TRASMISSIONE-DATI DIGITALE SU LINEE TELEFONICHE: GENERALITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRASMISSIONE-DATI DIGITALE SU LINEE TELEFONICHE: GENERALITA"

Transcript

1 Corso di Tecniche e Sistemi di Trasmissione Fissi e Mobili TRASMISSIONE-DATI DIGITALE SU LINEE TELEFONICHE: GENERALITA Prof. Carlo Regazzoni

2 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI [1] Z. Papir, A. Simmonds, Competing for Throughput in the Local Loop, IEEE Communication Magazine, May 1999, pp [2] J. G. Proakis, Digital Communications, 3rd Edition, McGraw-Hill, [3] A. Carlson, Communication Systems, McGraw-Hill, 1987 [4] L. Magnone, L. Petrini, Sistemi xdsl per l accesso ad alta velocità su coppie simmetriche in rame, Nuovo Notiziario Telecom Italia, Anno 7, No. 2, Ottobre 1998, pp [5] J.M. Cioffi, V. Oksman, et al, Very-High-Speed Digital Subscriber Lines, IEEE Communications Magazine, Aprile 1999, pp

3 CONTENUTI 1. Problema dell ultimo miglio di rete nella fornitura di servizi ad utenti residenziali 2. Uso della rete per telefonia fissa per la copertura dell ultimo miglio di rete 3. Efficienza spettrale di un link di trasmissione digitale 4. Tecnologie di trasmissione-dati su reti per telefonia fissa

4 1. PROBLEMA DELL ULTIMO MIGLIO DI RETE NELLA FORNITURA DI SERVIZI AD UTENTI RESIDENZIALI 1.1 INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROBLEMA La trasmissione-dati digitale orientata alla fornitura di servizi ad un utenza residenziale è caratterizzata dal problema dell ULTIMO MIGLIO DI RETE; Infatti è difficile fornire un canale di trasmissione che sia contemporaneamente: Affidabile (basso livello di rumore - elevata banda disponibile); Uniformemente diffuso nei pressi delle abitazioni; Condivisibile da un gran numero di utenti. Attualmente vi sono diverse le tecnologie in competizione tra loro per arrivare al traguardo di portare un ampia varietà di servizi multimediali all interno dei siti residenziali.

5 1. PROBLEMA DELL ULTIMO MIGLIO DI RETE NELLA FORNITURA DI SERVIZI AD UTENTI RESIDENZIALI 1.2 TECNOLOGIE DI RETE IN COMPETIZIONE NELL ULTIMO MIGLIO Reti cablate per telefonia fissa (POTS = Plain Old Telephone Service); Reti cablate per la distribuzione broadcast del segnale televisivo in comunità locali (CATV= Community Antenna Television Systems); Reti cablate a fibra ottica; Reti wireless pubbliche per telefonia mobile (GSM, UMTS); Reti wireless private (WLAN); Reti wireless satellitari.

6 2. USO DELLA RETE PER TELEFONIA FISSA PER LA COPERTURA DELL ULTIMO MIGLIO DI RETE 2.1 VANTAGGI Copertura uniforme del territorio in quasi tutte le aree abitate del Globo (questo non avviene per le altre tecnologie di rete in competizione nell ultimo miglio, elencate in 1.2). 2.2 SVANTAGGI Bassa affidabilità del canale di trasmissione, causata dalla presenza di un elevato tasso di interferenza di cross-talk e da attenuazioni del segnale rapidamente crescenti in funzione della frequenza; Pesanti limitazioni nella larghezza di banda disponibile (ampiezza di banda del canale per la trasmissione vocale su doppino telefonico: 3.1 KHz) e quindi pesanti vincoli sul data rate ammissibile per la trasmissione-dati digitale.

7 2. USO DELLA RETE PER TELEFONIA FISSA PER LA COPERTURA DELL ULTIMO MIGLIO DI RETE 2.3 DOMANDA Qual è il data-rate massimo al quale è possibile trasmettere dati in digitale sulla rete per telefonia fissa? Esiste un limite oltre il quale non si può andare? A questa domanda può dare una risposta la teoria dei sistemi di comunicazione ed in particolare: Il primo teorema di Nyquist Il teorema di Shannon

8 3. EFFICIENZA SPETTRALE DI UN LINK DI TRASMISSIONE DIGITALE 3.1 DEFINIZIONE L efficienza spettrale η di un link di trasmissione digitale è definita dal seguente rapporto: R η = B R = data-rate assegnato B = larghezza di banda necessaria per trasmettere al data rate assegnato R Idealmente un canale affidabile dovrebbe essere caratterizzato da un elevata efficienza spettrale (trasmissione ad elevato rate su piccole porzioni di banda) In un canale reale l efficienza spettrale è limitata essenzialmente da due fattori: L interferenza intersimbolica (ISI); Il rumore di canale, modellato per lo più come rumore Gaussiano bianco additivo;

9 3. EFFICIENZA SPETTRALE DI UN LINK DI TRASMISSIONE DIGITALE 3.2 INSORGENZA DELL INTERFERENZA INTERSIMBOLICA L interferenza intersimbolica (ISI) si manifesta in un sistema di trasmissione digitale quando la risposta di un canale a banda limitata ad un simbolo mandato in ingresso con forma d onda impulsiva si espande temporalmente oltre la durata del simbolo stesso; In pratica code delle risposte all impulso del canale a simboli precedentemente immessi sul canale vanno ad interferire con la risposta all impulso relativa al simbolo corrente, cambiando l ampiezza del segnale ricevuto negli istanti di campionamento ed alterando il processo di ricostruzione.

10 3. EFFICIENZA SPETTRALE DI UN LINK DI TRASMISSIONE DIGITALE 3.3 RISPOSTA ALL IMPULSO DI UN CANALE IDEALE A BANDA LIMITATA H ( f ) 0 B=1KHz f Risposta in frequenza di un canale ideale a banda limitata Risposta all impulso Si annulla in tk = k 2B k Z

11 3. EFFICIENZA SPETTRALE DI UN LINK DI TRASMISSIONE DIGITALE 3.4 PRIMO TEOREMA DI NYQUIST Dato un canale ideale a banda limitata, la cui risposta all impulso è quella mostrata in 3.2, è possibile ottenere una trasmissione binaria di tipo NRZ senza interferenza intersimbolica, trasmettendo ad un bit-rate R <=2B b/s: tale valore è detto rate di Nyquist o frequenza di Nyquist; Questa condizione impone un vincolo sulla massima efficienza spettrale di un link di trasmissione digitale binaria, cioè: η R Nyquist b / s Hz B / max = = 2 Applicando tale vincolo al canale per la trasmissione del segnale vocale sul doppino telefonico otteniamo che: Massimo rate (teorico) per la R Nyquist = 2 B = 6.2 kb / s trasmissione binaria senza ISI

12 3. EFFICIENZA SPETTRALE DI UN LINK DI TRASMISSIONE DIGITALE 3.5 FATTORI DI RIDUZIONE DEL RATE DI NYQUIST Non è possibile implementare un filtro passabasso in grado di riprodurre la risposta in frequenza del canale ideale a banda limitata mostrata in 3.3; Il filtro passabasso più usato nelle applicazioni commerciali. è il filtro di Nyquist a coseno rialzato. Rispetto al filtro ideale, esso presenta un incremento di banda pari a (1+ρ), con ρ = 1/3. Quindi l efficienza spettrale massima si riduce da 2 b/s/hz a 1.5 b/s/hz; Altro fattore di riduzione dell efficienza spettrale consiste nella modulazione su portante sinusoidale, che può portare ad un incremento della larghezza di banda del segnale trasmesso di un fattore fino a 2 volte rispetto al segnale in banda base; Combinando gli effetti della modulazione e del filtraggio di Nyquist, l efficienza spettrale di una trasmissione binaria può scendere fino a 0.75 b/s/hz.

13 3. EFFICIENZA SPETTRALE DI UN LINK DI TRASMISSIONE DIGITALE 3.6 COME TRASMETTERE OLTRE IL RATE DI NYQUIST A causa della scarsa efficienza spettrale, la trasmissione binaria era usata solo nei vecchi modem V.21 (che usano modulazione FSK). Essi sono in grado di trasmettere ad un bit-rate di 300 b/s, con efficienza spettrale pari a 0.1 b/s/hz; Attualmente i modem per doppino telefonico usano modulazioni multilivello, ove una sequenza di m bit consecutivi viene mappata in uno tra M = 2 m livelli di ampiezza. In tale maniera un simbolo trasmesso porta m = log 2 M bit e quindi la massima efficienza spettrale di una modulazione a M livelli, secondo il primo teorema di Nyquist diviene pari a: da cui: η max η max 2B log = B se M 2 M = 2log 2 M b/s/hz (valore ideale) Capacità infinita del canale: teoricamente vero solo su canali non rumorosi

14 3. EFFICIENZA SPETTRALE DI UN LINK DI TRASMISSIONE DIGITALE 3.7 PRESENZA DEL RUMORE DI CANALE In presenza di rumore di canale (non è possibile pensare ad un canale privo di rumore), il massimo rate di trasmissione ammissibile è imposto dalla ben nota legge di Shannon-Hartley: R = B log 1+ max 2 2 S N b/s Ove S/N è il rapporto segnale-rumore espresso in forma numerica (non in db); Per cui, la massima efficienza spettrale, ottenibile in presenza di rumore di canale è la seguente: η max = 2log2 1+ S N b/s/hz Ipotesi fondamentale: rumore di canale di tipo AWGN

15 3. EFFICIENZA SPETTRALE DI UN LINK DI TRASMISSIONE DIGITALE 3.8 LIMITI POSTI AL NUMERO DI LIVELLI DELLA MODULAZIONE IN PRESENZA DI RUMORE Dato un segnale trasmesso s(t) di potenza S ed un rumore AWGN n(t) di potenza N, la massima ampiezza del segnale ricevuto y(t) = s(t) +n(t) è: A = S + max N La minima differenza di livello riconoscibile tra un ampiezza e l altra è N Per cui il massimo numero di livelli tra loro distinguibili è dato da: M = 1+ S N

16 3. EFFICIENZA SPETTRALE DI UN LINK DI TRASMISSIONE DIGITALE 3.9 MASSIMO RATE OTTENIBILE IN TRASMISSIONI DIGITALI SU CAVO TELEFONICO L efficienza spettrale di un canale per la trasmissione vocale con S/N = 1000 (30 db) è limitata approssimativamente a: η max = 2log2 M = 2log2 1+ S N = log2(1001) 10 b/s/hz Da ciò consegue che il bit-rate con cui si possono trasmettere dati su doppino telefonico, con modulazione multilivello non può comunque superare il valore di 31 Kb/s; Date queste limitazioni, applicazioni che richiedono un elevato bit-rate, come quelle inerenti ai servizi multimediali, sembrano non poter essere supportate dal doppino telefonico. Nel seguito si mostrerà che esistono tecnologie in grado di infrangere questi limiti (es. ADSL).

17 4.1 INTRODUZIONE Le tecnologie per la trasmissione-dati digitale su reti per telefonia fissa possono essere suddivise in tre gruppi: Modem funzionanti sulla banda di trasmissione del segnale vocale (300 Hz KHz); ISDN; ADSL e x-dsl.

18 4.2 MODEM FUNZIONANTI SULLA BANDA DEL SEGNALE VOCALE (TABELLA RIASSUNTIVA) Modem Data rate Modulazione Efficienza Applicazioni Spettrale V b/s FSK 0.1 b/s/hz Trasmissione dati V.22 bis 2.4 kb/s QPSK 0.75 b/s/hz Trasmissione dati V kb/s 16-QAM 1.5 b/s/hz Trasmissione dati V kb/s TCM 3 b/s/hz Trasmissione dati V /33.6 kb/s TCM 11 b/s/hz Trasmissione dati V kb/s TCM 18 b/s/hz Accesso INTERNET

19 4.2.1 MODEM FUNZIONANTI SULLA BANDA DEL SEGNALE VOCALE: NOTE TECNICHE SUI MODEM V.21 I primi modem (V.21) effettuavano trasmissione binaria con modulazione Frequency Shift Keying (FSK); La modulazione M-FSK richiede M portanti sinusoidali, le cui frequenze vengono settate sulla base del valore del livello (vedi [3]); Nel caso di trasmissione binaria, sono necessarie due portanti: una per il livello 0 ed una per il livello 1 ; La modulazione FSK binaria è molto robusta nei confronti del rumore e di facile implementazione, ma la sua efficienza spettrale è addirittura minore di 1 (è una modulazione a larga banda). Infatti: η ( 2log2 M ) M 1 (per M potenza di 2) FSK

20 4.3 MODEM FUNZIONANTI SULLA BANDA DEL SEGNALE VOCALE: NOTE TECNICHE SUI MODEM V.22 E V.29 BIS I modem delle generazioni successive (V.22 bis, V.29) sono passati alle più efficienti modulazioni multi-livello, quali la QPSK (efficienza spettrale teorica pari a 2) e la 16-QAM (efficienza spettrale teorica pari a 4); Pur con tutte le tarature imposte dal filtraggio passabasso di Nyquist e dalla modulazione, si è passati a valori dell efficienza spettrale decisamente migliori rispetto al vecchio V.21 (0.75 b/s/hz per il V.22 bis e 1.5 b/s/hz), consentendo di portare il rate di trasmissione a 9.6 kb/s. Tuttavia questo è avvenuto al prezzo di una minore protezione nei confronti del rumore, il che ha scoraggiato ulteriori tentativi di incrementare l efficienza spettrale solamente aumentando il numero di livelli della modulazione; Aumentando il numero di livelli, i simboli della costellazione diventano infatti più vicini tra loro e quindi è più difficile per il ricevitore decidere, in presenza di rumore, quale simbolo è stato trasmesso.

21 4.3.1 ESEMPI DI COSTELLAZIONI M-QPSK E M-QAM QPSK 8-PSK 32-PSK QAM 8-QAM 32-QAM

22 4.4 MODEM FUNZIONANTI SULLA BANDA DEL SEGNALE VOCALE: NOTE TECNICHE SUI MODEM V.32, V.34 e V.90 I modem appartenenti all ultima generazione (da V.32 in poi), adottano la Trellis- Coded-Modulation (TCM); La TCM combina la modulazione multilivello ad alta efficienza spettrale (M = 32, M = 64), con una robusta codifica FEC per la correzione degli errori di tipo convoluzionale (codici a Trellis) (vedi [2]); Lo stream di bit contenente il messaggio da trasmettere viene dapprima codificato da un codificatore convoluzionale con rate k/n<1, in modo tale che ad una stringa di k bit in ingresso corrisponda una stringa codificata di n bit in uscita; La ridondanza introdotta con la codifica viene compensata da un mappaggio su un numero maggiore di livelli. In tal modo non viene incrementata la banda ed il peggioramento di prestazioni dovuto all aumento di M viene abbondantemente compensato dalla robustezza della codifica FEC.

23 4.5 ESEMPIO DI MODULAZIONE TCM Codificatore convoluzionale con rate 1/2 8-QPSK mapping

24 4.6 MODEM V.34 E V.90 Attualmente il massimo rate disponibile in full-duplex (comunicazione simmetrica con uguale rate sia in upstream che in downstream) è fornito dai modem V.34, (33.6 kb/s), la cui efficienza spettrale supera di poco il limite teorico (11 b/s/hz vs. 10 b/s/hz). Il modem V.34 usa la TCM con modulazione 32-QAM; Il modem V.90 usa anch esso la TCM e può funzionare a 56.6 kb/s, superando quindi abbondantemente il limite teorico di efficienza spettrale per il canale telefonico; Tuttavia il rate massimo di 56.6 kb/s non è disponibile nelle due direzioni, ma solo in quella di downstream. Questa forma di asimmetria rende appetibile il V.90 per l accesso ad INTERNET; I valori topici del bit-rate sia per quel che riguarda il V.34, che il V.90 sono disponibili solo se in condizioni ottimali di S/N (>34 db).

25 4.7 SOLUZIONI ADSL E x-dsl Per quel che riguarda i sistemi di trasmissione-dati operanti sul canale telefonico per la trasmissione analogica della voce, i limiti imposti da Nyquist e da Shannon sull efficienza spettrale sono stati raggiunti (modem V.34) e persino superati (modem V.90); Attualmente la possibilità di incrementare ulteriormente l efficienza spettrale di tali sistemi si è esaurita; Sono quindi necessarie nuove soluzioni, che sfruttino la banda disponibile del canale telefonico, utilizzando porzioni di frequenza oltre il range della trasmissione vocale (300 Hz KHz), notoriamente molto rumorose; La soluzione ADSL (Asymmetric Digital Subscriber Line) (insieme alle affini x-dsl) è stata studiata per consentire la trasmissione ad elevato bit-rate su doppino telefonico, estendendo le applicazioni all accesso ad INTERNET, al browsing di database multimediali ed alla distribuzione VOD.

26 4.8 PANORAMICA GENERALE DELLE TECNOLOGIE ADSL E x-dsl

27 4.8.1 PANORAMICA GENERALE DELLE TECNOLOGIE ADSL E x-dsl: ALLOCAZIONE DELLO SPETTRO E BIT- RATE DISPONIBILE ADSL VDSL Max rate di upstream Max rate di downstream Banda di upstream Banda di downstream ADSL 640 kb/s 6,144 Mb/s 96 KHz 900 KHz 4 Km VDLS 20 Mb/s 51,84 Mb/s 400 KHz 9 MHz 300 m Distanza per cui il max rate è garantito

28 4.9 LE MODULAZIONI MULTIPORTANTE Le tecniche multiportante sono basate sul principio di suddividere la banda disponibile del canale trasmissivo in un certo numero di sottobande e utilizzare ciascun sottocanale per trasmettere un opportuna porzione di flusso informativo; Rispetto alle tradizionali tecniche di modulazione a singola portante, presentano i seguenti vantaggi: L attenuazione di ciascuna sottobanda è praticamente costante, per cui in ricezione non è necessario equalizzare; L assegnazione della capacità di trasmissione di ogni sottocanale è effettuata tenendo conto delle caratteristiche di attenuazione del canale e del livello di rumore, in modo da ottimizzare la trasmissione inviando maggiore informazione nelle sottobande che garantiscono un migliore rapporto segnalerumore; Le tecniche x-dsl impiegano le modulazioni multiportante CAP e DMT;

29 4.9.1 STANDARD DI MODULAZIONE CAP E DMT Modulazione CAP (Carrierless AM/PM) (brevettata dalla AT&T). Il segnale digitale modulato 16-QAM viene successivamente filtrato in modo da conferire allo spettro del segnale modulato una forma pressochè rettangolare. In tal modo, si incrementa notevolmente l efficienza spettrale del segnale; Modulazione DMT (Discrete Multi Tone) (standard ETSI): è una modulazione multi-portante. Usa simultaneamente canali di trasmissione multipli, per mezzo di 256 portanti diverse. Ognuno dei canali ha ampiezza 4 KHz ed usa la modulazione QAM. La modulazione DMT adatta il bit-rate di trasmissione su ogni canale al rapporto segnale/rumore proprio dello spazio di frequenza del canale considerato, in modo tale da convogliare la gran parte dei dati trasmessi sui canali meno rumorosi.

30 4.10 MODULAZIONE DMT (DETTAGLI) Le caratteristiche peculiari del sistema DMT usato per realizzare sistemi ADSL sono: Labanda di trasmissioneèdivisain in un insieme di sotto-portanti (dette toni), ciascuna usata come canale indipendente per trasmettere una parte dell informazione; Sottoportanti di eguale ampiezza spettrale ed equispaziate tra loro; la larghezza di banda è sufficientemente piccola in modo da permettere un impiego quasi ottimo della capacità dela canale; Trasmissione in tecnica QAM su ogni sottobanda con efficienza spettrale massima di bitshz;

31 MODULAZIONE DMT (DETTAGLI) Lo standard DMT contenuto nella specifica ANSI T1.413 adotta un numero di toni N = 256 in downstream e N = 32 in upstream; La trasmissione avviene con tecnica M-QAM su ogni sottobanda; Le sotto-portanti hanno uguale ampiezza spettrale (4 KHz) e sono equispaziate tra loro; E possibile una realizzazione completamente numerica della modulazione usando IFFT e FFT (vedi figura nella slide seguente);

32 MODULAZIONE DMT: TX E RX La modulazione DMT è un tipo di modulazione multi-portante dove le portanti sono spaziate in frequenza di un multiplo di 1/T, ove T è il periodo di modulazione e sono caratterizzate dal fatto che lo spettro dei segnali trasmessi sulle diverse portanti si sovrappone. Uno schema di un possibile modulatore DMT è riportato nella figura sottostante:

33 MODULAZIONE DMT: TX E RX (CONTINUA) Si può vedere come un flusso di simboli, codificati nelle loro componenti in fase ed in quadratra (a n, b n ), venga ciclicamente multiplexato su N rami di modulazione digitale QAM. L uscita del k-esimo ramo di modulazione è un segnale M-QAM, modulato su una frequenza di portante f k, che è ortogonale rispetto alle frequenze di modulazione degli altri rami. In questo modo, è possibile recuperare in ricezione i flussi di simbolo trasmessi nei diversi rami e riassemblare, con un operazione di de-multiplexing flusso di simboli originario.

34 MODULAZIONE DMT: SEGNALE TRASMESSO Ad ogni portante viene assegnata una determinata costellazione QAM (può anche essere uguale per tutte). Date rjk e ϕ jk, coordinate polari nella costellazione QAM, relativa alla portante k-esima, del simbolo trasmesso da tale portante nell intervallo [(j-1)t, jt], avremo che: + s ( t) = r cos(2πf ( t jt ) + ϕ ) Π( t jt ) k jk j= k (segnale trasmesso dalla portante k-esima) jk N 1 = s ( t ) k = 0 s ( t k ) (segnale trasmesso sul canale) N = numero delle portanti sinusoidali k f k = f 0 + T Frequenza 1, 0 t < T Π( t) = 0, altrimenti fondamentale Impulso rettangolare

35 MODULAZIONE DMT: SEGNALE TRASMESSO Il segnale trasmesso sul canale è la somma di un numero elevato di portanti sinusoidali, modulate con fase ed ampiezza arbitraria. Il risultato, nel dominio del tempo, è un segnale noise-like (vedi figura): La durata di un impulso di modulazione DMT T èfissataed èparia: D è il bit-rate alla sorgente; a è il numero di bit per simbolo trasmesso; Na T = = D T s è il tempo di durata di un simbolo (nel tempo di durata di un impulso di modulazione DMT si trasmettono N simboli multiplexati); NT s

36 MODULAZIONE DMT: EFFICIENZA SPETTRALE Nella figura sottostante è rappresentata la densità spettrale di potenza (normalizzata) di un segnale digitale modulato DMT con T = 125 nsec, f 0 = 8 MHz, e numero di portanti N = 32, 128, 512.

37 MODULAZIONE DMT: EFFICIENZA SPETTRALE Lo spettro del segnale tende a diventare ideale (senza bisogno di usare filtri di shaping dello spettro tipo filtro di Nyquist con basso roll-off) quando N è molto grande. Da quanto si è visto in precedenza, riguardo l efficienza spettrale della modulazione DMT, si ha che: lim η N ( N ) = a Il grafico mostrato sopra evidenzia che h ~= a (valore ideale, difficile da raggiungere con una QAM, anche utilizzando filtri di Nyquist) per valori grandi (ma finiti) di N.

38 MODULAZIONE DMT: LARGHEZZA DI BANDA La larghezza di banda occupata dalle N portanti del segnale DMT è pertanto pari a: W = N 1 3 N = + T T T A questo punto può essere interessante calcolare l efficienza spettrale della modulazione DMT, che è data dal rapporto bit-rate di sorgente/banda occupata (o dal suo inverso, a seconda delle convenzioni). Supponendo di avere una costellazione M-QAM (o M-PSK) a due dimensioni con punti (a = #bit per simbolo trasmesso), poiché in T vengono trasmessi N simboli, il bit-rate di sorgente può essere espresso come: Per cui si ha che: ( N + 5) D W = Hz. Na Na D = T Bit/sec. Efficienza spettrale η = D W = N N a + 5

39 MODULAZIONE DMT (SCHEMA A BLOCCHI)

40 MODULAZIONE DMT (DETTAGLI) Il flusso di bit in ingresso alla velocità di R bits è suddiviso in blocchi di b=rt bit, dove T rappresenta il periodo di simbolo del sistema DMT. Il blocco di bit b è suddiviso a sua volta in N sottoblocchi b i (i=0,1,,n-1) tali che (vedi [4]): b = N 1 b i i= 0 Dove N rappresenta il numero di sottoportanti del sistema e b i è il sottoblocco trasmesso sulla portante i-esima; Ogni vettore IFFT (simbolo DMT) ha una duratya T pari a 250 µs ed è costituito da 512 campioni; La trasmissione avviene praticamente inviando sul canale successivi vettori IFFT di 512 campioni alla cadenza di 250 µs con una frequenza di capionamento minima (nel verso del downlink) di 2208 khz..

41 MODULAZIONE DMT (DETTAGLI) Per assicurare prestazioni nominali ottime in un sistema DMT è necessario sviluppare alcune funzioni: Mantenere una perfetta sincronizzazione fra trasmettitore e ricevitore per garantire condizioni di ortogonalità tra le portanti, in modo da recuperare l informazione trasmessa priva di interferenza nei lobi laterali adiacenti alla portante. Per far ciò si impiega un tono speciale (tono pilota) dedicato al sincronismo; Analizzare nella fase iniziale di training del sistema, le condizioni della qualità del canale su ogni sottoportante. La stima del rapporto segnale rumore, SNR (Signal to Noise Ratio), permette di distribuire in maniera opportuna il numero di bit su ogni tono (si veda slide seguente);

42 MODULAZIONE DMT (DETTAGLI) La distribuzione del carico di bit per ogni sotto-portante non è uniforme, ma funzione delle specifiche condizioni di rapporto segnale/rumore in ciascuna sottobanda; Si può dimostrare che, fissando un tasso di errore consentito di 10-7, il numero di bit da allocare su ogni tono di indice i è dato dalla formula (vedi [4]): b( i) = log 2 SNR( i) γ margin Ove γ margin è il margine prefissato (in db) per il rapporto segnale-rumore rispetto alle condizioni nominali di tasso di errore di 10-7 e SNR(i) è il rapporto segnale-rumore relativo alla sottobanda i stimato durante durante una fase iniziale di training del sistema;

43 ESEMPIO DI DISTRIBUZIONE DEI BIT SUI TONI IN UNA MODULAZIONE DMT

44 4.11 MODULAZIONE CAP (DETTAGLI) La modulazione CAP deriva direttamente dalla QAM, con la quale ha in comune le stesse prestazioni; La differenza con la QAM consiste nel fatto che l ortogonalità tra il ramo in fase ed il ramo in quadratura non è ottenuta tramite moltiplicazione per il seno e per il coseno (carrierless = senza portante); Il filtro in quadratura f Q (t) (vedere figura slide seguente) è realizzato in modo tale che la sua risposta all impulso sia la trasformata di Hilbert della risposta all impulso del filtro in fase f I (t) (la trasformata di Hilbert di un segnale è ortogonale al segnale stesso); In tal modo lo spettro del segnale trasmesso ha una forma quasi rettangolare, evitando i già citati (vedi sezione 3) incrementi di banda dovuti alla moltiplicazione per le portanti sinusoidali.

45 MODULAZIONE CAP (SCHEMA A BLOCCHI) Le espressioni analitiche delle risposte impulsive dei due filtri sono: f I ( t) = g( t)cos(2πf t) c f Q ( t) = g( t) sin(2πf t) c g(t) è una componente a coseno rialzato

46 4.12 CONFRONTO CAP/DMT Il segnale trasmesso con la modulazione CAP occupa tutta la larghezza di banda disponibile. Ciò significa che in corrispondenza di quelle frequenze soggette a pesanti attenuazioni o affette dalla presenza di rumori impulsivi si avranno inevitabilmente errori nel messaggio ricevuto; La modulazione DMT, invece prevede una trasmissione più o meno robusta, a seconda del grado di rumorosità del canale, concentrando il massimo flusso di bit in corrispondenza dei toni meno critici dal punto di vista del rumore e delle attenuazioni e viceversa. La modulazione CAP è più semplice ed economica da implementare, anche se la possibilità di implementazione numerica rende la DMT sicuramente concorrenziale. Sia la DMT che la CAP usano codici FEC e tecniche di interleaving per migliorare le loro prestazioni, in termini di riduzione del BER.

47 x-dsl e VDSL HDSL è un servizio a rate simmetrico (full-duplex) a Mb/s (su due doppini) o Mb/s (su tre doppini). HDSL usa la modulazione 2B1Q (come ISDN) oppure la CAP-64 o la CAP-128; SDSL (Single-pair DSL) è una versione semplificata di HDSL funzionante su un unico doppino telefonico, con un rate massimo di 768 kb/s; VDSL è una tecnica ancora in fase di standardizzazione. Essa dovrebbe fornire in futuro un rate di downstream fino a 52 Mb/s, ed un rate di upstream fino a 3 Mb/s, nella versione asimmetrica, e fino a Mb/s nella versione simmetrica. VDSL dovrà operare tra un unità di rete a fibra ottica (ONU) di backbone ed il sito residenziale (vedi figura slide successiva).

48 4.14 VDSL: MODELLO DEL SISTEMA DI COMUNICAZIONE

49 5. DALLA DMT AL CONCETTO DI SPETTRO DISPERSO (SPREAD SPECTRUM) Come si è visto al fine di ottenere una trasmissione a elevato rate i limiti di trasmissione dati su canale telefonico sono stati oltrepassati (modem V 90); Le tecniche ADSL e x-dsl consentono di andare oltre sfruttando una porzione di banda più ampia del canale telefonico oltre il normale range vocale (300 Hz-4 KHz); Tale tecnica non è nuova nel mondo delle trasmissioni e a tutti gli effetti rappresenta un espansione dello spettro al fine di una trasmissione ad elevato rate; Tale concetto che si basa sulla trasmissione di un flusso di informazioni su una banda più larga di quella occupata dal flusso stesso è noto come tecnica di trasmissione a Spettro disperso o Spread Spectrum; In un certo senso la DMT fa proprio questo andando ad utilizzare una porzione di banda del canale telefonico molto maggiore di quella solita impiegata per la trasmissione vocale.

50 5. SIGNIFICATO DEL CONCETTO SPREAD SPECTRUM Con questo termine si indica una tecnica di trasmissione digitale, che distribuisce lo spettro in potenza di un segnale contenente informazione su una banda molto più larga rispetto a quella del segnale originario, in modo tale che la potenza per unità di frequenza (watt per Hertz) del segnale inviato sula canale sia molto piccola; Si definisce GUADAGNO DI PROCESSO P (Processing Gain) il rapporto tra la banda del segnale originario B e la banda del segnale trasmesso sul canale dopo la dispersione (Spreading) dello spettro W: P = In fase di ricezione, il segnale in questione viene compresso nella sua originaria banda stretta, lasciando la potenza dei segnali interferenti, sparsa sulla larga banda di trasmissione. W B

51 5. SISTEMA DI TRASMISSIONE SPREAD SPECTRUM Dati Modulazione digitale a banda stretta Spreading del segnale De - Spreading De- Modulazione digitale a banda stretta Dati Pattern Pseudocasuale Pattern Pseudocasuale Trasmettitore SS Ricevitore SS In trasmissione, lo spettro del trasmesso viene disperso su una larga banda di frequenza, tramite un pattern pseudo-casuale, imposto ai dati di ingresso di un dato utente. Tale pattern è noto soltanto al rivevitore dell utente che ha trasmesso il segnale Spread spectrum. Se non si conosce tale chiave, non è possibile ricostruire lo spettro del segnale in banda stretta e quindi demodularlo.

52 5. SISTEMA DI TRASMISSIONE SPREAD SPECTRUM: EFFETTO DELLO SPREADING Segnale in banda stretta Segnale Spread Spectrum trasmesso RUMORE BIANCO f 0 f Spettro del segnale ricompattato in ricezione f 0 f f 0 RUMORE BIANCO f

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata:

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Teorie comunicative Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Sintattico Livello della trasmissione del messaggio Semantico Livello della

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI A.Accardo accardo@units.it LM Neuroscienze A.A. 2010-11 Parte II 1 Analisi in frequenza di un segnale l analisi in frequenza di un segnale o analisi di Fourier descrive il

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

TEORIA DELL INFORMAZIONE E CODICI. Sandro Bellini. Politecnico di Milano

TEORIA DELL INFORMAZIONE E CODICI. Sandro Bellini. Politecnico di Milano TEORIA DELL INFORMAZIONE E CODICI Sandro Bellini Politecnico di Milano Prefazione Queste brevi note sono state scritte per gli studenti del corso di Teoria dell informazione e codici da me tenuto presso

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni Appunti di Misure Elettriche Richiami vari QUANTITÀ ELETTRICHE... 1 Corrente... 1 Tensione... 2 Resistenza... 3 Polarità... 3 Potenza... 4 CORRENTE ALTERNATA... 4 Generalità... 4 Valore efficace... 5 Valore

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

I sistemi di acquisizione dati

I sistemi di acquisizione dati I sistemi di acquisizione dati L'utilizzo dei computers, e dei PC in particolare, ha notevolmente aumentato la produttività delle attività sperimentali. Fenomeno fisico Sensore/ trasduttore Acquisizione

Dettagli

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Francesco Vatalaro Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Mario Lucertini Università di Roma Tor Vergata Padova, Orto Botanico - Aula Emiciclo, 27 Marzo 2015 Contenuti

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

I dati audio. Campionamento Quantizzazione e Codifica Formati e standard Supporti

I dati audio. Campionamento Quantizzazione e Codifica Formati e standard Supporti I dati audio Campionamento Quantizzazione e Codifica Formati e standard Supporti Campionamento Moltiplicare il segnale per l impulso di campionamento t f max f t f c 2f c f t f max f c 2f c f f c -f max

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

La funzione di risposta armonica

La funzione di risposta armonica 0.0. 3.1 1 La funzione di risposta armonica Se ad un sistema lineare stazionario asintoticamente stabile si applica in ingresso un segnale sinusoidale x(t) = sen ωt di pulsazione ω: x(t) = sin ωt (s) =

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

NOTA APPLICATIVA IL METODO DEL PICCO PONDERATO NELLA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

NOTA APPLICATIVA IL METODO DEL PICCO PONDERATO NELLA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI NOTA APPLICATIVA IL METODO DEL PICCO PONDERATO NELLA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI Daniele Andreuccetti Alessandro Gandolfo Mario Monti Nicola Zoppetti Dicembre 2013 NOTA

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali AmpEQ Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali GAI04 Memo Series Alessandro Scalambra Rev: Sergio Mariotti, Jader Monari I.N.A.F GAI04-FR-2.0

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete:

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete: Di Simone Zanardi Cablaggio di rete: offre la casa La tecnologia Powerline consente di sfruttare l impianto elettrico domestico per collegamenti Ethernet; un alternativa alla posa dei cavi Utp e alle soluzioni

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Esercizio 1 Soluzione Esercizio 2 Soluzione

Esercizio 1 Soluzione Esercizio 2 Soluzione Esercizio 1 Si specifichi, mediante una formula del prim ordine un apparato che funziona nel modo seguente: All istante 0 esso emette un segnale s, che può essere uno 0 o un 1. Se, dopo l emissione di

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Fig. 1 - L apparato radio CNR2000

Fig. 1 - L apparato radio CNR2000 EO ESCLUSIVA L articolo descrive la strategia seguita nella progettazione e realizzazione della funzionalità di Frequency Hopping per un apparato radio preesistente: la radio tattica CNR2000, di produzione

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10 Lecture 20: 28 Maggio 2010 Cycle Monotonicity Docente: Vincenzo Auletta Note redatte da: Annibale Panichella Abstract In questa lezione

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Oscillatori a quarzo Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA Le Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC) adottano un approccio prestazionale alla progettazione delle strutture nuove e alla verifica

Dettagli