia 1/33

Net Neutrality: il dibattito nazionale. dibattito nazionale Paolo Alagia 1/33 10-11 giugno 2011 Net Neutrality: il dibattito nazionale Paolo Alagia* Direzione studi, ricerca e formazione Ufficio studi * Le opinioni espresse sono quelle dell autore e non riflettono necessariamente

Dettagli

La regolamentazione del VoIP: strada percorsa, prossimi passi

La regolamentazione del VoIP: strada percorsa, prossimi passi La regolamentazione del VoIP: strada percorsa, prossimi passi Giovanni Santella g.santella@agcom.it AGCOM Direzione reti e servizi di comunicazione elettronica VOIP DAY 19 giugno 2008, Roma Le definizioni

Dettagli

IP/10/1602. Bruxelles, 25 novembre 2010

IP/10/1602. Bruxelles, 25 novembre 2010 IP/10/1602 Bruxelles, 25 novembre 2010 Nel luglio 2010 circa un terzo delle linee europee a banda larga viaggiava a velocità superiori a 10 Mbps (15% nel luglio 2009). Velocità maggiori di trasmissione

Dettagli

Innovazione e Open Source nell era dei nuovi paradigmi ICT

Innovazione e Open Source nell era dei nuovi paradigmi ICT Innovazione e Open Source nell era dei nuovi paradigmi ICT Red Hat Symposium OPEN SOURCE DAY Roma, 14 giugno 2011 Fabio Rizzotto Research Director, IT, IDC Italia Copyright IDC. Reproduction is forbidden

Dettagli

I servizi ICT avanzati resi disponibili dalla banda larga sul territorio biellese e vercellese

I servizi ICT avanzati resi disponibili dalla banda larga sul territorio biellese e vercellese I servizi ICT avanzati resi disponibili dalla banda larga sul territorio biellese e vercellese Stato dell arte, criticità ed opportunità per il sistema imprenditoriale locale Progetto finanziato da 16

Dettagli

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide)

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide) COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA (in rosso le aree in Digital Divide) AL VIA BANDI PER 900 MLN DI EURO PER AZZERARE DIGITAL DIVIDE E BANDA ULTRALARGA Internet veloce per 7 mln. di cittadini, 5000 nuovi

Dettagli

Le reti e i servizi: il passato, il presente e il futuro. a cura HR Services (Gruppo Telecom Italia)

Le reti e i servizi: il passato, il presente e il futuro. a cura HR Services (Gruppo Telecom Italia) GRUPPO TELECOM ITALIA Il Digitale per lo sviluppo della mia Impresa Torino, 26 Novembre 2013 Le reti e i servizi: il passato, il presente e il futuro a cura HR Services (Gruppo Telecom Italia) Agenda Rete

Dettagli

Banda Larga: Le Partnerships tra il Pubblico ed il Privato per lo Sviluppo Economico e Sociale

Banda Larga: Le Partnerships tra il Pubblico ed il Privato per lo Sviluppo Economico e Sociale Banda Larga: Le Partnerships tra il Pubblico ed il Privato per lo Sviluppo Economico e Sociale Catania, 18 Maggio 2006 Nicola Villa Direttore Pubblica Amministrazione Locale & Banda Larga Europa & Mercati

Dettagli

Le imprese di telecomunicazioni

Le imprese di telecomunicazioni Le imprese di telecomunicazioni Anno 2004 6 giugno 2006 L Istat rende disponibili i principali risultati, relativi al 2004, della rilevazione annuale sulle imprese di telecomunicazioni. L indagine, di

Dettagli

Infrastruttura per l Agenda Digitale Europea: la banda larga. 5 novembre 2014 Corso "Diritti di libertà e diritti sociali" Dott.

Infrastruttura per l Agenda Digitale Europea: la banda larga. 5 novembre 2014 Corso Diritti di libertà e diritti sociali Dott. Infrastruttura per l Agenda Digitale Europea: la banda larga 5 novembre 2014 Corso "Diritti di libertà e diritti sociali" Dott. Federico Ponte «Sali sulle spalle dei giganti» (Google Scholar, 2004) Una

Dettagli

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità Giornata di studio: Infrastrutture avanzate per reti ad alta velocità Modena, 5 Aprile 2006 Università di Modena e Reggio Emilia, Facoltà di Ingegneria Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO ICT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO ICT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Il concetto di Smart City sta assumendo rilevanza sempre crescente e diverse città, anche in Italia,

Dettagli

Raffaele Giarda, Baker & McKenzie. Roma, 5 maggio 2015

Raffaele Giarda, Baker & McKenzie. Roma, 5 maggio 2015 Raffaele Giarda, Baker & McKenzie Roma, 5 maggio 2015 La rete 50 miliardi di connessioni Fonte: Ericsson On line in 60 secondi Fonte: Qmee.com 2014 Dalla Convergenza Servizi Telefonia Dati Radiodiffusione

Dettagli

IP TV and Internet TV

IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 1 IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 2 IP TV and Internet TV IPTV (Internet Protocol Television) is the service provided by a system for the distribution of digital

Dettagli

Promozione presso le Camere di Commercio dei servizi ICT avanzati resi disponibili dalla banda larga

Promozione presso le Camere di Commercio dei servizi ICT avanzati resi disponibili dalla banda larga 2012 Promozione presso le Camere di Commercio dei servizi ICT avanzati resi disponibili dalla banda larga Analisi provinciale Progetto finanziato da Reggio Emilia 27-02-2012 27-02-2012 1 27-02-2012 2 Indice

Dettagli

LA DIFFUSIONE DELLA BANDA LARGA NEL PAESE

LA DIFFUSIONE DELLA BANDA LARGA NEL PAESE LA DIFFUSIONE DELLA BANDA LARGA NEL PAESE FORUM P.A. - 12 maggio 2005 François de Brabant BETWEEN 1 SUPERATA LA VETTA DEI 4,5 MILIONI DI ACCESSI IN ITALIA (Dic. 2004) Milioni accessi 5,0 4,5 4,0 3,5 3,0

Dettagli

Nuove frontiere nella gestione dello spettro radio

Nuove frontiere nella gestione dello spettro radio Nuove frontiere nella gestione dello spettro radio Roma, 18 Giugno 2009 Il ruolo della regolamentazione nelle tecnologie radio Laura Rovizzi 2 Una risorsa scarsa 1) Spettro altamente frammentato 2) Elevato

Dettagli

una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011

una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011 una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011 1 Gli obiettivi della L.R. n. 11 del 2004 Promuovere l Information Communication Technology (ICT) Intervento integrato per pubbliche

Dettagli

LE RETI OTTICHE PASSIVE

LE RETI OTTICHE PASSIVE LE RETI OTTICHE PASSIVE Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia INDICE La rete di accesso Le reti ottiche passive Gli Standard

Dettagli

Il Progetto Italia Digitale Tecnologie e Servizi: un rapporto in continua evoluzione. 18 Maggio 2010 - Palazzo Mezzanotte, Piazza Affari - Milano

Il Progetto Italia Digitale Tecnologie e Servizi: un rapporto in continua evoluzione. 18 Maggio 2010 - Palazzo Mezzanotte, Piazza Affari - Milano Il Progetto Italia Digitale Tecnologie e Servizi: un rapporto in continua evoluzione 18 Maggio 2010 - Palazzo Mezzanotte, Piazza Affari - Milano 1 Italia Digitale oggi: Le Famiglie La penetrazione della

Dettagli

Infrastrutture a Banda Larga per l E-government: la nuova frontiera della Pubblica Amministrazione

Infrastrutture a Banda Larga per l E-government: la nuova frontiera della Pubblica Amministrazione Infrastrutture a Banda Larga per l E-government: la nuova frontiera della Pubblica Amministrazione Claudio Chiarenza Responsabile Business Unit Product Italtel Indice eeurope 2005: An information society

Dettagli

Internet del Futuro: opportunità per l innovazione

Internet del Futuro: opportunità per l innovazione Internet del Futuro: opportunità per l innovazione Luigi Alfredo Grieco, PhD Politecnico di Bari a.grieco@poliba.it Forum PA 2012 Agenda Digitale Italiana Ricerca e Innovazione 18 Maggio 2012 Indice ICT

Dettagli

Aspetti di business e strategici di Smart Connectivity Verso un nuovo ruolo per l operatore

Aspetti di business e strategici di Smart Connectivity Verso un nuovo ruolo per l operatore GRUPPO TELECOM ITALIA Aspetti di business e strategici di Smart Connectivity Verso un nuovo ruolo per l operatore Quadrato della Radio 16 novembre 2013 «Smart», Perché? Il mercato è in continua evoluzione

Dettagli

ABSTRACT. In informatica, con il termine cloud computing, in italiano nube informatica,

ABSTRACT. In informatica, con il termine cloud computing, in italiano nube informatica, ABSTRACT In informatica, con il termine cloud computing, in italiano nube informatica, si sule indicare una complessa gamma di tecnologie che permettono, tipicamente sotto forma di un servizio offerto

Dettagli

L ecosistema digitale per le smart cities: dalla banda larga alle competenze digitali. 26 settembre 2012

L ecosistema digitale per le smart cities: dalla banda larga alle competenze digitali. 26 settembre 2012 L ecosistema digitale per le smart cities: dalla banda larga alle competenze digitali 26 settembre 2012 La Smart City secondo Between GOVERNANCE Sviluppo sostenibile: Efficienza nell uso delle risorse,

Dettagli

Tipologie di sensori e di estrazione automatica di dati

Tipologie di sensori e di estrazione automatica di dati Tipologie di sensori e di estrazione automatica di dati Prof. Gianluigi Ferrari Wireless Ad-hoc and Sensor Networks Laboratory http://wasnlab.tlc.unipr.it gianluigi.ferrari@unipr.it Dig.it 2014 - Giornalismo

Dettagli

DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA 1 IL QUADRATO DELLA RADIO Le nuove realtà del mondo ICMT: la rete, gli operatori e l l industria L' IMPIEGO DELLE TECNOLOGIE WIRELESS PER

Dettagli

La trasformazione in atto nei Data center

La trasformazione in atto nei Data center La trasformazione in atto nei Data center Data Center Hands On Milano, 13 marzo 2012 Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it I nuovi dispositivi Videocamera Console & Player Tablet Smart TV Dual screen

Dettagli

NGN le reti per i servizi multimediali del futuro, dalle tecnologie di accesso al Data Center. Alberto Vetuli

NGN le reti per i servizi multimediali del futuro, dalle tecnologie di accesso al Data Center. Alberto Vetuli NGN le reti per i servizi multimediali del futuro, dalle tecnologie di accesso al Data Center Alberto Vetuli AZIENDE SANITARIE AO - ASL TELEMEDICINA PRIVATE CLOUD SCENARIO DI SERVIZI E RETI IN ITALIA

Dettagli

Raggiungere gli obbiettivi Europei 2020 della banda larga in Italia: prospettive e sfide

Raggiungere gli obbiettivi Europei 2020 della banda larga in Italia: prospettive e sfide Raggiungere gli obbiettivi Europei 2020 della banda larga in Italia: prospettive e sfide Rapporto alla Presidenza del Consiglio Commissario Francesco Caio Team Esperti: Scott Marcus & Gerard Pogorel Roma,

Dettagli

Piano Nazionale per la Larga Banda

Piano Nazionale per la Larga Banda Piano Nazionale per la Larga Banda Paolo Corda Infratel Italia spa Piano Nazionale per la Larga Banda Dipartimento per le Comunicazioni Obiettivo principale del Piano Nazionale è raggiungere il 95,6% della

Dettagli

LAURA ROVIZZI. lr@opengateitalia.com Tel : +39 064551193 Skype: laura_rovizzi. Italiana, vive a Roma 08/05/1964, MILANO CONIUGATA

LAURA ROVIZZI. lr@opengateitalia.com Tel : +39 064551193 Skype: laura_rovizzi. Italiana, vive a Roma 08/05/1964, MILANO CONIUGATA CURRICULUM VITAE LAURA ROVIZZI lr@opengateitalia.com Tel : +39 064551193 Skype: laura_rovizzi Italiana, vive a Roma 08/05/1964, MILANO CONIUGATA Marzo 2006 oggi Costituisce Open Gate Italia (www.opengateitalia.com)

Dettagli

La filiera delle TLC ha confermato il suo periodo di difficoltà, accentuato dalla crisi economica, con un ulteriore diminuzione dei ricavi nel 2012

La filiera delle TLC ha confermato il suo periodo di difficoltà, accentuato dalla crisi economica, con un ulteriore diminuzione dei ricavi nel 2012 Sintesi del Rapporto 1 La filiera delle TLC ha confermato il suo periodo di difficoltà, accentuato dalla crisi economica, con un ulteriore diminuzione dei ricavi nel 2012 Ulteriore peggioramento della

Dettagli

Telecom Italia ed Expo Expo 2015 il primo evento Fully Cloud Powered

Telecom Italia ed Expo Expo 2015 il primo evento Fully Cloud Powered Telecom Italia ed Expo Expo 2015 il primo evento Fully Cloud Powered Bergamo, 5 Novembre 2012 EXPO 2015 come modello di Digital Smart City del futuro La Digital Smart City Expo 2015 deve quindi essere

Dettagli