IL CASO DIOSSINE IN CAMPANIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CASO DIOSSINE IN CAMPANIA"

Transcript

1 IL CASO DIOSSINE IN CAMPANIA L allarme Diossina ha rappresentato in Campania uno dei più diffusi motivi di preoccupazione tra i cittadini, in gran parte a causa delle implicazioni sulla salute e sulla qualità dei prodotti derivati dall industria lattiero casearia. Fin dalla primavera 2002, inizio della cosiddetta emergenza diossina, dovuta alle concentrazioni anomale di diossine riscontrate in alcuni campioni di latte ovino e ovicaprino, rilevate nell ambito di un programma nazionale di controllo realizzato dal Ministero della Salute, sono state avviate attività di analisi, controllo e monitoraggio su alimenti e matrici ambientali, finalizzate a indagare la causa di tale anomala presenza. I campioni di latte del 2002 risultati positivi provenivano da allevamenti ubicati in 3 comuni della provincia di Napoli (Marigliano, Mariglianella, Brusciano) e 3 della provincia di Caserta (Villa Literno, Castelvolturno e Casal di Principe). Successive indagini hanno confermato la presenza degli stessi microinquinanti in campioni di latte provenienti da altre greggi stanziate nei medesimi territori. Nel marzo 2003, sulla base dei risultati di ulteriori analisi effettuate dalle competenti AASSLL su campioni di latte (bovino, bufalino e ovicaprino) e su altre tipologie di alimenti (in particolare carne e uova), sono state poste sotto sequestro 38 aziende di cui 31 in provincia di Caserta (nei comuni di Caserta, Macerata Campania, Recale, San Marco Evangelista, Valle Maddaloni, Maddaloni, Casal di Principe, Villa Literno, San Cipriano d Aversa, Villa di Briano, S.Tammaro, San Prisco e Marcianise) e 7 in provincia di Napoli (nei comuni di Marigliano, Cercola, Acerra, Brusciano e Nola). Il piano di interventi per l emergenza diossine, approvato in quello stesso anno dalla Giunta Regionale della Campania, individuò, sulla base della localizzazione delle aziende zootecniche poste sotto sequestro, le zone a rischio entro le quali effettuare una nuova campagna di indagine su campioni di latte, ma anche sui mangimi e sulle matrici ambientali suolo ed erba. LE ZONE A RISCHIO INDIVIDUATE NEL 2003: Comuni totalmente interessati della provincia di Caserta: Recale, Marcianise, San Marco Evangelista, Portico di Caserta, Macerata Campana, Comuni totalmente interessati della provincia di Napoli: San Vitaliano. Comuni parzialmente interessati della provincia di Caserta: Villa Literno, Casal di Principe, San Cipriano d Aversa, Villa di Briano, San Tammaro, San Prisco, Caserta, Valle di Maddaloni, Maddaloni, Casapesenna, San Maria la Fossa, Cancello e Arnone. Comuni parzialmente interessati della provincia di Napoli: Acerra, Pollena Trocchia, Cercola, Nola, Marigliano. Alle sopraelencate zone a rischio, a scopo precauzionale, sono stati aggiunti altri due comuni del casertano: San Nicola la Strada e Capodrise. 1

2 I RISULTATI DELLE CAMPAGNE DI MONITORAGGIO AMBIENTALE SUL TERRITORIO REGIONALE L APAT (Agenzia per la Protezione Ambientale e per i servizi Tecnici) e l ARPAC (Agenzia Regionale Protezione Ambientale Campania) sono state impegnate nelle attività di controllo e monitoraggio delle matrici ambientali, con l obiettivo di indagare la presenza e la distribuzione di diossine nelle matrici ambientali, e verificare un eventuale relazione di causa/effetto tra lo stato ambientale e le anomalie riscontrate nei prodotti lattiero-caseari. Fin dal 2002 il territorio campano è stato quindi monitorato, relativamente alle matrici ambientali, attraverso campagne successive di campionamento e analisi per la determinazione del contenuto in diossine in suolo, acqua, aria e sedimenti fluviali, lacustri e marini. I dati riscontrati da APAT ed ARPAC, su un numero complessivo di circa 1250 campioni analizzati, concordano nel delineare un quadro del territorio campano non dissimile da situazioni riscontrabili in altre regioni del paese, nel quale non si registrano situazioni di inquinamento al di sopra dei limiti normativi, se non in pochi punti isolati per i quali la situazione di contaminazione è nella maggior parte dei casi, correlabile a fenomeni di combustione locale incontrollata, ovvero al traffico veicolare Una sintesi delle campagne e dei relativi risultati è riportata nelle paragrafi successivi. I CAMPAGNA DI MONITORAGGIO ( ARPAC 2002) ARPAC realizza un primo programma di monitoraggio dei livelli di diossine (PCDD), furani (PCDF) e policlorobifenili (PCB) nelle matrici ambientali (suolo, vegetali e acqua) nelle aree di pascolo delle greggi i cui prodotti risultavano interessati da anomala presenza di diossine. Sono stati analizzati 53 campioni: 20 di terreno, 19 di erba e 14 di acqua. Per i valori di erba, non essendovi normativa, si è presunto un valore limite desunto dal foraggio per il quale è riportato il valore di 0,75 ng/ Kg di diossine e furani ( Direttiva 2001/102/CE) Tutti i valori ottenuti risultano al di sotto del valore limite desunto ad eccezione di un unico campione prelevato a Villa Literno. Nei campioni di terreno e acqua sono stati riscontrati valori sempre al di sotto dei limiti normativi con concentrazioni massime per il terreno di 7,37 ng/kg PCDD+PCDF e 1,98 microgrammi/kg PCB (a Mariglianella); per l acqua le concentrazioni massime risultavano pari a 0,07 pg/l PCDD+PCDF (a Brusciano) e 2,22 ng/l per i PCB (a Villa Literno). II CAMPAGNA DI MONITORAGGIO (ARPAC 2003) Questa campagna ARPAC ha interessato le aree individuate come a rischio dal piano di interventi per l emergenza diossine. Sono stati effettuati 210 campionamenti (151 di suolo e 59 di erba). 2

3 La matrice suolo presentava livelli di concentrazione di diossine al di sotto dei limiti normativi per suoli ad uso residenziale, ad eccezione di soli tre punti situati nei comuni di Marigliano, Pollena Trocchia e S. Vitaliano. Per quanto riguarda i campioni di erba, sempre considerando un valore limite desunto dal foraggio per il quale è riportato il valore di 0,75 ng/ Kg di diossine e furani ( Direttiva 2001/102/CE), in quindici campioni su 59 si riscontra il raggiungimento o il superamento di tale valore. I valori riscontrati per l erba risultano, peraltro, confrontabili con i valori di fondo riportati in bibliografia per aree rurali in USA e in Gran Bretagna. III CAMPAGNA DI MONITORAGGIO (APAT ) La campagna di monitoraggio condotta da APAT nel 2004 è stata indirizzata all individuazione dei livelli di contaminazione diffusa e del fondo ambientale antropico per PCDD, PCDF e PCB nelle matrici ambientali: suolo, sedimenti dei corpi idrici, acque superficiali ed aria. A tale scopo, per la scelta dei siti da indagare, sono state scelte aree teoricamente non condizionate da situazioni di contaminazione locali/puntuali (hot spot). Matrice suolo: complessivamente analizzati 269 campioni. In una prima fase 200 campioni.il confronto con i limiti normativi per i suoli ad uso residenziale ha evidenziato che 7 campioni mostrano concentrazioni superiori ai limiti di accettabilità per PCDD+PCDF. Per quanto concerne i PCB, poiché le analisi sono state effettuate in riferimento ai PCB dl, che rappresentano soltanto una quota dei PCB totali, cui si riferisce invece il limite di legge, non risulta possibile rilevare eventuali superamenti. Le aree in cui si sono evidenziati i superamenti sono state oggetto di una seconda campagna ( 12 siti per un totale di 60 campioni) che non ha mostrato superamenti ad eccezione di soli 3 siti risultati fuori norma ( finger print da traffico,caldaie, benzina al Pb). I siti erano in via Acton Napoli, località Fratte ( Sa) e Caivano. Per modifiche dello stato dei luoghi nei siti di Caivano e Fratte, è stata ulteriormente indagata ( 9 campioni) solo l area di via Acton con riconferma del dato. L analisi spaziale della concentrazione nei suoli ha permesso di individuare aree a basso o addirittura bassissimo livello di contaminazione, queste ultime comprendenti vaste aree delle province di Benevento e Avellino, oltre che porzioni delle province di Salerno e Caserta. Le aree a contaminazione piu elevata comprendono parte della provincia di Napoli, vaste aree della provincia di Caserta e lembi delle province di Benevento, Avellino e la parte nord-ovest della provincia di Salerno. Picchi di concentrazione sono stati evidenziati in prossimità di aree notoriamente contaminate quali i quattro siti di interesse nazionale ed in quelle ad alto tasso di urbanizzazione (Napoli, Caserta e Salerno). Le aree urbane, a causa del traffico veicolare, della presenza di impianti di combustione industriale e di altre fonti puntuali, mostrano concentrazioni di inquinanti decisamente superiori rispetto ad altre zone. Seguono i suoli agricoli (eccezion fatta per le zone a minor densità di popolazione), nei quali le concentrazioni sono più alte di quelle riscontrate nelle aree boschive e in quelle libere. La contaminazione diffusa presenta intervalli di variabilità e valori dipendenti dalle categorie di uso del suolo e dalla localizzazione geografica. 3

4 Matrice sedimenti: i punti di campionamento sono stati ubicati i corrispondenza dei principali bacini in termini di estensione ed importanza presenti sul territorio campano: Volturno, Sele, Sinistra Sele, Destra Sele, Regi Lagni e tre bacini minori non riferibili ad un asta fluviale principale. Il fiume Sarno non è stato campionato poiché le attività di caratterizzazione sono effettuate dal Commissario delegato all emergenza Sarno. Sono stati analizzati 200 campioni di cui circa il 30% presentano un ampio spettro di variabilità nelle concentrazioni e raggiungono valori molto elevati e proporzionalmente maggiori di quelli dei suoli sia per PCDD + PCDF che per PCB dl. La concentrazione è stata attribuita principalmente al dilavamento dei suoli o a scarichi diretti come rilevato essenzialmente nel Bacino dei Regi Lagni. I limiti considerati sono riferiti ai sedimenti di acque marino-costiere e lagune (D.M. 367/03). Per quanto riguarda i sedimenti marini (ulteriori 68 campioni) le concentrazioni risultano significativamente piu modeste rispetto ai sedimenti lacustri e fluviali. Matrice acque superficiali: i controlli hanno interessato i principali bacini in termini di estensione ed importanza presenti sul territorio campano: Volturno, Sele, Sinistra Sele, Destra Sele, Regi Lagni, Ofanto ed il canale Agnena. Anche in questo caso il fiume Sarno non è stato campionato poiché le attività di caratterizzazione sono effettuate dal Commissario delegato all emergenza Sarno. Sono stati analizzati in tutto 197 campioni di acque superficiali utilizzando la normativa prevista dal D.M. 367/03 in recepimento della Direttiva Comunitaria 2000/60/CE. Il confronto con i limiti normativi per le acque sotterranee e con gli standard di qualità fissati per le acque interne superficiali, ha evidenziato che 30 campioni mostrano almeno un superamento dei valori normativi. Le concentrazioni maggiori sia di PCDD+PCDF che di PCB sono state individuate nel Bacino dei Regi Lagni. Matrice aria: il rapporto riassume i risultati preliminari di un gruppo di 25 campioni di aria prelevati - 14 in aree urbane e 11 in aree rurali - con campionamento attivo realizzato tramite cartucce filtranti in poliuretano nelle province di: Avellino 4 campioni; Benevento 4 campioni; Caserta 5 campioni; Napoli 4 campioni; Salerno 8 campioni. In mancanza di specifici riferimenti normativi per l atmosfera, i dati sono stati confrontati con i limiti di emissione imposti per gli inceneritori (DM 124/00) e con i risultati riportati in letteratura nazionale ed internazionale. Le concentrazioni di PCDD e PCDF espresse come TE (Tossicità Equivalente) nei campioni di aria sono risultate comprese tra un minimo di 1,81x10-5 ng I-TEQ/m 3 e un massimo 2,88x10-4 ng I-TEQ/m 3 con un valore medio di 5,57x10-5 ng I-TEQ/m 3. Il raffronto con i dati internazionali evidenzia quindi valori in linea con quelli ricavati in altri paesi. Il campione che presenta la tossicità più elevata è stato prelevato nel territorio del comune di Caivano (NA) con il valore di 2,88 x10-4 ng I-TEQ/m 3 significativamente superiore rispetto a quanto misurato negli altri campioni di questa campagna. Tale valore è comunque comparabile con quanto descritto in letteratura internazionale per le aree urbane (fino ed oltre i 3,00 x10-4 ng I-TEQ/m 3 ). 4

5 IV CAMPAGNA DI MONITORAGGIO (ARPAC ) Nell ambito delle attività del progetto Sistema Informativo Rischio Diossina in Campania (SIRDIC), mirate alla realizzazione e al popolamento dato del Sistema Informativo Rischio Diossina in Campania ARPAC ha realizzato una campagna di monitoraggio nel corso della quale sono stati analizzati campioni di suolo e di aria. Per quanto riguarda il suolo sono stati prelevati 120 campioni, così distribuiti: n 40 per la provincia di Napoli n 40 per la provincia di Caserta n 20 per la provincia di Salerno n 10 per la provincia di Avellino n 10 per la provincia di Benevento In generale la distribuzione delle concentrazioni di PCDD+PCDF nei suoli risulta abbastanza omogenea nelle aree indagate e i valori delle concentrazioni risultano costantemente al di sotto dei limiti normativi. Anche per i PCB Totali tutti i campioni analizzati presentano concentrazioni di PCB al di sotto dei valori di legge. Per quanto riguarda l aria sono stati eseguiti 40 campionamenti per le deposizioni atmosferiche (massa/superficie/giorno), di cui: n 16 deposizioni per la provincia di Napoli n 12 deposizioni per la provincia di Caserta n 4 deposizioni per la provincia di Salerno n 4 deposizioni per la provincia di Avellino n 4 deposizioni per la provincia di Benevento nonché 56 campionamenti con l uso di campionatori attivi, di cui: n 24 campionamenti attivi di aria per la provincia di Napoli n 20 campionamenti attivi di aria per la provincia di Caserta n 4 campionamenti attivi di aria per la provincia di Salerno n 4 campionamenti attivi di aria per la provincia di Avellino n 4 campionamenti attivi di aria per la provincia di Benevento Le analisi effettuate sulla matrice aria, sia con depositori che con campionatori attivi, non evidenziano significative contaminazioni di PCDD, PCDF e PCB totali: le concentrazioni misurate sono assimilabili ai valori di fondo riportati nella letteratura internazionale per le aree soggette a pressioni antropiche. I risultati dell attività di monitoraggio SIRDIC evidenziano dunque che non ci si trova di fronte ad una situazione di particolare criticità ambientale nelle aree indagate in quanto i livelli di concentrazione di diossine non si discostano dai valori di contaminazione di fondo riportati nella letteratura internazionale per le aree soggette a pressioni antropiche. V CAMPAGNA DI MONITORAGGIO (ARPAC 2007) In ottemperanza delle prescrizioni della commissione VIA sul termovalorizzatore di Acerra, Arpac sta realizzando il piano di caratterizzazione dei suoli dell intero territorio comunale di Acerra, al fine di rilevare la situazione ex ante rispetto all entrata in funzione dell impianto. Il piano prevede l esecuzione di circa 270 campionamenti di suolo superficiale per la determinazione di diossine, furani, PCB dl, IPA e metalli pesanti. La campagna di campionamento è stata completata e i risultati delle analisi attualmente in corso saranno disponibili entro dicembre

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Direzione Generale Sicurezza degli Alimenti e Nutrizione

Dettagli

LA DIOSSINA IN CAMPANIA

LA DIOSSINA IN CAMPANIA 1 3 LA DIOSSINA IN CAMPANIA 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 tossici conosciuti. 1 7 1 7 1 7 Figura 4.1-2,3,7,8-tetraclorodibenzo-p-diossina 161 1 3 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1 7 1

Dettagli

EMERGENZA DIOSSINE NEL LATTE IN CAMPANIA : MONITORAGGIO DI SUOLO E VEGETALI PER LA VALUTAZIONE DI POSSIBILI CAUSE AMBIENTALI

EMERGENZA DIOSSINE NEL LATTE IN CAMPANIA : MONITORAGGIO DI SUOLO E VEGETALI PER LA VALUTAZIONE DI POSSIBILI CAUSE AMBIENTALI EMERGENZA DIOSSINE NEL LATTE IN CAMPANIA : MONITORAGGIO DI SUOLO E VEGETALI PER LA VALUTAZIONE DI POSSIBILI CAUSE AMBIENTALI Marinella Vito Dirigente responsabile Staff Coordinamento Progetti della Direzione

Dettagli

Valutazioni e analisi di microinquinanti

Valutazioni e analisi di microinquinanti Valutazioni e analisi di microinquinanti LA RETE DI MONITORAGGIO CON STAZIONI FISSE SUL TERRITORIO REGIONALE 25 STAZIONI FISSE suddivise in 14 URBANE 9 INDUSTRIALI 2 RURALI ~ 150 parametri misurati Superamenti

Dettagli

RISULTATI DELLE INDAGINI TECNICHE PER LA MAPPATURA DEI TERRENI DESTINATI ALL AGRICOLTURA DELLA REGIONE CAMPANIA. Martedì 11 Marzo 2014

RISULTATI DELLE INDAGINI TECNICHE PER LA MAPPATURA DEI TERRENI DESTINATI ALL AGRICOLTURA DELLA REGIONE CAMPANIA. Martedì 11 Marzo 2014 RISULTATI DELLE INDAGINI TECNICHE PER LA MAPPATURA DEI TERRENI DESTINATI ALL AGRICOLTURA DELLA REGIONE CAMPANIA Martedì 11 Marzo 2014 1 OBIETTIVI DELL INDAGINE Individuazione dei siti interessati da sversamenti

Dettagli

Risultati ante operam o prima dell assunzione presso l impianto (T0) I 55 lavoratori coinvolti nello studio di biomonitoraggio al T0 hanno un buono

Risultati ante operam o prima dell assunzione presso l impianto (T0) I 55 lavoratori coinvolti nello studio di biomonitoraggio al T0 hanno un buono Biomonitoraggio dei lavoratori addetti all impianto di termovalorizzazione dei rifiuti di Torino Risultati sui livelli di bioaccumulo di metalli e inquinanti organici dopo un anno dall avvio dell impianto

Dettagli

Sulle matrici indagate sono stati determinati i livelli di concentrazione delle seguenti sostanze:

Sulle matrici indagate sono stati determinati i livelli di concentrazione delle seguenti sostanze: 1 La Relazione sui risultati preliminari dei Piani di monitoraggio sugli inquinanti ambientali nell area del Poligono interforze del salto di Quirra, predisposta dall Istituto zooprofilattico della Sardegna

Dettagli

Tab.1 Punti di monitoraggio oggetto di campionamento di suolo

Tab.1 Punti di monitoraggio oggetto di campionamento di suolo ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana Dipartimento Provinciale di Arezzo U.O. C. Prevenzione e Controlli Ambientali Integrati 52100 Arezzo - viale Maginardo, 1 tel. 0575939105

Dettagli

MSOffice1 REGIONE LAZIO

MSOffice1 REGIONE LAZIO MSOffice1 La Tutela dell Ambiente garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo L impatto sulla sicurezza alimentare. dall autocontrollo al controllo ufficiale Ugo Della Marta Dirigente Area Sanità

Dettagli

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Aprile Maggio 2015 1 Pag / indice 03 / Scopo della campagna di monitoraggio 03 / Scelta del sito di monitoraggio 05 / Misure effettuate

Dettagli

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte CONTROLLI NELLA FILIERA ALIMENTARE PER LA RICERCA DI RESIDUI DI SOSTANZE INDESIDERATE DA PARTE DEI SERVIZI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA DELLA REGIONE LAZIO Le diossine sono un gruppo di 210 sostanze

Dettagli

Relazione sulla attuale contaminazione da diossine in Campania, triennio 2008/2010

Relazione sulla attuale contaminazione da diossine in Campania, triennio 2008/2010 Relazione sulla attuale contaminazione da diossine in Campania, triennio 2008/2010 G. Colarusso S.Cavallo R.Pellicanò La presente relazione si pone l obiettivo di fare il punto sulle analisi effettuate

Dettagli

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04 Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Dipartimento della Prevenzione Sicurezza Alimentare Sintesi delle attività in materia di controlli ufficiali di cui al reg. (CE) 882/04, svolte dal Dipartimento di

Dettagli

RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA :

RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA : RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA : Metodologie a basso impatto ambientale per il miglioramento della qualità dei suoli e delle produzioni agricole oggetto

Dettagli

Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte

Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte Angelo ROBOTTO Direttore Generale ARPA Piemonte Ambiente Sano per una Alimentazione

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000 69. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto.

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000 69. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. SERVIZI DI TRASPORTO Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. 59 Un esempio: fino a 1.000 69 Per ulteriori informazioni rivolgiti a qualsiasi Banco Informazioni in ESPOSIZIONE MOBILI, al Servizio

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI

MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI Bologna 14 Settembre 2006 Simonetta Menotta Reparto di Merceologia degli Alimenti di Origine Animale- Istituto Zooprofilattico della Lombardia e Emilia Romagna

Dettagli

MODELLO PER LA STIMA DELL ESPOSIZIONE

MODELLO PER LA STIMA DELL ESPOSIZIONE Progetto di sorveglianza degli effetti sanitari diretti e indiretti dell impianto di trattamento rifiuti (PAIP) di Parma Delibera n. 938/2008 del 15/10/2008 la Giunta provinciale di Parma VIA-AIA: Prescrizioni

Dettagli

Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI

Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI 13 dicembre 2011 Direzione Ambiente Relatore: Ing. Giorgio Schellino La situazione dei siti contaminati in Piemonte 700 siti contaminati con procedimento

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

La sicurezza alimentare

La sicurezza alimentare PRIMO PIANO La sicurezza alimentare in relazione alla presenza di microinquinanti provenienti dai processi di incenerimento dei rifiuti DOTT. DAVIDE ZINGARIELLO Tecnico della Prevenzione nell Ambiente

Dettagli

LE BONIFICHE AMBIENTALI

LE BONIFICHE AMBIENTALI LE BONIFICHE AMBIENTALI Il problema dei siti contaminati riveste un ruolo prioritario nei programmi ambientali e di risanamento in gran parte dei paesi Europei. Con tale termine si intendono oggi tutte

Dettagli

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta RAPPORTO FINALE TASK 4.1 PIANO DI MONITORAGGIO Territorio e Area industriale della Provincia di Rovigo Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta Data emissione 20-10-2006 Il Piano di

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Mirella Dario Data di nascita 11/01/1962. Responsabile Area Analitica

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Mirella Dario Data di nascita 11/01/1962. Responsabile Area Analitica INFORMAZIONI PERSONALI Nome Mirella Dario Data di nascita 11/01/1962 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Responsabile Area Analitica AGENZIA REG.LE PROTEZIONE AMBIENTE

Dettagli

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato 2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato La VAS prevede l avvio di un sistema di monitoraggio dei caratteri territoriali. Obiettivo del monitoraggio è assicurare il controllo sugli impatti significativi

Dettagli

pubblicato su fanpage.it

pubblicato su fanpage.it EMERGENZA TERRA DEI FUOCHI RISULTATI INERENTI IL MONITORAGGIO STRAORDINARIO EFFETTUATI A FRONTE DELL EMERGENZA TERRA DEI FUOCHI A seguito dell emergenza terra dei fuochi è stato organizzato un campionamento

Dettagli

Finalità delle indagini e del progetto

Finalità delle indagini e del progetto Caffaro e Brescia I nuovi dati Finalità delle indagini e del progetto Maria Luisa Pastore Brescia, 20 Ottobre 2015 Stato delle conoscenze prima del progetto 2002 2005 2003 2006 Le indagini condotte da

Dettagli

Progetto: Nuovo collegamento ferroviario Torino Lione Cunicolo esplorativo La Maddalena

Progetto: Nuovo collegamento ferroviario Torino Lione Cunicolo esplorativo La Maddalena STRUTTURA COMPLESSA Dipartimento di Torino Sede di Torino Struttura Semplice Attività di produzione Progetto: Nuovo collegamento ferroviario Torino Lione Cunicolo esplorativo La Maddalena MONITORAGGIO

Dettagli

SOMMARIO. Introduzione...3. L applicativo di registrazione dell attività...3

SOMMARIO. Introduzione...3. L applicativo di registrazione dell attività...3 1 SOMMARIO Introduzione...3 L applicativo di registrazione dell attività...3 Processo primario EMISSIONE DI RAPPORTI TECNICI CON EMISSIONE DI PARERE: Categorie e Sottocategorie...4 La definizione degli

Dettagli

Introduzione ai Programmi di intervento per l inquinamento diffuso

Introduzione ai Programmi di intervento per l inquinamento diffuso CONVEGNO Contaminazione delle acque sotterranee e tecnologie innovative di bonifica in Lombardia LUNEDÌ 28 SETTEMBRE 2015, ORE 8.45 17.00 REGIONE LOMBARDIA, PALAZZO PIRELLI AUDITORIUM "GIORGIO GABER«Introduzione

Dettagli

BOLLETTINO U FFICIALE DELLA REGIONE CAM PANIA -N.2 DEL 14GENNAIO 2008

BOLLETTINO U FFICIALE DELLA REGIONE CAM PANIA -N.2 DEL 14GENNAIO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 21 dicembre 2007 - Deliberazione N. 2235 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria N. 11 - Sviluppo Attività Settore Primario N. 5 -

Dettagli

4.3 Acque marino-costiere

4.3 Acque marino-costiere 4.3 Acque marino-costiere La Provincia di Viterbo ha un estensione di costa di circa 55 Km di cui circa il 75% con vocazione balneare mentre la restante è destinata ad usi differenti (militari, industriali,

Dettagli

La relazione di riferimento e la normativa sulle bonifiche

La relazione di riferimento e la normativa sulle bonifiche Convegno su Il nuovo diritto dell ambiente: le recenti riforme su danno ambientale, bonifiche e IED. Aspetti legali, tecnici e assicurativi La relazione di riferimento e la normativa sulle bonifiche Donatella

Dettagli

Il Decreto AIA - Piano di Monitoraggio e Controllo scarichi idrici da raffineria

Il Decreto AIA - Piano di Monitoraggio e Controllo scarichi idrici da raffineria Plenaria UNICHIM Prodotti Petroliferi e Lubrificanti Raffineria eni di Livorno - 09 Aprile 2014 Il Decreto AIA - Piano di Monitoraggio e Controllo scarichi idrici da raffineria Mariangela Cozzolino eni

Dettagli

AL PERSONALE DOCENTE e NON DEOCENTE. CIRCOLARE n 157

AL PERSONALE DOCENTE e NON DEOCENTE. CIRCOLARE n 157 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico Tito Lucrezio Caro 35013 CITTADELLA (PD) - Via Alfieri, 58 tel. 049 5971313 - fax 049 5970692

Dettagli

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 514 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 515 Conclusioni Le Considerazioni conclusive sulla Fase 2 della VIS possono essere sintetizzate in tre punti: 1. La seconda fase dopo lo screening ha approfondito in primo

Dettagli

Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG)

Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG) Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 1-24020 Scanzorosciate (BG) Unità locali: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG) Via B. D Este 16-20017 Rho (MI) Fatturato medio annuo ultimi tre anni: Euro 5.500.000

Dettagli

7.7 Indagini ambientali matrice suolo

7.7 Indagini ambientali matrice suolo 7.7 Indagini ambientali matrice suolo L area del Comune di Brescia interessata dal fenomeno di inquinamento del suolo è quella riportata nella mappa che segue. Sito nazionale Brescia Caffaro : Area Industriale

Dettagli

Sintesi dei dati relativi al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi prodotti, importati ed utilizzati in Italia

Sintesi dei dati relativi al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi prodotti, importati ed utilizzati in Italia Sintesi dei dati relativi al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi prodotti, importati ed utilizzati in Italia (articolo 7 della direttiva 99/32/CE, come modificata dalla direttiva 2005/33/CE)

Dettagli

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Capitolo 6 Risultati pag. 301 6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Come già detto nel paragrafo 5.8, i risultati riportati in questo paragrafo fanno riferimento alle concentrazione

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA Con le modifiche apportate dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 al

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

Controllo degli effetti in Veneto degli incidenti alle centrali nucleari giapponesi (06.05.11), a cura dell ARPAV. I-131 nel particolato atmosferico

Controllo degli effetti in Veneto degli incidenti alle centrali nucleari giapponesi (06.05.11), a cura dell ARPAV. I-131 nel particolato atmosferico mbq/m3 Controllo degli effetti in Veneto degli incidenti alle centrali nucleari giapponesi (06.05.11), a cura dell ARPAV PARTICOLATO ATMOSFERICO Ogni giorno (con eventuale integrazione nei fine settimana

Dettagli

Percorso from farm to fork : Resoconto dello stato dell arte

Percorso from farm to fork : Resoconto dello stato dell arte Percorso from farm to fork : Resoconto dello stato dell arte Introduzione La globalizzazione e l alimentazione La globalizzazione della catena alimentare fa emergere continuamente nuove sfide e rischi

Dettagli

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali 51 1. Funzione della Parte Speciale - 3 - Per effetto del D.Lgs. n. 121/2011, dal 16 agosto 2011 è in vigore l'art.25 - undecies, D.Lgs. n. 231/2001, che prevede

Dettagli

Le misure del Piano Regionale di Tutela delle Acque -Collettamento e trattamento acque reflue-

Le misure del Piano Regionale di Tutela delle Acque -Collettamento e trattamento acque reflue- Le misure del Piano Regionale di Tutela delle Acque -Collettamento e trattamento acque reflue- ALESSANDRO ZUCCA Regione Autonoma FVG Direzione Ambiente ed Energia Palmanova- 19 MAGGIO 2015 Indirizzi e

Dettagli

Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti

Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti Sito di Interesse Nazionale di Porto Marghera Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti Novembre 2006 Elaborato da: Ing.

Dettagli

Report Monitoraggio Traffico

Report Monitoraggio Traffico 2012 Campagna di Monitoraggio presso il Comune di Berlingo nel periodo da 26/06/2012 al 28/06/2012 Redatta Giovanni Santoro Verificata e Approvata Prof. Ing. Maurizio Tira Sommario Premessa... 3 Obiettivo

Dettagli

INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI

INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI Introduzione INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI I seguenti schemi vogliono rappresentare, per le principali componenti ambientali (aria, acqua, rumore, campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti)

Dettagli

INDAGINE SUI FLUSSI DI TRAFFICO. Risultati dell indagine del traffico relativa al progetto Franciacorta Sostenibile

INDAGINE SUI FLUSSI DI TRAFFICO. Risultati dell indagine del traffico relativa al progetto Franciacorta Sostenibile INDAGINE SUI FLUSSI DI TRAFFICO Risultati dell indagine del traffico relativa al progetto Franciacorta Sostenibile Campagna di monitoraggio invernale Comune di Paratico Dal 16 al 18 febbraio 2011 Sommario

Dettagli

Le nuove aree agricole indagate

Le nuove aree agricole indagate Caffaro e Brescia I nuovi dati Dott.ssa Geol. Maria Luigia Tedesco Dott. Geol. Enrico Alberico Brescia, 20 Ottobre 2015 Le campagne di indagini precedenti svolte da ARPA 2002 2005 2003 2006 Metodo delle

Dettagli

ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati

ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati 2.02.4 - Svolgimento di campagne di misura sul campo I dati raccolti all interno del Progetto Eur-eau-pa sono stati organizzati in due differenti

Dettagli

I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa

I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa La normativa che disciplina la necessità di sottoporre a trattamento le acque reflue di origine meteorica è il D. Lgs. 152/06 (Testo Unico Ambientale)

Dettagli

Sez. 1 Informazioni generali

Sez. 1 Informazioni generali Sez. 1 Informazioni generali Informazioni di carattere generale sull acqua di balneazione volte a consentirne l'identificazione univoca, l'individuazione rispetto al territorio su cui insiste e la collocazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0013173-20/06/2014-DGSAF-COD_UO-P Trasmissione elettronica N. prot. DGSAF in Docspa/PEC Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0700800803 Capo Sant Ampelio Capo Verde 31,2 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

Inquinante Rilevanza concentrazioni da emissioni del TV rispetto a quelle di SL (TV/SL) SO 2 < NO x < PM 10 << Pb <<< Cd

Inquinante Rilevanza concentrazioni da emissioni del TV rispetto a quelle di SL (TV/SL) SO 2 < NO x < PM 10 << Pb <<< Cd 494 TABELLA B3 Giudizio qualitativo sui risultati delle previsioni di ricadute causate dalle sorgenti lineari (SL), nell area circolare di raggio km 2,5 centrata sul TV. Inquinante Rilevanza concentrazioni

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO

PIANO DI MONITORAGGIO IN RECEPIMENTO DEL PARERE DELL ORGANO TECNICO COMUNALE PR. N.17160 DEL 10.12.2012 E DEL CONTRIBUTO DELL ORGANO TECNICO REGIONALE N. PR. 1088/DB0805 DEL 15.11.2012 DETERMINA DI INCARICO N. 24 DEL 6.12.2012

Dettagli

Valutazione del rischio chimico in Valle Vermenagna

Valutazione del rischio chimico in Valle Vermenagna Valutazione del rischio chimico in Valle Vermenagna Cuneo, 18 giugno 2010 Angelo Pellegrino e Pierfederico TORCHIO Servizio Igiene e Sanità Pubblica Alberto ATTUCCI Servizio Igiene Allevamenti e produzioni

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO

PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LIVORNO SEGNALAZIONE A SEGUITO DI CONTROLLO PRESSO UNA SOCIETA CHE EFFETTUAVA BONIFICA DI UN SITO INQUINATO OGGETTO DELLA VERIFICA CONTROLLO F.I.R. RELATIVI AL TRASPORTO DI EMULSIONI CONTENENTI

Dettagli

Industria Caffaro. Brescia, Lombardia

Industria Caffaro. Brescia, Lombardia Industria Caffaro Brescia, Lombardia L industria Caffaro è situata nelle vicinanze di Via Milano ed è in funzione dal 1906. Questa fabbrica ha prodotto sostanze chimiche, anche altamente tossiche e pericolose,

Dettagli

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile 10.07.2015-10.11.2015 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari 1. Contenuto del

Dettagli

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI Maria Teresa Cazzaniga ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano U.O. Agenti Fisici Il Decreto Legislativo 31/2001, recepimento

Dettagli

RICERCA DIOSSINE E PCB ATTIVITA SVOLTA DA ARPA

RICERCA DIOSSINE E PCB ATTIVITA SVOLTA DA ARPA RICERCA DIOSSINE E PCB ATTIVITA SVOLTA DA ARPA NEL PERIODO 2003-2010 1 INDICE 1 PREMESSA 1.1 - sito di interesse nazionale Terni-Papigno 1.2 - campagna conoscitiva nel polo di incenerimento di Maratta

Dettagli

Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale

Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale Sergio Ceradini Arpalazio Sezione provinciale di Roma Convegno Tutela del territorio, gestione dei rifiuti e controlli ambientali

Dettagli

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico 300 250 200 media min max 150 100 50 0 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre (mm) Dicembre Fig. 4.9. Episodi di nebbia nel Porto di Venezia (anni 1985-1991).

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N.

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. 924 DEL 28.09.2006 IN ATTUAZIONE AL PIANO REGIONALE (D.C.R.

Dettagli

I DIECI COMANDAMENTI

I DIECI COMANDAMENTI PCB e diossine: inquinamento a Taranto PeaceLink www.peacelink.it I DIECI COMANDAMENTI Dieci cose da fare assolutamente per la salute dei tarantini 1) Aria: ridurre i valori percentuali a metro cubo

Dettagli

Report Monitoraggio Traffico

Report Monitoraggio Traffico 214 Campagna di Monitoraggio nel Comune di Gussago nel periodo da 5/8/214 al 7/8/214 Reperimento dati Geom. Giovanni Santoro Redazione e verifica Prof. Ing. Maurizio Tira Sommario Premessa... 3 Obiettivo

Dettagli

ARPAV AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTALE DEL VENETO DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI VENEZIA DIREZIONE

ARPAV AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTALE DEL VENETO DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI VENEZIA DIREZIONE RAPPORTO DI SINTESI SULL INCIDENTE PRESSO IL REPARTO TD5 DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE DEL TDI DI PORTO MARGHERA DELLA DITTA DOW POLIURETANI ITALIA S.R.L. AVVENUTO NELLA SERATA DEL GIORNO 28 NOVEMBRE 2002.

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI 1. Introduzione I PIANI URBANI DELLA MOBILITA (PUM) Linee

Dettagli

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 Autocontrollo e Sicurezza Alimentare Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 SOMMARIO Lo scenario attuale della legislazione alimentare igienico sanitaria DL 155/97: Autocontrollo e sicurezza alimentare

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 Paolo Casciano Direzione Generale Reti e servizi di pubblica utilità e sviluppo sostenibile Regione Lombardia Ordine Ingg BG 26/11/2007 - ing. Casciano

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

UNA DISCARICA DA SALVARE

UNA DISCARICA DA SALVARE UNA DISCARICA DA SALVARE Relatore : Dott.ssa Angela Bruna Cardile Vibo Valentia - 15 giugno 2011 Discarica c.da Petrosì di Casignana - Ubicata all inizio del bacino inbrifero del Vallone Rambotta - sviluppata

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI BRESCIA

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI BRESCIA VAUTAZIONE AMBIENTAE STRATEGICA DE PIANO DI GOVERNO DE TERRITORIO DI BRESCIA Committente Comune di Brescia Determinazione n. 2896 del 15/10/2007 Periodo 2007 2008 Tipologia di studio Valutazione Ambientale

Dettagli

L esposizione personale di bambini e anziani a IPA nella città di Roma

L esposizione personale di bambini e anziani a IPA nella città di Roma L esposizione personale di bambini e anziani a IPA nella città di Roma M. Gherardi *, M.P. Gatto *, A. Gordiani *, N. L Episcopo *, C. Gariazzo** INAIL Settore Ricerca, Certificazione e Verifica * Dipartimento

Dettagli

ALLEGATO I SCHEDE DI MONITORAGGIO AMBIENTALE

ALLEGATO I SCHEDE DI MONITORAGGIO AMBIENTALE ALLEGATO I SCHEDE DI MONITORAGGIO AMBIENTALE 4 Scheda di monitoraggio ambientale per la Misura 2.3 Completamento e sviluppo di strutture insediative per il sistema economico 5 Richiedente: Titolo del'intervento:

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso.

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. DITTA: Minà Adalgisa PREMESSA La seguente relazione integrativa, si è resa necessaria per integrare la valutazione

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000 pag. 217 6. Risultati Di seguito si riportano i risultati relativi alle diverse simulazioni di diffusione atmosferica degli inquinanti effettuate. In particolare sono riportati i risultati sotto forma

Dettagli

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO VIII Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE Roma, 5 novembre 2003 PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO Massimo Capobianco, Giorgio Zamboni

Dettagli

Qualità dell'aria nella Provincia di Lucca, monitoraggio, criticità, emissioni

Qualità dell'aria nella Provincia di Lucca, monitoraggio, criticità, emissioni Qualità dell'aria nella Provincia di Lucca, monitoraggio, criticità, emissioni Il Ruolo della Provincia nel monitoraggio della qualità dell aria e nel coordinamento dei Piani di Azione Comunale LEGGE REGIONALE

Dettagli

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Analisi delle serie storiche Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Al fine di rendersi conto dell evoluzione delle concentrazioni di alcuni

Dettagli

PERCENTUALE LAGHI IN CLASSE DI QUALITÀ BUONA O ELEVATA NELLA REGIONE LAZIO (LTLeco)

PERCENTUALE LAGHI IN CLASSE DI QUALITÀ BUONA O ELEVATA NELLA REGIONE LAZIO (LTLeco) PERCENTUALE LAGHI IN CLASSE DI QUALITÀ BUONA O ELEVATA NELLA REGIONE LAZIO (LTLeco) Classificazione sulla base degli elementi di qualità fisico chimica: LTLeco 100 80 Percentuale 60 40 20 0 2008 2009 2010

Dettagli

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 UNA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA AMBIENTALE Con il D.M. n.272/2014 e il D.lgs n.46/2014 l Italia ha accolto le indicazioni normative provenienti dalla Direttiva Europea

Dettagli

Capitolo 7 ATTIVITÀ ARPAC

Capitolo 7 ATTIVITÀ ARPAC Capitolo 7 ATTIVITÀ ARPAC QUADRO SINOTTICO INDICATORI DPSIR Nome indicatore Finalità Stato Valutazione Trend Risposte A vità di controllo per matrice ambientale A vità anali ca per matrice ambientale Fornire

Dettagli

Azioni volte alla mitigazione delle pressioni urbane nella Regione del Veneto

Azioni volte alla mitigazione delle pressioni urbane nella Regione del Veneto Azioni volte alla mitigazione delle pressioni urbane nella AZIONI STRUTTURALI La maggior parte delle azioni strutturali previste dalla normativa e pianificazione settoriale e messe in campo nella Regione

Dettagli

Report Monitoraggio Traffico

Report Monitoraggio Traffico 14 Campagna di Monitoraggio presso il Comune di Corzano nel periodo da 1/7/14 al 3/7/14 Reperimento dati Geom. Giovanni Santoro Analisi scientifica Prof. Ing. Maurizio Tira Sommario Premessa... 3 Obiettivo

Dettagli

ESPOSIZIONE A PCB NELLA POPOLAZIONE DEI COMUNI DI BRESCIA, CASTEL MELLA E CAPRIANO DEL COLLE:

ESPOSIZIONE A PCB NELLA POPOLAZIONE DEI COMUNI DI BRESCIA, CASTEL MELLA E CAPRIANO DEL COLLE: Dipartimento Prevenzione Medico ESPOSIZIONE A PCB NELLA POPOLAZIONE DEI COMUNI DI BRESCIA, CASTEL MELLA E CAPRIANO DEL COLLE: PCB SIERICI NELLA POPOLAZIONE DEI COMUNI DI CASTEL MELLA E CAPRIANO DEL COLLE

Dettagli

SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N

SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N aggiornamento ottobre 2008 Pagina 1 di 6 SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N 1 DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE PROPRIETARIO DELLE RETI FOGNARIE

Dettagli

ATTIVITÀ 4.05 : Controllo ed analisi chimiche di laboratorio

ATTIVITÀ 4.05 : Controllo ed analisi chimiche di laboratorio ATTIVITÀ 4.05 : Controllo ed analisi chimiche di laboratorio Con l attività di monitoraggio dei pozzi eseguita all interno dell attività prevista dal D. Lgs 152/06 ARPAL ha messo a disposizione del progetto

Dettagli

SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI OSSERVATORIO ALTO ADRIATICO POLO REGIONALE VENETO

SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI OSSERVATORIO ALTO ADRIATICO POLO REGIONALE VENETO www. arpa.veneto.it SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI OSSERVATORIO ALTO ADRIATICO POLO REGIONALE VENETO Rapporto di sintesi sugli andamenti dei principali parametri oceanografici e meteomarini

Dettagli

Portiamo in giro le tue idee

Portiamo in giro le tue idee Chi Siamo Azienda Comunicando è una società di comunicazione che dal 2010 si occupa di pubblicità dinamica attraverso il progetto ComunicandoBus. L esperienza maturata e il lavoro svolto da un team collaudato

Dettagli

Da Agosto 2012 al 31 Ottobre 2014. Contratto di Consulenza. Da Novembre 2013 ad oggi. Intermediazione di rifiuti. Da 01 Gennaio 2012 a Luglio 2012

Da Agosto 2012 al 31 Ottobre 2014. Contratto di Consulenza. Da Novembre 2013 ad oggi. Intermediazione di rifiuti. Da 01 Gennaio 2012 a Luglio 2012 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PORCARO FRANCESCO Indirizzo 10, CORSO MEDITERRANEO, 80016, MARANO, NAPOLI Telefono (081) 586 21 72 3385307433

Dettagli