Sfruttare le opportunità di diversificazione multiutility nel mercato retail: dall energia elettrica al gas alle telecomunicazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sfruttare le opportunità di diversificazione multiutility nel mercato retail: dall energia elettrica al gas alle telecomunicazioni"

Transcript

1 Sfruttare le opportunità di diversificazione multiutility nel mercato retail: dall energia elettrica al gas alle telecomunicazioni Presentazione di Andrea Boeri Borsa elettrica e mercato liberalizzato Milano, 9 luglio 2002

2 VPRECS020522ABoer P1 Agenda Il mercato retail dell energia e dei servizi multiutility: vincoli ed opportunità Le telecomunicazioni ed i servizi ad elevato contenuto tecnologico: dove investire? I requisiti per il successo di una strategia multiutility

3 VPRECS020522ABoer P2 Esistono almeno due assi di sviluppo ILLUSTRATIVO 1 Generazione Sviluppo del sistema di business Vendita all ingrosso/ trading Distribuzione Vendita al dettaglio Differenziazione dei ruoli nel sistema di business (es. generazione vs distribuzione e vendite) Ripensamento degli asset (es. asset management anche per terzi rispetto a proprietà e gestione solo per sé) Più alta customer intimacy Cross selling di diversi prodotti/servizi 2 Sviluppo del valore del cliente

4 Lo sviluppo del valore del cliente: i principi sottostanti... VPRECS020522ABoer P3 In una prospettiva di lungo termine, i clienti sono l asset più redditizio di una utility Un fornitore che goda di un rapporto fiduciario può spingere i clienti ad acquistare un numero crescente di servizi L alta frequenza di acquisto dei clienti di una utility può consentire a questa di sviluppare contatti multipli Le utility possono sfruttare sinergie tra servizi, diventando un fornitore a basso costo Opportunità naturale di sviluppare il valore del cliente, attraverso un alta customer intimacy ed il cross selling

5 VPRECS020522ABoer P4 e l opportunità naturale Contatto diretto con il cliente Retail di prodotti di moda Utility Telecomunicazioni Banche retail Opportunità elevate per la customer intimacy ed il cross selling Grande distribuzione Prodotti finanziari Alimentare Contatto mediato con il cliente Auto Pneumatici Vendita e affitto di prodotti immobiliari Basso Giornali Benzina Frequenza di contatto e di acquisto Alto

6 VPRECS020522ABoer P5 I requisiti per il successo nello sviluppo del valore del cliente sono complessi Reale customer intimacy Segmentazione dei customer group Comprensione dei bisogni e del pregresso di ciascun customer group Offerta di prodotto competitiva...e libertà di scelta Il bundling deve generare benefici, non coprire inefficienze I clienti devono poter esprimere bisogni e preferenze Brand forte, legato ad esperienze di consumo positive Finora pochissime Aziende nel mondo hanno veramente realizzato strategie multiutility efficaci su larga scala Catene del valore efficienti

7 Lo sviluppo di un offerta multiutility ha visto successi ed insuccessi VPRECS020522ABoer P6 Cosa è stato fatto... Customer database e CRM integrato per 5,5 milioni di famiglie Offerta (oltre che di elettricità e gas) di acqua, accesso Internet, servizi telecom, retail di elettrodomestici e servizi finanziari... e con quali risultati Vendita dei negozi Abbandono dei servizi finanziari Messa in vendita di Southern Water Scorporo di Thus (telecom) JV e acquisizioni di partner forti 13% del fatturato da attività Assicurazioni non core Servizi finanziari Servizi automobilistici +50% nella redditività Telecom rispetto al 1998 Base di 19 milioni di clienti, con media di 2 prodotti per cliente

8 Capacità di ampliare la base clienti e livello diversificazione acquisire nuovi clienti VPRECS020522ABoer P7 ESEMPIO: UK Ampiezza della base clienti/ capacità di acquisizione Alto Yello Basso churn rate (1,73%) Innogy Forte customer service Nuovo brand green Centrica Forte brand awareness nuovi clienti in 2 anni Basso Scottish power Powergen Churn rate < media UK L aggiunta di ogni nuovo prodotto riduce il churn rate Dismissione dei business non core Base clienti ridotta Basso cross selling Basso Livello di diversificazione Alto

9 Alcune indicazioni che possono essere tratte dai casi internazionali VPRECS020522ABoer P8 Redditività legata a: Brand forti e legati a benefici tangibili per i consumatori:. Brand image: Yello (98% brand recognition). Brand leadership: Centrica, British Gas, AA, Goldfish. Brand identity: Juice (nuovo brand per la green energy ) Grandi dimensioni della base clienti (es. Centrica 19 milioni di clienti) Effettivo sfruttamento di sinergie. CRM integrato, customer database unico. Gestione multicanale centralizzata Strategie di crescita focalizzate (es. Centrica e Virgin: aggiunta di un servizio alla volta, anche attraverso l acquisizione di operatori monoservizio leader) Complessità gestionale Difficoltà di eccellere su tutti i servizi

10 Al di fuori dei servizi principali, la strategia multiutility è redditizia solo su larga scala Milioni di Euro VPRECS020522ABoer P9 ESEMPIO: ITALIA Reddito operativo stimato per un importante multiutility italiana 1,5 2,5 12 0,10,2 0,20,4 La redditività generata al di fuori di elettricità e gas diventa elevata solo su scala sovraregionale o nazionale Carte di credito Prodotti assicurativi Servizi per la casa Totale A livello locale, comunque, non va trascurato il potenziale effetto di fidelizzazione/immagine

11 In Italia lo sviluppo del valore del cliente è stato ancora parziale VPRECS020522ABoer P10 Offerta multiutility ancora prevalentemente locale, anche per vincoli normativi Impatto finanziario dei servizi diversi da energia elettrica e gas generalmente limitato Libertà di scelta per il consumatore retail ancora ridotta In media, customer intimacy ancora ridotta, soprattutto per i customer group non industriali Alcune realtà interessanti ma in media sfruttamento ancora parziale del valore del cliente Segmentazione insufficiente Focus ancora sul prodotto Catene del valore ancora con costi elevati, con basso sfruttamento di sinergie e nuove tecnologie

12 L acquisizione di nuovi clienti in Italia è costosa Prezzo pagato per cliente in Euro VPRECS020522ABoer P11 Germania + Olanda + UK* Italia* In questo scenario, è importante perseguire ogni opportunità di estrarre valore dalla base di clientela Più basso Più alto** Media Principali acquisizioni di reti distributive cittadine di Enel** * Campione di acquisizioni ** Include asset tangibili (es. rete)

13 VPRECS020522ABoer P12 La segmentazione dei clienti retail è ancora limitata... Gradi di segmentazione Criteri Classificazione degli utenti Criteri di statistica industriale Macrosegmentazione dei customer group Macrofattori chiave d acquisto Focus Prodotti Prodotti/ macrocustomer group Esempi di settori dove si applica Monopoli regolamentati Commodity industriali Segmentazione dei clienti Fattori chiave d acquisto e livelli attesi di performance Customer group Assicurazioni Microsegmentazione Fattori d acquisto e livelli di performance dettagliati Clienti individuali o microgruppi Servizi telecom a valore aggiunto Molte utility italiane Alcune utility italiane rispetto ai clienti idonei

14 VPRECS020522ABoer P13...ed il grado di sfruttamento delle sinergie industriali tra servizi* è ancora basso Alto Basso Attività Potenziali sinergie Motivazione Attuale livello di sfruttamento in molte utiliy Manutenzione e pronto intervento Alto livello di specializzazione Molto basso Scavi Opportunità di pianificazione ed esecuzione integrate Basso Acquisti Economie di scala solo per gli acquisti generali Basso Customer service Fatturazione Funzioni centrali Opportunità di integrazione totale Crescente, anche se in molti casi le operation per servizio sono ancora integrate verticalmente * In questo esempio, principalmente elettricità, gas ed acqua

15 VPRECS020522ABoer P14 Le sinergie di costo tra servizi possono essere aumentate Indici ESEMPI All interno dello stesso servizio 100 Tra servizi diversi Il valore delle sinergie di costo può essere aumentato ridisegnando i sistemi di business a valle Valore massimo di un acquisizione nello stesso territorio (comprese le sinergie di costo) Valore delle sinergie di costo Valore massimo di un acquisizione nello stesso territorio (comprese le sinergie di costo) 10 Valore delle sinergie di costo, nella situazione attuale Da un approccio verticale ad uno orizzontale (es. marketing e customer care unificati) Outsourcing di attività...

16 VPRECS020522ABoer P15 Agenda Il mercato retail dell energia e dei servizi multiutility: vincoli ed opportunità Le telecomunicazioni ed i servizi ad elevato contenuto tecnologico: dove investire? I requisiti per il successo di una strategia multiutility

17 Telecomunicazioni e utilities: aspettative disattese? VPRECS020522ABoer P16 A fronte di: motivazioni le aspettative sono state disattese Minaccia di una diminuzione dei ricavi generati dal core business, a causa del processo di liberalizzazione Investimenti molto elevati, a fronte di ricavi più contenuti del previsto Forte pressione competitiva Possibilità di far leva su infrastrutture già in essere (es. diritti di passaggio) Trend di crescita del mercato TLC inferiori alle aspettative (fine del.com boom) Forte know how nell organizzare e gestire una clientela vasta e diffusa

18 VPRECS020522ABoer P17 Sono stati sviluppati modelli di business differenti Infrastrutture Servizi Modello di business ROW Cablaggio Ultimo miglio B2B B2C Esempi Infrastructure focused 186 k, Energis, Your Communications Customer focused Auna, Centrica All value chain ebiscom

19 VPRECS020522ABoer P18 E necessario modificare le modalità di azione? Infrastrutture La maggior parte degli operatori molto esposti nelle infrastrutture non ha raggiunto i risultati previsti.. Revenues inferiori alle aspettative (es.: Thus) EBIT: (non positivo per quasi nessun operatore prima del 2005) Gli operatori quotati hanno perso anche il 90% del loro valore in un anno (Energis) Le IPO rimandate hanno impedito un ritorno di cassa per coprire gli investimenti E necessario ripensare la value chain facendo efficienze e focalizzandosi su alcuni segmenti Servizi Anche gli operatori con un offerta di servizi B2C integrata e con una base di clienti numerosa non hanno ottenuto i ritorni previsti.. Auna: il business TV digitale continua ad essere in forte perdita Fastweb: nonostante abbia raggiunto il fatturato ed il target di clientela previsto non prevede di andare a breakeven a livello di EBITDA nel 2002, come da aspettative Le Utilities che hanno offerto servizi di telefonia come virtual operator hanno raggiunto buoni risultati. Centrica: 1,25 milioni di clienti nuovi con costi di acquisizione bassi La vera forza è la customer base (i servizi Telecom possono essere visti semplicemente come un prodotto in più per acquisire e fidelizzare la clientela)

20 VPRECS020522ABoer P19 La Powerline Communication: un asset per le utilities? Stazione di connessione alla rete TLC Adattatori Larghezza di banda 24 Mbit/s, espandibile nel medio termine fino a 2040 Mbit/s Mezzo trasmissivo Rame, fibra, cavo coassiale Tipo di architettura Pointtomultipoint (banda condivisa, non dedicata) Distanza di copertura Circa 500 m Stazione di accesso locale La PLC viaggia negli ultimi 500 metri sulla rete elettrica già installata

21 LA PLC è in chiara competizione con le altre tecnologie broadband alwayson VPRECS020522ABoer P20 Tecnologia Prestazioni Vantaggi Svantaggi ADSL 12 Mbit/s Utilizza l infrastruttura in rame già esistente Soluzioni tecnologiche marketready Asimmetrico Deployment non semplice anche con soluzioni autoinstallanti Non facilmente scalabile Cavo coassiale 210 Mbit/s Consente il bundling di servizi TV broadcast, multimediali e telefonici Accesso shared Non disponibile in molte aree geografiche Fibra ottica > 50 Mbit/s Soluzione futureproof Installazione costosa e di forte impatto ambientale Difficile raggiungere aree scarsamente popolate

22 Salvo rari casi, la tecnologia PLC è però ancora in fase di test VPRECS020522ABoer P21 Società Paese Situazione RWE Germania Commercializzazione da luglio 2001 MVV Germania Commercializzazione Enel Italia Test EDP Portogallo Test Endesa Spagna Test EVN Austria Test AEP USA Test Southern Telecom USA Test Consolidated Edison USA Test EON Germania Abbandonato Iberdrola Spagna Abbandonato Bevag Germania Abbandonato United Utilities UK Abbandonato

23 La Powerline è la killer application per le utilities? VPRECS020522ABoer P22 Vantaggi Facilità e bassi costi di deployment Potenzialità per essere la tecnologia di riferimento nell home networking Primi test di commercializzazione positivi Svantaggi Scenario regolatorio (campi elettromagnetici) Effettivo funzionamento:. Interferenza con appliances. Rumorosità. Capacità di espansione del broadband Accesso shared alla broadband Probabilmente il suo potenziale è legato ad applicazioni specifiche (es. home networking)

24 Diversi asset delle utilities elettriche appaiono valorizzabili nell home networking VPRECS020522ABoer P23 Tecnologia di accesso powerline Forte know how nell assistenza tecnica Upgrading dei servizi collegati al contatore.. Lettura remota del contatore Monitoraggio/ottimizzazione dei consumi Erogazione di servizi a valore aggiunto.. Billing CRM integrato Possibile strategia: Far leva sui propri asset con un approccio incrementale ed in partnership con operatori specializzati Catena del valore dell home networking Sviluppo infrastruttura d accesso Sviluppo prodotto Commercializzazione prodotto Assistenz a tecnica Billing & CRM

25 VPRECS020522ABoer P24 Agenda Il mercato retail dell energia e dei servizi multiutility: vincoli ed opportunità Le telecomunicazioni ed i servizi ad elevato contenuto tecnologico: dove investire? I requisiti per il successo di una strategia multiutility

26 Tre attività cruciali per il successo di una strategia multiutility VPRECS020522ABoer P25 Avere i fondamentali a posto Estendere il mercato Offrire prodotti/servizi vincenti Rifocalizzazione da prodotti a clienti, e costruzione di competenze avanzate di consumer marketing Sviluppo di strategie differenziate rivolte ai diversi customer group Ridisegno del sistema di business per assicurare.. Coerenza con i profili dei clienti ed i loro bisogni (es. mix di canali, customer care,...) Bassi costi (più elevato sfruttamento di sinergie,...) Utilizzo di sistemi di supporto adeguati (IT, web, incentivi,...)

27 Tre attività cruciali per il successo di una strategia multiutility (cont.) VPRECS020522ABoer P26 Avere i fondamentali a posto Estendere il mercato Offrire prodotti/servizi vincenti Costruzione di alleanze o JV con altre utility per offrire assieme gli stessi prodotti/servizi, sia regolamentati che non regolamentati (es. servizi post contatore, servizi per la casa, servizi Telecom, home networking, ecc...) Reinterpretazione del ruolo di una utility come canale di vendita di prodotti/servizi all interno di un più ampio mix multicanale, da costruire in partnership con altre aziende (anche non utility) Costruzione di alleanze o JV o acquisizione di operatori non utility che offrano prodotti/servizi complementari e che abbiano una presenza territoriale più ampia

28 Tre attività cruciali per il successo di una strategia multiutility (cont.) VPRECS020522ABoer P27 Avere i fondamentali a posto Estendere il mercato Offrire prodotti/servizi vincenti Coinvolgimento di fornitori di prodotti/servizi leader nei propri mercati Sviluppo del proprio brand e del goodwill ad esso associato attraverso esperienze positive di consumo Disponibilità ad investire per il lungo termine, con un approccio modulare (per ciascun nuovo prodotto o nuova area servita; test, analisi critica, rifocalizzazione ed estensione, ) Acquisizione di capacità imprenditoriali e manageriali progettuali fresche

Governare la Transizione

Governare la Transizione Governare la Transizione Verso Dove e Come? Giovanni Brianza 25 Marzo, 2013 Cerimonia di Apertura Master in Gestione delle Risorse Energetiche La performance delle Utility europee si è deteriorata dopo

Dettagli

Abstract. Il mercato dell Energy & Utilities: l offerta Reply. Scenario

Abstract. Il mercato dell Energy & Utilities: l offerta Reply. Scenario Abstract Il mercato dell Energy & Utilities in Italia è stato completamente liberalizzato da alcuni anni. A valle di pluriennali processi di unbundling gestionale e societario, gli operatori sono ormai

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

Stefano Perboni. CEO Gruppo Opengate. Road Show Nuovo Mercato. Palazzo Mezzanotte. 20 Novembre 2002

Stefano Perboni. CEO Gruppo Opengate. Road Show Nuovo Mercato. Palazzo Mezzanotte. 20 Novembre 2002 Road Show Nuovo Mercato Stefano Perboni CEO Gruppo Opengate Palazzo Mezzanotte 20 Novembre 2002 1 Crescita e consolidamento 3 anni di quotazione Presenza in piu settori 3 anni di quotazione 989 (+92%)

Dettagli

REPLY PROFILO AZIENDALE 2007

REPLY PROFILO AZIENDALE 2007 REPLY PROFILO AZIENDALE 2007 REPLY Company Profile 2007 1 CARATTERI IDENTIFICATIVI DEL GRUPPO Reply è una società di Consulenza, System Integration e Application Management, leader nella progettazione

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

PRESENTAZIONE DATA SERVICE 1 ROAD SHOW DEL NUOVO MERCATO

PRESENTAZIONE DATA SERVICE 1 ROAD SHOW DEL NUOVO MERCATO PRESENTAZIONE DATA SERVICE 1 ROAD SHOW DEL NUOVO MERCATO Milano, 30 novembre 2000 COMPOSIZIONE DELL AZIONARIATO DEL GRUPPO DATA SERVICE Caratteristiche dell offerta globale Fam. Martusciello 19,49% Azionariato

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO 1 LE ORIGINI I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali negli

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

I driver della loyalty nelle tlc e nei media Carlo Stefanini Busacca & Associati Loyalty Forum 2001 Milano, 06/11/01

I driver della loyalty nelle tlc e nei media Carlo Stefanini Busacca & Associati Loyalty Forum 2001 Milano, 06/11/01 I driver della loyalty nelle tlc e nei media Carlo Stefanini Loyalty Forum 2001 Milano, 06/11/01 SUMMARY Il modello di business vede un integrazione sempre più stretta fra tlc e media Fedeltà al brand

Dettagli

POWER REPLY E ORACLE UTILITIES - UNA PARTNERSHIP DI GRANDE SUCCESSO

POWER REPLY E ORACLE UTILITIES - UNA PARTNERSHIP DI GRANDE SUCCESSO POWER REPLY E ORACLE UTILITIES - UNA PARTNERSHIP DI GRANDE SUCCESSO La collaborazione tra Power Reply e Oracle è iniziata nel 2006 tramite la Lodestar Corporation, un azienda statunitense specializzata

Dettagli

SAVA: LA TECNOLOGIA PORTA IL CLIENTE IN AZIENDA

SAVA: LA TECNOLOGIA PORTA IL CLIENTE IN AZIENDA SAVA: LA TECNOLOGIA PORTA IL CLIENTE IN AZIENDA Per supportare SAVA nello sviluppo di un offerta finanziaria sempre più multicanale ed in linea con le esigenze del singolo cliente, Blue Reply ha creato

Dettagli

SERVIRE IL CLIENTE NEL CICLO DI VITA DEL PATRIMONIO Competenze per la consulenza nelle nuove filiali

SERVIRE IL CLIENTE NEL CICLO DI VITA DEL PATRIMONIO Competenze per la consulenza nelle nuove filiali SERVIRE IL CLIENTE NEL CICLO DI VITA DEL PATRIMONIO Competenze per la consulenza nelle nuove filiali Aida Maisano Responsabile ABIFormazione FORUM HR 2015, 9 e 10 giugno 2015 Banche e Risorse Umane Le

Dettagli

IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019

IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 Il nuovo piano si basa su quello presentato a marzo 2015, accelerando la creazione di valore nell ambito dei quattro principi fondamentali ed aggiungendone

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 201517

PIANO INDUSTRIALE 201517 PIANO INDUSTRIALE 20 15 17 LA FORZA DELLA MODERNITÀ LA SOLIDITÀ DELL ESPERIENZA INDICE 4 PREMESSA LA REALTÀ ESTRA OGGI Mission e valori Storia Aree di Business Governance Struttura azionaria STRATEGIA

Dettagli

Teleperformance Italia

Teleperformance Italia Teleperformance Italia Customer acquisition e gestione della relazione con il Cliente Gabriele Albani 0 Roma, 13 febbraio 2007 1978-2006 Teleperformance All rights reserved Indice Il Gruppo Teleperformance

Dettagli

Excellence Consulting. Company Profile

Excellence Consulting. Company Profile Excellence Consulting Company Profile Chi siamo L ECCELLENZA, l elemento principale della nostra value proposition non è solo il nostro brand ma fa parte anche del nostro DNA. Noi proponiamo eccellenza

Dettagli

ENGINEERING PER IL MERCATO IDRICO

ENGINEERING PER IL MERCATO IDRICO ENGINEERING PER IL MERCATO IDRICO ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA Engineering è il leader italiano nel settore dei servizi e del software, con oltre 6.500 specialisti distribuiti tra Italia, Belgio,

Dettagli

E.ON in Italia. Maggio, 2011

E.ON in Italia. Maggio, 2011 E.ON in Italia Maggio, 2011 Contenuti 1. Gruppo E.ON 2. Strategia cleaner & better energy 3. E.ON Italia 4. Best Practice degli ultimi anni 5. Le attività di sviluppo di E.ON in Italia 2 Chi siamo E.ON

Dettagli

La società e le sue attività Pag. 1. I servizi offerti e le aziende clienti Pag. 3

La società e le sue attività Pag. 1. I servizi offerti e le aziende clienti Pag. 3 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA La società e le sue attività Pag. 1 I servizi offerti e le aziende clienti Pag. 3 I fattori critici di successo e le linee strategiche di sviluppo Pag. 8 La quotazione

Dettagli

Business School since 1967

Business School since 1967 Business School since 1967 Molte aziende importanti partecipano e contribuiscono allo sviluppo professionale delle figure che escono da questo Master. Il loro impegno accompagna gli allievi dall inizio

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013 Cagliari, 14 maggio 2013 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato i risultati al 31 marzo 2013. Ricavi consolidati

Dettagli

Newsletter Retail LA LETTERA DEL PRESIDENTE INDICE. NEWSLETTER RETAIL 07 Aprile 2006 http://company.fastweb.it

Newsletter Retail LA LETTERA DEL PRESIDENTE INDICE. NEWSLETTER RETAIL 07 Aprile 2006 http://company.fastweb.it Newsletter Retail La lettera del Presidente L evoluzione del mercato Il posizionamento di FASTWEB nel mercato tlc italiano L espansione geografica Risultati economico-finanziari 2005 FASTWEB in borsa L

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

Informatica Industriale Modello organizzativo Enterprise Resource Planner

Informatica Industriale Modello organizzativo Enterprise Resource Planner DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale organizzativo Enterprise Resource Planner Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/ Informatica

Dettagli

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia ICT e strategie Information Systems Design L influenza delle ICT sulla strategia 1. Miglioramento dei processi decisionali strategici e di pianificazione e controllo 2. Strumento per perseguire la strategia

Dettagli

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab Milano, 16 marzo 2010 Priorità ICT di investimento e indagine per le banche Italiane canali Fonte:ABI

Dettagli

IL GOVERNO DELL ENERGIA Liberalizzazioni e politica Industriale nel settore energetico europeo

IL GOVERNO DELL ENERGIA Liberalizzazioni e politica Industriale nel settore energetico europeo IL GOVERNO DELL ENERGIA Liberalizzazioni e politica Industriale nel settore energetico europeo Fabio Bulfone (EUI) Padova 22 Aprile 2015 SCALETTA Cenni sul settore energetico Anni 80: I campioni nazionali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005 COMUNICATO STAMPA Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005 Wireline: continua la crescita dei ricavi, +2,1% rispetto al primo semestre 2004 (+2,3% crescita

Dettagli

Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys

Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys Le local italiane e il settore idrico. Gli investimenti e le performance delle imprese Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys Audizione nella 2 Conferenza Nazionale sulla Regolazione dei

Dettagli

Matteo Restelli Direttore Commerciale gruppo esprinet

Matteo Restelli Direttore Commerciale gruppo esprinet Matteo Restelli Direttore Commerciale gruppo esprinet 2002: LE PROMESSE MANTENUTE Cosa ci eravamo detti VI AVEVAMO PARLATO DI: Focalizzazione Company in Company Bit Technology Servizi Crescita per acquisizioni

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Lo sviluppo sostenibile della rete di accesso FTTC/FTTH a banda ultra larga nella trasparenza della qualità del servizio

Lo sviluppo sostenibile della rete di accesso FTTC/FTTH a banda ultra larga nella trasparenza della qualità del servizio Lo sviluppo sostenibile della rete di accesso FTTC/FTTH a banda ultra larga nella trasparenza della qualità del servizio Alberto Calcagno Roma, 12 giugno 2013 Il mondo always on e la broadband equation

Dettagli

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA SYNERGIA 2000 La società e le sue attività Pag. 1 La storia Pag. 3 I servizi offerti Pag.

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA SYNERGIA 2000 La società e le sue attività Pag. 1 La storia Pag. 3 I servizi offerti Pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA La società e le sue attività Pag. 1 La storia Pag. 3 I servizi offerti Pag. 4 Scheda di sintesi Pag. 6 Milano, ottobre 2004 1 La società e le sue attività Presente

Dettagli

STRATEGIE D IMPRESA. Guida alla studio del libro di testo (Fontana Caroli) per gli studenti frequentanti (in sequenza)

STRATEGIE D IMPRESA. Guida alla studio del libro di testo (Fontana Caroli) per gli studenti frequentanti (in sequenza) STRATEGIE D IMPRESA Guida alla studio del libro di testo (Fontana Caroli) per gli studenti frequentanti (in sequenza) Cap. 5.1 e Cap. 5.2 (da indicazioni precedenti) segue Cap. 4.2 + 6.5 Cap. 5.3 (esclusi

Dettagli

Web Communication Strategies

Web Communication Strategies Web Communication Strategies The internet is becoming the town square for the global village of tomorrow. Bill Gates 1 ottobre 2013 Camera di Commercio di Torino Barbara Monacelli barbara.monacelli@polito.it

Dettagli

Optimize your energy park. www.en-come.com

Optimize your energy park. www.en-come.com Optimize your energy park / Supporto d ACQUISIZIONE / OPERAZIONI TECNICHE / OPERAZIONI COMMERCIALI / MIGLIORAMENTO DELLE PRESTAZIONI / SMALTIMENTO IMPIANTI IT www.en-come.com Supporto d ACQUISIZIONE SMALTIMENTO

Dettagli

Andamento economico finanziario del Gruppo Telecom Italia - Risultati al 30 settembre 2010

Andamento economico finanziario del Gruppo Telecom Italia - Risultati al 30 settembre 2010 Andamento economico finanziario del Gruppo Telecom Italia - Risultati al 30 settembre 2010 I risultati raggiunti nei primi nove mesi del 2010 permettono di porre l accento su alcuni importanti traguardi

Dettagli

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa.

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Active Value Pricing Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Il Pricing: la principale leva di miglioramento della redditività Lo scenario economico in cui le imprese operano è

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Presentato oggi alla comunità finanziaria il Piano Industriale 2003-2005 GRUPPO GENERALI

Presentato oggi alla comunità finanziaria il Piano Industriale 2003-2005 GRUPPO GENERALI Presentato oggi alla comunità finanziaria il Piano Industriale 2003-2005 GRUPPO GENERALI OBIETTIVO: LEADERSHIP EUROPEA PER PROFITTABILITÀ E SVILUPPO IN SELEZIONATI PAESI AD ALTO POTENZIALE FOCUS SU CREAZIONE

Dettagli

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Roma, 26 Febbraio 2002 Sommario Strategia Gruppo MPS Situazione antecedente la costituzione di Consum.it Perché nasce

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 14 sessione: 9/6/2009

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 14 sessione: 9/6/2009 Economia & Management Marketing avanzato Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09 Prof. Michela Addis 14 sessione: 9/6/2009 1 Il settore finanziario Campione: 130 istitituzioni

Dettagli

Cloud Computing: Mercato in Italia, trend e opportunità

Cloud Computing: Mercato in Italia, trend e opportunità Cloud Computing: Mercato in Italia, trend e opportunità Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Legnano, 24 maggio 2012 Risorse computazionali 2041 The Time, 2011 I nuovi dispositivi Videocamera Console

Dettagli

La visione di SIRMI: qualche commento ai risultati della ricerca; l ASP che non c è? Maurizio Cuzari Amm. Delegato maurizio.cuzari@sirmi.

La visione di SIRMI: qualche commento ai risultati della ricerca; l ASP che non c è? Maurizio Cuzari Amm. Delegato maurizio.cuzari@sirmi. La visione di SIRMI: qualche commento ai risultati della ricerca; l ASP che non c è? Maurizio Cuzari Amm. Delegato maurizio.cuzari@sirmi.it 1 La gestione delle Soluzioni IT/IP - cose da fare Acquisizione

Dettagli

Schema per la redazione di un business plan high tech

Schema per la redazione di un business plan high tech Schema per la redazione di un business plan high tech 1. Sintesi dell idea 2. Assessment dei fattori di rischio dell iniziativa 3. Strategia competitiva 3.1 Fonti del vantaggio competitivo 3.2 Posizionamento

Dettagli

AUTOMOTIVE RETAIL ADVISORY

AUTOMOTIVE RETAIL ADVISORY Il post-vendita nella nuova regolamentazione europea Giorgio Elefante Bologna, 15 giugno 2004 Contenuti Osservatorio PricewaterhouseCoopers La nuova regolamentazione europea Implicazioni per i Concessionari

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

Lavorare per progetti investendo nelle risorse umane

Lavorare per progetti investendo nelle risorse umane Lavorare per progetti investendo nelle risorse umane 27 settembre 2002 Agenda Accenture Chi siamo Cosa facciamo Come siamo organizzati I nostri ruoli La complessità dei progetti L organizzazione di un

Dettagli

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle WHITE PAPER MARZO 2013 Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle modalità di contatto e interazione tra utente e azienda Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente

Dettagli

EBITDA pari a 13,2 milioni di Euro nel quarto trimestre 2002

EBITDA pari a 13,2 milioni di Euro nel quarto trimestre 2002 Il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Tiscali ha approvato i risultati del quarto trimestre 2002. Raggiunto l obiettivo del pareggio a livello di EBITDA per l esercizio 2002 EBITDA pari a 13,2 milioni

Dettagli

SEMPLIFICA RISPARMIA COLLABORA CONDIVIDI GESTISCI

SEMPLIFICA RISPARMIA COLLABORA CONDIVIDI GESTISCI SEMPLIFICA RISPARMIA COLLABORA CONDIVIDI GESTISCI Il mondo sta cambiando Internet e web 2.0 Da luogo di gestione dei dati a spazio virtuale,per: Condividere Collaborare Comunicare Socializzare Partecipare

Dettagli

IMPORTANZA DEI SERVIZI E DELLA LORO INTEGRAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA COMPETITIVITA DEL SISTEMA ITALIA (Giorgio Merli FITA Confindustria)

IMPORTANZA DEI SERVIZI E DELLA LORO INTEGRAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA COMPETITIVITA DEL SISTEMA ITALIA (Giorgio Merli FITA Confindustria) IMPORTANZA DEI SERVIZI E DELLA LORO INTEGRAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA COMPETITIVITA DEL SISTEMA ITALIA (Giorgio Merli FITA Confindustria) ELEMENTI DI SCENARIO a) le evoluzioni strutturali del business

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015.

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. COMUNICATO STAMPA Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. Ebitda al 2015 di circa 670 milioni di euro, con una crescita media annua del 3,2%. Posizione finanziaria netta

Dettagli

La visione ed esperienza di Poste Italiane

La visione ed esperienza di Poste Italiane La visione ed esperienza di Poste Italiane La Mission del Gruppo Poste Italiane 2 Diventare un azienda di servizi ad alto valore aggiunto che, valorizzando al massimo i suoi asset fondamentali ed in particolare

Dettagli

Progetto Immobiliare: costituzione di una società di intermediazione immobiliare

Progetto Immobiliare: costituzione di una società di intermediazione immobiliare Progetto Immobiliare: costituzione di una società di intermediazione immobiliare Presentazione alle Organizzazioni Sindacali Milano, 4 maggio 2015 Agenda Inquadramento Progetto (contesto di riferimento

Dettagli

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Milano, 7 Giugno 2012 Cloud Computing: una naturale evoluzione delle ICT Trend n. 1 - ICT Industrialization

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

I SISTEMI INNOVATIVI DI TELECOMUNICAZIONI NELLE AREE DECENTRATE saranno

I SISTEMI INNOVATIVI DI TELECOMUNICAZIONI NELLE AREE DECENTRATE saranno I SISTEMI INNOVATIVI DI TELECOMUNICAZIONI NELLE AREE DECENTRATE saranno DETERMINANTI PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO I SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONE AD ALTA VELOCITA ( LARGA BANDA ) SONO LO STRUMENTO STRATEGICO

Dettagli

ECOMONDO 2011 - WORKSHOP OROBLU Francesca Mondello, Telecom Italia TC.M.SS

ECOMONDO 2011 - WORKSHOP OROBLU Francesca Mondello, Telecom Italia TC.M.SS ECOMONDO 2011 - WORKSHOP OROBLU Francesca Mondello, Telecom Italia TC.M.SS Rimini 9/11/2011 per l ottimizzazione delle risorse e il contenimento dei consumi (energia, acqua, gas ). Nuvola IT Energreen

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

Presentazione Piemme Sistemi ICT CLUB Ferrara 13-14 Maggio 2014

Presentazione Piemme Sistemi ICT CLUB Ferrara 13-14 Maggio 2014 Presentazione Piemme Sistemi ICT CLUB Ferrara 13-14 Maggio 2014 Giampiero Moscato CTO Piemme Sistemi g.moscato@piemme.it Riservato Confidenziale Presentazione Piemme Sistemi Srl PIEMME SISTEMI SRL nasce

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

ROAD SHOW DEL NUOVO MERCATO MILANO,, 202 NOVEMBRE 2002. G.Andrea Farina Presidente & AD Gruppo ITWAY

ROAD SHOW DEL NUOVO MERCATO MILANO,, 202 NOVEMBRE 2002. G.Andrea Farina Presidente & AD Gruppo ITWAY ROAD SHOW DEL NUOVO MERCATO MILANO,, 202 NOVEMBRE 2002 G.Andrea Farina Presidente & AD Gruppo ITWAY 1 AGENDA Chi siamo L approccio integrato al mercato e-business e la struttura del gruppo ASA Vad e Formazione

Dettagli

Il cliente al centro dell attenzione. I benefici del CRM BUSINESS

Il cliente al centro dell attenzione. I benefici del CRM BUSINESS Il cliente al centro dell attenzione Il Customer Relationship Management () è una strategia aziendale basata sul focus verso il Cliente Finale, che diventa centrale rispetto ai processi di business dell

Dettagli

La sinergia fra il programma di loyalty iosi e le attività di micromarketing di CartaSi

La sinergia fra il programma di loyalty iosi e le attività di micromarketing di CartaSi La sinergia fra il programma di loyalty iosi e le attività di micromarketing di CartaSi Marco Bianchi Crema - CartaSi Responsabile Marketing Customer Base Francesco Renne - ICTeam Amministratore Delegato

Dettagli

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende Soluzioni di LOYALTY e CRM per Grandi Aziende NEXUSCOM Nexuscom è un agenzia nata nel 2005 e focalizzata nella realizzazione di progetti che consentono alle aziende di entrare in contatto con i propri

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

Premio Innovazione ICT Smau business Bari 2011

Premio Innovazione ICT Smau business Bari 2011 Premio Innovazione ICT Smau business Bari 2011 0 La metodologia Rilevanza per l impresal Innovatività Benefici di business Candidature 81 Imprese e PA finaliste 16 Imprese e PA vincitrici 6 1 Le categorie

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO ICT SCG-L03 Pagina 1 di 45 La segmentazione del mercato in area ICT Esistono organismi

Dettagli

Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio

Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio Cablatura Metropolitana e Reti FTTH 11 evento TRATOS Pieve Santo Stefano (AR) - 3 Settembre 2015 Agenda Metroweb Italia: storia e

Dettagli

Anche nelle multiutility il cliente/cittadino guiderà le scelte organizzative e produttive delle aziende.

Anche nelle multiutility il cliente/cittadino guiderà le scelte organizzative e produttive delle aziende. 17 Giugno 2015 Sempre di più in futuro vinceranno le aziende che vendono ciò che chiedono i clienti/cittadini nelle forme e nelle modalità da loro richieste. Le aziende assumeranno un ruolo e una responsabilità

Dettagli

MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE

MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE AS HIO N LUXURY Internet e customer engagement omnichannel stanno trasformando le strategie dei grandi brand del mercato Fashion

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Con RICOH è più facile

Con RICOH è più facile Con RICOH è più facile RICOH aiuta le aziende ad aumentare l efficienza e l efficacia della gestione documentale, dei processi informativi e dei flussi di lavoro. RICOH si propone come unico partner di

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

per Italia Digitale Versione 3.1 28 Ottobre 2010

per Italia Digitale Versione 3.1 28 Ottobre 2010 Infrastrutture a Banda Ultra Larga per Italia Digitale Tavolo Tecnico Operatori Governo per la condivisione del Modello di intervento per lo sviluppo dell Infrastruttura per le Reti di Accesso di Nuova

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 20056-30-2015

Informazione Regolamentata n. 20056-30-2015 Informazione Regolamentata n. 20056-30-2015 Data/Ora Ricezione 23 Settembre 2015 17:54:31 AIM -Italia/Mercato Alternativo del Capitale Societa' : GO internet S.p.A. Identificativo Informazione Regolamentata

Dettagli

Indice di un Business Plan (2)

Indice di un Business Plan (2) Il Piano di Marketing www.docenti.unina unina.it/mario.raffa Corso di Gestione dello Sviluppo Imprenditoriale Prof. Mario Raffa raffa@unina.it it Indice di un Business Plan (2)! 3. Il piano di marketing

Dettagli

La strategia del Gruppo Kaitech. La Business Unit ICT. La Business Unit Cards

La strategia del Gruppo Kaitech. La Business Unit ICT. La Business Unit Cards Soluzioni per un mondo che cambia Milano, 25 maggio 2005 1 Agenda La strategia del Gruppo Kaitech La Unit ICT La Unit Cards Conclusioni 2 Il Gruppo Kaitech Operatore nel settore dell ICT e del Card Management

Dettagli

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa I comportamenti in evoluzione dei clienti assicurativi Milano, 11 ottobre 2012 Uno scenario complesso La grande depressione

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

Loyalty.CRM Sempre più clienti, sempre più fedeli

Loyalty.CRM Sempre più clienti, sempre più fedeli Loyalty.CRM Sempre più clienti, sempre più fedeli Microsoft Dynamics CRM è la soluzione aziendale per la gestione delle relazioni con i clienti che consente di aumentare la produttività delle vendite e

Dettagli

CV di CLAUDIO SORDI BUSINESS PROCESS ADVISORY

CV di CLAUDIO SORDI BUSINESS PROCESS ADVISORY CV di CLAUDIO SORDI Sintesi professionale Esperienze di lavoro Luglio 2014 Dicembre 2014 Marzo 2012 Giugno 2014 Ottobre 2011 Febbraio 2012 Claudio Sordi è un senior manager con notevoli esperienze: ha

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

Evoluzione del business del gas

Evoluzione del business del gas The Adam Smith Society: REGULATORY LECTURES 2002 AMPS SpA Evoluzione del business del gas Ing. Giovanni ALIBONI Direttore Generale Milano, 18 marzo 2002 0 Confronto fra Multiutility AMPS è una Multiutility

Dettagli