DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER LA COMMISSIONE ESAMINATRICE. (ART.5 del Regol., D.P.R , n.323) a.s. 2004/2005. Classe 5^ sez.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER LA COMMISSIONE ESAMINATRICE. (ART.5 del Regol., D.P.R. 23.7.98, n.323) a.s. 2004/2005. Classe 5^ sez."

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Enrico Fermi via capitano Di Castri FRANCAVILLA FONTANA (BR) Specializzazioni: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI - ELETTROTECNICA E AUTOMAZIONE - MECCANICA Tel. e fax 0831/ (centr.) 0831/ (pres.) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER LA COMMISSIONE ESAMINATRICE (ART.5 del Regol., D.P.R , n.323) a.s. 2004/2005 Classe 5^ sez. A ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Approvato dal C.d.C. nella seduta del 09/05/2005

2 INDICE 1. ELENCO DEI CANDIDATI PAG ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA CLASSE PAG TITOLO DELL AREA DI PROGETTO E DISCIPLINE COINVOLTE PAG OBIETTIVI REALIZZATI 4.1 RELIGIONE PAG ITALIANO PAG STORIA PAG LINGUA STRANIERA PAG ECONOMIA INDUSTRIALE E DIRITTO PAG MATEMATICA PAG ELETTRONICA PAG SISTEMI ELETTRONICI PAG TELECOMUNICAZIONI PAG TECNOLOGIE ELETTRONICHE, DISEGNO... PAG EDUCAZIONE FISICA PAG CONTENUTI DISCIPLINARI, METODI E TEMPI 5.1 RELIGIONE PAG ITALIANO PAG STORIA PAG LINGUA STRANIERA PAG ECONOMIA INDUSTRIALE ED ELEM. PAG MATEMATICA PAG ELETTRONICA PAG SISTEMI ELETTRONICI PAG TELECOMUNICAZIONI PAG TECNOLOGIE ELETTRONICHE, DISEGNO... PAG EDUCAZIONE FISICA PAG ATTIVITA EXTRACURRICULARI, VISITE GUIDATE, PAG. 18 VIAGGI DI ISTRUZIONE, ATTIVITA SCUOLA-LAVORO, STAGE, TIROCINIO 7. ATTIVITA DI RECUPERO, SOSTEGNO, INTEGRAZIONE PAG CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI PAG ACCERTAMENTI PLURIDISCIPLINARI E TERZA PROVA PAG PROVE SCRITTE; GRAFICHE E PRATICHE EFFETTUATE PAG LIBRI DI TESTO ADOTTATI PAG ELENCO ALLEGATI PAG 24 2

3 1. ELENCO DEI CANDIDATI INTERNI 1. ADRIANO MARCO 2. AMMIRABILE LORENZO 3. BENVENUTO FRANCESCO 4. CALO' PIERO 5. CANNALIRE MIRKO 6. de GIRONIMO CARMINE 7. DE NITTO COSIMO 8. LAINO CIRO 9. LUCCHESE FRANCESCO 10. LUPO PIETRO 11. MASTROGIOVANNI ALESSANDRO 12. NEVE PIETRO 13. PIERGIANNI DOMENICO 14. TOMAIUOLO GIUSEPPE 15. VECCHIO NICOLA 16. VITALE MARCO ESTERNI : 17. DE MILITO TERENZIO 2. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA CLASSE Alunni iscritti: 16; frequentanti : 16; n ore settimanali di lezione: 36, di cui in laboratorio: 11 Frequenza: la classe ha fatto registrare un numero medio di assenze pari al 16 % del totale dei giorni di lezione. Tale numero è distribuito nei vari mesi secondo il seguente grafico: 30,00% 25,00% 20,00% 15,00% 10,00% 5,00% 0,00% SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO 3

4 Discipline Docente ITP Ore sett. Note RELIGIONE Di Cosmo S. = 1 = ITALIANO E STORIA D Ambrosio P. = 5 = LINGUA INGLESE Petrarolo E. = 2 = ECON. INDUSTR. E DIRITTO Di Bianca C. = 2 = MATEMATICA Di Bello P. = 3 = ELETTRONICA Taurisano P. Santoro G. 4 (2) = SISTEMI ELETTRONICI Carrozzo F. Iunco F. 6 (3) = TELECOMUNICAZ. Camarda P. Iunco F. 6 (2) = TECN. EL. DIS. E PROGETTAZIONE Nigro F. Spalluto P. 5 (4) = ED. FISICA Spagnolo B. = 2 = 3. TITOLO DELL AREA DI PROGETTO E DISCIPLINE COINVOLTE TITOLO : Sistema per il monitoraggio di presenze con l uso del microcontrollore PIC DISCIPLINE COINVOLTE : Elettronica, Sistemi, Telecomunicazioni. 4

5 4. OBIETTIVI REALIZZATI IN TERMINI DI CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA 4.1 RELIGIONE - Conoscere e comprendere le regole ed il funzionamento del linguaggio religioso; - Conoscere il fatto religioso nella storia nelle sue principali espressioni; - Acquisire la struttura e le caratteristiche storico-letterarie della fonte biblica; - Comprendere il fatto religioso e la trattazione cattolica nella realtà storica in cui si vive; - Saper cogliere la propria realtà di adolescente in crescita in rapporto ad una proposta di valori umani, religiosi e sociali; - Capacità di porsi correttamente le questioni sul denso della vita e a confrontarsi con i diversi sistemi di significato, esprimendo le proprie convinzioni e rispettando quelle altrui. 4.2 ITALIANO Gli obiettivi programmati sono stati generalmente raggiunti. In particolare, lo studente - conosce nelle linee essenziali le aree modulari della letteratura italiana dalla seconda metà dell Ottocento sino alla prima metà del Novecento; - conosce gli autori considerati e sa inquadrarli storicamente; - sa decodificare, interpretare ed analizzare i più significativi testi letterari, visti nella loro collocazione storica e culturale; - sa produrre testi di studio e testi di comunicazione di tipo espositivo ed argomentativo; - sa esporre oralmente e per iscritto con chiarezza ed ordine argomenti letterari e di attualità - sa operare analisi e sintesi; - sa stabilire relazioni e confronti nell ambito degli argomenti studiati. 4.3 STORIA Gli obiettivi programmati sono stati generalmente raggiunti. In particolare, lo studente - conosce le problematiche essenziali e gli eventi fondamentali della storia europea ed extraeuropea dalla seconda metà dell Ottocento sino alla seconda metà del Novecento ; - conosce nella loro evoluzione storica i principi dello stato democratico; - conosce i principi fondamentali della Costituzione; - ha consapevolezza dell importanza delle fonti e dei problemi connessi con la scelta e l interpretazione delle stesse; - sa utilizzare termini e concetti storiografici ; - sa ricostruire la complessità del fatto storico; - sa utilizzare le conoscenze acquisite per orientarsi criticamente nel presente. 4.4 LINGUA INGLESE Gli alunni hanno acquisito la capacità di: - riconoscere gli elementi fondamentali ed essenziali della lingua; - riconoscere il linguaggio specifico per decodificare semplici testi; - praticare messaggi formalmente corretti o con qualche errore che non comprometta il significato. 4.5 ECONOMIA INDUSTRIALE ED ELEMENTI DI DIRITTO La classe 9. Conosce i vari elementi che costituiscono il sistema azienda; 10. Individua le principali funzioni aziendali; 11. Conosce i principali modelli organizzativi, descrivendone le caratteristiche; 12. E in grado di descrivere le finalità e la struttura del bilancio; 13. E in grado di classificare i costi di gestione. 5

6 4.6 MATEMATICA - Conoscere le nozioni e i procedimenti principali trattati nel corso degli studi. - Avere sufficienti capacità logico-matematiche. - Conoscere il valore strumentale della matematica per l apprendimento di altre discipline. - Sapere affrontare semplici situazioni problematiche di varia natura 4.7 ELETTRONICA Gli obiettivi realizzati riguardano - la conoscenza dei dispositivi per la generazione ed elaborazione di segnali analogici; - l acquisizione delle capacità di analizzare, progettare, realizzare e collaudare tali dispositivi anche in modo autonomo; - il raggiungimento di adeguata competenza tecnica riguardo alla scelta appropriata dei componenti e della strumentazione idonea presente nella realtà tecnologica. 4.8 SISTEMI ELETTRONICI - Conoscere l architettura dei microprocessori e microcontrollori; - Essere capaci a scrivere semplici programmi in assembly e programmare sia i µp che i PIC; - Riuscire ad ottenere sia i modelli che l identificazione dei sistemi reali; - Avere le competenze per affrontare le problematiche della stabilità dei sistemi fisici e in generale nei controlli autoamtici; - Conoscere i concetti fondamentali e i metodi sia analitici che grafici per lo studio dei sistemi elettronici; - Analizzare e valutare le caratteristiche di semplici sistemi di controllo; - Saper intervenire con semplici progetti sul controllo dei sistemi reali. 4.9 TELECOMUNICAZIONI - Conoscere i parametri elettro-ottici di una fibra ottica e le modalità di propagazione del segnale all interno di essa; - Risolvere problemi di bilancio energetico del segnale all interno di una fibra ottica; - Conoscere gli schemi a blocchi e le funzioni di ciascun blocco riguardo i modulatori e i demodulatori nelle tecniche di trasmissione FSK, 2-PSK, 2-DPSK, 4-PSK, QAM; - Saper dimensionare un collegamento di un ponte radio analogico e digitale ad una sola tratta; - Conoscere lo schema a blocchi del PLL; - Comprendere il concetto di protocollo di rete; - Conoscere l architettura della suite di protocolli TCP/IP e la funzione dei principali protocolli dei livelli 4 e 3 dello strato OSI; - Descrivere il formato dei segmenti TCP e dei pacchetti IP; - Comprendere il principio di funzionamento dei router, la loro struttura hardware e software; - Conoscere topologia, tecniche di trasmissione, mezzi trasmissivi e modalità di accesso delle reti LAN Ethernet cablate e delle WLAN; - Comprendere le funzioni svolte dai protocolli dei livelli 2 e 1 dello strato OSI; - Comprendere i concetti di rete a commutazione di circuito e di pacchetto; - Conoscere le caratteristiche funzionali dei modem fonici, in banda base e ADSL per l accesso remoto; - Comprendere il principio di digitalizzazione e ricostruzione di un segnale analogico e conoscere il funzionamento dei dispositivi che realizzano tale processo (codec PCM); - Comprendere i concetti di multiplazione e commutazione TDM/PCM; - Conoscere la struttura e le modalità di accesso alla rete GSM. 6

7 4.10 TECNOLOGIE, DISEGNO E PROGETTAZIONE - Saper risolvere normali problemi di ricorrenza nella realizzazione pratica e collaudo di circuiti elettronici; - Effettuare lavori di gruppo, conoscere la tecnologia dei dispositivi elettronici ed in special modo quelli di nuova generazione; - Possedere capacità specifiche di rivisitazione e di riorganizzazione di contenuti appresi in altre discipline, necessari per condurre in modo completo un progetto specifico; - Possedere capacità di sistematizzazione delle conoscenze tecnologiche caratteristiche dell'indirizzo; - Posseder accettabili competenze specifiche per progettare e realizzare circuiti elettronici EDUCAZIONE FISICA La consapevolezza del percorso effettuato per compiere - attività di lavoro organico prolungato; vincere resistenze di unità adeguata; compiere azioni nel più breve tempo possibile - Essere in grado di utilizzare le qualità fisiche (1) neuromuscolari (2) in modo adeguato alle diverse esperienze e ai vari contenuti tecnici. - Conoscere e praticare almeno due discipline atletiche e due sport di squadra (o.minimo). - Organizzare le conoscenze acquisite per ideare, progettare, e realizzare progetti operativi finalizzati. 5. CONTENUTI DISCIPLINARI, METODI, MEZZI E TEMPI 5.1 RELIGIONE CONTENUTI METODI / MEZZI TEMPI 1) Le motivazioni della fede di fronte alle esigenze della ragione e ai diversi sistemi di significato presenti nella cultura e nella società 2) Rapporto tra scienza e religione e lettura critica di Genesi ) L etica della vita e nuove questioni di bioetica 4) L etica della solidarietà, del bene comune e dell impegno per la promozione umana alla luce del messaggio cristiano Lezione dialogata Audiovisivi Testo scolastico Lezione dialogata Audiovisivi Testo scolastico 1 quadrimestre 2 quadrimestre 7

8 5.2 ITALIANO CONTENUTI METODI / MEZZI TEMPI Modulo storico-culturale: La cultura del Positivismo I luoghi, i tempi, le parole-chiave: Imperialismo e Naturalismo. L organizzazione della cultura: il sistema scolastico in Italia. La cultura filosofica: il positivismo da Comte a Darwin e Spencer. La tendenza al realismo dopo il Il Naturalismo francese e il Verismo italiano: poetiche e contenuti.le arti: dal realismo all Impressionismo. Incontro con l autore Giovanni Verga La rivoluzione stilistica e tematica di Giovanni Verga. La vita e le opere. I romanzi fiorentini e del primo periodo milanese: la fase tardoromantica e scapigliata. Storia di una capinera ( sintesi).eva (sintesi). Prefazione: l arte e l atmosfera di Banche e di imprese industriali. L adesione al Verismo e il ciclo dei Vinti. Rosso Malpelo( da Vita dei campi). I Malavoglia ( sintesi).la prefazione; L addio di Ntoni ( cap.xv). Mastro don Gesualdo ( sintesi). La morte di Mastro don Gesualdo (parte IV, capv). L ultimo Verga. La ricezione da parte del pubblico e la fortuna di Verga nella letteratura del Novecento. Modulo storico-culturale:l età del Simbolismo e del Decadentismo. I luoghi, tempi, le parole-chiave: Simbolismo e Decadentismo. Estetismo. Il dandy e il poeta-vate. La figura dell esteta in Huysmans e in Wilde. Nietzsche e la rottura filosofica di fine secolo; l estetica di Croce. Dionisiaco e apollineo. Le arti: dal Simbolismo al liberty. Charles Baudelaire. I fiori del male : L albatro, Corrispondenze. Caratteri e limiti del Decadentismo italiano. Antonio Fogazzaro: vita ed opere Testo scolastico -Lezione dialogata-ricerche individuali Testo scolastico- lezione dialogata Testo scolastico - lezione dialogata Sett.-Ottobre. 8 h. Ottobre- Novembre- Dicembre 12 h Gennaio- Febbraio 9h 8

9 Incontro con l autore Gabriele D Annunzio. La vita inimitabile di un mito di massa. L ideologia e la poetica. Il panismo estetizzante del superuomo. Panismo. I romanzi dell estetismo. Il piacere( sintesi). Ritratto di un esteta: Andrea Sperelli (libro I, cap.ii). I romanzi del superuomo.il superuomo e l inetto. I libri delle Laudi. Alcyone. La pioggia nel pineto, I pastori.il teatro (cenni).d Annunzio, il pubblico e l influenza sulla poesia del Novecento. Lezione dialogata Libro di testo Marzo-Aprile 7h Modulo tematico: i simboli pascoliani Giovanni Pascoli. La vita: tra il nido e la poesia. La poetica del fanciullino. Il fanciullino. Myricae e Canti di Castelvecchio: il simbolismo naturale e il mito della famiglia. Myricae: X agosto, Novembre Modulo storico culturale. Letteratura e modernità Luigi Pirandello. La vita e le opere La poetica : l' Umorismo, il sentimento del contrario. Novelle per un anno: Il treno ha fischiato I. Svevo e la nascita del romanzo d avanguardia n Italia. La vita e le opere. La coscienza di Zeno: La vita è una malattia( dal capitolo Psicoanalisi). Lettura integrale delle seguenti opere: Leonardo Sciascia: A ciascuno il suo ) Antonio Tabucchi: Sostiene Pereira Giorgio Bassani: Il giardino dei Finzi-Contini Testo scolastico lezione dialogata Testo Scolastico lezione dialogata Aprile- Maggio 4 h. Maggio 6 h Modulo tematico La lettura non va in esilio.lettura delle seguenti opere:al Sa dawi: Firdaus;R. Troisi: Lasciateci le ali; M. Nazer: Schiava;E. Burgos: Rigoberta Menchù;S. Salem : Con il vento nei capelli; Sepulveda: le rose di Atacamo; M. Kundera: L ignoranza; I. AllendeD Amore e ombre Libri di narrativa della biblioteca scolastica- Lavoro individuale Nov-Maggio 6h 9

10 Incontro con l opera Dante Alighieri: La Divina Commedia Paradiso Lettura, parafrasi e commento dei canti:i, III, VI. Riassunto canti: VIII, XI, XVII, XXXIII. Cenni canti di collegamento. Testo scolastico-lezione frontale Ott.-Mag. 14 h 5.3 STORIA CONTENUTI METODI / MEZZI TEMPI Asia, Africa e America nella seconda metà dell Ottocento. Crisi, trasformazioni economiche e tensioni sociali nell Europa di fine secolo Testo scolastico, vol II - Lezione dialogata. Sett-Ottobre 9h Il nuovo secolo. La Russia: crisi dello varismo e tensione rivoluzionaria. Giolitti e la difficile modernizzazione italiana. Verso il primo conflitto mondiale. Testo scolastico, vol III- Lezione dialogata. Ottobre- Novembre 9h La Grande guerra.le fasi finali della Grande guerra. Guerra e rivoluzione in Russia. Un anno di articoli sull immigrazione. Introduzione:L Italia dall emigrazione all immigrazione Testo scolastico. Lezione dialogata. Nov-Dic.- Gen.. 16h L Europa del dopoguerra. Il dopoguerra in Italia. Crisi dello Stato liberale e avvento del fascismo.laboratorio storico: analisi degli articoli. La crisi del sistema capitalista. L Unione Sovietica da Lenin a Stalin. Lo sviluppo e il consolidamento del fascismo in Europa. L Italia fascista. Antifascismo e dissenso. Testo scolastico. Lezione dialogata Documenti di ricerca. Lavoro di gruppo e individuale Testo scolastico. Lezione dialogata. Febbraio 11h-Marzo Marzo-Aprile 7 h Il mondo coloniale e l America latina tra le due guerre. La seconda guerra mondiale.caratteri generali del dopoguerra. L Italia dopo il fascismo.la Repubblica e lo sviluppo dell egemonia democristiana. La Costituzione. Testo scolatico, Materiale didattico docente. Lezione dialogata Aprile-Mag. 8h 10

11 5.4 LINGUA INGLESE CONTENUTI METODI / MEZZI TEMPI - Glossario di elettronica - Maori culture - Ripasso di strutture linguistiche e funzioni comunicative tratte dai brani studiati - The Maori people today - Colonization - War cries - Mass media - Television - Newspapers - Lettura e comprensione di articoli tratti da due quotidiani in lingua inglese e relativo commento - Ripasso di strutture linguistiche e funzioni comunicative tratte dai brani studiati - AMPLIFIERS - Two new channels? - Who invented television? - Radio - Use your computer to write a CV - Ripasso dei principali verbi irregolari - Ripasso di strutture linguistiche e funzioni comunicative tratte dai brani studiati Lezione dialogata Libri di testo Materiale fornito dall insegnante Ausilio audio Attività di traduzione Libri di testo Materiale fornito dall insegnante Lezione dialogata Attività di produzione scritta/orale Attività di traduzione Libri di testo Sett. 3 h Ott. 8h Nov. 8 h - Operational amplifier - Ripasso di strutture linguistiche e funzioni comunicative tratte dai brani studiati - MODULATION - Fast forward : MODULATION - TELECOMMUNICATIONS : glossary - TRANSISTORS - BIPOLAR TRANSISTOR - FIELD EFFECT TRANSISTOR - BJT vs FET Lezione dialogata Attività di traduzione Libri di testo Lezione dialogata Esercitazioni scritte ed orali Attività di traduzione Libro di testo Lezione dialogata Lavoro individuale Attività di traduzione Libri di testo Dic. 6h Gen. 7h Feb. 7h - ELECTRONICS and TELECOMMUNICATIONS : general questions - The Industrial Revolution - James Watt Lezione dialogata Attività di produzione scritta/orale Attività di traduzione Libri di testo Mar. 6h 11

12 - OSCILLATORS - Industrialization in America - Ripasso di strutture linguistiche e funzioni comunicative tratte dai brani studiati Lezione dialogata Attività di traduzione Libri di testo Materiale fornito dall insegnante Apr. 9h - LAN,WAN and ETHERNET - IBM advances chip speeds - The third Industrial Revolution :when electronics appeared - Nanotechnology : the new Industrial Revolution Lezione dialogata Attività di traduzione Libro di testo Materiale fornito dall insegnante Mag. 8h 5.5 ECONOMIA IND. ED ELEMENTI DI DIRITTO Contenuti Tempi Metodi/Mezzi Il sistema azienda Il progetto organizzativo La funzione direzionale La gestione aziendale Contabilità Il bilancio di esercizio Le analisi di bilancio: Cenni I costi 3 ore 11 ore 8 ore 4 ore 3 ore 10 ore 7 ore 3 ore Metodo deduttivo Metodo induttivo Lezione frontale Lezione dialogata Verifiche orali Uso del testo 12

13 5.6 MATEMATICA CONTENUTI Derivata di ordine n delle funzioni reali. - Significato geometrico della derivata prima. METODI / MEZZI TEMPI settembre 2004 ottobre h - Massimi e minimi relativi e assoluti. ott Flessi- Asintoti. febbraio Grafico delle funzioni reali. 45 h feb Integrali indefiniti - Coinvolgimento attivo e - Integrali definiti sistematico dei discenti aprile Integrali impropri nelle varie problematiche - Calcolo di aree e volumi - Lezione dialogata. 20 h Equazioni differenziali: 3. a variabili separabili, 4. lineari (metodo di Lagrange), 1. del secondo ordine a coefficienti costanti omogenee e non. 2. Progressioni aritmetiche. - Progressioni geometriche. 3. Serie numeriche. 4. La serie geometrica. 5. La serie armonica. 6. Proprietà generali delle serie numeriche a termini positivi. 7. Criteri per lo studio del carattere di una serie numerica. - Continue esercitazioni in classe individuali e di gruppo. - Uso continuo della lavagna tradizionale. - Libro di testo - Appunti ciclostilati preparati dal docente. aprile 2005 maggio h 13

14 5.7 ELETTRONICA CONTENUTI METODI / MEZZI TEMPI Lezioni dialogate, libro di testo,manuali tecnici, esercitazioni in laboratorio, data sheet. Amplificatori operazionali: applicazioni lineari: amplificatore invertente; non invertente; differenziale; sommatore invertente e non invertente; convertitori V/I e I/V; integratore invertente; derivatore invertente. 36 h Ott. nov. dic Amplificatori operazionali: applicazioni non lineari: amplificatori logaritmici e antilogaritmici; raddrizzatori di precisione; comparatori di tensione; trigger di Schmitt invertente e non invertente, a ciclo di isteresi simmetrico e asimmetrico. Generatori di segnali analogici non sinusoidali: generatori di onde rettangolari e quadre con A.O.; generatore di onde triangolari; generatore di onde a dente di sega; multivibratore monostabile e astabile con timer integrato NE 555. Generazione di segnali sinusoidali: oscillatore RC, oscillatore a rete di Wien, oscillatori ad alta frequenza a tre punti: oscillatore Hartley, oscillatore Colpitts, oscillatori quarzati. Amplificatori di potenza: amplificatore in classe A,amplificatore in classe B in push-pull, amplificatori di potenza audio integrati. Onversione analogica-digitale: convertitore A/D a conteggio, convertitore flash, convertitore ad approssimazioni successive; conversione digitaleanalogica: convertitore D/A con rete a scala. Come sopra Come sopra Come sopra Come sopra 30 h Gen. feb. 20 h Mar. 10 h Apr. 15 h Mag. giu. 5.8 SISTEMI ELETTRONICI CONTENUTI METODI / MEZZI TEMPI Richiami sull architettura del microprocessore e sulla Lezioni frontali-esercitazioni Sett.-Ottobre. programmazione in assembly con l uso dello Z-80 in classe e in laboratorio 18 h Arcitettura dei microcontrollori (PIC16C84), funzio-lezionnamento frontali-esercitazioni Ott.-Novembre e programmazione in assembly in classe e in laboratorio 20 h Programmazione di un integrato-pic 16C84 con l uso Lezioni frontali-esercitazioni Nov-Dicembre dell assembler ed il debug per il collaudo in classe e in laboratorio 15 h Modelli ISU di un motore in cc con comando di eccita-lezionzione frontali-esercitazioni Dic-Gennaio e d arnatura in classe e in laboratorio 6 h Modello ISU di un satellite per il controllo del punta-lezionmento frontali-esercitazioni Gen-Febbraio di un antenna in classe e in laboratorio 4 h Esempio di sistema non lineare:modello di un pendolo, individuazione delle traiettorie, differenze tra i si- Febbraio-6 h Lezioni frontali-esercitazioni in classe e in laboratorio stemi lineari e non Modelli ISU ed IU nel dominio del tempo con l utilizzo Lezioni frontali-esercitazioni dell equazioni differenziali, concetto del prodotto di Feb-Marzo 12 h in classe e in laboratorio convoluzione nei sitemi lineari 14

15 Teoria dei schemi a blocchi: configurazione in cascata-parallela-retroazionata. Concetto della legge del Marzo 4h Lezioni frontali-esercitazioni in classe e in laboratorio controllo e regolatore (stimatore degli stati) Trasformazioni e antitrasformazioni di Laplace, Fourier e Z. Definizione di funzione di trasferimento nei Mar-Aprile 8 h Lezioni frontali-esercitazioni in classe e in laboratorio modelli IU. Sistemi lineari del I e II ordine: definizione di poli e Lezioni frontali-esercitazioni Aprile-Maggio zeri dell f.d.t ed analisi nel dominio della frequenza in classe e in laboratorio 10 h (diag. di Bode e Nyquist), Sistemi di controllo analogici: modello reazionato con definizione di f.d.t. ad anello aperto ed ad anello Lezioni frontali Maggio 8 h chiuso Analisi della stabilità: criterio di Nyquist e di Boole, Lezioni frontali-esercitazioni Maggio 12 h reti correttrici, regolatori. in classe e in laboratorio Interfacciamento verso sistemi reali Maggio. 2 h 5.9 TELECOMUNICAZIONI CONTENUTI METODI / MEZZI TEMPI Fibre ottiche: parametri di propagazione del segnale (apertura numerica, dispersione, attenuazione ) - Bilancio energetico - Componenti optoelettronici: diodi LED, diodi LASER, diodi PIN e APD Teoria dell informazione: quantità di informazione, velocità di trasmissione e di modulazione, probabilità dei simboli ed entropia di una sorgente. Sistemi di trasmissione di segnali digitali su canale di tipo passa basso: schema a blocchi del trasmettitore e del ricevitore. Funzioni svolte dai singoli blocchi. Codifiche di canale di tipo ARQ e FEC - Codici di linea RZ, AMI, AMI/HDB3, Manchester Sistemi di trasmissione di segnali digitali su canale di tipo passa banda: schema a blocchi del trasmettitore e del ricevitore. Tecniche di trasmissione di segnali digitali su canale di tipo passa banda: schemi a blocchi dei modulatori e demodulatori OOK, FSK, 2-PSK, 2-DPSK 4-PSK QAM. Ponti radio analogici e digitali: schema a blocchi e dimensionamento Protocolli e architetture di rete: modello di riferimento OSI/ISO Suite di protocolli TCP/IP: intestazione dei segmenti TCP e UDP Formato del pacchetto IP Indirizzi di hosts e di rete Struttura e funzioni svolte da un router Lezione in aula Appunti Libro di testo Lezione in aula e in laboratorio Libro di testo Appunti in aula Lezione in aula e in laboratorio Libro di testo Appunti in aula Lezione in aula e in laboratorio Libro di testo Appunti in aula 12 h ½ Ottobre 30 h ½ Ottobre - Novembre 30 h Dicembre Gennaio 30 h Febbraio - ½ Marzo LAN cablate e WLAN Protocollo Ethernet di 2 livello Mezzi trasmissivi, modi di accesso, topologia di rete e tecniche di trasmissione delle LAN e WLAN Lezione in aula Libro di testo Appunti in aula 18 h Aprile 15

16 Dispositivi per sistemi di accesso alle reti IP: modem fonici, in banda base e ADSL Tecniche di trasmissione di segnali analogici con portante impulsiva (PCM) : teorema del campionamento, conversione A/D, multiplazione digitale, commutazione digitale. Cenni sulla rete GSM. Lezione in aula Libro di testo Lezione in aula e in laboratorio Libro di testo Appunti in aula 6 h ½ Maggio 12 h ½ Maggio 5.10 TECNOLOGIE ELETTRONICHE, DISEGNO E PROGETTAZIONE CONTENUTI METODI / MEZZI TEMPI Amplificatori operazionali, componenti e circuiti per l elaborazione analogica lineare Lezione frontale. Esercitazioni in laboratorio 16 h set.-ott. Funzionamento, realizzazione e collaudo: Voltmetro digitale Lezioni di gruppo-frontaleesercitazioni in laboratorio 28 h ott.-nov.-dic. Norme CEI e legislazione sulla sicurezza elettrica e dimensionamento cavi Lezione frontale 6 h ottobre-nov. Dispositivi fotoelettrici sorgenti luminose-celle solari 8 h nov.- dic Funzionamento, realizzazione e collaudo: Relé microfonico Lezioni di gruppo ed esercitazioni in laboratorio 30 h dic-gen- Componenti elettronici di potenza (SCR, GTO, IGBT, 10 h TRIAC DIAC)-Amplificatori di potenza - Lezione frontale feb.-mar Multivibratori Funzionamento realizzazione e collaudo: Temporizzatore Flip - flop - Trasduttori Dissipazione termica - Circuiti ASIC Funzionamento realizzazione e collaudo: interruttore crepuscolare PLC programmazione di base di semplici circuiti automatizzati Lezioni di gruppo ed esercitazioni in laboratorio Lezione frontale Lezione frontale Lezioni di gruppo ed esercitazioni in laboratorio Lezione di gruppo ed esercitazione in laboratorio 20 h apr.-mag 10 h mar. apr. 6 h apr - mag. 12 h maggio 6h mag. 16

17 5.11 EDUCAZIONE FISICA CONTENUTI METODI / MEZZI TEMPI Attività ed esercizi a carico naturale ed aggiuntivo; attività protratte nel tempo in situazione aerobica; attività eseguite in varietà di ampiezza; attività di controllo segmentario ed intersegmentario; attività di equilibrio. Attività sportive, individuali, salti, lanci, ginnastica, corse e di squadra (calcio, pallavolo, pallacanestro). Ideazione e realizzazione di attività motorie finalizzate. Informazione sulle metodologie dell allenamento relativi all attività. Organizzazione di attività e di arbitraggio degli sport individuali e di squadra praticati. Assistenza diretta e indiretta delle attività. Conoscenze essenziali per quanto riguarda le norme di comportamento ai fini della prevenzione degli infortuni e in caso di incidenti. Sul piano metodologico si sono operate scelte fondamentalmente motivate adeguando le proposte operative al particolare sviluppo psico-fisico degli allievi, improntando le esercitazioni ad una rigorosa gradualità. Si è partiti da una situazione globale di apprendimento per passare ad una fase analitica a cui è seguito una nuova esecuzione globale (metodo misto). I mezzi e gli strumenti utilizzati sono stati la palestra coperta e scoperta con tutte le attrezzature in essa esistente. I tempi di lavoro delle varie unità didattiche hanno avuto una temporalità mensile ed annuale così divisi: ottobrefebbraio: sviluppo qualità fisiche, e funzionalità neuromuscolare 30 ore Marzo-maggio: sviluppo capacità operative, sportive e Aspetti teorico-pratico 20 ore circa. 17

18 6. ATTIVITA EXTRACURRICULARI, VISITE GUIDATE, VIAGGI DI ISTRUZIONE, ATTIVITA SCUOLA-LAVORO, STAGE, TIROCINIO TIPO ATTIVITA CONTENUTI METODI/MEZZI TEMPI PARTECIPANTI Stage c/o azienda Matrix s.r.l. di Conversano (BA) Tecnologie di produzione in serie di schede elettroniche Orientamento allo stage Cultura d impresa Dinamiche del lavoro Prevenzione e sicurezza sul lavoro. - Aula - Reparti di produzione nelle strutture dell azienda - Aula Durata: 120 ore Periodo: dal 20 settembre al 15 ottobre 2004 Durata: 30 ore Periodo: dal 20 settembre al 15 ottobre 2004 N. 5 alunni: Ammirabile L. Benvenuto F. Cannalire M. de Gironimo C. Tomaiuolo G. Viaggio di istruzione a Barcellona Conoscenza della cultura e della storia della Spagna - Visita ai luoghi caratteristici della regione catalana Durata: 7 giorni Dal 10 al 16 aprile 2005 N. 13 alunni: Adriano M. Ammirabile L. Cannalire M. de Gironimo C. De Nitto C. Laino C. Lucchese F. Lupo P. Mastrogiovanni Neve P. Piergianni D. Vecchio N. Vitale M. Incontro di formazione Partecipazione Progetto Tecnologia wireless: applicazioni industriali e intelligenza ambientale. La lettura non va in esilio - Sala docenti - Presentazion e con l uso del proiettore Ostuni (BR) Liceo Pepe Durata: 2 ore Periodo: 29 aprile 2005 Durata: 3 ore Periodo: 9 Maggio 2005 La classe La classe 7. ATTIVITA DI RECUPERO E DI POTENZIAMENTO ATTIVITÀ DI RECUPERO IN METODI / MEZZI TEMPI Italiano Matematica Elettronica Lavoro individuale e di gruppo Lezione dialogata Esercitazioni in aula Febbraio, Marzo e Aprile

19 8. CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI La valutazione riveste un'importanza strategica nel processo formativo sia perché fornisce allo studente strumenti per la presa di coscienza delle proprie capacità e competenze, sia perché offre all'insegnante un significativo riscontro dell'efficacia del suo intervento didattico. Il Collegio dei Docenti, a norma dell art. 4 del Regolamento sull autonomia scolastica, stabilisce i criteri di valutazione in itinere e finale degli alunni, nel rispetto della normativa nazionale e i criteri di riconoscimento dei crediti comunicandoli a tutti gli interessati tramite il P.O.F. All inizio dell anno scolastico, i docenti riuniti nelle diverse aree disciplinari e i Dipartimenti (per l area tecnica), sulla base della rilevazione delle competenze in entrata (test d ingresso per le classi prime e terze), dei programmi ministeriali e degli standard dell Istituto, stabiliscono i livelli di apprendimento nelle varie discipline in uscita per ogni anno scolastico relativamente all'anno di riferimento. I Consigli di Classe determinano gli obiettivi trasversali cognitivi, educativi e comportamentali nell ambito della programmazione annuale della classe CRITERI DI VALUTAZIONE IN CIASCUNA DISCIPLINA. La valutazione è effettuata dal docente della disciplina sulla base di osservazioni (misurazioni) oggettive periodiche del livello raggiunto degli obiettivi cognitivi e formativi della disciplina; livello di partenza; impegno; progressi in itinere. Per rendere più omogeneo il processo valutativo, il Collegio dei Docenti ha elaborato una griglia in scala decimale riferita al raggiungimento, a vari livelli, degli obiettivi cognitivi (conoscenze, competenze e capacità) e comportamentali (impegno e partecipazione) per ogni singola disciplina. 8.2 CRITERI DI VALUTAZIONE QUADRIMESTRALE E FINALE. La valutazione è effettuata dal Consiglio di Classe sulla base di livello di raggiungimento degli obiettivi fissati per le singole discipline; livello di raggiungimento degli obiettivi trasversali fissati dal Consiglio di Classe; responsabilità nella frequenza e nella puntualità; impegno, interesse per le attività didattiche curricolari ed extracurricolari e nell area di progetto; livelli di partenza. 19

20 SCALA DI VALUTAZIONE CAPACITA VOTO CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA LINGUISTICO- ESPRESSIVE L allievo non dimostra alcuna 1-3 conoscenza Non sa applicare le conoscenze in alcuna situazione nuova Manca di autonomia e capacità di rielaborazione Stenta ad esporre e non conosce l uso delle norme morfosintattiche IMPEGNO Disimpegno totale e tendenza a distrarsi 4 Ha conoscenze frammentarie, superficiali o errate Applica le conoscenze solo se guidato e in ambiti ristretti Non rielabora autonomamente e correttamente le conoscenze Espone in forma scorretta e con un lessico limitato e non sempre adeguato E spesso discontinuo nel rispettare gli impegni e partecipa poco attivamente 5 Ha conoscenze poco consolidate Utilizza parzialmente e non sempre opportunamente le conoscenze Sa rielaborare concetti semplici,senza collegarli, necessita di aiuto nella sintesi Utilizza una struttura linguistica semplice e non sempre corretta Partecipa superficialmente e non è sempre continuo 6 Ha conoscenze di ordine generale, ma non approfondite Utilizza correttamente le conoscenze nell ambito di esercizi semplici Sa rielaborare contenuti semplici ed è parzialmente autonomo Sa esprimersi con una forma accettabile e un lessico nel complesso adeguato Assolve gli impegni e partecipa all attività didattica 7 Ha conoscenze ampie, ma limitatamente approfondite Sa applicare le conoscenze anche in situazioni complesse, non sempre in modo autonomo Sa rielaborare contenuti complessi, ma li collega solo se orientato. Sa esprimersi correttamente, usando un lessico appropriato al contenuto Continuo nell impegno e partecipa attivamente Dimostra conoscenze complete ed approfondite Dimostra conoscenze ampie, ben consolidate e coordinate Applica con autonomia i contenuti e le procedure acquisite anche in situazioni complesse Sa applicare i contenuti e le procedure acquisite anche in situazioni complesse e in ambiti nuovi Sa rielaborare contenuti complessi,sa collegarli e confrontarli Sa rielaborare e valutare anche contenuti complessi, argomentando, autonomamente e validamente Sa esprimersi correttamente e utilizzare i linguaggi specifici Mostra buona padronanza delle strutture linguistiche, anche dei linguaggi settoriali E continuo nell impegno e partecipa attivamente al dialogo educativo E assiduo nell impegno e partecipa attivamente al dialogo educativo 20

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A U SEI 17,75 No No Mo ITALIANO GRAMMATICA 9788842448839 GINI GIANNI / SINGUAROLI MASSIMILIANO GRAM.COM / EDIZIONE BLU - VOL. UNICO U B.MONDADORI 25,20 No Si No ITALIANO ANTOLOGIE 9788826814865

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Istituto Statale Superiore Ernesto Balducci Via Aretina, 78/a 50065 Pontassieve (FI) tel. 055/8316806 fax 055/8316809 www.istitutobalducci.it - mail presidenza@istitutobalducci.it Codice fiscale n. 94052770487

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE Classe: 1 A LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788839511980 MANZONI A. / PERISSINOTTO PROMESSI SPOSI U PARAVIA 22,65 No Si No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788842443155 FERRALASCO ANNA / MOISO ANNA MARIA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. Munerati C.F. 80004570299 ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. Bernini Via Cappello,10 45100 S. Apollinare-RO Corso del Popolo, 274 45100 Rovigo Tel. 0425 492404 Dir. 0425 49900

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788805070800 CAMPOLEONI ALBERTO / CRIPPA LUCA ORIZZONTI / CON NULLA OSTA CEI

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

L IMMAGINE CHE NON C ERA

L IMMAGINE CHE NON C ERA L IMMAGINE CHE NON C ERA SEZIONE SCIENTIFICA DEL CONCORSO LA PAGINA CHE NON C ERA BANDO DELLA II EDIZIONE Se è vero che un'immagine può essere più esplicativa di tante parole, allora perché non provare

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli