UNICAL BENE COMUNE Un Progetto di partecipazione attiva per il futuro dell Ateneo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNICAL BENE COMUNE Un Progetto di partecipazione attiva per il futuro dell Ateneo"

Transcript

1 UNICAL BENE COMUNE Un Progetto di partecipazione attiva per il futuro dell Ateneo PROGRAMMA DEL PROF. MARCELLO MAGGIOLINI CANDIDATO A RETTORE DELL UNIVERSITA DELLA CALABRIA PER IL SESSENNIO I - LE RAGIONI DI UNA SCELTA II - LA STRATEGIA PER LO SVILUPPO DELL ATENEO: 1. Gli Studenti 2. La Didattica 3. La Ricerca ed il Trasferimento di Conoscenze 4. Il Campus 5. Il Rapporto con il Territorio e le Istituzioni III - GOVERNANCE, ORGANIZZAZIONE E RISORSE 1. Un nuovo metodo di governo 2. La governance e l organizzazione 3. Le risorse umane: a) i professori ed i ricercatori b) il personale tecnico-amministrativo 4. Le risorse infrastrutturali 5. Priorità nelle politiche di Bilancio IV - NOTE CONCLUSIVE V - CURRICULUM VITAE SINTETICO 1

2 I-LE RAGIONI DI UNA SCELTA Care colleghe e cari colleghi, amiche e amici del PTA, cari studenti, mi candido a Rettore del nostro Ateneo proponendo a tutti voi un progetto di rinnovamento, che consenta di costruire una nuova Università basata sulla partecipazione attiva e sul merito, sulla trasparenza e la condivisione, per realizzare compiutamente la grande funzione sociale affidataci e percepire da parte di tutti l orgoglio di essere membri della nostra comunità universitaria. L Università della Calabria, come gli altri Atenei italiani, sta attraversando un delicato momento di transizione dettato dalla necessità di adeguare la governance interna ai sensi della legge 240/2010. A ciò si aggiunge la drastica riduzione dei finanziamenti ministeriali che condiziona la tenuta del sistema universitario, limitandone fortemente le possibilità di sviluppo anche attraverso il blocco quasi completo del turn-over del personale docente e tecnicoamministrativo. Al conseguente rischio di marginalizzazione bisogna contrapporre il coraggio di rilanciare il ruolo culturale e sociale di un grande Ateneo del sud, quale l Università della Calabria. Occorre riscoprire il senso di appartenenza a tale grande istituzione con una forte mobilitazione di energie intellettuali e un rinnovato impegno collettivo, plurale, unitario. La nostra Regione è aggredita da problemi sociali drammatici non più eludibili che devono spingere la classe accademica verso scelte e comportamenti coraggiosi in grado di contribuire allo sviluppo civile ed economico della Calabria. L Università deve diventare soggetto sociale di dinamiche virtuose per il territorio calabrese su cui preme fortemente l emergenza mafiosa, che contribuisce a lacerare il già fragile tessuto produttivo della Regione e a compromettere la qualità della nostra democrazia. E dunque prioritario avviarsi verso una nuova fase caratterizzata da uno sforzo straordinario teso a creare un modello innovativo che garantisca alle nuove generazioni la possibilità di inserimento nei ruoli universitari e il giusto riconoscimento di progressione di carriera a coloro i quali hanno concorso in tutti questi anni all affermazione dell UniCal nel panorama nazionale ed internazionale. Ciò potrà consentire ai giovani calabresi di continuare ad usufruire sul territorio regionale di una Università di prestigio che sia in grado di condurre una ricerca di ottimo livello ed erogare una didattica che consenta il conseguimento di un alta formazione adeguata alle sfide competitive del mondo del lavoro. Propongo dunque la mia candidatura a Rettore dell'università della Calabria, coerentemente all impegno di servizio profuso in tutti questi anni per il Bene Comune dell Ateneo e sulla base della credibilità acquisita con un metodo di lavoro costantemente volto a favorire la partecipazione, il confronto e la condivisione delle scelte effettuate. I positivi riscontri ottenuti e le sollecitazioni di tanti colleghi, mi hanno indotto a credere che una nuova generazione di docenti, in schietto dialogo con le generazioni che precedono e che hanno reso grande il nostro Ateneo, abituate al confronto paritario con tutte le componenti dell'università, possa assumere una responsabilità diretta e plurale per garantire l ulteriore sviluppo dell'ateneo e dell intero territorio regionale. Per l' Università della Calabria, a oltre 40 anni dalla sua istituzione, può considerarsi conclusa una prima positiva fase caratterizzata da una crescita culturale e di formazione di una classe dirigente che si è ormai affermata non solo a livello regionale ma anche nazionale. Oggi è forte l'esigenza di aprire una nuova fase che veda rafforzare il ruolo istituzionale dell'università della Calabria nel contesto del sistema universitario calabrese, a vantaggio delle 2

3 nuove generazioni che oggi più che mai necessitano di risposte adeguate alle problematiche che la crisi nazionale ed internazionale hanno reso drammatiche. In tale contesto, fondamentale è il ruolo che dovrà sempre di più esercitare il nostro Ateneo nell ambito della propria mission: garantire una didattica di qualità e una ricerca competitiva associate a nuovi modelli di trasferimento delle conoscenze, quale doveroso contributo alle esigenze di sviluppo del territorio calabrese e dell intero Paese. Ritengo che per il raggiungimento di tali obiettivi sarà necessario mettere in atto un grande sforzo comune nel considerare gli interessi generali dell Ateneo come fondamentali rispetto alle posizioni, ancorché legittime e motivate, ma di parte. Inoltre, sarà essenziale sostituire al modello centralista-burocratico dettato dall applicazione della legge 240/2010 il massimo decentramento di compiti e funzioni ai dipartimenti compatibilmente con le normative vigenti. Sebbene la situazione attuale sia caratterizzata da una grave crisi di sottofinanziamento del sistema universitario e, in particolare, dell Università della Calabria, la nostra capacità di fare sistema può invertire la prospettiva riservandoci al contrario un ulteriore fase di sostanziale crescita, poiché un nuovo regionalismo europeo qualificherà il prossimo ciclo di programmazione comunitaria (2014/2020) che quasi coincide con il mandato rettorale ( ). Ritengo che questa grande opportunità richieda politiche e scelte adeguate che curerò in maniera particolare per assicurare al nostro Ateneo le risorse necessarie ad un ulteriore fase di crescita in grado di rispondere alle tante attese interne e del territorio. Se mi darete la vostra fiducia, il mio impegno sarà esclusivamente di servizio, come lo è stato fino ad oggi negli organi istituzionali dell Ateneo, di cui ho avuto l onore di far parte. Sono fermamente convinto che non esistono grandi progetti che possano essere affidati alle motivazioni e alle energie di una sola persona. Tantomeno ritengo che il rinnovamento di cui abbiamo estremo bisogno sia conciliabile con forme ormai desuete di esercizio del potere. Penso invece che sia necessario il massimo rigore non solo nel rappresentare e difendere le ragioni della missione fondamentale di una grande istituzione pubblica come l Università della Calabria, ma anche nella tutela della sua indipendenza ed autonomia rispetto a qualsiasi forma di potere ed interesse esterno. Il programma che intendo presentare, aperto ad ogni ulteriore forma di riflessione e indirizzo strategico che ne consenta una migliore applicazione, intende affrontare le questioni rilevanti ed ampiamente conosciute della vita della nostra comunità. Su tale programma, chiedo la vostra fiducia a Rettore dell Università della Calabria. II - LA STRATEGIA PER LO SVILUPPO DELL ATENEO Punto di forza della strategia di sviluppo dell Ateneo dovrà essere il rafforzamento della pluralità dei saperi che oggi lo caratterizza. Obiettivo prioritario sarà dunque quello di realizzare ogni scelta tesa ad innalzare ulteriormente la qualità di tutte le tipologie di attività didattiche e di ricerca, oggi verificabile anche attraverso i processi di valutazione e accreditamento. Ciò consentirà di migliorare la posizione del nostro Ateneo nel sistema universitario nazionale, garantendo da una parte un maggior peso nell attribuzione del Fondo di Finanziamento Ordinario da parte del MIUR e scongiurando dall altra il grave rischio di una 3

4 progressiva marginalizzazione. Tale obiettivo dovrà essere perseguito tenendo al centro di ogni programmazione il miglioramento della qualità del servizio offerto agli studenti, rendendoli sempre più partecipi della vita e del governo dell Università, ed offrendo loro una un esperienza complessiva di socializzazione e di formazione civile oltre che culturale. Sarà altresì fondamentale realizzare adeguate politiche volte ad incentivare ulteriormente il processo di internazionalizzazione sia nell ambito delle attività formative che di ricerca, anche ottimizzando le grandi possibilità offerte dal Campus, che dovrà essere destinatario di una attenzione particolare per garantire la sua centralità nell ambito delle attività complessive dell Ateneo e per garantire la fruizione dei servizi disponibili al più elevato standard di qualità possibile. In particolare, il ruolo del Campus dovrà essere fondamentale per contribuire, insieme a varie iniziative formative e scientifiche, a creare un network culturale con i Paesi emergenti e in crescita del Mediterraneo e dell Est europeo, al fine di utilizzare al meglio il posizionamento geo-politico della nostra Regione e dell Ateneo. L impegno per lo sviluppo della nostra Università sarà caratterizzato da una strategia tesa a creare un azione di sistema per essere in grado di intercettare quante più risorse possibili dalla nuova programmazione comunitaria Horizon 2020 che, attraverso una nuova forma di regionalismo europeo, potrà consentire l acceso ad una enorme quantità di risorse, infatti solo per l Italia saranno disponibili 3,5 miliardi di euro/anno dal 2014 al Poiché l accesso a tali risorse avverrà esclusivamente su base competitiva, è necessario mettere in campo una task-force che crei le condizioni affinché tutte le Aree e tutti i gruppi di lavoro dell Ateneo abbiano la possibilità di proporre progettualità vincenti ed in grado dunque di assicurare ingenti risorse da utilizzare nell ambito delle attività di ricerca e per l investimento sulle risorse umane coinvolte nella realizzazione di tali progetti. In tale contesto, ritengo che tra le politiche prioritarie particolare attenzione deve essere rivolta alle strategie inerenti la possibilità di poter continuare a garantire un numero congruo di borse di dottorato di ricerca e risorse adeguate a finanziare gli assegni ricerca e i ricercatori a tempo determinato. Ciò è reso particolarmente urgente per scongiurare il rischio che a più generazioni di giovani ricercatori sia impedito una adeguata formazione ed il successivo accesso ai ruoli della ricerca, evento che potrebbe costituire un grave ostacolo nella trasmissione dei saperi con il risultato di condizionare fortemente le attività dell Ateneo nei prossimi anni. Risorse adeguate dovranno essere anche assicurate al sistema bibliotecario di Ateneo per consentire l accesso al bene primario che è il sapere universale. Le strategie di sviluppo dell Ateneo non potranno prescindere nell azione di sistema dal coinvolgimento del personale tecnicoamministrativo che sarà chiamato a contribuire a pieno titolo alla crescita dell Ateneo, con importanti ricadute sui livelli di professionalità raggiunti sia nell ambito amministrativo che tecnico. Ritengo che tutto ciò possa consentire alla comunità universitaria, ed in particolar modo agli studenti che si rivolgono all Università della Calabria con l attesa di attraversare la porta del proprio futuro, di guardare avanti con la fiducia di chi ha messo in atto senza riserve ed in modo intelligente ogni possibile azione volta al successo dell Ateneo. Indico di seguito le azioni che ritengo prioritarie nelle varie aree di interesse dell Ateneo per la realizzazione di una strategia complessiva di sviluppo. 4

5 1. Gli Studenti Le attività delle Università devono essere programmate e realizzate tenendo conto della centralità degli studenti nell ambito dei progetti formativi. La crisi economica e una miope politica di definanziamento delle istituzioni universitarie stanno drammaticamente riducendo l accesso di tanti giovani all Università e condizionando fortemente il percorso didattico degli studenti attualmente iscritti. Chi si candida a guidare un Ateneo deve necessariamente sentirsi impegnato a costruire un percorso condiviso per un cambiamento radicale delle politiche per l Università e la ricerca. L Università della Calabria ha registrato nei suoi pochi decenni di vita una crescente domanda di formazione diventando un importante punto di riferimento per la crescita culturale della società calabrese. Negli ultimi anni i forti cambiamenti intervenuti nel contesto nazionale ed internazionale hanno fortemente trasformato le competenze richieste dal mondo del lavoro e dalla società in generale. Rispetto a tali importanti problematiche, l Ateneo ha registrato un ritardo nel contestualizzare l offerta formativa con conseguenti riflessi sulla sua attrattività, sugli abbandoni dei corsi di studio e sui ritardi nel conseguimento della laurea, come risulta dalle classifiche dei Paesi Ocse sul numero dei laureati. Indicherò più avanti alcuni interventi prioritari che riguardano la didattica, il diritto allo studio, i servizi e la residenzialità. In tale contesto, sottolineo la necessità di rendere gli studenti sempre più partecipi della vita e del governo dell Università, per far sì che l Ateneo consenta un esperienza di socializzazione e di formazione civile oltre che culturale. In questo quadro dovrà rivestire un ruolo importante il rilancio e la qualificazione del Campus secondo gli obiettivi indicati nello specifico punto del programma. Di seguito sono indicate alcune azioni prioritarie: Rispetto e tutela dell autonomia delle rappresentanze studentesche, relazioni basate sul confronto, sull informazione e sulla preventiva consultazione. Forte sinergia con le altre Università Calabresi, per verificare quali azioni è possibile intraprendere con la Regione per migliorare in termini quantitativi e qualitativi i servizi per il diritto allo studio. Dematerializzazione dei processi amministrativi per i servizi agli studenti. Sostegno alle associazioni studentesche nella realizzazione di attività culturali, di servizio e ricreative, che possano contribuire ad una maggiore socializzazione e qualità della vita nel Campus. Sostegno ai servizi garantiti agli studenti diversamente abili, quale elemento caratterizzante l UniCal anche nel riconoscimento della dignità umana a prescindere dalle caratteristiche fisiche e quale momento di incontro e sinergia con le attività del volontariato. 2. La Didattica Il processo di accreditamento e valutazione (AVA) appena avviato dovrà essere un opportunità per realizzare una effettiva valutazione dell attuale offerta formativa dell Ateneo, non soltanto per garantire una corrispondenza ai requisiti previsti dalla normativa ministeriale ma, soprattutto, per 5

6 assicurare una qualità sostanziale della didattica. I Dipartimenti dovranno rivedere e programmare l offerta formativa in relazione ad un progetto complessivo di Ateneo, articolato in diversi livelli, al fine di garantire una maggiore capacità di attrazione degli studenti e un posizionamento competitivo nell offerta formativa nazionale che sia sostenibile con le risorse umane e finanziarie disponibili. A questo riguardo, sarà assicurato un forte impegno affinché nel più breve tempo possibile sia definita una revisione dei percorsi formativi che tenga anche conto della programmazione pluriennale del reclutamento del personale docente. Tale processo di revisione dovrà essere basato non solo su criteri quantitativi ma anche su criteri qualitativi condivisi. Di seguito sono indicate alcune azioni prioritarie: Preliminare elaborazione di una analisi di contesto, sulla base dei risultati emersi dall indagine effettuata dalla commissione EUA, che fornisca un quadro chiaro dello stato della didattica erogata dall Ateneo in relazione alle richieste del mondo del lavoro e della società, nonché in relazione all offerta formativa di altri Atenei. Tale analisi fornirà importanti informazioni che dovranno costituire la base di ogni scelta programmata dai Dipartimenti e dagli Organi di Governo sulla revisione dei corsi di studio. Potenziamento delle attività di Orientamento in ingresso con un progetto complessivo di iniziative che possa migliorare il raccordo con gli istituti di istruzione secondaria, al fine di intervenire più efficacemente sia sulle scelte dei corsi di studio che sulle competenze acquisite negli studi pre-universitari. Potenziamento delle attività di Orientamento in itinere e in uscita dal percorso di studi ai fini della riduzione della dispersione studentesca e ai fini del collocamento nel mercato del lavoro; Verifica delle cause degli abbandoni e realizzazione in tempi rapidi di attività mirate a ridurne sostanzialmente la percentuale, con particolare riguardo agli studenti che si immatricolano in Corsi di Laurea differenti rispetto a quelli indicati in via prioritaria. Potenziamento delle iniziative di internazionalizzazione come di seguito indicato: a) incremento di Corsi di Studio con insegnamenti in lingua inglese al fine di attrarre un maggior numero di studenti stranieri; b) forme di raccordo con istituzioni scolastiche operanti in Paesi Stranieri (in particolare dell area del Mediterraneo e dell est Europeo), al fine di rendere visibile ed attrattiva l offerta formativa dell Ateneo; c) ottimizzazione delle attività amministrative al fine di incrementare lo scambio di studenti ed il coinvolgimento di studiosi stranieri nello svolgimento di attività didattiche curriculari, compatibilmente con le risorse disponibili; d) realizzazione di iniziative (es. Summer School) di alta specializzazione in grado di attrarre studenti e studiosi stranieri. Il processo di Internazionalizzazione potrà essere utilmente supportato dalla peculiare risorsa dell Ateneo costituita dal Centro Residenziale, che conseguentemente beneficerà di una maggiore richiesta di servizi in particolar modo da utenti stranieri. 6

7 Potenziamento delle iniziative di alta formazione a carattere professionalizzante (es. scuole di specializzazione, tirocini formativi) e che rispondano a specifiche richieste del territorio (es. Scuole Superiori e di Alta Formazione). 3. La Ricerca ed il Trasferimento di Conoscenze Nel nostro Ateneo operano tanti professori e ricercatori di fama nazionale e internazionale. E un enorme patrimonio che testimonia la vivacità culturale dell Ateneo nello scenario globale, occorre tuttavia raggiungere elevati livelli di performance complessivi attraverso un sostanziale miglioramento dell assetto organizzativo, al fine di ottimizzare i risultati e garantire il raggiungimento dei massimi obiettivi possibili con le risorse umane disponibili. È necessario, pertanto, realizzare un piano strategico che consenta l individuazione di linee di intervento contrassegnate da alcuni obiettivi fondamentali: sviluppare la pluralità dei saperi e delle conoscenze, promuoverne il loro trasferimento, incentivare la partecipazione a reti nazionali ed internazionali di ricerca, garantire standard elevati nella formazione alla ricerca per garantire meglio l Ateneo nelle competizioni di varia natura sempre di più basate sulla valutazione e sul merito. Di seguito sono indicate alcune azioni prioritarie: incentivare la formazione e/o la collaborazione tra gruppi di ricerca anche multidisciplinari, al fine di creare una massa critica di risorse umane che possa accedere in maggior misura, attraverso una maggiore competitività a livello nazionale ed internazionale, all acquisizione di progetti in grado di intercettare importanti risorse finanziarie, in particolar modo nell ambito del nuovo programma europeo Horizon 2020, a cui l Ateneo dovrà dedicare grande attenzione con la messa a punto di una specifica strategia a cui tutti dovranno contribuire e da cui tutti dovranno beneficiarne; creare, anche sulla base delle migliori esperienze internazionali, laboratori di Ateneo al servizio di tutta la comunità accademica, al fine di rendere condivise attrezzature particolarmente complesse e costose il cui ampio utilizzo potrà garantire valore aggiunto alla ricerca e alla collaborazione tra più gruppi di lavoro; incentivare accordi strategici con altri attori particolarmente attivi nel panorama della ricerca, in primo luogo con enti di ricerca di prestigio nazionale ed internazionale, ma anche con aziende coinvolte in processi di ricerca e sviluppo, al fine di aumentare la massa critica delle risorse umane e strumentali nei vari settori di interesse ed il trasferimento delle conoscenze. A tal proposito, si sottolinea che la recente normativa sui dottorati apre nuove prospettive nei rapporti tra Università, Enti di ricerca e aziende, la cui collaborazione potrà contribuire a raggiungere maggiori traguardi non solo nella formazione dei dottorandi ma anche nei processi di innovazione, sviluppo del territorio e occupazione di risorse umane altamente qualificate; realizzare una periodica (biennale) valutazione interna della ricerca secondo parametri condivisi e basati su standard internazionali di riferimento, nel rispetto del principio della pari dignità di tutti i saperi, al fine di poter attribuire le risorse in termini meritocratici e migliorare la performance della ricerca a livello di Ateneo, di Dipartimento e di singolo ricercatore. A tal riguardo, entro il 2014 dovrà essere predisposto un sistema di 7

8 monitoraggio ed un archivio pubblico delle pubblicazioni e dei prodotti scientifici che garantisca all Ateneo una adeguata visibilità a livello nazionale ed internazionale in relazione alle attività svolte. Su tale base dovrà essere prodotto un rapporto biennale sullo stato della ricerca da presentare e discutere in una apposita conferenza di Ateneo sullo stato e le prospettive della ricerca; definire in tempi quanto più rapidi criteri condivisi per l attribuzione di risorse provenienti da fonti interne e/o esterne da destinare alla creazione di posti di Ricercatore a tempo determinato. E imperativo per il futuro dell Università garantire su base meritocratica l ingresso di giovani al fine di non interrompere ulteriormente la filiera nella trasmissione dei saperi; garantire l impegno finanziario per un numero congruo di borse di dottorato di ricerca (almeno 30), qualificandone l attività in riferimento ai requisiti di accreditamento e valutazione (DM 94/2013), incentivandone l internazionalizzazione attraverso la condivisione di attività e studenti a cui poter anche garantire il conseguimento di titoli congiunti, consentire ai docenti inseriti nei collegi di svolgere attività didattica riconosciuta nel monte ore complessivo degli obblighi didattici; definire in tempi quanto più rapidi criteri per l erogazione di incentivi a progetti approvati ma non finanziati da fonti esterne su base competitiva e che hanno una ricaduta positiva sul Fondo di Finanziamento Ordinario, in particolar modo a progetti presentati da ricercatori; garantire servizi tecnico-amministrativi a supporto della progettazione e gestione dei progetti nazionali ed internazionali anche attraverso la formazione di elevate competenze professionali ed una adeguata organizzazione degli uffici preposti (sia a livello centrale che di dipartimento), al fine di contribuire efficacemente al successo della complessiva progettualità dell Ateneo; sostenere efficacemente con risorse umane altamente professionalizzate e con adeguate risorse finanziarie l attività del Liaison Office di Ateneo, quale centro propulsore del trasferimento di conoscenze, quale struttura di riferimento per la formazione di una cultura di impresa e lavoro autonomo da parte dei laureati, quale luogo privilegiato di incontro tra Università e territorio in tema di innovazione e sviluppo; incentivare e sostenere lo sviluppo delle attività di poli tecnologici in vari settori di interesse (materiali, ambiente, salute dell uomo, agroalimentare) che possano contribuire a soddisfare particolari esigenze e richieste provenienti dal territorio e garantire alto valore aggiunto ad attività condotte anche in sinergia con enti ed istituzioni operanti nel contesto locale, regionale, nazionale ed internazionale; mettere a punto entro il 2013 una preliminare strategia di Ateneo da aggiornare con cadenza semestrale sul nuovo programma europeo Horizon 2020, che potrà garantire per l Italia circa 3,5 miliardi di euro all anno dal 2014 al 2020 (1/3 delle risorse sono destinate al settore Social Sciences and Humanities ). 8

9 4. Il Campus Il campus costituisce, insieme alla Didattica, alla Ricerca e al Trasferimento delle Conoscenze, una delle mission dell Università della Calabria. L atto istitutivo dell Ateneo prevedeva infatti questa precipua prerogativa: rendere possibile una residenzialità che permettesse di guardare alle migliori tradizioni internazionali nel supporto e nel completamento dell esperienza formativa. Il campus rappresenta dunque non solo un luogo, una infrastruttura, ma piuttosto un occasione di interazione positiva tra le varie attività dell Ateneo. Occorre dunque considerare che ogni intervento relativo al Campus va condotto insieme a coloro i quali vivono nel Campus usufruendo dei servizi e delle opportunità da esso offerte. Il Campus deve essere anche considerato come una esperienza di condivisione che educhi il cittadino-studente alla vita sociale in un ambito multiculturale scevro di pregiudizi e come occasione di convivenza delle differenze. Anche sulla base di tali ragioni ritengo opportuno che l Ateneo continui a ricoprire una responsabilità diretta nella gestione del Centro Residenziale. Di seguito sono indicati i principali obiettivi che caratterizzano il progetto di una nuova fase per il Campus: promuovere iniziative volte a rendere il Campus una città universitaria interamente vissuta (24 h al giorno e 12 mesi all anno); promuovere iniziative volte a rendere il Campus una città ecosostenibile che utilizza energia da fonti rinnovabili e ricicla i suoi rifiuti; promuovere iniziative volte a rendere il Campus una città sicura; promuovere iniziative volte a rendere il Campus una città internazionale con la presenza di almeno 1000 studenti stranieri; promuovere iniziative volte a creare nel Campus una convivenza che non discrimini l identità sessuale, la religione o la razza; offrire la possibilità agli studenti che vivono nel Centro Residenziale di lavorare per il Campus nei servizi, come giardinaggio, raccolta differenziata, piccola manutenzione, accoglienza, mensa, bar, ecc. A tal fine si dovrà ricorrere ad un uso esteso della forma di collaborazione part-time e la possibilità di formare delle cooperative di lavoro. promuovere iniziative volte a integrare il Campus con il territorio; Per perseguire tali obiettivi occorre: attuare quanto previsto nello Statuto: suddivisione in Quartieri, con la nomina di un rappresentante di Quartiere; istituire il Comitato Unico di Garanzia, con funzioni di Nucleo di Valutazione del Centro Residenziale; istituire il Nucleo di Valutazione delle attività del Campus; formulare le proposte operative insieme agli stakeholder del Campus, con l istituzione di un Tavolo Tecnico (o Consulta di Campus) costituito da: rappresentanti dei residenti nel Centro Residenziale, degli operatori commerciali, di soggetti impegnati nella realizzazione di attività culturali, rappresentanti degli Enti Locali, Rappresentanti delle associazioni studentesche; dare immediatamente seguito ad alcune azioni: 9

10 a) avviare contatti in particolar modo con i Paesi del Bacino del Mediterraneo e con i Paesi dell Est Europeo per realizzare accordi finalizzati all accoglimento di studenti stranieri nel Campus (per la posizione geografica della nostra Regione e per la presenza sul nostro territorio di lavoratori provenienti dai Paesi dell Est Europeo); b) inserire le attività delle strutture sportive come parte integrante dell offerta di servizi complessivi ai residenti del Campus; c) valorizzare il polo culturale rappresentato dalle strutture teatrali ed i cinema in via di completamento per realizzare una vivace vita sociale del Campus; d) attuare un Piano Commerciale, anche in raccordo con le esigenze del territorio; e) creazione dell Housing Office, per l assegnazione delle residenze agli ospiti e per l assistenza nelle fasi successive; f) produzione di energia elettrica attraverso fonti alternative; g) istituire un ufficio che canalizzi l offerta di lavoro proveniente dai residenti in relazione alla domanda di lavoro del Campus per l espletamento di alcuni servizi; h) prevedere nei contratti con le attività commerciali presenti nel Campus delle clausole che garantiscano un orario di apertura adeguato alle esigenze della comunità residente e che obblighino i titolari delle stesse attività a richiedere la collaborazione di personale residente nel Campus; i) ottimizzare la gestione e fruizione della Foresteria; j) potenziare il Centro Congressi affinché svolga un ruolo proattivo come centro organizzatore di congressi durante tutto l anno (anche nei periodi estivi, per esempio Summer Schools). 5. Il Rapporto con il territorio e con le Istituzioni Le Azioni che caratterizzano l Ateneo devono essere contestualizzate nel Territorio di riferimento e nella difficile situazione economica del Paese da cui deriva una drastica riduzione dei trasferimenti dei fondi statali. Ulteriore fattore negativo è rappresentato dalla diminuzione delle richieste di immatricolazione per effetto del calo demografico, la crescente competitività nazionale nonché gli elevati costi connessi agli studi universitari. In questo difficile contesto, il nostro Ateneo non può rinunciare ad essere protagonista di un progetto culturale e politico finalizzato al cambiamento e alla crescita sociale ed economica del territorio regionale, confrontandosi con le migliori tradizioni scientifico-didattiche presenti sia a livello nazionale che internazionale. Per affrontare e vincere questa sfida occorre realizzare una forte programmazione per offrire l accesso agli ambiti formativi che registrano maggiori richieste legate alle opportunità del mondo del lavoro. Ciò è reso particolarmente stringente per il calo progressivo delle immatricolazioni che nei prossimi anni condizionerà ancor di più le politiche degli atenei italiani. In tale contesto è necessario avviare una progettualità condivisa con le Istituzioni Scolastiche del Territorio, che preveda attività di formazione degli insegnanti e di orientamento degli studenti. La ricerca di base costituisce il punto di riferimento essenziale e una delle mission fondamentali dell università. Tuttavia, il contesto territoriale regionale richiede un forte contributo ai processi di innovazione connessi al trasferimento dei risultati della ricerca anche attraverso la costituzione 10

11 di partenariati con le imprese e/o la costituzione di spin-off. Esperienze recenti sottolineano come questo ambito di intervento può valorizzare i nostri laureati facilitandone l inserimento nel mondo del lavoro. A oltre 40 anni dalla sua istituzione, l Università della Calabria può meritoriamente considerare conclusa una prima positiva fase caratterizzata da un generoso contributo alla crescita culturale e sociale del territorio regionale. Oggi è forte l'esigenza di aprire una nuova fase che veda l Università della Calabria caratterizzarsi, nel contesto del sistema universitario calabrese, per un forte impegno volto a contribuire alla soluzione dei problemi del territorio calabrese, in particolar modo connessi al ritardo nella crescita rispetto alle altre aree del Paese, alla competizione globale, ai temi occupazionali specialmente dei giovani in possesso di un alta formazione. A riguardo, occorrerà dar luogo, in forte sinergia con le Università statali calabresi, a una nuova fase nei rapporti con la Regione Calabria, allo scopo di realizzare una strategia volta a conseguire importanti risultati nell ambito di varie tematiche di comune interesse, alcune indicate di seguito: sostegno adeguato al diritto allo studio anche attraverso azioni congiunte di sensibilizzazione e coinvolgimento di soggetti finanziatori privati a integrazione delle risorse a disposizione della Regione; realizzazione con il contributo della Regione Calabria di una efficace azione congiunta del sistema universitario calabrese tendente, nel rispetto delle proprie autonomie istituzionali, a varie forme di fattiva collaborazione e di integrazione federativa nella programmazione e razionalizzazione delle offerte didattico-scientifiche rispetto alle esigenze del territorio e nella elaborazione di progettualità di interesse comune nei servizi agli studenti, al fine di garantire una formazione plurale ed adeguata alle sfide sia del mercato interno che globale, con evidenti ricadute sia sulla riduzione dell emigrazione intellettuale che sullo sviluppo culturale, sociale ed economico della Calabria. sviluppo del capitale umano, in particolare per il sostegno al Dottorato di ricerca, alla formazione post-dottorale (assegni di ricerca e ricercatori a tempo determinato), all internazionalizzazione, al placement e all alto apprendistato, al trasferimento di conoscenze e all interconnessione con il sistema produttivo; Horizon 2020 e nuovo regionalismo europeo, in particolare per quanto concerne la possibilità di intercettare importanti risorse attraverso la partecipazione congiunta delle Università calabresi a programmi che prevedano politiche attive nel trasferimento tecnologico e nella valorizzazione dei risultati della ricerca, con conseguente ricadute positive sull innovazione, sullo sviluppo e sull occupazione. definizione di un processo volto a realizzare una Biblioteca Unica Regionale con indubbi vantaggi per le comunità accademiche delle Università calabresi e dello stesso territorio regionale. A tal riguardo, si sottolinea la grande valenza sociale che la partecipazione attiva della Regione Calabria potrebbe garantire a questo progetto, rendendo possibile l accesso non solo ad Enti ed Istituzioni locali ma anche a tutti i cittadini interessati. Per quanto riguarda il rapporto con Istituzioni a carattere nazionale ed in particolare con il MIUR, si sottolinea la necessità inderogabile di operare in sinergia con altri Atenei al fine di raggiungere alcuni obiettivi fondamentali per poter continuare a svolgere le attività formative e 11

12 scientifiche. Appare evidente, ad esempio, come il sottofinanziamento del sistema universitario nazionale abbia prodotto un forte ridimensionamento delle risorse umane con gravi ripercussioni sulla realizzazione dei programmi dei prossimi anni. A ciò si aggiunge il sostanziale blocco del turn-over anche a causa della programmazione degli accessi in riferimento ai punti organico. L impegno che anticipo è quello di realizzare una forte pressione sul MIUR in collaborazione con altri Atenei, al fine di rimuovere il condizionamento legato ai punti organico che limita fortemente l autonomia universitaria laddove opportune economie di bilancio potrebbero consentire l immissione in ruoli superiori di professori e ricercatori in possesso di idoneità nazionale nonché la progressione di carriera del PTA e la stabilizzazione di giovani precari. Su questa e altre questioni importanti occorrerà avviare un confronto con la CRUI quale organo interlocutorio del Ministero che negli ultimi anni non è riuscito ad impedire scelte particolarmente negative per gli Atenei del Meridione. Sarà altresì importante stabilire un confronto con il CUN, organo istituzionalmente deputato a rappresentare le esigenze delle Università e che recentemente ha condotto una serie di iniziative a tutela degli Atenei Italiani. III - GOVERNANCE, ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE Una strategia di sviluppo dell Ateneo non può essere realizzata senza il coinvolgimento e la partecipazione attiva dei Professori e dei ricercatori, del personale tecnico-amministrativo e degli studenti, attraverso la concertazione come metodo di lavoro nella ricerca di soluzioni adeguate e condivise ai complessi problemi dell Ateneo. Ritengo inoltre prioritario che l assetto istituzionale dell Ateneo deve assicurare la centralità dei Dipartimenti e il necessario equilibrio nei rapporti tra gli Organi di Governo, in particolar modo tra Senato Accademico e Consiglio di Amministrazione. E assolutamente necessario disporre di una organizzazione amministrativa competente, efficace ed efficiente, a supporto delle attività di didattica e ricerca. Il nostro Ateneo vive sulla base della centralità del lavoro realizzato da tutte le persone che operano al suo interno, è doveroso rivolgere loro la massima attenzione in particolar modo in riferimento alla valorizzazione e alla crescita professionale di ciascuno nel rispetto della dignità di ogni singola persona e del lavoro svolto. Di seguito sono indicate alcune proposte operative per la realizzazione dei suddetti obiettivi: 1. Un Nuovo Metodo di Governo Ritengo che l Università della Calabria debba caratterizzarsi per la qualità del proprio processo decisionale e per un metodo di governo basato sul primato delle regole, esplicite e chiare e sulla condivisione delle scelte strategiche. Il mio sarà un nuovo metodo di governo ancorato ai seguenti cardini fondamentali: trasparenza e legalità, condivisione, programmazione, valutazione ed autovalutazione. Trasparenza e Legalità È necessario garantire il diritto alla piena informazione sulle decisioni che gli organi di governo dell Ateneo (sia quelli centrali che quelli periferici) sono chiamati ad assumere con un 12

13 preventivo confronto con i soggetti interessati alle singole problematiche. Dovrà dunque essere assicurata la più ampia comunicazione all interno e all esterno dell Ateneo. Tra le proposte concrete per attuare questo punto propongo la redazione di un Bilancio Partecipato con occasioni pubbliche di confronto con il Corpo Accademico prima dell approvazione del Bilancio Preventivo da parte del CdA, e nell occasione della redazione del bilancio consuntivo in modo da rendere partecipato anche tale importante atto amministrativo. La trasparenza sarà la garanzia per tutti, al fine di creare un ambiente che favorisca la piena legalità degli atti amministrativi nei confronti degli studenti, del personale e delle ditte che forniscono servizi all Ateneo. Attenzione particolare dovrà, infine, essere riservata alla piena attuazione dei princìpi chiave del codice etico dell Ateneo per evitare nella gestione dei processi amministrativi condotte distorsive e lesive dell immagine dell Università. Condivisione Un governo democratico dell Ateneo richiede il rispetto dei ruoli e dell autonomia dei diversi livelli istituzionali, senza prevaricazione di competenze. Questo deve particolarmente valere nei rapporti tra il Rettore, gli organi di governo centrali ed i Dipartimenti. Il rispetto dell autonomia dei ruoli deve contrassegnare inoltre i rapporti tra il Rettore e le rappresentanze e le istanze associative del personale e degli studenti. La Partecipazione, la concertazione e le pari dignità tra le varie componenti sarà uno dei tratti distintivi del modello di governance proposto. Programmazione Le scelte dell Ateneo, in particolare quelle di valenza strategica, di competenza sia degli organi di governo centrali sia dei Dipartimenti, dovranno essere basate su una logica di programmazione che coniughi una adeguata base conoscitiva e informativa, la determinazione di obiettivi e priorità chiari, l individuazione, su base pluriennale, delle azioni da realizzare per raggiungere gli obiettivi e la verifica dei risultati. Nell ambito di una logica di programmazione, spetterà, inoltre, agli organi di governo centrali indicare gli obiettivi strategici e attribuire le risorse ai Dipartimenti, che, nella loro autonomia, dovranno poter sviluppare una propria programmazione, coerente con gli obiettivi indicati dall Ateneo. Valutazione ed Autovalutazione Sulla base di criteri coerenti con gli obiettivi strategici, la valutazione esterna e l autovalutazione dovranno guidare le scelte prioritarie dell Ateneo (allocazione di risorse, reclutamento e progressioni di carriera, offerta formativa, ecc.). È necessario, pertanto, realizzare un sistema di autovalutazione ampiamente condiviso che sappia cogliere la multidimensionalità e le differenze che esistono nelle attività che si realizzano al nostro interno. Dunque un sistema di autovalutazione delle attività Dipartimentali e dei professori e ricercatori, affiancata alla valutazione periodica dei Dirigenti e delle attività delle strutture di loro riferimento. Anche il Rettore ed i suoi delegati dovranno presentare le attività svolte attraverso un report annuale. 13

14 2. La Governance e l organizzazione Un metodo di governo basato su trasparenza e legalità, condivisione, programmazione, valutazione ed autovalutazione richiede una equilibrata distribuzione dei poteri di governo dell Ateneo, attenta, in particolare, a garantire la massima autonomia dei Dipartimenti compatibile con le normative vigenti, al fine di promuovere una reale strategia di sviluppo e responsabilità. Il mio impegno sarà volto a realizzare un sistema di governo dell Ateneo caratterizzato dai seguenti elementi: revisione dello statuto e dei regolamenti al fine di individuare soluzioni quanto più condivise alle problematiche sorte sia in fase di approvazione che in fase di prima applicazione di tali importanti strumenti per la vita dell Ateneo; possibilità di partecipazione delle varie componenti della comunità accademica ai diversi organi di governo e ad assumere deleghe del rettore nell ambito di settori specifici; autonomia dei dipartimenti nella programmazione della loro attività didattica e scientifica, nonché del reclutamento, esercitata nel rispetto di linee strategiche pluriennali e criteri definiti dal consiglio di amministrazione e dal Senato Accademico. Le scelte dei dipartimenti saranno valutate ex-ante in riferimento alla loro compatibilità con gli indirizzi strategici di Ateneo, mentre saranno verificati ex-post i risultati ottenuti, con la determinazione di conseguenze sulle ulteriori risorse da attribuire; autonomia dei Dipartimenti nella gestione di alcuni servizi (es. pulizie, manutenzione ordinaria, ecc.) con il trasferimento di adeguate risorse; processo di valutazione ispirato ai principi dell indipendenza e della trasparenza e della diffusione dei suoi risultati. Tale processo dovrà tener conto anche dei giudizi degli studenti. Con riferimento all organizzazione amministrativa centrale e periferica, è mia intenzione promuovere quei cambiamenti che possano garantire un effettiva autonomia gestionale dei Dipartimenti e migliorarne significativamente l efficienza complessiva: revisione dell attuale struttura dell Amministrazione centrale e della sua articolazione nelle varie aree; valutazione dei dirigenti delle varie aree basata su criteri trasparenti di produttività; verifica delle assegnazioni del personale tecnico-amministrativo ai Dipartimenti e alle altre strutture dell Ateneo; costruzione di un sistema di controllo di gestione che consenta un monitoraggio permanente dell efficacia e dell efficienza dell azione amministrativa. 14

15 3. Le risorse Umane a) I professori ed i ricercatori Le persone sono la risorsa fondamentale dell Università, occorre valorizzarle ed esaltarne il talento e la capacità di innovazione. Principio fondamentale sarà quello di fornire opportunità a chi merita. Per quanto riguarda la docenza, ritengo di prioritaria importanza la situazione dei ricercatori, che rischiano di entrare in una sorta di binario morto legislativo alla luce della legge 240/2010. Esistono infatti legittime preoccupazioni che, in un contesto aggravato da una sostanziale inamovibilità tra i ruoli, le differenze nello stato giuridico si traducano, impropriamente ma decisamente, in una marginalizzazione del ruolo dei ricercatori, non coerente con le competenze e i meriti professionali acquisiti in tanti anni di attività. Di seguito indico alcune proposte operative: Progressioni di Carriera: L ateneo dovrà attivarsi per utilizzare in modo appropriato tutte le risorse reperibili e destinabili alla chiamata degli abilitati (per la prima e la seconda fascia). Inoltre, occorre riconoscere ai ricercatori la giusta aspirazione ad una progressione di carriera, senza svilire il ruolo del ricercatore ad un mero parcheggio in attesa di una promozione. Le chiamate a livello Dipartimentale dovranno avvenire secondo criteri trasparenti stabiliti dall Ateneo che tengano conto del merito scientifico, dell impegno didattico e del coinvolgimento in attività di servizio degli abilitati. Attività didattica dei ricercatori: La didattica è compito primario di ogni membro della comunità accademica. Tuttavia occorre riconoscere a ciascun ruolo la sua vocazione primaria. Perciò la responsabilità didattica deve seguire una priorità secondo l ordine: professori, RTI, RTD. Fermo restando che l impegno didattico deve prevedere il consenso dei ricercatori interessati, ritengo che sia interesse dell Ateneo valorizzare il loro patrimonio di esperienza e di conoscenza nell ambito dell offerta formativa (sia nei corsi di laurea, sia in quelli di dottorato di ricerca e nelle scuole di specializzazione), garantendo opportunità di insegnamento che prescindano dalla fascia di appartenenza. L attribuzione degli insegnamenti deve quindi avvenire in considerazione delle competenze di ciascuno, al fine di poter fornire ai nostri studenti una didattica di qualità. L attività didattica prestata dai ricercatori dovrà essere retribuita sin dal primo CFU erogato, in misura da determinarsi compatibilmente con le disponibilità di bilancio e attraverso una consultazione aperta della categoria. Supporto all attività scientifica dei ricercatori: Nell ambito di un più generale impegno a sostenere la progettazione scientifica, ritengo fondamentale garantire un principio di pari opportunità tra le fasce della docenza nell accesso a ruoli di responsabilità nella conduzione dei progetti di ricerca, stimolando, in particolare, le iniziative dei giovani ricercatori, senza dimenticare i RTD, e il loro impegno nella creazione di reti di ricerca internazionali. Nell ambito delle opportunità finanziarie che si renderanno disponibili a livello di Ateneo, si dovranno individuare modalità di finanziamento per la mobilità internazionale e per garantire ai ricercatori una reale competizione a livello internazionale nell intercettazione di fondi. I fondi europei della ricerca, ad esempio, 15

16 privilegiano i ricercatori con alto grado di indipendenza scientifica e la loro capacità di creare gruppi transnazionali. Reclutamento straordinario ricercatori. Ritengo che i rettori delle Università italiane devono chiedere al governo un impegno per attivare le procedure di progressione di carriera dei ricercatori, superando la logica del turn-over e del blocco di assunzioni. Rappresentanza negli organi La rappresentanza dei ricercatori negli organi di governo e di garanzia dell Ateneo deve essere un impegno costante del Rettore. Una attenta valutazione ed un serrato confronto della comunità accademica devono essere riservati alla metodologia da seguire per l individuazione dei componenti del CdA. Occorre in ogni caso esplicitare in modo chiaro i criteri che saranno utilizzati per la scelta dei membri del CdA, che tengano conto effettivo del merito e della professionalità dei candidati rispetto agli obiettivi a cui devono mirare le determinazioni del CdA. b) il personale tecnico-amministrativo La sfida che dobbiamo affrontare, nei prossimi sei anni, è quella di realizzare un amministrazione che sia in grado di offrire servizi di qualità per la ricerca e per la didattica. Occorre dunque promuovere una nuova fase caratterizzata dalla pari dignità dei ruoli e dalla realizzazione di processi di formazione e qualificazione professionale, nonché di incentivazione e riconoscimento delle competenze professionali acquisite. In particolare si dovrà tenere conto dei seguenti aspetti: Ruolo ed organizzazione del lavoro Relazioni sindacali basate sul confronto, sul dialogo e sulla collaborazione, nel rispetto reciproco dell autonomia dei rispettivi ruoli; Riconoscimento paritario dei ruoli e delle prerogative del PTA; Analisi ed eventuale riorganizzazione del P.T.A. all interno dei Dipartimenti, delle altre Strutture dell Ateneo e del Centro Residenziale. Particolare attenzione sarà dedicata alla valorizzazione delle professionalità acquisite e alla distribuzione dei carichi di lavoro. Contrattazione, incentivazione e sviluppo Censimento delle competenze presenti in Ateneo, anche al fine di predisporre un piano di formazione che, oltre a prevedere lo sviluppo di competenze comuni tra le diverse aree e le strutture dell amministrazione, consenta di poter intervenire puntualmente sulle necessità di sviluppo delle competenze individuali; Regolarità e tempestività della contrattazione integrativa; Programmazione pluriennale delle progressioni orizzontali e verticali, coerente con i processi di crescita professionale del personale. 16

17 Formazione Promozione di un Piano di Formazione permanente del PTA che consenta al personale di gestire le nuove procedure didattiche e finanziarie potenziando le singole professionalità. Il nuovo piano formativo dovrà prevedere corsi che consentano l acquisizione di crediti formativi previo esito positivo e una programmazione della distribuzione delle risorse che consenta la partecipazione al personale di tutte le Strutture. Stabilizzazione del personale a tempo determinato Proseguire e completare il processo di stabilizzazione dei precari nei ruoli a tempo indeterminato dell Ateneo. Personale area tecnico-scientifica a supporto dei grandi laboratori Individuazione delle esigenze di personale dell area tecnico-scientifica a supporto dei grandi laboratori di dipartimento e di Ateneo, considerato che la quasi totalità di tali unità di personale precedentemente afferente ai suddetti laboratori è in quiescenza. 4. Le Risorse Infrastrutturali L Unical dispone oggi di un rilevante patrimonio di infrastrutture dedicate alla didattica ed alla ricerca (aule, biblioteche, laboratori) ed ai Servizi Residenziali. Nei prossimi anni occorrerà destinare una adeguata quota annua di spese correnti per la manutenzione di queste infrastrutture. Il completamento complessivo del Progetto del Campus che avverrà con la consegna delle nuove strutture residenziali, determinerà l acquisizione di tutti gli elementi per approntare una analisi prospettica che tenga conto dei costi di gestione, delle richieste di utilizzo da parte degli studenti calabresi e stranieri, della possibile valorizzazione di tutte le strutture edilizie anche attraverso un piano commerciale dell area universitaria. Sono convinto che saremo in grado di approntare un progetto che non solo consentirà la piena fruizione delle strutture ma che trasformerà le strutture disponibili in risorse strategiche per l Ateneo. 5.Priorità nelle politiche di Bilancio La riduzione dei trasferimenti correnti da parte dello Stato costringe l Ateneo a realizzare una programmazione di bilancio finalizzata ad un incremento delle entrate e all ottimizzazione delle spese. Sul versante delle entrate, l Ateneo negli ultimi due anni ha acquisito nuove risorse, attraverso una percentuale applicata sulle spese di carattere generale relative a progetti, master, corsi di perfezionamento, conto terzi e progetti di ricerca finanziati dall esterno. Anche nei prossimi anni il bilancio potrà beneficiare dell acquisizione di ulteriori risorse provenienti dalle stesse fonti, che potranno addirittura incrementare laddove l Ateneo si attrezzerà adeguatamente per intercettare i copiosi fondi messi a disposizione dal programma europeo Horizon

18 Sul versante delle entrate relative alle tasse degli studenti, ritengo che il livello di contribuzione raggiunto non possa essere ulteriormente incrementato sulla base delle difficile congiuntura economica che ha particolarmente colpito le famiglie calabresi. Per quanto riguarda le Uscite ritengo che si debba tendere all ottimizzazione di alcune voci di spesa come, ad esempio, quella relativa all Energia. Occorre attuare un piano energetico che consenta di ridurre fortemente i costi, anche prevedendo investimenti su energie alternative che determineranno un risparmio da poter utilizzare in altri voci del bilancio. Un attenzione particolare delle politiche di bilancio deve essere riservata al supporto di quelle infrastrutture che sono fondamentali per lo svolgimento delle attività di ricerca e didattica, ad esempio alle biblioteche e alla rete informatica. Queste ambiti sono strategici per l Ateneo, dovranno essere supportati adeguatamente anche attraverso quote provenienti dai grandi progetti finanziati da fonti esterne. Alla luce della nuova strutturazione delle principali attività dell Ateneo nei Dipartimenti, occorrerà a breve realizzare una puntuale ricognizione da cui emerga con trasparenza le reali necessità finanziarie connesse al supporto della didattica, della ricerca e del funzionamento, al fine di verificare il rapporto tra esigenze e disponibilità ed integrare, laddove necessario, le assegnazioni precedentemente riconosciute. Alcuni interventi mirati da realizzare con il prossimo bilancio preventivo: Individuazione di fondi da destinare alle progressioni di carriera dei professori e ricercatori, del PTA e per la stabilizzazione dei precari. Verifica dei Costi/benefici dei Centri comuni di Servizio al fine di valutarne una loro valorizzazione oppure un loro accorpamento/dismissione; prevedere solo le spese per consulenze strettamente necessarie oppure che derivano da obblighi di legge; Prevedere un ulteriore taglio delle indennità degli Organi di Governo; Ricontrattazione delle tariffe praticate dagli enti locali per alcuni servizi (per esempio le spese per lo smaltimento dei rifiuti). IV- NOTE CONCLUSIVE Il periodo corrispondente al mandato del nuovo Rettore sarà caratterizzato da una fase di transizione molto delicata per il nostro Ateneo. Nel contesto della governance di Ateneo da definire sulla base delle esperienze maturate dalla prima applicazione della legge 240/2010, si assisterà ad una notevole riduzione, per raggiunti limiti di età, di Docenti e PTA che hanno contribuito con impegno ammirevole al processo di costruzione e consolidamento del nostro Ateneo, in una fase nella quale le politiche del Ministero impediscono di fatto un turn-over efficace. E dunque prioritario concentrare ogni sforzo possibile in un progetto che garantisca alle nuove generazioni la possibilità di inserimento nei ruoli universitari e il giusto riconoscimento di progressione di carriera a coloro i quali hanno concorso in tutti questi anni all affermazione dell UniCal nel panorama nazionale ed internazionale. Una Didattica e una Ricerca di Qualità si garantiscono valorizzando le risorse umane, in particolar modo i giovani, che devono continuare a 18

19 guardare al nostro Ateneo come porta del loro futuro, evitando dunque che l estero possa rappresentare l unica risposta alle loro giuste aspettative. La nostra Comunità deve farsi carico di preservare questo grande patrimonio di risorse umane con una attenta programmazione che valorizzi l apporto di tutti a tutti i livelli. Il perseguimento di questo obiettivo prioritario potrà continuare a consentire la presenza di un Università della Calabria viva e attenta alle attese delle nuove generazioni. Potrà consentire agli studenti calabresi di continuare ad usufruire sul territorio regionale di una Università di prestigio da cui ottenere un alta formazione adeguata alle sfide competitive del mondo del lavoro. Potrà consentire di costruire una nuova Università con un Campus popolato da tantissimi studenti stranieri, vissuto come esperienza di vita comune in un ambito multiculturale scevro da pregiudizi. E questa la nuova Università che voglio contribuire a costruire come Rettore, coerentemente all impegno di servizio profuso in tutti questi anni a favore dell Ateneo e sulla base della credibilità acquisita con un metodo di lavoro costantemente volto a favorire la partecipazione, il confronto e la condivisione delle scelte effettuate. 19

20 V- CURRICULUM VITAE SINTETICO Formazione 1981 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Padova -110/110 e lode 1985 Specializzazione in Endocrinologia con il massimo dei voti Università Cattolica di Roma, Policlinico A. Gemelli 1989 Specializzazione in Genetica Medica con il massimo dei voti Università di Catania Carriera Universitaria e Incarichi Accademici 1989 Funzionario Tecnico, Università della Calabria 1993/97 Componente Consiglio di Amministrazione Università della Calabria 1993/98 Professore a Contratto, Facoltà di Farmacia, Università della Calabria 1998/99 Visiting Professor, Dip. Biologia Cellulare e Molecolare, Università di Ginevra 1999 Ricercatore Confermato, Facoltà di Farmacia, Università della Calabria 2001 Professore Associato, Facoltà di Farmacia, Università della Calabria 2005 Professore Ordinario, Facoltà di Farmacia, Università della Calabria Direttore Dipartimento Farmaco-Biologico, Università della Calabria Componente del Senato Accademico, Università della Calabria Presidente del Comitato di Coordinamento e Programmazione, Unical Dal 2011 Componente del Comitato Tecnico Scientifico Nazionale dell Associazione Italiana Ricerca sul Cancro (AIRC) Componente del Consiglio di Amministrazione, Università della Calabria Pubblicazioni, Dati bibliometrici e appartenenza: Posizionamento rispetto alle Mediane del Settore di Mediane settore concorsuale (06/A2, Patologia Generale): Articoli peer reviewed riviste internazionali: 32,5; Citazioni: 2108,5; H-Index: 24 Mediane di M. Maggiolini: Articoli peer reviewed riviste internazionali: 121; Citazioni: 3381 H-Index: 31 20

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

I - LE RAGIONI DI UNA SCELTA II - LA STRATEGIA PER LO SVILUPPO DELL ATENEO: III - GOVERNANCE, ORGANIZZAZIONE E RISORSE

I - LE RAGIONI DI UNA SCELTA II - LA STRATEGIA PER LO SVILUPPO DELL ATENEO: III - GOVERNANCE, ORGANIZZAZIONE E RISORSE I - LE RAGIONI DI UNA SCELTA II - LA STRATEGIA PER LO SVILUPPO DELL ATENEO: Gli Studenti La Didattica La Ricerca ed il Trasferimento di Conoscenze Il Campus Il Rapporto con il Territorio e le Istituzioni

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 INTRODUZIONE L Ateneo per gestire al meglio la complessità del momento presente e sfruttare le opportunità del futuro,

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n. 121 e, in particolare, l art. 1, commi 1 e 5, con il quale è stato, rispettivamente, istituito il

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa La Riforma dell Università Le linee ispiratrici E il primo provvedimento organico che riforma l intero sistema universitario. Il

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera 1. Premessa: le norme, le indicazioni CIVIT, i requisiti necessari Il Sistema di misurazione e valutazione della performance

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO MINISTERIALE 15 OTTOBRE 2013, N.827 LINEE GENERALI DI INDIRIZZO DELLA PROGRAMMAZIONE DELLE UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2013-2015 VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA.

POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA. All.4 POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA. In linea con quanto programmato negli anni accademici precedenti, l Ateneo intende riaffermare il ruolo centrale di istituzione scientifica

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Linee guida strategiche e policy operativa in tema di promozione della nuova imprenditorialità e Spin-off nell Università degli Studi di Brescia

Linee guida strategiche e policy operativa in tema di promozione della nuova imprenditorialità e Spin-off nell Università degli Studi di Brescia Linee guida strategiche e policy operativa in tema di promozione della nuova imprenditorialità e Spin-off nell Università degli Studi di Brescia maggio 2014 - ver.2.2 Indice 1. Premessa 2. Panorama normativo

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato con DR n. 1629/2014 del 07.11.2014 pubblicato nel BU n. 218 del 17.11.

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato con DR n. 1629/2014 del 07.11.2014 pubblicato nel BU n. 218 del 17.11. Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato

Dettagli

1.1 I corsi di laurea

1.1 I corsi di laurea 1. Didattica 1.1 I corsi di laurea All offerta formativa per l a.a. 2013/2014, in preparazione agli inizi del 2013, viene applicato il D.M. 47 del 30 gennaio 2013 Autovalutazione, accreditamento iniziale

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE

NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE DI RIFORMA DEL DOTTORATO DI RICERCA 1. Il dottorato di ricerca costituisce il terzo livello della formazione universitaria, nel quale si fondono in maniera

Dettagli

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Salvo Mura Coordinamento Area Didattica Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Il Coordinamento Area Didattica è stato costituito come unità organizzativa nel 2008 e le

Dettagli

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI Progetto di Ricerca-intervento 1. Presentazione Della Proposta 1.1 La ricerca-intervento:

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Allegato al D.R. n. 172 del 23.12.2011 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione nelle rispettive sedute del

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il Personale della Scuola UFF.

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il Personale della Scuola UFF. COMUNICAZIONE DI SERVIZIO Prot.n.1446 Roma, 29 luglio 2005 Ai Direttori degli Uffici scolastici regionali LORO SEDI OGGETTO : Piano di formazione per lo sviluppo delle competenze linguistico - comunicative

Dettagli

Il sondaggio. Horizon 2015

Il sondaggio. Horizon 2015 Il sondaggio Horizon 2015 Mettersi all ascolto Un indagine che ha coinvolto Docenti (Professori Ordinari, Professori Associati, Ricercatori) Questionari inviati: 2099 Questionari compilati (in tutto o

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO, CORSI DI PERFEZIONAMENTO E CORSI DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE Art. 1 Definizione 1. L Università promuove, ai sensi della normativa

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

Master universitario di II livello per la Dirigenza degli Istituti Scolastici MUNDIS

Master universitario di II livello per la Dirigenza degli Istituti Scolastici MUNDIS UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE SCHEDA DI PRESENTAZIONE Parte integrante del Bando di attivazione dei Master universitari a.a. 2009/2010 Master universitario di II livello per la Dirigenza degli Istituti

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO IN MATERIA DI: CHIAMATE DI PROFESSORI DI PRIMA E DI SECONDA FASCIA; DI CHIAMATA DIRETTA DI STUDIOSI STABILMENTE IMPEGNATI ALL ESTERO O DI CHIARA FAMA; DI TRASFERIMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO

Dettagli

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione Sommario Caratteri e finalità del corso Obiettivi formativi p. 3 Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4 Ambiti professionali tipici p. 4 Prospettive formative successive p. 4 Quadro

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

Università degli Studi di Messina. Regolamento dei corsi di alta formazione

Università degli Studi di Messina. Regolamento dei corsi di alta formazione Università degli Studi di Messina Regolamento dei corsi di alta formazione Art. 1. - Ambito di applicazione TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI 1. Il presente regolamento disciplina le procedure per l'istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura UNICUSANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI SELEZIONE E DELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DEI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO EX ART. 24 LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240. Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI * SCHEDE * LA STRUTTURA DEI NUOVI PERCORSI FORMATIVI L avvio dei nuovi percorsi è previsto per l anno accademico 2011/2012. I PERCORSI DI STUDIO PER

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera Università di Bolzano Approvato con delibera n. 56/2010 del

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONE RICORRENTE E PERMANENTE DELL UNIVERSITÀ EUROPEA DI ROMA. Art. 1. Tipologia dell attività

REGOLAMENTO DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONE RICORRENTE E PERMANENTE DELL UNIVERSITÀ EUROPEA DI ROMA. Art. 1. Tipologia dell attività REGOLAMENTO DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONE RICORRENTE E PERMANENTE DELL UNIVERSITÀ EUROPEA DI ROMA Art. 1 Tipologia dell attività I corsi di perfezionamento e di alta formazione permanente

Dettagli

Tabella 2 - Strategia delle Risorse Umane per l Ateneo di Palermo

Tabella 2 - Strategia delle Risorse Umane per l Ateneo di Palermo Tabella 2 - Strategia delle Risorse Umane per l Ateneo di Palermo C&C Misure Responsabile della misura Quando ASPETTI ETICI E PROFESSIONALI I ricercatori devono essere consapevoli del proprio ruolo e delle

Dettagli

La buona scuola. Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura

La buona scuola. Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura La buona scuola Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura Nel corso dell esame sul ddl scuola in Commissione, il testo è stato migliorato in molti articoli con il lavoro dei nostri deputati,

Dettagli

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione)

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione) REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica I Facoltà di Medicina e Chirurgia Master di II Livello in Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica (Codice Corso di Studio da inserire nel bollettino di immatricolazione:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO Emanato con D.R. n. 11632 del 05/12/2005 e successive modificazioni ed integrazioni

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI DELL ISTRUZIONE SCOLASTICA UFFICIO V AUDIT DELLA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI

Dettagli

+ Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo sviluppo dell istruzione PROTOCOLLO D INTESA

+ Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo sviluppo dell istruzione PROTOCOLLO D INTESA + Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo sviluppo dell istruzione PROTOCOLLO D INTESA tra il Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca, nel seguito denominato

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONE RICORRENTE E PERMANEN TE DELL UNIVERSITÀ EUROPEA DI ROMA

REGOLAMENTO DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONE RICORRENTE E PERMANEN TE DELL UNIVERSITÀ EUROPEA DI ROMA REGOLAMENTO DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONE RICORRENTE E PERMANEN TE DELL UNIVERSITÀ EUROPEA DI ROMA Art. 1 Tipologia dell attività I corsi di perfezionamento e di alta formazione permanente

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015

Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015 Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015 (ai sensi dell art. 14 del Regolamento dei corsi di dottorato di ricerca emanato con D.R. n. 1548 del 7 agosto 2013)

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO LINEE GUIDA IN MATERIA DI DOTTORATO DI RICERCA SCUOLE DI DOTTORATO

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO LINEE GUIDA IN MATERIA DI DOTTORATO DI RICERCA SCUOLE DI DOTTORATO UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO LINEE GUIDA IN MATERIA DI DOTTORATO DI RICERCA SCUOLE DI DOTTORATO 1. AMBITO E FINALITA L Università degli Studi di Bari Aldo Moro promuove l'istituzione di Scuole

Dettagli

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO dell Università degli Studi di Perugia (Emanato con decreto rettorale n. 66 del 26 gennaio 2015) 1 Indice TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO L'Università degli Studi di Perugia, per assolvere i propri fini primari quali la ricerca scientifica, il

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE DEI POLI FORMATIVI Annualità 2006/2007

MODALITA DI ATTUAZIONE DEI POLI FORMATIVI Annualità 2006/2007 ALLEGATO A MODALITA DI ATTUAZIONE DEI POLI FORMATIVI Annualità 2006/2007 a-premessa Le presenti modalità di attuazione riprendono le linee fondamentali espresse nell Avviso pubblico, omogenee per ogni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno 7.5.2015, preso atto della nota MIUR del 6.5.2015, esprime,

Dettagli

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA ISTITUTO PARITARIO D.M. 15.02.2014 Liceo Internazionale Quadriennale IL NUOVO MODO DI FARE SCUOLA. WWW.LICEOINTERNAZIONALE.ORG Liceo Internazionale Quadriennale In

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento

TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento DECRETO 8 novembre 2011. Disciplina per la determinazione dei contingenti del personale della scuola necessario per lo svolgimento

Dettagli

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O Rep. n. 2012 Prot. n. 24679 Data 30 aprile 2015 Titolo I Classe 3 UOR AG P O L I T E C N I C O D I M I L A N O I L R E T T O R E VISTO il D.P.R. 11.07.1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria,

Dettagli

Il sistema scolastico ed educativo

Il sistema scolastico ed educativo Il sistema scolastico ed educativo La scuola, in provincia di Siena, in questi ultimi anni, è cresciuta in quantità e qualità. La popolazione scolastica, che ammonta nel 2008-2009 a 32.861 studenti, dalla

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA Datore di lavoro (Rettore) Servizio di Prevenzione e Protezione Sorveglianza sanitaria Servizio di Radioprotezione Dirigenti RLS Preposti Lavoratori DEFINIZIONI: 1. DATORE

Dettagli

ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE

ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE NATURA E FINALITÀ DELL ATENEO Come riportato dall art. 1 dello Statuto, l Università di Firenze è un istituzione pubblica, espressione della

Dettagli

Il riordino del sistema d istruzione e formazione. Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione?

Il riordino del sistema d istruzione e formazione. Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione? Il riordino del sistema d istruzione e formazione Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione? di Paolo Gallana Marzo 2010 Dove nasce il riordino La fonte normativa d origine è

Dettagli

Avviso Master J. Definizione di Master Master universitario di I o II Livello, attivato ai sensi dell'articolo 3, punto 9 del decreto MIUR 270/2004.

Avviso Master J. Definizione di Master Master universitario di I o II Livello, attivato ai sensi dell'articolo 3, punto 9 del decreto MIUR 270/2004. Avviso Master J Allegato 1 Requisiti minimi per l accreditamento Iniziative Accademiche ad elevata occupabilità in favore dei giovani figli e orfani di iscritti e di pensionati dell INPS - Gestione Ex

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G.Rodari Via Aquileia, 1 20021 Baranzate (MI) Tel/fax 02-3561839 Cod. Fiscale 80126410150 Cod. meccanografico MIIC8A900C

Dettagli

LINEE COMUNI DI ORIENTAMENTO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO DELLA SCUOLA

LINEE COMUNI DI ORIENTAMENTO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO DELLA SCUOLA LINEE COMUNI DI ORIENTAMENTO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO DELLA SCUOLA Per la piena contrattualizzazione del rapporto di lavoro. Il Contratto come diritto dei lavoratori riconosciuto dalla Costituzione.

Dettagli

Master Universitario di secondo livello

Master Universitario di secondo livello Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Master Universitario di secondo livello IN Management della riqualificazione urbana: strumenti per il recupero, la gestione e la valorizzazione del

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO Art. 1 Corsi per master universitario 1. L Università promuove, secondo la normativa vigente corsi di alta formazione per il conseguimento di diplomi di master

Dettagli