Istituto d Istruzione Superiore "Enrico Mattei" Recanati ITIS Recanati: spec. Chimica Meccanica - Informatica Via Brodolini, Recanati (MC)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto d Istruzione Superiore "Enrico Mattei" Recanati ITIS Recanati: spec. Chimica Meccanica - Informatica Via Brodolini, 14-62019 Recanati (MC)"

Transcript

1 Istituto d Istruzione Superiore "Enrico Mattei" Recanati ITIS Recanati: spec. Chimica Meccanica - Informatica Via Brodolini, Recanati (MC) / Fax

2 Istituto d Istruzione Superiore "Enrico Mattei" Recanati ITIS Recanati: spec. Chimica Meccanica - Informatica Via Brodolini, Recanati (MC) / Fax ESAME DI STATO A. S. 2012/2013 Classe 5 a Sez. A Informatica DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ELABORATO PER LA COMMISSIONE D ESAME AI SENSI DELL ART. 5 - COMMA 2 - del D.P.R. 23 LUGLIO 1998, N 323 2

3 INDICE PROFILO DEL CORSO INFORMATICA... 4 DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE... 6 ALUNNI... 6 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE... 8 SITUAZIONE DI INGRESSO ATTIVITA DI RECUPERO ED APPROFONDIMENTO INIZIATIVE COMPLEMENTARI ED INTEGRATIVE Stage aziendali Attività culturali Visite guidate Visita di istruzione Orientamento OBIETTIVI GENERALI E TRASVERSALI AREA DI PROGETTO OBIETTIVI DISCIPLINARI E CONTENUTI DELLE SINGOLE MATERIE Materia: RELIGIONE Materia: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Materia: STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE Materia: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Materia: SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI Materia: INFORMATICA Materia: MATEMATICA Materia: CALCOLO DELLE PROBABILITÀ, STATISTICA, RICERCA OPERATIVA Materia: EDUCAZIONE FISICA DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLA PREPARAZIONE DELLA 3a PROVA INDICATORI PER LE PROVE SCRITTE ED IL COLLOQUIO ª SIMULAZIONE TERZA PROVA SCRITTA (11/04/2013) ª SIMULAZIONE TERZA PROVA SCRITTA (08/05/2013) SIMULAZIONE PRIMA PROVA SCRITTA SIMULAZIONE SECONDA PROVA SCRITTA

4 PROFILO DEL CORSO INFORMATICA Il corso di studi dell'istituto Tecnico Industriale "Enrico Mattei" è caratterizzato da un biennio di preparazione e da un triennio di specializzazione in: CHIMICA INDUSTRIALE MECCANICA INFORMATICA FINALITA DEL CORSO DI INFORMATICA Il corso di Informatica ha come fine principale quello di mettere il Perito Informatico in grado di affrontare (dall analisi fino alla documentazione) la soluzione di un problema, posto dalla richiesta di un ipotetico committente, scegliendo le metodologie e gli strumenti software più idonei, ed inoltre fornirgli la formazione di base che gli consenta di seguire con una certa autonomia l evoluzione delle tecnologie informatiche. Vengono fornite all alunno le conoscenze e le abilità necessarie per l uso di un sistema di elaborazione ai più alti livelli della gerarchia che lo modella (linguaggi ad alto o altissimo livello, linguaggi applicativi). La disciplina deve essere intesa soprattutto come l ambiente in cui si sviluppano le capacità di analizzare e risolvere problemi (anche di una certa complessità) di varia natura, e dove di volta in volta vengono proposti i paradigmi e gli strumenti linguistici più idonei alla natura del problema. Si ricorre ripetutamente al concetto di paradigma che, in questo contesto, si intende come chiave di interpretazione dei problemi e come modello di costruzione delle soluzioni (imperativo, logico, funzionale, rivolto agli oggetti, agli eventi, alle basi di dati). Lo studente, allo scopo di raggiungere una certa flessibilità e la capacità di affrontare nuove prospettive, deve acquisire alcune di queste chiavi e la capacità di impiegarle nei contesti appropriati. Le materie che contraddistinguono l'indirizzo sono: Elettronica, Informatica e Sistemi di elaborazione. Hanno in comune, come oggetto di studio, il calcolatore: come si usa, come funziona, perché funziona così. Al temine del corso di studio il perito informatico sarà in grado di collaborare all'analisi di sistemi di vario genere ed alla progettazione dei programmi applicativi; elaborare informazioni di tipo multimediale; collaborare, per quanto riguarda lo sviluppo del software, alla progettazione di sistemi industriali e di telecomunicazione; sviluppare piccoli pacchetti di software nell'ambito di applicazioni di vario genere, come sistemi di acquisizione ed elaborazione dati, banche dati, calcolo tecnico scientifico, sistemi gestionali; progettare piccoli sistemi di elaborazione dati; 4

5 pianificare lo sviluppo delle risorse informatiche in piccole realtà produttive e dimensionare piccoli sistemi di elaborazione dati; assistere gli utenti di sistemi di elaborazione dati fornendo loro consulenza e formazione di base sul software e sull'hardware; progettare e gestire reti e realizzare siti web; comprendere manuali d'uso, documenti tecnici vari in lingua inglese. Il conseguimento del diploma consentirà l impiego nei seguenti settori: imprese specializzate nella produzione e nell assemblaggio di hardware; imprese specializzate nella creazione e gestione di software; imprese che si occupano della progettazione, realizzazione e gestione di reti; agenzie che producono siti web. L indirizzo offre inoltre una formazione di base valida per affrontare proficuamente gli studi universitari in qualsiasi facoltà, comprese quelle scientifiche. 5

6 DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE DISCIPLINE DOCENTI DEL TRIENNIO TERZA QUARTA QUINTA Italiano e Storia Boriani Simonetta Boriani Simonetta Senesi Paola Matematica Martucci Roberto Martucci Roberto Martucci Roberto Inglese Trubbiani Simona Marinangeli Barbara D Amico Paola Informatica Pierantoni Celestino Righetti Franca Righetti Franca Sistemi di elaborazione e trasmissione delle informazioni Righetti Franca Marco Vita Marco Vita Elettronica e telecomunicazione Antognini Lucia Antognini Lucia Saltari Fabrizio Calcolo delle probabilità, statistica, ricerca operativa Di Censo Paola Naspetti Simona Mercanti Giuseppe Educazione Fisica Falappa Alvaro Tordelli Roberto Tordelli Roberto Religione Brasca Paolo Brasca Paolo Brasca Paolo Itp Elettronica Arcangeli Mauro Arcangeli Mauro Arcangeli Mauro Itp Sistemi Ghezzi Annalisa Ghezzi Annalisa Itp Informatica Caterbetti Christian Ghezzi Annalisa Itp Matematica Ghezzi Annalisa Ghezzi Annalisa Ghezzi Annalisa Itp Statistica Luciani Alex Caterbetti Christian Ghezzi Annalisa ALUNNI N.ro Alunno 1 Belluccini Emanuele 2 Boksich Brian Ivan 3 Camilletti Davide 4 Carsughi Mattia 5 Cecconi Matteo 6 Del Sambro Federico 7 Filippetti Christian 8 Giri Alessandro 9 Giuggioloni Federico 10 Istin Madalina Ionela 11 Maghrebi Mohamed 12 Malaccari Luca 13 Mercuri Federico 14 Mignanelli Andrea 15 Nicolo' Giovanni 16 Piolo Davide 6

7 17 Pirone Giuseppe 18 Quagliatini Luca 19 Ryszka Artur Oskar 20 Sahovic Asmir 21 Saunier Christophe 22 Tiranti Nicola 23 Torregiani Lorenzo 24 Violini Marcello 25 Vitali Francasco 7

8 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Flussi degli studenti della classe CLASSE TERZA (a.s.2010/11) QUARTA (a.s. 2011/12) QUINTA (a.s. 2012/13) ISCRITTI ISCRITTI NUMERO DELLA DA PROMOSSI A RITIRATI ISCRITTI STESSA ALTRA GIUGNO CLASSE CLASSE PROMOSSI ESAME NON SOSP. PROMOSSI GIUDIZIO Il comportamento della classe è stato sempre alquanto vivace durante tutto il triennio. L avvicendamento di alcuni insegnanti del Consiglio di Classe ha certamente contribuito a creare un certo disorientamento sia dal punto di vista didattico che disciplinare. La classe è poco coesa, anche per l inserimento di nuovi alunni provenienti da altre scuole o da altre classi, avvenuto nel corso dell intero triennio. Durante il terzo e il quarto anno scolastico, i docenti hanno evidenziato risultati eccellenti da parte di una minoranza di studenti, mentre la maggior parte della classe si è attestata su livelli più che sufficienti. In alcuni casi, l impegno poco costruttivo e la mancanza di collaborazione, soprattutto nelle ore di laboratorio, hanno comportato il raggiungimento di livelli appena sufficienti. Non tutti gli alunni hanno elaborato gli argomenti trattati e hanno seguito le indicazioni di lavoro suggerite. Discontinuo e superficiale è stato l impegno a casa. Nel corso del quinto anno sono emerse più chiaramente le caratteristiche di ciascuno studente. Alcuni hanno raggiunto un ottima preparazione in tutte le materie, grazie al loro estremo interesse per gli argomenti trattati nel corso degli studi; altri hanno dimostrato una predilezione particolare nei confronti di alcune aree disciplinari a discapito di altre. Ad ogni modo, anche laddove gli studenti non hanno prediletto lo studio teorico, il loro livello di competenze è comunque sufficiente. Tali competenze si sono manifestate soprattutto negli stages presso le aziende ai quali tutta la classe ha partecipato con entusiasmo raccogliendo lodevoli apprezzamenti da parte dei tutor aziendali. 8

9 Da ultimo vanno segnalati alcuni alunni il cui grado di preparazione risulta a tutt oggi ancora lacunoso, con debiti del primo quadrimestre non ancora recuperati. Questi casi verranno discussi e valutati singolarmente in sede di scrutinio finale. 9

10 SITUAZIONE DI INGRESSO 5ªA Informatica, risultati del 2 scrutinio finale classe 4ª A Informatica Materia N studenti con voto 6 N studenti con voto 7 N studenti con voto Lingua e lettere italiane Storia Educazione Civica Lingua straniera (Inglese) Matematica Informatica Sistemi di elaborazione e trasmissione delle informazioni Elettronica e telecomunicazioni Calcolo delle probabilità, statistica, ricerca operativa Educazione Fisica Dal computo sono stati esclusi i 2 ripetenti ATTIVITA DI RECUPERO ED APPROFONDIMENTO Resoconto delle attività svolte al fine del recupero del debito formativo e altre attività mirate allo svolgimento dell'esame di stato. Materia Contenuti Ore Studenti destinatari Matematica Corso recupero (pomeridiano) 5 Gravemente insufficienti Nella settimana comprese tra il 7 Gennaio ed il 19 Gennaio 2013, in orario antimeridiano o in altra settimana successiva al termine del primo quadrimestre e comunque precedenti l inizio delle prove di verifica per il recupero delle insufficienze, tutti i docenti hanno fermato lo svolgimento del programma e destinato le ore curricolari previste ad attività di recupero nell ambito della quota del 20%, in accordo con le modalità stabilite dalle disposizioni ministeriali riguardanti la flessibilità oraria. 10

11 INIZIATIVE COMPLEMENTARI ED INTEGRATIVE (D.P.R. 567/96 e direttiva 133/96) Stage aziendali Obiettivi generali STUDENTE AZIENDA TUTOR Belluccini Emanuele Computer Assistant Righetti Boksich Brian Ivan Teuco Righetti Camilletti Davide scuola Carsughi Mattia Officine DRAG Vita Cecconi Matteo scuola Del Sambro Federico ComputerClick Arcangeli Filippetti Christian Core System Ghezzi Giri Alessandro Univ. Ancona Saltari Giuggioloni Federico LEJOT Saltari Istin Madalina Ionela Comune Recanati Righetti Maghrebi Mohamed ICOM Arcangeli Malaccari Luca Officine DRAG Vita Mercuri Federico Abacus Gullini Mignanelli Andrea scuola Nicolo' Giovanni scuola Piolo Davide ICOM Arcangeli Pirone Giuseppe FdB informatica Ghezzi Quagliatini Luca Data Service Saltari Ryszka Artur Oskar I Guzzini Bernasconi Sahovic Asmir Teuco Righetti Saunier Christophe scuola Tiranti Nicola Infoeasy Gullini Torregiani Lorenzo scuola Violini Marcello Comune Recanati Righetti Vitali Francesco scuola Conoscenza della realtà produttiva del territorio. Integrazione dei contenuti scolastici con quelli del mondo produttivo-professionale per un confronto con la realtà lavorativa e un più facile inserimento nel mondo del lavoro. Estrapolazione dei contenuti acquisiti ed applicazione degli stessi alle problematiche legate al mondo del lavoro. 11

12 Considerazioni generali Il progetto ha previsto la sospensione dell attività curriculare nel periodo dall 11 al 16 Febbraio Verifica e Valutazione Tutti gli allievi hanno mostrato un atteggiamento motivato, un impegno adeguato ed una completa comprensione degli obiettivi prefissati; ogni alunno ha elaborato una tesina finale sull esperienza vissuta. Attività culturali 20 e 21/11/2012 Aula multimediale: Progetto Martina Parliamo ai giovani dei tumori relatore Dott. Paolo Staffolani. 22/11/2012 Aula multimediale: incontro con le Forze Armate. 25/03/ Aula multimediale: seminario di educazione per la sicurezza stradale Incidentalità stradale conseguente all uso di alcolici e stupefacenti relatore: dott. P. Nanni, Dipartimento Dipendenze Patologiche di Macerata. Aprile 2013: Partecipazione ai Giochi Sportivi Studenteschi. Gare di calcetto a 5 e pallamano. 16 Aprile 2013: partecipazione alla selezione scolastica di High School Games Maggio 2013: partecipazione alla finale nazionale di High School Games 2013 a Jesi. Visite guidate 07 e 08 Dicembre Fiera elettronica a Civitanova Marche. 13 Marzo 2013 Gruppo Loccioni a Maiolati Spontini (An). 7 Maggio2013 Tecnostampa e Rotopress International a Loreto. Visita di istruzione Meta: Innsbruck Monaco Praga durata giorni 6: dal 22 al 27 Ottobre 2013 obiettivi: socializzazione, capacità di sapersi orientare e gestire in un soggiorno all'estero contenuti: Italiano, Storia, Arte, Cultura e Costumi di vita. Orientamento 08/02/ Università di Ancona. 22/02/2013 Aula multimediale: Seminario Prof. F. Corradini Magnifico Rettore dell Università di Camerino Dalla formazione al lavoro. 05/03/ Incontro-Seminario con il Direttore della Direzione Provinciale del Lavoro di Macerata sul tema del "nuovo contratto di apprendistato". 12

13 OBIETTIVI GENERALI E TRASVERSALI Capacità di inserimento nella società secondo principi morali, civili e democratici. Acquisizione di sensibilità verso problematiche ambientali. Capacità di inserimento nella realtà produttiva. Formazione globale atta all'inserimento in ambito universitario. Conoscenza ed utilizzazione di saperi specialistici e interdisciplinari. Conoscenze di base in ambito economico-gestionale. Capacità di utilizzazione di mezzi multimediali per la ricerca e la comunicazione. Conoscenze di norme fondamentali antinfortunistiche e di sicurezza. Capacità linguistico-espressive e logico-matematiche. Conoscenze delle norme UNI ISO relative al Sistema Qualità. Discipline ed attività coinvolte per il raggiungimento degli obiettivi generali e trasversali: discipline curriculari; stage; orientamento universitario; attività atletico sportive; visite aziendali e d istruzione; corso di preparazione alla certificazione della lingua inglese PET (fino al 4 anno); corso per la patente europea del computer ECDL. AREA DI PROGETTO L area di progetto si è concretizzata nella realizzazione di elaborati per lo sviluppo dei quali sono state utilizzate le ore di laboratorio delle materie di Informatica, Sistemi, Matematica ed Elettronica e incontri pomeridiani nell ambito del progetto MatteiDEV. I lavori prodotti sono di seguito indicati: 13

14 Belluccini Emanuele Boksich Brian Ivan Camilletti Davide Carsughi Mattia Cecconi Matteo Del Sambro Federico Filippetti Christian Giri Alessandro Giuggioloni Federico Istin Madalina Ionela Maghrebi Mohamed Malaccari Luca Mercuri Federico Mignanelli Andrea Nicolo' Giovanni Piolo Davide Pirone Giuseppe Quagliatini Luca Ryszka Artur Oskar Sahovic Asmir Saunier Christophe Tiranti Nicola Torregiani Lorenzo Violini Marcello Vitali Francesco Applicazione Android: registro assenze elettronico Arduino web Impianti fotovoltaici Sito web Weddings Sito: L intelligenza artificiale Sito: Internet, computer e sicurezza nel web Votaonline.com Applicazione Android: registro assenze elettronico Applicazione testiera fonetica Sito Coco Chanel Sito: L intelligenza artificiale Sito web Weddings Sito: I vari tipi di memoria Sito: La prima guerra mondiale Sito: E-commerce Il codice morse Sito: il tema della seconda guerra nella letteratura del 900 MatteiDEV [Wordpress] Premierleaguekids.it Sito web MatteiDEV [Wordpress] Sito: Seconda guerra mondiale Impianti fotovoltaici Sito Mia Clubbing Sito: Seconda guerra mondiale Finalità Applicazione dei principi fondamentali affrontati nello studio delle diverse discipline. 14

15 OBIETTIVI DISCIPLINARI E CONTENUTI DELLE SINGOLE MATERIE Ore di lezione alla stesura del documento 27 Materia: RELIGIONE MODULO 1: questioni di etica CONTENUTI CONOSCENZE COMPETENZE che cosa è l'etica la natura dell'etica religiosa; il relativismo etico; principi di etica cristiana; bioetica: aborto, eutanasia, suicidio, fecondazione assistita, sperimentazione scientifica; la società contemporanea alla luce di Cristo: etica economica: solidarietà e sussidiarietà. comprendere la natura e il valore dell'etica e in particolar modo dell'etica religiosa cristiana; conoscere cosa sia il relativismo etico e il ruolo che gioca all'interno della società contemporanea; riuscire a saper discutere, pensare e affrontare i problemi della vita di oggi alla luce del messaggio di Cristo. Sapere affrontare la vita secondo la propria coscienza; riuscire a comprendere il valore delle parole di Cristo per l'uomo LIVELLO DI ACCETTABILITA delle conoscenze e delle competenze Conoscere minimamente l'etica cristiana e saper discutere sopra le problematiche attuali con maturità RELAZIONE PROGRAMMA SVOLTO durante òa prima parte dell'anno scolastico si è discusso in particolar modo delle problematiche inerenti l'etica della vita: aborto, eutanasia, suicidio, fecondazione assistita e sperimentazione scienifica. Poi, leggendo e analizzando l Introduzione, e il Cap. Terzo di Caritas in Veritate di Benedetto XVI si è voluto delineare innanzitutto cosa sia l'etica in senso generale e l'etica cristiana in senso specifico, affrontando poi in particolar modo i nuovi problemi sociali ed econominici. Quindi sono stati trattati i seguenti punti generali: 1) il relativismo etico della società contemporanea a confronto della voce di Cristo; 2) l'importanza della vita umana; 3) il valore della libertà dell'uomo, della sua coscienza e della responsabilità individuale e comunitaria; 4) il significato della fratellanza e della solidarietà; 5) i problemi sociali odierni analizzati secondo il Vangelo; 6) la missionarietà della chiesa verso la povertà materiale e la povertà spirituale dell'uomo di oggi. Attraverso ciò si è voluto aiutare l'alunno a comprendere la natura dell'etica, a riflettere in modo più maturo sopra la propria vita, a pensare e a discutere ragionevolmente sopra alcuni problemi morali e sociali dell'epoca che viviamo. 15

16 Materia: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno scolastico: 2012/2013 Classe: V A Indirizzo: Informatica Docente: prof.ssa Senesi Paola Testo in adozione: Magri, Vittorini, Il nuovo fare letteratura, vol. III, Paravia Ore di lezione svolte alla data di stesura del documento: 96 Programma svolto La narrativa del secondo Ottocento Positivismo, Realismo, Naturalismo e Verismo. Letture: Da Madame Bovary: La morte di Emma. Da La fortuna dei Rougon: Prefazione. Giovanni Verga: La vita e le opere principali. L ideologia e la poetica. Letture: Da Vita dei campi: Rosso Malpelo. Da I Malavoglia: La Prefazione: i vinti nella lotta per l esistenza ; La famiglia Toscano ; Ntoni tradisce l ideale dell ostica. Da Mastro-don Gesualdo: La morte di Gesualdo. L età del decadentismo Decadentismo, Simbolismo, Scapigliatura ed Estetismo. Giovanni Pascoli: La vita e le opere principali. Il pensiero e la poetica. Letture: Da Myricae: Lavandare ; X Agosto. Da Canti di Castelvecchio: La mia sera ; Il gelsomino notturno. Gabriele d Annunzio: La vita e le opere principali. L ideologia e la poetica. Letture: Da Il piacere: La filosofia del dandy. Da Alcyone : La sera fiesolana. La narrativa della prima metà del Novecento Il romanzo della crisi. Italo Svevo: La vita. Il pensiero e la poetica. La coscienza di Zeno. Letture: Da La coscienza di Zeno: La doppia introduzione: la Prefazione e il Preambolo ; Il vizio del fumo: il sintomo della malattia ; La conclusione del romanzo. Luigi Pirandello: La vita e le opere principali. La visione del mondo e la poetica. Letture: Da L umorismo: Il sentimento del contrario. Da Novelle per un anno: Ciàula scopre la luna ; Il treno ha fischiato ; La patente. Da Il fu Mattia Pascal: Adriano Meis non esiste: crolla la finzione ; La conclusione. 16

17 La poesia della prima metà del Novecento Futurismo e Crepuscolarismo: caratteri generali. Giuseppe Ungaretti: La vita e le opere principali. L allegria. Letture: Da L allegria: Veglia ; S. Martino del Carso ; Fratelli ; Soldati ; Il porto sepolto. Eugenio Montale: La vita e le opere principali. Ossi di seppia. Letture: Da Ossi di seppia: Non chiederci la parola ; Spesso il male di vivere ho incontrato. Umberto Saba: La vita e le opere principali. Il Canzoniere. Letture: Da Il Canzoniere: Amai ; Mio padre è stato per me l assassino. 17

18 Materia: STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE Anno scolastico: 2012/2013 Classe: V A Indirizzo: Informatica Docente: prof.ssa Senesi Paola Testo in adozione: Fossati, Luppi, Zanette, Passato e presente, vol. III, Ed. Scolastiche Bruno Mondadori Ore di lezione svolte alla data di stesura del documento: 50 Programma svolto L età giolittiana: I caratteri generali dell età giolittiana. Il decollo industriale dell Italia. Sviluppo e squilibri sociali. Il doppio volto di Giolitti. La prima guerra mondiale: Le cause del conflitto. I principali eventi. L intervento italiano. L intervento statunitense. I trattati di pace. Le caratteristiche e le conseguenze della Grande guerra. La rivoluzione russa: La rivoluzione d ottobre. La dittatura del proletariato. La nuova politica economica. La nascita dell Unione Sovietica. Totalitarismi e democrazie: Caratteristiche dei regimi totalitari e dei sistemi democratici. Lo stalinismo: Stalin conquista il potere. L Unione Sovietica di Stalin. Il fascismo: La situazione italiana nel dopoguerra. Le origini del fascismo e la presa del potere. La fase legalitaria. L Italia fascista. La crisi del 29 e il New Deal : Gli anni ruggenti. Il crollo della borsa di Wall Street. La crisi in Europa e nel mondo. Roosevelt e il New Deal. Il nazismo: La situazione tedesca nel dopoguerra. Le origini e l ideologia del nazismo. La Germania nazista. L antisemitismo e lo sterminio degli ebrei. La seconda guerra mondiale: Le cause del conflitto. I principali eventi. La Resistenza in Europa e in Italia. I trattati di pace. Le caratteristiche della guerra. La guerra fredda: Le conseguenze della seconda guerra mondiale. La fine della grande alleanza. Il bipolarismo. L Italia repubblicana: La scelta repubblicana. La Costituzione. 18

19 Materia: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Docenti Prof.ssa Paola D Amico Ore di lezione alla stesura del documento 71. Libro di testo adottato: Carla Matassi e Marzia Menchetti - TOTALLY CONNECTED Ed. Clitt. CONTENUTI CONOSCENZE COMPETENZE MODULE 0: GETTING TO KNOW THE MACHINE OF THE MILLENNIUM MODULE 1: INTRODUCTION COMPUTERS MODULE 3: THE INFORMATION SUPERHIGHWAY TO MODULE 4: THE BRAIN OF EVERY COMPUTER MODULE 5: OPERATING SYSTEMS -From Hardware to Software: What is a computer? (pag.12) -Hardware-Software (pagg.14-15) -Computer Systems (pagg ) -Types of computers (pagg.30-33) - Analogue to Digital and viceversa (pagg ) -Interconnected networks: the Internet and its historical beginnings (pagg.63-67) -All s Hot: the World Wide Web; ISP, HTML, Downloading Software, (pagg.68-73) -Who sends letters anymore? (pagg.74-77) - From Newsgroup to Twitter: social networks (pagg.78-83) -Protect yourself (pag.84) -The processing unit (pagg ) -Memory (pagg ) -Magnetic media (pagg ) -Optical disks (pagg ; 126 ) - What is an O.S.; main functions of O.S.; types of O.S.; Unix, Linux, LindowsOS. (pagg ) -Application packages (DBMS) (pagg ) -Some general packages (pagg ) Listening Comprehension: listening to a passage and completing it, answering questions, taking notes, filling in the gaps with missing words, putting sentences in the correct order; matching descriptions to pictures. Reading comprehension: reading a passage and answering questions or deciding if related statements are right/wrong Speaking: Summarizing a passage, discussing one s own opinion regarding a topic, describing a picture. Writing: writing a short composition; writing the correct titles for given 19

20 MODULE 6: LANGUAGES MODULE 9: OUR WIRED WORLD -Main classification of Programming Languages (pagg ) -Low level languages: Machine code and Assembly (1 st and 2 nd generation languages) (pagg ) -High level languages (3 rd, 4 th and 5 th generation languages (pagg ) -Special languages (computer language translators; visual languages; macrolanguages) (pagg ) -Types of networks (LAN, MAN, WAN, SAN, PAN, VPN, Intranet, Extranet) (pagg ) -Networking devices: end-user devices and network devices (pagg ) -Network Topologies: physical topology (bus, ring, star, extended star, hierarchical, mesh) and logical topology (broadcast and token passing) (pagg ). -Long distance communications (wire and wireless media) (pagg ) -Properties of transmission: type of signal (digital and analogue; MODEM and ISDN), type of data movement (simplex, half-duplex and full-duplex transmissions), methods of transmission (asynchronous and synchronous) (pagg ) definitions. 20

21 Materia: SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI Programma svolto prof. Marco Vita Docenti Prof. Marco Vita e Prof/ssa Ghezzi Annalisa. Ore di lezione alla stesura del documento 117. Testo di riferimento: Reti internet e tecnologie web Autori:Lorenzi-Pizzagalli- Rizzi Casa Editrice:Atlas CONTENUTI Tutti i contenuti del corso sono inerenti le Reti informatiche e le Tecnologie del Web: Il seguente schema rappresenta una macro organizzazione logica degli argomenti trattati. RETI Architettura TCP/IP - livello applicativo - livello di trasporto - livello di rete (Internet) - livello collegamento TECNOLOGIE WEB HTML - CSS Programmazione lato client Javascript Tecnologie di rete Mezzi Trasmissivi e reti locali Progettazione e Configurazione di rete DETTAGLIO UdA Conoscenze Competenze Tecnologie delle reti - Concetto generale di rete e rete di computer - Evoluzione delle reti di calcolatori: dal mainframe ai sistemi distribuiti - Modello client/server e peer to peer - Classificazione delle reti per estensione e per prestazioni (LAN, MAN, WAN) - Principali servizi e vantaggi dei sistemi in rete LAN - Unità di misura delle velocità di trasmissione - tecniche di commutazione (circuito, pacchetto) - reti broadcast, multicast e punto-punto - Regole per il trasferimento dei dati (simplex, half-duplex, full-duplex) - Linee Analogiche, ISDN, DSL, ADSL, linee dedicate - Conoscere vantaggi e svantaggi delle diverse tipologie di rete - Rilevare gli standard presenti nelle tecnologie delle reti di computer - Spiegare in termini funzionali le componenti delle moderne architetture di rete - Saper confrontare le velocità di trasmissione usando le unità di misura corrette VERIFICHE SVOLTE - Interrogazioni - Verifiche scritte a domande aperte/chiuse/ semichiuse 21

22 Livelli Fisico e Data Link del modello TCP/IP - Architettura di rete: comunicazione tra peer entity e funzionamento generale di una architettura a livelli - Modello ISO/OSI - funzioni fondamentali dei livelli ISO/OSI - Modello TCP/IP - Caratteristiche generali dei mezzi trasmissivi e classificazione (caratteristiche fisiche) - I principali mezzi trasmissivi cablati (doppino, cavo coassiale, fibre ottiche) - Wireless per le reti WAN: le generazioni della telefonia cellulare - codifica dei dati - topologie delle reti (definizione di topologia e principali topologie con vantaggi e svantaggi di ciascuna) - Generalità sul livello 2 ISO/OSI (data link) - MAC address - Ethernet IEEE (Caratteristiche, principali, versioni, formato della trama, CSMA/CD) - Wi-Fi IEEE x (Caratteristiche principali, versioni, dispositivi, terminologia, modalità di funzionamento, formato del frame, CSMA/CA) - Distinguere le caratteristiche ed i campi di applicazione dei diversi tipi di mezzi trasmissivi - descrivere graficamente la topologia di una rete - descrivere le caratteristiche fondamentali di una rete locale - Conoscere gli aspetti tecnici ed evolutivi dei mezzi fisici di collegamento tra computer - conoscere l architettura e la topologia delle moderne reti LAN - distinguere le principali modalità di accesso al mezzo trasmissivo delle LAN - Interrogazioni - Verifiche scritte a domande aperte/chiuse/ semichiuse Livelli Network, Transport, Application del modello TCP/IP Amministrazione di rete e sicurezza - Internetworking e modello TCP/IP - Interconnessione di reti attraverso router (routing) - Indirizzi IP - Le sottoreti (subnet mask) - Protocollo IP - Protocollo ICMP - Protocolli ARP e RARP - Tecniche per l instradamento dei pacchetti - Protocolli di routing link state e distance vector (cenni) - I principali protocolli di routing (IP, ICMP, ARP,RARP) - I protocolli del livello trasporto (TCP, UDP) - Nomi di dominio e DNS - DHCP - Protocolli per il servizio di POP3,IMAP,SMTP - HTTP, HTTPS, SSL - FTP - Sintesi di altri protocolli del livello application (Telnet, NAT) - Comandi di rete: ipconfig, nslookup, ping, tracert, arp a, netstat, route - Dispositivi di interconnessione delle reti (Bridge, Switch, Router, Hub ) - Subnetting ed indirizzamento logico dei dispositivi in rete - NAT statico e dinamico - VPN - Firewall ACL - Server web - Riconoscere la struttura di un indirizzo IP e di un indirizzo simbolico - risolvere un nome o un indirizzo IP - segmentare una rete in sottoreti - saper usare i principali comandi di rete - saper usare i programmi di livello applicativo Telnet, FTP, SMTP, POP3, HTTP, SSL, DNS, DHCP. - Capire l infrastruttura che consente agli host ed agli utenti di accedere alla rete ed utilizzarne i servizi - Cogliere gli aspetti evolutivi che creano nuove tecnologie per internet - Realizzare programmi offrono servizi di rete con linguaggio di programmazione C#. - Assegnare gli indirizzi IP ai dispositivi in rete rispettando requisiti funzionali e requisiti dettati dalla topologia di rete - Configurare un firewall - Configurare un server web - Interrogazioni - Verifiche scritte a domande aperte/chiuse/ semichiuse - Verifiche scritte di indirizzamento logico in rete 22

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP Paolo Camagni Riccardo Nikolassy I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP EDITORE ULRICO

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Istituto Statale Superiore Ernesto Balducci Via Aretina, 78/a 50065 Pontassieve (FI) tel. 055/8316806 fax 055/8316809 www.istitutobalducci.it - mail presidenza@istitutobalducci.it Codice fiscale n. 94052770487

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli