I.T.I.S. Carlo Zuccante Venezia Mestre. Triennio di specializzazione in Informatica, sperimentazione ABACUS.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.T.I.S. Carlo Zuccante Venezia Mestre. Triennio di specializzazione in Informatica, sperimentazione ABACUS."

Transcript

1 I.T.I.S. Carlo Zuccante Venezia Mestre Triennio di specializzazione in Informatica, sperimentazione ABACUS. Materia: Sistemi per l elaborazione e la trasmissione dell informazione Insegnante: Stefano Lazzarini Relazione programma del quinto anno Alunno Matteo Vitturi 5ISD Anno Scolastico: 2010/2011

2 CATEGORIE DI SISTEMI INFORMATICI Centralizzati Distribuiti Centralizzati: I sistemi centralizzati sono dotati di una sola C.P.U. Si possono distinguere in sottocategorie a seconda del numero di processori che possiedono: UNIPROCESSORI: sono dotati di un solo processore. MULTIPROCESSORI: sono dotati di più processori. Distribuiti: I sistemi distribuiti sono dotati di più di una C.P.U. Ai sistemi informatici distribuiti appartengono: - MULTICOMPUTER: Le varie C.P.U. non possono distanziarsi di più di qualche metro. - RETI DI COMPUTER: Insieme di sistemi per l elaborazione automatica dell informazione collegati ad uno stesso sottosistema di telecomunicazione al fine di scambiarsi informazioni e/o condividere alcune risorse, per esempio stampanti. Le varie C.P.U. non hanno limiti di distanza tra di loro. Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011 1

3 - INTER-RETI: Le inter-reti sono reti di reti di calcolatori. Un esempio di inter-rete è internet, i cui componenti sono reti di reti di calcolatori, oppure le intranet aziendali. Si dividono in reti locali, reti metropolitane e reti geografiche. CATEGORIE DI RETI DI CALCOLATORI 1. Reti locali (Local Area Network - LAN): Il diametro massimo dell area coperta dalle reti locali non supera qualche Km, se due edifici sono divisi da suolo pubblico NON possono avere una stessa rete locale. 2. Reti Metropolitane (Metropolitan Area Network - MAN): Il diametro massimo dell area coperta dalle reti metropolitane può arrivare a qualche decina di Km. Il sottoinsieme di telecomunicazioni utilizzato è di proprietà di una società concessionaria di servizi di telecomunicazioni. 2 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

4 3. Reti geografiche (Wide Area Network - WAN) Il diametro massimo dell area coperto dalle geografiche non ha alcun limite di dimensioni. PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL SOTTOSISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI 1. Velocità di trasferimento: La velocità di trasferimento è definita come la quantità di informazioni che il sottosistema di telecomunicazioni è in grado di trasferire da un terminale a un altro nell unità di tempo. La quantità di informazioni si misura in bit, mentre come unità di tempo viene preso il secondo o il minuto. Misura in bps (bit per second) o multipli: Kbps=10 3 bps, Mbps=10 6 bps, Gbps=10 9 bps. LAN: Centinaia o migliaia di Mbps. MAN: Qualche decina di Mbps. WAN: Qualche Mbps. 2. Ritardo di transito: Il ritardo di transito è definito come il tempo che intercorre tra l invio e la ricezione di una unità di informazione. Misura in secondi o sottomultipli: ms=10-3 s, µs=10-6 s, ns=10-9 s. 3. Tasso d errore: LAN: Qualche decina di µs. MAN: Qualche centinaia di µs. WAN: Qualche ms. Il tasso d errore è il rapporto tra la quantità di informazione ricevuta in modo errato e la quantità di informazione complessivamente trasmessa in un certo periodo di tempo ad uno stesso sistema della rete. Non ha unità di misura. Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011 3

5 LAN: Talmente basso da poter essere trascurato. MAN: Trascurabile. WAN: Non trascurabile. TOPOLOGIA È una branca della matematica che studia la forma geometrica applicata alle reti di calcolatori, si occupa delle reti come insieme di nodi congiunti tra loro da archi. Topologia di una rete locale - BUS Trasmissione in modalità broadcast. Pregi: Molto semplice. Difetti: Se due o più stazioni trasmettono contemporaneamente un segnale, questo di distrugge, quindi si avrà una perdita di informazioni. - STELLA Trasmissione in modalità broadcast. Anche in questa topologia se due o più stazioni trasmettono contemporaneamente i due rispettivi segnali si distruggono reciprocamente. Se l HUB si guasta o viene spento la comunicazione tra le stazioni è impossibile. 4 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

6 - ANELLO Trasmissione in modalità broadcast. Le stazioni si collegano attraverso le interfacce. Anche in questa topologia si possono distruggere i segnali. Principale difetto: se si spezza un cavo dell anello il segnale non può più raggiungere le stazioni che vengono dopo. Le topologie possono unirsi formandone di miste, ad esempio: HUB: Ne esistono due differenti tipi: STUPIDI : Si limitano a ricevere il segnale e a re inviarlo a tutte le stazioni. INTELLIGENTI : Ricevono il segnale, lo elaborano, guardano a che stazione è diretto e lo inviano solo a questa. Sono anche detti SWITCH. Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011 5

7 Topologia di reti metropolitane - DISTRIBUTED QUEUE DUAL BUS (DQDB) Schema logico: Schema Fisico (come realmente è): I due bus inviano continuamente delle celle vuote, a quando un interfaccia riceve una cella con delle informazioni, la trasmette sia alla propria stazione che all interfaccia successiva. Quando una stazione deve trasmettere un dato attende la prima cella vuota, appena l interfaccia la riceve la cattura, la trasmette alla stazione che la modifica e la re invia all interfaccia successiva. I messaggi trasmessi vengono ricevuti da tutte le stazioni successive o precedenti. La trasmissione è in modalità broadcast orientato. 6 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

8 Topologia delle reti geografiche - ALBERO I nodi sono collegati da archi tra loro in modo da formare un albero rovesciato. Archi = n Nodi A CICLO Archi = Nodi - A MAGLIA Archi Quando Archi = la maglia viene detta completa, viceversa incompleta. Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011 7

9 MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MESSAGGI SU UNA RETE GEOGRAFICA - A commutazione di circuito I nodi intermedi vengono detti commutatori elettrici. Il costo è direttamente proporzionale alla durata della comunicazione, non alla grandezza del messaggio. Il ritardo di transito t è proporzionale alla lunghezza del circuito. - A commutazione di messaggio Quando la sorgente invia un messaggio, questo si ferma ad ogni nodo, viene letto e rispedito ad un altro nodo finché non arriva a destinazione. 8 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

10 Quindi: Dove n è il numero di nodi intermedi, Lm è la lunghezza del messaggio e V tr è la velocità di trasferimento. - A commutazione di pacchetto Nella modalità di trasmissione a commutazione di pacchetto, il messaggio viene diviso in più pacchetti, ognuno dei quali si ferma in ogni nodo, viene letto e rispedito al nodo successivo finché non arriva a destinazione l intero messaggio. Dove n è il numero di nodi intermedi, Lp è la lunghezza del pacchetto e V tr è la velocità di trasferimento. SEGNALE Un segnale è una forma d energia che rappresenta informazioni e che si propaga su di un particolare mezzo fisico dalla sorgente dell informazione fino alla sua destinazione. Sistema di telecomunicazione Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011 9

11 Tipo di segnale Natura Energia Mezzo Fisico Forma Elettrico Elettrica Fili conduttori Analogico/Digitale Ottico Luminosa Fibre ottiche Digitale Radio Elettromagnetica Nessuno Analogico Tipi di segnali - ANALOGICI: Sono segnali le cui caratteristiche possono variare in ogni istante. Esempio: - DIGITALI: Sono segnali le cui caratteristiche possono cambiare solo in determinati istanti di tempo. Esempio: Modulazione La modulazione è una tecnica che consente di inserire un informazione in un segnale analogico. Demodulazione La demodulazione è una tecnica che consente di estrarre un informazione contenuta in un segnale analogico. 10 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

12 Periodo di cifra (Tb) Il periodo di cifra è l intervallo tra l inizio e la fine della trasmissione di un bit d informazione. Velocità di trasferimento dell informazione La velocità di trasferimento dell informazione è uguale al reciproco del periodo di cifra. Esempio: Se Tb = 1ms V tr = = 10 3 bps = 1 Kbps Oppure se V tr = 10 Mbps Tb = = = 0,1*10-6 = 0,1µs Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

13 LA CODIFICA A LIVELLI (segnale digitale) b i Vs t Vs 0 LOW HIGH 1 HIGH LOW Sorgente: Destinazione: 12 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

14 LA CODIFICA MANCHESTER b i Vs t Vs 0 1 Sorgente (M+) Destinazione Se il trasmettitore emette una lunga sequenza di 0 e di 1 se ci sono dei disturbi il ricevitore potrebbe sfasare di mezzo t il clock invertendo così il segnale da 0 a 1. Per evitare ciò, si può precodificare il segnale prima di trasmetterlo, in questo modo: Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

15 BITS Codifica di canale CODIFICA MANCHESTER DIFFERENZIALE Il ricevitore esegue la X-OR tra un periodo e quello precedente. 14 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

16 TIPI DI CODIFICA Codifica di linea È l operazione che inserisce il bit d informazione nel segnale da trasmettere sulla linea (codifica a livelli, codifica Manchester) Codifica di canale La codifica di canale è un operazione che trasforma la sequenza di bit generata dalla sorgente in un altra sequenza di bit adatta ad essere trasmessa sul canale di comunicazione. CODIFICA DI CANALE DI TIPO nb/mb ( n < m ) Codifica di sorgente È usata per rappresentare l informazione da trasmettere sotto forma di sequenza di bit. Tipi Di Informazione Caratteri Suoni Immagini Codifica Di Sorgente Codice ASCII Wav Avi, Jpg, Gif Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

17 TECNICHE DI MODULAZIONE Onda Portante È l energia che è in grado di propagarsi attraverso un mezzo fisico. Dove A è l ampiezza dell onda portante, è la frequenza e è la fase. ; TIPI FONDAMENTALI DI MODULAZIONE - ASK (Ampliage Shift Keying) - Modulazione di ampiezza - FSK (Frequency Shift Keying) - Modulazione di frequenza - PSK (Phase Shift Keying) - Modulazione di fase 16 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

18 Modulazione ASK Bit Ampiezza 0 A 0 = 0 1 A 1 = 1 Modulazione FSK Bit Frequenza 0 f 0 = f 1 f 1 = 2f Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

19 Modulazione PSK È la modulazione più usata. Bit 0 1 Fase Esistono anche delle varianti alla modulazione PSK, la 4PSK e la 8PSK Bit 4PSK Bit 8PSK i 18 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

20 MEZZI FISICI Attenuazione È il rapporto tra la potenza del segnale trasmesso e quella del segnale ricevuto dalla destinazione. Segnale di potenza Mezzo fisico Segnale di potenza Pt (potenza trasmessa) > Pr (potenza ricevuta) Esempio: Pt = 1W; Pr = 1mW MEZZI FISICI IN CASCATA CAVO LUNGO L METRI A[dBm] = (decibel per metro) Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

21 FREQUENZA DI TAGLIO INFERIORE (f - t ) e FREQUENZA DI TAGLIO SUPERIORE (f + t ) e BANDA PASSANTE Larghezza di banda La larghezza di banda è la differenza fra la f t + e la f t -. Rumore Il rumore è un segnale indesiderato che viene ricevuto dalla destinazione assieme a quello trasmesso dalla sorgente sul mezzo fisico. Segnale trasmesso di potenza Mezzo fisico Segnale ricevuto di potenza P st > P sr +P r P r = potenza del rumore IL RAPPORTO SEGNALE-RUMORE 20 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

22 TIPI DI RUMORE Rumore interno: cause Agitazione termica Eco Rumore esterno o disturbo: cause Interferenze Elettromagnetiche Capacità di un mezzo fisico La capacità di un mezzo fisico è la massima quantità di informazione che può essere trasferita nell unità di tempo nel mezzo fisico. TEOREMA DI SHANNON Maggiore è la banda e maggiore sarà la capacità. Esempio: ; Larghezza di Banda: B=3100 Hz Rapporto Segnale-Rumore: SNR 1000 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

23 MEZZI FISICI PER LA TRASMISSIONE DEI SEGNALI ELETTRICI 1. Cavi a coppie simmetriche (doppini) Sono composti da coppie di fili conduttori, ciascuno dei quali è rivestito da una guaina di materiale isolante. I due fili di ogni coppia sono intrecciati tra loro nel modo più simmetrico possibile. Un cavo contiene al suo interno più di una coppia di questo tipo, in modo da consentire la trasmissione di più canali contemporaneamente. Si cerca di eliminare il più possibile gli effetti del rumore esterno per mezzo del fenomeno fisico di cancellazione. IL FENOMENO DELLA CANCELLAZIONE Amplificando differenzialmente: IS + IR - ( - (IS - IR)) = IS + IR + IS - IR = 2IS TIPI DI CAVI A COPPIE SIMMETRICHE UTP (Unshielded Twisted Pair) - STP (Shielded Twisted Pair) - S/UTP (Screened UTP) - S/STP (Screened STP) - 22 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

24 CATEGORIE NELLE QUALI VENGONO USATI I CAVI A COPPIE SIMMETRICHE 1. Linee Telefoniche Analogiche 2. Linee Telefoniche ISDN 3. Fino a 16 MHz 4. Fino a 20 Mhz 5. Fino a 100 MHz 6. Fino a 250 MHz 7. Fino a 600 MHz 2. Cavi a coppie coassiali Sono composti da un filo centrale conduttore chiamato soul (anima) su cui viaggia la corrente di andata del segnale e da una maglia nella quale circola la corrente di ritorno. L anima è ricoperta da una guaina isolante a sua volta ricoperta da fili conduttori che fungono da schermo per le onde elettromagnetiche. CATEGORIE Segnali digitali: impedenza caratteristica = 50 Ω Segnali analogici: impedenza caratteristica = 75 Ω Il segnale viaggia a circa Km/s Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

25 FIBRE OTTICHE Nucleo(25 µm) Mantello(125 µm) Attenuazione = 0,2 db/km Il materiale utilizzato nelle fibre ottiche è trasparente ed è un materiale plastico. Le fibre ottiche sono usate per comunicazioni a grande distanza. 0,2 db/km * 5 Km = 1 db => P rx 80% Ptx 0,2 db/km * 15 Km = 3 db => P rx 50% Ptx 0,2 db/km * 30 Km = 6 db => P rx 25% Ptx Come si è calcolato il valore in percentuale: Il principio utilizzato nelle fibre ottiche è quello della riflessione totale Velocità della luce: c = 300 * 10 6 m/s V materiale < c 24 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

26 INDICE DI RIFRAZIONE È definito come indice di rifrazione del materiale, il rapporto tra la velocità della luce e la velocità di propagazione all interno del materiale. Viene indicato con il simbolo n. L angolo di incidenza θ 1 è l angolo compreso tra il raggio incidente e la retta perpendicolare alla superficie di separazione che passa per il punto di incidenza. LEGGE DI SNELL: Supponiamo di avere 2 materiali plastici trasparenti con diverso indice di rifrazione e separati da una superficie piana. Se un raggio luminoso proveniente da uno dei due materiali colpisce la superficie di separazione, tale raggio verrà in parte riflesso, con angolo uguale all angolo di incidenza e in parte rifratto, cioè proseguirà all interno dell altro materiale con un angolo di rifrazione legato all angolo di incidenza dalla seguente relazione:, dove n 1 è l indice di rifrazione del primo materiale e n 2 è l indice di rifrazione del secondo materiale. => approssimando => n 1 * θ 1 n 2 * θ 2 Ma per un particolare valore di θ 2, più precisamente, il raggio luminoso incidente verrà solo riflesso, si verificherà quindi il fenomeno fisico della riflessione totale. Angolo Critico: θ c è definito come il più piccolo angolo di incidenza per il quale non vi è alcuna rifrazione. Se il raggio di incidenza è maggiore all angolo critico, allora tutto il raggio viene riflesso e non c è rifrazione, come avviene appunto nelle fibre ottiche. Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

27 PROBLEMI DELLE FIBRE OTTICHE Dispersione La dispersione limita la velocità di trasmissione nella fibra ottica. Questo è causato dal fatto che ogni segnale inviato con la fibra ottica è composto da numerosi raggi luminosi, che penetrano nel nucleo con differenti angoli di incidenza. Segnale Trasmesso: Segnale Ricevuto: Il segnale è attenuato in ampiezza e allungato nel tempo. La dispersione si può evitare inviando un unico raggio parallelo Il tipo di fibra ottica con nucleo di diametro inferiore a 10 µm viene detto MONOMODALE. Le fibre ottiche invece con nucleo di diametro superiore a 10 µm vengono dette MULTIMODALI. Dispersione Modale Cromatica Ogni segnale luminoso è formato da onde elettromagnetiche di frequenze diverse 26 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

28 DIAGRAMMA DI ATTENUAZIONE DI UNA FIBRA OTTICA λ A 1 µm 0,5 db/km 1,3 µm 0,5 db/km 1,6 µm 0,2 db/km B 1 fibre ottiche MULTIMODALI 500 m B 2 fibre ottiche MONOMODALI 10 Km B 3 fibre ottiche MONOMODALI 100 Km SEGNALI RADIO I segnali radio sono composti da energia elettromagnetica. LE ONDE ELETTROMAGNETICHE Le onde elettromagnetiche sono la sovrapposizione di due campi, quello elettrico e quello magnetico. In un periodo l onda si sposterà di una quantità di spazio, in quanto Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

29 Esempio: F = 1 MHz COME SI GENERA UN ONDA ELETTROMAGNETICA Dobbiamo avere un generatore di corrente alternata, in cui i due poli siano collegati a due fili la cui lunghezza è di ¼ della lunghezza d onda. Dipolo Herziano Guadagno di un dipolo rispetto l antenna isotropica è poco più di 2 db. Antenna Isotropica ; ; 28 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

30 Dove P rx è la potenza ricevuta, P tx è la potenza del trasmettitore, A sl è l attenuazione dello spazio libero, r è il raggio di propagazione dell onda e λ è la lunghezza d onda. L antenna isotropica genera onde elettromagnetiche che hanno la stessa intensità alla stessa distanza dal centro. Ogni antenna può rivelarsi sia come generatore che come rilevatore di onde elettromagnetiche. Se usiamo un antenna reale: Dove G tx e G rx sono rispettivamente il guadagno dell antenna trasmettitore e il guadagno dell antenna ricevitore. GUADAGNO DI UN ANTENNA Il guadagno di un antenna è il rapporto tra la potenza rilevata lungo la direzione di propagazione preferenziale dell onda e la potenza rilevabile nello stesso punto se si trasmette con un antenna isotropica. Il guadagno è una caratteristica dell antenna. Nella stessa antenna è il rapporto tra la potenza lungo la direzione di propagazione preferenziale dell onda e la potenza rilevabile nello stesso punto. Formula fondamentale delle telecomunicazioni Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

31 Formula fondamentale delle telecomunicazioni in mw La potenza si misura in dbmw o dbm POTENZA Esempio: P = 2 mw P[dBm] P[mW] ,25 2 1, ,5 5 3, , dbm = 3 dbm + 3 dbm 2 * 2 = 4 9 dbm = 6 dbm + 3 dbm 4 * 2 = 8 7 dbm = 10 dbm - 3 dbm 10 / 2 = 5 4 dbm = 7 dbm - 3 dbm 5 / 2 = 2,5 1 dbm = 4 dbm - 3 dbm 2,5 / 2 = 1,25 2 dbm = 9 dbm - 7 dbm 8 / 5 = 1,6 8 dbm = 6 dbm + 2 dbm 4 * 1,6 = 6,4 Classificazione delle onde elettromagnetiche Lunghezza d onda λ Gamma λ 1 mm Onde Radio 10 nm λ < 1mm Onde Luminose 1 pm λ < 10 nm Raggi X λ < 1 pm Raggi Gamma 30 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

32 Tipi di onde luminose Lunghezza d onda λ Tipo di onda luminosa 700 nm < λ < 1 mm Luce Infrarossa 400 nm λ 700 nm Luce Visibile 10 nm < λ < 400 nm Luce Ultravioletta Se λ = 1 mm Classificazione delle onde radio Frequenza Banda Utilizzi ELF? SLF Comunicazione sottomarine ULF Comunicazione sottomarine VLF Comunicazione sottomarine LF Radio AM MF Radio AM HF Comunicazioni in codice morse VHF Radio FM, aerei, polizia, TV commerciali, UHF TV commerciali, telefoni cellulari, reti wireless, Bluetooth SHF Radar, comunicazioni via satellite EHF Ponti radio, comunicazioni via satellite E = Extremely, L = Low, F = Frequency, S = Super, V = Very, U = Ultra, M = Medium, H = High. ACCESSO AL MEZZO FISICO DI COMUNICAZIONE Quando due o più sistemi trasmettono contemporaneamente sullo stesso mezzo fisico un segnale si verifica una collisione, rendendo così l informazione contenuta nei due segnali incomprensibile. Tecniche d accesso al mezzo fisico - DETERMINISTICHE Disciplinano l accesso in modo che in ogni istante una sola stazione possa trasmettere un segnale sul mezzo fisico condiviso e quindi le collisioni non possono essere possibili. o Token Passing Ring o Token Passing Bus Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

33 - PROBABILISTICHE Non impediscono il verificarsi delle collisioni ma cercano di renderle meno probabili. o Aloha o CSMA/CA Persistente o CSMA/CA Non Persistente o CSMA/CD Persistente o CSMA/CD Non Persistente Tecnica del Token Passing Ring (Deterministico) RETI LOCALI CON TOPOLOGIA AD ANELLO 32 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

34 Esempio: Solo quando la stazione riceve il gettone intero può trasmettere, trasmettendo il contrario dell ultimo bit. Quando è stato trasmesso il messaggio viene rimandato il codice del token. Tecnica del Token Passing Bus (Deterministico) Viene usata nelle reti locali con topologia bus Non c è relazione tra il percorso fisico delle stazioni e il percorso logico del token tra esse. Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

35 DA UN PUNTO DI VISTA LOGICO Per poter trasmettere una stazione deve prima attendere l arrivo del token, poi potrà inviare il messaggio, che viene ricevuto dalle stazioni contemporaneamente; dopo di ché viene ritrasmesso il token. Tecnica Aloha (Probabilistico) La risposta viene inviata anche alla stazione trasmettente per verificare la correttezza della risposta. Se due stazioni trasmettono contemporaneamente si verifica una collisione e non arriva una risposta a nessuno(viene inviata porcheria ). 34 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

36 Per evitare che le due stazioni trasmettano continuamente i messaggi assieme quando si verifica una collisione, le stazioni prima di poter trasmettere devono aspettare un tempo casuale. È inadatta però alla trasmissione di troppi messaggi a causa dell eccessivo numero di collisioni. ALGORITMO DI TRASMISSIONE (ALOHA) Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

37 Tecnica CSMA (Carrier Sense Multiple Acces) Questa tecnica è molto utilizzata nelle reti wireless. CSMA Persistente 36 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

38 CSMA Non Persistente Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

39 Tecnica CSMA/CD (Carrier Sense Multiple Access / Collision Detected) (Persistente e non) IL ROUND TRIP TIME È definito come il doppio del massimo ritardo di transito del segnale tra due stazioni di una rete con topologia a bus. Dove L è la lunghezza del mezzo fisico e V pr è la velocità di propagazione del segnale. Dove V tr è la velocità di trasferimento dei dati. Solo messaggi di lunghezza maggiore a questo valore possono essere individuati. 38 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

40 Esempio: L = 5 Km V pr = 200 * 10 6 m/s V tr = 10 Mbps LO STANDARD IEEE Il Mezzo Fisico Sigla della specifica: V <tipo> L V = velocità di trasferimento espressa in Mbps (specifiche: es: 1, 10, 100, 1000)[solo potenze di 10] <tipo> = tipo del segnale sul mezzo fisico (Analogico = BROAD ; Digitale = BASE ) L = tipo di mezzo fisico e/o la sua lunghezza espressa in centinaia di metri (es: 2, 5, T, F) (2 sta per 200 metri, 5 per 500 metri, T per Cavo UTP quindi non più di 100 metri e F sta per Fibra Ottica) Esempio: 10BASE5 10: V tr = 10 Mbps BASE: segnale digitale 5: Cavo coassiale di al più 500 m SPECIFICA 10BASE5 Mezzo Fisico: Cavo coassiale di tipo RG8 (R=50Ω, diametro = 10 mm) Lunghezza Massima: 500m N Massimo Stazioni: 100 Codifica: Manchester Negativa (M-) Connettori: DB15(AVI) a 15 poli Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

41 CABLAGGIO DI UNA LAN CONFORME ALLA SPECIFICA 10BASE5 Può sia ricevere che trasmettere un segnale, codificandolo con la codifica Manchester, nel mezzo fisico. Rileva anche la presenza di collisioni. Il transceiver è collegato al cavo coassiale per un elettrodo a forma di ago che perfora la guaina fino a raggiungere il conduttore centrale. Il connettore si collega a un altro cavo composto da 15 fili conduttori elettrici isolati fra loro. Dall altra parte è collegato a un interfaccia di rete di una stazione. Allo stesso cavo coassiale possiamo mettere fino a 100 transceiver con 100 rispettive interfacce. RIPETITORE Collegando in questo modo possiamo avere fino a 300 stazioni. 40 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

42 RTT 51,2 s L msg 512 bit V tr = 10 * 10 6 bps L max ½ V pr * 51,2µs = 100 * 10 6 m/s * 51,2 * 10-6 s L max = 5120 metri (meno) Regola del È il n massimo di segmenti di mezzo fisico lungo il percorso tra due stazioni qualsiasi della rete. 4. È il n massimo di ripetitori lungo il percorso tra due stazioni qualsiasi della rete. 3. È il n massimo di segmenti di mezzo fisico lungo il percorso tra due stazioni, ai quali si possono collegare altre stazioni. 2. È il n di segmenti di bus ai quali non è collegata alcuna stazione della rete. 1. È il n di domini di collisione Dominio di Collisione È l insieme delle stazioni di una lan che ricevono lo stesso segnale trasmesso sul mezzo fisico. SPECIFICA 10BASE2 Mezzo Fisico: Un cavo coassiale di tipo RG58(diametro esterno di circa 5 mm, impedenza caratteristica R=50Ω) Lunghezza: 200 m N Stazioni(numero massimo di stazioni collegabili): 30 Connettore: BNC Il terminatore serve per assorbire il segnale e evitare che venga riflesso, per quindi evitare il fenomeno dell eco. Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

43 SPECIFICA 10BASET Mezzo Fisico: Cavo UTP di categoria 3 (4 coppie simmetriche non schermate) Diametro: 3-4 mm Impedenza Caratteristica: R = 100Ω Lunghezza: 100 m N Stazioni: 2 Topologia: Stella Connettore: RJ45 Codifica: Manchester V tr : 10 Mbps Lo schema vale anche per collegare tra loro 2 hub. Si possono anche unire le varie specifiche ad un unico hub, seguendo la regole del , ad esempio in questo modo: 42 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

44 È necessario calcolare il RTT per ogni possibile coppia di stazioni (RTT < 51,2µs) Esempio: 100 stazioni Ritardo di un interfaccia: 1 µs Ritardo di un hub: 2 µs Esercizio: Se calcoliamo il RTT tra le due stazioni più distanti e questo risulta minore di 51,2 µs allora sicuramente anche il RTT tra tutte le altre stazioni è minore. Perché minore di 51,2µs? L msg 512 bit V tr = 10 Mbps L = 500 * * 10 = = 3000 m Dove 1µs è il ritardo delle interfacce e i 2µs è il ritardo di transito per i ripetitori. Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

45 SPECIFICA 100BASETX Mezzo Fisico: Cavo UTP di categoria 5 (4 coppie simmetriche delle quali in realtà ne vengono utilizzate solo due, una per trasmettere e l altra per ricevere) Diametro: 3-4 mm Impedenza Caratteristica: R = 100Ω Lunghezza: 100 m N Stazioni: 2 Topologia: Stella Connettore: RJ45 Codifica: MLT - 3 CODIFICA MLT - 3 Se si deve trasmettere uno 0, si lascia invariato il livello, mentre per trasmettere un 1 il livello varia al valore opposto al precedente. 44 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

46 Schema a blocchi: SPECIFICA 100BASET4 Mezzo Fisico: Cavo UTP di categoria 3 Diametro: 3-4 mm Impedenza Caratteristica: R = 100Ω Lunghezza: 100 m N Stazioni: 2 Topologia: Stella Connettore: RJ45 Codifica: 8B6T 8 segnali binari e 6 segnali ternari 6 segnali ternari significa 3 6 combinazioni, quindi 729, ma ne vengono utilizzate solamente 256 RAPIDITÀ DI MODULAZIONE È definita come il numero di variazioni del segnale nell unità di tempo. Nella 8B6T: Il numero 4 dipende dal numero di bit Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

47 Nella MLT - 3 Dove n è il numero di bit trasmessi ad ogni periodo di cifra, e unendo le due leggi avremo che: Mezzo Fisico: Cavo UTP di categoria 5 Diametro: 4 mm Impedenza Caratteristica: R = 100Ω Lunghezza: 100 m N Stazioni: 2 Topologia: Stella Connettore: RJ45 Codifica: PAM - 5 Rapidità di modulazione: V m = 125 MBAUD n = 2 * 4 = 8 SPECIFICA 1000BASET V tx = n * V m = 8 * 125 * 10 6 = 1000 Mbps = 1 Gbps Regola generale (solo per specifiche a 100 Mbps): Il mezzo fisico che collega due stazioni non può mai superare i 200 metri e nel percorso tra due stazioni non possono esserci più di due ripetitori. Regola generale (solo per specifiche a 1000 Mbps): Il mezzo fisico che collega due stazioni non può mai superare i 200 metri e nel percorso tra due stazioni non può esserci più di un ripetitore. 46 Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

48 IL FORMATO DEL MAC FRAME I vari bit che transitano sul mezzo fisico formano delle sequenze di bit dette MAC frame (Medium Acces Control). Il significato di ogni bit dipende dalla sua posizione nel frame. Possiamo suddividere il frame in dei campi, o gruppi di bit, ciascuno dei quali ha un significato ben preciso. Il primo di questi campi viene detto Preambolo (Preambol) ed è composto dai primi 7 byte della frame, ovvero da 56 bit. La funzione di questo campo è quella di sincronizzare la stazione sorgente con le stazioni di destinazione della frame a livello di periodo di cifra (a livello di bit). Il preambolo contiene sempre la stessa sequenza di bit: PREAMBOLO: [ ] x7 Con la codifica Manchester Negativa: Esempio: se V tr = 10 Mbps Abbiamo un onda quadra di periodo uguale a 2 Tb, quindi Terminato il preambolo viene trasmesso un altro campo, l SFD (Start Frame Delimiter), composto da 1 byte, ovvero 8 bit. L SFD contiene la combinazione Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/

49 Con la codifica Manchester Negativa: Questo campo serve a segnalare l inizio vero e proprio della frame. Il primo campo della frame che contiene informazioni è il Destination Address, composto da 2 o da 6 byte. Il Destination Address contiene un codice binario che serve a identificare la stazione di destinazione. Ogni stazione della rete viene identificata da almeno un indirizzo, un codice binario anche detto MAC address. Tutte le stazioni quando ricevono la frame e dopo aver esaminato il Preambolo e l SFD esaminano il Destination Address, lo confrontano con il proprio e se è diverso scartano, altrimenti continuano ad esaminare gli altri campi. Il quarto campo è il Source Address, è lungo quanto il precedente e contiene l indirizzo della stazione trasmettente. Dopo il Source Address troviamo il Type, composto da 2 byte. Il contenuto di questo campo identifica il tipo di protocollo di comunicazione utilizzato dalle stazioni della rete al livello superiore. Può assumere un valore maggiore a 1500, il protocollo però non sarà più LLC. PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE: Un protocollo di comunicazione è un insieme di regole che due o più sistemi devono rispettare per poter comunicare tra di loro. Esempio: Due stazioni per trasmettere devono utilizzare la stessa codifica di linea. Il formato del mac frame è un altro esempio di regole che formano un protocollo di comunicazione di livello MAC. Un esempio di protocollo superiore al protocollo MAC è il protocollo IP, usato in internet. PROTOCOLLI DI LIVELLO SUPERIORE AL MAC Protocollo Significato Type IP Internet Protocol (0800) 16 LLC Logical Link Control (1500) Matteo Vitturi 5ISD - Anno Scolastico 2010/2011

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 1 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Intro: 1 Con il termine rete si indica in modo generico un collegamento fra 2 apparecchiature (sorgente - destinazione)

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Fino a qualche anno fa, per poter gestire e trasmettere a distanza i dati elaborati si utilizzava il mainframe, in cui tutta la potenza di calcolo era concentrata

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina Crescita di Internet Ogni computer connesso ad Internet viene univocamente identificato dal proprio IP address: stringa di 32 bit costituita dall indirizzo della rete (net-id), e dall indirizzo del computer

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Tecnologie Informatiche n 6

Tecnologie Informatiche n 6 LE RETI DI COMPUTER Una RETE INFORMATICA è costituita da un insieme di computer collegati tra di loro ed in grado di condividere sia le risorse hardware (periferiche accessibili dai vari computer che formano

Dettagli

Introduzione alle Reti Telematiche Centro Multimediale Montiferru

Introduzione alle Reti Telematiche Centro Multimediale Montiferru Domande di verifica: Standard IEEE 802.2, IEEE802.3 1. I protocolli di sottolivello MAC (Medium Access Control) hanno lo scopo A. di permettere la condivisione di un canale punto-punto B. di permettere

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

http://mottatommaso.altervista.org

http://mottatommaso.altervista.org Standard IEEE 802 per reti LAN http://mottatommaso.altervista.org T. Motta Rete locale Rete LAN: rete di computer di dimensione limitata e senza attraversamento di suolo pubblico Sono di diversi tipi:

Dettagli

Reti di calcolatori protocolli

Reti di calcolatori protocolli Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete, il

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network Prof.ssa Sara Michelangeli Computer network Possiamo definire rete di computer (Computer network) un sistema in cui siano presenti due o più elaboratori elettronici ed i mezzi per connetterli e che consenta

Dettagli

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 1 Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 2 Parla dei commutatori di pacchetto o packet switch. LE RETI E INTERNET 3 Parla dei dispositivi fisici

Dettagli

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu RETI -ARGOMENTI 1. Definizione di Internet dal punto di vista fisico 2. Definizione di Internet dal punto di vista logico 3. Le reti di accesso 4. I tre tipi di connessione 5. Le reti locali (L.A.N.) 6.

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7 MEZZI TRASMISSIVI 1 Il doppino 2 Il cavo coassiale 3 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Mezzi trasmissivi La scelta del mezzo trasmissivo dipende dalle prestazioni che si vogliono ottenere, da poche centinaia

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER

MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER 1 ELETTRICI 2 OTTICI 3 WIRELESS MEZZI DI RTASMISSIONE 1 DOPPINO TELEFONICO 2 CAVO COASSIALE 1 MULTI 2 MONO 1 ONDE RADIO 2 MICROONDE 3 INFRAROSSI 4 LASER MODALI ELETTRICI PARAMETRI 1 IMPEDENZA 2 VELOCITA'

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Lezione 9: strato fisico: mezzi trasmissivi 1 Mezzi trasmissivi Vedremo una panoramica sui diversi mezzi trasmissivi utilizzati tipicamente nelle reti di computer,

Dettagli

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Dott. Antonio Calanducci Lezione III: Reti di calcolatori Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Anno accademico 2009/2010 Reti di calcolatori Una rete

Dettagli

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Enrico Cavalli - enrico.cavalli@unibg.it Università di Bergamo - Anno Accademico 2008-2009 Reti Locali Reti geografiche e reti locali 2 1 Applicazioni

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Elaborazione e trasmissione delle informazioni Le Reti di Calcolatori Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Reti di Telecomunicazione

Dettagli

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE Reti di calcolatori 1.1 Definizione di rete di calcolatori Una rete di calcolatori è un'insieme di computer, collegati fra di loro mediante un opportuna infrastruttura, ed in grado di comunicare allo scopo

Dettagli

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Reti LAN IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Le LAN Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare fra loro entro un area limitata

Dettagli

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 (NOTA BENE: GLI ESERCIZI E LE DOMANDE SI RIFERISCONO AL PROGRAMMA SVOLTO NELL A. A. 2013 14 E NON NECESSARIAMENTE TUTTE LE DOMANE/ESERCIZI SONO

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori Reti di calcolatori Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing,

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Sistemi operativi di rete (locale) In una LAN si vogliono condividere

Dettagli

La Comunicazione tra Computer e le Reti

La Comunicazione tra Computer e le Reti La Comunicazione tra Computer e le Reti Prof. Vincenzo Auletta 1 Rete di Computer Insieme di computer, opportunamente collegati tra loro, che trasmettono informazioni. Stazione/Nodo: Apparecchio collegato

Dettagli

Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo

Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo Paragrafo 1: Prerequisiti Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo Lo scopo di una rete Lo scopo di una rete è quello di mettere in condivisione

Dettagli

Indirizzi in Internet

Indirizzi in Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

RETI LOCALI. 1 livello fisico 2 livello data link

RETI LOCALI. 1 livello fisico 2 livello data link 1 Topologie 2 Standard IEEE 802 3 Standard IEEE 802.3 (CSMA/CD) 4 Standard IEEE 802.5 (Token Ring) 5 Standard IEEE 802.11 (Wireless) 6 Bluetooth 7 Bridge RETI LOCALI 1 livello fisico 2 livello data link

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

Evoluzione dei sistemi informatici

Evoluzione dei sistemi informatici Evoluzione dei sistemi informatici Cos è una rete? Insieme di calcolatori autonomi tra loro collegati mediante una rete di comunicazione Gli utenti sono in grado di interagire in modo esplicito con la

Dettagli

Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo

Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo Lo scopo di una rete Lo scopo di una rete è quello di mettere in condivisione le risorse hardware (es.

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802

Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802 Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802 Davide Quaglia Local Area Network (LAN) Apparecchiature indipendenti Canale ad alta capacita ma condiviso da piu stazioni Basso tasso di errore nel caso di

Dettagli

Principali Standard per LAN. Sistemi LAN. Caratterisitche del Controllo di Accesso al Mezzo. La Storia di Ethernet

Principali Standard per LAN. Sistemi LAN. Caratterisitche del Controllo di Accesso al Mezzo. La Storia di Ethernet Sistemi LAN Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Principali Standard per LAN

Dettagli

Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB)

Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Standard IEEE 802 Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB) IEEE 802.3 20.2 Livello di Rete LLC MAC 802.3 802.2 Logical Link Control

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22 Martedì 20-05-2014 1 Ethernet Ethernet

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 3 Martedì 11-03-2014 1 Accesso alla rete Gli host possono connettersi

Dettagli

Trasmissione dati e reti telematiche

Trasmissione dati e reti telematiche Trasmissione dati e reti telematiche Per trasmissione dati s'intende un sistema di comunicazione che permette di trasferire l'informazione, in forma binaria, tra due terminali, uno trasmittente (Tx) e

Dettagli

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Lettere e Filosofia La telematica Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica Marco Lazzari A.A. 2005-2006 Telematica: telecomunicazioni

Dettagli

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello del data link Regola l accesso al mezzo per reti broadcast LAN e WAN satellitari allocazione statica - a priori allocazione dinamica - in base allo

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Componenti della rete

Componenti della rete Componenti della rete Nodi, Link e adattatori di rete (NIC) Modulazione e Multiplexing Tipologia di cavi - wireless Correzione d errore - rete affidabile Ethernet - reti ad anello - reti wireless - reti

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 4 Martedì 17-03-2015 Mezzi trasmissivi I mezzi trasmissivi si dividono in

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet

15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet INFO-COM Dpt. Dipartimento di Scienza e Tecnica dell Informazione e della Comunicazione Università degli Studi di Roma La Sapienza 15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet Prof. R. R. Cusani Ethernet

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Reti di accesso e mezzi trasmissivi

Reti di accesso e mezzi trasmissivi Reti di accesso e mezzi trasmissivi Domanda: come si connettono gli host agli edge router? Reti di accesso residenziale (da casa) Reti di accesso istituzionali (scuole, università, aziende) Reti di accesso

Dettagli

Fast Ethernet. Caratteristiche generali

Fast Ethernet. Caratteristiche generali Fast Ethernet Caratteristiche generali Nascita di Fast Ethernet La rapida crescita delle reti locali e lo sviluppo crescenti di applicazioni e servizi multimediali ha portato all'esigenza di realizzare

Dettagli

Scopi e classificazioni

Scopi e classificazioni Reti di calcolatori Scopi e classificazioni Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia Classificazione reti R1.1 Reti Nozione di rete, molto diffusa in diversi contesti Ogni rete corrisponde

Dettagli

Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in: . delimitazione di trama (effettuata dal sottostrato MAC);

Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in: . delimitazione di trama (effettuata dal sottostrato MAC); Standard Lan Introduzione Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in:. strato MAC (Medium Access Control);. strato LLC (Logical Link Control). Le funzioni del livello 2 sono:. delimitazione

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

ITIS G. Fauser. Classe 4^ BI. Materia: Sistemi. Anno Scolastico 2013-2014. Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo

ITIS G. Fauser. Classe 4^ BI. Materia: Sistemi. Anno Scolastico 2013-2014. Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo ITIS G. Fauser Classe 4^ BI Materia: Sistemi Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo Numero ore di lezione settimanali: 4 Testi adottati: - Materiale didattico

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Hub, Bridge, Switch Ethernet Tecnologia LAN dominante: Economica:

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Martedì 26-05-2015 1 Confronto tra switch

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 27 maggio

Reti di calcolatori. Lezione del 27 maggio Reti di calcolatori Lezione del 27 maggio TPC/IP ed i livelli 1 e 2 TCP/IP architettura di rete focalizzata sull internetworking Mancano i primi 2 livelli Connessione ad Internet: due scenari tipici Connessione

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria 3 Reti locali.1 Architetture Prof. Filippini 2 Le reti locali (Local Area Networks-LAN) sono reti di telecomunicazione pensate e ottimizzate per

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

LE RETI: LIVELLO FISICO

LE RETI: LIVELLO FISICO LE RETI: LIVELLO FISICO Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Definizioni La telematica è la disciplina che nasce dalla combinazione delle telecomunicazioni (telefono, radio, tv) con l informatica. L oggetto

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

Brevi considerazioni sulla Tecnologia. Rete di calcolatori = insieme di nodi collegati mediante link di comunicazione

Brevi considerazioni sulla Tecnologia. Rete di calcolatori = insieme di nodi collegati mediante link di comunicazione Reti di Calcolatori Brevi considerazioni sulla Tecnologia 1 Definizioni Rete di calcolatori = insieme di nodi collegati mediante link di comunicazione Nodi: Calcolatore general purpose Switch o router

Dettagli

Il livello fisico e Topologie di rete. Mauro Gaspari

Il livello fisico e Topologie di rete. Mauro Gaspari Il livello fisico e Topologie di rete Mauro Gaspari 1 Il livello fisico I protocolli sono realizzati sopra il livello fisico Lo scopo del livello fisico è di trasportare un flusso grezzo di bit da una

Dettagli

Reti e Internetworking

Reti e Internetworking Titpi di rete - tecnologia trasmissiva Reti e Internetworking Riferimento A. Tanenbaum "Computer Networks" Prentice-Hall, 3a Ed. Elaboratori Rete una rete broadcast Titpi di rete tecnologia trasmissiva

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli

Una Tassonomia delle Reti

Una Tassonomia delle Reti Una Tassonomia delle Reti La tabella riporta una classificazione dei vari tipi di rete, in funzione dell ambito operativo e delle distanze coperte. AMBITO DISTANZA RETE COPERTA Edificio 100 m Reti Locali

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Giovedì 22-05-2014 1 Reti wireless Una

Dettagli

TECNICHE DI TRASMISSIONE 2

TECNICHE DI TRASMISSIONE 2 TECNICHE DI TRASMISSIONE 2 I mezzi trasmissivi 2 Il doppino 3 Il cavo coassiale 4 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Comunicazione seriale e parallela 7 Trasmissione sincrona e asincrona 9 Trasmissione asincrona

Dettagli

TEORIA ELEMENTARE DELL INFORMAZIONE

TEORIA ELEMENTARE DELL INFORMAZIONE TEORIA ELEMENTARE DELL INFORMAZIONE di Renato Agati INDICE 1 Introduzione 2 La didattica della Teoria elementare dell Informazione 2.1 Prerequisiti, competenze, obiettivi 2.2 Il piano di lavoro 3 La trasmissione

Dettagli

Nonostante queste caratteristiche comuni, le reti possono essere suddivise in due categorie:? Peer to peer (pari a pari)?

Nonostante queste caratteristiche comuni, le reti possono essere suddivise in due categorie:? Peer to peer (pari a pari)? INTRODUZIONE Una rete LAN (Local Area Network) è costituita da numerosi computer e periferiche connessi tramite un sistema di cablaggio entro un area limitata, quale il reparto di un azienda o l interno

Dettagli

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Le Reti di Computer Prof. Mattia Amadori Anno Scolastico 2015/2016 COS È UNA RETE DI COMPUTER? Rete di computer è

Dettagli

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli)

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Tema n 1 Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche

Dettagli

Modulo 8 Ethernet Switching

Modulo 8 Ethernet Switching Modulo 8 Ethernet Switching 8.1 Ethernet Switching 8.1.1 Bridging a livello 2 Aumentando il numero di nodi su un singolo segmento aumenta la probabilità di avere collisioni e quindi ritrasmissioni. Una

Dettagli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 3 Giovedì 12-03-2015 Reti a commutazione di pacchetto datagram Le reti a commutazione

Dettagli

Introduzione alle reti di calcolatori

Introduzione alle reti di calcolatori Introduzione alle reti di calcolatori Definizioni base. Collegamenti diretti e indiretti Strategie di multiplazione Commutazione di circuito e di pacchetto Caratterizzazione delle reti in base alla dimensione

Dettagli

Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo

Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo Prerequisiti: Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo Definizione di nodo Un nodo è un computer: client o server o un apparato di rete: hub,

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet Le reti telematiche e Internet Lezione 6 1 Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro computer distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

Laboratorio di Informatica (Chimica)

Laboratorio di Informatica (Chimica) Laboratorio di Informatica (Chimica) Lezione 03: Le Reti. Walter Cazzola Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università à degli Studi di Milano. e-mail: cazzola@dico.unimi.it Walter Cazzola Lezione

Dettagli