SAN MMINCÉNZO UNA FESTA IMPORTANTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SAN MMINCÉNZO UNA FESTA IMPORTANTE"

Transcript

1 Ilcorsovistodall angoloneipressidell attualeviamanzoni Comm era Anni 40 Processioneconlecongregazioni,leluminarie elastatuadisanvincenzoinprimopiano. MensilegratuitodellaPro LocodiCesedeiMarsi Com è Maggio2008 Inattesa... L alluceverde3^puntata dirobertoc. Dopoqualchemetrotornoindietro,quasiacancellarequelloscempio,eriprendo lastradasterratachedopoqualchealtrosplendidomucchiomiportaall Ara...sul pratoancoraqualcherarorimasugliodell immensocumulodirifiuti(foto)chequi avevamoraccoltolascorsaestateripulendolanostracampagna(echeilcomune ha poi provveduto a smaltire). E allora la rabbia torna alla mente, a metà tra l amarezza del Basta, tanto è inutile e la voglia di combattere l inciviltà con l esempio, o anche solo la sensibilizzazione. Avevo già deciso di non darla vinta a chi mi vorrebbe annerire il verde, ora l alluce mi fa male di una rabbia che non sparisce.giàl ideatornaafarsistrada,enoncorreròdasolo. Eilgirocontinua... ServizioritirogratuitoRIFIUTIINGOMBRANTIComunediAvezzano: Ilprossimonumerode LaVoce usciràdomenica1 Giugno. ArticolierubrichecuratidaFrancescoBonari,FrancescoBuccini,Emanuele,Eugenio,Lorenzo,ManuelaeRobertoCipollone, MariaTeresaDiMatteo,EmanueleDiPasquale,MarioIppoliti,BerardinoRantuccieRobertaTorge. GrazieadAlfredoperlefotoedai consulenti perilpreziososupporto.perinformazioni,proposte,commentiesuggerimenti scrivetea:redazione LaVocedelleCese,ProLocoCesedeiMarsi,ViaMicheleBianchi,67050CesediAvezzano(AQ) linesuwww.lecese.eu. AnnoIIINumero23 11 Maggio 2008 Ilmessaggio Siamoquellidel 58 Ebbenesì,quest annotocca a noi. Come ogni anno succede pertutti,cerchiamodiincastra re tra impegni di lavoro e famiglia l organizzazione delle feste patronali. Ormai già da qualchetempo,diversidinoila domenica mattina vengono a bussare alle vostre porte, ma vogliamo approfittare dell oc casione che ci offrono i ragazzi della redazione per presentarci alcompleto.infatti,nelclimadi condivisione e collaborazione chesperiamosiinstauritratutti e che riteniamo debbaessere il filo conduttore delle iniziative che potranno essere messe in campo, stiamo cercando di coinvolgere nell organizzazione delle feste tutti gli amici del 58: amici di infanzia, persone chehannosposatoqualcunodel paese o originario di esso, persone che hanno i genitori di Cese ma che ormai vediamo di rado,insommatuttiquellichein qualche modo sono venuti a contatto con il nostro paese e possonoapprezzareoriscoprirei valorigenuinidellenostreradici. Approfittiamodell occasione anche per illustrarvi le iniziative che si terranno oggi (11 Maggio). Dopo i riti ed i fuochi d artificiodellamattina,ciritro veremonelprimopomeriggioin piazza per i soliti, ma sempre piacevoli giochi popolari (tra i vari giochi cercheremo anche di indovinareilpesodiunmaialino lattantedicintasenese).faremo quindi il palio e speriamo che S.Vincenzoportifortunaamolti. Con Stefano proporremo quindi qualche intermezzo musicale e all imbrunirechiuderemocon... ilballodellapupazza!!! Ringraziamo tutti per il piacevole clima di disponibilità che stiamo assaporando, sia rispettoallerichiestedi contri buti economici, che di collabo razione fattiva; il cuore della gente saràilricordopiùsigni ficativo che conserveremo di questaavventura.( pag.2) Diseguito(apag.2)icomponenti del Comitato; ci scusiamo per eventuali omissioni comunque sanabilineiprossiminumeri. SANMMINCÉNZO UNAFESTAIMPORTANTE dieugenioc. Abbiamo già raccontato, su queste pagine, degli aspetti di fede e tradizione che riguardano San Vincenzo Ferreri e, di conseguenza, del motivo percuièilcompatrono,insiemeallamadonna,dicese.maquestonumerode LaVoce escepropriooggi,11maggio,giornoincui,quest anno,festeggiamo SanVincenzo,quindinonpuòmancareunarticolocheraccontidiquestoSanto, qualcosacheriguardilasuastoriao,piùsemplicemente,ilgiornocheicesaroli glidedicano. Èsemplice,attraversoilibriointernet,apprenderecheilnostrocompatrono nacqueavalencia,il23gennaiodel1350,emorìavannes,il5apriledel1419; chelasuacanonizzazioneebbeluogoaroma,nellachiesadomenicanadisanta MariasopraMinerva,il3giugnodel1455,sottoilpontificatodiPapaCallistoIII; cheilsuocultofuconfermatodapapapioiiche,conbolladel1458,fissòperla suafestaladatadel5aprile;cheanchealtripaesiecittàd Italia,soprattuttoal sud,lohannoadottatocomepatrono;cheasoraesisteunalocalitàdenominata propriosanvincenzoferrerioche,ancora,èpatronodeicostruttori. Moltopiùarduo,ovviamente,ètrovareriferimentibibliograficiositiweb che descrivano la devozione dei cesensi a questo Santo. L unica soluzione, e forseanchelapiùscontata,èaffidarsiallamemoriadeinonnicesaroli.eloro raccontano che la festa di San Vincenzo s è sempre fatta, che era bella commequeladesettembre,purisedurevanojornosolo,che sefacevala pritissioneejigiovenóttiportevanolastatuadelegnochepesevatanto,che cistevalamusicaepurijopargoelle lluminate,che levajjòleejivajjólise remmutevano,che cissedivertevaco póco,pecchéisórdinoncistevanoe non te nne potivi i noèlle!. Che la sera chi lo poteva fa, se nne eva ajji bicchieriniacchégiuditta. Ricordi lontani, ma ancora emozionanti per chi li racconta con gli occhi chesifannolucidi.così,ticompaiononellamenteleimmaginidiunagiornata che per loro significava tanto e, allo stesso tempo, capisci, o meglio credi di capire,checosavolevadireungiornodifestaaqueitempi,liberidallafatica di tutti i giorni, i mestieri, i campi, gli animali. Sensazioni confermate nel momentoincuitidicono: Mecciraccommanno,scrivetelocheera nojorno speciale! Tutto questo era la festa di San Vicent Ferrer, come lo chiamerebbero i catalani, San Vicente Ferrer, per gli spagnoli, o più semplicemente San Mmincénzo,commejochiamemonù! Iprossimiappuntamenti Oggi11Maggio:FesteggiamentiinonorediSanVincenzo (Vedidettaglialato) 16 18Maggio:PellegrinaggioalSantuariodellaSS.Trinità Perilgruppoapiedil appuntamentoèvenerdì16alle18:30 davantilachiesadisantamariaperlabenedizioneelapartenza. LacorrierapartiràinveceSabato17alle4:30circadellamattina. Comeconsuetudine,laPro LocooffriràilpranzodelSabato aipratidellasignòraatuttiipellegrini.

2 Siamo quelli del 58 (da pag.1) IL COMITATO 2008 Bonari Lucio, Capoccetti Giovanni, Chiostri Domenico, Ciciarelli Graziella, Cipollone Clelia, Cipollone Ines, Cipollone Federico, Cipollone Giuliano, Cipollone Lora, Contaldi Antonino, Corradini Liana, Cosimati Antonella, Cosimati Oreste, Di Giamberardino Vincenzo, Di Matteo Bruno, Di Matteo Maria Teresa, Di Stefano Luigi, Galdi Rosanna, Marchionni Augusto, Mei Rita, Montanaro Angela, Mura Francesco, Patrizi Luciana, Patrizi Maria Gabriella, Pensa Walter, Petracca Maria, Silveri Patrizia, Torge Enza, Verdicchio Annamaria, Verdicchio Vincenzo. ( ) 26 APRILE 2008 IL GIRO E LA (RI)SCOPERTA di Roberta T. Il mese scorso il numero de LA VOCE DELLE CESE è uscito un giorno in anticipo ed è stato consegnato casa per casa dai ragazzi de LA VOCE, dato che domenica 27 aprile non ci sarebbe stata la messa delle ore perchè si festeggiava la Madonna di Pietraquaria. Quindi sabato dopo pranzo ci siamo riuniti all asilo per preparare i giornalini e siamo partiti con l intenzione di bussare casa per casa e consegnare le copie. La passeggiata che doveva essere un giro abbastanza veloce si è rivelata subito più lunga del previsto... Ma quante case ci sono in questo paese? Non mi sono mai reso conto di tanti vicoletti ed edifici nascosti! Così abbiamo cominciato a camminare cercando di organizzare un tragitto sensato e veloce. Ma ovviamente non ci siamo riusciti, bussavamo alle porte delle case e cominciavamo a spiegare quello che stavamo facendo, e subito ricevevamo un invito ad entrare, un biscotto, un caffè o un bicchiere di vino!!!!! A chi si jo figlio? era la domanda più gettonata e la scoperta di inevitabili parentele alla lontana ne era la diretta conseguenza. Durante la nostra passeggiata abbiamo bussato a persone conosciute o meno e per un istante siamo entrati nelle loro case, nelle loro faccende, ma molto spesso sono state quelle stesse persone a riportarci indietro negli anni e a far riemergere in noi tanti ricordi. Un esempio per tutti è stata la visita a casa di Elide: appena entrati siamo stati accolti da tanta allegria e spontaneità... avevamo trascorso tra quelle mura gran parte della nostra vita ed ora le scoprivamo così diverse, rinnovate ma non abbastanza da non poter ripercorrere con il pensiero le varie stanze e i videogiochi: Qui c era il jukebox, Qui il biliardo e il biliardino, Questa è la terrazza tanto proibita!!!!!... quanti ricordi e sensazioni che abbiamo provato! Camminare tra quelle strade così note e perdersi nel passato, alla scoperta di ciò che eravamo e di ciò che siamo diventati ora, dopo qualche anno, ti fa riflettere su te stesso, sui valori ricevuti e sul cammino percorso. É come rendersi conto di ciò che si è. Lungo la via che porta all Ara ci siamo poi imbattuti in una cantina, una cantina vera, originale, di quelle che ospitavano e rifocillavano i contadini dopo una dura giornata di lavoro, con il camino, le scorte di cibo e le botti di vino... C erano due uomini anziani che giocavano a carte, bicchieri di vino su un tavolo disadorno e i loro volti, i loro sguardi erano quelli di chi aveva scoperto il valore del tempo. IN QUESTA STORIA ENTRO ANCH IO: CESE A SAN PIETRO PER I 140 ANNI DI A.C. di Manuela C. Eravamo più di 100 mila domenica scorsa a San Pietro per festeggiare la nostra Azione Cattolica. Un popolo colorato e allegro venuto a Roma da ogni parte d Italia. L appuntamento era di quelli da non mancare: 140 anni di vita dell associazione di laici cattolici più longeva (e numerosa: più di 400 mila gli iscritti) d Italia. Un "primato", se così si può dire, cui fa eco una grande responsabilità : essere "testimoni coraggiosi e profeti di radicalità evangelica; in una Chiesa che quotidianamente si confronta con la mentalità relativistica, edonistica e consumistica, sappiate allargare gli spazi della razionalità nel segno di una fede amica dell intelligenza, sia nell ambito di una cultura popolare e diffusa, sia in quello di una ricerca più elaborata e riflessa; in una Chiesa che chiama all eroismo della santità, rispondete senza timore, sempre confidando nella misericordia di Dio". Ad affidare a tutti gli aderenti questo impegnativo mandato è stato Papa Benedetto che ha rivolto ai presenti a San Pietro, e a quelli rimasti a casa, un lungo saluto. Ad ascoltarlo anche 280 soci di AC della diocesi di Avezzano, tra loro 20 di Cese, acierrini, giovani e adulti. Non ci siamo fatti mancare niente: partenza improponibile alle 5.30 del mattino, solleone a San Pietro, folle oceaniche e qualche problema di troppo a livello organizzativo nazionale. Ma non ci è mancata neanche la gioia di ritrovarci insieme e sentirci parte viva dell associazione, di vedere la spensieratezza dei ragazzi e la più composta partecipazione dei più grandi. Da educatori Restiamo uniti, chi deve andare al bagno? Oddio ci siamo persi, anzi no siamo tutti come sempre, quando siamo in mezzo agli altri, ci accorgiamo di quanto sono splendidi i nostri acierrini. Ai genitori che ci hanno accompagnato il nostro "grazie", nella speranza che la fatica della giornata non li faccia desistere e che, la prossima volta, saranno ancora insieme a noi. 2 Emanuele C. AGGIORNAMENTO SULLA QUESTIONE ADSL A CESE Come molti di voi sapranno, a più di due mesi dalla sottoscrizione dei contratti per poter usufruire del servizio ADSL a Cese, ancora non c è traccia del segnale ADSL di Telecom Italia nel nostro paese. Per questo motivo, pochi giorni fa ho chiamato il 187 (il numero gratuito per i clienti di tale compagnia telefonica) ed ho spiegato la situazione, ossia che a Cese numerose famiglie hanno sottoscritto il contratto per il servizio ADSL, ma, a dispetto delle promesse fatte loro, ancora non hanno la possibilità di utilizzare tale servizio. L operatore presente dall altra parte della cornetta, in maniera molto cortese, mi ha detto di aver sollevato una segnalazione a nome di tutto il paese a seguito della mia chiamata. Speriamo bene

3 PÒ ÈSSE ITA COŞCÌ... (Chi pò ncatenà la fantaşcìa?) Parte 3 di Lorenzo C. (...) Me sa che jo vécchio se steva a recordà caccósa de curiuso, pecchè, dicènne quele urdime parole, m è parso de sentì na risatella. S aggiustà jo cappejjo e recomenzò: Facèmmo na vita contenta, tra dde nù. Non ci facèmmo mancà gnènte. Manco lo laorà. Facèmmo spisso a iutarella pe jji laóri della campagna, speciarmènte a vangà, a mète, a faocià e a remétte lo stramo. Puri co quii dejj atri casali. Solo l immérno, quanno fiocchéva, era brutto. Allora stèmmo jorni e jorni fèrmi dentro le casi, a magnà pulenna, fino a cche non se sciolléva la nève quelo tanto che bastéva pe ìresenne na cria n giro pe lla campagna, pe trovà quii dejjo casalo vecino e sentì quelo che era succéso. No che n casa non ci stesse gnènte da fa i cunigli, le cajjine, jo telaro, lo recamà, lo racconcià i pannuni e le sacchette, lo raggiustà i sotacci e j atri ardigni che s erano rutti lo da fa ci steva e comme. Pe nu quatrani, jo divertimento più rósso era quijo de mette le tagliole ajji pagliari o sopri la nève, pe piglià i casaricci. Co ji passaritti la pulenna era più bbòna. Cacche òta, de nascósto, ièmmo a sciuà alla Rafia, però mar a ttì se te veteva màmmota o pàtreto... te rentortévano de bòtte. Gni mmatina, pó, jo primo che escéva quasi sempre s ammattéva co le petate dejj animali che la notte s erano abbecinati alla casa pe cercà caccósa da magnà. Era sempre no spasso cercà de appurà de quasso animalo erano. Quanno non se reconoscevano, nònnemo se mmenteva j animali più strani, che manco ci stào ajjo munno, pe ci fa remanì a ócca rroperta. Pe mettecci paura, pó, na mmatina scì e n atra puri, se mmenteva de èsse visto le petate de no jupo. Le storie sopri ji jupi reventévano sempre più ròsse quanno cacchetuno dejj atri casali o cacche furastiero capiteva ajjo casalo nóstro. Raccontevano tante de quele cóse che vatt appùra se erano lo vero. Raccontévano quaşci sempre che erano visto o poche o tante petate de jupo, o propio jo jupo pe ddavero. Nu ci dicèmmo che erano stati bravi, che erano stati curaggiusi e quii se facevano sempre più ròssi e se mmentevano caccós atro. Pó, pe fasse dà caccósa a magnà, se ncalemévano a ddì cà quela notte non se potevano propia fermà, cà adevano repartì e cà sperémo de no ncontrà gnişciuno. Nu ci facemmo coraggio e ci regalemmo caccósa pe cci fa passà la paura. Issi repartevano e nu, pe tutta la notte, stèmmo co lle recchie appizzate pe senti jo jupo. Jo vécchio s è stato zitto pe na crìa. Prima de recomenzà ci ss è remirati a tutti quanti fermènnese de più sopri i quatrani più zicarejji. Me sa che sarrìa oluto dice cacch atra cosa, ma po ci ss è repenzato, ha scapuzzato na cria e: Puri quij anno sémo penžato de fa la festa dejji piani: messa cantata, fiera, chiacchiare, passatelle, morrate e ròsse beùte fino a mbriacàrese. Tutto all ara: no spiazzalo rósso a pèto alla montagna che non era de gnişciuno e addó gnişciuno ci faceva gnènte. Servéva solo pe sta nzemmia na óta o ddu j anno. Ajjo casalo nóstro, comme ajj atri, era tutto no và e vè pè sse preparà alla festa dejjo jorno apprésso. Mpresenzia dejj atri, vajjóli e vajjòle parlévano de vestiti, de capijji, de scarpi gnòve, ma quanno stévano soji, tra dde issi, i discorži erano divérsi. Pé cérti sarrìa stata la prima òta che vetevano vajjóli e vajjòle dejj atri casali, cért atri se sarrìano revisti dóppo che s erano ncontrati pe lla campagna, a pasce le vacchi po èsse; pe cacchetuno la mmatina apprésso se sarrìano strette le chiacchiare e ci stéva ca matrimonio n vista. Le mammi parlévano delle pizze dorci che sarrìano fatto, ma pó, co la mènte, se repassevano i vajjóli dejji casali vecini pe sonnà pe le figlie e pe ji figli no vajjólo co la capòccia a ppósto, na fémmona de casa. Le fantaşcìe e le domande sulle proprietà de uno se ncrocevano co llo sparlà de quela capòccia tòsta, o de quela sciurrata, o de quela sfacciatòna. J ómmeni róssi erano più refriddi. Issi se vetevano più spisso co j ómmeni dejj atri casali. La festa era solo jo motivo pe na revencita a mórra, a bòcce, a carti. O puramènte pe sse ressubbricà pe èsse stati fatti ólemi a cacche passatella de prima. Però èra puri l occasione pe potè vénne o crompà cacche otelluzza, cacche pecora, cacche cuniglio. Ste cose però se facevano mpresenzia delle fémmone, delle mugli. Pareva che erano i mariti a commannà e ffà i prézzi, però chi decideva le cóse erano le mugli. Quanno ci óleva facevano arrivà alle panzette dejji mariti certe utate da fatte sfiatà. Na risatella dejji vajjóli ha rrempito jo silenzio dejjo vécchio. Quanno è recomenzato a parlà teneva n atra calata, la óce era più cupa, più lenta. (...) (...Continua) 3

4 La riflessione di Roberto C. PRIMO MAGGIO FESTA DEI LAVORATORI... E DEL LAVORO La festa dei lavoratori, il primo Maggio, ha oggi lo stesso senso di quando, più di un secolo fa, si rivendicavano le otto ore giornaliere tanto scontate, oggi. Allora, nel 1886, il simbolo delle rivendicazioni che diede inizio alla ricorrenza fu la cosiddetta Rivolta di Haymarket, a Chicago, in seguito ad uno sciopero (pro 8 ore, appunto) iniziato proprio il 1 maggio e conclusosi 3 giorni dopo sotto il fuoco della polizia. Allora rimasero a terra 11 persone, tra cui 7 poliziotti uccisi dal cosiddetto fuoco amico. Giuseppe Pellizza da Volpedo, Il quarto Stato, opera rappresentante lo sciopero dei lavoratori. Oggi quelli che rimangono a terra, fortunatamente solo in senso metaforico, sono i tanti lavoratori cui vengono negati i due valori fondamentali di ogni uomo e donna: la libertà ed il rispetto. La parola che ho in mente è precarietà, quella che fa tanto paura alle aziende da renderla facilmente spacciabile per la tanto amata flessibilità. Ma non credo si sia tanto flessibili quando non si riesce a progettare con libertà il proprio futuro, magari perchè da anni si lavora nello stesso posto con stage e progetti che s inseguono regolarmente solo perchè al momento è il massimo che possiamo offrire. E non credo si sia tanto flessibili neanche quando si incassa l ennesimo no dopo l ennesima richiesta di mutuo, magari perchè la busta paga non dà garanzie sufficienti. Si è semplicemente precari, di una precarietà che tocca la vita, e non più solo il lavoro. E il rispetto di tutti i sogni, i sacrifici, le fatiche e le speranze di chi lavora con impegno tutti i giorni? E il rispetto di chi è costretto a sacrificare tutto, o ad essere spremuto fino all osso, o addirittura a morire in nome del lavoro? E il rispetto di chi questo stesso lavoro non ha affatto, magari perchè qualche imprenditore ha giustamente pensato di mettersi in banca tutto l intascabile e chiudere baracca? Vorrei che chi ci governa, chi ci amministra e chi ci dà lavoro (con slancio di generosità) riflettesse su queste domande tutti i giorni, a partire dal 1 Maggio, perchè assieme alla Festa dei Lavoratori sia anche la Festa del Lavoro. 4 Fibre di amianto al microscopio elettronico L approfondimento di Francesco Bu. PER SAPERNE DI PIÙ COS È L AMIANTO Amianto è il nome collettivo che designa in realtà una famiglia di minerali derivanti dalla decomposizione di alcuni silicati (principalmente magnesio, ferro e sodio). La sua struttura è finemente fibrosa, ed in natura si distinguono diversi minerali d amianto con diversa composizione chimica e morfologica. Negli anni passati questo minerale era utilizzatissimo per le sue molteplici ed importanti proprietà tecnologiche ed il suo basso costo. Lo potevamo trovare, infatti, in vagoni ferroviari, auto, edifici (soprattutto nella miscela cemento amianto, commercialmente nota come eternit), rivestimenti di condutture, tessuti etc.; praticamente potremmo dire dappertutto. Le caratteristiche che rendono l amianto tecnologicamente prezioso e molto utilizzato (almeno fino agli anni 80) sono soprattutto la bassa conducibilità termica e l elevata resistenza delle fibre alla trazione. L unico difetto è che... l amianto uccide gli esseri umani! Infatti questo minerale è molto pericoloso perchè le stesse fibre possono rimanere nei polmoni e contribuire a determinare l origine di diverse malattie, favorendo lo sviluppo di specie ossidanti capaci di danneggiare il DNA delle cellule rendendole cangerogene ed accelerandone la moltiplicazione in maniera sfrenata, al di là delle regole di crescita dei normali tessuti. Le principali malattie causate dall amianto sono il carcinoma polmonare, l asbestosi (malattia polmonare cronica) e il mesotelioma (neoplasia che attacca pleura, peritoneo etc.). La pericolosità dell amianto è legata al fatto che anche una bassissima concentrazione di fibre nell'aria può essere nociva; la probabilità di insorgenza di malattie aumenta però molto con un'esposizione prolungata nel tempo (non a caso le zone più colpite in Italia sono tutte vicino a cantieri navali o fabbriche di eternit). L'impiego dell'amianto è fuori legge in Italia dal 1992, ma bisogna fare ancora tanto per il suo smaltimento, e bisogna che tutti lo facciano con attenzione e responsabilità. Per lo smaltimento di amianto o eternit potete rivolgervi al numero

5 Tutte le medicine che comunemente acquistiamo in farmacia per curare le malattie più disparate (da un banale raffreddore a quelle più complesse) fanno parte della cosiddetta medicina convenzionale (o ufficiale), definita così in quanto conforme alla medicina scientifica occidentale. In termini più semplici, la medicina convenzionale è l unica alla quale viene riconosciuto un reale e dimostrato effetto benefico, per la cura delle malattie delle persone, dalle autorità sanitarie e dalle Istituzioni in genere (almeno per quanto riguarda i Paesi occidentali). In effetti, anche se poco pubblicizzata dagli organi d informazione, esiste anche una medicina non convenzionale, la quale comprende le medicine complementari alle terapie convenzionali e le medicine alternative alle terapie convenzionali. Le prime vengono spesso affiancate alle cure tradizionali, anche se frequentemente il loro ruolo è di secondo piano rispetto a quello ricoperto dalle medicine convenzionali. Le seconde, invece, come suggerisce il nome che le contraddistingue, fanno riferimento a terapie non conformi alla medicina scientifica occidentale e, per questa ragione, la loro presunta efficacia nella cura delle malattie non viene riconosciuta dalla scienza ufficiale. Tra le medicine alternative è possibile citare alcune più conosciute ad esempio quelle omeopatiche e l agopuntura ed altre meno note,come i fiori di Bach e l effetto placebo. Fra tutte le medicine alternative, l'omeopatia è sicuramente una di quelle che nel mondo occidentale hanno riscosso maggior successo. Fondatore di questa disciplina è il tedesco Samuel Hahnemann ( ) il quale, sperimentando soprattutto su di sé le proprietà della corteccia di china e di altre sostanze (quali arsenico, digitale e mercurio), si convinse della validità dell'ormai noto principio: similia similibus curantur (= il simile cura il simile ). Egli sosteneva, infatti, che per curare una malattia o un malessere si debba assumere in bassissime dosi una sostanza che generalmente provoca nell'organismo gli stessi sintomi che si vogliono eliminare. Così in base a questo assunto, non oggettivamente dimostrato, sarebbe corretto prescrivere caffeina per curare l'insonnia o estratto di api per le infezioni cutanee, naturalmente alle appropriate diluizioni. Diluizioni che però noi oggi sappiamo essere un po' troppo spinte per permettere ad una qualsiasi sostanza di conservare una certa efficacia. In altre parole è possibile affermare che nei rimedi omeopatici, una volta effettuate le diluizioni, non esiste più alcuna molecola del farmaco in questione ed essi sono letteralmente indistinguibili dall'acqua pura. Verso la fine degli anni Ottanta una nuova scoperta sembrò permettere di superare questo problema e dare un fondamento teorico all'omeopatia: la cosiddetta teoria della memoria dell'acqua, che però non fu confermata da successivi e ripetuti esperimenti di laboratorio. Nel corpo umano, secondo i concetti della medicina cinese prescientifica, una sorta di energia vitale (il qi) circolerebbe lungo particolari linee, chiamate meridiani, che congiungono gli organi del corpo stesso. Le malattie sarebbero dovute a una cattiva circolazione del qi, con un conseguente accumulo in alcuni punti e carenza in altri. utile di Emanuele C. LE MEDICINE ALTERNATIVE Tramite l'agopuntura, infiggendo sottili aghi lungo i meridiani, si ripristinerebbe l'equilibrio energetico del corpo e quindi lo stato di benessere. Né la fisiologia né l'anatomia supportano l'esistenza di qualsiasi struttura del corpo coincidente con i meridiani. Nella cura del dolore, però, l'agopuntura ha riscosso un notevole successo. L'effetto terapeutico, secondo la scienza ufficiale, sarebbe dovuto al fatto che l'infissione di aghi provoca il rilascio di endorfine, piccole molecole prodotte nel cervello che danno luogo a sensazioni di benessere. Essa agirebbe quindi più sui sintomi (la sensazione di dolore) che sulle cause (ad es. traumi o infiammazioni) e sarebbe particolarmente adatta a certi tipi di dolori cronici e poco diagnosticabili fisiologicamente. La terapia dei fiori di Bach nasce negli anni Trenta per merito di Edward Bach ( ), medico e inventore di questa pratica alternativa. Essa consiste nella somministrazione al malato di essenze di fiori non coltivati di ordine superiore, così come li definisce Bach stesso, in grado di riequilibrare l'intera persona e di purificare le carenze caratteriali che sono all'origine delle sofferenze umane. Secondo Bach e i suoi sostenitori, infatti, ognuno di noi sarebbe un'entità da considerare non come singolo ma come la tessera di un ampio mosaico, la parte di un tutto cosmico, a cui siamo collegati tramite la forza di una vibrazione comune. La malattia insorgerebbe laddove viene a mancare il collegamento della nostra personalità con il campo energetico cosmico, oppure dove si verifica un rifiuto del concetto di unità superiore e l'anima si trova ad agire in opposizione ad essa. Ognuno dei fiori di Bach (in totale 38) incorporerebbe un determinato concetto spirituale e, più precisamente, corrisponderebbe a una precisa frequenza di vibrazione. La frequenza della vibrazione della pianta adatta alla cura dei vari casi ristabilirebbe quindi la vibrazione che era venuta a mancare tra l'anima e l'io corporeo che avevano cessato di comunicare e, ristabilendo il flusso dell'energia cosmica, riporterebbe lo stato d'animo in un quadro positivo, portando alla guarigione. Questa teoria, essendo di carattere metafisico, non può ovviamente essere scientificamente giudicata. L effetto placebo si basa su un assunto molto semplice. Sostanze con azione farmacologica (un sonnifero, uno stimolante, ecc.) hanno effetto sull'organismo anche se somministrate all'insaputa della persona, ma, paradossalmente, vale anche l'inverso: sostanze inattive talvolta hanno effetto se vengono presentati al paziente come efficaci. L'utilizzo di un placebo come terapia palliativa talvolta sembra utile, ma pone i medici in un difficile dilemma. Dire a un paziente che gli si prescriverà una pastiglia senza alcun rimedio plausibile farà venir meno la risposta al placebo. D'altra parte, presentare un placebo come un vero farmaco appare una sorta di raggiro eticamente non accettabile. L argomento trattato in questo breve articolo, vista la sua importanza, andrebbe certamente approfondito. Da quanto detto, appare comunque chiaro che la scienza ufficiale difficilmente nel prossimo futuro attribuirà un valore reale alle medicine alternative, visto che la loro presunta efficacia non è dimostrabile secondo i canoni applicati alle medicine convenzionali. D altra parte, va ribadito in maniera ferma che la cura delle malattie, ad oggi, non può prescindere dagli strumenti che la scienza ufficiale mette a nostra disposizione. In tutto questo, però, che male c è ad informarsi? [Le informazioni sulle medicine alternative riportate in questo articolo sono tratte dal sito del Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale, 5

6 6 CESE SPORT G.S. CESE TEMPO DI SPAREGGI Tempo di spareggi per il G.S.Cese, che nella prima partita dei play off del girone A di prima categoria aveva affrontato e sconfitto il Sulmona con il rotondo punteggio di 4 a 0. Domenica 4 maggio, sul campo neutro di San Demetrio Ne Vestini, ha avuto luogo la finale del girone tra il Cese ed il Pacentro91, che aveva sconfitto di misura (1 0) i luchesi della Jaguar. Il match si è protratto con il punteggio di 0 a 0 fino alla fine dei tempi supplementari. Tale esito, in virtù del migliore piazzamento in classifica, ha permesso il passaggio del turno ai gialloverdi, che si sono visti così assegnare definitivamente il secondo posto in classifica, confermando il risultato del girone all italiana. Da segnalare, in entrambe le partite della nostra squadra, il caloroso e sempre presente supporto di una tifoseria che non viene mai meno in queste occasioni. Gli stessi tifosi hanno giudicato ottima la prestazione di tutti i giocatori scesi in campo nel confronto con i Sulmonesi, mentre nella gara contro il Pacentro hanno apprezzato, in particolare, il lavoro svolto da Ermanno Silvestri e Marco Nitti, cui spetta perciò anche un personale plauso. Come detto in precedenza, il G.S.Cese accede alla fase successiva di questi scontri diretti e dovrà affrontare il Fontanelle, che si è classificata seconda nel girone D dopo aver sconfitto il Real Scerne 2001 con il punteggio di 1 a 0. L altra semifinale vedrà di fronte lo Scerni (girone B ) ed il Rosciano (girone C ) che hanno battuto rispettivamente il Roccascalegna e lo Scafa. Ambedue le partite dovrebbero disputarsi Domenica 11 Maggio in orari e campi ancora da stabilire. Nel frattempo, rinnoviamo l in bocca al lupo alla nostra compagine. Eugenio C. AMATORI CESE TRA SOGNI E REALTÀ Tra sogni e realtà il campionato amatori girone B si fa sempre più avvincente per la squadra del Cese. Dopo la squillante vittoria per 3 0 contro l Antinum, con le reti di Di Renzo Gaetano, Ippoliti Mario e Cosimati Mario, ancora una vittoria per 2 1 contro la Tecnobar, con le reti di Marchionni Secondino e Di Renzo Gaetano e con una gara ancora da recuperare sabato (10 Maggio) nel big match contro la capolista U.S. Sporting. Classifica (prime posizioni): U.S. Sporting 15 CESE 13 Paterno 13 Marruviana 12. LE PAGELLE promossi e bocciati, a cura del presidente Ciciarelli Mario. 1 DI MATTEO ENRICO Voto 8,5 2 BIANCHI MASSIMO 8,5 3 DI PASQUALE ANGELO 8,5 4 MARCHIONNI SECONDINO 9 5 CIPOLLONE EMILIO 8 6 CIPOLLONE GIUSEPPE 8,5 7 MARANO MICHELE 8,5 8 DI RENZO GAETANO 9 9 DI GIAMBERARDINO ERMENELGILDO 9 10 COSIMATI MARIO 8,5 11 NARDANTONIO AGOSTINO 8 12 TUCCERI MASSIMILIANO 7 13 DI MATTEO FRANCESCO 8 14 IPPOLITI MARIO 8,5 15 CIPOLLONE GIOVANNI 7,5 16 CIPOLLONE EMILIO (RUSCIO) 7 17 PATRIZI RAIMONDO 6 18 PETRINI MASSIMO 7 19 PENSA WALTER 6 20 CIPOLLONE NAZZARENO 6 21 MONTECCHIA ANDREA 6 22 LEONE LUCIO 4,5 23 LEONE REMO 6 24 CIPOLLONE MARCO 8,5 25 MONALDI ALESSANDRO 8,5 26 CIPOLLONE DANILO 7 Il presidente Ciciarelli Mario MISTER CIPOLLONE EMILIO Voto 8,5 PRESIDENTE CICIARELLI MARIO Voto 10 DIRIGENTE TORGE LINO Voto 10 GUARDALINEE BIANCHI FRANCESCO Voto 10 N.B. nel prossimo numero di Giugno vi racconteremo il big match U.S. Sporting vs AMATORI CESE. FORZA RAGAZZI! Mario I. Parole in versi TU SEI di Berardino Rantucci Tu sei il sole che mi riscalda. Tu sei la luce che illumina il mio tragitto. Tu sei la rugiada che mi rinfresca. Tu sei la fonte che mi disseta. Tu sei l albero dei miei frutti. Tu sei la terra che mi ha partorito. Ma soprattutto sei la notte che dà riposo alla mia anima. CONGESTIONE CULTURALE di Berardino Rantucci La congestione culturale è all apice di una ipotenusa strutturale congenita, camaleontica, che si trasforma in irrazionalità stabile, instaurata in un dovere assoluto dell Essere umano, soverchiando i limiti della Natura con il compimento dell estremismo egoistico del Superuomo, contro natura e contro se stesso, l Assoluto come verbo intransigente e indiscusso.

7 Giochi e relax PER I PIÙ PICCOLI Riempi solo gli spazi con i puntini secondo il colore indicato. PER I GRANDI Quiz sulle Cese 1. Il letterato cesense di maggior prestigio è noto come... a)pietro Marso b)paolo Marso c)ponzio Marso 2. Salvatosi dal terremoto del 1915, è oggi presente all interno delle Chiesa di Santa Maria alle Cese: a)un tabernacolo b)l abside c)un altarino 3. Morte è un termine tradizionalmente utilizzato anche nella... a)briscola b)morra c)passatella 4. Attualmente la corriera in un giorno feriale passa... a)7 volte b)9 volte c)8 volte 5. In una mappa di alcuni secoli fa le Cese sono stranamente riportate come... a) Le Chiese b) I Casali c) Le Cesette 6. La gazza in dialetto è detta... a)ciammarùca b)ciuciuetta c)cicciacòla 7. Oltre al Salviano, il monte che sovrasta le Cese è... a)m.te Girifalco b)m.te Cimarani c)m.te Viglio Emanuele D.P. Dai diamanti non nasce niente,, dal letame nascono i fior Da quali brani sono tratti i seguenti versi? 1. E dalle macchine per noi i complimenti del playboy, ma non li sentiamo più se c'è chi non ce li fa più, cambia il vento ma noi no e se ci confondiamo un pò è per la voglia di capire chi non riesce più a parlare ancora con noi... Siamo così, dolcemente complicate sempre più emozionate, delicate...ma potrai trovarci ancora qui, nelle sere tempestose portaci delle rose,nuove cose e ti diremo ancora un altro...sì. 2. La gente che affoga nell'unica sala: la discoteca. Ci vuol qualcosa per tenerci a galla sopra questa merda! E non mi importa se domani mi dovrò svegliare ancora con quel gusto in bocca! 3. How many roads must a man walk down, before you can call him a man? (...) Yes, n how many times must the cannonballs fly, before they're forever banned? (Quante strade deve percorrere un uomo, prima di essere chiamato uomo? (...)E per quanto tempo dovranno volare le palle di cannone, prima che verranno abolite per sempre?) 4. Tanto ci sarà sempre lo sapete: un musico fallito, un pio, un teorete, un Bertoncelli o un prete a sparare cazzate! 5. L'unico pericolo che sento veramente è quello di non riuscire più a sentire niente... il battito di un cuore dentro al petto, la passione che fa crescere un progetto, l'appetito, la sete, l'evoluzione in atto, l'energia che si scatena in un contatto. 6. Got a girl named Sue, she knows just what to do! She rocks to the east! She rocks to the west! She is the girl I love best! (Ho una ragazza di nome Sue, lei sa proprio cosa fare!rockeggia ad est, rockeggia ad ovest!lei è la ragazza che amo di più!) La vignetta L òva DE CAJJINA PAZZACCHIò, TU Sì PAZZO! E CHE ME MAGNO QUESSE CHE ésciono DAJJO CUJO DELLA CAJJINA??? NONE, NONE... I ME MAGNO SOLO QUELE DEJJO SUPERMERCATO! FRANCESCO Bo. 7

8 Ilcorsovistodall angoloneipressidell attualeviamanzoni Comm era Anni 40 Processioneconlecongregazioni,leluminarie elastatuadisanvincenzoinprimopiano. MensilegratuitodellaPro LocodiCesedeiMarsi Com è Maggio2008 Inattesa... L alluceverde3^puntata dirobertoc. Dopoqualchemetrotornoindietro,quasiacancellarequelloscempio,eriprendo lastradasterratachedopoqualchealtrosplendidomucchiomiportaall Ara...sul pratoancoraqualcherarorimasugliodell immensocumulodirifiuti(foto)chequi avevamoraccoltolascorsaestateripulendolanostracampagna(echeilcomune ha poi provveduto a smaltire). E allora la rabbia torna alla mente, a metà tra l amarezza del Basta, tanto è inutile e la voglia di combattere l inciviltà con l esempio, o anche solo la sensibilizzazione. Avevo già deciso di non darla vinta a chi mi vorrebbe annerire il verde, ora l alluce mi fa male di una rabbia che non sparisce.giàl ideatornaafarsistrada,enoncorreròdasolo. Eilgirocontinua... ServizioritirogratuitoRIFIUTIINGOMBRANTIComunediAvezzano: Ilprossimonumerode LaVoce usciràdomenica1 Giugno. ArticolierubrichecuratidaFrancescoBonari,FrancescoBuccini,Emanuele,Eugenio,Lorenzo,ManuelaeRobertoCipollone, MariaTeresaDiMatteo,EmanueleDiPasquale,MarioIppoliti,BerardinoRantuccieRobertaTorge. GrazieadAlfredoperlefotoedai consulenti perilpreziososupporto.perinformazioni,proposte,commentiesuggerimenti scrivetea:redazione LaVocedelleCese,ProLocoCesedeiMarsi,ViaMicheleBianchi,67050CesediAvezzano(AQ) linesuwww.lecese.eu. AnnoIIINumero23 11 Maggio 2008 Ilmessaggio Siamoquellidel 58 Ebbenesì,quest annotocca a noi. Come ogni anno succede pertutti,cerchiamodiincastra re tra impegni di lavoro e famiglia l organizzazione delle feste patronali. Ormai già da qualchetempo,diversidinoila domenica mattina vengono a bussare alle vostre porte, ma vogliamo approfittare dell oc casione che ci offrono i ragazzi della redazione per presentarci alcompleto.infatti,nelclimadi condivisione e collaborazione chesperiamosiinstauritratutti e che riteniamo debbaessere il filo conduttore delle iniziative che potranno essere messe in campo, stiamo cercando di coinvolgere nell organizzazione delle feste tutti gli amici del 58: amici di infanzia, persone chehannosposatoqualcunodel paese o originario di esso, persone che hanno i genitori di Cese ma che ormai vediamo di rado,insommatuttiquellichein qualche modo sono venuti a contatto con il nostro paese e possonoapprezzareoriscoprirei valorigenuinidellenostreradici. Approfittiamodell occasione anche per illustrarvi le iniziative che si terranno oggi (11 Maggio). Dopo i riti ed i fuochi d artificiodellamattina,ciritro veremonelprimopomeriggioin piazza per i soliti, ma sempre piacevoli giochi popolari (tra i vari giochi cercheremo anche di indovinareilpesodiunmaialino lattantedicintasenese).faremo quindi il palio e speriamo che S.Vincenzoportifortunaamolti. Con Stefano proporremo quindi qualche intermezzo musicale e all imbrunirechiuderemocon... ilballodellapupazza!!! Ringraziamo tutti per il piacevole clima di disponibilità che stiamo assaporando, sia rispettoallerichiestedi contri buti economici, che di collabo razione fattiva; il cuore della gente saràilricordopiùsigni ficativo che conserveremo di questaavventura.( pag.2) Diseguito(apag.2)icomponenti del Comitato; ci scusiamo per eventuali omissioni comunque sanabilineiprossiminumeri. SANMMINCÉNZO UNAFESTAIMPORTANTE dieugenioc. Abbiamo già raccontato, su queste pagine, degli aspetti di fede e tradizione che riguardano San Vincenzo Ferreri e, di conseguenza, del motivo percuièilcompatrono,insiemeallamadonna,dicese.maquestonumerode LaVoce escepropriooggi,11maggio,giornoincui,quest anno,festeggiamo SanVincenzo,quindinonpuòmancareunarticolocheraccontidiquestoSanto, qualcosacheriguardilasuastoriao,piùsemplicemente,ilgiornocheicesaroli glidedicano. Èsemplice,attraversoilibriointernet,apprenderecheilnostrocompatrono nacqueavalencia,il23gennaiodel1350,emorìavannes,il5apriledel1419; chelasuacanonizzazioneebbeluogoaroma,nellachiesadomenicanadisanta MariasopraMinerva,il3giugnodel1455,sottoilpontificatodiPapaCallistoIII; cheilsuocultofuconfermatodapapapioiiche,conbolladel1458,fissòperla suafestaladatadel5aprile;cheanchealtripaesiecittàd Italia,soprattuttoal sud,lohannoadottatocomepatrono;cheasoraesisteunalocalitàdenominata propriosanvincenzoferrerioche,ancora,èpatronodeicostruttori. Moltopiùarduo,ovviamente,ètrovareriferimentibibliograficiositiweb che descrivano la devozione dei cesensi a questo Santo. L unica soluzione, e forseanchelapiùscontata,èaffidarsiallamemoriadeinonnicesaroli.eloro raccontano che la festa di San Vincenzo s è sempre fatta, che era bella commequeladesettembre,purisedurevanojornosolo,che sefacevala pritissioneejigiovenóttiportevanolastatuadelegnochepesevatanto,che cistevalamusicaepurijopargoelle lluminate,che levajjòleejivajjólise remmutevano,che cissedivertevaco póco,pecchéisórdinoncistevanoe non te nne potivi i noèlle!. Che la sera chi lo poteva fa, se nne eva ajji bicchieriniacchégiuditta. Ricordi lontani, ma ancora emozionanti per chi li racconta con gli occhi chesifannolucidi.così,ticompaiononellamenteleimmaginidiunagiornata che per loro significava tanto e, allo stesso tempo, capisci, o meglio credi di capire,checosavolevadireungiornodifestaaqueitempi,liberidallafatica di tutti i giorni, i mestieri, i campi, gli animali. Sensazioni confermate nel momentoincuitidicono: Mecciraccommanno,scrivetelocheera nojorno speciale! Tutto questo era la festa di San Vicent Ferrer, come lo chiamerebbero i catalani, San Vicente Ferrer, per gli spagnoli, o più semplicemente San Mmincénzo,commejochiamemonù! Iprossimiappuntamenti Oggi11Maggio:FesteggiamentiinonorediSanVincenzo (Vedidettaglialato) 16 18Maggio:PellegrinaggioalSantuariodellaSS.Trinità Perilgruppoapiedil appuntamentoèvenerdì16alle18:30 davantilachiesadisantamariaperlabenedizioneelapartenza. LacorrierapartiràinveceSabato17alle4:30circadellamattina. Comeconsuetudine,laPro LocooffriràilpranzodelSabato aipratidellasignòraatuttiipellegrini.

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli