1. Rinnovabili: diffusione nel territorio comunale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Rinnovabili: diffusione nel territorio comunale"

Transcript

1

2 Sommario 1. Rinnovabili: diffusione nel territorio comunale... 3 a. Diffusione sistemi solari... 3 b. Generazione fotovoltaica distribuita ed integrata... 3 c. FV per autoconsumo del Comune... 4 d. FV su pensiline su piste ciclabili, su barriere acustiche e. Geotermia... 4 f. Mini idro... 5 g. Minieolico... 5 h. Biomasse a filiera corta Efficienza energetica del patrimonio pubblico... 7 a. Risparmio di energia elettrica negli edifici di proprietà (scolastici/sportivi/ ) Efficienza energetica del parco edilizio privato Residenziale e Terziario... 7 a. Riduzione dei fabbisogni termici ed elettrici dell edilizia residenziale... 7 b. Riduzione consumi dei combustibili fossili per climatizzazione invernale... 7 c. Riduzione dei consumi di energia elettrica per la climatizzazione estiva... 8 d. Riduzione delle emissioni di CO 2 nel settore residenziale... 8 e. Gruppi di acquisto solare termico (GAS) Efficienza impianti energivori... 8 a. Recommissioning e Rifasamenti... 8 b. Teleriscaldamento... 9 c. Attività delle E.S.Co Illuminazione a. Risparmio sulle spese per l illuminazione pubblica b. Lampade a led c. Telegestione degli impianti di illuminazione pubblica Opere civili e idrauliche, per l efficienza energetica a. Cappotto b. Pompe di calore Mobilità Sostenibile a. Svecchiamento/rinnovo del parco veicolare privato b. Colonnine ricarica veloce nei centri urbani c. Mobility Management Logistica sostenibile a. Piste ciclabili

3 1. Rinnovabili: diffusione nel territorio comunale a. Diffusione sistemi solari Il patrimonio immobiliare di ogni singolo Comune generalmente rappresenta una risorsa per la disponibilità di superfici allestibili con impianti destinabili alla produzione di energia elettrica ed ACS. Grazie al sistema degli incentivi del nuovo conto termico anche la Pubblica Amministrazione può avviare processi virtuosi di sostituzione e conversione degli impianti obsoleti e/o fuori norma. b. Generazione fotovoltaica distribuita ed integrata Destinare i piccoli e medi impianti fotovoltaici integrati alla produzione di energia elettrica al fine di ridurre o rendere nullo il saldo tra autoproduzione e autoconsumo di energia, potendo utilizzare i proventi del risparmio per il rientro del capitale investito e la manutenzione ordinaria dell impianto. Gli impianti fotovoltaici abbinati ad una migliorata prestazione energetica dell involucro e ad un uso efficiente dell energia, consentono agli edifici pubblici la riduzione dei consumi fino al 50%. Inoltre è attivo il primo Conto Termico nazionale che apre proprio alle Pubbliche Amministrazioni un finanziamento per interventi nei loro edifici, equivalente al 40% di detrazione fiscale e questo aprirà il mercato delle E.S.Co a questo settore, inoltre esso introduce un finanziamento sul solare termico, biomasse e pompe di calore per impianti piccoli e medi, <500 kw, vincolandoli però ad un livello di diagnosi, certificazioni, qualificazione degli installatori, coerente con le normative europee. Un giudizio sulla possibile funzionalità del decreto potrà essere dato, comunque, solo dopo che si sia visto come reagiranno le istituzioni e gli operatori, specialmente le E.S.Co per le quali si apre evidentemente un grande spazio. 3

4 c. FV per autoconsumo del Comune Una delle opportunità è la realizzazione di impianti da realizzare a sostegno delle finanze comunali, vista l alta disponibilità di terreni con tale destinazione da parte dei Comini ed il regime normativo a loro favorevole. Inoltre nei prossimi tre anni e prevista l attivazione di contratti di filiera promossi dal Mipaf di concerto con il Mise per milioni. Si tratta di strumenti di finanziamento di programmi integrati di investimento che vanno dalla raccolta alla trasformazione alla commercializzazione del prodotto. A finanziare questa misura saranno la Cassa Depositi e Prestiti, e l ISA (istituto Agroalimentare S.p.A.) attraverso i rientri di prestiti erogati per conto del Ministero per le Politiche Agricole. Per gli agricoltori di alcune aree del Paese che hanno difficoltà ad accedere al credito sarà possibile accedere ad un Fondo Credito cofinanziato dall Unione Europea e opererà in sinergia con l autorità di gestione del PSR (Programma di Sviluppo Rurale). L erogazione dei finanziamenti avverrà attraverso il ricorso alle banche. d. FV su pensiline su piste ciclabili, su barriere acustiche... Tra gli impianti fotovoltaici realizzabili ad oggi, sono ancora appetibili i grandi impianti integrati che rappresentano una innovazione concreta e che oltre ad essere integrati in sistemi infrastrutturali non rappresentano essi stessi elemento architettonico compiuto. Fra questi, sono fonte di interessanti possibili applicazioni gli impianti realizzati in forma totalmente integrata sulle pensiline di grandi parcheggi, sulle coperture o sulle facciate degli edifici, sulle barriere antirumore, etc. e. Geotermia La geotermia a bassa entalpia nei nuovi edifici o applicata in quelli esistenti, rappresenta, nel rapporto con le fonti rinnovabili, uno straordinario elemento di completamento e implementazione tecnologica. 4

5 Infatti nel settore edilizio essa, abbinata per esempio al fotovoltaico, consente enormi risparmi in relazione al mantenimento del comfort interno con temperature costanti a mezzo di impianti a fancoil o a pannelli radianti. f. Mini idro Tipicamente l energia idroelettrica richiama alla mente grandi opere, enormi invasi e altissime condutture forzate. In realtà esistono tecnologie consolidate che offrono la possibilità di realizzare, attraverso lo sfruttamento di piccoli-medi salti e/o piccole-medie portate, piccole centrali in grado di generare costantemente energia elettrica sfruttando il semplice passaggio dell acqua attraverso turbine idrauliche di diversa tipologia, senza alterare in modo sensibile il corso d acqua interessato (in alcune situazioni possono essere utilizzate persino infrastrutture esistenti limitando ulteriormente l impatto ambientale dell impianto). Tali tecnologie, note come mini/micro idroelettrico, sono incentivate dallo Stato perché, a tutti gli effetti, rappresentano fonti di energia rinnovabile. g. Minieolico Il territorio italiano non è contraddistinto da valori della velocità media del vento molto elevati. Questo non implica necessariamente l impossibilità di installare impianti mini-eolici in grado di erogare una buona quantità di energia e di ripagare nel contempo l investimento iniziale. Specialmente per una taglia di impianti con potenza compresa tra 1kW e 200kW, infatti, ogni luogo deve essere valutato singolarmente, andando ad analizzarne le caratteristiche specifiche di ventosità e di possibili interferenze dovute al territorio e alla presenza di ostacoli. Guardando il territorio italiano nella sua globalità, si può affermare che ad altezze contenute del livello del terreno (non superiori a 25 metri di altezza) il valore medio di velocità del vento è generalmente compreso fra 2 e 7 metri al secondo. A livello del tutto orientativo si registrano velocità medie annue superiori al valore minimo ammissibile lungo le coste, sui rilievi ed in molte aree del centro sud e delle isole. Nel caso di impianti mini-eolici installati correttamente in siti con velocità media annua del vento compresa fra i 5 e i 6 m/s, si può dire a livello indicativo, che la produzione annua stimata, risulta essere compresa fra i 1000 e 1800 kwh per ogni kw di potenza nominale installata. 5

6 Si sottolinea tuttavia, come già accennato, che l effettiva produzione di energia elettrica da parte di impianti eolici è fortemente dipendente dal sito scelto, dal regime di vento caratterizzante quest ultimo, dall altezza dal suolo del generatore e dalle caratteristiche del generatore stesso e può quindi differire anche sensibilmente dai valori indicativi e che possono trovarsi sui diversi atlanti eolici. Le turbine eoliche possono essere distinte a seconda di diversi fattori, tra i quali i principi di funzionamento sfruttati e le tipologie costruttive. La principale classificazione da fare è quella in base all asse di rotazione del rotore, secondo la quale le turbine possono essere divise in turbine ad asse orizzontale e turbine ad asse verticale. La prima famiglia è quella commercialmente più utilizzata e sviluppata, più adatta per contesti non urbanizzati e quanto più isolati possibile, risulta essere la classe di rotori più impiegata nel caso di impianti di media e grande taglia. Nel caso invece di impianti più piccoli (micro e mini-eolici), si fa normalmente uso di rotori ad asse verticale, che spesso vengono installati in zone urbanizzate, di tipo residenziale o industriale. I vantaggi dei rotori ad asse verticale sono invece la non necessità di essere orientati nella direzione del vento e la possibilità di ottenere sistemi più robusti, compatti, leggeri e di facile installazione. h. Biomasse a filiera corta E uso comune considerare biomassa tutto ciò che ha matrice organica, con esclusione delle plastiche e dei materiali fossili. Tra le più importanti tipologie di biomassa troviamo i residui forestali, gli scarti dell industria di trasformazione del legno (trucioli, segatura, etc.), gli scarti delle aziende zootecniche e la frazione umida dei rifiuti solidi urbani. Per i Comuni con biomassa nel proprio territorio, le principali applicazioni sono: produzione di energia termica ed elettrica nel proprio patrimonio edilizio (biopower); utilizzo di carburanti (biofuel); utilizzo e diffusione di bioproducts. Promuovere la produzione distribuita di energia termica dalle biomasse vergini, in piccoli impianti finalizzati all autoconsumo, con un controllo rigoroso del legno proveniente da raccolte differenziate con incentivazione della produzione di biogas dalla fermentazione anaerobica dei rifiuti organici. 6

7 2. Efficienza energetica del patrimonio pubblico Prioritaria attività per i Comuni risulta essere la produzione di Audit energetici dei propri edifici al fine di quantificare i ritorni economici dai potenziali interventi di risparmio energetico, attraverso la riduzione dei costi da sostenere e i relativi tempi di ritorno. a. Risparmio di energia elettrica negli edifici di proprietà (scolastici/sportivi/ ) Coinvolgere gli studenti (e gli insegnanti) delle scuole comunali a seguire modalità comportamentali rivolte al risparmio energetico. In sostanza gli studenti (o gruppi di studenti preposti all iniziativa) dovranno fare in modo di evitare inutili sprechi di energia elettrica (e termica) prevalentemente legati all uso dell illuminazione interna. Il risparmio che ne conseguirebbe (rispetto all anno precedente all avvio dell azione) verrebbe distribuito, in termini economici, all amministrazione scolastica per una parte e la restante quota verrebbe utilizzata dall amministrazione comunale per attuare misure di risparmio energetico nella scuola stessa. 3. Efficienza energetica del parco edilizio privato Residenziale e Terziario a. Riduzione dei fabbisogni termici ed elettrici dell edilizia residenziale La proposta consiste nel creare un accordo locale con le associazioni di categoria delle imprese e delle cooperative edili al fine di creare un elenco di aziende in grado di fornire i servizi e le opere necessarie alle ristrutturazioni. A tali aziende verrebbe data ampia visibilità sui mezzi di comunicazione istituzionali delle amministrazioni comunali. I cittadini che ristruttureranno la propria abitazione, andando oltre i limiti tecnici minimi imposti dalla normativa nazionale coinvolgendo le imprese locali presenti nell elenco e potranno usufruire di sconti sull IMU. b. Riduzione consumi dei combustibili fossili per climatizzazione invernale Promozione della conversione degli impianti a gasolio con alta efficienza e cogenerazione oggi incentivati dal Conto Termico. 7

8 c. Riduzione dei consumi di energia elettrica per la climatizzazione estiva L amministrazione comunale dovrà, tramite apposite campagne di comunicazione e/o altri sistemi di diffusione, instaurare un meccanismo di diffusione dei benefici legati ai dispositivi e ai comportamenti efficienti, accelerando e dirigendo il naturale processo di sostituzione dei dispositivi domestici, verso apparecchi a maggior efficienza energetica possibile alla luce degli attuali incentivi. d. Riduzione delle emissioni di CO 2 nel settore residenziale In particolare, per quanto attiene all energia e ai sui incentivi, oggi è possibile promuove interventi edilizi volti a: un miglioramento delle prestazioni energetiche degli involucri edilizi; un miglioramento dell efficienza energetica degli impianti termici ed elettrici; un incremento della quota di fonti rinnovabili di energia. e. Gruppi di acquisto solare termico (GAS) Tramite un GAS (e i relativi elenchi ditte) è possibile agire collettivamente per scontare prezzi di acquisto più vantaggiosi e per scambiarsi collettivamente le informazioni raccolte singolarmente. 4. Efficienza impianti energivori Coinvolgere le attività commerciali dei comuni per spingerle a rendere più efficiente l uso di energia all interno di negozi, supermercati, centri commerciali, ecc. a. Recommissioning e Rifasamenti Il Servizio di recommissioning comprende tutte le attività specialistiche di indagine ed analisi necessarie ad acquisire piena consapevolezza delle modalità di consumo energetico di un edificio ed ad individuare le cause di inefficienza energetica. 8

9 La conoscenza approfondita del comportamento e delle inefficienze del sistema energetico consente di poter razionalizzare fin da subito l utilizzo dell energia con immediate ricadute in termini di riduzione della bolletta energetica. L obiettivo generale è, quindi, quello di ridurre in maniera sensibile il fabbisogno energetico attraverso azioni tali da riportare ai valori ottimali le performance energetiche del sistema in termini di condizioni di utilizzo, manutenzione e gestione. In concreto, l obiettivo è quello di individuare interventi di efficienza energetica a costo zero, o comunque con un periodo di rientro inferiore a 12 mesi, tali da poter essere immediatamente attuati all interno delle strutture indicate. b. Teleriscaldamento Prevedere sistemi di cogenerazione associati a reti di tele riscaldamento/raffreddamento nei quartieri esistenti con utilizzo del calore nel luogo di produzione e trasporto a distanza dell energia elettrica. Incentivare la produzione distribuita di energia elettrica con tecnologie che utilizzano le fonti fossili nei modi più efficienti, come la co-generazione diffusa di energia elettrica e calore, a partire dagli edifici più energivori: ospedali, centri commerciali, industrie con processi che utilizzano calore tecnologico, centri sportivi ecc. Le infrastrutture destinate all'installazione di reti di distribuzione di energia da fonti rinnovabili per il riscaldamento e il rinfrescamento sono assimilate ad ogni effetto, esclusa la disciplina dell'imposta sul valore aggiunto, alle opere di urbanizzazione primaria. In sede di pianificazione e progettazione i comuni verificano la disponibilità di soggetti terzi (gruppi di acquisto, E.S.Co, etc.) ad integrare apparecchiature e sistemi di produzione e utilizzo di energia da fonti rinnovabili e di reti di teleriscaldamento e telerinfrescamento, anche alimentate da fonti non rinnovabili. Attualmente è istituito presso la Cassa Conguaglio per il settore elettrico un fondo di garanzia a sostegno della realizzazione di reti di teleriscaldamento, alimentato da un corrispettivo applicato al consumo di gas metano, pari a 0,05 C /Sm3, posto a carico dei clienti finali. L Autorità per l energia elettrica e il gas disciplina le modalità di applicazione e raccolta del suddetto corrispettivo. 9

10 c. Attività delle E.S.Co I distributori di gas naturale e di energia elettrica con più di clienti, hanno l obbligo per legge di conseguire un obbiettivo di risparmio annuo prefissato, (sul consumo elettrico, sul gas naturale, su altri combustibili), realizzando presso i clienti finali progetti per la riduzione dei consumi. I risparmi sono certificati da titoli di efficienza energetica (TEE) da consegnare all AEEG. Le società riceveranno un rimborso per ogni titolo pari a 89,00, (scambiabili o con contratti bilaterali o all interno della Borsa dell AEEG); I certificati bianchi (con Audit) possono essere prodotti con : Leasing in costruendo ad E.S.Co o EPC (Energy Performance Contract); Fidejussioni a vantaggio dei Comuni e/o delle Banche, per; Programmi pilota di intervento sul patrimonio; Possibili aggregazioni fra Comuni; Patto dei Sindaci (PAES/SEAP); Contratti di Servizio Energia Plus (Allegato II del D.lgs 115/2008). Le società di Servizio energetico infatti posso far ottenere un risparmio sostanzioso attraverso il miglioramento dell efficienza energetica per conto dei grandi trader dell energia e della loro clientela, mediante investimenti propri e non del cliente. Il profitto è legato al risparmio energetico conseguito con la realizzazione del progetto. La differenza tra la bolletta energetica pre e post intervento migliorativo, spetta alla E.S.Co incaricata in toto o pro-quota fino alla fine del periodo di pay-back previsto. 10

11 In Italia vi sono solo 9 grandi soggetti e solo una cinquantina di soggetti sono in grado di offrire contratti a prestazioni garantite. Il mercato dei servizi energetici con Energy Performance Contracting (EPC) viene stimato nell ordine dei 520 M nel 2010, che salgono a M considerando più in generale le società attive nei servizi energetici. Il fatturato complessivo delle società che offrono servizi energetici è nell ordine dei 5-6 miliardi di Euro (fonte FIRE su dati Agesi, Assoesco e Cogena). Altro esempio è il Fondo rotativo per Kyoto, il Fondo rotativo agevolato per interventi nel settore delle rinnovabili, dell efficienza energetica, della ricerca e della gestione forestale che sta erogando 600 milioni in tre annualità da 200 l una. I potenziali beneficiari delle risorse del Fondo comprendono: le imprese (tra cui le E.S.Co); i soggetti pubblici; i privati cittadini; i condomini con almeno 10 unità abitative. Su tutto lo spettro delle tecnologie delle rinnovabili, della cogenerazione e dell efficienza energetica, con particolare riguardo agli impianti di piccola-media taglia. Gli interventi sono raggruppati in 7 diversi pacchetti di misure, e cioè: a) Misura microcogenerazione diffusa b) Misura rinnovabili c) Misura motori elettrici d) Misura usi finali e) Misura protossido di azoto f) Misura ricerca g) Misura gestione forestale sostenibile 5. Illuminazione Legislazione: a) d.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo codice della strada) e successive integrazioni e modifiche; 11

12 b) leggi statali 9 gennaio 1991, n. 9 e n. 10 (Piano energetico nazionale); c) decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti del 5 novembre 2001 (Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade). In particolare le strade residenziali devono essere classificate di tipo F, di rete locale, ad esclusione di quelle urbane di quartiere, tipo E, di penetrazione verso la rete locale; d) leggi provinciali. Normativa tecnica: a) UNI 11248:2007: Illuminazione stradale - Selezione delle categorie illuminotecniche; b) UNI EN :2004: Illuminazione stradale - Parte 2: Requisiti prestazionali; c) UNI EN :2004: Illuminazione stradale - Parte 3: Calcolo delle prestazioni; d) UNI EN :2004: Illuminazione stradale - Parte 4: Metodi di misurazione delle prestazioni fotometriche; e) UNI EN :2008: Luce e illuminazione - Illuminazione dei posti di lavoro - Parte 2:Posti di lavoro in esterno UNI EN ; f) UNI EN :2008: Segnaletica verticale permanente per il traffico stradale - Parte 1: Segnali permanenti; g) UNI EN :2008: Segnaletica verticale permanente per il traffico stradale - Parte 2: Delineatori di ostacolo transilluminati (TTB); h) CEI Impianti elettrici di illuminazione pubblica; i) UNI EN 12193:2008: Luce e illuminazione - Illuminazione di installazioni sportive; j) Per gli impianti di illuminazione di cantieri: Linee guida per il progetto di monitoraggio ambientale (PMA) delle opere di cui alla Legge Obiettivo (legge 21 dicembre 2001, n. 443) della Commissione Speciale di Valutazione di Impatto Ambientale - rev.1 del 4 settembre a. Risparmio sulle spese per l illuminazione pubblica L'illuminazione pubblica, in quanto parte integrante della gestione amministrativa del territorio comunale, presenta non poche ed oggettive difficoltà a coloro ai quali viene affidatala la gestione del servizio. Essa, infatti, presume e comporta sempre la capacità di acquisire quelle informazioni necessarie e sufficienti a programmare azioni di contenimento dei consumi energetici, messa a norma ed in sicurezza degli impianti, miglioramento delle loro prestazioni e, fondamentale, reperimento dei fondi necessari e controllo dell attività di gestione e manutenzione da parte degli affidatari. Un bagaglio di conoscenze, competenze e procedure che non può essere improvvisato e dal quale dipende la qualità del servizio, che oggi peraltro, potrebbe sicuramente rappresentare un eccellenza progettuale nazionale in tutte le sue componenti. Il settore dell illuminazione pubblica dispone difatti di grandi potenzialità, sia in termini di efficientamento energetico sia d innovazione tecnologica delle strutture. 12

13 La presenza sul mercato delle tecnologie necessarie alla riduzione e razionalizzazione dei consumi, delle competenze tecnicoscientifiche per applicarle e, soprattutto, il veloce e concreto sviluppo di una nuova classe di tecnologie, dette smart, rendono il settore ed il servizio estremamente stimolante ed accattivante da diversi punti di vista, quali quello scientifico, tecnologico, energetico, economico e sociale. Inoltre, la gestione unitaria del servizio che fa capo al Comune e la possibilità di pervenire ad una puntuale conoscenza dell impianto sul quale intervenire per ridurne i consumi, rendono il settore estremamente funzionale ai fini della realizzazione d'interventi correttivi e migliorativi. Attraverso il censimento delle linee dell illuminazione pubblica di ogni Comune e dei relativi contatori, è possibile ottenere un risparmio energetico/economico sulla spesa già a bilancio. Infatti attraverso il finanziamento per la sostituzione di sistemi energivori (lampade a tecnologia obsoleta o interventi di efficientamento, fino all installazione di riduttori di tensione più adatti) le E.S.Co ed il Comune potrebbero raggiungere un risparmio condiviso dal 10 al 30% sulla spesa prevista avviando a breve termine attività virtuose utili ad avviare in successione il volano dell efficienza. b. Lampade a led LED è l acronimo di Light Emitting Diode (diodo ad emissione luminosa). Un diodo è il più semplice tipo di semiconduttore esistente. Un semiconduttore è un materiale capace di far passare o meno elettricità. Le ricerche e i continui miglioramenti hanno permesso di passare dai primi esemplari (quasi cinquant anni fa) a bassissima efficienza, a modelli più efficienti e con emissioni sempre più variegate. Le future lampadine prodotte con tecnologia LED saranno molto più efficienti e dureranno molto di più della maggior parte delle attuali sorgenti luminose. L efficienza di una sorgente luminosa a LED è attualmente maggiore rispetto alle lampade ad incandescenza e alla maggior parte delle lampade alogene, avvicinandosi velocemente all efficienza della lampade fluorescenti, mentre la durata va da a ore, in condizioni ottimali di funzionamento. Le principali caratteristiche sono: Lunga durata di vita Funzionamento a basso voltaggio Mancanza di manutenzione Piccole dimensioni Notevole robustezza Alta affidabilità anche alle basse temperature Colori brillanti e saturi Assenza di emissioni ultraviolette e infrarosse 13

14 In particolare l illuminazione stradale incide gravemente sulle finanze dei Comuni, che spendono circa Euro ogni abitanti (140 kwh ad abitante per 0,179 Euro di costo al chilowattora). Le luci a led consentono un risparmio del 60% (circa Euro annui). La durata delle luci a led, peraltro, è molto superiore a quella delle luci a incandescenza ( ore contro le attuali). Il programma dovrebbe prevedere l utilizzo di lampade e supporti compatibili con dimensioni, attacchi, tensioni di alimentazione già esistenti negli impianti su cui operare. I finanziamenti sono concordati con primari istituti bancari e si ripagano in pochi mesi, con una rata calcolata per difetto sul reale risparmio in bolletta. Sostanzialmente il Comune non deve anticipare denaro, ma beneficerà immediatamente dei minori consumi e della maggiore durata dei sistemi di illuminazione concedendo alla E.S.Co la condivisione del risparmio. c. Telegestione degli impianti di illuminazione pubblica La soluzione si basa sul sistema di trasmissione ad Onde Convogliate e consente una riduzione del consumo di energia di circa il 30% se opportunamente programmato (efficientamento, cicli di funzionamento lampade) ed un risparmio manutentivo quantificabile in circa 35% (ottimizzazione interventi manutentivi). Si prevede per ciascuno dei punti luce/centro luminoso attualmente installati l installazione di un dispositivo che può gestire, per le lampade di tipo SAP e di tipo CDO, la riduzione di potenza tramite apposito reattore biregime sul singolo punto luce. Personale di servizio -20 % Materiali di consumo e ricambi -20 % Veicoli e attrezzature -25 % 6. Opere civili e idrauliche, per l efficienza energetica a. Cappotto In riferimento alla scarsa qualità degli involucri degli edifici di proprietà dei Comuni realizzati negli scorsi decenni con caratteristiche di altissima dispersione e di relativa gestione antieconomica, un sistema per recuperarne le migliori condizioni di isolamento è costituito dalla posa in opera degli elementi sinergici chiamati generalmente cappotti. 14

15 Il sistema è costituito generalmente da: Pannelli isolanti che vengono fissati esternamente alla parete con collanti e tasselli. Il materiale più comune è il polistirene espanso sinterizzato (EPS), ma sono diffusi anche cappotti in lana di roccia ed anche di materiali ecologici come la fibra di legno. La conduttività termica (λ), espressa in W/m K è il parametro che identifica il comportamento dei vari materiali nella trasmissione del calore, più questo valore è basso più le prestazioni isolanti sono migliori a parità di spessore. Collante-rasante per l incollaggio delle lastre isolanti al supporto e per la formazione del primo strato di intonaco (armato) sopra le lastre stesse Rete di armatura per il rinforzo del primo strato di intonaco Eventuale primer, quale prima protezione dell intonaco rinforzato Finitura con rivestimento di protezione dell intero sistema agli agenti atmosferici Ove necessari, tasselli di fissaggio profondo delle lastre isolanti I vantaggi economici per chi investe sono generalmente immediati. Per esempio in un appartamento di superficie utile netta pari a 200 mq avremmo: consumo ante operam: 300 kwh/m2anno spesa per riscaldamento: /anno spessore cappotto: 12 cm materiale isolante: Fibra di legno Costo: (circa 35,00 /mq + 44,00 /mq posa e ponteggio) Risparmio: kwh/anno pari a circa 1750 /anno Tempi di rientro: anni 6-7 usufruendo della detrazione IRPEF 55% per le riqualificazioni energetiche. Oltre ai vantaggi economici avremmo: isolamento dell edificio senza punti di discontinuità dal freddo in inverno e dal caldo in estate. In questo modo si eliminano i ponti termici dovuti alla differente conducibilità termica dei diversi materiali da costruzione (es. struttura in cemento armato e chiusure in laterizio). Questo consente di raggiungere risultati notevoli nella diminuzione dei consumi di combustibili fossili per il riscaldamento con benefici economici (per il singolo) e per l ambiente (per tutti) 15

16 Sfruttamento del volano termico costituito dalle pareti isolate, che mantengono il calore del riscaldamento e lo cedono agli ambienti nei momenti di interruzione del riscaldamento o di arieggiamento. L'edificio si scalda più lentamente rispetto ad un sistema con isolamento interno ma si raffredda anche più lentamente Protezione delle facciate dagli agenti atmosferici mantenendo la struttura integra nel tempo Resa ottimale, confortevole e igienica delle condizioni degli spazi abitativi. b. Pompe di calore L entrata in vigore del DPR 59/09 ha posto dei vincoli sulle caratteristiche termiche delle strutture edilizie, sul rendimento globale degli impianti di riscaldamento e sui limiti di consumo in termini di energia primaria per gli edifici stessi. L articolo 11 del dlgs. del 3 marzo 2011, n. 28 (Decreto Romani) ribadisce fortemente la necessità dell utilizzo di fonti rinnovabili rendendo obbligatoria la loro integrazione per la produzione di acqua calda sanitaria, riscaldamento e rinfrescamento. Nell allegato 3 del decreto vengono fissati i valori di riferimento: Obblighi per i nuovi edifici o gli edifici sottoposti a ristrutturazioni rilevanti. 1. Nel caso di edifici nuovi o edifici sottoposti a ristrutturazioni rilevanti, gli impianti di produzione di energia termica devono essere progettati e realizzati in modo da garantire il contemporaneo rispetto della copertura, tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, del 50% dei consumi previsti per l acqua calda sanitaria e delle seguenti percentuali della somma dei consumi previsti per l acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il rinfrescamento: a) il 20% quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è presentata dal 31 maggio 2012 al 31 dicembre 2013; b) il 35% quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è presentata dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2016; c) il 50% quando la richiesta del pertinente titolo edilizio è rilasciato dal 1 gennaio Gli obblighi di cui al comma 1 non possono essere assolti tramite impianti da fonti rinnovabili che producano esclusivamente energia elettrica la quale alimenti, a sua volta, dispositivi o impianti per la produzione di acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il rinfrescamento. 16

17 Nasce quindi la necessità di ottimizzare la gestione delle fonti rinnovabili con importanti conseguenze per tutti i sistemi di generazione, regolazione, distribuzione ed emissione. I consumi limite in termini di energia primaria possono essere ridotti mediante efficienti sistemi di generazione. In quest ottica lo sfruttamento dell energia solare si presenta come una soluzione sostenibile, con lo svantaggio però di essere discontinua. La tecnologia della pompa di calore abbinata alla sonda geotermica permette di supplire con continuità al fabbisogno termico, ma le sue prestazioni sono ampiamente variabili in funzione dell ambiente e della temperatura verso l utenza. Infatti in alcune condizioni operative le prestazioni possono decadere tanto da risultare meno efficienti rispetto a una caldaia anche in termini di energia primaria. Inoltre il COP e la potenza termica di una pompa di calore ad aria diminuiscono al calare della temperatura esterna, in corrispondenza alla richiesta del carico massimo. Ecco perché un sistema integrato, gestito con logiche ottimizzate può presentarsi, in certe condizioni climatiche, come una soluzione adatta a minimizzare il consumo di energia primaria degli impianti di riscaldamento e a garantire il massimo comfort nel rispetto dei limiti imposti dalle normative sul risparmio energetico e con i più il vantaggio della detrazione fiscale. 7. Mobilità Sostenibile a. Svecchiamento/rinnovo del parco veicolare privato Regolamento (CE) n. 443/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 aprile 2009 che definisce i livelli di prestazione in materia di emissioni delle autovetture nuove nell ambito dell approccio comunitario integrato finalizzato a ridurre le emissioni di CO2 dei veicoli leggeri. 65 % delle auto immatricolate dal costruttore nel % delle auto immatricolate dal costruttore nel % delle auto immatricolate dal costruttore nel % delle auto immatricolate dal costruttore dal 2015 in poi Lo Stato, nel corso degli anni passati, ha costruito politiche di incentivazione allo svecchiamento del parco veicolare che hanno spinto alla sostituzione del parco autoveicolare più datato (Euro 0, Euro 1 ed Euro 2) e contemporaneamente all acquisto di autoveicoli ecologici (ibridi,gpl, metano, idrogeno, elettrici) bifuel e monofuel non after-market. 17

18 b. Colonnine ricarica veloce nei centri urbani La mobilità sostenibile è un sistema di mobilità urbana in grado di conciliare il diritto alla mobilità con l esigenza di ridurre l inquinamento e le esternalità negative, quali le emissioni di gas serra, lo smog, l inquinamento acustico, la congestione del traffico urbano e l incidentalità. Oggi è possibile promuovere un evoluzione costante, consapevole della Green Mobility, con i Mobility System Integrator capaci di combinare la tecnologia elettrica a quella fotovoltaica, per arrivare ad un prodotto finale ad impatto zero. Essere green, pensare in termini di rispetto ambientale significa dare un nuovo senso alla nostra esistenza rispettando il mondo che ci circonda. Questi servizi puntano a trovare soluzioni che siano auto sostenibili economicamente, user friendly e che producano effetti positivi in termini di miglioramento della qualità della vita. Le pensiline fotovoltaiche sono prodotti modulari, adattabili ad ogni esigenza di spazio e realizzati per l alloggiamento di auto, cicli e motocicli e per la ricarica degli stessi a trazione elettrica. Sono previsti anche sistemi di bloccaggio e di sicurezza. La struttura generalmente comprende una tettoia costituita da un minimo di 8 pannelli fotovoltaici per una potenza complessiva che va da 1,84 kwp a 2,76 kwp, che collegati alla rete elettrica tramite apposite apparecchiature permettono di effettuare lo scambio di energia sul posto. Ogni pensilina o gruppo di pensilina avrà al suo fianco un totem contenente tutte la apparecchiature necessarie al funzionamento compresi i contatori di energia ENEL M1 ed M2. Utilizzandola come parcheggio di biciclette elettriche si possono sfruttare gli impianti per offrire un servizio di bike sharing al cittadino, infatti la struttura è generalmente dotata di particolari agganci che consentiranno il fissaggio antifurto e nello stesso tempo la ricarica delle batterie delle biciclette. Un software dedicato permette di gestire il servizio all interno delle città tramite web mettendo in comunicazione le diverse pensiline installate riconoscendo le biciclette prelevate da una postazione e riconsegnate in un altra, rendendo possibile mettersi in comunicazione con le varie cpu anche da postazione remota, visualizzando cosi lo stato delle postazioni. Le biciclette possono essere dotate di un sistema di riconoscimento che permette di verificare il prelievo e la riconsegna del relativo ciclo. L utente sarà munito di tessera tipo badge, che servirà per ritirare il ciclo all interno del parcheggio, quando verrà passata la tessera all interno dell apposito lettore verrà sganciata una delle biciclette ritenute cariche indicandone sul display la posizione, sarà inoltre possibile riconoscere la bicicletta da prelevare tramite l accensione di una spia verde collocata in prossimità della stessa. Nel caso in cui non ci fosse la disponibilità della bicicletta verrà indicato sul display la stazione più vicina. Una volta prelevata la bicicletta il software conteggerà il tempo che la stessa rimane distaccata dalla postazione. Un apposito menù di consultazione permetterà all utente di sapere se 18

19 nella zona che intende recarsi è presente un parcheggio disponibile. Un sistema di telecamere a circuito chiuso permetterà di sorvegliare le pensiline ed i tentativi di furto azioneranno un impianto di allarme. La struttura sarà adibita anche alla visione di spot pubblicitari digitali in quanto verrà installato uno schermo (nella parte interna). Esso permetterà a numerose aziende di sfruttare il servizio di pubblicità offerto ad esempio potrebbero scorrere a rotazione spot pubblicitari della durata di 10 secondi. Per incentivare l uso dei veicoli elettrici in ambito urbano e nei centri storici, appare molto importante l aspetto legato alla ricarica degli stessi. Le pensiline con impianto fotovoltaico risultano essere un sistema efficace ed innovativo grazie alla possibilità di ricaricare qualsiasi tipo di mezzo elettrico in modo semplice e veloce. L obbiettivo è quello di creare una rete capillare nei quartieri in modo da garantire all utenza un servizio di self Energy che permetta di ricaricare autonomamente il proprio mezzo tramite la struttura pubblica. c. Mobility Management Obiettivo generale dell azione è quello di promuovere l organizzazione e la diffusione di modelli di gestione sostenibile della mobilità di persone e merci in aree industriali e terziarie, basati principalmente su sistemi cooperativi (o di distretto). 8. Logistica sostenibile a. Piste ciclabili La mobilità ciclabile (o mobilità ciclistica) rappresenta un ramo o un approfondimento della mobilità sostenibile e si concentra sullo sviluppo e sulla diffusione del trasporto urbano in bicicletta. Alcune città italiane hanno istituito degli uffici mobilità ciclabile sottostanti la divisione mobilità o ambiente e territorio dei relativi assessorati al fine di elaborare nuove soluzioni urbane in ambito di mobilità e impatto del traffico sul territorio. I principali obbiettivi della mobilità ciclabile riguardano: 19

20 il decongestionamento dal traffico motorizzato; la diminuzione dell'impatto ambientale (inquinamento atmosferico e acustico) del traffico in città; l'incremento di forme di mobilità eco-sostenibili e aumento della sicurezza stradale; il miglioramento dell'efficienza della viabilità e del trasporto (pubblico e privato); la tutela degli utenti della strada più vulnerabili come ciclisti e pedoni. Come è possibile verificare dalla tabella nei Comuni italiani solo il 10% dei km previsti è stato realizzato e per questo se ne prevede un rapido accrescimento come vera e propria risorsa per il raggiungimento degli obbiettivi di efficientamento della mobilità a livello comunale e della relativa riduzione di emissioni nocive. 20

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente punt energia I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO Assessorato Ecologia e Ambiente I nuovi regolamenti edilizi comunali Progetto a cura

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

Efficienza Capitale 1

Efficienza Capitale 1 Efficienza Capitale 1 Efficienza energetica, abbattimento Co2, risparmio e investimenti, controllo social PREMESSA Gli edifici pubblici devono essere i luoghi dove curare il nostro presente. Le scuole

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori Test noi consumatori Test noi consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi,servizi, ambiente - anno XXIII n. 6 del 4 febbraio 2011 - sped. in abb. post. DL 353/2003 ( conv. in

Dettagli

fotovoltaico chiavi in mano

fotovoltaico chiavi in mano chiavi in mano 1 Tetto a falda - silicio monocristallino ad altissima efficienza / disponibile da 1 a 20KWp I moduli fotovoltaici più efficienti al mondo (19,5%) ed inverters di stringa SUNPOWER garantiti

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60 4. L ENERGIA 4.1. Premessa L 80% circa dell energia consumata nell UE deriva dai combustibili fossili: petrolio, gas naturale e carbone. Di questa percentuale, una parte considerevole, in costante aumento,

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012)

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012) Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e d intesa con la Cassa Depositi e Prestiti EMANA la seguente Circolare del 16

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza.

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Tema Isolamento termico ad alta efficienza energetica Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Le informazioni, le immagini,

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M.

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. 20 luglio 2004 Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento dell'efficienza energetica negli usi finali di energia, ai sensi dell'art. 9,

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

Life-cycle cost analysis

Life-cycle cost analysis Valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Life-cycle cost analysis con esempi applicativi Docenti Collaboratori Lezione di prof. Stefano Stanghellini prof. Sergio Copiello arch. Valeria

Dettagli