INCONTRI_1. irsses.indd 1 08/09/

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INCONTRI_1. irsses.indd 1 08/09/2008 9.14.15"

Transcript

1 INCONTRI_1 irsses.indd 1 08/09/

2 irsses.indd 2 08/09/

3 irsses.indd 1 08/09/

4 2008 edizioni goliardiche sede legale: trieste, italy, via Fabio Severo 147, tel sede editoriale: bagnaria arsa, ud, italy, via Aquileia 64a, tel ISBN coordinamento organizzativo con la collaborazione di: Facoltà di Scienze della Formazione - Università di Trieste Associazione "Una chiave per la mente" Istituto per lo Sviluppo e l'integrazione copertina Energia e Serenità Collage di disegni emozionali eseguiti dagli allievi della I C del Liceo Pedagogico "Giosué Carducci" di Trieste impaginazione e stampa l informa _ italy _ finito di stampare nel mese di settembre 2008, proprietà letteraria riservata. irsses.indd 2 08/09/

5 INDICE irsses.indd 3 08/09/

6 Prefazione....7 Premessa Anna Rosa Stalio, Dirigente Scolastico, Moderatore...12 Gianfranco Hofer, Dirigente Scolastico, Moderatore...14 Relazione introduttiva Adele Pino, Assessore alle Politiche Educative Interventi istituzionali...25 Roberto Antonaz, Assessore all Istruzione della Regione FVG...26 Ugo Panetta, Direttore Generale dell Uff. Scolastico Regionale FVG Giuseppe Battelli, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione - Università degli Studi di Trieste...33 Relazioni programmate...37 Paolo Sorzio, Docente della Facoltà di Scienze della Formazione - Università degli Studi di Trieste: Azioni didattiche per combattere la dispersione scolastica...38 Francesca Pedron, Ricercatrice IRSSeS: Le motivazioni delle scelte scolastiche- Risultati di una ricerca nelle scuole superiori della Provincia di Trieste...46 Natalizia Callipo, Responsabile del Progetto 2007 Prevenzione, disorientamento e dispersione scolastica degli adolescenti : Le buone prassi : i risultati di una ricerca-azione nella provincia di Trieste...54 Interventi programmati...59 Jael Kopciowski, Presidente di Una chiave per la mente Ass. Feuerstein...60 Franco De Marchi, Ufficio Scolastico Provinciale di Trieste...67 Piero Vattovani, Coordinatore dei servizi per l Orientamento della Regione FVG...75 Daniela Cellie, Ufficio Scolastico Regionale F.V.G Maria Vittoria Sola, Responsabile U.O.B.A. Distretto 3-ASS Mario di Mauro, Docente dell Università Cà Foscari, Direttore del Centro Studi Feuerstein - Venezia irsses.indd 4 08/09/

7 Esperienze e Testimonianze Donella Niccoli, Counselor Artistico: Il Laboratorio di Counseling Artistico Valentina Mariola, Dottoressa in Scienze Motorie: Consapevolezza corporea ed emozioni. 117 Felicitas Kresimon, Referente Progetto Ist. Comprensivo Roli-COOP 2001 Agenzia Sociale: Progetto n.1 contro l abbandono scolastico del Piano di Zona del Comune di Trieste Conclusioni Maria Teresa Bassa Poropat, Presidente della Provincia di Trieste Anna Rosa Stalio, Dirigente Scolastico, Moderatore Allegati Documentazione integrativa alle relazioni di: A Paolo Sorzio B Jael Kopciowski C Piero Vattovani D Daniela Cellie E Donella Niccoli F Estratto tabelle TuttoScuola irsses.indd 5 08/09/

8 irsses.indd 6 08/09/

9 PREFAZIONE irsses.indd 7 08/09/

10 Il termine dispersione scolastica nel recente passato è stato utilizzato per indicare l evasione dell obbligo. Oggi in realtà si riferisce ad una pluralità di fenomeni cui più istituzioni sono chiamate a dare delle risposte, da quelle europee a quelle locali, in collaborazione con i soggetti coinvolti nelle relazioni educative, siano essi genitori o insegnanti. Il testo che vi proponiamo è il risultato della raccolta di varie esperienze realizzate nel territorio della provincia di Trieste e presentate nel Convegno La scuola che vorrei promosso dall Assessorato alle Politiche Educative della Provincia di Trieste. La presentazione riguarda sia le iniziative promosse direttamente dalla Provincia di Trieste in collaborazione con l IRSSeS e con la Facoltà di Scienze della Formazione dell Università agli Studi di Trieste, sia quelle che le stesse Istituzioni scolastiche hanno attivato anche all interno dei Piani di zona. Nessuna pretesa o presunzione da parte nostra di essere esaustivi nell affrontare una tematica così complessa, ma semplicemente l idea di poter aprire un dibattito ed un confronto per analizzare alcune buone pratiche, frutto di esperienze territoriali, utilizzate per prevenire e contrastare un fenomeno fortemente presente che rischia di segnare i percorsi di vita e lavorativi dei ragazzi di oggi. Disagio giovanile e dispersione scolastica costituiscono un binomio spesso inscindibile. Abbiamo da un lato tentato di darne una lettura, per alcuni aspetti, attraverso l indagine condotta con il contributo e la collaborazione della Consulta provinciale degli studenti, dall altra abbiamo sviluppato su tre scuole cittadine un progetto di ricerca-azione che ha visto il prezioso coinvolgimento dell associazione Una chiave per la mente e della Facoltà di Scienze della Formazione che ha svolto l importante ruolo di supervisore oltre che di formatore dei formatori per i docenti coinvolti nel progetto. Nel corso del Convegno, oltre alla presentazione delle due iniziative e di altre buone pratiche nelle quali era evidente un lavoro di rete con il coinvolgimento delle istituzioni locali, il volume raccoglie una serie di contributi documentali, operativi e spunti teorici che arricchiscono un dibattito che ha guadagnato un posto di primo piano all interno delle emergenti riflessioni sui profondi cambiamenti delle società occidentali e sul ruolo che debbono assumere le istituzioni scolastiche nell era della conoscenza. 8 irsses.indd 8 08/09/

11 Desidero ringraziare tutti coloro che hanno contribuito a realizzare questa pubblicazione che mi auguro possa essere un utile strumento per chi: genitore, educatore o rappresentante istituzionale, ha il compito di cooperare nell educazione degli adolescenti di oggi che saranno gli attori e i fautori della società civile prossima. Adele Pino Assessore alle Politiche Educative della Provincia di Trieste 9 irsses.indd 9 08/09/

12 irsses.indd 10 08/09/

13 PREMESSA irsses.indd 11 08/09/

14 Anna Rosa Stalio Moderatore - Dirigente Scolastico Il Convegno si pone con due aspetti principali: 1. propositivo 2. informativo Dal primo punto di vista esso è stato ideato per proporre, appunto, un modo sinergico di interventi da parte di tutti i soggetti interessati al problema della formazione e dell educazione dei giovani. Per la seconda prospettiva intende far conoscere alcune esperienze significative che si sono attuate nelle scuole della provincia di Trieste senza ovviamente supporre di presentare così un quadro esaustivo di tutte le attività svolte. Senza proporre ricette magiche, l auspicio è perlomeno quello di uscire dal convegno con qualche idea più chiara e con la convinzione che il concetto una rete per vincere, come proposto dall assessore Adele Pino, debba essere attualizzato con urgenza per contrastare la dispersione scolastica. Il problema principale sorge, però, quando si cerca di definire cosa sia la dispersione scolastica1 e ciò perché ci troviamo di fronte a: un fenomeno complesso cha ha diverse cause e diversi aspetti un intreccio di variabili soggettive e di variabili macro-sociali La prima difficoltà nasce già dalla conoscenza statistica che deve intersecare i mondi della scuola, della formazione professionale e del lavoro. Limitandoci all ambito scolastico, la dispersione non significa solo abbandono, implica al contrario anche frequenza irregolare, ritardi, ripetenze, interruzioni, cioè tutte quelle dinamiche che portano all uscita dalla scuola prima della conclusione di un percorso significativo. 1 Può non essere inutile ricordare che il termine dispersione non deriva da disperdere ma da dispargere 12 irsses.indd 12 08/09/

15 Occorre però sottolineare che la dispersione si determina per l effetto combinato dei comportamenti dei ragazzi in un sistema scolastico che, da solo, non può rispondere ai nuovi bisogni proposti da una società in continuo cambiamento e con grandi disuguaglianze sociali. All interno di una rete di interventi da parte di tutti gli enti e di tutti i soggetti interessati, le istituzioni scolastiche - consapevoli che la società vera è quella della conoscenza ricercano oggi nuovi modi di essere e di operare per realizzare una scuola che produca apprendimento e formi competenze. 13 irsses.indd 13 08/09/

16 Gianfranco Hofer Moderatore - Dirigente scolastico Non è raro, nel discorso sulla scuola, rilevare una contrapposizione tra chi sostiene una scuola che si deve spendere e aprire al massimo, tesa ad evitare abbandoni recuperando studenti indubbiamente numerosi, ancor oggi il 20% in Italia, da noi al momento 14%, comunque sopra gli obiettivi di Lisbona del 10% e invece chi si dichiara per una scuola di eccellenza, che al contrario dovrebbe essere selettiva, curando e favorendo chi è maggiormente dotato o comunque chi dimostra maggiori capacità; magari, specie tra i sostenitori della seconda posizione, auspicando impossibili ritorni ai tempi andati, circondati dall alone del mito che si crea attorno al passato quanto ad efficienza, severità, risultati, o semplicemente riandando a ricordi della lontana infanzia, in base ai quali non pochi che dall esterno si occupano di istruzione, talora anche con responsabilità a livello politico, sembrano interpretare le vicende di una scuola che invece è molto cambiata, come lo è del resto la società. È mia ferma convinzione, maturata dall esperienza di anni di docente e preside nelle scuole superiori, ove è più forte la dispersione, e dalla riflessione sulla storia della didattica, che una scuola veramente di eccellenza, cui si deve tendere e non solo nei licei, dove di fatto viene effettuata attualmente da famiglie e studenti una scelta di impegno con aspettative, è quella capace di migliorare continuamente la sua qualità e la sua incidenza, trovando le vie per aumentare la sua efficacia didattica e formativa, sia facendo progredire i cosiddetti migliori offrendo un insegnamento stimolante, sia sapendo offrire motivazioni all interesse della conoscenza al maggior numero di persone trovando le modalità per individuare e far maturare capacità ed interessi. Non è senza un motivo che le migliori e più innovative esperienze pedagogiche e didattiche, che hanno arricchito nella storia la didattica tutta, siano venute da faticosi tentativi, non sempre adeguatamente apprezzati e dall impegno generoso e lungimirante di qualcuno nell affrontare situazioni estreme, favorendo preziose riflessioni teoriche ed avviando esperienze capaci 14 irsses.indd 14 08/09/

17 di offrire elementi validi alla scuola a tutto campo; si pensi, solo per fare uno dei tanti esempi, alla Montessori, per rimanere nel nostro paese. Il dover insegnare in modo da risultare estremamente chiari, facili, motivanti, comunicativi per essere capiti e seguiti, tende a chiarire maggiormente le idee anche ai docenti, costringendoli ad un forte lavoro di revisione didattica e disciplinare con opportune scelte. Il mito del docente geniale e profondo, ma oscuro, abbastanza presente nella scuola centroeuropea e italiana, da noi incoraggiato dal disprezzo gentiliano per la didattica a favore di una discutibile creatività dello spirito, non ha certamente giovato alla nostra scuola. Meglio forse sotto questo aspetto è andata ai Paesi anglosassoni, ove la chiarezza delle esposizioni non è mai stata vista come una diminuzione del rigore e della dignità dell oggetto della comunicazione scientifica; anzi è ritenuta ovvia per una maggiore diffusione del sapere con i molti ritorni, anche quando può riguardare l interesse e la motivazione di chi si accosta al sapere. Risolto meglio il non facile problema di una buona comunicazione, ci si può concentrare veramente sulle effettive difficoltà alla conoscenza che non sono poche e rimarranno sempre numerose, anzi prevalenti nell incessante cammino del sapere. Molto rimane da risolvere nella scuola, nella quale avviene il contatto vivo e insostituibile con lo studente che cresce. La scuola e chi opera in essa hanno e mantengono la loro centralità, a cui assolutamente non rinunciano e richiedono competenza ed impegno professionale; in questo campo non poco deve e può essere fatto, con un'azione che solleciti e sostenga docenti e dirigenti in un impegno di coinvolgimento ampio all interno degli istituti. Ma la scuola non è un isola, per ricordare il celebre saggio mertoniano, come spesso si ha l impressione sia o come per molti sembra dover rimanere. Il Convegno La scuola che vorrei, promosso dalla Provincia, vede la presenza di una pluralità di soggetti; una rete per vincere, recita il sottotitolo. La dispersione, fatto che rivela un malessere sul piano personale dello studente, è anche e in modo prevalente il segnale di un disagio sociale. Una società che non riesce a sostenere uno dei suoi settori fondamentali, in un mondo che va verso una globalizzazione da controllare e nel quale cresce la richiesta di competenze e di sviluppo per una migliore qualità della vita, si trova 15 irsses.indd 15 08/09/

18 invece a sprecare apporti ed energie, non favorendone la crescita e il ritorno in contributi, indispensabili ad un evoluzione sensata. Tutti sono diversamente interessati in modo convergente alla scuola: Stato, Regione, Enti locali, Università, Ricerca, Scuole, genitori, studenti; le comunicazioni previste in questo Convegno testimoniano una interazione e un confronto già in atto. Non sono mancate infatti e non mancano oggi iniziative che mettono insieme la scuola e le diverse realtà presenti al Convegno, di cui la Provincia di Trieste è stata promotrice sensibile. L allargamento dei soggetti in questo incontro rappresenta un primo risultato e va in una direzione da sviluppare con incontri periodici nel futuro. È questo l orizzonte in cui ci si può e ci si deve muovere proprio come società, in un rapporto continuo con la scuola, evitando per quanto è possibile quella che normalmente anche a tutt oggi viene vissuta dallo studente come un esperienza personale, con punte traumatiche e talora anche tragiche. Situazione questa che comporta una evidente perdita di possibilità, di opportunità, di energie, in una società che è sempre più una società della conoscenza, con le sue conseguenze anche nell impegno lavorativo. L incontro può essere un contributo di grande interesse per far crescere la scuola e la società stessa, che ha sempre bisogno di maturare una consapevolezza nei riguardi di una scuola, della quale troppo spesso si afferma verbalmente l importanza, senza poi un seguito nelle scelte quanto a priorità operative a livello politico ed economico. È una falsa contrapposizione mettere in alternativa la scuola del recupero e quella d eccellenza. Quanto più la scuola sarà capace di individuare e curare le capacità degli studenti, ampliando i suoi risultati come numero e qualità, mettendo in circolo nuove energie e apporti culturali, si porrà effettivamente come scuola d eccellenza. E quanto più la società saprà favorire la scuola in contatto vivo con essa, suo aspetto di punta, delicato e di grande importanza, sarà in grado di affrontare il presente e il futuro che si annuncia, individuando e risolvendo non pochi dei problemi che si pongono nel suo cammino, non sempre positivo, specie quando non adeguatamente preparato. 16 irsses.indd 16 08/09/

19 RELAZIONE INTRODUTTIVA irsses.indd 17 08/09/

20 Adele Pino Assessore alle Politiche Educative Seguo da qualche mese con attenzione i numerosi interventi che appaiono sulla stampa locale relativi ai fenomeni di devianza giovanile che avvengono nella zona di piazza Oberdan: le proteste dei residenti, le denunce di commercianti ed esercenti, il racconto delle bravate e da ultimo la richiesta d aiuto di alcune mamme, attori impotenti delle vicende che coinvolgono i loro figli, la loro frustrazione ed il bisogno di capire. Sarebbe troppo semplicistico limitarsi a ricercare le responsabilità solo all interno della famiglia: La famiglia si è fatta fragile, esattamente come il mondo che la circonda (Paolo Crepet); ma il sostegno alla famiglia non si risolve esclusivamente con gli interventi di natura economica, è necessario avere una capacità progettuale in grado di costruirle attorno una rete fatta di servizi migliori ma anche di luoghi ed occasioni di confronto. I nuovi modelli di famiglia sono diversi e articolati: ci sono quelli in cui, spesso in assenza della rete di supporto dei nonni, entrambi i genitori lavorano, ci sono quelli monogenitoriali, quelli delle famiglie fratturate e quelli delle famiglie che si ricompongono. La legittima declinazione dei diritti individuali di entrambi i coniugi all interno delle coppie spesso finisce con l incrementare nei genitori i sensi di colpa riducendo conseguentemente la capacità di educare con autorevolezza. Questo cambiamento si riflette inevitabilmente nel rapporto con la scuola. E di scuola oggi si parla spesso! Ma come? Purtroppo non sembra che l attenzione sia collegata al recupero di un ruolo importante per la scuola, quale agenzia di formazione delle nuove generazioni, semmai l impennata di attenzione dell opinione pubblica e degli organi di stampa è dovuta piuttosto ad alcuni episodi che creano allarme sociale e discredito nelle istituzioni. Episodi che hanno visto il verificarsi di casi di violenza di ragazzi contro altri ragazzi, di studenti contro docenti, di genitori contro dirigenti scolastici ed insegnanti e perfino di insegnanti contro alunni. Ma la violenza non nasce dentro la scuola, è espressione della società nella sua complessità! 18 irsses.indd 18 08/09/

21 Se pensiamo che la scuola sia il luogo in cui devono avvenire l educazione e la formazione di cittadini responsabili, è necessario che le due principali agenzie educative, la scuola e la famiglia, trovino le necessarie intese per definire concordemente gli obiettivi educativi e determinare le regole, anche comportamentali, che disciplinano la convivenza dentro la comunità scolastica. Non più difesa aprioristica dei comportamenti dei figli, non più attenzione esclusiva al conseguimento di un titolo di studio a prescindere dalle competenze acquisite. Una scuola senza scorciatoie dove si valorizza il merito e non la furbizia. Basandoci su queste motivazioni abbiamo ritenuto opportuno attivare nel corso dell anno scolastico un progetto di ricerca-azione sviluppato in collaborazione con l Associazione Una chiave per la mente e con la Facoltà di Scienze della Formazione dell Università di Trieste che avesse lo scopo di contribuire a creare una relazione interpersonale costruita sulla fiducia reciproca nel rapporto tra alunni-docenti, docenti-genitori, genitori-figli. Avevo avuto modo di sperimentare una positiva esperienza in questo senso collaborando alla predisposizione di un progetto che il Centro di Educazione degli Adulti dell Istituto Comprensivo S. Giovanni aveva attuato a sostegno della genitorialità per i padri e le madri degli alunni frequentanti le scuole dell istituto. Non c era stato solo un risultato positivo in termini di frequenza, ma anche di coinvolgimento emotivo, consentendo ai genitori di condividere esperienze, preoccupazioni ma anche la socializzazione dei vissuti positivi. I risultati di una collaborazione che ho ritenuto di mettere a frutto nel momento in cui l attuale Amministrazione che governa la Provincia di Trieste ha iniziato a costruire il proprio programma di governo definendone obiettivi, valori e azioni. Lo scenario in cui siamo chiamati a muoverci è in divenire sia sul versante nazionale, per gli interventi di modifica al modello Moratti che si stanno attuando in particolare con le nuove disposizioni sull elevazione dell obbligo scolastico, che sul versante regionale in quanto la Regione ha avviato l iter legislativo di un importante ddl che detta Norme per l accesso al sapere, il diritto allo studio, il nuovo ordinamento della formazione professionale e lo sviluppo formativo del Friuli Venezia Giulia. Il ddl regionale è un importante snodo per costruire la cornice entro la quale, in attuazione del Titolo V della Costituzione, ridefinire le funzioni della Regione relative alla programmazione dell offerta di istruzione e formazione e della rete 19 irsses.indd 19 08/09/

22 scolastica e formativa attribuendo nella prospettiva della sussidiarietà alcuni compiti di gestione ai livelli territoriali più prossimi all utenza, nel rispetto e nella valorizzazione dell autonomia delle Istituzioni scolastiche. Noi già dal trascorso anno scolastico abbiamo iniziato a porre le basi per costruire quella rete di alleanze istituzionali tra Regione, Enti locali, Ufficio scolastico, Azienda sanitaria, Università, Istituzioni scolastiche che è indispensabile per conseguire un obiettivo che è prioritario: contribuire ad elevare l istruzione e la formazione per tutti prevenendo l abbandono precoce degli studi, contrastando il disagio giovanile, agevolando l integrazione scolastica degli alunni in difficoltà. Numerose sono le iniziative che abbiamo messo in campo con le risorse rese disponibili dall Assessorato regionale all istruzione, destinate alla creazione di un Centro Territoriale Servizi provinciale. È stato costituito l Osservatorio sulla scolarità che, partendo dall analisi dei bisogni del territorio, prevede il coinvolgimento di tutti gli attori utili alla costruzione della rete, essenziale per la creazione di un sistema formativo integrato che abbia la capacità di unire le forze e di legare la scuola alla società realizzando azioni di sistema a sostegno delle fasce deboli. Dagli incontri dell Osservatorio è nata la prima ricerca che viene presentata nel corso del nostro Convegno rivolta agli studenti delle scuole superiori che abbiamo effettuato in collaborazione con la Consulta degli Studenti con lo scopo prevalente di capire le motivazioni delle scelte dei percorsi scolastici e comprendere la correlazione esistente tra queste e i rischi di dispersione scolastica, valutando inoltre gli altri fattori che possono costituire delle concause in un fenomeno definito dagli esperti a sua volta come un complesso di fenomenologie che coinvolge scuola e società e che per questo richiede un approccio sinergico di tutte le Istituzioni che insistono sul territorio con l obiettivo di costruire una strategia di sistema. Sicuramente le statistiche ci dicono che si registra una percentuale maggiore di abbandoni nelle aree economicamente più depresse del nostro Paese, come le regioni del Sud, e che la cultura familiare, il titolo di studio posseduto dai genitori ed una grave situazione di precarietà economica hanno una maggior incidenza negativa sul raggiungimento del successo scolastico. 20 irsses.indd 20 08/09/

23 Non possiamo però ignorare che anche in contesti a sviluppo economico elevato, e ne è un esempio il ricco Nord-Est, il fenomeno risulta radicato anche se percentualmente meno grave. I rioni periferici, sprovvisti di servizi adeguati, e le zone a forte concentrazione migratoria risultano essere maggiormente a rischio, come pure i nuclei rientranti nella definizione di nuove povertà tra le quali sono annoverati a pieno titolo le famiglie mononucleari che possono cadere in una situazione di precarietà economica in conseguenza di separazioni o divorzi. Gli studi sul fenomeno effettuati a livello nazionale evidenziano una minor incidenza rispetto al passato della difficoltà economica del nucleo familiare sul rischio abbandono. Lo stesso rapporto di sintesi della Commissione ministeriale sulla dispersione sco la stica nella Premessa afferma l esistenza di un collegamento inscindibile tra la pro blematica della dispersione e il concetto e la prassi di legalità, tra demotivazione alla scuo la e cittadinanza mancata, tra abbandono scolastico e sfiducia nelle istituzioni. Certamente in questo quadro, così delineato, che coinvolge una pluralità di attori, va salvaguardata la centralità della scuola creando sinergie ed evitando sovrapposizioni, aprendosi anche al contributo dei soggetti non istituzionali, fondamentali nel mondo dei giovani, tra i quali vanno annoverate tutte le espressioni associative che possono svolgere un ruolo significativo su tematiche quali la legalità, il disagio e l esclusione. In primo luogo, ma questo è un po anche il senso dell iniziativa odierna, è importante amplificare la conoscenza di tutte le iniziative già esistenti, quelle sostenute dalle Istituzioni scolastiche e quelle già attivate in collaborazione con i servizi sociali dei Comuni e del mondo dell associazionismo con lo scopo di far conoscere le possibili pluralità di approcci metodologici utilizzabili per individuare le azioni più efficaci e quelle più facilmente praticabili dalle scuole. La costruzione dell anagrafe degli alunni consentirà di avere dei parametri oggettivi per una più puntuale quantificazione del fenomeno e sulla base di questi dati sarà possibile definire degli obiettivi strategici quantificabili per attuare degli interventi rivolti a tutta la popolazione scolastica. Una strategia di intervento incentrata sul territorio, individuato come livello operativo ottimale per la predisposizione di programmi esecutivi di interventi formativi integrati, può consentire l individuazione delle situazioni a più alto indice di disagio e rischio per attivare azioni perequative finalizzate al riequilibrio. 21 irsses.indd 21 08/09/

24 Da questo punto di vista è di estrema importanza l attivazione di sedi e di modalità di ascolto che deve avvenire attraverso l utilizzo di approcci sia formali che informali, all interno dei quali i giovani possono avere una maggior facilità di comunicazione. Riteniamo pertanto possibile operare attraverso l elaborazione di accordi territoriali tra tutti i soggetti coinvolti, anche all interno dei Piani di zona, con la messa a disposizione di risorse finanziarie, strumentali e professionali. Partendo da questa impostazione metodologica abbiamo ritenuto opportuno aderire al gruppo pluriprofessionale costituito dal Servizio di Orientamento regionale per la provincia di Trieste con lo scopo di collaborare, con la messa a disposizione di esperti, alle azioni di assistenza tecnica e di servizi alle scuole verificando la possibilità di proseguire il sostegno alle scuole utilizzando la metodologia della ricerca-azione che consente, attraverso l utilizzo di strumenti di verifica, di consolidare i risultati raggiunti e di diffondere le buone pratiche. Per poter condurre una lotta efficace contro la dispersione, che corrisponda a precisi criteri strategici, numerose sono le iniziative da mettere in campo, prevedendo: l implementazione delle azioni di accoglienza, orientamento/riorientamento, tutoraggio ed accompagnamento; la promozione di attività di raccordo, dialogo e scambio con le famiglie per sensibilizzarle e coinvolgerle nelle azioni positive; la sperimentazione di metodologie didattiche innovative di gruppo ed anche personalizzate; il ricorso ad un mix di approcci metodologici e didattici orientati all innovazione ed al cambiamento; l acquisizione e l attualizzazione delle competenze alfabetiche di base stimolando la prassi di un interazione forte tra i diversi segmenti scolastici promuovendo la consuetudine di una progettualità verticale che coinvolga più ordini di scuola; il potenziamento della lingua italiana per gli alunni stranieri; lo sviluppo di linguaggi espressivi molteplici per integrare le diversità culturali e favorire il benessere a scuola; la formazione del personale con particolare attenzione alla sperimen- 22 irsses.indd 22 08/09/

25 tazione dell innovazione didattica impostata sull acquisizione delle com pe tenze chiave per l apprendimento permanente previste dalla Raccomandazione del Parlamento europeo; il rafforzamento del ruolo del lavoro come fattore motivante attraverso i progetti di alternanza scuola-lavoro e di integrazione tra istruzione e formazione professionale; l attivazione di percorsi formativi che portino i giovani ad una maggior conoscenza di sé, approfondendo i temi legati al benessere, al rispetto degli altri, all affettività, al potenziamento delle capacità di decisione autonoma. Uno dei compiti principali di livello territoriale sarà quello di creare un forte raccordo tra le reti delle scuole di primo e secondo grado per attivare i percorsi di seconda occasione per gli inadempienti all obbligo e per favorire il rientro, anche da adulti, nel circuito scolastico e formativo. Ho iniziato questo mio intervento con una breve citazione di Paolo Crepet e vorrei chiudere ritornando ad uno dei tanti interessanti stimoli proposti nel suo ultimo libro che mi è capitato di leggere: I figli non crescono più e che in qualche modo si ricollega al titolo che abbiamo scelto per l iniziativa di oggi. Provando a chiedere a dei ragazzi di un liceo del Trentino come progetterebbero la loro scuola, il noto psichiatra e sociologo si è sentito proporre da uno di loro la creazione di uno spazio tipo una piazza, un suk arabo, in cui ciascuno possa esporre le proprie mercanzie, cioè le proprie fantasie, aspettative, progetti di vita, sogni, curiosità, passioni Quel ragazzo di Val di Non dice a tutti una cosa fondamentale: la crescita deve possedere un tempo proprio, ha bisogno di un luogo per rappresentarsi: il teatro della vita che si dipana e si arriccia. Il loro luogo, il loro tempo. I ragazzi ci chiedono di avere una scuola incentrata su se stessi, sul loro bisogno di farsi conoscere sapendo di essere ascoltati. Hanno bisogno di una quotidianità non imperniata sugli attuali frenetici e insulsi tempi di vita. 23 irsses.indd 23 08/09/

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

PROGETTI MIUR PON F 3 REGIONE CAMPANIA

PROGETTI MIUR PON F 3 REGIONE CAMPANIA PROGETTI MIUR PON F 3 REGIONE CAMPANIA Preside Prof PAOLA CARRETTA Coordinatrice dei progetti di rete di EIP CAMPANIA Membro del Gruppo di Direzione e Coordinamento PON F3 PROGETTO INSIEME E POSSIBILE

Dettagli

Il Direttore Generale. Loredana Gulino

Il Direttore Generale. Loredana Gulino PICCOLI E GRANDI INVENTORI CRESCONO: UN LUNGO VIAGGIO NELLE SCUOLE ITALIANE PER PROMUOVERE LA CULTURA BREVETTUALE PREMESSA Quando, nel 2008, ho assunto la direzione della Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici FoRAGS FORUM REGIONALE ASSOCIAZIONI GENITORI SCUOLA Rimettere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957 NAIC86400X@istruzione.it - http://www.icsdelpozzo.it C.MEC. NAIC86400X C.F.

Dettagli

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Scuola dell Infanzia Parrocchia S. Martino Saonara (Pd) Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Carissimi genitori, l ambiente e le persone a cui affidare l educazione dei vostri figli

Dettagli

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300 L'ARCA - CONSORZIO SERVIZI PER L'INFANZIA ASSOCIAZIONE FORMAZIONE EDUCATORI Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA il guscio cooperativa sociale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE E DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL TERRITORIO DI SCORDIA AZIENDA UNITÀ

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM!

PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! OBIETTIVI GENERALI Provaci ancora Sam! è un Progetto integrato e interistituzionale volto a contrastare la dispersione scolastica che si connota come fenomeno complesso investendo

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI Ente titolare Comune di Alzano Lombardo Riferimenti: Ufficio Servizi alla Persona Via G.Mazzini, 69-24022 (BG) Tel. 035 4289000 Email servizi.sociali@comune.alzano.bg.it Comune di Alzano Lombardo PROGETTO

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

Autismo a Bergamo. intervento di PATRIZIA GRAZIANI Dirigente Ufficio Scolastico Territoriale Bergamo

Autismo a Bergamo. intervento di PATRIZIA GRAZIANI Dirigente Ufficio Scolastico Territoriale Bergamo Autismo a Bergamo 2001 2013 "Il punto di vista del mondo scolastico: come si è attrezzata la scuola negli ultimi dieci anni per dare risposte adeguate ai bisogni speciali degli alunni con autismo" intervento

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

LO SPORT VA A SCUOLA

LO SPORT VA A SCUOLA Provincia di Pisa LO SPORT VA A SCUOLA giocosport - sport in cartella i colori dello sport studente chiama sport lo sport contro il fumo - nuoto in cartella PROGETTO QUADRO PROVINCIALE PER LE ATTIVITA

Dettagli

"In Testa ai miei pensieri"

In Testa ai miei pensieri "In Testa ai miei pensieri" Documento tecnico e proposte operative per l adolescenza a Bologna documento cittadino Premessa Il presente documento è il frutto del confronto che si è avviato all interno

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

DIVERSI DA CHI? 2) RENDERE CONSAPEVOLI DELL IMPORTANZA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA.

DIVERSI DA CHI? 2) RENDERE CONSAPEVOLI DELL IMPORTANZA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA. DIVERSI DA CHI? Sintesi delle linee guida dell Osservatorio Nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del MIUR e protocollo di accoglienza dell IC di Porlezza 1) DIRITTO

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA Anno scolastico 2014 2015 1 Lettera aperta ai genitori Cari genitori, data la necessità di realizzare insieme a voi le condizioni migliori per favorire un buon inserimento del

Dettagli

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations Economic and Social Council ECOSOC United Nations 2010 Coordination segment New York, 6 July Address by Antonio MARZANO, President of AICESIS International Association of Economic and Social Councils and

Dettagli

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO www.lanotainpiu.it CONDIVIDERE LA MUSICA, PERCHE?: Aderire al lavoro comune e alle sue prerogative:

Dettagli

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ?

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? L'attuale complessità sociale e l'affermazione di nuovi modelli socio-economici e culturali hanno portato dei notevoli cambiamenti nella scuola e nella famiglia.

Dettagli

Il DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Roberta Galassi ---------------------------------------------------------------------------------

Il DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Roberta Galassi --------------------------------------------------------------------------------- Istituto Istruzione Superiore Sansi Leonardi - Volta Piazza Carducci, 1 06049 Spoleto (PG) Tel. 0743 22 35 05 Fax 0743 22 53 18 e-mail: pgis026007@istruzione.it sito web: www.liceospoleto.gov.it Circ.

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TINOZZI-PASCOLI PESCARA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TINOZZI-PASCOLI PESCARA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TINOZZI-PASCOLI PESCARA PROGETTO CONTINUITÀ EDUCATIVA E DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2007/2008 1) Cosa significa Continuità educativa e didattica La Continuità è un processo

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE 1 RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 1 Presentazione 2 Scheda individuale 3 Traccia di intervista individuale 4 Traccia focus group 1 Presentazione LA RICERCA:

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro.

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro. Adotta il futuro ovvero Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro Promosso e realizzato da: Ufficio Scolastico Provinciale

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO Il servizio di mediazione e sostegno SMS, nei suoi diversi ambiti di applicazione ha come caratteristica la restituzione di responsabilità e di autodeterminazione alle parti del sistema famiglia che si

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Primo Istituto Comprensivo di Scuola Materna, Elementare e Media Leonardo Da Vinci Via Concetto Marchesi

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA progetto/attività per l a.s. 2015/16

SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA progetto/attività per l a.s. 2015/16 SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA progetto/attività per l a.s. 2015/16 SEZIONE 1 DESCRITTIVA 1.1 Indicare Titolo del progetto codice P Successo formativo e contenimento della dispersione scolastica allegato

Dettagli

Prot. n. 3501 Bari, 27 marzo 2014 IL DIRETTORE GENERALE

Prot. n. 3501 Bari, 27 marzo 2014 IL DIRETTORE GENERALE Il Dirigente: dott.ssa Anna Cammalleri anna.cammalleri@istruzione.it Prot. n. 3501 Bari, 27 marzo 2014 IL DIRETTORE GENERALE Visto il C.C.N.L. del Comparto Scuola, sottoscritto il 29/11/2008, valido per

Dettagli

Da alcuni anni Anffas Trentino Onlus è testimone diretta della funzionalità di alcune esperienze di integrazione lavorativa. Se ne occupa un servizio

Da alcuni anni Anffas Trentino Onlus è testimone diretta della funzionalità di alcune esperienze di integrazione lavorativa. Se ne occupa un servizio I prerequisiti dell inserimento d lavorativo: la funzionalità del metodo di Anffas Trentino a cura di Linda Pizzo Responsabile del Servizio Inserimenti Lavorativi di Anffas Trentino Onlus Da alcuni anni

Dettagli

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado Istituto Comprensivo "San Giovanni Bosco" Naro ISTITUTO COMPRENSIVO "SAN GIOVANNI BOSCO" NARO Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado A.S.2015-16

Dettagli

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA SEMINARIO NAZIONALE PER L ACCOMPAGNAMENTO DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABANO TERME 29-30 MAGGIO 2014 PRESENTAZIONE INS. GRILLO

Dettagli

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 1 Grado (Programmi sintetici) D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE D1) L ACCOGLIENZA A SCUOLA: sviluppare negli alunni il senso

Dettagli

La Scuola dei Diritti Umani

La Scuola dei Diritti Umani La Scuola dei Diritti Umani «Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.»

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI TERZO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B TERZO INCONTRO Istituto: ITC

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

PIANO DI INTERVENTO PER CONTRASTARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA - LINEE GUIDA -

PIANO DI INTERVENTO PER CONTRASTARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA - LINEE GUIDA - PROVINCIA DI PIACENZA PIANO DI INTERVENTO PER CONTRASTARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA - LINEE GUIDA - PREMESSA ED OBIETTIVI OPERATIVI: Al fine di perseguire gli obiettivi individuati dal patto territoriale,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MEZZOJUSO 2) Codice di accreditamento: NZ00607 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

Presentazione dei lavori laboratoriali

Presentazione dei lavori laboratoriali Presentazione dei lavori laboratoriali «Progetto NEVERSTOPLEARNING» Istituto Tecnico Tecnologico Statale Alessandro Volta Dott.ssa Raffaella Gentile Psicologa Insegnante organizzazione: gli insegnanti

Dettagli

La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio

La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio Terni, Auditorium A.Casagrande F.Cesi 3 novembre 2014 Silvio Improta Dirigente Scolastico - Staff Regionale per le Misure di accompagnamento alle Nuove Indicazioni

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

Prot. n. 2055/C27a Bergamo, 11 febbraio 2009

Prot. n. 2055/C27a Bergamo, 11 febbraio 2009 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo AREA D Supporto alla Scuola e alla Didattica Ufficio per le attività studentesche e la partecipazione

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE A conclusione del lavoro di ricerca, si ritiene di riassumere alcune considerazioni nate alla luce sia del lavoro di documentazione, sia di quello di indagine.

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei programmi scolastici

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei programmi scolastici Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1157 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CECCACCI RUBINO Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva»

Dettagli