Servizi e Strutture di Rete

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizi e Strutture di Rete"

Transcript

1 REQUISITI ed ARCHITETTURA dei SISTEMI di TELECOMUNICAZIONI INTRODUZIONE ALLE RETI Servizi e Strutture di Rete Topologie di rete: fisiche e logiche Schemi generali di rete Modi di Trasferimento 1

2 Topologie di rete Una rete può essere rappresentata mediante un grafo costituito da nodi e rami. Nodo: punto in vengono smistate le unità informative verso la destinazione richiesta Ramo: sistema trasmissivo (media, supporto fisico) che consente il trasporto delle unità informative tra due nodi Nota: l utente finale, in una rete rappresenta un caso degenere di nodo! per la connessione ad internet, il nodo è rappresentato dallo Switch dell ISP 2

3 3

4 CALCOLO del FATTORE di COSTO per TOPOLOGIA N: numero dei nodi C: fattore di costo E: numero di rami di costo unitario α e β costo di eventuali altri apparati L: distanza tra due nodi espressa come numero di rami da attraversare 4

5 C Servizi e Strutture di Rete Maglia (Mesh): ogni nodo è connesso ad almeno altri due nodi Fully Mesh (Maglia Completa): Ogni nodo è connesso a tutti gli altri Costo: = αe N = α 2 = α binomiodi Newton= α N( N 1) 2! da confrontare con il costo di una rete Mesh con N rami N < E < N( N 1) 2 N 2 5

6 Albero (Tree) C = αe = α( N 1) Anello (Ring) C =α E = αn topologia usata sia in area locale che metropolitana Stella (Star) C =α N + β nodo 6

7 BUS I nodi sono uniti tramite un mezzo condiviso C =α N + β Sono necessarie delle procedure di controllo per gestire l accesso al Bus. La struttura è utilizzata in un area limitata, un esempio sono le reti Ethernet. Reti Miste Dipende dalle esigenze di costo, di distanza e di prestazioni. bus 7

8 APPROFONDIMENTI: Topologia Fisica e Logica Fisica: rappresenta la disposizione dei cavi, dei dispositivi di rete e degli End Device (PC, Server, Stampanti ecc.) Logica: rappresenta il cammino percorso dai segnali di rete attraverso la topoligia fisica 8

9 Topologia Fisica vs Logica una rete affidabile e scalabile dipende da una buona progettazione fisica e logica. ogni rete ha una rappresentazione logica e fisica la topologia definisce i metodi di interconnessione tra dispositivi, inclusi i percorsi di primari e di bachup usati per la trasmissione dati 9

10 Topologie Fisiche di rete: La topologia fisica della rete si riferisce alla disposizione fisica dei dispositivi e cablaggi Bus: Computer e altri dispositivi di rete sono cablati insieme in una linea. Anello: Computer e altri dispositivi di rete sono cablati insieme con l'ultimo dispositivo collegato al primo per formare un cerchio o anello. Questa categoria comprende sia topologie ad anello che a doppio Stella: Un dispositivo centrale collega i computer e altri dispositivi di rete. Questa categoria comprende sia la stella che la stella estesa. 10

11 11

12 Topologie Logiche di rete: si riferisce al percorso logico dei segnali da un punto ad un altro della rete, ovvero è il modo in cui i dati accedono ai mezzi trasmissivi per la trasmissione in rete 12

13 esempi: BUS: - fisica e logica coincidono STELLA Fisica e logica NON coincidono - Fisica a stella - Logica ad Anello un Hub Ethernet ne è un tipo esempio 13

14 Topologia a BUS è costituita da un cavo dorsale di tipo coassiale a cui vengono collegati i computer tramite dei connettori, il cavo viene fatto terminare su di un terminatore. 14

15 in una topologia a bus, i cavi transitano da un computer all'altro, come una linea di bus attraverso una città. Il segmento di cavo principale deve terminare con un terminatore che assorbe il segnale quando raggiunge la fine della linea o filo. Se nessun terminatore esiste, il segnale elettrico che rappresenta i dati rimbalza alla fine del filo, provocando errori nella rete. Un esempio di una topologia fisica a bus è un cavo Ethernet Thicknet. Un esempio di una topologia logica a bus è un hub Ethernet. 15

16 Star and Extended-Star Topologies The star topology is the most common physical topology in Ethernet LANs. When a star network is expanded to include an additional network device that is connected to the main network devices, the topology is referred to as an extended-star topology star extended-star 16

17 STAR It is made up of a central connection point that is a device, such as a hub, switch, or router, where all the cabling segments actually meet. Each device on the network is connected to the central device with its own cable. Although a physical star topology costs more to implement than the physical bus topology, the advantages of a physical star topology make it worth the additional cost. Each device is connected to the central device with its own wire, so that if that cable has a problem, only that one device is affected, and the rest of the network remains operational. This benefit is important and is the reason why almost every newly designed Ethernet LAN has a physical star topology. 17

18 Extended-Star A common deployment of an extended-star topology is in a hierarchical design such as a WAN or an Enterprise or a Campus LAN. The problem with the pure extended-star topology is that if the central node point fails, large portions of the network can become isolated. For this reason, most extended-star topologies employ a redundant connection to a separate set of connection devices to prevent isolation in the event of a device failure. 18

19 Ring Topologies As the name implies, in a ring topology all the devices on a network are connected in the form of a ring or circle. Unlike the physical bus topology, a ring type of topology has no beginning or end that needs to be terminated. Data is transmitted in a way that is different from the logical bus topology. In one implementation, a token travels around the ring, stopping at each device. If a device wants to transmit data, it adds that data and the destination address to the token. The token then continues around the ring until it finds the destination device, which takes the data out of the token. The advantage of using this type of method is that no collisions of data packets occur. Two types of ring topology exist: single-ring and dual-ring. 19

20 Single-Ring Topology In a single-ring topology, all the devices on the network share a single cable, and the data travels in one direction only. Each device waits its turn to send data over the network. The single ring, however, is susceptible to a single failure, stopping the entire ring from functioning. 20

21 Fondamenti di Trasmissione Dati Dual-Ring Topology In a dual-ring topology, two rings allow data to be sent in both directions. This setup creates redundancy (fault tolerance), meaning that if one ring fails, data can be transmitted on the other ring. 21

22 Fondamenti di Trasmissione Dati Mesh and Partial-Mesh Topologies Another type of topology that is similar to the star topology is mesh topology. Mesh topology provides redundancy between devices in a star topology. A network can be fully meshed or partially meshed depending on the level of redundancy needed. This type of topology helps improve network availability and reliability. However, it increases cost and can limit scalability, so you need to exercise care when meshing. 22

23 Fondamenti di Trasmissione Dati Full-Mesh Topology The full-mesh topology connects all devices (or nodes) to one another for redundancy and fault tolerance. Implementing a full-mesh topology is expensive and difficult. This method is the most resistant to failures because the failure of any single link does not affect reachability in the network. 23

24 Fondamenti di Trasmissione Dati Partial-Mesh Topology In a partial-mesh topology, at least one device maintains multiple connections to all other devices, without having all other devices fully meshed. This method trades off the cost of meshing all devices by allowing the network designer to choose which nodes are the most critical and appropriately interconnect them. 24

25 Fondamenti di Trasmissione Dati Esempio (1/4): rete a 2 livelli, in cui i terminali di utente che fanno capo ad una stessa centrale locale di livello zero accedono alla rete per mezzo di un collegamento che multipla le comunicazioni provenienti dalla stessa centrale. 25

26 Fondamenti di Trasmissione Dati Esempio (2/4): il numero di collegamenti contemporaneamente possibili è inferiore al numero di terminali di utente, ed dimensionato applicando i metodi della teoria del traffico al caso in questione. Le centrali locali sono connesse a stella a quelle di livello 1, che quindi realizzano instradamenti relativi alle comunicazioni tra utenti geograficamente vicini, ma connessi a centrali locali diverse. Se, al contrario, due utenti sono connessi alla stessa centrale di livello zero, l'instradamento non esce dalla centrale locale. 26

27 Fondamenti di Trasmissione Dati Esempio (3/4): Le centrali di livello 1 sono a loro volta connesse a stella a quelle di livello 2, che gestiscono il traffico a livello nazionale; alcune di queste poi, consentono di instradare anche i collegamenti verso altre reti (ad es. di altre nazioni od operatori). Le centrali di 2 livello sono connesse tra loro a maglia completa (full mesh) in modo da consentire instradamenti alternativi anche nel caso in cui un collegamento tra centrali vada fuori servizio. 27

28 Fondamenti di Trasmissione Dati Esempio (4/4): Topologia della rete telefonica Italiana i terminali di utente sono attestati presso gli Stadi di Linea (SL) tramite la rete di accesso, mentre gli SL sono collegati agli Stadi di Gruppo Urbano (SGU) tramite la rete di trasporto; in fine, gli SGU sono collegati agli Stadi di Gruppo di Transito (SGT) tramite rete di trasporto in fibra ottica. La parte destra della figura mostra inoltre come questi elementi siano dislocati geograficamente per la regione Abbruzzo, individuando la ripartizione del territorio, e mostrando come ad un livello inferiore agli stadi di linea, la rete di accesso si dirami ulteriormente attraverso gli armadi ed i box di distribuzione. 28

29 Fondamenti di Trasmissione Dati Esempio (4/4): Topologia della rete telefonica Italiana La figura mostra come questi elementi siano dislocati geograficamente per la regione Abbruzzo, individuando la ripartizione del territorio, e mostrando come ad un livello inferiore agli stadi di linea, la rete di accesso si dirami ulteriormente attraverso gli armadi ed i box di distribuzione. 29

30 Tassonomia delle Reti LAN MAN WAN 30

31 Tassonomia delle reti Il parametro su cui si basa la classificazione delle reti è la distanza tra due elementi generici della rete Reti in Area Locale LAN (Local Area Network) Reti in Area Metropolitana MAN (Metropolitan Area Network) Reti in Area Geografica WAN (Wide Area Network) Internet è una connessione di reti interconnesse LAN, MAN e WAN 31

32 Caratterizzazione delle reti Frequenza di Cifra vs Distanza 32

33 Schema generale di una rete Rete di accesso Il nodo di accesso rappresenta la sorgente/destinazione dell unità informativa (utente) o un punto di smistamento delle unità stesse (punti di accesso), interfacciano gli utenti Rete di trasporto Realizza il trasporto delle unità informative offerte e ricevute nei nodi di accesso, a grande distanza. Interfacciano altri nodi di accesso. 33

34 Rete di accesso (1/7) È la parte più rilevante e dispendiosa della rete, e consiste nel doppino in rame che raggiunge la presa telefonica casalinga. All'interfaccia utente/rete sono cos resi disponibili i servizi noti nel loro insieme come: POTS (Plain Old Telephone Service) ISDN (Integrated Service and Data Network) ADSL (Asimmetric Digital Subscriber Line) - che in realta usa POTS solo come tramite per raggiungere una rete IP 34

35 Rete di accesso (2/7) accesso ottico - come nel caso FTTH (Fiber To The Home), e che permette: i. di interconnettere un insieme piu numeroso di collegamenti POTS già multiplati assieme, come nel caso di un grosso centralino aziendale, sovrapponendosi allo scopo di un accesso ISDN-PRI; ii. di interconnettersi ad una rete IP ad una velocita maggiore di quella consentita dalla tecnologia ADSL; 35

36 Rete di accesso (3/7) accesso radio i. GSM (Global System for Mobile Communications) noto anche come sistema cellulare di seconda generazione, usa una rete diversa da PSTN, ma vi si interconnette in modo naturale. Il GSM nasce come standard aperto, favorendone la diffusione mondiale e l'interoperabilità tra gestori (roaming), e si sviluppa in forma completamente numerica, sia per la codifica vocale, che per il meccanismo di accesso multiplo al mezzo trasmissivo, che adotta una organizzazione in trame; inoltre, ha introdotto la comunicazione i messaggi sms; 36

37 Rete di accesso (4/7) accesso radio i. gprs e umts - mentre il primo (detto di generazione 2.5 ) usa la rete gsm per trasmettere dati a pacchetto, con velocita dell'ordine di kbps, il secondo (detto anche di terza generazione o 3G) supporta in modo integrato sia le comunicazioni vocali, che i dati a pacchetto, con velocita dell'ordine dei 300 kbps, che salgono (teoricamente) a 3 e 14 Mbps con le estensioni umts 2+ e hdspa rispettivamente; 37

38 Rete di accesso (5/7) accesso radio i. WiFi ewimax - mentre il primo distribuisce l'accesso ADSL su di un'area di estensione casalinga, il secondo ha una copertura di qualche chilometro, e permette collegamenti in mobilita. Entrambe permettono l'interconnessione ad un Internet Service Provider o IS 38

39 Rete di accesso (6/7) Reti Mesh (mesh networking ) RETI fai da te. In grado di portare Internet dove, per logiche di mercato, non c è. Ma anche di comunicare tra loro senza accedere alla grande Rete: una sorta di web parallela, dove i dati possono viaggiare da un pc all altro. Con una velocità trenta volte superiore a quella del nostro Adsl e potenzialmente fuori dal controllo della Nsa. Sono le reti wireless mesh, cosiddette a maglia. Le costruiscono montando sui tetti antenne wifi e sono sempre più diffuse, soprattutto in Europa, dove esistono due fra i più grandi network del mondo:la spagnola GuiFi con oltre ventiquattro mila nodi attivi, e la greca AWMN che conta più di 2300 utenti. 39

40 Rete di accesso (7/7) Reti Mesh (mesh networking ) Ognuno è un nodo della rete che riceve e ritrasmette il segnale e l unione di tutti questi nodi costituisce una rete di proprietà diffusa all interno della quale far circolare una serie di servizi a basso costo o addirittura gratuiti. Tanti nodi interconnessi fra loro che comunicano e si scambiano dati ed informazioni ad alta velocità, senza uscire dalla rete, come una specie di grande rete intranet. Con il sistema distribuito abbiamo un rapporto diretto con chiunque faccia parte della rete e non abbiamo necessità di intermediari. Avremo solo bisogno di un unico accesso alla banda della rete internet che verrà distribuito in tutta la rete e condiviso con gli altri attraverso ogni nodo. 40

41 Schema generale di una rete di telecomunicazione 41

42 la rete internet 42

43 ESERCITAZIONE ed ESERCIZI 43

44 Realizzare con la rete in figura e definirne gli elementi topologici: 44

45 Which statements about physical networking topologies are accurate? (Choose two.) a. A physical topology defines the way in which the computers, printers, network devices, and other devices are connected. b. There are two primary categories of physical topologies: bus and star. c. A physical topology describes the paths that signals travel from one point on a network to another. d. The choice of a physical topology is largely influenced by the type of data to be transmitted over the network. 45

46 Which statement about logical topologies is accurate? a. A logical topology defines the way in which the computers, printers, network devices, and other devices are connected. b. A logical topology depends solely on the type of computers to be included in the network. c. A logical topology describes the paths that the signals travel from one point on a network to another. d. A network cannot have different logical and physical topologies. 46

47 Modi di Trasferimento Metodologie e Tecniche per il trasporto delle informazioni in una rete di comunicazione TECNICA DI MULTIPLAZIONE MODALITÀ DI COMMUTAZIONE ARCHITETTURA DEI PROTOCOLLI 47

48 Premessa 1. Conversione A/D (Analogico/Digitale) 2. Modi di trasferimento TECNICA DI MULTIPLAZIONE MODALITÀ DI COMMUTAZIONE ARCHITETTURA DEI PROTOCOLLI 48

49 INTRODUZIONE Per consentire l interazione tra una sorgente di informazioni ed una destinazione delle informazioni è richiesto un servizio di comunicazione. Componenti chiave di un Servizio di Comunicazione: 1. TECNICA DI MULTIPLAZIONE 2. MODALITÀ DI COMMUTAZIONE 3. ARCHITETTURA DEI PROTOCOLLI (MODELLO ISO- OSI, TCP-IP) La realizzazione di una rete di comunicazione è frutto dell adozione di una specifica soluzione per ognuno delle tre componenti chiave di un servizio comunicazione di 49

50 La Tecnica di Multiplazione descrive come la capacità disponibile su uno specifico canale di comunicazione (o ramo della rete) possa essere condiviso dalle diverse Unità Informative (UI di b bit) che lo devono attraversare. Possono essere adottate le seguenti tecniche di multiplazione: A divisione di tempo Deterministica Statistica 50

51 La Modalità di Commutazione descrive il modo di operare dei nodi della rete di comunicazione. Specifica come le Unità Informative (UI di b bit) ricevute su di un generico nodo provenienti dai suoi canali entranti, siano trasferite attraverso il nodo sui canali uscenti. Tutti i dodi di una rete adottano la stessa modalità di commutazione. L aspetto chiave risiede nella scelta del canale (ramo) uscente per l instradamento dell UI ricevuta sui canali d ingresso. Le tecniche base della Modalità di Commutazione sono: Commutazione di Pacchetto Commutazione di Circuito 51

52 L architetturadeiprotocolli descrive le regole, o protocolli, secondo cui due nodi si possono scambiare informazioni nella rete Modello ISO-OSI TCP-IP 52

53 Tecniche di Multiplazione Tecniche a divisione di tempo (TDM) Tecniche a divisione di frequenza (FDM) Tecniche a divisione di lunghezza d onda (WDM) 53

54 Perché la Multiplazione Rete a maglia completamente connessa troppo costosa -> multiplazione Obiettivo: usare lo stesso mezzo trasmissivo per il trasferimento di più flussi informativi di utente mantenendone la separabilità 54

55 Schema generale di una rete telefonica I metodi di multiplazione permettono alle diverse comunicazioni che terminano presso le interfacce utente/rete di essere aggregate da parte delle centrali locali per utilizzare un medesimo collegamento di giunzione interno alla rete di trasporto. 55

56 Tassonomia delle tecniche di multiplazione Tecniche a divisione di tempo (TDM) Tecniche a divisione di frequenza (FDM) Tecniche a divisione di lunghezza d onda (WDM) Modello generale di un sistema di multiplazione unidirezionale(simplex) 4 coppie sorgenti destinazioni 56

57 Multiplazione FDM: la banda a disposizione sul mezzo trasmissivo è suddivisa in tante fette (canali) quanti sono i segnali da multiplare b a n d a è la tecnica utilizzata per le trasmissioni RADIO FM. Ogni canale è separato dagli altri da una banda di guardia, ma tutti i segnali radiofonici sono trasmessi contemporaneamente e possono essere ricevuti con la stessa antenna e trasmessi via etere sulla banda 87,5-108 MHz 57

58 Multiplazione WDM: usata nelle fibre ottiche, la banda ottica a disposizione è suddivisa in tante fette (canali) quanti sono i segnali da multiplare b a n d a I grafici e le considerazioni ricalcano la modulazione FDM 58

59 Multiplazione TDM: l intera banda viene ciclicamente assegnata ai diversi canali. Utilizzata da dispositivi numerici. b a n d a 59

60 ESEMPIO di Combinazione delle Tecniche FDM e TDM: GSM 900 Time Division Multiple Access / Frequency Division Multiple Access frequenze usate: MHz in UPLINK cioè dal cellulare alla SRB (Stazione Radio Base) MHz in DOWNLINK cioè dalla SRB al cellulare. Le trasmissioni dei GSM occupano quindi due bande di frequenza larghe 25 MHz che vengono multiplate in FDMA in 124 canali da 200 KHz ciascuno. Ogni canale da 200 KHz è poi multiplato in TDMA in 8 slot che insieme costituiscono la trama del GSM. Si ottengono quindi complessivamente: = 992 canali telefonici utili FULL DUPLEX Ogni canale in UPLINK dista dal corrispondent in DOWNLINK esattamente di 45 MHz. 60

61 61

62 Multiplazione TDM 62

63 Multiplazione TDM Deterministica (commutazione di circuito): Nomenclatura Tributari= flussi in ingresso al multiplatore Trama= flusso in uscita dal multiplatore Unità informativa= elemento elementare infotmativo ft= capacità di trasmissione dei canali di ingresso (frequenza dei flussi in ingresso) (bit/s) fm = capacità di trasmissione del canale multiplo (frequenza flusso di uscita) (bit/s) 63

64 Esempio di multiplazione deterministica: In un multiplatore deterministico, i tributari vengono sempre accomodati nel flusso uscente interlacciando ciclicamente le UI dei singoli flussi in ingresso 64

65 La Trama contiene una unità informativa (UI) per ogni flusso La posizione nel flusso in uscita viene riservata per ogni canale di ingresso anche in assenza di dati E necessaria una unità di memoria per ogni ingresso dell ordine di una UI 65

66 Il multiplatore TDM deterministico viene usato per sorgenti CBR perché altrimenti, vista l attribuzione statica ad ogni sorgente di spazio sul canale di uscita, tale canale potrebbe risultare sottoutilizzato per sorgenti CBR ft=p(frequenza di pocco)=a(frequenza media) 66

67 Multiplazione TDM Statistica (1/5): Non assicura una posizione per ogni UI ricevuta e quindi non definisce la struttura di trama. Principio: allocare nel modo migliore per ottimizzare l uso del canale di uscita, la capacità del canale di uscita alle UI dei diversi canali di ingresso. 67

68 Multiplazione TDM Statistica (2/5): Esempio: UI in ingresso a dimensione fissa sun=4 tributari in ingresso. Capacità sulla linea uscente doppia di ogni singolo canale (trasporto due UI alla volta). Se all istante generico ho più di 2 UI, le restanti sono bafferizzate. Alternativamente il canale è riempito con le UI in memoria. 68

69 Multiplazione TDM Statistica (3/5): Nelle reti di telecomunicazione la multiplazione statistica viene indicata come commutazione di pacchetto 69

70 Multiplazione TDM Statistica (4/5): In questo caso il mezzo trasmissivo non è impegnato in modo esclusivo, ma la trasmissione può avvenire in modo sporadico, ed i dati inviati ad intervalli irregolari. Questo motivo, assieme alla dimensione variabile delle singole comunicazioni, porta a suddividere la comunicazione in unità autonome indicate come pacchetto dati. 70

71 Multiplazione TDM Statistica (5/5): La multiplazione dei pacchetti avviene quindi in modo statistico, senza riservare con esattezza risorse a questo o quel tributario: il multiplatore si limita ad inserire i pacchetti ricevuti in apposite code, da cui li preleva per poterli trasmettere in sequenza, attuando una modalità di trasferimento orientata al ritardo (risoluzione delle contese di utilizzazione). La presenza di code comporta: - il determinarsi di un ritardo variabile ed impredicibile - la possibilità che la coda sia piena, ed il pacchetto in ingresso venga scartato 71

72 Tecniche di Commutazione Commutazione di Pacchetto (Packet Switching) Commutazione di Circuito (Circuit Switching) 72

73 La Modalità di Commutazione descrive il modo di operare dei nodi della rete di comunicazione. Specifica come le Unità Informative (UI di b bit) ricevute su di un generico nodo provenienti dai suoi canali entranti, siano trasferite attraverso il nodo sui canali uscenti. Tutti i dodi di una rete adottano la stessa modalità di commutazione. L aspetto chiave risiede nella scelta del canale (ramo) uscente per l instradamento dell UI ricevuta sui canali d ingresso. Le tecniche base della Modalità di Commutazione sono: Commutazione di Pacchetto Commutazione di Circuito 73

74 Differiscono per la modalità per la modalità di trasferimento delle UI in rete e per le prestazioni di traffico relative. Commutazione di circuito: Si riserva nella rete ad ogni coppia sorgente/destinazione una capacità tale da garantire che tutte le UI saranno consegnate a destinazione con un ritardo pressocchè costante. Commutazione di pacchetto: Si cerca di commisurare le risorse di comunicazione da assegnare alle caratteristiche delle sorgenti. 74

75 Commutazione di pacchetto: L informazione viene spezzata in una serie di blocchi di lunghezza opportuna. Ogni blocco viene dotato di un HEADER contenete informazioni sul mittente e sul destinatario. FORMATO UI per Commutazione di pacchetto UI HEADER PAYLOAD (BLOCCO DATI) L=L h+ L p L h (numero bit) L p (numero bit) 75

76 Ogni nodo effettua una multiplazione statistica verso ognuna delle sue uscite Ogni nodo è dotato di un buffer per la gestione dell code di UI I nodi di reti Packet Switching sono detti store-and-forward (S&F) Trasferimento dati a commutazione di pacchetto 76

77 Trasferimento dati a commutazione di pacchetto L=L h+ L p (bit) X, Z nodi di accesso alla rete Y nodo di transito f A,f X,f Y,f Z frequenze di trasmissione sui canali Tempo richiesto al pacchetto per attraversare i canali trasmissivo da A a B, per generici N nodi è: 77

78 Esempio di trasmissione di UI senza e con frammentazione 78

79 Commutazione di circuito: Rende disponibili connessioni per il trasferimento dati tra apparati terminali Il servizio si articola sempre in tre fasi: 1. Instaurazione 2. Trasferimento 3. rilascio 79

80 Commutazione di circuito: 80

81 Commutazione di circuito: la rete telefonica utenti Nodi di accesso Nodi di transito 81

82 fine 82

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Considerazioni generali nella progettazione di una rete

Considerazioni generali nella progettazione di una rete Considerazioni generali nella progettazione di una rete La tecnologia che ormai costituisce lo standard per le reti LAN è l Ethernet per cui si sceglie di realizzare una LAN Ethernet 100BASE-TX (FastEhernet)

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP Paolo Camagni Riccardo Nikolassy I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP EDITORE ULRICO

Dettagli

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico?

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico? FAQ 1. Quali sono le differenze con un accesso telefonico? 2. Quali sono le differenze con un collegamento DSL? 3. Funziona come un collegamento Satellitare? 4. Fastalp utilizza la tecnologia wifi (802.11)?

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N.

ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N. ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N. 388/2000 LOTTO 1 Allegato 6 Capitolato Tecnico Lotto 1 pag. 1 di 100 INDICE 1 PREMESSA...

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete:

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete: Di Simone Zanardi Cablaggio di rete: offre la casa La tecnologia Powerline consente di sfruttare l impianto elettrico domestico per collegamenti Ethernet; un alternativa alla posa dei cavi Utp e alle soluzioni

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Bergamo più europea con il nuovo Bergamo WiFi

Bergamo più europea con il nuovo Bergamo WiFi 19 maggio 2015 Bergamo più europea con il nuovo Bergamo WiFi 62 punti d accesso in tutta la città, una copertura di quasi 1,3 milioni di metri quadrati, con una tecnologia all avanguardia e una potenza

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Assistenza. Contenuto della confezione. Modem router Wi-Fi D6200B Guida all'installazione

Assistenza. Contenuto della confezione. Modem router Wi-Fi D6200B Guida all'installazione Assistenza Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero di serie riportato sull'etichetta del prodotto e utilizzarlo per registrare

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Routers and Routing process explanation through the Network Address Translation

Routers and Routing process explanation through the Network Address Translation Routers and Routing process explanation through the Network Address Translation 0x100 Router 0x110 Cos è? Quello che nel gergo informatico viene chiamato Router (o Switch Router) è un dispositivo di rete

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

ALLEGATO 1. Prodotti/ Servizi presenti in Convenzione

ALLEGATO 1. Prodotti/ Servizi presenti in Convenzione ALLEGATO 1 Prodotti/ Servizi presenti in Convenzione SOMMARIO 1 PRODOTTI E SERVIZI PRESENTI IN CONVENZIONE...3 1.1 SERVIZI TEMPORANEI DI RETE E COPERTURE AD HOC...3 1.1.1 Servizi di copertura temporanei...

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Modello elettronico di cui all'art. 3, comma 1, lett. b) della Delibera n. 154/12/CONS

Modello elettronico di cui all'art. 3, comma 1, lett. b) della Delibera n. 154/12/CONS cui si Tempo di rinnovo del credito percentile 95 del tempo di ricarica minuti 1,2 (Allegato 1 delibera Tempo di risposta dei di consultazione elenchi (Allegato 2 delibera (1) di consultazione elenchi

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente www.ondacommunication.com CHIAVETTA INTERNET MT503HSA 7.2 MEGA UMTS/EDGE - HSDPA Manuale Utente Rev 1.0 33080, Roveredo in Piano (PN) Pagina 1 di 31 INDICE

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

SKY on DEMAND. Guida all attivazione e navigazione

SKY on DEMAND. Guida all attivazione e navigazione SKY on DEMAND Guida all attivazione e navigazione . Il Nuovo Sky On Demand: dettagli 1/2 Che cosa è il nuovo Sky On Demand Il nuovo Sky On Demand è il Servizio che consente di accedere ad un intera videoteca

Dettagli