Progetto Monitoraggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Monitoraggio"

Transcript

1 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICA Progetto Monitoraggio Servizi di consulenza da espletare nell'ambito del "Progetto Monitoraggio": Fase II Piano Di Azione Regione Sicilia

2 Contenuti 1. Premessa Azioni Trasversali A.1 - Stato dell'arte dei modelli organizzativi Principali esigenze rilevate Descrizione dell azione Dettaglio delle attività Analisi delle peculiarità/soluzioni organizzative efficienti ed efficaci Condivisione interna al gruppo di lavoro - Amministrazioni coinvolte Formalizzazione dei risultati Deliverable Piano di lavoro Benefici attesi A.3 - Soluzioni per attivare modelli di incentivazione per le strutture di monitoraggio Principali esigenze rilevate Descrizione dell azione Sistemi di incentivazione economici Sistemi di incentivazione NON economici Dettaglio delle attività Definizione dei criteri di attribuzione premiale Verifica e messa a punto del modello Formalizzazione del modello incentivante Deliverable Piano di lavoro Benefici attesi B.6 - Progettazione del programma formativo sul nuovo monitoraggio unitario Principali esigenze rilevate Descrizione dell azione Dettaglio delle attività Approfondimento del target e selezione degli strumenti Impostazione e condivisione dei contenuti Preparazione del materiale formativo Pianificazione delle attività formative Preparazione al monitoraggio del progetto formativo Titolo Piano Di Azione Pagina 2 di 70

3 2.3.4 Deliverable Piano di lavoro Benefici attesi C.16 - Potenziamento della struttura di Help Desk Principali esigenze rilevate Descrizione dell'azione Dettaglio delle attività Supporto istituzionale Supporto tecnico Deliverable Piano di lavoro Benefici attesi D.19 - Definizione del modello di rating per la qualità delle fonti dei dati Principali esigenze rilevate Descrizione dell azione Descrizione del modello Selezione dei criteri di riferimento Scelta delle classi omogenee di dati e delle variabili Definizione del modello Deliverable Piano di lavoro Benefici attesi Azioni Ripetitive B.7 - Erogazione del programma formativo sul nuovo monitoraggio unitario Principali esigenze rilevate Descrizione dell azione Erogazione della formazione Analisi dei riscontri dei partecipanti Pubblicazione dei risultati dei riscontri dei partecipanti Deliverable Piano di lavoro Benefici attesi Azioni Specifiche A Adeguamento ed ottimizzazione del modello di monitoraggio...58 Titolo Piano Di Azione Pagina 3 di 70

4 4.1.1 Principali esigenze rilevate Principali evidenze di Fase I Principali evidenze di Fase II Descrizione dell azione Approfondimento Assessment organizzativo Disegno del modello organizzativo Dimensionamento delle strutture Deliverable Piano di lavoro Benefici attesi C.13 - Ottimizzazione dei processi di monitoraggio Principali esigenze rilevate Descrizione dell azione Dettaglio delle attività Reengineering dei processi esistenti Disegno dei mansionari relativi al nuovo processo Supporto nella redazione delle nuove procedure e nell'avvio delle attività Deliverable Piano di lavoro Benefici attesi Elenco delle figure Figura 1 Soluzioni organizzative "eccellenti, esemplificativo... 8 Figura 2 Fasi dell azione A Figura 3 Piano di lavoro azione A Figura 4 Rating delle fonti, esemplificativo Figura 5 Proposta di soluzioni del modello di incentivazione Figura 6 Modello 1.A, esemplificatovo Figura 7 Modello 1.B, esemplificativo Figura 8 Fasi dell azione A Figura 9 Piano di lavoro azione A Figura 10 Fasi dell'azione B Figura 11 Dettaglio dei moduli formativi e delle modalità di formazione Titolo Piano Di Azione Pagina 4 di 70

5 Figura 12 Piano di lavoro azione B Figura 13 Fasi dell'azione C Figura 14 Flusso operativo Help Desk...33 Figura 15 Piano di lavoro azione C Figura 16 Fattori che compromettono il livello qualitativo dei dati...38 Figura 17 Modello accentrato...39 Figura 18 Modello decentrato...39 Figura 19 Approccio integrato alla centralità dell informazione...40 Figura 20 Il principio della replicabilità a valle del Modello...40 Figura 21 Fasi dell azione D Figura 22 Metodologia per l attribuzione della valutazione numerica di sintesi...45 Figura 23 Classi di rating...45 Figura 24 Percorso di realizzazione di un generico progetto...46 Figura 25 Stima della durata delle fasi...47 Figura 26 Piano di lavoro D Figura 27 Fasi dell'azione B Figura 28 Dettaglio dei moduli formativi e delle modalità di formazione...53 Figura 29 Fasi dell'azione A.2.1 Regione Sicilia...61 Figura 30 Piano di lavoro azione A.1 - Regione Sicilia...62 Figura 31 Fasi dell azione C.13 Regione Sicilia...65 Figura 32 Applicazione della metodologia Lean Six Sigma ad un generico processo...67 Figura 33 Piano di lavoro azione C.13 - Regione Sicilia...69 Elenco delle tabelle Tabella 1 Criteri per la valutazione della qualità delle fonti dei dati...43 Titolo Piano Di Azione Pagina 5 di 70

6 1. Premessa Il presente documento rappresenta il Piano d'azione della Regione Sicilia. Tale documento, costituito da azioni trasversali, ripetitive e specifiche, è stato elaborato in collaborazione con il MISE-DPS e la Regione, in base alle risultanze emerse nel corso delle attività di analisi svolte nella Fase I e sulla base della Progettazione Esecutiva effettuata nel corso della Fase II del Progetto Monitoraggio. L attività di progettazione ha evidenziato, per la Regione Sicilia, un approccio in grado di erogare le seguenti azioni: Azioni trasversali: A.1 Stato dell'arte dei modelli organizzativi; A.3 Soluzioni per attivare modelli di incentivazione per le strutture di monitoraggio; B.6 Progettazione del programma formativo sul nuovo monitoraggio unitario; C.16 Potenziamento della struttura di Help Desk; D.19 Definizione del modello di rating per la qualità delle fonti dei dati; Azione ripetitiva: B.7 Erogazione del programma formativo sul nuovo monitoraggio unitario. La Formazione sarà erogata, per la Regione Sicilia, per i moduli 2, 4 e 5; Azioni specifiche: A.2.1 Adeguamento ed ottimizzazione del modello di monitoraggio; C.13 Ottimizzazione dei processi di monitoraggio. Titolo Piano Di Azione Pagina 6 di 70

7 2. Azioni Trasversali 2.1 A.1 - Stato dell'arte dei modelli organizzativi Principali esigenze rilevate A seguito della chiusura della Fase I e nella successiva Fase A del progetto, è emerso che le Amministrazioni locali stanno implementando soluzioni organizzative caratterizzate da un differente livello di integrazione fra le strutture coinvolte nel monitoraggio dei fondi FAS e FS. In particolare, l integrazione può essere: Completa, dove è presente un unica unità dedicata (solitamente nell'ambito della Direzione Programmazione Economica), senza distinzione tra Autorità di Gestione dei fondi FAS e dei Fondi Strutturali; Distinta, dove le strutture di monitoraggio dei due fondi possono essere coordinate da una "cabina di regia" formalizzata, oppure da strutture di coordinamento "leggere" (es. Conferenza delle Autorità di Gestione). In questa fase di definizione di un adeguata struttura organizzativa, le Amministrazioni locali hanno espresso l esigenza di conoscere le esperienze di successo di tutte quelle Amministrazioni che attualmente hanno già implementato al loro interno, o stanno implementando, una soluzione organizzativa efficace ed innovativa. Il significato di organizzazione efficace ed efficiente non implica necessariamente un alto livello di integrazione tra le strutture (es. tra il FAS e i FS, oppure tra vecchia e nuova programmazione), ma un insieme di scelte organizzative, attribuzione di attività, condivisione di competenze che consentono ad una determinata struttura organizzativa di operare in modo soddisfacente. Pertanto, le esigenze espresse dalle Regioni e dal MISE non sono indirizzate a conoscere quale modello organizzativo sia in assoluto il migliore, ma quali molteplici opzioni possono essere adottate per migliorare il funzionamento delle organizzazioni; oltre a ciò, sia le Regioni sia il MISE hanno espresso l'esigenza di avere un quadro completo e sintetico delle strutture organizzative delle Regioni e delle Province Autonome, che, finora, non è mai stato del tutto formalizzato Descrizione dell azione Lo "Stato dell'arte dei modelli organizzativi" è un'azione trasversale, propedeutica all'erogazione dell'azione A.2.1 Adeguamento e ottimizzazione del modello di monitoraggio, erogata in un unico intervento e coordinata dal MISE-DPS. La propedeuticità dell azione dipende dalla necessità delle Amministrazioni locali di conoscere nel dettaglio i possibili modelli organizzativi operanti sul territorio, i punti di forza e quelli di debolezza di ciascuno, per poter identificare, con il contributo del RTI, la soluzione migliore sulla base delle necessità regionali. Questa azione risulta essere un passaggio obbligato per tutte le Regioni che hanno intenzione di adeguare e ottimizzare il proprio modello organizzativo di monitoraggio. Il principale obiettivo dell'azione è quello di individuare le soluzioni organizzative "eccellenti" adottate dalle Amministrazioni a diversi livelli, come ad esempio: gli organismi di governance presenti, le Titolo Piano Di Azione Pagina 7 di 70

8 strutture di coordinamento del monitoraggio, le modalità di raccolta/input dei dati, le attività per rendere funzionante la struttura in ottica del monitoraggio unitario. Di seguito vengono indicati due esempi concreti, emersi all'interno della fase di Valutazione dello scostamento effettuata durante la Fase I del progetto, che a seguito del tempo intercorso e delle verifiche effettuate, potrebbero essere soggette a modifiche e analisi dettagliate. Dimensione di analisi Regione Peculiarità da approfondire ESEMPLIFICATIVO Governance Emilia Romagna Cabina di regia tripartita: Cabina di regia politica per l individuazione degli indirizzi strategici Cabina di regia tecnica di indirizzo per la valutazione del raggiungimento degli obiettivi Struttura di supporto al coordinamento per il supporto operativo e per le attività di integrazione con il territorio e con il partenariato politico e sociale Struttura organizzativa Calabria Squadra di programmazione : un gruppo di lavoro di 130 dipendenti che si candidano a gestire la nuova programmazione. Sono risorse opportunamente formate che potranno lavorare nei dipartimenti di competenza e, in caso di criticità, in altri dipartimenti Figura 1 Soluzioni organizzative "eccellenti, esemplificativo La selezione delle migliori prassi organizzative avverrà secondo due modalità: Da un lato il Gruppo di Lavoro (GdL) 1 proporrà dei casi organizzativi da approfondire sulla base dell'esperienza maturata nella fase di Valutazione dello scostamento. Dall'altro lato le migliori prassi verranno proposte dalle Amministrazioni stesse; saranno infatti le singole Amministrazioni che si metteranno a disposizione per condividere e valorizzare le proprie soluzioni organizzative di successo. La lista delle migliori prassi verrà individuata e selezionata dai referenti delle Regioni e Province Autonome, che svolgeranno un ruolo "guida" per il GdL nella selezione dei casi di successo e dei temi da approfondire. Le informazioni raccolte durante tale fase dovranno essere aggiornate attraverso una nuova serie di interviste, che potranno avvenire attraverso incontri presso le Amministrazioni che si saranno dichiarate disponibili a descrivere in modo approfondito le proprie esperienze. Una volta individuate le realtà regionali "eccellenti", in riferimento ad una specifica tematica, la soluzione organizzativa sarà descritta nel dettaglio, in modo da renderla immediatamente replicabile, e verranno individuati in particolare: le ragioni del successo, i punti di debolezza, le difficoltà riscontrate nell'implementazione, le modalità di replicabilità, i requisiti necessari per l'implementazione. Inoltre, al fine di far leva a pieno sulle sinergie, verrà chiesto alle Amministrazioni "casi di successo" di dare disponibilità alle altre, di tutto il materiale necessario all'implementazione delle soluzioni organizzative realizzate (ad es. procedure, circolari, ). 1 Il Gruppo di Lavoro risulta essere costituito dai referenti del RTI Accenture Roland Berger e dai referenti delle Amministrazioni Locali. Titolo Piano Di Azione Pagina 8 di 70

9 A conclusione del lavoro saranno indicate le forme di diffusione dei risultati attraverso differenti strumenti di comunicazione: pubblicazione sul sito web, organizzazione di eventi di condivisione, comunicazione one to one con brochure di sintesi dei risultati. Sicuramente altre azioni di Fase B, quali le attività di comunicazione e il supporto offerto dall'help desk (azione C.16), potranno favorire la diffusione dei risultati Dettaglio delle attività L'attività verrà sviluppata in tre fasi. Analisi delle peculiarità/soluzioni organizzative efficienti ed efficaci Condivisione interna al gruppo di lavoro - Amministrazioni coinvolte Formalizzazione dei risultati Figura 2 Fasi dell azione A Analisi delle peculiarità/soluzioni organizzative efficienti ed efficaci L'azione prevede l'individuazione delle peculiarità/soluzioni organizzative da analizzare, coordinate dal MISE-DPS, il quale garantirà l'accordo delle Amministrazioni in relazione ai casi da approfondire. A tal riguardo, il GdL: Richiederà alle Amministrazioni di segnalare le soluzioni/peculiarità organizzative che hanno consentito da un lato l'efficientamento del monitoraggio, dall'altro la convergenza delle attività di monitoraggio verso il modello di monitoraggio unitario efficiente ed efficace (livello di integrazione, di decentramento delle attività, ecc). A loro volta, le Amministrazioni comunicheranno le loro proposte e disponibilità entro un tempo che sarà definito di concerto con il MISE-DP (ad es entro 10 giorni dall'invio della richiesta). Individuerà altre possibili proposte di soluzioni organizzative/peculiarità partendo dal bagaglio di conoscenze acquisite nella fase di Valutazione dello scostamento e a seguito degli ulteriori incontri svolti presso le Amministrazioni. In questa fase le Amministrazioni saranno analizzate nel dettaglio anche dal punto di vista dell'organico, in modo tale da poterle meglio supportare nella definizione del piano di formazione (azioni B.6/B.7/B.9). Entro la seconda settimana dall inizio dell azione i referenti regionali individuati valuteranno quali soluzioni/peculiarità organizzative saranno oggetto dell'analisi e quali Amministrazioni potranno essere coinvolte. Successivamente verrà avviato lo studio di un numero limitato di soluzioni/peculiarità organizzative da analizzare (comunque non superiore a 5), attraverso una rilevazione sul campo con interviste ed analisi del materiale prodotto dalle Amministrazioni per l'avvio/l'implementazione delle soluzioni (ad es. circolari, regolamenti, organigrammi, flussi di attività formalizzate, procedure). Titolo Piano Di Azione Pagina 9 di 70

10 Condivisione interna al gruppo di lavoro - Amministrazioni coinvolte A seguito della fase di analisi, sarà possibile condividere i risultati individuati con i referenti delle Amministrazioni coinvolte, attraverso riunioni di approfondimento da tenersi presso il MISE Formalizzazione dei risultati Le soluzioni/peculiarità organizzative oggetto dello studio verranno sintetizzate in modo pragmatico, al fine di identificare: le ragioni del successo ed i vantaggi conseguiti/conseguibili, le difficoltà riscontrate nella realizzazione e gli eventuali i punti di debolezza rilevati nell'avvio delle attività. Verranno inoltre indicati i requisiti per replicare tali soluzioni e le loro modalità di replicabilità, attraverso una lista di azioni da seguire per implementare la soluzione. Saranno inoltre determinate le modalità di diffusione dei risultati raggiunti che potrebbero esplicitarsi attraverso la realizzazione di un rapporto finale da pubblicare sul sito web, l organizzazione di eventi per la diffusione delle migliori soluzioni individuate, ecc. (l'effettiva organizzazione di eventi o pubblicazione dei risultati non appartiene a questa azione, ma rappresenta contenuto ad hoc delle azioni correlate, Comunicazione ed Help Desk) Deliverable L'azione si propone come deliverable finale un rapporto in cui sono analizzate e individuate: Le soluzioni migliori; Le ragioni del successo; Gli eventuali punti di debolezza; Le difficoltà riscontrate nell'implementazione; Le modalità di replicabilità; I requisiti necessari per l'implementazione; Le "regole vincenti", ovvero una serie di regole che devono essere rispettate per avere un modello organizzativo di monitoraggio di successo. Il rapporto sarà redatto in collaborazione con i referenti delle Amministrazioni locali costituenti il Gruppo di Lavoro. Esso costituirà lo strumento fondamentale per eseguire al meglio l'azione A.2.1, relativa all'adeguamento dei modelli organizzativi specifici delle Regioni Piano di lavoro Il Piano di lavoro si articola su un totale di 8 settimane. Titolo Piano Di Azione Pagina 10 di 70

11 Piano di lavoro Settimane Analisi delle peculiarità Analisi delle strutture organizzative Migliori prassi 2. Condivisione Confronto tra i diversi modelli regionali Tavoli di confronto 3. Formalizzazione dei risultati Definizione di modelli organizzativi standard Definizione delle modalità di replicabilità Divulgazione delle rilevazioni effettuate Figura 3 Piano di lavoro azione A.1 I soggetti coinvolti saranno: le Amministrazioni dei casi di eccellenza, le Amministrazioni stesse con le strutture coinvolte nell'analisi di soluzioni migliori, il MISE-DPS con il ruolo di coordinatore delle attività e supervisore. Le attività saranno svolte principalmente presso la sede del RTI, con costanti interazioni con le Amministrazioni locali al fine di aggiornare lo stato dei modelli organizzativi adottati. Considerando tutte le condizioni poste nel Master Plan della Fase B e nel rispetto dei vincoli sopra citati, le attività in oggetto potranno iniziare la terza settimana del mese di gennaio 2010, ovvero a seguito dell approvazione della Progettazione di Fase B. Questa indicazione potrà essere oggetto di revisione in base alle nuove esigenze emerse a livello centrale ovvero espresse dalle Amministrazioni locali Benefici attesi I benefici che derivano dall'azione "Stato dell'arte dei modelli organizzativi" sono: La diffusione di quelle che possono essere definite le "migliori prassi", al fine di disporre di un elenco di strumenti adeguati all'erogazione dell azione specifica A.2.1, presso le Regioni/Province Autonome che le hanno richieste; La diffusione di una cultura del monitoraggio, associata ad una visione organizzativa condivisa: le Amministrazioni coinvolte parleranno lo stesso linguaggio, anche attraverso la pubblicazione di un rapporto di condivisione delle soluzioni/peculiarità organizzative individuate; Lo sfruttamento delle esperienze di successo e la condivisione dei supporti, anche documentali, utili all'implementazione, che accelera la realizzazione delle soluzioni nelle Amministrazioni che, ad oggi, non hanno ancora sviluppato, implementato o anche solo formalizzato la loro organizzazione ed il corretto funzionamento; La diffusione delle "regole vincenti" organizzative che consenta di rendere più efficace l'implementazione del monitoraggio unitario; La piena conoscenza delle strutture organizzative di ciascuna Regione/P.A., anche dal punto di vista del numero di risorse coinvolte su ciascuna attività, al fine di programmare al meglio le azioni formative. Titolo Piano Di Azione Pagina 11 di 70

12 2.2 A.3 - Soluzioni per attivare modelli di incentivazione per le strutture di monitoraggio Principali esigenze rilevate La Valutazione dello scostamento di Fase I e gli incontri recentemente condotti con le Regioni e le Province Autonome, hanno evidenziato che la maggior parte delle Amministrazioni deve costantemente fronteggiare problemi di completezza, tempestività e affidabilità dei dati inviati dagli enti attuatori agli uffici regionali deputati al monitoraggio degli investimenti. I motivi per cui i dati inseriti dagli enti attuatori spesso non hanno queste caratteristiche sono i seguenti: Informazioni di difficile reperibilità: gli enti attuatori non hanno la possibilità di disporre di dati facilmente reperibili (es. i responsabili di intervento spesso hanno difficoltà a reperire i dati relativi agli stati di avanzamento fisici, procedurali o finanziari dei progetti che devono monitorare); Scarsa formazione: i responsabili del dato non hanno ricevuto le necessarie competenze per lavorare i dati nel rispetto dei tempi e con l'utilizzo degli adeguati sistemi informativi; Scarsa collaborazione degli enti periferici: alcune Amministrazioni, specialmente nel Sud del Paese, lamentano che presso i Comuni e le altre istituzioni locali la cultura del monitoraggio è insufficiente per instaurare un clima collaborativo; Processi non formalizzati: ove i dati sono disponibili e lavorabili, i processi di raccolta e di invio non sono sufficientemente definiti e formalizzati, affinché essi possano essere inviati agli uffici centrali di monitoraggio delle Amministrazioni in modo completo e tempestivo. Le criticità sopra elencate fanno emergere la necessità di porre rimedio a tutti i fattori che impediscono un flusso di informazioni complete, tempestive e affidabili; le soluzioni riguardano la formazione, la formalizzazione dei processi, e l'incentivazione delle risorse. I colloqui intercorsi durante la fase di progettazione esecutiva hanno confermato l'opportunità di favorire l'incentivazione delle strutture di monitoraggio. L'azione "Soluzioni per attivare modelli di incentivazione per le strutture di monitoraggio" è stata concepita per rispondere all'esigenza sopra descritta, di incentivare le strutture dedicate al monitoraggio, sia quelle presenti presso le strutture centrali delle Regioni/Province Autonome sia, in modo replicabile, quelle presso gli enti decentrati (soggetti attuatori). Tale azione ha la particolarità di rispondere alle esigenze che vengono puntualmente affrontate con le azioni specifiche (migliori processi/organizzazione, formazione, ecc) dalle Amministrazioni, con la peculiarità di incentivarle, non solo in senso strettamente economico, ad una maggiore efficacia nelle attività di monitoraggio Descrizione dell azione "Soluzioni per attivare modelli di incentivazione per le strutture di monitoraggio" è un'azione trasversale, di cui beneficiano tutti gli attori coinvolti, erogata in un unico intervento e sviluppata in modo sinergico dal MISE-DPS. Titolo Piano Di Azione Pagina 12 di 70

13 L'intervento si pone l'obiettivo di progettare i criteri di attribuzione dei premi, finalizzati ad incentivare le strutture di monitoraggio (interne alle Regioni, Province Autonome e soggetti attuatori) per incidere sulla qualità del sistema di monitoraggio stesso. Il sistema incentivante si baserà su cinque pilastri fondamentali: Strutture e non risorse: il sistema incentivante deve avere come target le strutture dedicate al monitoraggio, non le persone coinvolte, in modo particolare le Amministrazioni locali, responsabili dell'invio dei dati al centro; Strutture sia centrali sia locali (replicabilità): gli incentivi sono indirizzati sia alle strutture centrali della Regione/Provincia autonoma, sia alle Amministrazioni locali; Sistema di rating delle fonti: il sistema incentivante aumenta la propria utilità se collegato all'implementazione del sistema di rating delle fonti (azione D.19); Trasparenza/Aree di valutazione chiare: gli aspetti da valutare devono essere semplici, chiari e divulgati in anticipo; Maggiore conoscenza: il sistema di incentivi deve essere accompagnato da una campagna di sensibilizzazione sulle opportunità del monitoraggio come fonte di conoscenza. Il modello di incentivazione si baserà, in maniera prevalente, anche se non esclusiva, sulla qualità dei dati del monitoraggio, rilevata grazie all applicazione del modello di rating delle fonti dei dati, definito grazie all azione D.19. In estrema sintesi, le strutture da incentivare verranno valutate in funzione delle loro performance relative alle attività di raccolta ed inserimento dei dati. L'indicazione sulle performance viene dal modello di rating, che terrà conto di determinati criteri quali ad esempio la valutazione sulla completezza del dato (quando tutti i campi relativi alla voce in analisi sono stati compilati), la tempestività del dato (quando le informazioni vengono inserite non appena il dato viene generato o portato a conoscenza del responsabile), la coerenza del dato (quando l'informazione è corretta e coerente con i dati precedentemente inseriti). Inoltre il modello di rating valuta le performance nel tempo delle strutture attraverso una comparazione dei dati storici. Per maggiori dettagli sulle modalità di valutazione della qualità dei dati, si veda la descrizione dell'azione D.19 (Modello di rating delle fonti dei dati). Il modello di incentivazione potrebbe anche considerare altri parametri oltre alla qualità del dato, quali ad esempio: Il contributo di ciascuna Amministrazione nella attivazione e nello sviluppo della "community del monitoraggio", intesa, ad esempio, come partecipazione attiva alla diffusione di best practice organizzative e di processo, al riuso di soluzioni informatiche oppure all organizzazione di eventi/sviluppo di contenuti per diffondere la cultura del monitoraggio, ed infine, alle attività di sensibilizzazione/comunicazione interna e sul territorio; La sensibilità delle Regioni, delle Province Autonome e, a valle, dei soggetti attuatori, nel comunicare tempestivamente l entrata in funzione delle opere realizzate (nello specifico, quindi, la puntuale valorizzazione dei campi relativi alle funzionalità); Le performance progettuali sperimentate dagli attori coinvolti (ad esempio la conclusione di un progetto in anticipo rispetto alle previsioni). Il modello di incentivazione affronterà la "questione normativa", definendo inoltre le "regole del gioco" che consentiranno di introdurre il modello (es.: analisi dell'impianto normativo che regola la materia) e Titolo Piano Di Azione Pagina 13 di 70

14 l'insieme di azioni operative che le Regioni dovranno mettere in pratica per implementare con efficacia il sistema incentivante (to do list). Concretamente, durante l'erogazione dell'azione in oggetto, saranno considerati due scenari, non alternativi, ma possibilmente addizionali, in funzione della fattibilità dal punto di vista normativo e dell opportunità. I due scenari sono i seguenti: Sistemi di incentivazione economici; Sistemi di incentivazione non economici. Entrambi gli scenari, come scritto precedentemente, presuppongono che i metodi e i parametri di classificazione delle fonti siano determinati e consolidati, ovvero, che alla fine di ciascun monitoraggio, sia possibile determinare in modo chiaro, trasparente e condiviso quali Amministrazioni (a livello centrale e aggregato) e quali enti locali/soggetti attuatori (a livello locale: all'interno di ciascuna Amministrazione) si siano comportati in modo tale da risultare virtuosi e quali, invece, non abbiano ottenuto risultati soddisfacenti. Come meglio descritto nell'azione D.19 (Modello di rating delle fonti), tali parametri terranno conto sia di una serie di parametri "statici" (completezza dei dati inseriti nei sistemi, tempestività, affidabilità e coerenza delle informazioni, ecc) che "dinamici", i quali consentono l osservazione di un eventuale miglioramento ottenuto rispetto ai cicli precedenti. A titolo esemplificativo, il risultato del rating, al termine di ciascun monitoraggio potrebbe essere il seguente: Figura 4 Rating delle fonti, esemplificativo Sulla base di questa classifica, disponibile alla fine di ogni ciclo di monitoraggio, sarà possibile realizzare il sistema degli incentivi, secondo le seguenti possibili opzioni, riportate nella figura seguente, a titolo esemplificativo ma non esaustivo. Titolo Piano Di Azione Pagina 14 di 70

15 1 2 Sistemi di incentivazione economici Sistemi di incentivazione NON economici Le risorse premiali (vedi es. Premialità FAS del Progetto Monitoraggio) vengono suddivise tra le Regioni/Province Autonome in % differenti, secondo diverse possibili soluzioni. Possibili scenari A Incentivazione solamente sui parametri di monitoraggio I premi vengono distribuiti esclusivamente in base alla classifica determinata dal rating delle fonti (completezza, tempestività, coerenza, ecc dei dati inseriti nei sistemi di monitoraggio): incentivo alla qualità del dato OPPURE A Partecipazione agli organismi decisionali/di governance Le Regioni/Province Autonome (a livello nazionale) e gli enti locali (a livello locale) più efficienti vengono cooptate di diritto all interno degli organismi decisionali e di governance del monitoraggio (Comitati di gestione, sorveglianza, ecc) B Pubblicazione delle classifiche Nell ottica di garantire la trasparenza delle informazioni, le classifiche delle Amministrazioni (rating delle fonti) vengono pubblicate sul sito web del Monitoraggio B Incentivazione corretta con il miglioramento dei tempi di completamento delle opere I premi vengono distribuiti in base alla classifica determinata dal rating delle fonti (caso A ) e sulla base della capacità dell Amministrazione coinvolta di migliorare I tempi di realizzazione delle opere: incentivo alla qualità del dato e all accelerazione della spesa C Diffusione delle best practices I referenti delle Amministrazioni virtuose diffondono presso le altre Amministrazioni le conoscenze e le procedure vincenti Figura 5 Proposta di soluzioni del modello di incentivazione Nei paragrafi seguenti sono descritti nel dettaglio i modelli illustrati in Figura Sistemi di incentivazione economici I sistemi di incentivazione economici presuppongono la disponibilità delle necessarie risorse economiche da distribuire alle Regioni. Il modello di riferimento potrebbe essere individuato nelle risorse premiali rese disponibili dal QSN Un modello di incentivazione economico presupporrebbe di suddividere le premialità in modo non proporzionale tra le Regioni, ma in funzione di due principali differenti approcci. Modello 1.A: Incentivazione solamente sulla base dei parametri di monitoraggio. In questo caso il modello di incentivazione trae spunto totalmente dalla classifica delle fonti dei dati, così come determinato mediante l'azione D.19. Alla fine di ogni ciclo di monitoraggio, sulla base di determinati criteri, viene stilata la classifica a livello nazionale e all'interno di ogni Regione. Tali criteri potranno essere: Tempestività; Coerenza; Completezza; Verificabilità; Rilevanza; Accessibilità; Titolo Piano Di Azione Pagina 15 di 70

16 Confrontabilità. Le risorse disponibili verranno pertanto allocate in modo differenziato, in modo che il totale distribuito sia pari alla somma disponibile, ad esempio: Viene definita una premialità di base per ciascuna fascia di voto (x1, x2, x3, x4); Viene definita anche una parte di premialità sottratta alle Regioni appartenenti all'ultima fascia (y); Viene allocata la parte di premialità a disposizione delle fasce superiori (y), in percentuali diverse, tra le Amministrazioni delle prime fasce, affinché il totale allocato sia pari alle risorse disponibili, come rappresentato, a titolo esemplificativo, in figura. Valore totale delle risorse premiali: 100 Eur m (esempio) Fascia di rating Nome Regione Premialità spettante Premialità modificata AAA Regione 1 Regione 2 Regione 3 Regione 4 Regione 5 X 1 X 1 +Y*50% AA Regione 6 Regione 7 Regione 8 Regione 9 Regione 10 X 2 X 1 +Y*30% A Regione 11 Regione 12 Regione 13 Regione 14 Regione 15 X 3 X 1 +Y*20% B Regione 16 Regione 17 Regione 18 Regione 19 Regione 20 Regione 21 X 4 X1-Y Totale 100 Figura 6 Modello 1.A, esemplificatovo L'effetto principale di tale modello di incentivazione sarebbe quello di spingere le Regioni/Province Autonome (a livello centrale) e i soggetti attuatori (a livello locale) ad impegnarsi per migliorare la qualità dei dati, poiché una parte più o meno rilevante delle premialità sarebbe determinata dalla qualità dei dati inseriti, che saranno il mezzo per determinare la classifica delle fonti dei dati. Modello 1.B: Incentivazione corretta con il miglioramento dei tempi di completamento delle opere. Questo approccio presenta molte caratteristiche in comune con il modello precedente, ma aggiunge un ulteriore parametro di "correzione" della classifica determinata mediante il rating delle fonti. Nella logica per cui il monitoraggio ha sia una funzione di controllo della spesa, sia, soprattutto, l'obiettivo di accelerare la spesa stessa destinata agli investimenti, un modello di incentivazione Titolo Piano Di Azione Pagina 16 di 70

17 completo ed efficace dovrebbe spingere le Amministrazioni a fare in modo che gli interventi (in particolar modo le opere infrastrutturali) vengano completate in linea o in anticipo rispetto alle previsioni. Tale soluzione si propone di riservare una parte delle premialità alle Amministrazioni che, rispetto alle previsioni iniziali, sono in anticipo sulla realizzazione delle opere. In tal caso, una determinata quantità di risorse (Z) viene sottratta alle Amministrazioni in ritardo nel completamento degli interventi e destinata a quelle che sono in anticipo, mentre l'effetto sulle Amministrazioni in linea con le previsioni sarebbe neutrale. Lo strumento concreto per valutare se un'amministrazione sia in linea, in anticipo o in ritardo sulla realizzazione degli interventi è l analisi dell iter procedurale dei progetti e, quindi, delle fasi che lo compongono, in particolare rispetto all entrata in funzione delle opere realizzate. Nella figura seguente tale approccio viene rappresentato in modo esemplificativo. Valore totale delle risorse premiali: 100 Eur m (esempio) APPROCCIO A APPROCCIO A+B Fascia di rating Nome Regione Premialità spettante Premialità modificata Stato di avanzamento interventi Premialità modificata (Z) AAA Regione 1 In linea X1+Y*50% Regione 2 In anticipo X1+Y*50%+Z Regione 3 X 1 X 1 +Y*50% In ritardo X1+Y*50%-Z Regione 4 In anticipo X1+Y*50%+Z Regione 5 In linea X1+Y*50% AA Regione 6 In ritardo X1+Y*50%-Z Regione 7 In anticipo X1+Y*50%+Z Regione 8 X 2 X 1+Y*30% In ritardo X1+Y*50%-Z Regione 9 In ritardo X1+Y*50%-Z Regione 10 In linea X1+Y*50% A Regione 11 In ritardo X1+Y*50%-Z Regione 12 In ritardo X1+Y*50%-Z Regione 13 X 3 X 1 +Y*20% In anticipo X1+Y*50%+Z Regione 14 In linea X1+Y*50% Regione 15 In ritardo X1+Y*50%-Z B Regione 16 In ritardo X1+Y*50%-Z Regione 17 In ritardo X1+Y*50%-Z Regione 18 In linea X1+Y*50% X 4 X1-Y Regione 19 In ritardo X1+Y*50%-Z Regione 20 In linea X1+Y*50% Regione 21 In ritardo X1+Y*50%-Z Totale Figura 7 Modello 1.B, esemplificativo In questo caso, il principale effetto sarebbe quello di aggiungere, oltre alla qualità del dato, determinato nel modello 1.A, i benefici dell'accelerazione della spesa, in quanto le Regioni/Province Autonome (a livello centrale) e i soggetti attuatori (a livello locale), vedrebbero valorizzate le performance progettuali. In tale prospettiva il monitoraggio è realmente un opportunità, in grado di evidenziare i progetti che performano meglio e promuovere il miglioramento continuo tramite incentivi tangibili Sistemi di incentivazione NON economici I sistemi di incentivazione NON economici non presuppongono, al contrario, la disponibilità delle necessarie risorse economiche da distribuire alle Regioni. Titolo Piano Di Azione Pagina 17 di 70

18 Ciò ovviamente non esclude che essi potrebbero essere utilizzati anche in presenza dei modelli incentivazione economica, anzi affiancati a questi ultimi, in quanto, senza avere conseguenze economiche sulle strutture che elargiscono le premialità, potrebbero comunque avere effetti positivi e potenziare i benefici degli incentivi monetari. A titolo esemplificativo ma non esaustivo, di seguito vengono descritte alcune possibili opzioni di modelli di incentivazione non economici che potrebbero essere applicati. Si specifica pertanto che essi rappresentano solo opzioni da verificare in sede di erogazione dell'azione, e che potrebbero essere affiancati o sostituiti da eventuali scelte differenti eventualmente sorte nella fase attuativa. Modello 2.A: Funzioni di rappresentanza nei rapporti istituzionali e partecipazione agli organismi decisionali/di governance Le Regioni/Province Autonome (a livello centrale) e i soggetti attuatori (a livello locale) potrebbero essere cooptati negli organismi del monitoraggio. In tal caso, si potrebbe prevedere che tali organismi (di sorveglianza, gestione, controllo, indirizzo, ecc., che già esistono o che dovessero essere costituiti con il nuovo monitoraggio) riservino posti alle Amministrazioni più virtuose, nei limiti e nei modi da determinare, ad esempio: Il CGM potrebbe riservare uno o due posti a rotazione alle Regioni/Province Autonome che occupano i posti più alti in classifica (a livello centrale); Ciascuna Regione potrebbe riservare al/ai soggetti attuatori ruoli di rappresentanza negli organismi di sorveglianza degli interventi eseguiti all'interno della Regione (a livello locale). Si può ritenere che tale forma di incentivazione, se affiancata ad altri metodi, soprattutto economici, potrebbe giovare al miglioramento del monitoraggio. Modello 2.B: Pubblicazione delle classifiche Nell'ottica di incentivare le Amministrazioni a migliorare i risultati del monitoraggio, le classifiche redatte alla fine di ogni ciclo di monitoraggio (sia nazionali sia locali) potrebbero essere pubblicate sulla sezione del sito internet del Ministero riguardante il monitoraggio dei dati. L'effetto pubblicitario non deve essere sottovalutato, in quanto il prestigio di essere posizionati ai vertici o, al contrario, nelle posizioni più basse, potrebbe generare un circolo virtuoso. Al momento, non paiono sussistere problemi di riservatezza dei dati, essendo superiore l'esigenza di trasparenza della Pubblica Amministrazione: in ogni caso, si valuterà l'opportunità di limitare la pubblicazione esclusivamente alle Amministrazioni che hanno raggiunto le posizioni di vertice in classifica. Modello 2.C: Diffusione delle best practices I referenti delle Regioni/Province Autonome più virtuose potrebbero beneficiare dell'opportunità di diffondere le best practices presso le altre Amministrazioni, nei modi e nei tempi che saranno determinati; ad esempio, potrebbero essere organizzati seminari annuali o semestrali, durante i quali i referenti presenterebbero i risultati delle proprie attività, oppure potrebbero essere organizzate tavole rotonde nelle quali le Amministrazioni locali più arretrate nel monitoraggio avrebbero l'opportunità di chiedere sostegno informativo a quelle più avanzate. Titolo Piano Di Azione Pagina 18 di 70

19 Ovviamente, a livello locale, tale attività potrebbe essere replicata con le stesse modalità; ad esempio, si potrebbe organizzare un evento annuale o semestrale, presso la sede delle Amministrazioni locali, durante il quale i soggetti attuatori più virtuosi offrano il proprio sostegno, in termini di conoscenze, ai soggetti attuatori con maggiori difficoltà Dettaglio delle attività L'attività verrà sviluppata in tre fasi: Definizione dei criteri di attribuzione premiale Verifica e messa a punto del modello Formalizzazione del modello incentivante Figura 8 Fasi dell azione A Definizione dei criteri di attribuzione premiale La prima fase dell'azione consisterà nella definizione dei criteri generali di attribuzione premiale, al fine di comprendere quali, tra i modelli proposti nella presente progettazione esecutiva sono applicabili, e se esistono altre opzioni da tenere in considerazione. Mediante il confronto con le Regioni/Province Autonome che hanno già sperimentato, in passato, modelli di incentivazione, oltre all'ovvio confronto con i referenti del MISE-DPS, si definiranno quali tipi di modelli di incentivazione possono essere approfonditi. Questa fase si concluderà con l'approvazione, da parte dei soggetti coinvolti, di tali criteri, al fine di poter definire puntualmente il modello Verifica e messa a punto del modello A seguito della fase di definizione dei criteri di attribuzione premiale e della loro relativa approvazione, si procederà, per ciascuno di essi, a definirne puntualmente le caratteristiche tecniche. In questa fase, pertanto, saranno trattati i seguenti aspetti, a titolo esemplificativo ma non esaustivo: Analisi dei vincoli normativi/di convenzione, mediante lo studio della documentazione disponibile; confronto con le Amministrazioni che vantano esperienze in merito; il supporto di esperti di Pubblica Amministrazione del GdL; Definizione dell'algoritmo/degli algoritmi alla base del modello (quantità delle risorse disponibili, criteri di attribuzione alle Amministrazioni, suddivisione dei premi, tempistiche di elargizione delle premialità, ecc); Al termine di queste attività, le proposte saranno puntualmente verificate con i soggetti coinvolti (Regioni/Province Autonome e referenti del MISE-DPS), per l'approvazione. Titolo Piano Di Azione Pagina 19 di 70

20 Formalizzazione del modello incentivante L'ultima fase sarà dedicata alla formalizzazione del modello. Concretamente, le Regioni/Province Autonome saranno supportate nella comprensione del modello definito e approvato precedentemente, fornendo loro tutte le informazioni necessarie e utili alla sua implementazione, in termini di attività di adattamento normativo, procedurale, identificazione delle esigenze formative, ecc. In modo particolare, sarà data molta importanza alla comunicazione del modello e delle sue caratteristiche, affinché tutti gli operatori prendano consapevolezza delle opportunità derivanti dal beneficio dei nuovi incentivi Deliverable L'azione prevede la consegna dei seguenti deliverable: Documento di proposta dei modelli di incentivazione da adottare, da confrontare con le Amministrazioni locali, al fine di ottenere un primo riscontro sugli approcci adottati; Documento di descrizione del modello/dei modelli di incentivazione, con indicazione delle regole che lo governano, delle specifiche tecniche, degli algoritmi sottostanti per l'attribuzione delle premialità, ecc; To do list del modello, contenente le regole operative che consentiranno di implementare il modello (modalità, tempi, ) e gli strumenti per la comunicazione e la diffusione dei contenuti Piano di lavoro L'azione "Soluzioni per attivare modelli di incentivazione per le strutture di monitoraggio", avviata all approvazione della presente progettazione esecutiva, deve essere erogata successivamente all'azione "Definizione del modello di rating per la qualità delle fonti dei dati", per sfruttare al massimo tutte le sinergie tra della valutazione delle fonti di dati (owner dei dati) e i premi a loro destinati. Considerando tutte le condizioni poste nel Master Plan della Fase B e le attività in oggetto potranno iniziare la seconda settimana del mese di giugno Questa indicazione potrà essere oggetto di revisione in base alle nuove esigenze emerse a livello centrale ovvero espresse dalle Regioni. L'azione potrà essere erogata in otto settimane, mediante l'ausilio di un team di consulenti organizzativi senior, con esperienza nella definizione di KPI e nella formulazione di sistemi premiali. Sarà sicuramente indispensabile una forte interazione con i referenti del MISE e delle Regioni/Province Autonome che abbiano esperienza dei sistemi premiali già sperimentati in passato. Titolo Piano Di Azione Pagina 20 di 70

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO INDICE PREMESSA 4 1. IL MECCANISMO DI INCENTIVAZIONE LEGATO AGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO DEL QSN 2007-2013

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Relazione finale sull avvio ciclo

Relazione finale sull avvio ciclo ARCEA Piano della performance 2015-2017 Relazione finale sull avvio ciclo approvata in data 10 aprile 2015 Relazione finale sull avvio del ciclo della performance anno 2015 (ARCEA) Pag. 1 di 36 Sommario

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli