IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova"

Transcript

1 IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova QUESTIONARIO RISPOSTE CORRETTE Il test si supera se le risposte esatte sono 34 sul totale dei 43 quesiti. Barrare una sola risposta. 1. In sede extragiudiziaria il medico: a. deve rispettare obblighi deontologici più restrittivi rispetto al giudiziario b. deve rispettare i medesimi obblighi c. non deve sottostare ad obblighi particolari d. deve limitarsi a rilevare il quadro obbiettivo 2. La relazione extragiudiziaria è redatta preferibilmente: a. dal medico legale b. dal chirurgo plastico c. dal chirurgo plastico che ha seguito il paziente d. da entrambi gli specialisti in collegio 3. La relazione extragiudiziaria su atti deve comprendere: a. l anamnesi b. l esame obbiettivo c. l indicazione del committente d. il giudizio sull emendabilità degli esiti 4. L onorario della consulenza extragiudiziaria può essere liquidato da: a. il paziente b. il danneggiante c. la Compagnia di Assicurazioni d. tutti i precedenti 5. Sul Giudice grava l onere di: a. assumere in sentenza le conclusioni del ctu b. richiedere chiarimenti al ctu c. disporre obbligatoriamente un collegio 6. La ctu può essere richiesta: a. dalla parte convenuta b. da ambedue le parti c. dalla parte attrice d. dal magistrato 7. Il consulente medico legale è tenuto a: a. far proprio il giudizio del ch. plastico b. non esprimere alcun giudizio al proprio consulente c. discutere con il chirurgo plastico il giudizio tecnico d. lasciare il giudizio al magistrato 1

2 8. La ctu è: a. un mezzo di prova b. un indagine tecnica non ripetibile c. un atto vincolante per il giudice 9. Il ctu chirurgo plastico deve: a. giudicare la responsabilità del medico b. rispondere al quesito nei limiti delle proprie competenze c. valutare il danno 10. L art. 61 c.p.c. prevede l obbligo per il Giudice: a. di avvalersi di un consulente b. di disporre la ctu in ambito medico c. di disporre la ctu nominado più consulenti 11. La relazione di ctu deve obbligatoriamente comprendere: a. i dati identificativi del periziando b. tutta la documentazione sanitaria scritta c. tutta la documentazione iconografica 12. L ordinanza di nomina del ctu deve comprendere: a. i quesiti b. le nomine dei consulenti di parte c. i termini per il deposito dell elaborato 13. Il ctu è tenuto a: a. depositare l elaborato concluso in cancelleria b. inviare l elaborato concluso al Giudice c. inviare l elborato concluso alle parti 14. Il potere di ricusazione del ctu appartiene: a. alle parti b. al giudice c. al solo danneggiato 15. Il ctu può essere ricusato (artt. 51 e 61 c.p.c.): a. se ha interesse nella causa o in altra vertente su identica questione di diritto b. se non dimostra preparazione scientifica adeguata c. se dipendente di un ente statale 16. L onorario del ctu deve essere versato: a. da parte attrice b. da parte convenuta c. secondo quanto disposto dal giudice d. da ambedue le parti in solido 2

3 17. I termini per il deposito della ctu sono: a. improrogabili b. prorogabili c. prorogabili nelle sole ipotesi di responsabilità professionale 18. L evento avverso può comportare: a. responsabilità professionale b. lesione personale c. danno alla persona 19. Le lesioni personali colpose sono a. perseguibili d ufficio b. a querela della persona offesa c. perseguibili d ufficio se comportano malattia superiore 40 giorni 20. Il danneggiato o leso può rivolgersi: a. all avvocato b. al medico legale c. al chirurgo plastico 21. La consulenza tecnica in tema di colpa medica: a. deve essere svolta in collegio b. può essere svolta in collegio c. deve essere svolta dal solo medico legale d. deve essere svolta dallo specialista clinico 22. I termini per il deposito della ct per il PM e della perizia giudiziaria sono: a. improrogabili b. prorogabili c. prorogabili nelle sole ipotesi di responsabilità professionale 23. Il consulente tecnico medico del PM deve svolgere indagini: a. in assenza di incarico del PM b. in assenza dei ctp c. previo avviso alle parti d. alla presenza delle parti 24. Il ct in ambito penale: a. deve essere nominato da solo b. può essere nominato da solo c. deve essere nominato in collegio con lo specialista clinico d. può essere nominato da solo o in collegio 25. L ausiliario riceve incarico: a. dal perito autorizzato dal Giudice b. dal Giudice c. dal perito indipendentemente dall autorizzazione del giudice d. dalle parti 3

4 26. La perizia medico legale è ammessa quando occorre: a. svolgere indagini b. acquisire dati c. acquisire valutazioni 27. Il giudice nomina il perito e/ o il collegio peritale: a. scegliendo tra gli iscritti negli appositi albi b. tra persone fornite di particolare competenza nella specifica disciplina c. quando le indagini richiedono distinte conoscenze in differenti discipline 28. Il perito è incompatibile quando: a. è stato nominato ct in un procedimento connesso b. non è specialista nella disciplina oggetto del procedimento c. non è iscritto all albo dei periti e ctu d. non è interdetto 29. I ctp possono: a. assistere al conferimento dell incarico peritale b. partecipare alle operazioni peritali c. formulare osservazioni 30. L accertamento tecnico non è ripetibile quando: a. l oggetto dell indagine è suscettibile di modificazioni b. l oggetto dell indagine non è suscettibile di modificazioni c. è vietata la registrazione d. i ctp non hanno diritto di partecipare agli accertamenti 31. La responsabilità per colpa medica si concretizza: a. quando l evento lesivo è stato volontariamente causato b. quando vi è stata imperizia, imprudenza, negligenza e inosservanza della regola tecnica c. quando vi è stata inosservanza della regola tecnica d. quando vi è stata imperizia o imprudenza o negligenza o inosservanza della regola tecnica 32. Il perito può essere sostituito: a. se non fornisce il proprio parere entro il termine fissato b. se la richiesta di proroga non è accolta c. se svolge negligentemente l incarico affidatogli 33. Quale, fra i seguenti, è statisticamente l intervento di chirurgia estetica i cui risultati sono più spesso contestati dalle pazienti? a. Blefaroplastica b. Addominoplastica c. Mastoplastica additiva d. Mastoplastica riduttiva 4

5 34. Il vizio di acquisizione del consenso all intervento, con particolare riguardo agli interventi di chirurgia estetica, può avere, relativamente al giudizio sull operato del Sanitario: a. un certo peso, ma solo se associato ad errori tecnici d esecuzione dell intervento b. un peso minimo c. un peso rilevante d. un peso proporzionale al danno 35. Se uno scadente risultato estetico, oggetto di contenzioso, è stato provocato da una complicanza prevedibile, il Sanitario: a. è comunque responsabile b. è responsabile solo se la complicanza non era stata menzionata nel documento di consenso informativo c. è responsabile solo se la complicanza si è realizzata a causa di un errore o di un omissione d. non ne è mai responsabile 36. E da considerare appropriato che il chirurgo plastico quantifichi il danno biologico in una sua relazione? a. No, ed è da considerare sconveniente. Non essendo Specialista in Medicina Legale può essere esposto a possibili critiche e censure. E prassi che la quantificazione del danno sia esclusivo appannaggio del Medico Legale. b. Mai, in termini di norme e regolamenti c. Si, ma solo se non è affiancato, nella sua opera di consulenza, da un Medico Legale d. Si, ma solo a seguito di diretto incarico del Magistrato 37. In quali, fra i seguenti interventi di chirurgia estetica, lo scadente risultato possibile oggetto di contestazione, è più spesso conseguenza errori piuttosto che di complicanze? a. Mastoplastica riduttiva b. Rinoplastica c. Correzione di cicatrici cutanee d. Addominoplastiche 38. A quando risale la legge che individua il profilo professionale dell odontoiatra? a b c L esercizio della odontoiatria: a. richiede l iscrizione ad un apposito albo b. richiede l iscrizione all ordine dei medici c. è riservato agli abilitati alla professione odontoiatrica 40. Nell ambito della preparazione accademica dell odontoiatra, le tecniche di intervento estetico dei tessuti molli del volto: a. sono disciplina professionalizzante del corso di laurea in odontoiatria e protesi dentaria b. sono oggetto di specifica prova di esame c. sono oggetto di prova pratica all esame di stato 5

6 41. La responsabilità per colpa, si ha: a. quando l evento lesivo è stato volontariamente causato b. quando vi è stata imperizia, imprudenza e negligenza c. quando vi è stata inosservanza della regola tecnica d. quando vi è stata imperizia o imprudenza o negligenza 42. Secondo la legge istitutiva della professione di odontoiatra, questi può operare: a. in regione zigomatica b. in regione mentoniera c. in regione periorale d. le ultime due 43. La laurea in odontoiatria: a. è laurea specialistica b. prevede un corso di medicina estetica c. è laurea direttamente abilitante alla professione 6

7 IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova SCHEDA DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO PER EVENTO RESIDENZIALE 1. Come valuta la rilevanza degli argomenti trattati rispetto alle sue necessità di aggiornamento? non rilevante molto rilevante 2. Come valuta la qualità educativa di questo programma ECM? insufficiente eccellente 3. Come valuta l utilità di questo evento per la sua formazione/aggiornamento? insufficiente molto utile 4. Questo corso NON è stato sponsorizzato. Ritiene comunque che nel programma ci siano riferimenti, indicazioni e/o informazioni non equilibrate o non corrette per influenza di altri interessi commerciali? NO Si, rilevanti Molte e rilevanti* Attenzione! Solo in questa domanda il valore più alto corrisponde ad una risposta negativa *In caso di risposte Si, rilevanti (4) o Molte e rilevanti (5) è necessario specificare la motivazione e fornire un esempio: Se lo ritiene opportuno potrà inviare copia di questa scheda, con particolare riferimento al punto 4, oltre che al Provider, anche a: 5. Cosa consiglia per il miglioramento del corso? Ogni suo suggerimento è prezioso, grazie! Quale relazione ha particolarmente gradito/ consiglierebbe per le prossime edizioni/ ha ritenuto più utile per la sua formazione? Secondo lei, gli argomenti trattati hanno avuto tempi di svolgimento: troppo brevi adeguati eccessivi Data Firma 7

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE Consuela Cigalotti Possono aver luogo in momenti diversi nel complesso iter in cui si articola il procedimento penale. INDAGINI PRELIMINARI

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

Consulente Tecnico d Ufficio - CTU 12 ore Online

Consulente Tecnico d Ufficio - CTU 12 ore Online Consulente Tecnico d Ufficio - CTU 12 ore Online Crediti formativi rilasciati dal corso Ingegneri - 12CFP Architetti - 12CFP Geometri- 24CFP P. Agrari - 12CFP P.Industriali - 21CFP Descrizione del corso

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione n. AC 149/19 del 01.03.2012 del Commissario Straordinario con poteri del Consiglio Comunale REGOLAMENTO PER

Dettagli

Ost. Matteo Parro. Servizi Violenza Sessuale - SVS

Ost. Matteo Parro. Servizi Violenza Sessuale - SVS Servizi Violenza Sessuale - SVS Assistenza e Gestione delle Donne Vittime di Violenza VIOLENZA: serie di comportamenti di tipo violento di un uomo su una donna e/o un minore che producono gravi effetti

Dettagli

GIUDIZIO N. ALLEGATO E PARTE INTEGRANTE DEL VERBALE DI UDIENZA DEL. È presente il CTU il quale, in esito alla lettura della formula del giuramento,

GIUDIZIO N. ALLEGATO E PARTE INTEGRANTE DEL VERBALE DI UDIENZA DEL. È presente il CTU il quale, in esito alla lettura della formula del giuramento, TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA XIII SEZIONE CIVILE GIUDIZIO N. ALLEGATO E PARTE INTEGRANTE DEL VERBALE DI UDIENZA DEL È presente il CTU il quale, in esito alla lettura della formula del giuramento, risponde:

Dettagli

CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA

CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA SANITARIO CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA RESPONSABILE E.. CHI DEVE DAR CONTO DI QUALCHE COSA

Dettagli

LA RESPONSABILITA MEDICA

LA RESPONSABILITA MEDICA 10 luglio 2014 LA RESPONSABILITA MEDICA ONEGLOBAL srl Consulenze Aziendali Integrate DIVISIONE SANITARIA 10 luglio 2014 Fattispecie di Responsabilità Medica A - Responsabilità Penale Omicidio Lesioni ONEGLOBAL

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

TIZIANO ZANIN E.O. OSPEDALI GALLIERA GENOVA TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO

TIZIANO ZANIN E.O. OSPEDALI GALLIERA GENOVA TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO TIZIANO ZANIN E.O. OSPEDALI GALLIERA GENOVA TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO Risk management Quale rischio professionale per il Tecnico di Laboratorio operante nei servizi di Anatomia Patologica SISTEMA

Dettagli

IL PCT: PROCESSO CIVILE TELEMATICO

IL PCT: PROCESSO CIVILE TELEMATICO PCT Istruzioni per l uso IL PCT: PROCESSO CIVILE TELEMATICO 12 novembre 2014 Brescia 1 Cosa è cambiato con il PCT Aspetti positivi: I documenti sono consultabili da qualsiasi postazione; Si è sempre aggiornati

Dettagli

Problemi del consulente. Lorenzo Varetto medico legale

Problemi del consulente. Lorenzo Varetto medico legale Problemi del consulente Lorenzo Varetto medico legale Il quesito del penalista Dica il perito se il sig. abbia riportato lesioni penalmente rilevanti causalmente correlate a profili di responsabilità professionale

Dettagli

CIVILE AVVOCATO E PROCURATORE. Corte di Cassazione Sez. I civ. 4 Marzo 2013, n 5297 (Pres. C.

CIVILE AVVOCATO E PROCURATORE. Corte di Cassazione Sez. I civ. 4 Marzo 2013, n 5297 (Pres. C. CIVILE AVVOCATO E PROCURATORE Corte di Cassazione Sez. I civ. 4 Marzo 2013, n 5297 (Pres. C. Carnevale; Rel. M.R. Cultrera) Avvocato e procuratore Avvocato Liquidazione dell onorario Cumulo di domanda

Dettagli

Certificazione in ambito sanitario: Qualità Sicurezza Esperienza

Certificazione in ambito sanitario: Qualità Sicurezza Esperienza Certificazione in ambito sanitario: Qualità Sicurezza Esperienza Health Certification Insurance Health Certification and Insurance è un marchio di ATP GmbH, azienda tedesca che si occupa di diversi rami

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I Tribunale di Verona Sentenza 25.9.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione I Al termine della camera di consiglio il Giudice pronuncia mediante lettura

Dettagli

Assicurazione professionale

Assicurazione professionale Assicurazione professionale dei medici-chirurghi e odontoiatri Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Nell analisi delle

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA Definizione e obiettivi Negli anni '80, nel corso di una riunione della Comunità Economica Europea, la sorveglianza sanitaria è stata definita come "la valutazione

Dettagli

RIFORMA DELLE PROFESSIONI PRINCIPI ISPIRATORI

RIFORMA DELLE PROFESSIONI PRINCIPI ISPIRATORI FEDERAZIONE ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI CONSERVATORI TOSCANI AREZZO GROSSETO LIVORNO LUCCA PISTOIA PRATO SIENA FAD formazione a distanza Seminario formativo valido per 4 CFP obbligatori in materia

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI LISTE DI ACCREDITAMENTO DI AVVOCATI PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI LEGALI DI PATROCINIO

AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI LISTE DI ACCREDITAMENTO DI AVVOCATI PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI LEGALI DI PATROCINIO AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI LISTE DI ACCREDITAMENTO DI AVVOCATI PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI LEGALI DI PATROCINIO La SFIRS - Società Finanziaria Regione Sardegna S.p.a., con sede in Cagliari,

Dettagli

approvato all adunanza del 18 marzo 2013

approvato all adunanza del 18 marzo 2013 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI INDIVIDUALI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA A SOGGETTI ESTRANEI ALL AMMINISTRAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI BOLOGNA approvato all adunanza del 18 marzo 2013 ARTICOLO

Dettagli

Procedure per l'acquisizione di personale, il conferimento di incarichi e gli appalti

Procedure per l'acquisizione di personale, il conferimento di incarichi e gli appalti In base all'art. 18 della Legge n. 133 /2008, le società a partecipazione pubblica totale o di controllo sono tenute all'adozione, con propri provvedimenti, di criteri e modalità per il reclutamento del

Dettagli

LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA *

LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA * LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA * * Avv. Natale Callipari Nell ambito della responsabilità medica,

Dettagli

E - LEARNING DIRITTOSANITARIO.NET

E - LEARNING DIRITTOSANITARIO.NET E - LEARNING DIRITTOSANITARIO.NET CORSO La CTU medico-legale LEZIONE I La CTU medico-legale nel giudizio civile CENTRO STUDI DI DIRITTO SANITARIO CORSO GIANNONE 86 81100 CASERTA TEL 0823 279352 FAX 0823

Dettagli

QUALE ASSICURAZIONE PER IL MEDICO?

QUALE ASSICURAZIONE PER IL MEDICO? QUALE ASSICURAZIONE PER IL MEDICO? Varese, lì 16 novembre 2012 Aula Magna Università dell Insubria Avv. Cesare Q. Fiore Via Spartaco, 23 20135 Milano Diritti riservati DECRETO BALDUZZI -Il Decreto Legge

Dettagli

OSSERVATORIO VALORE PRASSI VERONA PROTOCOLLO DELL UDIENZA CIVILE AVANTI L UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE

OSSERVATORIO VALORE PRASSI VERONA PROTOCOLLO DELL UDIENZA CIVILE AVANTI L UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE OSSERVATORIO VALORE PRASSI VERONA PROTOCOLLO DELL UDIENZA CIVILE AVANTI L UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE 1 PARTE I^ 1) PRIMA UDIENZA 1) L assegnazione delle cause ai giudici e la fissazione dell udienza di

Dettagli

Il consulente tecnico d ufficio e di parte nel processo civile

Il consulente tecnico d ufficio e di parte nel processo civile S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il consulente tecnico d ufficio e di parte nel processo civile L attività del Consulente Tecnico di Parte nelle operazioni peritali Dott. Marco Capra 20 maggio

Dettagli

TESTO UNIFICATO ADOTTATO COME TESTO BASE

TESTO UNIFICATO ADOTTATO COME TESTO BASE Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario (seguito esame C. 259 Fucci, C. 262 Fucci, C. 1324 Calabrò, C. 1312 Grillo, C. 1581 Vargiu, C. 1902 Monchiero, C. 1769 Miotto,

Dettagli

Regolamento dell esame di maturità della Scuola Svizzera1 di Roma del 17 gennaio 20012

Regolamento dell esame di maturità della Scuola Svizzera1 di Roma del 17 gennaio 20012 Regolamento dell esame di maturità della Scuola Svizzera1 di Roma del 17 gennaio 20012 Il Consiglio di amministrazione della Scuola Svizzera1 di Roma adotta in esecuzione dell articolo 18 dello Statuto

Dettagli

Le responsabilità professionali

Le responsabilità professionali Le responsabilità professionali Bologna, 20 maggio 2011 ALESSANDRA DE PALMA Direttore U.O. di Medicina Legale e Gestione del Rischio Azienda U.S.L. di MODENA Collaboratore Direzione Generale Sanità e Politiche

Dettagli

CONSULENZA GRAFOLOGICA PERITALE GIUDIZIARIA E DELL ETÀ EVOLUTIVA

CONSULENZA GRAFOLOGICA PERITALE GIUDIZIARIA E DELL ETÀ EVOLUTIVA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 XI Edizione CONSULENZA GRAFOLOGICA PERITALE GIUDIZIARIA E DELL ETÀ EVOLUTIVA DIRETTORE: Prof. Marco Bartoli COORDINATORE: Prof. Sergio Deragna

Dettagli

LE CONSULENZE TECNICHE NELLE CAUSE PER CONTRAFFAZIONE DI BREVETTO

LE CONSULENZE TECNICHE NELLE CAUSE PER CONTRAFFAZIONE DI BREVETTO CCIAA VERONA 9 Luglio 2014 LE CONSULENZE TECNICHE NELLE CAUSE PER CONTRAFFAZIONE DI BREVETTO FELTRINELLI & BROGI APTA CONSULENTI IN PROPRIETÀ INDUSTRIALE PATENT & EUROPEAN TRADEMARK ATTORNEYS 1 La Figura

Dettagli

Polizza di Assicurazione RC Professionale per MEDICI DENTISTI E ODONTOIATRI

Polizza di Assicurazione RC Professionale per MEDICI DENTISTI E ODONTOIATRI Polizza di Assicurazione RC Professionale per MEDICI DENTISTI E ODONTOIATRI MODULO DI RACCOLTA DATI da inviare a mezzo fax allo 02.89.78.68.55. Per informazioni tel. 02.89.78.68.11 Contraente Indirizzo

Dettagli

La consulenza tecnica d ufficio medico-legale nel giudizio civile e la perizia nel procedimento penale

La consulenza tecnica d ufficio medico-legale nel giudizio civile e la perizia nel procedimento penale La consulenza tecnica d ufficio medico-legale nel giudizio civile e la perizia nel procedimento penale L interesse per i temi della consulenza tecnica d ufficio nel giudizio civile e della perizia nel

Dettagli

il professionista è chiamato a rispondere con i propri beni personali Richiamare l attenzione dei colleghi sui contenuti base delle polizze perchè

il professionista è chiamato a rispondere con i propri beni personali Richiamare l attenzione dei colleghi sui contenuti base delle polizze perchè 1 Richiamare l attenzione dei colleghi la libera professione è sempre più complessa e carica di responsabilità leggi e regolamenti sono sempre più numerosi e di difficile interpretazione perché: ai professionisti

Dettagli

Norme per la tutela della salute, per la disciplina del rischio clinico e della responsabilità professionale medica (AS1648) Sen.

Norme per la tutela della salute, per la disciplina del rischio clinico e della responsabilità professionale medica (AS1648) Sen. Norme per la tutela della salute, per la disciplina del rischio clinico e della responsabilità professionale medica (AS1648) Sen. Lucio Romano Finalità del DdL Contrattualismo Alleanza di cura Ania. Dossier

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE Regolamento della Prova Finale per il conseguimento del Diploma Accademico di Primo Livello e Diploma Accademico di Secondo Livello Art. 1 Principi generali di riferimento

Dettagli

Associazione Italiana Traduttori e Interpreti Membro della Fédération Internationale des Traducteurs (F.I.T.), aderente all'unesco

Associazione Italiana Traduttori e Interpreti Membro della Fédération Internationale des Traducteurs (F.I.T.), aderente all'unesco COSA OCCORRE FARE PER PRESENTARE LA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL'ALBO DEI CONSULENTI TECNICI D UFFICIO E PERITI DEL TRIBUNALE (per traduttori e/o interpreti giudiziari) (aggiornato al 05/09/2014) Per lavorare

Dettagli

Comune di Striano (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI LEGALI E PER LA GESTIONE DEL RELATIVO ALBO

Comune di Striano (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI LEGALI E PER LA GESTIONE DEL RELATIVO ALBO Comune di Striano (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI LEGALI E PER LA GESTIONE DEL RELATIVO ALBO ARTICOLO 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento stabilisce

Dettagli

CARTA DEL CURATORE SPECIALE /DIFENSORE DEL MINORE NEI PROCEDIMENTI DI ADOTTABILITA E DE POTESTATE LINEE GUIDA. Premesso

CARTA DEL CURATORE SPECIALE /DIFENSORE DEL MINORE NEI PROCEDIMENTI DI ADOTTABILITA E DE POTESTATE LINEE GUIDA. Premesso CAMERA MINORILE DI TORINO CONSIGLIO ORDINE CARTA DEL CURATORE SPECIALE /DIFENSORE DEL MINORE NEI PROCEDIMENTI DI ADOTTABILITA E DE POTESTATE LINEE GUIDA Premesso Che l entrata in vigore delle norme processuali

Dettagli

AL COMITATO CONSULTIVO ZONALE Provincia di FORLI CESENA c/o Azienda USL di Forlì Via Oberdan 11 47100 FORLI

AL COMITATO CONSULTIVO ZONALE Provincia di FORLI CESENA c/o Azienda USL di Forlì Via Oberdan 11 47100 FORLI DOMANDA DI INCLUSIONE NELLA GRADUATORIA ANNO 2011 SPECIALISTI AMBULATORIALI, VETERINARI E ALTRE PROFESSIONALITA (BIOLOGI, CHIMICI, PSICOLOGI) (art. 21 Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei

Dettagli

Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari

Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari Ordine Avvocati Messina Associazione Italiana Mediatori Familiari Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari Protocollo d intesa per l istituzione di un Punto Informativo

Dettagli

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni FATTO Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali subiti a seguito di un intervento di mastoplatistica addittiva, asseritamente eseguito senza

Dettagli

Scuola Forense di Trani. Programma didattico 2015-2016

Scuola Forense di Trani. Programma didattico 2015-2016 Programma strutturato per aree tematiche e materie, ciascuna delle quali sarà sviluppata in una o più lezioni dedicate. Il corso, in conformità alla vigente normativa, avrà la durata di diciotto mesi,

Dettagli

DOMANDA DI INCLUSIONE NELLA GRADUATORIA: SPECIALISTI AMBULATORIALI, VETERINARI E ALTRE PROFESSIONALITÀ (BIOLOGI, CHIMICI, PSICOLOGI) ANNO 2016

DOMANDA DI INCLUSIONE NELLA GRADUATORIA: SPECIALISTI AMBULATORIALI, VETERINARI E ALTRE PROFESSIONALITÀ (BIOLOGI, CHIMICI, PSICOLOGI) ANNO 2016 DOMANDA DI INCLUSIONE NELLA GRADUATORIA: SPECIALISTI AMBULATORIALI, VETERINARI E ALTRE PROFESSIONALITÀ (BIOLOGI, CHIMICI, PSICOLOGI) AN 2016 (art. 21 Accordo Collettivo Nazionale 23 marzo 2005 e successive

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI COMUNE DI GAZZO VERONESE Provincia di Verona All. 1 alla delibera di C.C. n. del REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI 1 INDICE ART. 1 DEFINIZIONE DI VOLONTARIATO

Dettagli

Prot. n. 011/2013 AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI LISTE DI ACCREDITAMENTO DI AVVOCATI PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI LEGALI

Prot. n. 011/2013 AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI LISTE DI ACCREDITAMENTO DI AVVOCATI PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI LEGALI Prot. n. 011/2013 AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI LISTE DI ACCREDITAMENTO DI AVVOCATI PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI LEGALI Primo giorno di pubblicazione: 16 gennaio 2013 1 La SORIS S.p.A., con sede

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di incarichi extraistituzionali e sulla disciplina delle incompatibilità

Regolamento per lo svolgimento di incarichi extraistituzionali e sulla disciplina delle incompatibilità Regolamento per lo svolgimento di incarichi extraistituzionali e sulla disciplina delle incompatibilità Art. 1 - Oggetto ed ambito di applicazione 1. Le disposizioni del presente regolamento disciplinano,

Dettagli

MICHELE LIGUORI GIOVANNI CANNAVÒ MARCO ORRICO LA RESPONSABILITÀ MEDICA: DALLA TEORIA ALLA PRATICA PROCESSUALE

MICHELE LIGUORI GIOVANNI CANNAVÒ MARCO ORRICO LA RESPONSABILITÀ MEDICA: DALLA TEORIA ALLA PRATICA PROCESSUALE MICHELE LIGUORI GIOVANNI CANNAVÒ MARCO ORRICO LA RESPONSABILITÀ MEDICA: DALLA TEORIA ALLA PRATICA PROCESSUALE Responsabile e coordinatore editoriale Antonio Revelino Copyright 2011 by Maggioli S.p.A. Maggioli

Dettagli

Aiutare a far riconoscere i propri diritti

Aiutare a far riconoscere i propri diritti Aiutare a far riconoscere i propri diritti Chiarire, conciliare, trovare un accordo La Commissione conciliativa per questioni di responsabilità medica 1 Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige 2 3 Prefazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3 Indice sommario 1.1 INDICE SOMMARIO Parte generale...................... pag. 1 Capitolo I La responsabilità (F. Martini)............» 3 1.1. Gli elementi costitutivi della responsabilità.............»

Dettagli

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7)

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7) PONTIFICIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE «AUXILIUM» via Cremolino, 141-00166 ROMA tel. 06.61564226 fax. 06.61564640 e-mail: segreteria@pfse-auxilium.org ALLEGATO 1 REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

II M O D U L O CASE STUDY

II M O D U L O CASE STUDY Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Circondario del Tribunale di Napoli Nord --------------- Corso di formazione e di approfondimento per consulenti tecnici d ufficio e di parte I M

Dettagli

ATTO DI CONVENZIONE TRA INAIL ED INARCASSA IN TEMA DI ACCERTAMENTI MEDICO-LEGALI DI INVALIDITA E DI INABILITA

ATTO DI CONVENZIONE TRA INAIL ED INARCASSA IN TEMA DI ACCERTAMENTI MEDICO-LEGALI DI INVALIDITA E DI INABILITA ATTO DI CONVENZIONE TRA INAIL ED INARCASSA IN TEMA DI ACCERTAMENTI MEDICO-LEGALI DI INVALIDITA E DI INABILITA L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, con sede in Roma,

Dettagli

PREMESSA ART. 1 ART. 2

PREMESSA ART. 1 ART. 2 NORME CIRCA IL REGIME AMMINISTRATIVO E LE QUESTIONI ECONOMICHE DEI TRIBUNALI ECCLESIASTICI REGIONALI NONCHÉ L ATTIVITÀ DI PATROCINIO SVOLTA PRESSO GLI STESSI * PREMESSA La sollecitudine pastorale dei Vescovi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività medica. Art. 1 Responsabilità per danni da attività medica

DISEGNO DI LEGGE. Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività medica. Art. 1 Responsabilità per danni da attività medica S.I.S.Di.C - Commissione Responsabilità civile Disegno di legge d iniziativa del Coordinatore Prof. M. Zana DISEGNO DI LEGGE Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività medica Art. 1 Responsabilità

Dettagli

UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI

UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI RELAZIONE DEL COORDINATORE AVV. ALBERTO MASSIGNANI ALL ASSEMBLEA DELL UNIONE TENUTASI A PERUGIA

Dettagli

Parodontologia (III edizione) Livello II 60 CFU

Parodontologia (III edizione) Livello II 60 CFU Parodontologia (III edizione) Livello II 60 CFU Direttore del corso Prof. Pier Francesco Nocini Comitato Scientifico Il Comitato Scientifico è composto dai seguenti docenti del Corso di Laurea in Odontoiatria

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA, in persona del suo Presidente Avv. Giovanni Chiello, il TRIBUNALE ORDINARIO

Dettagli

Programma: 130 ore ( 9,00-17,00) Modulo1: 25 ottobre 26 ottobre

Programma: 130 ore ( 9,00-17,00) Modulo1: 25 ottobre 26 ottobre Master in Psicologia Giuridica Programma: 130 ore ( 9,00-17,00) Modulo1: 25 ottobre 26 ottobre Introduzione Generale alla Psicologia Giuridica Lo psicologo giuridico in ambito civile Lo psicologo giuridico

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO MAGGIO 2010

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO MAGGIO 2010 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 69, 72, 75

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E

REGOLAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E Allegato A REGOLAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER IL CONFERIMENTO A TERZI DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA E CONSULENZA E DI INCARICHI IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

Dettagli

Normativa. Autorizzazione n.6 / 2002. al trattamento di alcuni dati sensibili da parte degli investigatori privati

Normativa. Autorizzazione n.6 / 2002. al trattamento di alcuni dati sensibili da parte degli investigatori privati Il Garante Autorizzazioni generali Autorizzazione n.6 / 2002 al trattamento di alcuni dati sensibili da parte degli investigatori privati Versione ottimizzata per la stampa In data odierna, con la partecipazione

Dettagli

La Consulenza Tecnica di Parte

La Consulenza Tecnica di Parte La Consulenza Tecnica di Parte Ing. Andrea Guido Sommaruga C.T.P. La nomina I compiti I compensi CTP - Nomina L art.201 c.p.c. dispone che, con lo stesso provvedimento di nomina del CTU, il giudice assegna

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

Descrizione dei contenuti dei pacchetti

Descrizione dei contenuti dei pacchetti AGGIORNAMENTO, FORMAZIONE E STRUMENTI Processo Civile Telematico per CTU 7 CFP Pacchetto PLATINUM Descrizione Software SUITE PROCESSO TELEMATICO PER CTU con assistenza telefonica annuale BUSTE ILLIMITATE

Dettagli

LINEE GUIDA E ASPETTI DI RESPONSABILITA PROFESSIONALE 21/10/15

LINEE GUIDA E ASPETTI DI RESPONSABILITA PROFESSIONALE 21/10/15 1 LINEE GUIDA E ASPETTI DI RESPONSABILITA PROFESSIONALE Importanza delle linee guida in ambito difensivo 2 Intervento del legislatore Italiano: art. 3 DL 2012, n. 158 «L'esercente la professione sanitaria

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali)

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) Gentile Signora / Gentile Signore, desideriamo informarla sulle finalità

Dettagli

Criticità medico-legali ed odontoiatriche in ambito consulenziale

Criticità medico-legali ed odontoiatriche in ambito consulenziale Criticità medico-legali ed odontoiatriche in ambito consulenziale dott. Michelangelo B. Casali dott. Danilo De Angelis La responsabilità dell odontoiatra. Profili giuridici, medico-legali ed assicurativi

Dettagli

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA 11 UN OBBLIGO O UN OPPORTUNITA? LINEE GUIDA PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE Vicenza, 13 giugno 2012 AGENDA DELL INCONTRO 22 NOVITA LEGISLATIVE IL NUOVO OBBLIGO DI

Dettagli

Fondazione Istituto Andrea Devoto

Fondazione Istituto Andrea Devoto Fondazione Istituto Andrea Devoto Istituto di ricerca sulle marginalità e polidipendenze ONLUS Allegato al verbale del Consiglio di Amministrazione del Preambolo. Ai sensi dell articolo 11, lettera m e

Dettagli

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA È un rapporto di natura contrattuale la cui fonte è il contatto

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE - Sezione A - Albo degli Psicologi della Regione Umbria

DOMANDA DI ISCRIZIONE - Sezione A - Albo degli Psicologi della Regione Umbria Marca da bollo da 16.00 Al Consiglio Regionale dell' Ordine degli Psicologi della Regione Umbria...l sottoscritt DOMANDA DI ISCRIZIONE - Sezione A - Albo degli Psicologi della Regione Umbria a Prov. Codice

Dettagli

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ART. 1 PRINCIPI GENERALI DI RIFERIMENTO 1. Il titolo

Dettagli

Università degli Studi di Foggia

Università degli Studi di Foggia Corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria Corsi Universitari Post-Laurea in Odontoiatria Coordinatore: Prof. Lorenzo Lo Muzio Anno Accademico 2011-2012 Master Universitario ODONTOIATRIA FORENSE

Dettagli

Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014

Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014 Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014 Dr. Giuseppe Paulato Art. 2233 c.c. Il compenso, se non è convenuto dalle parti e non può essere determinato secondo

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE

CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal Direttore del Dipartimento/Centro o Preside

Dettagli

INDICE. Prefazione... pag. XI. Introduzione... CAPITOLO I

INDICE. Prefazione... pag. XI. Introduzione... CAPITOLO I V Prefazione... pag. XI Introduzione...» XV CAPITOLO I LA DRAMMATICA TESTIMONIANZA DEGLI AVVOCATI PENALISTI SUI DIRITTI DELLA DIFESA 1. Premessa... pag. 1 2. Assenza di controlli sull attività investigativa

Dettagli

FIPED FEDERAZIONE ITALIANA PEDAGOGISTI

FIPED FEDERAZIONE ITALIANA PEDAGOGISTI FIPED FEDERAZIONE ITALIANA PEDAGOGISTI REGOLAMENTO DELLA ISTITUZIONE E DELLE NORME DI ACCESSO AGLI ALBI/REGISTRI PROFESSIONALI NAZIONALI DELLA FIPED 1. ALBO PROFESSIONALE NAZIONALE DEI PEDAGOGISTI DELLA

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER INCARICO LEGALE TRA. - Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale Pubblica della Provincia di

SCHEMA DI CONVENZIONE PER INCARICO LEGALE TRA. - Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale Pubblica della Provincia di AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DELLA PROVINCIA DI LATINA *** SCHEMA DI CONVENZIONE PER INCARICO LEGALE TRA - Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale Pubblica della Provincia

Dettagli

Italia. La videoconferenza, tuttavia, non è estranea al nostro ordinamento.

Italia. La videoconferenza, tuttavia, non è estranea al nostro ordinamento. Italia 1. È possibile assumere prove tramite videoconferenza con la partecipazione di un'autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente, o direttamente da parte di un'autorità giudiziaria dello Stato

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO DI GESTIONE DEL PARCO DEL MONTE CUCCO. Avvisa

IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO DI GESTIONE DEL PARCO DEL MONTE CUCCO. Avvisa BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA NELLE ATTIVITA DI PROMOZIONE, COMUNICAZIONE, MARKETING AD UN ESPERTO DI MARKETING E COMUNICAZIONE. IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO

Dettagli

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE DELL IMPRESA CONCORRENTE

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE DELL IMPRESA CONCORRENTE ALLEGATO II Dichiarazione del concorrente di ricorso all AVVALIMENTO (art. 49 del d.lgs. n. 163 del 2006) (in caso di raggruppamento temporaneo: un modello per ciascun componente che ricorra all avvalimento)

Dettagli

Il Medico Competente nelle Strutture Sanitarie: proposte normative Graziano Frigeri Presidente Assoprev

Il Medico Competente nelle Strutture Sanitarie: proposte normative Graziano Frigeri Presidente Assoprev Il Medico Competente nelle Strutture Sanitarie: proposte normative Graziano Frigeri Presidente Assoprev Linee direttrici 1) valorizzare, in conformità al codice ICOH e alla realtà europea, il ruolo delle

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE. Autorizzato con DRD n. 2817/2015

AVVISO DI SELEZIONE. Autorizzato con DRD n. 2817/2015 Data di pubblicazione dell Avviso sul web: 26/11/2015 Data di scadenza della selezione: 18/12/2015 AVVISO DI SELEZIONE Autorizzato con DRD n. 2817/2015 - Visto il Regolamento per il conferimento a terzi

Dettagli

Regolamento per la valorizzazione, lo sviluppo e l applicazione delle conoscenze. dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN)

Regolamento per la valorizzazione, lo sviluppo e l applicazione delle conoscenze. dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) Regolamento per la valorizzazione, lo sviluppo e l applicazione delle conoscenze dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) 10 aprile 2006 Il testo del Regolamento per la valorizzazione, lo sviluppo

Dettagli

Regolamento per la formazione professionale continua del Consiglio Nazionale

Regolamento per la formazione professionale continua del Consiglio Nazionale Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA degli iscritti negli Albi tenuti dagli Ordini dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

PSICONEUROENDOCRINOIMMUNOLOGIA

PSICONEUROENDOCRINOIMMUNOLOGIA MASTER di SECONDO livello in PSICONEUROENDOCRINOIMMUNOLOGIA e SCIENZA DELLA CURA INTEGRATA Universita' degli Studi dell'aquila - Secondo ciclo, AA 2014-2015. La struttura modulare del Master porterà i

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE GESTIONE PCT TRIBUNALE DI FIRENZE

INDICAZIONI OPERATIVE GESTIONE PCT TRIBUNALE DI FIRENZE INDICAZIONI OPERATIVE GESTIONE PCT TRIBUNALE DI FIRENZE 13 GENNAIO 2015 La presente nota operativa dello StaffPCT del Tribunale di Firenze è un estratto di alcune indicazioni contenute nella circolare

Dettagli

CNIPA 27 ottobre 2004. Aspetti legali del teleconsulto medico IPOCM

CNIPA 27 ottobre 2004. Aspetti legali del teleconsulto medico IPOCM Corso sul teleconsulto IPOCM CNIPA 27 ottobre 2004 Aspetti legali del teleconsulto medico IPOCM A cura di Gianfranco Costanzo Coordinatore del dell Alleanza degli Ospedali Italiani nel Mondo Definizione

Dettagli

Il processo civile telematico e la consulenza tecnica di ufficio. Commissione di studio Area Giudiziale Sottocommissione alle CTU

Il processo civile telematico e la consulenza tecnica di ufficio. Commissione di studio Area Giudiziale Sottocommissione alle CTU Il processo civile telematico e la consulenza tecnica di ufficio Commissione di studio Area Giudiziale Sottocommissione alle CTU Art 16-bis D.L. 179/2012 come convertito in Legge "Salvo quanto previsto

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459)

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459) PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459) INDICE Data di aggiornamento: Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA

AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA REGIONALE ED INTERREGIONALE PER TITOLI E COLLOQUIO PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO N. 25 POSTI DI OPERATORE SOCIO SANITARIO CAT. B LIV.

Dettagli

IL CONSULENTE TECNICO D UFFICIO PERCORSO FORMATIVO PER INTEGRARE IL REQUISITO DI SPECIALE COMPETENZA

IL CONSULENTE TECNICO D UFFICIO PERCORSO FORMATIVO PER INTEGRARE IL REQUISITO DI SPECIALE COMPETENZA IL CONSULENTE TECNICO D UFFICIO PERCORSO FORMATIVO PER INTEGRARE IL REQUISITO DI SPECIALE COMPETENZA Corso di Formazione 21 ore in Aula 4 Moduli Formativi da 5 ore Roma, dal 1 al 22 marzo 2016 Istituto

Dettagli

CORSO BI-MODULARE: CONSULENZA TECNICO PSICHIATRICA E PSICOLOGICA e COLPA MEDICA Autunno 2015

CORSO BI-MODULARE: CONSULENZA TECNICO PSICHIATRICA E PSICOLOGICA e COLPA MEDICA Autunno 2015 CORSO BI-MODULARE: CONSULENZA TECNICO PSICHIATRICA E PSICOLOGICA e COLPA MEDICA Autunno 2015 OBIETTIVI E SBOCCHI PROFESSIONALI Il corso è strutturato in due moduli e mira a fornire una preparazione adeguata

Dettagli

Il/la sottoscritt. Nat a (Prov. ) il CHIEDE

Il/la sottoscritt. Nat a (Prov. ) il CHIEDE Marca da bollo 14.62 Al Consiglio Regionale dell Ordine Assistenti Sociali della Valle d Aosta Via Martinet, 16 10100 - AOSTA Il/la sottoscritt Nat a (Prov. ) il CHIEDE di essere iscritt alla sezione A

Dettagli

MODULO DI PROPOSTA PER LA RESPONSABILITA CIVILE

MODULO DI PROPOSTA PER LA RESPONSABILITA CIVILE Assicurato Indirizzo MODULO DI PROPOSTA PER LA RESPONSABILITA CIVILE DIPENDENTI DI AZIENDE SANITARIE E/O LIBERI PROFESSIONISTI da inviare a mezzo fax allo 02.87.18.11.52. Per informazioni tel. 02.91.98.33.11

Dettagli

gestione degli studi odontoiatrici

gestione degli studi odontoiatrici A.S.L. 3 Torino U.O.A. Medicina Legale Roberto Testi A.S.L. 3 Torino Ls gestione degli studi odontoiatrici Torino 14/11/2005 Contenzioso percezione della salute come diritto assoluto atteggiamento dei

Dettagli