Per un miglior rapporto tra medico e malato: un traguardo possibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per un miglior rapporto tra medico e malato: un traguardo possibile"

Transcript

1 Per un miglior rapporto tra medico e malato: un traguardo possibile Vol. 97, N. 10, Ottobre 2006 Pagg Giorgio Bert Riassunto. Il rapporto tra medico e paziente tende oggi, per molteplici ragioni, a diventare difficile o francamente conflittuale. Ciò ostacola la cooperazione e la costruzione di una alleanza terapeutica. La principale difesa nei confronti di una situazione che produce rabbia e frustrazione sia nel paziente che nel medico è l apprendimento da parte di quest ultimo di abilità comunicative specifiche (counselling skills): la comunicazione professionale non può infatti essere spontanea. Tali tecniche permettono di evitare le cosiddette modalità barriera : interventi che suscitano nel paziente atteggiamenti di rifiuto nei confronti del cambiamento. Di notevole interesse è, in questo contesto, uno stato motivazionale noto come reattanza psicologica, di cui da poco è stata messa in luce l importanza in ambito medico. Vengono prese in esame e discusse alcune modalità comunicative in grado di facilitare la costruzione (o ricostruzione) di un valido rapporto tra medico e paziente: un traguardo non solo auspicabile, ma possibile. Parole chiave. Comunicazione, counselling, reattanza psicologica. Summary. Rebuilding the relationship between doctor and patient. The doctor-patient relationship is inclined nowadays, for many reasons, to become difficult or even conflictual: this prevent the cooperation and the building of a therapeutic alliance. To forestall a situation which can produce anger and frustration in the patient as well as in the doctor, it is important and usefull, for the latter, to learn communication techniques and counselling skills: the professional communication cannot in fact be spontaneous. Such techniques allow to avoid the so called communication barriers: doctor s interventions which can cause in the patient noncompliance and hostile attitudes towards changes; in this context it is particularly interesting a motivational state known as psychological reactance, the importance of which has been recently stressed in medical setting. Some communicative modalities, which may facilitate the building (or rebuilding) of an effective relationship between doctors and patients, are here examined and debated: good communication and partnership are goals not only desirable, but also possible. Key words. Communication, counselling, psychological reactance. Una storia tormentata La storia del rapporto tra medico e paziente è lunga, complessa e, come rileva Shorter 1 in un saggio ormai classico, «tormentata». Il tormento si è acuito in modo particolare negli ultimi decenni a causa di molteplici motivi, tra i quali vanno ricordati in particolare: il rapido, tumultuoso progresso delle biotecnologie e della farmacoterapia, con annesse speranze e paure non necessariamente fondate. La sempre più ampia diffusione, anche mediatica, del concetto di prevenzione. La conseguente maggior attenzione ai segnali che provengono dall organismo (sintomi fisici ed emotivi). Una diffusa concezione della salute, intesa come benessere, forma fisica e perfino look, concezione che la identifica come merce : qualcosa, cioè, che si può vendere e comprare; di qui un atteggiamento di tipo consumistico da parte del paziente. La vasta disponibilità al pubblico di conoscenze tecniche attraverso i mezzi di comunicazione; speciale importanza in questo contesto assume la possibilità di consultare siti Internet. I pazienti hanno gli strumenti per accedere a quelle conoscenze, ma non possiedono quelli che permettono di valutarne la validità e il rigore scientifico. Le leggi sul consenso informato, che prevedono che il paziente non solo sia al corrente di quanto gli viene proposto dal medico in termini di interventi diagnostici e terapeutici, ma anche che ne abbia compreso esattamente il senso e le possibili conseguenze. Coordinatore, Dipartimento Comunicazione Counselling Salute, Istituto di Counselling Sistemico Change, Torino. Pervenuto il 9 giugno 2006.

2 G. Bert: Per un miglior rapporto tra medico e malato: un traguardo possibile 549 La possibilità di inoltrare denunce per malasanità, facilitata dall esistenza di associazioni di malati e di giuristi specializzati. Tutti questi elementi e altri ancora hanno trasformato, per usare le parole di Shorter, la visita medica in uno «scontro rabbioso», così che troppo spesso «i contatti tra medico e paziente si concludono con la rabbia e la frustrazione di entrambe le parti» i. Si può a questo punto rimpiangere i bei tempi (ammesso che siano mai esistiti) in cui la parola del medico era vangelo e quella che è d uso definire compliance era considerata ovvia e fuori discussione Si può, certo, ma sognare aiuta poco nella pratica quotidiana e, in più, rende depressi. È certo possibile analizzare e approfondire la cause di questo mutamento in termini sociologici e psicologici: la bibliografia sul tema è amplissima. Il problema che si pone tuttavia al medico è di altro genere: il passato è passato e non si può farlo tornare, ma cosa si può fare ora e concretamente per evitare che la relazione col paziente si trasformi in uno scontro rabbioso o in un conflitto permanente? Gli effetti di questo clima conflittuale sulla salute e sul benessere del medico sono devastanti; lo scriveva Smith, già nel 1981, in un editoriale in cui commentava le risposte a un questionario proposto ai medici dal BMJ, editoriale il cui titolo era estremamente significativo: «Perché i medici sono così infelici?» 2 In occasione di momenti formativi dedicati alla comunicazione professionale e al counselling organizzati in questi ultimi anni dall Istituto Change di Torino, è stato chiesto ai medici coinvolti (circa un migliaio fino ad oggi: MMG, specialisti e ospedalieri) quali siano le caratteristiche dei soggetti difficili (cioè potenzialmente o di fatto conflittuali) che a loro avviso rappresentano una elevata percentuale dei loro pazienti; le risposte al questionario sono riportate nella tabella 1. Tabella 1. - Caratteristiche dei pazienti difficili. 28%: Prepotenti, aggressivi, arroganti (pretendono tutto e subito, non capiscono che agiamo per il loro bene) 25%: Saccenti, polemici (pretendono di saperne di più) 14%: Maleducati 12%: Non collaborano, non si fidano (non ascoltano, non danno informazioni, non condividono ) 7%: Ignoranti (non capiscono o fingono di non capire) 5%: Troppo acculturati (criticano le decisioni dei professionisti) 4%: Falsi, non dicono quello che pensano 4%: Chiusi, ostili (non si esprimono neanche con la mimica, assumono atteggiamenti di rifiuto) 4%: Ipocondriaci, ansiosi (fanno troppe domande, non ascoltano le risposte) 2%: Negano le difficoltà; hanno pretese eccessive; non capiscono quello che facciamo; non si coinvolgono; sono negativi Con i pazienti in genere risulta comunque difficile: 35%: farsi ascoltare senza essere interrotti; 22%: dare indicazioni di comportamento (ai malati e ai familiari);costruire alleanza; fare accettare il progetto terapeutico; fare accettare le regole; 18%: dare cattive notizie; 15%: ottenere collaborazione. Se questi sono i presupposti, non è sorprendente che la relazione medico-paziente possa assumere l aspetto di scontro rabbioso e lasci scontenti e frustrati sia il medico che il malato. Le barriere della comunicazione Di fatto, le risposte al questionario non parlano di una relazione, ma rappresentano soltanto, una descrizione che il medico dà di alcuni dei suoi pazienti: essi infatti sono aggressivi, maleducati, saccenti e così via. In altri termini, il comportamento che il medico descrive con quegli aggettivi viene considerato una caratteristica intrinseca dei pazienti in questione: come la statura o il colore degli occhi. Ebbene, esistono certo persone più inclini di altre ad assumere determinati atteggiamenti, ma è altrettanto certo che questi si manifestano e si rendono evidenti all interno di una specifica relazione. In termini comunicativi sarebbe più corretto dire che quel determinato paziente si comporta in quel dato modo nella relazione con quel determinato medico in quello specifico contesto. Il non tenere conto degli aspetti relazionali dell incontro medico-paziente, oltre a provocare nell uno e nell altro malessere e disagio, sta alla base di quella grave epidemia (così è definita da molti studiosi) che va sotto il nome di noncompliance : la scarsa o mancata disponibilità del paziente ad accettare le indicazioni del medico. Se anche la noncompliance viene attribuita al paziente come una sua caratteristica intrinseca immutabile, la comunicazione tende a diventare rigida e conflittuale o ad estinguersi; e la relazione si perde. Non è detto, anzi è altamente improbabile, che un paziente si comporti sempre sistematicamente allo stesso modo 24 ore su 24 e in tutte le situazioni relazionali: è infatti evidente che le persone si comportano in modo molto variabile nell ambito di interazioni diverse (con amici, parenti, conoscenti, sconosciuti) e in contesti differenti (a casa, al bar, in treno, nella sala d aspetto dell ambulatorio). I comportamenti hanno specifiche motivazioni e non costituiscono quindi caratteristiche fisse e immutabili delle persone; le motivazioni a loro volta sono collegate a emozioni (paura, ansia, irritazione), alla storia personale del paziente, alle sue aspettative, a ciò che sa o crede di sapere, al contesto sociale e culturale, alla situazione specifica e così via.

3 550 Recenti Progressi in Medicina, 97, 10, 2006 Le indicazioni del medico in ambito diagnostico e terapeutico richiedono di frequente, da parte del paziente, cambiamenti di comportamento rilevanti e spesso spiacevoli. Ne consegue che il paziente tende in genere a resistere o ad opporsi alle prescrizioni, tanto più quando ne vede con chiarezza gli effetti sgradevoli ma non altrettanto chiaramente i vantaggi. Ciò è molto frequente nelle patologie croniche silenti o ben tollerate (esempio tipico è l ipertensione arteriosa) e nel caso di interventi di prevenzione. Osserva Christensen che «l estensione e l importanza delle restrizioni della libertà e della perdita di controllo che un paziente tipico deve subire ha ben pochi parallelismi nell intera esperienza umana» 3. Se, d altra parte, le reazioni del paziente non dipendono da aspetti caratteriali specifici e immutabili, ma si verificano nell ambito della relazione col medico, diviene importante analizzare le modalità comunicative del medico stesso, in quanto possibili cause o concause del comportamento difficile del paziente. Oltre tutto, è (relativamente) più facile per il medico apprendere a diventare consapevole dei propri atteggiamenti e quindi mettersi in condizione di controllarli, piuttosto che sforzarsi di modificare quelli di un paziente, di cui conosce poco o nulla. Gli effetti pragmatici di determinati atteggiamenti comunicativi sul comportamento sono stati messi in luce da Thomas Gordon 4, studiando in particolare la relazione tra insegnante e alunno. Questo Autore ha identificato un certo numero di modalità comunicative spontanee che peggiorano la comunicazione con l altro ed ottengono effetti opposti a quelli desiderati. Gordon parla a questo proposito di «barriere della comunicazione». Nell ambito dell attività formativa che l Istituto Change svolge nei confronti dei medici, abbiamo cercato di individuare possibili analoghe modalità barriera, che ostacolano o rendono conflittuale la comunicazione col paziente. Le principali modalità barriera da noi identificate sono riportate nella tabella 2 e risultano molto simili ad alcune delle barriere individuate da Gordon in altri contesti. Tabella 2. - Modalità-barriera nella comunicazione 5. Ingiungere, predicare (Bisogna che Dovete Dovreste ) Minacciare, ammonire, profetizzare eventi negativi (Altrimenti succederà che ) Fare appello alla ragionevolezza (Dovreste capire che Sappiate che ) Sostituirsi (Provate a fare Perché non fate ) Esprimere esplicitamente o implicitamente giudizi (Non è bene Non bisogna essere egoisti Questo è un comportamento inaccettabile ) Interpretare (Voi siete Voi fate così perché ) Investigare (Siete proprio sicuri che Ma non avevate detto invece che ) Argomentare (Quanto lei dice sugli effetti di questo farmaco non trova riscontro nei più recenti trial ) Minimizzare (Insomma, non è difficile ) La costruzione dell intervento del medico Appare evidente che si tratta di modalità che tutti utilizziamo spontaneamente allorché ci troviamo davanti a soggetti che ci appaiono irragionevoli : siano essi pazienti, alunni o figli. Nel caso del rapporto medico-paziente, tuttavia, la spontaneità non rappresenta in termini comunicativi un elemento positivo. Il medico, infatti, non è e non può essere spontaneo nel proprio contesto professionale, in quanto ha precisi obiettivi da raggiungere: ogni suo intervento dovrebbe risultare strategicamente e consapevolmente indirizzato al raggiungimento di quegli obiettivi. In altri termini, ogni intervento non solo non può essere spontaneo, ma deve essere accuratamente costruito e mirato: non è possibile infatti considerare come obiettivo professionale un concetto generico come la salute del paziente. La salute, si sa, è multifattoriale, e il medico deve decidere caso per caso quali tra i molti obiettivi di salute possibili sono a suo avviso prioritari e quali risultano comprensibili, accettabili, condivisibili, concretamente realizzabili da parte del paziente. Le modalità-barriera sopra descritte non sono necessariamente tutte e sempre negative o sbagliate: alcune di esse possono di fatto venire impiegate, qualora siano state scelte strategicamente in funzione dell obiettivo e siano coerenti con lo stile comunicativo del medico all interno della relazione con quel determinato paziente. Va comunque considerato che esse costituiscono ostacoli potenziali a una buona comunicazione, tanto più se, come avviene spesso, vengono utilizzate tutte quante a cascata. In quest ultimo caso l insuccesso è assicurato e l atteggiamento del paziente tende a diventare aggressivo e ostile. In particolare, suscitano reazioni di questo tipo i giudizi di valore e ogni tentativo di interpretazione: percepiti in genere, dal paziente, come una indebita lettura del pensiero. Ma perché interventi come quelli citati, apparentemente del tutto ragionevoli, si rivelano così spesso barriere alla comunicazione? A un esame più attento, si osserva che si tratta di interventi tesi a contrastare ciò che l altro fa e pensa: il medico, cioè, si contrappone al paziente, nel tentativo di sostituire alle convinzioni di quest ultimo, ritenute erronee o dannose per la salute, quelle razionali proprie della medicina scientifica. Il fatto è che le convinzioni del paziente, per quanto stravaganti o sbagliate possano apparire, hanno radici profonde, in gran parte nemmeno coscienti, radici che hanno a che fare con la sua storia familiare e personale, con le sue osservazioni, le correlazioni tra cause ed effetti che gli pare di avere individuato, con le sue credenze.

4 G. Bert: Per un miglior rapporto tra medico e malato: un traguardo possibile 551 La reattanza psicologica Se poi, come spesso avviene, queste prescrizioni prevedono una riduzione del controllo che l altro il paziente esercita sulla sua propria vita o l eliminazione di comportamenti percepiti come diritti acquisiti, entra in azione un meccanismo importante, che è stato definito «reattanza psicologica» (RP). La RP è stata descritta qualche decennio fa da Jack Brehm e collaboratori 6,7. Si parte dalla constatazione che ogni individuo dispone di un certo numero di comportamenti liberi («freedoms» nelle parole di Brehm), comportamenti che sa di potere esercitare in ogni momento, sia nel presente che nel futuro. L eliminazione, o anche solo la minaccia di eliminazione di qualcuna di queste libertà, suscitano, nella persona, uno stato motivazionale definito appunto reattanza psicologica. Bonifacio de Pitati: La visita del medico (Milano: Museo Poldi Pezzoli). Il mondo del paziente, come del resto quello di ogni individuo, è una complessa intricata rete di simboli e di significati, una vera e propria cultura che definisce la sua identità: pensare che le informazioni del medico, per quanto razionali e sensate, possano essere accettate e sostituite alle proprie senza difficoltà è ingenuo; tanto più se esse si contrappongono frontalmente a quelle che l altro ritiene vere. Certo, il medico può limitarsi a svolgere un intervento puramente informativo, del tipo: «Io le posso dire che le cose stanno così Per il resto si regoli lei come preferisce». Un intervento del genere, che scarica tutta la responsabilità decisionale sulle spalle del paziente, non è tuttavia né corretto né etico: il medico ha, sì, un doveroso ruolo informativo ma ha anche, e soprattutto, una funzione terapeutica: l ampliamento delle conoscenze del paziente non è fine a se stesso, ma è in funzione del maggior benessere possibile per lui, ed è compito non secondario del medico affiancare il malato in questo difficile percorso. Una efficace applicazione degli interventi diagnostici e terapeutici richiede necessariamente la collaborazione da parte del paziente: collaborazione che l informazione, per quanto corretta ed esaustiva, non è sufficiente di per sé a garantire. La contrapposizione implicita nelle modalità barriera non favorisce ovviamente la cooperazione: al contrario, essa facilita un clima di scontro, di contesa, clima che va nella direzione opposta: il paziente non solo non sarà indotto a seguire le prescrizioni del medico, ma tenderà ad opporvisi. La reattanza psicologica tende a ripristinare o a difendere la libertà eliminata o minacciata; non solo: se il comportamento libero in questione era in precedenza percepito più o meno alla pari rispetto ad altre libertà, nel momento in cui viene eliminato, tale comportamento è avvertito come prioritario, fondamentale, insostituibile. Il fatto che le difficoltà rendano un oggetto (o una persona) più desiderabile è noto fin dai tempi di Romeo e Giulietta e viene constatato quotidianamente da molti genitori di bambini e di adolescenti. In effetti, sulla base di numerose ricerche, risulta che l infanzia e l adolescenza sono due fasce di età in cui la RP è particolarmente elevata. Quel che la teoria della RP, che poggia ormai su solide basi sperimentali, mette in evidenza è che essa non è una reazione dovuta a puro spirito di contraddizione o a programmatico rifiuto, bensì un fenomeno motivazionale specifico; il tentativo di ripristinare con ogni mezzo la libertà limitata o il comportamento vietato non è frutto di capriccio, né di una ordinata scelta razionale che definisce percorsi e obiettivi; tutte le più recenti ricerche sembrano confermare l ipotesi che la RP sia una risposta diretta: cioè una risposta non mediata tramite un processo cognitivo. Gli individui adulti, che hanno necessità di conferire senso e coerenza alle loro azioni, tendono a fornire spiegazioni razionali al loro comportamento, ma si tratta di spiegazioni costruite a posteriori. Di fatto, la RP entra automaticamente in azione anche quando accettare il cambiamento, sia pur rinunciando ad una particolare libertà, risulterebbe per l individuo utile e vantaggioso: questa è per il medico una informazione di notevole importanza pratica. Ricerche sperimentali dimostrano che tanto maggiore è la difficoltà di ripristinare la libertà minacciata o eliminata, tanto più elevata è l intensità della reattanza, almeno fino ad un certo limite.

5 552 Recenti Progressi in Medicina, 97, 10, 2006 Quando l individuo si rende conto che il ripristino di quel comportamento è troppo difficile, subentra quella che è stata definita «helplessness», letteralmente difficoltà di difendersi, impotenza, e la persona tende ad assumere comportamenti negativi o di tipo depressivo. Nella relazione medicopaziente reazioni del genere sono messe in evidenza da atteggiamenti fatalisti o disfattisti, del genere: «Tanto non serve a niente Quando è destino è destino Lasciamo che le cose vadano come devono andare Se devo morire, tanto vale che continui a fare quel che ho sempre fatto». Non è escluso che tali espressioni denotino serena saggezza, ma è necessario che, prima di accettarle (e ammesso che lo possa fare), il medico valuti la eventualità (non rara) che esse abbiano piuttosto a che fare con la «helplessness». In ultima analisi, ciò che scatena la RP è la percezione da parte del soggetto di perdere il controllo nei confronti di aspetti della propria esistenza che egli considera acquisiti e garantiti; e, infatti, un altro modo di definire la RP è: «perdita delle aspettative di controllo». Come affermano Miron e Brehm:«Le libertà (a cui ci riferiamo) sono specifiche convinzioni a proposito di ciò che una persona può o non può fare. La gente sviluppa queste attese sulla base di situazioni specifiche e le libertà sono legate a quel che l individuo percepisce come in grado di fare o di tenere sotto controllo. Poco si conosce su come tali convinzioni si sviluppino. Esistono tuttavia prove che esse siano legate al contesto sociale.» 8 È interessante notare che molti studiosi considerano indicatori tipici di reattanza psicologica gli atteggiamenti di sfida, di non cooperazione, di aggressività, di rabbia, di ostilità: proprio i medesimi atteggiamenti che, come abbiamo rilevato, spesso i medici attribuiscono ai pazienti irragionevoli e definiscono immotivati ; al contrario, la RP è proprio una risposta motivazionale, intendendo per motivazione qualsiasi movente conscio o inconscio di un comportamento. Da quanto detto, risulta chiaro il senso di quello che Brehm ha definito «effetto boomerang»: tanto maggiore è la pressione esercitata sulla persona affinché compia (o non compia) determinate azioni, tanto maggiore sarà la reattanza psicologica e, quindi, in termini pragmatici, l insuccesso. La cosa vietata diventerà quella più desiderabile e vi sarà una intensa motivazione a ripristinare la propria libertà di ottenerla. Se la pressione diventerà eccessiva, subentreranno frustrazione, senso di impotenza, depressione, negatività, disfattismo. Sia la reattanza che il senso di impotenza sono seri ostacoli alla cooperazione e alla alleanza terapeutica tra medico e paziente. Per quanto la RP sia nota e studiata da tempo, la sua importanza in ambito sanitario è stata posta in evidenza soltanto di recente 9,10. Eppure, conoscere questo fenomeno e tenerne conto è, per il medico, fondamentale. Se infatti, come sottolineato da Brehm, si tratta di uno stato motivazionale, esso non può essere ridotto o eliminato da una contrapposizione frontale, che metterebbe in gioco le modalità che abbiamo definito barriera. Una motivazione a mantenere un dato comportamento può essere sostituita solo da un altra motivazione altrettanto forte a modificarlo; il rimprovero, lo scontro, il conflitto non vanno in questa direzione. Dalla reattanza alla disponibilità Cambiare il proprio comportamento implica un aumento della capacità di decidere, di scegliere, e il primo passo in questa direzione è la valutazione da parte del medico della disponibilità del paziente a cambiare. Essa è diversa per ogni paziente e per lo stesso paziente varia da momento a momento. È utile ricordare in questo contesto il modello proposto da Prochaska e Di Clemente 8. Questo modello prevede che il percorso verso il cambiamento passi attraverso 5 stadi che gli Autori definiscono nell itinerario seguente: I: Precontemplazione: non si pensa di cambiare. II: Contemplazione: si contempla la possibilità di cambiare. III: Determinazione: ci si prepara a cambiare. IV: Azione: si cambia. V: Mantenimento: si mantiene il cambiamento. Per ogni stadio va presa in considerazione la possibilità di una ricaduta; essa non va tuttavia percepita come un fallimento: il possibile insuccesso è da mettere in conto in ogni progetto e va utilizzato come momento di apprendimento, non di sconfitta. In ambito scientifico si apprende, come è noto, per prove ed errori. Ciò che in questo modello è importante dal punto di vista del medico è la necessità di trovarsi in sintonia col paziente riguardo alla sua disponibilità a cambiare. Il medico, come ogni operatore, è per natura sintonizzato sul fare, sull agire; se il paziente si colloca nell area della contemplazione o addirittura della precontemplazione, la distanza comunicativa sarà eccessiva: il rapporto medico-paziente ne risulterà impedito o seriamente ostacolato e si manifesterà facilmente la reattanza psicologica. Per adeguare il modello di Prochaska alla pratica quotidiana, Rollnick & coll. 9 propongono il seguente schema: Disponibilità al cambiamento Non pronto Incerto Pronto X X X A B C Esso permette, secondo gli Autori, di «pensare alla disponibilità di un paziente come a un continuum, tenendo a mente che non è il paziente come persona a essere più o meno disponibile; ciò che varia è il suo essere disponibile a effettuare uno specifico cambiamento comportamentale».

6 G. Bert: Per un miglior rapporto tra medico e malato: un traguardo possibile 553 Per ridurre al massimo la reattanza psicologica è quindi opportuno che il medico si collochi, in termini comunicativi, il più vicino possibile alla fase di disponibilità a cambiare del paziente; tenendo conto che la percentuale di pazienti disposti ad agire per il cambiamento, collocati cioè nella fase del fare, non supera, secondo la maggior parte degli studiosi, il 20%. Va sottolineato che facilitare al paziente in fase di precontemplazione il passaggio allo stadio seguente, quello cioè che ammette la possibilità di cambiare, costituisce di per sé un risultato di grande importanza in termini di capacità decisionale. I pazienti precontemplativi non sono necessariamente impermeabili al cambiamento. Dalla disponibilità all adesione Il momento comunicativo fondamentale è l esplorazione del mondo del paziente. Come sottolinea un oncologo francese che ha studiato a fondo l argomento, «spetta al medico determinare i riferimenti del malato, precisare insieme a lui ciò che crede e ciò che immagina, ciò che vuole sapere, ciò che può comprendere, ciò che influenzerà le sue decisioni e da cui potrà trarre vantaggio». 10 Si tratta di competenze che non possono più essere lasciate alla sola spontaneità del professionista, per quanto ricca di buone intenzioni: le conoscenze in tema di comunicazione si sono negli ultimi decenni enormemente accresciute e richiedono l acquisizione di abilità professionali specifiche. Il medico di oggi si trova quindi nella necessità di apprendere alcune tecniche comunicative di base che facilitino l esplorazione del mondo del paziente e incrementino l autonomia decisionale da parte di quest ultimo, favorendo un rapporto di collaborazione e di condivisione delle scelte. Appare chiaro quindi il passaggio dal vecchio concetto di compliance (disponibilità), che implicava sottomissione e obbedienza, a quello di adherence (adesione), che sottolinea la libera scelta da parte del paziente, in un contesto che viene spesso definito di partnership: un contesto in cui ciascuno porta le proprie competenze e le confronta con quelle dell altro, senza esclusioni a priori e senza clima di contesa. Tra gli strumenti tecnici che il medico di oggi si trova nella necessità di apprendere, alcuni risultano di particolare efficacia in termini relazionali e comunicativi. Le abilità di counselling(*) permettono al medico di instaurare e di mantenere una relazione proficua sul piano comunicativo; di evitare gli errori più frequenti come, ad esempio, le modalità barriera; di migliorare l ascolto e di esplorare il mondo del paziente; di ridurre le occasioni di conflitto o di uscirne in modo tale da non danneggiare o perdere la relazione. Esse facilitano la costruzione di uno spazio di fiducia reciproca e di coooperazione. La medicina narrativa 11,12 si colloca tra la irripetibile singolarità dell esperienza di malattia da parte del paziente e le conoscenze generali della patologia e della clinica. La necessità di conciliare soggettività e obiettività o, come spesso si dice, illness e disease, fa della narrazione uno strumento indispensabile, sottolineato da un ventennio di ricerche a partire dai lavori pionieristici di Kleinman 14. In assenza di narrazioni, il mondo del paziente resta completamente inconoscibile e la possibilità di sintonizzarsi con la sua disponibilità al cambiamento scompare. L educazione terapeutica del paziente, nata nell ambito della diabetologia, si va oggi diffondendo in tutti i campi della medicina ed è stata accolta e consigliata dall OMS. In Italia è da anni attivo presso l Università di Padova il Laboratorio di Educazione Terapeutica del Malato coordinato da Marcolongo e Bonadiman 14,15, che descrivono questo intervento come «un insieme definito di competenze professionali grazie al quale ogni curante può efficacemente trasferire ai suoi malati le conoscenze e le abilità necessarie ad autogestire la malattia, con lo scopo di limitarne l evoluzione, prevenirne le complicanze e utilizzare i farmaci in maniera efficace e sicura». Secondo questi Autori, «l educazione terapeutica implica un vero e proprio trasferimento pianificato ed organizzato di competenze terapeutiche dai curanti ai malati grazie al quale, nel rapporto tra i due, la dipendenza lascia progressivamente il posto alla responsabilizzazione ed alla collaborazione». Anche in questo caso, l obiettivo è il coinvolgimento attivo del paziente nella gestione della propria malattia e, di conseguenza, un incremento della sua autonomia. Il malato diventa di fatto un collaboratore, un partner del medico in un percorso che richiede scelte e cambiamenti difficili. È ovvio che l interazione tra medico e paziente sarà guidata dal medico, il quale si assumerà il compito di accompagnare il malato nelle scelte e nelle decisioni; ma accompagnare non significa spingere o costringere. (*) L Istituto Change di Counselling Sistemico di Torino (www.counselling.it) organizza da molti anni corsi di counselling per medici e ha messo a punto modalità di valutazione degli interventi che, in accordo con i dati della letteratura, risultano positivi.

Procedure invasive: dalla comunicazione medico-paziente al consenso informato. La realtà attuale e lo scenario futuro. A. Gardini

Procedure invasive: dalla comunicazione medico-paziente al consenso informato. La realtà attuale e lo scenario futuro. A. Gardini Sabato 28 gennaio 2012 Aula Magna delle Nuove Cliniche Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Procedure invasive: dalla comunicazione medico-paziente al consenso informato La realtà attuale e lo

Dettagli

Comunicazione e compliance. Stefano De Riu

Comunicazione e compliance. Stefano De Riu Comunicazione e compliance Stefano De Riu Mercurio (Hermes) La compliance (adherence) del paziente Livello (o percentuale) di coincidenza tra il comportamento del paziente (stile di vita e assunzione

Dettagli

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo Bambini malati in ospedale Prof.ssa Natascia Bobbo Infanzia A partire dalla nascita fino all adolescenza, verso gli 11, 12 anni, il bambino affronta numerosi compiti evolutivi su diverse dimensioni del

Dettagli

dr.ssa Nadia Somàle Tel 0171642035 somale.n@ospedale.cuneo.it salute 1 1

dr.ssa Nadia Somàle Tel 0171642035 somale.n@ospedale.cuneo.it salute 1 1 dr.ssa Nadia Somàle Tel 0171642035 somale.n@ospedale.cuneo.it salute 1 1 CHI SIETE E A QUALI INIZIATIVE DI PROMOZIONE ALLA SALUTE AVETE PRESO PARTE? DA UTENTI DA ATTIVATORI salute 1 2 A QUALI INIZIATIVE

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Il Counselling nella fase avanzata di malattia. Lucia Cadorin CRO Aviano,, Pordenone

Il Counselling nella fase avanzata di malattia. Lucia Cadorin CRO Aviano,, Pordenone Il Counselling nella fase avanzata di malattia Lucia Cadorin CRO Aviano,, Pordenone Spunti di riflessione 20 novembre 2004 Lucia Cadorin 2 20 novembre 2004 Lucia Cadorin 3 La partenza è nel Codice Deontologico

Dettagli

IL COUNSELING NELL APPROCCIO ALL ABUSO ABUSO E ALLA DIPENDENZA DA ALCOL

IL COUNSELING NELL APPROCCIO ALL ABUSO ABUSO E ALLA DIPENDENZA DA ALCOL Alessandria, 6 giugno 2009 IL COUNSELING NELL APPROCCIO ALL ABUSO ABUSO E ALLA DIPENDENZA DA ALCOL Le persone si lasciano convincere più facilmente dalle ragioni che esse stesse hanno scoperto piuttosto

Dettagli

Di fronte alla diagnosi di tumore: quale comunicazione?

Di fronte alla diagnosi di tumore: quale comunicazione? Di fronte alla diagnosi di tumore: quale comunicazione? La diagnosi di cancro: Si configura come evento critico che minaccia l individuo ed interferisce con le dimensioni su cui si articola la vita: fisica,

Dettagli

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca PANORAMICA Scopi e obiettivi del trattamento Ridurre i sintomi dell ADHD Ridurre i sintomi in comorbidità Ridurre il

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

Il rischio lavorativo valutazione rappresentazione

Il rischio lavorativo valutazione rappresentazione diapositiva 1 Prof. Federico Ricci Psicologo del lavoro e delle organizzazioni Facoltà di Scienze della Comunicazione e dell Economia Università di Modena e Reggio Emilia Stili di vita salutari sul lavoro:

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

PRESTO E BENE. Il sostegno nelle situazioni di Pronto Intervento. Relazione di Margherita Gallina Assistente sociale

PRESTO E BENE. Il sostegno nelle situazioni di Pronto Intervento. Relazione di Margherita Gallina Assistente sociale PRESTOEBENE. IlsostegnonellesituazionidiProntoIntervento RelazionediMargheritaGallina Assistentesociale Iltemacheabbiamosceltoperquestocorsoèdinotevoleinteressepoichépresentanotevolidifficoltà perl operatoreeperiresponsabilideiservizi:siaperlagravitàdellesituazionichesipresentanosia

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

La relazione con il paziente e la sua famiglia

La relazione con il paziente e la sua famiglia La relazione con il paziente e la sua famiglia 10-17 giugno 2006 Giuliana Carrara psicologa ospedaliera Riflessione sul tempo Il tempo, quando ne resta poco, è riservato al paziente ed alla famiglia. Ai

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza»

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Gli obiettivi di piano per le demenze Centro Regionale di Neurogenetica «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Maria Mirabelli psicologa-psicoterapeuta Centro Regionale

Dettagli

Il colloquio psicologico

Il colloquio psicologico Il colloquio psicologico Nel colloquio psicologico, a fronte di un soggetto che propone un immagine di se stesso, fornisce informazioni, esprime sentimenti e opinioni, o implicitamente una richiesta di

Dettagli

IL COUNSELLING NELLE CURE DOMICILIARI. Manuela Rebellato

IL COUNSELLING NELLE CURE DOMICILIARI. Manuela Rebellato Roma 7 luglio 2010 FONDAZIONE ISTUD IL COUNSELLING NELLE CURE DOMICILIARI Manuela Rebellato Counselling o Consiglio? Consiglio suggerire scelte o modifiche rapporto paritario comunicazione ad una sola

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA LE DINAMICHE DELLA CRESCITA 1. Viviamo in una situazione di disequilibrio educativo, a causa di: a) fattori strutturali, quali - ritmi di cambiamento sociale, - esposizione ripetuta e prolungata di immagini

Dettagli

Counseling antitabagico: come motivare al cambiamento

Counseling antitabagico: come motivare al cambiamento Counseling antitabagico: come motivare al cambiamento Orbassano 10 Maggio 2011 Carmen Cavalleri Psicologa Centro Trattamento Tabagismo Beinasco E possibile aiutare le persone a smettere di fumare? Il counseling

Dettagli

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Raffaele Crescenzo abstract Il Volontariato Ospedaliero ha raggiunto una maggiore consapevolezza della propria identità e delle proprie funzioni e una

Dettagli

LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA

LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA ALIMENTAZIONE E COUNSELING LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA PAOLA DELLA ROVERE Psicologa Metodologia fondata sul concedo di: COUNSELING ASCOLTO ATTIVO e ATTENZIONE

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION LE COMPETENZE

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION LE COMPETENZE Capitolo 4 LE COMPETENZE La qualità principale che l osteopata professionista deve possedere e applicare nell approccio terapeutico è la competenza, caratteristica fondamentale dell iter formativo, dell

Dettagli

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO?

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? Perché cercare di prevenire il bullismo? Aggressività e passività sono condotte reattive, modalità inadeguate di rapportarsi agli altri. Nell immediato comportano

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

Precontemplazione. Mantenimento Contemplazione

Precontemplazione. Mantenimento Contemplazione LA RUOTA DEL CAMBIAMENTO (Prochaska J., Di Clemente C., 1980) Precontemplazione Mantenimento Contemplazione Azione Determinazione o Preparazione TEORIA DEGLI STADI DEL CAMBIAMENTO (Prochaska J., Di Clemente

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare GRUPPO DI PARENT TRAINING PER GENITORI DI BAMBINI CON DDAI NELLA REGIONE LAZIO Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare Una presa in carico globale Come molti

Dettagli

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD)

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) In una classe di circa 20 alunni, si può ipotizzare che ci sia un bambino con DDAI ma aver più di due casi per classe è davvero

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

I mali che fuggi sono in te. Seneca

I mali che fuggi sono in te. Seneca www..ansiiasociialle..iitt ANSIA SOCIALE,, TIMIDEZZA,, VERGOGNA,, ASSERTIVITÀ I mali che fuggi sono in te. Seneca L ANSIA SOCIALE consiste nella paura eccessiva e immotivata di trovarsi esposti al giudizio

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 La narrazione autobiografica come progetto di cura nei pazienti uremici cronici L idea

Dettagli

IL PARERE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE LA MOTIVAZIONE ALL ATTIVITA FISICA. Donato Zocchi MMG

IL PARERE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE LA MOTIVAZIONE ALL ATTIVITA FISICA. Donato Zocchi MMG IL PARERE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE LA MOTIVAZIONE ALL ATTIVITA FISICA Donato Zocchi MMG La medicina perfetta Proviamo a sognare e immaginiamo la medicina perfetta per il diabete o ancora meglio

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

18/04/2011 L ASL CN 1 IL DISEGNO DELLO STUDIO 396 MEDICI. 203 esclusi per scarsa attinenza alla problematica esaminata. 193 Questionari distribuiti

18/04/2011 L ASL CN 1 IL DISEGNO DELLO STUDIO 396 MEDICI. 203 esclusi per scarsa attinenza alla problematica esaminata. 193 Questionari distribuiti LA VERITA AL MALATO Indagine tra i medici ospedalieri dell ASL CN 1 Dr. Ciravegna Giovanni FACOLTA TEOLOGICA DELL ITALIA SETTENTRIONALE Sezione parallela di Torino Biennio di specializzazione in Teologia

Dettagli

IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL RUOLO DELL INFERMIERE L EDUCAZIONE TERAPEUTICA AL PAZIENTE CON PATOLOGIE CARDIACHE IL RUOLO DELL INFERMIERE Caterina Varaldo Monica Panucci dimensione fortemente individuale colei che è efficiente e in grado di svolgere le

Dettagli

Le relazioni tra pari

Le relazioni tra pari Le relazioni tra pari Al di fuori della famiglia Oltre ai genitori, altre persone influenzano lo sviluppo del bambino (in modo diretto o indiretto). I bambini passano Sviluppo cognitivo molto tempo con

Dettagli

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa 6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa Da un punto di vista psicologico, l udito è il senso che contribuisce alla formazione dei primi legami relazionali

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

Il Benessere aziendale

Il Benessere aziendale Il Benessere aziendale Oggi vogliamo parlare di Benessere aziendale, e cioè di tutti quelle pratiche, approcci e buone pratiche per vivere bene in un organizzazione. La cosa più importante che voglio capire

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze EDUCARE LE EMOZIONI Principi ed attività per lo sviluppo delle competenze socio-emotive nella scuola CHI S I A M O Sperimentiamo e valutiamo in quale modo competenze trasversali come quelle sociali ed

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

EDUCAZIONE EMOTIVA COME PREVENZIONE DEL DISAGIO NELL ADOLESCENTE

EDUCAZIONE EMOTIVA COME PREVENZIONE DEL DISAGIO NELL ADOLESCENTE EDUCAZIONE EMOTIVA COME PREVENZIONE DEL DISAGIO NELL ADOLESCENTE PREVENZIONE???? ASCOLTO PROMOZIONE DEL BENESSERE NEGOZIAZIONE Adolescenza e compiti di sviluppo IDENTITA AUTONOMIA Chi sono? Cosa voglio

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

IL RUOLO DEL SOCIOLOGO NELLA SCUOLA ITALIANA 1 di Giuditta Castelli

IL RUOLO DEL SOCIOLOGO NELLA SCUOLA ITALIANA 1 di Giuditta Castelli IL RUOLO DEL SOCIOLOGO NELLA SCUOLA ITALIANA 1 di Giuditta Castelli La figura del sociologo non è contemplata dall ordinamento scolastico nazionale, a parte qualche isolata sperimentazione o progetto nell

Dettagli

Difficoltà scolastiche

Difficoltà scolastiche Difficoltà scolastiche DSA Difficoltà Scolastiche Così come ogni individuo è diverso da un altro, differente per ciascuno sarà lo stile di apprendimento delle conoscenze. Per questo motivo quando si parla

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

L UTILIZZO DELLA BIOGRAFIA N ELLA ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE ALLA FREQUENZA AI GRUPPI DEI 12 PASSI (G12P).

L UTILIZZO DELLA BIOGRAFIA N ELLA ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE ALLA FREQUENZA AI GRUPPI DEI 12 PASSI (G12P). CONGRESSO SOC.IT. PSICOSOMATICA- Firenze 14-17 novembre 2007 Prof. Gaspare Jean Gruppo Focus sui 12 Passi Via M.Melloni 68 20129Milano L UTILIZZO DELLA BIOGRAFIA N ELLA ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE ALLA

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

Conoscersi è l esperienza tonificante per liberare le proprie potenzialità ed indirizzarsi verso un futuro migliore

Conoscersi è l esperienza tonificante per liberare le proprie potenzialità ed indirizzarsi verso un futuro migliore Area IL VALORE DI UN TEST L equipe orientamento del Centro Studi Evolution propone una serie di di concreta utilità e dall alto valore scientifico. Una valutazione oggettiva è alla base di ogni serio e

Dettagli

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero?

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? «Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? Consigli per motivare al comportamento sicuro sul lavoro Forse vi è già capitato di trovarvi nei panni di questo allenatore di hockey e di pensare che i vostri

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State

Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State 1 Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State La New York Health Care Proxy Law vi permette di nominare una persona di fiducia, ad

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

DSA benessere, autostima e autoefficacia Dott.ssa Chiara Tintoni Benessere Quanto un bambino si senta soddisfatto della vita nei suoi molteplici aspetti: - rapporto con sé stesso (autostima), - gli adulti

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Convegno: La Sclerosi sistemica Progressiva I progressi diagnostici e terapeutici nel 2016

Convegno: La Sclerosi sistemica Progressiva I progressi diagnostici e terapeutici nel 2016 S.C. Medicina Interna : prof. Marco Scudeletti Rapallo: Hotel Europa - 16 gennaio 2016 Convegno: La Sclerosi sistemica Progressiva I progressi diagnostici e terapeutici nel 2016 Il Ruolo del Paziente Informato.

Dettagli

Depressione? In generale Il ruolo femminile

Depressione? In generale Il ruolo femminile Depressione? In generale Il ruolo femminile A tutti capita di sentirsi tristi di tanto in tanto. È un esperienza che tutti, prima o poi, provano. Se le attività che vi piacevano prima ora non vi piacciono

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

Delega per assistenza sanitaria Nomina di un fiduciario per la salute nel New York State

Delega per assistenza sanitaria Nomina di un fiduciario per la salute nel New York State Delega per assistenza sanitaria Nomina di un fiduciario per la salute nel New York State La New York Health Care Proxy Law (Legge in materia di direttive di delega sanitaria) vi permette di nominare una

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

Voglio un figlio, ma Ipotesi ed interventi sulla sterilità psicogena

Voglio un figlio, ma Ipotesi ed interventi sulla sterilità psicogena Maristella Fantini Voglio un figlio, ma Ipotesi ed interventi sulla sterilità psicogena Ed. Ananke Torino La infertilità è la difficoltà ad avere figli dopo 2 anni di tentativi. La sterilità è considerata

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO 2015

CATALOGO FORMATIVO 2015 CATALOGO FORMATIVO 2015 INDICE Epidemiologia e Biostatistica in ambito sanitario ELEMENTI DI EPIDEMIOLOGIA CLINICA E STATISTICA PER LE PROFESSIONI SANITARIE 1 METODOLOGIA DI RICERCA DELLE EVIDENZE SCIENTIFICHE

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Il benessere educativo che i figli ci chiedono

Il benessere educativo che i figli ci chiedono Il benessere educativo che i figli ci chiedono Maristella Meli IL BENESSERE EDUCATIVO CHE I FIGLI CI CHIEDONO affetto e disciplina nella genitorialità www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maristella

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

Dr.ssa Maria Giulia Nanni Prof. Luigi Grassi

Dr.ssa Maria Giulia Nanni Prof. Luigi Grassi Dr.ssa Maria Giulia Nanni Prof. Luigi Grassi Sezione di Clinica Psichiatrica, Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico Specialistiche, Università di Ferrara; U.O.Clinica Psichiatrica - Dipartimento

Dettagli

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi IlCounselingMaieutico Orientamentiteoricieoperativi 1.IlconflittocomerisorsaperilCounselingMaieutico Dr.DanieleNovara Responsabilescientifico Il Counseling Maieutico è uno strumento innovativo nato dopo

Dettagli

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership La leadership www.daca.it Il concetto e gli stili di leadership Lo studio della leadership, nell ambito specifico della letteratura sui comportamenti organizzativi, nasce e si fonda su un filone di ricerca

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

L Intervento terapeutico integrato ESORDI PSICOTICI EVIDENCE BASED

L Intervento terapeutico integrato ESORDI PSICOTICI EVIDENCE BASED Descrizione generale del programma regionale Esordi psicotici, attività formative e didattica del corso Introduzione ai manuali sull approccio cognitivo comportamentale alle psicosi Dr. Fausto Mazzi Dipartimento

Dettagli

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee?

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella ADOLESCENZA - ADOLESCENZE 1 ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? 2 1 3 ADOLESCENZA Qual è il periodo

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere Studi clinici tutto quello che bisogna sapere Prefazione Questo opuscolo intende fornire ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che se ne prendono cura, gli elementi fondamentali per comprendere

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova

La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova Presentazione dell associazione: Il Centro Oncologico Ligure (COL) è un Associazione di Promozione Sociale basata sul

Dettagli