Settore Istruzione PROGETTO PEDAGOGICO DEL NIDO D INFANZIA DEL COMUNE DI BOLOGNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Settore Istruzione PROGETTO PEDAGOGICO DEL NIDO D INFANZIA DEL COMUNE DI BOLOGNA"

Transcript

1 Settore Istruzione PROGETTO PEDAGOGICO DEL NIDO D INFANZIA DEL COMUNE DI BOLOGNA Settembre 2010

2 Indice Premessa p Finalità p Struttura organizzativa del servizio p Progettazione e organizzazione educativa del servizio p Criteri e modalità di organizzazione del contesto educativo p Criteri e modalità di relazione e partecipazione delle famiglie e del rapporto con il territorio p Criteri e modalità di funzionamento del gruppo di lavoro p Valutazione p Durata p. 19 2

3 PREMESSA Bologna è una città con abitanti di cui, al 31/12/2009, circa in età tra 0 e 2 anni. Il territorio cittadino è suddiviso amministrativamente in nove quartieri che presentano caratteristiche demografiche e socioeconomiche abbastanza differenziate. La situazione socio demografica delle famiglie bolognesi attualmente si caratterizza con una forte componente di famiglie monoparentali, la presenza di famiglie in cui almeno uno dei genitori è straniero, la prevalenza di famiglie in cui entrambi i genitori lavorano e un lieve, anche se costante nel tempo, incremento delle nascite. A fronte di una realtà sociale così caratterizzata, per prendersi cura delle famiglie e dei bambini della città e offrire una risposta sociale e educativa alle loro esigenze, l'amministrazione comunale ha realizzato e sostenuto la costruzione di una rete articolata di servizi per i bambini da zero a tre anni. I nidi d infanzia ne costituiscono la parte consolidata e maggiormente richiesta. Poiché il tasso di copertura dei servizi per la prima infanzia è diverso nelle varie zone cittadine, negli ultimi anni l Amministrazione comunale ha effettuato azioni di implementazione del servizio, compatibilmente con la struttura del territorio, allo scopo di rendere più omogenea la situazione dell offerta, anche attraverso il raccordo con il privato e privato sociale. La rete dei servizi per l'infanzia si basa oggi su una collaborazione tra i diversi soggetti che operano nei servizi, necessaria non solo per gli aspetti economici connessi all'ampliamento quantitativo dell'offerta e al contenimento dei costi, ma anche per gli aspetti di qualità dello sviluppo e della crescita dell'intera comunità. In attuazione della normativa regionale che prevede e definisce negli aspetti strutturali organizzativi e pedagogici i servizi per bambini da 0 a 2 anni, la rete comprende nidi comunali a gestione diretta, nidi comunali in concessione, servizi gestiti da privati autorizzati al funzionamento con posti in convenzione (nidi, piccoli gruppi educativi, sezioni primavera). A Bologna infatti, dal 1999 è in atto un sistema misto che si è potenziato attraverso il convenzionamento con soggetti del privato sociale e federati FISM a partire dal In questo sistema misto, nel quale ogni soggetto gestore ha titolarità e responsabilità del proprio progetto pedagogico, è indispensabile un lavoro paziente e costante di azioni coerenti che sostengano la costruzione di un tessuto comune ai servizi, facilitino il dialogo tra soggetti pubblici e privati, rendano vivace e partecipato il confronto attorno ai temi dell'infanzia, della crescita, dell'identità, della cultura del sapere e del saper fare, e rimettano al centro dell interesse della comunità il tema dell'educazione e dei valori da trasmettere alle nuove generazioni. La storia dei servizi per la prima infanzia a Bologna A Bologna il primo nido comunale (subito seguito da un secondo) viene aperto nel novembre del 1969, in un edificio donato da una famiglia bolognese, i Signori Patini. Inizia così la storia dei nidi comunali, allora definiti asili nido e non ancora regolati da normative nazionali. Dopo la legge del 1971, istitutiva del servizio, nella città si assiste all apertura di altri nidi e nel 1975 al passaggio dei nidi ex Onmi alla gestione comunale. Negli anni 70 e 80 l incremento è continuato, per poi attestarsi negli anni 90 e 2000 sui numeri della situazione attuale. Vari passaggi, istituzionali, organizzativo/gestionali e pedagogici hanno scandito la storia del servizio; per ricordarne solo alcuni: negli anni '70 la costruzione delle prime basi del nido come servizio socio- 3

4 educativo, la sua diffusione e un forte impulso della gestione sociale e della partecipazione dei genitori; negli anni '80 il consolidamento delle caratteristiche educative del servizio, la stabilizzazione del Coordinamento pedagogico, la prima definizione di coordinate comuni a livello cittadino, la formazione permanente delle operatrici; negli anni '90 l'approvazione del Regolamento, la stesura degli orientamenti educativi, la nascita delle nuove tipologie, le prime esperienze di scambio con altre realtà anche straniere, l attivazione del Laboratorio di documentazione e formazione; negli anni 2000 l'approvazione del nuovo Regolamento e della Carta dei servizi, la stabilizzazione del personale educatore, il radicamento della metodologia della progettazione educativa (N.B.Pro e P.E.S.) e, a seguito della Legge regionale, la sperimentazione di nuove opportunità per i bambini e le famiglie. L accorpamento del Laboratorio di Documentazione e del CD/LEI nel Centro servizi e consulenza Ri.E.Sco, caratterizzando maggiormente l insieme della attività di supporto alla documentazione, alla formazione e all'integrazione delle famiglie straniere nei servizi educativi e nelle scuole. Per definire il progetto pedagogico con le caratteristiche di seguito delineate, sono state necessarie alcune azioni costanti e progressive: la formazione del personale educativo e collaboratore, un lavoro di ricerca-azione sulla progettazione, l attenzione ai linguaggi e alla necessità di osservarne la nascita e lo sviluppo secondo metodiche precise, un progressivo affinamento degli strumenti della professionalità educativa di tutti gli adulti che lavorano al nido. In particolare l'attenzione alla competenza professionale del personale ha portato nei quarantanni di storia dei nidi, a dare grande importanza alla formazione e all'aggiornamento. Nei primi anni la formazione si basava sulla costruzione dei contenuti di una professione ancora in divenire, che poteva avere riferimenti teorici sull'evoluzione del bambino,sulle sue tappe di sviluppo, ma ancora pochi elementi su come calare queste conoscenze nella realtà quotidiana di un servizio dove più bambini e adulti erano gli elementi costitutivi, in continuo intreccio tra loro, della comunità educativa. Inoltre nel corso degli anni il lavoro educativo si è sempre più professionalizzato anche nei confronti dell'accoglienza dei genitori, prestando particolare cura all'aspetto della comunicazione. La complessità in cui sono immersi i servizi è frutto di diverse variabili a partire dalle modificazioni familiari e dai cambiamenti della società per finire ai percorsi evolutivi differenziati dei bambini. Le modalità e le strategie messe in atto per riuscire a conciliare positivamente la complessità sociale ed educativa con i bisogni dei bambini affidati al servizio hanno portato alla sperimentazione di un modello organizzativo e pedagogico capace di dare risposta ai bisogni in continua evoluzione. Esistono però alcuni punti fermi, sui quali è acquisita una condivisione a livello cittadino, che si possono considerare come elementi qualificanti del progetto di nido bolognese: l'organizzazione per gruppi/sezione con riferimenti definiti per età; la progettualità educativa che si sostanzia in particolare attraverso la cura dell'ambientamento, dell'organizzazione della giornata e del tempo, delle routine delle attività; l'attenzione alla crescita individuale all'interno di un percorso gruppale; il rapporto con le famiglie caratterizzato da uno stile di accoglienza e di ascolto; l'attenzione ai diversi contesti relazionali e alla loro integrazione; 4

5 lo stile di osservazione; la continuità istituzionale; il raccordo con il territorio; il gruppo di lavoro come strumento fondamentale per la qualità educativa; la formazione. Il presente Progetto Pedagogico di Nido si riferisce ai nidi comunali di Bologna a gestione diretta. Per la sua stesura ci si è avvalsi dei documenti di riferimento pedagogico citati in bibliografia, legati al lavoro di ricerca e riflessione svolto dal Coordinamento pedagogico negli ultimi anni, e dei principi definiti in alcuni documenti dall Amministrazione Comunale. Infine si è tenuto conto di quanto prescritto nella normativa regionale sui servizi educativi per la prima infanzia. 1. FINALITÀ Il nido d infanzia è un istituzione educativa che non accoglie solo il bambino 1 ma anche i suoi genitori, con i quali costruisce un alleanza educativa efficace per affrontare e gestire insieme i complessi processi di separazione, individuazione e acquisizione dell'autonomia. Per ogni bambino l incontro con il nido si configura come esperienza complessa che apre la strada alla costruzione di nuovi legami di relazione con i bambini e con gli adulti. In coerenza con la Convenzione Internazionale sui Diritti dell Infanzia, votata nel 1989 dalle Nazioni Unite, recepita dallo Stato Italiano con la Legge 176/1991, il nido d infanzia del Comune di Bologna intende rispondere ai diritti fondamentali dei bambini e in particolare a quelli di maggiore rilevanza nei primi tre anni di vita: il diritto all accoglienza; il diritto alla cura; il diritto al sostegno nella costruzione della dimensione sociale e cognitiva; il diritto a un integrazione rispettosa delle differenze. Diritto all accoglienza Al nido ogni bambino viene accolto e riconosciuto nelle proprie caratteristiche individuali da personale qualificato che sa prestare attenzione alla relazione triadica che si instaura al momento del suo ingresso (bambino-genitore-educatrice). Il nido predispone strategie e modalità di accoglienza che facilitano il distacco dalle figure familiari e permettono a ogni bambino di affidarsi alle educatrici, grazie alla presenza di un contesto adeguato e di un attenzione specifica alle modalità relazionali e culturali di ogni famiglia. In questa logica di accoglienza, le differenze trovano rispetto e valorizzazione, ed eventuali situazioni di disagio o di disabilità vengono affrontate in modo specifico ed efficace. Diritto alla cura Nei primi anni di vita ogni bambino ha diritto di essere curato come persona e di poter ricevere risposte adeguate sul piano del benessere psicofisico e relazionale. Il nido realizza questo diritto attraverso la predisposizione di un ambiente sicuro e gradevole che stimola ogni bambino a realizzare le proprie inclinazioni personali. Le attività di cura svolte quotidianamente sono intese come modalità di sostegno e di valorizzazione importanti e organizzate come momento di relazione e di sviluppo 5

6 cognitivo dei bambini, nel rispetto delle loro diverse potenzialità. Diritto alla costruzione della dimensione sociale Come prima esperienza di vita collettiva, il nido contribuisce a costruire l identità sociale di ogni bambino, determinando il suo futuro rapporto con gli altri e con le istituzioni. Il dialogo e il confronto sono utilizzati dagli adulti come strumenti di relazione e comunicazione che aiutano i bambini a sviluppare una dimensione sociale equilibrata. Il nido predispone inoltre situazioni educative mirate a collegare l esperienza diretta all elaborazione, individuale e collettiva, dei suoi significati emotivi e cognitivi, attribuendo alle emozioni un nome e una collocazione personale. Diritto al sostegno nello sviluppo dell identità Il nido sostiene concretamente il percorso evolutivo di tutti i bambini, senza soffocarli in una prematura adesione a modelli precostituiti, ma consentendo a ciascuno di sviluppare una propria identità originale, attraverso l ascolto, il dialogo, l analisi e la negoziazione collettiva, proposti dagli adulti come strumenti di relazione e di apprendimento. L ambiente educativo predispone occasioni di esperienza prevedono molteplici modalità d accesso, legate a diversi stili cognitivi. Diritto a un integrazione rispettosa delle differenze Tutti i bambini hanno diritto a crescere in un clima di uguaglianza e di pari opportunità e a condurre una vita soddisfacente nel rispetto delle scelte e delle identità individuali, anche in presenza di disabilità. Quando la diversità attiene a varie appartenenze culturali e religiose, il nido stimola i bambini e le famiglie a un confronto basato sul rispetto reciproco. Promuovendo contesti di integrazione autenticamente in ascolto dei bisogni individuali di tutti i bambini che accoglie, il nido offre la possibilità di sperimentare atteggiamenti di attenzione e di rispetto fin dalle prime esperienze di socializzazione. I bambini con disabilità trovano nel nido un ambiente disponibile e competente nell affrontare le problematiche specifiche e individuare percorsi e modalità di intervento personalizzati. In coerenza con quanto precedentemente affermato, l identità pedagogica del nido del Comune di Bologna si basa su alcuni valori condivisi che tracciano le direzioni dell intervento educativo: Promozione dell autonomia Partendo dall iniziale indifferenziazione sé/altro e giungendo alla consapevolezza di sé come soggetto in relazione, ogni bambino compie un processo evolutivo in cui l esperienza del mondo interno ed esterno, strettamente intrecciati, risulta fondamentale per sviluppare la consapevolezza della propria identità. Il nido partecipa alla costruzione dell identità, offrendo un ambiente di vita in cui l organizzazione dei tempi, degli spazi e dei materiali e la presenza e l atteggiamento degli adulti che comunicano attese positive e fiducia, facilitano l agire e il mettersi alla prova. Promozione dell elaborazione delle esperienze Evitando l accumulo delle attività educative, spesso destinate a rimanere incompiute ed essere velocemente dimenticate, si preferisce coltivare la qualità dei processi di elaborazione delle esperienze e le transizioni tra le diverse siutazioni di 6

7 apprendimento. Rispettando gli stili cognitivi individuali e creando occasioni di gioco e dialogo orientate alla condivisione e alla costruzione di codici comuni, il nido promuove l elaborazione interna delle esperienze, vissute individualmente e in gruppo. Promozione del gioco come centro dell esperienza formativa Il gioco è per i bambini una delle modalità principali per esprimersi, conoscere e modificare la realtà, che evolve con il mutare delle capacità e delle situazioni di contesto. Considerare il gioco come elemento portante dell esperienza educativa da zero a tre anni valorizza il pensiero e la capacità di azione e interazione dei bambini e consente di sintonizzarsi emotivamente con il loro immaginario. L intervento educativo del personale del nido si caratterizza per un atteggiamento positivamente orientato al gioco, capace di contenere le emozioni, ma anche di comunicare ai bambini curiosità, capacità di attesa e fiducia nelle loro potenzialità. Attraverso l osservazione delle condotte di gioco agite spontaneamente dai singoli bambini, l adulto attua interventi di promozione e di arricchimento, nel rispetto dei tempi e delle modalità individuali privilegiate, offrendo anche situazioni di interazione e confronto. Promozione della dimensione sociale e dell integrazione Il nido svolge una positiva azione per il superamento di stereotipi e pregiudizi che si realizza con l offerta di un luogo d incontro strutturato su criteri di rispetto reciproco. Nel modello di interazione sociale offerto, la specificità di ciascuno è oggetto di attenzione e il patrimonio culturale originario di ogni famiglia viene inteso come elemento identitario importante, da considerare nell approccio educativo. Il dialogo è la modalità comunicativa privilegiata che struttura l atteggiamento di ascolto e interazione utilizzato dal personale nei contatti quotidiani e nei percorsi e nelle occasioni di incontro che il nido progetta e propone ai bambini e alle famiglie. 2. STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL SERVIZIO L organizzazione I nidi del Comune di Bologna sono organizzati in sezioni per gruppi di età, identificate in piccoli, medi e grandi e in alcuni casi miste (per meglio rispondere alle richieste territoriali dell'utenza). Sono attive diverse tipologie di servizio, a seconda della capienza: nidi con due sezioni, con tre sezioni o con quattro sezioni. La sezione, che opera costantemente in dialogo con il contesto più ampio del nido, rappresenta il modulo organizzativo di base per l'attuazione del progetto educativo. Il personale di riferimento, i turni di lavoro, la programmazione del lavoro vengono concordati in incontri collegiali e in collaborazione con il coordinatore pedagogico. L'organizzazione del personale è funzionale a garantire la continuità degli educatori per il periodo di permanenza dei bambini. Gli orari ed il calendario Attualmente, nel territorio cittadino, sono presenti nidi tempo pieno e nidi part-time, aperti dal lunedì al venerdì, dalla seconda settimana di settembre fino all'ultima di giugno (comprese), con sospensione del servizio per le vacanze di Natale e Pasqua (per quelli a tempo pieno è prevista un'apertura del servizio anche dalla prima alla terza settimana di luglio su richiesta delle famiglie). 7

8 Il personale All interno dei nidi operano: educatori, che si occupano direttamente della cura dei bambini e della progettazione educativa; collaboratori, che si occupano della preparazione dei pasti e della cura degli ambienti, oltre ad affiancare gli educatori in particolari momenti della giornata. I coordinatori pedagogici di riferimento hanno sede nel Quartiere di appartenenza. L organico del personale educatore assegnato è definito sulla base del rapporto numerico educatori/bambini medio previsto dalla normativa regionale e contrattuale vigenti. In presenza di bambini disabili e in base alla valutazione dei bisogni, il numero viene incrementato per favorire l attività di sostegno ed integrazione in coerenza con il progetto educativo. Gli educatori (tempo pieno) svolgono un orario settimanale di 30 ore con i bambini, in 5 giorni lavorativi, operando su turni. Il restante orario, pari a 155 ore annuali, costituisce il monte ore ripartito in incontri collegiali, rapporti con le famiglie, formazione, altre attività. L organico del personale collaboratore tiene conto delle caratteristiche organizzative e strutturali del servizio. L'orario di lavoro settimanale è di 35 ore articolato in 34 di servizio frontale e 1 da destinare al monte ore, le cui linee generali si equivalgono a quelle previste per gli educatori. La programmazione del monte ore per tutto il personale, con la distribuzione delle ore nelle diverse attività, viene elaborata a partire da una circolare annuale cittadina e in accordo con il coordinamento pedagogico territoriale. I nidi sono dotati di norma di cucina interna, i pasti vengono quindi preparati quotidianamente dal personale collaboratore. Per i bambini tra i 3 e i 12 mesi si applica lo schema di divezzamento in accordo con la famiglia; per i bambini tra 1 e 3 anni si fa riferimento alle tabelle dietetiche elaborate da un gruppo tecnico (costituito da pediatri di Comunità dell Azienda U.S.L. e dalla nutrizionista del Settore Istruzione) e differenziate per il periodo invernale o estivo. Ogni mese il menu viene esposto nella bacheca, perché i genitori possano prenderne visione. Vengono applicate diete speciali per bambini con problemi sanitari, prescritte dal loro pediatra di libera scelta; le diete per motivi religiosi possono essere richieste direttamente dai genitori. Tutti gli alimenti sono certificati, privi di organismi geneticamente modificati, di conservanti e coloranti; il personale collaboratore applica l autocontrollo sulla base della normativa HACCP. La cura dell alimentazione e degli aspetti igienico sanitari della struttura assicurano il benessere dei bambini e la qualità del servizio. 3. PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE EDUCATIVA DEL SERVIZIO Il nido è caratterizzato dalla globalità delle situazioni, delle esperienze e dei materiali che sono proposti ai bambini secondo modalità adeguate alle esigenze di relazione e di apprendimento che caratterizzano i primi tre anni di vita. In particolare le proposte considerano: l unità mente-corpo come sintesi dei processi di maturazione biologica, affettiva e cognitiva; il movimento come strumento di conoscenza e di comunicazione; le potenzialità percettive che nei primi anni devono essere scoperte e sperimentate nei loro molteplici utilizzi; la dipendenza dell agire infantile al concreto contesto d'azione; 8

9 il lento passaggio da modalità conoscitive esclusivamente individuali ad altre più socializzate che si affinano nel secondo e nel terzo anno di vita. Pur contenendo intenzionalità precise, espresse nell organizzazione degli spazi, dei tempi, dei materiali, degli atteggiamenti degli adulti, l offerta educativa del nido cerca di mantenere la flessibilità necessaria per rispondere ai differenti bisogni dell utenza. L'organizzazione del lavoro educativo è oggetto di analisi e di progettazione da parte del personale del nido che si assume la responsabilità delle scelte e delle proposte offerte ai bambini e alle famiglie e ne verifica l efficacia, attraverso processi di autovalutazione e valutazione. Nella progettazione educativa, le acquisizioni derivate dall esperienza quotidiana e da una pratica costante con i bambini diventano ipotesi di lavoro da sottoporre a un controllo consapevole e a una verifica di efficacia che il nido svolge anche grazie alla presenza del coordinatore pedagogico. Progettare i propri comportamenti non significa predeterminare le azioni, i movimenti, le modalità di relazione con gli altri, ma prendere coscienza della necessità di costruire ipotesi da discutere e condividere nel gruppo e in seguito da articolare e tradurre in proposte operative. Fa inoltre parte della logica progettuale la comunicazione ai genitori delle intenzioni educative e delle modalità che si intendono utilizzare per realizzarle con i bambini. In questo senso la progettazione educativa considera anche le modalità più efficaci per comunicare ai genitori il lavoro svolto dal nido e stimolare atteggiamenti di valutazione e collaborazione produttivi. 3.1 CRITERI E MODALITÀ DI ORGANIZZAZIONE DEL CONTESTO EDUCATIVO Spazi Attraverso l'organizzazione dello spazio, che rappresenta uno dei primi elementi con cui il bambino interagisce entrando al nido, è possibile esplicitare le regole legate alle diverse funzioni degli ambienti e offrire punti di riferimento e di rassicurazione significativi. Al nido ogni bambino trova uno spazio personale, in cui è possibile lasciare tracce del proprio passaggio, e luoghi di gruppo, nei quali sperimenta situazioni collettive. Diventa così possibile integrare la costruzione di una propria sfera privata e personale con le prime esperienze collettive in cui la condivisione diventa a poco a poco partecipata. Gli spazi del nido vengono allestiti per rispondere al bisogno di intimità e di sicurezza emotiva presente nei bambini piccoli, ma anche per stimolarli ad esplorare e a conoscere l ambiente in cui vivono, in modo sempre più intenzionale e personale. Lo spazio della sezione svolge un importante funzione territoriale per ogni bambino e per i suoi genitori, diventando presto il luogo al quale fare riferimento e nel quale ritrovare le tracce della propria appartenenza al gruppo. Nel corso dell anno, in accordo con le preferenze e le modalità con cui i bambini utilizzano lo spazio, l organizzazione delle sezioni viene modificata, in coerenza con lo sviluppo delle competenze motorie, delle abitudini di gioco e di relazione osservate nel gruppo. Gli spazi collettivi e gli spazi esterni sono invece progettati e proposti come opportunità che ampliano le possibilità relazionali ed esplorative della sezione, offrendo situazioni di gioco particolari su interessi specifici. Materiali In stretto collegamento con l organizzazione degli spazi, il nido predispone l offerta dei materiali che svolgono un importante funzione di orientamento, stimolo e supporto al 9

10 pensiero e alle attività di gioco dei bambini. Gli arredi e gli oggetti del nido segnalano infatti a chi entra le possibilità d uso degli ambienti, suggerendo modalità di abitazione e di interazione congruenti con le intenzioni educative. Nella scelta e nella proposta dei materiali il nido considera le loro valenze sensoriali, affettive e simboliche e favorisce la costruzione di regole d uso che valorizzino la memoria delle esperienze dei bambini, in riferimento alle diverse fasce d età. La varietà dei materiali, finalizzata all offerta di una vasta gamma esplorativa e ludica, non risulta eccessiva o ridondante, perché l osservazione delle condotte di gioco consente agli educatori di dosare quantità e qualità degli oggetti a disposizione nei diversi spazi. Tutti i materiali presentano caratteristiche di qualità previste dalle normative sulla sicurezza, per poter essere utilizzati in autonomia dai bambini e sviluppare le loro preferenze individuali. In situazioni guidate, alla presenza degli adulti, vengono proposti materiali naturali e di recupero e oggetti di uso comune che arricchiscono l esplorazione sensoriale e stimolano attività collettive. Tempi L organizzazione del tempo quotidiano, connessa all esigenza di armonizzare i tempi e i ritmi del bambino con quelli dell istituzione, punta a offrire sequenze ricorrenti, che possono orientare anche i più piccoli. La scansione della giornata presenta una struttura regolare che consente di trovare punti di riferimento stabili e situarsi in un contesto temporale riconoscibile e prevedibile. In questa logica risultano molto importanti le routine, sequenze fisse di natura diversa, riferite a momenti organizzativi della giornata (entrata, uscita) oppure a bisogni fisiologici di cura del corpo (pasto, cambio, sonno). Attraverso il ripetersi quotidiano di questi momenti, nei bambini si affina l'esercizio della memoria e, conseguentemente, viene facilitata l acquisizione di regole temporali significative, perché legate all esperienza diretta. Nell organizzare la giornata educativa, il nido mantiene un attenzione costante ad alternanre e mantenere in equilibrio situazioni di piccolo e di grande gruppo e a offrire ai bambini un tempo disteso e una graduale gestione delle transizioni tra le proposte, per evitare un eccessiva frammentazione e la sovrapposizione di stimoli da rielaborare. Relazioni L atteggiamento relazionale degli educatori e di tutto il personale del nido è stabilito a livello collegiale su criteri pedagogici condivisi ed è oggetto di verifica e di valutazione rispetto alla sua efficacia educativa e comunicativa. Nel rispetto dei criteri fissati, ogni adulto personalizza le proposte di contatto e interazione con i singoli bambini, cercando di accogliere il loro bisogno di dipendenza e orientandoli all autonomia. In un ambiente caratterizzato da stili educativi diversi ma coerenti, nel quale si sente accolto in un rapporto personalizzato e privilegiato affettivamente, ogni bambino si accosta con serenità a situazioni e persone nuove, sperimentando attività esplorative e costruendo una positiva autostima e fiducia nelle proprie potenzialità. Ogni bambino, naturalmente orientato all'interazione, ha infatti una capacità precoce di comunicare con gli altri con modalità personali e comprendere sentimenti ed emozioni. La relazione con i coetanei è mediata dalle educatrici attraverso la predisposizione di situazioni di piccolo e medio gruppo, nelle quali è più facile l interazione tra pari, e un osservazione attenta degli atteggiamenti individuali che favoriscono o al contrario impediscono un contatto positivo tra bambini. Il conflitto viene accolto come processo necessario alla socializzazione infantile e affrontato con strumenti di negoziazione e dialogo adeguati alle diverse età, e da esperienze di gioco di coppia e piccolo gruppo nei quali i bambini possano sperimentare la collaborazione reciproca. 10

11 Proposte educative La qualità delle proposte educative del nido è legata all organizzazione e articolazione dell ambiente, ai tempi con cui si succedono e ai modi con cui vengono promosse e gestite dall adulto nelle sezioni, in relazione anche alle diverse età dei bambini. Tutti i momenti di cura quotidiana e di gioco rappresentano comunque occasioni educative importanti che devono essere progettate e realizzate in modo sempre diverso, legato alla specificità dei contesti e agli stili cognitivi e relazionali dei bambini. La varietà, la coerenza, la continuità e la significatività delle esperienze formative sono garantite dal lavoro di progettazione collegiale che seleziona e articola le proposte in modo da promuovere l autonomia e lo sviluppo dei bambini. Il progetto pedagogico del nido di Bologna promuove con particolare attenzione alcuni ambiti di esperienza: Ambientamento e attività di cura I primi contatti del bambino e dei suoi genitori vengono attentamente curati per iniziare una conoscenza reciproca orientata al rispetto. Colloqui con i genitori e momenti di visita agli spazi del nido sono modalità di primo incontro importanti che concorrono a costruire il percorso di ambientamento dei bambini, secondo modi personalizzati che cercano di rispettare gli approcci individuali. La flessibilità del momento iniziale intende comunicare a chi entra per la prima volta al nido un desiderio di accoglienza e la disponibilità a una relazione di scambio. Analogamente, in corso d anno e con i bambini che frequentano da tempo il nido, si dedica particolare attenzione ai momenti di routine che quotidianamente scandiscono i tempi della giornata. L entrata/accoglienza del mattino è una situazione particolarmente delicata, poiché in essa il bambino affronta il distacco dalla figura di riferimento familiare. Pertanto la coppia genitore-bambino viene accolta da un adulto rassicurante che offre una continuità affettiva e propone rituali di distacco e saluto facilitanti. Essere accolti nello stesso luogo e con tempi distesi che permettono un passaggio morbido dal genitore all educatore rassicura il bambino. Anche al momento dell uscita, il ricongiungimento con i familiari viene curato con la stessa delicatezza, mediante l attuazione di strategie educative facilitanti. Gli appuntamenti ricorrenti della giornata al nido sono considerati occasioni importanti per orientare i bambini rispetto al tempo e acquisire competenze specifiche legate alla cura del corpo e della persona, alla consapevolezza delle proprie capacità e alle prime autonomie. In questa logica l educatore sostiene il fare infantile, evitando di sovrapporsi ai bambini e incoraggiandoli a prendere l iniziativa e a portare a termine i compiti più facili, fornendo aiuto per quelli più complessi. Cibo e alimentazione Nella prima infanzia il cibo è un canale comunicativo importante che il nido cura con particolare attenzione in tutti i suoi aspetti, nutrizionali e di relazione. L alimentazione rappresenta infatti un esperienza di centrale importanza poiché simbolica di un vissuto non solo corporeo, ma anche psichico, e come tale inscritto nel più generale percorso dell autonomia infantile. Le modalità individuali di rapporto con il cibo derivano dalla relazione primaria mamma-bambino e dalle esperienze di nutrizione/incorporazione del primo alimento, il latte. Nel rispetto delle differenze individuali e dei diversi atteggiamenti nei confronti dell alimentazione, la finalità del pasto non è semplicemente quella di saziare il bambino, ma di proporgli un uso e una sperimentazione attiva della realtà. Nel modo di porgere il cibo, aiutare il bambino a mangiare, imboccarlo se molto 11

12 piccolo, o incoraggiarlo a nutrirsi da solo, emergono la cura e la relazione individualizzata, passano gesti intimi e accoglienti. L organizzazione degli spazi per il pranzo, il rapporto numerico adulto-bambini, gli oggetti, l apparecchiatura, la possibilità di scegliere un posto, fisso o variabile, nel loro insieme concorrono a rendere significativa e gratificante l esperienza del pasto. Nel primo anno di vita e in parte del secondo è privilegiato il rapporto individualizzato con l adulto, che svolge un ruolo di facilitazione e di relazione fondamentale. Anche in seguito, quando i bambini sono più autonomi e richiedono meno assistenza pratica per mangiare, i tavoli prevedono la presenza di un educatore che propone l esperienza del pasto in modo conviviale. Il corpo e le attività di movimento Lo sviluppo della motricità è parte fondante dello sviluppo delle funzioni psichiche e cognitive che determinano la costruzione dello schema corporeo e l uso e la produzione di nozioni astratte. Il nido sostiene lo sviluppo motorio infantile assicurando condizioni non solo ambientali, ma anche di relazione, affinché ogni bambino possa scoprire, di sua iniziativa e secondo i suoi ritmi, movimenti e posture da esercitare, utilizzare e abbandonare quando lo ritiene opportuno. Il nido progetta occasioni che favoriscono la ricerca di attività corporee e di movimento proprie di ogni bambino, senza forzare tempi o direzioni obbligate, ma offrendo esperienze motorie che lo portano a migliorarsi e sentirsi soddisfatto di sé. Consapevoli della sempre minore possibilità che i bambini di oggi hanno di sperimentare la propria corporeità in situazioni non strutturate, il nido offre ambienti di gioco liberi e situazioni informali che favoriscono un contatto positivo con lo spazio, interno ed esterno, da esplorare secondo modalità libere e non necessariamente finalizzate. Si vuole soprattutto offrire un contesto di vita capace di dare risposta al bisogno di scoperta e di azione, di espressione e di comunicazione che nei primi anni di vita trovano nella corporeità e nel movimento un canale privilegiato. I linguaggi e le attività espressive Una delle grandi conquiste del bambino della fascia da zero a tre anni è la progressiva capacità di comunicare attraverso i vari linguaggi che esplora e apprende per prove ed errori, attraverso la relazione con gli altri bambini e con gli adulti. Grazie alla conquista dei linguaggi, e in particolare del linguaggio verbale, le competenze sociali si affinano e il modo di gestire le interazioni si articola e si arricchisce. Accanto a una progressiva conquista delle parole, lo sviluppo della competenza simbolica e comunicativa prevede un uso più intenzionale anche dei suoni, dei segni grafici e dei gesti che vengono esplorati e acquisiti come elementi linguistici. Il nido offre contesti di gioco specificamente progettati per l esplorazione dei diversi ambiti sensoriali (sonoro, visivo, tattile, cinestesico ) e sostiene la successiva traduzione delle scoperte individuali in codici ristretti ma significativi che, oltre a favorire l interiorizzazione delle esperienze, aprono la strada alla costruzione di linguaggi personali e di gruppo. Attività di gioco con i suoni e con i colori, con i gesti e con il movimento sono ideate e proposte come opportunità di contatto e conoscenza che gli adulti osservano, per individuare le condotte infantili agite nel gruppo e promuoverle attraverso azioni di rispecchiamento e di rielaborazione condivisa. L attenzione ai linguaggi non è limitata ai momenti specifici delle attività espressive, ma si mantiene costante durante tutta la giornata al nido e in particolare nei momenti di routine, nei quali la relazione individualizzata adulto/bambino consente di cogliere 12

13 con più facilità le modalità comunicative personali e spontanee di ognuno. Programmazione educativa di sezione La programmazione educativa di sezione (P.E.S.) stabilisce in modo dettagliato le proposte rivolte ai bambini nell anno in corso, in coerenza con i riferimenti pedagogici che caratterizzano il progetto educativo del nido. Sulla base dell osservazione del gruppo dei bambini e degli obiettivi specifici relativi al loro sviluppo, gli educatori di ciascuna sezione definiscono le linee progettuali e le attività da sviluppare e verificare, secondo la scansione temporale concordata a livello cittadino. Per formulare la programmazione educativa di sezione gli educatori utilizzano uno schema contenuto anche nel Kit di Bordo, definito dal coordinamento pedagogico a seguito di un lavoro di confronto cittadino e ogni anno verificato e revisionato rispetto alla sua efficacia metodologica. La programmazione educativa di sezione, organizzata nelle tre scansioni temporali concordate, e articolata secondo voci essenziali, viene letta dal coordinatore pedagogico che la discute e l approva, autorizzando la sua comunicazione alle famiglie. Il coordinamento pedagogico cittadino analizza le programmazioni educative di sezione realizzate nei quartieri per confrontare le diverse modalità di lavoro educativo adottate nelle sezioni dei nidi e verificare con una riflessione allargata le strategie e gli stili educativi in atto nella città. 3.2 CRITERI E MODALITÀ DI RELAZIONE E PARTECIPAZIONE DELLE FAMIGLIE E DEL RAPPORTO CON IL TERRITORIO Come tutti i servizi per l'infanzia, il nido è un punto di sensibilizzazione, facilitazione e sostegno dei complessi flussi comunicativi che si sviluppano nelle famiglie quando nasce un bambino che si offre come luogo essenziale per la costruzione di una comunità educante capace di mettere in dialogo gli abitanti di un territorio. Per realizzare un clima di partecipazione consapevole e di comunicazione pluridirezionale, il gruppo degli operatori del nido predispone nella progettazione educativa i fattori organizzativi e comportamentali che possono facilitare atteggiamenti reciproci di fiducia, di disponibilità, e di corresponsabilità, da attuare in corso d anno e da verificare nei loro risultati specifici, apportando eventuali e necessarie modifiche. Consapevole delle diverse modalità di approccio delle famiglie, si utilizzano vari strumenti di comunicazione, per cercare di rendere chiare le proprie intenzioni educative, informare i genitori sull andamento della vita del nido e suggerire le modalità di collaborazione possibili. Espressamente indirizzata ai genitori è la scrittura della Programmazione Educativa di Sezione che ciascuna sezione elabora a scadenza trimestrale e che viene presentata in assemblea o in momenti dedicati, per comunicare le direzioni di lavoro specifiche per ogni gruppo di bambini. Il Regolamento del nido del Comune di Bologna prevede organismi e modalità di incontro che danno risposta a esigenze di partecipazione a carattere individuale e collegiale allargata (assemblea dei genitori) e ristretta e delegata (comitato). Per quanto riguarda la partecipazione a carattere individuale, oltre a una crescente attenzione per i momenti di contatto informale quotidiano (al momento dell'ingresso o dell'uscita del bambino) considerati essenziali nei loro aspetti relazionali profondi, il nido utilizza differenti strumenti di ascolto e dialogo con i genitori. Tra le pratiche più diffuse i colloqui individuali (proposti al momento dell ingresso e durante la frequenza 13

14 del bambino al nido), l allestimento di zone apposite per la comunicazione delle attività realizzate con i bambini, la messa a disposizione di strumenti di informazione tradotti in più lingue (bacheca,...) e l invito a passare una giornata o parte di essa nella sezione del proprio figlio. La socializzazione fra genitori e operatori è promossa anche attraverso la collaborazione per la realizzazione di iniziative collettive (feste, gite, pomeriggi di gioco con i bambini e di lavoro tra adulti) che consentono di sperimentare in modo emotivamente significativo l appartenenza alla comunità educativa. L atteggiamento del personale del nido è improntato a un ascolto funzionale a una comunicazione nella quale tutti possano esprimere il proprio punto di vista, nel rispetto dell organizzazione istituzionale ed educativa. I comportamenti degli operatori hanno un ruolo determinante nella facilitazione della partecipazione dei genitori alla vita del nido e vengono quindi concordati nel gruppo in sede di programmazione educativa. Le occasioni di carattere assembleare vengono proposte come momenti di informazione, discussione e collaborazione volti alla soluzione di problemi di carattere collettivo (che riguardano il gruppo nel suo complesso) o comunemente condivisi (se pur in modi diversi, da una pluralità di soggetti individuali). Vengono quindi proposti momenti assembleari per affrontare insieme tematiche educative di ordine generale che fanno parte di una nuova cultura dell infanzia, basata sull idea di una comunità educante che si assume la responsabilità educativa dei percorsi rivolti ai bambini. Oltre alle iniziative dei nidi, assumono particolare importanza le attività culturali che ogni Quartiere promuove nel proprio territorio, che possono costituire occasione di contatto per i bambini e le famiglie che abitano nello stesso luogo e che facilmente possono proseguire in modo autonomo e informale una relazione significativa. Le iniziative rivolte alla socializzazione delle famiglie sono importanti occasioni di crescita e sviluppo per i bambini che hanno bisogno di riconoscersi anche attraverso il rapporto con i coetanei e di sperimentare l esperienza sociale come elemento favorevole alla costruzione della propria identità. 3.3 CRITERI E MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO DI LAVORO L'organizzazione collegiale del lavoro Le modalità di lavoro collegiale degli operatori costituiscono l'elemento fondamentale del progetto pedagogico del nido. La capacità di confronto e di discussione, la disponibilità di ciascuno ad entrare in relazione con gli altri, ed eventualmente modificare il proprio punto di vista a favore di scelte condivise, consentono agli adulti del nido di lavorare in gruppo in modo costruttivo, integrando ruoli e specificità professionali. La condizione prima affinché il gruppo di lavoro possa funzionare al meglio è sicuramente la stabilità del personale, che sostiene la continuità delle riflessioni e delle esperienze. Tuttavia ci sono altri aspetti che si ritengono altrettanto utili: obiettivi comuni su cui lavorare; complementarietà del lavoro (suddivisione dei compiti e degli incarichi); responsabilità personale (ciascuno contribuisce partecipando per le proprie competenze); operatività delle decisioni; costruzione di una memoria di gruppo (archivio di esperienze riattivabile, memoria progettuale e generativa, anche avvalendosi di strumenti, quali la bacheca e il kit di bordo); intenzionalità e consapevolezza delle relazioni con l'esterno; capacità di percepirsi all'interno di un processo sempre attivo (volto al continuo miglioramento e responsabilizzazione). 14

15 In ogni nido sono previsti incontri collegiali periodici comuni a tutto il gruppo di lavoro, incontri di sezione o per diversi profili professionali, talvolta con la presenza del coordinatore pedagogico. Tali momenti sono programmati sulla base degli obiettivi concordati dal gruppo stesso, in linea con le indicazioni di Quartiere e cittadine, e in funzione di aspetti problematici su cui si ritiene opportuno il confronto. Per rendere funzionale il lavoro di discussione e confronto si definiscono: un ordine del giorno (concordato e preparato anticipatamente) e un orario di inizio e di fine, si cura la redazione di un verbale o di una sintesi dei punti emersi nell incontro, per ancorare l'assunzione di decisioni comuni, ragionate e motivate. Oltre agli incontri interni a ciascun nido si realizzano momenti di confronto a livello territoriale con la presenza dei coordinatori pedagogici di riferimento e/o del responsabile gestionale, con lo scopo di favorire la condivisione tra i gruppi di lavoro sia di aspetti organizzativi che di contenuto formativo. Ciascun servizio, a partire dal progetto pedagogico cittadino, elabora il proprio progetto educativo attraverso occasioni collegiali di confronto, progettazione, verifica e valutazione; al suo interno trovano uno spazio fondamentale le programmazioni di sezione. A supporto del lavoro di progettazione di equipe è presente in ogni struttura un kit di bordo, che contiene anno per anno tutta la documentazione riguardante gli aspetti organizzativi (organico delle sezioni, turni, suddivisione degli incarichi ecc.), di contenuto (sintesi degli incontri, programmazioni di sezione ecc.) e gli approfondimenti (circolari, linee guida cittadine ecc.), al fine di favorire il senso della condivisione interna e con il coordinatore pedagogico e l'inserimento costruttivo del personale nuovo assunto o che temporaneamente entra a far parte del gruppo. Gli strumenti progettuali Il lavoro educativo si può paragonare a un percorso circolare in cui osservazione (del contesto reale dei bambini), studio, programmazione, verifica, documentazione operano in equilibrio tra loro, con continui reciproci rimandi e sostenendosi l'uno con l'altro. Tale prospettiva è centrata su alcuni elementi chiave che qualificano lo stile educativo: la dimensione osservativa e di ascolto nei confronti dei bambini, l atteggiamento orientato alla ricerca e al cambiamento, la capacità di coniugare i dati di conoscenza acquisiti e continuamente da acquisire, la disponibilità a rimetterli in discussione per aprirsi al nuovo e al non previsto. La documentazione si collega fortemente alla competenza professionale degli educatori, in quanto consente di: mantenere le tracce del percorso educativo svolto; rileggere le esperienze con spirito critico, assumendo nuove angolazioni; far conoscere agli altri quello che si è fatto; fornire una memoria teorica e pratica, che permetta una costante circolarità tra i momenti di programmazione e verifica. La documentazione non serve solo a fissare ciò che si è progettato, ma è essa stessa strumento progettuale, che consente di interrogarsi sui significati del proprio intervento educativo, e di verifica di ciò che si è realizzato. Ogni anno il gruppo di lavoro definisce al suo interno i progetti di documentazione che intende realizzare e ne cura l elaborazione, avvalendosi degli strumenti presenti nel kit di bordo e delle risorse a disposizione. I progetti di documentazione, concordati con il coordinatore pedagogico, possono usufruire del supporto tecnico e metodologico del Laboratorio di Documentazione e Formazione del Comune di Bologna. 15

16 L'osservazione è uno strumento essenziale per gli educatori che facilita la realizzazione di uno stile relazionale in sintonia con le modalità comunicative dei singoli bambini. L'osservazione dei luoghi e delle modalità abitative dello spazio consente di organizzare l'ambiente in modo ottimale, individuando in itinere piccole e grandi modifiche da apportare e mettendo a fuoco gli interessi del gruppo, da strutturare in attività di gioco organizzate. Le osservazioni prendono in considerazione il quotidiano e i progetti speciali, nella convinzione che tutti i momenti della giornata al nido sono ugualmente importanti per i bambini. I materiali di osservazione redatti di singoli educatori (come testi scritti e audio-visivi) sono letti e analizzati in gruppo, in un tempo dedicato nel quale si confrontano i dati rilevati e le ipotesi che ad essi si collegano, al fine di concordare strategie educative condivise e progetti particolari da mettere in pratica nell anno educativo. Il confronto collegiale realizzato attraverso la discussione dei dati dell osservazione e dell auto-osservazione concorre in modo significativo alla qualità dei processi educativi che il nido realizza. L analisi della situazione, osservata secondo più punti di vista e con diverse modalità, consente infatti di formulare nuove ipotesi operative, da mettere in pratica e verificare, in una circolarità progettuale coerente con le intenzioni di partecipazione corale del lavoro educativo del nido. Osservare e osservarsi nelle azioni di ogni giorno, concordando in modo collegiale strumenti e metodologie adeguate, funzionali agli obiettivi conoscitivi, permette inoltre agli educatori di ri-giocarsi con più consapevolezza, sulla base di una conoscenza più analitica del proprio modo di essere e di stare con i bambini. Le risorse del gruppo di lavoro La formazione e l'aggiornamento costituiscono la base per la crescita del lavoro collegiale e facilitano la costruzione di un linguaggio condiviso. All'interno del servizio gli operatori attivano una produttiva rielaborazione delle nuove competenze acquisite, integrandole a quelle di base proprie e rendendole motivo di riflessione e di trasformazione della singola realtà. Nelle situazioni cittadine si riconoscono professionalmente come portatori di una identità pedagogica comune. Ogni anno l'amministrazione comunale predispone un piano formativo, rivolto al personale dei servizi educativi per la prima infanzia, definito all'interno del coordinamento pedagogico cittadino, tenuto conto dei bisogni rilevati ed emergenti e degli interessi espressi dai gruppi di lavoro. Il piano illustra: contenuti, obiettivi che si intendono raggiungere, tempi (periodo e orari), modalità di svolgimento, professionalità coinvolte. In linea di massima esso comprende: un percorso di formazione obbligatoria (20 ore), a carattere cittadino e rivolto a tutti i nidi comunali, che vede il coinvolgimento diretto dei coordinatori pedagogici con il supporto di esperti esterni, secondo una metodologia di approfondimento/ricerca/azione. Tale formazione si può sviluppare in percorsi pluriennali (come l'attuale progetto Linguaggi ed espressività al nido e svilupparsi per ambiti di approfondimento nei diversi quartieri; l'articolazione prevede l'alternanza di momenti di piccolo gruppo (di nido), di gruppo allargato, di momenti di confronto autogestiti, con il coordinatore pedagogico o con l'esperto; corsi di aggiornamento a scelta individuale (tra le 12 e le 15 ore ciascuno), a cui accedono anche i servizi privati autorizzati e convenzionati; per la conduzione ci si avvale di professionalità esterne; si incentiva inoltre il coinvolgimento di educatori che hanno maturato una particolare competenza in ambiti specifici, al fine di 16

17 favorire lo scambio diretto di esperienze e la diffusione di buone pratiche. Le proposte sono sia di tipo laboratoriale (attinenti in linea di principio con il tema della formazione di base obbligatoria) che teorico; si pone un'attenzione costante al tema dell'integrazione dei bambini disabili e all'intercultura; percorsi specifici per il personale collaboratore su temi alimentari e igienicosanitari. A completamento dell'offerta formativa si integrano in corso d'anno seminari e iniziative cittadine di aggiornamento organizzate dall'amministrazione; viene riconosciuta anche la partecipazione ad occasioni formative organizzate da altri enti o istituzioni qualora ci sia un particolare interesse e una connessione con le tematiche pedagogiche inerenti il servizio. La continuità Il sistema dei servizi educativi e scolastici di Bologna valorizza il percorso di crescita dei bambini e consolida l'idea di continuità, anche a livello pedagogico-istituzionale, sottolineando la necessità di coerenza negli obiettivi educativi. Tutti i bambini e le loro famiglie hanno infatti bisogno di trovare nelle istituzioni un respiro educativo ampio, capace di contrapporsi alla frammentazione dei tempi e delle esperienze che caratterizza la vita nelle città La diffusione delle informazioni e la promozione delle opportunità rivolte ai bambini e alle famiglie, a livello territoriale e cittadino svolgono un'importante funzione di sostegno alla continuità. Non si punta ad eliminare o omogeneizzare le differenze, né a strutturare un percorso unico, continuativo e lineare, ma invece si curano i passaggi e i collegamenti tra i vari ambiti di sviluppo e socializzazione. Il nido contribuisce alla costruzione dell'idea educativa di continuità dialogando con tutti i soggetti coinvolti nel processo di crescita con diversi ruoli e individuando modalità di collaborazione e condivisione. Per la realizzazione dei progetti il nido si avvale dei servizi educativi territoriali - spazi lettura, centri di attività psicomotoria, punti verdi, laboratori espressivi - attuando percorsi mirati e condivisi. Per la continuità con la scuola dell'infanzia opera su più livelli, attraverso: interventi che facilitano il nuovo inserimento dei bambini (conoscenza del nuovo ambiente e coscienza della propria storia); passaggio di informazioni fra educatori e insegnanti sui percorsi individuali; coinvolgimento dei genitori. Inoltre, educatori e insegnanti partecipano insieme a gruppi di approfondimento territoriali a carattere formativo con la supervisione dei coordinatori pedagogici di quartiere, allo scopo di facilitare lo scambio e l'incontro su tematiche comuni. Viene infine curato attentamente il rapporto con i servizi sanitari e sociali di base per la promozione e la salvaguardia del benessere dei bambini e delle loro famiglie. Permane cioè di sfondo il senso della comunità educante e l'intento di lavorare in rete per valorizzare le competenze genitoriali e una cultura dell'infanzia a sostegno di diritti e di potenzialità Il coordinamento pedagogico La presenza di coordinatori pedagogici che operano territorialmente nei diversi quartieri, raccordandosi a livello cittadino per quanto riguarda momenti di riflessione teorica su temi specifici, una delle migliori garanzie di qualità dei servizi educativi di Bologna. Il lavoro degli operatori - di auto-riflessione, osservazione, documentazione, confronto - trova infatti nella supervisione del coordinatore pedagogico un'opportunità indispensabile di verifica e di rilancio. 17

18 Le funzioni del coordinamento pedagogico territoriale comprendono: la responsabilità dei servizi educativi, che assicura la programmazione, l'uso ottimale delle risorse per il raggiungimento degli obiettivi, la valutazione dei risultati; il coordinamento specialistico, cioè la supervisione dell'azione educativa, l'aggiornamento del personale, la sperimentazione didattica, la ricerca, la relazione con le famiglie e con il territorio;, il supporto gestionale, per il coordinamento dei sistemi di qualità per l'implementazione di specifiche tecniche o per aree di attività specifiche, quali l'integrazione dei bambini disabili. Le azioni che afferiscono direttamente ai nidi sono: supporto alla progettazione, ai percorsi di autovalutazione, alla documentazione, con interventi periodici nei gruppi di lavoro; gestione di interventi a carattere formativo che possono rivolgersi non solo al personale dei servizi, ma anche ai genitori e in generale alle famiglie dei bambini che li frequentano; gestione della relazione con le famiglie, nelle situazioni che necessitano di un intervento sterno al gruppo del nido o di una mediazione pedagogica; supporto agli uffici del quartiere per le tematiche gestionali; partecipazione ai gruppi operativi e in generale supporto al gruppo di lavoro in caso di inserimento di bambini disabili; presenza nei servizi per momenti di osservazione; supporto ai progetti di continuità e al raccordo con i servizi educativi, culturali, socio sanitari del territorio; partecipazione agli incontri dell'organismo cittadino di coordinamento (CEDOC); partecipazione agli incontri del Coordinamento pedagogico provinciale; raccordo con il Settore Istruzione (Unità di coordinamento servizi prima infanzia); monitoraggio delle convenzioni in essere nel quartiere. Il coordinamento pedagogico cittadino (CEDOC), composto dai Coordinatori pedagogici che operano territorialmente e presso il Settore Istruzione, ha funzioni propositive e di elaborazione, di consulenza tecnico scientifica, di progettazione delle attività di ricerca e di formazione. E' suddiviso funzionalmente nel Cedoc nidi e Cedoc scuola dell'infanzia; ma opera anche in sottogruppi tematici trasversali (per es. sul tema intercultura o della disabilità per la definizione di linee cittadine relative alla formazione/aggiornamento annuale e per la definizione di progetti sperimentali e di ricerca. Gli incontri sono periodici, programmati a inizio anno e prevedono un ordine del giorno e la stesura di un verbale. Nel loro insieme, tutte le funzioni del coordinamento pedagogico contribuiscono a rendere le risposte dei servizi educativi sempre più efficaci e rispondenti alle esigenze che emergono progressivamente nella città che richiedono l'attivazione di processi di progettazione qualificati e innovativi, capaci di rispondere alle nuove esigenze delle famiglie e dei contesti di crescita, in continuità con la cultura dell'educazione che da tempo caratterizza il sistema pedagogico di rete. Ri.E.Sco Ri.E.Sco il Centro servizi e consulenza del Comune di Bologna, che unisce il Laboratorio di Documentazione e Formazione e il CD/LEI, Centro di documentazione 18

19 per una educazione interculturale. Il Centro ha l'obiettivo di raccogliere, mettere in rete e divulgare le migliori esperienze di innovazione didattica, di qualificazione della professionalità dei docenti e degli educatori, di diffusione di tecniche didattiche innovative, di documentazione delle buone pratiche realizzate sul territorio dagli operatori. Offre servizi di documentazione e consulenza, informazione, formazione, accoglienza delegazioni, organizzazione tirocini all'interno dei servizi, con un respiro cittadino e di collaborazione più ampia con Provincia, Regione e Università 3.4. VALUTAZIONE La valutazione è strettamente legata all'accrescimento della qualità dei singoli servizi e del sistema nel suo complesso (identità pedagogica). Saperla effettuare vale quanto saper redigere un progetto ed elaborarlo attraverso l osservazione e la documentazione, con le quali si intreccia in una forma di complementarietà e circolarità. In particolare, l'auto-valutazione è il luogo della rielaborazione del lavoro educativo nel gruppo; sollecita l azione di de-costruzione e ri-costruzione dell'identità educativa del contesto, favorendo l'emergere dei significati e la loro condivisione; assegna senso e valore agli eventi, processi e azioni messi in campo nella quotidianità e nel percorso annuale; consente inoltre di uscire dall autoreferenzialità per andare verso la leggibilità e la visibilità dell intervento svolto dal nido nel territorio. A Bologna, la verifica del lavoro educativo è oggetto da tempo di riflessioni all'interno dei gruppi di lavoro, condivise con il pedagogista e confrontate a livello cittadino, tuttavia la dimensione auto-valutativa in senso proprio è di più recente esplorazione e conoscenza. In continuità con i percorsi pluriennali sulla progettazione di nido e di sezione, è stato di recente elaborato uno strumento, alla sua prima stesura e quindi assolutamente migliorabile, che si propone di innescare un'attitudine degli operatori a questa pratica, intesa come opportunità di confronto sul lavoro educativo e non di una sua misurazione o di giudizio. Le voci dello strumento fanno riferimento all'indice del presente progetto pedagogico. La metodologia di utilizzo è la discussione in gruppo, da proporre nell interezza dello strumento ogni due-tre anni, lavorando nel periodo intermedio sugli aspetti di criticità. I coordinatori pedagogici sono a pieno titolo coinvolti nel percorso, in modo più o meno diretto a seconda delle fasi di lavoro, al fine di condividere gli elementi emersi (positivi e di criticità) e le nuove azioni che si intendono eventualmente mettere in campo. Complessivamente, la pratica della valutazione, che ci si propone di incrementare attraverso la sperimentazione dello strumento, intende rinforzare il valore e l utilità del confronto nel gruppo di lavoro di nido, rappresentando un'occasione, non formale, che ne rafforza l'identità. Il principio sotteso è pertanto la prospettiva di miglioramento sia dello strumento medesimo sia della qualità progettuale dei servizi. 4. DURATA Il Progetto pedagogico del Nido di Bologna è un documento coerente con il lavoro svolto dai nidi in risposta alle esigenze di bambini e famiglie, in continuo mutamento. Per questo la sua stesura sarà aggiornata (indicativamente ogni tre anni), anche sulla base delle considerazioni e delle revisioni proposte da Operatori, Coordinatori pedagogici, Amministratori e Famiglie. 19

20 Nota 1 Per non appesantire il testo, nella definizione del personale e dell'utenza del nido non si differenziata la doppia declinazione di genere maschile e femminile, nonostante la consapevolezza della maggioranza al femminile che caratterizza il personale educativo e collaboratore del nido, e il rispetto delle pari opportunità di bambini e bambine. Il presente documento è stato elaborato a partire dalle riflessioni e dai preziosi materiali prodotti negli anni dal Coordinamento pedagogico cittadino e dai Gruppi di lavoro dei nidi. Pertanto il ringraziamento per i contributi è allargato a molte persone, che ci auguriamo possano riconoscersi nel testo, e a tutta la città. Contributo prezioso per la stesura del Progetto pedagogico è stato inoltre l Indice, elaborato dalla Regione Emilia Romagna, in quanto ha dato il giusto input per lavorare insieme sui principi che guidano il pensiero e il fare educativo nei servizi per la prima infanzia. La redazione è stata curata da: Franca Marchesi, Nadia Fornasari e Franca Mazzoli, nell estate

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

A SCUOLA DELL INFANZIA A 2 ANNI E MEZZO?

A SCUOLA DELL INFANZIA A 2 ANNI E MEZZO? 1 Diana Penso A SCUOLA DELL INFANZIA A 2 ANNI E MEZZO? Di fronte all idea di anticipo scolastico introdotto dalla Legge Moratti sia per la scuola dell infanzia che per la scuola primaria, l orientamento

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Sono Rosalba, socio-volontaria

Sono Rosalba, socio-volontaria PRIMAVERA 86 E PROGETTO CSERDI Rosalba Mancinelli Socia fondatrice e consigliere di amministrazione dell Organizzazione di volontariato Primavera 86. Pedagogista e insegnante Sono Rosalba, socio-volontaria

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli